Liberare risorse per sviluppare il proprio business

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Liberare risorse per sviluppare il proprio business"

Transcript

1 FAI EMERGERE DALL AZIENDA LA LIQUIDITA NECESSARIA AL TUO BUSINESS Liberare risorse per sviluppare il proprio business Per una visione olistica della gestione del capitale circolante Giuseppe Santoro Consulente di Direzione Centro Consulenza Aziendale NAV-lab INGEST

2 «Le aziende devono trovare le risorse finanziarie all interno dell impresa e attingere a nuovi strumenti finanziari diretti e diminuire il rapporto di dipendenza dalle banche» da.. Salvatore Rossi, autore di Processo alla finanza e Direttore Generale della Banca d Italia

3 Liberare risorse finanziare.. con l ottimizzazione della gestione del capitale circolante Cash Rimanenze Crediti Debiti Il capitale circolante è una delle poche aree rimaste che possano produrre una significativa liquidità in un periodo significativamente breve senza un programma di ristrutturazione invasivo e strutturale.

4 Cosa è il capitale circolante netto? Rimanenze Crediti Debiti verso fornitori Liquidità Il capitale circolante è l eccesso di attività correnti rispetto alle passività correnti, rappresenta la liquidità in cui l azienda necessita giorno per giorno per la sua operatività.

5 Azioni Fattori che influiscono sulla capacità di generare cassa Trovare nuove Strade per creare Liquidità Massimizzare i ricavi Controllare e ridurre i costi Oculate strategie fiscali Gestione delle fonti di Finanziamento Impiegare Efficacemente la liquidità per migliorare la competitività dell impresa Investimenti Gestione delle performance Gestione dei rischi Gestione degli asset Liberare la liquidi-tà impiegata nell organizzazione Gestione globale della cassa Riduzione del capitale circolante

6 Liberare la liquidità impiegata nell organizzazione Gestione globale della cassa Con una efficiente gestione della tesoreria aziendale e di gruppo

7 Come liberare la liquidità impiegata nell organizzazione Azioni per la riduzione del capitale circolante Con una riduzione del magazzino migliorando anche il servizio ai clienti Minimizzare i crediti commerciali, senza mettere a pericolo le vendite Massimizzare i debiti commerciali, senza aumentare i costi unitari o i tempi di consegna Vantaggi Riduzione dal 10-30% del capitale circolante e incremento delle disponibilità di cassa Riduzione della inesigibilità dei crediti e delle relative perdite, Riduzione degli impegni nella gestione degli acquisti. Alcuni modi: Migliorando le stime sulle vendite e una migliore pianificazione dell operatività del magazzino e della produzione Gestendo con più efficacia le fasi della vita del prodotto e le campagne promozionali Eliminando gli errori di ordinazione, nella fatturazione e i relativi ritardi Migliorando il processo degli incassi, rafforzando le condizioni contrattuali, diminuendo la gestione del rischio del credito Stabilendo termini di pagamento per tutti i clienti tenendo conto della media del settore Definendo una lista di priorità dei fornitori, strategici o meno, e fissare dei termini standard

8 Fattori che condizionano il capitale circolante Fattori che condizionano il flusso del CNN e loro impatto Stagionalità Determina aumenti importanti in alcuni periodi dell anno, con la obbligatorietà di finanziarli. Scenario competitivo Trasferimento movimenti CG in CA Calcola chiavi allocazione Alloca costi Trasferimento Budget CA in Costi effettivi C Cancellazione movimenti CA L azienda è obbligata a fare scelte sul livello di scorte o condizioni di incasso Andamento del fatturato La crescita del fatturato determina una crescita del CCN, alternativamente una riduzione delle vendite non porta a una riduzione del CCN perché porterebbe a smaltire scorte di prodotti obsoleti. Settore o nazione in cui si opera Prassi che impattano sulle condizioni di incasso e pagamento creando resistenze Costo del capitale Può condizionare la decisione se investire il capitale circolante

9 DPO Days Payable Outstanding Giorni di dilazione di pagamento Come si misura il capitale circolante e la posizione finanziaria netta METODI e CONSIDERAZIONI Debiti commerciali/ (vendite nette/365) Il valore esprime i giorni in cui vengono pagati mediamente i debiti Debiti commerciali medi/ (costo del venduto + RF-RI/365) Trasferimento movimenti CG in CA Calcola chiavi allocazione Alloca costi Trasferimento Budget CA in Costi effettivi C Cancellazione movimenti CA I debiti devono essere considerati al netto dell iva e dei debiti per debiti su acquisti per beni pluriennali Debiti commerciali/ (fatturato/365) Più il coefficiente è basso più veloci sono i pagamenti, con un impatto negativo sul CCN e la posizione finanziaria in quanto il circolante deve essere finanziato da altre fonti Debiti commerciali/ (costo del venduto/365) Viceversa un incremento dell indice indica dilazioni di pagamento più lunghe, con un impatto positivo sul CCN e la posizione finanziaria netta.

10 DIO Days Inventory Outstanding Giorni di rotazione del magazzino Come si misura il capitale circolante e la posizione finanziaria netta METODI e CONSIDERAZIONI Rimanenze/ (vendite nette/365) Il valore esprime i giorni in cui mediamente ruota il magazzino, i giorni in cui le scorte si esauriscono e devono essere ricostituite. Rimanenze medie/ (costo venduto /365) Trasferimento movimenti CG in CA Calcola chiavi allocazione Alloca costi Trasferimento Budget CA in Costi effettivi C Cancellazione movimenti CA In imprese condizionate dalla stagionalità del business è possibile diminuire l impatto di tale fattore utilizzando la media tra inizio e fine esercizio Rimanenze/ (fatturato/365) Più il coefficiente è basso più veloce è la rotazione del magazzino, più velocemente sarà venduto e si trasformerà in credito. Rimanenze medie/ (costo del venduto /365) Ogni variazione nelle condizioni di pagamento concesso ai clienti impatta sul risultato del CCN Un aumento indica la presenza di scorte obsolete e la difficoltà di collocare le rimanenze sul mercato.

11 Giorni di dilazione di incasso DSO Days Sales Outstanding Come si misura il capitale circolante e la posizione finanziaria netta METODI e CONSIDERAZIONI Crediti commerciali /(vendite nette/365) Il valore esprime i giorni in cui vengono incassati mediamente i crediti Crediti commerciali medi/ (vendite nette/365) Trasferimento movimenti CG in CA Calcola chiavi allocazione Alloca costi Trasferimento Budget CA in Costi effettivi C Cancellazione movimenti CA I crediti devono essere considerati al netto dell IVA Crediti commerciali Accantonamenti per svalutazione crediti + Crediti Finanziari/ (fatturato/365) Più il coefficiente è basso più veloci sono gli incassi, con un impatto positivo sul CCN e la posizione finanziaria. Crediti commerc./ (vendite nette/365) Ogni variazione nelle condizioni di pagamento concesso ai clienti impatta sul risultato del CCN In imprese condizionate dalla stagionalità del business è possibile diminuire l impatto di tale fattore utilizzando la media del valore dei crediti tra inizio e fine esercizio

12 DWC velocità di rotazione del capitale circolante netto METODI DWC = DSO + DIO - DPO CONSIDERAZIONI Esprime la velocità di rotazione de CCN; tanto più basso, tanto minore l esigenza di finanziare con fonti esterne il CCN, che sarà in gran parte autofinanziato dai debiti nei confronti dei fornitori Un valore negativo evidenzia dei debiti sulle attività, il CCN sarà interamente autofinanziato, l eccedenza di cassa che si viene a creare potrà essere utilizzata anche per finanziare investimenti per lo sviluppo del business. Un esempio, un valore pari a 0,3 indica che l azienda necessita di 0,3 di CCN per 1 di fatturato annuo. Se le vendite aumentano di l azienda dovrà investire in CCN per sostenere la crescita desiderata. Domanda: Chi finanzia la mia attività? DSO - DPO CONSIDERAZIONI Il dato fa emergere l informazione per capire se l attività operativa aziendale viene di fatto finanziata dai fornitori (se il valore è negativo) o dai clienti (valore positivi), concedendo dilazioni maggiori di quelli che si ottiene dai fornitori

13 Le configurazioni di Capitale circolante Il Finanziario IMPIEGHI FONTI Capitale finanziario netto circolante Capitale circolante netto in senso stretto Area della liquidità Cassa e banche Area operativa Crediti commerciali Scorte Debiti finanziari

14 Le configurazioni di Capitale circolante IlCommerciale IMPIEGHI FONTI Capitale Circolante Commerciale Crediti commerciali Scorte DEBITI COMMERCIALI

15 Dettaglio capitale circolante netto finanziario Come si misura il capitale circolante e la posizione finanziaria netta IMPIEGHI Disponibilità liquide immediate: Cassa Banche Titoli a basso rischio altamente negoziabili Disponibilità liquide differite: Crediti verso la clientela Crediti verso società controllate e collegate, sia di natura finanziaria che di funzionamento Crediti diversi Ratei attivi Disponibilità non liquide Scorte Risconti attivi Eventuali immobilizzazioni tecniche liquidabili entro l anno FONTI Passivo corrente Banche c/c passivo Debiti verso fornitori Debiti diversi Ratei e risconti passivi Quota rimborso mutui Quota TFR da liquidare entro l anno Utili da distribuire

16 PFN Posizione Finanziaria Netta Come si misura il capitale circolante e la posizione finanziaria netta METODI Passività finanziarie (non correnti) + Passività finanziarie (correnti) + Strumenti finanziari derivati (nel passivo) - Titoli valutati al fair value - Cassa e disponibilità liquide - Altre attività finanziarie - Strumenti finanziari derivati (nel attivo) = ==================================== Posizione Finanziaria Netta CONSIDERAZIONI Tale indicatore chiamato anche Indebitamento finanziario netto rappresenta un indicatore della struttura finanziaria. L indicatore e influenzato dalla struttura dal CCN. Infatti un allungamento dei pagamenti verso i fornitori, libera liquidità riducendo i debiti finanziari, contrariamente un ritardo negli incassi dei clienti peggiora l indebitamento finanziario.

17 Fasi del processo di acquisto e Possibili criticità Gestione dei fornitori e dei contratti All interno dell azienda differenti condizioni con lo stesso fornitore. La decentralizzazione degli acquisti indebolisce il potere contrattuale e non permette di ottenere le migliori condizioni La funzione acquisti si concentra sul prezzo o altri elementi dei fornitori a scapito dei termini di pagamento Acquisizione di beni e servizi L approvvigionamento se gestito in modo rutinario risulta di basso valore aggiunto al fine di ottenere le migliori condizioni. Mancanza di definiti processi di autorizzazione Trasferimento movimenti CG in CA Calcola chiavi allocazione Alloca costi Trasferimento Budget CA in Costi effettivi C Cancellazione movimenti CA agli acquisti, che permettono conformità nei termini e negli accordi contrattuali. Ricezione dei beni e servizi Assenza di un efficace controllo sul ricevimento di beni e servizi comporta il pagamento di merci e servizi non ancora ricevuti o conforme all ordine. Contabilizzazione Disapplicaz. delle politiche di pagamento e pagamento prima del dovuto Si procede al pagamento anche nel caso in cui le differenze di quantità eccedono le tolleranze contrattuali Pagamento Le opportunità di eventuale dilazione del pagamento dell IVA non sono identificate e realizzate Gli sconti per pagamenti anticipati non sono applicati quando dovuti Tardivi pagamenti non concordati con i fornitori possono portare a un deterioramento dei rapporti

18 Leve di gestione dei debiti commerciali Processi e Azioni Pagamenti Rallentare i pagamenti Pagare oltre i limiti Controllo/Chiusura Controllo dei flussi di cassa in uscita Timing/bilanciamento con i crediti commerciali Integrazione indicatori dei debiti commerciali Coordinamento con il Business Planning Termine di pagamento Pagamenti periodici/pronta cassa Prolungamento del debito Pagamento rateale Cambiali/Assegni

19 Processo di Vendita Fase del processo di acquisto e Possibili criticità Richiesta quotazione / Ricezione ordine All interno dell azienda differenti condizioni con lo stesso cliente. L incompletezza delle informazioni degli ordini determina errori nei successivi processi Autorizzazione del credito I limiti di fido dei clienti vengono superati Mancanza di una tracciatura dei vecchi ordini e possibilità di concessione di eccessivi fidi Inserimento Ordini Se il processo degli ordini non è interfacciato con la gestione delle scorte e con la produzione si determina un aumento dello scorta di sicurezza. Errori di registrazione causano discussioni con clienti e costi addizionali nella fasi di spedizione, nella movimentaz. e gestione resi Emissione e invio fattura Fatturazioni concentrate in prossimità dei termini dell IVA mensile determinano esborsi finanziari, trasferibili al mese successivo per un rinvio di qualche giorno. Se la spedizione e la fatturazione non sono integrati e l imputazione è manuale o con dati provenienti da fogli di Excel, può creare ritardi del processo. Gestione del credito e incassi Le controversie sulla qualità e quantità della merce spedita si traducono una frequente sospensione dei incassi Una non chiara attribuzione di responsabilità per gli incassi tra la funzione vendite e la contabilità determina una minore efficacia del processo. Poca chiarezza e completezza dei report comporta una intempestiva identificazione dei problemi I clienti vengono sollecitati dopo parecchio tempo che il credito è scaduto. Ricezione incasso ed allocazione incasso Allocazione non tempestiva da conti transitori a l partitario del cliente. Concessione di sconti per pagamenti anticipati, anche se non sono state rispettare le condizioni contrattuali.

20 Leve di gestione dei crediti commerciali Processi e Azioni Vendite Stop consegna clienti Apertura conto del cliente Incentivi rappresentanti di vendita Risultato di incasso dei clienti Segmentazione della clientela Fatturazione Correttezza della fatturazione Addebito diretto Fatturazione automatica Pre-fatturazione Trasferimento movimenti CG in CA Calcola chiavi allocazione Alloca costi Trasferimento Budget CA in Costi effettivi C Cancellazione movimenti CA Gestione reclami Controllo Sollecito ritardi Analisi dello scaduto Procedure di incasso credito Controllo dei limiti di credito Integrazione indicatori crediti commerciali Chiusura Factoring Bilanciamento con i debiti commerciali Coordinamento con il Business planning Termini di Pagamento Pagamento anticipato Condizioni di pagamento sconti di cassa Incentivi clienti

21 Opportunità di miglioramento

22 Negli acquisti Analizzare le possibilità di rivedere i tempi di pagamento delle imposte secondo le opportunità offerte dalla legislazione fiscale Verificare gli errori di fatturazione e doppi pagamenti Attribuire la responsabilità dei pagamenti alle funzioni di business, responsabilizzandoli della loro ottimizzazione Stabilire e rispettare tempo fissato per il pagamento Ottimizzare gli sconti di cassa e far modo che i ribassi vengano applicati DPO: Days Payable Outstanding

23 Nella gestione del magazzino Misurare le performance dei fornitori Ridurre la frammentazione dei magazzini Analizzare le politiche delle scorte con scarsa movimentazione e predisporre programmi di smaltimento e cessione delle scorte obsolete. Rivedere le politiche di pianificazione e le relative responsabilità, migliorando la visibilità sull andamento della domanda e l accuratezza delle previsioni Analizzare i livelli di sicurezza delle scorte e i punti di riordino stabiliti per i diversi prodotti e segmenti di clientela DIO = Days Inventory Outstanding

24 Nelle vendite Ottimizzare i tempi di recupero dell Iva su crediti irrecuperabili Ottimizzare il tempo di fatturazione rispetto alle dinamiche dell IVA Identificare opportunità di factoring Ottimizzare la struttura dei prezzi Allineare e ottimizzare i termini di pagamento all interno delle stesse Aree geografiche e per gli stessi clienti Analizzare i processi di gestione degli ordini per assicurare assenza di impedimenti o difficoltà ad ottenere tempestivi pagamenti Migliorare il processo di incasso e contabilizzazione Monitorare il rispetto dei termini di pagamento contrattualizzati e la corretta applicazione degli sconti. DSO = Days Sales Outstanding

25 Grazie per la vostra attenzione. idee, metodi e strumenti per la direzione d'impresa. Riferimenti: Cel

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

Come ti controllo l azienda

Come ti controllo l azienda Comprensione e valutazione Come ti controllo l azienda Le procedure di controllo possono essere uno strumento di potere notevole per il management interno all azienda soprattutto in tempo di automatizzazione

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello operativo I bilanci previsionali

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

3 La revisione del sistema di controllo interno

3 La revisione del sistema di controllo interno 3 La revisione del sistema di controllo interno Secondo i vecchi Principi di revisione italiani, il sistema di controllo interno 1 è l insieme delle direttive, delle procedure e delle tecniche adottate

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Milano, 18 novembre 2010. A cura di Massimo Solbiati

Milano, 18 novembre 2010. A cura di Massimo Solbiati Il ruolo strategico del credit management Milano, 18 novembre 2010 A cura di Massimo Solbiati 1. IL CREDIT MANAGEMENT LEVA STRATEGICA PER IL CONTROLLO FINANZIARIO 2. CREDIT MANAGER: IL RUOLO DELL EQUILIBRISTA?

Dettagli

Gli Istituti di credito e le esigenze di copertura del capitale circolante

Gli Istituti di credito e le esigenze di copertura del capitale circolante Gli Istituti di credito e le esigenze di copertura del capitale circolante Politiche del credito e conseguenti scelte tecniche 11 maggio 2012 Agenda La domanda e l offerta di credito Il capitale circolante

Dettagli

L ANALISI DELLA DINAMICA CONSUNTIVA 1

L ANALISI DELLA DINAMICA CONSUNTIVA 1 Newsletter Phedro giugno 2006 L ANALISI DELLA DINAMICA CONSUNTIVA 1 Prof. R. Cappelletto 2 Dott. Gabriele Toniolo 3 1. La Valutazione del Rischio Storico Nel processo di analisi del rischio l analista

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI FORTE CRESCITA DEL CASH FLOW OPERATIVO (+87%) A 74,3

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Business Plan per tutti

Business Plan per tutti Business Help! Business Plan per tutti Scrivere il proprio Business Plan in maniera semplice e rapida Brogi & Pittalis srl Consulenza di direzione e organizzazione aziendale www.direzionebp.com Business

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

ENTRIAMO IN AZIENDA 3

ENTRIAMO IN AZIENDA 3 ENTRIAMO IN AZIENDA 3 Imprese industriali sistema informativo di bilancio e imposizione fiscale TOMO 1 IL SISTEMA INFORMATIVO DI BILANCIO M O BILANCIO D U L O 3 BILANCIO D ESERCIZIO ANALISI PER INDICI

Dettagli

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali Capitolo 8 Analisi per flussi 1. Considerazioni generali Il rendiconto finanziario è un prospetto che raggruppa, in relazione a determinati scopi di formazione, le variazioni (flussi) intervenute nella

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali AGENDA CARATTERI GENERALI DELLA FUNZIONE FINANZIARIA PERCHE L AZIENDA NECESSITA

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca YMER - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO SPERIMENTALE Progetti MERCURIO e SIRIO

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO Arezzo, 04 aprile 2014 1 IL RENDICONTO FINANZIARIO Resoconto di tutte le entrate ed uscite di denaro avvenuto in un certo periodo di tempo per effetto di: risultato della gestione;

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

TEA68TFI. materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE

TEA68TFI. materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE TEA68TFI materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE Istituti Tecnici - Settore Economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing TEMA DI ECONOMIA

Dettagli

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 PROPOSTO DIVIDENDO DI 0,10 EURO, + 15% RISPETTO AL 2000 UTILE NETTO: +12,7% A 21,4 MILIONI DI EURO RICAVI NETTI: +3,5%

Dettagli

Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti.

Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti. IL VALORE DELL AUTOFINANZIAMENTO. Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti. L ultimo Bollettino Economico della Banca

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

PARTE I IL CREDIT MANAGER E IL SUO MONDO

PARTE I IL CREDIT MANAGER E IL SUO MONDO PARTE I IL CREDIT MANAGER E IL SUO MONDO 1. IL CREDIT MANAGER 1.1. Chi è pag. 5 1.2. Competenze pag. 6 1.2.1 Hard Skills pag. 6 1.2.2 Soft Skills pag. 9 1.3. Attività pag. 13 1.4. Rapporti con le altre

Dettagli

Conoscere due modalità di finanziamento dell impresa. Facoltà di Economia. oggetto della lezione. obiettivo della lezione

Conoscere due modalità di finanziamento dell impresa. Facoltà di Economia. oggetto della lezione. obiettivo della lezione Università degli studi di L Aquila RAGIONERIA GENERALE E APPLICATA I FINANZIAMENTI: IL RIPORTO PASSIVO E LO SMOBILIZZO DI CREDITI FABIO CIAPONI Facoltà di Economia oggetto della lezione I FINANZIAMENTI:

Dettagli

Commento ai risultati economico-finanziari di Eni SpA

Commento ai risultati economico-finanziari di Eni SpA Commento ai risultati economico-finanziari di Eni SpA Operazioni straordinarie Nel 2010 sono state effettuate le seguenti operazioni straordinarie: - fusione di Messina Fuels SpA; l atto di fusione è stato

Dettagli

Il metodo della partita doppia

Il metodo della partita doppia DISPENSA 4 Economia ed Organizzazione Aziendale Il metodo della partita doppia - Parte II - 1 La tecnica di redazione del bilancio Per la definizione delle varie voci di bilancio è necessario contabilizzare

Dettagli

LOMBARDA BOLLITORI srl. Piano economico e finanziario

LOMBARDA BOLLITORI srl. Piano economico e finanziario LOMBARDA BOLLITORI srl Piano economico e finanziario 1 Sintesi del documento Lombarda Bollitori srl è un operatore di nicchia nel mercato delle apparecchiature per il riscaldamento dell acqua, segmento

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Newsletter Phedro dicembre 2007 La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Prof. Roberto Cappelletto 2 e Dott. Gabriele Toniolo 3 1) Dalla Logica Contabile all Analisi dei Flussi Come si è potuto

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Rendiconto Finanziario GIA-L03

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Rendiconto Finanziario GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria prof. Stefano Pedrini Rendiconto Finanziario GIA-L03 Analisi dei flussi di cassa Attraverso l analisi dei flussi di cassa (o del cash flow) è possibile

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO CONSENTONO DI PASSARE DAL CRITERIO DELLA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA AL CRITERIO DELLA COMPETENZA ECONOMICA DETERMINARE: - RISULTATO ECONOMICO DELL

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi.

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi. Metodo per la stima del ROE e del ROI in un azienda operante nel settore tessile abbigliamento in funzione delle propria struttura di incasso e pagamento e della gestione delle rimanenze di magazzino.

Dettagli

CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO

CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO Descrizione Verifiche Sì No Crediti verso soci Sono stati controllati gli importi ancora dovuti da parte dei Versamenti soci relativamente al capitale sottoscritto ma non

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA

BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA Brevi note per la direzione a cura del prof. Giuseppe Santoro Centro di Consulenza Aziendale Queste brevi note vogliono essere un contributo per le Direzioni

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO IGEA Anno 2000 Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia

Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia Convegno Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia 4 febbraio 2010 Sala Convegni Corso Europa,11 Milano 1 Intervento del dr. Mario Venturini Breve remind sulla valutazione dei rischi creditizi e Basilea

Dettagli

GESTIONE DEL CREDITO

GESTIONE DEL CREDITO GESTIONE DEL CREDITO SOMMARIO schema di sintesi chiarimenti costo del credito nelle valutazioni aziendali La gestione del credito commerciale dall inizio della crisi finanziaria sta diventando sempre più

Dettagli

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO?

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? Dr. Giulio Modonutti Consulente finanziario indipendente Migliore è il punteggio assegnato all azienda, maggiori sono le possibilità che l impresa acceda ad un

Dettagli

Indici di Bilancio. Formazione per Consiglieri di Amministrazione CFT. Firenze 12 Novembre 2013. Indici di Bilancio: Leonardo Caponetti 1

Indici di Bilancio. Formazione per Consiglieri di Amministrazione CFT. Firenze 12 Novembre 2013. Indici di Bilancio: Leonardo Caponetti 1 Indici di Bilancio Formazione per Consiglieri di Amministrazione CFT Firenze 12 Novembre 2013 Indici di Bilancio: Leonardo Caponetti 1 INDICE Obiettivi dell Analisi Fasi per la determinazione degli Indici

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO CONSENTONO DI PASSARE DAL CRITERIO DELLA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA AL CRITERIO DELLA COMPETENZA ECONOMICA DETERMINARE: - RISULTATO ECONOMICO DELL

Dettagli

BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA

BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA Brevi note per la direzione a cura di Giuseppe Santoro Centro di Consulenza Aziendale Queste brevi note vogliono essere un contributo per le Direzioni Aziendali

Dettagli

IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA

IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA SUA GESTIONE FIRENZE, 6 FEBBRAIO 2014 DOTT. EMILIO PASQUETTI IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA SUA GESTIONE Sommario 1. Quadro macroeconomico

Dettagli

Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio

Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio Aree gestionali e loro riflessi contabili e di bilancio [29 agosto 2013] Riclassificazione e analisi di bilancio di un impresa turistica [29

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato da: Firma Rilasciato il: Segnare con una l unica risposta

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO INDICE IL RENDICONTO FINANZIARIO,... 2 LA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA,... 3 IL RENDICONTO FINANZIARIO DELLA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA,... 6 PRIMO PASSO:

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato da: Firma Rilasciato il: Segnare con una X l unica risposta

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite Il budget 1 Il Budget Il budget è un programma di gestione aziendale, tradotto in termini economico-finanziari, che guida e responsabilizza i manager verso obiettivi di , definiti nell

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1) Immobilizzazioni Macchinari e attrezzature di produzione 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno a) 20% 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 b) 20% 33,0% 0,00 0,00

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

Impostazione dell equazione

Impostazione dell equazione Impostazione dell equazione In base all equazione generale ATTIVO = PASSIVO si giunge allo stesso risultato impostando: Equazione di Equilibrio Dove: X=(A-P0-R0)/(1-i) X = Fabbisogno finanziario a breve

Dettagli

VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA SUL C/C BANCARIO PER 18.000.

VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA SUL C/C BANCARIO PER 18.000. OPERAZIONE 1 Acquisto di attrezzature per 15.000, IVA 20%, regolamento con assegno bancario; ASPETTO ORIGINARIO: VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA

Dettagli

Analisi di bilancio - Grafici LA REDDITIVITA'

Analisi di bilancio - Grafici LA REDDITIVITA' Analisi di bilancio - Grafici LA REDDITIVITA' Margine Operativo Lordo ( MOL ) Il margine operativo lordo indica la capacità dell'azienda di generare reddito con la gestione caratteristica. 8 E' un dato

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2015 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (18/11/2015) TEMA N. 1 Ammortamenti e svalutazioni con riferimento alle immobilizzazioni immateriali, materiali e

Dettagli

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 l) Le riserve di capitale: a) costituiscono autofinanziamento per l impresa b) derivano da sottovalutazione di elementi dell attivo c) costituiscono una

Dettagli

OSSERVATORIO. La gestione del credito commerciale nelle PMI venete. 1 report trimestrale. Studio S V S Consulenza di Direzione

OSSERVATORIO. La gestione del credito commerciale nelle PMI venete. 1 report trimestrale. Studio S V S Consulenza di Direzione OSSERVATORIO La gestione del credito commerciale nelle PMI venete 1 report trimestrale Studio S V S Consulenza di Direzione Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 275 imprese che operano

Dettagli

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali v Evidenziare gli investimenti iniziali v Valutare economicità v Evidenziare i flussi di cassa netti v Predisporre la copertura finanziaria

Dettagli

LE GUIDE DI BANCOPASS. L analisi di bilancio per indici

LE GUIDE DI BANCOPASS. L analisi di bilancio per indici LE GUIDE DI BANCOPASS L analisi di bilancio per indici 2 Sommario 1. L analisi di bilancio... 3 Che cos è l analisi di bilancio?... 3 Qual è la finalità?... 3 Chi può fare l analisi di bilancio?... 3 Quali

Dettagli

Alla fine dell anno considerato, lo Stato patrimoniale della società risulta il seguente:

Alla fine dell anno considerato, lo Stato patrimoniale della società risulta il seguente: CASO AZIENDALE 1 Costituzione di una spa, apporto di un azienda funzionante, contabilizzazione dell avviamento secondo i principi contabili nazionali e internazionali (IAS 36) di Manuel SALVAGGIO MateriA:

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi. Parma, 26 novembre 2012

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi. Parma, 26 novembre 2012 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi Parma, 26 novembre 2012 Dott. Luca Fornaciari luca.fornaciari@unipr.it 1 Il rendiconto

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale) è incentrato

Dettagli

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Business School Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Dott. FRANCO VASELLI Siena, 22 Novembre 2012 CRISI

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Il finanziamento alle imprese

Il finanziamento alle imprese Il finanziamento alle imprese Alberto Balestreri Corso di Economia ed organizzazione aziendale II ING-IND/35 Laurea Specialistica in Biotecnologie Industriali Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

Analisi di Bilancio per flussi

Analisi di Bilancio per flussi Analisi di Bilancio per flussi Premessa L analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda attraverso il bilancio si conclude con l analisi dei movimenti di risorse finanziarie

Dettagli