N documenti: 174. Syllabus

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N documenti: 174. Syllabus"

Transcript

1 N documenti: 174 Syllabus

2 Testi del Syllabus Resp. Did. PASOTTI Stefano Matricola: Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: A ALGEBRA E GEOMETRIA Corso di studio: INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO Anno regolamento: 2014 CFU: 9 Settore: MAT/03 Tipo Attività: A - Base Anno corso: 1 Periodo: primo semestre

3 Testi del Syllabus Resp. Did. ZIZIOLI Elena Matricola: Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: A ALGEBRA E GEOMETRIA Corso di studio: INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO Anno regolamento: 2014 CFU: 9 Settore: MAT/03 Tipo Attività: A - Base Anno corso: 1 Periodo: primo semestre

4 Testi del Syllabus Resp. Did. TIBONI Michela Matricola: Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: ANALISI DEI SISTEMI URBANI E TERRITORIALI Corso di studio: INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO Anno regolamento: 2013 CFU: 9 Settore: ICAR/20 Tipo Attività: B - Caratterizzante Anno corso: 2 Periodo: primo semestre Testi in italiano Tipo testo Lingua insegnamento italiano Contenuti Obiettivi formativi Metodi didattici In sintesi, gli argomenti delle lezioni del corso riguardano: 1. Il territorio e i suoi fenomeni. Il territorio come sistema dinamico complesso. I fondamenti dell approccio spaziale all analisi del territorio. I concetti di territorio e ambiente ed i limiti dello sviluppo. Strutturazione e infrastrutturazione del territorio. L uso del suolo e i suoi effetti sull ambiente. 2. Gli strumenti per conoscere il territorio. La cartografia come strumento di conoscenza del territorio. Cartografia tradizionale e numerica a confronto. Il reperimento dei dati cartografici, statistici e ambientali. L interrogazione di banche dati ufficiali. 3. Gli strumenti per la gestione delle informazioni territoriali. I sistemi informativi geografici (GIS). La struttura di un GIS. Le diverse tipologie di GIS. GIS raster e vettoriali. 4. Le tecniche di indagine del territorio e dei suoi fenomeni. Le indagini primarie e secondarie sulle tematiche fisiche, storiche, socio-economiche. 5. Le aree a rischio naturale ed antropico. Lo studio delle aree a rischio (o meglio delle aree a diversa pericolosità, vulnerabilità ed esposizione), quale campo elettivo di conoscenza territoriale. La dimensione spaziale dei fenomeni e la rappresentazione statica di fenomeni dinamici. Il Corso presenta le problematiche e le modalità di analisi dei sistemi territoriali, esaminati nel loro contesto ambientale, delle variabili socioeconomiche dai quali sono influenzati e dei fenomeni di rischio fisico cui sono sottoposti, con la finalità di mettere in grado lo studente di disporre di strumenti per la gestione della conoscenza territoriale al fine della costruzione del Quadro conoscitivo per il progetto urbanistico e territoriale. A tal fine il corso prevede esercitazioni pratiche finalizzate all apprendimento di software di gestione di Sistemi Informativi Geografici (GIS) e del loro utilizzo nell ambito delle discipline Il corso consiste in lezioni teoriche frontali e in esercitazioni pratiche finalizzate a far acquisire allo studente le competenze necessarie allo svolgimento di analisi territoriali, per la costruzione del quadro conoscitivo propedeutico al processo di pianificazione, a scala urbana e territoriale.

5 Modalità di verifica dell'apprendimento L'esame consiste in una verifica delle conoscenze teoriche, a cui si affianca la redazione di un elaborato in cui lo studente mette in pratica ciò che ha acquisito durante le esercitazioni.

6 Testi del Syllabus Resp. Did. ROSSI Riccarda Matricola: Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: A ANALISI MATEMATICA I Corso di studio: INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO Anno regolamento: 2014 CFU: 9 Settore: MAT/05 Tipo Attività: A - Base Anno corso: 1 Periodo: primo semestre Testi in italiano Tipo testo Lingua insegnamento Italiano Contenuti Libri di testo/libri consigliati (vedere? al fine dell acquisizione dei libri allo SBA) Elementi di logica e teoria degli insiemi. Numeri reali. Numeri complessi. Successioni numeriche. Limiti e continuita`. Derivate. Serie. Integrali. Equazioni differenziali. Dispense del docente Marson, Baiti, Ancona, Rubino: Analisi Matematica 1. Teoria e Applicazioni. Carocci. Gianni Gilardi: Analisi Matematica di Base. Mc Graw Hill Bramanti, Pagani, Salsa: Analisi Matematica 1. Zanichelli. Obiettivi formativi Bonfanti, Secchi: Lezioni di Analisi Matematica 1. Snoopy, Introdurre lo studente ai concetti e alle tecniche fondamentali dell'analisi matematica in una variabile reale. Prerequisiti Nozioni elementari di algebra e trigonometria fornite dalla scuola superiore. Esponenziali e logaritmi. Metodi didattici Lezioni frontali e sessioni di esercitazione. Altre informazioni Nessuna. Modalità di verifica dell'apprendimento Gli appelli consisteranno in una prova scritta ed una orale.

7 Programma esteso (non in stampa) Nozioni di logica e di teoria degli insiemi. Numeri reali: Assiomi dei numeri reali. Estremo superiore ed inferiore. Numeri naturali, relativi e razionali. Funzioni di variabile reale. Numeri complessi: Definizione e prime proprieta`. Operazioni sui numeri complessi: somme, prodotti, potenze e radici. Successioni numeriche: Definizioni. Limiti di successioni. Sottosuccessioni. Successioni di Cauchy. Limiti e continuita`: Definzione di intorni e di continuita`. Limiti di funzioni e teoremi fondamentali. Limiti notevoli. Successioni. Derivate: Definizione di derivata e prime proprieta`. Regole di derivazione. Teoremi fondamentali sulle derivate. Applicazione delle derivate allo studio delle funzioni. Classificazione dei punti stazionari. Polinomio di Taylor. Funzioni convesse. Serie numeriche: Definizioni e criteri di convergenza. Integrali: Definizione di integrale di Riemann. Teorema della media. Teoremi fondamentali del calcolo. Integrazione per parti e sostituzione. Integrazione delle funzioni razionali fratte. Integrali impropri. Equazioni differenziali: Introduzione al problema. Risoluzione di alcuni tipi di equazioni differenziali ordinarie: equazioni a variabili separabili, lineari a coefficienti continui, lineari del secondo ordine a coefficienti costanti. Testi in inglese Tipo testo Lingua insegnamento Italian Contenuti Libri di testo/libri consigliati (vedere? al fine dell acquisizione dei libri allo SBA) Elements of formal logic and of set theory. Real numbers. Complex numbers. Sequences of real numbers. Limits and continuity. Theory of derivatives. Series of real numbers. The Riemann integral. Differential equations. Lecture notes of the course. Marson, Baiti, Ancona, Rubino: Analisi Matematica 1. Teoria e Applicazioni. Carocci. Gianni Gilardi: Analisi Matematica di Base. Mc Graw Hill Bramanti, Pagani, Salsa: Analisi Matematica 1. Zanichelli. Obiettivi formativi Prerequisiti Bonfanti, Secchi: Lezioni di Analisi Matematica 1. Snoopy, To introduce the students to the fundamental concepts and techniques of analysis in one real variable. Elementary notions of Algebra. Trigonometric functions. Exponentials and logarithms. Metodi didattici Lectures and exercise sessions. Altre informazioni No further information.

8 Modalità di verifica dell'apprendimento Programma esteso (non in stampa) A written exam followed by an oral exam. Notions of formal logic and of set theory. Real Numbers: Real numbers axioms. Sup/inf of a set of real numbers. Natural, relative and rational numbers. Functions of a real variable. Complex numbers: Definition and first properties. Operations: sum, product, powers. Sequences of real numbers: Definition. Limits. Subsequences. Cauchy sequences. Limits and continuity: Neighborhood of a point. Definition of continuity and limit of a function: basic properties. Sequences of real numbers. Theory of Derivatives: Definition of derivative and first properties. Rules of derivation. Fundamental theorems on derivatives. Application to the study of functions. Classification of critical points. Taylor's polynomial. Series of real numbers: Definitions and convergence criteria. Riemann Integral: Definition of Riemann integral. Fundamental theorems of calculus. Integration by parts and substitution. Integration of rational functions. Improper integrals. Differential equations: Resolution of certain types of ordinary differential equations: separation of variables, linear equation of first order, linear equation of second order with constant coefficients.

9 Testi del Syllabus Resp. Did. TREBESCHI Paola Matricola: Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: A ANALISI MATEMATICA I Corso di studio: INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO Anno regolamento: 2014 CFU: 9 Settore: MAT/05 Tipo Attività: A - Base Anno corso: 1 Periodo: primo semestre Testi in italiano Tipo testo Lingua insegnamento Italiano. Contenuti Libri di testo/libri consigliati (vedere? al fine dell acquisizione dei libri allo SBA) Elementi di logica e teoria degli insiemi. Numeri reali. Numeri complessi. Successioni numeriche. Limiti e continuita`. Derivate. Serie. Integrali. Equazioni differenziali. Dispense del docente. Bramanti, Pagani, Salsa: Analisi Matematica 1. Zanichelli. Canuto, Tabacco: Analisi Matematica 1 (3a edizione). Springer. Marson, Baiti, Ancona, Rubino: Analisi Matematica 1. Teoria e Applicazioni. Carocci. Gianni Gilardi: Analisi Matematica di Base. Mc Graw Hill Conti, Acquistapace, Savojni: Analisi Matematica. Mc Graw Hill Bonfanti, Secchi: Lezioni di Analisi Matematica 1. Snoopy, Obiettivi formativi Courant, Robbins: Cose' la matematica. Introduzione elementare ai suoi concetti e metodi. Bollati Boringhieri, Introdurre lo studente ai concetti fondamentali dell'analisi matematica in una variabile reale. Prerequisiti Nozioni elementari di algebra e trigonometria fornite dalla scuola superiore. Esponenziali e logaritmi. Metodi didattici Lezioni frontali e sessioni di esercitazione.

10 Altre informazioni Nessuna. Modalità di verifica dell'apprendimento Programma esteso (non in stampa) Gli appelli consisteranno in una prova scritta ed una orale. Nozioni di Logica e di teoria degli insiemi Numeri reali Assiomi dei numeri reali. Estremo superiore ed inferiore. Numeri naturali, relativi e razionali. Funzioni di variabile reale. Numeri complessi Definizione e prime proprieta`. Operazioni sui numeri complessi: somme, prodotti, potenze e radici. Successioni numeriche Definizioni. Limiti di successioni. Sottosuccessioni. Successioni di Cauchy. Limiti e continuita` Definzione di intorni e di continuita`. Limiti di funzioni e teoremi fondamentali. Limiti notevoli. Derivate Definizione di derivata e prime proprieta`. Regole di derivazione. Teoremi fondamentali sulle derivate. Applicazione delle derivate allo studio delle funzioni. Classificazione dei punti stazionari. Polinomio di Taylor. Funzioni convesse. Serie numeriche Definizioni e criteri di convergenza. Integrali Definizione di integrale di Riemann. Teorema della media. Teoremi fondamentali del calcolo. Integrazione per parti e sostituzione. Integrazione delle funzioni razionali fratte. Integrali impropri. Equazioni differenziali Introduzione al problema. Risoluzione di alcuni tipi di equazioni differenziali ordinarie: equazioni a variabili separabili, lineari a coefficienti continui, lineari del secondo ordine a coefficienti costanti Testi in inglese Tipo testo Lingua insegnamento Italian. Contenuti Elements of formal logic and of the theory of sets. Real numbers. Complex numbers. Sequences of real numbers. Limits and continuity. Theory of derivatives. Series of real numbers. Riemann integral. Differential equations.

11 Libri di testo/libri consigliati (vedere? al fine dell acquisizione dei libri allo SBA) Lecture notes. Bramanti, Pagani, Salsa: Analisi Matematica 1. Zanichelli. Canuto, Tabacco: Analisi Matematica 1 (3a edizione). Springer. Marson, Baiti, Ancona, Rubino: Analisi Matematica 1. Teoria e Applicazioni. Carocci. Gianni Gilardi: Analisi Matematica di Base. Mc Graw Hill Conti, Acquistapace, Savojni: Analisi Matematica. Mc Graw Hill Bonfanti, Secchi: Lezioni di Analisi Matematica 1. Snoopy, Obiettivi formativi Courant, Robbins: Cose' la matematica. Introduzione elementare ai suoi concetti e metodi. Bollati Boringhieri, To introduce the students to the fondamental techniques of the analysis in one real variable. Prerequisiti Elementary notions of Algebra. Trigonometric functions. Exponentials and logarithms. Metodi didattici Lectures and exercices sessions. Altre informazioni No futher informations. Modalità di verifica dell'apprendimento Programma esteso (non in stampa) Written exam followed by an oral exam. Notions of formal logic and theory of sets Real Numbers Axioms. Sup/inf of a set of real numbers. Natural, relative and rational numbers. Functions of a real variable. Complex numbers Definition and first properties. Operations: sum, product, powers. Sequences of real numbers. Definition. Limits. Subsequences. Cauchy sequences. Limits and continuity. Neighborhood of a point. Definition of continuity and limit of a function: basic properties. Theory of Derivatives Definition of derivative and first properties. Rules of derivation. Fondamental theorems on derivatives. Application to the study of functions. Classification of critical points. Taylor's polinomial. Series of real numbers Definitions and convergence criteria. Riemann Integral Definition of Riemann integral. Fundamental theorems of calculus. Integration by parts and substitution.

12 Integration of rational functions. Improper integrals. Convex functions. Differential equations Resolution of certain types of ordinary differential equations: separation of variables, linear equation of first order, linear equation of second order with constant coefficients.

13 Testi del Syllabus Resp. Did. SECCHI Paolo Matricola: Docente TREBESCHI Paola Matricola: Anno offerta: Insegnamento: Corso di studio: Anno regolamento: 2013 CFU: Settore: Tipo Attività: Anno corso: Periodo: 2014/ ANALISI MATEMATICA II INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO 9 MAT/05 A - Base 2 primo semestre Testi in italiano Tipo testo Lingua insegnamento Italiano Contenuti Elementi di base del calcolo differenziale e integrale delle funzioni reali di più variabili. Libri di testo/libri consigliati (vedere? al fine dell acquisizione dei libri allo SBA) Obiettivi formativi G. Bonfanti, P. Secchi: Lezioni di Analisi Matematica 2, Cartolibreria Snoopy, Brescia; M. Bramanti, C.D. Pagani, S. Salsa: Analisi matematica 2, Zanichelli. Il corso vuole fornire agli studenti del secondo anno gli strumenti di base del calcolo differenziale ed integrale per funzioni di più variabili. Prerequisiti Analisi Matematica I Modalità di verifica dell'apprendimento Programma esteso (non in stampa) Una prova scritta ed una prova orale. Calcolo differenziale per funzioni reali di più variabili Limiti, continuità, derivate parziali e direzionali, differenziabilità. Estremi liberi, classificazione dei punti stazionari, test della matrice hessiana e del determinante hessiano. Estremi assoluti e vincolati. Curve e integrali curvilinei Definizione di curva, parametrizzazione, lunghezza, ascissa curvilinea. Funzioni di più variabili a valori vettoriali. Integrali curvilinei di prima e

14 seconda specie. Gradienti e potenziali. Integrazione e derivazione in ambito vettoriale Differenziabilità di campi vettoriali; derivazione delle funzioni composte. Integrali multipli: definizioni, formule di riduzione, cambiamento di variabili. Formula di Gauss-Green nel piano. Gli operatori rotore, gradiente e divergenza. Superfici, area di una superficie, integrali di superficie. Teorema di Stokes. Teorema della divergenza. Successioni e serie di funzioni Successioni: convergenza puntuale ed uniforme. Serie di funzioni: convergenza puntuale, uniforme, totale; derivazione ed integrazione per serie. Serie di potenze e sviluppi in serie di Taylor. Serie di Fourier Serie trigonometriche. Serie di Fourier: definizione, convergenza in media, convergenza puntuale ed uniforme. Equazioni differenziali ordinarie Il problema di Cauchy per equazioni del primo ordine, soluzioni locali e globali. Cenno alla dipendenza continua dai dati. Equazioni differenziali di ordine superiore. Cenno ai sistemi di equazioni differenziali. Testi in inglese Tipo testo Lingua insegnamento Italian Contenuti Differential and integral calculus of functions with several variables. Libri di testo/libri consigliati (vedere? al fine dell acquisizione dei libri allo SBA) Obiettivi formativi G. Bonfanti, P. Secchi: Lezioni di Analisi Matematica 2, Cartolibreria Snoopy, Brescia; M. Bramanti, C.D. Pagani, S. Salsa: Analisi matematica 2, Zanichelli. The course aims at giving to the students of second year the basic tools of differential and integral calculus of functions with several variables. Prerequisiti Mathematical Analysis I Modalità di verifica dell'apprendimento Written and oral examination.

15 Programma esteso (non in stampa) Differential calculus for functions of several variables Limits, continuity, partial and directional derivatives, differentiability. Extremal points, classification of stationary points, test by Hessian matrix and Hessian determinant. Lagrange multipliers. Curves and line integrals Definition of curve parametrization, length, arc length. Vector-valued functions of several variables. Curvilinear integrals of the first and second species. Vector-valued functions, potentials, gradients. Integration and differentiation of vector-valued functions Differentiability of vector fields; derivation of composite functions. Multiple integrals: definitions, reduction formulas, change of variables. Gauss-Green formula in the plan. Operators rotor, gradient and divergence. Surfaces, area of a surface, surface integrals. Stokes' theorem. Gauss' divergence theorem. Sequences and series of functions Successions: pointwise and uniform convergence. Series of functions: pointwise, uniform, total convergence; derivation and integration term by term. Power series and Taylor series expansions. Fourier series Trigonometric series. Fourier series: definition, convergence in mean, pointwise and uniform convergence. Ordinary Differential Equations The Cauchy problem for first order equations, local and global solutions. Continuous dependence on the data. Differential equations of higher order. Systems of differential equations.

16 Testi del Syllabus Resp. Did. BONTEMPI Elza Matricola: Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: CHIMICA Corso di studio: INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO Anno regolamento: 2014 CFU: 9 Settore: CHIM/07 Tipo Attività: A - Base Anno corso: 1 Periodo: secondo semestre

17 Testi del Syllabus Resp. Did. PEDRAZZANI Roberta Matricola: Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: CHIMICA AMBIENTALE ED ECOLOGIA Corso di studio: INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO Anno regolamento: 2012 CFU: 6 Settore: CHIM/07 Tipo Attività: D - A scelta dello studente Anno corso: 3 Periodo: primo semestre Testi in italiano Tipo testo Lingua insegnamento Italiano Contenuti Libri di testo/libri consigliati (vedere? al fine dell acquisizione dei libri allo SBA) CHIMICA DEGLI EQUILIBRI FONDAMENTI DI CHIMICA ORGANICA AMBIENTALE ELEMENTI DI BIOCHIMICA E TOSSICOLOGIA AMBIENTALE CHIMICA DEL SUOLO E DELL'ATMOSFERA ELEMENTI DI ECOLOGIA Manahan;Chimica dell'ambiente; ;2000;piccin Baird, Cann;Chimica ambientale;2013; ;zanichelli Smith, Smith;Elementi di ecologia; ;2009;pearson Provini, Galassi, Marchetti;Ecologia applicata; ;1998;cittàstudi Lucidi e materiale integrativo saranno forniti dal docente durante il corso. Fare riferimento al testo di chimica generale per il ripasso di argomenti di base. Obiettivi formativi Prerequisiti L'obiettivo di questo corso è approfondire alcuni aspetti della chimica importanti nella pratica dell'ingegneria ambientale, in modo da assicurare agli allievi la conoscenza di alcune sostanze chimiche, della loro reattività e dei fenomeni chimici e biologici che ne determinano il destino all'interno delle matrici aria-acqua-suolo. La sezione di ecologia fornisce gli strumenti essenziali per comprendere le dinamiche naturali degli ecosistemi; riconoscere, comprendere e valutare il grado di alterazione indotta dall'uomo negli ecosistemi; conoscere i più efficaci provvedimenti per la tutela, il recupero ambientale, la mitigazione degli impatti negli ecosistemi acquatici. Sono infine presentati i fondamenti di alcune tecniche analitiche per fornire agli allievi una conoscenza di base nel campo del monitoraggio ambientale. Il corso può essere completato da alcune da una o più esercitazioni pratiche sul campo. E' opportuno che lo studente abbia superato l'esame di Chimica

18 Metodi didattici Lezioni, esercitazioni, seminari e visite tecniche Altre informazioni Nessuna Modalità di verifica dell'apprendimento Programma esteso (non in stampa) Prova scritta (esercizi e teoria) + prova orale (teoria). CHIMICA DEGLI EQUILIBRI Inquinamento acuto e cronico. Inquinanti primari e secondari. Parametri atti a descrivere il comportamento di una sostanza. Il "Model World" e la fugacità. Solubilità dei gas nei liquidi. O2 e CO2 in acqua. Equilibri CO2/HCO3- /CO32-. Acid neutralizing capacity. Acidità. Alcalinità. Durezza. Solidi sospesi, disciolti, colloidali, salinità, residuo fisso. Equilibri di solubilità. Effetto ione comune. Complessanti naturali e antropici. Il potenziale elettrochimico. Diagrammi di Pourbaix. FONDAMENTI DI CHIMICA ORGANICA AMBIENTALE Principali categorie di composti organici di interesse ambientale (pesticidi, solventi organici, tensioattivi, diossine, furani, PCB, IPA, PPCP, EDC,trialometani e altri sottoprodotti di disinfezione) e loro reazioni. ELEMENTI DI BIOCHIMICA E TOSSICOLOGIA AMBIENTALE Biotrasformazioni degli inquinanti. Bioaccumulo e biomagnificazione. ODth, COD e TOC. Principali test e parametri atti a descrivere la tossicità di sostanze/miscele. Le schede di sicurezza. CHIMICA DEL SUOLO E DELL'ATMOSFERA Struttura, stratificazione e composizione del suolo. Acidificazione, sodicizzazione; vulnerabilità del suolo nei confronti di inquinanti inorganici e organici. Composizione e stratificazione dell'atmosfera. Specie chimicamente reattive nell'atmosfera. Reazioni fotochimiche. Piogge acide, smog riducente e fotochimico. Il particolato atmosferico. Effetto serra: i principali gas serra, il potere riscaldante. Ozono troposferico e stratosferico. ELEMENTI DI ECOLOGIA La classificazione degli organismi viventi. Ecosistemi. Biocenosi. I cicli biogeochimici. Rete trofica del detrito. Bioindicatori e bioaccumulatori. Indici ecologici di interesse applicativo nell'ingegneria Ambientale. Il

19 biomonitoraggio. Testi in inglese Tipo testo Lingua insegnamento Italian Contenuti Libri di testo/libri consigliati (vedere? al fine dell acquisizione dei libri allo SBA) Obiettivi formativi Prerequisiti PHASE INTERACTIONS FUNDAMENTALS OF ENVIRONMENTAL ORGANIC CHEMISTRY PRINCIPLES OF BIOCHEMISTRY AND ENVIRONMENTAL TOXICOLOGY SOIL AND ATMOSPHERE CHEMISTRY FUNDAMENTALS OF ECOLOGY Manahan;Chimica dell'ambiente; ;2000;piccin Baird, Cann;Chimica ambientale;2013; ;zanichelli Smith, Smith;Elementi di ecologia; ;2009;pearson Provini, Galassi, Marchetti;Ecologia applicata; ;1998;cittàstudi Slides and extra material will be provided by the teacher. Please, consult books of fundamentals of chemistry for reharsal of preliminary topics. Main principles of environmental chemistry will be applied to engineering practice. Air, water, atmosphere and biosphere will be considered as strictly related: the behaviour of inorganic and organic pollutants and their distribution among these areas will be discussed. Besides, hints on monitoring techniques will be presented. Ecology section will be focused on ecosystems structure and dynamics; proper tools for their study and conservation will be provided, also by means field practical applications. Students should have passed the exam of Chemistry Metodi didattici Lectures, numerical examples, seminars, technical visits Altre informazioni None Modalità di verifica dell'apprendimento Programma esteso (non in stampa) Written test (exercises and theory) + oral test (theory) PHASE INTERACTIONS (Water chemistry, with details on ph, ORP, solubility equilibria, air, soil, sediment and biota interactions). FUNDAMENTALS OF ENVIRONMENTAL ORGANIC CHEMISTRY (Main organic pollutants) PRINCIPLES OF BIOCHEMISTRY AND ENVIRONMENTAL TOXICOLOGY (Biodegradation, persistence, bioaccumulation, biomagnification, ecotoxicology). SOIL CHEMISTRY (Definition and formation of soil, physical and chemical characteristics, soil vulnerability towards pollution). ATMOSPHERE CHEMISTRY (Definition, structure and composition; photochemistry, tropospheric and stratospheric ozone, acid rain, smog). ECOLOGY (Definition of ecosystem, population; hints on applied ecology).

20

21 Testi del Syllabus Resp. Did. MARMORI Renato Matricola: Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: DISEGNO Corso di studio: INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO Anno regolamento: 2014 CFU: 9 Settore: ICAR/17 Tipo Attività: C - Affine/Integrativa Anno corso: 1 Periodo: primo semestre

22 Testi del Syllabus Resp. Did. REDONDI Renato Matricola: Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: ECONOMIA APPLICATA ALL'INGEGNERIA Corso di studio: INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO Anno regolamento: 2014 CFU: 6 Settore: ING-IND/35 Tipo Attività: B - Caratterizzante Anno corso: 1 Periodo: secondo semestre

23 Testi del Syllabus Resp. Did. FOGLI Daniela Matricola: Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: ELEMENTI DI INFORMATICA E PROGRAMMAZIONE Corso di studio: INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO Anno regolamento: 2014 CFU: 6 Settore: ING-INF/05 Tipo Attività: A - Base Anno corso: 1 Periodo: secondo semestre

24 Testi del Syllabus Resp. Did. GUBIAN Paolo Matricola: Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: ELETTROTECNICA Corso di studio: INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO Anno regolamento: 2012 CFU: 6 Settore: ING-IND/31 Tipo Attività: D - A scelta dello studente Anno corso: 3 Periodo: primo semestre

25 Testi del Syllabus Resp. Did. BIANCHI Roberta Matricola: Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: ESTIMO Corso di studio: INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO Anno regolamento: 2012 CFU: 9 Settore: ICAR/22 Tipo Attività: D - A scelta dello studente Anno corso: 3 Periodo: secondo semestre

26 Testi del Syllabus Resp. Did. TIRA Maurizio Matricola: Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: A ETICA DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE Corso di studio: INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO Anno regolamento: 2012 CFU: 3 Settore: NN Tipo Attività: D - A scelta dello studente Anno corso: 3 Periodo: primo semestre Testi in italiano Tipo testo Lingua insegnamento Italiano Contenuti Il corso si compone di tre parti A) Etica fondamentale: la grammatica di base 0) Introduzione 1) Da una visione di uomo, una visione di etica 2) Che cos è l etica? Il concetto di responsabilità 3) Bene comune/beni comuni 4) Etica nella società plurale B) Etica professionale: come l'etica diventa "stile" di una professione 5) Etica e professioni 6) Etica come "forma" della professione 7) Etica professionale e codice deontologico 8) Il codice deontologico dell Ingegnere 9) Responsabilità socio-ambientale e enterpreneurship Libri di testo/libri consigliati (vedere? al fine dell acquisizione dei libri allo SBA) Obiettivi formativi C) Etica applicata: strumenti di lavoro 10) Etica e ambiente (1): introduzione 11) Etica e ambiente (2): salute umana 12) Etica e ambiente (3): energia e rifiuti 13) Etica e ambiente (4): pianificazione urbanistica 14) Sostenibilità ambientale e orientamento alle nuove professioni R Escolà and J I Murillo, etica per ingegneri, Editrice Mazziana, 2002 Notes of the course Scopo del corso è introdurre gli studenti ai fondamenti dell'etica, all'etica ambientale e al codice deontologico dell'ingegnere

27 Prerequisiti Nessuno Metodi didattici Il corso, seminariale, è tenuto da diversi docenti esperti dei diversi temi trattati con lezioni frontali Modalità di verifica dell'apprendimento La verifica avviene tramite esame orale Testi in inglese Tipo testo Lingua insegnamento Italian Contenuti The course is made of three parts A) Basic of ethics 0) Introduction 1) From a vision of man, a vision of ethics 2) What is ethics? The concept of responsibility 3) Common good / Commons 4) Ethics in a plural society B) Professional Ethics: how ethics becomes a way of living profession 5) Ethics and professions 6) Ethics as a "shape" of profession 7) Professional Ethics and deonthological code 8) The deonthological code of engineer 9) Socio-environmental responsibility and enterpreneurship Libri di testo/libri consigliati (vedere? al fine dell acquisizione dei libri allo SBA) Obiettivi formativi C) Applied ethics: a tool box 10) Environment and ethics (1): introduction 11) Environment and ethics (2): human health 12) Environment and ethics (3): energy and wastes 13) Environment and ethics (4): urban planning 14) Environmental sustainability and new jobs R Escolà and J I Murillo, etica per ingegneri, Editrice Mazziana, 2002 Notes of the course Goal of the course is to introduce to basic of ethics, namely environmental ethics, and the deonthological code of engineers Prerequisiti no one Metodi didattici The course, made of several seminars of expert teachers is made of frontal lessons Modalità di verifica dell'apprendimento Oral exam

28

29 Testi del Syllabus Resp. Did. VENTURELLI Luca Matricola: Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: A FISICA SPERIMENTALE I (MECC., TERM.) Corso di studio: INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO Anno regolamento: 2014 CFU: 9 Settore: FIS/01 Tipo Attività: A - Base Anno corso: 1 Periodo: secondo semestre Testi in italiano Tipo testo Lingua insegnamento Il corso e gli esami sono in lingua italiana. Contenuti Libri di testo/libri consigliati (vedere? al fine dell acquisizione dei libri allo SBA) MECCANICA METROLOGIA VETTORI CINEMATICA DEL PUNTO MATERIALE DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE SISTEMI DI RIFERIMENTO CONSERVAZIONE DELLA ENERGIA DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI URTI DINAMICA DEL CORPO RIGIDO OSCILLAZIONI ONDE GRAVITAZIONE MECCANICA DEI FLUIDI ELEMENTI DI TERMODINAMICA TERMOMETRIA E CALORIMETRIA SISTEMI TERMODINAMICI CALORE, LAVORO E PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TEORIA CINETICA DEI GAS SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA REVERSIBILITÀ - TEMPERATURA ASSOLUTA Un testo di fisica (meccanica e termodinamica) purché a livello universitario Ad esempio: FISICA 1 R.Resnick, D.Halliday, KS.Krane. Fisica 1 (5a ed.), CEA ISBN ELEMENTI DI FISICA vol 1 Meccanica, Termodinamica P. Mazzoldi, M. Nigro, C. Voci II edizione - EdiSES, Napoli ISBN

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e - Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Fisica Generale 1 1 Il sistema massa-molla: Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore L art. 32 del D. Lgs. 81/08 disciplina i requisiti per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e ASPP. Tali requisiti

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12.1 Introduzione Una seconda modalità di trasmissione del calore, detta convezione termica, ha luogo quando almeno uno dei due corpi che si scambiano calore è un

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

F=ma Ma cosa è F? Cosa è m? Cosa è a? Pietro Cerreta AIF & Associazione ScienzaViva Calitri

F=ma Ma cosa è F? Cosa è m? Cosa è a? Pietro Cerreta AIF & Associazione ScienzaViva Calitri AIF F=ma Ma cosa è F? Cosa è m? Cosa è a? Pietro Cerreta AIF & Associazione ScienzaViva Calitri Breve raccolta antologica di risposte fornite da scienziati famosi e da esperti in didattica della fisica

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Debora de Chiusole PhD Candidate deboratn@libero.it Università degli Studi di Padova Dipartimento FISPPA

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Dipartimento di Ingegneria Civile Laura Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali A.A. 2014-2015 RELAZIONE DI FINE TIROCINIO INTRODUZIONE ALL'USO DEL SOFTWARE GIS UDIG Tirocinante:

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Acustica con una Bic e uno smartphone

Acustica con una Bic e uno smartphone 1 Acustica con una Bic e uno smartphone L. Galante #, 1, A. M. Lombardi*, 2 # LSS G. Bruno, Torino, Italy. * ITCS Primo Levi, Bollate (MI), Italy. Abstract. A smartphone, with its integrated sensors and

Dettagli