LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO"

Transcript

1 Roma, 1 2 o9obre 2010 CONVEGNO QUANDO I CONTI NON TORNANO Modelli neuropsicologici e riabilitazione della discalculia LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO Servizio per la diagnosi e lo studio delle psicopatologie dell apprendimento. UONPIA Azienda Ospedaliera San Paolo Milano Direttore: prof. Carlo Lenti

2 ADOLESCENTI DISCALCULIA EVOLUTIVA DISLESSIA - DISCALCULIA

3 ADOLESCENTI In quesm due ulmmi anni ( ) il nostro servizio ha visitato 629 pazienm con sospe9o DSA. Il 14% di essi frequenta la scuola secondaria di II grado (licei, tecnici, professionali), ed è la prima volta che chiede una visita. Il 69% di essi risulta posimvo per dislessia e disortografia. Le Secondarie di secondo grado sono l ordine di scuola che maggiormente disconosce le problemamche dei DSA. In fase diagnosmca spesso sono umlizzam strumenm diagnosmci e fonm normamve inadeguam perchè riferim alla scuola media (rischio di falsi nega<vi). Gli adolescenm molto spesso non vogliono far conoscere il loro problema a scuola e rifiutano gli strumenm compensamvi. EMERGENZA ADOLESCENTI

4 DISCALCULIA EVOLUTIVA Un po di storia (nostra) Piaget / Chomsky e il modulo numerico innato Cogresso Milano Dehaene e Bu9erworth

5 Dehaene (1992). Dehaene, Cohen 1997 Modello del Triplice codice

6 BuBerworth ( ) - Esistenza di un modulo numerico innato che consente di apprezzare la numerosità - Evidenza che la capacità di apprezzare la numerosità è alla base di tu9e le successive abilità di calcolo e di processamento numerico - Possibilità in età di sviluppo e adulta di misurare l efficienza delle rappresentazioni di Mpo analogico proprie del modulo numerico innato: subimzing e giudizi di grandezza

7 Prove di apprezzamento della numerosità deficitarie. Le difficoltà di processamento numerico e di calcolo sono interpretate come secondarie ad una disfunzione del modulo numerico innato. DISCALCULIA EVOLUTIVA Prove di apprezzamento della numerosità adeguate. Le difficoltà di processamento numerico e di calcolo sono interpretate come secondarie ad un distorto rapporto tra il soggetto e tutto quanto nell ambiente da informazione sui numeri NO DISCALCULIA EVOLUTIVA

8 Bu9erworth Dyscalculia Screener

9 XIII Congresso Nazionale AIRIPA Urbino 2004 Disfunzioni del modulo numerico innato all origine della discalculia evolu<va? D. Marzora< *, M. Morini **, E. Profumo ***, R. Serafino***, M. FriBoli *** Studiamo 123 soggetti cui è stato somministrato il Dyscalculia sceener ed una batteria di prove di calcolo a mente, scritto, lettura e scrittura di numeri Evidenze di doppie dissociazioni sosterrebbero l ipotesi dell indipendenza delle aree descritte dal Triplice codice

10 CONSENSUS Raccomandazioni per la diagnosi Riconosce la discalculia evolumva tra i DSA Diagnosi non prima della fine della III elementare Necessità di un modello neuropsicologico preciso (non sceglie) Riconosce l esistenza di un modulo numerico innato e del number sense Riconosce la necessità di rilevare sia la rapidità che la corre9ezza NESSUNA INDICAZIONE SULLE AREE DA INDAGARE E SUI CRITERI DI INCLUSIONE SPECIFICI.

11 Tentiamo di dire qualcosa su una materia i cui confini sono poco determinati e relativamente ad una finestra cronologica critica. CAMBIO TITOLO ALL INTERVENTO Difficoltà specifiche nell ambito numerico in soggeh dislessici..

12 In le9eratura Dislessia e discalculia

13 ROURKE (1993, 1996), SHALEV (1997) BUTTERWORTH (2004), NOEL (2008) Studiano quadri neuropsicologici e competenze matema<che di soggea dislessici- discalculici e soggea solo- discalculici Rourke Sostiene che i dislessici- discalculici hanno solo lievi difficoltà in matematica, secondarie al disturbo di linguaggio e ad una minor possibilità di studio della aritmetica Shalev Trova che i dislessici-discalculici hanno un disturbo del processamento numerico più severo, specialmente nelle moltiplicazioni/divisioni a mente e scritte e nelle procedure delle sottrazioni Butterworth Trova che il quadro discalculico dei soggetti dislessici non si differenzia da quello dei soggetti non dislessici. Noel In competenze basic (giudizi di grandezza) dislessici/discalculici e solo/ discalculici sono uguali. Prestazioni inferiori dei dislessici/discalculici nel problem solving orale e nei calcoli a mente senza controllo dei tempi.

14 In le9eratura Studi sull espressività longitudinale della discalculia evolumva

15 Developmental dyscalculia: a prospective six-year follow-up Ruth S Shalev* MD, Neuropaediatric Unit, Shaare Zedek Medical Centre; Orly Manor PhD, Braun School of Public Health and Community Medicine, Hebrew University, Hadassah; Varda Gross-Tsur MD, Neuropaediatric Unit, Shaare Zedek Medical Centre, Jerusalem, Israel. *Correspondence to first author at Neuropaediatric Unit, Shaare Zedek Medical Centre, PO Box 3235, Jerusalem 91031, Israel. Developmental Medicine & Child Neurology 2005, 47:

16 Shalev et al. (2005) Developmental dyscalculia: prospecmve six- year follow- up 140 soggeh discalculici in V elmentare (11 anni) sono stam controllam dopo tre anni (14 anni) e dopo sei anni (17 anni). Il 95% aveva prestazioni inferiori al 25 cenmle. Il 40% ricadeva nei criteri di inclusione della discalculia. La persistenza del disturbo era associata con la severità a 11 anni, con Q.I. bassi, con problemi a9enmvi, con problemi di le9ura. Il disturbo persiste in età adolescente in circa la metà dei soggeh che ne sono affeh in età pre- adolescente.

17 IL NOSTRO STUDIO I nostri pazienti.

18 IL NOSTRO STUDIO Abbiamo studiato 74 soggeh con diagnosi di dislessia evolumva frequentanm la scuola secondaria di secondo grado A tuh i soggeh è stato somministrato un protocollo diagnosmco, predisposto ormai da anni dal nostro servizio, finalizzato ad indagare le competenze nell ambito numerico Il protocollo è stato validato con 150 soggeh frequentanm il terzo anno delle superiori ; 50 per ogni indirizzo scolasmco (licei, ismtum tecnici, ismtum professionali)

19 Criteri di inclusione per la dislessia Prestazione - 2 d.s. nella le9ura delle liste di parole e non parole (n 4 e n 5), della Ba9eria, nelle componenm di rapidità e corre9ezza DaM normamvi : Per il primo anno delle superiori: dam fine III media (O.S. 2005) Per gli altri anni: dam Tintoni Stella ( Dislessia 2007). I da% sono rela%vi al terzo anno delle superiori

20 La valutazione della dislessia evolu<va in soggea frequentan< la scuola secondaria di secondo grado. D. Bindelli, A. Cuscunà, D. Depetris, K. Folisi, D. MarzoraM, E. Profumo, R. Serafino, F. Torcellini Servizio per la Diagnosi e lo Studio dei Disturbi dell Apprendimento U.O.N.P.I.A. Azienda Ospedale San Paolo Milano In Dislessia n soggetti dislessici frequentanti le secondarie di secondo grado; vengono studiate le competenze di rapidità e di correttezza nella lettura di brani di diverse caratteristiche lessicali e morfo-sintattiche: EFFETTO SPECIFICITA DEL TESTO

21 BRANI: DATI NORMATIVI PER LA I e III SUPERIORE - Disastro ecologico MT prova finale III media (Stella, Tintoni, 2007) - 26 dicembre 2004 MT AVANZATA (Cornoldi, Frisco, et al. 2006) - Funghi in ci9à (Judica, De Luca, 2005) Prova MT (prova finale III media) Stella, Tintoni MT Avanzata Gruppo MT Funghi. Judica, et al. Rapidità Sec/sill 0,16 ( 0,03) 0,18 (0,03) 0,17 ( 0,02)

22 Medie dei punm z di rapidità e accuratezza Test t di Student per dati appaiati

23 Protocollo somministrato

24 Servizio per la diagnosi e lo studio delle psicopatologie dell apprendimento UONPIA Azienda Ospedale San Paolo, Milano BATTERIA PER LA DISCALCULIA EVOLUTIVA FOGLIO ESAMINATORE ENUMERAZIONE ALL INDIETRO (tempi errori) somme scritte CALCOLO SCRITTO (tempo errori) (Biancardi, Nicoletti, BDE) = (28) T: 18 = (64) T: 243= (1082) T: 1978= (4734) T: sottrazioni scritte = (6) T: 27= (27) T: 243= (192) T: 1246= (2824) T: moltiplicazioni scritte 6 x 18 x 23 x 37 x 4 = (24) T: 3 = (54) T: 41 = (943) T: 56 = (2072) T:

25 CALCOLO A MENTE (tempo errori) somme a mente entro =(6) T: 3=(8) T: 6+3=(9) T: 7+2=(9) T: 3+2=(5) T: 5+4=(9) T: somme a mente oltre =(13) T: 3+8=(11) T: 6+7=(13) T: 9+8=(17) T: 4+9=(13) T: 7+5=(12) T: sottrazioni a mente entro =(3) T: 7-5=(2) T: 8-3=(5) T: 6-4=(2) T: 3-2=(1) T: 9-2=(7) T: sottrazioni a mente oltre =(7) T: 18-6=(12) T: 11-3=(8) T : 15-2=(13) T : 16-8=(8) T : 13-4=(9) T: moltiplicazioni a mente 6x3=(18) T: 2x5=(10) T: 3x4=(12) T: 4x9=(36) T: 6x7=(42) T: 3x9=(27) T: 2x6=(12) T: 8x7=(56) T: 7x4=(28) T 4x8=(32) T: 9x2=(18) T: 8x5=(40) T:

26 Lettura - Scrittura su dettatura BDE, Nicoletti, Biancardi Transcodifica: e<cheba verbale - cifra ( Biancardi, Nicolea, B.D.E. )

27 Nessuna prova di subimzing o di giudizio di grandezza

28 Soggeh dislessici studiam: soggeh 81% (74) hanno una prova - 2 d.s. ( in rapidità o corre9ezza) almeno in una delle 4 aree indagate: enumerazione indietro le9ura e scri9ura di numeri calcolo a mente calcolo scri9o Solo 5 soggeh 6,75 % (74) hanno tu9e le prove nei limim della norma

29 Numero di soggeh compromessi per ciascuna delle aree % soggea compromessi per ciascuna area (60) 100% 90% 86,60% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 50% 26,60% 36,60% 55% 31,60% <- 2 d.s. < - 3 d.s. 20% 13,30% 16,60% 10% 0% enumerazione indietro transcod. calcolo mente calcolo scrit.

30 Livelli di pervasività: numero delle aree in cui ciascun sogge9o è compromesso Pervasività: numero aree compromesse (60 soggea) 40,00% 36,60% 35,00% 30,00% 30% 25,00% 20,00% 15,00% 10,00% 23% 10% una due tre quabro 5,00% 0,00% 1

31 Selehvità della compromissione soggea compromessi in una sola area: 22 (36,6% di 60) 90% 80% 81% 70% 60% 50% 40% 30% enumerazione all'indietro lebura- scribura calcolo mente calcolo scribo 20% 10% 9% 9% 0% 1

32 Calcolo a mente 90,00% % (52)soggea compromessi ( - 2 d.s.) 80,00% 76,92% 70,00% 60,00% 55,77% 57,69% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 11,54% 13,46% 17,31% 30,77% 5,77% 36,54% 21,15% tempi errori 0,00% Somme <10 Somme >10 SoBraz <10 SoBraz >10 Mol<pl

33 Calcolo a mente: gravità della compromissione in rapidità 90,00% 80,00% 76,92% 70,00% 60,00% 55,77% 57,69% 50,00% 40,00% 30,00% 40,38% 30,77% 36,54% tempi - 2 d.s. tempi - 3 d.s. 20,00% 10,00% 0,00% Somme <10 Somme >10 SoBraz <10 SoBraz >10 Mol<pl

34 Tipologia degli errori nell area del calcolo scri9o Tipologia degli errori nell'area del calcolo scribo N 19 soggea - 31% (60) ,42 47,62 38,09 14,29 18,42 13,16 33,33 58,98 7,69 errore calcolo errore procedura errore calc.+proc. 0 addizione 31,34% sobrazione 56,72% mol<plicazione 58,21%

35 SMamo parlando della discalculia dei dislessici?????

36 Discalculici puri?

37 Soggeh con difficoltà numeriche fuori dai criteri per dislessia: n 5-5,72% (89) Classe sesso LeBura d.s. Ortografia Grafia 1 II LICEO clas. F - 1 d.s. corr. Funghi e n 4 Ex difficoltà 2 II TECNICO F - 2 d.s. funghi OK NO 3 II TECNICO F - 4 d.s. funghi - 2 d.s. NO 4 II LICEO scien. M - 1 d.s. funghi - 4 d.s. NO 5 I TECNICO M - 2 d.s. funghi - 2 d.s. NO OK NO

38 Difficoltà numeriche Indietro d.s. LeBura scribura Faa Arit. d.s. Faa Art. N errori Mente > 10 d.s. Mente > 10 N errori ScriBo errori N 1 OK OK som. - 3 sob. - 4 Molt - 1 OK Som. - 1 So9. ok OK Dita 2-1 OK som. - 1 sob. - 4 Molt ok OK Som. - 3 SoB. - 2 OK Dita 3-3 OK som. - 2 sob. - 2 Molt - 2 OK Som. - 1 SoB. - 3 OK Dita 4-1 OK som. - 1 sob. - 4 Molt - 1 Molt. 2 errori Som. - 2 SoB. - 2 OK Molkt. 1 errore (calc) 5 OK OK som. ok sob. - 2 Molt - 1 SoB. 3 errori Som. ok So SoB. 2 errori OK

39 Profili neuropsicologici Q.I.tot Q.I. V Q.I.P ABenzi one 1 PM38 50/75 MLT Verb. MBT Verb MBT Spaz. Ripet non par. OK OK NO NO OK OK OK OK NO OK OK OK PM OK OK NO OK OK OK BOSTON OK manca manca manca manca manca OK OK NO NO OK OK

40 D.S.A. DISTURBI ATTENZIONE E TEMPO DISPERDENTI!!!!!!

41 D. Bindelli, D. Depetris, A. Fasola R.Giarratana K. Folisi, M. Marotta D. Marzorati, E. Profumo, R. Serafino, F. Torcellini Servizio per la Diagnosi e lo Studio dei Disturbi dell Apprendimento U.O.N.P.I.A. Azienda Ospedale San Paolo - Milano

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A Da consegnare agli insegnanti per comprendere la diagnosi e utilizzare i dati emersi per la compilazione del PDP. VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A 1 Elenco dei soggetti autorizzati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

DISTURBI E DIFFICOLTA DEL CALCOLO E DELLA SOLUZIONE DI PROBLEMI: LINEE GUIDA PER LA SCUOLA (definizioni, strumenti e strategie)

DISTURBI E DIFFICOLTA DEL CALCOLO E DELLA SOLUZIONE DI PROBLEMI: LINEE GUIDA PER LA SCUOLA (definizioni, strumenti e strategie) CENTRO REGIONALE DI RICERCA E SERVIZI EDUCATIVI PER LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA e-mail: martina.pedon@gmail.com; martina.pedron@edimargroup.com DISTURBI E DIFFICOLTA

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Cesare Cornoldi, Patrizio E. Tressoldi, Nicoletta Perini (Dipartimento di Psicologia Generale, Università di Padova)

Cesare Cornoldi, Patrizio E. Tressoldi, Nicoletta Perini (Dipartimento di Psicologia Generale, Università di Padova) [in pubblicazione su DISLESSIA] 0/1/0 Valut la rapidità e la correttezza della lettura di brani: nuove norme e alcune chiarificazioni per l uso delle prove MT Ces Cornoldi, Patrizio E. Tressoldi, Nicoletta

Dettagli

Progetto DSA. Disturbo Specifico dell Apprendimento. Progetto DSA. Istituto Cesare Arici

Progetto DSA. Disturbo Specifico dell Apprendimento. Progetto DSA. Istituto Cesare Arici Istituto Cesare Arici A.S. 2010-2011 Sommario 1. Premessa... 3 2. Responsabile progetto:... 3 3. Finalità... 4 4. Obiettivi... 4 5. Destinatari... 4 6. Attività... 5 7. Metodi... 6 8. Strumenti... 6 9.

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento

Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento - UNITà DIDATTICHE ON LINE - Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento Per Psicologi, Insegnanti, Tecnici della Riabilitazione - PARTE SECONDA

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

modalità di intervento nei DSA Formazione di base

modalità di intervento nei DSA Formazione di base modalità di intervento nei DSA Formazione di base Disturbi specifici dell apprendimento Disturbi negli automatismi: Dislessia, discalculia trattamento compensazione Disturbi nelle abilità controllate:

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ESPERIENZE CHE INSEGNANO IL FUTURO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI GUIDA ALLA NUOVA NORMATIVA AA. VV. AGOSTINO MIELE Il presente volume nasce dall esperienza maturata all interno dell Istituto Tecnico per il

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

PERCORSI ABILITATIVI PER IL TRATTAMENTO DELLA DISLESSIA EVOLUTIVA (DE)

PERCORSI ABILITATIVI PER IL TRATTAMENTO DELLA DISLESSIA EVOLUTIVA (DE) PERCORSI ABILITATIVI PER IL TRATTAMENTO DELLA DISLESSIA EVOLUTIVA (DE) Strategie didattiche per l apprendimento Dott.ssa Simona Leoni Psicologa dell età evolutiva Perfezionata in Psicopatologia dell Apprendimento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

L INTERVENTO FONIATRICO - LOGOPEDICO IN PIEMONTE NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

L INTERVENTO FONIATRICO - LOGOPEDICO IN PIEMONTE NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO L INTERVENTO FONIATRICO - LOGOPEDICO IN PIEMONTE NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO A cura di: Marzo 2008 Logopedista Liliana Ferrero Logopedista Leonarda Gisoldi Logopedista Marina Maniscalco Logopedista

Dettagli

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Per ulteriori informazioni sui FIL: Cap. 9 del volume a cura di Cesare

Dettagli

Allegato al documento Consensus Conference "Disturbi specifici dell'apprendimento"

Allegato al documento Consensus Conference Disturbi specifici dell'apprendimento Allegato al documento Consensus Conference "Disturbi specifici dell'apprendimento" Il presente documento approfondisce la trattazione delle prove di letteratura contenute nel documento principale Consensus

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

tizianamuzio@libero.it tiziana.muzio.832@psypec.it MZUTZN80R70I693G P.IVA 01826240994 Nazionalità

tizianamuzio@libero.it tiziana.muzio.832@psypec.it MZUTZN80R70I693G P.IVA 01826240994 Nazionalità C U R R I C U L U M V I T A E D O T T. S S A T I Z I A N A M U Z I O Informazioni personali Nome/Cognome Indirizzo TIZIANA MUZIO VIA DI MONTESANO 4/8 GENOVA Telefono 347 9690257 E-mail P.E.C. C.F. tizianamuzio@libero.it

Dettagli

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA 1 CONCETTO DI PROVA ESPERTA Per prova esperta si intende una prova di verifica che non si limiti a misurare conoscenze e abilità,

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Disturbi specifici dell apprendimento

Disturbi specifici dell apprendimento Cc CONSENSUS CONFERENCE Sistema nazionale per le linee guida Disturbi specifici dell apprendimento CONSENSUS CONFERENCE 3 Il presente documento è stato realizzato con il finanziamento della Direzione generale

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Stefano Federici, Valerio Corsi, Marina E. Locatelli Asino chi non legge? Riconoscere e gestire i disturbi specifici di apprendimento

Stefano Federici, Valerio Corsi, Marina E. Locatelli Asino chi non legge? Riconoscere e gestire i disturbi specifici di apprendimento e Quante volte abbiamo sentito ripetere il proverbio chi non legge la sua scrittura è un asino di natura? Questo proverbio coglie a fondo un pregiudizio diffuso nei confronti di una persona dislessica

Dettagli

CON-PENSARE I DSA GUIDA PER INSEGNANTI. A cura di FILIPPO BARBERA. Con la presentazione di CESARE CORNOLDI

CON-PENSARE I DSA GUIDA PER INSEGNANTI. A cura di FILIPPO BARBERA. Con la presentazione di CESARE CORNOLDI CON-PENSARE I DSA GUIDA PER INSEGNANTI A cura di FILIPPO BARBERA Con la presentazione di CESARE CORNOLDI Filippo Barbera CON-PENSARE I DSA GUIDA PER INSEGNANTI Con il contributo di Istituto Comprensivo

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento Percorso di Formazione Dall autismo all integrazione socio-lavorativa Organizzato da: AGSAV ONLUS Associazione Genitori

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

MATERIALE DIAGNOSTICO od OSSERVATIVO ad uso scolastico

MATERIALE DIAGNOSTICO od OSSERVATIVO ad uso scolastico Direzione Didattica di Manzano MATERIALE DIAGNOSTICO od OSSERVATIVO ad uso scolastico PROVE COLLETTIVE PROVE INDIVIDUALI Prove di lettura MT di comprensione Prove di scrittura: Dettato Produzione scritta

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)?

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Si parla di disturbi specifici di apprendimento (dsa) nel caso in cui il soggetto indenne da problemi di ordine cognitivo, neurologico, sensoriale, presenti

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Insegnare può essere facile

Insegnare può essere facile Insegnare può essere facile Raccomandazioni per lo staff della formazione permanente per rendere i loro corsi accessibili Inclusion Europe Prodotto all'interno del progetto Creazione di percorsi di formazione

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Dislessia. Guida agli ausili informa ci. come utilizzare al meglio le nuove tecnologie con i DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO

Dislessia. Guida agli ausili informa ci. come utilizzare al meglio le nuove tecnologie con i DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Guida agli ausili informa ci Dislessia come utilizzare al meglio le nuove tecnologie con i DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Marcella Peroni Nicole a Staffa Luca Grandi Maria Angela Berton Presentazione

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

2012 Peanuts Worldwide LLC

2012 Peanuts Worldwide LLC 2012 Peanuts Worldwide LLC Presentazione Just remember, once you re over the hill, you begin to pick up speed Ricordati, solo una volta che sei in cima alla montagna, inizi a prendere velocita Charles

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

In classe con un allievo con disordini dell apprendimento.

In classe con un allievo con disordini dell apprendimento. In classe con un allievo con disordini dell apprendimento. Prof. Giacomo Stella Michele è un ragazzo di dodici anni, abita in un paese di provincia e fa la seconda media. Gli insegnanti hanno fatto chiamare

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Responsabile del corso: Prof.ssa Letizia Sabbadini Razionale La disprassia verbale evolutiva. La disprassia verbale evolutiva

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli