DOCUMENTO DELCONSIGLIO DI CLASSE 5^BG INDIRIZZO GIURIDICA - ECONOMICO AZIENDALE - IGEA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DELCONSIGLIO DI CLASSE 5^BG INDIRIZZO GIURIDICA - ECONOMICO AZIENDALE - IGEA"

Transcript

1 DOCUMENTO DELCONSIGLIO DI CLASSE 5^BG INDIRIZZO GIURIDICA - ECONOMICO AZIENDALE - IGEA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 1

2 ESAMI DI STATO - ANNO SCOL. 2013/2014 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^BG Nominativo Docenti Disciplina Firma Docenti BALDON Paolo Religione GOBBI Paolo Italiano GOBBI Paolo Storia DE DIVITIIS Stefania Lingua inglese MEGGIOLARO Sara Lingua spagnola CANTON Giancarlo Lingua tedesca PINTO Elena Matematica CAVEDON Renato Geografia economia CASOTTO Massimo Diritto CASOTTO Massimo Scienza delle finanze CASELLA Lucia Economia aziendale BALSANO Fabio Educazione fisica Padova,15 maggio 2014 Il Dirigente Scolastico dott. ssa Bettelle Cinzia Prot.. n. 3409/B23 2

3 1. Presentazione del Corso e Indirizzo PROFILO PROFESSIONALE Il ragioniere, esperto in problemi di economia aziendale, oltre a possedere una consistente cultura generale accompagnata da buone capacità linguistiche espressive e logico interpretative, avrà conoscenze ampie e sistematiche dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo, contabile. In particolare egli dovrà essere in grado di analizzare i rapporti fra l azienda e l ambiente in cui opera per proporre soluzioni a problemi specifici. Egli saprà: Utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili ed extra-contabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali; Leggere, redigere ed interpretare ogni significativo documento aziendale; Gestire il sistema informatico aziendale e/o i suoi sottoinsiemi anche automatizzati, nonché collaborare alla loro progettazione o ristrutturazione; Elaborare dati e rappresentarli in modo efficace per favorire i diversi processi decisionali; Cogliere gli aspetti organizzativi delle varie funzioni aziendali per adeguarvisi o suggerire modifiche. Obiettivi generali CONOSCENZE Cultura generale accompagnata da capacità linguistico espressive e logico interpretative. Conoscenza dei processi che caratterizzano la gestione aziendale. Conoscenza dei rapporti fra azienda e ambiente in cui opera. COMPETENZE - Saper: utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili per una corretta gestione del sistema informativo aziendale elaborare dati e rappresentarli in modo efficace per favorire i diversi processi decisionali CAPACITA - Essere in grado di : Comunicare efficacemente utilizzando linguaggi appropriati. Effettuare scelte e prendere decisioni ricercando ed assumendo le opportune informazioni. Partecipare al lavoro organizzato, individuale o di gruppo, accettando ed esercitando il coordinamento.. Il diplomato dell indirizzo svolge funzioni con la gestione, l organizzazione e l amministrazione delle aziende. 3

4 QUADRO ORARIO Materie di insegnamento Biennio Triennio ore settimanali cl. 1^ cl. 2^ cl. 3^ cl. 4^ cl. 5^ Religione Italiano Storia ^ Lingua straniera ^ Lingua straniera Matematica e informatica 5(1) 4(1) 4(1) 3(1) 3(1) Scienza della materia 4(2) 4(1) Scienza della natura Geografia economica Diritto ed Economia Diritto Economia politica/scienza delle finanze Economia aziendale 2 2 6(2) 8(2) 7(2) Trattamento testi e dati Educazione fisica Totale ore Presentazione della Classe Iscritti Promossi CLASSE Provenienti da stessa sezione Provenienti da altre sezioni Ripetenti Esterni Scrutinio finale Scrutinio differito Non promossi o ritirati Terza Quarta 24 / / / Quinta 23 / / 2 n candidati 25 4

5 3. Composizione del Consiglio di Classe Materie Nominativo Docenti Classe 3^ Classe 4^ Classe 5^ RELIGIONE Da Rin Elio Baldon Paolo Baldon Paolo ITALIANO Gobbi Paolo Gobbi Paolo Gobbi Paolo STORIA Gobbi Paolo Gobbi Paolo Gobbi Paolo LINGUA INGLESE LINGUA SPAGNOLA LINGUA TEDESCA De Divitiis Stefania De Divitiis Stefania / Schiesari Francesca De Divitiis Stefania Laino Rosanna Cicio Cristina Meggiolaro Sara Canton Giancarlo Canton Giancarlo Canton Giancarlo MATEMATICA Pinto Elena Pinto Elena Pinto Elena GEOGRAFIA ECONOMICA Cavedon Renato Cavedon Renato Cavedon Renato DIRITTO Casotto Massimo Casotto Massimo Casotto Massimo SCIENZA DELLE FINANZE ECONOMIA AZIENDALE EDUCAZIONE FISICA Casotto Massimo Casotto Massimo Casotto Massimo Casella Lucia Casella Lucia Casella Lucia Seren Francesca Balsano Fabio Balsano Fabio 4. Situazione della classe all inizio dell anno scolastico Il livello iniziale della classe sotto l aspetto delle competenze e conoscenze appariva: Molto diversificato Diversificato Nel complesso omogeneo Omogeneo Descrizione situazione d ingresso (difficoltà manifestate, aspetti motivazionali, etc.) OMISSIS 5. Situazione della classe al termine dell anno scolastico Il livello finale della classe sotto l aspetto delle competenze e conoscenze appare: Molto diversificato Diversificato Nel complesso omogeneo Omogeneo 5

6 Notevole Buono Discreto Suffic. Insuff. Scarso Corretto Scorretto Regolare Irregolare 6. Giudizio finale sulla classe Elementi di valutazione Interesse Partecipazione Applicazione Capacità di lavorare autonomamente Capacità di lavorare assieme Comportamento 7. Obiettivi minimi da raggiungere Obiettivi di tipo comportamentale: Stabilire buoni rapporti con i coetanei, i docenti e tutti gli operatori della scuola. Usare correttamente le strutture scolastiche. Accrescere la capacità di partecipazione alla vita della classe, al lavoro organizzato di gruppo ed individuale attraverso l educazione all ascolto, al dialogo, alla tolleranza e all autocontrollo. Acquisire la capacità di essere autonomi e prendere decisioni. Obiettivi di tipo formativo: Formazione del cittadino, consapevole delle responsabilità sociali. Capacità di elaborare ed argomentare le proprie opinioni, nel rispetto di quelle altrui. Capacità di lavorare autonomamente in maniera responsabile e di organizzare il lavoro da svolgere. Obiettivi di tipo cognitivo: Sapersi esprimere oralmente e per iscritto in modo corretto, utilizzando il lessico specifico nelle varie discipline. Saper collegare in maniera corretta argomenti interni ad una stessa disciplina o relativi a discipline diverse e coglierne le relazioni Acquisire una sempre maggior autonomia nello studio delle varie discipline, effettuando anche collegamenti interdisciplinari. 6

7 7.1 Giudizio sugli obiettivi raggiunti Gli obiettivi si possono considerare raggiunti da parte della maggioranza della classe. 8. Relazione finale sulla classe OMISSIS 7

8 9. Attività didattica pluridisciplinare svolta Titolo del modulo Forme di Stato e di Governo Obiettivi generali Obiettivi specifici Obiettivi disciplinari Contenuti disciplinari Metodologie Evidenziare la Inglese: Conoscere forma di governo aspetti rilevanti American and Lezione frontale e nei Paesi della forma di English uso di materiale Comprendere la struttura delle forme di Stato e di Governo in Italia e nei Paesi anglosassoni anglosassoni Evidenziare la forma di governo in Italia governo in U.S.A. e Gran Bretagna Diritto: Comprendere relazioni Governo Parlamento le fra e dallo Governments Forma di Governo in Italia integrativo Lezione frontale. Appunti del docente Statuto Albertino alla Costituzione repubblicana Titolo del modulo Colonizzazione e decolonizzazione Obiettivi generali Obiettivi specifici Obiettivi disciplinari Contenuti disciplinari Metodologie Conoscere d esaminare gli sviluppi storici della Geografia Economica: Conoscere aspetti geograficoeconomici gli del colonialismo e della decolonizzazione Geografia: Comprendere conseguenze economiche colonizzazione della decolonizzazione le della e Le conseguenze della colonizzazione e decolonizzazione sulle economiche Paesi coinvolti della strutture dei Lezione frontale colonizzazione e della decolonizzazione Storia Conoscere i passaggi fondamentali del colonialismo e della fase di decolonizzazione Storia: Comprendere le fasi e le ragioni della colonizzazione e della decolonizzazione La colonizzazione europea. La decolonizzazione Lezione frontale 8

9 10. Terza prova assegnata nel corso dell anno scolastico Tipologia Discipline coinvolte Durata Data A. Trattazione sintetica di argomenti - quesiti su testo di riferimento B. Quesiti a risposta Singola Prima simulazione: Inglese, Matematica, Geografia economica, Scienza delle finanze 3 ore 19/12/2013 Seconda simulazione: Inglese, Matematica, Geografia economica, Diritto 3 ore 14/4/2014 C. Quesiti a risposta Multipla 10.1 PRIMA SIMULAZIONE Lingua Inglese US BUILDS CASE AGAINST CHINA S EXPORT RESTRICTIONS US trade officials are building a case against China at the World Trade Organization, challenging export restrictions on raw materials used in steelmaking and other industries. The USA has been working on the case for the past few months, and could proceed with a request for consultations - the first step in the WTO dispute settlement process within weeks, according to people close to the discussions. The European Union is already investigating accusations of dumping by Chinese steel producers. The USA argues that Chinese export quotas and taxes on raw materials used in steel production artificially decrease domestic prices and increase global prices. This is a violation of WTO rules and a clear disadvantage for US producers. A report prepared last year by the American Iron and Steel Institute claimed that the Chinese steel industry benefited from $52bn of government subsidies over the previous decade. Several Chinese companies attacked the report as being untrue. Comprehension questions: What are the decisions made by China that have caused problems to the American steel producers? (10 righe) Why do the USA claim that Chinese export quotas are against WTO rules? (7 righe) Write a short summary of this article. (10 righe) 9

10 Production: What is protectionism and which methods of protectionism do you know? (11 righe) MATEMATICA 1) Dopo aver spiegato il concetto di elasticità della domanda e del relativo coefficiente, calcolare il coefficiente di elasticità puntuale per la seguente funzione della domanda relativamente al 200 prezzo indicato: d 4 p 10 ( max 12 righe ) p 5 2) Se il modello del costo totale è di tipo parabolico, da cosa è rappresentata la funzione del costo unitario? Descrivere, quindi, le caratteristiche di tale funzione. ( max 10 righe ) 3) Scrivere la definizione di funzione reale di due variabili reali e del suo dominio. Le due funzioni z x y e z x y hanno lo stesso dominio? Motivare la risposta. ( max 10 righe ) GEOGRAFIA ECONOMICA Crescita della popolazione degli Stati Uniti Censimento Popolazione %± % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % Fonte: United States Census Bureau La tabella illustra l incremento numerico e percentuale della popolazione nei censimenti seguiti all indipendenza. 1. Spiega l eccezionale incremento percentuale nel corso del XIX secolo. 10

11 2. Giustifica l andamento altalenante nel corso del XX secolo con un picco ad inizio secolo e un punto minimo nel corso degli anni Nel corso degli anni il baricentro demografico del paese si è spostato progressivamente in direzione ovest e, recentemente, pure in direzione sud. Sai spiegarne il motivo? (Risposte max 10 righe) SCIENZA DELLE FINANZE 1) Il candidato esponga i diversi effetti prodotto sull economia nazionale dalla spesa corrente, dalla spesa in conto capitale, dalla spesa di produzione e dalla spesa di trasferimento. (12 righe) 2) Parli il candidato della finanza funzionale, enunciandone gli obiettivi e gli strumenti, e provvedendo a collocarla nel periodo storico in cui ha avuto origine. (12 righe) 3) Il candidato esponga i tipi accertamento, distinti in base ai diversi metodi e procedimenti. (12 righe) 10.2 SECONDA SIMULAZIONE LINGUA INGLESE PAYMENT FOR INTERNATIONAL TRADE IN SERVICES Before buying or supplying services, you should make sure you have a clear agreement on payment arrangements. Key issues to consider include: how much will be paid, in what currency, and when; who is responsible for bank charges; what will happen if the customer fails to pay; where payment will be made, e.g. to your bank account; who is responsible for any taxes. When supplying services abroad, the risk of non payment may be high. You cannot protect yourself with payment methods such as documentary collection that are used to reduce the risks when exporting goods. It can also be difficult to prove that you provided the services, and expensive or impossible to recover unpaid debts through the local courts. As a minimum, it is worth researching your customer to help assess how creditworthy they are. In some cases, you may want to get credit insurance to help protect you in case of non-payment. You may decide not to deal with risky customers unless they agree to pay in advance. If you will be providing services over a period of time, it can be a good idea to agree stage payments as the work progresses. This helps reduce the risk and improve your cashflow. You should be aware that some countries have restrictions on using foreign currencies or transferring money overseas. You should check this in advance and take advice if necessary. UK-based services exporters may also benefit from the commitments of UK trading partners under the World Trade Organization s General Agreement on trade in Services. COMPREHENSION QUESTIONS: 11

12 When trading with foreign customers, why may the risk of non-payment be higher when supplying services than when supplying goods? (11 righe) What should a supplier do before providing services abroad and what when providing services over a period of time? (11 righe) PRODUCTION Explain why Documentary collection is a very safe method of payment. (16 righe) MATEMATICA 1) Dopo aver scritto la definizione di massimo e minimo relativo per una funzione di due variabili, determinare tali estremi per la seguente funzione: z x 3x y y 2y. (max 12 righe) 2) La funzione lineare y ax b può ammettere massimi e minimi relativi o assoluti? ( max 8 righe ) 3) Dopo aver spiegato cosa significa che gli effetti di un problema di scelta sono differiti, descrivere brevemente quali sono i metodi più utilizzati per risolvere tali tipi di problemi; determinare, poi, l investimento più conveniente per se si può scegliere fra i due seguenti: investimento A: ricevere fra 4 anni; investimento B: ricevere fra 3 anni e fra 6 anni. ( max 12 righe ) GEOGRAFIA ECONOMICA Paese Produzione * Cina 126 India 95 Stati Uniti 62 Francia 40 Russia 38 Australia 30 Canada 27 Pakistan 24 Germania 22 Turchia 20 Ucraina 16 Iran 14 * Milioni di tonnellate Fonte FAO 2013 La tabella mostra i maggiori produttori di frumento nel Spiega il primato di Cina e India e indica in quali aree di questi paesi viene maggiormente coltivato il frumento. (10 righe) 12

13 2. Quali dei paesi indicati nella tabella sono in grado di dar vita a significativi flussi di esportazione di frumento? (10 righe) 3. Perché non compaiono paesi africani tra i maggiori produttori? (10 righe) DIRITTO 1) La Costituzione italiana contiene alcuni principi fondamentali in materia penale: esponili. (10 righe) 2) Data la definizione di provvedimento amministrativo, elencando le differenze fra ordine, direttiva, concessione e autorizzazione. (10 righe) 3) Parlate del procedimento amministrativo. (10 righe) 13

14 11. Obiettivi realizzati e contenuti delle varie discipline Anno sc. 2013/14 Corso Diurno Classe 5^ BG Relazione finale del docente di: ITALIANO Prof. Paolo Gobbi TESTO ADOTTATO: Manuale di Storia della letteratura italiana ROSA FRESCA AULENTISSIMA vol di Bologna-Rocchi ecc. ( Loescher) In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di: COMPETENZE Lo studente: Sa esporre in modo coerente e formalmente corretto i contenuti appresi Sa operare analisi contenutistiche e formali, scritte e orali, esaurienti pur in presenza di qualche lacuna, delle opere esaminate Sa contestualizzare e confrontare le opere esaminate cogliendone le principali peculiarità stilistiche Sa elaborare in forma scritta testi ricchi di contenuto, coerenti e globalmente corretti, secondo le tipologie della prima prova dell Esame di Stato affrontate durante l anno CONOSCENZE ABILITA Lo studente: Lo studente: Conosce la poetica e le opere di alcuni Comprende testi complessi ed è in grado autori fondamentali della letteratura italiana di utilizzarli correttamente come fonte di ed europea nel periodo preso in esame informazioni Sa argomentare una propria tesi in modo efficace Sa utilizzare le informazioni in proprio possesso per formulare giudizi critici. PROGRAMMA SVOLTO Moduli didattici ELENCO DELLE LETTURE INTEGRALI E BRANI ANTOLOGICI DI POESIA E PROSA AFFRONTATI IN QUEST ANNO SCOLASTICO Dal Decadentismo europeo e italiano tra Otto e Novecento alla letteratura italiana dell età contemporanea L età del Decadentismo Durata L intero anno scolastico 16 ore 14

15 Simbolismo ed Estetismo in Europa e in Italia. La Scapigliatura e la cultura bohemien: il disagio esistenziale nell arte del secondo Ottocento in Italia e in Francia. Il Decadentismo europeo e italiano. La Scapigliatura italiana (pag.ne ) e il confronto con la Boheme francese (2 ore). Il movimento francese dei décadents (pagine ). (2 ore) La poetica del Simbolismo in Francia: origine, temi principali, visione del mondo, coordinate storiche e radici sociali. (2 ore) Autori principali: Charles Baudelaire: da I fiori del male: Corrispondenze L albatro (2 ore) Paul Verlaine (pagina 413) vita e poetica: da Allora e ora: Languore (2 ore) c) Arthur Rimbaud: da Poesie: Il battello ebbro (2 ore) (pagine ) La poetica dell Estetismo letterario europeo: J. K. Huysmans (brani tratti da A rebours ) pagine , (2 ore) Il disagio della civiltà Temi e miti della letteratura decadente Il conflitto padre-figlio, il fanciullino pascoliano e l inetto dannunziano, la malattia e la morte, la Grande Guerra, la burocrazia e la figura dell impiegato, l inettitudine e l angoscia di vivere, la letteratura all interno del Ventennio fascista e la Seconda guerra mondiale, la letteratura realista del secondo dopoguerra. Caratteri e limiti del Decadentismo italiano La poetica del Simbolismo in Italia G. Pascoli e il Simbolismo in Italia Vita e Poetica (pagine ). (4 ore)testi letti e analizzati (pagine da 550 e seguenti) (ore 4): da Il Fanciullino: Una poetica decadente ; da Myricae: L assiuolo, Lavandare, Novembre. Da I Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno, Nebbia. La poetica dell Estetismo in Italia e la figura dell inetto G. D Annunzio tra Estetismo e inettitudine Vita e Poetica (pagine ). (4 ore) Testi letti e analizzati (ore 3): da Il piacere : pag ; pagine dal romanzo Il fuoco pag.ne Italo Svevo 10 ore 9 ore 11 ore 15

16 Vita e Poetica (pagine ). (ore 3) Testi letti e analizzati (ore 6): da Una vita : pag ; Lettura integrale di Senilità ; brani antologici da Senilità : pag ; da La coscienza di Zeno : pag La poesia italiana del Novecento G. Ungaretti Vita e Poetica (pagine (6 ore) Testi letti e analizzati (ore 4): 12 ore da L allegria (pagine ): Il porto sepolto, In memoria, Veglia, I fiumi, San Martino del Carso, Commiato, Soldati, Mattina, Natale. Da Sentimento del tempo : Di luglio. E. Montale Vita e Poetica (pagine ). (4 ore)testi letti e analizzati, pagine 319 e seguenti (ore 8): da Ossi di seppia : I limoni, Meriggiare pallido e assorto, Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere ho 14 ore incontrato; da Le occasioni : A Liuba che parte, Dora Markus. Da La bufera e altro : La primavera hitleriana. Da Satura Xenia II: Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale, Caro piccolo insetto. Ore effettivamente svolte nell'intero anno scolastico Totale ore 81 METODOLOGIA DIDATTICA: Lezione frontale, film, lavoro di gruppo. STRUMENTI DI LAVORO: Libro di testo; brani proposti dal docente; visione di film. TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA: Due verifiche orali al quadrimestre. Due verifiche scritte al quadrimestre, relative alle tipologie testuali trattate. CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI: si fa riferimento alla tabella di valutazione adottata dall istituto, di cui al punto 16 del documento. Firma del Docente Firma dei rappresentanti di classe 16

17 Anno sc. 2013/14 Corso Diurno Classe 5^ BG Relazione finale del docente di: STORIA Prof: Paolo Gobbi TESTO ADOTTATO: Manuale di Storia - autori: Prosperi - Viola - Casa ed. Einaudi - vol. 3 In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di: COMPETENZE Lo studente: Sa analizzare ed interpretare documenti storici di media difficoltà Adopera correttamente il lessico storico Sa orientarsi nella complessa interpretazione di un fatto storico, individuandone, anche se in termini generali, implicazioni e linee di sviluppo Sa esporre con fluidità, chiarezza e con una adeguata proprietà lessicale i contenuti appresi CONOSCENZE ABILITA Lo studente: Lo studente: Conosce, nelle linee generali, i più Sa adoperare il manuale sfruttando importanti avvenimenti del periodo anche carte geografiche, schemi e storico affrontato. immagini Conosce i principali fenomeni di media e Sa approfondire i contenuti consultando lunga durata del periodo storico anche altri testi affrontato. Sa produrre schemi e mappe concettuali Conosce alcuni aspetti e figure della Adotta un metodo di studio che non si storia più recente e, grazie anche alla basa sulla ripetizione puramente lettura settimanale dei quotidiani in mnemonica classe, li sa rapportare a situazioni storiche e a figure politiche recenti PROGRAMMA SVOLTO Moduli didattici L Italia post-unitaria: Destra storica e Sinistra al potere. Le grandi trasformazioni e i problemi irrisolti. Durata 4 ore 17

18 L età giolittiana e la nascita della società di massa: sviluppi scientifici, progressi sociali, conflittualità latenti in Italia e in Europa 6 ore La prima guerra mondiale 8 ore La rivoluzione russa 2 ore Il Biennio rosso e il Biennio nero in Italia : la nascita del Fascismo 6 ore I totalitarismi in Italia e in Europa 10 ore L economia europea dal primo 900 alla grande crisi del 29 e il New Deal 4 ore La seconda guerra mondiale 8 ore Il secondo dopoguerra: la guerra fredda, la decolonizzazione, la ricostruzione del Paese e il boom economico 8 ore Ore effettivamente svolte nell'intero anno scolastico Totale ore 56 METODOLOGIA DIDATTICA: Lezioni frontali STRUMENTI DI LAVORO: Libro di testo; visione di documentari e film; brani proposti dal docente TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA: Due verifiche orali al quadrimestre Due quesiti scritti a risposta aperta, come compito di storia e come simulazione della Terza prova d Esame CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI: si fa riferimento alla tabella di valutazione adottata dall istituto, di cui al punto 16 del documento. Si sono presi in considerazione l impegno, la partecipazione al dialogo educativo, i miglioramenti nel corso dell anno scolastico, la capacità di rielaborare i contenuti, la capacità d esposizione. Firma del Docente Firma dei rappresentanti di classe 18

19 Anno sc. 2013/14 Corso Diurno Classe 5^ BG Relazione finale del docente di: LINGUA INGLESE Prof.ssa Stefania De Divitiis TESTI ADOTTATI: Martin Ryan: Working in business -Redaelli, Invernizzi: Eyewitness In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di: COMPETENZE Utilizzare la lingua inglese per i principali scopi comunicativi e operativi specifici di indirizzo Produrre testi di vario tipo in relazione a differenti scopi comunicativi relativi all indirizzo Sviluppo di capacità logiche e relazionali mediante confronto di realtà socio culturali diverse Saper comunicare ed interagire in relazione al contesto e agli interlocutori CONOSCENZE ABILITA Conoscere le strutture grammaticali Comprendere messaggi e testi orali a Conoscere i contenuti degli argomenti di velocità normale civiltà e commercio, compreso il lessico Comprendere testi scritti di carattere relativo agli argomenti trattati quotidiano, divulgativo e professionale Comprendere in maniera globale e selettiva i messaggi scritti e orali su argomenti inerenti la sfera personale, sociale e l attualità, nonché il linguaggio economico Conoscere le tecniche d uso dei dizionari Potenziare la capacità di produzione orale e scritta Interagire in una conversazione con padronanza linguistica e fluidità Produrre testi scritti di carattere professionale PROGRAMMA SVOLTO Moduli didattici Unit 4 Marketing-advertising and promotion (da pag.126 a 135, da pag.138 a pag 139). Business communication: Offers ( lettura di alcune lettere) Unit 5 International trade (da pag. 146 a pag 167, da pag. 170 a pag.175). Unit 6 Finance (da pag.202 a 205, da pag 208 a pag. 210,da pag. 214 a pag.223) Durata 10 ore 11 ore 14 ore 19

20 Unit 7 Transport and delivery (da pag. 250 a pag 256) 5 ore Section 4: Europe:UK (Of parliament and king, An ancient democracy) 10 ore Section 7: Americas:USA ( This land is my land, The conquest, we, the people, Change is gonna come, manifest destiny) 12 ore Native Americans in the united States (su fotocopia) 4 ore Materiale su fotocopia: The executive, The judiciary, The Legislative, US political parties, Presidential elections) 6 ore M.L.King, MalcomX 6 ore Colonialism 12 ore Ore effettivamente svolte nell'intero anno scolastico Totale ore 90 METODOLOGIA DIDATTICA: Di tipo comunicativo Uso di sussidi multimediali e dizionari Uso di L2 in classe Tecniche di lavoro operativo Lezione frontale. STRUMENTI DI LAVORO: Libri di testo CD - Materiale autentico scaricato dalla rete TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA: Prove strutturate e semistrutturate Test di comprensione orale/ scritta Composizione su traccia e traduzione Riassunti Esposizione di argomenti trattati Conversazione Dettato Trattazione sintetica di argomenti CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI: si fa riferimento alla tabella di valutazione adottata dall istituto, di cui al punto 16 del documento. Firma del Docente Firma dei rappresentanti di classe 20

21 Anno sc. 2013/14 Corso Diurno Classe 5^ BG Relazione finale del docente di: LINGUA E CIVILTA (SPAGNOLO) Prof.ssa: Meggiolaro Sara TESTO ADOTTATO: - S. Orozco González, G. Riccobono, De negocios por el mundo, Hoepli, Milano, Ribas Casasayas, Descubrir España y Latinoamérica, Cideb, Genova, In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di: COMPETENZE Si è lavorato per rafforzare negli studenti un livello di apprendimento corrispondente al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue, potenziando le quattro abilità linguistiche (comprensione e produzione orale, comprensione e produzione scritta). Ai fini del raggiungimento dei risultati di apprendimento sopra riportati, l obiettivo è stato quello di dare all alunno le competenze linguistiche per: utilizzare la lingua spagnola per i principali scopi comunicativi e operativi specifici di indirizzo; produrre testi di vario tipo in relazione a differenti scopi comunicativi relativi all indirizzo; sviluppare capacità logiche e razionali mediante il confronto di realtà socio culturali diverse; saper comunicare ed interagire in relazione al contesto e agli interlocutori; individuare le caratteristiche significative di alcuni aspetti della cultura ispanica attraverso i testi esplicativi, ma anche attraverso immagini e situazioni, e fare confronti con la propria cultura. CONOSCENZE Aspetti comunicativi, socio-linguistici e paralinguistici della comunicazione in relazione ai contesti di studio e di lavoro. Strategie di esposizione orale e d interazione in contesti di studio e di lavoro. Strutture morfosintattiche adeguate alle tipologie testuali e ai contesti d uso. Principali tipologie testuali, comprese ABILITA Esprimere e argomentare con relativa spontaneità le proprie opinioni su argomenti generali, di studio o di lavoro nell interazione con un parlante anche nativo. Utilizzare strategie nell interazione e nell esposizione orale in relazione ai diversi contesti personali, di studio e di lavoro. Comprendere testi orali in lingua 21

22 quelle tecnico-professionali, loro caratteristiche e organizzazione del discorso. Modalità di produzione di testi comunicativi relativamente complessi, scritti e/o orali, anche con l ausilio di strumenti multimediali. Strategie di comprensione globale e selettiva di testi relativamente complessi, scritti, orali e multimediali, anche in rete, riguardanti argomenti di attualità, di studio e di lavoro. Lessico e fraseologia convenzionale per affrontare situazioni sociali e di lavoro; varietà espressive di registro e di contesto. Lessico e fraseologia di settore. Tecniche d uso dei dizionari bilingue, anche settoriali, multimediali e in rete. Alcuni aspetti socio-culturali della lingua e dei Paesi in cui è parlata. Alcuni aspetti socio-culturali, in particolare inerenti il settore di studio e di lavoro, dei Paesi di cui si studia la lingua. standard, riguardanti argomenti noti d attualità, di studio e di lavoro, cogliendone idee principali ed elementi di dettaglio. Comprendere globalmente, utilizzando appropriate strategie, brevi messaggi radio-televisivi e filmati divulgativi riguardanti l attualità, argomenti di studio e di lavoro. Comprendere testi scritti relativamente complessi, riguardanti argomenti di attualità, di studio e di lavoro, cogliendone le idee principali, dettagli e punto di vista. Utilizzare le principali tipologie testuali, anche tecnico-professionali coerenti e coesi, riguardanti esperienze, processi e situazioni relativi al proprio settore di indirizzo. Utilizzare il lessico di settore, compresa la nomenclatura internazionale codificata. Utilizzare i dizionari, compresi quelli settoriali, multimediali e in rete, ai fini di una scelta lessicale appropriata ai diversi contesti. Riconoscere la dimensione culturale della lingua ai fini della mediazione linguistica e della comunicazione interculturale. PROGRAMMA SVOLTO Moduli didattici Módulo 1 Repaso general de las estructuras. Las reglas de los acentos. Módulo 2 GRAMÁTICA Durata Settembre 2013 (8 ore) Ottobre

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. 26329/2015 Selezione pubblica per l assunzione a tempo indeterminato di 892 unità per la terza area funzionale, fascia retributiva

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli