INNOVATIVE SOLUTIONS FOR DVB-T/T2 SINGLE FREQUENCY NETWORK SYNCHRONIZATION GPS-MXS IL PROGETTO SOS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INNOVATIVE SOLUTIONS FOR DVB-T/T2 SINGLE FREQUENCY NETWORK SYNCHRONIZATION GPS-MXS IL PROGETTO SOS"

Transcript

1 INNOVATIVE SOLUTIONS FOR DVB-T/T2 SINGLE FREQUENCY NETWORK SYNCHRONIZATION GPS-MXS IL PROGETTO SOS

2 GPS-MXS Generatore di segnali di riferimento Tempo-Frequenza a sorgenti multiple Digital, a seguito della sua affermata esperienza relativa alle soluzioni di rete SFN, ha sviluppato molteplici apparati in grado di generare con estrema precisione il riferimento Tempo-Frequenza (PPS, 10 MHz), fondamentale per la sincronizzazione dei segnali DVB- T/T2. Finora, tutte queste macchine sono state disciplinate esclusivamente dal sistema GPS, che ha raggiunto dei livelli di precisione molto elevati; tuttavia, questo sistema, è integralmente dipendente dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti d' America. GPS-MXS risulta pionieristico in quanto, avendo la possibilità di usufruire di sorgenti alternative al GPS, è l'unico strumento in grado di garantire un funzionamento continuativo, indipendentemente da ogni eventuale malfunzionamento o degradamento volontario del sistema GPS. GPS-MXS prevede quattro distinti ingressi per quattro tipologie di sorgente: GPS: La sorgente tradizionale, e finora utilizzata in ogni applicazione Digital Instru ments. External Reference (Ext): Supporta varie tipologie di segnale Tempo (1 PPS) e frequenza (1 MHz, 2 MHz, MHz, 5 MHz, 10 MHz) che possono essere fornite indipendentemente. E1/T1: Questi segnale operano al valore nominale di 2.048/1.536 Mbps e sono uno stan dard di comunicazione in gran parte del mondo. Possono essere utilizzati per diffondere la sincronizzazione da un apparato collegato ad una sorgente di ottima qualità (GPS se possibile, oppure orologio atomico), utilizzato come Master, agli apparati Slave sparsi sul territorio, mediante protocollo SDH (Synchronous Digital Hierarchy), usato per la trasmissione di dati su fibra ottica o cavo. IEEE 1588: Riferimento di frequenza e di tempo trasportato su reti ethernet in grado di supportarlo. La caratteristica di GPS-MXS di essere in grado di trattare diverse tipologie di segnale, lo rende l'apparato ottimale per poter operare negli ambiti di cruciale importanza per il futuro delle telecomunicazioni. Ulteriore caratteristica di GPS-MXS, è la possibilità di caratterizzare la qualità delle sorgenti fornite in ingresso all apparato attraverso l analisi del rapporto Δf/f (variazione del valore di frequenza sulla frequenza nominale) di ciascuna fonte.

3 Schema di funzionamento di GPS-MXS Radio GPS Source EX: Atomic Clock time freq EXT Time/Freq TX DVB - T/T2 RX TX E1/T1 Switch OCXO 4 x PPS 4 x 10 MHz ETH. IEEE 1588 Sat Dish SAT Receiver Control and Measurement L'OCXO viene disciplinato dal riferimento più adeguato tra i cinque possibili, mediante un meccanismo di Switch automatico o manuale. In uscita vengono forniti quattro riferimenti di tempo (PPS) e quattro di frequenza (10 MHz). Foto Fronte e retro dell'apparato GPS-MXS

4 GPS-MXS per la caratterizzazione delle sorgenti Il GPS-MXS è stato realizzato anche per confrontare la qualità delle diverse sorgenti fornite in ingresso all'apparato attraverso l'analisi del rapporto Δf/f (variazione del valore di frequenza sulla frequenza nominale) di ciascuna fonte. L analisi è supportata da un grafico che mostra l'andamento di questi rapporti nel tempo. Inoltre è possibile visualizzare sia su interfaccia web, sia su display LCD, il ritardo, espresso in nanosecondi, tra il PPS generato in uscita dall apparato e le diverse sorgenti di disciplinamento.

5 SPECIFICHE TECNICHE PRINCIPALI Riferimento di Frequenza Segnale Purezza spettrale Rumore di fase Uscite Livello di uscita Impedenza di uscita Connettori d'uscita Stabilità Riferimento di Tempo 10 MHz sinusoidale. -70 dbc alla massima potenza d uscita. (armoniche) -75 dbc alla massima potenza d uscita. (non armoniche) -125 dbc a 1kHz N 4 indipendenti 13 dbm. 50 Ohm BNC 1e-12 media giornaliera (OCXO agganciato al GPS in SA) 1e-10 media giornaliera (OCXO in free run) Segnale Uscite Livello di uscita Impedenza di uscita Connettori di uscita Sezione GPS Ricevitore Tracking Accuratezza PPS Connettore d'antenna Tempo di acquisizione 1 PPS, 100us Duty, Rising Edge. N 4 indipendenti TTL 5 Vpp, Square wave 50 Ohm BNC L MHz a 12 canali A correlazione su 12 satelliti < 50 ns in SA TNC < 4 minuti Sezione Ext Riferimento di Frequenza Frequenza Standard Livello d ingresso 1 MHz, 2 MHz, MHz, 5 MHz, 10 MHz Da -2 dbm a 16 dbm, Sinusoide Riferimento di Tempo Periodo Standard Livello d ingresso Impedenza d ingresso Connettori Sezione E1 Segnale Standard Impedenza d ingresso Impedenza di uscita Connettori Sezione PTP Protocollo Ruolo Timestamping Precisione 1 PPS TTL 5 Vpp, Onda quadra 50 Ohm BNC E1 256S multiframe CRC-4 (16 frame per multiframe) 75 Ohm 75 Ohm BNC IEEE (PTPv1) Grandmaster clock source (GPS) o slave Hardware < 1 µs

6 Proposte Digital per garantire la massima sicurezza per la sincronizzazione delle reti: il Progetto SOS Sync Over Sat/Sync Over SDH/Sync Over Ethernet Attualmente, il GPS è il sistema di posizionamento globalmente utilizzato per le operazioni di sincronizzazione. Il Progetto SOS è nato per garantire adeguate alternative, dal momento che sistemi di posizionamento analoghi quali GALILEO, GLONASS e altri, non saranno disponibili e sufficientemente affidabili ancora per anni. Poiché una rete non adeguatamente progettata e con punti deboli tecnologici, può portare a risultati disastrosi, come una situazione di buio in zone abitate da milioni di persone, si intuisce come la sincronizzazione dei segnali tra le varie postazioni sia una tematica di primaria importanza. Fulcro di questo progetto è il GPS-MXS, che permette di disporre, oltre che del GPS, anche di sorgenti alternative. Il progetto mira a strutturare una rete di dispositivi sul territorio nazionale comunicanti in maniera indipendente, che gestiti da un apparato Master permettano una sincronizzazione ad alta precisione delle postazioni trasmittenti, a prescindere dal GPS. Sync Over Sat Sync Over Sat è l'applicazione del progetto SOS che utilizza il satellite. Sicuramente questo è un ambito di primaria importanza, poiché la tecnologia satellitare permette di coprire vaste aree, anche poco densamente abitate, mantenendo i costi contenuti. Risulta quindi il supporto irrinunciabile per molte zone che altrimenti risulterebbero isolate. Inoltre, il miglioramento delle performance di trasmissione e ricezione dati, lo rendono una delle tecnologie che sicuramente diventeranno sempre più capillari nel prossimo futuro. Alla luce di queste considerazioni, Digital si è dotata di tecnologia satellitare per ottimizzare l'hardware necessario e sufficiente per le applicazioni di trasferimento di segnali tempo-frequenza. Sono stati quindi studiati modelli matematici che hanno permesso un'adeguata stima della precisione dei segnali di sincronizzazione; queste stime, sono state poi testate sul campo, confermando la bontà dell'ipotesi e l'effettiva realizzabilità del progetto. Nella figura è rappresentato un esempio di rete su scala regionale, nella quale si può vedere un impianto principale (MASTER) e molteplici impianti secondari (Slave).

7 GPS-MXS è stato progettato in modo tale che possa generare il segnale PPS in differenti istanti, a seconda del tempo impiegato dal segnale a giungere da Master a Slave. Dal momento che ci sono delle variazioni significative nella posizione orbitale dei satelliti, è stato necessario progettare un sistema ad anello ad aggancio di frequenza, e quindi di tempo, per correggere le variazioni temporali mobili. Attualmente, si è riusciti ad effettuare una ricostruzione del segnale Master con precisione inferiore al microsecondo. CORREZIONE Il segnale PPS di sincronizzazione Master è controllato in fase o posizione temporale - da un sistema analogo al PLL, che tiene conto delle variazioni della posizione del satellite, ricevendo se stesso come segnale di riferimento, comparando il tempo di propagazione in tempo reale. Disciplinando il segnale PPS principale, verranno disciplinati i PPS secondari distribuiti nel territorio, che partiranno chiaramente in istanti differenti rispetto al Master, a causa della distanza geografica da quest'ultimo. Schema di funzionamento del progetto Sync Over Sat

8 Sync Over SDH In base a quanto visto, GPS-MXS è strutturato per operare anche su supporti diversi da satellite; Sync Over SDH è la soluzione dedicata alle problematiche di sincronizzazione per impianti che abbiano a disposizione la fibra ottica o i cavi elettrici, dal momento che utilizzano il protocollo SDH su E1/T1, che è quello attualmente in uso per queste applicazioni. Sync Over SDH è particolarmente indicato per quelle zone ad elevata densità demografica, che si trovino in un contesto in cui gli impianti siano già cablati o di futuro cablaggio. Le due immagini, rappresentano il principio di funzionamento del Progetto Synch Over SDH

9 Sync Over Ethernet IEEE 1588 è uno standard che rende possibile la sincronizzazione di dispositivi collegati mediante una rete Ethernet dedicata, in tempi inferiori al microsecondo. Le enormi potenzialità di questo protocollo sono evidenti, soprattutto qualora ci fosse la scelta adottare la tecnologia e dunque di investire nella realizzazione di una rete apposita. Sync Over Ethernet ha un principio di funzionamento analogo a quello dei due progetti affini Sync Over Sat e Sync Over SDH. Il punto fondamentale è rappresentato dal fatto che con un unico apparato, GPS-MXS, si può ottenere una sincronizzazione dei segnali ad alta affidabilità su tutti i principali supporti fisici, sia già disponibili ed operativi, che di futuro sviluppo.

10 phone: (+39) fax: (+39) Digital S.r.l. Sede Legale: Via A.M. Ampére, MILANO Sede Amm.va: Via Parco degli Scout, BRESSO (MI) Cap. Soc ,00 Euro PI-CF R.E.A copyright 2009 Digital s.r.l.

CGS TFD. Raoul Grimoldi. Distribuzione Tempo/Frequenza. Antares Research Dept. CGS Compagnia Generale per lo Spazio, an OHB Technology Company

CGS TFD. Raoul Grimoldi. Distribuzione Tempo/Frequenza. Antares Research Dept. CGS Compagnia Generale per lo Spazio, an OHB Technology Company CGS TFD Distribuzione Tempo/Frequenza Raoul Grimoldi CGS Rami di attività della CGS, già Carlo Gavazzi Space S.p.A. Satelliti: sistemi chiavi-in-mano per missioni scientifiche e applicative, in particolare

Dettagli

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet 7.1 Ethernet a 10 Mbps e 100 Mbps 7.1.1 Ethernet a 10 Mbps 10 base 2, 10 base 5, 10 base formano Legacy Ethernet. Le 4 caratterisiche comuni di Legacy sono: 1. timing

Dettagli

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove Negli ultimi anni il settore delle telecomunicazioni ha assunto un ruolo di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove tecniche di modulazione e demodulazione digitale

Dettagli

LA STABILE SINCRONIZZAZIONE DELLE RETI SFN MEDIANTE GPS DI NUOVA CON- CEZIONE

LA STABILE SINCRONIZZAZIONE DELLE RETI SFN MEDIANTE GPS DI NUOVA CON- CEZIONE T Note Technical Note Note LA STABILE SINCRONIZZAZIONE DELLE RETI SFN MEDIANTE GPS DI NUOVA CON- CEZIONE Le reti di diffusione radiotelevisiva digitali a singola frequenza (SFN - Single Frequency Network)

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali

Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali EP333 sonda di campo elettrico Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali Risposta ottimale nella misura dei campi con modulazione di tipo OFDM e pulsati in genere Errore

Dettagli

DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM

DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM DL 2513 Trasmettitore FM Il pannello consiste in un trasmettitore FM stereo a sintesi di frequenza e modulazione diretta, operante nella banda delle trasmissioni FM commerciali. L'apparecchio è completo

Dettagli

Modulo 4 Test dei cavi

Modulo 4 Test dei cavi Modulo 4 Test dei cavi 4.1 Conoscenze di base per fare il test sui cavi 4.1.1 Onde (waves) I parametri di un onda sono: ampiezza, frequenza, periodo. 4.1.2 Onde sinusoidali e quadre Esempio di onde sinusoidali:

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 1. INTRODUZIONE La grande proliferazione delle potenziali sorgenti di inquinamento elettromagnetico (stazioni radio-televisive,

Dettagli

Sistema di trasmissione allarmi su coassiale

Sistema di trasmissione allarmi su coassiale Sistema di trasmissione allarmi su coassiale Sistema trasmissione allarmi ZVA-AV18T/R 25/07/2011- G160/1/I Caratteristiche principali Trasmissione Il sistema ZVA-AV18 utilizza lo stesso mezzo di trasmissione,

Dettagli

Relazione di elettronica

Relazione di elettronica ANTINORO ANGELO 5IA 16/04/2007 Relazione di elettronica I MODEM INDICE Premessa Le telecomunicazione Il significato di modem Tipi di modem Modem in banda base I modem fonici La modulazione La modulazione

Dettagli

22/05/2013. Indice dei Contenuti. Sincronizzazione dei Clock. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano

22/05/2013. Indice dei Contenuti. Sincronizzazione dei Clock. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano /26 Indice dei Contenuti Sincronizzazione dei Clock- 3 Orologi Fisici- 7 Sincronizzazione di Orologi Fisici- 10 Sincronizzazione dei Clock

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

HP3784A Introduzione all'uso

HP3784A Introduzione all'uso HP3784A Introduzione all'uso INDICE Descrizione 2 Preset panel 3 Tx Setup 4 Rx setup 6 Misurazioni 7 Periodo di misura 10 Allarmi 11 1 Descrizione L analizzatore di trasmissioni digitali HP3784A è uno

Dettagli

Standard nelle fibre ottiche

Standard nelle fibre ottiche Standard nelle fibre ottiche Il protocollo ethernet ottico Ethernet è una suite di protocolli originariamente sviluppati per realizzare LAN (Local Area Networks): Ethernet ha avuto molto successo ed è

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

INDICE PER TIPOLOGIA

INDICE PER TIPOLOGIA INDICE GENERALE 2 GUIDA A CLOCK DATE TEMPERATURE DISPLAY PRODOTTI ODT 6 14 DATI TECNICI ALUTECH ENGINEERING 20 INDICE PER CODICE INDICE PER TIPOLOGIA ART. PAG. 5001 6 TIP. ART. PAG. MSS 55001 6 LEGENDA

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

IEEE 1588 Quando la tempistica conta

IEEE 1588 Quando la tempistica conta Articolo tecnico IEEE 1588 Quando la tempistica conta Sincronizzazione di alta precisione dei diversi clocks in sistemi distribuiti con l impiego di IEEE 1588 PTP Cos è lo standard IEEE 1588 PTP? Lo standard

Dettagli

Navigazione e sistemi satellitari

Navigazione e sistemi satellitari Navigazione e sistemi satellitari Introduzione La misura del tempo e lo sviluppo della navigazione si intrecciano nel corso della storia; la costruzione di orologi più accurati si può infatti collegare

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Perché le reti di calcolatori Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Terminologia e classificazione delle reti Tecnologia di trasmissione Scala della rete 2 Diffusione della tecnologia digitale Distribuzione,

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto.

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto. La Radio nelle scuole, storia di un progetto portato a termine dalla Sezione ARI di Padova in collaborazione con l Istituto Tecnico Industriale F. Severi di Padova. è importante farci conoscere e comunicare

Dettagli

Il passaggio del tempo nei sistemi distribuiti

Il passaggio del tempo nei sistemi distribuiti Il passaggio del tempo nei sistemi distribuiti Il tempo nei sistemi distribuiti WARNING: In un sistema distribuito e impossibile avere un unico clock fisico condiviso da tutti i processi Eppure la computazione

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Gianluigi Pessina, Lorenzo Rota * UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE, SEZIONE DI MILANO BICOCCA

Gianluigi Pessina, Lorenzo Rota * UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE, SEZIONE DI MILANO BICOCCA Sistema di scansione a multicanale (analogico/digitale) di sensori di inquinamento ambientale sincronizzato con GPS o via ethernet basato su microcontrollore Cortex ARM per esperimento SMELLER Gianluigi

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 1 - INTRODUZIONE Prof. Mario Barbera 1 Argomenti della lezione Cenni storici Definizioni: Sorgente di informazione Sistema di comunicazione Segnali trasmissivi

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Cenni sulle principali tecnologie di rete IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Oltre la LAN Perché uscire? connessione di più edifici geograficamente lontani della stessa società connessione

Dettagli

wlsn*: rete wireless bidirezionale La soluzione più rapida per una sicurezza più affidabile

wlsn*: rete wireless bidirezionale La soluzione più rapida per una sicurezza più affidabile wlsn*: rete wireless bidirezionale La soluzione più rapida per una sicurezza più affidabile * Rete locale di sicurezza senza fili (wireless Local SecurityNetwork) 2 Che cos è la tecnologia wlsn? La tecnologia

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

Inoltre si è detto che le reti vengono tradizionalmente classificate in base alla distanza:

Inoltre si è detto che le reti vengono tradizionalmente classificate in base alla distanza: Pagina 1 di 5 Topologie WAN Reti di reti Nel modulo 5 si è discusso delle topologie di rete e si è affermato che una rete di telecomunicazioni può essere rappresentata con un grafo, ossia una struttura

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Architettura dei Sistemi di Telelocalizzazione GPS/GALILEO Prof. Francesco Benedetto, fbenedet@uniroma3.it Dipartimento di Elettronica Applicata Cenni Storici I

Dettagli

Manuale d uso DDS-4/B (B= versione completa di contenitore) VFO digitale per apparati vintage. (Software V3.3)

Manuale d uso DDS-4/B (B= versione completa di contenitore) VFO digitale per apparati vintage. (Software V3.3) Manuale d uso DDS-4/B (B= versione completa di contenitore) VFO digitale per apparati vintage (Software V3.3) Last update : Maggio 2011 DISPLAY & funzioni Pannello frontale della versione con contenitore

Dettagli

Struttura del sistema GPS. Introduzione

Struttura del sistema GPS. Introduzione Introduzione Il sistema di posizionamento GNSS (Global Navigation Satellite System) è un sistema di navigazione basato sulla ricezione di segnali radio emessi da una costellazione di satelliti artificiali

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Digitale

Tecniche di Comunicazione Digitale Tecniche di Comunicazione Digitale Sommario Problematiche Generali Comunicazioni Parallele Varianti Trasmissione Isocrona, Asincrona e Sincrona Segnali, codifica e modulazione Gestione degli errori - 2-1

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO RICEZIONE E DISTRIBUZIONE T.O.D. (SIRD TOD) MODELLO S0188 DESCRIZIONE DI SISTEMA

SISTEMA INTEGRATO RICEZIONE E DISTRIBUZIONE T.O.D. (SIRD TOD) MODELLO S0188 DESCRIZIONE DI SISTEMA Società per le Telecomunicazioni SISTEMA INTEGRATO RICEZIONE E DISTRIBUZIONE T.O.D. (SIRD TOD) MODELLO S0188 (NUC 5895-15-187-8734) DESCRIZIONE DI SISTEMA MPM s.a.s Società di Telecomunicazioni Sede legale:

Dettagli

TRASMISSIONE SU FIBRA OTTICA

TRASMISSIONE SU FIBRA OTTICA TRASMISSIONE SU FIBRA OTTICA KBC Trasduttori video per fibra multimodale digitale, 1 fibra per canale Trasduttori multiplexer video su fibra multimodale digitale, 1 fibra Trasduttori video per fibre monomodali,

Dettagli

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello del data link Regola l accesso al mezzo per reti broadcast LAN e WAN satellitari allocazione statica - a priori allocazione dinamica - in base allo

Dettagli

Verificatori VERIFICATORI. delle link. interruzioni, coppie invertite, cortocircuiti e collegamenti errati su cavi in rame o giunzioni,

Verificatori VERIFICATORI. delle link. interruzioni, coppie invertite, cortocircuiti e collegamenti errati su cavi in rame o giunzioni, delle link interruzioni, coppie invertite, cortocircuiti e collegamenti errati su cavi in rame o giunzioni, Verifica delle fibre ottiche p. 160 Qualifica delle reti p. 162 Verifica delle reti p. 163 Verifica

Dettagli

Analisi della qualità dell energia

Analisi della qualità dell energia Analizzatore della qualità di rete per installazione fissa QNA 412 e 413 Analizzatore della qualità di rete per installazione fissa QNA 202 e 303 Analizzatore tot ale della qualità di rete 3196 Analisi

Dettagli

» Tipi di segnale e le loro caratteristiche» Parametri che descrivono un segnale» Perchè i segnali digitali?

» Tipi di segnale e le loro caratteristiche» Parametri che descrivono un segnale» Perchè i segnali digitali? Ingegneria dell Informazione Modulo SISTEMI ELETTRONICI A - INTRODUZIONE A.2 - Tipi di segnale» Tipi di segnale e le loro caratteristiche» Parametri che descrivono un segnale» Perchè i segnali digitali?

Dettagli

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN Il TX-FM-MID/EN è un modulo trasmettitore di dati digitali con modulazione FSK. PIN-OUT 10 1 CONNESSIONI Pin 1 TX Dati Ingresso dati con resistenza di ingresso di 50 kω minimi.

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli

CPU 32 bits. Specifiche Tecniche. Rif : MS-CPU32. Generale. Alimentazione. Batteria Interna al Litio. Memory

CPU 32 bits. Specifiche Tecniche. Rif : MS-CPU32. Generale. Alimentazione. Batteria Interna al Litio. Memory CPU 32 bits Rif : MS-CPU32 Scheda industriale con processore a 32bits IT Embedded (Web Server, email, FTP, IP forwarding, ) Supporto PLC completo (IEC1131-3, Basic, Linguaggio C, ) Hardware modulare rimovibile

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Martedì 20-05-2014 1 Ethernet Ethernet

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Martedì 27-05-2014 1 Una volta che una

Dettagli

Distribuzione del tempo UTC a reti di PC per scopi radioastronomici e generali. R. Ambrosini, G. Maccaferri, A. Maccaferri IRA 291/99

Distribuzione del tempo UTC a reti di PC per scopi radioastronomici e generali. R. Ambrosini, G. Maccaferri, A. Maccaferri IRA 291/99 Distribuzione del tempo UTC a reti di PC per scopi radioastronomici e generali R. Ambrosini, G. Maccaferri, A. Maccaferri IRA 291/99 1 Sommario Nella recente fase di progetto del radiotelescopio SRT si

Dettagli

(25 min) Esercizio 1. 1a) Vedi libro e appunti del corso.

(25 min) Esercizio 1. 1a) Vedi libro e appunti del corso. (5 min) Esercizio 1 1) Con una scheda di acquisizione dati, con dinamica d ingresso bipolare, si devono misurare i seguenti segnali su un circuito: V 1 tensione di alimentazione di una connessione USB

Dettagli

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

Fast Ethernet. Caratteristiche generali

Fast Ethernet. Caratteristiche generali Fast Ethernet Caratteristiche generali Nascita di Fast Ethernet La rapida crescita delle reti locali e lo sviluppo crescenti di applicazioni e servizi multimediali ha portato all'esigenza di realizzare

Dettagli

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet INFO-COM Dpt. Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione Università degli Studi di Roma La Sapienza 15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet Prof. R. R. Cusani Ethernet

Dettagli

Reti di accesso e mezzi trasmissivi

Reti di accesso e mezzi trasmissivi Reti di accesso e mezzi trasmissivi Domanda: come si connettono gli host agli edge router? Reti di accesso residenziale (da casa) Reti di accesso istituzionali (scuole, università, aziende) Reti di accesso

Dettagli

Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile CENTRO FUNZIONALE PER LA METEOROLOGIA, L IDROLOGIA E LA SISMOLOGIA

Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile CENTRO FUNZIONALE PER LA METEOROLOGIA, L IDROLOGIA E LA SISMOLOGIA REGIONE MARCHE Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile Sistema R.I.T.E. CENTRO FUNZIONALE PER LA METEOROLOGIA, L IDROLOGIA E LA SISMOLOGIA Capitolato d oneri Allegato

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

R-Log Radio data logger

R-Log Radio data logger > data loggers Highlights Uso portatile o sistema fisso; Sistema di misura multi-posizione con segnali radio per comunicazione da unità SLAVE a unità MASTER; N. 4 ingressi analogici, n. 1 ingresso digitale;

Dettagli

Componenti della rete

Componenti della rete Componenti della rete Nodi, Link e adattatori di rete (NIC) Modulazione e Multiplexing Tipologia di cavi - wireless Correzione d errore - rete affidabile Ethernet - reti ad anello - reti wireless - reti

Dettagli

OROLOGIO PILOTA MCK 2245

OROLOGIO PILOTA MCK 2245 OROLOGIO PILOTA MCK 2245 Pilota e segnala Per pilotare impianti di orologeria centralizzata e controllare a programma dispositivi di segnalazione acustica e di illuminazione Solari ha progettato e realizzato

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 3 Martedì 11-03-2014 1 Accesso alla rete Gli host possono connettersi

Dettagli

OFDM. Prof. Carlo S. Regazzoni. Department of Biophysical and Electronic Engineering, University of Genoa, Italy A.A. 2009-2010

OFDM. Prof. Carlo S. Regazzoni. Department of Biophysical and Electronic Engineering, University of Genoa, Italy A.A. 2009-2010 INTRODUZIONE ALLE TECNICHE DI SINCRONIZZAZIONE TEMPO-FREQUENZA IN SISTEMI OFDM Luca Bixio Prof. Carlo S. Regazzoni Department of Biophysical and Electronic Engineering, University of Genoa, Italy A.A.

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

NTP. (Sincronizziamo gli orologi)

NTP. (Sincronizziamo gli orologi) NTP (Sincronizziamo gli orologi) Definizione (rfc1305) NTP provides the mechanisms to synchronize time and coordinate time distribution in a large, diverse internet operating at rates from mundane to lightwave.

Dettagli

CORSO DI ELETTRONICA DELLE TELECOMUNICAZIONI. Il sistema GPS

CORSO DI ELETTRONICA DELLE TELECOMUNICAZIONI. Il sistema GPS CORSO DI ELETTRONICA DELLE TELECOMUNICAZIONI Il sistema GPS G. Lullo A. A. 2008-2009 Il sistema GPS NAVigation System with Timing And Ranging Global Positioning System NAVSTAR-GPS Caratteristiche del sistema:

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

LA GARANZIA DI UN LIVELLO AUDIO OTTIMALE, SEMPRE LIVELLO OTTIMALE In questo caso A.L.S. provvede ad aumentare il livello audio fino al livello ottimale. LIVELLO OTTIMALE In questo caso A.L.S. non interviene

Dettagli

Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano

Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano TECNOLOGIA VoIP INTRODUZIONE In questo documento verranno trattati i caratteri principali della tecnologia

Dettagli

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz]

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz] 58 Ponti radio Per ponte radio si intende un sistema di collegamento, bidirezionale, a larga banda, che utilizza le onde elettromagnetiche per trasmettere informazioni sia analogiche sia digitali. I ponti

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Cap. 7 Tecnologie Ethernet

Cap. 7 Tecnologie Ethernet CCNA_1 (Versione 3.1) Networking basics Marco Ciampi m.ciampi@ithum.it 2/45 Ithum Learning License Licenza d uso del materiale didattico Questo documento e tutto il materiale prodotto da Ithum S.r.l. e

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

Interfacce seriali Circuiti a radiofrequenza. Massimo Pozzoni Guido Albasini

Interfacce seriali Circuiti a radiofrequenza. Massimo Pozzoni Guido Albasini Interfacce seriali Circuiti a radiofrequenza Massimo Pozzoni Guido Albasini Stretta collaborazione dal 1999 Laboratorio congiunto Università di Pavia STMicroelectronics http://www.unipv.it/sdm 2 Studio

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni Si consiglia di leggere attentamente il testo proposto prima di segnare la risposta. Seconda Prova La prova

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

LE RETI OTTICHE PASSIVE

LE RETI OTTICHE PASSIVE LE RETI OTTICHE PASSIVE Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia INDICE La rete di accesso Le reti ottiche passive Gli Standard

Dettagli

1.1 Introduzione. 1.2 Rumore del ricevitore

1.1 Introduzione. 1.2 Rumore del ricevitore 1.1 Introduzione La descrizione di un ricevitore HF comprende diversi parametri tecnici che devono illustrare la qualità di un blocco o di tutto il sistema HF. Per rendere più chiari tutti questi dati

Dettagli

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA OGGETTO : cenni sul seminario GPS del 24/09/2010 1) GNSS E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO: IL sistema GPS (ovvero Global Positioning System) è un sistema di posizionamento globale

Dettagli

TITOLO ESPERIENZA: Progetto Arduino GPS OBIETTIVO: Realizzare tramite Arduino un sistema di localizzazione GPS

TITOLO ESPERIENZA: Progetto Arduino GPS OBIETTIVO: Realizzare tramite Arduino un sistema di localizzazione GPS TELECOMUNICAZIONI RELAZIONE DI LABORATORIO CLASSE 5 A Informatica PROGETTO GPS TITOLO ESPERIENZA: Progetto Arduino GPS OBIETTIVO: Realizzare tramite Arduino un sistema di localizzazione GPS Materiali usati

Dettagli

Contenitore Rack Industriale 19 4U. Possibilità di utilizzare antenne singole o combiner concentratori multipli

Contenitore Rack Industriale 19 4U. Possibilità di utilizzare antenne singole o combiner concentratori multipli Architettura scalabile: grazie alla possibilità di espansione fino a 30 canali GSM-UMTS (anche in configurazioni miste) con modularità 2, incontra in maniera precisa i bisogni attuali del Cliente e ne

Dettagli

Ricevitori GPS per reti SFN

Ricevitori GPS per reti SFN Analisi della stabilità a lungo termine e funzionamento in condizioni di hold over, con verifica del recupero della fase del 10 MHz Andrea Bertella, Bruno Sacco, Mirto Tabone Rai - Centro Ricerche e Innovazione

Dettagli

Introduzione. Sommario: Obiettivo:

Introduzione. Sommario: Obiettivo: Introduzione Obiettivo: Introduzione alle reti di telecomunicazioni approccio: descrittivo uso di Internet come esempio Sommario: Introduzione Cos è Internet Cos è un protocollo? network edge network core

Dettagli

DRTS 33. Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter

DRTS 33. Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter Sistema multi-funzione per la verifica di tutte le tipologie di relè: elettromeccanici,

Dettagli

Laboratorio di Tempo e Frequenza

Laboratorio di Tempo e Frequenza Laboratorio di Tempo e Frequenza L'attività dell'inrim nel campo della metrologia del tempo e della frequenza ebbe inizio nel 1937 con la messa in funzione del primo campione di frequenza del laboratorio,

Dettagli

Ciabatta Audio Digitale AVIOM Pro64

Ciabatta Audio Digitale AVIOM Pro64 Ciabatta Audio Digitale AVIOM Pro64 Il sistema di collegamento dell audio digitale Pro64 fornisce prestazioni elevate, flessibilità e semplicità per progetto ed installazione. Senza necessità di setup

Dettagli

Corso Creare una rete locale Lezione n. 1

Corso Creare una rete locale Lezione n. 1 Introduzione al Networking Introduzione Al giorno d oggi il Networking non è più un sistema riservato solo alle aziende di enormi dimensioni, ma interessa anche i piccoli uffici, le scuole e le case. Infatti

Dettagli

TM8110 & TM8115 veicolari

TM8110 & TM8115 veicolari Robustezza Trasmissione dati Integrazione TM8110 & TM8115 veicolari L'innovativa serie di apparati ad alte prestazioni Tait 8000 stabilisce un nuovo standard qualitativo nelle radio comunicazioni, grazie

Dettagli

gen-09 1/12 Prodotto omologato ENEL

gen-09 1/12 Prodotto omologato ENEL 1/12 Oscilloperturbografo Prodotto omologato ENEL PowerProbe On-line Contattateci! Vi forniremo il SW di comunicazione tramite il quale (via ADSL) potrete connettervi ai nostri dispositivi, visualizzare

Dettagli

Copyright X03951B04 - Ed. 1-04/14

Copyright X03951B04 - Ed. 1-04/14 SCOPIX BUS Allegatto all manuale d isttrruzzi ionii Bus «ARINC 429»... A-2 Bus «AS-I»... A-4 Bus «CAN High-Speed»... A-6 Bus «CAN Low-Speed»... A-8 Bus «DALI»... A-10 Bus «Ethernet 100Base-T»... A-12 Bus

Dettagli

www.wireless-led.com Wireless LED Control for Indoor & Outdoor Lighting

www.wireless-led.com Wireless LED Control for Indoor & Outdoor Lighting www.wireless-led.com Wireless LED Control for Indoor & Outdoor Lighting Indoor Smart Building INDOOR LIGHTING Gli edifici del futuro saranno in grado di acquisire dai propri sistemi informazioni utili

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Misure per la Automazione e la Produzione Industriale (Studenti Ingegneria Elettrica e Meccanica V anno Vecchio Ordinamento) Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Tempo e sincronizzazione nei

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Programma

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Programma INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 01-014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione (Parte I) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

21-Mar-03-2 ETLCE - B6-2003 DDC. 21-Mar-03-4 ETLCE - B6-2003 DDC. segnale modulato. transiszioni. finestra per trans fisse.

21-Mar-03-2 ETLCE - B6-2003 DDC. 21-Mar-03-4 ETLCE - B6-2003 DDC. segnale modulato. transiszioni. finestra per trans fisse. Modulo Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Elettronica delle telecomunicazioni Anelli ad aggancio di fase (PLL) B6 - Demodulatori e sincronizzatori» FSK, PSK, PAM» recupero dati/clock (CDR)»

Dettagli