LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO"

Transcript

1 Roma, 1 2 o9obre 2010 CONVEGNO QUANDO I CONTI NON TORNANO Modelli neuropsicologici e riabilitazione della discalculia LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO Servizio per la diagnosi e lo studio delle psicopatologie dell apprendimento. UONPIA Azienda Ospedaliera San Paolo Milano Direttore: prof. Carlo Lenti

2 ADOLESCENTI DISCALCULIA EVOLUTIVA DISLESSIA - DISCALCULIA

3 ADOLESCENTI In quesm due ulmmi anni ( ) il nostro servizio ha visitato 629 pazienm con sospe9o DSA. Il 14% di essi frequenta la scuola secondaria di II grado (licei, tecnici, professionali), ed è la prima volta che chiede una visita. Il 69% di essi risulta posimvo per dislessia e disortografia. Le Secondarie di secondo grado sono l ordine di scuola che maggiormente disconosce le problemamche dei DSA. In fase diagnosmca spesso sono umlizzam strumenm diagnosmci e fonm normamve inadeguam perchè riferim alla scuola media (rischio di falsi nega<vi). Gli adolescenm molto spesso non vogliono far conoscere il loro problema a scuola e rifiutano gli strumenm compensamvi. EMERGENZA ADOLESCENTI

4 DISCALCULIA EVOLUTIVA Un po di storia (nostra) Piaget / Chomsky e il modulo numerico innato Cogresso Milano Dehaene e Bu9erworth

5 Dehaene (1992). Dehaene, Cohen 1997 Modello del Triplice codice

6 BuBerworth ( ) - Esistenza di un modulo numerico innato che consente di apprezzare la numerosità - Evidenza che la capacità di apprezzare la numerosità è alla base di tu9e le successive abilità di calcolo e di processamento numerico - Possibilità in età di sviluppo e adulta di misurare l efficienza delle rappresentazioni di Mpo analogico proprie del modulo numerico innato: subimzing e giudizi di grandezza

7 Prove di apprezzamento della numerosità deficitarie. Le difficoltà di processamento numerico e di calcolo sono interpretate come secondarie ad una disfunzione del modulo numerico innato. DISCALCULIA EVOLUTIVA Prove di apprezzamento della numerosità adeguate. Le difficoltà di processamento numerico e di calcolo sono interpretate come secondarie ad un distorto rapporto tra il soggetto e tutto quanto nell ambiente da informazione sui numeri NO DISCALCULIA EVOLUTIVA

8 Bu9erworth Dyscalculia Screener

9 XIII Congresso Nazionale AIRIPA Urbino 2004 Disfunzioni del modulo numerico innato all origine della discalculia evolu<va? D. Marzora< *, M. Morini **, E. Profumo ***, R. Serafino***, M. FriBoli *** Studiamo 123 soggetti cui è stato somministrato il Dyscalculia sceener ed una batteria di prove di calcolo a mente, scritto, lettura e scrittura di numeri Evidenze di doppie dissociazioni sosterrebbero l ipotesi dell indipendenza delle aree descritte dal Triplice codice

10 CONSENSUS Raccomandazioni per la diagnosi Riconosce la discalculia evolumva tra i DSA Diagnosi non prima della fine della III elementare Necessità di un modello neuropsicologico preciso (non sceglie) Riconosce l esistenza di un modulo numerico innato e del number sense Riconosce la necessità di rilevare sia la rapidità che la corre9ezza NESSUNA INDICAZIONE SULLE AREE DA INDAGARE E SUI CRITERI DI INCLUSIONE SPECIFICI.

11 Tentiamo di dire qualcosa su una materia i cui confini sono poco determinati e relativamente ad una finestra cronologica critica. CAMBIO TITOLO ALL INTERVENTO Difficoltà specifiche nell ambito numerico in soggeh dislessici..

12 In le9eratura Dislessia e discalculia

13 ROURKE (1993, 1996), SHALEV (1997) BUTTERWORTH (2004), NOEL (2008) Studiano quadri neuropsicologici e competenze matema<che di soggea dislessici- discalculici e soggea solo- discalculici Rourke Sostiene che i dislessici- discalculici hanno solo lievi difficoltà in matematica, secondarie al disturbo di linguaggio e ad una minor possibilità di studio della aritmetica Shalev Trova che i dislessici-discalculici hanno un disturbo del processamento numerico più severo, specialmente nelle moltiplicazioni/divisioni a mente e scritte e nelle procedure delle sottrazioni Butterworth Trova che il quadro discalculico dei soggetti dislessici non si differenzia da quello dei soggetti non dislessici. Noel In competenze basic (giudizi di grandezza) dislessici/discalculici e solo/ discalculici sono uguali. Prestazioni inferiori dei dislessici/discalculici nel problem solving orale e nei calcoli a mente senza controllo dei tempi.

14 In le9eratura Studi sull espressività longitudinale della discalculia evolumva

15 Developmental dyscalculia: a prospective six-year follow-up Ruth S Shalev* MD, Neuropaediatric Unit, Shaare Zedek Medical Centre; Orly Manor PhD, Braun School of Public Health and Community Medicine, Hebrew University, Hadassah; Varda Gross-Tsur MD, Neuropaediatric Unit, Shaare Zedek Medical Centre, Jerusalem, Israel. *Correspondence to first author at Neuropaediatric Unit, Shaare Zedek Medical Centre, PO Box 3235, Jerusalem 91031, Israel. Developmental Medicine & Child Neurology 2005, 47:

16 Shalev et al. (2005) Developmental dyscalculia: prospecmve six- year follow- up 140 soggeh discalculici in V elmentare (11 anni) sono stam controllam dopo tre anni (14 anni) e dopo sei anni (17 anni). Il 95% aveva prestazioni inferiori al 25 cenmle. Il 40% ricadeva nei criteri di inclusione della discalculia. La persistenza del disturbo era associata con la severità a 11 anni, con Q.I. bassi, con problemi a9enmvi, con problemi di le9ura. Il disturbo persiste in età adolescente in circa la metà dei soggeh che ne sono affeh in età pre- adolescente.

17 IL NOSTRO STUDIO I nostri pazienti.

18 IL NOSTRO STUDIO Abbiamo studiato 74 soggeh con diagnosi di dislessia evolumva frequentanm la scuola secondaria di secondo grado A tuh i soggeh è stato somministrato un protocollo diagnosmco, predisposto ormai da anni dal nostro servizio, finalizzato ad indagare le competenze nell ambito numerico Il protocollo è stato validato con 150 soggeh frequentanm il terzo anno delle superiori ; 50 per ogni indirizzo scolasmco (licei, ismtum tecnici, ismtum professionali)

19 Criteri di inclusione per la dislessia Prestazione - 2 d.s. nella le9ura delle liste di parole e non parole (n 4 e n 5), della Ba9eria, nelle componenm di rapidità e corre9ezza DaM normamvi : Per il primo anno delle superiori: dam fine III media (O.S. 2005) Per gli altri anni: dam Tintoni Stella ( Dislessia 2007). I da% sono rela%vi al terzo anno delle superiori

20 La valutazione della dislessia evolu<va in soggea frequentan< la scuola secondaria di secondo grado. D. Bindelli, A. Cuscunà, D. Depetris, K. Folisi, D. MarzoraM, E. Profumo, R. Serafino, F. Torcellini Servizio per la Diagnosi e lo Studio dei Disturbi dell Apprendimento U.O.N.P.I.A. Azienda Ospedale San Paolo Milano In Dislessia n soggetti dislessici frequentanti le secondarie di secondo grado; vengono studiate le competenze di rapidità e di correttezza nella lettura di brani di diverse caratteristiche lessicali e morfo-sintattiche: EFFETTO SPECIFICITA DEL TESTO

21 BRANI: DATI NORMATIVI PER LA I e III SUPERIORE - Disastro ecologico MT prova finale III media (Stella, Tintoni, 2007) - 26 dicembre 2004 MT AVANZATA (Cornoldi, Frisco, et al. 2006) - Funghi in ci9à (Judica, De Luca, 2005) Prova MT (prova finale III media) Stella, Tintoni MT Avanzata Gruppo MT Funghi. Judica, et al. Rapidità Sec/sill 0,16 ( 0,03) 0,18 (0,03) 0,17 ( 0,02)

22 Medie dei punm z di rapidità e accuratezza Test t di Student per dati appaiati

23 Protocollo somministrato

24 Servizio per la diagnosi e lo studio delle psicopatologie dell apprendimento UONPIA Azienda Ospedale San Paolo, Milano BATTERIA PER LA DISCALCULIA EVOLUTIVA FOGLIO ESAMINATORE ENUMERAZIONE ALL INDIETRO (tempi errori) somme scritte CALCOLO SCRITTO (tempo errori) (Biancardi, Nicoletti, BDE) = (28) T: 18 = (64) T: 243= (1082) T: 1978= (4734) T: sottrazioni scritte = (6) T: 27= (27) T: 243= (192) T: 1246= (2824) T: moltiplicazioni scritte 6 x 18 x 23 x 37 x 4 = (24) T: 3 = (54) T: 41 = (943) T: 56 = (2072) T:

25 CALCOLO A MENTE (tempo errori) somme a mente entro =(6) T: 3=(8) T: 6+3=(9) T: 7+2=(9) T: 3+2=(5) T: 5+4=(9) T: somme a mente oltre =(13) T: 3+8=(11) T: 6+7=(13) T: 9+8=(17) T: 4+9=(13) T: 7+5=(12) T: sottrazioni a mente entro =(3) T: 7-5=(2) T: 8-3=(5) T: 6-4=(2) T: 3-2=(1) T: 9-2=(7) T: sottrazioni a mente oltre =(7) T: 18-6=(12) T: 11-3=(8) T : 15-2=(13) T : 16-8=(8) T : 13-4=(9) T: moltiplicazioni a mente 6x3=(18) T: 2x5=(10) T: 3x4=(12) T: 4x9=(36) T: 6x7=(42) T: 3x9=(27) T: 2x6=(12) T: 8x7=(56) T: 7x4=(28) T 4x8=(32) T: 9x2=(18) T: 8x5=(40) T:

26 Lettura - Scrittura su dettatura BDE, Nicoletti, Biancardi Transcodifica: e<cheba verbale - cifra ( Biancardi, Nicolea, B.D.E. )

27 Nessuna prova di subimzing o di giudizio di grandezza

28 Soggeh dislessici studiam: soggeh 81% (74) hanno una prova - 2 d.s. ( in rapidità o corre9ezza) almeno in una delle 4 aree indagate: enumerazione indietro le9ura e scri9ura di numeri calcolo a mente calcolo scri9o Solo 5 soggeh 6,75 % (74) hanno tu9e le prove nei limim della norma

29 Numero di soggeh compromessi per ciascuna delle aree % soggea compromessi per ciascuna area (60) 100% 90% 86,60% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 50% 26,60% 36,60% 55% 31,60% <- 2 d.s. < - 3 d.s. 20% 13,30% 16,60% 10% 0% enumerazione indietro transcod. calcolo mente calcolo scrit.

30 Livelli di pervasività: numero delle aree in cui ciascun sogge9o è compromesso Pervasività: numero aree compromesse (60 soggea) 40,00% 36,60% 35,00% 30,00% 30% 25,00% 20,00% 15,00% 10,00% 23% 10% una due tre quabro 5,00% 0,00% 1

31 Selehvità della compromissione soggea compromessi in una sola area: 22 (36,6% di 60) 90% 80% 81% 70% 60% 50% 40% 30% enumerazione all'indietro lebura- scribura calcolo mente calcolo scribo 20% 10% 9% 9% 0% 1

32 Calcolo a mente 90,00% % (52)soggea compromessi ( - 2 d.s.) 80,00% 76,92% 70,00% 60,00% 55,77% 57,69% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 11,54% 13,46% 17,31% 30,77% 5,77% 36,54% 21,15% tempi errori 0,00% Somme <10 Somme >10 SoBraz <10 SoBraz >10 Mol<pl

33 Calcolo a mente: gravità della compromissione in rapidità 90,00% 80,00% 76,92% 70,00% 60,00% 55,77% 57,69% 50,00% 40,00% 30,00% 40,38% 30,77% 36,54% tempi - 2 d.s. tempi - 3 d.s. 20,00% 10,00% 0,00% Somme <10 Somme >10 SoBraz <10 SoBraz >10 Mol<pl

34 Tipologia degli errori nell area del calcolo scri9o Tipologia degli errori nell'area del calcolo scribo N 19 soggea - 31% (60) ,42 47,62 38,09 14,29 18,42 13,16 33,33 58,98 7,69 errore calcolo errore procedura errore calc.+proc. 0 addizione 31,34% sobrazione 56,72% mol<plicazione 58,21%

35 SMamo parlando della discalculia dei dislessici?????

36 Discalculici puri?

37 Soggeh con difficoltà numeriche fuori dai criteri per dislessia: n 5-5,72% (89) Classe sesso LeBura d.s. Ortografia Grafia 1 II LICEO clas. F - 1 d.s. corr. Funghi e n 4 Ex difficoltà 2 II TECNICO F - 2 d.s. funghi OK NO 3 II TECNICO F - 4 d.s. funghi - 2 d.s. NO 4 II LICEO scien. M - 1 d.s. funghi - 4 d.s. NO 5 I TECNICO M - 2 d.s. funghi - 2 d.s. NO OK NO

38 Difficoltà numeriche Indietro d.s. LeBura scribura Faa Arit. d.s. Faa Art. N errori Mente > 10 d.s. Mente > 10 N errori ScriBo errori N 1 OK OK som. - 3 sob. - 4 Molt - 1 OK Som. - 1 So9. ok OK Dita 2-1 OK som. - 1 sob. - 4 Molt ok OK Som. - 3 SoB. - 2 OK Dita 3-3 OK som. - 2 sob. - 2 Molt - 2 OK Som. - 1 SoB. - 3 OK Dita 4-1 OK som. - 1 sob. - 4 Molt - 1 Molt. 2 errori Som. - 2 SoB. - 2 OK Molkt. 1 errore (calc) 5 OK OK som. ok sob. - 2 Molt - 1 SoB. 3 errori Som. ok So SoB. 2 errori OK

39 Profili neuropsicologici Q.I.tot Q.I. V Q.I.P ABenzi one 1 PM38 50/75 MLT Verb. MBT Verb MBT Spaz. Ripet non par. OK OK NO NO OK OK OK OK NO OK OK OK PM OK OK NO OK OK OK BOSTON OK manca manca manca manca manca OK OK NO NO OK OK

40 D.S.A. DISTURBI ATTENZIONE E TEMPO DISPERDENTI!!!!!!

41 D. Bindelli, D. Depetris, A. Fasola R.Giarratana K. Folisi, M. Marotta D. Marzorati, E. Profumo, R. Serafino, F. Torcellini Servizio per la Diagnosi e lo Studio dei Disturbi dell Apprendimento U.O.N.P.I.A. Azienda Ospedale San Paolo - Milano

Discalculia pura e in comorbidità: la complessità della diagnosi in età evolutiva

Discalculia pura e in comorbidità: la complessità della diagnosi in età evolutiva Quando i conti non tornano Modelli neuropsicologici e riabilitazione della discalculia evolutiva Discalculia pura e in comorbidità: la complessità della diagnosi in età evolutiva Andrea Biancardi Centro

Dettagli

Abilità di calcolo e discalculia

Abilità di calcolo e discalculia AID Sezione di Pordenone Abilità di calcolo e discalculia Pordenone 12.09.2011 Lorenzo Caligaris Insegnante - Pedagogista Abilità di calcolo e discalculia Premessa: ricaduta scolastica dei DSA La discalculia

Dettagli

Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com

Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com DSA: Diversi Strumenti per l Apprendimento La Relazione clinica Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com Il PEP dello studente, in linea

Dettagli

DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico

DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico dr. Antonio Salandi Neuropsichiatra Infantile IRCCS EUGENIO MEDEA Associazione La Nostra Famiglia - Bosisio Parini antonio.salandi@bp.lnf.it

Dettagli

Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA

Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Didattica della Matematica Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA G.

Dettagli

Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari

Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari Direzione Didattica Gioacchino Gesmundo A.A. 2009-2010 Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari Secondo incontro- 8/2/2010 Programma: Primo incontro:

Dettagli

LA MATEMATICA Devi esserci proprio portata! i capito nulla! Io non ci ho mai

LA MATEMATICA Devi esserci proprio portata! i capito nulla! Io non ci ho mai LA MATEMATICA portata! Devi esserci proprio portata Io Io non non ci ci ho ho mai mai capito capito nulla nulla! La situazione in Italia Scuola elementare: 5 bambini per classe con difficoltà di calcolo

Dettagli

LA MATEMATICA E LA DISCALCULIA

LA MATEMATICA E LA DISCALCULIA LA MATEMATICA E LA DISCALCULIA CENTRO PER L ETA EVOLUTIVA GAVARDO Dott.ssa Silvia Mora E SEMPLICE COME FARE 2+3=5 COSA SI NASCONDE DIETRO QUESTO SEMPLICE CALCOLO Leggo 2 2 come come DUE DUE Leggo Penso

Dettagli

Disturbi dell apprendimento, del linguaggio e della matematica.

Disturbi dell apprendimento, del linguaggio e della matematica. Disturbi dell apprendimento, del linguaggio e della matematica. Dott.ssa Laura Firrigno Prof. Michele Roccella Cattedra di Neuropsichiatria Infantile Dipartimento di Psicologia Università degli Studi di

Dettagli

Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione

Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione A. M. Re Università degli studi di Padova Servizio per i Disturbi dell Apprendimento Evoluzione della velocità di lettura in normo-lettori

Dettagli

Percorsi di apprendimento del numero e del calcolo nella scuola dell infanzia e primaria: strategie didattiche di potenziamento

Percorsi di apprendimento del numero e del calcolo nella scuola dell infanzia e primaria: strategie didattiche di potenziamento Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze della Formazione Percorsi di apprendimento del numero e del calcolo nella scuola dell infanzia e primaria: strategie didattiche di potenziamento

Dettagli

Come leggere una diagnosi

Come leggere una diagnosi Come leggere una diagnosi Maristella Scorza Università di Modena e Reggio Emilia maristella.scorza@unimore.it Protocollo Diagnostico La segnalazione La raccolta anamnestica La valutazione clinica L interpretazione

Dettagli

Il calcolo a mente. Abbiamo bisogno di ordinare i nostri oggetti mentali con un ordine prestabilito e stabile se vogliamo conservarli in mente.

Il calcolo a mente. Abbiamo bisogno di ordinare i nostri oggetti mentali con un ordine prestabilito e stabile se vogliamo conservarli in mente. Il calcolo a mente Se per la matematica è indifferente come sei mele siano disposte sul tavolo per continuare a essere sei, per la nostra mente è diverso. Abbiamo bisogno di ordinare i nostri oggetti mentali

Dettagli

DSA? Dott.ssa Roberta Donini Studio Abilmente Cassano d Adda www.studioabilmente.com

DSA? Dott.ssa Roberta Donini Studio Abilmente Cassano d Adda www.studioabilmente.com DSA? Dott.ssa Roberta Donini Studio Abilmente Cassano d Adda www.studioabilmente.com Essere docenti fra Alunni Famiglia Specialisti Sigle DSA BES PDP 170 104 DS PERCENTILI DSA : dubbi come minaccia Non

Dettagli

integrato e formazione in presenza per ridurre i disagi provocati dalla dislessia L Aquila 26 febbraio 2007

integrato e formazione in presenza per ridurre i disagi provocati dalla dislessia L Aquila 26 febbraio 2007 Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Associazione Italiana Dislessia Progetto di E-learning integrato e formazione in presenza per ridurre i disagi provocati dalla dislessia Seconda giornata L Aquila

Dettagli

La discalculia: strategie operative

La discalculia: strategie operative La discalculia: strategie operative 00 000 00 0 000 000 0 29 aprile 200 OBIETTIVI DELLA PRESENTAZIONE: 00 000 00 0 000 000 0 L intelligenza numerica La discalculia evolutiva Indicazioni didattiche per

Dettagli

Lettura e scrittura della lingua italiana in bambini bilingui e di madrelingua italiana

Lettura e scrittura della lingua italiana in bambini bilingui e di madrelingua italiana Rossana Somalvico rossana.somalvico@gmail.com Lettura e scrittura della lingua italiana in bambini bilingui e di madrelingua italiana Abstract Le abilità di lettura (velocità, correttezza, comprensione),

Dettagli

LE DIFFICOLTÀ MATEMATICHE E LA DISCALCULIA EVOLUTIVA

LE DIFFICOLTÀ MATEMATICHE E LA DISCALCULIA EVOLUTIVA LE DIFFICOLTÀ MATEMATICHE E LA DISCALCULIA EVOLUTIVA LA MATEMATICA È UNA DISCIPLINA? CONOSCENZA NUMERICA CALCOLO PROBLEM SOLVING ARITMENTICO GEOMETRIA ALGEBRA Richiede abilità cognitive diverse DIFFICOLTÀ

Dettagli

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento Chiara Trubini Consultorio CEAF di Vimercate, Comune di Ornago e Università di Parma trubini.chiara@libero.it F 81.0 Disturbo specifico

Dettagli

Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA

Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze della Formazione Laboratorio di Matematica Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA Gianluca Perticone

Dettagli

Abilità di calcolo e discalculia. Proposte didattiche per la scuola primaria

Abilità di calcolo e discalculia. Proposte didattiche per la scuola primaria AID Sezione di Bergamo Abilità di calcolo e discalculia. Proposte didattiche per la scuola primaria Albino (BG) 21.11.2011 Lorenzo Caligaris Insegnante - Pedagogista DSA, abilità strumentali, automatismi

Dettagli

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento Chiara Trubini Psicologa, Psicoterapeuta, PhD in psicologia dell educazione e delle disabilità trubini.chiara@libero.it Con la pubblicazione

Dettagli

Kosc (1974) propone sei tipi di discalculia dello sviluppo:

Kosc (1974) propone sei tipi di discalculia dello sviluppo: Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico Direzione Didattica Gioacchino Gesmundo dott.ssa Claudia Lipari LEZIONE N.2 MODELLI COGNITIVI MATEMATICI E LA DISCALCULIA EVOLUTIVA In

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 PRINCIPALI DIFFICOLTA NEL PORRE LA DIAGNOSI (ICD-10) 1. Distinguere il disturbo dalle normali variazioni del rendimento

Dettagli

DIFFICOLTA DI CALCOLO E DISCALCULIA EVOLUTIVA. Osservatorio Locale Bagheria

DIFFICOLTA DI CALCOLO E DISCALCULIA EVOLUTIVA. Osservatorio Locale Bagheria DIFFICOLTA DI CALCOLO E DISCALCULIA EVOLUTIVA Osservatorio Locale Bagheria Molti studenti incontrano difficoltà nell apprendimento della matematica. Due spiegazioni: 1. Difficoltà di calcolo 2. Disturbo

Dettagli

COSPES -MI. Dott.ssa Cinzia Morganti COSPES Milano

COSPES -MI. Dott.ssa Cinzia Morganti COSPES Milano COSPES -MI 1 Dott.ssa Cinzia Morganti COSPES Milano COSPES -MI Intelligenza Numerica? l origine e lo sviluppo avviene con l ingresso nella scuola primaria? con le prime operazioni di calcolo? 2 COSPES

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.)

I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) Logopedista: Amitrano Luisa Logopedista: Falco Daniela I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) ( dislessia- disgrafia- disortografia-

Dettagli

Disturbo della cognizione numerica e del calcolo

Disturbo della cognizione numerica e del calcolo Disturbo della cognizione numerica e del calcolo Melisa Ambrosini Quanti sono i bambini con Difficoltà in Matematica? Segnalazione di: 3000 docenti intervistati 5 bambini per classe con difficoltà di calcolo

Dettagli

Il programma della mattina

Il programma della mattina La discalculia evolutiva e le difficoltà di calcolo: intervenire in modo efficace Crema, 21 gennaio 2012 Dott.ssa Anna Gallani Dott.ssa Nicoletta Perini Il programma della mattina La discalculia evolutiva

Dettagli

La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva

La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva Cos è la Neuropsicologia E la disciplina che studia i rapporti tra cervello e funzioni cognitive. Disciplina che studia i rapporti tra il cervello (strutture

Dettagli

Apprendimenti relativi ai numeri nei bambini prescolari (apprendimento informale)

Apprendimenti relativi ai numeri nei bambini prescolari (apprendimento informale) Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo Neuropsicologia Cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento Formatore AID LA DISCALCULIA EVOLUTIVA E un disturbo delle abilità numeriche e aritmetiche che si manifesta

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO R e l a t r i c e : D o t t. s s a C r i s t i n a E l e f a n t e (insegnante, pedagogista) email: elefantecristina@yahoo.it DSA definizione La principale caratteristica

Dettagli

Intelligenza numerica e abilità di calcolo

Intelligenza numerica e abilità di calcolo Intelligenza numerica e abilità di calcolo Bergamo, 25/1/2012 Dott.ssa Anna Gallani e Dott.ssa Nicoletta Perini anna.gallani@libero.it nicolettaperini@hotmail.it www.cnis.it www.airipa.it Segnalazione

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: formazione.online@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La discalculia

Dettagli

Associazione Italiana Dislessia MIUR 8-12 Maggio 2006 Via Pianciani 34 LA DISCALCULIA EVOLUTIVA

Associazione Italiana Dislessia MIUR 8-12 Maggio 2006 Via Pianciani 34 LA DISCALCULIA EVOLUTIVA Associazione Italiana Dislessia MIUR 8-12 Maggio 2006 Via Pianciani 34 LA DISCALCULIA EVOLUTIVA Dr.ssa Luigia Milani Dr.ssa Bruna Mazzoncini Dr. Valerio Corsi Dr.ssa Daniela Pezzella Dr.ssa Irene De Santis

Dettagli

LA DISCALCULIA EVOLUTIVA. Enrico Profumo Unita Operativa di Neurospichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Azienda Ospedale San Paolo - Milano

LA DISCALCULIA EVOLUTIVA. Enrico Profumo Unita Operativa di Neurospichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Azienda Ospedale San Paolo - Milano LA DISCALCULIA EVOLUTIVA Enrico Profumo Unita Operativa di Neurospichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Azienda Ospedale San Paolo - Milano LETTURA CON CLOSE NELLA FORESTA LA TIGRE Pare che un estroso

Dettagli

Giornate di supporto alla formazione dei referenti per la dislessia

Giornate di supporto alla formazione dei referenti per la dislessia Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Associazione Italiana Dislessia Formazione MPI-AID Giornate di supporto alla formazione dei referenti per la dislessia

Dettagli

Comprendere la diagnosi per capire il. Roberto Segala, Laura Bertezzolo

Comprendere la diagnosi per capire il. Roberto Segala, Laura Bertezzolo Comprendere la diagnosi per capire il funzionamento dell alunno Roberto Segala, Laura Bertezzolo i disturbi specifici dell apprendimento hanno a che vedere con le cose che acquisiamo in maniera esplicita

Dettagli

Il lavoro qui presentato vuol essere un contributo allo studio della discalculia. Il recupero delle difficoltà nell ambito del numero e del calcolo

Il lavoro qui presentato vuol essere un contributo allo studio della discalculia. Il recupero delle difficoltà nell ambito del numero e del calcolo Il recupero delle difficoltà nell ambito del numero e del calcolo Strumenti applicativi Il recupero delle difficoltà nell ambito del numero e del calcolo attraverso modalità di trattamento analogico-intuitive

Dettagli

Dott.ssa Nicoletta Perini Vicenza, 9/10/2013

Dott.ssa Nicoletta Perini Vicenza, 9/10/2013 Le difficolta e i disturbi di apprendimento della matematica: ipotesi di intervento per il primo ciclo scolastico Come si manifestano le difficolta di calcolo? Potenziare le abilità numeriche e gestire

Dettagli

Diapositive relazione dr Andrea Biancardi. Reggio Emilia, 30/1/2009

Diapositive relazione dr Andrea Biancardi. Reggio Emilia, 30/1/2009 Diapositive relazione dr Andrea Biancardi Reggio Emilia, 30/1/2009 Componenti strutturali e componenti evolutive dello sviluppo cognitivo Componenti strutturali/evolutive nell elaborazione numerica e nel

Dettagli

Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Gruppo di Lavoro di Neuropsicologia 4 ottobre 2008

Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Gruppo di Lavoro di Neuropsicologia 4 ottobre 2008 Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento 4 ottobre 2008 Il principale criterio necessario per effettuare una diagnosi di DSA è quello della discrepanza tra abilità nel dominio

Dettagli

Disturbi della matematica e del calcolo

Disturbi della matematica e del calcolo DSA - Dalle basi fisiologiche agli ausili Arezzo, ASL8, 13 dicembre 2014 Disturbi della matematica e del calcolo Gianluca Perticone, insegnante Dipartimento Scienze della Formazione e Psicologia Università

Dettagli

I disturbi specifici di apprendimento

I disturbi specifici di apprendimento I disturbi specifici di apprendimento a cura della Dott.ssa Luigia Milani I più noti sono la dislessia e i disturbi della scrittura e dell aritmetica. Vediamo nel dettaglio in cosa consistono e quali sono

Dettagli

La diagnosi di DSA Chi, come, dove, quando

La diagnosi di DSA Chi, come, dove, quando La diagnosi di DSA Chi, come, dove, quando Liceo Dini 9 aprile 2013 Daniela Brizzolara Responsabile Progetto Dislessia IRCCS Stella Maris La diagnosi di Disturbo Specifico di Apprendimento (ai fini della

Dettagli

Abilità di calcolo e discalculia. Senago 14 ottobre 2009

Abilità di calcolo e discalculia. Senago 14 ottobre 2009 Abilità di calcolo e discalculia Senago 14 ottobre 2009 L apprendimento: il sistema dei numeri e il sistema del calcolo Abilità aritmetiche di base: meccanismi di apprendimento Sistema dei numeri Sistema

Dettagli

4. Disturbo Specifico di Apprendimento

4. Disturbo Specifico di Apprendimento 4. Disturbo Specifico di Apprendimento Disturbo Specifico di Apprendimento Testi di riferimento: Cornoldi C. (a cura di), Difficoltà e disturbi dell'apprendimento, Ed. Il Mulino, Collana "Strumenti", Bologna,

Dettagli

Come leggere una diagnosi per la stesura del Piano Didattico Personalizzato

Come leggere una diagnosi per la stesura del Piano Didattico Personalizzato Come leggere una diagnosi per la stesura del Piano Didattico Personalizzato Maristella Scorza Università di Modena e Reggio Emilia maristella.scorza@unimore.it Protocollo Diagnostico La segnalazione La

Dettagli

Disturbi Specifici di Apprendimento

Disturbi Specifici di Apprendimento Disturbi Specifici di Apprendimento Pennabilli - 28 Aprile 2014 Enrico Savelli Il Disturbo Specifico di Apprendimento della Letto-Scrittura Alla fine del primo anno scolastico, in quasi ogni classe, almeno

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

La discalculia evolutiva

La discalculia evolutiva La discalculia evolutiva Dott.ssa Francesca Bellorini Psicologa, psicoterapeuta NPI Ospedali Riuniti di Bergamo Gallarate, 3 dicembre 2011 La discalculia evolutiva Disturbo delle abilità numeriche e aritmetiche

Dettagli

L APPRENDIMENTO DEL NUMERO E DEL CALCOLO

L APPRENDIMENTO DEL NUMERO E DEL CALCOLO L APPRENDIMENTO DEL NUMERO E DEL CALCOLO Aspetti neuropsicologici e modelli cognitivi La Discalculia Evolutiva L apprendimento scolastico non è un fenomeno unitario APPRENDIMENTO DI ABILITÀ Decodifica

Dettagli

Quando i conti non tornano

Quando i conti non tornano Quando i conti non tornano Difficoltà e disturbo specifico d'apprendimento della matematica Elisabetta Robotti DiDiMa s.r.l spin-off ITD-CNR Genova elisabetta.robotti@gmail.com robotti@itd.cnr.it Pavia,

Dettagli

DSA. Discalculia Evolutiva (OMS) disturbo a patogenesi organica, geneticamente determinato, espressione di disfunzione cerebrale

DSA. Discalculia Evolutiva (OMS) disturbo a patogenesi organica, geneticamente determinato, espressione di disfunzione cerebrale DSA Discalculia Evolutiva (OMS) disturbo a patogenesi organica, geneticamente determinato, espressione di disfunzione cerebrale Intelligenza numerica Intelligenza innata Neonati e bambini di pochi mesi

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

F 81 Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche

F 81 Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche GESUNDHEITSBEZIRK MERAN COMPRENSORIO SANITARIO DI MERANO Krankenhaus Meran Ospedale di Merano Fachambulanz für psychosoziale Gesundheit Ambulatorio Specialistico F 81 Disturbi evolutivi specifici delle

Dettagli

Lo sviluppo della cognizione numerica e i problemi di apprendimento in ambito matematico

Lo sviluppo della cognizione numerica e i problemi di apprendimento in ambito matematico Arezzo - 20 febbraio 2014 Le difficoltà ed i disturbi di apprendimento della matematica: ipotesi di intervento per il primo ciclo scolastico Lo sviluppo della cognizione numerica e i problemi di apprendimento

Dettagli

DEFINIZIONE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO. Disturbo vs Difficoltà. Caratteristiche che definiscono i DSA

DEFINIZIONE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO. Disturbo vs Difficoltà. Caratteristiche che definiscono i DSA DEFINIZIONE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Gruppo eterogeneo di disturbi manifestati da significative difficoltà nell'acquisizione e nell'uso di abilità di ascolto, espressione orale, lettura, ragionamento,

Dettagli

DSA: CAMPANELLI D ALLARME

DSA: CAMPANELLI D ALLARME TANGRAM Centro Studi Processi e disturbi dell Apprendimento DSA: CAMPANELLI D ALLARME Dott.ssa Alessandra Petrolati, psicologa e psicoterapeuta, perfezionata in Psicopatologia dell Apprendimento Dott.ssa

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO:

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: DALL INDIVIDUAZIONE ALL INTERVENTO EDUCATIVO-DIDATTICO Finalità del corso: Formare operatori dell ambito psicologico, socio-sanitario,

Dettagli

LA SCUOLA FA BENE A TUTTI

LA SCUOLA FA BENE A TUTTI LA SCUOLA FA BENE A TUTTI Marco Negri Docente - Referente Dislessia Ufficio Scolastico Provinciale di Sondrio La scuola fa bene a tutti Ogni studente suona il suo strumento, non c è niente da fare. La

Dettagli

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA Interpretazione dei DSA: dai documenti di consenso al DSM-5 Dott.ssa Rosalba Carnevale Clinica delle difficoltà e dei

Dettagli

Disturbi Specifici dell Apprendimento. Iniziative di formazione per docenti referenti

Disturbi Specifici dell Apprendimento. Iniziative di formazione per docenti referenti Ministero della Pubblica Istruzione USR Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia AID Associazione Italiana Dislessia Disturbi Specifici dell Apprendimento. Iniziative di formazione per docenti referenti

Dettagli

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A Da consegnare agli insegnanti per comprendere la diagnosi e utilizzare i dati emersi per la compilazione del PDP. VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A 1 Elenco dei soggetti autorizzati

Dettagli

ABILITA DI CALCOLO E DISCALCULIA EVOLUTIVA

ABILITA DI CALCOLO E DISCALCULIA EVOLUTIVA ABILITA DI CALCOLO E DISCALCULIA EVOLUTIVA LE COMPONENTI DI ELABORAZIONE DEL SISTEMA COGNITIVO X SISTEMA COGNITIVO CENTRALE X MODULI X TRASDUTTORI Le componenti di elaborazione del sistema cognitivo (Savelli,

Dettagli

Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema»

Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema» Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema» Francesca Scortichini psicologa Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Riabilitazione

Dettagli

LA DIAGNOSI DI DISLESSIA E DSA NEGLI ADULTI

LA DIAGNOSI DI DISLESSIA E DSA NEGLI ADULTI LA DIAGNOSI DI DISLESSIA E DSA NEGLI ADULTI E. GHIDONI, D. ANGELINI, S. BOCCHICCHIO, E. DELRIO, G. FULGERI S.S. NEUROPSICOLOGIA CLINICA, DISTURBI COGNITIVI E DISLESSIA DELL ADULTO, IRCCS ARCISPEDALE S.MARIA

Dettagli

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

Dettagli

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011.

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011. Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura Belluno, ottobre dicembre 2011 Michela Cendron Centro Regionale Specializzato per i Disturbi dell Apprendimento ULSS20

Dettagli

La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento

La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento Ci sono bambini che faticano a studiare, ad apprendere per avere un risultato scolastico soddisfacente. In alcuni casi si tratta di ragazzini che non

Dettagli

24/04/2014. = Requisito fondamentale per interagire efficacemente con l ambiente. - Che ore sono?

24/04/2014. = Requisito fondamentale per interagire efficacemente con l ambiente. - Che ore sono? - Che ore sono? - Quanto ho speso? - Quanti grammi di pasta butto? Capacità di gestire e manipolare questo tipo di informazione = Requisito fondamentale per interagire efficacemente con l ambiente L intelligenza

Dettagli

Sezione di Potenza. SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza

Sezione di Potenza. SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Sezione di Potenza SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Gennaio 2014 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Neuropsichiatria

Dettagli

DALLA DIAGNOSI AL PDP. TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano

DALLA DIAGNOSI AL PDP. TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano DALLA DIAGNOSI AL PDP TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano SU COSA CI SI BASA PER LA DIAGNOSI? QUALI BASI? QUALI TEST? QUALI ANALISI? Le basi! Criterio della discrepanza! Il principale criterio

Dettagli

LEGGE 170/2010 e D.M. 27/12/2012

LEGGE 170/2010 e D.M. 27/12/2012 LO SVILUPPO DELL INTELLIGENZA NUMERICA E LE DIFFICOLTÀ IN AMBITO LOGICO-MATEMATICO LABORATORIO 2 Predazzo, 16 ottobre 2013 http://www.odflab.unitn.it diagnostica.funzionale@unitn.it Via Matteo del Ben

Dettagli

Corso di formazione USR dell Umbria

Corso di formazione USR dell Umbria Corso di formazione USR dell Umbria L integrazione scolastica degli alunni con disturbi di apprendimento: dislessia,disortografia, disgrafia,discalculia 1 a.s. 2006/2007 Modelli Neuropsicologici della

Dettagli

Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente. 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA

Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente. 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente Nazionale AIRIPA 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA Difficoltà a scuola In tutto il mondo, moltissime famiglie

Dettagli

DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO dalla valutazione alla certificazione

DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO dalla valutazione alla certificazione Azienda ospedaliera Spedali Civili di Brescia Unità Operativa di Neuropsichiatria dell infanzia e dell adolescenza Direttore: dott.ssa E. Zanetti DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO dalla valutazione alla

Dettagli

Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane Comunicazione, Formazione, Psicologia

Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane Comunicazione, Formazione, Psicologia Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane Comunicazione, Formazione, Psicologia AA 2014-2015 (A-K) Docente Micaela Capobianco PhD Università «Sapienza» LABORATORIO: DISTURBI DELL'APPRENDIMENTO:

Dettagli

LA LETTURA DELLA DIAGNOSI

LA LETTURA DELLA DIAGNOSI LA LETTURA DELLA DIAGNOSI Riferimenti: 1. LEGGE 170 2. CONSENSUS CONFERENCE Montecatini 2006, presentata a Milano 2007 2. P.A.R.C.C. Bologna 1 febbraio 2011, Raccomandazioni cliniche sui DSA Documento

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA)

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA) . I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA) 1 DEFINIZIONE I DSA sono disturbi dello sviluppo che determinano difficoltà, a volte molto importanti, nell acquisizione delle abilità scolastiche (lettura,

Dettagli

IL BAMBINO E LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO. A cura di Sofia Carbonero Fabia Genoni

IL BAMBINO E LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO. A cura di Sofia Carbonero Fabia Genoni IL BAMBINO E LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO A cura di Sofia Carbonero Fabia Genoni I DISTURBI DEL FUNZIONAMENTO MOTORIO Disprassia I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO I DISTURBI DI LINGUAGGIO Articolazione linguaggio

Dettagli

LA LEZIONE DI ITALIANO 30/10/2012 SPINATO ANGELINA 1

LA LEZIONE DI ITALIANO 30/10/2012 SPINATO ANGELINA 1 LA LEZIONE DI ITALIANO 30/10/2012 SPINATO ANGELINA 1 30/10/2012 SPINATO ANGELINA 2 DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Ha origine neurobiologica È ineliminabile Non è legato all impegno Non riguarda

Dettagli

DISLESSIA e. DISTURBI SPECIFICI Dell APPRENDIMENTO

DISLESSIA e. DISTURBI SPECIFICI Dell APPRENDIMENTO DISLESSIA e DISTURBI SPECIFICI Dell APPRENDIMENTO Quadro clinico del disturbo Il modello standard della lettura Modelli teorici interpretativi Definizione dei DSA Quadri clinici principali A cura di :

Dettagli

Iscrizione Albo professionale degli psicologi dell Emilia Romagna n. 6093. Iscritto dal 15/05/2009

Iscrizione Albo professionale degli psicologi dell Emilia Romagna n. 6093. Iscritto dal 15/05/2009 C U R R I C U L U M V I T A E Dr. DAMIANO ANGELINI Cell: +39 3334535754 E-mail:angelinidam@libero.it DATI PERSONALI: Comune e data di nascita: Ostuni (BR) 17/03/1979. Residenza: Via Cavour, 47; 72010;

Dettagli

PARCC. Panel di Aggiornamento e Revisione della Consensus Conference DSA febbraio 2011

PARCC. Panel di Aggiornamento e Revisione della Consensus Conference DSA febbraio 2011 PARCC Panel di Aggiornamento e Revisione della Consensus Conference DSA febbraio 2011 Raccomandazioni cliniche sui DSA Risposte ai quesiti Documento d'intesa! DSA adulti! Trattazioni inerenti genetica,

Dettagli

Discalculia o apprendimento difficile? Prospe4ve a confronto dalla Ricerca alla Scuola. Prof Mario Perona

Discalculia o apprendimento difficile? Prospe4ve a confronto dalla Ricerca alla Scuola. Prof Mario Perona Discalculia o apprendimento difficile? Prospe4ve a confronto dalla Ricerca alla Scuola Prof Mario Perona Quanti sono i bambini con difficoltà in matematica? 5 bambini per classe con difficoltà di calcolo

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO:

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: DALL INDIVIDUAZIONE ALL INTERVENTO EDUCATIVO-DIDATTICO Finalità del corso: 1. Formare operatori dell ambito pedagogico-didattico

Dettagli

Discalculia. e Strategie di studio. 4 marzo 2011 ATTILIO MILO INSEGNANTE DI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO FORMATORE AID

Discalculia. e Strategie di studio. 4 marzo 2011 ATTILIO MILO INSEGNANTE DI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO FORMATORE AID Discalculia e Strategie di studio 4 marzo 2011 ATTILIO MILO INSEGNANTE DI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO FORMATORE AID Disturbo Specifico d Apprendimento = DISLESSIA Disturbo di LETTURA = DISLESSIA Disturbo

Dettagli

Didattica della Matematica

Didattica della Matematica Didattica della Matematica Bettina Pedemonte- Elisabetta Robotti DiDiMa srl ITD- CNR Genova Reggio Emilia, 25-26 Settembre 2009 Piano della Presentazione Parte I 1. Modelli di riferimento per caratterizzare

Dettagli

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica BES e DSA: Lettura della relazione Dott.ssa Anna Bruno Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Chiara Izzo Logopedista Chi effettua la diagnosi? DISABILITÀ Servizio pubblico specialistico che ha in carico il

Dettagli

AC-MT 6-11 Test di valutazione delle abilità di calcolo

AC-MT 6-11 Test di valutazione delle abilità di calcolo AC-MT 6-11 Test di valutazione delle abilità di calcolo C. Cornoldi, D. Lucangeli, M. Bellina Irene C. Mammarella Università degli Studi di Padova irene.mammarella@unipd.it AC-MT Prova di primo livello:

Dettagli

Dalla valutazione al trattamento della dislessia. Lucina Tretti

Dalla valutazione al trattamento della dislessia. Lucina Tretti Dalla valutazione al trattamento della dislessia Lucina Tretti scopo della pratica clinica è la ricerca della causa (l identificazione) di un disturbo e dei mezzi per risolverlo La realizzazione di un

Dettagli

Approccio clinico-terapeutico ai DSA

Approccio clinico-terapeutico ai DSA Approccio clinico-terapeutico ai DSA Ruolo e Funzione degli operatori sanitari Strumenti di Valutazione Dott.ssa Irene Costanza Psicologa Centro Regionale Specializzato sui Disturbi dell Apprendimento

Dettagli

Uso terminologico e campo di applicazione

Uso terminologico e campo di applicazione Uso terminologico e campo di applicazione Con il termine Disturbi evolutivi Specifici di Apprendimento (acronimo convenzionale: DSA) ci si riferisce ai soli disturbi delle abilità scolastiche, e in particolare

Dettagli

1 Giornata DSA Legge 170/2010 Decreto attuativo e linee guida

1 Giornata DSA Legge 170/2010 Decreto attuativo e linee guida 1 Giornata DSA Legge 170/2010 Decreto attuativo e linee guida Servizio TSMREE ASLRM/B II Distretto Dott.ssa Vincenza di Paolo Psicologa Antonella Congiu Logopedista Patrizia Proietto Logopedista Programma

Dettagli

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Chiara Cantiani Psicologa Dottore di ricerca in Psicologia chiara.cantiani@bp.lnf.it chiara.cantiani@lanostrafamiglia.it IRCCS «E. Medea» Associazione La Nostra

Dettagli

Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA

Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Didattica della Matematica Lo sviluppo delle capacità di calcolo e di comprensione del numero La DISCALCULIA EVOLUTIVA Gianluca

Dettagli

Indice. La discalculia evolutiva. 2 di 16

Indice. La discalculia evolutiva. 2 di 16 LEZIONE: LA DISCALCULIA EVOLUTIVA: LINEE GUIDA PER LA DIAGNOSI E L INTERVENTO PROF.SSA DANIELA LUCANGELI La discalculia evolutiva Indice 1 PERCHÉ FARE I CALCOLI PUÒ ESSERE COSÌ DIFFICILE?... 3 2 DIFFICOLTÀ

Dettagli

Corso di Formazione STRUMENTI EFFICACI PER UNA MIGLIORE INCLUSIONE. «Dalla lettura della diagnosi alla predisposizione di un PDP»

Corso di Formazione STRUMENTI EFFICACI PER UNA MIGLIORE INCLUSIONE. «Dalla lettura della diagnosi alla predisposizione di un PDP» Corso di Formazione STRUMENTI EFFICACI PER UNA MIGLIORE INCLUSIONE «Dalla lettura della diagnosi alla predisposizione di un PDP» Besana B.za, 30 marzo 2015 OBIETTIVI: Cercare una Mediazione tra la legge

Dettagli