Dottor Alberto Mario Bargossi m c

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dottor Alberto Mario Bargossi m c"

Transcript

1 Versione finale: 19 aprile 2012 COME E QUANDO INTEGRARE LE PROTEINE NELLA DIETA DELL ATLETA E DELLO SPORTIVO Dottor Alberto Mario Bargossi m c Die Energie Der Welt Bleibt Konstat Die Entropie Streibt Eine Maximum Zu. R Clausius1850 Riassunto Recenti mirate ricerche sembrano avvalorare il modello, ipotizzato su base empirica, sin dall antichità greca e romana, che sia in attività di resistenza che soprattutto di potenza, per sportivi e atleti agonisti, assumere giornalmente una quantità di proteine maggiore di quella indicata ufficialmente (LARN ; RDA; PRI) come raccomandata, sia efficace e permetta di ottenere masse muscolari maggiori e più forti e protegga la massa magra dal catabolismo post esercizio. La qualità delle proteine alimentari è stata analizzata dalle diverse Autorities: FAO_ONU_OMS secondo indicatori di qualità che presentano punti di forza e svantaggi. Tali sono: Indice chimico ( o Chem.Score), Protein Efficiency Ratio, Net Protein tilization, Biological Value, Protein Digestibility Corrected Amino Acid Score (PDCAAS). Peraltro è necessaria una premessa: la scelta stessa della cosiddetta proteina di riferimento indica che le valutazioni delle Autorities hanno come punto d interesse il buon stato di salute delle popolazioni in generale piuttosto che la popolazione dei giovani adulti o degli sportivi.

2 Oggi, diventa di interesse primario ri/considerare le proteine della dieta non solo valutandone la funzione plastica o energetica, ma anche considerandone aspetti di modulazione di sistemi legata al profilo e alla concentrazione degli Amminoacidi componenti. Si considera, (cfr tabelle comparative) la composizione Amminoacidica e la qualità di alcune proteine animali:carni, prodotti del latte, uovo. Tra le proteine vegetali i derivati della soia. Per concludere: è provata, considerandone Indice Chimico (Chemical Score) e Valore Biologico, la qualità superiore delle proteine animali; e in tal senso quest opinione è maggioritaria e condivisa tra quanti si occupano di nutrizione e sport. Tuttavia un appropriata combinazione di proteine di origine vegetali (ad esempio: legumi e cerali) può conseguire un apporto proteico qualitativamente analogo; ma in questo caso soprattutto dovranno esser considerati anche gli aspetti qualitativi e quantitativi della razione dietetica. Infine non sarà mai ripetuto invano quanto sia prioritaria la scelta di prodotti di alta qualità. L opinione di chi scrive infine, è che nella scelta di integratori e supplementi proteici e amminoacidici si debba procedere avendo verificate sia l aderenza del Produttore alla più recente normativa DIN EN ISO serie 9000 che valutando le garanzie di qualità e tracciabilità del Good Manufactoring Practice (GMP) e poi l Indice Chimico (Chem. Score) e il V B nelle tabelle di composizione del prodotto. Ogni lotto commercializzato dei prodotti dovrebbe preventivamente esser stato testato da un Laboratorio Antidoping indipendente o di Sanità Pubblica, e esser certificato privo di precursori di steroidi e nandrolone e testosterone, e privo di amfetamine ed efedrine vietati dalla normativa antidoping vigente. Introduzione L allenamento (diagramma 1) è il luogo dei punti dei carichi di lavoro,, del recupero, dell alimentazione.

3 La percentuale di forza impiegata, il numero di ripetizioni/ripetute e la modalità di esecuzione insieme al recupero risultano le discriminanti tra allenamento di intensità e allenamento di volume. L intensità di un esercizio di potenza (resistence) si potrebbe definire in kgm 2 sec -3 considerandone carico, ripetizioni/ripetute, serie, nel tempo di esecuzione (t 1 ) diviso per il tempo di recupero (t 2 ) : [(Kg x Ripetizioni / t 1 ) x Serie] /t 2 Finalità dell allenamento è rendere possibile, mediante la supercompensazione adattativa morfofunzionale (diagramma 2) una risposta adeguata allo stimolo che sia funzionale all end_point identificato: prestazione o benessere. Si noti che i fenomeni di supercompensazione non sono sincronici ma diacronici.

4 In ciò si dovrà anche considerare (diagramma 3) l indicazione offerta dalla variazione della concentrazione Amminoacidica plasmatica dopo esercizi di endurance piuttosto che di resistance. La dieta dell atleta e dello sportivo [diagramma 3] dovrà essere personalizzata e adeguata alla periodizzazione e fasi dell allenamento e della stagione agonistica. Il diagramma sintetizza si la struttura della razione dietetica che deve rispondere alle richieste create dagli stimoli, in forma energetica e plastica con aumento della massa proteica (proteine regolatorie e strutturali e enzimi) e muscolare (miociti ). La quota proteico-amminoacidica [stimata grossolanamente con valori attorno al 20% delle calorie (1,4-2,4 gxkg -1 /die Lemon 1995)] ha minore importanza energetica e

5 maggior valenza plastica e di neuro modulazione. La quota di Amminoacidi eccedente la concentrazione dello amminoacido limitante non utilizzata per la sintesi proteica è disponibile per le diverse vie ossidative. In tal modo trova spiegazione anche l osservazione del maggior potere saziante di un alimento con una proteina incompleta cioè con componente proteica a minor indice chimico rispetto ad un alimento con una proteina (sempre espressa come indice chimico ) completa: nel primo caso la quota amminoacidica non utilizzabile per la sintesi di nuove proteine è destinata all ossidazione e contribuisce al senso di sazietà. Si è soliti considerare la qualità di una proteina come funzione della capacità di quella proteina di render disponibili aminoacidi secondo un profilo amminoacidico (concetto del chemical score o indice chimico) che risponda alla richiesta di fornire materiale adeguato per la re_/neo_sintesi proteica valutata come velocità di crescita di un animale o rispetto al bilancio dell azoto e anche come possibile fonte di ossidabili nelle vie della produzione d energia. L epidemiologia ha guidato molte recenti ricerche che, in atto, confermano l ipotesi che una maggior assunzione di proteine risulti in masse muscolari maggiori e più forti e protegga la massa magra. A questo fanno riferimento il diagramma seguente (diagramma 4) che riporta anche i diversi indicatori impiegati (descritti in seguito) per valutare la efficacia dei diversi dosaggi di proteine utilizzati)e il diagramma 5 che riassume le ultime raccomandazioni di assunzione giornaliera (indicazioni RDA) per atleti di endourance e di resistance.

6 Di grande attualità appare poi analizzare le proteine della dieta considerandone il profilo amminoacidico in funzione della prestazione e degli end-points salutistici che ci si propone di conseguire. Studi relativamente recenti, ma di estremo interesse e attuali, meglio indicano la complessità dell interazione proteico-amminoacidica rispetto a fenomeni diversi dall impiego energetico e anche, o soprattutto, dalla sintesi proteica: tali ad esempio la funzionalità gastroenterica, l omeostasi glicemica, la composizione corporea, il cell signaling la sazietà. (Millward DJ 1999 Inherent difficulties in defining Aminoacids requirements. In: The role of proteins and amino acids in sustaining and enhancing performance. Food, and Nutrition Board; Institute of Medicine _ Washington DC:National Academic Press 1999 ; ) E d altra parte l alimentazione rappresenta il regolatore interno (anche culturale) delle attività endocrine e nervose. Vi sono evidenti prove che supportano il concetto che al di là delle quantità raccomandate in via ufficiale, la qualità delle proteine faccia la differenza. Rimane tuttora oggetto di indagine la quantità e la qualità ideale di proteine da considerarsi capace di assicurare uno stato di benessere e salute e in particolare di ottimizzare le risposte di adattamento super compensativo negli sportivi e negli atleti. Punti acquisiti sono che la quota proteica teorica da assumersi non può esser disgiunta dalla : 1) preliminare attenta valutazione del valore calorico dei nutrienti della razione alimentare 2) considerazione di quale sia la richiesta specifica dell individuo che assume il cibo 3) successiva e necessaria considerazione della manipolazione degli alimenti che compongono tale razione alimentare cioè quale sia il mix di nutrienti che costituisce l alimento di cui si valuta la qualità proteica (col concetto di densità proteica )

7 Vanno poi distinte: proteine degli alimenti e proteine degli integratori. Si ricorda la suddivisione degli AAc. in AAc.essenziali (9 Val, Ile, Leu, Lys, Met, Phe, Thr, Trp,Hhis) AAc.semi-essenziali(2 Cys, Tit) AAc.condizionatamente essenziali (5 Gly, Pro, Arg, Glu, Tau). Indici di Valutazione delle Proteine La qualità delle proteine alimentari è stata analizzata dalle diverse commissioni internazionali secondo indici biologici e chimici che presentano punti di forza e svantaggi soprattutto in funzione degli end-points desiderati, ma va preliminarmente osservato che nessuno degli indici sotto elencati è specifico né per sportivi né per atleti agonisti. 1. Chemical score o Indice Chimico : è il raffronto tra l amminoacidogramma della proteina da testare e l Amminoacidogramma della proteina di riferimento con particolare attenzione agli Amminoacidi essenziali (la ratio può essere > 1.0). Lo score è espresso dal valore dell'aminoacido essenziale meno rappresentato e che costituisce anche l'aminoacido limitante quello cioè la cui concentrazione minima determina la capacità di utilizzare in funzione plastica una proteina. Nella tabella seguente (1) si riporta il profilo Amminoacidico proposto (LARN 1996) per definire l indice chimico nell adulto (> 18 anni) calcolato a partire dal livello di sicurezza stimato = 0,75 g x kg -1 di massa corporea e quello di alcuni alimenti ad alta densità proteica. L aggiornamento dei LARN, che tien conto da quanto definito dalle Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA), sarà presentato durante il prossimo congresso SINU 2012 a Bologna. Tab 1 AAc. in g * kg - 1 di massa dell adulto; calcolato a partire dal livello di sicurezza = 0,75 g x kg - 1 di massa corporea Caseina proteine = 80% Siero di latte Latte intero proteine = 0 3.3% Uovo intero proteine = 12.4% Uovo Tuorlo proteine = 15.8% Albume proteine = 10.7% g/100g di Proteina del cibo (Food Chem 3 ed) His 1, / 2.3 Ile 1,3 5.7 / / 7.0 Leu 1,9 8.9/ / / 9.5 Lys 1,6 8.2/ /6.5 Met + Cys 1, / Phe + Tyr 1,9 4.36/ / / Thr 0, / 4.8

8 Trp 0,5 1.5/ / 1.6 Val 1,3 5.68/ /8.4 Amminoacidi presenti nei cibi e non considerati nel Joint delle diverse Authorities (FAO/OMS/UNU) Ala / 6.5 Arg / 6.3 Asx (Asp+Asn) / 8.5 Glx 11.6/ / / 15.2 (Glu+Gln) Gly / 4.0 Pro / 7.5 Ser / 7.5 Lisina (Lys), Metionina (Met), Triptofano (Trp) sono i più frequenti AAc. Limitanti negli alimenti. 2) PER Protein Efficiency Ratio, un indicatore biologico basato sulla velocità di crescita in un modello animale. Il valore calcolato è comparato con il valore standard 2.7, valore questo dato dall accrescimento ottenuto con l uso della proteina std che è la Caseina. Ogni proteina che dia un valore superiore a 2.7 è considerato essere un eccellente proteina. Per contro questo indice valido nel modello animale, sembra mal correlare con le esigenze proteiche per la crescita negli umani nelle. 3) NPU Net Protein Utilization: misura la ritenzione di N tramite la quantità ingerita (ingestione) di Azoto (N). È simile al VB (cfr sotto) sennonché questo misura la quantità di N assorbita, non quella ingerita (assorbimento) 4) VB Biological Value, misura la massima potenzialità qualitativa di una proteina è basato sull Azoto (N) trattenuto per la crescita rispetto a quello assorbito dai cibi (percentuale di N assorbito): indica l efficienza della trasformazione come funzione della composizione amminoacidica. Per un cibo un alto VB indica un alta disponibilità e rifornimento di Aminoacidi essenziali. Anche il VB trascura diversi fattori importanti capaci di condizionare la digestione di una fonte proteica e l interazione con altri alimenti. 5) PDCAAS protein digestibility corrected amino acid score viene proposto oggi come metodica di valutazione Golden Standard. la FAO & OMS (1991) hanno congiuntamente stabilito che la qualità di una proteina può esser meglio determinata esprimendo il contenuto del primo aminoacido essenziale limitante presente nella proteina probanda calcolato secondo l indice chimico (chem.score) come percento del medesimo aminoacido in un reference pattern di aminoacidi essenziali costituente la proteina di riferimento corretto per la digeribilità della proteina da testare. (PDCAAS generalmente si tronca a 1.0).

9 I limiti sommariamente riguardano: la probabile sovrastima dei bisogni nell anziano, l influenza di patologie digestive, la possibile compresenza di antinutrienti, anche condizionati dall età, che possono indurre una riduzione di assorbimento dei macro e micronutrienti della razione consumata, le abitudini alimentari. Le diverse autorità hanno in particolare sottolineato come una proteina che copra il fabbisogno di Lys, Met, Trp cioè i più frequenti aminoacidi limitanti nelle fonti proteiche di scarsa qualità, permetta un buon punteggio amminoacidico e un equilibrato bilancio dell N. Dalla scelta della proteina di riferimento originano le differenze di valutazione delle proteine (o dei mix proteico amminoacidici) testate. In tabella 2 si riporta per confronto la identificazione di proteine di riferimento diverse operata da alcune Authorities nazionali e internazionali sottolineando come ad oggi non esista tuttavia, una valutazione consensuale. In sintesi il grado nutritivo di una proteina dipende da : digeribilità, composizione amminoacidica, scomposizione digestiva articolata velocità di flusso assorbitivo. L opinione di chi scrive è che, quando occorra, occorrenza ma forse meno frequente di quanto si supponga, nella scelta di integratori e supplementi proteici e amminoacidici si debba procedere verificate le garanzie di qualità e tracciabilità del Good Manufactoring Practice (GMP) e l aderenza del Produttore alla più recente normativa DIN EN ISO serie 9000, valutando PDCAAS o Indice Chimico o il V B nelle tabelle di composizione del prodotto. Ma si ricorda che è comunque centrale per ottimizzare i risultati, la scelta dei tempi e modi di somministrazione.

10 Infine si sottolinea l utilità e l importanza di far eseguire periodici controlli dell N ematico e urinario con misura di: proteine del siero, ac. urico, urea, creatinina, aminoacidogramma). Per altro la valutazione della adeguatezza della quota proteica della dieta è certamente resa più semplice a partire dalla considerazione della ratio molare urea /creatinina delle urine delle 24 ore. Apporti di protidi e aminoacidi superiori a quelli raccomandati dalle diverse Autorities li rendono disponibili per la via ossidativa oltreché per la via plastica. Una razione ipocalorica al contrario forza l impiego delle proteine in senso energopoietico diminuendone la disponibilità plastica; così sembra anche possa avvenire per una razione fortemente iperproteica ma ipoglicidica. Proteine Alimentari La Scelta delle Proteine per la Dieta dello Sportivo e dell Atleta Conviene a questo punto proporre di aggiungere alle considerazioni già proposte anche il concetto di Densità Proteica di un alimento: cioè la ratio tra quota calorica percentuale data dalle proteine di un alimento / quota calorica totale. Si considerino i due diagrammi seguenti relativi alla densità proteica; il secondo dei quali riporta anche gli amminoacidi costituenti e si identifica l amminoacido limitante..

11 Un caratteristico esempio di cibo ad alta densità proteica e, oppure ma, contemporaneamente ad altissima densità calorica è offerto dal formaggio Parmigiano Reggiano in cui a fronte della percentuale di proteine massima per un alimento d origine animale e un latticino si ha anche un alta densità calorica (calorie /volume) dovuta all alta concentrazione di lipidi. Le fonti di proteine da considerare sono: 1. le proteine animali: carni uova e comprese quelle comunque derivate dal siero di latte sono normalmente considerate proteine complete contenenti cioè tutti gli Amminoacidi essenziali, con buon PDCAAS e VB. 2. le proteine vegetali : comprese quelle derivate dalla soia, sono normalmente considerate incomplete perché carenti di alcuni Amminoacidi essenziali. In sostanza si può ritenere che la qualità di una proteina cioè come e quanta proteina sia utilizzata dipende da assorbimento e digeribilità ed è funzione della messa a disposizione, in tempo e quantità adeguata, degli Amminoacidi costituenti. Il diagramma 5 mostra in sintesi l ipotizzato modello dinamico inter organi a partire dall assorbimento intestinale

12 Per opportuna conoscenza e perché facilitano il ragionamento, nella relazione si confronteranno tabelle di che permettono di valutare diverse proteine di riferimento: ad esempio profilo e la concentrazione delle proteine di latte: caseina, latte intero, latticello e uovo intero, tuorlo, albume, rispetto alla proteina di riferimento indicata da FAO WHO UNU e accettata in LARN e RDA. Controindicazione d ordine epidemiologico relativa alle proteine delle carni sono legate alla quantità di Colesterolo, Lipidi, Omocisteina; indicazioni fortemente positive sono i valori di taglia finale, di velocità di accrescimento, il mantenimento della massa magra, i parametri ematobiochimici, la fitness di chi consuma una razione alimentare ricca di proteine animali rispetto ai vegetariani e anche ai latto-uovovegetariani. Proteine derivate dal siero di latte (Whey protein) il siero tal_quale risultante dal processo di caseificazione dopo rimozione della cagliata rappresenta il 20% circa delle proteine del latte il restante essendo dato dalla Caseina (cfr) nella cagliata. La proteina del siero di latte è ricca di Aminoacidi Essenziali, di Poliammine, di grassi, di lattosio; inoltre contiene vitamine e minerali. Tra gli AAc.Essenziali si notino in particolare : Cys, Ile, Leu, Val.

13 Tabella (Adattata da Geiser, 2003.) merceologia del latticello o siero di latte (whey protein) a prescindere dalle tecnologie impiegate per la preparazione e la commercializzazione. Composition of whey protein forms Whey Protein Powder Whey Protein Concentrate Whey Protein Isolate Protein Lactose Milk Fat (expressed as %) Caseina La Caseina, una proteina completa, ricca anche di Ca & P, è la maggiore componente delle proteine del latte (70-80%); Il VB della Caseina [da Indice Chimico (Chem.score) ] vale 1.23; PDCAAS invece per convenzione si tronca a 1,0. Il caratteristico coagulo (cagliata gastrica) ne fa un alimento con nutrienti AAcidici a flusso lento ciò che conferisce una disponibilità progressiva e dunque ritenzione ottimale di N. Si consideri nel diagramma seguente il raffronto tra kla composizione della caseina e le proteine indicate come proteine di riferimento da diverse autorità.

14 Se si confronta una supplementazione equivalente in peso di Caseina vs. Whey protein (latticello) la letteratura riporta effetti significativamente differenti: dopo assunzione di Whey protein la concentrazione di AAc nel plasma aumenta rapidamente e in modo transitorio rispetto ad un lento incremento delle [AAc] nel plasma dovuto a un più lento assorbimento della Caseina. Whey protein nell immediato aumenta la neosintesi proteica (+ Δ = 68% ) contro minor aumento (+ Δ = 31% ) della Caseina. Ma a 7 ore dall ingestione, il bilancio della Leucina risulta significativamente positivo ; la concentrazione plasmatica della Leu ([Leu] pl ) che risulta maggiore del valore di base dopo Caseina resta invariata dopo supplementazione con Whey protein. Gli autori ne hanno concluso che Whey protein stimola una rapida sintesi proteica ma che gran parte della Leu della proteina introdotta viene ossidata nelle vie di produzione dell energia laddove la Caseina trova maggior impiego nelle neosintesi plastiche e una minor quota di Leu è ossidata. L ossidazione della Leu pare essere amplificata se viene assunta in ripetuta sequenza periodica. Se si esaminano gli effetti di Caseina e Whey protein sulla composizione corporea e contemporaneamente si effettuano misure di forza, gli effetti di 12 settimane di supplementazione di Caseina rispetto a Whey protein appaiono maggiori in termine di Lean Body Mass e forza (misurata come Massima Capacità di Contrazione Volontaria in percento (MCV%) Esaminando le proteine del latte per la supplementazione proteica nella razione dietetica degli atleti, (quando opportuna), nella comparazione tra Whey protein e Caseina, per la Caseina sono stati provati i più grandi vantaggi in relazione all aumento della sintesi proteica nel lungo periodo laddove Whey protein dimostra un maggior incremento iniziale: queste differenze sono interpretate come funzione dei diversi tassi di assorbimento. Nella letteratura specifica pertanto, l opinione degli autori è che sembra ottimale una combinazione di entrambe le fonti proteiche o una periodica e frequente assunzione di Whey protein. Leucina & Amminoacidi ramificati: Quando si accettino, come valori di riferimento, i seguenti livelli plasmatici Leucina 119 ~ mol/l, Isoleucina 64 ~ mol/l Valina 209 ~ mol/l e con un contenuto di α-aminoacidi liberi plasmatici di 3.4 ~ mol/l, è dimostrato per la Leucina un contributo alla produzione energetica variabile tra valori di: 4.6 ~ 22.8 (10-6 ) mol/kg/h nel riposo e sino a 22.3 ~ mol/kg/h in corso d'esercizio. Si verifica cioè una importante ossidazione.

15 D'altro canto i livelli d'assunzione consigliati per la Leucina variano tra 14 ~16 mg *kg -1 /die ( corrispondenti circa ) mol*kg -1 /die) da cui una disponibilità appena pari o addirittura inferiore al consumo a riposo (107/24 = mol/kg/ora). Nel migliore dei casi l' apporto alimentare quotidiano di Leu appare dunque esser ossidato totalmente già a riposo. Se al consumo medio a riposo si somma la quota ossidata durante l'esercizio si capisce come anche una stima prudente possa consigliare di aumentarne l'apporto e come alcuni Autori possano consigliare un assunzione sino a 300 ~450 mg * kg -1 /die. Per la esperienza dello scrivente, in lottatori e pesisti (anche in power lifters)si può salire sino a somministrare AAR nella misura di 0.12 ~ 0.15 g* kg -1 /die senza osservare alterazioni dell'amminoacidogramma complessivo né alterazioni patologiche o significative alterazioni dei rapporti tra i diversi aminoacidi (preoccupanti sarebbero, in tal senso, alterazioni del rapporto AAR/AAA). Ciò nella pratica significa somministrare 1 parte di Leucina + ½ parte di Valina + ½ parte di Isoleucina; in realtà può esser utile anche ricercare una miscela diversa dei tre aminoacidi, aumentando ancora la Leucina e con una maggior quota di Valina rispetto a quella della Isoleucina, secondo la ratio: Leu 1.2, Val 0.8, Ile 0.4 (ratio %: 50.0,:33.3,:16.7). E anche consigliare prima dell allenamento e subito al termine una supplementazione di sola Leu in acqua e zucchero di 0.05 g* kg -1 in due volte. In ogni caso bisogna tener conto di eventuali aumentati apporti amminoacidici per valutare l opportunità di un'integrazione con vitamina B 1 e B 6. Sindromi di parziale deficit del complesso vitaminico B sono state riferite all aumentare della Leucina della dieta (e sono da trattare come ipovitaminosi indotte non da carenza di vitamine, ma da eccesso di substrati integrati). Proteine Vegetali. Soia Dal fagiolo di soia, noto in Cina da circa 3 millenni BC e oggi considerato, alla pari del grano, dell orzo, a del riso come fonte primaria di nutrimento, deriva la più diffusa proteina vegetale. Valutando secondo l indice PER, quella di soia è una proteina a basso valore, La bassa concentrazione di AAc Solforati (Met, -Cys, Cys_Cys, Tau) rende opportuna la fortificazione (in genere per aggiunta di Met) Applicando al prodotto fortificato l indice PDCAAS si ottiene un valore convenzionalmente troncato a 1,0. Tale alto valore biologico della proteina della soia fortificata in AAc Solforati, la sua adeguatezza per altri AAc. e la ricchezza nei 3 Amminoacidi ramificati ne fa una eccellente fonte di proteina sia per vegetariani sia per quanti sono intolleranti al Lattosio.

16 Tra i benefici riportati si segnalano: miglioramento del profilo lipemico e riduzione della PA. Questi sono tuttavia da considerarsi claims industriali da verificare in modo più approfondito. La Merceologia delle Proteine di Soia considera: a) Farina naturale o full fatt Soy Flour ricca in olii. La farina di soia al naturale rappresenta il tal_quale: è la forma tipica dei prodotti da forno insieme alla forma testurizzata textured soy flour. b) Soy Concentrate: concentrati di farina di soia defatted cioè una farina magra ottenuta per rimozione degli olii dai semi; c) Soy Isolate : i cosiddetti Isolati Di Farina Di Soia a massima concentrazione proteica e raffinazione massima e privati di fibre: ingredienti tipici degli alimenti, in specie bevande, per sportivi. d) Infine c è una forma lecitinata lecithin added che dagli anni 70, per le asserite proprietà normolipidemizzanti ha trovato impiego in dietetica. Tabella soia: composizione proteica della farina tal_quale, del soy concentrate, del soy isolate Da (Food Chem 3 ed) composizione proteica del concentrate e dello isolate della farina di soia, Soy Flour cosiddetto 50% tal_quale Soy Concentrate da defatted 72% Soy Isolate soybeans 95.6% Tabella composizione in Aminoacidi ( g/16g di N *) della farina di soia tal_quale Da (Food Chem 3 ed) Amminoacidi in g/16 g di N # Val 4.8 Ile 4.5 Leu 7.8 Lys 6.4 Met Cys * Phe Tyr* Thr 3.9 Trp 1.3 His non dosabile Gly** Pro** Arg**

17 Gln** Tau** non dosabile AAc. essenz., * AAc.semiessenz., **AAc. condizionatamente essenziali # 16% è il valore medio percentuale (in peso) dell azoto proteico nella maggior parte delle proteine; per convertire l azoto determinato sec. Kjeldahl in contenuto proteico. si usa generalmente il fattore La ricerca di una maggiore accuratezza consiglia fattori di conversione dipendenti dagli alimenti analizzati: le proteine dei cereali ricche di Glx a contenuto di N maggiore richiedono un fattore di 5.70; per le uova il fattore è 6.68 e per il latte a Relativamente agli sfarinati e ai prodotti derivati dalla soia, per gli asseriti ma non ben dimostrati e controversi benefici meriterebbero un discorso a sé gli Isoflavoni. Conclusione Per concludere: è provata, considerandone Indice Chimico (Chemical Score) e Valore Biologico, la qualità superiore delle proteine animali; e in tal senso quest opinione è condivisa anche dalla massima parte di quanti si occupano di nutrizione e sport. Tuttavia : un appropriata combinazione di proteine di origine vegetali (ad esempio: legumi e cerali) può conseguire un apporto proteico qualitativamente analogo (integrazione degli amminoacidi limitanti); soprattutto in questo caso di piatto unico dovranno esser considerati anche gli altri aspetti quali-quantitativi della razione dietetica cioè la confezione del piatto anche negli aspetti calorici e qualitativi: quantità e qualità dei Glucidi e Lipidi. Infine non sarà mai ripetuto invano quanto sia prioritaria la scelta di prodotti di alta qualità. Una rapida disamina degli integratori presenti sul mercato mette in evidenza l importanza della qualità della materia prima impiegata e delle buone pratiche di produzione. Di ciò testimonia la comprovata aderenza alle norme di certificazione di qualità totale Din En Iso 9001:2008 certificata, l attenzione alle buone norme di produzione (GMP), l impiego di materie prime esse pure di qualità tracciabile e certificata ad esempio: Creapure, Carnipure, Clarinol, & al.; infine problema non secondario per gli atleti che competono in sport olimpici, la certificazione del produttore che il prodotto non contenga precursori di sostanze o sostanze dopanti.

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Perchè una dieta nell insufficienza renale cronica?

Perchè una dieta nell insufficienza renale cronica? Giuliano Barsotti, Università di Pisa Perchè una dieta nell insufficienza renale cronica? Una corretta terapia nutrizionale costituisce, nelle patologie metaboliche come diabete e obesità, il trattamento

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria PIÙ ORTAGGI, LEGUMI E FRUTTA Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria Manuale per la formazione dell insegnante Progetto MiPAAF Qualità Alimentare (approvato con D.M. 591/7303/02 del 23/12/2002)

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare

Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare 21 MICHELANGELO GIAMPIETRO, DANILO GAMBARARA Abitudini alimentari corrette, ispirate ai semplici principi sin qui indicati, sono certamente sufficienti

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

VITAMINE IDROSOLUBILI

VITAMINE IDROSOLUBILI VITAMINE IDROSOLUBILI VITAMINA B1 o TIAMINA formula di struttura Stabile in soluzione acida Sensibile al calore, alle basi e alla luce UV VITAMINA B1 assorbimento Sito di assorbimento: duodeno tramite

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI,

IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI, Nuove tematiche IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI, CLASSI DI SOSTANZE VIETATE MARIA GRAZIA RUBENNI Specialista in Medicina dello Sport, FIGC, Firenze Il termine doping sta ad indicare nel sapere

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

La Vitamina A La Vitamina D

La Vitamina A La Vitamina D LE VITAMINE La Vitamina A La vitamina A o retinolo è una vitamina liposolubile che serve per la differenziazione delle cellule epiteliali, la spermatogenesi, regolazione dello sviluppo osseo, il sistema

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA

LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA Dipende soltanto da noi essere in un modo piuttosto che in un altro. Il nostro corpo è un giardino e il suo giardiniere è la nostra volontà. Spetta

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli