IL POTERE DELLA SEROTONINA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL POTERE DELLA SEROTONINA"

Transcript

1 IL POTERE DELLA SEROTONINA 5-HTP è un amminoacido prodotto dal corpo umano dall' aminoacido essenziale L-triptofano (LT), che si trova nelle proteine alimentari. Il suo valore clinico risiede nella sua capacità di aumentare la produzione di serotonina, ed è stato utilizzato clinicamente per oltre 30 anni. In natura si può trovare il 5-HTP nel corpo umano e nei semi della Griffonia simplicifolia, una pianta medicinale dell'africa occidentale. Il processo di produzione è semplice: cibo che contiene LT nelle proteine -> 5-HTP - > serotonina Perché la serotonina è così importante? La serotonina (chiamata anche 5-hydrotryptophan) si trova nelle cellule del cervello e dell' intestino e nelle piastrine del nostro sangue. Quando le pareti dei vasi sanguigni sono danneggiate, la serotonina viene r il asciata dalle piastrine per dare luogo ad una costrizione dei vasi sanguigni e prevenire l'emorragia. Nel tessuto intestinale agisce come stimolante della peristalsi (contrazione della muscolatura liscia). La maggior parte delle persone probabilmente ha più familiarità con la proprietà della serotonina di agire sul cervello come un neurotrasmettitore (aiuta la trasmissione degli impulsi nervosi tra le sinapsi). Queste numerose funzioni rendono la serotonina molto importante per tutti i sistemi del corpo umano e la carenza comporta disturbi dell'umore, un difettoso controllo dell'appetito, la sindrome premestruale, autismo, disturbi alimentari, la fibromialgia, dolore in caso di emicrania, e altri disturbi. Una parte di serotonina viene convertita dalla nostra ghiandola pineale in melatonina, l'ormone che controlla il ciclo di sonno. Così, la carenza di serotonina è legata anche all' insonnia e altri disturbi del sonno. Aumentare i livelli di 5-HTP Dal momento che mangiare cibi che contengono L-triptofano non aumenta significativamente i livelli di 5-HTP, è stato estratto dai semi della Griffonia simplicifolia e commercializzato come supplemento dietetico. Il quantitativo di 5-HTP raccomandato varia a seconda della disfuzione da correggere. Brevi nozioni farmacologiche: Il 5-idrossitriptofano, o acido L-a-amino-b-(5-idrossiindolil ) propionico, deriva dal triptofano, aminoacido essenziale, noto per essere il precursore dell'idrossitriptamina, o serotonina (5-HT); più precisamente il 5-HTP rappresenta lo step intermedio di trasformazione del triptofano in serotonina, trasformazione che avviene a livello sinaptico. Il triptofano, da cui è sintetizzata a livello endogeno la serotonina, è presente in numerosi cibi, soprattutto carne e latticini. Questo aminoacido essenziale si trova disponibile nel plasma, sia in forma libera, sia legato alle proteine plasmatiche, ma solo la forma libera, in competizione con altri aminoacidi, riesce ad attraversare la barriera ematoencefalica per essere, poi, trasformata, da specifici enzimi, in 5-HTP, prima, e quindi, per opera della L- aminoacido-decarbossilasi, in serotonina; quest'ultima viene a sua volta, disattivata per trasformazione in acido 5- idrossiindolo-3-acetico (5-HIAA) per opera di enzimi mitocondriali (MAO). In definitiva, solo una piccolissima percentuale del triptofano assunto con i cibi è trasformato in serotonina. Ruolo della Serotonina e potenzialità del 5-idrossitriptofano contro depressione ed obesità La serotonina svolge un ruolo significativo come neuromediatore nella regolazione di molteplici attività a livello del Sistema Nervoso Centrale, quali controllo della soglia del dolore, induzione del sonno, regolazione dell'attività endocrina ipofisaria, eccitabilità neuronale, termoregolazione, appetito, comportamento sessuale, aggressività. Molteplici studi hanno dimostrato che un aumento dei livelli della serotonina porta ad innalzamento del tono dell'umore, diminuzione dell'appetito, miglioramento del sonno. Viceversa, sindromi depressive si manifestano, nella maggior parte dei casi, a causa di un difetto di serotonina in determinate fessure sinaptiche del cervello. Con il termine di SSRI (Selective Serotonin Re-uptake Inhibitors) sono indicati quei farmaci in grado di bloccare selettivamente la captazione della serotonina, o re-uptake, da parte delle terminazioni nervose, con conseguente aumento del livello di questo neurotrasmettitore a livello sinaptico5. Appartengono a questa classe farmaci quali fluoxetina, paroxetina che presentano come indicazioni terapeutiche sindromi depressive, accompagnate o meno da stati d'ansia e disturbi del sonno, forme di obesità collegate a disagi psicologici, bulimie nervose.

2 Un aumento del livello della serotonina si può ottenere, però, anche in modo più naturale, per esempio, aumentando il livello dei precursori endogeni dell'idrossitriptamina, quale il L-5-HTP, che è risultato, tra l'altro, da numerosi studi condotti tra il 1970 e 1980, essere più potente rispetto ai farmaci sintetici antidepressivi triciclici. Ciò consentirebbe, inoltre, di evitare molti degli effetti indesiderati che gli SSRI, come la maggior parte dei farmaci, arrecano al nostro organismo. Un aiuto naturale, quindi, contro le sindromi depressive e certe forme di obesità potrebbe essere rappresentato proprio dal L-5-idrossitriptofano. La somministrazione di 5-HTP porta ad un significativo aumento dei livelli di serotonina non legandosi alle proteine plasmatiche, non competendo con altri aminoacidi nell'attraversamento della barriera ematoencefalica, non essendo metabolizzato in acido nicotinico come avviene per il triptofano. Farmacocinetica del 5-HTP Il 5-HTP, è rapidamente assorbito per via orale; non si lega alle proteine plasmatiche; attraversa velocemente la barriera ematoencefalica per poi essere convertito in serotonina; è, quindi, eliminato per via renale come 5-HIAA. APPLICAZIONI CLINICHE E POSOLOGIA Depressione e obesità L'efficacia antidepressiva del 5-HTP è stata studiata in più di 500 pazienti trattati con dosaggi da 50 mg/die a 600 mg/die per un periodo da 4 settimane a 8 mesi, e si è evidenziata una riduzione dell'intensità depressiva e dei sintomi depressivi. Un notevole miglioramento si è riscontrato nel 70 % dei pazienti trattati. La dose raccomandata di 5-HTP è di 100 mg al giorno, da suddividersi in tre somministrazioni. Tale dose va poi aumentata gradualmente fino a mg al giorno (dose di mantenimento). Questo dosaggio consente anche una riduzione dell'appetito, con un ovvio conseguente aiuto in particolari in caso di obesità. Sono possibili associazioni del L-5 HTP alle altre terapie specifiche, ma in tal caso la somministrazione deve essere effettuata con cautela e sotto controllo medico. Emicrania e cefalea È stata evidenziato un collegamento tra serotonina e gli attacchi di emicrania. Più precisamente, è stato osservato durante questi attacchi una significativa riduzione dei livelli plasmatici di serotonina, con un incremento di quelli di 5- HIAA nelle urine. Studi clinici su oltre 400 pazienti hanno evidenziato un miglioramento delle emicranie e cefalee, sia come frequenza che come gravità; il 74% dei pazienti ha risposto al trattamento; nell'86% dei casi si è riscontrato un miglioramento dei sintomi di sindrome dolorose. Altre applicazioni Il 5-HTP si è rivelato ut il e anche nel trattamento del Morbo di Parkinson e dei disturbi del sonno. Il Morbo di Parkinson, come è noto, è collegato ad una deficienza di dopamina a livello centrale. Si ritiene però esserci un collegamento anche con un deficit di serotonina. La causa di questo collegamento andrebbe ricercata nell'enzima L- AA-decarboss il asi, alla cui attività è legata sia la sintesi della dopamina sia quella della serotonina; la somministrazione cronica di levo-dopa, in pazienti affetti da Parkinson, porta ad un'utilizzazione competitiva dell'enzima nei confronti della sintesi di serotonina, con conseguente deficit di serotonina; ciò causa la comparsa nei pazienti di sindrome ipercinetiche e psicotiche. Dosi di mg/die di 5-HTP somministrate in associazione con l-dopa, hanno portato in pazienti, affetti da Parkinson, riduzione dei tremori, miglioramento dello stato depressivo, della rigidità e della acinesia. Infine, somministrazioni di 300 mg/die in adulti e di 100 mg/die in bambini di L-5HTP hanno evidenziato un miglioramento dei disordini del sonno, per una correlazione tra serotonina, qualità del sonno e fase REM.

3 INFORMAZIONI TOSSICOLOGICHE ED EFFETTI COLLATERALI Studi tossicologici hanno evidenziato, a carico del 5-HPT, valori trascurabili rispetto alle dosi terapeutiche; infatti, nel topo hanno evidenziato una DL50 per Os pari a 2500 mg/kg, mentre la DL 50 i.p. è risultata pari a 1400mg/Kg; nessuna attività teratogena nel ratto e nel coniglio. Sono state invece evidenziate, da ricercatori della FDA, casi di Sindrome da Eosinofilia-Mialgia (EMS) in associazione a somministrazione di prodotti a base di 5-HTP commercializzati come integratori dietetici. Al momento, però, l'fda non è in grado di stab il ire se la causa di questa sindrome, caratterizzata da aumento di globuli bianchi e seri dolori muscolari sia da attribuire al L-Triptofano, al 5-HTP o ad alcune impurità rilevate in questi prodotti. Come effetti collaterali, la somministrazione di L-5HTP può indurre nausea, occasionalmente vomito e altri disturbi gastrointestinali che generalmente diminuiscono o addirittura scompaiono dopo stabilizzazione del dosaggio. Sono stati segnalati casi di deboli e transitorie variazioni nella pressione sanguigna, raramente palpitazioni, mal di testa, insonnia. Perché fare attenzione quando si assume un integratore? A volte si è così stanchi del dolore che si proverebbe qualsiasi cosa. Chi almeno una volta non l'ha pensato? E questo ci potrebbe portare ad assumere sostanze che in realtà, se mal combinate, possono rivelarsi nocive. "Se è 'naturale non può far male a nessuno". Non è assolutamente così. Tutto ciò che interagisce con il nostro corpo e può essere buono o cattivo. E' indispensab il e fermarsi, pensare, chiedere ed informarsi. Se state assumendo farmaci specifici è bene consultare il medico o il farmacista prima di ut il izzare il 5-HTP. Un primo studio sul New England Journal of Medicine segnala la possibilità che 5-HTP può causare crisi epilettiche nei bambini con sindrome di Down. La sicurezza durante la gravidanza o in allattamento non è stata stabilita, né sulle persone con patologie renali o epatiche, sicuramente più delicate all'assunzione di diverse sostanze. Prima di prendere 5-HTP o qualsiasi altro supplemento, consultate il vostro medico circa la possibilità per interazione con i farmaci che state assumendo, ed assicuratevi che non sia potenzialmente dannoso per una patologia di cui soffrite PHYTO HTP GR I F F O N I A ( Griffonia simplicifolia Baill. ) Famiglia: Leguminosae Droga: semi Costituenti principali: 5-idrossi-triptofano, amidi Attività principali: calmante, ansiolitico, antidepressivo, antiossidante, anoressizzante Impiego terapeutico: ansia, stati di agitazione, fame nervosa, alterazioni tono dell umore, depressione lieve e moderata, insonnia, cefalea cronica Aspetti botanici: La Griffonia è una pianta legnosa di dimensioni significative, nativa delle aree tropicali umide dell Africa. La parte della pianta utilizzata sono i semi, a forma discoidale molto caratteristica e con colorazione variabile dal rossastro all arancio al grigio-nero a seconda dello stato di maturazione. Dai semi, raccolti a maturazione completa, si ottengono la polvere e gli estratti standardizzati al 20-25% di 5-idrossitriptofano per gli utilizzi fitoterapici. Attività farmacologica: La Griffonia è una pianta della tradizione fitoterapica africana rimasta per tempo sconosciuta al di fuori del continente. Il recente interesse è nato dalla rilevata presenza nei suoi semi di 5-idrossi-triptofano (5-HTP), sostanza che svolge azione di precursore della serotonina nell organismo umano.

4 La serotonina è il neurotrasmettitore principalmente coinvolto in diverse funzioni fisiologiche del sistema nervoso tra cui il tono dell umore, la regolazione del sonno e dell appetito. Per questo motivo l utilizzo fitoterapico degli estratti di Griffonia simplicifolia ha destato molto interesse tanto da dare l avvio ad approfondimenti scientifici sul fitocomplesso e alla messa a punto di estratti purificati e standardizzati dai semi della pianta. A livello biochimico, i disturbi dell umore sono stati correlabili alla carenza del neurotrasmettitore serotonina: nel nostro organismo la serotonina viene prodotta a partire dal triptofano, un aminoacido essenziale che, una volta penetrato nella cellula nervosa, viene dapprima trasformato in 5-idrossitriptofano (5-HTP) e quindi in serotonina. I semi della Griffonia simplicifolia contengono proprio 5-HTP, considerato quindi il precursore endogeno della serotonina, e le proprietà degli estratti della pianta sono conseguentemente dovute alla capacità di indurre una maggiore disponibilità del neurotrasmettitore serotonina nell organismo. Da qui il suo utilizzo per il trattamento di emicranie e cefalee anche croniche con buoni risultati (riduzione del numero di episodi e diminuzione dell'intensità). L azione antidepressiva con molteplici effetti sull umore, sonno e appetito del 5-HTP è già stata dimostrata in numerose ricerche farmacologiche e cliniche: gli estratti ottenuti dai semi della Griffonia sono quindi indicati nella formulazione di preparati coadiuvanti il trattamento di stati di depressione lieve e moderata, di forme di depressione associate ad ansia e nei disturbi depressivi stagionali; inoltre, sempre grazie alla capacità di aumentare i livelli endogeni di serotonina, la Griffonia è indicata anche nel trattamento dei disturbi del sonno e ad alterazioni del tono dell umore. Infine, sulla base delle osservazioni che indicano il 5-HTP adatto al controllo della fame nervosa, caratterizzata spesso da uno smodato desiderio di carboidrati, gli estratti di Griffonia sono indicati nella formulazione di prodotti coadiuvanti il controllo del peso: infatti l effetto sulla riduzione del senso di fame è imputabile all aumento della produzione di serotonina, che oltre all umore e al sonno condiziona anche il comportamento alimentare, regolando i meccanismi dell appetito. Dati preliminari di farmacocinetica confermano inoltre che gli effetti della supplementazioni con 5-HTP sono rapidi ed evidenti già dopo 2 settimane. La Griffonia è ritenuta una pianta sicura e ben tollerata alle dosi di impiego indicate. Non si riportano tossicità, controindicazioni, né effetti collaterali significativi, ad eccezione della ipersensibilità individuale e di rare segnalazioni di nausea, palpitazioni ed insonnia per taluni soggetti. E da segnalare che è stata descritta la possibile manifestazione di una sintomatologia, se pur reversibile alla sospensione, la EMS, sindrome eosinofilia-mialgia: l ipotesi di una correlazione all uso di Griffonia rimane tuttavia ancora da confermare e forse più imputabile ad eventuali impurità che al fitocomplesso. Non associare ad altri antidepressivi farmacologici tradizionali. Non usare in gravidanza ed allattamento. BIBLIOGRAFIA Ambalavanar, R. and Morris, R. The distribution of binding by isolectin I-B4 from Griffonia simplicifolia in the trigeminal ganglion and brainstem trigeminal nuclei in the rat. Neuroscience 1992;47(2): View Abstract Ambalavanar, R. and Morris, R. An ultrastructural study of the binding of an alpha-dgalactose specific lectin from Griffonia simplicifolia to trigeminal ganglion neurons and the trigeminal nucleus caudalis in the rat. Neuroscience 1993;52(3): View Abstract Eckhardt, A. E., Malone, B. N., and Goldstein, I. J. Inhibition of Ehrlich ascites tumor cell growth by Griffonia simplicifolia I lectin in vivo. Cancer Res. 1982;42(8): Goldstein, I. J. and Winter, H. G. The Griffonia simplicifolia I-B4 isolectin. A probe for alpha-d-galactosyl end groups. Subcell.Biochem. 1999;32: Greene, A. S., Lombard, J. H., Cowley, A. W., Jr., and Hansen-Smith, F. M. Microvessel changes in hypertension measured by Griffonia simplicifolia I lectin. Hypertension 1990;15(6 Pt 2): Hansen-Smith, F. M., Watson, L., Lu, D. Y., and Goldstein, I. Griffonia simplicifolia I: fluorescent tracer for microcirculatory vessels in nonperfused thin muscles and sectioned muscle. Microvasc.Res. 1988;36(3):

5 Hennigar, R. A., Schulte, B. A., and Spicer, S. S. Histochemical detection of glycogen using Griffonia simplicifolia agglutinin II. Histochem.J. 1986;18(11-12): Hewicker-Trautwein, M. and Schultheis, G. Lectin labelling of amoeboid and ramified microglial cells in the telencephalon of ovine fetuses with the B4 isolectin from Griffonia simplicifolia. J.Comp Pathol. 1994;111(1): Hughes, C. M. and Rudland, P. S. Appearance of myoepithelial cells in developing rat mammary glands identified with the lectins Griffonia simplicifolia-1 and pokeweed mitogen. J.Histochem.Cytochem. 1990;38(11): Hughes, C. M. and Rudland, P. S. Immunocytochemical identification of myoepithelial cells in normal and neoplastic rat mammary glands with the lectins Griffonia simplicifolia-1 and pokeweed mitogen. J.Histochem.Cytochem. 1990;38(11): Hurley, S. D. and Streit, W. J. Griffonia simplicifolia II lectin labels a population of radial glial cells in the embryonic rat brain. Dev.Neurosci. 1995;17(5-6): Ihida, K., Suganuma, T., Tsuyama, S., and Murata, F. Glycoconjugate histochemistry of the rat fundic gland using Griffonia simplicifolia agglutinin-ii during the development. Am.J.Anat. 1988;182(3): Ito, N., Kawahara, S., Hirano, Y., Morimura, Y., Nakajima, K., Uchida, K., and Hirota, T. Localization of blood-grouprelated linear poly-n-acetyllactosamine structure in different human tissues by Griffonia simplicifolia agglutinin-ii staining following endo-beta-galactosidase digestion. Histochem.J. 1994;26(4): Ito, N., Imai, S., Haga, S., Nagaike, C., Morimura, Y., and Hatake, K. Localization of binding sites of Ulex europaeus I, Helix pomatia and Griffonia simplicifolia I-B4 lectins and analysis of their backbone structures by several glycosidases and poly-n-acetyllactosamine-specific lectins in human breast carcinomas. Histochem.Cell Biol. 1996;106(3): Ito, N., Nagaike, C., Morimura, Y., and Hatake, H. Estimation and comparison of the contents of blood group B antigens in selected human tissues by microphotometric quantification of Griffonia simplicifolia agglutinin I-B4 staining with or without prior alpha-galactosidase digestion. Histol.Histopathol. 1997;12(2): Kaifu, R., Plantefaber, L. C., and Goldstein, I. J. 2-Substituted methyl alpha-d-galactopyranosides: synthesis and binding affinity for the A and B subunits of the Griffonia simplicifolia I isolectins. Carbohydr.Res ;140(1): Kaladas, P. M., Kabat, E. A., Shibata, S., and Goldstein, I. J. Immunochemical studies on the binding specificity of the blood group Leb specific lectin Griffonia simplicifolia IV. Arch.Biochem.Biophys. 1983;223(1): Kamada, Y., Muramatsu, H., Muramatsu, T., Kawata, M., Sekiya, S., and Takamizawa, H. Glycopeptides from murine teratocarcinoma cells: structure of the determinants recognised by Griffonia simplicifolia agglutinin I and by sera from patients with ovarian germ cell tumors. Carbohydr.Res ;176(2): Kaur, C. and Ling, E. A. Study of the transformation of amoeboid microglial cells into microglia labelled with the isolectin Griffonia simplicifolia in postnatal rats. Acta Anat.(Basel) 1991;142(2): Kirkeby, S. and Moe, D. Binding of Griffonia simplicifolia 1 isolectin B4 (GS1 B4) to alpha-galactose antigens. Immunol.Cell Biol. 2001;79(2): Kirkeby, S., Winter, H. C., and Goldstein, I. J. Comparison of the binding properties of the mushroom Marasmius oreades lectin and Griffonia simplicifolia I-B isolectin to alphagalactosyl carbohydrate antigens in the surface phase. Xenotransplantation. 2004;11(3): Kiss, R., Camby, I., Duckworth, C., De Decker, R., Salmon, I., Pasteels, J. L., Danguy, A., and Yeaton, P. In vitro influence of Phaseolus vulgaris, Griffonia simplicifolia, concanavalin A, wheat germ, and peanut agglutinins on HCT-15, LoVo, and SW837 human colorectal cancer cell growth. Gut 1997;40(2): Knibbs, R. N., Takagaki, M., Blake, D. A., and Goldstein, I. J. The role of valence on the high-affinity binding of Griffonia simplicifolia isolectins to type A human erythrocytes. Biochemistry ;37(48):

6 Kress, B. C. and Spiro, R. G. Studies on the glycoprotein nature of the thyrotropin receptor: interaction with lectins and purification of the bovine protein with the use of Bandeiraea (Griffonia) simplicifolia I affinity chromatography. Endocrinology 1986;118(3): Kuhlmann, W. D. and Peschke, P. Comparative study of procedures for histological detection of lectin binding by use of Griffonia simplicifolia agglutinin I and gastrointestinal mucosa of the rat. Histochemistry 1984;81(3): Laitinen, L. Griffonia simplicifolia lectins bind specifically to endothelial cells and some epithelial cells in mouse tissues. Histochem.J. 1987;19(4): Lamb, J. E. and Goldstein, I. J. A structural comparison of the A and B subunits of Griffonia simplicifolia I isolectins. Arch.Biochem.Biophys ;229(1): Lang, I., Hahn, T., Dohr, G., Skofitsch, G., and Desoye, G. Heterogeneous histochemical reaction pattern of the lectin Bandeiraea (Griffonia) simplicifolia with blood vessels of human full-term placenta. Cell Tissue Res. 1994;278(3): Lemaire, P. A. and Adosraku, R. K. An HPLC method for the direct assay of the serotonin precursor, 5-hydroxytrophan, in seeds of Griffonia simplicifolia. Phytochem.Anal. 2002;13(6): Lescar, J., Loris, R., Mitchell, E., Gautier, C., Chazalet, V., Cox, V., Wyns, L., Perez, S., Breton, C., and Imberty, A. Isolectins I-A and I-B of Griffonia (Bandeiraea) simplicifolia. Crystal structure of metal-free GS I-B(4) and molecular basis for metal binding and monosaccharide specificity. J.Biol.Chem ;277(8): Li, H., Nomura, S., and Mizuno, N. Binding of the isolectin I-B4 from Griffonia simplicifolia to the general visceral afferents in the vagus nerve: a light- and electron-microscope study in the rat. Neurosci.Lett ;222(1): Li, L. and Zhou, X. F. Pericellular Griffonia simplicifolia I isolectin B4-binding ring structures in the dorsal root ganglia following peripheral nerve injury in rats. J.Comp Neurol ;439(3): Liu, M., Willmott, N. J., Michael, G. J., and Priestley, J. V. Differential ph and capsaicin responses of Griffonia simplicifolia IB4 (IB4)-positive and IB4-negative small sensory neurons. Neuroscience 2004;127(3): Maddox, D. E., Shibata, S., and Goldstein, I. J. Stimulated macrophages express a new glycoprotein receptor reactive with Griffonia simplicifolia I-B4 isolectin. Proc.Natl.Acad.Sci.U.S.A 1982;79(1): Maddox, D. E., Goldstein, I. J., and Lobuglio, A. F. Griffonia simplicifolia I lectin mediates macrophage-induced cytotoxicity against Ehrlich ascites tumor. Cell Immunol ;71(1): McCoy, J. P., Jr., Varani, J., and Goldstein, I. J. Enzyme-linked lectin assay (ELLA): use of alkaline phosphataseconjugated Griffonia simplicifolia B4 isolectin for the detection of alpha-d-galactopyranosyl end groups. Anal.Biochem ;130(2): McCoy, J. P., Jr., Shibuya, N., Riedy, M. C., and Goldstein, I. J. Griffonia simplicifolia I isolectin as a functionally monovalent probe for use in flow cytometry. Cytometry 1986;7(2): Nakayama, J., Katsuyama, T., Ono, K., Honda, T., Akamatsu, T., and Hattori, H. Large bowel carcinoma-specific antigens detected by the lectin, Griffonia simplicifolia agglutinin-ii. Jpn.J.Cancer Res. 1985;76(11): Nakayama, J., Okano, A., Maeda, H., Miyachi, M., Ota, H., Katsuyama, T., and Kanai, M. Griffonia simplicifolia agglutinin-2-binding glycoprotein as a novel carbohydrate antigen of human colonic carcinoma. Jpn.J.Cancer Res. 1990;81(4): Nikrad, P. V., Pearlstone, J. R., Carpenter, M. R., Lemieux, R. U., and Smillie, L. B. Molecular-mass heterogeneity of Griffonia simplicifolia lectin IV subunits. Differences in the oligosaccharide moieties in the N-terminal region. Biochem.J ;272(2): Oinuma, T., Ide, S., Kawano, J., and Suganuma, T. Purification and immunohistochemistry of Griffonia simplicifolia agglutinin-ii-binding mucus glycoprotein in rat stomach. Glycobiology 1994;4(4):

7 Oppenheim, J. D., Amin, A. R., and Thorbecke, G. J. A rapid one step purification procedure for murine IgD based on the specific affinity of Bandeiraea (Griffonia) simplicifolia-1 for N-linked carbohydrates on IgD. J.Immunol.Methods ;130(2): Ota, H., Nakayama, J., Katsuyama, T., and Kanai, M. Histochemical comparison of specificity of three bowel carcinomareactive lectins, Griffonia simplicifolia agglutinin-ii, peanut agglutinin and Ulex europaeus agglutinin-i. Acta Pathol.Jpn. 1988;38(12): Panjwani, N. and Baum, J. A histochemical comparison of human corneal stromal glycoconjugates with eight other species. Distinct species-dictated differences in binding sites of Griffonia simplicifolia I. Histochemistry 1988;89(1): Petryniak, J., Huard, T. K., Nordblom, G. D., and Goldstein, I. J. Lectin binding studies on murine peritoneal cells: physicochemical characterization of the binding of lectins from Datura stramonium, Evonymus europaea, and Griffonia simplicifolia to murine peritoneal cells. Arch.Biochem.Biophys. 1986;244(1): Porter, G. A., Palade, G. E., and Milici, A. J. Differential binding of the lectins Griffonia simplicifolia I and Lycopersicon esculentum to microvascular endothelium: organ-specific localization and partial glycoprotein characterization. Eur.J.Cell Biol. 1990;51(1): Rice, F. L. Structure, vascularization, and innervation of the mystacial pad of the rat as revealed by the lectin Griffonia simplicifolia. J.Comp Neurol ;337(3): Rudland, P. S. and Hughes, C. M. Bindings of the lectins Griffonia simplicifolia-1 and pokeweed mitogen mark discrete stages of myoepithelial-like differentiation of cell lines from the rat mammary gland. J.Cell Physiol 1991;146(2): Sahagun, G., Moore, S. A., Fabry, Z., Schelper, R. L., and Hart, M. N. Purification of murine endothelial cell cultures by flow cytometry using fluorescein-labeled griffonia simplicifolia agglutinin. Am.J.Pathol. 1989;134(6): Shibata, S., Goldstein, I. J., and Baker, D. A. Isolation and characterization of a Lewis b-active lectin from Griffonia simplicifolia seeds. J.Biol.Chem ;257(16): Shimizu, T., Nettesheim, P., Mahler, J. F., and Randell, S. H. Cell type-specific lectin staining of the tracheobronchial epithelium of the rat: quantitative studies with Griffonia simplicifolia I isolectin B4. J.Histochem.Cytochem. 1991;39(1):7-14. Simon, R. H., McCoy, J. P., Jr., Chu, A. E., Dehart, P. D., and Goldstein, I. J. Binding of Griffonia simplicifolia I lectin to rat pulmonary alveolar macrophages and its use in purifying type II alveolar epithelial cells. Biochim.Biophys.Acta ;885(1): Sorokin, S. P. and Hoyt, R. F., Jr. Macrophage development: I. Rationale for using Griffonia simplicifolia isolectin B4 as a marker for the line. Anat.Rec. 1992;232(4): Spohr, U. and Lemieux, R. U. Synthetic, conformational, and immunochemical studies of modified Lewis b and Y human blood-group determinants to serve as probes for the combining site of the lectin IV of Griffonia simplicifolia. Carbohydr.Res ;174: Streit, W. J. An improved staining method for rat microglial cells using the lectin from Griffonia simplicifolia (GSA I-B4). J.Histochem.Cytochem. 1990;38(11): Tabor, D. R., Theus, S. A., Barnett, J. B., and Jacobs, R. F. Macrophage membrane glycoprotein binding of Griffonia simplicifolia I-B4 induces TNF-alpha production and a tumoricidal response. J.Cell Physiol 1992;152(3): Tabor, D. R., Theus, S. A., Barnett, J. B., Tryka, A. F., and Jacobs, R. F. The concurrent expression of Griffonia simplicifolia-ib4 binding and tumor necrosis factor-alpha differs between alveolar and peritoneal macrophages. Proc.Soc.Exp.Biol.Med. 1992;199(3): Tempel, W., Tschampel, S., and Woods, R. J. The xenograft antigen bound to Griffonia simplicifolia lectin 1-B(4). X-ray crystal structure of the complex and molecular dynamics characterization of the binding site. J.Biol.Chem ;277(8):

8 Vandonselaar, M., Delbaere, L. T., Spohr, U., and Lemieux, R. U. Crystallization of the lectin IV of Griffonia simplicifolia and its complexes with the Lewis b and Y human blood group determinants. J.Biol.Chem ;262(22): Wang, H., Rivero-Melian, C., Robertson, B., and Grant, G. Transganglionic transport and binding of the isolectin B4 from Griffonia simplicifolia I in rat primary sensory neurons. Neuroscience 1994;62(2): Wang, H. F., Robertson, B., and Grant, G. Anterograde transport of horseradish-peroxidase conjugated isolectin B4 from Griffonia simplicifolia I in spinal primary sensory neurons of the rat. Brain Res ;811(1-2): Wang, H. F., Shortland, P., Park, M. J., and Grant, G. Retrograde and transganglionic transport of horseradish peroxidase-conjugated cholera toxin B subunit, wheatgerm agglutinin and isolectin B4 from Griffonia simplicifolia I in primary afferent neurons innervating the rat urinary bladder. Neuroscience 1998;87(1): Wang, W. C., Clark, G. F., Smith, D. F., and Cummings, R. D. Separation of oligosaccharides containing terminal alphalinked galactose residues by affinity chromatography on Griffonia simplicifolia I bound to concanavalin A-sepharose. Anal.Biochem. 1988;175(2): Warchol, M. E. Lectin from Griffonia simplicifolia identifies an immature-appearing subpopulation of sensory hair cells in the avian utricle. J.Neurocytol. 2001;30(3): Warfel, A. H., Zucker-Franklin, D., and Zheng, Z. Y. Macrophage membrane glycoproteins that bind Griffonia simplicifolia I-B4: effect on cytotoxicity and protein secretion. J.Cell Physiol 1991;147(2): Watanabe, M., Ohtani, H., Tanaka, M., and Ikehara, H. Appearance of Ulex europaeus agglutinin-1 and Griffonia simplicifolia agglutinin-1 binding sites on cancer cells in sigmo-rectal polyps. Acta Pathol.Jpn. 1992;42(11): Winter, H. C. and Goldstein, I. J. Facile preparation of the alpha-gal-recognizing Griffonia simplicifolia I-B4 isolectin. Carbohydr.Res ;339(1): Wu, A. M., Song, S. C., Wu, J. H., and Kabat, E. A. Affinity of Bandeiraea (Griffonia) simplicifolia lectin-i, isolectin B4 for Gal alpha 1-->4 Gal ligand. Biochem.Biophys.Res.Commun ;216(3): Wu, A. M., Wu, J. H., Song, S. C., and Kabat, E. A. Bandeiraea (Griffonia) simplicifolia lectin-i, isolectin A4, reacting with Tn (Ga1NAc alpha1 --> Ser/Thr) or galabiose (Ga1 alpha1 --> 4Ga1) containing ligands. FEBS Lett ;398(2-3): Wu, A. M., Wu, J. H., Chen, Y. Y., Song, S. C., and Kabat, E. A. Further characterization of the combining sites of Bandeiraea (Griffonia) simplicifolia lectin-i, isolectin A(4). Glycobiology 1999;9(11): Yonezawa, S., Shibata, M., Shimizu, T., Nakamura, T., and Sato, E. Griffonia simplicifolia I-A4 staining of mice glomerular tufts and its alteration in diabetic mice. Acta Pathol.Jpn. 1986;36(11): Zhu-Salzman, K., Shade, R. E., Koiwa, H., Salzman, R. A., Narasimhan, M., Bressan, R. A., Hasegawa, P. M., and Murdock, L. L. Carbohydrate binding and resistance to proteolysis control insecticidal activity of Griffonia simplicifolia lectin II. Proc.Natl.Acad.Sci.U.S.A ;95(25): Zhu-Salzman, K. and Salzman, R. A. Functional mechanics of the plant defensive Griffonia simplicifolia lectin II: resistance to proteolysis is independent of glycoconjugate binding in the insect gut. J.Econ.Entomol. 2001;94(5): Zhu-Salzman, K., Hammen, P. K., Salzman, R. A., Koiwa, H., Bressan, R. A., Murdock, L. L., and Hasegawa, P. M. Calcium modulates protease resistance and carbohydrate binding of a plant defense legume lectin, Griffonia simplicifolia lectin II (GSII). Comp Biochem.Physiol B Biochem.Mol.Biol. 2002;132(2): Zhu, K., Bressan, R. A., Hasegawa, P. M., and Murdock, L. L. Identification of N-acetylglucosamine binding residues in Griffonia simplicifolia lectin II. FEBS Lett ;390(3): Zhu, K., Huesing, J. E., Shade, R. E., Bressan, R. A., Hasegawa, P. M., and Murdock, L. L. An insecticidal N- acetylglucosamine-specific lectin gene from Griffonia simplicifolia (Leguminosae). Plant Physiol 1996;110(1):

9 Duk, M., Lisowska, E., and Kusnierz-Alejska, G. Serologic identification of NOR polyagglutination with Griffonia simplicifolia IB4 lectin. Transfusion 2002;42(6): Duk, M., Lisowska, E., and Kusnierz-Alejska, G. Serologic identification of NOR polyagglutination with Griffonia simplicifolia IB4 lectin. Transfusion 2002;42(6): Dong, X., Amselgruber, W. M., Kaltner, H., Gabius, H. J., and Sinowatz, F. Affinity-purified antibodies against alphagalactosyl residues from human serum: comparison of their binding in bovine testicular tissue with that of the Griffonia simplicifolia lectin (GSI-B4) and impact of labeling on epitope localization. Eur.J.Cell Biol. 1995;68(1): Delbaere, L. T., Vandonselaar, M., Prasad, L., Quail, J. W., Wilson, K. S., and Dauter, Z. Structures of the lectin IV of Griffonia simplicifolia and its complex with the Lewis b human blood group determinant at 2.0 A resolution. J.Mol.Biol ;230(3): de Boeck, H., Loontiens, F. G., Delmotte, F. M., and de Bruyne, C. K. The use of 4-methylumbelliferyl glycosides in binding studies with the lectins BS I-A4, BS I-B4 and BS II from Bandeiraea (Griffonia) simplicifolia. FEBS Lett ;126(2): Chen, Y. F., Boland, C. R., Kraus, E. R., and Goldstein, I. J. The lectin Griffonia simplicifolia I-A4 (GS I-A4) specifically recognizes terminal alpha-linked N-acetylgalactosaminyl groups and is cytotoxic to the human colon cancer cell lines LS174t and SW1116. Int.J.Cancer ;57(4): Carlton, S. M. and Hargett, G. L. Stereological analysis of Ca(2+)/calmodulin-dependent protein kinase II alpha - containing dorsal root ganglion neurons in the rat: colocalization with isolectin Griffonia simplicifolia, calcitonin generelated peptide, or vanilloid receptor 1. J.Comp Neurol ;448(1): Bankston, P. W., Porter, G. A., Milici, A. J., and Palade, G. E. Differential and specific labeling of epithelial and vascular endothelial cells of the rat lung by Lycopersicon esculentum and Griffonia simplicifolia I lectins. Eur.J.Cell Biol. 1991;54(2): Dwuma-Badu D. et al. Constituents of West African Medicinal Plants. XYG. Griffonin and Griffon il ide, Novel Constituents of Griffonia simplicifolia. Lloydia Vol. 39(6), Fellows L.E. et al. Phytochemistry 9: ; 1970 Van Praag H.M. Aromatic Amino Acid Hydroxylases and Mental Disease. Ed. by M.B.H. Youdim, 1979 by John W il ey & Sons Ltd. Barchas J. et al. Academy Press, New York 1977 Mendels J. et al. Br J Psychiatry 126: , 1979 Angst J. Arch Psychiatr Nervenkr 224(2): ; 1977 Nardini M. et al. Int J Clin Pharmacol Res 3(4): ; 1983 Rousseau J. Clin Ther 9(3): ; 1987 Mendlewicz J. et al. J Affect Disord 2(2): ; 1980 Kahn R.S. et al. Int Clin Psychpharmacol 2(1):33-45; 1987 Westenberg H.G.M. Psychopharmacol. 98(2): ; 1989 Den Boer J.A. et al. Psychiatry Research 31(3): ; 1990 Byerley W.F. et al. J Clin Psychopharmacol 7(3): ; 1987

10 Agren H. et al. Acta Psychiat Scand 83(6): ; 1991 Conte G. Br J Psychiatry 152:720; 1988 Zm il acher K. et al. Neuropsychobiology 20(1):28-35; 1988 Van Hiele L.J. Neuropsychobiology 6(4): ;1980 Van Praag H. M. et al. Schweiz Rundschau Med Prax 77(34a):40-46; 1988 Sicuteri F. et al. Arch Allergy 19:55-58; 1961 Curran D.A. et al. Lancet 1:1393; 1972 Anthony M. et al. Arch Neurol 16(5):544-52; 1967 Sicuteri F. Background to Migraine 5:45-56; 1973 Longo G. et al. Pediatr Med Chir 6(2): ; 1984 De Benedittis G. et al. Clin J Pain 2: ; 1986 Centonze V. et al. G Neuropsicofarmacol 4(6): ; 1982 Cassa D. et al. Comptes Rendus du 2eme Congres de la Societe de Neurologie infant il e, Genova 4-6/12/1981 Bono G. et al. Cephalagia 4(3): ; 1984 Romiti A. et al. Algos 3(3):256; 1986 Boiardi A. et al. J Neurol 225(1):41-46; 1981 Lendvai D. et al. Aggior Ped 38:25-28; 1987 Lendvai D. et al. Riv Pediat Siciliana 38(4): ; 1983 Bono G. et al. G Neuropsicofarmacol 4(2); 1982 Birkmayer W. et al. In Siegfried J. (Ed.) Parkinson's disease Hans Huber, Bern, vol. 1, pp , 1972 Birkmayer W. et al. J Neurol Trans 33: ; 1972 Sano I. et al. Munch Med Wschr 114(40): ; 1972 Bastard J. et al. Nouv. Presse Med 5(29): ; 1976 Zarcone V.P. et al. Serotonin and Behavior: ; 1973 Soulairac A. et al. Congrès de Psychiatrie et de Neurologie Monaco 1973 LXX Session Bouchard J.M. et al. Inform Psychiatr 53(2): ; 1977 Herbaut M. Actualités psychiat (Suppl. Ther.);7(2):66-70; 1977 Bibliografia sull' L 5-idrossitriptofano o 5 HTP Angst J, Woggon B, Schoepf J. The treatment of depression with L-5-hydroxytryptophan versus imipramine. Results of two open and one double-blind study. Arch Psychiatr Nervenkr. 1977;224:

11 Attele AS, Xie JT, Yuan CS. Treatment of insomnia: an alternative approach. Altern Med Rev. 2000;5(3): Bhatara VS, Magnus RD, Paul KL, et al. Serotonin syndrome induced by venlafaxine and fluoxetine: a case study in polypharmacy and potential pharmacodynamic and pharmacokinetic mechansims. Ann Pharmacother. 1998;32(4): Birdsall TC. 5-Hydroxytryptophan: a clinically-effective serotonin precursor. Altern Med Rev. 1998;3: Byerley WF, et al. 5-Hydroxytryptophan: a review of its antidepressant efficacy and adverse effects. J Clin Psychopharmacol. 1987;7: Cangiano C, et al. Effects of oral 5-hydroxy-tryptophan on energy intake and macronutrient selection in non-insulin dependent diabetic patients. Int J Obes Relat Metab Disord. 1998; 22: Cangiano C, Ceci F, Cascino A, et al. Eating behavior and adherence to dietary prescriptions in obese adult subjects treated with 5-hydroxytryptophan. J Clin Nutr. 1992;56: Caruso I, Sarzi Puttini P, Cazzola M, et al. Double-blind study of 5-hydroxytryptophan versus placebo in the treatment of primary fibromyalgia syndrome. J Int Med Res. 1990;18: Cauffield JS, Forbes HJ. Dietary supplements used in the treatment of depression, anxiety, and sleep disorders.lippincotts Prim Care Pract. 1999; 3(3): Ceci F, Cangiano C, Cairella M, Cascino A, et al. The effects of oral 5-hydroxytryptophan administration on feeding behavior in obese adult female subjects. J Neural Transm. 1989;76: Curcio JJ, Kim LS, Wollner D, Pockaj BA. The potential of 5-hydryxtryptophan for hot flash reduction: a hypothesis. Altern Med Rev. 2005;10(3): DeBenedittis G, Massei R. Serotonin precursors in chronic primary headache. A double-blind cross-over study with L-5- hydroxytryptophan vs. placebo. J Neurosurg Sci. 1985; 29: DeGiorgis G, et al. Headache in association with sleep disorders in children: a psychodiagnostic evaluation and controlled clinical study L-5-HTP versus placebo. Drugs Exp Clin Res. 1987;13: Elko CJ, Burgess JL, Robertson WO. Zolpidem-associated hallucinations and serotonin reuptake inhibition: a possible interaction. J Toxicol Clin Toxicol. 1998;36(3): Gardner DM, Lynd LD. Sumatriptan contraindications and the serotonin syndrome. Ann Pharmacother.1998;32(1): Joffe RT, Sokolov ST. Co-administration of fluoxetine and sumatriptan: the Canadian experience. Acta Psychiatr Scand. 1997;95(6): Joly P, Lampert A, Thomine E, Lauret P. Development of pseudobullous morphea and sclero-derma-like illness during therapy with L-5-hydroxytryptophan and carbidopa. J Am Acad Dermatol. 1991;25(2): Juhl JH. Primary fibromyalgia syndrome and 5-hydroxy-L-tryptophan: a 90-day open study. Altern Med Rev. 1998;3: Magnussen I, Nielson-Kudsk F. Bioavailability and related pharmacokinetics in man of orally administered L-5- hydroxytryptophan in steady state. Acta Pharmacol et Toxicol. 1980;46: Mason BJ, Blackburn KH. Possible serotonin syndrome associated with tramadol and sertraline coadministration.ann Pharmacother. 1997;31(2): Meyers S. Use of neurotransmitter precursors for treatment of depression. Altern Med Rev. 2000;5(1): Nicolodi M, Sicuteri F. Fibromyalgia and migraine, two faces of the same mechanism. Serotonin as the common clue for pathogenesis and therapy. Adv Exp Med Biol. 1996;398:

12 Perry NK. Venlafaxine-induced serotonin syndrome with relapse following amitripyline. Postgrad Med J. 2000;76(894):254. Puttini PS, Caruso I. Primary fibromyalgia and 5-hydroxy-L-tryptophan: a 90-day open study. J Int Med Res. 1992;20: Rakel D. Rakel Integrative Medicine, 2nd ed. Philadelphia, PA: Saunders; 2008;47. Reibring L, Agren H, Hartvig P, et al. Uptake and utilization of [beta-11c] 5-hydroxytryptophan (5-HTP) in human brain studied by positron emission tomography. Pyschiatry Research. 1992;45: Ribeiro CA. L-5-Hydroxytryptophan in the prophylaxis of chronic tension-type headache: a double-blind, randomized, placebo-controlled study. Headache Jun;40(6): Shaw K, Turner J, Del Mar C. Are tryptophan and 5-hydroxytryptophan effective treatments for depression? A metaanalysis. Aust N Z J Psychiatry Aug;36(4): Spiller HA, Gorman SE, Villalobos D, et al. Prospective multicenter evaluation of tramadol exposure. J Toxicol Clin Toxicol. 1997;35(4): Sternberg EM, Van Woert MH, Young SN, et al. Development of a scleroderma-like illness during therapy with L-5- hydroxytryptophan and carbidopa. New Eng J Med. 1980;303: Toner LC, Tsambiras BM, Catalano G, et al. Central nervous system side effects associated with zolpidem treatment. Clin Neuropharmacol. 2000;23(1): Van Praag HM. Management of depression with serotonin precursors. Biol Psychiatry. 1981;16: Zmilacher K, et al. L-5-hydroxytryptophan alone and in combination with a peripheral decarboxylase inhibitor in the treatment of depression. Neuropsychobiology. 1988;20: Bibliografia sulla serotonina Baskin SM, Lipchik GL, Smitherman TA. Mood and anxiety disorders in chronic headache. Headache, 2006; 46 Suppl 3:S76-87 Beghi E, Allais G, Cortelli P, D'Amico D, De Simone R, d'onofrio F, Genco S, Manzoni GC, Moschiano F, Tonini MC, Torelli P, Quartaroli M, Roncolato M, Salvi S, Bussone G. Headache and anxietydepressive disorder comorbidity: the HADAS study. Neurol Sci. 2007; 28 Suppl 2:S217-9 Breslau N, Davis GC, Migraine, major depression and panic disorder: A prospective epidemiologic study of young adults. Cephalalgia. 1992; 12:85-89 Breslau N, Schultz LR, Stewart WF, Lipton RB, Lucia VC, Welch KM. Headache and major depression: is the association specific to migraine? Neurology. 2000; 54(2): Cazzullo CL. (1993). Psichiatria. Micarelli: Firenze. DeRubeis RJ, Crits-Christoph P. Empirically supported individual and group psychological treatments for adult mental disorders. J Consult Clin Psychol. 1998; 66: Ferrari MD, Odink J, Tapparelli C, Van Kempen GM, Pennings EJ, Bruyn GW. Serotonin metabolism in migraine. Neurology. 1989; 39(9): Guidetti V, Galli F, Fabrizi P, Giannantoni AS, Napoli L, Bruni O, Trillo S. Headache and psychiatric comorbidity: clinical aspects and outcome in an 8-year follow-up study. Cephalalgia. 1998;18(7): Juang KD, Wang SJ, Fuh JL, Lu SR, Su TP. Comorbidity of depressive and anxiety disorders in chronic daily headache and its subtypes. Headache. 2000; 40(10):

13 Lake AE, Rains JC, Penzien DB, LipchiK GL. Headache and psychiatric comorbidity: Historical context, clinical implications, and research relevance. Headache. 2005; 45: Lipchik GL, Smitherman TA, Penzien DB, Holroyd KA. Basic principles and techniques of Cognitive- Behavioral therapies for comorbid psychiatric symptoms among headache patients. Headache, 2006; S Marchesi C, De Ferri A, Petrolini N, Govi A, Manzoni GC, Coiro V, De Risio C. Prevalence of migraine and muscle tension headache in depressive disorders. J Affect Disord. 1989;16(1):33-6. Merikangas KR, Angst J, Isler H. Migraine and psychopathology. Results of the Zurich cohort study of young adults. Arch Gen Psychiatry. 1990; 47(9): Merikangas KR, Merikangas JR, Angst J. Headache syndromes and psychiatric disorders: association and familial transmission. J Psychiatr Res. 1993; 27(2): Merinkangas KR, Stevens DE. Comorbodity of migraine and psychiatric disorders. Neurol Clin 1997; 15: Mitsikostas DD, Thomas AM. Comorbidity of headache and depressive disorders. Cephalalgia 1999; 19 (4), Penzien NR, McCrory DC, Gray RN, Nash J, Dickersin K. Behavioral therapies for migraine (Protocol). Cochrane Database of Systematic Reviews Puca F, Genco S, Prudenzano MP, Savarese M, Bussone G, D'Amico D, Cerbo R, Gala C, Coppola MT, Gallai V, Firenze C, Sarchielli P, Guazzelli M, Guidetti V, Manzoni G, Granella F, Muratorio A, Bonuccelli U, Nuti A, Nappi G, Sandrini G, Verri AP, Sicuteri F, Marabini S. Psychiatric comorbidity and psychosocial stress in patients with tension-type headache from headache centers in Italy. The Italian Collaborative Group for the Study of Psychopathological Factors in Primary Headaches. Cephalalgia Apr;19(3): Rozen TD, Nikham RM, Schechter AL. Cluster headache in women: clinical characteristics and comparison with cluster headache in menj Neurol Neurosurg Psychiatry, 2001 May; 70 (5): Silberstein SD, Lipton RB, Breslau N. Migraine: association with personality characteristics and psychopathology. Cephalalgia Oct;15(5): Stewart WF, Linet MS, Celetano DD, Migraine Headaches and panic attacks. Psychosom Med. 1989; 51: Venable VL, Carlson CR e Wilson J. (2001). The role of anger and depression in recurrent headache. Headache 41, 1, Wang SJ, Juang KD, Fuh JL, Lu SR. Psychiatric comorbidity and suicide risk in adolescents with chronic daily headache. Neurology. 2007; 68(18): Altre 212 voci inerenti lavori scientifici sull'argomento a questo link:

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL PROF.

DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL PROF. DIPARTIMENTO DI Medicina Interna, Immunologia Clinica, Nutrizione Clinica ed Endocrinologia CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL PROF. Francesco Di Sabato DATI PERSONALI Nome e Cognome Francesco Di Sabato

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 3 Indice n IntroduzIone...5 n LA.dIGeStIone...7 n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 n L APPArAto.dIGerente...15 Stomaco... 18 Intestino... 23 Ghiandole salivari... 29 Fegato... 30 Cistifellea... 32 n Le.CoMPLICAnze.deLLA.dIGeStIone...

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL Visioli et al. Low density lipoprotein oxidation is inhibited by olive oil constituents. Atherosclerosis 1995; 117: 25-32 Visioli et al. Free radical-scavenging properties

Dettagli

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia!

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia! PSICHE E DISTURBI DIGESTIVI LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO la salute è una condizione di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente l assenza di una malattia

Dettagli

La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In

La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In L. Notari DVM, MSc La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In Medicina Umana l approccio evidence-based

Dettagli

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello PARTE 1 Parte 1 978-88-08-19583-8 1 Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello La farmacologia è la scienza che studia come i farmaci influenzano il

Dettagli

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Epidemiologia Disturbi dell Umore Prevalenza Maschi/ femmine Età di esordio Depressione

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

SCHEMA THERAPY nel trattamento

SCHEMA THERAPY nel trattamento seminariodi due giorni SCHEMA THERAPY nel trattamento dei DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE RELATRICE Vartouhi Ohanian Consultant Clinical Psychologist In collaborazione con Schema Therapy UK Un organizzazione

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

La Terapia Farmacologica. giovedì 26 novembre 15

La Terapia Farmacologica. giovedì 26 novembre 15 La Terapia Farmacologica Introduzione - Non esistono farmaci specifici per la cura dell autismo: non esistono cioé farmaci attivi sul disturbo dello sviluppo in sé; - L approccio farmacologico ha valenza

Dettagli

Geni che codificano per il CCR5

Geni che codificano per il CCR5 Geni che codificano per il CCR5 Gli individui con due copie normali del gene CCR5 sono predominanti nella popolazione generale e sono suscettibili d infezione da parte di HIV-1. 3,9 Gli eterozigoti Δ 32

Dettagli

Abiraterone nel carcinoma prostatico metastatico: efficacia ed interazioni

Abiraterone nel carcinoma prostatico metastatico: efficacia ed interazioni Abiraterone nel carcinoma prostatico metastatico: efficacia ed interazioni Gli androgeni hanno un ruolo importante nella progressione del carcinoma prostatico. Si è infatti constatato come la castrazione

Dettagli

RILEVANZA CLINICA DELLA CINETICA DEI FARMACI DOPAMINERGICI

RILEVANZA CLINICA DELLA CINETICA DEI FARMACI DOPAMINERGICI RILEVANZA CLINICA DELLA CINETICA DEI FARMACI DOPAMINERGICI CINETICA E FARMACODINAMICA DELLA LEVODOPA Giovanni Fabbrini Dipartimento di Neurologia e Psichiatria Sapienza Università di Roma I principi della

Dettagli

Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue

Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue «Etica e Ricerca per assistere e curare in oncologia» III Congresso Nazionale AIIAO Ancona, 29-31 Maggio 2014 Carla Pedrazzani Istituto Oncologico della

Dettagli

Sindrome premestruale (spm)

Sindrome premestruale (spm) Sindrome premestruale (spm) Gli sbalzi ormonali degli estrogeni e del progesterone nel cervello di una giovane adolescente determinano delle variazioni settimanali nella sensibilità e reattività allo stress

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI?

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? CHE COSA E L ETA DI INSORGENZA? Vi sono vari criteri, non univoci, per definire l età di insorgenza

Dettagli

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto RIZA Sommario Capitolo 1 Le vitamine, sostanze indispensabili al corpo 7 Capitolo 2 La vitamina C: formula, storia

Dettagli

TERAPIA FARMACOLOGICA della M. DI ALZHEIMER. Dr. Massimo Moleri responsbile U.O. Neurologia CSC S. Francesco

TERAPIA FARMACOLOGICA della M. DI ALZHEIMER. Dr. Massimo Moleri responsbile U.O. Neurologia CSC S. Francesco TERAPIA FARMACOLOGICA della M. DI ALZHEIMER Dr. Massimo Moleri responsbile U.O. Neurologia CSC S. Francesco APPROCCIO TERAPEUTICO AL PAZIENTE CON M.DI ALZHEIMER Terapia mirata alla cura dei sintomi cognitivi

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACICLOVIR ABC 800 mg COMPRESSE ACICLOVIR ABC 400 mg/5 ml SOSPENSIONE ORALE 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Aciclovir

Dettagli

Titolo: STUDIO MULTICENTRICO OSSERVAZIONALE SUI PREDITTORI DELLA QUALITÀ DELLA VITA NEI PAZIENTI CON MALATTIA DI PARKINSON E NEI LORO FAMILIARI

Titolo: STUDIO MULTICENTRICO OSSERVAZIONALE SUI PREDITTORI DELLA QUALITÀ DELLA VITA NEI PAZIENTI CON MALATTIA DI PARKINSON E NEI LORO FAMILIARI PROTOCOLLO DI STUDIO Titolo: STUDIO MULTICENTRICO OSSERVAZIONALE SUI PREDITTORI DELLA QUALITÀ DELLA VITA NEI PAZIENTI CON MALATTIA DI PARKINSON E NEI LORO FAMILIARI Promotore: Centro Coordinatore: IRCCS

Dettagli

Farmacologia delle emozioni

Farmacologia delle emozioni Farmacologia delle emozioni 17 passioni in mostra INIZIO LE EMOZIONI MALATE ANSIA E DISTURBI D ANSIA IL CERVELLO E I DISTURBI D ANSIA Le emozioni malate Le emozioni sono funzioni complesse, espressione

Dettagli

Amministrazione dell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Bergamo Dirigente Medico presso la II Unità Operativa di Psichiatria

Amministrazione dell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Bergamo Dirigente Medico presso la II Unità Operativa di Psichiatria INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tancredi Filippo Data di nascita 09/12/1966 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Medico Numero telefonico dell ufficio 035/4212791 Fax dell ufficio 035/4212806 E-mail

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Este, sala Fumanelli, sabato 14 settembre 2013 PRINCIPI DI TERAPIA PSICHIATRICA NELL ANZIANO Dott. Lino Pasqui

Dettagli

Disturbi d ansia. Vanessa De Leonardis

Disturbi d ansia. Vanessa De Leonardis Disturbi d ansia Vanessa De Leonardis L ANSIA è una reazione istintiva di difesa, un allarme proprio dell istinto di conservazione, che anticipa un potenziale pericolo. STIMOLI ESTERNI processi COGNITIVI

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Documenti per lo studio Giuseppe Caracciolo, Cardiologist e Clinical Research Physician, Menarini Ricerche Alessandra Milani, Coordinatore

Dettagli

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari?

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Stefano Maria Zuccaro 12 GIUGNO 2015 18 marzo 2014 Cascata dell acido arachidonico CASCATA DELL ACIDO ARACHDONICO Il mismatch

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

Due obiettivi principali:

Due obiettivi principali: Massa E., Conti L., Amadori F., Pierini P., Silvestre V., Vona M. terzocentro@iol.it @ www.terzocentro.it Inclusione dei familiari nel trattamento del paziente grave. Due obiettivi principali: Potenziare

Dettagli

CURRICULUM VITAE. DELLA Dr.ssa SHEILA LEO E

CURRICULUM VITAE. DELLA Dr.ssa SHEILA LEO E CURRICULUM VITAE DELLA Dr.ssa SHEILA LEO E 2 OTE BIOGRAFICHE E DI CARRIERA 1976. Nasce a Taviano (LE) il 02 Novembre. 1994. Consegue la Maturità Magistrale presso l Istituto Magistrale Statale Giosuè Carduccci

Dettagli

Crisi convulsive Sostanze psicoattive

Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI CONVULSIVE Susseguirsi di movimenti

Dettagli

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Numa Pedrazzetti Farmacista F.P.H. Spec. F.P.H. Istituti di cura Contesto generale Invecchiamento della popolazione over 65 il 6% nel 1900 16% nel 2000

Dettagli

Riduzione graduale degli antidepressivi (Il protocollo Tartaruga)

Riduzione graduale degli antidepressivi (Il protocollo Tartaruga) Riduzione graduale degli antidepressivi (Il protocollo Tartaruga) Antidepressivi come il Citalopram, Escitalopram (Cipralex, Entact), Sertralina (Zoloft), Paroxetina (Seroxat, Sereupin, Stiliden), Fluoxetina

Dettagli

Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson. Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia

Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson. Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia PERCHE L ALIMENTAZIONE HA UN RUOLO DETERMINANTE NELLA MALATTIA DI PARKINSON?

Dettagli

La terapia farmacologica

La terapia farmacologica La terapia farmacologica Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Dipartimento Medicina e Riabilitazione, Istituto Clinico S.Anna, Brescia Gli outcome del trattamento del delirum Prevenzione

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 Centro di riferimento per la Fitoterapia Cannabis terapeutica: l'esperienza della Regione Toscana. Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 www.cerfit.org www.cerfit.org www.cerfit.org Immortality pills Tang Dynasty

Dettagli

Contributi a convegni scientifici

Contributi a convegni scientifici Contributi a convegni scientifici Cefalea in età evolutiva Ardovini C., Bruni O., Cortesi F. & Guidetti V. (1991) - "DSM-III R vs ACL: applicability in preadolescence and adolescence primary headache".

Dettagli

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Affrontare il Dolore cronico in ambito clinico. Licia Serra Centro Sociale Oncologico ASS1 4 marzo 2010 Definizione di DOLORE Un esperienza

Dettagli

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITÀ REGOLATORIE EUROPEE E L'AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) Marzo 2011 Restrizione dell indicazione terapeutica della specialità medicinale ZERIT

Dettagli

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA 1 ottobre 2011 IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA Dott.ssa Elena Fachinat DATI EPIDEMIOLOGICI : Prevalenza stimata di ipotiroidismo conclamato in gravidanza : 0,3-0,5% Prevalenza stimata di ipotiroidismo subclinico

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fax E-mail MARIA PONTILLO maria.pontillo@opbg.net maria.pontillo@uniroma1.it Nazionalità Data di nascita

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA Programmi Corsi AA 2012/2013 3 ANNO CORSO INTEGRATO COORDINATORI Psicopedagogia II Salis Francesca Pagina 2 Scienza della riabilitazione psichiatrica

Dettagli

Riassunto delle caratteristiche del prodotto

Riassunto delle caratteristiche del prodotto Riassunto delle caratteristiche del prodotto 1 DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITÀ MEDICINALE Calcio Carbonato + vitamina D3 ABC 1000 mg/880 U.I. granulato effervescente 2 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA

LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA Associazione Culturale Micene 1 Congresso Nazionale Evoluzione della Scienza e della Tecnica LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA Dr. Federico Selvaggi Università degli Studi G. d Annunzio Chieti/Pescara

Dettagli

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Il British Medical Journal pubblica un articolo non equilibrato riguardante dabigatran Ingelheim, Germany, 23 luglio

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Maurizio Gasperi Dipartimento di S.pe.S. Cattedra di Endocrinologia Università del Molise. Genere ed ormoni. Campobasso 15/05/2008

Maurizio Gasperi Dipartimento di S.pe.S. Cattedra di Endocrinologia Università del Molise. Genere ed ormoni. Campobasso 15/05/2008 Maurizio Gasperi Dipartimento di S.pe.S. Cattedra di Endocrinologia Università del Molise Genere ed ormoni Campobasso 15/05/2008 Aspetti di fisiologia Aspetti di patologia Aspetti di fisiologia Aspetti

Dettagli

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE Roma, 14 aprile 2015 Appropriatezza ed innovazione: le sfide della ricerca Teresa Calamia ELENCO FARMACI

Dettagli

La terapia dei disturbi depressivi: criticità nella scelta alla cura e

La terapia dei disturbi depressivi: criticità nella scelta alla cura e La terapia dei disturbi depressivi: criticità nella scelta alla cura e nella gestione del trattamento, dai vecchi ai nuovi farmaci Marcello Nardini Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche

Dettagli

Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale

Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale La trasfusione placentare: fisiologia Taglio precoce e tardivo: effetti nel nato a termine e pretermine Gestione del III stadio del travaglio

Dettagli

Ostarina H 3 C O OH NH O N F F F. Nome Ostarina (Ostarine) Struttura molecolare. Formula di struttura C 19 N 3 H 14 F 3 O 3. Numero CAS 841205-47-8

Ostarina H 3 C O OH NH O N F F F. Nome Ostarina (Ostarine) Struttura molecolare. Formula di struttura C 19 N 3 H 14 F 3 O 3. Numero CAS 841205-47-8 NEW DRUGS Nuove Sostanze Psicoattive Ostarina Nome Ostarina (Ostarine) Struttura molecolare H 3 C O OH NH O N F F F N Formula di struttura C 19 H 14 F 3 N 3 O 3 Numero CAS 841205-47-8 Nome IUPAC (2S) 3-(4-cyanophenoxy)-N-[4-cyano-3-(trifluoromethyl)phenyl]-2-hydroxy-2-methyl-propanamide

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

Innovazione e ingegno

Innovazione e ingegno 10 Congresso Nazionale SEGI 26 Maggio 2015 Video Meeting SICHIG ISTERECTOMIA OGGI Innovazione e ingegno TECNICHE A CONFRONTO L. Frigerio Roma - Università Cattolica del Sacro Cuore Isterectomia Eseguita

Dettagli

Nuovi dispositivi ricaricabili per il trattamento del Parkinson

Nuovi dispositivi ricaricabili per il trattamento del Parkinson Nuovi dispositivi ricaricabili per il trattamento del Parkinson Nuove terapie non farmacologiche: lo Stimolatore Cerebrale Ricaricabile controlla i sintomi della malattia e non richiede frequenti sostituzioni.

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

Reportistica per la medicina generale. Rel. 2.0

Reportistica per la medicina generale. Rel. 2.0 Reportistica per la medicina generale Rel. 2.0 NEWS integrazione del report di spesa e consumi con indicatori di cura: A) politerapie concomitanti; B) terapia del dolore C) interazioni tra coppie di farmaci

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA Andrea MAGNANO Dirigente Nefrologo UOC Medicina Interna Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro Azienda USL di Parma DEFINIZIONE THE

Dettagli

GIUSEPPINA BOIDI. Che cosa sono e come funzionano?

GIUSEPPINA BOIDI. Che cosa sono e come funzionano? GIUSEPPINA BOIDI CAPITOLO 3 PSICOFARMACI: È SEMPRE NECESSARIO PRENDERLI? 99 Che cosa sono e come funzionano? Gli psicofarmaci sono medicine che agiscono su specifiche sostanze chimiche presenti nel nostro

Dettagli

Liborio Parrino Centro di Medicina del Sonno Dipartimento di Neuroscienze Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma SONNO E ALIMENTAZIONE

Liborio Parrino Centro di Medicina del Sonno Dipartimento di Neuroscienze Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma SONNO E ALIMENTAZIONE Liborio Parrino Centro di Medicina del Sonno Dipartimento di Neuroscienze Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma SONNO E ALIMENTAZIONE Aristotele durante la digestione si formano vapori che salgono

Dettagli

ALLEGATO CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DEL RIFIUTO PRESENTATI DALL EMEA

ALLEGATO CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DEL RIFIUTO PRESENTATI DALL EMEA ALLEGATO CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DEL RIFIUTO PRESENTATI DALL EMEA RIASSUNTO GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DI IMPULSOR Impulsor contiene milnacipran, un principio attivo noto che appartiene

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

Le nuove molecole in oncologia prostatica. Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta

Le nuove molecole in oncologia prostatica. Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta Le nuove molecole in oncologia prostatica Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta Castration 2013 Abiraterone 1996 Mitoxantrone 2004 Docetaxel Death Tumor volume Local Therapy

Dettagli

DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO (DOC) (OCD Obsessive Compulsive Disorder)

DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO (DOC) (OCD Obsessive Compulsive Disorder) DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO (DOC) (OCD Obsessive Compulsive Disorder) Una donna va dal dermatologo, lamentandosi di avere la pelle estremamente secca e di sentirsi sempre sporca. Sta sotto la doccia

Dettagli

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I)

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I) ALLEGATO II CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DELLA MODIFICA DEI RIASSUNTI DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO E DEI FOGLIETTI ILLUSTRATIVI PRESENTATI DALL AGENZIA EUROPEA PER I MEDICINALI 108 CONCLUSIONI

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GALLO FRANCESCO Data di nascita 04/03/1965. Amministrazione ASL TO 1

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GALLO FRANCESCO Data di nascita 04/03/1965. Amministrazione ASL TO 1 INFORMAZIONI PERSONALI Nome GALLO FRANCESCO Data di nascita 04/03/1965 Qualifica MEDICO Amministrazione ASL TO 1 Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente ASL I fascia - Dipartimento Patologie

Dettagli

MODULO 2 BIS: DESCRIZIONE DEL CONTRIBUTO DI CIASCUNA UNITÀ OPERATIVA

MODULO 2 BIS: DESCRIZIONE DEL CONTRIBUTO DI CIASCUNA UNITÀ OPERATIVA MODULO 2 BIS: DESCRIZIONE DEL CONTRIBUTO DI CIASCUNA UNITÀ OPERATIVA (Si devono presentare tanti moduli 2 bis quante sono le Unità Operative coinvolte) UNITÀ OPERATIVA: Servizio di Psicologia RESPONSABILE

Dettagli

Dott. Emilio De Pasquale Responsabile Ser. T. A.S.P. di Vibo Valentia

Dott. Emilio De Pasquale Responsabile Ser. T. A.S.P. di Vibo Valentia 1 - La dipendenza da Nicotina 2 - Trattamenti farmacologici (Vareniclina, Bupropione, Nicotina) e interazioni con i principali farmaci delle altre dipendenze Dott. Emilio De Pasquale Responsabile Ser.

Dettagli

ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa»

ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa» ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa» Estratto determinazione UVA/N/V n. 902 del 16 aprile 2010 Titolare AIC: FERRING S.P.A. (codice fiscale

Dettagli

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI DIPENDENZA DA CANNABINOIDI La cannabis è forse la prima pianta ad essere stata coltivata dall uomo a scopo non commestibile Da sempre è utilizzata per le sue proprietà psicoattive e per produrre fibre

Dettagli

Recettore per l IFNα

Recettore per l IFNα Università degli Studi di Torino Scuola Universitaria per le Biotecnologie Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Recettore per l IFNα Riccardo Pizzo 1 Complesso ifnar1-ifnar2 2 Organizzazione

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prof. Sergio Pecorelli Presidente, Agenzia Italiana del Farmaco Relazione tra consumo di farmaci e aspettativa di vita in

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Patogenesie terapiadellagbs

Patogenesie terapiadellagbs Patogenesie terapiadellagbs IL RUOLO DELLE IMMUNOGLOBULINE NELLA PATOLOGIA NEUROLOGICA MILANO 6 MARZO 2015 SALA Pirelli Raffaella Fazio Ospedale San Raffaele DEFINIZIONE Guillain-Barrè syndrome is a acute

Dettagli

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI Nato a Roma il 12-04-1961 e ivi residente in Via Antonino Giuffrè 129 Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza il 07-04-1988

Dettagli

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI?

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? Firenze, 31 marzo 2012 Francesco Valitutti UOC Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli

un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE STEATOSI EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI

un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE STEATOSI EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI A base di SILIBINA COMPLESSATA STEATOSI STEATOEPATITE EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE NON ALCOLICA (NASH) è una patologia emergente (1) colpisce circa

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Dolore neuropatico Trattamento non farmacologico. G. Pinato. Istituto Oncologico Veneto (I.O.V.) Padova

Dolore neuropatico Trattamento non farmacologico. G. Pinato. Istituto Oncologico Veneto (I.O.V.) Padova Dolore neuropatico Trattamento non farmacologico G. Pinato Istituto Oncologico Veneto (I.O.V.) Padova Algoritmo terapeutico Attività fisica FANS FKT Antidepressivi Terapia occupazionale Oppiodi minori

Dettagli

floriana.costanzo@opbg.net menghinideny@gmail.com

floriana.costanzo@opbg.net menghinideny@gmail.com floriana.costanzo@opbg.net menghinideny@gmail.com 1 Deep Brain Stimulation Transcranial Magnetic Stimulation Transcranial Direct Current Stimulation Elettrodi impiantati chirurgicamente nel cervello Parkinson,

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli