INTERAZIONI TRA FARMACI o INTERAZIONI FARMACOLOGICHE. Somministrazione contemporanea di:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTERAZIONI TRA FARMACI o INTERAZIONI FARMACOLOGICHE. Somministrazione contemporanea di:"

Transcript

1 INTERAZIONI TRA FARMACI o INTERAZIONI FARMACOLOGICHE Somministrazione contemporanea di: - 2 o più farmaci; - 1 farmaco + certi alimenti - 1 farmaco + droghe vegetali - 1 farmaco + inquinanti ambientali (compreso il fumo di tabacco).

2 FATTORI DI RISCHIO la probabilità di interazioni crescono con l aumentare del numero dei farmaci assunti (politerapie); durata della terapia con farmaci interagenti; modificazioni fisiologiche; presenza di pluripatologie o patologie cronico-degenerative: malattie epatiche o renali, scompenso cardiaco modificano la cinetica dei farmaci.

3 CATEGORIA A RISCHIO Pluripatologie Politerapie ANZIANI Cronicità dei trattamenti Alterazioni farmacocinetiche Gli anziani hanno un rischio di sviluppare patologie iatrogene quasi doppio rispetto ai soggetti più giovani. 1 ricovero su 10 in un reparto geriatrico è correlato a patologie iatrogene.

4 NON E NECESSARIO CHE I DUE FARMACI VENGANO SOMMINISTRATI INSIEME: ALCUNI FARMACI SONO IN GRADO DI CONDIZIONARE LA RISPOSTA AD UN FARMACO ASSUNTO IN UN TEMPO SUCCESSIVO

5 LE INTERAZIONI TRA FARMACI Possono avere CONSEGUENZE POSITIVE: infatti molto spesso farmaci diversi vengono somministrati in associazione proprio per ottenere - un effetto terapeutico più intenso, o di maggiore durata; - per ridurre le dosi e quindi la tossicità dei singoli componenti; - per ritardare lo sviluppo di resistenza, nel caso di chemioterapici antiinfettivi o antitumorali.

6 Esempi di farmaci comunemente usati in associazione a scopo terapeutico INDICAZIONI CLINICHE Immunosoppressione posttrapianto Infezioni batteriche AIDS Dolore FARMACI Corticosteroidi, azatioprina, ciclosporina, tacrolimus, anticorpi monoclonali Antibiotici beta-lattamici (penicilline, ciclosporine), aminoglicosidi (gentamicina) Inibitori della trascrittasi e inibitori della proteasi FANS e codeina Ipertensione arteriosa Diuretici, β-bloccanti, ACE-inibitori, Ca-antagonisti, α- bloccanti Asma bronchiale Malattie autoimmuni e trapianto Neoplasie Morbo di Parkinson Epilessia β 2 -agonisti, corticosteroidi, antimuscarinici, antagonisti dei leucotrieni, sodio cromoglicato Corticosteroidi e tacrolimus, micofenolato, azatioprina Angenti alchilanti (ciclofosfamide), antracicline (doxorubicina, daunorubicina) antimetaboliti (metotrexate, citarabina, 5-fluorouracile) L-DOPA e inibitori della DOPA-decarbossilati, inibitori delle MAO-B, antimuscarinici Carbamazepina e fenitoina, valproato

7 LE INTERAZIONI TRA FARMACI Possono avere CONSEGUENZE NEGATIVE: - riduzione dell intensità e della durata dell effetto, - sommazione di effetti tossici sugli stessi organi o apparati - comparsa di effetti tossici del tutto nuovi.

8 Quando l assunzione di 2 o + farmaci induce una reazione imprevedibile e dannosa per la salute del paziente si parla di REAZIONE AVVERSA

9 REAZIONI AVVERSE SERIA Reazione avversa seria: qualsiasi evento che 1)Causano incapacità persistente o invalidità; 2)Causano o prolungano l ospedalizzazione; 3)Uso inappropriato o dipendenza; 4)Minacciosi per la vita o fatali.

10 1 INTERAZIONI CHIMICO-FISICHE INTERAZIONI FARMACOCINETICHE 2 ASSORBIMENTO DISTRIBUZIONE BIOTRASFORMAZIONE ESCREZIONE 3 INTERAZIONI FARMACODINAMICHE

11 ESTERNO: prima dell assorbimento INTERAZIONI CHIMICO-FISICHE I farmaci, se miscellati fra loro, possono essere inattivati (neutralizzazione, precipitazione) o trasformati in composti tossici. INTERNO: nell organismo dopo che il farmaco è stato assunto (es: tetracicline + calcio) Neutralizzazione Chimica Farmaco A + Farmaco B Inattivazione Chimico-fisica Effetto finale assente

12 INTERAZIONI DI TIPO FAMACOCINETICO ADME ASSORBIMENTO DISTRIBUZIONE METABOLISMO ESCREZIONE

13 TUTTE LE FASI DELLA FARMACOCINETICA SONO INFLUENZATI DALLA VARIABILITÀ INTERINDIVIDUALE: FATTORI GENETICI (POLIMORFISMO GENETICO) FATTORI FISIOLOGICI (ETA, SESSO, GRAVIDANZA, DIGIUNO) FATTORI PATOLOGICI (MALATTIE EPATICHE O RANALI)

14 INTERAZIONI IN FASE DI ASSORBIMENTO DEI FARMACI Assorbimento orale La maggior parte dei farmaci viene somministrato per via orale, assorbita nel GI per diffusione passiva. FATTORI CHE MODIFICAMO L ASSORBIMENTO: 1. gradiente di concentrazione ai lati della mucosa GE; 2. area della superficie assorbente; 3. motilità intestinale; 4. grado di liposolubilità della sostanza; 5. ph del mezzo in cui il farmaco è disciolto e dal suo pka;

15 INTERAZIONI CHIMICO-FISICHE NEL LUME GASTROINTESTINALE 1. Ferro + levodopa/metildopa: diminuisce l assorbimento e di conseguenza l efficacia 2. Antiacidi (contenenti Ca, Al e Mg) effetti chelanti su tetracicline, chinoloni, penicillamine; formazione di complesso insolubile che precipita con minor assorbimento 3. Carbone attivo: Diminuisce l assorbimento della sost tossica 4. Resine a scambio ionico (colestiramina, colestipolo): diminuiscono la biodisponibilità di tutti i farmaci acidi

16 PASSAGGIO DI UN FARMACO PRIVO DI CARICA ATTRAVERSA UNA MEMBRANA Solo la forma indissociata (farmaco privo di cariche, non ionizzato) della sostanza è liposolubile e soltanto questa può attraversare le membrane biologiche per diffusione passiva Acido debole Base debole H+ H+ HA A- BH+ B H+ H+ HA A- Diffusione della forma non ionizzata di un acido debole attraverso le membrane lipidiche BH+ Diffusione della forma non ionizzata di una base debole attraverso le membrane lipidiche L ambiente acido dello stomaco favorisce l assorbimento degli acidi deboli (salicilati e barbiturici) che si presentano in forma non-ionizzata. L aumento del ph a 5,3 nell intestino determina un maggior assorbimento di basi deboli come i β- bloccanti e alcuni antidiabetici (tolbutamide) B

17 Il rapporto tra le due forme: carica e non carica è determinata dal ph nel sito di assorbimento e dal suo grado di ionizzazione Questa capacità, cioè il grado di ionizzazione di un composto ad un determinato ph, è indicato dal pka che esprime il log. Negativo della costante di dissociazione Più è basso il pka più forte è l acido Ka BH + B + H + REAZIONE DI IONIZZAZIONE PER UNA BASE DEBOLE [BH pka = ph + log + ] 10 [B] Il coefficiente di dissociazione o pka è calcolato con l equazione di Henderson-Hasselbach Ka AH A - + H + REAZIONE DI IONIZZAZIONE PER UN ACIDO DEBOLE [AH] pka = ph + log 10 [A - ] La forma ionizzata, BH + o A -, presenta una solubilità nei lipidi molto bassa (idrosolubile), La forma non ionizzata, B o AH, presenta una solubilità elevata (liposolubile).

18 ph dei liquidi gastrointestinali modificano il processo di assorbimento SOSTANZE ALCALINIZZANTI AUMENTANO IL PH DEL MEZZO E FAVORISCONO L ASSORBIMENTO DI FARMACI BASICI E RALLENTANO QUELLO DI FARMACI ACIDI antiacidi, antagonisti dei rec H 2 e inibitori della pompa protonica possono provocare l assorbimento degli antidiabetici (glibenclamide, glipizide, tolbutamide) inducendo potenziale ipoglicemia

19 Man mano che aumenta il ph si ha un intrappolamento ionico (farmaco acido più concentrato) Barbiturici e aspirina sono assorbiti nello stomaco Ripartizione teorica di un acido debole (aspirina) e di una base debole (petidina) tra i compartimenti acquosi.

20 Nello stomaco (ph acido) Scarso assorbimento FARMACO BASICO Forte ionizzazione Tassi ematici modesti Nel rene Scarso riassorbimento a livello tubulare Buona eliminazione Nello stomaco (ph acido) Buono assorbimento FARMACO ACIDO Scarsa ionizzazione Tassi ematici elevati Barbiturici e aspirina sono assorbiti nello stomaco Nel rene buono riassorbimento a livello tubulare Scarsa eliminazione

21 ALTERAZIONI DELLA MOTILITA GASTROINTESTINALE E DELLA VELOCITA DELLO SVUOTAMENTO GASTRICO SVUOTAMENTO GASTRICO RIDOTTO: FARMACI ANTICOLLINERGICI (propantelina) e spasmolitici (mebeverina) riducono la motilità GI e la velocità di assorbimento del paracetamolo. Il farmaco risulta esposto per un tempo più lungo all acido cloridrico, con rischio di parziale degradazione ed inattivazione Il CIBO: rallenta la velocità di svuotamento gastrico, diminuisce la biodisponibilità del farmaco, diminuisce l assorbimento Lo STRESS: aumenta la motilità intestinale, aumenta la velocità di svuotamento gastrico

22 FARMACI E CIBO La presenza o meno di cibo condiziona la rapidità e l entità dell assorbimento gastrico-intestinale Il cibo rallenta lo svuotamento gastrico, il farmaco è più a contatto con acidi, viene degradato ed inattivato, ritarda l assorbimento In generale la somministrazione di un farmaco per os lontana dai pasti comporta un assorbimento più rapido e completo. La somministrazione in vicinanza dei pasti può limitare i fenomeni irritativi alle mucose. Per somministrazione prima dei pasti si intende: da 30 a 0 minuti prima del pasto Per somministrazione dopo i pasti si intende: entro 30 minuti dopo il pasto Per somministrazione lontano dai pasti si intende: 3-4 ore prima o dopo il pasto

23 EFFETTO DELLA CONTEMPORANEA ASSUNZIONE DI CIBO SULL'ASSORBIMENTO DI ALCUNI FARMACI SOMMINISTRATI PER VIA ORALE Assorbimento ridotto Assorbimento aumentato Eutirox Ampicillina Griseofulviana Amoxicillina Carbamazepina Rifampicina Propranololo Aspirina Metoprololo Isoniazide Spironolattone Levodopa Idralazina

24 Carne alla brace: attiva il sistema microsomiale epatico causando un aumento del metabolismo della teofillina Dieta ricca di grassi: facilita la dissoluzione e l assorbimento della griseofulvina, antimicotico molto liposolubile, che non viene assorbito a digiuno Dieta ricca di fibre: Riduce la biodisponibilità di digossina e levostatina L assunzione di tiramina, sostanza che libera catecolamine e che è presente in vari cibi (birra, vino, formaggi stagionati) può causare gravi crisi ipertensive in soggetti che assumono contemporaneamente inibitori delle MAO Cavoli, cavoletti, rape e broccoli aumentano il metabolismo intestinale e/o epatico di alcuni farmaci mediante induzione enzimatica

25 Tetracicline + alimenti (es. latte, formaggi) le tetracicline (antibatterici) si legano al calcio contenuto nel latte (o formaggi) e questo impedisce il loro assorbimento. Farmaci che agiscono sul SNC + alcool Warfarin + succo di mirtillo importanti variazioni della dieta (soprattutto se comprendono insalate e verdure) e del consumo di alcol possono anche modificare il controllo della terapia anticoagulante con warfarin Diversi farmaci + succo di pompelmo il succo di pompelmo inibisce il sistema microsomiale epatico (CYP3A4) aumentando la biodisponibilità di terfenadina e delle statine (evitare l'assunzione)

26 Farmaci e succo di pompelmo Classe Ansiolitici Antiaritmici Antidepressivi Antiepilettici Antistaminici Calcioantagonisti Farmaci Buspirone, diazepam midazolam,triazolam Amiodarone Clomipramina Carbamazepina Terfenadina Amlodipina, felodipina Nifedipina, nimodipina Possibili eventi avversi capacità psicomotorie, della sedazione Aritmie Sonnolenza, depressione resp. Sonnolenza, atassia, nausea Aritmie, prolungamento Q-T Tachicardia, ipotensione

27 Secondo i dati pubblicati dalla FDA, fino ad oggi la tossicità da terfenadina può essere correlata a 396 decessi. In particolare sono stati segnalati 39 casi di torsades de pointes, 145 casi di allungamento dell intervallo QTc e 207 casi di arresto cardiaco. Monahan BP et al. JAMA 1990;264:

28 TERFE ADI A ota: il succo di pompelmo aumenta le concentrazioni plasmatiche di terfenadina (evitare l'assunzione) I TERAZIO I RILEVA ZA CLI ICA POSSIBILI EFFETTI MECCA ISMO D'AZIO E COMPORTAME TO CLI ICO AMPRE AVIR e simili GRAVE cardiotossicità (allungamento dell'intervallo QT, torsioni di punta, arresto cardiaco) inibizione della metabolizzazione dell'amprenavir evitare questa associazione A ESTETICI I ALATORI ALOGE ATI A TIARITMICI DI CLASSE I A TIARITMICI DI CLASSE III A TIBIOTICI MACROLIDICI A TIDEPRESSIVI TRICICLICI A TIPSICOTICI A TIMICOTICI IMIDAZOLICI BEPRIDIL CHI OLO ICI CISAPRIDE FLUVOXAMI A FOSCAR ET ISRADIPPI A LIDOFLAZI A MIBEFRADIL EFAZODO E PROBUCOLO SERTRALI A VE LAFAXI A CO-TRIMOSSAZOLO DOLASETRO e simili DROPERIDOLO

29 Flusso ematico Variazioni del flusso ematico nella regione splancnica possono provocare un rallentamento dell assorbimento dei farmaci: es β- bloccanti possono interferire con l assorbimento di composti sensibiliall effetto di primo passaggio Competizioni per maccanismo di trasporto attivi Farmaci che competino per lo stesso meccanismo di trasporto nell intestino tenue Alterazioni della flora batterica intestinale La flora batterica intestinale è in grado di metabolizzare diversi farmaci (levodopa e sulfasalazina). La contemporanea assunzione di antibiotici può alterare questo processo, determinando una ridotta conversione metabolica della sulfasalazina nel suo composto attivo o un aumentata biodisponibilità di digossina o levodopa, che in condizioni normali verrebbero parzialmente degradate

30 ADME ASSORBIMENTO DISTRIBUZIONE METABOLISMO ESCREZIONE

31 DISTRIBUZIONE DEI FARMACI Processo attraverso cui il farmaco lascia il torrente circolatorio ed entra nell interstizio (liquido extracellulare) e/o nelle cellule dei tessuti (liquidi intracellulari)

32 PRINCIPALI PROTEINE CHE LEGANO I FARMACI ALBUMINA: -contenuta nel plasma (4g/dl) e nello spazio extracellulare, -mantiene la pressione colloide osmotica entro il letto vascolare -lega sostanze acide e neutre α1-acida-glicoproteina: mg/dl -Lega sostanze basiche lipofile acida K 1 [farmaco libero] + [proteina] [farmaco-proteina] K 2 La concentrazione del farmaco libero e la concentrazione della proteina sono in equilibrio con la concentrazione del farmaco legato alla proteina K A (costante di affinità)= k 1 /K 2 (L/Mole) K D (costante di dissociazione)= K 2 /K 1 (Moli/L)

33 COMPETIZIONE TRA FARMACI PER IL LEGAME A FARMACI DI CLASSE I: la dose è più bassa dei siti di legame disponibile B FARMACI DI CLASSE II: la dose è più elevata dei siti di legame disponibile albumina Farmaco albumina Farmaco Dose/capacità Dose/capacità La maggior parte delle molecole del farmaco è legata all albumina e la concentrazione di farmaco libero è scarsa La maggior parte delle molecole di albumina contiene un farmaco legato; la concentrazione di farmaco libero è significativa C SOMMINISTRAZIONE DI UN FARMACO DI CLASSE I E DI UN FARMACO DI CLASSE II Quando si somministra contemporaneamente un farmaco di classe II ha luogo lo spiazzamento del farmaco di classe I

34

35 Farmaci molto legati... Legati alle albumine o alle glicoproteine alfa: FANS Warfarin 99,9% (clearance renale nulla) doxiciclina furosemide chinidina diazepam propranololo

36 ADME ASSORBIMENTO DISTRIBUZIONE METABOLISMO ESCREZIONE

37 I sistemi farmaco-metabolizzanti possono essere stimolati (indotti) o viceversa inibiti INDUZIONE ED INIBIZIONE ENZIMATICI FARMACO ATTIVO - FARMACI CIBO CONTAMINANTI AMBIENTALI + FARMACO ATTIVO + autoindottore farmaco INATTIVO farmaco INATTIVO

38 INTERAZIONI FARMACOLOGICHE A LIVELLO EPATICO CYP substrato CYP inibitore Delle concentrazioni del substrato TOSSICITA CYP substrato CYP induttore Delle concentrazioni del substrato EFFICACIA

39 INDUZIONE ENZIMATICA Gli induttori enzimatici aumentono l attività degli enzimi metabolizzanti, ciò determina una riduzione dei livelli serici di un dato farmaco Gli induttori enzimatici stimolano il metabolismo di altri farmaci in maniera graduale. Sebbene l effetto dell induzione può essere individuato anche entro i primi due giorni di terapia, generalmente occorre una settimana prima che l effetto massimo compaia. Il tempo di comparsa del fenomeno dell induzione dipende comunque anche dall emivita del farmaco inducente. Ad esempio la rifampicina, che ha una emivita relativamente breve, induce gli enzimi più rapidamente del fenobarbitale (induttore con emivita più lunga). Al contrario l effetto dell induzione si protrarrà più a lungo se è determinata da un induttore con emivita più lunga.

40 ALCUNI FARMACI CHE PROVOCANO INDUZIONE ENZIMATICA AUTOINDUTTORI Alcool * Fenobarbital Fenilbutazone Aloperidolo * Pentobarbital Probenecid Antistaminici Pesticidi Benzene Barbiturici Prednisone DDT insetticidi Meprobamato Probenecid Cloropromazina Fenacetina Promazina Pentobarbital * Fenilbutazone Rifampicina Clorofenolato Griseofulvina Imipramina Nicotina * * Protossido d azoto Uretano FENITOINA CBZ desametazone Esobarbital * Stimolano il metabolismo del warfarin, riducendo l effetto anticoagulante nel giro di poche settimane. Alla sospensione del farmaco induttore bisogna anche ridurre il dosaggio del Warfarin per non andare incontro a pericolose emorragie da sovradosaggio

41 INIBIZIONE ENZIMATICA I farmaci che sono substrato dello stesso enzima possono inibire reciprocamente il loro metabolismo, ma spesso non ad un livello clinicamente rilevante. Il meccanismo più comune di inibizione enzimatica è il legame competitivo a un citocromo P450 (CYP), tuttavia alcuni farmaci inibiscono l attività enzimatica senza essere substrato dell enzima. La potenza dell inibizione può essere più importante del suo meccanismo. Il ketoconazolo e l itraconazolo, ad esempio, possono inibire quasi completamente il CYP3A4 anche a concentrazioni molto basse. Anche l eritromicina è un potente inibitore del CYP3A4, ma per un motivo differente; si lega con legame covalente all enzima e lo inattiva in modo che l effetto persista anche dopo che il farmaco è stato eliminato. L inibizione del metabolismo epatico inizia non appena nel fegato vi siano concentrazioni sufficienti dell inibitore (in genere dopo poche ore dall assunzione). L effetto dell inibizione sul metabolismo di un altro farmaco perciò è usualmente massimo nelle prime 24 ore. Tuttavia, nonostante che l inibizione insorga rapidamente, la comparsa dell effetto clinico conseguente (generalmente una reazione tossica) può essere più ritardata. L inibizione enzimatica generalmente termina più rapidamente rispetto all induzione enzimatica.

42 ALCUNI FARMACI CHE PROVOCANO INIBIZIONE ENZIMATICA Allopurinolo Androgeni Anticolinesterasici Clofibrato Cloramfenicolo Clorpromazina Contraccettivi orali Disulfiram IMAO Sulfaniluree D-tiroxina Warfarina Cimetidina Eritromicina Ciprofloxacina Ofloxacina Enoxacina * l inibizione metabolica determina un prolungamento del tempo di dimezzamento plasmatico, un incremento della biodisponibilità e dell intensità degli effetti delle sostanze assunte in associazione con il farmaco inibente, con conseguente aumento della tossicità

43 ADME ASSORBIMENTO DISTRIBUZIONE METABOLISMO ESCREZIONE

44 FILTRAZIONE GLOMERULARE 1 Tubulo prossimale 2 SECREZIONE NEL TUBULO PROSSIMALE Ansa di Henle Tubulo distale Dotto collettore 3 RIASSORBIMENTO NEL TUBULO DISTALE

45 LE INTERAZION TRA FARMACI A LIVELLO RENALE SI VERFICANO IN SEGUITO: 1.ALTERAZIONE DEL LEGAME CON LE PROTEINE PLASMATICHE CON CONVOLGIMENTO DEL PROCESSO DI FILTRAZIONE GLOMERULARE; 2.INIBIZIONE DELLA SECREZIONE TUBULARE 3.VARIAZIONE DEL PH URINARIO

46 1 FILTRAZIONE GLOMERULARE Farmaco libero non legato a proteine c Farmaco legato ad albumina Arteriola afferente Filtrato glomerulare Tubulo prossimale Arteriola efferente I farmaci entrano nel rene attraverso le arterie renali. Il farmaco libero, non legato all albumina, passa attraverso i pori capillari, nello spazio di Bowman, come parte del filtrato glomerulare. (legame farmaco-albumina. Es Warfarin). La liposolubilità e il ph non influenzano il passaggio del farmaco nel filtrato glomerulare

47 2 SECREZIONE NEL TUBULO CONTORTO PROSSIMALE Plesso capillare Secrezione attiva dei farmaci mediata da carrier Il farmaco che non era passato nel filtrato glomerulare lascia i glomeruli attraverso le arteriole efferenti, che si dividono per formare il plesso capillare che circonda il lume del nefrone. A differenza del filtrato glomerulare, il sistema di trasporto mediato dai carrier può consentire di ottenere la massima secrezione dei farmaci persino in condizioni di elevato legame alle proteine plasmatiche Sulfamidici, acetazolamide, diuretici tiazidici, indometacina, salicilati, probenecid, penicilline, cefalosporine, metrotrexato Competizione per il sistema di trasporto Il probenecid inibisce la secrezione tubulare di penicillina, aumetandone la concentrazione plasmatica, il tempo di permanenza nell organismo e il perdurare nel sito d azione

48 3 RIASSORBIMENTO NEL TUBULO CONTORTO DISTALE Plesso capillare Riassorbimento passivo dei farmaci Quando il farmaco si muove verso il TCD, la sua concentrazione aumenta e supera quella dello spazio perivascolare. La liposolubilità del farmaco e il ph delle urine influenzano il riassorbimento del farmaco Riassorbimento Attivo Composti endogeni (vitamine, zuccheri, aminoacidi) Passivo Farmaci

49 MODIFICANDO IL ph POSSIAMO INFLUENZARE L ASSORBIMENTO ED L ELIMINAZIONE DEL FARMACO

50 Influenza del ph del mezzo sulla diffusione di sostanze attraverso la barriera cellulare rappresentata nella figura da uno schema del tubulo renale Cellula tubulare renale urina Cellula tubulare renale urina COO - OH Na + COOH OH sangue Cl - Salicilato di sodio CH 2 -CHNH 2 CH 3 Amfetamina sangue Salicilato di sodio CH 2 -CHN + H 3 CH 3 Amfetamina Cl - Urina alcalina Urina acida L escrezione di acido salicilico, un metabolita dell acido acetilsalicilico, è aumentata se il liquido tubulare è alcalino, poiché in tal caso l acido salicilico esiste in forma dissociata, meno liposolubile. L escrezione di amfetamina, una base debole, è aumentata se le urine sono acide poiché in tal caso essa è allo stato di sale piuttosto che di base libera liposolubile

51 ALOE INTERAZIONI TRA FARMACI E PRODOTTI ERBORISTICI FRANGOLA SENNA CASSIA FISTULA CASCARA

52 CHINONI FRANGOLA CASCARA ALOE RABARBARO SENNA

53 DROGHE AD ANTRACHINONI Derivati antrachinonici sono i costituenti attivi di numerose droghe dotate di attività purgante si trovano sotto forma di glicosidi, contenenti glucosio o ramnosio le droghe contenenti derivati antrachinonici vengono utilizzate come purganti l effetto delle droghe antrachinoniche è in genere lento ad instaurarsi (8-10 ore più), perché il glicoside deve raggiungere l intestino crasso, subire idrolisi ed essere quindi ridotto; i glicosidi sono quindi considerati dei profarmaci

54 DROGHE AD ANTRACHINONI Derivati antrachinonici sono i costituenti attivi di numerose droghe dotate di attività purgante L AZIONE DEI DERIVATI ANTRACHINONICI E RICONDOTTA A UN INCREMENTO DELLA PERISTALSI ESSENZIALMENTE A LIVELLO DEL COLON DESTRO E DEL SIGMA. E PRESENTE ANCHE UN AZIONE SUL TRASPORTO DI ACQUA ED ELETTROLITI: PER INIBIZIONE DELL ATTIVITA Na+/K+-ATPasi NELLE CELLULE INTESTINALI, SI HA INIBIZIONE DEL RIASSORBIMENTO DI ACQUA, SODIO E CLORO, MENTRE AUMENTA LA SECREZIONE DI POTASSIO

55 EFFETTI COLLATERALI: in caso di uso frequente e prolungato o di sovradosaggio è possibile un incremento della perdita di acqua e Sali (in particolare sali di K). Inoltre si può verificare l eliminazione di proteine (albuminuria) e sangue (ematuria) nelle urine, nonché un deposito di pigmenti nella mucosa intestinale (melanosis coli). Possono anche comparire danni ai nervi intestinali (plesso mienterico) ATTENZIONE- esiste una interazione importante: L AUMENTATA PERDITA DI K (oltre a poter causare aritmie in soggetti cardiopatici) PUO POTENZIARE L AZIONE DEI GLICOSIDI CARDIOATTIVI, es digitale e strofanto L ipokaliemia indotta dagli antrachinoni può incrementare la tossicità, con rischio di torsioni di punta, di farmaci antiaritmici (chinidina, idrochinidina) e di beta bloccanti. L ipopotassiemia associata agli antrachinoni può essere aggravata dalla somministrazione concomitante di corticosteroidi, diuretici e liquirizia.

56 GINSENG PARTE UTILIZZATA: radice di Panax ginseng, medicina cinese. Radice incurvata con rugorosità trasversale PROVENIENZA: Coreana (la più pregiata), Cinese, Giapponese e Americana CONTIENE: - 2-3% GINSENOIDI (saponine triterpeniche) - OLIO ESSENZIALE - ZUCCHERI, AMIDI, SALI MINERAL, VITAMINE Stimolante del SNC, tonico e ricostituente, migliora la memoria, az anabolizzante e adattogena L ASSUNZIONE CONTEMPORANEAMENTE DI INSULINA O DI IPOGLICEMIZZANTI ORALI CON IL GINSENG CAUSA IPOGLICEMIA,CONSIGLIATO MONITORAGGIO DELLA GLICEMIA

57 PARTE UTILIZZATA: rizoma, radici e stoloni di Valeria officinalis. Odore sgradevole CONTIENE: -ACIDO VALERIANICO (valerenico) VALERIANA INDICAZIONI: blando sedativo, legata all inibizione del catabolismo del GABA, neurotrasmettitore inibitorio del SNC. Azione miorilassante e spasmolitica uso cronico porta ad assuefazione.

58 1. La somministrazione concomitante di valeriana e di benzodiazepine o barbiturici può determinare un incremento della depressione del SNC o la riduzione dell efficacia di tali farmaci. 2. Gli estratti di valeriana infatti sono dotati di affinità per i recettori centrali e periferici delle benzodiazepine e dei barbiturici oltre che dei recettori GABA-A. In altri casi, la valeriana ha dimostrato di poter sostituirsi alle benzodiazepine spiazzandole dal loro legame recettoriale, ed in tal modo riducendone l effetto 3. L assunzione contemporanea di valeriana e analgesici oppioidi può aumentare il loro effetto sedativo. Tale effetto, osservato finora a livello sperimentale, potrebbe causare anche depressione respiratoria. Si sconsiglia pertanto tale associazione. 4. Associando valeriana ad etanolo, può verificarsi un rapido incremento della sedazione, di moderata entità. Un case report riporta un interazione tra valeriana, ginkgo ed etanolo 5. In letteratura è riportato il caso di delirio in un paziente che assumeva contemporaneamente valeriana, iperico e loperamide

59

60

61

62 IPERICO INTERAZIONI RILEVANZA CLINICA POSSIBILI EFFETTI MECCANISMO D'AZIONE COMPORTAMENTO CLINICO AMIODARONE GRAVE riduzione dei livelli di amiodarone induzione della metabolizzazione dell'amiodarone associazione da evitare ANESTETICI GENERALI ALOGENATI GRAVE rischio di collasso ed eccessiva durata dell'anestesia non noto sospendere l'iperico almeno 5 giorni prima dell'intervento ANESTETICI LOCALI GRAVE rischio di collasso ed eccessiva durata dell'anestesia non chiarito sospendere la somministrazione delll'iperico almeno 5 giorni prima di usare un anestetico locale ANTIDEPRESSIVI SSRI GRAVE rischio si sindrome serotoninica (ipertensione, ipertermia, mioclonie, alterazioni dello stato di coscienza) sommazione di effetti serotoninergici evitare l'associazione tra iperico ed SSRI ANTIDEPRESSIVI TRICILICI moderata aumentato rischio di sindrome serotoninergica effetti serotoninergici additivi evitare l'uso associato di iperico e antidepressivi triciclici BENZODIAZEPINE moderata riduzione dell'efficacia delle benzodiazepine induzione della metabolizzazione epatica delle benzodiazepine aggiustare le dosi di benzodiazepine moderata sedazione eccessiva non chiarito monitorare il paziente; cautela CODEINA CONTRACCETTIVI ORMONALI GRAVE riduzione della efficacia contraccettiva induzione della metabolizzazione degli estrogeni evitare questa associazione, o usare un altro metodo di contraccezione

63 VERAPAMIL INTERAZIONI RILEVANZA CLINICA POSSIBILI EFFETTI MECCANISMO D'AZIONE COMPORTAMENT O CLINICO LIQUIRIZIA GRAVE riduzione della efficacia dei Caantagonisti e di tutti gli antiipertensivi in generale ipermineralcorticismo evitare il consumo di liquirizia negli ipertesi ABCIXIMAB INTERAZIONI RILEVANZA CLINICA POSSIBILI EFFETTI MECCANISMO D'AZIONE COMPORTAMENTO CLINICO ANTICOAGULANTI GRAVE rischio di emorragia effetti additivi sulla coagulazione evitare questa associazione LIQUIRIZIA moderata rischio di emorragia inibizione della trombina e della aggregazione piastrinica da parte della liquirizia non consumare liquirizia TICLOPIDINA GRAVE rischio di emorragia effetti additivi sulla coagulazione evitare questa associazione

64 1 INTERAZIONI CHIMICO-FISICHE INTERAZIONI FARMACOCINETICHE 2 - SINERGISMO ASSORBIMENTO - POTENZIAMENTO DISTRIBUZIONE - ANTAGONISMO BIOTRASFORMAZIONE ESCREZIONE 3 INTERAZIONI FARMACODINAMICHE - Effetto ADDITTIVO o sommazione - Effetto di POTENZIAMENTO - SINERGISMO - ANTAGONISMO

65 FARMACODINAMICA E CIO CHE IL FARMACO FA ALL ORGANISMO Si occupa degli effetti dei farmaci e dei loro meccanismi d azione. La farmacodinamica studia gli effetti biochimici e il meccanismo d azione dei farmaci

66 LEGAME FARMACO-RECETTORE Il legame farmaco-recettore è responsabile degli effetti farmacologici e degli effetti indesiderati Il farmaco interagisce con un recettore e l effetto risultante è proporzionale al numero dei recettori occupati.

67 L AZIONE DI DUE O PIU FARMACI SOMMINISTRATI CONTEMPORANEAMENTE O IN TEMPI RAVVICINATI PUO TRADURSI NELLE SEGUENTI EVIDENZE: EFFETTO ADDITTIVO E DI SOMMAZIONE SINERGISMO POTENZIAMENTO ANTAGONISMO

68 EFFETTO ADDITTIVO E DI SOMMAZIONE Dovuto principalmente ad interazioni di tipo farmacodinamico Il risultato dell azione di due farmaci è una risposta farmacologica pari alla sommma algebrica delle risposte individuali ADDITTIVO SOMMAZIONE I due farmaci agiscono con lo stesso meccanismo d azione (es: aspirina + fenacetina) I due farmaci agiscono con diverso meccanismo d azione (es: aspirina + codeina per l effetto analgesico)

69 SINERGISMO Si verifica sia nelle interazioni di tipo farmacodinamico che farmacocinetico I due farmaci producono un effetto farmacologico qualitativamenete simile, ma sono in grado di influire l uno sull altro in modo tale che ognuno amplifica l azione dell altro FARMACODINAMICO FARMACOCINETICO Associazione di sulfamidici e antifolici (es trimetoprim + sulfametossazolo) I due farmaci agiscono su siti diversi e uno di questi, il sinergista, aumenta l effetto dell altro alterandone la biotrasformazione, la distribuzione o l escrezione

70 POTENZIAMENTO Si verifica sia nelle interazioni di tipo farmacodinamico che farmacocinetico I due farmaci possiedono un attività qualitativamente differente. Solo uno dei due farmaci esercita l effetto, il secondo potenzia l azione del primo CAFFEINA + PROPIFENAZONE: EFFETTO ANALGESICO

71 ANTAGONISMO Si verifica sia nelle interazioni di tipo farmacodinamico che farmacocinetico e comporta la riduzione o la scomparsa dell effetto terapeutico di uno o più farmaci Il farmaco può contrastare la zione dell altro attraverso 4 meccanismi ANTAGONISMO FISIOLOGICO O FUNZIONALE ANTAGONISMO FARMACOLOGICO ANTAGONISMO FARMACOCINETICO O BIOCHIMICO ANTAGONISMO CHIMICO

72 ANTAGONISMO FISIOLOGICO O FUNZIONALE Due agonisti agiscono su siti recettoriali diversi, si controbilanciano producendo effetti contrapposti sulla stessa funzione fisiologica (azione vasodilatatrice dell istamina controbilanciata dall effetto vasocostrittore della noradrenalina) ANTAGONISMO FARMACOLOGICO Interferenza nella formazione del complesso agonista-recettore da parte dell antagonista (morfina/naloxone, diazepam/flumazenil) ANTAGONISMO FARMACOCINETICO O BIOCHIMICO Il farmaco riduce indirettamente la concentrazione di un altro farmaco nel sito d azione, modificandone i parametri farmacocinetici (ADME) ANTAGONISMO CHIMICO Reazione tra agonista ed antagonista che si conclude in un prodotto inattivo (tetracicline + antiacidi con cationi bi-trivalenti o acido cloridrico gastrico + idrossido di alluminio o bicarbonato di sodio)

Droga In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana

Droga In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana Droga In In In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana Può aumentare l effetto ipoglicemico può aggravare gli effetti gastrolesivi dei FANS Zenzero può determinare emorragie con salicilati Piantaggine

Dettagli

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche

Dettagli

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche Ridotte funzionalità

Dettagli

DIPARTIMENTO ASSISTENZA FARMACEUTICA. Dott.ssa Alessandra Ferretti Dott.ssa Bettina Marconi Dott.ssa Paola Denti

DIPARTIMENTO ASSISTENZA FARMACEUTICA. Dott.ssa Alessandra Ferretti Dott.ssa Bettina Marconi Dott.ssa Paola Denti SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia DIPARTIMENTO ASSISTENZA FARMACEUTICA Dott.ssa Alessandra Ferretti Dott.ssa Bettina Marconi Dott.ssa Paola Denti

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACOCINETICA La farmacocinetica è quella branca della farmacologia che studia il destino del farmaco nell organismo, dal momento in cui entra fino a quando sarà eliminato.

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

ADME ASSORBIMENTO DISTRIBUZIONE METABOLISMO ESCREZIONE

ADME ASSORBIMENTO DISTRIBUZIONE METABOLISMO ESCREZIONE ADME ASSORBIMENTO DISTRIBUZIONE METABOLISMO ESCREZIONE DISTRIBUZIONE PROCESSO DI TRASFERIMENTO DEL FARMACO DAL SITO DI SOMMINISTRAZIONE AGLI ORGANI E AI TESSUTI O FLUIDI DELL ORGANISMO DISTRIBUZIONE DEI

Dettagli

Interazioni Comuni. Interazioni Specifiche

Interazioni Comuni. Interazioni Specifiche Interazioni Comuni Antagonisti ormonali: possibile aumento del rischio di miopatia con danazolo; Antiaritmici: aumento del rischio di miopatia con amiodarone; Ciclosporina: aumento del rischio di miopatia

Dettagli

Inibizione reversibile

Inibizione reversibile Inibizione reversibile L inibizione reversibile è probabilmente il più comune tipo di inibizione metabolica L inibizione competitiva riguarda la competizione reciproca tra 2 farmaci, il substrato e l inibitore,

Dettagli

Farmacocinetica dell escrezione dei farmaci nel latte. I neurotrasmettitori nella moderna diagnostica. Piperazina e suoi derivati

Farmacocinetica dell escrezione dei farmaci nel latte. I neurotrasmettitori nella moderna diagnostica. Piperazina e suoi derivati Farmacocinetica dell escrezione dei farmaci nel latte I neurotrasmettitori nella moderna diagnostica Piperazina e suoi derivati dr. Angelo Marzìa FARMACOCINETICA DELL ESCREZIONE DEI FARMACI NEL LATTE

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE E ALLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE E ALLA EDUCAZIONE ALLA SALUTE E ALLA SALUBRITA DEGLI ALIMENTI Dott.ssa Maria Caterina Sforza Biologo esperto in igiene degli alimenti e della nutrizione Educazione alla salute e salubrità degli alimenti Leggere

Dettagli

FARMACOCINETICA. 1. Assorbimento Passaggio del farmaco dalla sede di applicazione al sangue attraverso le membrane biologiche

FARMACOCINETICA. 1. Assorbimento Passaggio del farmaco dalla sede di applicazione al sangue attraverso le membrane biologiche FARMACOCINETICA PRINCIPIO ATTIVO a livello del sito di somministrazione 1 ASSORBIMENTO (entrata) Principio attivo nel plasma MOVIMENTO DEL FARMACO NELL ORGANISMO 2 DISTRIBUZIONE 1. Assorbimento Passaggio

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI

VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI I farmaci possono essere introdotti nell organismo per via enterale e per via parenterale.. Con la somministrazione enterale (enteron = intestino), il farmaco

Dettagli

Silvia Calabria Assistenza Farmaceutica AUSL Imola

Silvia Calabria Assistenza Farmaceutica AUSL Imola Sicurezza e Appropriatezza d uso dei farmaci nelle strutture tt residenziali i per anziani * Silvia Calabria Assistenza Farmaceutica AUSL Imola XXII Seminario Nazionale La valutazione dell uso e della

Dettagli

MODELLISTICA I PROCESSI FARMACOCINETICI (ADME) POSSONO ESSERE MODELLIZZATI I MODELLI SERVONO

MODELLISTICA I PROCESSI FARMACOCINETICI (ADME) POSSONO ESSERE MODELLIZZATI I MODELLI SERVONO MODELLISTICA I PROCESSI FARMACOCINETICI (ADME) POSSONO ESSERE MODELLIZZATI I MODELLI SERVONO 1. PREVEDERE LE CONCENTRAZIONI PLASMATICHE E TISSUTALI A SEGUITO DI QUALSIASI DOSAGGIO 2. CALCOLARE IL DOSAGGIO

Dettagli

Interazioni farmacologiche nella terapia anticoagulante. Matteo Grezzana UOC Geriatria

Interazioni farmacologiche nella terapia anticoagulante. Matteo Grezzana UOC Geriatria Interazioni farmacologiche nella terapia anticoagulante Matteo Grezzana UOC Geriatria U.O.C. di Medicina Interna del P.O. di Tivoli Convegno di Aggiornamento «La terapia anticoagulante tra passato, presente

Dettagli

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Numa Pedrazzetti Farmacista F.P.H. Spec. F.P.H. Istituti di cura Contesto generale Invecchiamento della popolazione over 65 il 6% nel 1900 16% nel 2000

Dettagli

Riassunto delle caratteristiche del prodotto

Riassunto delle caratteristiche del prodotto Riassunto delle caratteristiche del prodotto 1 DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITÀ MEDICINALE Calcio Carbonato + vitamina D3 ABC 1000 mg/880 U.I. granulato effervescente 2 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

Farmacodipendenza. Addiction

Farmacodipendenza. Addiction Farmacodipendenza Ricerca compulsiva di una sostanza per ottenere uno stato di piacere /euforia o per alleviare uno stato di sofferenza, nonostante vi siano gravi conseguenze sociali o per la salute Addiction

Dettagli

R I L E VA N Z AC L I N I C A DELLE INTERAZIONI FARMACOLOGICHE DI TIPO FA R M A C O C I N E T I C O

R I L E VA N Z AC L I N I C A DELLE INTERAZIONI FARMACOLOGICHE DI TIPO FA R M A C O C I N E T I C O Acta Medica Mediterranea, 2008, 24: 23 R I L E VA N Z AC L I N I C A DELLE INTERAZIONI FARMACOLOGICHE DI TIPO FA R M A C O C I N E T I C O GIACOMA MANTIA - GIUSEPPA PROVENZANO Università degli Studi di

Dettagli

Farmacodinamica. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare

Farmacodinamica. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Farmacodinamica Mariapia Vairetti Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Perchè una sostanza ha una determinata azione o tossicità? Farmacodinamica

Dettagli

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone LINEE DI INDIRIZZO SUL RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (NAO)

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

INTERAZIONE TRA FARMACI SORVEGLIANZA INFERMIERISTICA: PROPOSTE

INTERAZIONE TRA FARMACI SORVEGLIANZA INFERMIERISTICA: PROPOSTE INTERAZIONE TRA FARMACI SORVEGLIANZA INFERMIERISTICA: PROPOSTE Simona Schraffl Infermiera Cardiologia di Cento Marina Franzoni Infermiera Cardiologia di Cento Regola delle 6 G G il GIUSTO FARMACO deve

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

ADME ASSORBIMENTO DISTRIBUZIONE METABOLISMO ESCREZIONE

ADME ASSORBIMENTO DISTRIBUZIONE METABOLISMO ESCREZIONE ADME ASSORBIMENTO DISTRIBUZIONE METABOLISMO ESCREZIONE METABOLISMO o BIOTRASFORMAZIONE La biotrasformazione trasforma il farmaco di origine, in composti più polari, per facilitare l escrezione del farmaco

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco.

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Svolgono funzioni biologiche di fondamentale importanza e possono

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI SSD Terapia del Dolore e Cure Palliative USO DEGLI ANALGESICI Scegliere e e via somministrazione s o più semplice Seguire la scala degli analgesici dell OMS Somministrare

Dettagli

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro Formazione continua Medici Coordinatori RSA 2010 MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA Sandro Inchiostro Medicina II e Centro Diabetologico Dipartimento di Medicina

Dettagli

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171)

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171) Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171) Modifica degli stampati di specialità medicinali contenenti buprenorfina cloridrato indicata nella terapia

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

Nutrirsi di Salute Marzo

Nutrirsi di Salute Marzo Nutrirsi di Salute Marzo 2014 Interazioni farmaci alimenti Abuso di farmaci Recenti indagini statistiche confermano un dato che può sembrare allarmante: sempre più persone fanno uso di farmaci! Ciascuno

Dettagli

INTERAZIONI FARMACI - NUTRIENTI

INTERAZIONI FARMACI - NUTRIENTI INTERAZIONI FARMACI - NUTRIENTI Approfondimento farmacologico- nutrizionale: Vitamine e Minerali Mario Eandi FrascaB 5-6 aprile 2014 EffeJ su micronutrienb di alcuni farmaci di ampio uso e possibile schema

Dettagli

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE Luca Luciani TOLLERANZA Fenomeno a causa del quale un consumatore di sostanze stupefacenti deve assumere dosi sempre maggiori per ottenere l effetto desiderato

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. NEO-OPTALIDON 200 mg + 125 mg + 25 mg compresse rivestite Paracetamolo + Propifenazone + Caffeina

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. NEO-OPTALIDON 200 mg + 125 mg + 25 mg compresse rivestite Paracetamolo + Propifenazone + Caffeina Foglio illustrativo: informazioni per il paziente NEO-OPTALIDON 200 mg + 125 mg + 25 mg compresse rivestite Paracetamolo + Propifenazone + Caffeina Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

I FORMAGGI. Utili o dannosi? 18/06/12 1

I FORMAGGI. Utili o dannosi? 18/06/12 1 I FORMAGGI Utili o dannosi? 18/06/12 1 Dal latte al formaggio Bisogna tener presente che il formaggio è un alimento totalmente diverso dal latte, sia per le caratteristiche nutrizionali, sia per l azione

Dettagli

FARMACOCINETICA. Caratteristiche delle vie di somministrazione usate comunemente. Preparazioni farmaceutiche per somministrazione orale

FARMACOCINETICA. Caratteristiche delle vie di somministrazione usate comunemente. Preparazioni farmaceutiche per somministrazione orale FARMACOCINETICA Indice Applicazione della farmacocinetica in terapia Una nota per i chemofobici Il passaggio dei farmaci attraverso le membrane Struttura della membrana Tre vie per attraversare la membrana

Dettagli

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto RIZA Sommario Capitolo 1 Le vitamine, sostanze indispensabili al corpo 7 Capitolo 2 La vitamina C: formula, storia

Dettagli

FARMACOLOGIA Riassunti Farmacologia - Luca Croci 2010

FARMACOLOGIA Riassunti Farmacologia - Luca Croci 2010 FARMACOLOGIA FARMACOCINETICA VIE DI SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI 1. Vie di somministrazione enterali dei farmaci La farmacocinetica è quella parte della farmacologia che studia i meccanismi di: 1. Assorbimento:

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Glucocorticoidi nel trattamento dell asma

Glucocorticoidi nel trattamento dell asma Glucocorticoidi Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo I Corticosteroidi,

Dettagli

I FARMACI: dalla scoperta all immissione in commercio

I FARMACI: dalla scoperta all immissione in commercio I FARMACI: dalla scoperta all immissione in commercio Farmacologia generale FARMACO 1. Qualsiasi sostanza che introdotta in un organismo vivente modifica un processo biologico 2. Qualsiasi sostanza che

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACODINAMICA La farmacodinamica può essere definita come lo studio degli effetti biochimici e fisiologici dei farmaci e dei loro meccanismi d azione. Gli obiettivi dell analisi

Dettagli

Argomenti di Patologia Clinica Esami della funzione renale Rene e laboratorio Perché esaminare la funzionalità renale? Per identificare le disfunzioni renali Per diagnosticare le patologie renali Per monitorare

Dettagli

IL POTASSIO IN DIALISI AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI

IL POTASSIO IN DIALISI AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI IL POTASSIO IN DIALISI Dott. Francesco Cosa AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI RESPONSABILE PROF. DANIELE CUSI METABOLISMO

Dettagli

Gli alimenti e i farmaci

Gli alimenti e i farmaci Gli alimenti e i farmaci 1 Gli alimenti e i farmaci Autori: Ripa Paola Sala Elena Trobbiani Tatiana 2 Gli alimenti e i farmaci PREMESSA Il problema dell interazione tra gli alimenti, i farmaci e lo stato

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Jama, 2001, 285(19):2486-2496

Jama, 2001, 285(19):2486-2496 Sommariio esecutiivo delllle lliinee-guiida ATP-III per lla prevenziione delllle mallattiie coronariiche Jama, 2001, 285(19):2486-2496 FASE 1. DETERMINARE IL PROFILO LIPIDICO-LIPOPROTEICO NEL SOGGETTO

Dettagli

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza ITI ENRICO MEDI Programmazione Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza L insegnamento di Igiene, Anatomia, Fisiologia e Patologia, in particolare, vuol far acquisire agli alunni:

Dettagli

Uso dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nel trattamento domiciliare della Fibrillazione Atriale

Uso dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nel trattamento domiciliare della Fibrillazione Atriale 2º Conferenza nazionale sulle cure domiciliari Uso dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nel trattamento domiciliare della Fibrillazione Atriale Relatore: Dott.ssa Luana Azara Scuola di Specializzazione

Dettagli

Il ruolo del Medico di Medicina Generale

Il ruolo del Medico di Medicina Generale Il ruolo del Medico di Società Italiana di Medicina Generale Dr. Pier Carlo Pelizzari Medico di Responsabile della Scuola di Formazione Specifica in Brescia 01 dicembre 2012 Polo di Brescia In merito alle

Dettagli

Indice generale. 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram

Indice generale. 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram Indice generale 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram 1.1 Definizione di farmaco 1 1.2 Classificazione e nomenclatura dei farmaci 1 1.3 Sviluppo di nuovi farmaci 3 1.4

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO

IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO EFFETTI DELLA STIMOLAZIONE DEL SIMPATICO Organo effettore Simpatico Parasimpatico Occhio: m. radiale dell iride m. sfintere dell iride contrazione,midriasi Manca innervazione

Dettagli

ASSORBIMENTO SOSTANZE IDROSOLUBILI NON IONIZZABILI > 4 Å SOSTANZE LIPOSOLUBILI ELETTROLITI DEBOLI SOSTANZE LIPOSULUBILI APOLARI

ASSORBIMENTO SOSTANZE IDROSOLUBILI NON IONIZZABILI > 4 Å SOSTANZE LIPOSOLUBILI ELETTROLITI DEBOLI SOSTANZE LIPOSULUBILI APOLARI ASSORBIMENTO SOSTANZE INSOLUBILI SOSTANZE IDROSOLUBILI NON IONIZZABILI < 4 Å SOSTANZE IDROSOLUBILI NON IONIZZABILI > 4 Å SOSTANZE IDROSOLUBILI IONIZZATE a ph organici SOSTANZE LIPOSOLUBILI ELETTROLITI

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

How the kidneys function is way more interesting than you may have thought. Summarizing, they throw the baby out with the bath water, then recover

How the kidneys function is way more interesting than you may have thought. Summarizing, they throw the baby out with the bath water, then recover RENE 1 How the kidneys function is way more interesting than you may have thought. Summarizing, they throw the baby out with the bath water, then recover most of it. Consider the work of the kidneys Artificial

Dettagli

Caratteristiche chimico fisiche dell'elemento o molecola di cui è necessaria la conoscenza per determinarne l'assorbimento in un organismo:

Caratteristiche chimico fisiche dell'elemento o molecola di cui è necessaria la conoscenza per determinarne l'assorbimento in un organismo: Assorbimento Caratteristiche chimico fisiche dell'elemento o molecola di cui è necessaria la conoscenza per determinarne l'assorbimento in un organismo: Stato Fisico della molecola Solubilità in acqua

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

Tipi di neurotrasmettitori

Tipi di neurotrasmettitori Tipi di neurotrasmettitori Neurotrasmettitori classici: molecole a basso peso molecolare, di varia natura: acetilcolina amine biogene (dopamina, adrenalina, noradrenalina) istamina aminoacidi (GABA, glicina,

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

Caffè e salute. Alessandra Tavani

Caffè e salute. Alessandra Tavani Caffè e salute Alessandra Tavani Principali classi di composti contenuti nel caffè minerali (potassio, calcio, niacina, magnesio, fosfati, ecc.) lipidi e cere (nella parte corticale del chicco, in genere

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

PRINCIPI DI TOSSICOLOGIA GENERALE

PRINCIPI DI TOSSICOLOGIA GENERALE PRINCIPI DI TOSSICOLOGIA GENERALE Domenico Maria Cavallo Dipartimento di Scienze Chimiche ed Ambientali Facoltà di Scienze di Como Università degli Studi dell Insubria PRINCIPI DI TOSSICOLOGIA GENERALE

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA Evoluzione delle responsabilità dell infermiere a proposito dei farmaci Applicazione della farmacologia alla Cura del paziente Applicazione

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI ACUTA Dolore costante e non colico, localizzato al fianco eo irradiato all inguine. Micro-macroematuria. Sovente nausea e vomito. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI

Dettagli

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di

Dettagli

Diuretici (n.b. non solo antipertensivi)

Diuretici (n.b. non solo antipertensivi) ANTIPERTENSIVI Diuretici (n.b. non solo antipertensivi) Tecnicamente: DIURETICO: agente che aumenta il volume delle urine in un determinato periodo di tempo NATRIURETICO: agente che induce un aumento dell

Dettagli

PRIMA DELL'USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO

PRIMA DELL'USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO PRIMA DELL'USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di automedicazione che potete usare per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012

DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012 ALLEGATO 2 GLICINA DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012 RIASSUNTODELLECARATTERISTICHEDELPRODOTTO 1.DENOMINAZIONEDELMEDICINALE Glicina1,5%soluzioneperirrigazione 2.COMPOSIZIONEQUALITATIVAEQUANTITATIVA

Dettagli

Fisiopatologia del metabolismo lipoproteico 1

Fisiopatologia del metabolismo lipoproteico 1 STATINE Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo Per iperlipidemia si intende

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

SINDROME NEFROSICA. Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia

SINDROME NEFROSICA. Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia SINDROME NEFROSICA SINDROME NEFROSICA Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia SINDROME NEFROSICA - EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa»

ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa» ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa» Estratto determinazione UVA/N/V n. 902 del 16 aprile 2010 Titolare AIC: FERRING S.P.A. (codice fiscale

Dettagli

Andamento della pressione

Andamento della pressione Il gradiente pressorio per la circolazione sanguigna è generato dalla pompa del cuore Vasi di trasporto veloce a bassa resistenza Vasi di resistenza Vasi di capacitanza Legge di Poiseuille: P = GS x R

Dettagli

Giunzione neuromuscolare

Giunzione neuromuscolare Il calcio provoca un rimaneggiamento di membrana e la sua conseguente fusione. Questo compito è svolto dalle proteine SNARE che si agganciano tra la membrana interna pre-sinaprica e quella della vescicola.

Dettagli

3. Forma farmaceutica Fiori secchi della pianta di Cannabis sativa L. di sesso femminile (gamma-irradiati)

3. Forma farmaceutica Fiori secchi della pianta di Cannabis sativa L. di sesso femminile (gamma-irradiati) Ministero della Salute, Welfare e Sport (versione data: 11 dicembre 2008) Office of Medicinal Cannabis P.O. Box 16.144 NL-2500 BC The Hague Paesi Bassi Cannabis Medicinale Informazioni per i medici 1.

Dettagli

FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE

FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE Come erogatore di assistenza di primo livello, il MMG è direttamente implicato nella scelta appropriata e nell utilizzo efficiente

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

[Numero 26 - Articolo 4. Maggio 2008] Buprenorfina: Nuovi trucchi con una vecchia molecola per la gestione del dolore

[Numero 26 - Articolo 4. Maggio 2008] Buprenorfina: Nuovi trucchi con una vecchia molecola per la gestione del dolore [Numero 26 - Articolo 4. Maggio 2008] Buprenorfina: Nuovi trucchi con una vecchia molecola per la gestione del dolore Titolo originale: "Buprenorphine. New Tricks With an Old Molecule for Pain Management"

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

MODALITÀ D USO DEI FARMACI ANALGESICI SECONDO L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ

MODALITÀ D USO DEI FARMACI ANALGESICI SECONDO L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ MODALITÀ D USO DEI FARMACI ANALGESICI SECONDO L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ l protocollo terapeutico prevede l utilizzo di una scala farmacologica sequenziale a tre gradini costituita da quattro

Dettagli

FARMACI E TERZA ETÀ. CENTO DI QUESTI CONSIGLI.

FARMACI E TERZA ETÀ. CENTO DI QUESTI CONSIGLI. 4 FARMACI E TERZA ETÀ. CENTO DI QUESTI CONSIGLI. CHI SONO GLI ANZIANI Con il termine anziani ci si riferisce in genere alle persone con più di 60-65 anni, ovvero a una popolazione molto eterogenea, non

Dettagli

Saridon compresse Paracetamolo+ Propifenazone +Caffeina

Saridon compresse Paracetamolo+ Propifenazone +Caffeina PRIMA DELL'USO LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che potete usare per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Intossicazione acuta da alcol e altre sostanze Dr Francesco Gambassi. Centro Antiveleni 055.7947819

Intossicazione acuta da alcol e altre sostanze Dr Francesco Gambassi. Centro Antiveleni 055.7947819 Intossicazione acuta da alcol e altre sostanze Dr Francesco Gambassi Centro Antiveleni 055.7947819 QUALCHE ACCENNO SU: EPIDEMIOLOGIA FISIOPATOLOGIA CLINICA MORTALITA RICOVERI PER INTOSSICAZIONE ACUTA

Dettagli

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA HOME DIABETE MELLITO Dr. Alessandro Bernardini DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA DIABETE MELLITO Il diabete di tipo 1 si può manifestare a qualsiasi età, ma c'è un netto aumento nel periodo della pubertà

Dettagli

Calcio, fosforo e magnesio

Calcio, fosforo e magnesio Calcio, fosforo e magnesio Calcio (Ca 2+) elemento più abbondante del corpo umano (dopo O, C, H, N) 1200 g in totale nell uomo adulto di cui 99% nello scheletro Fosforo (P) 850 g totali nel corpo umano

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli