UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIRURGICHE RIANIMATORIE-RIABILITATIVE E DEI TRAPIANTI D ORGANO MASTER DI II LIVELLO IN MEDICINA ESTETICA PROPOSTA DI PROTOCOLLO PER IL RINGIOVANIMENTO GLOBALE DEL VOLTO Relatore: Chiar.ma Prof.ssa A. Faga Tutor: Prof.ssa C. Gregotti Tesi di Diploma di Master Dr.ssa Anna Maria Veronesi Matr /19 Anni Accademici /

2 INTRODUZIONE 2

3 Caratteristica della Medicina Estetica è la mancanza d invasività nei trattamenti a cui vengono sottoposti i pazienti. Lo sviluppo di continue tecnologie in ambito medico ha messo a disposizione nuove metodiche atte a soddisfare l esigenza dei pazienti che sempre più frequentemente si rivolgono al medico-estetico per avere e/o mantenere un aspetto giovanile e naturale. La cute come organo di confine, ci difende dalle continue aggressioni provenienti dall ambiente esterno, regola la temperatura del corpo, ci protegge dagli insulti traumatici ma è anche il nostro biglietto da visita. Il colore, la lucentezza, la morbidezza, la presenza o l'assenza di rughe e/o di macchie sono segnali che trasmettono sensazioni più o meno attrattive. Il sole con i suoi raggi UV (o le lampade UV) è il maggior nemico della pelle. I raggi UV penetrano attraverso la pelle e danneggiano il nucleo delle cellule, le fibre elastiche, il collagene e i vasi del sangue. Le conseguenze estetiche sono rughe, lassità, macchie, dilatazione dei vasi. Il fotoaging e l'invecchiamento si manifestano infatti con discromie cutanee, capillari, teleangectasie, ispessimento della cute e rughe. Il segno più significativo e visibile del passaggio dalla gioventù alla senescenza è rappresentato dalla comparsa delle rughe sul volto. Se si considera l associazione del concetto di bello con una cute di aspetto giovanile, si comprende quanto possa essere importante, per l individuo, risolvere o attenuare il problema rughe. 3

4 Le rughe possono essere descritte come solchi lineari permanenti della pelle, di profondità variabile e che possono essere così classificate: - rughe di espressione - pieghe da sonno - rughe gravitazionali - rughe attiniche Le rughe di espressione o muscolo mimiche sono quei solchi che si formano sulla cute del volto a causa della trazione ripetitiva esercitata dai muscoli mimici. Già all età di 30 anni sono ben visibili e diventano progressivamente più profonde ed infine permanenti. Le pieghe da sonno sono unilaterali poiché determinate dalla postura notturna prevalente. Inizialmente sono reversibili, scompaiono variando la postura; successivamente, tendono progressivamente a divenire permanenti. Le rughe gravitazionali o pieghe di lassità cutaneo-muscolare compaiono quando le fibre elastiche e i fasci di collagene alterati del derma non sono più in grado di controbilanciare la forza di gravità. Le rughe attiniche sono dovute al danno cumulativo esercitato dalla radiazione solare sulle fibre elastiche e collagene. Nell adulto sono poco evidenti, compaiono però precocemente nei soggetti con fototipo 1 e 2 espostisi ripetutamente e per periodi prolungati alle radiazioni UV naturali o artificiali. Corrispondono ad una più o meno marcata accentuazione della tramatura cutanea che determina un quadro di sottili rughe diffuse, con cute con aspetto 4

5 corrugato, a pergamena, o, in stadio avanzato, a tessuto sgualcito a causa dell estrema perdita di elasticità della pelle. La lassità cutanea è un processo biologico involutivo, dovuto alla diminuita attività fibroblastica, con conseguente diminuzione di collagene, proteina che nell uomo rappresenta il 6% del peso corporeo. Per poter effettuare un trattamento correttivo adeguato per ogni singola ruga è pertanto fondamentale un accurata valutazione dei fattori causali sottostanti la sua formazione e che possono essere sia di tipo intrinseco o cronologico che estrinseco o ambientale. I protocolli di intervento proposti per il ringiovanimento del volto mediante attenuazione e/o scomparsa delle rughe sono numerosi e offrono un ventaglio di interventi che spaziano dall utilizzo di sostanze chimiche di varia natura (filler, peeling chimico, tossina botulinica) a apparecchiature laser resurfacing, o ad una loro combinazione. Scopo della presente tesi è stato quello di valutare l efficacia di un nuovo protocollo per un RINGIOVANIMENTO GLOBALE del volto basato sull utilizzo di un pool di aminoacidi, somministrato sia in forma iniettabile che per os, unitamente a quello di alcune innovative apparecchiature ad emissione di energie differenti, quali: radiofrequenza monopolare, luce laser, luce pulsata e luce al plasma. 5

6 MATERIALI E METODI 6

7 Materiali: a) ASTRON CLINICA APPARECCHIATURA BEAU VISAGE b) JALUPRO E PROGLYME (AMINOACIDI) c) AUTOMATIC INJECTION GUN U 225 d) PALOMAR MANIPOLO LUXG STARLUX SYSTEM e) CURELIGHT APPARECCHIATURA I CLEAR XL f) PALOMAR MANIPOLO FRAZIONATO LUX 1540 g) PALOMAR LUX-IR FRACTIONAL INFRARED H) THERMAGE (SISTEMA THERMACOOL NXT) 7

8 a) BEAU VISAGE 8

9 Caratteristiche: Interfaccia e database utente personalizzabile per nome commerciale, tipo di trattamenti e prodotti disponibili. Modulo di consultazione paziente con file personalizzato. Modulo didattico finalizzato ad aiutare il cliente a capire l importanza della Mappa dei Cromofori e l invecchiamento della pelle. Rapporto personalizzato per ogni paziente. Individuale Mappa dei Cromofori del sangue e della melanina per ogni paziente. Punteggio relativo alla salute cutanea in relazione ad un database di pari grado. 9

10 Punteggio relativo al danno solare, usando il paziente stesso come propria linea di fondo. Paragone e sovrapposizione immagini. E un sistema per l analisi digitalizzata del fotoinvecchiamento cutaneo e per il calcolo statistico del danneggiamento solare della pelle. La possibilità di analisi, ad una profondità di 2 mm, permette di valutare in modo analitico, non solo la componente sanguigna, melaninica e il danno solare della cute in relazione all età del paziente, ma anche di monitorarne l evoluzione (Hunter e al., 2006). 10

11 b) JALUPRO E PROGLYME 11

12 Si tratta di un Medical Device Classe 3 consistente in un pool di aminoacidi che costituiscono oltre il 70% della sequenza aminoacidica della molecola di collagene quali Prolina, Lisina, Glicina, Leucina. Tale apporto aminoacidico serve a favorire l aumento numerico della popolazione fibroblastica nelle sedi dove verrà eseguito il trattamento di thermage dato che i fibroblasti hanno la capacità di migrare seguendo un gradiente di concentrazione verso l interstizio nel quale siano presenti alte concentrazioni di nutrienti (fenomeno noto come zonazione ). 12

13 c) AUTOMATIC INJECTION GUN U

14 1- Pistola a iniezione comprendente: Circuito elettronico di programmazione a norma CE cadenza d iniezione: colpo per colpo, continua quantità di prodotto iniettato: goccia a goccia e continuo pressione del pistone della siringa regolabile secondo i prodotti Supporto a T per uso unico e per mira e punto d appoggio Supporto d ago con slitta e bloccaggio automatico Regolazione della profondità di penetrazione dell ago con vite micrometrica da 0 a 10 mm Catetere usa e getta che collega la siringa all ago, dimensioni: 15 mm Ago usa e getta di 30G1/2 Beckton Dickinson Peso: meno di 400 gr 14

15 2- Compressore Pressione 5 bar Silenzioso Controllo con manometro Trasportabile Il mesoiniettore U225 è capace di somministrare sotto-cute delle micro-gocce di prodotti additivi, anche in zone particolarmente sensibili come il contorno delle labbra o la zona periorbitale. Il mesoiniettore è connesso mediante un piccolo catetere alla siringa che è riempita con un pool aminoacidico di Lisina, Glicina, Prolina e Leucina (Jalupro). L ago fissato all estremità del tubicino è indipendente dalla siringa e gli aghi sono ultrafini con un taglio obliquo, particolare che permette di limitare il traumatismo cutaneo. 15

16 d) MANIPOLO LUXG STARLUX SYSTEM 16

17 Caratteristiche: Luce pulsata Lunghezza d onda nm & nm Diametro del punto 10 x 15 nm Fluenza massima 60 J/cm2 Durata della pulsazione ms Velocità massima 2Hz (frequenza delle pulsazioni) E' un manipolo che utilizza una luce pulsata che agisce a livello dell epidermide sulle discromie cutanee. 17

18 e) I CLEAR XL 18

19 Caratteristiche Dual Mode Luce Blu ( ) + Vicino Infrarosso ( nm) I Clear XL è una fonte di luce blu (lunghezza d onda nm) che emette un energia pari a 60J/cm2 per area di trattamento, ad una distanza di 30 cm. E stato provato che la componente blu della luce ha un significativo effetto antinfiammatorio (Shnitkind e al., 2002). Trelles e al., 1988, hanno effettuato uno studio sulla combinazione del trattamento con I Clear XL e una luce prossima agli infrarossi (lunghezza 19

20 d onda nm) in pazienti precedentemente sottoposti a laser resurfacing del volto. La combinazione di queste luci ha ridotto significativamente la durata del discomfort e dell eritema post resurfacing senza effetti collaterali. In particolare la temperatura cutanea risultava aumentata di 2-3 C, stabilizzandosi quindi dopo tre minuti a tale livello. Questo risultato è confermato dalla sensazione di benessere provata da tutti i pazienti. Sempre nello stesso studio, nel gruppo trattato con I Clear XL si è notata una notevole riduzione dell eritema post resurfacing rispetto al gruppo di controllo. Dodici giorni dopo la procedura, il gruppo trattato presentava un grado medio di eritema inferiore a quello del gruppo controllo. Grado medio di eritema che si manteneva su valori inferiori nel gruppo dei trattati anche dopo due mesi. Il risultato di questo studio suggeriva come l'utilizzo dell I Clear XL nel protocollo di resurfacing assicurava un più elevato e standardizzato livello di cura ed una migliore compliance del paziente. 20

21 f) MANIPOLO FRAZIONATO LUX

22 Palomar Lux1540 StarLux System Lux1540 Fractional Skin Resurfacing Laser Strumento Manuale Lunghezza d onda 1540 nm Diametro del punto 10 e 15 mm Densità del raggio spot x cm2 Durata della pulsazione 5 10 ms Velocità massima 1 cm2 per sec Caratteristiche. Lunghezza d onda 1540 nm Diametro del punto 10 e 15 nm Densità del raggio spot x cm2 Durata della pulsazione 5 10 ms Velocità massima 1 cm2 per sec. Per trattare le rughe si utilizza una tecnica laser in grado di rimodellare lo strato dermo-epidermico. La sorgente laser è un erbium glass che emette nel medio infrarosso (lunghezza d onda 1540 nm). Questo fascio di luce emesso grazie a un sofisticato sistema di lenti, crea un array di microfasci che arrivano sulla cute determinando molteplici microdanni termici canicolari per fototermolisi. I microfasci, grazie alla notevole precisione della lente, colpiscono la cute in modo molto ordinato creando aree con diametri di 100 micron di necrosi del tessuto invisibili a occhio nudo, alternate quindi alle zone di tessuto sano. Tale micro-frazionamento del tessuto determina una contrazione del derma, che si ritira spontaneamente per cercare di colmare le zone di tessuto denaturato. Ne 22

23 consegue un rimodellamento delle fibre collagene con aumento della loro forza tensile e una successiva fase proliferativa in cui vengono prodotti nuovi fibroblasti (Zelickson e al., 2006). 23

24 g) PALOMAR LUX-IR FRACTIONAL INFRARED 24

25 Caratteristiche. Lunghezza d onda nm Diametro del punto 12 x 28 nm Fluenza massima 100 J/cm2 Durata della pulsazione ms Velocità massima 3/4 cm2/sec ( frequenza della pulsazione) Il PALOMAR LUX-IR FRACTIONAL INFRARED è una lampada la cui funzione è quella di denaturare il collagene tramite il calore erogato (55 C). Funziona a livello del derma e utilizza un sistema di raffreddamento a contatto mediante un particolare cristallo definito zaffiro. Caratteristica di questo manipolo è di emettere un luce infrarossa frazionata, che garantisce una maggior quantità di energia nel derma e un minor rischio di effetti collaterali, come scottature e bruciature. Questo sistema permette di avere una più rapida riparazione tissutale, poichè intorno a ciascuna area sulla quale è 25

26 stato esercitato un insulto termico, vi è tessuto sano che accelera il processo riparatore, riducendo eritemi e gonfiori (Dierickx e al., 2007). 26

27 h) THERMAGE 27

28 28

29 Il SISTEMA THERMACOL (THERMAGE MXT) emette una radiofrequenza di tipo monopolare elettromagnetica che, attraversando i tessuti, incontra una resistenza la quale converte l energia elettromagnetica in energia termica. L energia termica che si sviluppa, segue un gradiente termico inverso ed è tanto maggiore quanto più si scende in profondità negli strati del derma. Si passa pertanto dai 35 C dell epidermide ai C del derma e ai +40 C dell ipoderma; ed è proprio l effetto termico che viene sfruttato dalle R.F. (radiofrequenza) per indurre il ringiovanimento cutaneo (Dover e al., 2007) Il meccanismo attraverso il quale l effetto termico indotto dal THERMAGE esplica la sua azione è duplice: a) alla temperatura che si raggiunge nel derma profondo (55-60 C), il collagene si denatura e tale denaturazione si traduce in un suo riarrangiamento stechiometrico per rottura dei legami intramolecolari. La molecola di collagene così denaturata risulta più corta e più spessa e questo fenomeno determina un aumento della consistenza del derma e un marcato effetto tensorio rilevabile all esame obiettivo sia ispettivamente che palpatoriamente, esame definito TIGHTENING o CONTURING. (Ruiz-Esparza e al., 2003). b) l insulto termico che la R.F. esercita sui fibroblasti induce questi a incrementare la produzione di collagene di tipo I, il tutto rilevabile all esame istologico. Mentre la denaturazione del collagene è un fenomeno piuttosto precoce, l incremento secretorio si esplica in tempi più lunghi. Si deve valutare infatti l effetto a sei mesi della seduta di THERMAGE. 29

30 METODICHE 30

31 Beau Visage. L'analisi digitalizzata del fotoinvecchiamento cutaneo è effettuata in prima battuta e quindi al tempo 0. Al termine del trattamento di Ringiovanimento Globale viene ripetuta allo scopo di poter effettuare un confronto basato su parametri oggettivi e non soggettivi. Il pool di aminoacidi è somministrato sia per via sottocutanea mediante l'utilizzo di GUN U225 (Jalupro) o per os 1 fiala/die, contenente i suddetti aminoacidi (Proglyme), per garantire una elevata biodisponibilità sistemica quotidiana. Più è alta la quantità di aminoacidi disponibile nelle zone interessate, più aumenta la vitalità ed il numero delle cellule che formano il collagene. Per questo motivo la somministrazione di jalupro (iniettabile) e proglyme (soluzione bevibile), favorisce una collagenogenesi. L utilizzo dell U225. Permette di rilasciare nella pelle delle micro-gocce di prodotti attivi e consente di trattare zone particolarmente sensibili come il contorno delle labbra o la zona periorbitale.l'u225 può essere utilizzato in modo classico, con un ritmo di iniezioni cadenzato dall'operatore, o con un ritmo ultra rapido in automatico corrispondente a 8/9 micro-iniezioni al secondo che è pari ad una cadenza di 500 iniezioni al minuto. Il manipolo LUXG. Il protocollo prevede 2 sedute distanziate 20 giorni l una dall altra. Dopo detersione della cute con salviette struccanti si applica sul volto del paziente un gel (C.C.I.A.A. MS N ) per aiutare a trasmettere il sistema di raffreddamento del manipolo. 31

32 Per trattare i piccoli vasi si utilizza una pulsazione della durata di 10 ms J/cm2, mentre per i vasi medi si usa una pulsazione di durata 20 ms J/cm2. Per il trattamento invece delle lesioni pigmentate, la durata della pulsazione è di 10 ms J/cm2.. La fluenza viene regolata in base al fototipo del paziente e si procede facendo due passaggi al volto. Viene usato in caso di discromie cutanee come macchie di lentigo, per couperose, rosacea e teleangectasie del volto, o semplicemente per migliorare il textur cutaneo (Kim e al., 2006). L I Clear con la sua caratteristica azione antinfiammatoria ed antiedemigena, è specifico per trattare i pazienti dopo ogni seduta di fotoringiovanimento e di frazionato.per un totale di numero 6 sedute, a partire dalla seconda settimana dall'inizio del protocollo di quest apparecchiatura può essere Ringiovanimento globale. Inoltre utilizzata per il trattamento dell acne con cadenza di sedute bisettimanali per sette settimane (Shnitkind E. e al., 2002) Sistema frazionato 1540 Sono previste da 3 a 4 sedute da effettuarsi a distanza di 20 giorni l'una dall'altra. Anche per l'applicazione del sistema frazionato 1540 è consigliabile una preventiva anestesia mediante applicazione della crema anestetica (Emla 5%, AstraZenica) che viene lasciata agire in loco per circa minuti e quindi delicatamente asportata con un tampone imbevuto in una soluzione idroalcoolica. L'applicazione del laser consiste in tre passaggi sulla superficie cutanea da trattare, in modo da rendere il più possibile omogenea la distribuzione dei 32

33 microfori sottocutanei e stimolare una reazione intensa nel derma (viene fatto overlapping, ossia sovrapposizione tra uno sparo e l altro solitamente del 50% in orizzontale e del 20% in verticale tra un passaggio e quello successivo). Il manipolo, che ha un diametro della lente di 10 mm, è costantemente a contatto con la cute, garantendo in questo modo sempre la massima efficacia. Inoltre è raffreddato ad acqua, e questo permette di lavorare sempre nella massima sicurezza. Alla fine della seduta la zona trattata appare arrossata ed edematosa. Situazione che talvolta perdura per 2-3 giorni. Viene specificatamente utilizzato per il trattamento delle rughe periorali, periorbitali, naso-geniene, le rughe del collo, per gli esiti cicatriziali di acne o varicella. Il manipolo infrarosso frazionato serve per denaturare il collagene a tutto spessore del derma, in due sedute distanziate un mese l una dall altra. Thermacool Applicazione del sistema in un unica seduta che esprime la sua massima funzionalità dopo circa sei mesi. Prologo al trattamento è l'anestesia della zona interessata mediante o l'inoculo di una soluzione iniettabile anestetica (Carbocaina 3%) somministrata con GUN U225 o l'applicazione di una crema anestetica (Emla 5%, AstraZenica) che viene lasciata agire in loco per circa minuti. La crema anestetica viene quindi delicatamente asportata con un tampone imbevuto in una soluzione idroalcoolica. Si procede quindi al trattamento con manipolo emettente una radiofrequenza di tipo monopolare elettromagnetica. Tale frequenza incontrando una resistenza 33

34 opposta dai tessuti attraversati, converte l energia elettromagnetica in energia termica. L energia termica così sviluppata, divenendo tanto maggiore quanto più si scende in profondità negli strati del derma, induce il ringiovanimento cutaneo. I tempi di applicazione sono modulati a seconda della zona da trattare: Terzo superiore (trattamento occhi per lassità lieve e moderata 200 spot) Terzo medio Terzo inferiore (viso e collo da 600 a 1200 spot a seconda del grado di lassità rilevata) (Lack e al., 2005) 34

35 RISULTATI E CONCLUSIONI 35

36 Il numero dei casi qui riportati è evidentemente non sufficiente per poter esprimere considerazioni assolute e/o di ordine generale. Tuttavia è possibile sottolineare come i trattamenti qui proposti, siano in realtà la risultanza di una pregressa esperienza. La scelta del trattamento suggerito alle pazienti, è stato modulato sia tenendo conto dell'esperienza maturata che della tempistica sui risultati richiesti dalle pazienti stesse. Attraverso tuttavia questi pochi e primi approcci metodologici è stato ottenuto un numero di informazioni e di esperienze sufficienti per poter pensare di modulare gli interventi con un più articolato e diverso protocollo Ringiovanimento allo scopo di ottimizzarne i risultati. Si propone pertanto un modello di protocollo di RINGIOVANIMENTO GLOBALE del volto, indirizzato a quelle persone che desiderano un ringiovanimento con modalità non invasive, mediante l eliminazione dei segni del tempo e in rapporto al biotipo, fototipo e grado di aging e fotoaging e che così si articola: Prima settimana Si inizia con una serie di fotografie al paziente, utilizzando sia una macchina digitale per valutare a distanza di tempo i miglioramenti ottenuti a livello del collagene, sia utilizzando un sistema digitale computerizzato (Beau Visage dell Astron Clinic) in grado di mostrare la distribuzione del sangue e della melanina al di sotto della cute. Sempre nella stessa seduta s inizia la prima biorivitalizzazione utilizzando Inject e Jalupro. 36

37 Seconda settimana Seconda biorivitalizzazione più una seduta di fotoringiovanimento con il manipolo G della Palomar più 20min. di PDT ( terapia fotodinamica con Iclear). Terza settimana Terza biorivitalizzazione. Quinta settimana Inizio terapia per os con proglyme, 1 flaconcino al giorno per 2 mesi. Sesta settimana Seconda seduta di fotoringiovanimento più 20min. di PDT. Nona Settimana Prima seduta di frazionato con Lux 1540 più 20min. di PDT. Dodicesima settimana Seconda seduta di frazionato più 20min. di PDT. Quindicesima settimana Terza seduta di frazionato più 20min. di PDT. Sedicesima settimana IV biorivitalizzazione più controllo con il Beau Visage Diciassettesima settimana V biorivitalizzazione 37

38 Diciottesima settimana Una seduta di Infrared con manipolo Ventiduesima settimana La sera precedente alla seduta di thermage, si consiglia alla paziente di assumere per os 2 flaconcini di proglyme, quindi si procede al trattamento. L associazione delle diverse metodiche precedentemente illustrate, sembrano, permettere l'ottenimento di risultati potenziati, con sinergia d azione. Le biostimolazioni iniziali stimolano un incremento di procollagene, mentre i trattamenti con luce laser e luce pulsata oltre a correggere le imperfezioni cutanee, concorrono a favorire una stimolazione fibroblastica mediante l emissione di calore.. Dal momento in cui il paziente verrà sottoposto al trattamento di thermage e d infrarosso, ci saranno quindi condizioni migliori atte a favorirne un risultato rilevante, espresso in una contrazione e in un ricompattamento del collagene che il paziente potrà apprezzarne sia visivamente, per un avvenuto miglioramento del profilo mandibolare accompagnato da una distensione delle rughe, sia a livello tattile con un aumento della tonicità cutanea. E' importante sottolineare che in circa cinque mesi e mezzo è possibile offrire un trattamento completo di ringiovanimento non chirurgico, sia curativo che correttivo del viso nel rispetto della compliance e socializzazione del paziente. 38

39 BIBLIOGRAFIA 39

40 -Dierckx C., Altshuler G., Erofeev A., Smirnov M., Childs J., Yaroslavsky I.:Skin Tightening With Palomar's StarLux -IR Deep Dermal, Fractional Heating Dover J.S., Zelickson B., and the 14-Physician Multispecialty Consensus Panel. Dermatology Surg, September Fall.: Palomar Medical Technologies Incorporation, Vol II, Jalupro: proposta di protocolli. -Kim K.H., Bernstein L.J., Chapas A., Geronemus R.G.: Use of the PSR Technology al Low Fluence for Full Facial Rejuvenation An ASLMS, Am.Soc. For Laser Med. And Surg. Abstract n Hunter J., Moncrieff M., Hall P., Walter F., Emery J., Cotton S., Burrows N.: The Diagnostic characteristics of SIAscopy versus dermoscopy for pigmented skin lesions presenting in primary care (Poster). British associations of Dermatologists, UK,July Lack E.B., Rachel J.D.: Dermatol Surg. December Ruiz-Esparza J., Gomez J.B., Skin A.:Tightening with a Nonablative Radiofrequency System. Cosmetic Dermatology Vol 16, Aprile

41 -Shnitkind E., Yaspin E., Geen S., Lee W.L., Shalita A.: Anti-infiammatory properties of narrow band blue light. Annual Meeting of the Society of Investigative Dermatology, USA, May Trellers M., Mordon S., Svaasand L., Mellor T., Rigau J., Garcia L.:The origin and role of erythema after carbon dioxide laser resurfacing. A clinical and histological study. Dermatol Surg, Jan Zelickson B., Altshuler G., Erofeev A., Yaroslavsky I., Childs J., Counters J.:Comparative Evaluation of Palomar StarLux 1540 fractional with Reliant Fraxel Device for Treatment of Photodamaged Skin, Congress of Am.Soc. For Laser Med. And Surg. Abstract n

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Le tecnologie Baldan Group Le tecnologie Baldan Group

Le tecnologie Baldan Group Le tecnologie Baldan Group Le Le tecnologie tecnologie Baldan Baldan Group Group Le tecnologie Baldan Group Le tecnologie Baldan Group Epilazione progressiva e permanente in totale sicurezza. Epilazione Pharma Epil progressiva System

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Regalo n. 1. Keope MFV

Regalo n. 1. Keope MFV Regalo n. 1 Keope MFV Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva: La vibrazione è la forza vitale. Nell'universo tutto vibra. Attraverso la vibrazione meccanica, con il corpo in completo scarico funzionale,

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

RIGENERANTI. AGLI ENZIMI Trattamento efficace di rinnovamento cellulare, stimola il ricambio epidermico e rende la pelle luminosa ed elastica.

RIGENERANTI. AGLI ENZIMI Trattamento efficace di rinnovamento cellulare, stimola il ricambio epidermico e rende la pelle luminosa ed elastica. TRATTAMENTI VISO RIGENERANTI ESFOLIANTE attamento indicato per ottenere una pelle liscia, luminosa e elastica, previene o attenua gli inestetismi più comuni e diffusi. Rimuove le cellule morte, leviga

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

TENS; CORRENTE DI KOTZ CORRENTE NEOFARADICA

TENS; CORRENTE DI KOTZ CORRENTE NEOFARADICA I - PARAMETRI DELLA CORRENTE ELETTRICA I parametri che caratterizzano la corrente elettrica sono: 1 Intensità E così definita la quantità di cariche elettriche che passano attraverso un conduttore nell'unità

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI DI CAPTAZIONE DEI NUCLEI DELLA BASE DA ESAME DATSCAN CON I 123 TRAMITE SOFTWARE BASAL GANGLIA MATCHING

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

beauty Make up sposa Trucco semipermanente Tatuaggio Ricostruzione unghie

beauty Make up sposa Trucco semipermanente Tatuaggio Ricostruzione unghie laurita ricci Make up sposa Trucco semipermanente Tatuaggio Ricostruzione unghie Dimagrimento e benessere con: Endermologie LPG Eporex Infrafit Pedana vibrante Massaggi Ayurvedici Cabina termale Depilazione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura.

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura. Nelle figure seguenti illustriamo la tecnica di applicazione dei nostri gel con l'uso della tip. Da questa dimostrazione si può apprezzare come il Gel System sia semplice e veloce da usare, in quanto non

Dettagli

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività.

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Il vantaggio della velocità SpeedPulse, SpeedArc,. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Perche velocità = Produttività Fin da quando esiste l'umanità, le persone si sforzano

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com Manuale sull illuminazione UV La corretta illuminazione dei terrari è importante per il benessere degli animali da terrario e per il successo dell allevamento. In ciò rivestono particolare importanza determinate

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

IL NUOVO VOLTO DELL EURO. Scopri la nuova banconota da 10. www.nuove-banconote-euro.eu www.euro.ecb.europa.eu

IL NUOVO VOLTO DELL EURO. Scopri la nuova banconota da 10. www.nuove-banconote-euro.eu www.euro.ecb.europa.eu IL NUOVO VOLTO DELL EURO Scopri la nuova banconota da 10 www.euro.ecb.europa.eu LA SERIE EUROPA : CARATTERISTICHE DI SICUREZZA Facili da controllare e difficili da falsificare Le nuove banconote da 5 e

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Definizione di Dispositivo Medico

Definizione di Dispositivo Medico Definizione di Dispositivo Medico Vs Cosmetico Vs prodotto farmaceutico Vs Biocida Vs DPI Definizione di dispositivo medico Qualsiasi strumento,apparecchio, impianto, sostanza od altro prodotto, utilizzato

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli