1) Presentazione. Una delle piaghe che maggiormente si sono evidenziate negli ultimi anni riguarda il fenomeno del doping.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1) Presentazione. Una delle piaghe che maggiormente si sono evidenziate negli ultimi anni riguarda il fenomeno del doping."

Transcript

1 NUTRIZIONE E DOPING Un argomento che interessa non solo un sempre più vasto pubblico di sportivi, sia praticanti sia semplici appassionati, ma anche il cittadino/consumatore che vuole tenersi aggiornato e informato su temi di grande rilevanza e di estrema attualità. ACU vuole farvi capire meglio i segreti e i meccanismi del doping e quali sono i limiti tra l'integrazione nutrizionale e il vero e proprio doping. Perciò ACU propone ai suoi soci e lettori un contributo del Dr. Adelfio Liviani, specialista in scienze motorie ad indirizzo biomedico.

2 1) Presentazione L'Italia e gli altri Paesi industrializzati sono afflitti dalle cosiddette patologie del benessere economico : patologie dismetaboliche, diabete di tipo 2, dislipidemie, sovrappeso, obesità, patologie cardiovascolari, oltre a tutte le alterazioni posturali a carico della colonna vertebrale e alle patologie muscolo-scheletriche. Da qui ci si è convinti che l'attività motoria abbia un effetto terapeutico sulla prevenzione primaria, secondaria e sulla gestione delle suddette patologie (health management). Infatti, mai come nell'attuale periodo storico di crisi economica e finanziaria, la prevenzione è diventata sinonimo di risparmio, in riferimento alla spesa sanitaria pubblica. Ciò ha giustificato l'esplosione del fenomeno del fitness e del wellness, che riguarda una fetta di popolazione sempre più ampia e che investe ormai tutte le fasce d'età. Al contrario, è ormai risaputo e dimostrato che lo sport a livello agonistico, faccia male e sia dannoso per il corpo e per la psiche. Una delle piaghe che maggiormente si sono evidenziate negli ultimi anni riguarda il fenomeno del doping. Mentre tale fenomeno è stato ben definito nello sport agonistico (lista WADA World Anti-Doping Agency) con una lista che definisce in modo preciso le categorie di sostanze e/o metodiche vietate anche perché potenzialmente dannose per la salute, al contrario nell'attività motoria amatoriale e sportiva dilettantistica, che è alla portata di tutti, il fenomeno del doping sembra perdere questi margini così netti e la consapevolezza del possibile danno, presente invece nella maggior parte degli atleti professionisti. Oltre al doping propriamente detto, nei centri di attività motorie (palestre, centri fitness & wellness, etc.) spopola la reclame di protocolli nutrizionali quali diete iperproteiche o dimagranti fai da te associati a tutti quei prodotti da banco come vitamine, integratori alimentari, bevande energetiche, barrette proteiche e compresse reclamizzate come miracolose che, a parte i potenziali rischi di assunzione non controllata, inducono i praticanti del fitness e delle attività sportive dilettantistiche, giovani e anziani, verso una sorta di psicologia comportamentale quasi di dipendenza che è molto correlata alla filosofia del doping.

3 L attenzione verso le pratiche collaterali (integrazioni, regimi dietetici) ha, in taluni casi, distolto l attenzione dal vero scopo che la pratica dell attività fisica dovrebbe avere. L' attività fisica infatti è un potentissimo strumento per la salute, per la prevenzione di numerosissime patologie e per il raggiungimento del benessere psicofisico e sociale. Lo scopo principale di questi articoli è di presentare una panoramica generale sulle caratteristiche di tutti quei prodotti che gravitano attorno al settore delle attività motorie, cercando di fare ordine in un mondo sempre più complesso e in espansione come quello degli integratori nutrizionali (o alimentari), prodotti da banco, preparati vitaminici, composti erboristici e fitoterapici. Infatti è ormai molto diffuso l'utilizzo di integratori nell'esercizio fisico, alcuni dei quali potrebbero essere utili per l'organismo, altri, per i quali non vi sono prove della loro utilità, possono addirittura essere dannosi per i praticanti. È piuttosto difficile scegliere un criterio di classificazione per la vasta gamma di integratori che si trovano in commercio. In questa relazione li classificheremo in base alla loro finalità* (tratti da. Integratori alimentari e nutrizionali, G. Arienti, A. Fiorilli, Biochimica dell attività motoria, Piccin, Padova, 2007), secondo quanto definito dal Provvedimento del Ministero della Salute, GU 297/02 del : prodotti finalizzati a un'integrazione energetica*; prodotti finalizzati al reintegro delle perdite idrico-saline causate dalla sudorazione conseguente all'attività muscolare svolta*; prodotti finalizzati all'integrazione di proteine*; prodotti finalizzati all'integrazione di amminoacidi e derivati*; altri prodotti di significato nutrizionale e adatti per un intenso sforzo muscolare*; combinazioni varie dei precedenti prodotti*.

4 2) Generalità sul doping Per meglio comprendere il significato della parola doping è necessario analizzarne l'etimologia. Infatti il termine ha diverse origini: un'origine inglese, dal verbo to dope che vuol significare somministrare sostanza stimolante o inibente. Originariamente questo termine era riferito soprattutto agli animali, e ai cavalli in particolar modo; un'origine dal sostantivo dop, che rimanda ad una bevanda alcolica utilizzata dalle popolazioni africane come stimolante nelle danze tribali e in alcuni rituali; un'origine olandese, in base alla parola doop, che sta ad indicare una salsa densa a base di tabacco e semi di una pianta (Datura stramonium) ricchi di sostanze alcaloidi, utilizzata per sedare. Per avere una definizione più chiara e precisa è necessario considerare la legge di riferimento, la legge n. 376 del 14 dicembre 2000 "Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping". Art. 1: [ ] Costituiscono doping la somministrazione o l assunzione di farmaci o di sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e l adozione o la sottoposizione a pratiche mediche non giustificate da condizioni patologiche ed idonee a modificare le condizioni psicofisiche o biologiche dell organismo al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti.[...] Ai fini della presente legge sono equiparate al doping la somministrazione di farmaci o di sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e l adozione di pratiche mediche non giustificate da condizioni patologiche, finalizzate e comunque idonee a modificare i risultati dei controlli sull uso dei farmaci, delle sostanze e delle pratiche indicati nel comma 2. [ ] In sostanza il doping consiste nell'impiegare sostanze vietate comprese in un elenco di quelle proibite e che quindi non si possono utilizzare nella pratica sportiva e/o durante la fase d'allenamento,

5 nel ricorrere a metodi illeciti, sia per alterare la performance sportiva, sia, conseguentemente, per la manipolazione dei campioni utilizzati per il controllo antidoping. Anche i suddetti parametri sono stati definiti per legge (Decreto del Ministero della Salute e delle Politiche Sociali del 12 marzo 2009) considerando le direttive della WADA (World Anti-Doping Agency) dell'anno Importante è specificare l'anno di riferimento poiché l'agenzia WADA aggiorna ogni anno la lista delle sostanze e dei metodi ritenute/i dopanti (si rimanda al sito web: ). Inoltre, l'agenzia monitora le nuove sostanze non ancora in elenco (quindi non ancora vietate) ma che sono utilizzate in ambito sportivo e gli effetti che queste producono, generalmente queste sostanze vengono indicate come sostanze a rischio doping. Un esempio è costituito da integratori e sostanze ergogeniche a rischio doping quali: vitamine, amminoacidi a catena ramificata (BCAA), creatina, carnitina, alcool, caffeina, guaranà, ginseng.

6 3) Lista delle sostanze proibite 2012 Codice Mondiale Antidoping aggiornato al 1 gennaio 2012 Comprende 10 classi di sostanze e 3 metodiche, più 2 classi di sostanze proibite solo in alcuni sport. S0 = Sostanze non approvate S1 = Agenti Anabolizzanti S2 = Ormoni peptidici, fattori di crescita e sostanze correlate S3 = Beta-2 agonisti S4 = Modulatori ormonali e metabolici S5 = Diuretici ed altri agenti mascheranti S6 = Stimolanti S7 = Narcotici S8 = Cannabinoidi S9 = Glucocorticosteroidi M1 = Potenziamento del trasporto d'ossigeno M2 = Manipolazione chimica e fisica M3 = Doping genetico Sostanze proibite in particolari sport: P1 = Alcool (etanolo) P2 = Betabloccanti La lista aggiornata fornisce un'ulteriore specifica: le sostanze da S0 a S5 e i 3 metodi (M1, M2, M3) sono sempre proibiti, in e fuori competizione, mentre le sostanze da S6 a S9 sono proibite solamente in competizione. Per maggiori dettagli si rimanda al seguente link : Proibiti.pdf.

7 4) Integratori nutrizionali nella pratica sportiva Queste pagine vogliono attirare l attenzione non solo sulle sostanze dopanti in senso stretto, utilizzate per lo più nelle attività sportive a livello agonistico, ma anche di esaminare in modo approfondito quelle sostanze che assumono il nome di integratori ed ergogeni, alla portata di tutti, che sono sempre più utilizzate nello sport dilettantistico e nelle attività motorie in generale. Probabilmente le nuove disposizioni enunciate nell'ultima Lista WADA 2012 rendono ancora più sottile il confine tra abuso di integratori e doping. Molti degli integratori nutrizionali infatti, soprattutto in riferimento alle sostanze ergogeniche e ai sempre più innumerevoli prodotti da banco presenti in commercio, sono considerati a rischio doping. Non dimentichiamo infatti che molti prodotti commercializzati come naturali in realtà contengono principi attivi che li rendono equivalenti, o comunque molto simili, a veri e propri farmaci. È importante considerare la definizione della classe S0, sostanze non approvate : Qualsiasi sostanza farmacologica non compresa in alcuna delle sezioni della Lista e che non sia stata oggetto di approvazione da parte di autorità sanitarie governative di regolamentazione per l'uso terapeutico umano (ad es. farmaci in via di sviluppo preclinico o clinico o non più autorizzati, farmaci in fase di sviluppo, medicinali ad uso veterinario) è sempre proibita. Integratori ed ergogeni sono un gruppo di sostanze e/o di alimenti con una composizione specifica utilizzati per integrare il bisogno di nutrienti in caso di carenza o di aumento del fabbisogno ed in grado di aumentare il lavoro muscolare. 4.1 Diamo adesso uno sguardo panoramico generale agli integratori classificando gli integratori in base alla loro origine Integratori di origine glucidica Soluzione di glucosio ed elettroliti al 6-8%: rallenta la disidratazione, fornisce supplemento di glucosio plasmatico ai muscoli e ne aumenta il tempo di lavoro; da consumarsi soprattutto in ambiente caldo-umido, ogni 15 minuti durante un esercizio di endurance. Diidrossiacetone fosfato: incrementa il metabolismo glicolitico ed ossidativo, considerando una dose di g al giorno; se associato al piruvato accentua la

8 perdita di grasso, poiché utilizzato come substrato energetico ed aumenta quindi la durata dell'esercizio Integratori di origine lipidica Acidi linoleici coniugati: sembrerebbero ritardare la perdita di tessuto osseo e potenziare la risposta immunitaria. Trigliceridi a media catena: hanno una rapida diffusione nei mitocondri; costituiscono un'efficiente fonte energetica aumentando le prestazioni di endurance, consentono il risparmio dei depositi di glucosio muscolare durante gare intense (es. ciclismo). Acidi grassi omega_3: sono utilizzati come antiossidanti, migliorano la risposta immunitaria, riducono il rischio cardiovascolare; negli atleti potrebbero aiutare a mantenere la funzione immunitaria e a ridurre il danno muscolare; pesce ed olio extravergine d'oliva sono due alimenti in cui si ritrova una grande quantità di acidi grassi omega Integratori di origine proteica Arginina, ornitina, lisina: questi amminoacidi possono stimolare la produzione di GH (ormone della crescita), risparmiando massa muscolare; l'arginina inoltre migliorerebbe lo stato immunitario; vengono utilizzati nella dose di g al giorno soprattutto in atleti del body building, infatti l'effetto può essere quello dell'incremento della forza e della massa muscolare. L- carnitina: è un acido carbossilico a corta catena, contribuisce a modulare il metabolismo del coenzima A e agisce come trasportatore di acidi grassi ai mitocondri. In base ad alcuni studi una dose giornaliera di 0,5-2 g può aumentare l'ossidazione dei grassi e migliorare l'efficienza cardiovascolare durante l'esercizio fisico (aumento della VO2-max). Altri studi di settore invece non hanno evidenziato questi effetti. Creatina: è un composto intermedio del metabolismo energetico sintetizzato dal fegato (1g/die) a partire da arginina, S-adenosil metionina e glicina. Viene utilizzata dai mammiferi nei meccanismi anaerobici alattacidi per la sintesi di ATP durante i primi secondi della contrazione muscolare. In tali condizioni aumenta il contenuto di creatinfosfato (o forsfocreatina) muscolare e di conseguenza la disponibilità energetica durante queste fasi dell'esercizio. In particolare migliora

9 le prestazioni nel corso di esercizi molto intensi e ripetuti di breve durata (ad esempio: sollevamento pesi). Beta-idrossi-beta-metilbutirrato: utilizzato alla dose di 1,3 3 g al giorno, è un metabolita della leucina e, come questa, sarebbe in grado di inibire la degradazione di proteine nel corso dell'esercizio fisico Integratori di origine vitaminica Vitamina B6 (Piridossina): sembrerebbe aumentare i livelli di serotonina ed essere utile in sport di precisione (tiro con l'arco, tiro con pistola, etc.), in associazione ad altre vitamine del gruppo B, in particolare con le vitamine B1 e B12. Vitamina B12 (Cianocobalamina): utilizzata in associazione alla vitamina B6. Acido pantotenico: non vi sono prove sul fatto che migliori le prestazioni fisiche, ma sembra poter ridurre l'accumulo di acido lattico. Agisce da precursore per la biosintesi del coenzima-a. Beta-carotene: potrebbe aiutare gli atleti a sopportare meglio la fatica, in quanto, agendo da antiossidante, può ridurre la perossidazione dei lipidi indotta dall'esercizio fisico. Vitamina C: antiossidante, una delle vitamine più conosciute e più utilizzate per l'integrazione nutrizionale, potrebbe stimolare il sistema immunitario, riducendo le infezioni delle prime vie aeree. Vitamina E: può migliorare le prestazioni degli sportivi in ambienti ad elevata altitudine Integratori di origine minerale Boro: aumenta la concentrazione ormonale di testosterone e b-estradiolo, ma non si è dimostrato capace di migliorare le prestazioni fisiche e la massa muscolare alla dose di 2,5 mg al giorno per un periodo di 7 settimane. Cromo: potrebbe ridurre la massa grassa incrementando la massa muscolare. Fosfati: potrebbero migliorare il metabolismo aerobio nelle attività di endurance, utilizzati alla dose di 4 g al giorno per 3 giorni. Bicarbonato di sodio: anche se non tutti gli studi lo dimostrano, sembrerebbe che l'impiego del bicarbonato di sodio, alla dose di 300 mg per kg di peso corporeo per attività non inferiori a 30 secondi e non superiori a 10 minuti (durata ottimale 4-10 minuti) o per esercizi ripetuti di elevata intensità senza adeguato riposo,

10 possa essere utile nel raggiungimento di prestazioni fisiche migliori. Il bicarbonato di sodio è un sale in grado di tamponare, grazie al fenomeno dell idrolisi basica a carico dello ione bicarbonato, l'acido lattico prodotto durante la fase anaerobia di un esercizio di elevata intensità. Ciò consente di continuare a produrre per un più lungo, ma pur sempre limitato, periodo ATP attraverso la glicolisi anaerobia, senza portare il ph ad un livello tale da produrre affaticamento. Attualmente non ne è proibito l'utilizzo, ma il suo uso cronico è sconsigliato in soggetti ipertesi poiché provoca disturbi del bilancio di acqua e sodio Estratti di piante Polline d'api: spesso associato o utilizzato in sostituzione a miele e pappa reale (miele + yogurt), rappresenta una buona fonte energetica nella fase di recupero dopo un esercizio intenso; utile per tutti i sistemi energetici dell'organismo (ATPcreatinfosfato, acido lattico, sistema aerobico). Gamma-orizanolo: rappresenta una classe di fitosteroli in grado di incrementare la risposta ormonale anabolica dell'organismo in risposta all'esercizio fisico (stimolerebbe la produzione di ormone della crescita GH e testosterone). Ginseng: comunemente assunto sotto forma di bevanda (caffè al ginseng), attiva l'asse ipotalamo-ipofisi-surrene e può potenziare tutti e 3 i sistemi energetici dell'organismo (azione analoga è svolta dal guaranà). Yohimbina: è un alcaloide estratto da una pianta originaria dell'africa, aumenta i livelli di testosterone e migliora la massa e la forza muscolare. Può anche aumentare i livelli di noradrenalina e contribuire alla perdita di peso Di altra origine Alcol: sostanza di facile reperimento, potrebbe risultare utile negli sport di precisione (tiro con l'arco, lancio del giavellotto, etc.) visto che rimuove lo stato d'ansia. L'utilizzo è considerato illegale e può portare a sanzioni. Caffeina: anche questa è una sostanza di facile reperimento e largo utilizzo, migliora il metabolismo energetico e le prestazioni mentali. Stimola il sistema nervoso centrale e induce la liberazione di adrenalina, che può migliorare le prestazioni cardiovascolari. Aumenta anche l'utilizzo degli acidi grassi liberi durante l'attività aerobica e stimola la liberazione di calcio (Ca ++ ) dal reticolo

11 sarcoplasmatico favorendo una contrazione muscolare più intensa nel corso dell'attività anaerobica. A concentrazioni urinarie superiori a 12 mg/l è considerata sostanza dopante. Coenzima Q10: agisce come antiossidante, si ritrova a livello mitocondriale ed è coinvolto nel trasporto degli elettroni per la produzione di ATP attraverso la fosforilazione ossidativa. Contribuisce a contrastare l'attività dei radicali liberi che si producono nel corso di un'intensa attività fisica di tipo aerobico. Inoltre, sembra essere in grado di migliorare la funzione cardiaca, la capacità aerobica e la prestazione sportiva soltanto nei soggetti cardiopatici. 4.2 Esaminiamo ora gli integratori in base alla loro finalità. Il Ministero della Sanità nel 1999 ha emanato disposizioni circa l'utilizzo degli integratori alimentari nello sport, tali disposizioni sono state confermate dal Provvedimento del Ministero della Salute del (GU 297/02), dove gli integratori vengono definiti come alimenti adatti per uno sforzo muscolare intenso e vengono classificati in base alla loro finalità, secondo questo ordine: prodotti finalizzati a un'integrazione energetica: contengono almeno 200 kcal a porzione ed un apporto vitaminico di almeno il 30% della razione giornaliera raccomandata. Contengono carboidrati, vitamine del gruppo B (B1, B2, B6), PP e C. Se contengono lipidi (poliinsaturi) come fonte energetica, è obbligatoria la presenza di antiossidanti (vitamina E nella quantità di 0,4 mg per 1 g di lipidi) prodotti finalizzati al reintegro delle perdite idrico-saline causate dalla sudorazione conseguente all'attività muscolare svolta: prodotti energetici con aggiunta di sali minerali, contenenti anche carboidrati semplici (glucosio e/o fruttosio) o maltodestrine. Contengono sodio (Na + ) alla concentrazione massima di 1035 mg/l, cloro (Cl - ) 1278 mg/l, Potassio (K + ) 292 mg/l, Magnesio (Mg ++ ) 50 mg/l, in modo tale che la concentrazione della soluzione sia compresa tra 2 6%. Risulta facoltativa l'aggiunta di vitamine prodotti finalizzati all'integrazione di proteine: prodotti che hanno una prevalenza di calorie di origine proteica. Risulta necessaria l'integrazione con la vitamina B6 alla dose di 0,02 mg per 1 g di proteine prodotti finalizzati all'integrazione di amminoacidi e derivati: si dividono, a loro volta, in 3 categorie: ramificati, essenziali e derivati di amminoacidi (creatina).

12 Gli AA ramificati comprendono leucina, iso-leucina e valina in un rapporto di 2:1:1, in quantità non superiore a 5g in totale, preferibilmente associati a vitamine B1 e B6 in dosi non inferiori al 30% di quelle raccomandate Gli AA essenziali, tenendo conto delle fonti proteiche totali della diete, vanno assunti in adeguata proporzione tra i diversi tipi e a dosi frazionate durante l'arco della giornata Invece, per quanto riguarda i derivati di AA, la più conosciuta è la creatina, che va assunta alla dose di 4-6 g al giorno per non più di un mese, trascorso il quale non bisogna superare i 3 g al giorno. Il discorso creatina è di grande attualità, visto il suo largo utilizzo come integratore nelle palestre. Bisogna ricordare che nel nostro organismo la creatina deriva dal metabolismo della S-adenosil-metionina a partire dagli amminoacidi glicina e arginina, il suo fabbisogno giornaliero è di circa 2 g in un soggetto adulto maschio di 70 Kg di peso corporeo e a questo fabbisogno provvede la sintesi endogena e/o l'apporto nutrizionale di carne e pesce. Nei soggetti vegetariani e vegani la creatina deriva direttamente dalla sintesi endogena. Si discute molto sui suoi effetti, essendosi dimostrata efficace ai fini della prestazione muscolare, soprattutto nell'attività anaerobica e quindi nell'esecuzione di esercizi brevi e intensi, ripetuti a distanza di secondi (100 metri, sollevamento pesi, tonificazione, body building, body sculpture). L'assunzione di creatina comporta anche una ritenzione idrica, che a sua volta comporta un aumento di peso variabile tra 0,5-1,5 Kg (condizione sicuramente sfavorevole per gli atleti di endurance). Assunta a piccole dosi e per brevi periodi, la creatina sembra essere ben tollerata, ma a dosi elevate può causare disturbi dell'apparato gastro-enterico (dolore addominale, diarrea), del sistema muscolo-scheletrico (crampi e traumi muscolo-tendinei), dell'equilibrio idro-salino (disidratazione extracellulare). Inoltre, bisogna considerare l'ipotesi che la creatina assunta ad alte dosi può diventare una sostanza potenzialmente cancerogena in seguito alla sua metabolizzazione a formaldeide, sostanza ritenuta capace di effetti mutageni e citotossici ed aterogeni altri prodotti di significato nutrizionale e adatti per un intenso sforzo muscolare: a questa categoria appartengono varie sostanze utilizzate dagli atleti e dotate di attività farmacologica, come ad esempio la caffeina, il glicerolo, il cromo e gli antiossidanti combinazioni varie dei precedenti prodotti: un insieme di sostanze, utilizzate come integratori, la cui composizione è variabile.

13 Nelle pagine seguenti saranno descritte le 6 categorie di prodotti definite dal Provvedimento del Ministero della Salute, GU 297/02 del ) Prodotti per l'integrazione energetica Gli integratori energetici (detti anche ergogeni o sostanze ergogeniche ) contengono in genere, ma non sempre, anche un'integrazione di tipo salino-minerale. Infatti, questa categoria di prodotti è generalmente costituita da soluzioni zuccherine contenenti quantità più o meno elevate di sali, al fine di sopperire alle perdite causate dalla sudorazione conseguente all'attività fisica. I prodotti finalizzati all'integrazione energetica sono costituiti da glucidi (carboidrati) con vari gradi di polimerizzazione, insieme a vitamine del gruppo B e alla vitamina C. Quindi, anche se dal punto di vista teorico esiste una distinzione tra integratori energetici ed integratori idrico-salini, in realtà i due tipi di integrazione sono molto spesso uniti in uno stesso preparato. L'utilizzo degli integratori di tipo energetico è generalmente associato alle attività di endurance (di lunga durata), ad esempio la maratona, ma anche più semplicemente il jogging, ossia tutte quelle attività motorie che incidono sul metabolismo aerobico definite per l appunto attività aerobiche, che sono molto praticate e si stanno diffondendo sempre di più, a livello amatoriale e fai-da-te. L'apporto energetico del praticante dovrebbe essere regolato secondo un criterio che bilanci l'assunzione e il consumo, secondo un principio del pareggio di bilancio : l'apporto energetico assunto deve equivalere al quantitativo energetico consumato durante l'attività fisica. L' integrazione energetica affonda le sue radici scientifiche nel fatto che durante l'attività fisica intensa e prolungata le scorte glucidiche dell'organismo diventano critiche (una supplementazione energetica con lipidi durante l'attività non ha senso,

14 infatti, le scorte lipidiche dell'organismo sono abbondanti). È quindi opportuno fornire bevande che contribuiscano alla nutrizione glucidica del praticante. Questi preparati non dovrebbero però essere utilizzati al di fuori di queste circostanze, considerando anche il fatto che potrebbero incidere negativamente sulla salute del cavo orale. È di fondamentale importanza il tipo di zucchero che viene utilizzato. Da molti è utilizzato il fruttosio (in alternativa al glucosio), considerando il fatto che non contribuisce all'aumento della glicemia (concentrazione di glucosio ematico) e quindi non necessita di insulina (ormone prodotto dal pancreas che regola la glicemia, abbassando la concentrazione di glucosio ematico). Tuttavia l' apporto incontrollato del fruttosio nel metabolismo glucidico del fegato pone seri dubbi circa il suo utilizzo. Spesso nei preparati glucidici sono contenute anche vitamine, sebbene ciò non sia necessario, l'aggiunta di vitamine è un uso diffuso ed è anche indicato dalle normative vigenti in Italia che prevedono le seguenti caratteristiche per i prodotti finalizzati ad un'integrazione energetica: sono a base di carboidrati a diverso grado di polimerizzazione (dai più semplici monosaccaridi glucosio e fruttosio, alle più complesse maltodestrine); devono essere integrati con vitamina C e vitamine del gruppo B; l'apporto vitaminico non deve essere inferiore al 30% dei LARN (Livelli di Assunzione Raccomandata di Nutrienti, SINU Società Italiana di Nutrizione Umana, 1996); l'apporto energetico non deve essere inferiore alle 200 kcal per porzione (ma si prevedono eccezioni); se sono presenti acidi grassi insaturi, deve essere aggiunta vitamina E.

15 6) Prodotti per il reintegro delle perdite idrico-saline causate dalla sudorazione Durante l'attività fisica si verifica, da parte dell'organismo, una perdita d acqua e di sali minerali attraverso il processo di sudorazione. La reintegrazione di sali minerali e acqua è effettuata mediante l'assunzione di bevande ipotoniche di cloruro di sodio (NaCl) contenenti anche potassio e magnesio, nella loro forma ionica, rispettivamente K +, Mg ++. Queste bevande sono distribuite commercialmente, ma possono anche essere preparate in casa a prezzi molto bassi. È importante sottolineare come l'integrazione energetico-minerale può sicuramente avere una base scientifica, in base al concetto di bilancio idrico dell'organismo. L'acqua è un nutriente essenziale per l'organismo. Una fonte d'acqua per l'organismo è costituita dall'acqua contenuta nei cibi, dall'assunzione di bevande e vi è poi una produzione metabolica d'acqua (fosforilazione ossidativa). Semplificando, la reazione generale è la seguente: C 6 H 12 O 6 + O 2 CO2 + H 2 O + Energia (ATP) Per quanto riguarda la distribuzione d'acqua nell'organismo, questa si divide in 2 componenti principali: il 40% all'interno delle cellule (liquido intracellulare); il 60% all'esterno delle cellule, di cui, in particolare il 28% liquido interstiziale, 8% plasma sanguigno, 3% compartimento transcellulare (fluido cerebrospinale e fluidi articolari). Inoltre, l'acqua presente nell'organismo si divide in acqua endogena ed acqua esogena. L'acqua endogena è prodotta dal metabolismo cellulare (300 ml circa) che però è insufficiente a soddisfare il fabbisogno giornaliero. In dettaglio avremo che: - il metabolismo dei carboidrati produce 0,6 grammi d' acqua per grammo; - il metabolismo delle proteine produce 0,4 grammi d'acqua per grammo; - il metabolismo dei grassi 1,07 grammi d'acqua per grammo. L'acqua esogena è introdotta con l'alimentazione. In media avremo: - 500/900 ml/g con gli alimenti, - 800/1500 ml/g con le bevande.

16 ASSUNZION E ml PERDITE ml bevande 1100 urine alimenti feci 200 metabolismo aria espirata perspirazione insensibile 500 TOTALE TOTALE Il bilancio idrico dell'organismo umano è definito come la somma pari a zero tra la quantità d acqua assunta e la quantità d acqua persa. Valori diversi da zero indicano alterazioni nel bilancio idrico dell organismo: disidratazione per valori minori di zero, ritenzione idrica per valori maggiori di zero. BILANCIO IDRICO-SALINO GIORNALIERO Acqua introdotta nell organismo ogni giorno Bevuta = 1500 ml Acqua eliminata dall organismo ogni giorno Con l urina = 1500 ml Nei cibi = 700 ml Attraverso le feci = 200 ml Acqua di ossidazione = 300 ml (ottenuta dalla combustione dei carboidrati) Totale = 2500 ml Attraverso i polmoni = 500 ml Attraverso la pelle = 500 ml Totale = 2500 ml Le alterazioni negative del bilancio idrico dell organismo provocano la disidratazione, causata, ad esempio, dall eccessiva sudorazione, che ha come conseguenze: una riduzione del plasma sanguigno per cui l ossigeno e i nutrienti arrivano con difficoltà al cervello e ad altri tessuti; la perdita del controllo della termoregolazione.

17 L acqua e in particolar modo le bevande appositamente concepite per un intensa attività fisica, certamente rappresentano gli integratori nutrizionali più utilizzati. L unica integrazione realmente insostituibile per i praticanti di attività fisica è rappresentata dall integrazione idrica con o senza eventuali aggiunte ulteriori di minerali e/o sostanze energetiche. Infatti, le bevande contribuiscono in modo sostanziale ai processi di termoregolazione corporea e sono quindi indispensabili nella prevenzione della malattia da calore e nel mantenimento di un buono stato di salute generale dei praticanti. Inoltre, pur non potendole definire dei veri e propri ergogeni, le suddette bevande esplicano un ruolo molto importante nel migliorare la prestazione atletica, tanto che molti insuccessi sportivi possono essere attribuiti ad un insufficiente assunzione d acqua prima e/o durante la stessa prestazione atletica. I prodotti utilizzati per il reintegro delle perdite idrico-saline causate dalla sudorazione conseguente ad attività fisica sono generalmente soluzioni saline a base di: aspartato di magnesio aspartato di potassio bicarbonato di sodio (NaHCO3). ASPARTATO DI POTASSIO E DI MAGNESIO L aspartato di potassio e l aspartato di magnesio sono sali che, in soluzione acquosa, prevengono i disturbi provocati da un prolungato lavoro muscolare, soprattutto se questo è praticato in luoghi caratterizzati da clima caldo, quando accanto alle perdite d acqua e di cloruro di sodio vi sono anche importanti perdite di potassio e magnesio. Inoltre, l assunzione di aspartato sembra poter contribuire al recupero delle riserve energetiche e allo smaltimento delle sostanze tossiche (derivati ammoniacali) prodotti in abbondanza durante l esercizio fisico intenso e prolungato. L aspartato di potassio e di magnesio sono sostanze che non hanno effetti ergogenici sulla prestazione fisica e quindi possono essere deontologicamente assunte e prescritte, come integratori.

18 Possono essere somministrate anche dosi elevate (5,4 g in 1,5 L d acqua in 45 minuti) con la massima sicurezza d utilizzo in quanto non determinano alcun effetto negativo né sulla prestazione atletica né sulla salute del praticante. Acido aspartico nella sua forma non ionizzata. Effetti dell aspartato di potassio e di magnesio (considerando una dose di 3 g ): prevenire l accumulo di ammoniaca durante il lavoro muscolare, favorire la riconversione dell IMP (inosin-mono-fosfato) in AMP (adenosin-monofosfato), prevenire la perdita di nucleotidi purinici durante la contrazione muscolare attraverso l attivazione del cosiddetto ciclo dei nucleotidi purinici. Solo alcune ricerche hanno documentato un effetto positivo sulla prestazione aerobica (aumento del 12-15%) dopo la somministrazione di 10 g di aspartato. BICARBONATO DI SODIO (NaHCO3) Il bicarbonato di sodio, disciolto in acqua in quantità di 300 mg per Kg di peso corporeo ( mg/kg p.c.) e somministrato per bocca 1-3 ore prima dell attività fisica potrebbe risultare utile nella prevenzione dell accumulo dell acido lattico negli esercizi ad alta intensità che prevedono brevi pause di recupero. Tuttavia, i benefici non sono certi e molto spesso i praticanti sottoposti a questo tipo di integrazione accusano disturbi gastrointestinali più o meno fastidiosi, caratterizzati da senso di gonfiore, sguazzamento gastrico e da dissenteria. Bicarbonato di sodio.

19 La legislazione prevede che i prodotti per il reintegro delle perdite idrico-saline abbiano i seguenti requisiti: contengano elettroliti e l energia sia fornita da maltodestrine o carboidrati semplici; l integrazione con vit. C è facoltativa e la presenza di magnesio auspicabile; la concentrazione del prodotto pronto per l uso dev essere compresa tra il 2 e il 6%; sono assunti prima della gara, durante uno sforzo prolungato e a gara terminata; la concentrazione di elettroliti deve essere: Na + (non più di 45 meq.l -1 ), Cl - (non più di 36 meq.l -1 ), K + (non più di 7,5 meq.l -1 ), Mg ++ (non più di 4,1 meq.l -1 ).

20 7) Prodotti per l'integrazione proteica I prodotti per l integrazione proteica sono molto diffusi tra i praticanti delle attività motorie e sportive e sono largamente utilizzati soprattutto nelle attività di potenza, con lo scopo di aumentare la massa muscolare. Infatti, negli sport in cui è richiesta forza e potenza risulta essere certamente vantaggioso l essere forniti di una maggiore quantità di massa magra. L esercizio troppo intenso e/o prolungato causa microtraumi muscolari ed appare quindi evidente il ruolo che assumono le proteine nei processi di riparazione dei tessuti e delle strutture danneggiate. Però, il contributo energetico offerto dal metabolismo delle proteine all attività fisica è blando (circa il 5%). Contrariamente a quanto di solito praticato dagli sportivi e dai loro allenatori, in genere non è consigliabile una supplementazione di proteine. Il fabbisogno giornaliero di proteine è di circa 0,75 mg/d.kg di peso corporeo (la metà delle proteine di origine animale), anche se in genere le linee guida alimentari elaborate da diverse agenzie consigliano di solito un apporto maggiore, per garantire la presenza di nutrienti nonproteici (minerali e vitamine) che si trovano in cibi ricchi anche di proteine. Questo aumenta il valore di assunzione a circa 1,2 g.kg -1.d -1. Per questo motivo, il supplemento richiesto per l attività fisica dovrebbe, nella maggior parte dei casi, fornire anche il quantitativo sufficiente di proteine (da 1,4 a 1,7 g.kg -1.d -1 ). È importante specificare che quantità di amminoacidi superiori al bisogno non determinano un aumento della sintesi proteica, poiché la sintesi proteica è regolata a livello genico e non solo dalla disponibilità dei singoli amminoacidi. Gli amminoacidi in eccesso vengono degradati, quindi gli atomi di carbonio sono trasformati in glucidi, lipidi, oppure ossidati per produrre energia, mentre l atomo di azoto viene eliminato sotto forma di urea. Sono quindi ingiustificati elevatissimi supplementi proteici, visto che rimangono inutilizzati.

NUTRIZIONE E DOPING. Perciò ACU propone ai suoi soci e lettori un contributo del Dr. Adelfio Liviani, laureato in Scienze Motorie.

NUTRIZIONE E DOPING. Perciò ACU propone ai suoi soci e lettori un contributo del Dr. Adelfio Liviani, laureato in Scienze Motorie. NUTRIZIONE E DOPING Un argomento che interessa non solo un sempre più vasto pubblico di sportivi, sia praticanti sia semplici appassionati, ma anche il cittadino/consumatore che vuole tenersi aggiornato

Dettagli

Alimentazione ed integrazione nello sportivo

Alimentazione ed integrazione nello sportivo Alimentazione ed integrazione nello sportivo ITALO GUIDO RICAGNI Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari

Dettagli

UN LABIRINTO di PRODOTTI fortemente pubblicizzati e di facile reperibilità

UN LABIRINTO di PRODOTTI fortemente pubblicizzati e di facile reperibilità UN LABIRINTO di PRODOTTI fortemente pubblicizzati e di facile reperibilità Guaranà Ginseng siberiano Ma-Huang Tibulus silvestris Creatina Carnitina - Proteine AminoAcidiRamificati (BCAA) Vitamina A Ferro

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

La termoregolazione. I processi vitali avvengono in condizioni ottimali solo in ambito di temperature molto ristrette (circa 37 c.).

La termoregolazione. I processi vitali avvengono in condizioni ottimali solo in ambito di temperature molto ristrette (circa 37 c.). Indice La termoregolazione Il metabolismo energetico Lo stress metabolico: significato e possibili conseguenze La corretta alimentazione ed idratazione dello sportivo Il doping Esigenze nutrizionali PRIMA

Dettagli

l integrazione sportiva nella pratica della MTB

l integrazione sportiva nella pratica della MTB l i lintegrazione i sportiva nella pratica della MTB Integrazione Sportiva L integrazione sportiva serve a sostenere la PRESTAZIONE dello sportivo nel pieno rispetto dei suoi PROCESSI FISIOLOGICI, con

Dettagli

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010 Lezione di alimentazione Claudio Caldini i Una corretta alimentazione non è sufficiente per vincere una gara ma un alimentazione insufficiente può sicuramente farla perdere Prof. Giuseppe Masera Responsabile

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

INTEGRAZIONE. L integrazione è il nuovo confine con cui si confronta la prestazione sportiva.

INTEGRAZIONE. L integrazione è il nuovo confine con cui si confronta la prestazione sportiva. INTEGRAZIONE L integrazione è il nuovo confine con cui si confronta la prestazione sportiva. Recenti polemiche riprese ad arte dai media hanno portato ad una perversa identificazione tra Integrazione e

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Momenti di Gloria La medicina incontra lo sport: i muscoli Genova 18 aprile 2013 Alimentazione e sport Luca Spigno La dieta dello sportivo è diversa da quella del soggetto sedentario? Come dobbiamo nutrirci

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

INTEGRATORI LIFECODE A SUPPORTO DEGLI SPORT DI ENDURANCE (Ciclismo, Nuoto e Corsa sulle medie/lunghe distanze, Triathlon, Escursionismo)

INTEGRATORI LIFECODE A SUPPORTO DEGLI SPORT DI ENDURANCE (Ciclismo, Nuoto e Corsa sulle medie/lunghe distanze, Triathlon, Escursionismo) INTEGRATORI LIFECODE A SUPPORTO DEGLI SPORT DI ENDURANCE (Ciclismo, Nuoto e Corsa sulle medie/lunghe distanze, Triathlon, Escursionismo) Lifecode è un azienda italiana che produce integratori di qualità,

Dettagli

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana ATTIVITÀ SPORTIVA ENDURANCE ALIMENTAZIONE 2 1 ADEGUATO APPORTO DI TUTTI

Dettagli

I grassi sono un substrato energetico ad elevata capacità ma a bassa potenza.

I grassi sono un substrato energetico ad elevata capacità ma a bassa potenza. Per le performance di lunga durata (prove di ciclismo su strada, maratona, triathlon, prove di marcia, prove di nuoto della categoria fondo) sono previsti dei rifornimenti proprio durante la performance

Dettagli

CONInforma Sport e corretti stili di vita

CONInforma Sport e corretti stili di vita Numero 10 del 15 ottobre 2014 A cura del Dott. Sergio Zita Responsabile sportello CONInforma INTEGRAZIONE IDRICA ENERGETICA MINERALE NELLA PRATICA SPORTIVA Di fondamentale importanza nella pratica sportiva,

Dettagli

Acqua: nutriente essenziale

Acqua: nutriente essenziale Acqua: nutriente essenziale Funzioni dell acqua 1. Solvente delle reazioni metaboliche; 2. Regola il volume cellulare; 3. Regola la temperatura corporea; 4. Permette il trasporto dei nutrienti; 5. Permette

Dettagli

METABOLISMO DEL GLICOGENO

METABOLISMO DEL GLICOGENO METABOLISMO DEL GLICOGENO Struttura del glicogeno DEMOLIZIONE DEL GLICOGENO: GLICOGENOLISI 1) distacco progressivo di unità glucosidiche con formazione di glucosio-1- fosfato: enzima: glicogeno fosforilasi

Dettagli

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI.

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI. CARBOIDRATI. I carboidrati rappresentano la principale fonte di energia delle cellule. Essi fungono da combustibile di pronto e facile impiego e di maggior rendimento. I CARBOIDRATI possono essere divisi

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

LE CAUSE DELLA STANCHEZZA MUSCOLARE

LE CAUSE DELLA STANCHEZZA MUSCOLARE LE CAUSE DELLA STANCHEZZA MUSCOLARE Fausto Spagnoli (Unità Endocrino Metabolica) da "SPORT E SALUTE" (Anno II, numero 1 - Gennaio 2005) Molti atleti, professionisti e non, ancora ignorano tutti i fattori

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (<2-2.4 kg) malattie gravi durante l infanzia.

Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (<2-2.4 kg) malattie gravi durante l infanzia. Fabbisogno energetico in gravidanza Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (

Dettagli

Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona. Lezione 20: Gli integratori

Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona. Lezione 20: Gli integratori Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona Corso di Farmacologia Lezione 20: Gli integratori Commissione Vigilanza Doping: dati del 2006 Commissione Vigilanza Doping: dati del 2006 Commissione

Dettagli

Alimenti e integratori nel bambino che pratica sport: ricostituenti o doping Antonietta Marchi Università degli Studi di Pavia Dipartimento di

Alimenti e integratori nel bambino che pratica sport: ricostituenti o doping Antonietta Marchi Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Alimenti e integratori nel bambino che pratica sport: ricostituenti o doping Antonietta Marchi Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Scienze Clinico-Chirurgiche, Diagnostiche e Pediatriche Scienze

Dettagli

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero Qualunque cibo introdotto nel corpo umano viene trasformato, tramite reazioni chimiche, nei suoi costituenti elementari che sono proteine, lipidi, carboidrati, vitamine, minerali e acqua, perché è solo

Dettagli

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio GLUCONEOGENESI Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio CATABOLISMO ANABOLISMO OSSIDAZIONI Produzione di ATP RIDUZIONI Consumo di ATP La GLUCONEOGENESI è un PROCESSO ANABOLICO La gluconeogenesi

Dettagli

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse.

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 7 PANCREAS Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. Isole del Langherans Contengono da poche centinaia

Dettagli

Gianluca Tognon. Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net

Gianluca Tognon. Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net Gianluca Tognon Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net L ABC DELL ALIMENTAZIONE: I GRUPPI DI ALIMENTI Gruppo 1: CARNI, PESCI, UOVA Proteine nobili, Ferro, alcune Vitamine

Dettagli

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo L equilibrio tra proteolisi e sintesi determina la crescita, l ipertrofia e l atrofia del muscolo L equilibrio è anche importante per l omeostasi generale

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

Strategie nutrizionali negli sport di endurance

Strategie nutrizionali negli sport di endurance Strategie nutrizionali negli sport di endurance Relatore Jacopo Zuffi Ferrara 18-01-2012 Relazione tra l'intensità di esercizio e consumo energetico L'energia necessaria per soddisfare le richieste energetiche

Dettagli

FARMACI e DOPING. Legge 14 Dicembre 2000, n. 376

FARMACI e DOPING. Legge 14 Dicembre 2000, n. 376 FARMACI e DOPING Legge 14 Dicembre 2000, n. 376 Art. 1 "Costituiscono doping la somministrazione o l assunzione o la somministrazione di farmaci o di sostanze biologicamente o farmacologicamente attive

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

ALIMENTAZIONE E PERFORMANCE SPORTIVA AMATORIALE E PROFESSIONISTICA Prof. IVO PULCINI Prof. ANGELO PULCINI PREMESSA Una dieta sana ed equilibrata spesso non basta a soddisfare le richieste nutrizionali

Dettagli

INTEGRATORE SALINO ISOTONICO A BASE DI SALI MINERALI

INTEGRATORE SALINO ISOTONICO A BASE DI SALI MINERALI INTEGRATORE SALINO ISOTONICO A BASE DI SALI MINERALI Cosa serve: dissetando, reintegra i sali perduti con la sudorazione, ricaricando le energie grazie all apporto bilanciato di carboidrati. Come si usa:

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

SECREZIONE DI INSULINA:

SECREZIONE DI INSULINA: SECREZIONE DI INSULINA: O Ca ++ VGCC K-ATP GLUT2 Ca ++ K + O Ca ++ HK I P GK ATP O ADP piruvato acidi grassi corpi chetonici aminoacidi secretina glucagone incretine: colecistochinina (CCK) peptide inibitore

Dettagli

INTEGRAZIONE NUTRIZIONALE

INTEGRAZIONE NUTRIZIONALE INTEGRAZIONE NUTRIZIONALE Integratori alimentari Gli integratori alimentari sono definiti dalla normativa di settore (Direttiva 2002/46/CE, attuata con il decreto legislativo 21 maggio 2004, n. 169) come:

Dettagli

Una dieta corretta, unita ad allenamenti adeguati, è infatti in grado di migliorare in modo significativo il rendimento sportivo.

Una dieta corretta, unita ad allenamenti adeguati, è infatti in grado di migliorare in modo significativo il rendimento sportivo. IL CIBO DEGLI ATLETI E ovvio supporre che agli atleti di alto livello venga prescritto un regime alimentare dettato dalle più avanzate conoscenze nutrizionali, affinchè possano esprimere il massimo delle

Dettagli

SISTEMI ENERGETICI. L ATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato).

SISTEMI ENERGETICI. L ATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato). SISTEMI ENERGETICI LE FONTI ENERGETICHE MUSCOLARI I movimenti sono resi possibili, dal punto di vista energetico, grazie alla trasformazione, da parte dei muscoli, dell energia chimica ( trasformazione

Dettagli

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI 1 Obiettivi della lezione 1) Capire come l organismo converta il cibo che ingeriamo in ATP per fornire ai muscoli l energia che essi necessitano per contrarsi. 2) Esaminare

Dettagli

Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico

Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico Processo di Organicazione del Carbonio Il metabolismo cellulare e corporeo Processo di rinnovamento e ricambio della materia vivente. Insieme di tutte

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI IMPIEGATI NELLA PRATICA SPORTIVA. Paolo Giliberti

INTEGRATORI ALIMENTARI IMPIEGATI NELLA PRATICA SPORTIVA. Paolo Giliberti INTEGRATORI ALIMENTARI IMPIEGATI NELLA PRATICA SPORTIVA Paolo Giliberti Das Wundermittel Il 98 % di aspiranti ai giochi olimpici si dichiara disposto ad utilizzare sostanze anche proibite, a condizione

Dettagli

COSA SONO LE PROTEINE IN POLVERE:

COSA SONO LE PROTEINE IN POLVERE: PROTEINE. Definizione di proteine: Le sono i mattoni della massa muscolare; costituiscono il 90% del peso del sangue a secco, l 80% dei muscoli ed il 70% della pelle. Provvedono alla costruzione connettiva

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Herbalife24 è una soluzione completa per lo sportivo, ideata per soddisfare le esigenze dell'atleta 24 ore su 24. Il prodotto base della linea

Herbalife24 è una soluzione completa per lo sportivo, ideata per soddisfare le esigenze dell'atleta 24 ore su 24. Il prodotto base della linea Herbalife24 è una linea completa di nutrizione per lo sport rivolta a tutti: da chi pratica saltuariamente jogging, a chi si reca ogni giorno in palestra, all atleta professionista - Herbalife24 ti offre

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi Seminario sul tema: La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Federazione Italiana Rugby Centro Studi FIR Lunedì 14 Gennaio 2008, ore 14.30 Facoltà di Scienze Motorie, Verona Università

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT

ALIMENTAZIONE E SPORT ALIMENTAZIONE E SPORT Sedentari AUSL di Bologna - PASSI 2007-2009 (n=1247) Classi di età Totale: 22,5 18-34 17,2 35-49 21,9 50-69 26,6 Sesso: uomini 20,5 donne 24,4 Istruzione*: bassa 24,7 alta 21,2 Difficoltà

Dettagli

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente).

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). Alimentazione e Competizione 1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). 2) Alimentazione pre-gara Nelle discipline di lunga durata (> 60-90 minuti),

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI. Dott. Emanuele Feduzi

INTEGRATORI ALIMENTARI. Dott. Emanuele Feduzi Dott. Emanuele Feduzi NUTRACEUTICA NUTRIZIONE FARMACEUTICA Crescita benessere, salute, bellezza performance Aumento praticanti attività sportiva Art. 2 D.Lgs 21 maggio 2004, n. 169 "prodotti alimentari

Dettagli

L'ATP E I MECCANISMI ENERGETICI

L'ATP E I MECCANISMI ENERGETICI L'ATP E I MECCANISMI ENERGETICI Il nostro corpo, per poter compiere una qualsiasi attività, ha bisogno di energia. Questo bisogno energetico viene soddisfatto all'interno del nostro organismo grazie al

Dettagli

Degradazione delle proteine della dieta. Catabolismo degli aminoacidi

Degradazione delle proteine della dieta. Catabolismo degli aminoacidi Degradazione delle proteine della dieta Catabolismo degli aminoacidi LE PROTEINE DELLA DIETA SONO DEGRADATE ENZIMATICAMENTE AD AMINOACIDI LIBERI L ingresso di una proteina nello stomaco stimola la mucosa

Dettagli

La nutrizione nello sport

La nutrizione nello sport La nutrizione nello sport Una corretta alimentazione deve coprire in modo ottimale il fabbisogno energetico e plastico di un individuo, tenendo conto della fase di accrescimento, dell attività muscolare

Dettagli

Regolazione del metabolismo del glucosio

Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione coordinata di glicolisi e gluconeogenesi Glicolisi e gluconeogenesi sono regolate in modo reciproco La regolazione è a livello dei punti di deviazione

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI. per sportivi

INTEGRATORI ALIMENTARI. per sportivi INTEGRATORI ALIMENTARI per sportivi PREWORKOUT! Barattolo da 540 g, 12 porzioni al gusto di arancia. PREWORKOUT! è un integratore alimentare per sportivi, adatto ai vegani, certificato senza glutine, senza

Dettagli

Sostituisci 1 o 2 dei tre pasti principali giornalieri con altrattanti shake FORMULA 1 PRO

Sostituisci 1 o 2 dei tre pasti principali giornalieri con altrattanti shake FORMULA 1 PRO SOSTITUTO DEL PASTO PER SPORTIVI Prima dell allenamento, scegli una nutrizione che ti dà sicurezza. Nutrizione bilanciata ricca di carboidrati, proteine, vitamine e minerali, Formula 1 Pro è un sostituto

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

Che cos è il doping? Indica l uso di farmaci o sostanze farmacologicamente attive, non giustificato da uno stato di malattia

Che cos è il doping? Indica l uso di farmaci o sostanze farmacologicamente attive, non giustificato da uno stato di malattia Il Doping Che cos è il doping? Il doping è l uso di sostanze o metodi che, per natura, dosaggio, metodo e applicazione, sono nocivi alla salute e/o possono migliorare artificiosamente la prestazione fisica.

Dettagli

Atleti e allenatori ben conoscono l importanza dell allenamento per migliorare le proprie prestazioni, un pò meno sanno quanto l'aspetto nutrizionale

Atleti e allenatori ben conoscono l importanza dell allenamento per migliorare le proprie prestazioni, un pò meno sanno quanto l'aspetto nutrizionale Atleti e allenatori ben conoscono l importanza dell allenamento per migliorare le proprie prestazioni, un pò meno sanno quanto l'aspetto nutrizionale possa essere parte fondamentale della preparazione

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta. Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA

Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta. Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA L'alimentazione dello sportivo non è molto diversa dall'alimentazione indicata per la popolazione in generale. Non

Dettagli

GUIDA ORTOMOLECOLARE ALLA INTERPRETAZIONE DEL TEST DEGLI AMINOACIDI

GUIDA ORTOMOLECOLARE ALLA INTERPRETAZIONE DEL TEST DEGLI AMINOACIDI GUIDA ORTOMOLECOLARE ALLA INTERPRETAZIONE DEL TEST DEGLI AMINOACIDI AMINOACIDI ESSENZIALI Gli aminoacidi indispensabili, noti anche come aminoacidi essenziali, devono essere forniti al corpo con gli alimenti

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

RIDUZIONE DEL PESO NEGLI ATLETI: DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E ASPETTI NUTRIZIONALI

RIDUZIONE DEL PESO NEGLI ATLETI: DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E ASPETTI NUTRIZIONALI RIDUZIONE DEL PESO NEGLI ATLETI: DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E ASPETTI NUTRIZIONALI INTRODUZIONE L alimentazione dello sportivo deve: Assicurare un apporto di calorie sufficienti a coprire i dispendi energetici.

Dettagli

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE Gli acidi grassi omega 3 rappresentano una risorsa fondamentale per la nostra salute, in grado di svolgere numerose funzioni preventive e terapeutiche. Rappresentano un

Dettagli

MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE U.O.S.D. TERAPIA NUTRIZIONALE Centro di Riferimento Regionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare INRCA IRCCS Ancona Responsabile Dott. Paolo Orlandoni MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

Dettagli

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo degli aminoacidi I composti azotati L azoto contenuto nella cellula è presente soprattutto negli AMINOACIDI delle proteine e nelle

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori alimentari, nella vita quotidiana, sono prodotti specifici che favoriscono l'assunzione di sostanze quali macronutrienti (carboidrati e proteine)

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Pianeta Triathlon Sabato 29 marzo 2014 ore 18.00 presso il Palabigot a GORIZIA via madonnina del fante 11 Organizzato da: C.S.A.

Pianeta Triathlon Sabato 29 marzo 2014 ore 18.00 presso il Palabigot a GORIZIA via madonnina del fante 11 Organizzato da: C.S.A. Pianeta Triathlon Sabato 29 marzo 2014 ore 18.00 presso il Palabigot a GORIZIA via madonnina del fante 11 Organizzato da: C.S.A. Gorizia Triathlon Relatori: Mantese Raimondo Colombo Cristiano Menotti Mauro

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

ALIMENTAZIONE INTEGRAZIONE ALIMENTARE NELLO SPORTIVO. Dr. LERTORA DIEGO SPECIALISTA IN MEDICINA DELLO SPORT CONI-FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA

ALIMENTAZIONE INTEGRAZIONE ALIMENTARE NELLO SPORTIVO. Dr. LERTORA DIEGO SPECIALISTA IN MEDICINA DELLO SPORT CONI-FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA ALIMENTAZIONE INTEGRAZIONE ALIMENTARE NELLO SPORTIVO Dr. LERTORA DIEGO SPECIALISTA IN MEDICINA DELLO SPORT CONI-FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Parametri fisici A. Valutazione clinica e dei parametri

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

di glucosio da parte di tutte le cellule, facilitandone il trasporto transmembranario 2. aumenta l utilizzazione

di glucosio da parte di tutte le cellule, facilitandone il trasporto transmembranario 2. aumenta l utilizzazione non c Ormone ipoglicemizzante, causa un forte abbassamento della glicemia (70-100 mg/100 ml) perché esalta i processi responsabili della sottrazione di glucosio dal sangue e inibisce i processi responsabili

Dettagli

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli

ENERVIT CONSIGLI NUTRIZIONALI E DI INTEGRAZIONE

ENERVIT CONSIGLI NUTRIZIONALI E DI INTEGRAZIONE ENERVIT CONSIGLI NUTRIZIONALI E DI INTEGRAZIONE Disciplina: Sci Alpinismo Luogo: Aosta Data: 30 Marzo - 1 aprile 2012 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1 - GLI INTEGRATORI: che cosa sono e a cosa servono 2 - IDRATAZIONE

Dettagli

Corso Nutrizione e Sport

Corso Nutrizione e Sport Corso Nutrizione e Sport 8 Giorni 4 Week end Docenti Qualificati Rilascio di crediti ECM Presso Medi Salus, Firenze Dal 19 Marzo al 30 Aprile 2016 Obiettivi del corso: Il corso, articolato in 4 fine settimana,

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

Cosa sono i grassi o lipidi?

Cosa sono i grassi o lipidi? Cosa sono i grassi o lipidi? Lipidi da LIPOS = grasso Sostanze organiche di diversa natura con una caratteristica comune: sono insolubili in acqua Importanti costituenti dei tessuti vegetali e animali

Dettagli

A single water for a single person A ognuno la sua acqua Prof. Salvatore Sciacca Registro Tumori Integrato (CT-ME-SR-EN)

A single water for a single person A ognuno la sua acqua Prof. Salvatore Sciacca Registro Tumori Integrato (CT-ME-SR-EN) UNIVERSITÀ degli STUDI di CATANIA Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e Tecnologie Avanzate "F. G. Ingrassia" www.aqua-syn.eu con il patrocinio di Regione Siciliana Assessorato Regionale dell

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELL UOMO

ALIMENTAZIONE NELL UOMO ALIMENTAZIONE NELL UOMO Alimentazione e Nutrizione Corpo umano come macchina chimica che utilizza l energia chimica degli alimenti (quando si spezzano i legami chimici tra gli atomi che formano le macromolecole

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI Gestazione Allattamento Accrescimento LARN 1996 GESTAZIONE Il fabbisogno aggiuntivo è in funzione del IMC pre-gravidanza gravidanza. Per un corretto esito della gravidanza,

Dettagli

Niccolò Taddei Biochimica

Niccolò Taddei Biochimica Niccolò Taddei Biochimica VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono

Dettagli

Marca: GJAV Nome: LIKEPROTEIN! Formato: pilloliera 200 compresse EAN 13: 8057741550051 PARAF: 923206926

Marca: GJAV Nome: LIKEPROTEIN! Formato: pilloliera 200 compresse EAN 13: 8057741550051 PARAF: 923206926 Nome: LIKEPROTEIN! Formato: pilloliera 200 compresse EAN 13: 8057741550051 PARAF: 923206926 LIKEPROTEIN! è un integratore alimentare per sportivi, adatto ai vegani, certificato senza glutine, senza LIKEPROTEIN!

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli