THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti?"

Transcript

1 SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? Un convertitore DC / DC è utilizzato, generalmente, quando la tensione di alimentazione disponibile non è compatibile con quella nominale di ingresso dell applicazione elettronica. Spesso la scelta ottimale di un convertitore DC / DC non è così semplice come si potrebbe immaginare, poiché non si tratta semplicemente di determinare la tensione di ingresso, quella di uscita e la potenza. Quanto segue è una panoramica dei criteri più importanti da considerare nella scelta e nell'applicazione di convertitori DC / DC. Tensione di uscita Nella maggior parte delle applicazioni, la tensione che deve essere fornita a un dispositivo elettronico è nota. Tuttavia esistono anche dispositivi che possono funzionare con un ampio intervallo di tensioni di ingresso, ad esempio, da 8 V a 15 V. Come comportarsi, quindi? Questi dispositivi spesso integrano un regolatore di tensione lineare che genera, partendo da una tensione maggiore, una tensione regolata inferiore. Ad esempio, se si tratta di un regolatore 5 V, ciò significa che il regolatore di tensione lineare "brucia" la differenza di tensione, fino alla tensione di uscita di 5 V, ossia la trasforma in calore. La corrente rimane quasi invariata. Quindi più alta è la tensione di ingresso, maggiore è la quantità di calore risultante, ovvero la perdita di potenza. In questo esempio, si consiglia di scegliere un convertitore DC / DC con la tensione di uscita più bassa possibile nell intervallo da 8 V a 15 V. Per un'applicazione in cui sono coinvolti piccoli quantitativi, deve essere utilizzato un convertitore DC / DC con una tensione di uscita il più vicina possibile allo standard, ossia un convertitore con una tensione di uscita da 9 V. Per contro, per applicazioni con quantità elevate, è più logico scegliere un convertitore con una tensione di uscita speciale di 8 V. Questo perché, maggiore è la perdita di potenza, più complessa diventa la gestione del calore in un sistema globale. Inoltre, il convertitore DC / DC deve prima di tutto produrre la potenza che è successivamente "bruciata" come calore. Un convertitore DC / DC con tensione di uscita da V 8, come in questo esempio, deve fornire solo poco più della metà della potenza, rispetto a quella di un convertitore con una tensione di uscita da 15 V, ed è quindi più compatto e molto più conveniente. Normalmente, occorre provare un dispositivo, ad esempio con un alimentatore da laboratorio, per osservare il comportamento del consumo di corrente (anche in diverse condizioni di esercizio) e la sicurezza di funzionamento, considerando la tensione applicata, per determinare la tensione di uscita di un convertitore DC / DC. Corrente di uscita e potenza Nel determinare le prestazioni del convertitore DC / DC, devono essere prese in considerazione tre condizioni di esercizio del dispositivo alimentato: - comportamento di avvio, - condizione di funzionamento nominale e - condizione di funzionamento con consumo energetico massimo. La parte critica è il comportamento di avvio. Quando vengono accesi, molti dispositivi assorbono un elevata corrente di avvio per un breve periodo di tempo, a causa, ad esempio, dai condensatori. Nell'istante dell accensione, un condensatore non si carica e funziona temporaneamente come un cortocircuito. Più alta è la capacità, maggiore è la quantità di energia per caricare il condensatore. A seconda del tipo, i convertitori DC / DC possono produrre una certa quantità di questa energia nell'istante dell accensione. La capacità massima consentita per il collegamento a un convertitore DC / DC è di norma disponibile nella scheda tecnica. I dispositivi che hanno una resistenza interna negativa hanno un effetto ancora più sfavorevole e quindi viene assorbita una corrente relativamente elevata a bassa tensione di ingresso. Tale comportamento viene mostrato, ad esempio, da dispositivi con un convertitore elevatore integrato (convertitore step up), che appartiene al tipo di convertitore di induttanza.

2 Nell'istante di accensione, tutti i convertitori DC / DC hanno inizialmente una tensione di uscita di 0 V. In un periodo di circa 100 millisecondi, la tensione di uscita aumenta poi alla tensione nominale, ad esempio 9 V. Durante l'aumento della tensione, la corrente richiesta dal dispositivo non può superare la corrente massima di uscita del convertitore DC / DC da selezionare, altrimenti il convertitore non può raggiungere la massima tensione di uscita. Con un alimentatore da laboratorio, si può determinare se un dispositivo ha una resistenza interna negativa. Aumentando gradualmente la tensione fino alla tensione nominale, è possibile misurare la tensione più elevata del flusso di corrente. Questo valore può essere letto sul display della corrente incorporato nell'alimentatore da laboratorio o su un unità esterna utilizzata per misurare la corrente, come ad esempio un multimetro digitale (DMM). La scelta del convertitore DC / DC deve consentire di fornire il massimo valore di corrente determinato, che è necessario per il dispositivo da alimentare, in modo da garantire che si raggiunga lo stato di esercizio. Tuttavia questo è solo il caso delle correnti di avvio, che sono causate da interruttori elettronici, e non dei picchi di corrente di avvio dei condensatori. Di norma, la condizione di funzionamento nominale è il caso più innocuo. Il consumo di corrente è inferiore alla massima corrente di avviamento e a quella dello stato di funzionamento, in cui è richiesta la massima energia. La condizione di esercizio con consumo massimo può differire significativamente dalla condizione nominale, ad esempio quando si verifica una situazione eccezionale nell applicazione. Tale condizione di funzionamento deve essere presa in considerazione quando si seleziona il convertitore DC / DC ottimale. La scelta del convertitore deve essere in grado di garantire sempre la massima corrente misurata del dispositivo da alimentare, indipendentemente dallo stato di funzionamento. Dopo la determinazione della tensione e della corrente di uscita, la potenza (P) del convertitore DC / DC necessario può essere calcolata utilizzando la formula P = UI (watt), dove la tensione (U) è misurata in volt e la corrente (I) in ampere. Separazione di potenziale (isolamento ingresso / uscita) In numerose applicazioni, anche se non in tutte, è necessaria una separazione di potenziale. Con la separazione di potenziale (isolamento galvanico), tutte le connessioni sul lato di ingresso (lato primario) e tutti i collegamenti sul lato di uscita (lato secondario) sono elettricamente separati. Con applicazioni che, per il tipo di circuiteria, consentono una connessione negativa comune, può essere utilizzato un convertitore DC / DC senza separazione di potenziale. Questi convertitori di induttanza (convertitori step down o buck) hanno diversi vantaggi: sono economici e presentano un elevato grado di efficienza. I convertitori hanno una perdita di potenza relativamente bassa e producono, con una potenza di uscita paragonabile, una minore (perdita) di calore. PEAK electronics offre, tra le altre cose, un modulo (serie PSRS-78xxLF) con una tensione di uscita flessibile regolabile da 1,8 VDC a 15,5 VDC. Inoltre sono disponibili vari tipi di pacchetti con una corrente di uscita di 500 ma o 1000 ma, in diverse tensioni fisse (serie PSR, PSR1, PSRS e PSRW). Uno svantaggio del convertitore di induttanza (regolatore a commutazione) è che se è difettoso non offre alcuna protezione per i dispositivi collegati. Ad esempio, se il regolatore a commutazione è distrutto a causa di un alta tensione di ingresso e si forma internamente un cortocircuito tra l'ingresso e l'uscita, questa tensione viene applicata ai dispositivi collegati. Ciò può portare alla possibile distruzione della scheda. Un rimedio può essere ottenuto inserendo un fusibile (un fusibile autoripristinante) davanti all'ingresso positivo del regolatore a commutazione e, inoltre, collegando un diodo transil (TVS) tra l uscita positiva e il collegamento comune negativo. Nel fare questo, il valore di tensione del diodo transil deve essere maggiore della tensione di uscita nominale, tuttavia così alto che il dispositivo collegato possa sostenere la tensione di risposta del diodo transil. Un valore tipico, ad esempio per una tensione di uscita di 5 V, è un diodo transil da 6,8 V, per una tensione di uscita di 12 V, un diodo transil da 15 V, e per una tensione di uscita di 15 V un diodo transil da 20 V. Il catodo del diodo transil è collegato all'uscita positiva e l'anodo alla connessione comune negativa (Figura 1).

3 Figura 1 Con applicazioni che richiedono una separazione di potenziale, si deve ricordare che i valori di resistenza elettrica tra i circuiti primario e secondario indicati nella scheda tecnica rappresentano prevalentemente un valore di tensione DC. Un valore pari a 1000 V DC (1 kv DC) è equivalente a 707 V AC. Ciò però è valido solo per una tensione AC con una frequenza bassa come 50 Hz. Con frequenze elevate, che si verificano soprattutto con sistemi di alimentazione temporizzati a corrente forte (ad esempio, per la tecnologia solare), la resistenza elettrica è significativamente ridotta. Inoltre, ogni convertitore DC / DC presenta una capacità tra ingresso (lato primario) e uscita (lato secondario). La capacità è generata dalla superficie degli avvolgimenti del trasformatore incorporato in un convertitore DC / DC. Il trasformatore agisce come un condensatore che reagisce a ogni cambiamento di tensione tra il circuito primario e secondario. Dove la frequenza di una tensione fornita tra primario e secondario è molto elevata, il trasformatore spesso viene ricaricato in modo corrispondente e quindi si produce una corrente elevata tra lato ingresso e lato uscita. L'intera quantità di energia, che viene così ricaricata, dipende, tra le altre cose, dal livello della tensione applicata. Inoltre, il valore di capacità del convertitore DC / DC ha anche un'influenza: più piccolo è il valore, meno energia viene ricaricata, perché una piccola capacità può respingere meno energia. Per applicazioni in cui un convertitore DC / DC viene azionato nell intervallo di kilohertz (khz) tra due potenziali, la capacità di accoppiamento, che è la capacità tra primario e secondario, deve essere solo di alcuni picofarad (pf). In caso contrario, il convertitore può essere distrutto o non funzionerà più correttamente. Convertitore regolato o no? Un convertitore regolato ha un circuito di controllo interno, che ad esempio corregge le fluttuazioni di tensione in ingresso sul lato di uscita. Ciò significa che la tensione di uscita rimane quasi costante, entro la gamma consentita del convertitore, anche con variazioni di tensione di ingresso. Allo stesso modo, la tensione di uscita rimane pressoché costante con modifiche del carico in uscita. I convertitori regolati sono più complessi e costosi di quelli non regolati. I convertitori DC / DC non regolati sono, prima di tutto, utilizzati in applicazioni con valori di potenza di piccole dimensioni fino a circa 3 W. Non hanno un circuito di feedback e non possono correggere le fluttuazioni di cui sopra. Per la maggior parte di convertitori DC / DC non regolati, la tensione di ingresso può variare solo di circa il 10% rispetto alla tensione di ingresso nominale. Tuttavia ciò può significare una fluttuazione della tensione di uscita fino al 15%. Inoltre i convertitori non regolati richiedono un carico minimo in uscita, altrimenti la tensione di uscita è evidentemente troppo elevata e ciò può anche portare al danneggiamento del dispositivo. Per ultimo, anche se non meno importante, i tipi non regolati o non sono affatto a prova di cortocircuito o solo nell intervallo di millisecondi. In sintesi, ciò significa che: un convertitore DC / DC non regolato può essere utilizzato solo se viene garantita una tensione di ingresso molto costante (migliore del 2%). Inoltre il carico in uscita deve essere idealmente compreso tra il 50% e il 90% della capacità nominale, e il rischio di un cortocircuito e un sovraccarico può essere escluso. Per tutte le altre applicazioni, un convertitore regolato è quindi sempre preferibile.

4 Convertitore con tensioni di uscita multiple Con i convertitori DC / DC regolati, le fluttuazioni della tensione di ingresso, il carico di uscita e la temperatura hanno solo un effetto minimo sulla tensione di uscita. Vi sono però anche convertitori con tensioni di uscita multiple. Convertitori con una tensione di uscita separata sono spesso utilizzati dove sono disponibili due tensioni della stessa portata nell'uscita collegata in serie. Rispetto al collegamento 0 V in uscita, sono forniti, ad esempio, sia -12 V sia 12 V. In linea di principio, si tratta di una semplice uscita 24 V regolata con una connessione centrale. L'avvolgimento secondario del trasformatore che è incorporato nel convertitore DC / DC è progettato per una tensione di uscita a 24 V e ha una connessione centrale per l'uscita supplementare a 0 V. È regolata solo la tensione totale di 24 V dell uscita +12 V rispetto a -12 V, non però l uscita di 0 V. Ciò significa che con un carico diverso da +12 V rispetto a 0 V e -12 V rispetto a 0 V, l'uscita da 0 V si sposta. Ecco un esempio di ciò: se un convertitore con potenza di uscita 12 W è caricato con 0,5 A sull'uscita +12 V rispetto a 0 V, e 0 A sull'uscita -12 V rispetto a 0 V, l'uscita +12 V scende a circa 8 V, mentre quella a -12 V sale a -16 V. Ciò significa che la somma delle tensioni rimane invariata a 24 V, tuttavia la connessione a 0 V si è spostata di 4 V. Di conseguenza, le differenze di carico tra le uscite 12 V rispetto all'uscita 0 V non devono essere troppo diverse. Se i carichi in un'applicazione differiscono molto, l'uscita meno caricata può essere collegata con una resistenza di carico come carico di base per l'uscita 0 V. In alternativa, possono essere utilizzati due convertitori separati, specialmente quando si tratta di requisiti di alimentazione superiori o per evitare la perdita di potenza causata dalla resistenza di carico di base. In generale, nel caso di convertitori con tensioni di uscita simmetriche (tensioni di uscita separate), non solo è separata la tensione di uscita, ma anche la massima potenza di uscita. Pertanto, con un convertitore a 12 W possono essere assorbiti solo 6 W da ogni tensione di uscita. Per convertitori DC / DC con due o più tensioni di uscita diverse, spesso può essere regolata una sola tensione di uscita e tutte le altre possono essere solo accoppiate. In termini di carico di uscita, ciò rappresenta un convertitore non regolato. Se le tensioni di uscita addizionali vengono riregolate, tutte le tensioni di uscita sono stabili indipendentemente dai carichi in uscita. Pertanto, prima dell'inizio dell uso di convertitori DC / DC nella produzione in serie, devono essere svolti accurati test. Interconnessione di più convertitori Applicazioni nelle quali sono richiesti valori di tensione diversi, possono essere dotate di più convertitori DC / DC. Nel fare ciò, per quanto possibile, i convertitori non devono mai essere collegati in serie, al fine di utilizzare la tensione di uscita del primo convertitore come tensione di ingresso del convertitore successivo. La ragione di ciò è che ciascun convertitore ha bisogno di correnti di avvio più o meno elevate e può accadere molto rapidamente che il convertitore precedente non possa erogare la corrente richiesta per avviare il convertitore successivo. Di conseguenza il secondo convertitore non viene acceso. L ideale è scegliere convertitori DC / DC che possano essere utilizzati con la tensione di alimentazione disponibile. Quindi tutti i convertitori DC / DC possono essere collegati in parallelo sul lato di ingresso, il che significa che tutti gli ingressi negativi e tutti i positivi sono rispettivamente collegati tra loro. Il vantaggio di ciò è fornire ciascun convertitore di una protezione adeguata sul lato di ingresso. In alcune applicazioni, può essere necessario prevedere filtri LC per uno o più dei convertitori usati. Si può così evitare che i convertitori interferiscono tra loro sul lato ingresso. Come norma generale, i regolatori di tensione lineari possono essere facilmente collegato dietro a un convertitore DC / DC temporizzato, in quanto non richiedono una corrente di avviamento alta. Con la maggior parte dei convertitori, è possibile un collegamento in serie sul lato di uscita. Per evitare che, durante l'accensione o con un cortocircuito, uno dei convertitori collegati in serie applichi una tensione negativa all'altro e lo distrugga, ogni singola uscita deve essere protetta con un diodo Schottky. Il diodo Schottky è collegato tra l'uscita positiva e quella negativa (Figura 2).

5 Figura 2 Funzioni aggiuntive Terminale trim Soprattutto i convertitori di potenza superiore a partire da circa 20 W hanno un terminale di regolazione della tensione di uscita (trim) collegato con un piedino. Un potenziometro trim può essere collegato a questo piedino per regolare la tensione di uscita nell intervallo ± 10%. Inoltre, con un resistore fisso alla tensione di uscita positiva è possibile ridurre la tensione di uscita in modo permanente oppure, collegando un resistore fisso alla connessione negativa, aumentare la tensione di uscita. Quindi è possibile regolare le tensioni particolari che si desiderano. Ingresso di controllo ON / OFF Con l ingresso di controllo ON / OFF ("arresto", "blocco") sul lato primario, il convertitore DC / DC può essere disattivato in modalità remota da un relè, un interruttore, un transistor o un accoppiatore ottico, senza che la tensione di alimentazione debba essere interrotta. Per disattivare, è necessario solo un segnale a bassa potenza che può provenire, ad esempio, direttamente da un controllore o dal circuito di regolazione. Tuttavia questa funzione non è disponibile per tutti i convertitori DC / DC. Connessioni sensore I convertitori DC / DC di maggiore potenza a partire da circa 20 W possono avere connessioni del sensore. Quindi possono essere compensate le perdite di tensione (anche una caduta di tensione) sul lato di uscita, che sono causate dalle linee. Le connessioni del sensore del convertitore DC / DC sono collegate con il carico attraverso due linee aggiuntive. Il convertitore quindi regola la tensione che trova sulle connessioni del sensore, e pertanto la tensione che viene applicata al carico. In particolare questa funzione viene utilizzata con tensioni di uscita basse, ad esempio 5 V e inferiori, o quando devono essere applicate tensioni molto precise al carico, ad esempio nel campo della strumentazione. Compatibilità elettromagnetica (EMC) Ogni convertitore DC / DC genera rumore, causato dalla commutazione ad alta frequenza di un induttore. Per i convertitori che non sono isolati galvanicamente è responsabile un induttore e per quelli galvanicamente isolati, un trasformatore. Quasi tutti i convertitori commutano con forma d'onda quadra, pertanto, oltre alla frequenza di clock, vengono creare anche molte armoniche. I convertitori interferiscono dunque in un ampio spettro di

6 frequenza, a partire dalla frequenza di clock fino a frequenze di MHz a tre cifre. Anche se tutti i convertitori sono dotati di componenti che riducono il rumore generato, spesso le norme da rispettare sono più restrittive. In tali casi, l'interferenza emessa deve essere ulteriormente ridotta mediante circuiteria esterna. Le interferenze sorgono in tre aree: tra ingresso e uscita, sulle linee di ingresso tra il collegamento positivo e negativo e sul lato di uscita, anche qui tra il collegamento positivo e negativo. Le interferenze tra ingresso e uscita sono causate dai cambiamenti di carica del trasformatore. Il trasformatore agisce come un condensatore di rumore. Le interferenze possono essere cortocircuitate, collegando un condensatore ceramico tra l'ingresso negativo e l'uscita negativa del convertitore DC / DC. I valori per la capacità preferibilmente oscillano tra 100 pf e 10 nf. La resistenza elettrica del condensatore ceramico deve soddisfare i requisiti della separazione di potenziale, per questo motivo in applicazioni restrittive viene utilizzato un condensatore Y2 o Y1. Le interferenze che si verificano in ingresso tra i collegamenti di tensione di funzionamento possono essere normalmente ridotte con un filtro LC. Spesso è più facile sperimentare la combinazione ottimale di induttore e condensatori, in quanto l'efficacia del filtro è fortemente dipendente dalla qualità dell induttore. L'esperienza pratica ha dimostrato che si tratta di una buona scelta utilizzare induttori con indici di corrente sovradimensionati e induttanze non troppo elevate. Gli induttori semplici (induttori lineari) devono avere valori compresi tra 0,1 µh e 10 µh, e avere una portata almeno due volte superiore alla massima esistente nell applicazione. Con convertitori DC / DC con una maggiore potenza, è possibile anche considerare un induttore a corrente compensata con un induttanza di circa 1 mh e una corrente nominale che è ben al di sopra del valore dell applicazione. Il dimensionamento dei condensatori dipende in modo particolare da quale spettro di frequenza dell interferenza debba essere efficacemente ridotto. I condensatori elettrolitici presentano una capacità elevata e sono in grado di ridurre particolarmente bene le frequenze di clock basse. Tuttavia i condensatori elettrolitici sono sempre più inefficaci in intervalli di frequenze più elevate, a partire da 200 khz. Per questo motivo, uno o più condensatori ceramici devono essere collegati in parallelo ai condensatori elettrolitici. È importante scegliere un condensatore con materiali di alta qualità come ad esempio C0G, NPO o X7R. A seconda delle esigenze, i valori di capacità possono variare da 1 nf a diversi uf. La figura 3 mostra come sono collegati i componenti. Figura 3 Un approccio simile è usato per ridurre l'interferenza di uscita (figura 3). In contrasto con le condizioni di ingresso, si deve utilizzare solo un induttore con pochi avvolgimenti. Se è necessaria un induttanza, può essere utilizzata una perlina o un manicotto di ferrite per applicazioni più potenti. Le perline e i manicotti di ferrite sono disponibili con una vasta gamma di induttanze, da 1 nh a 100 nh, spesso indicata anche come valore A L nella scheda tecnica. La scelta dei condensatori è simile a quella per sopprimere le interferenze all ingresso. Per applicazioni dalla compatibilità elettromagnetica (EMC) critica, vengono offerti convertitori DC / DC incapsulati in metallo e con una bassa emissione di interferenze elettromagnetiche.

7 Condizioni ambientali e influenze dell ambiente Il corretto funzionamento di un convertitore DC / DC è sostanzialmente influenzato dalle condizioni ambientali. In particolare, le specifiche di funzionamento definite nelle schede tecniche devono essere rispettate. In molte applicazioni, influenze ambientali negative possono, in molti casi, essere almeno ridotte o completamente eliminate. Sovratensione Se in un'applicazione esiste il rischio che il convertitore DC / DC sia esposto, anche se solo per un breve periodo, a una tensione di ingresso alta, ad esempio a causa di picchi di tensione, viene montato un diodo transil (TVS) come protezione efficace. Il valore di risposta (tensione di zener) del diodo deve essere almeno del 20% superiore alla tensione massima di esercizio prevista. Idealmente la gamma di tensione di ingresso del convertitore è scelta in modo tale che il valore di tensione del diodo zener rientri nella gamma di tensione di funzionamento ammessa. I diodi TVS, ad esempio la serie 1.5KE, possono effettivamente limitare tensioni maggiori di 1000 W (1 kw) nell intervallo di µs. Si consiglia l uso di un diodo TVS unipolare con i convertitori DC / DC. Protezione di ingresso Una protezione di ingresso integrata è sempre consigliabile. Se a causa di un'influenza esterna viene distrutto un convertitore, può essere creato un cortocircuito nel circuito di ingresso, che provoca un corrispondentemente flusso di corrente elevato. Il risultato è che il convertitore brucia letteralmente o i cavi possono ardere. Invece di un fusibile normale, può essere installato un fusibile autoripristinate, come ad esempio un PTC. Quando la sorgente di tensione applicata al convertitore ha una potenza molto elevata per alimentare molti carichi contemporaneamente, dovrà esservi sempre un fusibile integrato. Temperatura Nessun convertitore DC / DC funziona in maniera ideale, ovvero con un rendimento del 100%. Per essere in grado di assorbire una certa quantità di potenza in uscita, deve essere sempre disponibile una potenza superiore all'ingresso. Maggiore è la differenza tra la potenza in ingresso e quella di uscita, superiore è la perdita di potenza e quindi la dissipazione del calore che si verifica nel convertitore. Il convertitore può trasferire questo calore all'ambiente circostante attraverso la sua superficie esterna. È importante che il convertitore DC / DC non diventi troppo caldo all'interno. Per quanto riguarda le specifiche della scheda tecnica per la massima temperatura ambiente, questo valore è puramente indicativo. Molti fattori diversi, quali la posizione di montaggio, le influenze causate da parti adiacenti che generano calore o la densità dell incapsulamento dell'applicazione, possono a volte portare a sensibili scostamenti rispetto alle specifiche. Come norma generale, la temperatura ambiente massima deve essere abbassata. Per dimensionare correttamente l'applicazione, anche per quanto riguarda la situazione termica, alcuni valori sono importanti, come l'efficienza a una potenza di uscita definita e la temperatura massima ammissibile del contenitore. La perdita di potenza e la dissipazione del calore possono essere calcolate dall'efficienza e dalla potenza. La temperatura massima del contenitore può essere semplicemente misurata con uno strumento di misura della temperatura in condizioni reali. Tuttavia, per prolungarne la lunga vita utile, il convertitore DC / DC non deve essere portato al limite superiore di temperatura, e in particolare i condensatori possono risentire delle temperature elevate. In pratica si consiglia di rimanere al di sotto degli 80 C circa, misurati a contatto della superficie del contenitore. Per i convertitori con potenza di uscita superiore a 20 W circa, l'efficienza deve essere la più alta possibile. La serie P30WG o P40WG di PEAK electronics con 40 W di potenza di uscita offre, ad esempio, un'efficienza superiore al 90%. Se la potenza di uscita del modulo P40WG viene utilizzata appieno, vi è una perdita di potenza di circa 4,5 W. Questo calore deve essere dissipato dal contenitore del modulo, che è relativamente piccolo, con un ingombro di 25,4 mm x 50,8 mm. Pertanto, il potente convertitore, come molti altri, ha un degradamento in funzione della temperatura. Ciò significa che la potenza di uscita può essere assorbita solo a una certa temperatura ambiente. Se la temperatura ambiente è superiore, può essere assorbita solo una potenza inferiore e, quindi, la perdita di potenza diminuisce e il convertitore non è più così caldo. In poche parole, le seguenti sono linee guida "sicure": I pacchetti DIL 4, 6, 7, 8 devono avere una perdita di potenza di 0,5 W massimo, i pacchetti DIL 24 di circa 1,5 W, i pacchetti 1 pollice x 2 fino a 2,5 W, i pacchetti 1,6 pollici x 2 fino a 3 W e i pacchetti 2 pollici x 2 fino a 4 W. Questi valori sono basati su una temperatura ambiente massima fino a 50 C. Quando si effettua il primo calcolo, se si prevedono valori di perdita di potenza o di

8 temperatura ambiente più elevati, deve essere lasciato un po di margine per soluzioni di raffreddamento migliori. Il raffreddamento del modulo può essere ottenuto con un ventilatore o anche estendendo la superficie del convertitore disponibile per il raffreddamento con un dissipatore di calore. Tuttavia ciò che conta è la temperatura misurata a contatto con la superficie del contenitore del convertitore. Umidità Dal momento che la maggior parte dei convertitori DC / DC sono incapsulati, il circuito interno è ben protetto contro l'umidità. Solo i piedini di saldatura possono essere danneggiati dalla condensa. In questo caso un rivestimento protettivo (vernice o simili) può fornire una soluzione. Tuttavia devono essere rispettate le specifiche dei costruttori relative all umidità. Nella maggior parte dei casi, viene indicato dal 5% a 95% senza condensa. Devono essere rigorosamente rispettate anche le specifiche per i convertitori non incapsulati. Pressione dell aria La pressione dell'aria svolge un ruolo importante soltanto con applicazioni ad alta quota. La pressione dell'aria diminuisce con l'aumento dell altitudine; in altre parole, l'aria è meno densa e può assorbire meno energia termica. Ciò deve essere preso in considerazione nel calcolo delle perdite di potenza. Vibrazioni e urti I convertitori incapsulati hanno un alto livello di resistenza alle sollecitazioni meccaniche. Nella maggior parte delle applicazioni industriali è necessario, al massimo, prestare attenzione a fare buone saldature durante il montaggio del convertitore nell'applicazione. In caso di richieste elevate, occorre svolgere un test di sistema. La forza della saldatura può essere aumentata dall aggiunta di una piastra avvitabile, un morsetto o una clip a molla. Fattori di forma Quasi tutti i convertitori DC / DC sono progettati per il montaggio su circuiti stampati. Inoltre, PEAK electronics offre una vasta gamma di moduli su guida DIN. Sono anche disponibili soluzioni speciali per montaggio su telaio e moduli incapsulati con piedini di collegamento o morsetti. Alexander Deschl, Rosemarie Krause PEAK electronics GmbH Impressum: Herausgeber: PEAK electronics GmbH, Mainzer Str , D Nackenheim, Tel +49 (0) , Fax +49 (0) , Internet: Geschäftsführer: Karlheinz Stadtmueller, AG Mainz HRB 7458, UmSt. Nr.: DE

Il motore asincrono trifase

Il motore asincrono trifase 7 Giugno 2008 1SDC007106G0901 Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono trifase Generalità ed offerta ABB per il coordinamento delle protezioni Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono

Dettagli

ABB i-bus KNX Modulo di monitoraggio e controllo carichi SE/S 3.16.1 Manuale del prodotto

ABB i-bus KNX Modulo di monitoraggio e controllo carichi SE/S 3.16.1 Manuale del prodotto ABB i-bus KNX Modulo di monitoraggio e controllo carichi SE/S 3.16.1 Manuale del prodotto Indice Indice Pagina 1 Generale... 3 1.1 Uso del manuale del prodotto... 3 1.1.1 Struttura del manuale del prodotto...

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni Indice Protezione contro le sovratensioni Danni causati dalle sovratensioni... 2 Origine delle sovratensioni Scariche atmosferiche... 4 Manovre

Dettagli

QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI

QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI La Guida sulla Qualità dell'alimentazione Elettrica negli Impianti Industriali

Dettagli

Guida tecnica N. 6. Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a.

Guida tecnica N. 6. Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. Guida tecnica N. 6 Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. 2 Guida tecnica N.6 - Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. Indice 1. Introduzione... 5 2. Nozioni di base sul fenomeno delle

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

Incubatrice da trasporto

Incubatrice da trasporto Incubatrice da trasporto AVVERTENZA: Suggeriamo all'utente di leggere attentamente questo manuale prima di utilizzare il dispositivo, per comprendere a fondo le caratteristiche delle sue prestazioni. Modelli

Dettagli

TBS Catalogo 2010/2011. Sistemi di protezione da sovratensioni e fulmini

TBS Catalogo 2010/2011. Sistemi di protezione da sovratensioni e fulmini TBS Catalogo 2010/2011 Sistemi di protezione da sovratensioni e fulmini Benvenuti al servizio di assistenza clienti Telefono per assistenza: +39.011.95.48.811 Fax per domande: +39.011.95.48.899 Fax per

Dettagli

Considerazioni sulla Realizzazione di un Data Center

Considerazioni sulla Realizzazione di un Data Center Introduzione Cisco Enterprise Data Center Network Architecture, un'architettura di rete versatile e completa, progettata da Cisco Systems per soddisfare le esigenze IT delle aziende, garantisce un funzionamento

Dettagli

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito 2 Febbraio 28 Quaderni di Applicazione ecnica 1SDC7101G0902 Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Indice 1 Generalità sulle cabine

Dettagli

MASSIMO UBERTINI COME ASSEMBLARE UN PC WWW.UBERTINI.IT

MASSIMO UBERTINI COME ASSEMBLARE UN PC WWW.UBERTINI.IT MASSIMO UBERTINI COME ASSEMBLARE UN PC WWW.UBERTINI.IT COME ASSEMBLARE UN PC 1. ATTREZZATURA Tappetino e braccialetto antistatici Le Scariche Elettrostatiche possono danneggiare la CPU, l unità disco,

Dettagli

Tutto sulle candele ad incandescenza

Tutto sulle candele ad incandescenza www.beru.com Tutto sulle candele ad incandescenza Informazione tecnica n 04 Perfezione integrata Sommario Il motore diesel Principio di funzionamento L avviamento a freddo I sistemi di iniezione 3 3 3

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Ingegneria e Tecnologie dei Sistemi di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica SENSORI E TRASDUTTORI Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Sensori e Trasduttori I dispositivi di misura

Dettagli

Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo

Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo M. Bramucci D. Di Santo D. Forni Report RdS/2010/221 USO RAZIONALE DELL ENERGIA NEI CENTRI DI CALCOLO M. Bramucci (Federazione

Dettagli

Istruzioni per l uso. Utente Elettrotecnico specializzato. Powador 3000 SE

Istruzioni per l uso. Utente Elettrotecnico specializzato. Powador 3000 SE Istruzioni per l uso Utente Elettrotecnico specializzato Powador 3000 SE Le istruzioni di installazione per l'elettrotecnico specializzato seguono alla fine delle presenti istruzioni per l'uso Per l'utente

Dettagli

Manuale di termografia ad infrarossi PER

Manuale di termografia ad infrarossi PER Manuale di termografia ad infrarossi PER APPLICAZIONI INDUSTRIALI Una guida informativa all'uso delle termocamere ad infrarossi per applicazioni industriali Sommario pagina 1. Introduzione 4 2. La termocamera

Dettagli

Anno XVIII - Supplemento al numero 44-21 luglio 2006 Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 46/2004) art. 1, comma 2, DCB Roma

Anno XVIII - Supplemento al numero 44-21 luglio 2006 Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 46/2004) art. 1, comma 2, DCB Roma Anno XVIII - Supplemento al numero 44-21 luglio 2006 Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 46/2004) art. 1, comma 2, DCB Roma Energia dal sole Pannelli solari e sistemi fotovoltaici

Dettagli

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO COLLANA DI MANUALI DI PROGETTAZIONE ANTISISMICA VOLUME 5 PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO M. Dolce, D. Cardone, F. C. Ponzo, A. Di Cesare INDICE CAPITOLO 1: Introduzione all isolamento sismico

Dettagli

= 1/ 2 costi energetici

= 1/ 2 costi energetici + = 1/ 2 costi energetici Azionamenti ad alta efficienza energetica Answers for industry. Costi infrastrutture: 7,5 % Costi parco veicoli: 20 % Costi IT: 25 % I fatti parlano da soli: Negli impianti industriali

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

HEADQUARTERS: DK-2850

HEADQUARTERS: DK-2850 Il rumore ambientale Contenuti Informazioni sull opuscolo... 3 Introduzione... 4 Cos è il suono?... 7 Tipi di rumore... 14 Propagazione del rumore nell ambiente... 16 Identificazione delle sorgenti di

Dettagli

REG-DA. Regolatore di tensione REG-DA. Istruzioni per l'uso. Stato 16.01.2007/03a. Versione Software. Edizione I Stato 01.2000

REG-DA. Regolatore di tensione REG-DA. Istruzioni per l'uso. Stato 16.01.2007/03a. Versione Software. Edizione I Stato 01.2000 REG-DA Regolatore di tensione REG-DA Istruzioni per l'uso Stato 16.01.2007/03a Versione Software Edizione I Stato 01.2000 Istruzioni per l'uso REG-DA 1 REG-DA Regolatore di tensione REG-DA Istruzioni per

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici. Descrizione, tecnologie, rischi e aspetti assicurativi

Gli impianti fotovoltaici. Descrizione, tecnologie, rischi e aspetti assicurativi Gli impianti fotovoltaici Descrizione, tecnologie, rischi e aspetti assicurativi Indice Pagina Introduzione 1 Celle fotovoltaiche 2 Pannelli fotovoltaici 4 Stringhe, campo, impianto fotovoltaico 4 Tipologie

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

TUTTE LE SOLUZIONI PER LA SEGNALAZIONE ACUSTICA E LUMINOSA

TUTTE LE SOLUZIONI PER LA SEGNALAZIONE ACUSTICA E LUMINOSA TUTTE LE SOLUZIONI PER LA SEGNALAZIONE ACUSTICA E LUMINOSA ALARM ALLARMARE INDICATION INFORMARE WARNING ALLERTARE SIGNALING TECHNOLOGY CATALOGO PRINCIPALE EDIZIONE 14 ELETTROTECNOLOGIA PER L INDUSTRIA

Dettagli

Catalogo 2013. Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza

Catalogo 2013. Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza Catalogo 2013 Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza Contatori di energia EQ Meters Raggiungere l equilibrio perfetto I consumi di energia sono in aumento a livello

Dettagli

Illuminare con i LED. Fondamenti Optoelettronica Strumenti di illuminazione ed applicazioni

Illuminare con i LED. Fondamenti Optoelettronica Strumenti di illuminazione ed applicazioni E Illuminare con i LED Fondamenti Optoelettronica Strumenti di illuminazione ed applicazioni V (λ) Indice La fabbrica della luce 1 2 4 6 8 14 16 18 24 26 28 32 36 38 La fabbrica della luce I LED: l alternativa

Dettagli