IL POTERE DELLA SEROTONINA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL POTERE DELLA SEROTONINA"

Transcript

1 IL POTERE DELLA SEROTONINA 5-HTP è un amminoacido prodotto dal corpo umano dall' aminoacido essenziale L-triptofano (LT), che si trova nelle proteine alimentari. Il suo valore clinico risiede nella sua capacità di aumentare la produzione di serotonina, ed è stato utilizzato clinicamente per oltre 30 anni. In natura si può trovare il 5-HTP nel corpo umano e nei semi della Griffonia simplicifolia, una pianta medicinale dell'africa occidentale. Il processo di produzione è semplice: cibo che contiene LT nelle proteine -> 5-HTP - > serotonina Perché la serotonina è così importante? La serotonina (chiamata anche 5-hydrotryptophan) si trova nelle cellule del cervello e dell' intestino e nelle piastrine del nostro sangue. Quando le pareti dei vasi sanguigni sono danneggiate, la serotonina viene r il asciata dalle piastrine per dare luogo ad una costrizione dei vasi sanguigni e prevenire l'emorragia. Nel tessuto intestinale agisce come stimolante della peristalsi (contrazione della muscolatura liscia). La maggior parte delle persone probabilmente ha più familiarità con la proprietà della serotonina di agire sul cervello come un neurotrasmettitore (aiuta la trasmissione degli impulsi nervosi tra le sinapsi). Queste numerose funzioni rendono la serotonina molto importante per tutti i sistemi del corpo umano e la carenza comporta disturbi dell'umore, un difettoso controllo dell'appetito, la sindrome premestruale, autismo, disturbi alimentari, la fibromialgia, dolore in caso di emicrania, e altri disturbi. Una parte di serotonina viene convertita dalla nostra ghiandola pineale in melatonina, l'ormone che controlla il ciclo di sonno. Così, la carenza di serotonina è legata anche all' insonnia e altri disturbi del sonno. Aumentare i livelli di 5-HTP Dal momento che mangiare cibi che contengono L-triptofano non aumenta significativamente i livelli di 5-HTP, è stato estratto dai semi della Griffonia simplicifolia e commercializzato come supplemento dietetico. Il quantitativo di 5-HTP raccomandato varia a seconda della disfuzione da correggere. Brevi nozioni farmacologiche: Il 5-idrossitriptofano, o acido L-a-amino-b-(5-idrossiindolil ) propionico, deriva dal triptofano, aminoacido essenziale, noto per essere il precursore dell'idrossitriptamina, o serotonina (5-HT); più precisamente il 5-HTP rappresenta lo step intermedio di trasformazione del triptofano in serotonina, trasformazione che avviene a livello sinaptico. Il triptofano, da cui è sintetizzata a livello endogeno la serotonina, è presente in numerosi cibi, soprattutto carne e latticini. Questo aminoacido essenziale si trova disponibile nel plasma, sia in forma libera, sia legato alle proteine plasmatiche, ma solo la forma libera, in competizione con altri aminoacidi, riesce ad attraversare la barriera ematoencefalica per essere, poi, trasformata, da specifici enzimi, in 5-HTP, prima, e quindi, per opera della L- aminoacido-decarbossilasi, in serotonina; quest'ultima viene a sua volta, disattivata per trasformazione in acido 5- idrossiindolo-3-acetico (5-HIAA) per opera di enzimi mitocondriali (MAO). In definitiva, solo una piccolissima percentuale del triptofano assunto con i cibi è trasformato in serotonina. Ruolo della Serotonina e potenzialità del 5-idrossitriptofano contro depressione ed obesità La serotonina svolge un ruolo significativo come neuromediatore nella regolazione di molteplici attività a livello del Sistema Nervoso Centrale, quali controllo della soglia del dolore, induzione del sonno, regolazione dell'attività endocrina ipofisaria, eccitabilità neuronale, termoregolazione, appetito, comportamento sessuale, aggressività. Molteplici studi hanno dimostrato che un aumento dei livelli della serotonina porta ad innalzamento del tono dell'umore, diminuzione dell'appetito, miglioramento del sonno. Viceversa, sindromi depressive si manifestano, nella maggior parte dei casi, a causa di un difetto di serotonina in determinate fessure sinaptiche del cervello. Con il termine di SSRI (Selective Serotonin Re-uptake Inhibitors) sono indicati quei farmaci in grado di bloccare selettivamente la captazione della serotonina, o re-uptake, da parte delle terminazioni nervose, con conseguente aumento del livello di questo neurotrasmettitore a livello sinaptico5. Appartengono a questa classe farmaci quali fluoxetina, paroxetina che presentano come indicazioni terapeutiche sindromi depressive, accompagnate o meno da stati d'ansia e disturbi del sonno, forme di obesità collegate a disagi psicologici, bulimie nervose.

2 Un aumento del livello della serotonina si può ottenere, però, anche in modo più naturale, per esempio, aumentando il livello dei precursori endogeni dell'idrossitriptamina, quale il L-5-HTP, che è risultato, tra l'altro, da numerosi studi condotti tra il 1970 e 1980, essere più potente rispetto ai farmaci sintetici antidepressivi triciclici. Ciò consentirebbe, inoltre, di evitare molti degli effetti indesiderati che gli SSRI, come la maggior parte dei farmaci, arrecano al nostro organismo. Un aiuto naturale, quindi, contro le sindromi depressive e certe forme di obesità potrebbe essere rappresentato proprio dal L-5-idrossitriptofano. La somministrazione di 5-HTP porta ad un significativo aumento dei livelli di serotonina non legandosi alle proteine plasmatiche, non competendo con altri aminoacidi nell'attraversamento della barriera ematoencefalica, non essendo metabolizzato in acido nicotinico come avviene per il triptofano. Farmacocinetica del 5-HTP Il 5-HTP, è rapidamente assorbito per via orale; non si lega alle proteine plasmatiche; attraversa velocemente la barriera ematoencefalica per poi essere convertito in serotonina; è, quindi, eliminato per via renale come 5-HIAA. APPLICAZIONI CLINICHE E POSOLOGIA Depressione e obesità L'efficacia antidepressiva del 5-HTP è stata studiata in più di 500 pazienti trattati con dosaggi da 50 mg/die a 600 mg/die per un periodo da 4 settimane a 8 mesi, e si è evidenziata una riduzione dell'intensità depressiva e dei sintomi depressivi. Un notevole miglioramento si è riscontrato nel 70 % dei pazienti trattati. La dose raccomandata di 5-HTP è di 100 mg al giorno, da suddividersi in tre somministrazioni. Tale dose va poi aumentata gradualmente fino a mg al giorno (dose di mantenimento). Questo dosaggio consente anche una riduzione dell'appetito, con un ovvio conseguente aiuto in particolari in caso di obesità. Sono possibili associazioni del L-5 HTP alle altre terapie specifiche, ma in tal caso la somministrazione deve essere effettuata con cautela e sotto controllo medico. Emicrania e cefalea È stata evidenziato un collegamento tra serotonina e gli attacchi di emicrania. Più precisamente, è stato osservato durante questi attacchi una significativa riduzione dei livelli plasmatici di serotonina, con un incremento di quelli di 5- HIAA nelle urine. Studi clinici su oltre 400 pazienti hanno evidenziato un miglioramento delle emicranie e cefalee, sia come frequenza che come gravità; il 74% dei pazienti ha risposto al trattamento; nell'86% dei casi si è riscontrato un miglioramento dei sintomi di sindrome dolorose. Altre applicazioni Il 5-HTP si è rivelato ut il e anche nel trattamento del Morbo di Parkinson e dei disturbi del sonno. Il Morbo di Parkinson, come è noto, è collegato ad una deficienza di dopamina a livello centrale. Si ritiene però esserci un collegamento anche con un deficit di serotonina. La causa di questo collegamento andrebbe ricercata nell'enzima L- AA-decarboss il asi, alla cui attività è legata sia la sintesi della dopamina sia quella della serotonina; la somministrazione cronica di levo-dopa, in pazienti affetti da Parkinson, porta ad un'utilizzazione competitiva dell'enzima nei confronti della sintesi di serotonina, con conseguente deficit di serotonina; ciò causa la comparsa nei pazienti di sindrome ipercinetiche e psicotiche. Dosi di mg/die di 5-HTP somministrate in associazione con l-dopa, hanno portato in pazienti, affetti da Parkinson, riduzione dei tremori, miglioramento dello stato depressivo, della rigidità e della acinesia. Infine, somministrazioni di 300 mg/die in adulti e di 100 mg/die in bambini di L-5HTP hanno evidenziato un miglioramento dei disordini del sonno, per una correlazione tra serotonina, qualità del sonno e fase REM.

3 INFORMAZIONI TOSSICOLOGICHE ED EFFETTI COLLATERALI Studi tossicologici hanno evidenziato, a carico del 5-HPT, valori trascurabili rispetto alle dosi terapeutiche; infatti, nel topo hanno evidenziato una DL50 per Os pari a 2500 mg/kg, mentre la DL 50 i.p. è risultata pari a 1400mg/Kg; nessuna attività teratogena nel ratto e nel coniglio. Sono state invece evidenziate, da ricercatori della FDA, casi di Sindrome da Eosinofilia-Mialgia (EMS) in associazione a somministrazione di prodotti a base di 5-HTP commercializzati come integratori dietetici. Al momento, però, l'fda non è in grado di stab il ire se la causa di questa sindrome, caratterizzata da aumento di globuli bianchi e seri dolori muscolari sia da attribuire al L-Triptofano, al 5-HTP o ad alcune impurità rilevate in questi prodotti. Come effetti collaterali, la somministrazione di L-5HTP può indurre nausea, occasionalmente vomito e altri disturbi gastrointestinali che generalmente diminuiscono o addirittura scompaiono dopo stabilizzazione del dosaggio. Sono stati segnalati casi di deboli e transitorie variazioni nella pressione sanguigna, raramente palpitazioni, mal di testa, insonnia. Perché fare attenzione quando si assume un integratore? A volte si è così stanchi del dolore che si proverebbe qualsiasi cosa. Chi almeno una volta non l'ha pensato? E questo ci potrebbe portare ad assumere sostanze che in realtà, se mal combinate, possono rivelarsi nocive. "Se è 'naturale non può far male a nessuno". Non è assolutamente così. Tutto ciò che interagisce con il nostro corpo e può essere buono o cattivo. E' indispensab il e fermarsi, pensare, chiedere ed informarsi. Se state assumendo farmaci specifici è bene consultare il medico o il farmacista prima di ut il izzare il 5-HTP. Un primo studio sul New England Journal of Medicine segnala la possibilità che 5-HTP può causare crisi epilettiche nei bambini con sindrome di Down. La sicurezza durante la gravidanza o in allattamento non è stata stabilita, né sulle persone con patologie renali o epatiche, sicuramente più delicate all'assunzione di diverse sostanze. Prima di prendere 5-HTP o qualsiasi altro supplemento, consultate il vostro medico circa la possibilità per interazione con i farmaci che state assumendo, ed assicuratevi che non sia potenzialmente dannoso per una patologia di cui soffrite PHYTO HTP GR I F F O N I A ( Griffonia simplicifolia Baill. ) Famiglia: Leguminosae Droga: semi Costituenti principali: 5-idrossi-triptofano, amidi Attività principali: calmante, ansiolitico, antidepressivo, antiossidante, anoressizzante Impiego terapeutico: ansia, stati di agitazione, fame nervosa, alterazioni tono dell umore, depressione lieve e moderata, insonnia, cefalea cronica Aspetti botanici: La Griffonia è una pianta legnosa di dimensioni significative, nativa delle aree tropicali umide dell Africa. La parte della pianta utilizzata sono i semi, a forma discoidale molto caratteristica e con colorazione variabile dal rossastro all arancio al grigio-nero a seconda dello stato di maturazione. Dai semi, raccolti a maturazione completa, si ottengono la polvere e gli estratti standardizzati al 20-25% di 5-idrossitriptofano per gli utilizzi fitoterapici. Attività farmacologica: La Griffonia è una pianta della tradizione fitoterapica africana rimasta per tempo sconosciuta al di fuori del continente. Il recente interesse è nato dalla rilevata presenza nei suoi semi di 5-idrossi-triptofano (5-HTP), sostanza che svolge azione di precursore della serotonina nell organismo umano.

4 La serotonina è il neurotrasmettitore principalmente coinvolto in diverse funzioni fisiologiche del sistema nervoso tra cui il tono dell umore, la regolazione del sonno e dell appetito. Per questo motivo l utilizzo fitoterapico degli estratti di Griffonia simplicifolia ha destato molto interesse tanto da dare l avvio ad approfondimenti scientifici sul fitocomplesso e alla messa a punto di estratti purificati e standardizzati dai semi della pianta. A livello biochimico, i disturbi dell umore sono stati correlabili alla carenza del neurotrasmettitore serotonina: nel nostro organismo la serotonina viene prodotta a partire dal triptofano, un aminoacido essenziale che, una volta penetrato nella cellula nervosa, viene dapprima trasformato in 5-idrossitriptofano (5-HTP) e quindi in serotonina. I semi della Griffonia simplicifolia contengono proprio 5-HTP, considerato quindi il precursore endogeno della serotonina, e le proprietà degli estratti della pianta sono conseguentemente dovute alla capacità di indurre una maggiore disponibilità del neurotrasmettitore serotonina nell organismo. Da qui il suo utilizzo per il trattamento di emicranie e cefalee anche croniche con buoni risultati (riduzione del numero di episodi e diminuzione dell'intensità). L azione antidepressiva con molteplici effetti sull umore, sonno e appetito del 5-HTP è già stata dimostrata in numerose ricerche farmacologiche e cliniche: gli estratti ottenuti dai semi della Griffonia sono quindi indicati nella formulazione di preparati coadiuvanti il trattamento di stati di depressione lieve e moderata, di forme di depressione associate ad ansia e nei disturbi depressivi stagionali; inoltre, sempre grazie alla capacità di aumentare i livelli endogeni di serotonina, la Griffonia è indicata anche nel trattamento dei disturbi del sonno e ad alterazioni del tono dell umore. Infine, sulla base delle osservazioni che indicano il 5-HTP adatto al controllo della fame nervosa, caratterizzata spesso da uno smodato desiderio di carboidrati, gli estratti di Griffonia sono indicati nella formulazione di prodotti coadiuvanti il controllo del peso: infatti l effetto sulla riduzione del senso di fame è imputabile all aumento della produzione di serotonina, che oltre all umore e al sonno condiziona anche il comportamento alimentare, regolando i meccanismi dell appetito. Dati preliminari di farmacocinetica confermano inoltre che gli effetti della supplementazioni con 5-HTP sono rapidi ed evidenti già dopo 2 settimane. La Griffonia è ritenuta una pianta sicura e ben tollerata alle dosi di impiego indicate. Non si riportano tossicità, controindicazioni, né effetti collaterali significativi, ad eccezione della ipersensibilità individuale e di rare segnalazioni di nausea, palpitazioni ed insonnia per taluni soggetti. E da segnalare che è stata descritta la possibile manifestazione di una sintomatologia, se pur reversibile alla sospensione, la EMS, sindrome eosinofilia-mialgia: l ipotesi di una correlazione all uso di Griffonia rimane tuttavia ancora da confermare e forse più imputabile ad eventuali impurità che al fitocomplesso. Non associare ad altri antidepressivi farmacologici tradizionali. Non usare in gravidanza ed allattamento. BIBLIOGRAFIA Ambalavanar, R. and Morris, R. The distribution of binding by isolectin I-B4 from Griffonia simplicifolia in the trigeminal ganglion and brainstem trigeminal nuclei in the rat. Neuroscience 1992;47(2): View Abstract Ambalavanar, R. and Morris, R. An ultrastructural study of the binding of an alpha-dgalactose specific lectin from Griffonia simplicifolia to trigeminal ganglion neurons and the trigeminal nucleus caudalis in the rat. Neuroscience 1993;52(3): View Abstract Eckhardt, A. E., Malone, B. N., and Goldstein, I. J. Inhibition of Ehrlich ascites tumor cell growth by Griffonia simplicifolia I lectin in vivo. Cancer Res. 1982;42(8): Goldstein, I. J. and Winter, H. G. The Griffonia simplicifolia I-B4 isolectin. A probe for alpha-d-galactosyl end groups. Subcell.Biochem. 1999;32: Greene, A. S., Lombard, J. H., Cowley, A. W., Jr., and Hansen-Smith, F. M. Microvessel changes in hypertension measured by Griffonia simplicifolia I lectin. Hypertension 1990;15(6 Pt 2): Hansen-Smith, F. M., Watson, L., Lu, D. Y., and Goldstein, I. Griffonia simplicifolia I: fluorescent tracer for microcirculatory vessels in nonperfused thin muscles and sectioned muscle. Microvasc.Res. 1988;36(3):

5 Hennigar, R. A., Schulte, B. A., and Spicer, S. S. Histochemical detection of glycogen using Griffonia simplicifolia agglutinin II. Histochem.J. 1986;18(11-12): Hewicker-Trautwein, M. and Schultheis, G. Lectin labelling of amoeboid and ramified microglial cells in the telencephalon of ovine fetuses with the B4 isolectin from Griffonia simplicifolia. J.Comp Pathol. 1994;111(1): Hughes, C. M. and Rudland, P. S. Appearance of myoepithelial cells in developing rat mammary glands identified with the lectins Griffonia simplicifolia-1 and pokeweed mitogen. J.Histochem.Cytochem. 1990;38(11): Hughes, C. M. and Rudland, P. S. Immunocytochemical identification of myoepithelial cells in normal and neoplastic rat mammary glands with the lectins Griffonia simplicifolia-1 and pokeweed mitogen. J.Histochem.Cytochem. 1990;38(11): Hurley, S. D. and Streit, W. J. Griffonia simplicifolia II lectin labels a population of radial glial cells in the embryonic rat brain. Dev.Neurosci. 1995;17(5-6): Ihida, K., Suganuma, T., Tsuyama, S., and Murata, F. Glycoconjugate histochemistry of the rat fundic gland using Griffonia simplicifolia agglutinin-ii during the development. Am.J.Anat. 1988;182(3): Ito, N., Kawahara, S., Hirano, Y., Morimura, Y., Nakajima, K., Uchida, K., and Hirota, T. Localization of blood-grouprelated linear poly-n-acetyllactosamine structure in different human tissues by Griffonia simplicifolia agglutinin-ii staining following endo-beta-galactosidase digestion. Histochem.J. 1994;26(4): Ito, N., Imai, S., Haga, S., Nagaike, C., Morimura, Y., and Hatake, K. Localization of binding sites of Ulex europaeus I, Helix pomatia and Griffonia simplicifolia I-B4 lectins and analysis of their backbone structures by several glycosidases and poly-n-acetyllactosamine-specific lectins in human breast carcinomas. Histochem.Cell Biol. 1996;106(3): Ito, N., Nagaike, C., Morimura, Y., and Hatake, H. Estimation and comparison of the contents of blood group B antigens in selected human tissues by microphotometric quantification of Griffonia simplicifolia agglutinin I-B4 staining with or without prior alpha-galactosidase digestion. Histol.Histopathol. 1997;12(2): Kaifu, R., Plantefaber, L. C., and Goldstein, I. J. 2-Substituted methyl alpha-d-galactopyranosides: synthesis and binding affinity for the A and B subunits of the Griffonia simplicifolia I isolectins. Carbohydr.Res ;140(1): Kaladas, P. M., Kabat, E. A., Shibata, S., and Goldstein, I. J. Immunochemical studies on the binding specificity of the blood group Leb specific lectin Griffonia simplicifolia IV. Arch.Biochem.Biophys. 1983;223(1): Kamada, Y., Muramatsu, H., Muramatsu, T., Kawata, M., Sekiya, S., and Takamizawa, H. Glycopeptides from murine teratocarcinoma cells: structure of the determinants recognised by Griffonia simplicifolia agglutinin I and by sera from patients with ovarian germ cell tumors. Carbohydr.Res ;176(2): Kaur, C. and Ling, E. A. Study of the transformation of amoeboid microglial cells into microglia labelled with the isolectin Griffonia simplicifolia in postnatal rats. Acta Anat.(Basel) 1991;142(2): Kirkeby, S. and Moe, D. Binding of Griffonia simplicifolia 1 isolectin B4 (GS1 B4) to alpha-galactose antigens. Immunol.Cell Biol. 2001;79(2): Kirkeby, S., Winter, H. C., and Goldstein, I. J. Comparison of the binding properties of the mushroom Marasmius oreades lectin and Griffonia simplicifolia I-B isolectin to alphagalactosyl carbohydrate antigens in the surface phase. Xenotransplantation. 2004;11(3): Kiss, R., Camby, I., Duckworth, C., De Decker, R., Salmon, I., Pasteels, J. L., Danguy, A., and Yeaton, P. In vitro influence of Phaseolus vulgaris, Griffonia simplicifolia, concanavalin A, wheat germ, and peanut agglutinins on HCT-15, LoVo, and SW837 human colorectal cancer cell growth. Gut 1997;40(2): Knibbs, R. N., Takagaki, M., Blake, D. A., and Goldstein, I. J. The role of valence on the high-affinity binding of Griffonia simplicifolia isolectins to type A human erythrocytes. Biochemistry ;37(48):

6 Kress, B. C. and Spiro, R. G. Studies on the glycoprotein nature of the thyrotropin receptor: interaction with lectins and purification of the bovine protein with the use of Bandeiraea (Griffonia) simplicifolia I affinity chromatography. Endocrinology 1986;118(3): Kuhlmann, W. D. and Peschke, P. Comparative study of procedures for histological detection of lectin binding by use of Griffonia simplicifolia agglutinin I and gastrointestinal mucosa of the rat. Histochemistry 1984;81(3): Laitinen, L. Griffonia simplicifolia lectins bind specifically to endothelial cells and some epithelial cells in mouse tissues. Histochem.J. 1987;19(4): Lamb, J. E. and Goldstein, I. J. A structural comparison of the A and B subunits of Griffonia simplicifolia I isolectins. Arch.Biochem.Biophys ;229(1): Lang, I., Hahn, T., Dohr, G., Skofitsch, G., and Desoye, G. Heterogeneous histochemical reaction pattern of the lectin Bandeiraea (Griffonia) simplicifolia with blood vessels of human full-term placenta. Cell Tissue Res. 1994;278(3): Lemaire, P. A. and Adosraku, R. K. An HPLC method for the direct assay of the serotonin precursor, 5-hydroxytrophan, in seeds of Griffonia simplicifolia. Phytochem.Anal. 2002;13(6): Lescar, J., Loris, R., Mitchell, E., Gautier, C., Chazalet, V., Cox, V., Wyns, L., Perez, S., Breton, C., and Imberty, A. Isolectins I-A and I-B of Griffonia (Bandeiraea) simplicifolia. Crystal structure of metal-free GS I-B(4) and molecular basis for metal binding and monosaccharide specificity. J.Biol.Chem ;277(8): Li, H., Nomura, S., and Mizuno, N. Binding of the isolectin I-B4 from Griffonia simplicifolia to the general visceral afferents in the vagus nerve: a light- and electron-microscope study in the rat. Neurosci.Lett ;222(1): Li, L. and Zhou, X. F. Pericellular Griffonia simplicifolia I isolectin B4-binding ring structures in the dorsal root ganglia following peripheral nerve injury in rats. J.Comp Neurol ;439(3): Liu, M., Willmott, N. J., Michael, G. J., and Priestley, J. V. Differential ph and capsaicin responses of Griffonia simplicifolia IB4 (IB4)-positive and IB4-negative small sensory neurons. Neuroscience 2004;127(3): Maddox, D. E., Shibata, S., and Goldstein, I. J. Stimulated macrophages express a new glycoprotein receptor reactive with Griffonia simplicifolia I-B4 isolectin. Proc.Natl.Acad.Sci.U.S.A 1982;79(1): Maddox, D. E., Goldstein, I. J., and Lobuglio, A. F. Griffonia simplicifolia I lectin mediates macrophage-induced cytotoxicity against Ehrlich ascites tumor. Cell Immunol ;71(1): McCoy, J. P., Jr., Varani, J., and Goldstein, I. J. Enzyme-linked lectin assay (ELLA): use of alkaline phosphataseconjugated Griffonia simplicifolia B4 isolectin for the detection of alpha-d-galactopyranosyl end groups. Anal.Biochem ;130(2): McCoy, J. P., Jr., Shibuya, N., Riedy, M. C., and Goldstein, I. J. Griffonia simplicifolia I isolectin as a functionally monovalent probe for use in flow cytometry. Cytometry 1986;7(2): Nakayama, J., Katsuyama, T., Ono, K., Honda, T., Akamatsu, T., and Hattori, H. Large bowel carcinoma-specific antigens detected by the lectin, Griffonia simplicifolia agglutinin-ii. Jpn.J.Cancer Res. 1985;76(11): Nakayama, J., Okano, A., Maeda, H., Miyachi, M., Ota, H., Katsuyama, T., and Kanai, M. Griffonia simplicifolia agglutinin-2-binding glycoprotein as a novel carbohydrate antigen of human colonic carcinoma. Jpn.J.Cancer Res. 1990;81(4): Nikrad, P. V., Pearlstone, J. R., Carpenter, M. R., Lemieux, R. U., and Smillie, L. B. Molecular-mass heterogeneity of Griffonia simplicifolia lectin IV subunits. Differences in the oligosaccharide moieties in the N-terminal region. Biochem.J ;272(2): Oinuma, T., Ide, S., Kawano, J., and Suganuma, T. Purification and immunohistochemistry of Griffonia simplicifolia agglutinin-ii-binding mucus glycoprotein in rat stomach. Glycobiology 1994;4(4):

7 Oppenheim, J. D., Amin, A. R., and Thorbecke, G. J. A rapid one step purification procedure for murine IgD based on the specific affinity of Bandeiraea (Griffonia) simplicifolia-1 for N-linked carbohydrates on IgD. J.Immunol.Methods ;130(2): Ota, H., Nakayama, J., Katsuyama, T., and Kanai, M. Histochemical comparison of specificity of three bowel carcinomareactive lectins, Griffonia simplicifolia agglutinin-ii, peanut agglutinin and Ulex europaeus agglutinin-i. Acta Pathol.Jpn. 1988;38(12): Panjwani, N. and Baum, J. A histochemical comparison of human corneal stromal glycoconjugates with eight other species. Distinct species-dictated differences in binding sites of Griffonia simplicifolia I. Histochemistry 1988;89(1): Petryniak, J., Huard, T. K., Nordblom, G. D., and Goldstein, I. J. Lectin binding studies on murine peritoneal cells: physicochemical characterization of the binding of lectins from Datura stramonium, Evonymus europaea, and Griffonia simplicifolia to murine peritoneal cells. Arch.Biochem.Biophys. 1986;244(1): Porter, G. A., Palade, G. E., and Milici, A. J. Differential binding of the lectins Griffonia simplicifolia I and Lycopersicon esculentum to microvascular endothelium: organ-specific localization and partial glycoprotein characterization. Eur.J.Cell Biol. 1990;51(1): Rice, F. L. Structure, vascularization, and innervation of the mystacial pad of the rat as revealed by the lectin Griffonia simplicifolia. J.Comp Neurol ;337(3): Rudland, P. S. and Hughes, C. M. Bindings of the lectins Griffonia simplicifolia-1 and pokeweed mitogen mark discrete stages of myoepithelial-like differentiation of cell lines from the rat mammary gland. J.Cell Physiol 1991;146(2): Sahagun, G., Moore, S. A., Fabry, Z., Schelper, R. L., and Hart, M. N. Purification of murine endothelial cell cultures by flow cytometry using fluorescein-labeled griffonia simplicifolia agglutinin. Am.J.Pathol. 1989;134(6): Shibata, S., Goldstein, I. J., and Baker, D. A. Isolation and characterization of a Lewis b-active lectin from Griffonia simplicifolia seeds. J.Biol.Chem ;257(16): Shimizu, T., Nettesheim, P., Mahler, J. F., and Randell, S. H. Cell type-specific lectin staining of the tracheobronchial epithelium of the rat: quantitative studies with Griffonia simplicifolia I isolectin B4. J.Histochem.Cytochem. 1991;39(1):7-14. Simon, R. H., McCoy, J. P., Jr., Chu, A. E., Dehart, P. D., and Goldstein, I. J. Binding of Griffonia simplicifolia I lectin to rat pulmonary alveolar macrophages and its use in purifying type II alveolar epithelial cells. Biochim.Biophys.Acta ;885(1): Sorokin, S. P. and Hoyt, R. F., Jr. Macrophage development: I. Rationale for using Griffonia simplicifolia isolectin B4 as a marker for the line. Anat.Rec. 1992;232(4): Spohr, U. and Lemieux, R. U. Synthetic, conformational, and immunochemical studies of modified Lewis b and Y human blood-group determinants to serve as probes for the combining site of the lectin IV of Griffonia simplicifolia. Carbohydr.Res ;174: Streit, W. J. An improved staining method for rat microglial cells using the lectin from Griffonia simplicifolia (GSA I-B4). J.Histochem.Cytochem. 1990;38(11): Tabor, D. R., Theus, S. A., Barnett, J. B., and Jacobs, R. F. Macrophage membrane glycoprotein binding of Griffonia simplicifolia I-B4 induces TNF-alpha production and a tumoricidal response. J.Cell Physiol 1992;152(3): Tabor, D. R., Theus, S. A., Barnett, J. B., Tryka, A. F., and Jacobs, R. F. The concurrent expression of Griffonia simplicifolia-ib4 binding and tumor necrosis factor-alpha differs between alveolar and peritoneal macrophages. Proc.Soc.Exp.Biol.Med. 1992;199(3): Tempel, W., Tschampel, S., and Woods, R. J. The xenograft antigen bound to Griffonia simplicifolia lectin 1-B(4). X-ray crystal structure of the complex and molecular dynamics characterization of the binding site. J.Biol.Chem ;277(8):

8 Vandonselaar, M., Delbaere, L. T., Spohr, U., and Lemieux, R. U. Crystallization of the lectin IV of Griffonia simplicifolia and its complexes with the Lewis b and Y human blood group determinants. J.Biol.Chem ;262(22): Wang, H., Rivero-Melian, C., Robertson, B., and Grant, G. Transganglionic transport and binding of the isolectin B4 from Griffonia simplicifolia I in rat primary sensory neurons. Neuroscience 1994;62(2): Wang, H. F., Robertson, B., and Grant, G. Anterograde transport of horseradish-peroxidase conjugated isolectin B4 from Griffonia simplicifolia I in spinal primary sensory neurons of the rat. Brain Res ;811(1-2): Wang, H. F., Shortland, P., Park, M. J., and Grant, G. Retrograde and transganglionic transport of horseradish peroxidase-conjugated cholera toxin B subunit, wheatgerm agglutinin and isolectin B4 from Griffonia simplicifolia I in primary afferent neurons innervating the rat urinary bladder. Neuroscience 1998;87(1): Wang, W. C., Clark, G. F., Smith, D. F., and Cummings, R. D. Separation of oligosaccharides containing terminal alphalinked galactose residues by affinity chromatography on Griffonia simplicifolia I bound to concanavalin A-sepharose. Anal.Biochem. 1988;175(2): Warchol, M. E. Lectin from Griffonia simplicifolia identifies an immature-appearing subpopulation of sensory hair cells in the avian utricle. J.Neurocytol. 2001;30(3): Warfel, A. H., Zucker-Franklin, D., and Zheng, Z. Y. Macrophage membrane glycoproteins that bind Griffonia simplicifolia I-B4: effect on cytotoxicity and protein secretion. J.Cell Physiol 1991;147(2): Watanabe, M., Ohtani, H., Tanaka, M., and Ikehara, H. Appearance of Ulex europaeus agglutinin-1 and Griffonia simplicifolia agglutinin-1 binding sites on cancer cells in sigmo-rectal polyps. Acta Pathol.Jpn. 1992;42(11): Winter, H. C. and Goldstein, I. J. Facile preparation of the alpha-gal-recognizing Griffonia simplicifolia I-B4 isolectin. Carbohydr.Res ;339(1): Wu, A. M., Song, S. C., Wu, J. H., and Kabat, E. A. Affinity of Bandeiraea (Griffonia) simplicifolia lectin-i, isolectin B4 for Gal alpha 1-->4 Gal ligand. Biochem.Biophys.Res.Commun ;216(3): Wu, A. M., Wu, J. H., Song, S. C., and Kabat, E. A. Bandeiraea (Griffonia) simplicifolia lectin-i, isolectin A4, reacting with Tn (Ga1NAc alpha1 --> Ser/Thr) or galabiose (Ga1 alpha1 --> 4Ga1) containing ligands. FEBS Lett ;398(2-3): Wu, A. M., Wu, J. H., Chen, Y. Y., Song, S. C., and Kabat, E. A. Further characterization of the combining sites of Bandeiraea (Griffonia) simplicifolia lectin-i, isolectin A(4). Glycobiology 1999;9(11): Yonezawa, S., Shibata, M., Shimizu, T., Nakamura, T., and Sato, E. Griffonia simplicifolia I-A4 staining of mice glomerular tufts and its alteration in diabetic mice. Acta Pathol.Jpn. 1986;36(11): Zhu-Salzman, K., Shade, R. E., Koiwa, H., Salzman, R. A., Narasimhan, M., Bressan, R. A., Hasegawa, P. M., and Murdock, L. L. Carbohydrate binding and resistance to proteolysis control insecticidal activity of Griffonia simplicifolia lectin II. Proc.Natl.Acad.Sci.U.S.A ;95(25): Zhu-Salzman, K. and Salzman, R. A. Functional mechanics of the plant defensive Griffonia simplicifolia lectin II: resistance to proteolysis is independent of glycoconjugate binding in the insect gut. J.Econ.Entomol. 2001;94(5): Zhu-Salzman, K., Hammen, P. K., Salzman, R. A., Koiwa, H., Bressan, R. A., Murdock, L. L., and Hasegawa, P. M. Calcium modulates protease resistance and carbohydrate binding of a plant defense legume lectin, Griffonia simplicifolia lectin II (GSII). Comp Biochem.Physiol B Biochem.Mol.Biol. 2002;132(2): Zhu, K., Bressan, R. A., Hasegawa, P. M., and Murdock, L. L. Identification of N-acetylglucosamine binding residues in Griffonia simplicifolia lectin II. FEBS Lett ;390(3): Zhu, K., Huesing, J. E., Shade, R. E., Bressan, R. A., Hasegawa, P. M., and Murdock, L. L. An insecticidal N- acetylglucosamine-specific lectin gene from Griffonia simplicifolia (Leguminosae). Plant Physiol 1996;110(1):

9 Duk, M., Lisowska, E., and Kusnierz-Alejska, G. Serologic identification of NOR polyagglutination with Griffonia simplicifolia IB4 lectin. Transfusion 2002;42(6): Duk, M., Lisowska, E., and Kusnierz-Alejska, G. Serologic identification of NOR polyagglutination with Griffonia simplicifolia IB4 lectin. Transfusion 2002;42(6): Dong, X., Amselgruber, W. M., Kaltner, H., Gabius, H. J., and Sinowatz, F. Affinity-purified antibodies against alphagalactosyl residues from human serum: comparison of their binding in bovine testicular tissue with that of the Griffonia simplicifolia lectin (GSI-B4) and impact of labeling on epitope localization. Eur.J.Cell Biol. 1995;68(1): Delbaere, L. T., Vandonselaar, M., Prasad, L., Quail, J. W., Wilson, K. S., and Dauter, Z. Structures of the lectin IV of Griffonia simplicifolia and its complex with the Lewis b human blood group determinant at 2.0 A resolution. J.Mol.Biol ;230(3): de Boeck, H., Loontiens, F. G., Delmotte, F. M., and de Bruyne, C. K. The use of 4-methylumbelliferyl glycosides in binding studies with the lectins BS I-A4, BS I-B4 and BS II from Bandeiraea (Griffonia) simplicifolia. FEBS Lett ;126(2): Chen, Y. F., Boland, C. R., Kraus, E. R., and Goldstein, I. J. The lectin Griffonia simplicifolia I-A4 (GS I-A4) specifically recognizes terminal alpha-linked N-acetylgalactosaminyl groups and is cytotoxic to the human colon cancer cell lines LS174t and SW1116. Int.J.Cancer ;57(4): Carlton, S. M. and Hargett, G. L. Stereological analysis of Ca(2+)/calmodulin-dependent protein kinase II alpha - containing dorsal root ganglion neurons in the rat: colocalization with isolectin Griffonia simplicifolia, calcitonin generelated peptide, or vanilloid receptor 1. J.Comp Neurol ;448(1): Bankston, P. W., Porter, G. A., Milici, A. J., and Palade, G. E. Differential and specific labeling of epithelial and vascular endothelial cells of the rat lung by Lycopersicon esculentum and Griffonia simplicifolia I lectins. Eur.J.Cell Biol. 1991;54(2): Dwuma-Badu D. et al. Constituents of West African Medicinal Plants. XYG. Griffonin and Griffon il ide, Novel Constituents of Griffonia simplicifolia. Lloydia Vol. 39(6), Fellows L.E. et al. Phytochemistry 9: ; 1970 Van Praag H.M. Aromatic Amino Acid Hydroxylases and Mental Disease. Ed. by M.B.H. Youdim, 1979 by John W il ey & Sons Ltd. Barchas J. et al. Academy Press, New York 1977 Mendels J. et al. Br J Psychiatry 126: , 1979 Angst J. Arch Psychiatr Nervenkr 224(2): ; 1977 Nardini M. et al. Int J Clin Pharmacol Res 3(4): ; 1983 Rousseau J. Clin Ther 9(3): ; 1987 Mendlewicz J. et al. J Affect Disord 2(2): ; 1980 Kahn R.S. et al. Int Clin Psychpharmacol 2(1):33-45; 1987 Westenberg H.G.M. Psychopharmacol. 98(2): ; 1989 Den Boer J.A. et al. Psychiatry Research 31(3): ; 1990 Byerley W.F. et al. J Clin Psychopharmacol 7(3): ; 1987

10 Agren H. et al. Acta Psychiat Scand 83(6): ; 1991 Conte G. Br J Psychiatry 152:720; 1988 Zm il acher K. et al. Neuropsychobiology 20(1):28-35; 1988 Van Hiele L.J. Neuropsychobiology 6(4): ;1980 Van Praag H. M. et al. Schweiz Rundschau Med Prax 77(34a):40-46; 1988 Sicuteri F. et al. Arch Allergy 19:55-58; 1961 Curran D.A. et al. Lancet 1:1393; 1972 Anthony M. et al. Arch Neurol 16(5):544-52; 1967 Sicuteri F. Background to Migraine 5:45-56; 1973 Longo G. et al. Pediatr Med Chir 6(2): ; 1984 De Benedittis G. et al. Clin J Pain 2: ; 1986 Centonze V. et al. G Neuropsicofarmacol 4(6): ; 1982 Cassa D. et al. Comptes Rendus du 2eme Congres de la Societe de Neurologie infant il e, Genova 4-6/12/1981 Bono G. et al. Cephalagia 4(3): ; 1984 Romiti A. et al. Algos 3(3):256; 1986 Boiardi A. et al. J Neurol 225(1):41-46; 1981 Lendvai D. et al. Aggior Ped 38:25-28; 1987 Lendvai D. et al. Riv Pediat Siciliana 38(4): ; 1983 Bono G. et al. G Neuropsicofarmacol 4(2); 1982 Birkmayer W. et al. In Siegfried J. (Ed.) Parkinson's disease Hans Huber, Bern, vol. 1, pp , 1972 Birkmayer W. et al. J Neurol Trans 33: ; 1972 Sano I. et al. Munch Med Wschr 114(40): ; 1972 Bastard J. et al. Nouv. Presse Med 5(29): ; 1976 Zarcone V.P. et al. Serotonin and Behavior: ; 1973 Soulairac A. et al. Congrès de Psychiatrie et de Neurologie Monaco 1973 LXX Session Bouchard J.M. et al. Inform Psychiatr 53(2): ; 1977 Herbaut M. Actualités psychiat (Suppl. Ther.);7(2):66-70; 1977 Bibliografia sull' L 5-idrossitriptofano o 5 HTP Angst J, Woggon B, Schoepf J. The treatment of depression with L-5-hydroxytryptophan versus imipramine. Results of two open and one double-blind study. Arch Psychiatr Nervenkr. 1977;224:

11 Attele AS, Xie JT, Yuan CS. Treatment of insomnia: an alternative approach. Altern Med Rev. 2000;5(3): Bhatara VS, Magnus RD, Paul KL, et al. Serotonin syndrome induced by venlafaxine and fluoxetine: a case study in polypharmacy and potential pharmacodynamic and pharmacokinetic mechansims. Ann Pharmacother. 1998;32(4): Birdsall TC. 5-Hydroxytryptophan: a clinically-effective serotonin precursor. Altern Med Rev. 1998;3: Byerley WF, et al. 5-Hydroxytryptophan: a review of its antidepressant efficacy and adverse effects. J Clin Psychopharmacol. 1987;7: Cangiano C, et al. Effects of oral 5-hydroxy-tryptophan on energy intake and macronutrient selection in non-insulin dependent diabetic patients. Int J Obes Relat Metab Disord. 1998; 22: Cangiano C, Ceci F, Cascino A, et al. Eating behavior and adherence to dietary prescriptions in obese adult subjects treated with 5-hydroxytryptophan. J Clin Nutr. 1992;56: Caruso I, Sarzi Puttini P, Cazzola M, et al. Double-blind study of 5-hydroxytryptophan versus placebo in the treatment of primary fibromyalgia syndrome. J Int Med Res. 1990;18: Cauffield JS, Forbes HJ. Dietary supplements used in the treatment of depression, anxiety, and sleep disorders.lippincotts Prim Care Pract. 1999; 3(3): Ceci F, Cangiano C, Cairella M, Cascino A, et al. The effects of oral 5-hydroxytryptophan administration on feeding behavior in obese adult female subjects. J Neural Transm. 1989;76: Curcio JJ, Kim LS, Wollner D, Pockaj BA. The potential of 5-hydryxtryptophan for hot flash reduction: a hypothesis. Altern Med Rev. 2005;10(3): DeBenedittis G, Massei R. Serotonin precursors in chronic primary headache. A double-blind cross-over study with L-5- hydroxytryptophan vs. placebo. J Neurosurg Sci. 1985; 29: DeGiorgis G, et al. Headache in association with sleep disorders in children: a psychodiagnostic evaluation and controlled clinical study L-5-HTP versus placebo. Drugs Exp Clin Res. 1987;13: Elko CJ, Burgess JL, Robertson WO. Zolpidem-associated hallucinations and serotonin reuptake inhibition: a possible interaction. J Toxicol Clin Toxicol. 1998;36(3): Gardner DM, Lynd LD. Sumatriptan contraindications and the serotonin syndrome. Ann Pharmacother.1998;32(1): Joffe RT, Sokolov ST. Co-administration of fluoxetine and sumatriptan: the Canadian experience. Acta Psychiatr Scand. 1997;95(6): Joly P, Lampert A, Thomine E, Lauret P. Development of pseudobullous morphea and sclero-derma-like illness during therapy with L-5-hydroxytryptophan and carbidopa. J Am Acad Dermatol. 1991;25(2): Juhl JH. Primary fibromyalgia syndrome and 5-hydroxy-L-tryptophan: a 90-day open study. Altern Med Rev. 1998;3: Magnussen I, Nielson-Kudsk F. Bioavailability and related pharmacokinetics in man of orally administered L-5- hydroxytryptophan in steady state. Acta Pharmacol et Toxicol. 1980;46: Mason BJ, Blackburn KH. Possible serotonin syndrome associated with tramadol and sertraline coadministration.ann Pharmacother. 1997;31(2): Meyers S. Use of neurotransmitter precursors for treatment of depression. Altern Med Rev. 2000;5(1): Nicolodi M, Sicuteri F. Fibromyalgia and migraine, two faces of the same mechanism. Serotonin as the common clue for pathogenesis and therapy. Adv Exp Med Biol. 1996;398:

12 Perry NK. Venlafaxine-induced serotonin syndrome with relapse following amitripyline. Postgrad Med J. 2000;76(894):254. Puttini PS, Caruso I. Primary fibromyalgia and 5-hydroxy-L-tryptophan: a 90-day open study. J Int Med Res. 1992;20: Rakel D. Rakel Integrative Medicine, 2nd ed. Philadelphia, PA: Saunders; 2008;47. Reibring L, Agren H, Hartvig P, et al. Uptake and utilization of [beta-11c] 5-hydroxytryptophan (5-HTP) in human brain studied by positron emission tomography. Pyschiatry Research. 1992;45: Ribeiro CA. L-5-Hydroxytryptophan in the prophylaxis of chronic tension-type headache: a double-blind, randomized, placebo-controlled study. Headache Jun;40(6): Shaw K, Turner J, Del Mar C. Are tryptophan and 5-hydroxytryptophan effective treatments for depression? A metaanalysis. Aust N Z J Psychiatry Aug;36(4): Spiller HA, Gorman SE, Villalobos D, et al. Prospective multicenter evaluation of tramadol exposure. J Toxicol Clin Toxicol. 1997;35(4): Sternberg EM, Van Woert MH, Young SN, et al. Development of a scleroderma-like illness during therapy with L-5- hydroxytryptophan and carbidopa. New Eng J Med. 1980;303: Toner LC, Tsambiras BM, Catalano G, et al. Central nervous system side effects associated with zolpidem treatment. Clin Neuropharmacol. 2000;23(1): Van Praag HM. Management of depression with serotonin precursors. Biol Psychiatry. 1981;16: Zmilacher K, et al. L-5-hydroxytryptophan alone and in combination with a peripheral decarboxylase inhibitor in the treatment of depression. Neuropsychobiology. 1988;20: Bibliografia sulla serotonina Baskin SM, Lipchik GL, Smitherman TA. Mood and anxiety disorders in chronic headache. Headache, 2006; 46 Suppl 3:S76-87 Beghi E, Allais G, Cortelli P, D'Amico D, De Simone R, d'onofrio F, Genco S, Manzoni GC, Moschiano F, Tonini MC, Torelli P, Quartaroli M, Roncolato M, Salvi S, Bussone G. Headache and anxietydepressive disorder comorbidity: the HADAS study. Neurol Sci. 2007; 28 Suppl 2:S217-9 Breslau N, Davis GC, Migraine, major depression and panic disorder: A prospective epidemiologic study of young adults. Cephalalgia. 1992; 12:85-89 Breslau N, Schultz LR, Stewart WF, Lipton RB, Lucia VC, Welch KM. Headache and major depression: is the association specific to migraine? Neurology. 2000; 54(2): Cazzullo CL. (1993). Psichiatria. Micarelli: Firenze. DeRubeis RJ, Crits-Christoph P. Empirically supported individual and group psychological treatments for adult mental disorders. J Consult Clin Psychol. 1998; 66: Ferrari MD, Odink J, Tapparelli C, Van Kempen GM, Pennings EJ, Bruyn GW. Serotonin metabolism in migraine. Neurology. 1989; 39(9): Guidetti V, Galli F, Fabrizi P, Giannantoni AS, Napoli L, Bruni O, Trillo S. Headache and psychiatric comorbidity: clinical aspects and outcome in an 8-year follow-up study. Cephalalgia. 1998;18(7): Juang KD, Wang SJ, Fuh JL, Lu SR, Su TP. Comorbidity of depressive and anxiety disorders in chronic daily headache and its subtypes. Headache. 2000; 40(10):

13 Lake AE, Rains JC, Penzien DB, LipchiK GL. Headache and psychiatric comorbidity: Historical context, clinical implications, and research relevance. Headache. 2005; 45: Lipchik GL, Smitherman TA, Penzien DB, Holroyd KA. Basic principles and techniques of Cognitive- Behavioral therapies for comorbid psychiatric symptoms among headache patients. Headache, 2006; S Marchesi C, De Ferri A, Petrolini N, Govi A, Manzoni GC, Coiro V, De Risio C. Prevalence of migraine and muscle tension headache in depressive disorders. J Affect Disord. 1989;16(1):33-6. Merikangas KR, Angst J, Isler H. Migraine and psychopathology. Results of the Zurich cohort study of young adults. Arch Gen Psychiatry. 1990; 47(9): Merikangas KR, Merikangas JR, Angst J. Headache syndromes and psychiatric disorders: association and familial transmission. J Psychiatr Res. 1993; 27(2): Merinkangas KR, Stevens DE. Comorbodity of migraine and psychiatric disorders. Neurol Clin 1997; 15: Mitsikostas DD, Thomas AM. Comorbidity of headache and depressive disorders. Cephalalgia 1999; 19 (4), Penzien NR, McCrory DC, Gray RN, Nash J, Dickersin K. Behavioral therapies for migraine (Protocol). Cochrane Database of Systematic Reviews Puca F, Genco S, Prudenzano MP, Savarese M, Bussone G, D'Amico D, Cerbo R, Gala C, Coppola MT, Gallai V, Firenze C, Sarchielli P, Guazzelli M, Guidetti V, Manzoni G, Granella F, Muratorio A, Bonuccelli U, Nuti A, Nappi G, Sandrini G, Verri AP, Sicuteri F, Marabini S. Psychiatric comorbidity and psychosocial stress in patients with tension-type headache from headache centers in Italy. The Italian Collaborative Group for the Study of Psychopathological Factors in Primary Headaches. Cephalalgia Apr;19(3): Rozen TD, Nikham RM, Schechter AL. Cluster headache in women: clinical characteristics and comparison with cluster headache in menj Neurol Neurosurg Psychiatry, 2001 May; 70 (5): Silberstein SD, Lipton RB, Breslau N. Migraine: association with personality characteristics and psychopathology. Cephalalgia Oct;15(5): Stewart WF, Linet MS, Celetano DD, Migraine Headaches and panic attacks. Psychosom Med. 1989; 51: Venable VL, Carlson CR e Wilson J. (2001). The role of anger and depression in recurrent headache. Headache 41, 1, Wang SJ, Juang KD, Fuh JL, Lu SR. Psychiatric comorbidity and suicide risk in adolescents with chronic daily headache. Neurology. 2007; 68(18): Altre 212 voci inerenti lavori scientifici sull'argomento a questo link:

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

La depressione e gli antidepressivi

La depressione e gli antidepressivi La depressione e gli antidepressivi 1. La depressione in medicina generale Si mette in luce il ruolo del medico di base, al quale (v. BIF 2001;1:8-13) è sempre più richiesto di assumere una parte da protagonista

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI 90 STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI DISTURBI COGNITIVI: UTILITÀ E LIMITI DI IMPIEGO Marianna Amboni CEMAND, Università di Salerno IDC Hermitage-Capodimonte, Napoli

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE Dott.ssa M.Pasquali VITAMINA K K1 fillochinone K2 menachinone (Carl Peter) Henrik Dam (1895-1976) Glutammato Proteina noncarbossilata

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

INTERNATIONAL OCD FOUNDATION. CIÒ CHE DEVI SAPERE RIGUARDO Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo

INTERNATIONAL OCD FOUNDATION. CIÒ CHE DEVI SAPERE RIGUARDO Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo INTERNATIONAL OCD FOUNDATION CIÒ CHE DEVI SAPERE RIGUARDO Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo Che cos è il Disturbo Ossessivo-Compulsivo? Immagina che la tua mente rimanga bloccata su un determinato pensiero

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

Applicazioni di Realtà

Applicazioni di Realtà Università di Pisa Corso di Laurea in Terapia Occuapazionale Corso di Bioingegneria applicata alla Realtà Virtuale Anno Accademico 2009/2010 Applicazioni di Realtà Virtuale in Riabilitazione i Ing. Stefano

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

effetti collaterali Come evitare e gestire gli OTTOBRE 2003

effetti collaterali Come evitare e gestire gli OTTOBRE 2003 Come evitare e gestire gli effetti collaterali Quando, cosa, e perché Cambio di terapia Terapie convenzionali e alternative Tu ed il tuo medico Riferimenti internet Sommario Sezione 1: Informazioni generali

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni Cenƒsthesis... dalla Ricerca Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni A. Luciano, G. Zoppi, F. Bressani I Cattedra di Pediatria Università di Verona 8 Più di 40.000 soggetti sono

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Baglietto Maria Giuseppina Data di nascita 28/10/1959. Dirigente ASL I fascia - Neuropsichiatria Infantile

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Baglietto Maria Giuseppina Data di nascita 28/10/1959. Dirigente ASL I fascia - Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Baglietto Maria Giuseppina Data di nascita 28/10/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ISTITUTO GIANINA GASLINI Dirigente ASL

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF Dr. Vincenzo Piazza La Sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei,descritta per la prima volta da Refetoff, è una patologia molto

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli