ANALISI STRATEGICA DEI PROCESSI GESTIONALI A cura di G. Motta, G. Loparco, G. Pignatelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI STRATEGICA DEI PROCESSI GESTIONALI A cura di G. Motta, G. Loparco, G. Pignatelli"

Transcript

1 ANALISI STRATEGICA DEI PROCESSI GESTIONALI A cura di G. Motta, G. Loparco, G. Pignatelli Obiettivi della lezione Tassonomia dei processi Modellazione dei processi Metodo di mappatura dei processi

2 Obiettivo della lezione La lezione precedente ha introdotto il modello CRASO dei processi gestionali (vedi a lato) C = Customer; R = Request; A = Activities S = Organizations O = Output Questa lezione ha l obiettivo di illustrare metodi e modelli che rispondono alle domande: Quali sono i processi della impresa X? Come possono essere descritti ad alto livello (analisi strategica)? La individuazione dei processi delle imprese è detta mappatura Request Customer S 1 S 2 S 3 A1 A3 A4 A2 Business Process Output 2

3 Obiettivo della lezione - continua La mappatura dei processi si basa su vari elementi complementari 1. Modello: rappresentazione del processo (p.e. strutture descritte da alberi di specializzazione e scomposizione, come quello a lato) 2. Metodo: passi per modellare 3. Contenuti e/o schemi di dominio, che danno agli analisti una tassonomia dei processi 1. Modello dei processi: esempio di gerarchia Radice Nodo 1 Nodo Nodo N Foglia 1 Foglia Foglia N 2. Metodo (esempio) 1. Mappatura globale 2. Individuare il perimetro della mappatura 3. Raccogliere informazioni sui processi 4. Modellare i processi 3. Dominio: tassonomia 3

4 Obiettivo della lezione - continua Obiettivo di questa lezione 1. Modello: struttura dei processi 2. Metodo: raccolta e modellazione dei processi 3. Contenuti e/o schemi di dominio: riferimenti Catena del valore di Porter Modelli di Industry SCOR, TM, altri Best practices 1. Modello : esempio di rappresentazione Radice Nodo 1 Nodo Nodo N Foglia 1 Foglia Foglia N 2. Metodo (esempio) 1. Mappatura globale 2. Individuare il perimetro della mappatura 3. Raccogliere informazioni sui processi 4. Modellare i processi 3. Dominio: contenuti 4

5 ANALISI STRATEGICA DEI PROCESSI GESTIONALI A cura di G. Motta, G. Loparco, G. Pignatelli Obiettivi della lezione Tassonomia dei processi Modellazione dei processi Metodo di mappatura dei processi

6 Tassonomia = classificazione Le superclassi di processi Processi direzionali Esempio: Pianificazione strategica Budgeting e controllo Bassa variabilità fra i settori Esempio: Produzione Vendita Alta variabilità fra i settori Processi primari verticali tipici di ciascun settore di attività Processi di supporto Esempio: Contabilità Gestione Risorse Umane Servizi Generali IT Bassa variabilità fra i settori 6

7 Tassonomia: incident Processi di una sw house o di una società di consulenza Processi di un Comune Processi di una Azienda Automobilistica (cfr. la dispensa della lezione 1) Processi di una azienda di Distribuzione Processi di una struttura IT di una azienda 7

8 Tassonomia = classificazione Le tassonomie: tipologie Tassonomie generiche: Porter ecc. KB delle società di consulenza: esempio Tassonomie di settore: SCOR ecc- Tassonomie di settore: e-government 8

9 Tassonomia: Value Chain di Porter Attività Infrastrutturali Processi di supporto orizzontali ed invarianti in quasi tutti i settori industriali Gestione Risorse Umane Logistica in Entrata Sviluppo Tecnologie Approvvigionamenti Produzione Logistica in Uscita Marketing Distribuzione Se2rvizi Post Vendita Processi primari specifici di ogni settore industriale Il modello di Porter nasce per le aziende manifatturiere (p.e. automobilistiche) La successione dei processi primari rappresenta le fasi di creazione del valore da parte di una fabbrica. 9

10 Tassonomia: e-government I sistemi e-gov sono articolati in segmenti corrispondenti agli eventi della vita dei cittadini e delle imprese Evento della vita = momento, fase od attività nella vita del cittadino o impresa (p.e. possedere un immobile ). Ogni evento della vita è erogato da un processo ed include n servizi Ogni servizio corrisponde a funzionalità utente (= casi d uso). 10

11 Tassonomia : società di consulenza e tassonomie commerciali Le società di consulenza sviluppano e mantengono mappe di processi molto articolate Tali mappe strutturano la esperienza raccolta in molti progetti e sono finalizzate a fornire uno schema predefinito alla analisi dei requisiti informativi in progetti ERP, CRM e simili A tali schemi (privati) possono essere assimilati metodologie commerciali come ARIS ARIS house Tassonomie di settore: SCOR ecc- KB delle società di consulenza: esempio 11

12 Tassonomia: SCOR Introduzione alla Supply Chain Il modello I livelli di analisi

13 Supply Chain: definizione Una Supply Chain è un insieme di facility connesse da vie di trasporto Due tipologie di facility: produzione e stoccaggio Diverse modalità di trasporto (treno, strada, aereo, ) Principali tipologie: SC diadica (due nodi) Catena di aziende (tre o più aziende) Rete di aziende (supply network) La supply chain si può estendere dal produttore di materia prima al consumatore Un insieme di facility appartenenti alla stessa organizzazione costituiscono una internal supply chain (supply chain intra-organizzativa) 13

14 Supply chain : tipologia di flussi Materie prime Work in process Prodotto finito Make to Stock Assemble to Order Make to Order Purchase to Order / Engineer to Order 14

15 Supply Chain Council (SCC) Il modello Supply Chain Operations Reference (SCOR) è stato sviluppato dal Supply- Chain Council (SCC), un associazione indipendente, no profit i cui membri appartengono ad aziende e organizzazioni interessate all applicazione di sistemi e tecniche all avanguardia di supply chain management (www.supply-chain.org) Il SCC nasce nel 1996 da Pittiglio Rabin Todd & McGrath (PRTM) e AMR Research Oggi include circa 750 membri distribuiti in tutto il mondo, i quali sono per la maggior parte industrie ma anche fornitori IT, implementatori, università e organizzazioni governative L 80% delle aziende della lista Fortune 500 è membro di SCC e usa il modello SCOR (dato 2002) 15

16 Il modello /1 Il modello SCOR descrive i processi gestionali volti al soddisfacimento della domanda del cliente SCOR identifica cinque processi principali: 1. Plan: con riferimento ad un dato orizzonte temporale, il processo di Plan sviluppa le linee di azione volte all acquisizione delle risorse necessarie 2. Source: negoziazione, approvvigionamento, ricevimento di materiali, prodotti e servizi 3. Make: realizzazione di prodotti attraverso miscelazione, separazione, lavorazione meccanica, trasformazioni chimiche 4. Deliver: consegna di prodotti finiti 5. Return: resa di materiali SCOR identifica anche processi Enable, volti alla preparazione, archiviazione, gestione delle informazioni 16

17 Il modello /2 I cinque processi principali possono descrivere supply chain di diversa complessità, dalla supply chain che coincide la singola azienda a casi complessi (supply chain a rete con molti livelli e molti attori per livello) 17

18 Il modello: utilizzo Tre fasi sequenziali: 1. Disegno dello stato as is del processo e definizione della configurazione to be desiderata 2. Quantificazione delle prestazioni operative di aziende simili e definizione di target prestazionali in base ai risultati dei best in class 3. Identificazione delle pratiche gestionali e delle soluzioni software caratterizzanti le esperienze best in class 18

19 Il modello: livelli di rappresentazione Livello Schema Note 1 Top Level Plan Source Make Deliver Return Return Il livello 1 elenca le categorie di processo PLAN SOURCE MAKE DELIVER RETURN 2 Configuration Level Il livello2 segmenta le categorie in ragione della tipologia di flusso SCM : MTS - Make to stock ATO - Assemble to order MTO - Make to order ETO - Engineer to order 3 Process Element Level P1.1 Identify, Prioritize, and Aggregate Supply-Chain Requirements P1.2 Identify, Assess, and Aggregate Supply-Chain Requirements P1.3 Balance Production Resources with Supply-Chain Requirements P1.4 Establish and Communicate Supply-Chain Plans Il livello 3 identifica processi elementari. Ogni processo elementare viene poi descritto in termini di: le informazioni I/O le metriche di performance le best practice, ove possibile i tool di supporto 19

20 Il modello: quarto livello P1.1 Identify, Prioritize, and Aggregate Supply-Chain Requirements P1.2 Identify, Assess, and Aggregate Supply-Chain Requirements P1.3 Balance Production Resources with Supply-Chain Requirements P1.4 Establish and Communicate Supply-Chain Plans 4 Implementation Level A questo livello le aziende implementano specifiche pratiche di supply-chain management allo scopo di raggiungere il vantaggio competitivo adattandosi alle mutate condizioni del business Il quarto livello sarà sviluppato usando una estensione UML La nostra analisi di quarto livello ha lo scopo di individuare attività elementari e a partire da queste individuare casi d uso 20

21 SCOR: descrizione Top level Nel primo livello si trovano i cinque processi fondamentali: Plan, Source, Make, Deliver, Return Il processo Return è distinto in: Source Return: comprende tutti i processi di Return che collegano l organizzazione al fornitore (ad es. Resi di materia prima) Deliver Return: comprende tutti i processi di Return che collegano l organizzazione con i clienti (ad es. Ricevimento di prodotti resi da cliente) Plan Source Make Deliver Source Return Deliver Return 21

22 SCOR: descrizione Top level A questo livello si definisce il perimetro della modellazione: quali fornitori e quali clienti considerare, quali processi fondamentali associare a ciascuno di essi La figura esemplifica una Supply-Chain con due fornitori, due clienti (distributori e mercato finale) e i clienti industriali dei distributori 22

23 SCOR: Descrizione Configuration level /1 Ai processi definiti a livello superiore si associa una categoria Make-to- Stock, Make-to-Order, Engineer-to- Order I processi di secondo livello rientrano quindi fra le combinazioni elencate qui di seguito Tre categorie di Make: M1: Make-to-Stock M2: Make-to-Order M3: Engineer-to-Order Quattro categorie di Deliver: D1: Deliver Stocked Product D2: Deliver Make-to-Order Product D3: Deliver Engineer-to-Order Product D4: Deliver Retail Product Tre categorie di Source Return e tre di Deliver Return: R1: Return Defective Product R2: Return MRO Product (MRO: Maintenance, Repair and Overhaul) R3: Return Excess Product 23

24 SCOR: Descrizione Configuration level /2 Otto categorie di Enable, ciascuna delle quali è associabile a ciascuno dei cinque processi fondamentali (si indica con X il processo generico): EX1: Definizione e gestione di regole EX2: Definizione delle performance EX3: Gestione di dati EX4: Gestione delle scorte EX5: Gestione delle disponibilità di capitale EX6: Gestione dei trasporti EX7: Gestione della configurazione della Supply-Chain EX8: Gestione del rispetto delle normative Due categorie di Enable specifiche di processo: EP9: Verifica dei Financials ES9: Accordi con i fornitori 24

25 SCOR: Descrizione Process element level A ciascuna categoria di processo è associata una rappresentazione che identifica i processi elementari, le rispettive relazioni, gli input e gli output Ad ogni processo elementare è associata una tabella che ne descrive gli attributi 25

26 SCOR: descrizione del terzo livello: flusso dei processi P1: Plan Supply Chain (Customer) Customer Requirements (D1.3, D1.10) Order Backlog, Shipments (EP.3) Planning Data (EP.9) Revised Aggregate Forecast and Projections, Revised Business Assumptions P1.1 Identify, Prioritize, and Aggregate Supply- Chain Requirements (EP.1) Planning Decision Policies (EP.2) Supply Chain Performance Improvement Plan (EP.4) Inventory Strategy P1.3 P1.4 P1.2 Identify, Assess, and Aggregate Supply-Chain Resources Balance Supply-Chain Resources with Supply- Chain Requirements Establish and Communicate Supply- Chain Plans SSupply Chain Plans (P2.1, P3.1, P4.1) (Customer) (P2.4) Sourcing Plans (P3.4) Product MAKE Plans (P4.4) Delivery Plans (EP.3) Planning Data (EP.5, EP.6) Projected Internal and External Production Capacity (EP.5, EP.6) Revised Capital Plan (EP.5, EP.6) Outsource Plan (EP.8) Regulatory Requirements (Customer) Inventory 26

27 SCOR: Descrizione standard del terzo livello 27

28 SCOR: Descrizione standard del terzo livello : identificazione del processo Il dominio dei processi è identificato da una lettera : P: Plan S: Source M: Make D: Deliver R: Return Il prefisso E connota un processo come Enable (p.e. ES è un processo Source di tipo Enable). Il livello gerarchico dei processi è identificato dai suffissi : la mancanza di suffisso identifica i processi di primo livello (p.e.d); un suffisso identifica i processi di secondo livello (p.e. D1, P2), due suffissi identificano i processi di terzo livello (p.e. D1.2, P2.1) 28

29 SCOR: Descrizione standard del terzo livello: metriche di prestazione Le prestazioni dei processi sono descritte da metriche 1. Affidabilità 2. Flessibilità 3. Reattività 4. Costi 5. Efficienza nella gestione degli asset aziendali Alle performance sono associati indicatori (Metric) 29

30 SCOR: Descrizione standard del terzo livello : le best practice Il modello associa ad ogni processo un elenco (non necessariamente esaustivo) di best practice Le best practice sono pratiche rilevate sui migliori concorrenti Esempio: per il processo di Plan, una best practice è la totale integrazione di dati e informazioni lungo la supply-chain A ciascuna best practice è associato un elenco di caratteristiche, generalmente di tipo tecnologico Esempio: l integrazione di dati e informazioni è abilitata dai sistemi ERP 30

31 ANALISI STRATEGICA DEI PROCESSI GESTIONALI A cura di G. Motta, G. Loparco, G. Pignatelli Obiettivi della lezione Tassonomia dei processi Modellazione dei processi Metodo di mappatura dei processi

32 Modellazione : il concetto di modello I modelli di progettazione sono linguaggi, con cui sono descritti schemi di sistemi e processo Un grafo descrive lo schema procedurale di processi. Un linguaggio di programmazione descrive lo schema di un programma. I modelli producono in output schemi a partire da input. M = {L, S, IL, IM} L = tipi astratti S = costrutti astratti IL = interpretazioni associate ai tipi astratti L IM = interpretazioni associate a ogni costrutto astratto IM Percezioni, Idee Modello Schemi 32

33 Modelli di progettazione : progettazione dei processi gestionali Modellazione della struttura Modellazione del flusso Modellazione prestazioni Modellazione integrata 33

34 Modelli di progettazione : sistemi informativi La progettazione usa molteplici modelli a seconda dell obiettivo Requisiti Concettuale Presentazione Processi Dati Requisiti di Presentazione Progetto Presentazione Requisiti Processi Modello Processi Requisiti Dati Modello Dati Implementazione Tecnologie GUI Tecnologie programmazio ne (OO ecc.) Tecnologie Dati (DBMS relazionali, OLAP ecc.) 34

35 Modelli di progettazione : progettazione processi gestionali verso progettazione sistemi informativi La progettazione dei processi precede la progettazione dei sistemi Requisiti Concettuale Presentazione Processi Dati Requisiti di Presentazione Progetto Presentazione Requisiti Processi Modello Processi Requisiti Dati Modello Dati Implementazione Tecnologie GUI Tecnologie programmazio ne (OO ecc.) Tecnologie Dati (DBMS relazionali, OLAP ecc.) 35

36 Modellazione dei processi gestionali La vista strutturale (1/5) La mappatura dei processi usa viste strutturali La vista strutturale modella il processo gestionale come un albero La radice dell albero è il macroprocesso Le foglie dell albero sono il livello di scomposizione più granulare La mappatura arriva tipicamente al livello del processo / fase Una scomposizione spinta può arrivare sino al livello della attività elementari Una attività elementare è FARTO cioè omogenea rispetto a Frequenza Attore Regole Tecnologie usate Output t 36

37 Modellazione dei processi gestionali La vista strutturale (2/5) Ai A Ai1 Ai2 Decomposition Ai3 Aa Specialization Ab Una vista strutturale è sviluppata con due primitive fondamentali : Scomposizione : Il processo Ai è composto da Ai1, Ai2, Ai3 P.e. Il prelievo Bancomat include identificazione e prelievo contante Specializzazione: Il processo Ai può essere Aa o Ab P.e. Il prelievo Bancomat può essere per International Customer o Local Customer 37

38 Modellazione dei processi gestionali La vista strutturale (3/5):esempio completo 38

39 Modellazione dei processi gestionali La vista strutturale (4/5): scomposizione (IS-PART- OF) In generale: La scomposizione divide un elemento in parti La scomposizione continua sino a quando l analista ha raggiunto le attività elementari Nella mappatura dei processi aziendali: L analista identifica un processo gestionale L analista continua nella scomposizione sino a quando raggiunge il livello delle fasi 39

40 Modellazione dei processi gestionali La vista strutturale (5/5):Specializzazione (IS-A) In generale: Nella specializzazione un tipo è scomposto in sotto-tipi La specializzazione continua finché l analista è in grado di identificare sotto-tipi Nella mappatura dei processi aziendali: L analista identifica un processo gestionale L analista identifica le possibili specializzazioni Le specializzazioni di un dati tipo si distinguono reciprocamente almeno per una proprietà o componente 40

41 ANALISI STRATEGICA DEI PROCESSI GESTIONALI A cura di G. Motta, G. Loparco, G. Pignatelli Obiettivi della lezione Tassonomia dei processi Modellazione dei processi Metodo di mappatura dei processi

42 Introduzione : che è una buona mappatura? Contenuto: Mappe di impresa (schemi, mappe, griglie, lische di pesce) Mappe di processo: Schemi grafici Liste indentate Commento in linguaggio naturale Completezza: Include tutti i processi di un perimetro predefinito Scompone i processi sino ai processi elementari Correttezza : Condivisione da parte della azienda Utilizzo dovunque possibile di modelli di riferimento settoriali Mappa di impresa Mappa di processo: elenco indentato Schema di documentazione della mappatura Commenti in linguaggio naturale Mappa di processo Schema (grafica) gerarchico 42

43 Passi della mappatura: sintesi Passo Obiettivo Input Output Tecniche chiave 1. Mappatura globale Scegliere lo schema di riferimento per la mappatura Schemi intersettoriali e/o settoriali e/o best practice Schema personalizzato Ricerca su internet, ricerca bibliografica 2. Individuare il perimetro della mappatura Selezionare il perimetro della analisi Schema scelto Processi scelti Raccogliere informazioni sui processi Analizzare i processi a livello strategico Schema dei processi scelti Documentazione di analisi Interviste Osservazione diretta Focus Group Analisi di documenti 4. Modellare i processi Strutturare le informazioni raccolte in una mappa completa dei processi Documentazione di analisi Schema di riferimento scelto Mappa generale del processo Schemi del processo Commenti Tecniche di analisi dei processi (scomposizione + specializzazione) Tecniche di documentazione 43

44 1. Mappatura globale Value Chain classica (Porter) Logistica in Entrata Utilities Attività Infrastrutturali Gestione Risorse Umane Sviluppo Tecnologie Approvvigionamenti Produzione Logistica in Uscita Predisposi zione delle condizioni produttive Attività Infrastrutturali Gestione Risorse Umane Sviluppo Tecnologie Comunicazione Interna & Esterna Attività di Back Office Marketing Distribuzione Attività di Front Office Se2rvizi Post Vendita Attività di procacci amento della clientela Servizi after Sales La mappatura globale produce uno schema appunto globale dei processi di un perimetro predefinito (p.e. tutta la impresa) In generale l analista personalizza mappe note, p.e. Porter o SCOR per il settore industriale Possibili fonti: Testi cartacei, Ricerche su internet 44

45 1. Mappatura globale: mappa intersettoriale (American Productivity & Quality Centre - International Benchmarking Clearinghouse) 1. Comprensione dei mercati e dei consumatori 2. Sviluppo vision e strategia 3. Sviluppo prodotti e servizi 8. Gestione informazioni 9. Sviluppo/gestione risorse umane 10. Gestione risorse fisiche e finanziarie 4. Marketing e vendite 5. Produzione e consegna (imprese manifatturiere) 6. Produzione e consegna (servizi) 7. Fatturazione e servizi al cliente 11. Realizzazione di programmi per la tutela ambientale 12. Gestione relazioni esterne 13. Gestione miglioramento e cambiamento 45

46 1. Mappatura globale: meta-mappa intersettoriale (American Productivity & Quality Centre - International Benchmarking Clearinghouse) 1. Comprensione dei mercati e dei consumatori 1.1 Determinazione dei bisogni e dei desideri dei clienti 1.2 Misurazione della soddisfazione dei clienti 1.3 Monitoraggio dei cambiamenti del mercato e delle aspettative dei clienti 2. Sviluppo vision e strategia 2.1 Monitoraggio dell ambiente esterno 2.2 Definizione del business concept e della strategia organizzativa 2.3 Definizione della struttura organizzativa e delle relazioni fra le business unit 2.4 Sviluppo e definizione degli obiettivi 3. Sviluppo prodotti e servizi 3.1 Sviluppo nuovi prodotti/servizi: concept e pianificazione 3.2 Progettazione, realizzazione e valutazione dei nuovi prodotti/servizi 3.3 Ridefinizione di prodotti/servizi esistenti 3.4 Test sull efficacia dei nuovi prodotti/servizi 3.5 Ingegnerizzazione 3.6 Gestione del processo di sviluppo prodotti/servizi 4. Marketing e vendite 4.1 Marketing di prodotti/servizi su segmenti rilevanti 4.2 Elaborazione ordini 5. Produzione e consegna per imprese manifatturiere 5.1 Pianificazione e acquisizione delle risorse necessarie 5.2 Conversione degli input in prodotti finiti 5.3 Consegne prodotti 5.4 Gestione processi produttivi e consegne 6. Produzione e consegna per imprese di servizi 6.1 Pianificazione e acquisizione delle risorse necessarie 6.2 Sviluppo delle capacità del personale 6.3 Erogazione servizi 6.4 Assicurare la qualità del servizio 7. Fatturazione e servizi al cliente 7.1 Fatturazione ai clienti 7.2 Fornitura servizi post vendita 7.3 Gestione richieste/problemi clienti 8. Gestione informazioni 8.1 Gestione sistema informativo 8.2 Valutazione e monitoraggio della soddisfazione delle esigenze informative 9. Sviluppo/gestione risorse umane 9.1 Elaborazione strategia per le risorse umane 9.2 Gestione dell inserimento dei dipendenti 9.3 Gestione training 9.4 Gestione sistemi di valutazione e incentivazione 9.5 Gestione ambiente/clima di lavoro 9.6 Riallocazione del personale 46

47 1. Mappatura globale: meta-mappa intersettoriale (American Productivity & Quality Centre - International Benchmarking Clearinghouse) 10. Gestione risorse fisiche e finanziarie 10.1 Gestione risorse finanziarie 10.2 Elaborazione transazioni finanziarie e contabili 10.3 Gestione informazioni 10.4 Realizzazione verifiche interne 10.5 Gestione tasse 10.6 Gestione risorse fisiche 11. Realizzazione di programmi per la tutela ambientale 11.1 Formulazione di strategie ambientali 11.2 Assicurazione del rispetto dei regolamenti 11.3 Educazione del personale 11.4 Realizzazione di programmi di prevenzione dell inquinamento 11.5 Gestione interventi di bonifica 11.6 Predisposizione di programmi per le emergenze 11.7 Gestione dei rapporti con il governo e l opinione pubblica 11.8 Gestione problemi ambientali 11.9 Sviluppo e gestione delle informazioni ambientali Monitoraggio dell avanzamento dei programmi ambientali 12. Gestione relazioni esterne 12.1 Comunicazioni con gli stakeholder 12.2 Gestione relazioni con il governo 12.3 Gestione relazioni con i creditori 12.4 Sviluppo programmi di pubbliche relazioni 12.5 Gestione rapporti con gli amministratori 12.6 Sviluppo relazioni con la comunità 12.7 Gestione problemi legali 13. Gestione miglioramento e cambiamento 13.1 Monitoraggio delle performance aziendali 13.2 Realizzazione test di qualità 13.3 Benchmarking 13.4 Realizzazione di process improvement 13.5 Gestione cambiamenti 47

48 1. Mappatura globale: best practices Molte società di consulenza hanno mappe di processi predefinite costruite sulla base di best-practice internazionali La mappatura avviene per passi: Individuazione della mappa globale di settore Selezione dei processi caratteristici dell azienda e loro scomposizione Top-Down Dettaglio dei processi individuati 48

49 1. Mappatura globale: best practices: esempio Università Infrastructure Processes(1/2) Sotto-Processi Macro Processi Manage HR Policies and Procedures (HR) Establish and Implement HR Programs / Policies (HR-010) Perform Faculty / Staff Data Administration (HR-020) Manage Labor and Employee Relations (HR-030 ) Monitor Faculty/Staff Health and Safety (HR-040) Manage Employee Separation (HR-050 ) Recruit and Develop Faculty Staff (RD) Manage University Positions (RD-010) Manage Faculty Staff Recruitment (RD-020) Manage New Hire Integration (RD-030) Manage Faculty/Staff Rewards System (RD-040) Manage Employee Satisfaction (RD-050) Manage Faculty/Staff Career Development Planning (RD-060) Manage Payroll (MP) Collect Time and Attendance (MP-010) Administer Payroll (MP-020) Manage Compensation and Benefits (MC) Manage Compensation and Classification (MC-010) Maintain Benefits and Enrollment (MC- 020) Administer Open Enrollment (MC-030) Administer Flexible Spending Accounts (FSA) (MC-040) Administer Insured Benefit Claims (MC-050) Manage Pension Administration (MC-060) Manage Accounting and Financial Data (AC) Manage General Ledger (AC-010) Process Accounting Transactions (AC-020) Perform Grant Accounting (AC-030) Perform Project Accounting (AC-040) Perform Asset Accounting (AC-050) Perform Allocations (AC-060) Perform Closing (AC-070) Develop and Train Faculty/Staff (RD-080) Gather and Analyze Financial Data (AC-080) Fonte: Deloitte Perform Internal and External Auditing (AC-090) 49

50 Infrastructure Processes(1/2) 1. Mappatura globale: best practices: esempio Università Sotto-Processi Macro Processi Manage Cash & Investments (CI) Manage Financial Policies, Procedures and Compliance (CI-010) Manage Capital Projects (CP) Determine Capital and Expense Projects (CP-010) Prioritize Projects (CP-020) Analyze Project Feasibility (CP-030) Obtain Project Approval (CP-040) Define and Analyze Projects Requirements (CP-050) Develop Detailed Project Plan (CP-060) Manage Capital and Risk (CR) Manage Financial Risk (CR- 010) Manage Liquidity (CR-020) Manage Capital Structure (CR-030) Manage Risk (CR-040) Develop and Manage Manage Faculty Budgets (MB) Events (ME) Prepare Budgets (MB-010) Review, Approve and Adopt the Budgets (MB-020) Monitor, Measure and Evaluate Budget Performance (MB-030) Revise Budgets (MB-040) Manage Year-end Budget Processing (MB-040) Track Tenure Information (ME-010) Perform Faculty Tenure Evaluation (ME-020) Manage Tenure Mediation (ME-030) Manage Tenure Grievance Review Process (ME-050) Manage Tenure Appeal Process (ME-050) Manage Project Budgets and Funding (CP-070) Fonte: Deloitte Manage Project Execution (CP-080) 50

51 Operational Processes 1. Mappatura globale: best practices: esempio Università Sotto-Processi Macro Processi Promote and Develop the University (D) Mange Public Relations E-010) Mange University Relations E-020) Manage Alumni Relations E-030) Develop University Strategy E-040) Manage Student Information (S) Maintain Student Records (S-010) Maintain Student Accounts Receivable (S-020) Register Students (S-030) Process Grades (S- 040) Audit Degree (B 050) Manage University Services (U) Plan for University Services (U-010) Provide Essential Services (U-020) Provide Auxiliary Services (U-030) Coordinate Student Organizations (U-040) Manage Athletics (U- 050) Manage Enrollment (E) Plan Enrollment ((E- 010) Prospect for Students (E-020) Award Financial Aid (E-030) Conduct Orientation (E-040) Admit and Enroll Students (E-050) Manage Curriculum (C) Plan Course Offerings (C-010) Evaluate Course Offerings (C-020) Manage Grants (G) Identify and Prioritize Research Projects (G-010) Review and Approve Research Projects (G-020) Submit Proposal (G- 030) Award Negotiation (G-040) Maintain Transcript Data (S-060) Develop Career Organizations (U-060) Fonte: Deloitte 51

52 2. Individuare il perimetro della mappatura Il metodo diverso a seconda della finalità della analisi Analisi strategica globale Mappatura completa di tutti i processi di una impresa La mappa è usata per formulare la strategia IT formulare la strategia organizzativa fondare una azienda Progetto strategico: sono mappati solo i processi chiave per una data iniziativa p.e.: Lancio di un nuovo prodotto, Fusioni, acquisizioni Audit & Reengineering : è analizzato a fondo un dato processo Evidenza di scarsa competitività: p.e. distribuzione lenta rispetto alla concorrenza Evidenza di scarsa qualità: prodotto rifiutato dal mercato Evidenza di costi eccessivi: assistenza post vendita troppo costosa 52

53 3. Raccogliere informazioni sui processi Fonti e tecniche Analisi di documenti Documenti aziendali Organigramma aziendale Manuale qualità Documenti, procedure Studi e riviste di settore Casi Harvard e Bocconi Internet (siti di aziende del settore) Standard di settore : SCOR TMN Altri Analisi sul campo Intervista agli stakeholder Process owner Attori del processo (raccolta informazioni e commenti) Clienti del processo (valutazione prodotti processo) Osservazione diretta Focus group Analisi conversazioni 53

54 3. Raccogliere informazioni sui processi: Fonti e tecniche Osservazione diretta Quale ruolo? (observer, observer as participant, participant as observer) Non essere intrusivi Instaurare fiducia Registrare le osservazioni e le impressioni Focus group Interviste a più attori contemporaneamente: stimolano il dibattito, il confronto, la convergenza verso una visione univoca Attenzione alla selezione dei partecipanti! Livello di strutturazione Gestione della discussione Analisi conversazioni 54

55 4. Modellare i processi Livelli di scomposizione dei processi (1/2) La analisi dei processi procede per successivi livelli convenzionalmente noti come Macroprocesso Processo Fase Attività La mappatura si ferma tipicamente al livello del processo/fase FASI PROCESSI Definizione fabbisogno MACROPROCESSO : Approvvigionamento Gestione acquisto Ciclo fornitore Logistica in entrata ATTIVITA Scuting fornitori Gestione gara Selezione fornitore Emissione ordine RIchiesta d offerta Raccolta offerte Chiusura gara Valutazione offerte 55

56 4. Modellare i processi Livelli di scomposizione dei processi (2/2) La mappatura richiede l analisi delle varianti I processi sono distinti in base al loro contenuto PROCESSI Definizione fabbisogno MACROPROCESSO : Approvvigionamento Gestione acquisto Ciclo fornitore Logistica in entrata VARIANTI DI PROCESSO Gestione acquisto materiali diretti Gestione acquisto MRO 56

57 4. Modellare i processi: Caso Utility/1 Generazione Approvvigionamento Trasmissione Distribuzione Vendita Importazione 57

58 4. Modellare i processi: Caso Utility /2 Generazione Approvvigionamento Trasmissione Distribuzione Vendita Importazione Focus su Service Provisioning 58

59 4. Modellare i processi: Caso Utility /3 59

60 4. Modellare i processi: Caso Utility /4 Esempio di scheda processo di attivazione contratto 60

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 L organizzazione della logistica B.M.S.: Nel caso di specie si

Dettagli

Management and System Integration. Supply Chain Process Improvement

Management and System Integration. Supply Chain Process Improvement Management and System Integration La nostra offerta Smart Media offre il necessario supporto ORGANIZZATIVO, METODOLOGICO ed APPLICATIVO alle aziende che intendono intraprendere un percorso di continuo

Dettagli

Indagine sulla Logistica delle Industrie Novaresi

Indagine sulla Logistica delle Industrie Novaresi Indagine sulla Logistica delle Industrie Novaresi I. Colella Garofalo, G. Rossitti, C. Sirotti, M. Tadini Osservatorio per la Logistica Novarese Novara, 31 Marzo 2008 ACHIEVEGLOBAL (ITALIA) via Rombon,11-20134

Dettagli

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering. Production Engineering Research WorkGROUP IL MODELLO SCOR Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione e Ingegneria Gestionale Università di Palermo Agenda

Dettagli

Supply Chain Operations Reference Model: Un nuovo strumento per migliorare l efficienza di una SC ed ottenere Best Practice

Supply Chain Operations Reference Model: Un nuovo strumento per migliorare l efficienza di una SC ed ottenere Best Practice Supply Chain Operations Reference Model: Un nuovo strumento per migliorare l efficienza di una SC ed ottenere Best Practice Sommario Una catena di fornitura è un network di strutture che acquistano materie

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2008-2009 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 1 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 1 Organizzazione e Sistema

Dettagli

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V Indice Gli autori XIII XVII Capitolo 1 I sistemi informativi aziendali 1 1.1 INTRODUZIONE 1 1.2 IL MODELLO INFORMATICO 3 1.2.1. Il modello applicativo 3 Lo strato di presentazione

Dettagli

Supply Chain Operations Reference - SCOR

Supply Chain Operations Reference - SCOR easypoli Supply Chain Operations Reference - SCOR Definizioni e schema di funzionamento del modello SCOR e discussione sui fornitori www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Supply Chain

Dettagli

Economia e. Prof. Arturo Capasso

Economia e. Prof. Arturo Capasso Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain

Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain Articolo n. 6 - Ottobre 2013 Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain GIUSEPPE LOVECCHIO PREMESSA Oggi si parla tanto di Supply Chain, come se fosse l ultima frontiera per rendere

Dettagli

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business Livio Selvini HP IT Governance Senior Consultant Vicenza, 24 novembre Hewlett-Packard Development Company, L.P. The information

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO RUBERTI Processi gestionali 1 Informatizzazione per Sistemi Informativi 1. Elaborazione Dati, Automazione Industriale supporto EDP

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Industrial Equipment Manufacturing Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Vantaggi principali ñ Aumento dell efficienza operativa. ñ Integrazione di innovazioni nella produzione.

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

La configurazione dell offerta commerciale

La configurazione dell offerta commerciale #cloudcpq Torino, 11 giugno 2014 La configurazione dell offerta commerciale Presentazione di Enigen #WhyEnigen Un gruppo di consulenza internazionale, focalizzata sui processi di CRM e front end aziendali

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Introduzione al Corso

Introduzione al Corso Introduzione al Corso Corso di Gestione delle Operations (modulo del Corso Integrato di Gestione delle Operations e Sistemi Integrati di Produzione) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale

Dettagli

9. Strategia delle Operazioni

9. Strategia delle Operazioni 9. Strategia delle Operazioni LIUC - Facoltà di Economia Aziendale Corso di gestione della produzione e della logistica Anno accademico 2009-2010 Prof. Claudio Sella OBJECTIVES Concetto di strategia delle

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI (ERP) Le soluzioni Axioma per l'industria Le soluzioni di Axioma per l'industria rispondono alle esigenze di tutte le aree funzionali dell azienda industriale.

Dettagli

SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione

SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione INNOVAZIONE ED EFFICIENZA DEI PROCESSI DI BUSINESS DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA MANIFATTURIERA Efrem Frigeni ERP Division Manager Brain System Srl

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

Ridisegno Supply-chain. Esempio di un progetto di Consulenza

Ridisegno Supply-chain. Esempio di un progetto di Consulenza Ridisegno Supply-chain Esempio di un progetto di Consulenza Obiettivo dell intervento 1. Mappare l attuale sistema logistico-produttivo dei tappi mettendo in evidenza le criticità ed i potenziali miglioramenti;

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? Esistono diverse prospettive tecnica, organizzativa, della comunicazione e quindi

Dettagli

ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI

ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI Cos è un processo aziendale Processo come trasformazione (dal verbo procedere ) Processo aziendale: insieme di attività interdipendenti finalizzate a un obiettivo

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Sistemi avanzati per la gestione della supply chain: i sistemi advanced planning

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Cosa è la Supply chain "il Supply Chain Management è un approccio integrato, orientato al processo per l'approvvigionamento, la produzione e la consegna di prodotti e servizi ai

Dettagli

La collaborazione con I fornitori oggi nel mondo fashion é alla base della strategia di crescita, SAP PLM la soluzione. Il caso Alliance Footwear

La collaborazione con I fornitori oggi nel mondo fashion é alla base della strategia di crescita, SAP PLM la soluzione. Il caso Alliance Footwear La collaborazione con I fornitori oggi nel mondo fashion é alla base della strategia di crescita, SAP PLM la soluzione. Il caso Alliance Footwear Agenda Il contesto aziendale: Alliance Fottwear Company

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese

CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese Lucidi di Gianmario Motta 2010 Governo dei sistemi informativi nelle imprese OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INTRODUZIONE: RUOLO DELLA IT NELLE IMPRESE

Dettagli

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Al servizio dei professionisti dell IT Governance Capitolo di Milano Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Valter Tozzini - ItSMF Italia Paola Belforte - ItSMF

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale organizzativo Enterprise Resource Planner Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/ Informatica

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Strategie Funzionali di Manufacturing

Strategie Funzionali di Manufacturing Strategie Funzionali di Manufacturing Metodologie Best Practices Processi Produttivi Le tre classificazioni 1 Strategie per il Manufacturing La strategie di manufacturing sono il collegamento tra strategia

Dettagli

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Lucio Galdangelo - Fieramilano 02/10/2014 Come cambierà la norma ISO 9001 2015 ISO 9001:2015 2012 New Work Item Proposal per

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Il modello CMMI Engineering nelle organizzazioni software Agenda Focalizzazione sul processo CMMI come modello per il miglioramento dei processi Struttura del modello CMMI Aree di processo Riferimenti

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

La Banca per processi e la gestione integrata della Governance Aziendale

La Banca per processi e la gestione integrata della Governance Aziendale La Banca per processi e la gestione integrata della Governance Aziendale Milano, 24 aprile 2015 Franco Nardulli Resp. Divisione Risorse Organizzative e Qualità Gruppo Banca Popolare di Bari La rete distributiva

Dettagli

ARCHITETTURA A TRE LIVELLI

ARCHITETTURA A TRE LIVELLI Business Process Caratteristiche e tipologie Approfondimento dei BP aziendali Chianese Angelo Sistemi e processi di business ARCHITETTURA A TRE LIVELLI Chianese Angelo 2 Chianese Angelo 2 1 Gli ES Gli

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Company Profile. ED Electronics Distribution. Release: 07_2012

Company Profile. ED Electronics Distribution. Release: 07_2012 Company Profile Release: 07_2012 ED Srl Sede legale: via Maspero 5-21100 Varese Capitale sociale euro 100.000,00 C.F. P.IVA IT 03274030125 REA VA-337722 Company Overview ED Electronics Distribution opera

Dettagli

CAPITOLO 2 Architettura dei processi gestionali. (parte I)

CAPITOLO 2 Architettura dei processi gestionali. (parte I) CAPITOLO 2 Architettura dei processi gestionali (parte I) Lucidi di Gianmario Motta revisionati da Lucio Sansone 2011 1 ARCHITETTURA DEI PROCESSI GESTIONALI INTRODUZIONE I LIVELLI DELL ARCHITETTURA ARCHITETTURA

Dettagli

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda Si Fides R7 Si Fides è un extended ERP realizzato interamente da Sinfo One. Si Fides nasce dalla conoscenza e dal monitoraggio dei processi dei nostri clienti e con i quali interagiamo in maniera proattiva.

Dettagli

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi DA CHE COSA E COMPOSTO COME SI ACCEDE CHI LO USA A CHE COSA SERVE Risorse hardware e software: - Server - LAN (router, HUB Firewall,..) - Storage - pacchetti

Dettagli

Lo Sviluppo della Logistica a Valore Aggiunto: Prospettive e azioni per favorire lo sviluppo della Provincia di Novara

Lo Sviluppo della Logistica a Valore Aggiunto: Prospettive e azioni per favorire lo sviluppo della Provincia di Novara Lo Sviluppo della Logistica a Valore Aggiunto: Prospettive e azioni per favorire lo sviluppo della Provincia di Novara Igino Colella Garofalo Torino, 16 novembre 2006 Atos, Atos and fish symbol, Atos Origin

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Torino, 3 Luglio 2008 Il Profilo del Gruppo Poste Italiane 1 Poste Italiane è una delle realtà di servizi al cittadino e

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto SERVIZI E SUPPORTO PROCESSI E INIZIATIVE SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO PRODOTTI SOFTWARE SOLUZIONI VERTICALI Realizzazione di maggiore valore con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

Dettagli

Formalizzare i processi aziendali per

Formalizzare i processi aziendali per Formalizzare i processi aziendali per accrescere l efficacia l dei controlli Bankadati S.I. Gruppo Creval La comunicazione finanziaria Sondrio, 9 marzo 2010 LA GESTIONE PER PROCESSI IN CREVAL La gestione

Dettagli

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte prestazioni e per un'efficace pianificazione della produzione Sede principale a Trieste. Filiali a Milano,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Osservatorio Business Intelligence

Osservatorio Business Intelligence Divisione Ricerche Claudio Demattè Osservatorio Business Intelligence 3 Ciclo di ricerca 2010 Filone di ricerca BI Governance nel Settore dell Energy, Utility e servizi di pubblica utilità In collaborazione

Dettagli

JBT AeroTech, leader mondiale nel settore Aereospaziale, Ground Handling. JBT FoodTech, leader mondiale nella fornitura di soluzioni Food Processing

JBT AeroTech, leader mondiale nel settore Aereospaziale, Ground Handling. JBT FoodTech, leader mondiale nella fornitura di soluzioni Food Processing JBT Corporation è un gruppo americano, organizzato in due business unit: JBT AeroTech, leader mondiale nel settore Aereospaziale, Ground Handling JBT FoodTech, leader mondiale nella fornitura di soluzioni

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

Il caso Keyline. Gianni Pelizzo Espedia

Il caso Keyline. Gianni Pelizzo Espedia Il caso Keyline Gianni Pelizzo Espedia Agenda Presentazione azienda cliente: Think Different @ Keyline Obiettivi del progetto e strumento utilizzato Overview SAP PPM Il caso aziendale: demo a sistema Prossimi

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

Paolo Gandolfo Asset & Service Management per il governo dell'infrastruttura IT

Paolo Gandolfo Asset & Service Management per il governo dell'infrastruttura IT Paolo Gandolfo Asset & Service per il governo dell'infrastruttura IT La visione strategica IBM Tivoli si impegna a fornire una soluzione di Asset & Service management capace di indirizzare i business goal

Dettagli

Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM

Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM 1 Organizzazione Commerciale Una organizzazione commerciale è responsabile per negoziare le condizioni di vendita e distribuzione di beni e servizi. Rappresenta

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Business Consultant & ICT Strategic Partner. Un team di consulenti esperti nei processi e nei sistemi AZIENDALI

Business Consultant & ICT Strategic Partner. Un team di consulenti esperti nei processi e nei sistemi AZIENDALI Consultant & ICT Strategic Partner b e e Un team di consulenti esperti nei processi e nei sistemi AZIENDALI BEE CONSULTING SRL Via Rimassa 70/7 Genova Tel/Fax (+39) 010.582489 Cap.Soc. 20.000,00 i.v. P.Iva

Dettagli

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Contesto di riferimento Framework Lo standard

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT

Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT Maurizio Coluccia Agenda BNL - BNP Paribas: IT Convergence Projects Il programma Il progetto Aurelia Il perimetro del progetto e le interfacce

Dettagli

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Fondata dall'ing. Kirchner nel 1991 Sede principale a Trieste. Filiali a Milano, Bologna, Padova e Udine Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

L importanza di ITIL V3

L importanza di ITIL V3 6HUYLFH'HOLYHU\DQG3URFHVV$XWRPDWLRQ L importanza di ITIL V3 IBM - IT Strategy & Architecture Claudio Valant Le Migliori Prassi (Best Practice) ITIL ƒ ƒ ƒ ƒ,7,/ VWDSHU,QIRUPDWLRQ7HFKQRORJ\,QIUDVWUXFWXUH

Dettagli

PREMESSA. B2B vs B2C PERCHÉ B QUADRO?

PREMESSA. B2B vs B2C PERCHÉ B QUADRO? PREMESSA PERCHÉ B QUADRO? Se per alcuni aspetti c è una convergenza delle soluzioni di e-commerce B2B e B2C - come ad esempio l esperienza di utilizzo e la fruizione da dispositivi mobile - le finalità

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

R. De Pari. CO0142 rev. B 1

R. De Pari. CO0142 rev. B 1 R. De Pari CO0142 rev. B 1 VERIFICA ISPETTIVA PER LA QUALITÀ (O AUDIT DELLA QUALITÀ) - DEFINIZIONE Processo sistematico, indipendente e documentato per ottenere evidenze della Verifica Ispettiva e valutarle

Dettagli

L informazione in azienda Problema o fattore di successo? Giorgio Merli Management Consulting Leader - IBM Italia. 23 Ottobre 2007 Milano Area Kitchen

L informazione in azienda Problema o fattore di successo? Giorgio Merli Management Consulting Leader - IBM Italia. 23 Ottobre 2007 Milano Area Kitchen L informazione in azienda Problema o fattore di successo? Giorgio Merli Consulting Leader - IBM Italia 23 Ottobre 2007 Milano Area Kitchen Il contesto di riferimento: le aziende devono far fronte ad un

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento

Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento Compliance: La gestione del dato nel sistema di reporting e consolidamento Paolo Terazzi Consolidated Financial Statement Manager Amplifon Milano, 1 dicembre 2009 Amplifon nel mondo Leader in 14 countries

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione Gestione dei sistemi industriali Consiste nel: - predisporre i mezzi ed assumere le decisioni necessarie a realizzare gli obiettivi strategici aziendali - operare scelte tra

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013 Catalogo Corsi Aggiornato il 16/09/2013 KINETIKON SRL Via Virle, n.1 10138 TORINO info@kinetikon.com http://www.kinetikon.com TEL: +39 011 4337062 FAX: +39 011 4349225 Sommario ITIL Awareness/Overview...

Dettagli

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al.

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello Code and fix Processo parte III Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello iniziale Iterazione di due passi scrittura del codice correzione degli errori Problemi: dopo una serie di cambiamenti, la

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego alessandro.perego@polimi.it Milano, Matching 2009, 23 Novembre 2009 Non-solo-distribuzione La logistica non è solo distribuzione fisica

Dettagli