REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA"

Transcript

1 T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 22 agosto 2013, n Edilizia e urbanistica - Edificabilità dei suoli - Fasce di rispetto - La disciplina derivante dai vincoli imposti sulle aree in fasce di rispetto non può essere derogata neppure da parte degli strumenti generali di pianificazione del territorio. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 798 del 1998, proposto da: Meani Giovanni, Meani Rina Maria e Meani Mario, rappresentati e difesi dagli avv.ti Pierluigi Mantini e Francesco Basile, con domicilio eletto presso il loro studio in Milano, Via Morigi 2/a; contro Comune di Bollate, in persona del Sindaco pro tempore, rappresentato e difeso dall avv. Maria Luisa Celoria, con domicilio eletto presso il suo studio in Milano, corso di Porta Vittoria 28; sul ricorso numero di registro generale 3437 del 2011, proposto da: Meani Giovanni, Meani Rina Maria e Meani Mario, rappresentati e difesi come sopra contro Comune di Bollate, in persona del Sindaco pro tempore, rappresentato e difeso dagli avv.ti Giovanni Brambilla Pisoni e Antonio Ditto, con domicilio eletto presso il loro studio in Milano, via Visconti di Modrone, 6 per l annullamento quanto al ricorso R.G. n. 798 del 1998: del provvedimento n del , avente ad oggetto il piano di recupero ai sensi della L. n. 457/78 in zona morfologica Bg Via Milano Ospiate, proprietà Meani Trasmissione parere C.P.P.T. Seduta del , nonché di ogni altro atto comunque preordinato,

2 connesso, presupposto e/o dipendente, ivi compreso il provvedimento del Comune datato prot. n , di sospensione dell iter istruttorio quanto al ricorso R.G. n del 2011: della delibera del Consiglio Comunale di Bollate n. 25 del , avente ad oggetto l esame delle osservazioni, relative controdeduzioni, ed approvazione definitiva degli atti costituenti il PGT ai sensi della L.R. n. 12/2005, nonché di ogni altro atto comunque preordinato, connesso, presupposto. Visti i ricorsi e i relativi allegati; Visto l atto di costituzione in giudizio di Comune di Bollate; Viste le memorie difensive; Visti tutti gli atti della causa; Relatore nell udienza pubblica del giorno 4 luglio 2013 il dott. Mauro Gatti e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale; Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue. FATTO I ricorrenti sono proprietari di un area sita nel Comune di Bollate, avente una superficie di circa mq, catastalmente identificata al Fg. n. 51, mapp.li nn. 94 e 153, per la quale, in data , hanno presentato al Comune di Bollate un preprogetto-proposta di intervento, richiedendo un parere preventivo di Progetto Piano di Recupero. Con nota del il Comune riscontrava negativamente l istanza, affermando che l iter istruttorio è sospeso, poiché l attuazione delle zone BG richiede l obbligatoria formazione del Piano di Inquadramento Operativo (P.I.O.), la cui predisposizione è in fase di stesura definitiva. In data i ricorrenti inoltravano il Piano di Recupero redatto in maniera definitiva, a cui il Comune replicava con nota del , affermando che la valutazione circa la fattibilità dell intervento era in corso.

3 Con nota prot n del il Dirigente del Settore Urbanistica del Comune, ha comunicato che l Amministrazione avrebbe provveduto alle valutazioni di merito e all espressione delle determinazioni di competenza in ordine alla proposta di piano di cui trattasi. Con il provvedimento impugnato nel ricorso R.G. n. 798/98, il predetto Dirigente ha comunicato il parere negativo della Commissione Programmazione Territoriale, espresso nella seduta del Con delibera n. 54 del l Amministrazione Comunale ha adottato il nuovo Piano di Governo del Territorio, che non essendo stato approvato, veniva riadottato, con deliberazione n. 94 del , e infine approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 25 del Tale ultimo provvedimento, impugnato con il ricorso R.G. n. 3437/11, inseriva il mappale n. 153 nel tessuto urbano consolidato, con destinazione di zona D2, mentre il mappale 109 veniva collocato nell ambito del Parco Urbano, come nodo di connessione verde da salvaguardare. Il Comune di Bollate si costituiva in entrambi i giudizi, insistendo per il rigetto dei ricorsi. All udienza del la causa è stata trattenuta in decisione. DIRITTO Preliminarmente, occorre disporre la riunione del ricorso R.G. n. 3437/11 al ricorso R.G. n. 798/98, per evidenti ragioni di connessione oggettiva e soggettiva. I.1) Quanto al ricorso R.G. n. 798/98, occorre scrutinare l eccezione di inammissibilità sollevata dalla difesa Comunale, sul rilievo che il provvedimento impugnato sarebbe in realtà una semplice comunicazione del parere sfavorevole della Commissione comunale sul Piano di Recupero proposto dai ricorrenti, e quindi un mero atto interno, di natura endoprocedimentale, privo di portata lesiva, e pertanto non autonomamente impugnabile. L eccezione è infondata.

4 Osserva il Collegio che la competenza in materia di approvazione degli strumenti di attuazione del piano regolatore, tra i quali rientrano anche i piani di recupero, appartiene certamente al Consiglio comunale (T.A.R. Umbria, sez. I 21 giugno 2011, n. 176), ai sensi dell art. 32 comma 3 lett. b, l. 8 giugno 1990 n. 142, che assegna al consiglio comunale la competenza in materia di piani territoriali e urbanistici, nonché di piani finanziari e di programmi di opere pubbliche. Il procedimento avviato con la presentazione di un piano di recupero di iniziativa privata deve pertanto chiudersi con un provvedimento espresso, di approvazione o di diniego, da parte del consiglio comunale, laddove il parere della commissione edilizia non può sostituire il necessariamente espresso e formale provvedimento terminale del procedimento, che solo il consiglio comunale è deputato ad emettere. Tuttavia, come avvenuto nel caso di specie, qualora il procedimento, dopo l espressione di un parere negativo da parte della Commissione Edilizia, non prosegua oltre, tale atto infraprocedimentale ha sostanziale natura di diniego di approvazione, di tal che i ricorrenti hanno tutto l interesse a rimuoverlo. La giurisprudenza ha infatti ritenuto che, in tali casi, l atto assume efficacia di interruzione procedimentale, e sotto questo aspetto è sicuramente lesivo, oltre che illegittimo, quanto meno per contrasto con l art. 2, c. 1, L n. 241, che impone all Amministrazione di concludere il procedimento, ove lo stesso consegua obbligatoriamente ad un istanza del privato, mediante l adozione di un provvedimento espresso, ovvero esso ha valore proprio del provvedimento di diniego di approvazione del proposto Piano di Recupero, ovviamente impugnabile e parimenti illegittimo perché emesso da un organo palesemente incompetente (T.A.R. Veneto, Sez. I, n. 443). Osserva peraltro il Collegio che C.S., Sez. IV, , n ha recentemente affermato che i provvedimenti emanati da commissioni tecniche, che preannunciano il tenore della decisione amministrativa, e che sono destinati ad essere sostituiti da un provvedimento definitivo emesso dall organo ordinariamente competente ad impegnare definitivamente la volontà dell amministrazione, possono essere impugnati immediatamente, quale mera facoltà, a cui comunque deve seguire nel corso del giudizio l impugnazione del provvedimento definitivo, e

5 che in mancanza di tale atto, l impugnazione avverso il provvedimento provvisorio non soddisfa di per sé i requisiti di lesività presupposti dall azione demolitoria, con conseguente inammissibilità della stessa (nella fattispecie oggetto del giudizio si è dichiarata l inammissibilità dell impugnativa di un parere tecnico di un dirigente comunale, in ordine ad una proposta di lottizzazione). Con tale pronuncia il Consiglio di Stato si è espressamente discostato dalla giurisprudenza risalente, ritenendo la stessa giustificata dalla storica, ma ormai superata, concentrazione delle prospettive di tutela unicamente nell azione di annullamento, restando al tempo quella sul silenzio, utile ad accertare, sullo sfondo di un amministrazione totalmente inerte, ed in una logica puramente attizia, l esistenza di un obbligo di provvedere e l attualità di tale obbligo, talché l esistenza di un atto anche se soprassessorio conduceva ad una declaratoria di inammissibilità o improcedibilità dell azione. Il varo del codice del processo amministrativo, ma, ancor prima, la configurazione di poteri speciali del giudice per l ipotesi di azione avverso l inerzia, estesi in via eccezionale alla cognizione dell eventuale fondatezza dell istanza (già previsti dall art. 6 bis della legge n. 80/2005), ha fatto venir meno la necessità di accomunare le due fattispecie, rendendo possibile anche in presenza di un atto soprassessorio l azione sul silenzio. Il Collegio, pur condividendo i principi sopra espressi, non ritiene tuttavia che essi possano trovare applicazione nella fattispecie per cui è causa. Come sopra evidenziato, il Consiglio di Stato fonda infatti il nuovo indirizzo sull entrata in vigore del codice del processo amministrativo, e sulla L. n. 80/2005, fonti entrambe molto successive ai fatti per cui è causa, risalenti invece al L eccezione deve pertanto essere rigettata, poiché i nuovi strumenti processuali non potevano ovviamente essere esperiti all epoca di proposizione del ricorso, quando la giurisprudenza ammetteva invece pacificamente l impugnabilità degli atti infraprocedimentali idonei a produrre un arresto procedimentale e riconosceva l interesse strumentale all eliminazione dell atto o del comportamento preclusivo del successivo sviluppo del procedimento amministrativo.

6 Con una seconda eccezione il Comune di Bollate chiede una pronuncia di inammissibilità del ricorso, poiché la nota impugnata avrebbe un contenuto meramente confermativo di quanto già statuito in precedenza dalla stessa Amministrazione, nella citata nota del L eccezione è infondata poiché tale nota concludeva affermando che l Amministrazione Comunale provvederà nei modi e nei termini previsti dalle disposizioni di legge e regolamentari vigenti, alle valutazioni di merito e all espressione delle determinazioni di competenza in ordine alla proposta di piano di cui trattasi, con ciò espressamente rinviando la definizione del procedimento ad un momento successivo, come effettivamente avvenuto. Anche l ulteriore eccezione di inammissibilità, rivolta avverso l impugnazione della nota prot. n. 615 del , con la quale il Comune ha sospeso l iter istruttorio, è infondata, essendosi impugnato tale atto solo in quanto presupposto, laddove le doglianze sollevate nel ricorso sono in realtà unicamente rivolte avverso provvedimenti successivi. I.2) Nel merito, il ricorso R.G. n. 798/98 è fondato. Il diniego impugnato ha ritenuto che il Piano di Recupero non sia redatto in modo da garantire un migliore assetto urbanistico, in conformità agli obiettivi previsti dall Amministrazione Comunale. Detto parere ha in particolare precisato che nello strumento urbanistico generale erano state individuate le zone di recupero del patrimonio edilizio esistente, definendo per ogni frazione una delimitazione ad isolati, e che allo stato attuale non vi è nessun atto che definisca perimetrazioni diverse rispetto a quelle individuate dal P.R.G. vigente, con la conseguenza che gli interessati possono presentare Piani Attuativi in variante al P.R.G. che comportino modificazioni dei perimetri degli ambiti territoriali subordinati a Piani Attuativi, a condizione che sia assicurato un migliore assetto urbanistico nell ambito di intervento. Come correttamente evidenziato dai ricorrenti, tali affermazioni sono alquanto generiche, e non danno pertanto luogo ad una vera e propria motivazione, non consentendo agli interessati di comprendere le ragioni poste a fondamento del diniego, e in particolare quali siano le concrete carenze del piano presentato, che non consentono di assicurare il migliore assetto urbanistico nell ambito di intervento.

7 Parimenti, anche le ulteriori determinazioni contenute nel detto parere risultano apodittiche, e pertanto affette dal difetto di motivazione. Il diniego impugnato afferma infatti che gli standard proposti in cessione sono stati ritenuti tali da possedere una connotazione, in termini di tipologia e di fruibilità, a verde pertinenziale dei fabbricati, piuttosto che spazi univocamente votati ad uso pubblico, senza tuttavia minimamente indicare le ragioni e/o i criteri che hanno portato ad esprime tale giudizio negativo sull effettiva utilità pubblica delle aree indicate a standard. Anche l ulteriore affermazione, peraltro contestata nel merito dai ricorrenti, secondo cui i predetti spazi non garantiscono il pieno rispetto delle NTA vigenti, per quanto concerne i previsti varchi verso la zona a verde dei fontanili che risultano dimensionalmente ridotti, risulta insufficientemente motivata, risolvendosi in sostanza in una mera enunciazione di generica contrarietà alle N.T.A. vigenti, senza invece indicare la concreta prescrizione che si assume violata e senza precisare i concreti profili di contrasto, mediante raffronto della dimensione dei varchi previsti nel piano di recupero, con la dimensione minima che sarebbe invece stata necessaria. Il ricorso n. 798/98 deve pertanto essere accolto, con conseguente annullamento dell atto impugnato. II) Il ricorso R.G. n. 3437/2011 è invece infondato. II.1) Con il primo motivo i ricorrenti deducono la contraddittorietà delle previsioni impugnate, nella parte in cui le stesse inseriscono le aree di loro proprietà nel Parco Urbano, che tuttavia si estenderebbe in altra parte del territorio comunale, a cui sarebbero collegate da un percorso di ridotte dimensioni, senza neppure che il P.R.G. enunci le ragioni di tale scelta. Il motivo è infondato. II.1.1) In primo luogo, deve darsi atto che il Comune, nel respingere le osservazioni dei ricorrenti, ha adeguatamente motivato in ordine alle predette scelte, in questa sede contestate.

8 In linea generale, l onere di motivazione gravante sull Amministrazione in sede di adozione di uno strumento urbanistico, salvo i casi in cui esso incida su zone territorialmente circoscritte, ledendo legittime aspettative, è di carattere generale, e risulta soddisfatto con l indicazione dei criteri che sorreggono le scelte effettuate, senza necessità di una motivazione puntuale e mirata, così come, nell ambito del procedimento volto all adozione dello strumento urbanistico, non occorre controdedurre singolarmente e specificamente a ciascuna osservazione ed opposizione (C.S., Sez. IV, n. 2427). Nel caso di specie, il Comune ha invece puntualmente controdedotto sulle osservazioni formulate dai ricorrenti, ritenendo che le aree di loro proprietà dovessero essere inserite nel Parco Urbano, dando così luogo ad un nodo di connessione verde da salvaguardare per garantire la continuità del sistema paesistico ambientale, andandosi ad innestare con l asse nord-sud del Parco Urbano, definito lungo il sistema delle acque, ciò che è pertanto sufficiente ad escludere il difetto di motivazione. II.1.2) Il motivo è anche infondato nella parte in cui censura l irragionevolezza delle scelte effettuate. In via preliminare, occorre darsi atto che non è consentito sindacare in sede giurisdizionale le scelte urbanistiche operate dall Amministrazione, in quanto espressione di un apprezzamento di merito, sottratto al sindacato di legittimità, a meno che non risultino evidenti illogicità od abnormità (T.A.R. Campania, Napoli, Sez. VIII, n. 3746), che il Collegio non ritiene tuttavia configurabili nel caso di specie. Infatti, malgrado la discontinuità esistente tra il detto Parco e le aree dei ricorrenti, con tale scelta il Comune ha propriamente inteso portare il Parco delle Groane all interno della città, lungo un percorso caratterizzato da elementi di naturalità presenti nel territorio (punto 14.3 della relazione illustrativa del Documento di Piano), anche mediante la formazione di tragitti ciclabili e pedonali, considerando le aree interessate come uno snodo di connessione verde da salvaguardare, per garantire la continuità del sistema paesistico ambientale e del sistema dei fontanili (art. 23 N.T.A.).

9 Ritiene pertanto il Collegio che quanto sopra evidenziato esprima una scelta da parte del Comune, eventualmente criticabile, ma non certo affetta da profili di manifesta illogicità che possano consentire di apprezzare la censura prospettata. II.2) Con un secondo ordine di argomenti, si deduce la violazione dei principi in materia di perequazione urbanistica contenuti nell art. 11 L.R. n. 12/2005. Infatti, malgrado il p.r.g. impugnato abbia espressamente affermato di voler dare attuazione agli ambiti di trasformazione, applicando i detti principi, il Comune non avrebbe in realtà previsto misure perequative di carattere generale, estese all intero p.g.t., limitando invece le stesse solo tra gli ambiti di trasformazione omogenei, o al loro interno. Conseguentemente, pur essendo essenziali alla trasformazione degli ambiti 1 e 3, le aree dei ricorrenti sopporterebbero unicamente i pesi della perequazione, senza poter invece concorrere anche ai vantaggi, non essendo ricomprese nel perimetro di tali ambiti. L Amministrazione Comunale, sia in sede di controdeduzioni, che nell ambito del presente giudizio, ha giustificato il mancato conferimento dei vantaggi richiesti dai ricorrenti, in conseguenza dei vincoli di inedificabilità esistenti sul mappale 109 (fascia di rispetto tracciato strada varesina, presenza di linea metanodotto ed elettrodotto di alta tensione, fascia di rispetto di 150 m dal torrente Nirone/secondario Villoresi, fascia di rispetto del reticolo idrico minore). Ritiene il Collegio che, a causa di detti vincoli, l area non è oggettivamente utile a fini edificabili, essendo inibita a qualsiasi tipo di trasformazione, non essendo pertanto i ricorrenti titolari di alcuna legittima aspettativa, onde poter usufruire degli invocati vantaggi perequativi. Infatti, per giurisprudenza pacifica, un vincolo di inedificabilità ricadente sulle aree situate in fascia di rispetto, non ha un contenuto propriamente espropriativo, né può qualificarsi come preordinato all espropriazione (Cass. Civ., Sez. I, n. 5875), dovendo invece riconoscersi natura conformativa alle prescrizioni che regolano la proprietà privata per il perseguimento di obiettivi di interesse generale, quali appunto il vincolo di inedificabilità c.d. di rispetto (C.S., Sez. IV, n. 6700).

10 Conseguentemente, la perequazione non può applicarsi al di fuori delle aree soggette a trasformazione urbanistica, in linea di principio risultandone esclusi tutti i suoli rispetto ai quali, come nel caso di specie, in assenza di potenzialità edificatorie, non appare ipotizzabile quello scambio di utilità fra proprietà ed amministrazione che concretizza una delle funzioni tipiche della perequazione, riducendo il ricorso all esproprio (T.A.R. Toscana, Sez. I, n. 1752). II.2.1) In ordine alle ulteriori censure, ritiene il Collegio che, poiché i ricorrenti non hanno diritto, nell an, ad usufruire delle misure perequative previste dal provvedimento impugnato, gli stessi non hanno alcun interesse a contestare, nel quantum i criteri ivi previsti per la concreta determinazione dei benefici spettanti ai proprietari legittimati ad accedere alla predetta compensazione. In particolare, in base alle disposizioni impugnate, il predetto mappale n. 109 potrà essere acquisito dai proprietari dell ambito 1 o dell ambito 3, ai fini dell ottenimento di maggiore capacità edificatoria da sviluppare in tali zone. I ricorrenti lamentano pertanto che i predetti proprietari sono gli unici soggetti legittimati a chiedere la cessione al Comune di Bollate delle aree dei ricorrenti, a titolo compensativo, al fine di ottenere l attribuzione di ulteriori diritti edificatori, e che pertanto l acquisizione della loro area al patrimonio pubblico è rimessa alla volontà di un soggetto terzo, il quale è inoltre libero, entro certi limiti, di avviare la trasformazione dei detti ambiti, indipendentemente dal coinvolgimento degli stessi ricorrenti. Incidentalmente, osserva il Collegio che il predetto sistema perequativo dà effettivamente luogo ad una compensazione meramente eventuale, attesa la facoltà, e non l obbligo, dei proprietari delle aree comprese negli ambiti soggetti a trasformazione, di acquisire le aree dei ricorrenti, potendo disporre i primi di un edificabilità, utilizzabile indipendentemente dalla detta acquisizione, eventualmente incrementabile, qualora gli stessi acquisiscano le aree (7% della superficie delle aree acquisite). La tematica è stata peraltro già portata all attenzione del Tribunale, che nella sentenza del n (Sez. II), ha deciso su un ricorso in cui si censurava un sistema perequativo facoltativo, avendo il p.r.g. sostituito il precedente indice

11 virtuale, che obbligava i proprietari di terreni in ambito misto di trasformazione ad acquisire le aree, ad un indice effettivo che, come nel caso di specie, permetteva ai proprietari delle aree di trasformazione di costruire anche senza l acquisizione delle aree inserite negli ambiti di perequazione. Il detto utilizzo facoltativo delle aree collocate negli ambiti di perequazione misti è stato ritenuto illegittimo, in quanto destinato a svuotare di significato l obbligo di estendere il piano attuativo dalle zone di trasformazione a quelle di perequazione, laddove invece la funzione perequativa è connessa alla necessaria partecipazione di tutti i proprietari alle trasformazioni del territorio, residuando una generica funzione compensativa della non edificabilità, tuttavia privata dei suoi requisiti di certezza legali, connessi all imposizione del vincolo, e del suo contenuto economico, non essendo più il diritto edificatorio connesso al valore dell area. Parimenti, con la sentenza n del , si è accolto un ricorso in cui si censurava come l attuazione del meccanismo perequativo fosse rimessa alla libera determinazione dei proprietari delle aree di trasformazione, i quali potevano accontentarsi della volumetria loro assegnata, e senza acquisire e cedere al Comune le aree di riqualificazione ambientale. Anche in tale occasione il Tribunale ha infatti ritenuto che tale sistema vanificasse gli obiettivi perseguiti della perequazione urbanistica, ed in primis l eliminazione delle disuguaglianze tra proprietari di fondi edificabili e di fondi destinati alla città pubblica. Tuttavia, come già evidenziato, nel caso di specie difettano in radice i presupposti affinché i ricorrenti possano usufruire dei benefici correlati alla perequazione urbanistica, non residuando pertanto in capo agli stessi alcun interesse a contestare il provvedimento impugnato, laddove disciplina le modalità onde ripartire le utilità spettanti ai proprietari legittimati. Peraltro, malgrado i predetti vincoli comportino l impossibilità di riconoscere al mappale 109 un determinato indice di edificabilità, il Comune resistente ha comunque previsto che tale area possa essere acquisita dai soggetti interessati alla trasformazione degli ambiti 1 o 3, qualora gli stessi intendano incrementare la loro capacità edificatoria, ciò che non era una conseguenza obbligata del sistema perequativo, dandosi così luogo ad un trattamento maggiormente favorevole, rispetto a quello che il Comune avrebbe potuto riservare all area dei ricorrenti.

12 Una volta accertato che tale area non poteva beneficiare dei vantaggi del sistema perequativo, non può che divenire pertanto inammissibile ogni censura finalizzata ad accertarne, sotto altri profili, l illegittimità, ciò che si risolverebbe in uno svantaggio per gli stessi ricorrenti, che si vedrebbero privati dei predetti vantaggi. II.2.2) Onde contrastare i visti argomenti del Comune, i ricorrenti osservano che la loro proprietà è composta da due mappali, di cui solo il n. 109 è soggetto alle predette limitazioni, che non eliminano la capacità edificatoria dello stesso, ma semmai impediscono eventualmente la localizzazione di un fabbricato. Mantenendo l area con una disciplina unitaria, l edificabilità espressa dal mappale n. 109 potrebbe essere utilmente localizzata sul mappale n. 153, evitando così ogni problema di compatibilità con i vincoli esistenti. Il Collegio non condivide tale impostazione, poiché dal vincolo di inedificabilità ricadente sulle aree situate in fascia di rispetto deve tenersi conto senza che rilevi, al fine di escludere l inedificabilità dell area vincolata, la circostanza che la stessa sarebbe comunque computabile nella determinazione della volumetria o della superficie edificabile sul restante suolo espropriato, poiché ciò non rende l area in questione suscettibile di edificazione, restando pur sempre operante il divieto di costruire su di essa (Cass. Civ., Sez. I, n. 5875). II.2.3) Ulteriormente, i ricorrenti osservano che nel precedente p.r.g., l intera area di loro proprietà, e pertanto anche il mappale n. 109, malgrado la presenza dei vincoli, era invece classificata come zona morfologico-funzionale di recupero, ex art. 27 L. n. 457/78, ciò che avrebbe impedito la collocazione di fabbricati, ma non certo lo sfruttamento edificatorio dell area stessa. Osserva sul punto il Collegio che la disciplina derivante dai vincoli imposti sulle aree in fasce di rispetto non può essere derogata, neppure da parte degli strumenti generali di pianificazione del territorio, i quali, in quanto provvedimenti amministrativi, sono assoggettati pur essi al rispetto delle norme di legge che impongono limitazioni legali di carattere assoluto (Cass. Civ., Sez. I, n ), ciò che non rende decisivo, ai fini dell accoglimento del motivo, la disciplina attribuita alle aree di che trattasi dai precedenti strumenti urbanistici.

13 II.3) Alla luce di quanto precede vanno anche rigettate le censure prospettate nel quarto motivo, con le quali i ricorrenti si dolgono del limite posto dal provvedimento impugnato all acquisizione delle aree, consentito solo per quelle di superficie superiore a mc. Come infatti già evidenziato nel precedente punto II.3), l esistenza dei vincoli ivi evidenziati pone le aree dei ricorrenti oggettivamente al di fuori della logica perequativa, da cui la carenza di interesse a contestarne le concrete modalità applicative, come disciplinate nel provvedimento impugnato. II.4) Con l ultimo motivo i ricorrenti, in maniera alquanto sintetica, si dolgono del fatto che una piccola parte dell area compresa tra la recinzione esistente ed il limite della carreggiata risulta priva di alcuna zonizzazione, ciò che rappresenterebbe un errore, che come tale avrebbe dovuto essere corretto in sede di approvazione del P.G.T. Il motivo è generico, non essendo adeguatamente supportato da indicazioni specifiche che consentano al Collegio di apprezzare l esistenza del detto errore, anche a fronte di quanto affermato dalla difesa comunale, secondo cui gli azzonamenti sono stati effettuati sulla base dello stato dei luoghi e dei limiti delle recinzioni esistenti. Il ricorso R.G. n. 3437/2011 va pertanto respinto. Sussistono giusti motivi per compensare tra le parti le spese di giudizio, in conseguenza della soccombenza reciproca. P.Q.M. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta), definitivamente pronunciando sui ricorsi, come in epigrafe proposti, previa riunione del ricorso R.G. n. 3437/11 al ricorso R.G. n. 798/98, accoglie il primo, e respinge il secondo. Spese compensate. Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall autorità amministrativa.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Al riguardo, infatti, non si ravvisa alcun deficit motivazionale a carico della valutazione della Commissione di gara, che ha precisato l impossibilità di tenere conto delle indicazioni fornite

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI,

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI, Delibera n. SCCLEG/16/2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato presieduta dal Presidente

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Pagina 1 di 13 N. 01842/2015REG.PROV.COLL. N. 08855/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Angelo Frigo dottore di ricerca in diritto ed economia dell impresa nell Università di Verona

Angelo Frigo dottore di ricerca in diritto ed economia dell impresa nell Università di Verona Angelo Frigo dottore di ricerca in diritto ed economia dell impresa nell Università di Verona LA RIQUALIFICAZIONE URBANA NEL DECRETO SVILUPPO. SEMPLIFICAZIONE O COMPLICAZIONE DEL PROCEDIMENTO? 1. Premessa

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato La giurisprudenza prevalente è difatti attestata che l incameramento della cauzione provvisoria ai sensi dell art. 48 cit. è una conseguenza sanzionatoria del tutto automatica del provvedimento di esclusione,

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

ha pronunciato la presente Consiglio di Stato n. 4783 del 10.09.2012 in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)

ha pronunciato la presente Consiglio di Stato n. 4783 del 10.09.2012 in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) Il Consiglio di Stato, Sezione V, con la Sentenza del 10 Settembre 2012 n. 4783, ha accolto il ricorso presentato da una società in riforma alla Sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale della Basilicata,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli