frutto rosso Asia minore, frutto nero America del nord, mora giapponese Cina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "frutto rosso Asia minore, frutto nero America del nord, mora giapponese Cina"

Transcript

1 PICCOLI FRUTTI Piccoli frutti è di derivazione inglese small fruits, che sta a indicare non tanto la minore importanza di queste coltivazioni, quanto semplicemente la piccola pezzatura dei frutti stessi. Lampone a frutto rosso, giallo e nero, Mora giapponese Ribes a frutto rosso, giallo e nero, Uva spina a frutto giallo e rosso Josta Mirtillo, Mirtillo gigante americano, Mirtillo rosso Mora di rovo Tayberry Amelanchier

2 LAMPONE Famiglia : Rosacee Genere : Rubus Specie : ideus occidentalis phoenicolasius Origini : frutto rosso Asia minore, frutto nero America del nord, mora giapponese Cina CARATTERISTICHE BOTANICHE É una pianta a portamento cespuglioso. Emette tralci annuali da gemme situate sulle radici all altezza del colletto. Varietà unifere (lampone rosso, nero, mora giapponese). Varietà bifere (lampone rosso, giallo). Fiori sono autofertili nella maggior parte delle cultivar. Frutti sono delle more costituite da una aggregazione di piccole drupe. L apparato radicale è superficiale e fascicolato. Preferisce un terreno leggermente acido (ph 6,0-6,5), di medio impasto, tendente allo sciolto, profondo, permeabile, non soggetto ad eccessi di umidità e ricco di sostanza organica (3%). Soffre i caldi estivi eccessivi, è resistente alle basse temperature invernali (-22 C). Si riproduce per POLLONE RADICALE. Si alleva a filare ancorando mediante legatura i tralci a fili sostenuti da pali. Distanza tra le piante (1 m) e tra i filari (3 m). Profondità di impianto (non più di 15 cm). Fertilizzazione ricca di S.O. Irrigazione (microirrigazione).

3 POTATURA DELLE VARIETÀ UNIFERE Fine del primo anno di vegetazione. Si taglia raso terra lo spezzone di tralcio lungo cm che risulta dall impianto e si spuntano all altezza di 60 cm dal suolo 1 o 2 polloni scelti tra i migliori sviluppati durante l anno. Fine del secondo anno di vegetazione. Si tagliano raso terra i vecchi tralci che hanno prodotto nell estate e vengono scelti 3-4 nuovi tralci che andranno spuntati all altezza di cm a seconda del vigore. Fine del terzo anno di vegetazione. Vengono ripetute tutte le operazioni dell anno precedente e scelti 4-5 tralci nuovi per ogni ceppo, che andranno legati al filo a ventaglio e spuntati 10 cm al di sopra della legatura al filo zincato. Nel quarto anno di vegetazione il lamponeto si può considerare in piena produzione. POTATURA DELLE VARIETÀ BIFERE O RIFIORENTI Per queste varietà le operazioni di potatura variano leggermente in quanto la pianta è in grado di produrre due volte all anno: la prima volta a fine giugno-luglio sui tralci del secondo anno; la seconda volta da fine agosto, settembre, ottobre, novembre sulla parte terminale dei polloni dell anno. La potatura invernale si limita al taglio dei tralci vecchi, ormai esauriti e secchi, che hanno prodotto nei mesi di giugno-luglio e alla spuntatura di nuovi tralci, scelti in numero di 4-5, all altezza di cm in corrispondenza del primo rametto fruttifero emesso durante l estate.

4 Una variante alla tecnica classica: Con la potatura invernale si possono tagliare raso terra tutti i tralci del ceppo. Con questo taglio si perde il primo raccolto estivo, ma si anticipa di 8-10 giorni l inizio della maturazione del secondo raccolto aumentando nel contempo la produzione unitaria. PRINCIPALI AVVERSITÀ I parassiti animali e vegetali che insidiano il lampone, pur essendo numerosi e talvolta pericolosi per la coltura, possono essere sufficientemente controllati mediante l applicazione razionale delle pratiche colturali. É possibile, quindi, ottenere una produzione assente da residui di fitofarmaci in quanto si possono evitare o ridurre al minimo indispensabile gli interventi antiparassitari. Insetti parassiti: Antonomo ( Anthonomus rubi), Verme del lampone (Byturus tomentosus), Cecidomia (Resseliella theobaldi). Parassiti fungini: Muffa grigia (Botrytis cinerea), Necrosi radicale e del colletto (Phytophtora fragariae var. rubi), Cancro del fusto (Didymella applanata). Considerata la sensibilità dei frutti del lampone agli attacchi di muffa grigia, sarebbe opportuno evitare qualsiasi forma di irrigazione. Le forme irrigue per scorrimento, a pioggia e a spruzzo sono sconsigliate. Virosi Batteriosi

5 RIBES Famiglia : Sassifragaceae Genere : Ribes Specie : rubrum (rosso, rosato, bianco) nigrum (nero) grossularia (uva spina bianca, rossa) Origini : delle zone alpine dei Paesi dell Europa settentrionale (isole Britanniche, Francia, Belgio, Germania, Polonia) CARATTERISTICHE BOTANICHE 1. I ribes, rosso, bianco, nero, sono arbusti cespugliosi non spinosi che producono fiori e frutti (bacche) in grappoli pendenti. 2. L uva spina è invece spinosa, ma non sempre ed ha fiori singoli oppure a due o a tre, i frutti sono delle bacche. I fiori generalmente sono autofertili nel ribes rosso e uva spina. I fiori generalmente sono autosterili nel ribes nero, richiedono l impollinazione incrociata. Apparato radicolare superficiale, più profondo quello del ribes nigrum. Non emettono polloni radicali, ma rami avventizi dal ceppo. Le foglie sono palmate con margine dentato. I rami ad eccezione dell uva spina non sono spinosi.

6 IMPIANTO Terreno profondo ricco di S.O. Ph 6,0-6,5. Ribes nero 7,0-7,5. Irrigazione. Richiede un lungo periodo di freddo invernale. L impianto può essere eseguito in autunno (novembre) oppure a fine inverno. L impianto in zone dove le temperature invernali scendono molto raramente sotto allo zero è a rischio d insuccesso. Le piante vanno messe a dimora a poca profondità. Eseguito l impianto le piantine vanno spuntate a cm dal suolo. DISTANZE DI IMPIANTO Su un terreno di media fertilità, irrigabile le distanze consigliate sono: Ribes rosso, ribes bianco, ribes rosa 2,50-3 m fra le file e 0,80-1 m lungo la fila. Ribes nero 3 m fra le file e 1-1,50 m lungo la fila. Uva spina 2,5 m fra le file e 0,80-1 m lungo la fila. Josta 3 m fra le file e 1,50 m lungo la fila. Prima dell impianto è importante controllare le piantine al fine di scartare quelle che manifestano marciumi radicali, apparato radicolare ridotto ed attacchi da Sesia del ribes, un lepidottero xilofago la cui larva scava delle gallerie all interno del fusto. All atto della messa a dimora è utile ricordare che: L impianto può essere eseguito in autunno (novembre) oppure a fine inverno. L impianto in zone dove le temperature invernali scendono molto raramente sotto allo zero è a rischio d insuccesso. Le piante vanno messe a dimora a poca profondità. Eseguito l impianto le piantine vanno spuntate a cm dal suolo. SISTEMA DI ALLEVAMENTO La forma di allevamento più frequente per il ribes e l uva spina è il cespuglio, la spalliera o la siepe.

7 POTATURA Per il ribes rosso la produzione è prevalentemente sui rami di 2 anni ed è necessario procedere al parziale rinnovo dei rami tagliando alla base del ceppo quelli che hanno superato i 3-4 anni e sostituendoli con quelli di 1 anno sviluppati sempre dal ceppo. Dopo la potatura il cespuglio deve essere formato, da 4-6 rami di 2-3 anni rivestiti da rami di 1 anno e da 1 o 2 rami di un anno (sono sempre scelti i migliori) sviluppati dal ceppo in sostituzione di 1 o 2 rami vecchi tagliati perché avevano superato i 3-4 anni. Per il ribes nero e l uva spina il rinnovo della chioma deve ancora essere più evidente, in quanto tendono a produrre in prevalenza sui rami di 1 anno. Su queste specie, oltre alla sostituzione dei rami vecchi (3-4 anni) con rami nuovi (1 anno) provenienti dal ceppo, è opportuno praticare una serie di tagli di ritorno sui rami di 2 anni riportandoli sui rami di 1 anno meglio inseriti. RIPRODUZIONE Per tutti i ribes, uva spina e josta la moltiplicazione è molto facile ed alla portata di tutti, anche dei meno esperti. 1. Propagazione 2. Margotta di ceppaia 3. Talea AVVERSITÀ Cocciniglia bianca Afidi Sesia del ribes Antracnosi Oidio IBRIDI DI UVA SPINA X RIBES NERO JOSTA, EARLY JOSTA, JOGRANDA I rami sono sprovvisti di spine e ciò facilita notevolmente sia la coltivazione che la raccolta. Produce su rami di 2-3 anni e sui rami di 1 anno inseriti sui rami di 2-3 anni. Il frutto è una bacca rotonda leggermente ovale di colore nero opaco a piena maturazione, di dimensioni intermedie rispetto ai genitori. Polpa dolce, leggermente acidula, più gradevole rispetto ai frutti del ribes nero e meno dolce dell uva spina.

8 MIRTILLO Famiglia : Ericaceae Genere : Vaccinium Specie : myrtillus (nostrano) vitis-idaea (mirtillo rosso) corimbosus (gigante americano) macrocarpon (rosso americano o cranberry) Origini: V. Myrtillus: nord Europa V. Vitis-idaea: nord Europa V. Corimbosus: nord America V. macrocarpon: nord America CARATTERISTICHE BOTANICHE V. myrtillus ha bacche di colore nero-violaceo ed hanno sapore acidulo ma molto gradevole. V. vitis-idaea i suoi frutti hanno la forma ed il colore di una piccolissima ciliegia, sono amarognoli, succosi e molto rinfrescanti. V. macrocarpon (mirtillo rosso americano o cranberry ), è molto diffuso nel Nord America in suoli acidi e sabbiosi o in ambienti paludosi. I frutti, raccolti con macchine speciali, vengono inscatolati o consumati cotti sotto forma di marmellate e gelatine, o se ne ricavano bevande. Negli Stati Uniti la marmellata di cranberry costituisce un contorno tradizionale per il tacchino arrosto.

9 CARATTERISTICHE BOTANICHE La pianta è un cespuglio a portamento prevalentemente eretto che manifesta uno sviluppo nettamente superiore rispetto al mirtillo nero spontaneo. In condizioni ottimali di clima e di terreno, la pianta può raggiungere i due metri di altezza e produrre oltre 2 kg di bacche. Apparato radicale: è fascicolato e costituito da radici sottili e poco profonde, emette ogni anno dei polloni che permettono di rinnovare periodicamente i rami vecchi che costituiscono la chioma. Rami: I rami di 3-4 anni sono grigio-biancastri, mentre quelli di 1 anno, a seconda della varietà possono essere di colore verde-giallo o rossiccio. I rametti di 1 anno che portano le gemme a fiore sono molto fragili. Foglie: sono caduche, di colore verde-lucente, di forma ovale con il bordo leggermente seghettato. Fiori: inseriti sui rametti di 1 anno, sono raggruppati in infiorescenze (racemi) quasi sempre rivolti verso terra, di colore bianco-rosato. Sono autofertili. Frutto: è una bacca rotondeggiante o leggermente schiacciata ai poli che può raggiungere le dimensioni di un frutto di azzeruolo e risulta sensibilmente più grosso del frutto del mirtillo spontaneo (peso medio 3 grammi). La maturazione dei frutti è scalare.

10 ESIGENZE PEDOCLIMATICHE Riguardo al clima le esigenze del mirtillo sono limitate. - La pianta resiste anche a -30 C purchè i rami siano ben lignificati. - La pianta per produrre necessita di un buon periodo di freddo durante l inverno. - La pianta predilige terreni sciolti, permeabili, freschi, profondi, ricchi di sostanza organica con totale assenza di calcare attivo. Il ph ottimale oscilla dal 4,5 a 5,5 quindi da molto acido ad acido. RIPRODUZIONE Il mirtillo gigante si riproduce quasi esclusivamente per talea legnosa (riproduzione agamica). IMPIANTO Il trapianto avviene a fine inverno o in primavera inoltrata (aprile-maggio), con piante già in vegetazione ma contenute in vaso e quindi di sicuro attecchimento. Come è già stato detto, per il mirtillo vanno scelti terreni acidi con ph oscillante da 4,5 a 5.5. L irrigazione è indispensabile a causa della superficialità del suo apparato radicale ed alla sensibilità alla siccità prolungata. Le distanze d impianto per il mirtillo gigante sono: lungo la fila cm; tra le file 300 cm. É bene ricordare inoltre che: al momento dell impianto occorre conservare intatta la zolla che avvolge le radici. l apparato radicale è molto superficiale per cui se viene posto a dimora a eccessiva profondità il fallimento dell impianto è quasi certo. Eseguito l impianto occorre accorciare alcuni rami sfoltendo la chioma del 50%. TECNICA COLTURALE La pianta si alleva a cespuglio libero con 4-5 branche che partono dal ceppo. POTATURA DI ALLEVAMENTO E DI PRODUZIONE - Nei primi 2-3 anni occorre limitare la produzione tramite un severo diradamento dei rami fruttiferi. - Alla fine del quarto anno dall impianto, la potatura va eseguita operando uno sfoltimento della chioma con: 1. dei tagli di ritorno sulle branche principali. 2. sulle branche secondarie. 3. sfoltimento delle branchette al fine di ridurre del 40-50% il numero dei rami a frutto di 1anno.

11 4. annualmente vanno anche tagliati i polloni che si sono sviluppati dal ceppo, avendo cura di selezionare quelli destinati a sostituire qualche vecchia branca. 5. se non viene applicata una severa potatura, la pianta, dopo un eccesso di produzione perde l equilibrio vegetativo, si indebolisce e limita progressivamente la formazione di nuovi rami. PRINCIPALI AVVERSITÀ Si sono verificati degli sporadici attacchi di ifantria americana) sulle foglie. Qualche macchia di crittogama sul fusto. I maggiori danni sono provocati dalle abbondanti nevicate che tendono a schiacciare la pianta addirittura rompendo i rami, oppure dagli uccelli (stornelli, passeri, fringuelli) nel momento della maturazione. Nel primo caso occorre proteggere la pianta legandola strettamente ad un paletto tutore; nel secondo caso si possono proteggere i frutti con una rete in plastica. Attenzione alle scosciature provocate dalle abbondanti nevicate.

12 MORA DI ROVO Famiglia : Rosacee Genere : Rubus Specie : fruticosus Origini : non ben definite (i frutti già conosciuti ai tempi dei Greci e dei Romani) CARATTERISTICHE BOTANICHE Tralci: - la pianta è un cespuglio. - caratterizzata da un notevole vigore vegetativo. - con spine quelli spontanei. - senza spine quelli coltivati. - il nuovo tralcio si sviluppa solo in corrispondenza del ceppo dalle gemme localizzate nella zona del colletto. - i tralci hanno una durata di 2 anni: il primo anno si sviluppano ed il secondo producono disseccandosi dopo la raccolta. Apparato radicale: - è superficiale (15-20 cm) e manifesta un espansione nel suolo pari allo sviluppo annuale dei tralci. Foglie: - di forma ellittica con la punta acuta, glabre e con il bordo seghettato, sono di colore verde intenso nella pagina superiore e leggermente più chiaro in quella inferiore. - Sono composte e presentano sui rametti fruttiferi 3 foglioline, mentre nel tralcio dell annata 5 foglioline.

13 Fiori: - portati da infiorescenze a corimbo, formatesi sulla parte apicale dei rametti sviluppati sul tralcio al secondo anno. - petali abbastanza appariscenti di colore bianco sfumato di rosa. - la fioritura è scalare. - i fiori del rovo attirano le api (impollinazione entomofila). Frutto: - è una mora di forma allungata o rotondeggiante, di colore nero lucente, costituita dall aggregazione di tante piccole drupe (circa 20). - la maturazione dei frutti è scalare, inizia nella prima decade di luglio e può protrarsi fino in autunno. - Il sapore del frutto è dolce-acidulo, particolarmente gradevole quando la mora risulta perfettamente matura. ESIGENZE PEDOCLIMATICHE Si adatta alle condizioni pedoclimatiche più svariate. - resiste bene alle basse temperature invernali. - non soffre e sopporta bene le brinate tardive. - preferisce un clima caratterizzato da scarsa piovosità durante la fase della maturazione e della raccolta per evitare pericolose infezioni fungine. - il ph ideale oscilla dal 6 al 7. - soffre la siccità persistente a causa dell apparato radicale superficiale. - soffre gli eccessi di umidità che possono provocare dei marciumi. RIPRODUZIONE Il rovo si riproduce quasi esclusivamente per via agamica (propagazione): 1) Capogatto, 2) Propaggine, 3) Talea. IMPIANTO La concimazione e le lavorazioni del terreno sono quelle abituali. Accurato controllo delle piantine prima di eseguire l impianto al fine di consentire di scartare quelle prive di gemme basali. Il rovo non va piantato profondo, la pianta deve essere dotata di 1-2 gemme basali che daranno origine ai nuovi tralci. Le piante poste a dimora vanno spuntate all altezza di 15-20cm dal suolo. Durante il primo anno di vegetazione, occorre applicare ad ogni pianta un sostegno (canna) attorno al quale andranno legati i tralci sviluppati dal ceppo della pianta.

14 SISTEMA DI ALLEVAMENTO La forma di allevamento consigliata è il filare semplice con i tralci sistemati a ventaglio e legati ai fili di ferro. I pali devono essere lunghi 2,50-2,70 m ed il filo del n , lungo il filare verrà piantato un palo ogni 6-7 m a sostegno dei fili di ferro. Il primo filo si fisserà all altezza di 90cm da terra; il secondo a 180cm da terra; il terzo alla sommità del palo di sostegno. POTATURA La potatura si differenzia da quella degli altri piccoli frutti in quanto vengono effettuate anche due potature verdi durante la fase vegetativa. 1. Taglio di fine inverno aderente al ceppo dei tralci vecchi che hanno prodotto. 2. Selezione di tralci di 1 anno per ogni ceppo. 3. Ogni tralcio prescelto va ripulito fino all altezza di 70 cm da terra dai rami anticipati. 4. Al di sopra dei 70 cm le femminelle vanno spuntate. 5. I tralci prescelti per ogni ceppo dopo la potatura vanno legati aperti a ventaglio ai tre fili e spuntati cm sopra l ultima legatura. 6. Durante la fase vegetativa dovrà essere effettuata la prima potatura verde ( fine giugno-luglio). 7. La seconda potatura verde dovrà essere eseguita alla fine di luglio per un ulteriore sfoltimento del filare mediante la cimatura dei rami anticipati. PRATICHE COLTURALI L irrigazione va effettuata solo se si verifica lo stato di sofferenza idrica. Sono sconsigliati tutti quei metodi irrigui (scorrimento, pioggia, spruzzo) che favoriscono una elevata umidità relativa. Le forme irrigue consigliate sono quelle localizzate, cioè a goccia e con manichetta forata interrata. PRINCIPALI AVVERSITÀ Antonomo (anthonomus rubi). Muffa grigia (botrytis cinerea). Eventuali attacchi di oidio, ragnetto rosso, afidi, si manifestano con un intensità tale da richiedere raramente un intervento antiparassitario.

15 TAYBERRY Famiglia : Rosacee Genere : Rubus Specie : Loganobaccus (ibrido di rovo x lampone) Ottenuto e selezionato in Scozia da un miglioramento del rovello (Loganberry). A differenza del rovello i tralci del Tayberry sono ricoperti da numerose spine che creano delle difficoltà nelle comuni pratiche colturali e nella raccolta dei frutti. Produce frutti (more formate da un insieme di drupe) di forma allungata (5-6 cm), grossi, di colore rosso rubino a piena maturazione. La polpa è tenera, di colore rosso intenso, di sapore dolce-acidulo molto-aromatico, dal profumo molto intenso e marcato. La maturazione avviene intorno alla prima settimana di luglio. La produttività non è elevata. Le tecniche di coltivazione sono identiche a quelle del rovo: potatura, allevamento.

16 DIFETTI 1. Spinosità dei tralci. 2. Scarsa produttività. 3. Limitata resistenza al gelo invernale. 4. Nelle zone soggette ad abbondanti nevicate ed a inverni lunghi e rigidi, per evitare i danni da gelo, conviene lasciare i nuovi tralci a terra in modo che coperti dalla neve possano essere protetti dal freddo intenso. 5. Il rapido deterioramento dei frutti. La coltivazione è consigliata solo nelle zone temperate o con climi miti, oppure proteggendo i tralci con apposite coperture. Considerato l anticipo dell inizio della raccolta rispetto al rovo, la produzione del Tayberry consente di aumentare la gamma delle specie per confezionare macedonie, marmellate ecc. Il Rovello o Loganberry (ibrido lampone x rovo) ha caratteristiche simili al Tayberry, ma con dei miglioramenti: Non ha tralci spinosi. AVVERSITÀ Simili a quelle del rovo.

17 AMELANCHIER (Amelanchier canadensis) Famiglia : Rosaceae Genere : Amelanchier Specie : A. canadensis Origini : dell America del Nord (USA e Canada), Messico, Europa e Asia occidentale

18 CARATTERISTICHE BOTANICHE 1. Raccoglie circa 25-30, sono piante di modesto sviluppo (2-3 m l altezza max.), di aspetto cespuglioso. 2. Alcune specie sono spontanee anche in Italia alle alte quote e vengono citate sotto il nome di pero corvino. 3. La specie più interessante e che si può inserire fra quelle dei piccoli frutti è l A. canadensis. 4. Questa specie è un cespuglio a portamento semieretto, con foglie singole, di forma ovale e con margine leggermente seghettato. 5. La fioritura è molto appariscente e conferisce alla pianta un interessante aspetto ornamentale. 6. I fiori sono piccoli, di colore bianco, riuniti in grappoli spargoli. 7. Produce dei frutti (piccoli pomi) di colore rosso scuro, ricoperti da un leggero strato di pruina, la polpa è chiara, tenera, di sapore dolce, profumata, molto gradevole. 8. La dimensione dei frutti, è identica a quella delle bacche del biancospino. 9. La maturazione è scalare ed inizia a partire dalla prima decade di luglio. 10. La pianta si può moltiplicare per seme, per innesto su biancospino, per talea e per margotta da ceppaia, quest ultima forma di riproduzione è la più semplice e alla portata di tutti. 11. L impianto si esegue in autunno o a fine inverno. 12. La pianta non teme il freddo e manifesta, oltre a una notevole rusticità, anche una elevata resistenza al gelo. 13. Le distanze d impianto consigliate sono di cm lungo la fila e 300 cm fra le file. 14. La pianta entra in produzione al terzo anno d impianto e la maturazione dei frutti è scalare. 15. Per le caratteristiche organolettiche dei suoi frutti questa pianta dovrebbe conoscere una maggiore diffusione. L amelanchier può sostituire il mirtillo gigante americano nelle zone dove le caratteristiche chimiche del terreno (ph elevato) non consentono la coltivazione del mirtillo. Le sue esigenze sono limitate, sia in fertilizzazione e pratiche colturali, non necessita di trattamenti antiparassitari. Durante la maturazione i frutti vanno coperti con reti per evitare i danni degli uccelli.

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

Struttura della foglia

Struttura della foglia Struttura della foglia La struttura delle foglie varia per grandezza e forma apice nervatura lamina fogliare base stipole picciolo Forma della lamina fogliare a squama ad ago lineare ellittica ovale lanceolata

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Art. 1 Denominazione La Denominazione d'origine Protetta D.O.P. "CARTOCETO", è riservata al'olio Extravergine d'oliva rispondente alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Floating system per la produzione di mazzetti e il tappettino subirrigante per le piantine. Due innovazioni adottate dall azienda Ricci

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 C.E.C.A.T. Castelfranco V.to COMUNICATO TECNICO n 1/2014 (9-01-2014) PROGETTO VITE POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 Per ottenere dal vigneto il risultato migliore intermini di qualità

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

L arancio. Galleria di immagini Le arance Le zagare I mandarini I limoni I pompelmi Indovinelli Le filarance

L arancio. Galleria di immagini Le arance Le zagare I mandarini I limoni I pompelmi Indovinelli Le filarance L arancio La leggenda L albero Il frutto Gli agrumi La spremuta Le decorazioni Verifiche Galleria di immagini Le arance Le zagare I mandarini I limoni I pompelmi Indovinelli Le filarance Bevi un goccio

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

LE VARIETA VANNO PRENOT ATE AL PROPRIO FORNITORE

LE VARIETA VANNO PRENOT ATE AL PROPRIO FORNITORE Ernst Benary Samenzucht GmbH Postfach 11 27-34331 Hann. Münden - Germania Tel: +49 5541 70090, Fax: +49 5541 700920 info@benary.de - www.benary.de - www.benary.com L azienda Fondata a Erfurt nel 1843,

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Funghi e micotossine

Funghi e micotossine Funghi e micotossine Roberto Causin, Dipartimento TeSAF, Sezione Patologia Vegetale, Università degli Studi di Padova 1.1 Aspetti generali Si conoscono decine di generi e specie fungine (muffe) in grado

Dettagli

Leopoldo Tommasi. IL FRUTTETO FAMILIARE a conduzione biologica

Leopoldo Tommasi. IL FRUTTETO FAMILIARE a conduzione biologica Leopoldo Tommasi IL FRUTTETO FAMILIARE a conduzione biologica Indice pag Principi base per l impostazione 2 Il terreno 2 La preparazione del terreno per l impianto 2 Concimazione e concimi 3 Il sovescio

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

SCELTA DELLA VARIETA

SCELTA DELLA VARIETA 6. Scelte genetiche: le varietà e i portinnesti 6.1. Le varietà SCELTA DELLA VARIETA La scelta della varietà è in funzione di: tipo di terreno clima obiettivo produttivo o enologico sensibilità alle malattie

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Affidabilità senza condizioni

Affidabilità senza condizioni NOVITÀ Affidabilità senza condizioni Pergado: fungicida antiperonosporico per la vite Mandipropamid, una molecola dalle caratteristiche innovative Mandipropamid, molecola originale della ricerca Syngenta,

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Disciplinare di Produzione della Denominazione di Origine Protetta MELA VAL DI NON. Art. 1 Nome del prodotto. Art. 2 Descrizione del prodotto

Disciplinare di Produzione della Denominazione di Origine Protetta MELA VAL DI NON. Art. 1 Nome del prodotto. Art. 2 Descrizione del prodotto Disciplinare di Produzione della Denominazione di Origine Protetta MELA VAL DI NON Art. 1 Nome del prodotto La Denominazione di Origine Protetta mela Val di Non è riservata alle mele che rispondono alle

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige)

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Un roseto Il gazebo adiacente la casa sfrutta l estensione fra di un glicine centenario le nuvole e offre ombra e riparo nelle

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina Unità 1 Che tempo fa? Com è il tempo oggi? Sei un tipo meteoropatico? Quanto influisce il tempo sul tuo umore? Come ti senti in una giornata luminosa e soleggiata? E in una giornata umida e piovosa? Pioggia,

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole,

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, macchina monoseme ha 63,00 Con concimazione localizzata ha

Dettagli

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità La protezione delle culture agricole è la nostra specialità Ugelli antideriva ad aspirazione d aria ed accessori per irrorazione AirMix e TurboDrop i più conosciuti e diffusi nel mondo per la protezione

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli