Curriculum vitae et studiorum

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Curriculum vitae et studiorum"

Transcript

1 Curriculum vitae et studiorum Informazioni personali Nome e Cognome Residenza Giuseppe AGRILLO Via Cupa Angara 20 - Napoli ITA CAP(ZIP): Contatti Mobile: Cittadinanza Italiana. Nato a Napoli il 5/12/1980, Residente a Napoli in Via Cupa Angara n. 20 (NA) CAP Codice Fiscale: GRL GPP 80T05 F839 Y Sesso Maschio. Settore professionale Ricerca e sviluppo nel settore delle Scienze Ambientali, della modellistica ambientale e nel calcolo ad alte prestazioni. Formazione Studente per la scuola di Dottorato in Ingegneria Aerospaziale, Navale e della Qualità. XXVI ciclo Università Federico II di Napoli. Roma, Gennaio 2013 Introduction to Fortran90 Corsi CINECA 30/06/2008 Progetto Mo.D.eM, Corso di Sistemi Informativi. Catania Dal 29/09 al 06/10/2009 Corso di formazione sul Calcolo Parallelo ad Alte prestazione 19/04/2007 Laurea Quinquennale Pre-riforma 2002 (V.O.) 300 ECTS in Scienze Ambientali - Indirizzo Marino. Università degli Studi di Napoli "Parthenope". Titolo della tesi: Gestione di Dataset Ambientali Distribuiti con Tecniche di Grid Computing. Voto di Laurea: 108/ di 11

2 Lavori e Pubblicazioni (*) (*)Consultare L ALLEGATO 1 A. Riccio E. Chianese G. Agrillo C. Esposito L. Ferrara G. Tirimberio Source apportion of atmospheric particulate matter: A joint Eulerian/Lagrangian approach - Environmental Science & Pollution Research - Nov G. Agrillo, E. Chianese, A. Riccio, A. Zinzi Modeling and characterization of air pollution: perspectives and recent developments with a focus on the Campania region (Southern Italy) - International Journal of Environmental Research ,Autumn 2013 ISSN: A.Riccio, G. Agrillo, A. Zinzi, R. Montella. R. Di Lauro CCMMMA: servizi di modellistica ambientale per la previsione meteorologica e di qualità dell'aria ad alta risoluzione spaziale PM2012 V Convegno Nazionale sul particolato Atmosferico - Perugia, Mag R. Montella, G. Agrillo, G. Coviello A GPGPU transparent virtualization component for high performance computing clouds Euro-Par Parallel Processing Lecture Notes in Computer Science Volume 6271, 2010, pp P. Barbieria, F. Cozzia, A. Riccio, R. Montella, G. Agrillo, E. Busetto, M. Peloi, R. Pugliese Project MADBAG: an implementation inside DORII e-infrastructure of the WRF-CHIMERE copulate modeling system and management of environmental data acquisition and distribution. Poster, PM2010, 4 Convegno Nazionale sul particolato atmosferico, Venezia, Maggio 2010 R. Montella, G.Agrillo, N. Guida An application for deploy and manage a HPC Linux/Beowulf Cluster for Computing Sciences. Poster, IES08 - Conferenza Nazionale Italian e-science 2008 Napoli, May 2008 R. Montella, G. Agrillo, D. Mastrangelo, M. Menna A globus toolkit 4 based instrument service for environmental data acquisition and distribution. Proceedings of UPGRADE CN 08, pp , 23 June 2008, Boston, Massachusetts, USA. ACM Presentazioni TechnologyBiz Novembre 2013, Smart University per le previsioni meteomarine. Applicazioni OpenData per la diffusione di contenuti e previsioni meteo-oceanografiche Convegno Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica Green Computing, Cosa intendiamo per Green? Linux Day 2010, Cluster Linux/Beowulf per il calcolo scientifico e laboratori virtuali per la modellistica ambientale Dip. di Scienze Applicate - Univ. di Napoli "Parthenope" 11 maggio 2010, DSA Cloud Infrastruction with Eucalyptus Linux Day 2009, Utilizzare la propria LinuxBox come web server per portali basati su CMS Open Source 2 di 11

3 Esperienze Lavorative (**) (**)Consultare ALLEGATO 2 10 Luglio 2009, DSA-LabMNCP/QueryGRID System, rapporto tecnico sullo sviluppo, applicazione e test del QueryGRID System 18 Giugno 2009, Fedora 11 Release Party Scientific HCP Beowulf cluster for e-science Virtual Labs Co.Co.Co dal 10/03/2011 al 09/03/2012 Progetto PROMETEO/Task1 Nuove Tecnologie per il Monitoraggio e la Modellistica Ambientale, il Trasferimento Tecnologico e per L integrazione dei Saperi a Sostegno della Ricerca Giovane Attività: Codice profilo 01 Esperto di modellistica della qualità dell aria Ente erogatore dell assegno: Università degli Studi di Napoli Parthenope. Resp. Scientifico: Prof. G. Giunta Assegno di Ricerca Settore INF01 dal 01/02/2010 al 31/01/2011 Progetto LLMC Legge 13/04 AF 2006 Learning Languages by Multimedia Center (LLMC). Tema della ricerca: Progettazione di un portale web europeo dedicato ai servizi per l apprendimento delle lingue. Ente erogatore dell assegno: Università degli Studi di Napoli Parthenope. Resp. Scientifico: Prof.ssa C. La Ragione Co.Co.Co dal 15/01/2009 al 15/11/2009 Progetto: Metadistretto del settore ICT dal titolo On Demand Information Services Extended architecture ODISSEA, misura 3.17 del POR Campania2000/2006 nell ambito dell accordo Quadro in materia di E- Goverment. Attività: Sviluppo ed applicazione di tecniche e analisi dei dati e di loro applicazione alle griglie computazionali Ente erogatore del contratto: Dipartimento di Scienze Applicate (DSA) dell Univ. degli Studi di Napoli Parthenope del 18/12/2008. Resp. Scientifico: Prof. A. Petrosino Co.Co.Co dal 09/01/2008 al 09/11/2008 Progetto: Trasferimento in ambiente di Grid Computing di un sistema di modellistica ambientale. Attività: Sviluppo ed applicazione di modellistica ambientale quali modelli (MM5), di qualità dell aria (CAMx, CAMQ) e climatologici (CCSM) su cluster e griglie computazionali. Ente erogatore del contratto : Dipartimento di Scienze Applicate (DSA) dell Univ. degli Studi di Napoli Parthenope del 06/12/2007. Resp. Scientifico: Prof. G. Giunta Attività di ricerca scientifica in missioni oceanografiche di geofisica marina (Multibeam, side scan sonar, carotaggi) in collaborazione con il CNR-IAMC di Napoli. Competenze professionali Configurazione, gestione ed uso del modello di qualità dell aria CHIMERE; Configurazione, gestione ed uso del modello di previsione meteo WRF; Analisi di dati di qualità dell aria; Metodologie e tecniche di grid/cloud computing per l implementazione di modelli di qualità dell aria; Configurazione, gestione ed uso di cluster Linux/Beowulf per il Calcolo Scientifico ad Alte Prestazioni; Configurazione, gestione ed uso di ambienti di virtualizzazione: Citrix XenServer Librerie per lo sviluppo di software parallelo: MPI, OpenMp; Applicazioni di virtualizzazione VMware, XEN, KVM, QEMU; Linguaggi di programmazione, JAVA, FORTRAN, MATLAB; Linguaggi di scripting: Bash, PHP 3 di 11

4 Competenze personali Madrelingua Altra lingua Italiano. Inglese. Autovalutazione Comprensione Parlato Inglese Ascolto Lettura Interazione orale B1 Utente base B2 Utente autonomo B1 Utente base B1 Produzione orale Utente base Piena comprensione di testi e articoli scientifici in lingua inglese. Il sottoscritto Giuseppe Agrillo autorizza l'utilizzo dei dati personali ai sensi del D.lgs. 196/03 e s.i.m. sulla tutela della privacy. dott. Giuseppe Agrillo 4 di 11

5 ALLEGATO 1: Elenco Lavori e Pubblicazioni Riccio, E. Chianese, G. Agrillo, C. Esposito, L. Ferrara, G. Tirimberio Source apportion of atmospheric particulate matter: A joint Eulerian/Lagrangian approach Environmental Science & Pollution Research - Nov PM2.5 samples were collected during an annual monitoring campaign (January 2012-January 2013) in the urban area of Naples, one of the major cities in Southern Italy. Samples were collected by means of a standard gravi metric sampler (TECORA Echo model), and characterized from a chemical point of view by ion chromatography. As a result, 143 samples together with their ionic composition have been collected. We extend traditional source-apportion techniques, usually based on multivariate factor analysis, interpreting the chemical analysis results within a Lagrangian framework. The Stochastic Time- Inverted Lagrangian Transport (STILT) model was used, providing linkages to the source regions in the upwind areas. Results were analyzed in order to quantify the relative weight of different source types/areas, on the basis of the chemical fingerprint. A regression analysis with respect to the PM mass concentrations and their ionic composition was conducted to quantify the daily contributions of each source. Model results suggested that PM concentrations are strongly affected not only by emissions, but also by trans-boundary emissions, especially from Eastern and Northern European countries and African Saharan dust episodes. G. Agrillo, E. Chianese, A. Riccio, A. Zinzi Modeling and characterization of air pollution: perspectives and recent developments with a focus on the Campania region (Southern Italy) International Journal of Environmental Research ,Autumn 2013 ISSN: The wide availability of data on air pollutant emissions, the knowledge already achieved on the set of chemical and photochemical reactions in the troposphere, the ability to access real time weather conditions at the local scale that determine the transport and transformation of gases and aerosol, now make it possible to obtain credible and reliable predictions, retrospective analyses and/or future projections on air quality. Political institutions and the scientific community are strongly committed to achieve these objectives. During the last years, a sensible improvement has been achieved both because of the better analysis of physical/chemical phenomena, and software/hardware architecture advancements. Nowadays, it is not uncommon to provide, also in real-time, weather and chemical forecasts at very high resolutions (less than 1 km in the horizontal directions). Some of the achievements and future perspectives on the development scenarios are given, with focus on the results of the Campania region (Southern Italy). A. Riccio, G. Agrillo, A. Zinzi, R. Montella, R. Di Lauro CCMMMA: servizi di modellistica ambientale per la previsione meteorologica e di qualità dell'aria ad alta risoluzione spaziale PM2012 V Convegno Nazionale sul particolato Atmosferico Mag Il progetto PROMETEO prevede lo sviluppo di sistemi modellistici accoppiati di mesoscala, con lo scopo di studiare l'evoluzione dei fenomeni atmosferici su scala regionale e prevedere la distribuzione e dispersione degli inquinanti atmosferici (gassosi e 5 di 11

6 particolato) ad alta risoluzione spaziale. In questo contesto si inserisce il Centro Campano per il Monitoraggio e la Modellistica Marina e Atmosferica (CCMMMA che si avvale del modello di trasporto chimico CHIMERE [1] e del sistema CALMET-CALPUFF [4]. Questi modelli utilizzano come dati di inizializzazione i campi di vento ottenuti dall'esecuzione operativa del Weather Research and Forecast [2] con risoluzioni spaziali rispettivamente di 3 ed 1 km (su tutto il meridione d'italia) [3]. L'intero processo è basato su un workflow operativo realizzato mediante script bash ed è eseguito in ambienti di calcolo ad alte prestazioni appositamente progettati e realizzati per offrire un ambiente di esecuzione ottimale per i modelli ambientali di mesoscala. L'obiettivo finale è sviluppare uno strumento d indagine scientifica perfettamente adattato alle condizioni del territorio italiano ed in grado di fornire un punto di riferimento nel campo degli studi sull impatto ambientale e sui rischi ambientali legati alle emissioni antropiche di inquinanti in atmosfera. R. Montella, G. Agrillo, G. Coviello A GPGPU transparent virtualization component for high performance computing clouds. Euro-Par Parallel Processing Lecture Notes in Computer Science Volume 6271, 2010, pp The promise of exascale computing power is enforced by the many core technology, that involves all purpose CPUs and specialized computing devices, such as FPGA, DSP and GPUs. In particular GPUs, due also to their wide market footprint, have currently achieved one of the best core/cost rate in that category. Relying to some APIs provided by GPU vendors, the use of GPUs as general purpose massive parallel computing device (GPGPUs) is now routinely carried out in the scientific community. The increasing number of CPUs cores on chip has driven the development and spreading of the cloud computing, leveraging on consolidated technologies such as, but not limited to, grid computing and virtualization. In recent years the use of grid computing in high performance demanding applications in e-science has become a common issue. Elastic computer power and storage provided by a cloud infrastructure may be attractive but it is still limited by poor communication performance and lack of support in using GPGPUs within a virtual machine instance. The GPU Virtualization Service (gvirtus) presented in this work tries to fill the gap between inhouse hosted computing clusters, equipped with GPGPUs devices, and pay-for-use high performance virtual clusters deployed via public or private computing clouds. gvirtus allows an instanced virtual machine to access GPGPUs in a transparent way, with an overhead slightly greater than a real machine/gpgpu setup. gvirtus is hypervisor independent, and, even though it currently virtualizes nvidia CUDA based GPUs, it is not limited to a specific brand technology. The performance of the components of gvirtus is assessed through a suite of tests in different deployment scenarios, such as providing GPGPU power to cloud computing based HPC clusters and sharing remotely hosted GPGPUs among HPC nodes. 6 di 11

7 P. Barbieria, F. Cozzia, A. Riccio, R. Montella, G. Agrillo, E. Busetto, M. Peloi, R. Pugliese Project MADBAG: an implementation inside DORII e-infrastructure of the WRF-CHIMERE copulate modeling system and management of environmental data acquisition and distribution. (Poster) PM2010, 4 Convegno Nazionale sul particolato atmosferico, Venezia Maggio 2010 Nel quadro del trasferimento tecnologico di tecnologie ICT attualmente disponibili in attività di ricerca e gestione ambientale, la Regione Friuli Venezia Giulia ha finanziato il progetto MADBAG (Monitoraggio Ambientale Distribuito BAsato su Grid) a Sincrotrone Trieste SCpA, al fine di implementare un sistema di simulazione/previsione della qualità dell'aria che integri un sistema di previsioni meteorologiche, trasporto di sostanze chimiche in atmosfera ed acquisizione di dati nella e-infrastructure europea del progetto DORII (Deployment of Remote Instrumentation Infrastructure). L'infrastruttura computazionale è quella dell'egee (Enabling Grids for EsciencE) ed il middleware scelto è glite. La catena modellistica si basa sul Weather Research Forecast system e sul modello multiscala di trasporto per inquinanti chimici e per la valutazione di scenari emissivi CHIMERE. Tra gli obiettivi del progetto è inclusa l'acquisizione di dati da centraline di nuova generazione per il campionamento di PM10, che consentono l'analisi elementare di filtri sul campo, attualmente in fase di ottimizzazione. Si riporta lo stato d'avanzamento delle attività in oggetto. R. Montella, G.Agrillo, N. Guida An application for deploy and manage a HPC Linux/Beowulf Cluster for Computing Sciences. (Poster) IES08 - Conferenza Nazionale Italian e-science 2008 Napoli, May 2008 Nell ambito delle scienze ambientali sono necessarie ingenti risorse di calcolo per poter gestire in modo efficace, ma anche efficiente, i modelli numerici come quelli pre le previsioni meteorologiche e per le simulazioni dei cambiamenti climatici la grande quantità di dati da essi prodotti. Per soddisfare tali esigenze è oggi di uso comune adoperare sistemi di calcolo parallelo e distribuito realizzando una infrastruttura hardware e software mediante cluster dedicati e griglie computazionali in cui le risorse sono geograficamente distribuite. L obiettivo di questo lavoro è quello di eseguire lo start-up ed il management di cluster dedicati alla modellistica ambientale in modo rapido ed automatico con il minor numero di configurazioni manuali tramite un ambiente di progettazione grafico che permette di assegnare a ciascuna componente hardware una funzione specifica (front-end, login, storage, calcolo). Al fine di ottenere ciò è stato sviluppato un software di configurazione e gestione indipendente dalla distribuzione di linux, a differenza di altre soluzioni analoghe che prevedono la creazione di distribuzioni linux ad-hoc, e completamente personalizzabile che permette l automazione dell installazione dei servizi per il local scheduling (Open PBS, Condor), per il monitoring (Ganglia), per il grid computing (Globus GT2.4/GT4) ed i software applicativi. 7 di 11

8 R. Montella, G. Agrillo, D. Mastrangelo, M. Menna A globus toolkit 4 based instrument service for environmental data acquisition and distribution. Proceedings of UPGRADE CN 08, pp , 23 June 2008, Boston, Massachusetts, USA. ACM In this paper we describe our experiences in the field of integration of geographically distributed instruments in a grid environment based on web services provided by the Globus Toolkit 4. Our first goal is to develop a common instrument interface system, based on standard interoperable components, in order to share data acquisition resources on the grid in a secure and homogeneous way and then distribute data in a grid aware content network fashion. We relay on previous developed components as our Job Flow Scheduler Service, the Resource Broker Service and the GrADS Data Service to achieve the result of a self advertised set of weather and marine data acquisition instruments as weather stations, marine surface current radars and wind profilers. We provide an example based on our grid aware virtual laboratory for environmental modeling showing how the instrument services integrate into the system, in order to contribute to the grand challenge in the search of grid computing killer applications. 8 di 11

9 ALLEGATO 2: Attività svolte durante lo svolgimento degli incarichi Co.Co.Co dal 10/03/2011 al 09/03/2012 Progetto PROMETEO/Task1 Nuove Tecnologie per il Monitoraggio e la Modellistica Ambientale, il Trasferimento Tecnologico e per L integrazione dei Saperi a Sostegno della Ricerca Giovane Attività: Codice profilo 01 Esperto di modellistica della qualità dell aria Ente erogatore dell assegno: Università degli Studi di Napoli Parthenope. Resp. Scientifico: Prof. G. Giunta La macro area TASK 1 del Progetto PROMETEO - Nuove Tecnologie per il Monitoraggio e la Modellistica Ambientale, il Trasferimento Tecnologico e per L integrazione dei Saperi a Sostegno della Ricerca Giovane - attività nell ambito della legge 13/04 A.F prevede la realizzazione di un centro multidisciplinare dedicato al monitoraggio ambientale della Regione Campania attraverso un complesso insieme di strumenti integrati sia hardware sia software in grado di fornire analisi previsionali, analisi storiche e in tempo reale dei fenomeni meteomarini che interessano il territorio campano. Tale obiettivo è perseguito mediante la realizzazione del Centro Campano per il Monitoraggio Marino e Atmosferico, denominato CCMMMA. In questo contesto, il sottoscritto dott. Giuseppe Agrillo è stato selezionato mediante valutazione comparativa per il conferimento di n.1 incarico di collaborazione coordinata e continuativa come ESPERTO DI MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL ARIA. Nell ambito di tale incarico sono state svolte le seguenti attività: Analisi delle risorse di calcolo necessarie per la realizzazione della catena modellistica WRF-CHIMERE e della catena WRF-CALMET; Gestione e parametrizzazione del modello numerico di qualità dell aria CHIMERE e del modello CALMET; Esecuzione del modello CHIMERE e CALMET mediante il Cluster HPC-GPU BlackJeans; Integrazione e consolidamento del modello CHIMERE e del modello CALMET nella catena modellistica WRF-CHIMERE e WRF-CALMET rispettivamente, in ambiente di calcolo ad alte prestazioni. Il risultato finale porterà alla realizzazione di una catena modellistica WRF-CHIMERE di produzione stabile nel tempo che consenta un monitoraggio costante degli inquinanti atmosferici su tutto il territorio campano. In tal senso, i risultati dell esecuzione quotidiana della catena modellistica WRF-CHIMERE potranno essere un punto di riferimento sia per la comunità scientifica internazionale, sia per le imprese impegnate nel settore ambiente, sia per il cittadino. I risultati finali di analisi e previsione del modello numerico CHIMERE saranno consultabili tramite il portale web del CCMMMA: Assegno di Ricerca Settore INF01 dal 01/02/2010 al 31/01/2011 Progetto LLMC Legge 13/04 AF 2006 Learning Languages by Multimedia Center (LLMC). Tema della ricerca: Progettazione di un portale web europeo dedicato ai servizi per l apprendimento delle lingue Ente erogatore dell assegno: Università degli Studi di Napoli Parthenope. Resp. Scientifico: Prof.ssa C. La Ragione Durante lo svolgimento del progetto LLMC durato 12 mesi e partito dal Febbraio 2010 e terminato a Gennaio 2011 con sede presso Villa Doria d Angri, ho svolto attività di ricerca nell ambito delle nuove tecnologie basate sul web e rivolte all apprendimento delle lingue straniere. In particolare le tecnologie che ho scelto di 9 di 11

10 utilizzare si riferiscono alla piattaforma CMS (Content management system) Joomla sia su piattaforma LMS (Learning management system) Moodle. Per ospitare i due framework ho configurato un server di tipo blade con sistema operativo LinuxSuse utilizzando l infrastruttura software LAMP (Linux, Apanche, MySQL, PHP). Ho coordinato le attività lavorative dei miei colleghi per la produzione e la corretta pubblicazione sui portali del materiale da loro prodotto. Ho realizzato l aula didattica multimediale prevista dal progetto e finalizzata all apprendimento delle lingue straniere. L aula è stata realizzata utilizzando l infrastruttura LinuxUbuntu/Beowulf integrata con il framework virtuale VMware e macchina virtuale Windows 7. Su ciascuna postazione ho installato il software Tell Me More specifico per i corsi di lingua straniera. Ho collaborato con il personale del Centro di Calcolo Elettronico d Ateneo per configurare gli apparati di rete di marca CISCO per consentire una migliore gestione dell infrastruttura di rete e per migliorarne le prestazioni. Co.Co.Co dal 15/01/2009 al 15/11/2009 Progetto ODISSEA Sviluppo ed applicazione di tecniche e analisi dei dati e di loro applicazione alle griglie computazionali Ente erogatore del Co.co.co.: Dipartimento di Scienze Applicate Univ. di Napoli Parthenope Nell ambito di questo progetto mi sono occupato della progettazione, realizzazione e relativa fase di test su griglie computazionali e ambienti ibridi HPC/Cloud dell applicativo QueryGRID basato sul software commerciale Query Object. Nelle fasi di sviluppo del progetto ho realizzato il portale web per il progetto ODISSEA utilizzando un infrastruttura LAMP e il CMS Joomla. Durante le fasi finali del progetto ho realizzato il cluster LinuxFedora/Beowulf greenjeans costituito da 12 nodi+1 quad-core, 4 GB RAM, e GPU nvidia GeForce con supporto CUDA. Il cluster greenjeans è stato realizzato per ospitare un ambiente ibrido HPC+GPU/Cloud basato sul software open source Eucalyptus e schede grafiche nvidia GeForce con supporto CUDA. Inoltre, sul cluster greenjeans è stato realizzato l ambiente di test per l esecuzione accoppiata dei modelli WRF e CHIMERE. Per poter facilitare l accesso ai servizi esposti mediante l infrastruttura HPC+GPU/Cloud ho realizzato un sistema WiFi+CaptivePortal basato sulla distribuzione Linux web-based Zeroshell. In questo modo, mediante l installazione e l opportuna configurazione di 4 Access Point è stato possibile coprire l intera sede del dipartimento di scienze applicate. Come supporto alle procedure di accesso e autenticazione sulla rete Wifi del DSA sono stati prodotti alcuni video-tutorial pubblicati sul portale web del laboratorio di modellistica numerica e calcolo parallelo. Co.Co.Co dal 09/01/2008 al 09/11/2008 Progetto SPACI Trasferimento in ambiente di Grid Computing di un sistema di modellistica ambientale Ente erogatore del Co.co.co.: Dipartimento di Scienze Applicate Univ. di Napoli Parthenope Durante lo svolgimento del progetto ho realizzato i cluster di calcolo HPC Beowulf/Linux lmncp e bluejeans. Il cluster lmncp (distribuzione LinuxCentOS, RH derivata) è stato realizzato con l obiettivo di servire un laboratorio di modellistica numerica con uno strumento in grado di offrire un ambiente di lavoro e di sviluppo software particolarmente stabile, affidabile e in grado di soddisfare le esigenze degli utenti del laboratorio. Il cluster di calcolo bluejeans (distribuzione Fedora, RH derivata) invece è stato realizzato mediante tecniche sviluppate ad-hoc per l installazione e configurazione automatica dei 36 nodi di calcolo ognuno equipaggiato con processore dual-core e 1 GB RAM. Sul cluster bluejeans è poi 10 di 11

11 stato lanciato il sistema di previsione meteo utilizzando il software WRF (Weather Research and Forecast) accoppiato con quello di qualità dell aria CHIMERE. Nell ambito del progetto ho realizzato anche il portale web del laboratorio di modellistica numerica e calcolo parallelo e il relativo portale wiki entrambi basati sull architettura LAMP e utilizzando rispettivamente Joomla e Mediawiki come framework di sviluppo web. Per il DSA ho anche progettato e realizzato la sala delle videoconferenze utilizzando hardware non-dedicato e software di tipo free Operatore tecnico scientifico per indaginni geofisica marina eseguite con i seguenti strumenti: multibeam, side scan sonar Chirp e carotaggi in missioni oceanografiche in collaborazione con il CNR-IAMC di Napoli. In collaborazione con il CNR-IAMC di Napoli (già GeoMare) di mia iniziativa ho partecipato a campagne oceanografiche per realizzare indagini geofisiche e sismiche. In queste occasioni ho avuto modo di lavorare con strumentazione e software specifici del settore come il Multibeam e il Side Scan Sonar per la mappatura e la caratterizzazione del fondale marino, la sonda Chirp per le profilazioni verticali del fondale e i Corer per le operazioni di carotaggio (prelievo di un campione verticale profondo alcuni metri del fondale marino). Le attività di lavoro e ricerca si sono svolte a bordo delle navi oceanografiche del CNR Thetis e Urania. 11 di 11

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Conferenza GARR 2011 Bologna, 8-10 Novembre Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Joint work with A. Secco, F. Ambrosino, G. Bracco,

Dettagli

DHTCS-IT Distributed High Throughput Computing and Storage in Italy

DHTCS-IT Distributed High Throughput Computing and Storage in Italy DHTCS-IT Distributed High Throughput Computing and Storage in Italy Giuliano Taffoni Fabio Pasian Claudio Vuerli Istituto Nazionale di Astrofisica O.A.Trieste Workshop ICT INAF, Pula (Cagliari), 16-19

Dettagli

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 TOC Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 Obiettivo Formativo Un software di griglia può essere installato con una certa facilità da programmatori. Al crescere dell uso e della dipendenza dell utenza,

Dettagli

Alessandro Huber Chief Technology Officer, Microsoft Italia Claudia Angelelli Service Line Manager, Microsoft Italia

Alessandro Huber Chief Technology Officer, Microsoft Italia Claudia Angelelli Service Line Manager, Microsoft Italia Alessandro Huber Chief Technology Officer, Microsoft Italia Claudia Angelelli Service Line Manager, Microsoft Italia Contenimento dei costi di gestione Acquisizioni/ merge Rafforzare la relazione con

Dettagli

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Alma Mater Studiorum Università di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Corso di Laurea in Informatica Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Tesi di Laurea in Reti di Calcolatori Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID

Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID Workshop congiunto INFN CCR GARR 2012 Napoli, 14-17 Maggio Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Sommario Introduzione al Cloud

Dettagli

Organizzazioni nel Grid Computing

Organizzazioni nel Grid Computing Il ruolo delle Organizzazioni nel Grid Computing Un primo sguardo a Globus - Parte 5 Organizzazioni di Grid Computing Panoramica sui prodotti software Primo sguardo a Globus Dott. Marcello CASTELLANO La

Dettagli

Abstract. Chi sono. Using Server Virtualization to Optimize the Consolidation and Reduce the Power Consumption of the Datacenter.

Abstract. Chi sono. Using Server Virtualization to Optimize the Consolidation and Reduce the Power Consumption of the Datacenter. Using Server Virtualization to Optimize the Consolidation and Reduce the Power Consumption of the Datacenter Andrea Mauro Abstract Server consolidation is a way to reduce the number of servers and optimize

Dettagli

Government Cloud Computing

Government Cloud Computing Government Cloud Computing FORUM PA 19.05.2010 Aldo Liso DigitPA Osservatorio del mercato Resp. sez. hardware e sistemi operativi Government Cloud Computing L evoluzione delle architetture elaborative

Dettagli

1.350 SPECIALISTI 15.000 SERVER GESTITI 330 CLIENTI MANAGED OPERATIONS

1.350 SPECIALISTI 15.000 SERVER GESTITI 330 CLIENTI MANAGED OPERATIONS MANAGED OPERATIONS MANAGED OPERATIONS La Direzione Managed Operations offre servizi tecnologici ed infrastrutturali per tutti i settori di mercato del Gruppo Engineering, con un ampio spettro di soluzioni,

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Giovanni Vecchio Marketing Program Manager - Hewlett Packard Italiana S.r.l. Treviso, 13

Dettagli

LA RETE INTEGRATA DEI DATA CENTER

LA RETE INTEGRATA DEI DATA CENTER MANAGED OPERATIONS LA RETE INTEGRATA DEI DATA CENTER I Data Center di Engineering, grazie alle migliori infrastrutture e tecnologie, garantiscono i più elevati standard di sicurezza, affidabilità ed efficienza.

Dettagli

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013 tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Università di Torino Mar 6, 2013 il centro di calcolo INFN Università di Torino Mar 6, 2013-2/417 Cosa facciamo a torino Ricerca tecnologica Core

Dettagli

Linux Day 2009 24/10/09. Cloud Computing. Diego Feruglio

Linux Day 2009 24/10/09. Cloud Computing. Diego Feruglio Linux Day 2009 24/10/09 Cloud Computing Diego Feruglio Cos è il Cloud Computing? An emerging computing paradigm where data and services reside in massively scalable data centers and can be ubiquitously

Dettagli

Laboratorio Virtuale per la Didattica

Laboratorio Virtuale per la Didattica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Gruppo Tecnico Trasversale Laboratorio Virtuale per la Didattica G.B. Barone x, V. Boccia y, D. Bottalico z, L. Carracciuolo w. Maggio 2011 (BOZZA) x Università

Dettagli

Esigenze di calcolo avanzato presso ARPA FVG

Esigenze di calcolo avanzato presso ARPA FVG Introduzione Esigenze di calcolo avanzato presso ARPA FVG 10 giugno 2011 ARPA FVG CRMA - Centro Regionale di Modellistica Ambientale Palmanova Dario Giaiotti 1 Sintesi dell'intervento La computazione intensiva

Dettagli

Implementing Microsoft Azure Infrastructure Solutions (MOC 20533)

Implementing Microsoft Azure Infrastructure Solutions (MOC 20533) Implementing Microsoft Azure Infrastructure Solutions (MOC 20533) Durata Il corso dura 4,5 giorni. Scopo Il corso è dedicato a professionisti IT con esperienza che amministrano la loro infrastruttura on-premise.

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Cloud Computing - Il progetto RESERVOIR - una infrastruttura Service Oriented 'on demand' per i servizi IT

Cloud Computing - Il progetto RESERVOIR - una infrastruttura Service Oriented 'on demand' per i servizi IT Cloud Computing - Il progetto RESERVOIR - una infrastruttura Service Oriented 'on demand' per i servizi IT L'innovazione tecnologica per la homeland security: opportunità e rischi del Cloud Computing TechFOr

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy)

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) THETIS for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) YEAR: 2003 CUSTOMERS: S.E.I.C. Srl developed the Water Monitoring System for the distribution network of Settignano Municipality Aqueduct. THE PROJECT Il

Dettagli

IP TV and Internet TV

IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 1 IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 2 IP TV and Internet TV IPTV (Internet Protocol Television) is the service provided by a system for the distribution of digital

Dettagli

Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach

Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach Silvia Ravelli Giovanna Barigozzi UNIVERSITA di BERGAMO Raffaele

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

BigData Analysis le tre V Scenario Changelles Solution deployment Risultati Fasi successive Evoluzioni future

BigData Analysis le tre V Scenario Changelles Solution deployment Risultati Fasi successive Evoluzioni future BigData Analysis le tre V Scenario Changelles Solution deployment Risultati Fasi successive Evoluzioni future BigData Analysis Velocità Volume Variabilità 3 Scenario Reale VMWare, Citrix Machine Pools

Dettagli

Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento

Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento Chi siamo NIS nasce nel 1993 come spin-off dalla Università di Genova (DIST) Nel 1996 viene aperta una unità operativa

Dettagli

Sviluppo di Componenti Grid per la Condivisione di Strumenti di Aquisizione Dati

Sviluppo di Componenti Grid per la Condivisione di Strumenti di Aquisizione Dati Universita degli Studi di Napoli Parthenope Facolta di Scienze e Tecnologie Corso di Laurea in Informatica P Sviluppo di Componenti Grid per la Condivisione di Strumenti di Aquisizione Dati Candidato Relatore

Dettagli

Griglie computazionali

Griglie computazionali Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno IL MIDDLEWARE Richiami sulla caratterizzazione dei sistemi GRID Il Concetto di Virtual

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-2 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus

Dettagli

GRIGLIE COMPUTAZIONALI

GRIGLIE COMPUTAZIONALI Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2010-2011 Introduzione al corso

Dettagli

Venco Computer Virtual Exp. Fabrizio Moglia Presidente Venco Computer S.p.A

Venco Computer Virtual Exp. Fabrizio Moglia Presidente Venco Computer S.p.A Venco Computer Virtual Exp Fabrizio Moglia Presidente Venco Computer S.p.A Virtual OK, ma Exp??? Experience? Expert? Experiment? Expo? Exploit? Expansion? Explorer? Explosion?... Fabrizio Moglia Presidente

Dettagli

WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI

WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI Monica RIZZO (*), Paolo SCALIA (*), Riccardo SCANO (*), Alessandro

Dettagli

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS Il modello SaaS Architettura 3D Cloud Il protocollo DCV Benefici Il portale Web EnginFrame EnginFrame

Dettagli

Scenari evolutivi nei sistemi e nella tecnologia e loro impatti sui CED e sui loro consumi energetici

Scenari evolutivi nei sistemi e nella tecnologia e loro impatti sui CED e sui loro consumi energetici Scenari evolutivi nei sistemi e nella tecnologia e loro impatti sui CED e sui loro consumi energetici (relazione per convegno ISTUD) Fabrizio Renzi Direttore tecnico, area sistemi IBM Italia Fabrizio_renzi@it.ibm.com

Dettagli

Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA. Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini

Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA. Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini 1 Kelyon Fonda il suo business esclusivamente sull'open source Offre soluzioni open per il settore pharma,

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 14 OGSA, OGSI e WSRF Gli Standard OGF Griglie computazionali - a.a. 2009-10

Dettagli

Tipologie di sensori e di estrazione automatica di dati

Tipologie di sensori e di estrazione automatica di dati Tipologie di sensori e di estrazione automatica di dati Prof. Gianluigi Ferrari Wireless Ad-hoc and Sensor Networks Laboratory http://wasnlab.tlc.unipr.it gianluigi.ferrari@unipr.it Dig.it 2014 - Giornalismo

Dettagli

Attenzione! il valore della Rimodulazione è superiore alla cifra di Negoziazione

Attenzione! il valore della Rimodulazione è superiore alla cifra di Negoziazione Riepilogo Dipartimento ICT Dipartimento ICT nel 2005 diretta nel terzi fondi diretta Reti in Tecnologia Wireless 434.890 79.788 712.457 94.953 578.280 351.500 94.000 Internet di prossima generazione 639.484

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA - MODELLO A Anno 2009

PROGETTO DI RICERCA - MODELLO A Anno 2009 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA PROGRAMMI DI RICERCA SCIENTIFICA DI RILEVANTE INTERESSE NAZIONALE RICHIESTA DI COFINANZIAMENTO PROGETTO DI RICERCA

Dettagli

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Raffaello Balocco School of Management Politecnico di Milano 26 Giugno 2012 Il mercato del cloud mondiale: una crescita inarrestabile According to IDC Public

Dettagli

Customer satisfaction and the development of commercial services

Customer satisfaction and the development of commercial services Customer satisfaction and the development of commercial services Survey 2014 Federica Crudeli San Donato Milanese, 27 May 2014 snamretegas.it Shippers day Snam Rete Gas meets the market 2 Agenda Customer

Dettagli

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA CIVILE PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO X Ciclo - Nuova Serie (2008-2011) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO LA SIMULAZIONE NUMERICA

Dettagli

Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI?

Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI? Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI? Agenda Cloud Overview Approccio al Cloud Computing Impatto sullo sviluppo delle applicazioni

Dettagli

Modulo di registrazione. 1. Company Details

Modulo di registrazione. 1. Company Details Modulo di registrazione 1. Company Details 1.1. Organization Name Ragione Sociale BEDIN Shop Systems Ruolo all interno dell impresa Tipo d Impresa PMI X Grande Impresa Altro 1.2. Organization Address Via

Dettagli

Corso ufficiale Installing, Configuring and Manage VMWare 6

Corso ufficiale Installing, Configuring and Manage VMWare 6 Percorso di Certificazione VMWare (VCP 6) ITCore Group in esclusiva, ha ideato un percorso formativo rivolto a coloro che desiderano ottenere la certificazione VMware Certified Professional 6-Data Center

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche Lezione n.1 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Obiettivi del corso Supporti didattici Modalità d esame Panoramica

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 16 Resource Management Systems: PBS, MAUI Il Computing Element Griglie computazionali

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Luca Zanetta Uniontrasporti I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 1 / 22 Sommario Cos è il cloud computing

Dettagli

Microsoft Dynamics CRM Live

Microsoft Dynamics CRM Live Microsoft Dynamics CRM Live Introduction Dott. Fulvio Giaccari Product Manager EMEA Today s Discussion Product overview Product demonstration Product editions Features LiveGRID Discussion Product overview

Dettagli

FARO Accesso Web a risorse remote per l industria e la ricerca

FARO Accesso Web a risorse remote per l industria e la ricerca FARO Accesso Web a risorse remote per l industria e la ricerca A. Rocchi, S. Pierattini, G. Bracco, S. Migliori, F. Beone, C. Sciò, A. Petricca alessio.rocchi@enea.it Overview Scopi di progetto Scenario

Dettagli

Application Consolidation. Un Approccio Pragmatico al Contenimento dei Costi ed al Miglioramento dell Efficienza Operativa

Application Consolidation. Un Approccio Pragmatico al Contenimento dei Costi ed al Miglioramento dell Efficienza Operativa Application Consolidation Un Approccio Pragmatico al Contenimento dei Costi ed al Miglioramento dell Efficienza Operativa AGENDA Contesto Driver Tecnologici Driver di Continuita dei Servizi Approccio Q&A

Dettagli

Cloud Computing e la Sicurezza?

Cloud Computing e la Sicurezza? Cloud Computing e la Sicurezza? Virtualizzazione e Sicurezza ICT Diego Feruglio Direzione Tecnica Area Ricerca Applicata 1 Cloud Computing e la sicurezza? Definizione e tassonomia 2 Il Cloud Computing

Dettagli

Streaming unicast. Live media source. Media store. server. internet. Client player. control. 5. Multimedia streaming Pag. 1

Streaming unicast. Live media source. Media store. server. internet. Client player. control. 5. Multimedia streaming Pag. 1 5. Multimedia streaming Pag. 1 Streaming unicast Live media source Unicast streaming is provided in a classic client- fashion At least two flows are established between client and. A distribution flow

Dettagli

Network & Security Management System Administration

Network & Security Management System Administration Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Mirko Corosu Via Ferrara 93/16, 16127 Genova, Italia Telefono +39 010 Cellulare: Fax E-mail mirko.corosu@gmail.com Cittadinanza Italiana

Dettagli

UNA PIATTAFORMA PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE IN CLOUD Roberto Monsorno R. Monsorno

UNA PIATTAFORMA PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE IN CLOUD Roberto Monsorno R. Monsorno Institute for Applied Remote Sensing Technology for Environmental Monitoring UNA PIATTAFORMA PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE IN CLOUD Roberto Monsorno 1 Overview Introduzione EURAC Esperienza e Futuro Ground

Dettagli

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Roma, 5 ottobre 2010 ing. Giovanni Peruggini Banca d Italia - Area Risorse Informatiche e Rilevazioni Statistiche La Banca d Italia Banca Centrale della

Dettagli

Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter

Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter Elena Vaciago Senior Associate Consultant IDC Italia ICT4Green Conference Nhow Hotel, Milano 17 Febbraio 2009

Dettagli

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS 1. Ambiente di sviluppo Sono stati analizzati diversi linguaggi e framework differenti utilizzabili per implementare i WebServices ONVIF. Il risultato

Dettagli

Previsione a supporto della Prevenzione

Previsione a supporto della Prevenzione Previsione a supporto della Prevenzione 19 giugno 2013 ARPA Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente del Friuli Venezia Giulia CRMA Centro Regionale di Modellistica Ambientale crma@arpa.fvg.it

Dettagli

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software WEB-BASED MANAGEMENT SOFTWARE C-Light è l applicazione per la gestione locale (intranet) e remota (internet) di ogni impianto d automazione integrabile

Dettagli

Innovazione e Open Source nell era dei nuovi paradigmi ICT

Innovazione e Open Source nell era dei nuovi paradigmi ICT Innovazione e Open Source nell era dei nuovi paradigmi ICT Red Hat Symposium OPEN SOURCE DAY Roma, 14 giugno 2011 Fabio Rizzotto Research Director, IT, IDC Italia Copyright IDC. Reproduction is forbidden

Dettagli

Esperto informatico e Tutor E.C.D.L. e M.O.S. D.C.S. Diffusione Corsi Specializzati Corso Secondigliano, 166, 80100 Napoli

Esperto informatico e Tutor E.C.D.L. e M.O.S. D.C.S. Diffusione Corsi Specializzati Corso Secondigliano, 166, 80100 Napoli CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Indirizzo Web Angelo Bencivenga http://anjeloinformatic.altervista.org/ http://anjelopotenza.spaces.live.com/ e Mail anjeloinformatica@gmail.com Nazionalità

Dettagli

Metodologie di progettazione

Metodologie di progettazione Metodologie di progettazione 1 Metodologie di progettazione Una procedura per progettare un sistema Il flusso di progettazione può essere parzialmente o totalmente automatizzato. Un insieme di tool possono

Dettagli

Sommario. Introduzione al problema Infrastruttura realizzata Procedure di ottimizzazione Validazione Conclusioni

Sommario. Introduzione al problema Infrastruttura realizzata Procedure di ottimizzazione Validazione Conclusioni Sommario Introduzione al problema Infrastruttura realizzata Procedure di ottimizzazione Validazione Conclusioni 2 Il cluster INFN Perugia Oltre 250 cpu e 40TB di spazio dati 9 gruppi, 100 utenti locali

Dettagli

Real-Time Systems GmbH (RTS) Partition where you can Virtualize where you have to. Real Time Hypervisor

Real-Time Systems GmbH (RTS) Partition where you can Virtualize where you have to. Real Time Hypervisor Real-Time Systems GmbH (RTS) Partition where you can Virtualize where you have to Real Time Hypervisor Esperti di Real-Time e Sistemi Embedded Real-Time Systems GmbH Gartenstrasse 33 D-88212 Ravensburg

Dettagli

Presentazione del Corso di Progettazione di Sistemi Embedded

Presentazione del Corso di Progettazione di Sistemi Embedded Presentazione del Corso di Progettazione di Sistemi Embedded Franco Fummi University of Verona Department of Computer Science Italy Laurea Magistrale in Ingegneria e Scienze Informatiche Embedded Systems

Dettagli

SAP PLM - DMS. SAP Document Management System integrazione con Content Server

SAP PLM - DMS. SAP Document Management System integrazione con Content Server SAP PLM - DMS SAP Document Management System integrazione con Content Server Apex assists companies increase business value by leveraging existing investments in SAP solutions SAP DMS Agenda Overview soluzione

Dettagli

Paolo Perlasca. Istruzione e formazione. Esperienza professionale. Attività di ricerca. Attività didattica

Paolo Perlasca. Istruzione e formazione. Esperienza professionale. Attività di ricerca. Attività didattica Paolo Perlasca Dipartimento di Informatica, Indirizzo: via Comelico 39/41, 20135 Milano Telefono: 02-503-16322 Email: paolo.perlasca@unimi.it Paolo Perlasca è ricercatore universitario confermato presso

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO. Un università internazionale per il territorio

POLITECNICO DI TORINO. Un università internazionale per il territorio POLITECNICO DI TORINO Un università internazionale per il territorio I valori Leader nella cultura politecnica Nazionale ed Internazionale Reputazione Eccellenza nell istruzione superiore e la formazione

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

Kickoff Progetto DaSSIA 29 Settembre 2014

Kickoff Progetto DaSSIA 29 Settembre 2014 www.crs4.it Kickoff Progetto DaSSIA 29 Settembre 2014 Ordine del giorno Breve Presentazione del CRS4 CRS4 & Big Data Il Progetto DaSSIA Sviluppo di un caso test paradigmatico L'Attività di Formazione Discussione

Dettagli

Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base

Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base Pierfrancesco Bellini, Daniele Cenni, Paolo Nesi DISIT Lab, Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, DINFO Università degli Studi di Firenze

Dettagli

Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services

Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services ECCELLENZA NEI RISULTATI. PROGETTUALITÀ E RICERCA CONTINUA DI TECNOLOGIE E MATERIALI INNOVATIVI. WE AIM FOR EXCELLENT RESULTS

Dettagli

#social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti

#social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti #social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti innovation design training new business strategy be a jedi disclaimer 2 il presente documento è stato

Dettagli

Ingegnerizzazione e Integrazione: il valore aggiunto di un Data Center Moderno, Efficace, Efficiente

Ingegnerizzazione e Integrazione: il valore aggiunto di un Data Center Moderno, Efficace, Efficiente Ingegnerizzazione e Integrazione: il valore aggiunto di un Data Center Moderno, Efficace, Efficiente Giuseppe Russo Chief Technologist - Systems BU 1 Cosa si può fare con le attuali tecnologie? Perchè

Dettagli

Benvenuti STEFANO NOSEDA

Benvenuti STEFANO NOSEDA Presentazione di.. SOLAR FORTRONIC Milano 29 settembre 2011 Benvenuti STEFANO NOSEDA FARNELL ITALIA GENERAL MANAGER 1 SOLAR FORTRONIC 2 TAPPE FONDAMENTALI NELLA STORIA DELLA PROGETTAZIONE ELETTRONICA 2009

Dettagli

sara.martinelli@cmcc.com Sesso Femminile Data di nascita 10 agosto 1981 Nazionalità Italiana

sara.martinelli@cmcc.com Sesso Femminile Data di nascita 10 agosto 1981 Nazionalità Italiana Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Martinelli Sara sara.martinelli@cmcc.com Sesso Femminile Data di nascita 10 agosto 1981 Nazionalità Italiana POSIZIONE PER LA QUALE SI CONCORRE ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

L evoluzione dei sistemi di telecontrollo: metodologie, approcci e soluzioni

L evoluzione dei sistemi di telecontrollo: metodologie, approcci e soluzioni AUTORI Maurizio Bigoloni Franco Corti Maria Antonietta Di Jonno Damiano Manocchia L evoluzione dei sistemi di telecontrollo: metodologie, approcci e soluzioni Introduzione OBIETTIVO: ANALISI DEGLI SCENARI

Dettagli

I corsi di Dottorato del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari

I corsi di Dottorato del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari I corsi di Dottorato del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Corsi di Dottorato in Ingegneria 1. PhD "Enzo Ferrari" in Industrial and Environmental Engineering: http://www.phd-enzoferrari.unimore.it

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

BIG DATA @ Data Center ReCaS Bari

BIG DATA @ Data Center ReCaS Bari BIG DATA @ Data Center ReCaS Bari Roberto Bellotti Università degli Studi di Bari Aldo Moro & Istituto Nazionale di Fisica Nucleare 18 settembre 2015 Bari Indice Il Data Center ReCaS @ Bari BIG DATA et

Dettagli

Il CINI e le certificazioni

Il CINI e le certificazioni Il CINI e le certificazioni Prof. Paolo Ciancarini Direttore del Consorzio Prof. Marco Ferretti Responsabile progetto EUCIP Roma, 24 luglio 2007 Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica

Dettagli

Cogliere le opportunità offerte dalla Mobility. Claudia Bonatti, Direttore Divisione Windows Microsoft Italia

Cogliere le opportunità offerte dalla Mobility. Claudia Bonatti, Direttore Divisione Windows Microsoft Italia Cogliere le opportunità offerte dalla Mobility Claudia Bonatti, Direttore Divisione Windows Microsoft Italia La Mobility ha cambiato il nostro modo di lavorare e può cambiare il modo in cui le aziende

Dettagli

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò Padova Smart City Internet of Things Alberto Corò Padova 16 ottobre 2013 Smart City Le smart cities ("città intelligenti") possono essere classificate lungo 6 aree di interesse: Economia Mobilità Ambiente

Dettagli

Innovazione. Tecnologia. Know How

Innovazione. Tecnologia. Know How > Presentazione FLAG Consulting S.r.L. Innovazione. Tecnologia. Know How SOMMARIO 01. Profilo aziendale 02. Gestione Documentale 03. Enterprise Document Platform 01. Profilo aziendale Il partner ideale

Dettagli

Il Cloud Computing. Aldo Liso liso@digitpa.gov.it

Il Cloud Computing. Aldo Liso liso@digitpa.gov.it Il Cloud Computing Seminario DigitPA P@NORAMA Opportunità per il Cloud Computing nella PA oltre il 2011 Situazione attuale, ostacoli, prospettive Aldo Liso liso@digitpa.gov.it Roma, 17 gennaio 2011 Sommario

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15. http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/

Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15. http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/ Nuovo Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica AA14-15 http://www.dis.uniroma1.it/~ccl_ii/site/ Laurea Magistrale L obiettivo della laurea magistrale in Ingegneria informatica (Master of Science

Dettagli

ICT e SmartGrid. Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it

ICT e SmartGrid. Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it ICT e SmartGrid Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it Sommario Introduzione Nuove Architetture dei Sistemi Elettrici Motivazioni, requisiti, caratteristiche Comunicazioni Dispositivi Un esempio Applicazioni

Dettagli

Cloud Service Factory

Cloud Service Factory Cloud Service Factory Giuseppe Visaggio Dipartimento di Informatica- Università di Bari DAISY-Net visaggio@di.uniba.it DAISY-Net DRIVING ADVANCES OF ICT IN SOUTH ITALY Net S. c. a r. l. 1 Il Cloud Computing

Dettagli

Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato

Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato Dare vita ad un network intelligente di impianti distribuiti sul territorio, migliorando la sostenibilità e massimizzando la competitività globale. Laura Graci e Domenico

Dettagli

L università degli Studi del Sannio

L università degli Studi del Sannio La ricerca condotta dall Università degli studi del Sannio e dalla Dida Network s.r.l. in tema di formazione avanzata per persone sorde ed in particolare i risultati del progetto: This project has been

Dettagli

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n.

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica)

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea Magistrale in Informatica CLASSE LM18 (Informatica) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico

Dettagli