A. Uso ed abuso degli integratori alimentari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A. Uso ed abuso degli integratori alimentari"

Transcript

1 Appendici A. Uso ed abuso degli integratori alimentari A.1 Integratori contenenti nutrienti (aminoacidi, vitamine, oligoelementi) A.2 Integratori contenenti sostanze naturali A.3 Integratori contenenti probiotici, prebiotici e simbiotici B. Rischi connessi all uso di alimenti di origine vegetale C. Alimentazione e carcinogenesi D. Radicali liberi E. Le droghe vegetali nelle specialità medicinali Letture di approfondimento Tabelle riassuntive A. Uso ed abuso degli integratori alimentari Secondo i risultati di uno studio della United States Food and Drug Administration (FDA) i tre quarti della popolazione adulta è convinta che un supplemento in vitamine sia in grado di migliorare lo stato di salute e la qualità e la durata della vita; inoltre un quinto della popolazione ritiene che l insorgenza di determinate patologie (neoplasia, artrite, raffreddore) sia la conseguenza di una deficienza dietetica di vitamine, minerali e altri nutrienti (oligoelementi, aminoacidi, ecc.). Queste ed altre convinzioni, come ad esempio l attribuire ad alcuni nutrienti la capacità di curare e di prevenire alcune malattie e/o disturbi, si sono diffuse in vasti strati della popolazione, non solo negli USA, ma anche in Europa, Giappone e Canada; di conseguenza oggi si fa un abuso di integratori alimentari con il rischio di provocare effetti indesiderati o tossici. Alcuni nutrienti, infatti, possono, una volta somministrati, accumularsi nell organismo fino a raggiungere concentrazioni tossiche; ciò accade, ad esempio, con le vitamine liposolubili. Altri nutrienti possono invece provocare effetti spiacevoli o addirittura tossici in seguito a somministrazioni ripetute e a dosaggi elevati (Tab. A.1). È ovvio che l integratore naturale non offre nessun vantaggio rispetto a quello di sintesi, per il semplice fatto che il nostro organismo, non distinguendo una sostanza naturale da una di sintesi, anche se analoga, metabolizza l una e l altra allo stesso modo: di conseguenza bisogna attendersi gli stessi benefici, ma anche gli stessi inconve-

2 888 Fitoterapia - Impiego razionale delle droghe vegetali Tabella A.1 Inconvenienti per un uso inappropriato (esagerato) di nutrienti Nutrienti Cobalto Ferro Iodio Magnesio Manganese Potassio Rame Triptofano Vitamina A Vitamina C Vitamina D Vitamina E Effetti spiacevoli Ipertrofia della tiroide, insufficienza cardiaca Melena, nausea, dolori addominali Irregolarità nel battito cardiaco, confusione mentale Nausea, ipotensione, debolezza muscolare, aritmie Insonnia, depressione, impotenza Tachicardia Nausea, vomito, dolori muscolari Eosinofilia-mialgia Dolori ossei, dermatite a scaglie, epato- e splenomegalia, nausea e diarrea L ossalato è il principale metabolita della vitamina C; quindi elevate assunzioni di questa vitamina potrebbero portare alla formazione di calcoli renali di ossalato in soggetti predisposti Ipercalcemia che (i) favorisce la formazione di calcificazioni metastatiche, (ii) provoca demineralizzazione delle ossa, (iii) predispone alla formazione di calcoli renali Segni di malessere ed aumentata affaticabilità nienti. Non è da escludere poi la presenza negli integratori di sostanze che possono risultare tossiche a determinate concentrazioni (Tab. A.2). C è poi il rischio che l esagerata, ed in molti casi ingiustificata, fiducia riposta in questi prodotti porti medico e paziente (ma anche farmacista ed erborista) a sottovalutare sintomi e disturbi che, viceversa, andrebbero curati con farmaci appropriati. C è comunque un altro aspetto da considerare. Nel 1992, con il Decreto Legislativo n. 111 del 27 gennaio che recepiva la direttiva 89/398 della CE, fu introdotto anche in Italia la pratica della notifica per i prodotti dietetici ed alimentari, destinati ad un alimentazione particolare. L introduzione della pratica della notifica portò l allora Ministero della Sanità, Dipartimento degli Alimenti e Nutrizione, a riesaminare il concetto di nutriente: il risultato fu l ampliamento della lista dei nutrienti ammessi nei prodotti dietetici (composti fino ad allora esclusivamente di vitamine, minerali ed alcuni aminoacidi), una revisione del dosaggio giornaliero dei nutrienti e l introduzione di estratti vegetali privi di tossicità e dei fermenti lattici tra i prodotti di uso alimentare/dietetico. Tutto ciò ha creato negli anni delle situazioni borderline,divenendo sempre più sfumato il confine tra l integratore alimentare o dietetico ed il farmaco. Di fatto oggi abbiamo in commercio integratori che contengono sostanze presenti nelle specialità medicinali, con dosaggi equivalenti o addirittura superiori a quelli dei farmaci. Per esempio farma-

3 Appendici 889 Tabella A.2 Sostanze potenzialmente pericolose e loro limiti negli integratori Caffeina 300 mg/kg Cumarina 5 mg/kg Ipericina 1 mg/kg Metilnonil chetone 5 mg/kg Pulegone 20 mg/kg Safrolo 1 mg/kg Tujone 10 mg/kg ci che contengono rutina prevedono una dose giornaliera di 135 mg mentre gli integratori indicano un dosaggio superiore ai 200 mg/die; farmaci che contengono fluoro indicano un dosaggio giornaliero di 0,25-1 mg mentre gli integratori indicano un dosaggio di 1,5-4 mg; farmaci che contengono glutammato indicano un dosaggio di 50 mg mentre gli integratori indicano un dosaggio giornaliero 20 volte superiore. La stessa situazione si è creata nel settore dei prodotti vegetali. Infatti sono numerosi gli estratti vegetali (per es. cardo mariano, senna, iperico, uva ursina, centella, valeriana, ecc.) presenti negli integratori (vedi Tab. C, pag 966). Gli inconvenienti maggiori di questi integratori alimentari riguardano il controllo di qualità, non sempre accurato, l uso di estratti vegetali non standardizzati, assenza di indicazioni sull efficacia e sicurezza del prodotto. È ovvio che l utilizzo di alcuni integratori alimentari/dietetici può colmare alcuni fabbisogni organici e prevenire disturbi e patologie anche serie, ma è altresì vero che l uso inappropriato di questi prodotti può provocare danni anche più seri di quelli per i quali sono utilizzati. Il cattivo uso e/o l abuso di integratori, favorito anche da dichiarazioni terapeutiche accattivanti, spesso riportate sulle confezioni, deve essere corretto con un opera di educazione, fatta da personale capace di assolvere questo compito. A.1 Integratori contenenti nutrienti (aminoacidi, vitamine, oligoelementi) I nutrienti sono largamenti diffusi nel regno vegetale ed il nostro fabbisogno giornaliero è ampiamente coperto dall apporto alimentare, se questo è regolare e completo. La dieta è considerata completa se presenta una quantità sufficiente e bilanciata di proteine, grassi e carboidrati e se i principi nutritivi agiscono da carrier per alcuni importanti nutrienti minori (vitamine, tracce di elementi, minerali).

4 890 Fitoterapia - Impiego razionale delle droghe vegetali Tabella A.3 Principali revisioni sistematiche e metanalisi di studi epidemiologici o randomizzati relativi all utilizzo dei più comuni integratori alimentari (non sono inclusi gli studi relativi agli integratori contenenti nutrienti, ovvero aminoacidi, vitamine ed oligoelementi) Supplemento Patologia Tipi di Risultato Bibliografia* studio clinico Acidi grassi -3 Malattie Studi epide- Gli acidi grassi -3 Carroll 2002 Ann coronariche miologici (pre- potrebbero essere di Pharmacother valentemente) beneficio in pazienti 36:1950 cardiopatici, particolarmente per quelli a rischio di morte improvvisa Acidi grassi -3 Claudicatio RCT Gli acidi grassi -3 Sommerfield intermittens possono migliorare i 2004 parametri biochimici Cochrane Dataed emodinamici in base Syst Rev pazienti con claudi- 3:CD catio intermittens. Tuttavia, queste variazioni non si traducono in un miglioramento clinico Acidi grassi Dermatite Studi con Gli acid grassi essen- Van Gool 2004 essenziali atopica placebo ziali non sono di be- Br J Dermatol neficio in pazienti con 150:720 dermatite atopica Antiossidanti Cancro RCT Gli antiossidanti non Bjelakovic 2004 prevengono il cancro Lancet 364:1219 gastrointestinale -carotene Morbo di Studi caso La vitamina E, ma Etminan 2005 Parkinson controllo, non la vitamina C Lancet Neurol studi coorte o il -carotene, può 4:362 esercitare effetti neuroprotettivi Chitosano Soprappeso/ RCT I risultati derivanti da Mhurchu 2005 obesità studi clinici rigorosi Obes Rev 6:35 suggeriscono che l effetto del chitosano sul peso corporeo sia minimo e di scarso significato clinico Fibre Ipertensione RCT L assunzione di fibre Whelton 2005 per almeno otto set- J Hypertens timane può ridurre la 23:475 pressione arteriosa in pazienti con ipertensione segue

5 Appendici 891 seguito Supplemento Patologia Tipi di Risultato Bibliografia* studio clinico Fibre Malattie Studi coorte Il consumo di cereali Pereira 2004 coronariche e frutti contenenti Arch Intern Med fibre riduce il rischio 164:370 coronarico Fibre Cancro RCT Il consumo di fibre Asano 2002 al colon non risulta associato Cochrane Dataad una riduzione base Syst Rev dell incidenza o della 2:CD recidiva di polipi adenomatosi o del cancro al colon Fibre Ipercoleste- Studi clinici La fibra può ridurre Brown 1999 Am rolemia controllati il colesterolo totale J Clin Nutr 69:30 ed il colesterolo LDL. Tuttavia, l effetto è modesto Fitoestrogeni Sintomi RCT I supplementi a base Krebs 2004 (soia, trifoglio della di fitoestrogeni non Obstet Gynecol rosso) menopausa riducono le vampate 104:824 di calore ed altri sintomi della menopausa Licopene Cancro alla Studi caso I prodotti a base di Etminan 2004 prostata controllo, pomodoro (200 g/die) Cancer Epidemiol studi coorte possono prevenire il Biomarkers Prev cancro alla prostata. 13:340 Tuttavia, l effetto è modesto Luteina/ Neoplasia Studi osserva- Probabile protezione Garcia-Closas zeaxantina cervicale zionali, RCT da parte della luteina/ 2005 Int J Cancer zeaxantina, del -ca- 117:629 rotene e del licopene Olio di pesce Trapiantati RCT Nessun effetto Tatsioni 2005 di rene benefico J Am Soc Nephrol 16:2462 Olio di pesce Diabete RCT I supplementi a base Montori 2000 tipo 2 di olio di pesce dimi- Diabetes Care nuiscono i livelli di tri- 27:1088 gliceridi ed aumentano il colesterolo LDL, ma non hanno alcun effetto sulla glicemia segue

6 892 Fitoterapia - Impiego razionale delle droghe vegetali seguito Supplemento Patologia Tipi di Risultato Bibliografia* studio clinico Olio di pesce Ipertensione Studi clinici L assunzione di elevate Geleijnse 2002 randomizzati quantità di olio di Hypertension pesce (3,7 g/die) può 20:1493 ridurre la pressione arteriosa, soprattutto nei pazienti anziani Picnogenolo Retinopatia Studi rando- Il trattamento con Schonlau 2001 diabetica mizzati, in picnogenolo è di be- Int Ophthalmol doppio cieco neficio nella maggio- 24:161 ranza dei pazienti affetti da retinopatia diabetica Probiotici Diarrea nei Studi clinici I probiotici riducono Huang 2002 bambini di circa un giorno Dig Dis Sci la durata della diarrea 47:2625 nei bambini Probiotici Diarrea da RCT, in I probiotici sono utili D Souza 2002 (Saccharomyces antibiotici doppio cieco nel prevenire la diar- BMJ 324:1361 boulardii, (prevenzione) rea associata ad lactobacilli) antibiotici Probiotici Ipercoleste- Studi clinici I probiotici (sotto for- Agerholm-Larsen (yogurt) rolemia controllati ma di yogurt) ridu Eur J Clin cono del 4% il cole- Nutr 54:856 sterolo totale e del 5% il colesterolo LDL Soia Sintomi RCT Esiste una qualche Huntley 2004 della evidenza di efficacia. Maturitas 47:1 menopausa Tuttavia, l eterogeneità degli studi rende impossibile una conclusione definitiva Soia Cancro alla Studi coorte Riduzione del rischio Yan 2005 prostata e caso del cancro alla pro- Int J Cancer controllo stata 117:667 Soia (proteine Ipercoleste- RCT La soia riduce il cole- Zhan 2005 della soia conte- rolemia sterolo totale, il cole- Am J Clin Nutr nenti isoflavoni) sterolo LDL, i triglice- 81:397 ridi ed aumenta i livelli del colesterolo HDL, soprattutto negli uomini * Primo Autore, anno, rivista, volume, prima pagina. RCT = Studi clinici randomizzati controllati

7 Appendici 893 Pertanto, l'impiego di integratori alimentari è da evitare perché inutile e non privo di rischi in un soggetto sano; al contrario, il ricorso ad integratori alimentari può essere appropriato in particolari situazioni fisiopatologiche (Tab. A.3), oppure quando un anamnesi diagnostica abbia messo in evidenza deficit vitaminici e/o di altri nutrienti, causati da abitudini alimentari. I fattori che possono condurre a stati carenziali alimentari sono diversi: dieta insufficiente, aumentato fabbisogno di qualche principio nutritivo, sindromi di malassorbimento. Comunque, il rischio di gravi stati carenziali si ha solo nel caso in cui questi fattori (2 o tutti e 3) si sommano (Fig. A.1). Così una integrazione di nutrienti può giovare alla donna in gravidanza e durante l allattamento. La gravidanza, infatti, comporta un aumento del fabbisogno di acido folico, piridossina, vitamina C, niacina, vitamina B6, ferro, calcio, magnesio, zinco, ecc. Inoltre, durante la gravidanza, vi è un ridotto assorbimento intestinale e nel corso dell allattamento Fig. A.1 Fattori che causano stati carenziali alimentari. Il rischio di stati carenziali è molto basso se il paziente si trova nella zona bianca di uno dei 3 cerchi (è interessato un solo fattore), alto se il paziente si trova nella zona di sovrapposizione di due cerchi (sono interessati 2 fattori su 3), molto alto se si trova nella zona di sovrapposizione dei 3 cerchi (sono interessati i 3 fattori)

8 894 Fitoterapia - Impiego razionale delle droghe vegetali un aumento della clearance renale di acido folico e di altri nutrienti. Così pure, anche se il latte materno è un alimento completo, l allattamento può rendere necessario un supplemento di vitamina C e di tiamina; l impiego invece di latte di mucca richiede un supplemento di ferro, di vitamina C e di vitamina K (nel neonato vi è in particolare una deficienza di vitamina K fino a quando non si sviluppa la flora batterica intestinale). Un integrazione della dieta con opportuni nutrienti può essere giustificata anche negli alcolisti cronici (l alcolismo causa denutrizione, per insufficiente apporto alimentare e per alterazioni croniche dell apparato digerente e del pancreas), nei giovani che fanno uso di stupefacenti (possono essere causa di denutrizione sia per il ridotto apporto alimentare che per le alterazioni funzionali che causano lungo il tratto digerente) e nei pazienti portatori di malattie che interferiscono con i processi digestivi (assunzione, assorbimento, utilizzazione) quali: anoressia nervosa, lesioni e/o processi flogistici a carico del cavo orale (ivi compresa la mancanza di denti), malattia ischemica cronica dell intestino, parassitosi intestinali, morbo celiaco, insufficienza pancreatica (l assorbimento dei grassi e delle vitamine liposolubili è ridotto), ipoparatiroidismo (l assorbimento intestinale del calcio è difettoso), malattia di Hartnup (difettoso assorbimento di acidi monocarbossilici e carenza di triptofano), sindrome carcinoide (neoplasia maligna che produce forti quantità di serotonina e di altre amine biogene; l aumentata sintesi di serotonina richiede un maggiore consumo di triptofano, a danno della produzione di niacina). Anche pazienti con malattie epatiche e renali richiedono una integrazione alimentare perché in questi è compromessa l attivazione della vitamina D e la possibilità di immagazzinare ed utilizzare la vitamina A, la vitamina B12 e l acido folico. Così pure pazienti sottoposti ad interventi chirurgici (resezione gastrica ed intestinale) e quelli che presentano errori congeniti del metabolismo richiedono la somministrazione di una dieta adeguata, integrata con vitamine, minerali, aminoacidi. Richiedono abitualmente somministrazioni aggiuntive di nutrienti i neonati ed i bambini che presentano un aumentato fabbisogno di ferro, Infanzia, adolescenza (B,C,D ) Attività sportiva (B2, B6 ) Malattie croniche (MVIT ) Inquinamento ambientale (MVIT ) Diete (MVIT ) Fig. A.2 Supplemento vitaminico in età pediatrica. Indicazioni. MVIT = multivitaminico

9 Appendici 895 calcio e vitamine (Fig. A.2), gli adolescenti che tendono ad alimentarsi con diete povere di calcio, magnesio, vitamine A, B6 e C e gli anziani nei quali il deficit di nutrienti è dovuto al sommarsi di abitudini alimentari più frugali con una ridotta capacità di assorbimento; gli anziani consumano anche una quantità elevata di farmaci che molto spesso determina un aumento del fabbisogno di certi principi alimentari (Tab. A.4). Lo stesso vale per coloro che escludono dalla dieta frutta e verdura (in questo caso è necessario integrare la dieta con acido ascorbico), per coloro che usano quasi esclusivamente cibi surgelati, preconfezionati, inscatolati o trattati con altre tecniche di conservazione che distruggono parte delle vitamine (Fig. A.3) e degli altri nutrienti presenti negli alimenti (essiccamento, sbiancamento, ecc.) e per i vegetariani. Il principale problema di una dieta strettamente vegetariana (assenza anche di uova e latte) consiste nel riuscire ad introdurre una quantità sufficiente di proteine e calorie. I prodotti vegetali hanno in genere un basso contenuto proteico rispetto ai prodotti animali (vegetali: 1-2 g/100 g, carne: g/100 g); inoltre alcune proteine non sono completamente dige- Tabella A.4 Farmaci che possono provocare un deficit di nutrienti Farmaco Nutriente Antibiotici Vitamina K, vitamina H Anticonvulsivanti Acido folico, calcio fosfato, vitamina B1, vitamina D3, vitamina K Corticosteroidi Calcio, potassio, vitamina C, vitamina B6, vitamina D3, zinco Diuretici Calcio, magnesio, potassio, zinco Contraccettivi orali ed estrogeni Acido folico, vitamina B6, vitamina B12, vitamina C Anche alcol e fumo possono condurre a stati carenziali di acido folico e vitamina B6 Fig. A.3 Perdita di valore nutrizionale vitaminico degli alimenti

10 896 Fitoterapia - Impiego razionale delle droghe vegetali rite. Per quanto riguarda invece le calorie, il contenuto calorico di frutta e verdura è 5-6 volte minore di quello della carne (30-50 kcal/100 g di frutta e verdura contro le kcal di carne).ciò nonostante,una dieta ben equilibrata può soddisfare il fabbisogno di calorie. Seri rischi corrono invece quei soggetti nei quali il fabbisogno di calorie e proteine risulta superiore al normale (bambini, donna in gravidanza, donna che allatta). In questi casi è necessario introdurre nella dieta vegetali che forniscano un maggior numero di calorie (fagioli secchi, grano, frutta secca, noci) e di proteine, uova, latte ed eventualmente nutrienti come integratori (35). Qui di seguito sono riportati alcuni nutrienti ai quali spesso si ricorre per integrare la dieta (Tabb. A.5, A.6 e A.7). A.2 Integratori contenenti sostanze naturali Gli integratori alimentari/dietetici contengono anche sostanze prive di caratteristiche nutrizionali (valore nutritivo), che potrebbero svolgere una serie di funzioni protettive nel nostro organismo. Qui di seguito verranno brevemente trattate alcune di queste sostanze. Carotenoidi Si tratta di pigmenti liposolubili presenti nelle piante (per esempio Helenium autumnale, Lycium chinese, Lycopersicon esculentum, ecc.), nelle alghe (Dunaliella salina e D. bordewil) e nei batteri fotosensibili: la funzione dei carotenoidi in questi batteri è quella di proteggerli dagli effetti tossici dell ossigeno e delle radiazioni. Responsabili dei colori rosso, arancione e verde di frutta e verdura, i carotenoidi sono, da un punto di vista chimico, dei poliisoprenoidi. I principali carotenoidi alimentari sono - e -carotene, -criptoxantina, zeaxantina, licopene e luteina: tra questi, - e -carotene e -criptoxantina sono dei precursori del retinolo (vitamina A) e quindi si comportano da provitamine A. Il b-carotene è presente nelle carote, nel melone (cantalupo), nei broccoli, negli spinaci ed in altri ortaggi come anche nell olio di palma, utilizzato come colorante ali- (35) L integratore alimentare non deve riportare una dichiarazione di tipo terapeutico. Ad esempio sull etichetta di un integratore alimentare contenente vitamina A si può riportare l indicazione che tale vitamina è essenziale per la normale funzione visiva, ma non si può scrivere che la vitamina può prevenire o curare disturbi visivi. Comunque negli USA la FDA ha approvato l uso di dichiarazioni di tipo terapeutico per due integratori alimentari: la vitamina B, per le donne gravide, per prevenire alcuni difetti di nascita ed il calcio, per la prevenzione della perdita ossea. È inoltre permesso riportare in etichetta la parola antiossidante per alcune sostanze alle quali sia riconosciuta tale attività.

11 Appendici 897 Tabella A.5 Vitamine contenute in alcuni alimenti e prodotti vegetali Vitamina Fonte Funzione Sindrome (o sintomi) A chi potrebbe giovare da carenza un'integrazione A (retinolo) Albicocca, carota, ortica, patata dolce, prezzemolo, verdura, spirulina, tarassaco, fegato, tuorlo d'uovo, latte Antiossidante, regola la crescita e la differenziazione cellulare Anemia, maggiore predisposizione alle infezioni, maggiore probabilità di contrarre il cancro Gestante o nutrice, alcolizzato, paziente portatore di malattie croniche B1 (tiamina) Ceci, fagioli, germe di grano, riso, semi di girasole, soia, lievito di birra, fegato, salmone Ruolo nel mantenimento in condizioni di salute del tessuto nervoso Perdita di appetito, stipsi, nausea, debolezza muscolare, atrofia Alcolizzato, persona febbricitante, traumatizzato B2 (riboflavina) Frumento, fungo bianco, prezzemolo, lievito di birra, formaggio, manzo Protegge le mucose, conserva l integrità del tessuto nervoso e della pelle Glossite, stomatite, prurito e desquamazione della pelle Gestante o nutrice, alcolizzato, drogato, ustionato B3 o PP (niacina) Girasole, arachidi, lievito di birra, carne bianca, pesce, vitello Mantiene le regolari funzioni metaboliche, cura la pellagra Glossite, dermatite, diarrea, demenza, debolezza muscolare Gestante o nutrice, drogato, alcolizzato, persona con grave problema di malassorbimento, persona stressata B5 (acido pantotenico) Arachide, fungo porcino, piselli Componente del CoA e di enzimi, partecipa al metabolismo di lipidi, proteine, carboidrati Difficile da definire e comunque simile a quelle caratteristiche di altre vitamine del gruppo B Gestante o nutrice, alcolizzato, malato cronico B6 (piridossina) Girasole, soia, verdure, cereali, tuorlo d uovo Ruolo nel metabolismo degli aminoacidi, prende parte alla sintesi di neurotrasmettitori Irritabilità, nervosismo, depressione, convulsioni Gestante o nutrice, alcolizzato, donna che usa contraccettivi orali, paziente defedato segue

12 898 Fitoterapia - Impiego razionale delle droghe vegetali seguito Tabella A.5 Vitamine contenute in alcuni alimenti e prodotti vegetali Vitamina Fonte Funzione Sindrome (o sintomi) A chi potrebbe giovare da carenza un'integrazione B9 (acido folico) Germe di grano, indivia, soia, cereali, frutta, lievito di birra, arancia, riso, fegato Promuove la formazione dei globuli rossi Anemia, irritabilità Gestante o nutrice, alcolizzati, pazienti con disturbi epatici, paziente portatore di malattie da malassorbimento B12 (cobalamina) Prezzemolo, spirulina, carni, latte e derivati Favorisce una regolare crescita e sviluppo Anemia perniciosa, gengive sanguinanti Paziente con insufficiente produzione gastrica (di fattore intrinseco e/o di HCl), paziente con grave sindrome di malassorbimento, alcolizzato, drogato C (acido ascorbico) Limone, pompelmo, arancia, rosa canina, alchemilla, acerola, erba medica, nasturzio, ortica, camu camu Partecipa a reazioni di idrossilazioni, alla formazione di tessuto osseo, alla cicatrizzazione Fragilità capillare (formazione di ecchimosi e petecchie), anemia Gestante o nutrice, alcolizzato, portatore di malattia cronica debilitante, paziente con stato influenzale D (colecalciferolo) Latte, olio di fegato di merluzzo, salmone Regola la crescita e la formazione del tessuto osseo Rachitismo, osteomalacia Anziano (che espone molto poco al sole il proprio corpo), vegetariano, alcolizzato cronico, paziente con gravi malattie epatiche e renali, oppure con malattie che si accompagnano a malassorbimento dei lipidi alimentari segue

13 Appendici 899 seguito Tabella A.5 Vitamine contenute in alcuni alimenti e prodotti vegetali Vitamina Fonte Funzione Sindrome (o sintomi) A chi potrebbe giovare da carenza un'integrazione E (tocoferolo) Olio di girasole, granturco, soia, mandorla, spirulina, ortica Antiossidante Fragilità della membrana dei globuli rossi, anemia Neonati prematuri, adulti con problemi di malassorbimento, in casi di aumentata assunzione di acidi grassi polinsaturi, pazienti con difetti circolatori (claudicatio intermittens), pazienti esposti all infarto miocardico, pazienti il cui tessuto polmonare è esposto agli effetti dannosi dell ozono in aree molto inquinate K (Vit. antiemorragica) Erba medica, olivo, spinaci. Sintetizzata dai batteri intestinali Attiva numerosi fattori della coagulazione Aumento del tempo di coagulazione Paziente che prende antibiotici H (biotina) Arachidi, noci, piselli, cioccolata, uova. Sintetizzata dai batteri intestinali Componenti di enzimi, partecipa alla biosintesi di acido ossalacetico e degli acidi grassi Rara Pazienti con ittero ostruttivo o altre patologie che si accompagnano a gravi fenomeni di malassorbimento dei lipidi, persone anziane con ridotta funzionalità epatica e malassorbimento dei lipidi, paziente che prende antibiotici

14 900 Fitoterapia - Impiego razionale delle droghe vegetali seguito Tabella A.6 Elementi minerali contenuti in alcuni alimenti e prodotti vegetali Elementi Fonte Funzione Sindrome (o sintomi) A chi potrebbe giovare da carenza un'integrazione Calcio Vegetali a foglie verdi, soia, latte, tuorlo d uovo, crostacei, salmone, yogurt Componente delle ossa e dei denti, media risposte ormonali, partecipa alla coagulazione del sangue, è essenziale per la contrazione muscolare e per la normale eccitabilità neuromuscolare Crampi muscolari, decalcificazione delle ossa, rachitismo, ipertensione Gestante o nutrice, persona allergica al latte e derivati, alcolizzato, drogato Cobalto Crescione, fico, grano saraceno, spinaci, cavolo, lattuga, fegato Promuove la formazione di globuli rossi Anemia Anoressico Cromo Galega, mirtillo, fagiolo, lievito di birra, manzo Costituente del fattore di tolleranza al glucosio (CTF), mantiene la concentrazione di HDL nel plasma Diminuita tolleranza al glucosio Alcolizzato, drogato, portatore di malattie croniche (diabete, ecc.) Ferro Germe di grano, melassa, seme di zucca, legumi, fegato, carni Componente dell emoglobina e della mioglobina, costituente dei citocromi e delle ferroproteine, componente dell enzima lisosomiale mieloperossidasi Anemia Anziano, donna in gravidanza o che allatta, donna con perdite ematiche eccessive, alcolizzato, drogato Fosforo Noccioline, pollame, latte, pesce, carne Componente di ATP, DNA, RNA e molti enzimi, presente nell osso e nei denti, partecipa all attività neuromuscolare Debolezza muscolare, rachitismo Soggetto stressato, adolescenti che ricorrono a diete sbilanciate segue

15 Appendici 901 seguito Tabella A.6 Elementi minerali contenuti in alcuni alimenti e prodotti vegetali Elementi Fonte Funzione Sindrome (o sintomi) A chi potrebbe giovare da carenza un'integrazione Fluoro Tè, caffè, mele, acqua fluorurata, uova, merluzzo, salmone Componente delle ossa e dello smalto dei denti Osteoporosi, aumento della carie dentaria Soggetto che vive in aree con un basso contenuto di fluoro Iodio Alghe (clorella, spirulina), seme di girasole, olio di fegato di merluzzo Componente degli ormoni tiroidei Gozzo Soggetto che fa uso di cibi che possano causare gozzo (cavolo, verza, bietole, lattuga, spinaci) Manganese Crusca, orzo, spinaci, zenzero, trifoglio fibrino Componente di enzimi Debolezza muscolare, tremori, aritmie cardiache, ipertensione Gestante, alcolizzato, drogato Magnesio Fagioli, arachidi, banane Costituente di coenzimi, partecipa a numerose funzioni ed alla trasmissione neuromuscolare Sconosciuta Paziente con grave malattia Potassio Albicocche, alghe (spirulina, fuco), dattero, erba medica, fico, fungo porcino, melassa Possibile ruolo nella eccitabilità neuromuscolare Depressione neuromuscolare Donna che prende contraccettivi orali, soggetto stressato, alcolizzato e drogato Rame Germe di grano, uova, fegato, spinaci, pesce Sintesi dell emoglobina, componente di alcuni enzimi o agisce come cofattore Leucopenia, demineralizzazione delle ossa, anemia, fragilità delle grosse arterie, demielinizzazione del tessuto nervoso Gestante o nutrice, alcolizzato, drogato, portatore di malattie croniche segue

16 902 Fitoterapia - Impiego razionale delle droghe vegetali seguito Tabella A.6 Elementi minerali contenuti in alcuni alimenti e prodotti vegetali Elementi Fonte Funzione Sindrome (o sintomi) A chi potrebbe giovare da carenza un'integrazione Selenio Aglio, cipolla, crusca, germe di grano, sedano, seme di zucca Componente di enzimi Sconosciuta Soggetto che presenta un invecchiamento precoce dei tessuti, soggetto che vive in aree nelle quali il selenio è carente (Stati Uniti,Nuova Zelanda,Cina).Da evitare l associazione con vitamina C altrimenti non viene assimilato Silicio Equiseto, cereali, verdure, crostacei Previene, secondo alcuni, l aterosclerosi Sconosciuta Soggetto con disturbi vascolari (aterosclerosi) o articolari. Il beneficio di un integratore a base di silicio non è stato ancora dimostrato Sodio Fagioli verdi, pane, burro, latte, manzo, pelati, molluschi, sardine, prosciutto Regola l equilibrio dei fluidi extracorporei, stimola la contrazione muscolare e la trasmissione nervosa Ipovolemia Soggetti con diarrea ostinata, cardiopatici, soggetti che assumono diuretici Zinco Germe di grano, melassa, sciroppo di acero, seme di girasole Componente di alcuni enzimi tra cui la DNA polimerasi; promuove la crescita e la spermatogenesi, media l appetito ed il sapore Ridotta crescita e difettoso sviluppo sessuale nei bambini, riduzione del senso del gusto, ritardo nella cicatrizzazione delle ferite, dermatite Gestante o nutrice, alcolizzato, drogato, paziente portatore di malattie croniche, ustionato, chi usa contraccettivi orali, chi vive in Paesi il cui suolo è povero di zinco

17 Appendici 903 Tabella A.7 Aminoacidi contenuti in alcuni alimenti e prodotti vegetali Aminoacido Fonte Funzione Sindrome (o sintomi) A chi potrebbe giovare da carenza un'integrazione L-arginina Carruba, girasole, grano, noci, sesamo, riso, cioccolato, uva Componente di proteine, precursore dell NO Sconosciuta Soggetto con disfunzione erettile, gravidanza Cisteina Cereali, carne, latte e derivati, uova Componente di proteine, si comporta da antiossidante Crescita lenta negli adolescenti Non sembra utile in forma di integratore L-fenilalanina Avocado, banana, seme di mandorla, seme di sesamo, seme di zucca, formaggio, latte, aringa Componente di proteine, determina un aumento dei livelli ematici di adrenalina, noradrenalina, dopamina Crescita lenta negli adolescenti Gestante o nutrice, adolescente che segue una dieta restrittiva L-lisina Seme di soia, carne rossa, latte, patate, pesce, uova Componente di proteine, prende parte alla crescita e riparazione dei tessuti Crescita lenta negli adolescenti Soggetto con un inadeguato apporto proteico L-tirosina Avocado, banana, mandorla, seme di sesamo, seme di zucca, formaggi, latte Componente di proteine, determina un aumento dei livelli ematici di adrenalina, noradrenalina e dopamina Crescita lenta negli adolescenti Persona stressata o depressa, drogato, donna con sindrome premestruale (irritabilità, depressione, stanchezza), soggetto con un inadeguato apporto proteico Triptofano Banane, datteri, carne, latte, pesce Componente di proteine Crescita lenta negli adolescenti Soggetto con un inadeguato apporto proteico

18 904 Fitoterapia - Impiego razionale delle droghe vegetali mentare. È stato osservato che il -carotene incrementa i livelli degli enzimi detossificanti glutatione S-transferasi mu (GST-mu) e glutatione perossidasi; inoltre sembra che protegga il danno ossidativo a carico del DNA, che inibisca la perossidazione lipidica e che regoli l espressione dei geni sensibili allo stato redox intracellulare coinvolto nella carcinogenesi. Il consumo quotidiano di frutta e verdura garantisce l assunzione di 3-6 mg di -carotene al giorno. In commercio si trovano integratori contenenti -carotene sintetico e naturale. Il - carotene naturale si ottiene dall alga Dunaliella salina. Il dosaggio giornaliero consigliato è di 3-15 mg/die. Il licopene è presente soprattutto nel pomodoro (Lycopersicon esculentum), ma anche nell anguria, nella papaia, nel pompelmo giallo e nella pera gialla. Nel pomodoro il licopene fa parte di una matrice (nei cloroplasti o cromoplasti) che ne impedisce l assorbimento a meno che non si provveda alla rottura meccanica e termica di questa ed alla isomerizzazione, con il calore, della forma trans- in quella cis- (il cislicopene è molto più biodisponibile del trans-licopene). I lipidi, poi, incrementano l assorbimento del carotenoide; per questo è molto più vantaggioso aggiungere olio d oliva al sugo di pomodoro piuttosto che utilizzare il sugo di pomodoro da solo. D altra parte è preferibile cuocere a lungo il pomodoro perché la cottura prolungata (nel caso del ragù) facilita la rottura delle strutture cellulari e quindi l assorbimento del licopene. Il licopene sembra utile nel prevenire il cancro alla prostata (Tab. A.3). Questo carotenoide riduce l ossigeno singoletto (è più attivo del -carotene), inibisce l ossidazione del DNA, la perossidazione lipidica e l ossidazione delle LDL. In commercio il licopene è disponibile in preparazioni oleose; altri veicoli utilizzati sono oleoresine e fosfolipidi. Le dosi giornaliere sono comprese tra 5 e 15 mg. Contenuto di licopene in alcuni alimenti mg/kg di peso Pomodoro fresco 7-30 Pomodoro cotto Salsa di pomodoro (ragù) Concentrato di pomodoro Succo di pomodoro Ketchup Anguria Pera Pompelmo Papaia 20-53

19 Appendici 905 Luteina e zeaxantina sono presenti nei cereali, nel rosso d uovo (luteina: 290 mg/uovo; zeaxantina: 210 mg/uovo), nei broccoli, nei fagioli verdi, nei piselli, nei cavoletti di Bruxelles, nei cavoli, negli spinaci, nella lattuga, nei kiwi, nel succo d arancia e nel mango. Questi carotenoidi sono inoltre presenti nei fiori gialli ed in particolare in quelli di Tagetes erecta. Sono infine presenti nella macula e nel cristallino umano, dove sembra esercitino un ruolo protettivo. Questo effetto protettivo sull occhio è in parte dovuto ad un azione protettiva contro il danno causato dalle radiazioni blu ed ultraviolette della luce ed in parte all azione verso specie reattive d ossigeno. È stato postulato che una maggiore assunzione giornaliera di luteina e zeaxantina, con gli alimenti, riduce il rischio di cataratte e degenerazione della macula. Sia la luteina che la zeaxantina sono presenti negli integratori da soli o in associazione, sia liberi che esterificati. La quantità di luteina in questi prodotti è più alta di quella della zeaxantina. Infine, è da ricordare che l assunzione di luteina e zeaxantina riduce il rischio di neoplasia cervicale (Tab. A.3). Resveratrolo È una fitoalesina prodotta dalle piante in risposta ad un danno o ad una infezione fungina. È presente soprattutto nella buccia e nel seme d uva e quindi si trova nel vino, sia rosso che bianco. Durante la preparazione del vino il resveratrolo viene estratto grazie ad un processo di macerazione. Il paradosso francese (l incidenza di malattie cardiovascolari letali è più bassa in Francia che in altri Paesi industriali aventi lo stesso profilo di rischio) è stato attribuito al frequente consumo di vino rosso. A parte l uva il resveratrolo è presente nelle arachidi, nel gelso e nelle radici e fusto di Polygonum cuspidatum. Il resveratrolo può manifestare azioni cardioprotettive ed antiproliferative. Sono stati ipotizzati diversi meccanismi d azione: inibizione dell ossidazione delle LDL, inibizione della proliferazione delle cellule muscolari lisce, inibizione dell aggregazione piastrinica, inibizione della produzione di eicosanoidi proaterogeni, inibizione del superossido e dell idrogeno perossido. In commercio si trovano due tipi di integratori: quelli contenenti un estratto di P. cuspidatum (contenente 8% di resveratrolo) in combinazione con fitonutrienti e vitamine e quelli contenenti un estratto di Vitis vinifera. Picnogenolo (PYC) Con questo termine s intende una miscela di procianidine (polimeri di catechina ed oligomeri di epicatechina e catechina), estratte dalla

20 906 Fitoterapia - Impiego razionale delle droghe vegetali corteccia del pino marittimo francese (Pinus maritima; vedi Cap. 22). Gli oligomeri delle procianidine sono noti anche come procianidine oligomeriche (OPC), proantocianidine oligomeriche (OPCs) ed oligomeri procianidolici (PCOs). Il PYC contiene anche catechina, epicatechina, taxifolina, acidi fenolici (caffeico, ferulico) e flavonoidi. Le procianidine, dette anche leucocianidine, si trovano anche in alimenti quali cacao, semi d uva, pere, mandorle, arachidi, mirtilli ed in piante medicinali come il sangue di drago (Croton lechleri). Le procianidine fanno parte, assieme alle prodelfinidine, di una classe di composti polifenolici chiamati proantocianidine. Mentre le prodelfinidine sono oligomeri di gallocatechina ed epigallocatechina e loro derivati, le procianidine sono oligomeri di catechina ed epicatechina ed esteri dell acido gallico. Le proantocianidine sono anche note come tannini condensati. Queste sostanze impediscono la formazione di radicali liberi, inibiscono la perossidazione lipidica e la degradazione dei principali componenti della matrice extravascolare (inibendo collagenasi, elastasi, ialuronidasi e -glucuronidasi) ed inibiscono l attivazione dei fattori di trascrizione NF-kB ed AP-I che regolano l espressione dei mediatori dell infiammazione. In commercio troviamo un estratto idroalcolico standardizzato (Pycnogenol ), con titolo variabile tra l 80 ed il 90% di procianidine oligomeriche. La dose giornaliera di Pycnogenol varia dai 90 ai 360 mg. Si consiglia nei casi di disturbi vascolari (varici, insufficienza venosa cronica, retinopatie, disfunzione erettile), stati infiammatori e stress. Crisina Si tratta di un flavone diffuso in diverse specie di Pelargonium, Pinus e Passiflora (P. coerulea). Questo flavonoide è un inibitore dell aromatasi, un enzima citocromo P-450 che catalizza la conversione degli androgeni in estrogeni. Grazie a questa proprietà la crisina è molto popolare tra gli atleti ed i culturisti. Studi sperimentali lasciano poi supporre un impiego della crisina come ansiolitico, per ridurre l assunzione di morfina e nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e del cancro. Gli atleti ed i culturisti assumono circa 1 g di crisina al giorno durante l allenamento. Gli integratori si trovano in commercio come capsule o come tavolette a rilascio ritardato.

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

La Vitamina A La Vitamina D

La Vitamina A La Vitamina D LE VITAMINE La Vitamina A La vitamina A o retinolo è una vitamina liposolubile che serve per la differenziazione delle cellule epiteliali, la spermatogenesi, regolazione dello sviluppo osseo, il sistema

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

LABOREST Italia S.p.A Via Vicinale di Parabiago 22 20014 Nerviano - Tel. 0331415253 info@laborest.com www.laborest.com

LABOREST Italia S.p.A Via Vicinale di Parabiago 22 20014 Nerviano - Tel. 0331415253 info@laborest.com www.laborest.com VISTA vista ALADIN 200 DHA 30 capsule Ingredienti: Olio di pesce titolato in DHA, gelatina alimentare, umidificanti: glicerolo, sorbitolo.agente rivestimento:gommalacca, coloranti:e171,e172; stabilizzanti:trietilcitrato,

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

HUROM RICETTE DI ESTRATTI NATURALI. www.huromitalia.it ITALIA

HUROM RICETTE DI ESTRATTI NATURALI. www.huromitalia.it ITALIA HUROM RICETTE DI ESTRATTI NATURALI ITALIA DALLA HUROM A TE Alla Hurom ci impegniamo ad offrire una nutrizione della più alta qualità e dal sapore il più vicino possibile alla forma più pura presente in

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Alimentazione e Cancro

Alimentazione e Cancro Alimentazione e Cancro Dott.ssa Veronica Villani Neurologo Istituto Regina Elena Alimentazione e Cancro Non si vuole proporre una dieta Si vuole fornire una panoramica sulle ricerche effettuate per valutare

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH La Klamath è da preferire ad altre verdi-azzurre per la sua ricchezza di nutrienti completamente naturali e perfettamente bilanciati. Inoltre svolge un'azione stimolante

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA

LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA Dipende soltanto da noi essere in un modo piuttosto che in un altro. Il nostro corpo è un giardino e il suo giardiniere è la nostra volontà. Spetta

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO?

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? Allestimento e produzione dell opuscolo da parte di Mediscope AG. www.mediscope.ch Indice 1. Prefazione Prof. Dr. Dr. med. Walter A. Wuillemin, ematologo,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli