La caduta del gigante

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La caduta del gigante"

Transcript

1 La caduta del gigante 2. Controllare il greggio Come abbiamo visto nel post precedente, il controllo del petrolio per gli americani è una questione di stato, in cui è in gioco la loro egemonia economica e militare. La perdita di controllo del petrolio porterebbe ad un tracollo finanziario di tal calibro che potrebbe compromettere, tra l'altro, il più grande esercito del pianeta. Proprio così: i problemi derivati dal tracollo causerebbero il declino nell'esercito degli Stati Uniti, che non sarebbe in grado di rispettare gli impegni assunti, soprattutto in difesa dei campi petroliferi. La violazione del contratto di protezione da parte degli Stati Uniti con i paesi esportatori di petrolio, renderebbe liberi questi ultimi dall impegno a commerciare in dollari. In questo contesto, un mercato monetario sovraccarico si potrebbe sbarazzare dello stock di dollari spendibili e provocare un inflazione incontrollabile (iperinflazione) del dollaro. Una moneta così svalutata e poco concorrenziale nel mercato del crudo causerebbe la caduta a picco del sistema dei petrodollari. Quindi il controllo del petrolio da parte degli americani è essenziale, e si concentra sui paesi esportatori e sui paesi che fanno da nodo di comunicazione per la circolazione el petrolio. Nella guerra di interessi che coinvolgono il controllo del petrolio convergono sia il governo americano (interessato al controllo), come gli altri grandi consumatori di petrolio (che hanno il massimo interesse a rompere il monopolio). Lo studio del controllo militare del petrolio comporta di conseguenza l analisi dei potenziali esportatori, i nodi in cui la maggior parte del petrolio viene trasportato e gli interessi dei principali consumatori del pianeta.

2 I protagonisti Paesi con maggiori riserve di petrolio nel sottosuolo Principali consumatori di petrolio MMTPE = Milioni di tonnellate di petrolio equivalente Paesi strategici per la circolazione del greggio 1. Paese adiacente ad altro paese con riserve di petrolio e di un grande consumatore. Es. Afghanistan (Cina-Iran)

3 2. Paese con accesso al mare, dove sia possibile rifornire grandi petroliere. Es. Siria- Mediterraneo 3. Stretto o canale dove circola molto petrolio. Es. Golfo di Aden Un po di geostrategia Per lo studio geostrategico del petrolio è necessario analizzare il controllo esercitato dagli Stati Uniti sulle fonti, e la loro relazione con altri consumatori, in particolare Cina e India. La tabella seguente mostra la pressione politica e militare dagli Stati Uniti sugli esportatori di petrolio. Paese Conflitto Intervento USA Iraq Guerra del Golfo Dopo l invasione, attualmente gli USA Invasione dell Iraq mantengono 12 basi militari. Iran Dopo il tentativo di nazionalizzazione del petrolio da parte di Mosaddeq, Stati Uniti e Gran Bretagna, attraverso CIA e MI6, finanziarono un colpo di stato che stabilì una dittatura monarchica guidata dallo Scià Reza Pahlavi. Venezuela L 11 aprile 2002 si produce un tentato colpo di Stato ai danni di Hugo Chavez, presidente democraticamente eletto, i cui mandanti non sono mai stati accertati. Arabia Saudita Gli USA accusano l Iran di costruire la bomba atomica, senza prove evidenti. Continue minacce all Iran di un attacco militare. Anche se il Venezuela si rifiuta di avere relazioni diplomatiche, continua a pagare il debito contratto con gli USA, ed è uno degli esportatori maggiori verso quel paese, con 1 milione di barili al giorno. Le relazioni tra gli Stati Uniti e l'arabia Saudita marcano tutta politica petrolifera del mondo. Furono i creatori del petrodollari e alleati contro la diffusione del comunismo in Medio Oriente durante gli anni '70 e '80. La loro relazione si è intorbidita dopo gli attentati dell'11-s e le segnalazioni sulla possibilità che il Pakistan abbia acquistato testate nucleari.

4 Basi americane per controllare le fonti del greggio Il Medio Oriente è un esempio della potenza degli Stati Uniti e del loro desiderio di controllare il petrolio. I Paesi in rosso sono gli Stati con basi militari statunitensi. I Paesi in marrone scuro sono gli Stati con presenza di truppe americane. Come si può vedere solo l'iran, la Siria e la Giordania mantengono la loro indipendenza. Paesi come l'afghanistan o l'iraq sono caduti dopo guerre sanguinose e ora sono vittime di una rapida disintegrazione dei propri Stati. Controllo dei flussi Controllare il petrolio non è solo dominare militarmente o cooperare con i paesi che hanno riserve di petrolio sostanziali. Sotto pressione per le economie emergenti, l'indisciplina dei diversi stati per quanto riguarda i petrodollari, e le numerose guerre che decimano il Tesoro degli Stati Uniti, il controllo dei corridoi dell'energia sono diventati una priorità per la politica degli Stati Uniti. Di seguito presento alcuni tentativi fatti per sfuggire al controllo americano, le misure adottate dagli Stati Uniti per mantenerlo e le alternative al loro monopolio. Afghanistan, Iran, Cina La Banca industriale e commerciale della Cina ha accettato nel 2010 di finanziare un gasdotto Iran- Pakistan. Gli Stati Uniti lo hanno contestato e hanno sostenuto le sanzioni mirate contro l'iran per il suo presunto perseguimento della bomba nucleare. Gli americani hanno quindi minacciato di escludere la banca asiatica dell'economia degli Stati Uniti. Così la più grande Banca di Cina si è ritirata dall'accordo in cui si impegnava a finanziare il gasdotto tra Iran e Pakistan con $ 1,6 miliardi.

5 Nonostante l'opposizione degli Stati Uniti, rimane in vigore la possibilità di estendere un futuro corridoio in Cina come parte di un corridoio economico energetico. Funzionari cinesi e pakistani hanno discusso la posa di un gasdotto da Gwadar a Cina occidentale, in una riunione tenutasi il 26 agosto Iran, Iraq, Siria. (Friendship pipeline) Il governo del Qatar (alleato degli USA) propose ad Al Assad la realizzazione di un oleodotto per attraversare Arabia Saudita, Giordania, Siria e Turchia, per rifornire i mercati europei, aggirando la Russia. Al-Assad, presidente della Siria, ha rifiutato affermando che privilegiano gli interessi del loro alleato russo (ricordiamo che la Russia ha basi in Siria ed è anche il fornitore maggiore di gas verso l'europa). Tuttavia, Al-Assad stesso firmò un piano per costruire un gasdotto, " Friendship pipeline ", di 10 miliardi di dollari tra la Siria, Iraq e Iran, consentendo potenzialmente all Iran di fornire gas all'europa. Il gasdotto, e in particolare l'alleanza tra Iran, Iraq e Siria, sarebbe uno schiaffo ai piani del Qatar, come per gli americani, che perderebbero il controllo di una importante linea di controllo energetico e darebbe ossigeno ad uno stato ostile come è l'iran. Altri interessi occidentali convergono in Siria, perchè se Libano e Siria diventassero clienti di Washington, si riattiverebbe l oleodotto transarabico (Tapline) ora fermo, insieme ad altri percorsi alternativi che andrebbero dalla penisola arabica alla costa del Mar Mediterraneo. Gli sforzi per invadere il Libano e la Siria da parte del governo degli Stati Uniti non servirebbero solo ad isolare l'iran prima di qualsiasi confronto diretto con Teheran, ma anche a mantenere percorsi alternativi al petrolio e al gas in Medio Oriente. Le rivolte in Siria nel 2011 sono state causate principalmente da scarsità di energia, siccità e carestia, che hanno causato l'aumento del prezzo del grano. Ma tenete presente che sia americani che britannici desiderano il crollo dello stato siriano da molto tempo prima, per la sua posizione geostrategica, per la sua alleanza con i sovietici (poi russi), per la loro inimicizia con i sauditi, americani, israeliani, o il loro patto per il gas iraniano. Ed a complicare la difficile equazione siriana, il gasdotto Iran- Iraq-Siria potrebbe essere militarmente protetto dai russi, che detengono oggi una base a Tartus (sola base russa nel Mediterraneo). Secondo l'ex ministro degli esteri francese Ronald Dumas, la Gran Bretagna aveva già pianificato operazioni segrete in Siria nel

6 / La collana di perle String of Pearls è un termine che si riferisce all insieme di installazioni militari, relazioni commerciali e politiche che i cinesi mantengono e che si estende dalla Cina continentale al Sudan. Le linee passano attraverso una serie di importanti rotte di navigazione, e offrono un'alternativa al monopolio americano sulle rotte del petrolio. I corridoi più conflittivi per cui transita la maggior del greggio su petroliere sono lo Stretto di Hormuz, quello di Malacca o Bab el Mandeb e, come si vede sotto, anche gli americani hanno basi in ciascuno di questi punti. Oltre alle rotte marittime, coinvolge anche accordi con molti stati di importanza geostrategica fondamentale, come il Pakistan, Sri Lanka, Bangladesh, Maldive e Somalia. L'economia cinese sta vivendo la crisi, nonostante una crescita economica sorprendente e fortemente dipendente dalle fonti energetiche importate. Pertanto, le linee marittime di comunicazione che collegano Cina alle porte del Medio Oriente e le coste dell'africa sono diventate una questione di sicurezza energetica di primissimo ordine per il paese asiatico. La necessità è di evitare il dominio degli americani e garantire l'accesso al petrolio di cui la Cina ha bisogno per mantenere una crescita economica del 7% circa, oltre ad essere il secondo più grande consumatore di petrolio mondiale. Il petrolio importato dagli Stati del Golfo e l'africa comprende il 70% delle

7 importazioni petrolifere della Cina. Al fine di soddisfare la domanda futura, la Cina ha firmato una serie di contratti a lungo termine per sfruttare giacimenti petroliferi iraniani, costruire oleodotti, raffinerie e porti sia in Sudan e Pakistan. I primi pezzi chiave della Pearl Belt sono i porti di Gwadar e di Chabahar, nel sud del Pakistan e Iran, rispettivamente. Come si vede nelle mappe, i punti più deboli della collana di perle sono i porti di Gwadar e Chabahar, alternative allo Stretto di Hormuz per importare sia le risorse minerarie del sud del Pakistan, come il petrolio dal Medio Oriente (in particolare Iran). La collana di perle non ha senso senza il corretto funzionamento dei porti di Gwadar e Chabahar. I porti sono in zona beloche, e gli americani sarebbero i maggiori beneficiari se scoppiasse un conflitto che provocasse il crollo del trasporto di energia in questa zona. Inglesi e americani hanno sorpreso i pakistani alla 23a sessione ordinaria del dibattito generale del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite a Ginevra il 7 giugno: entrambe le nazioni hanno sostenuto il leader nazionalista Mehran Marri, rappresentante beloche alle Nazioni Unite, affermando che il Pakistan stava commettendo violazioni dei diritti umani in Balochistan. (Gwadar: (Chabahar:http://thediplomat.com/flashpoints-blog/2013/07/01/china-makes-play-forirans-chabahar-port/)

8 Secondo il Dipartimento dell'energia del Governo degli Stati Uniti, circa la metà del greggio prodotto è distribuito per mezzo delle grandi navi petroliere. Come possiamo vedere sulla mappa, l esportazione del petrolio marittimo passa per una serie di stretti, punti critici, che in un modo o nell'altro gli americani hanno cercato di dominare. Stretto di Hormuz L'asse centrale del petrolio è lo Stretto di Hormuz. Questo canale tra Oman e Iran, collega il Golfo Persico e il Golfo di Oman con il Mare Arabico. Da lì passano 15,5 milioni di barili di petrolio al giorno. Per avere un'idea, questo volume è equivalente all'intero consumo giornaliero in Europa occidentale e rappresenta circa il 18% della fornitura mondiale di petrolio. Basi americane controllano tutta la parte orientale dell'arabia Saudita, l'iraq e lo Stretto di Hormuz grazie alle basi Al Musn'ah, Seeb e soprattutto Al Dhafra che si trova a circa 20 miglia a sud di Abu Dhabi. Il più grande timore degli Stati Uniti è che, in caso di guerra contro gli iraniani, questi blocchino lo Stretto ed inizino a bombardare le petroliere (ci sono studi sulla possibilità che il petrolio potrebbe aumentare il suo prezzo a $300/barile, in questo caso). Gli americani hanno studiato la realizzazione di oleodotti alternativi per evitare lo Stretto di Hormuz, e quindi godere di una certa libertà in caso di guerra contro l Iran.

9 Ma i loro sforzi si rivelano infruttuosi, perchè anche i più grandi campi sauditi sono nel raggio dei missili iraniani. Inoltre, a breve termine, la capacità degli oleodotti alternativi non sarebbe sufficiente a superare il collasso del traffico portuale dello Stretto di Hormuz. Stretto di Malacca Il secondo punto caldo nella fornitura di greggio è lo Stretto di Malacca, tra Indonesia, Malesia e Singapore. Collega l'oceano Indiano con il Mar Cinese Meridionale ed è il percorso più breve tra i paesi esportatori di petrolio del Golfo Persico e le economie asiatiche voraci. Il volume di traffico è di circa 13,6 milioni di barili al giorno. Changi Naval Base, CNB, è l'ultima installazione portuale della Repubblica di Singapore. Accoglie anche portaerei ed è spesso utilizzata dalla " Royal Navy ", come dalla marina degli Stati Uniti. Gli americani possono usare le strutture del CNB dal protocollo d'intesa firmato il 10 novembre In questo contesto, la Cina è esposta ad una vulnerabilità energetica significativa, perché ha poche alternative al passaggio dallo Stretto di Malacca. Un conflitto o una catastrofe naturale, come uno tsunami, potrebbero avere un impatto fatale sulla fornitura di petrolio greggio e l'economia asiatica. Le alternative passano in un primo momento dall'istmo di Kra, progetto presentato dal governo thailandese, per far comunicare il Mar delle Andamane con il Golfo di Thailandia a mezzo di condutture, rete ferroviaria o canale (questo ultimo punto è stato respinto dal governo cinese). L'altra opzione praticabile è quella di costruire una pipeline attraverso la Birmania. In questo caso la Birmania giocherebbe un ruolo essenziale come fornitore di gas e petrolio per la Cina. WP pdf Bab el Mandab Il terzo punto è lo stretto strategico di Bab el- Mandab, tra il Corno d'africa ed il Medio Oriente, che collega il Mediterraneo con l'oceano Indiano e dove passano circa 3,2 milioni di barili al giorno, circa il doppio del consumo della Spagna. Bab el - Mandab è il primo passo per l attraversamento del Canale di Suez. Gli Stati Uniti hanno la loro base a Camp Lemonnier, Gibuti. Anche in questo caso la concorrenza per i nord americani è rappresentata dai cinesi, che sono particolarmente interessati al petrolio sudanese, il quale deve passare per forza attraverso lo stretto di Bab el- Mandab.

10 La Cina è il più grande investitore in Sudan. La cinese "National Petroleum Corporation" ha una partecipazione del 40% nella Greater Nile Petroleum Operating Company, che ha costruito km di condotte e molti servizi (tra cui raffinerie a Port Sudan). Ma in realtà il problema più grande non è lo Stretto di Bab el- Mandab, quanto piuttosto il conflitto che mantengono Nord Sudan e Sud Sudan, in un contesto in cui il sud ha il petrolio, ed il nord l'uscita al mare strategica. Conclusioni Il controllo del petrolio per gli americani suppone un costo crescente, un profitto sempre più esiguo ed una concorrenza sempre più agguerrita da parte del resto dei grandi consumatori di energia (potremmo dire che l EROEI Energy Returned On Energy Invested del dominio militare americano diminuisce in modo allarmante, come ha detto Jan Palermo). Le crescenti esigenze del gigante americano, immerso in una crisi come l'attuale, portano ad un aumento del debito sovrano.

11 La bolla monetaria, basata sulla necessità di dollari per l'accesso al petrolio (il 60% della moneta mondiale), l'esercito più costoso nella storia (deve garantire la conformità dei trattati per il controllo delle materie prime, il 46% della spesa militare globale), e il conseguente aumento del debito (45% del debito sovrano del globo), rendono l'economia americana in una vera bomba a tempo che prima o poi scoppierà. E sullo sfondo il calo dell'estrazione del petrolio, alla base della destabilizzazione del sistema di petrodollari. La conseguenza più immediata sarà il default del debito da parte del colosso statunitense, la morte dei petrodollari e l'effetto a catena su altre economie. Il collasso dell'economia degli Stati Uniti è solo un altro passo verso la disintegrazione del sistema economico attuale. Essere consapevoli della inevitabile morte del neoliberismo, il collasso finanziario e la fine della crescita è l'unico modo per adattarsi ad futuro incerto. 3. Undici chiodi sulla bara del petrodollaro Questo capitolo è la traduzione dell omonimo articolo di Michael Snyder, pubblicato nel blog The Economic Collapse il 17 Luglio 2012 e rappresenta la ciliegia sulla torta di questa personale analisi che ho chiamato La Caduta del Gigante. 11 accordi internazionali che sono chiodi nella bara del petrodollaro Sono morti i petrodollari? Beh, non ancora, ma i chiodi della loro tomba si stanno già fabbricando, mentre leggete questo post. Per decenni, la maggior parte delle nazioni del mondo hanno usato il dollaro statunitense sia per comprare il petrolio che per commerciare. In sostanza, il dollaro USA ha agito come una moneta mondiale. Praticamente ogni paese sulla faccia della terra ha grandi mucchi di dollari necessari per accedere al commercio internazionale. Ciò ha garantito una grande richiesta di dollari e ha garantito la capacità di indebitamento del governo degli Stati Uniti. Questa richiesta di dollari ha mantenuto i prezzi ed i tassi di interesse bassi, e ha anche fornito al governo degli Stati Uniti una quantità incredibile di potere e influenza sul resto del globo. In questo momento, il dollaro rappresenta oltre il 60 per cento di tutte le riserve valutarie del mondo. Ma i tempi stanno cambiando. Negli ultimi anni ci sono stati innumerevoli accordi internazionali firmati per diminuire la quantità di dollari nel commercio internazionale. I media mainstream negli Stati Uniti riservano uno strano silenzio su tutti questi accordi, ma la verità è che stanno ponendo le basi per un cambiamento fondamentale nel modo in cui il commercio è condotto in tutto il mondo. La morte dei petrodollari avrà un impatto assolutamente devastante sull'economia statunitense. Purtroppo, la maggior parte degli americani non sono consapevoli di ciò che accadrà. Un motivo per cui la Federal Reserve è stata in grado di inondare il sistema finanziario con i dollari, è perché il resto del mondo ha assorbito quei dollari. Questo

12 perché il mondo ha bisogno di una quantità enorme di dollari per poter commerciare, ma cosa accadrà quando i dollari non saranno più necessari? Potremo contemplare lo tsunami dell'inflazione mentre la domanda di dollari cade? La forza del dollaro è stata una delle poche cose che sostengono la nostra economia. Senza il sostegno dei petrodollari saremo immersi in un mare di guai. I seguenti sono 11 accordi internazionali che sono i primi chiodi della bara. # 1 Cina e Russia Cina e Russia hanno deciso di iniziare ad usare le proprie valute in caso di commercio bilaterale. Ecco il link all articolo di China Daily su questo importante accordo: # 2 Cina e Brasile Lo sapevate che il più grande partner commerciale del Brasile è la Cina? La più grande economia del Sud America ha accettato di un'importante scambio di valute con la più grande economia dell'asia. Quanto segue è tratto da un recente articolo della BBC: Cina e Brasile hanno concordato un importante scambio valutario come precauzione contro qualsiasi crisi finanziaria globale, e quindi rafforzare i loro legami commerciali. Le rispettive banche centrali possono scambiare valute locali per un valore fino a 60 miliardi di reais o 190bn yuan ($30 miliardi, 19 miliardi). L'importo può essere utilizzato per sostenere le riserve monetarie in tempi di crisi e incrementare il commercio bilaterale. # 3 Cina e Australia Lo sapevate che la nazione di pricipale peso commerciale con l'australia è la Cina? Anche l'australia ha recentemente approvato un ampio accordo di scambio valute con la Cina. Quello che segue è parte di un recente articolo del Financial Express: Le banche centrali di Cina e Australia hanno firmato un accordo per lo scambio di monete per un valore di 31,2 miliardi dollari, garantendo così la disponibilità di capitale tra i partner commerciali. [...] La Cina sta aumentando i contratti di scambio di valuta, e promuovendo l'uso internazionale dello yuan. L'accordo con l'australia si unisce ad analoghi accordi con paesi come la Corea del Sud, Turchia e Kazakistan. La Cina è il principale partner commerciale dell'australia, che rappresenta circa un quarto delle vendite di beni della nazione cinese all'estero.

13 # 4 Cina e Giappone La seconda e la terza più grande economia di tutto il mondo hanno deciso di iniziare a muoversi verso l'utilizzo le proprie valute nel commercio bilaterale. L'importante accordo è stato in gran parte ignorato dai media USA. Secondo Bloomberg, si prevede che questo accordo rafforzerà le relazioni tra i due giganti asiatici. Giappone e Cina promuoveranno lo scambio diretto di yen e yuan senza l'utilizzo di dollari per favorire lo sviluppo di un mercato per le aziende coinvolte nel commercio... Il Giappone intende anche acquistare obbligazioni cinesi il prossimo anno, permettendo l'investimento di yuan durante le operazioni [...] La Cina, lo scorso anno, è stato il più grande partner commerciale del Giappone, con 26,5 trilioni di yen di operazioni di trading swap, in confronto ai 92 miliardi di yen di un decennio prima. # 5 India e Giappone Non è solo la Cina che fa questo tipo di accordi in valuta. Secondo la Reuters, l'india e il Giappone hanno concordato di scambiarsi una grande quantità di moneta. # 6 "oil-for-junk": Come India e Cina acquistano petrolio iraniano L'Iran continua a vendere un sacco di petrolio, ma spesso senza scambiarlo con dollari. Come fa? Un articolo di Bloomberg spiega come la Cina e l'india comprano il petrolio iraniano. L Iran ei suoi principali acquirenti di petrolio, Cina e India, stanno trovando modi di aggirare le sanzioni finanziarie imposte dagli Stati Uniti e l'unione europea alla Repubblica islamica, lo stesso petrolio viene scambiato con valute locali e materie prime come grano, farina di soia e prodotti di consumo.

14 L India, il secondo più grande importatore di petrolio iraniano, ha creato un conto in rupie in una banca statale per soddisfare fino al 45 per cento della bolletta petrolifera, secondo i funzionari indiani. La Cina, il più grande cliente di petrolio iraniano, compie parte delle sue transazioni petrolifere attraverso il baratto. Secondo vari articoli della stampa pakistana e russa, Mahmoud Bahmani, governatore della banca centrale dell'iran, ha detto il 28 febbraio che l'iran cercherà anche scambi con il Pakistan e la Russia in cambio di grano. # 7 Iran e Russia Secondo Bloomberg, l'iran e la Russia hanno deciso di rottamare il dollaro e utilizzare le proprie valute quando fanno affari fra di loro. # 8 Cina e Cile Cina e Cile hanno recentemente firmato un nuovo accordo che aumenta notevolmente il commercio tra le due nazioni, ed è anche suscettibile di provocare scambi di valute tra i due paesi. Wen ha proposto che entrambi i paesi incrementino lo scambio di merci e servizi e promuovano gli investimenti reciproci, per raddoppiare gli scambi commerciali in tre anni. [...] La Cina è pronta a partecipare attivamente alla costruzione di infrastrutture cilene e lavorare con il paese sudamericano per promuovere lo sviluppo delle reti di trasporto in America Latina, ha detto Wen. Nel frattempo, Wen ha proposto che le due parti inizino scambi di valuta e di ampliare gli scambi con yuan cinese. # 9 Cina ed Emirati Arabi Uniti Secondo la CNN, la Cina e gli Emirati Arabi Uniti hanno recentemente concordato una grande quantità di moneta disponibile per lo scambio valutario.

15 # 10 Cina e Africa Lo sapevate che la Cina è oggi il principale partner commerciale dell'africa? Per molti anni, il dollaro USA era dominante in Africa, ma ora qualcosa sta cambiando. 86 # 11 Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa I BRICS ( Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica ) sono un gruppo di economie con un ruolo enorme nell'economia globale. Un recente accordo tra queste nazioni ha preparato uno scenario in cui si utilizzano sempre più le proprie valute nazionali, sostituendo il ruolo che ha svolto finora il dollaro come moneta di scambio. Le cinque principali economie emergenti, note come BRICS - Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa - concordano nel quarto vertice dei leader dello scorso giovedi, che per fornire maggiore dinamicità di business, si sigleranno due nuovi accordi che favoriscono il commercio intra - BRICS. I due accordi permetteranno il credito in valuta locale tra imprese dei paesi BRICS e saranno firmati alla presenza dei leader dei cinque paesi. [...] I patti hanno l obiettivo di rivitalizzare il commercio intra - BRICS, che pur crescendo ad un tasso del 28 per cento negli ultimi anni, è solo di $230 miliardi, ben al di sotto delle potenzialità delle cinque potenze economiche. Quindi, che cosa significa tutto questo? Significa che i giorni del dollaro come riserva mondiale di valuta sono contati. Perché è importante? In un precedente post, ho citato un importante articolo di Marin Katusa che dettaglia molti dei grossi vantaggi che il sistema dei petrodollari ha portato all'economia statunitense: Il petrodollaro ha mantenuto il predominio economico statunitense, nonostante le diverse crisi economiche negli Stati Uniti, dal momento che il sistema dei petrodollari ha creato e alimentato la domanda internazionale per la valuta americana. Un dollaro forte ha permesso agli americani di comprare merci importate con uno sconto enorme - il sistema dei petrodollari in sostanza è servito a creare un sistema di sovvenzioni per i consumatori degli Stati Uniti a spese del resto del mondo. Ma a questo punto l'economia americana si è accorta della sua debolezza: la disponibilità di importazioni a basso prezzo ha colpito duro e l industria manifatturiera

16 degli Stati Uniti ha perso competitività, subendo così una significativa perdita di posti di lavoro che ostacola e impedisce attualmente la resurrezione dell'economia degli Stati Uniti. Quindi cosa succederà quando il petrodollaro muore? Di seguito sono alcune delle cose che si potranno vedere: - Il petrolio costerà di più. - Tutto costerà di più. - La domanda estera per il debito pubblico degli Stati Uniti sarà molto più bassa. - I tassi di interesse sul debito pubblico degli Stati Uniti aumenteranno. - I tassi di interesse di quasi tutto nell'economia statunitense aumenteranno. E questo è solo l'inizio. Come ho scritto di recente, la Federal Reserve non ha intenzione di salvarci. Ben Bernanke non è chi sta per tirare in qualche modo un coniglio dal cappello per rendere tutto magicamente migliore. Si stanno verificando cambiamenti fondamentali nel sistema finanziario globale e per Bernanke è impossibile fermarli. Non dovremmo mai indebitarci in questo modo. Finora l abbiamo fatta franca, ma quando la domanda di dollari calerà, il debito degli Stati Uniti ci porterà in una situazione estremamente dolorosa. Tenete gli occhi e le orecchie aperte per ascoltare le notizie di cui sopra. La fine del petrodollari sarà un passo molto importante nel cammino verso il collasso totale della pietra miliare dell'economia statunitense. Quale credete che potrà essere il destino del dollaro statunitense nei prossimi anni? Bibliografía (quando non citata direttamente):

17

Traduzione dal francese per www.resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Traduzione dal francese per www.resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare di Tony Busselen e Bert De Belder da Partito del Lavoro del Belgio Traduzione dal francese per www.resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare Se ci si fida dei politici e dei

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

CONFLITTI nel MONDO (2015)

CONFLITTI nel MONDO (2015) CONFLITTI nel MONDO (2015) I giornali e le televisioni di tutto il mondo parlano ogni giorno del conflitto in corso tra Israele e Palestina. Continui aggiornamenti sul numero di vittime, sulle brevi tregue

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere www.dominosolutions.it - info@dominosolutions.it Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere 02 Luglio 2012 Il petrolio greggio è uno dei prodotti più utilizzati e richiesti nel

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 835 ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 24 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

FRANCHIGIA ED ECCEDENZA BAGAGLIO PER BIGLIETTI EMESSI DAL 27/10/2015

FRANCHIGIA ED ECCEDENZA BAGAGLIO PER BIGLIETTI EMESSI DAL 27/10/2015 FRANCHIGIA ED BAGAGLIO PER BIGLIETTI EMESSI DAL 27/10/2015 Nella colonna costo eccedenza bagagli i valori sono da intendersi in: EUR (da Europa, Est Europa, Giappone, Corea e Cina), CAD (da Canada) o USD

Dettagli

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani CONVEGNO NAZIONALE Crisi economica e mercato del credito:

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 974 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO 8 gennaio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

FRANCHIGIA ED ECCEDENZA BAGAGLIO PER BIGLIETTI EMESSI DAL 20/04/2016

FRANCHIGIA ED ECCEDENZA BAGAGLIO PER BIGLIETTI EMESSI DAL 20/04/2016 FRANCHIGIA ED BAGAGLIO PER BIGLIETTI EMESSI DAL 20/04/2016 Nella colonna costo eccedenza bagagli i valori sono da intendersi in: EUR (da Europa, Est Europa, Giappone, Corea e Cina), CAD (da Canada) o USD

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione II PARTE Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione 2. Un Asia, tante Asie: Paesi, aree e regioni dell estremo Oriente Inizio II Millennio ASIA centro della

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

25 marzo 2014 Roberto Russo. www.assitecasim.it

25 marzo 2014 Roberto Russo. www.assitecasim.it Gazprom 25 marzo 2014 Roberto Russo www.assitecasim.it Gazprom è una compagnia energetica globale specializzata nei business dell esplorazione, produzione, trasporto, trasformazione e vendita di gas, condensato

Dettagli

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita?

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Lookout News Rocco Bellantone I turchi continuano a bombardare a nord, mentre a Incirlik arrivano i caccia sauditi. La riunione del Gruppo

Dettagli

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE Francesco Asdrubali INDICE FATTORI DOMINANTI DEL PANORAMA ENERGETICO MONDIALE CRESCITA ECONOMICA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE PREZZI CO2 PRICING DOMANDA E OFFERTA DI ENERGIA

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Dieci anni di domanda di petrolio

Dieci anni di domanda di petrolio Dieci anni di domanda di petrolio La domanda mondiale di petrolio Eni ha recentemente pubblicato la tredicesima edizione del World Oil and Gas Review 2014, la rassegna statistica annuale sul mercato mondiale

Dettagli

La prima mappa mondiale delle falde di acqua potabile

La prima mappa mondiale delle falde di acqua potabile ACQUA POTABILE La prima mappa mondiale delle falde di acqua potabile L acqua potabile è una risorsa molto preziosa e lo sarà sempre di più. Finora non esisteva nessun quadro complessivo circa le riserve

Dettagli

Assemblea Ordinaria Annuale UNICOM Unione nazionale imprese di comunicazione

Assemblea Ordinaria Annuale UNICOM Unione nazionale imprese di comunicazione Assemblea Ordinaria Annuale UNICOM Unione nazionale imprese di comunicazione Roma 16 maggio 2014 Roberto Luongo Direttore Generale ICE-Agenzia www.ice.gov.it 1 Esportazioni Importazioni Quote di mercato

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI

SINTESI DEI RISULTATI SINTESI DEI RISULTATI I dati relativi alle imprese di costruzioni che hanno preso parte all Indagine Ance 2013 sull internazionalizzazione confermano la dinamicità del settore, nonostante la crisi in atto.

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti

Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti rubrica a cura di Martino Conserva VALUTAZIONE DI RISCHIO Nonostante il «cuscinetto» rappresentato dalle ingenti attività finanziarie estere degli Emirati, la recessione

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 2 Le materie prime energetiche nel commercio estero italiano (Aprile 2006) 1 LE MATERIE

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 4 OTTOBRE 2015 Il commercio mondiale risente del rallentamento dei paesi emergenti, ma allo stesso tempo evidenzia una sostanziale tenuta delle sue dinamiche di fondo.

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota *

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota * Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina Paese /non richiesto Nota * 1. Austria Visto non richiesto per un soggiorno 2. Afghanistan DP titolari di passaporti diplomatici SP titolari di

Dettagli

Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime?

Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime? Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime? 11 Aprile, 2011 L aumentare della Violenza fa Salire il Prezzo del Petrolio Le continue e crescenti crisi tra le nazioni produttrici di petrolio

Dettagli

Scenario economico e politiche

Scenario economico e politiche Scenario economico e politiche Fedele De Novellis Bergamo, 14 giugno 2013 www.refricerche.it Schema generale Rallentamento economia globale nel 2012 (crisi della periferia europea) Reazione politiche monetarie

Dettagli

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014 Spunti per l intervento di Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Presentazione del World Energy Outlook ENI 1 Vorrei innanzitutto salutare e ringraziare l Agenzia Internazionale per l Energia

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia

ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia Nel 2012 sono stati prodotti in Asia 1 oltre 42,65 milioni di autoveicoli, con un

Dettagli

Gli Investirori Professionali stanno Spostandosi sull Euro

Gli Investirori Professionali stanno Spostandosi sull Euro Gli Investirori Professionali stanno Spostandosi sull Euro 17 Gennaio 2011 Nelle ultime settimane la crisi del debito dell Euro è esplosa. Le obbligazioni di Portogallo, Grecia e l'irlanda sono state massicciamente

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 il caffè Direzione Dipartimento Promozione NOTA INTRODUTTIVA Le elaborazioni statistiche si propongono di fornire al Lettore uno strumento per

Dettagli

VERSIONE NON UFFICIALE

VERSIONE NON UFFICIALE VERSIONE NON UFFICIALE DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEI MINISTRI DELL ENERGIA, DEL COMMISSARIO EUROPEO E DEI MINISTRI DELL ENERGIA DI ALGERIA, AUSTRALIA, BRASILE, CINA, EGITTO, INDIA, INDONESIA, COREA, LIBIA,

Dettagli

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di cooperazione, entrato in vigore nel 1978. Queste relazioni

Dettagli

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT FOCUS ON Iran: sanzioni, export italiano e prospettive A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT Le sanzioni applicate a partire dal 2006 all Iran da Stati Uniti, ONU e Unione Europea (UE) hanno avuto

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati PANORAMA DEL SETTORE In questi ultimi anni, possiamo parlare di più di un decennio ormai, in Europa è prevalsa la politica del libero mercato e della globalizzazione. Politica attuata, però, senza che

Dettagli

geopolitica del medio oriente

geopolitica del medio oriente Master in geopolitica del medio oriente Institute for Global Studies LiMes Rivista Italiana di Geopolitica Edizione 2011/12 Il Master in Geopolitica del Medio Oriente si tiene a Roma nella prestigiosa

Dettagli

UNCC: Cosa è e come funziona la Commissione Onu per i Risarcimenti

UNCC: Cosa è e come funziona la Commissione Onu per i Risarcimenti UNCC: Cosa è e come funziona la Commissione Onu per i Risarcimenti Uno dei meccanismi essenziali della strategia di annientamento dell Iraq è tuttora sconosciuto al grande pubblico. Si tratta della United

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

Mediterraneo: possibili scenari futuri. Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C.

Mediterraneo: possibili scenari futuri. Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C. Mediterraneo: possibili scenari futuri Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C. L evoluzione dei traffici marittimi nell area del Mediterraneo in relazione allo scenario mondiale Genova, 6 Novembre 2009

Dettagli

Il mercato del lapideo. Passato e presente

Il mercato del lapideo. Passato e presente Il mercato del lapideo Passato e presente Il mercato per il settore lapideo è il mondo che noi dividiamo in macro aree: Europa, America, Medio Oriente e Africa, Estremo Oriente e Australia. Massa Carrara

Dettagli

Cav. Lav. Prof. Giancarlo Elia Valori (Presidente de La Centrale Finanziaria Generale ) Intervista a cura della redazione - 01 Giugno 2011

Cav. Lav. Prof. Giancarlo Elia Valori (Presidente de La Centrale Finanziaria Generale ) Intervista a cura della redazione - 01 Giugno 2011 1 Cav. Lav. Prof. Giancarlo Elia Valori (Presidente de La Centrale Finanziaria Generale ) Intervista a cura della redazione - 01 Giugno 2011 1. La politica del petrolio è una tradizionale attitudine sia

Dettagli

SENARIO INTERNAZIONALE L andamento nei mercati turistici nel mondo

SENARIO INTERNAZIONALE L andamento nei mercati turistici nel mondo SENARIO INTERNAZIONALE L andamento nei mercati turistici nel mondo (maggio 2007) (codice prodotto OSAP02-R01-D01) Osservatorio Del Turismo della Regione Campania Via Coroglio 57d 80124 Napoli-Tel 081.7352413-555

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

RELAZIONI TRANSATLANTICHE: USA E CANADA

RELAZIONI TRANSATLANTICHE: USA E CANADA RELAZIONI TRANSATLANTICHE: USA E CANADA L'UE e i suoi partner nordamericani, Stati Uniti d'america e, condividono i valori comuni di democrazia, diritti umani e libertà economica e politica, e hanno interessi

Dettagli

ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8%

ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8% ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8% Nel 2013 sono stati prodotti in Asia 1 /Oceania oltre 45,8 milioni di autoveicoli, con un incremento del 4,8%; in termini di volumi si tratta

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali

Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali 2014 Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali R I S U L T A T I P R I N C I P A L I I risultati del nostro Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali del 2014 indicano che gli investitori

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO

QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO CHECK-IN RAPPORTO EXPORT ONLINE SU SACE.IT/RAPPORTOEXPORT QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO 12 SACEMAG ANDARE OLTRE I BRIC E PUNTARE SUI NEXT GENERATION MARKET PER LE MIGLIORI OPPORTUNITÀ GEOGRAFICO-SETTORIALI,

Dettagli

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a)

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a) Quote di mercato Nel corso degli ultimi anni si è assistito ad una graduale erosione delle quote di mercato sulle esportazioni mondiali dell Unione europea, principalmente a vantaggio dei paesi dell Asia

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

News > Esteri > Politica - Venerdì 30 Novembre 2012, 19:41

News > Esteri > Politica - Venerdì 30 Novembre 2012, 19:41 "COP18" A Doha la conferenza dell'onu sul cambiamento climatico 17mila partecipanti e 194 nazioni per cercare un nuovo "accordo globale sul clima". Ma è polemica per la scelta del Qatar, il paese che detiene

Dettagli

3. IL COMMERCIO INTERNAZIONALE E LE BILANCE DEI PAGAMENTI

3. IL COMMERCIO INTERNAZIONALE E LE BILANCE DEI PAGAMENTI 3. IL COMMERCIO INTERNAZIONALE E LE BILANCE DEI PAGAMENTI Alla rapida ripresa del commercio mondiale di beni e servizi nel 2010 (12,9 per cento) è seguita, nel, una crescita assai più debole (5,8 per cento),

Dettagli

Mini MBA in Doing Business in China

Mini MBA in Doing Business in China Indice: Mini MBA in Doing Business in China Mini MBA in Doing Business in Brazil Mini MBA in Doing Business in the Middle East Mini MBA in Doing Business in Japan Mini MBA in Starting a Business in Germany

Dettagli

Roma, 9 aprile 2015. Gentili ospiti,

Roma, 9 aprile 2015. Gentili ospiti, INTERVENTO DELLA VICEPRESIDENTE LINDA LANZILLOTTA IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE PER L AZIONE CONTRO LE MINE E GLI ORDIGNI BELLICI INESPLOSI "CONOSCERE PER RI-CONOSCERE - VIAGGIO NELLE SCUOLE D'ITALIA

Dettagli

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Ministero degli Affari Esteri Dalla RELAZIONE GOVERNATIVA 2004 ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Paese di destinazione

Dettagli

A Ovest, il Canale di Suez, il Mar Rosso e il Golfo di Aden; A Est, le montagne sugli orli degli altipiani iranico e afgano.

A Ovest, il Canale di Suez, il Mar Rosso e il Golfo di Aden; A Est, le montagne sugli orli degli altipiani iranico e afgano. IL MEDIO ORIENTE Medio Oriente è una denominazione convenzionale, di origine francese, che viene data all Asia occidentale, a quella parte compresa tra l Africa e l India. I suoi confini sono: A Nord il

Dettagli

Italia - Iran ایران - ایتالیا

Italia - Iran ایران - ایتالیا Italia - Iran ایران - ایتالیا Elaborato dall Ufficio di supporto per la pianificazione strategica, studi e rete estera pianificazione.strategica@ice.it 14 luglio 215 Sanzioni in vigore A partire dal 26

Dettagli

COUNTRY RISK MAP: 2013, UN ANNO AD ALTO RISCHIO

COUNTRY RISK MAP: 2013, UN ANNO AD ALTO RISCHIO COMUNICATO STAMPA Email: ufficio.stampa@sace.it Tel: +39 06 6736888 www.sace.it COUNTRY RISK MAP: 2013, UN ANNO AD ALTO RISCHIO SACE aggiorna i profili di rischio di 189 mercati e presenta le principali

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 3 I centri dell economia mondiale: una prospettiva storica La Globalizzazione: una prospettiva storica Benefici e canali di trasmissione della Globalizzazione

Dettagli

Secondo le previsioni del World Energy Outlook. La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni

Secondo le previsioni del World Energy Outlook. La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni ASSOCARBONI La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni In un mondo assetato di e- nergia, il carbone mantiene la leadership indiscussa, rivelandosi una risorsa concorrenziale

Dettagli

WORLD WATCH LIST 2014

WORLD WATCH LIST 2014 COS E PORTE APERTE/OPEN DOORS INTERNATIONAL? La cronaca internazionale degli ultimi tempi ci ricorda quanto sia reale la persecuzione a danno dei cristiani e l ondata di violenze in vari paesi nel mondo,

Dettagli

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI.

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. SCUOLA 21 classe 2^ OPA STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. Tra i maggiori detentori di risorse minerarie figurano i quattro più vasti paesi del mondo: Russia

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

Il Secondo dopoguerra e la Guerra Fredda in Asia. Prof. Michele Brunelli

Il Secondo dopoguerra e la Guerra Fredda in Asia. Prof. Michele Brunelli Il Secondo dopoguerra e la Guerra Fredda in Asia Prof. Michele Brunelli 1 Partizione delle Indie 2 I principati indiani 3 Le guerre del Kashmir Prima Guerra del Kashmir: 1947 Seconda Guerra del Kashmir:

Dettagli

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT IAI927 DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE di Luca Laureti DRAFT Documento preparato nell ambito del programma di ricerca

Dettagli

L Europa in seconda fila

L Europa in seconda fila Introduzione Per un paese in crisi come l Italia, la dimensione europea è, sia politicamente sia economicamente, essenziale. Tanto più importante, quindi, è il ruolo che l Europa nel suo complesso riuscirà

Dettagli

ASIA OCCIDENTALE (MEDIO ORIENTE)

ASIA OCCIDENTALE (MEDIO ORIENTE) ASIA OCCIDENTALE (MEDIO ORIENTE) I paesi di quest area: TURCHIA SIRIA LIBANO ISRAELE GIORDANIA ARABIA SAUDITA YEMEN OMAN EMIRATI ARABI UNITI QATAR BAHREIN IRAN KUWAIT - IRAQ Area caratterizzata da due

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 18 Le crisi valutarie Hill, cap. 11, molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 16 ottobre 2015 (OR. en) EUCO 26/15 CO EUR 10 CONCL 4 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Segretariato generale del Consiglio Destinatario: delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

QUADRO MACROECONOMICO

QUADRO MACROECONOMICO IMPORTARE IN QATAR Forma istituzionale: Monarchia costituzionale Capo dello Stato: Emiro S.A. Sceicco Tamim bin Hamad Al Thani (dal 2013) Capitale : Doha Superficie : 11.521 km2 Popolazione : 300.000 popolazione

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

Templeton Mercati Emergenti

Templeton Mercati Emergenti A FRANKLIN TEMPLETON INVESTMENTS NEWSLETTER Templeton Mercati Emergenti - Relazione mensile: Novembre 2014 Mark Mobius, Executive Chairman, Templeton Emerging Markets Group Panoramica I mercati globali

Dettagli

OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN

OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN Treviso, 7 giugno 2013 AMBASCIATA DELLA REPUBBLICA DELL AZERBAIGIAN IN ITALIA FATTI SALIENTI Data di fondazione 28 maggio 1918 Indipendenza 18 ottobre 1991 Relazioni

Dettagli

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI Atlante Statistico dell Energia RIE per AGI Settembre 215 ENERGIA E AMBIENTE 14 Emissioni totali di CO2 principali nei paesi Europei 12 1 mln tonn. 8 6 4 2 199 1992 1994 1996 1998 2 22 24 26 28 21 212

Dettagli

76 Relazione annuale. 1 aprile 2005-31marzo 2006

76 Relazione annuale. 1 aprile 2005-31marzo 2006 Banca dei Regolamenti Internazionali 76 Relazione annuale 1 aprile 2005-31marzo 2006 Sara Amadei Silvia Mangini Sandra Zoglia Federica Cardinale I. L economia mondiale: aspetti salienti Il periodo in rassegna

Dettagli

Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche

Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche AIIG Associazione Italiana Insegnanti di Geografia Torino,

Dettagli

FOCUS ON Quant è profonda la tana del Bianconiglio? Cina e mercati emergenti tra balzi e bolle, panico e opportunità

FOCUS ON Quant è profonda la tana del Bianconiglio? Cina e mercati emergenti tra balzi e bolle, panico e opportunità FOCUS ON Quant è profonda la tana del Bianconiglio? A cura dell Ufficio Studi Economici Cina e mercati emergenti tra balzi e bolle, panico e opportunità EXECUTIVE SUMMARY Le ultime settimane hanno riproposto

Dettagli