La coesione in un network sociale simulato: il ruolo della struttura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La coesione in un network sociale simulato: il ruolo della struttura"

Transcript

1 Associazione Italiana di Sociologia - Sezione di Metodologia Esplorare la coesione sociale: teorie, ipotesi, modelli, tecniche di analisi dei dati Trento, Facoltà di Sociologia, giugno La coesione in un network sociale simulato: il ruolo della struttura Dott. Simone Gabbriellini PhD Student Introduzione Secondo Herbert Simon le scienze sociali sono, nei fatti, le scienze hard, sia perché molti processi sociali crucialmente importanti sono complessi, sia perché è difficile sottoporre a test le ipotesi relative ai legami tra comportamenti individuali e regolarità a livello macro, sia perché i modelli usati come l agente razionale, un individuo perfettamente informato con capacità di calcolo illimitata che massimizza una certa funzione esogena di utilità (non soggetta a evoluzione) hanno poche relazioni con gli esseri umani, sia infine perché tutte le precedenti difficoltà soffrono l ulteriore limitazione di ignorare le dinamiche temporali. L uso di modelli per capire il mondo sociale è prassi tradizionalmente accettata, e i sistemi di simboli a disposizione del ricercatore sociale sono tradizionalmente due: il più familiare è l argomentazione verbale, il più formale quello matematico. Ma i modelli statistici e matematici, per essere fruibili, ci impongono di limitare il loro livello di complessità, onde evitare di avere a che fare con equazioni analiticamente non trattabili. Di queste limitazioni soffre in particolare la modellizzazione di fenomeni che implicano relazioni non-lineari: in questo caso, gli indubbi vantaggi del formalismo matematico vengono meno, ed i modelli perdono di aderenza con la realtà, dato che la soluzione scelta spesso non è altro che semplificare gli assunti portanti come quando gli economisti parlano di consumatore razionale, costruzione idealtipica, nelle parole di Pareto reale né più né meno [...] delle linee o delle superfici del matematico (Pareto, 1996, p. 108). Il rischio che consegue da tutto questo è quello di sviluppare teorie potenzialmente fuorvianti (Gilbert Terna, 1999). La simulazione via computer, definita anche modellazione computazionale, consiste nel rappresentare un modello come un programma per computer (Gilbert, Terna, 1999). Essa è una originale forma di unione tra costruzione di modelli e computazione, necessaria per rispondere alla domanda su come, dato un sistema composto da molti sottosistemi interagenti, si

2 possano formulare i sottosistemi e le loro interazione per riprodurre in modo appropriato la dinamica globale del sistema (Terna, 1998b). In altre parole, l obiettivo del ricercatore che usa le simulazioni, una volta definite le capacità cognitive e sensoriali dell agente, le azioni che questi possono compiere e le caratteristiche dell ambiente in cui si muovono, una volta settato lo stato iniziale del sistema, ed osservato quello che succede quando la simulazione gira, è quello di ricercare fenomeni emergenti dall interazione degli agenti, ovvero pattern di interazione a livello macro, di sistema, non direttamente predicibili da considerazioni sulle capacità computazionali degli agenti (Gilbert, Terna, 1999, p. 8, trad. nostra). Simulare è dunque un modo per fare esperimenti mentali: mentre gli assunti possono essere semplici, le conseguenze potrebbero non essere così ovvie (Axelrod, 2003). Gli effetti su larga scala dell azione locale degli agenti sono chiamate proprietà emergenti del sistema. Una definizione formale di emergenza definisce un fenomeno come emergente se per essere descritto esso necessita dell uso di nuove categorie non necessarie per descrivere il comportamento dei componenti ad un livello di complessità inferiore (in questo caso gli agenti ) (Gilbert Terna, 1999, p. 8, trad. nostra.). Non solo, ma nel mondo sociale gli individui possono riconoscere, ragionare e reagire alle strutture emergenti che essi stessi hanno creato: capire questa peculiarità della società degli uomini, conosciuta come emergenza di secondo livello (Gilbert 1995), riflessività (Woolgar 1988) e doppia ermeneutica, è la chiave per capire le potenzialità dei modelli computazionali (Gilbert, Terna, 1999, p. 9, trad. nostra). Usare simulazioni basate su agenti dalla cui interazione ci aspettiamo l emergenza di comportamenti porta a confrontarsi con la corrente dell individualismo metodologico, secondo cui tutte le proposizioni circa i gruppi sono riconducibili a proposizioni circa il comportamento dei singoli facenti parte di quei gruppi e le loro interazioni (Terna, 1998b, p. 4). Il punto di partenza in entrambi i casi è l individuo: costruiamo degli agenti a cui attribuiamo delle regole di comportamento, facendoli poi interagire per un certo tempo, attendendo l emergenza a livello macro di strutture di interazione. Sicuramente l attendere che il tutto si sviluppi dai singoli, è un presupposto che ben si accorda con l individualismo metodologico, tuttavia: noi condividiamo le posizioni di alcuni dei componenti del filone individualista se ed in quanto si ritenga che le strutture collettive o istituzioni che emergono possano avere effetti di retroazione nella popolazione di agenti, alterando il comportamento degli individui. Dunque, le simulazioni ad agenti si discostano dall individualismo metodologico quando affermano che la modellazione dell agente è solo una tappa nel processo di simulazione: una volta deciso il framework cognitivo dell agente, una volta modellati i metodi di interazione e l ambiente, ancora non sappiamo nulla e mai sapremo nulla del sistema nel suo complesso, fino a che non cominceremo la simulazione. Per l individualismo metodologico l individuo è la chiave per capire la società, per le simulazioni gli agenti sono solo una parte, importante, 2

3 ma non sufficiente per conoscere il sistema: occorre far interagire gli agenti, ovvero inserire la dimensione temporale nel modello. Inoltre le emergenze che osserviamo sono strutture sì nate dall interazione degli individui, ma allo stesso tempo detentrici di un effetto di ritorno sugli stessi; le simulazioni ci mettono in grado di studiare questa doppia interazione, questa processo di co-costruzione tra agenti semplici ed eterogenei e strutture emergenti che comunque, una volta emerse, non vengono accantonate, ma restano in gioco nel sistema e contribuiscono a modificarlo: ed è in questo che consiste l originalità della sperimentazione artificiale con modelli di simulazione fondati su agenti, una originalità che ci permette di implementare quella circolarità tra attore, struttura e relazione così fortemente espressa dalla Social Network Analysis (Salvini, 2005). Al di fuori della dimensione temporale dell interazione non è possibile nè osservare nè determinare l esistenza di comportamenti emergenti, nè infine valutare il loro effetto di retroazione sul comportamento degli agenti/attori: "[...] individualismo metodologico e metodologie fondate su modelli di agenti non sono dunque coincidenti. Con i modelli fondati su agenti si studia l emergenza di strutture, istituzioni e comportamenti a priori imprevisti e imprevedibili (Terna, 1998b, p. 4). Dunque: no al riduzionismo dell individualismo metodologico, che tenta di riprodurre la complessità del sistema direttamente negli agenti, complicando gli agenti all estremo, sovraccaricandoli di ipotesi e capacità; no all organicismo, che considera non praticabile la strada degli agenti perché non ritiene che esistano a quella scala strutture adatte a riprodurre la complessità del reale; sì ad agenti costruiti con parsimonia di mezzi, cercando nell interazione e in strutture ex ante o emergenti la strada per produrre situazioni complesse paragonabili a quelle reali (Terna, 1998b, p. 5). L approccio simulativo è tanto più importante in sociologia, quanto meno in questa disciplina è possibile usare la tecnica del reverse engeneering per capire perché determinate strutture o comportamenti vengono osservati nei sistemi sociali presi in esame. Il reverse engeneering è una tecnica adatta a ricavare informazioni da sistemi complicati, che procede a ritroso a smontare pezzo per pezzo il tutto riducendolo alle parti. La stessa operazione nei sistemi complessi non porta a nessun risultato per il fatto stesso che, sotto determinati livelli di complessità, i fenomeni cui siamo interessati semplicemente non emergono, senza che si possa determinare con esattezza cosa li abbia fatti sparire. La simulazione presentata in questo paper rappresenta il punto di partenza di un progetto più ampio volto a modellare un meccanismo di diffusione dell innovazione in una comunità online di giocatori di ruolo. Queste comunità vivono in un contesto sociale estremamente interconnesso e strutturato, di cui noi abbiamo analizzato una parte relativamente circoscritta, formata da una cosiddetta gilda (ne esistono moltissime all interno di un singolo gioco), ovvero un gruppo di giocatori che, come in una società di mutuo soccorso e supporto, creano 3

4 strategie condivise e si dividono il lavoro al fine di sopravvivere e, con un po di fortuna e abilità, diventare importanti nel gioco. Nel caso specifico, l innovazione è rappresentata dall introduzione di un nuovo gioco, ed il meccanismo a cui siamo interessati consiste nella costruzione e diffusione all interno della comunità del consenso a lasciare il vecchio gioco e passare al nuovo. L idea di costruire un modello teorico che possa rendere conto del fenomeno nasce da una evidenza empirica: spesso i giocatori online preferiscono abbandonare un gioco, per quanto amato, pur di continuare a giocare con i propri compagni che hanno deciso di migrare verso un gioco considerato, per i più svariati motivi, più appetibile. Conferme di questa evidenza empirica arrivano da interviste intercorse sia con alcuni membri della comunità oggetto di studio, sia con esperti di settore come J.C. Hertz e Raph Koster (dati). Esiste dunque una vera e propria costruzione del consenso all interno di queste comunità? E se sì, quanto è importante la struttura di rete che i membri hanno sviluppato? In questo paper ci fermeremo a considerazioni teoriche in relazione all impatto che, in un modello molto semplice, una struttura di network può avere, rispetto ad altre, sulla diffusione di una nuova idea, in un contesto di simulazione di una società artificiale tarata sulla specifica comunità online per caratteristiche macro come l ampiezza, il numero di legami presenti ed il numero di innovatori presenti nella rete. Tramite il modello di simulazione vogliamo esplorare l influenza che il cambiamento di determinati parametri a livello micro e macro può generare sulla coesione della rete, esemplificata nel modello dalla condivisione dei nodi di una stessa idea. È bene precisare che siamo consapevoli del fatto che faremo ricorso a semplificazioni sia per quanto riguarda il concetto di relazioni sociali, che per quanto riguarda le possibili quanto complesse interazioni tra coppie di individui nella realtà. Anche le reti sociali cui faremo riferimento saranno semplificazioni rispetto a quelle (multiple) realmente operanti nella vita dei soggetti. 4

5 Il modello Un modello di simulazione ad agenti è composto, appunto, da agenti, ovvero da simulacri, nel nostro caso, di attori sociali. In quanto rappresentazione di attori reali, viene spontaneo chiedersi quanto debbano essere intelligenti gli agenti in una simulazione. L economista Pietro Terna, da un esame della letteratura esistente, ci dice che la risposta a questa domanda oscilla dal principio di semplicità massima di Axelrod all uso di agenti in framework BDI (Beliefs, Intentions, Desires) (Terna, p. 1, trad. nostra), questi ultimi discussi recentemente anche dal sociologo Peter Hedstrom (2007). L emergenza di fenomeni a livello macro viene osservata in entrambi i casi. Tuttavia, il modeling dell agente è un aspetto fondamentale. È possible scegliere tra due approcci distinti, di cui il secondo consiste in una estensione del primo: possiamo creare mondi virtuali pieni di agenti tutti identici, o classificati in tipi, ognuno diverso dall altro, ma internamente dello stesso tipo, seguendo un modello non naturalistico; oppure possiamo creare mondi artificiali in cui si evolve vita artificiale, popolati di agenti unici, diversi uno dall altro per caratteristiche, risposte agli stimoli, capacità di interazione con l ambiente, ecc... Il primo tipo di agente tende a non modificarsi nel tempo: vive in un ambiente simbolico che poco incide sul suo comportamento. Il secondo tipo di agente, invece, tende a differenziarsi dai propri simili per una struttura interna che gli è propria, e che si forma dall interazione di quel particolare agente con l ambiente, struttura necessariamente diversa da quella di un altro agente. Questo paper sviluppa il primo dei due modelli ed intende con esso esplorare le conseguenze di differenti strutture relazionali sul mantenimento di determinati livelli di coesione sociale, coesione simulata a partire dal consenso (condivisione di una medesima idea) sviluppato nel tempo e generato da due caratteristiche micro: l influenza che un agente esercita sugli altri e il numero di connessioni che legano gli agenti tra loro (Figure 1). Coesione Consenso Influenza Connettività Tempo Figure 1 Meccanismo di coesione sociale 5

6 Le struttture sociali e i comportamenti di gruppo nascono da regolarità e pattern relazionali stabili prodotti dalle interazioni tra individui. La sopravvivenza di tali strutture dipende dallo scambio di informazioni che avviene sulle connessioni, grazie alle caratteristiche degli individui (capacità di attirare l attenzione, leadeship, bisogno di riconoscimento, ecc ). Per coesione sociale intendiamo l interconnessione mediante legami socializzanti attraverso cui un gruppo condivide obiettivi e orientamenti di comportamento. L importanza di questa strategia evolutiva implica che gli individui di un gruppo sviluppino obiettivi comuni (consenso), grazie allo scambio di informazioni (connessioni). Le connessioni tra individui e l influenza di un individuo sugli altri sono dunque fondamentali per creare e mantenere una rete sociale. I livelli di influenza reciproca per generare consenso e di connettività degli individui per rendere possibile la comunicazione giocano un ruolo fondamentale nel generare coesione sociale. A questo aggiungiamo che la coesione sociale dipende anche dal fatto che un gruppo rimanga in accordo per un lungo tempo. Definiamo dunque la coesione come consenso nel tempo. Il modello di simulazione è stato implementato incorporando le caratteristiche illustrate in Figure 1 del modello teorico. Le reti sono state costruite con legami non orientati. Ogni nodo possiede tre proprietà fondamentali: - grado: ovvero l ampiezza del proprio vicinato; - influenza: un numero generato casualmente tra 0 e 1 che rappresenta la capacità di un nodo di influenzare gli altri; - idea: ovvero un valore booleano (0 / 1) che rappresentasse il possedere una idea vecchia (0 e colore blu) oppure una nuova (1 e colore rosso). Si possono scegliere tre setup diversi, ma tutti inizializzano la rete con nodi dal colore blu con idea 0, dei quali una certa percentuale, settata dal ricercatore attraverso lo slider innovatori, viene convertita in nodi con colore rosso e idea 1, in modo casuale, ovvero scegliendo a caso tra i nodi presenti nella rete, indipendentemente da qualsiasi loro caratteristica. L unica differenza tra i tre setup è la trama con cui i nodi vengono collegati: una tessitura casuale, una di piccolo mondo, ed una ad invarianza di scala. Ne conseguiranno diverse distribuzioni di grado. Per quello che riguarda la variabile influenza, essa è distribuita casualmente tra i nodi, indipendentemente dal loro grado. L implementazione del modello di simulazione incorpora le seguenti caratteristiche di interfaccia: - numero di nodi: variabile che permette di settare l ampiezza della rete; 6

7 - tipologia di rete: variabile che permette di settare tipologie di rete tra Random Graph, Small World, Scale-Free, ad ognuna delle quali corrispondono differenti distribuzioni dei legami, e conseguentemente differenti distribuzioni dei gradi dei nodi; o per i Random Graph, il modello incorpora la variabile linkprob che definisce la probabilità (bernoulliana) di esistenza di un link tra due nodi; o per gli Small World, il modello incorpora invece la variabile rewiringprobability grazie alla quale possiamo introdurre quantità di caso all interno della distribuzione ordinata del grafo; - numero innovatori: variabile che permette di settare il numero di innovatori presenti all interno della rete (riconoscibili dal fatto di essere colorati in rosso, anziché in blu); - anzianità: variabile che permette di settare l incremento di influenza legato al numero di tick trascorsi per i nodi con grado più elevato nel proprio vicinato; - benefits: variabile che permette di settare un bonus per incrementare il potere persuasivo di un nodo nei confronti degli altri; - Degree diffusion monitor: istogramma che visualizza la distribuzione del grado dei nodi; - Idea diffusion monitor: line-plot che rappresenta il numero di attori blu e il numero di attori rossi, ovvero il numero di attori normali ed il numero di attori convertiti dagli innovatori; - Densità: calcola e visualizza la densità della rete; - Number of links: calcola e visualizza il numero di link presenti nella rete; - Clustering coefficient: calcola e visualizza il coefficiente di clusterizzazione della rete; - Path Length: calcola e visualizza la lunghezza media dei percorsi della rete; - Inizia la simulazione: pulsante che avvia la simulazione. Quando il procedimento inizia, ogni nodo blu controlla se nel proprio vicinato vi siano innovatori rossi. Per poter essere persuasi a cambiare idea, occorre che l innovatore presenti delle caratteristiche precise, legate sia alla capacità di persuasione che all importanza misurata come grado, espressione di centralità del nodo nella rete. Vogliamo costruire un meccanismo in cui, a parità di grado, se il nodo rosso è più influente del nodo blu, lo convincerà o viceversa; altrimenti, a parità di influenza, vincerà chi ha grado più elevato. Formalizziamo il ragionamento dicendo che: chi-vince = grado * influenza Se il nodo blu ha un innovatore nel proprio vicinato con un valore di chi-vince superiore al proprio, diventerà a sua volta un nodo rosso, cambiando la propria idea da 0 a 1. A loro volta, 7

8 i nodi rossi sono sottoposti allo stesso trattamento, in relazione al quale possono venire riconvertiti alla vecchia idea da un vicinato particolarmente resistente al cambiamento. Allo stesso tempo, ad ogni tick 1 del modello, la variabile influenza viene aggiornata grazie alla variabile anzianità : ogni nodo calcola il proprio grado e quello di ogni membro del proprio vicinato, e se risulta avere il grado più alto, incrementa la propria influenza, in considerazione del fatto di essere il soggetto più importante a livello locale. Ovviamente solo i nodi che posseggono un vicinato accedono a questa possibilità. In ultimo, la variabile benefits ci consente di incrementare l influenza di un convertito in modo da avere un controllo sulla forza della diffusione della nuova idea. Possiamo infine controllare l esito della diffusione dell innovazione grazie al grafico Idea Diffusion Monitor che mostra con una linea blu il numero di nodi con idea 0 e con una linea rossa il numero di nodi con idea 1. Il modello è disponibile online all indirizzo 1 8

9 Risultati Un modello ad agenti consite in agenti individuali, comunemente implementati come oggetti software. L agente-oggetto ha stati interni e regole di comportamento. Far girare il modello significa istanziare un certo numero di agenti (una popolazione), lasciarli interagire, e monitorare quello che succede. Eseguire il modello lasciandolo evolvere nel tempo è tutto quello che occorre per risolverlo (Axtell, 2000, p. 3, trad. nostra). Abbiamo settato i parametri per avere una rete di 100 nodi (più o meno la dimensione media della comunità online di giocatori studiata nel suo primo periodo di sviluppo 98 partecipanti) con una media di 400 legami (contro i circa 430 rilevati dal forum di discussione del gruppo sempre in relazione al primo periodo di sviluppo della comunità), ed una conseguente densità di 0.09 circa. Con questi parametri abbiamo sottoposto a test tre differenti strutture di rete, Random Graph, Small World e Scale Free, cercando di capire le differenti risposte che ognuna di esse è in grado di produrre in termini di diffusione della nuova idea. Settando a zero le variabili anzianità e benefits, e variando il numero degli innovatori (1, 2, 3, 4, 5) i risultati delle simulazioni mostrano una situazione (Figure 2) univoca per tutte e tre le tipologie di rete: i nodi mantengono il consenso intorno all idea 0, e, tralasciando brevi perturbazioni all interno di alcuni singoli run, in nessuna delle 100 prove per modello abbiamo osservato uno scostamento da questo dato. L unica piccola eccezione la offre la rete SF, probabilmente in relazione al fatto che all aumentare del numero degli innovatori aumenta anche la probabilità che uno degli hub della rete venga selezionato per essere un innovatore. Figure 2 Media variabile "innovatore" 9

10 Abbiamo settato poi il numero degli innovatori al 4%, riprendendo un valore dalla comunità online studiata, e abbiamo successivamente variato il parametro anzianità nell intervallo : il risultato in Figure 3 mostra chiaramente come questo parametro, che modifica l importanza del nodo in relazione al proprio vicinato, non modifica lo stato di polarizzazione della rete. Figure 3 Media variabile "anzianità" Anche questa volta, solo la rete SF mostra una seppur debole tendenza a cambiare idea. Quando, al netto della variabile anzianita, testiamo diversi valori (0.2, 0.3, 0.4, 0,5) di benefit, ci accorgiamo di un primo risultato interessante (Figure 4) certamente imputabile alle diverse strutture di rete. Figure 4 Media variabile "benefit" 10

11 Su 100 run di 800 tick l uno per ogni valore testato, la rete RG dimostra una tendenza spiccata al rifiuto dell innovazione (83%), con una percentuale del 13% di run terminati in una conversione, ed un 4% di run terminati in una rete, per così dire, spaccata in due. La rete SW offre minori possibilità di diffusione dell innovazione (3%), ma un più elevato numero di run terminate nell incertezza di una popolazione di nodi divisa più o meno a metà (6,75%). Dal punto di vista invece della rete SF, notiamo come essa, pur avendo esiti per il 78,25% negativi verso l innovazione, offre un 21,25% di esiti positivi all innovazione, e, e questo è il dato interessante, nessun esito incerto: esiste sempre almento un 70% di nodi che decide da che parte stare. Se proviamo a combinare insieme le variazioni delle due variabili, benefits e anzianità, otteniamo un risultato ancora una volta interessante (Figure 5): non solo osserviamo che la rete SF è l unica a non presentare esiti incerti alla fine di ogni ciclo di simulazione, ma anche che è decisamente quella che offre maggiore resistenza al cambiamento (solo 22,5%). Figure 5 Media variabile "benefits" + "anzianità" La rete SW ancora una volta è quella che dimostra il maggior numero di occorrenze di incertezza (10,9%) e una quasi parità di esiti conservatori e innovatori (42,8% contro 46,3%); la rete RG dimostra il comportamento decisamente più innovatore (53%), contro un 42,8% di esiti resistenti al cambiamento ed un 4,2% di risultati incerti. In Figure 6 possiamo osservare l evoluzione media (variando benefit e anzianita ) di un RG per 10 run di 800 cicli: prevale l innovazione, anche se l andamento delle due linee risulta lievemente incerto, ad indicare una situazione di equilibrio instabile. In Figure 7 vediamo invece l evoluzione media di un SW: anche in questo caso prevale l innovazione e l equilibio 11

12 che si crea è lievemente instabile. Infine, in Figure 8 osserviamo l evoluzione media della rete SF: questa volta la tendenza conservatrice ha la meglio, così come la situazione di equilibrio che si crea è più stabile; notiamo infine come la forbice che separa la linea blu da quella rossa sia più ampia delle precedenti, ad indicare una maggiore distanza tra le due fazioni. Figure 6 Random Graph evolution Figure 7 Small World evolution 12

13 Figure 8 Scale Free evolution 13

14 Futuri sviluppi Il modello è stato pensato come scheletro fondamentale su cui innestare alcune espansioni, la più importante delle quali è costituita dal modo in cui i nodi decidono se adottare o meno la nuova idea. L idea attualmente in fase di valutazione è tarare la simulazione sulla base dei risultati empirici 2, ottenuti studiando la comunità online di giocatori, e usare la teoria dei giochi facendo giocare ad un nodo un classico dilemma del prigioniero con i nodi del proprio vicinato, secondo una matrice di payoff modellata sulle considerazioni dei giocatori online quando si trovano di fronte alla scelta di cambiare gioco o meno. Ipotizziamo, ma è facile farlo, che in questo contesto giochi un ruolo di fondamentale importanza il soggetto che propone il cambiamento, in relazione al grado di rispetto/considerazione che si è guadagnato all interno della comunità. Sebbene la considerazione possa sembrare banale, dobbiamo considerare che non è pacifico per tutti i ricercatori che le comunità online siano generatrici di legami reali : dunque, se così non fosse, come spiegare l influenza che il gruppo esercita sul singolo? Altro aspetto interessante, sempre legato al tarare empiricamente il modello di simulazione, è quello di rendere la rete dinamica, ovvero, sulla base dei dati rilevati dai forum di discussione della comunità online, di far nascere un nucleo a cui poi si aggiungeranno (e si staccheranno) un certo numero di nodi a intervalli temporali diversi, in modo che la rete artificiale simuli l evoluzione della rete reale anche in questo aspetto. Sarà allora necessario modellare un processo di attaccamento preferenziale dei nodi, anch esso sulla base di risultati empirici. Terzo, ma sicuramente non ultimo, aspetto da migliorare, è la possibilità considerare altre misure di rete per qualificare l importanza di un nodo nella struttura reticolare. Qui è stato usato il grado per semplicità, ma altre misure si candidano a nostro avviso come indicatori di centralità e prestigio, a partire dalla closeness per finire con misure come l information centrality o l eigenvector, tutte misure che non si fermano al semplice vicinato di un nodo, ma che e- stendono il computo oltre la distanza unitaria. Per quanto riguarda le misure propriamente dette di prestigio, dobbiamo ricordare che in questo caso avremo anche la necessità di inserire nel modello di simulazione la possibilità di produrre reti con archi direzionati. Infine, da testare il comportamento delle diverse strutture di fronte a più di due idee concorrenti. 2 Sappiamo che la comunità online in oggetto si struttura come uno scale-free network, con hub fortemente connessi e centrali per la creazione del consenso, e dunque probabilmente molto importanti, seguendo i risultati di Barabasi (citare), anche per la diffusione di una innovazione nella comunità. Attualmente è in corso una survey per controllare la robustezza di queste ipotesi. 14

15 Conclusioni (aperte) L obiettivo delle simulazioni in ambito sociologico è la ricerca delle dinamiche che portano alla comparsa di fenomeni emergenti nelle interazioni sociali all interno di un gruppo, e delle regole di concatenazione di queste relazioni. In questo contesto, abbiamo usato questa simulazione come aid intuition (Axelrod, 2003). Dai risultati sperimentali osserviamo che le reti RG e SW sono strutturalmente più aperte all innovazione, ma anche alla rottura, visto che per queste due tipologie di rete spesso si assiste ad esiti in cui la totalità dei nodi è pressochè spaccata su due fronti opposti: plausibilmente, reti di questo tipo tenderebbero a rompersi, con la probabile formazione di due (o più) comunità separate. La rete SF sembra non solo la più resistente al cambiamento, in virtù del fatto, sperimentalmente testato da Barabasi (2004), della resistenza agli attacchi che queste tipologie di rete mostrano di avere, ma anche quella che, grazie alla presenza degli hubs, produce un livello di consenso tra i membri sufficiente a convertire l intera (o quasi) rete, garantendone la sopravvivenza come comunità. È dunque plausibile supporre che, nella comunità online studiata, la struttura della rete faciliti, in quel percorso di co-costruzione reciproca tra struttura, azione e relazione, la formazione del consenso necessario affinchè la comunità in toto decida o meno di cambiare gioco. 15

16 Bibliografia Axelrod, R. (2003) Advancing the Art of Simulation in the Social Sciences, in Japanese Journal for Management Information System, Special Issue on Agent-Based Modeling, Vol. 12, No. 3. Axelrod, R. (1997) The complexity of cooperation, Princeton University Press. Axtell, R. (2000) Why agents? On the varied motivations for agent computing in the social sciences, Center on Social and Economic Dynamics Working Paper, n. 17. Barbera, F. (2004) Meccanismi sociali. Elementi di sociologia analitica, il Mulino, Bologna. Barabasi, L. (2004) Link. La nuova scienza delle reti, Einaudi, Torino. Boero, R., Castellani, M., Squazzoni, F. (2004) La sociologia figurazionale tradotta in un modello di simulazione su agenti, in Sistemi Intelligenti, n. 1. Buchanan, M. (2003) Nexus, Mondadori, Milano. Chiesi, A.M. (1999) L analisi dei reticoli, FrancoAngeli, Milano. Gilbert, N., Terna, P. (1999) How to build and use agent-based models in social science, Mind & Society, n. 1. Gilbert, N., Troitzsch, K. (1999) Simulation for the social scientist, Open University Press. Goldthorpe, (2006) Sulla sociologia, Il Mulino, Bologna. Hedstrom, P., Swedberg, R., (1998) Social mechanism: an analytical approach to social theory, Cambridge University Press. Hedstrom, P. (2006) Anatomia del sociale, Bruno Mondadori. Kluver, J., Stoica, C., Schmidt, J. (2003) Formal models, social theory and computer simulations: some methodical reflections, Journal of Artificial Societies and Social Simulations, vol. 6, no. 2. Parisi, D. (2001) Simulazioni, Il Mulino, Bologna. Parisi, D. (2002) Agenti?, in Sistemi Intelligenti, n.3. Salvini, A. (2007) Analisi delle reti sociali. Teorie, metodi, applicazioni, FrancoAngeli, Milano. Salvini, A. (2005) L analisi delle reti sociali. Risorse e Meccanismi, PLUS, Pisa. Stocker, R., Green, D.G., Newth, D. (2001) Consensus and cohesion in a simulated social network, Journal of Artificial Societies and Social Simulations, vol. 4, no. 4. Stocker, R., Cornforth, D., Bossomaier, T.R.J. (2002) Network structures and agreement in social network simulations, Journal of Artificial Societies and Social Simulations, vol. 5, no. 4. Terna, P. (1998) Simulation Tools for Social Scientists: Building Agent Based Models with SWARM, Journal of Artificial Societies and Social Simulation, vol. 1, no. 2. Terna, P. (1998) Creare mondi artificiali: una nota su Sugarscape e due commenti, Sistemi Intelligenti, n. 3. Terna, P. (2002) La simulazione come strumento di indagine per l economia, Workshop su Scienze Cognitive ed Economia, Associazione Italiana di Scienze Cognitive. Wasserman, S., Faust, K. (1999) Social Network Analysis, Cambridge University Press, UK. 16

Network complessi e modelli. Rossano Gaeta Università degli Studi di Torino

Network complessi e modelli. Rossano Gaeta Università degli Studi di Torino Network complessi e modelli Rossano Gaeta Università degli Studi di Torino Sommario Introduzione Proprietà network complessi Modelli matematici per la rappresentazione Grafi regolari Grafi random Small

Dettagli

EMERGENCE OF SELF ORGANIZATION AND SEARCH FOR OPTIMAL ENTERPRISE STRUCTURE: AI EVOLUTIONARY METHODS APPLIED TO AGENT BASED PROCESS SIMULATION

EMERGENCE OF SELF ORGANIZATION AND SEARCH FOR OPTIMAL ENTERPRISE STRUCTURE: AI EVOLUTIONARY METHODS APPLIED TO AGENT BASED PROCESS SIMULATION EMERGENCE OF SELF ORGANIZATION AND SEARCH FOR OPTIMAL ENTERPRISE STRUCTURE: AI EVOLUTIONARY METHODS APPLIED TO AGENT BASED PROCESS SIMULATION remond@di.unito.it Department of Computer Science University

Dettagli

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita Le Reti Sociali Prof. Claudio Saita 1 La Scienza delle Reti La Teoria delle Reti si è sviluppata negli ultimi anni e si caratterizza per tre punti fondamentali: Focalizza le proprietà delle reti nel mondo

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE Negli ultimi anni si è compreso che sistemi anche molto diversi tra loro possono essere efficacemente descritti in termini di cosiddetti "networks" o reti complesse.

Dettagli

Esercizi di Teoria dei Giochi

Esercizi di Teoria dei Giochi Esercizi di Teoria dei Giochi ultimo aggiornamento: 11 maggio 2010 1. Si consideri il gioco fra 2 giocatori rappresentato (con le notazioni standard) dalla seguente matrice: (3, 1) (5, 0) (1, 0) (2, 6)

Dettagli

Capitolo 2: I guadagni dallo scambio

Capitolo 2: I guadagni dallo scambio Capitolo 2: I guadagni dallo scambio 2.1: Introduzione Questo capitolo, sebbene di natura introduttiva, permette di raggiungere importanti conclusioni. In esso si mostra come lo scambio possa dare vantaggi

Dettagli

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Capitolo 2 Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Obiettivo: presentare una modellistica di applicazione generale per l analisi delle caratteristiche dinamiche di sistemi, nota come system dynamics,

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

Ing. Gianluca Murgia. murgia@unisi.it. Milano 29/04/2009

Ing. Gianluca Murgia. murgia@unisi.it. Milano 29/04/2009 Ing. Gianluca Murgia murgia@unisi.it Milano 29/04/2009 Sommario Definizione di Social Network Analysis Tipologie di social network Costruzione di una social network Principali indicatori SNA Perché applicarla

Dettagli

Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali

Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali Amedeo Leo Alessio Petrozziello Simone Romano amedeo.leo92@gmail.com alessio92p@gmail.com s.romano1992@gmail.com Università

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

Computazione Naturale AA. 2011-2012

Computazione Naturale AA. 2011-2012 Computazione Naturale AA. 2011-2012 Prof. Mario Pavone CdL Magistrale in Informatica Dip. Matematica ed Informatica mpavone@dmi.unict.it http://www.dmi.unict.it/mpavone/ INDICE Obiettivi formativi Cos

Dettagli

Il dilemma della cooperazione

Il dilemma della cooperazione Il dilemma della cooperazione Matteo Ploner 16 luglio 2015 Cooperazione Di seguito viene fornita una breve introduzione al concetto di cooperazione in un ottica di ragionamento strategico. Cosa si intende

Dettagli

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms adacher@dia.uniroma3.it Introduzione Sistemi e Modelli Lo studio e l analisi di sistemi tramite una rappresentazione astratta o una sua formalizzazione

Dettagli

Creare mondi artificiali: una nota su Sugarscape e due commenti

Creare mondi artificiali: una nota su Sugarscape e due commenti Creare mondi artificiali: una nota su Sugarscape e due commenti Pietro Terna Questa nota è dedicata ad introdurre l importante libro di Epstein e Axtell (1996) dedicato al modello di simulazione sociale

Dettagli

Indice. Prefazione di Mario Rasetti Presentazione di Pietro Terna Ringraziamenti

Indice. Prefazione di Mario Rasetti Presentazione di Pietro Terna Ringraziamenti xxii-196_de_toni_utet 12-05-2009 14:08 Pagina V XI XV XIX Prefazione di Mario Rasetti Presentazione di Pietro Terna Ringraziamenti 3 PROLOGO La vita come emersione dal basso 7 Struttura del libro e percorsi

Dettagli

Simulazioni di Mercati del Credito: Il Modello di Mercato ad Agenti

Simulazioni di Mercati del Credito: Il Modello di Mercato ad Agenti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Scuola di Scienze della Natura Fisica dei Sistemi Complessi Tesi di Laurea Simulazioni di Mercati del Credito: Il Modello di Mercato ad Agenti di Marco Maria BOSCO Relatore:

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA L. Mongiovì Università di Trento Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Via Mesiano 77, 38050 Trento, Italia Sommario. Si fanno preliminarmente alcune

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte Le cose che noi scegliamo di insegnare e il modo in cui noi scegliamo di valutare riflettono l idea che

Dettagli

Brain architecture: A design for natural computation

Brain architecture: A design for natural computation Brain architecture: A design for natural computation Autore: Marcus Kaiser Oratore: Vincenzo Lomonaco Indice Introduzione Organizzazione della rete corticale Robustezza e capacità di recupero Elaborazione

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Metodi e Modelli per le Decisioni

Metodi e Modelli per le Decisioni Metodi e Modelli per le Decisioni Corso di Laurea in Informatica e Corso di Laurea in Matematica Roberto Cordone DI - Università degli Studi di Milano Lezioni: Giovedì 13.30-15.30 Venerdì 15.30-17.30 Ricevimento:

Dettagli

Breve introduzione al Calcolo Evoluzionistico

Breve introduzione al Calcolo Evoluzionistico Breve introduzione al Calcolo Evoluzionistico Stefano Cagnoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Parma cagnoni@ce.unipr.it 1 Introduzione Il mondo fisico ed i fenomeni naturali

Dettagli

Il capitale sociale: prospettive sociologiche

Il capitale sociale: prospettive sociologiche Il capitale sociale: prospettive sociologiche Il punto di vista della sociologia relazionale Pierpaolo Donati 1 Testo teorico di riferimento P. DONATI (a cura di), L approccio relazionale al capitale sociale,

Dettagli

Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery

Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery Vincenzo Antonio Manganaro vincenzomang@virgilio.it, www.statistica.too.it Indice 1 Architettura di un generico algoritmo di DM. 2 2 Regole di associazione:

Dettagli

Impoverimento globale, povertà locale: il contesto, i dati, le politiche. Dove e cosa guardare?

Impoverimento globale, povertà locale: il contesto, i dati, le politiche. Dove e cosa guardare? Impoverimento globale, povertà locale: il contesto, i dati, le politiche. Dove e cosa guardare? Mauro Migliavacca Università Cattolica Milano mauro.migliavacca@polimi.it Qualche flash per incominciare?

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Cos è una rete sociale

Cos è una rete sociale Cos è una rete sociale È una struttura costituita da nodi e da link. I nodi sono gli individui, i link sono le relazioni tra nodi, formali o informali, stabili o temporanee, definite o casuali. Le reti

Dettagli

PROGETTO DI SISTEMI AD AGENTI

PROGETTO DI SISTEMI AD AGENTI PROGETTO DI SISTEMI AD AGENTI Anno Accademico: 2012-2013 Professore: Vincenzo Loia Introduzione alle Social Network. Indice Presentazione del Progetto di Sistemi ad Agenti. 1 Social Network Una rete sociale

Dettagli

MODELLI DI SIMULAZIONE HISTORY-FRIENDLY PER STUDIARE LA DINAMICA INDUSTRIALE

MODELLI DI SIMULAZIONE HISTORY-FRIENDLY PER STUDIARE LA DINAMICA INDUSTRIALE MODELLI DI SIMULAZIONE HISTORY-FRIENDLY PER STUDIARE LA DINAMICA INDUSTRIALE Christian Garavaglia 24 Gennaio 2005, Universotà Carlo Cattaneo - LIUC SCALETTA - CONSIDERAZIONI INIZIALI: DINAMICA E COMPLESSITA

Dettagli

UNIT 2 I modelli matematici ricchi di informazione Corso di Controlli Automatici Prof. Tommaso Leo Corso di Controlli Automatici Prof.

UNIT 2 I modelli matematici ricchi di informazione Corso di Controlli Automatici Prof. Tommaso Leo Corso di Controlli Automatici Prof. UNIT 2 I modelli matematici ricchi di informazione Corso di Controlli Automatici Prof. Tommaso Leo Corso di Controlli Automatici Prof. Tommaso Leo 1 Indice UNIT 2 I modelli matematici ricchi di informazione

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO?

LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO? LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO? Versione preliminare: 25 Settembre 2008 Nicola Zanella E-Mail: n.zanella@yahoo.it ABSTRACT In questa ricerca ho

Dettagli

La Gestione della Complessità

La Gestione della Complessità La Gestione della Complessità Only variety can destroy variety (Ross. W. Ashby) Prof. Claudio Saita 1 La struttura del modello cognitivo proposto, conosciuto più comunemente in letteratura come la legge

Dettagli

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da:

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: uso di tecniche standardizzate di rilevazione tecniche statistiche

Dettagli

TECNOLOGIA. limitazioni economiche Limitazioni strumentali Limitazioni conoscitive Limitazioni dimensionali Limitazioni temporali Limitazioni etiche

TECNOLOGIA. limitazioni economiche Limitazioni strumentali Limitazioni conoscitive Limitazioni dimensionali Limitazioni temporali Limitazioni etiche TECNOLOGIA Lo studio e l esercizio della tecnologia favoriscono e stimolano la generale attitudine umana a porre e a trattare problemi, facendo dialogare e collaborare abilità di tipo cognitivo, operativo,

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

La Social Network Analysis applicata alla ricerca semantica

La Social Network Analysis applicata alla ricerca semantica La Social Network Analysis applicata alla ricerca semantica Ernesto Lastres Sistemi Territoriali S.r.l. Cascina (Pisa), Italy Il Progetto ODINet è realizzato con il determinante contributo della Regione

Dettagli

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SPECIFICHE Numeri! Conoscere e utilizzare algoritmi e procedure in

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

Social Network & Social Network Analisys. Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015

Social Network & Social Network Analisys. Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social Network & Social Network Analisys Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Rete? L insieme delle relazioni. esistenti tra entità Social Network, Social Network

Dettagli

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico Competenza matematica n. BIENNIO, BIENNIO Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica BIENNIO BIENNIO Operare sui dati comprendendone

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA L oligopolio Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Π 1 = P Q 1 2 Secondo i criteri adottati, l oligopolio può essere definito come quella forma di mercato composta da un numero

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Conoscere ed operare con i numeri Contare oggetti o eventi, con la voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo. Leggere

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

La valutazione degli allievi con certificazione nella scuola secondaria: aspetti normativi di un iter pedagogico e didattico

La valutazione degli allievi con certificazione nella scuola secondaria: aspetti normativi di un iter pedagogico e didattico LA VALUTAZIONE DEGLI ALLIEVI CON CERTIFICAZIONE NELLA SCUOLA SECONDARIA prof.ssa Lupo Loredana Le disposizioni normative concernenti la valutazione degli allievi con certificazione nella scuola secondaria

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

Psicologia Sociale II

Psicologia Sociale II Psicologia Sociale II Federica Castellini Anno Accademico 2011 2012 Corso di Laurea in Servizi Sociali Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano Bicocca La psicologia sociale Frontiera tra

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione S.I.S.S.I.S. - Indirizzo 2 Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione Erasmo Modica erasmo@galois.it Giovanna

Dettagli

rappresentazione astratta di un sistema e/o di una situazione reale tramite un insieme di dati/elementi ad essa analoghi

rappresentazione astratta di un sistema e/o di una situazione reale tramite un insieme di dati/elementi ad essa analoghi Modelli Definizione: rappresentazione astratta di un sistema e/o di una situazione reale tramite un insieme di dati/elementi ad essa analoghi Obiettivo: studio del comportamento del sistema e delle relazioni

Dettagli

Giochi e decisioni strategiche

Giochi e decisioni strategiche Teoria dei Giochi Giochi e decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash rivisitato Giochi ripetuti Giochi sequenziali Minacce impegni e credibilità Deterrenza all entrata 1 Giochi e decisioni

Dettagli

LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE

LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE IL CONTRIBUTO DELLE NEUROSCIENZE: IL DIBATTITO IN AMBITO EDUCATIVO. Bressanone 26/10/2012; Daniela Mario LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE I neuroni specchio e le rappresentazioni condivise

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 8 marzo 2012 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2012.html DECISORI RAZIONALI INTERAGENTI di Fioravante Patrone,

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Sistemi Operativi mod. B. Sistemi Operativi mod. B A B C A B C P 1 2 0 0 P 1 1 2 2 3 3 2 P 2 3 0 2 P 2 6 0 0 P 3 2 1 1 P 3 0 1 1 < P 1, >

Sistemi Operativi mod. B. Sistemi Operativi mod. B A B C A B C P 1 2 0 0 P 1 1 2 2 3 3 2 P 2 3 0 2 P 2 6 0 0 P 3 2 1 1 P 3 0 1 1 < P 1, > Algoritmo del banchiere Permette di gestire istanze multiple di una risorsa (a differenza dell algoritmo con grafo di allocazione risorse). Ciascun processo deve dichiarare a priori il massimo impiego

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

Teoria dei giochi. Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico

Teoria dei giochi. Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico Teoria dei giochi Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico Situazione strategica Sette persone si recano insieme al ristorante

Dettagli

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra.

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra. Appunti di Calcolatori Elettronici Modello di macchina multilivello Introduzione... 1 Linguaggi, livelli e macchine virtuali... 3 La struttura a livelli delle macchine odierne... 4 Evoluzione delle macchine

Dettagli

Intelligenza Artificiale (lucidi lezione introduttiva)

Intelligenza Artificiale (lucidi lezione introduttiva) Intelligenza Artificiale (lucidi lezione introduttiva) Prof. Alfonso Gerevini Dipartimento di Elettronica per l Automazione Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Brescia 1 Che cosa è l Intelligenza

Dettagli

Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie

Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Gli infortuni mortali sul lavoro: Efficacia degli interventi 1 Introduzione L International Labour Office stima

Dettagli

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 La Rete di Andrea Morniroli Premessa In questi ultimi anni è cresciuta

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Lezione 8. La macchina universale

Lezione 8. La macchina universale Lezione 8 Algoritmi La macchina universale Un elaboratore o computer è una macchina digitale, elettronica, automatica capace di effettuare trasformazioni o elaborazioni su i dati digitale= l informazione

Dettagli

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Le comunità di pratica: definizione La ricerca accademica definisce le comunità di pratica come un insieme di

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

Sistemi Turistici Locali come Reti Sociali, il caso della Marca Fermana 1 Cristina Fabi 2

Sistemi Turistici Locali come Reti Sociali, il caso della Marca Fermana 1 Cristina Fabi 2 Sistemi Turistici Locali come Reti Sociali, il caso della Marca Fermana 1 Cristina Fabi 2 La rete e la rappresentazione nel territorio. L'album 3 è parte integrante del Working Paper: "Sistemi Turistici

Dettagli

Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco

Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco www.xos.it : 2008 Osvaldo Duilio Rossi : SEQUESTRO DI PERSONA A SCOPO DI : 1 OSVALDO DUILIO ROSSI Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco Ho integrato con ulteriori riflessioni

Dettagli

Prob(CCCCCCCCCC) = 1 2 10

Prob(CCCCCCCCCC) = 1 2 10 12. Contenuto di Informazione Algoritmico (AIC) - 17/05/12 Vogliamo adesso introdurre una nozione di contenuto di informazione di una stringa infinita, prodotta da una sorgente di informazione, che non

Dettagli

Ricerca scientifica Processo di ricerca

Ricerca scientifica Processo di ricerca Ricerca scientifica Processo di ricerca Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 1 Pedon, Gnisci (2004) Metodologia della ricerca psicologica. Mulino Cap. 2 La ricerca

Dettagli

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting di Giuseppe Zillo (*) e Elisabetta Cecchetto (**) La definizione del cambio obiettivo nell azienda industriale non è solo

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA

L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA La progettazione dell insegnante è un lavoro molto impegnativo che richiede tempo e accuratezza: una buona programmazione semplifica molto il lavoro di gruppo

Dettagli

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal

Dettagli

Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio

Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio SEMINARIO Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio Novara, 29 gennaio e 26 febbraio 2015 Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Il software: natura e qualità

Il software: natura e qualità Sommario Il software: natura e qualità Leggere Cap. 2 Ghezzi et al. Natura e peculiarità del software Classificazione delle qualità del software Qualità del prodotto e del processo Qualità interne ed esterne

Dettagli

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay)

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay) CAPITOLO III Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento (downloader pay) I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING

Dettagli

CORSO DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) TEORIA DELLE DECISIONI E MODELLI DECISIONALI

CORSO DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) TEORIA DELLE DECISIONI E MODELLI DECISIONALI CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CORSO DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) TEORIA DELLE DECISIONI E MODELLI DECISIONALI dr. Arch. P. Luria Dip. IMAGE (ingegneria Idraulica

Dettagli

GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI

GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI VERSIONE PROVVISORIA GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI ABSTRACT La gestione della conoscenza nelle organizzazioni diviene il fattore sempre più qualificante attraverso

Dettagli

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA CAMPO DI ESPERIENZA: LA CONOSCENZA DEL MONDO (ordine, misura, spazio, tempo, natura) È l'ambito relativo all'esplorazione, scoperta e prima sistematizzazione delle conoscenze

Dettagli

Politica Economica Avanazata. Lezione 17

Politica Economica Avanazata. Lezione 17 Politica Economica Avanazata Lezione 17 Alcune estensioni al modello di BG (Spector, European Economic Review, 48, 2004, 25-38 Due ipotesi importanti del modello di BG: 1. La funzione di produzione Y=N

Dettagli

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole -

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - - richiami preliminari sulle proprietà strutturali - Abbiamo visto che alcune caratteristiche dei sistemi dinamici (DES compresi) non

Dettagli

Implementazione del gioco del Bantumi Corso di Intelligenza Artificiale 2012

Implementazione del gioco del Bantumi Corso di Intelligenza Artificiale 2012 Implementazione del gioco del Bantumi Corso di Intelligenza Artificiale 2012 Nicola Febbrari Università degli Studi di Verona Facoltà MM.FF.NN. nicola.febbrari@studenti.univr.it 22 gennaio 2013 1 Introduzione

Dettagli

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono:

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono: Tecniche di Simulazione: Introduzione N. Del Buono: 2 Che cosa è la simulazione La SIMULAZIONE dovrebbe essere considerata una forma di COGNIZIONE (COGNIZIONE qualunque azione o processo per acquisire

Dettagli