Dott.ssa Maria Grazia Spalluto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dott.ssa Maria Grazia Spalluto"

Transcript

1 Dott.ssa Maria Grazia Spalluto 1

2 RIDUZIONE DEL DANNO DERIVANTE DALL USO DEI RIMEDI NATURALI L utilità dei rimedi fitoterapici nel trattamento dei disturbi dell umore trova il suo primum movens sicuramente nella tossicità degli psicofarmaci di sintesi. I rimedi naturali sono più sicuri e fisiologici Assunti ai dosaggi raccomandati non danno problemi di astinenza ed assuefazione 2

3 VANTAGGI DEI RIMEDI FITOTERAPICI I rimedi naturali hanno intervalli terapeutici più ampi e sicuri, godono indiscutibilmente di una minore tossicità rispetto ai farmaci di sintesi, rispettano maggiormente la delicata e alquanto sconosciuta fisiologia del nostro cervello, ci permettono di arrivare in buone condizioni fisiche ad un percorso di psicoterapia, qualora ce ne sia bisogno, o di affiancarlo dolcemente senza alterare la psiche in modo spesso irreversibile come fanno gli psicofarmaci. 3

4 INTERVALLO TERAPEUTICO 4

5 Ragioni della fitoterapia L unica vera grande differenza tra un farmaco di sintesi ed un rimedio fitoterapico sta nel fitocomplesso. Questo è senza dubbio il concetto più importante che chi si avvicina alla fitoterapia deve conoscere. Ogni pianta medicinale ha una sua propria composizione chimica, definita con precisione in questi ultimi anni grazie ad apparecchiature sofisticate. Essa comprende un numero più o meno grande di sostanze chimiche, la maggior parte delle quali dotate di una loro propria attività medicamentosa, mentre alcune sono considerate inerti, ad esempio cellulosa e lignine. Prese tutte assieme formano appunto quello che si definisce fitocomplesso. Esso nella sua globalità è il responsabile delle proprietà salutari di una pianta medicinale, che possono essere diverse da quelle di uno o più dei suoi componenti presi isolatamente. Proprio questo concetto ci spiega perchè ogni pianta possieda un'azione medicamentosa considerata predominante e delle altre azioni dette secondarie, talvolta anche assai diverse da quella principale. Il fitocomplesso inoltre è il principale responsabile della tollerabilità di questi rimedi, che in genere è ottima. Questo concetto è assai diverso da quello che regola il settore dei farmaci tradizionali, nel quale si mette l'accento sul principio attivo singolo e sulle sue potenzialità terapeutiche, cosicchè il farmaco di sintesi deve in genere la sua azione ad una sola molecola, essendo gli altri suoi componenti rappresentati da eccipienti inerti. 5

6 Vantaggi del fitocomplesso sono: -Migliore biodisponibilità (es.i flavonoidi presenti nella foglia di Atropa belladonna migliorano l assorbimento dell atropina mentre quelli presenti nella sommità fiorita del Biancospino aumentano la biodisponibilità della Digitale e quindi anche la cardiotossicità) -Ridotta tossicità (mucillagini e tannini presenti nell Ipecacuana riducono gli effetti irritanti e tossici dell emetina modificandone l assorbimento) -Azioni molteplici (Echinacea è sia antiinfiammatoria che immunostimolante) -Attività sinergica (l attività antidepressiva dell Iperico è dimostrata importante solo in presenza di iperforina e flavonoidi piuttosto che dei singoli costituenti ipericina, iperforina, quercitina,ecc.) 6

7 Olismo e fitoterapia I rimedi fitoterapici, in quanto meno tossici ma anche meno potenti di quelli di sintesi riescono ad essere di grande efficacia solo quando accompagnano il paziente in un percorso di guarigione individuale ed olistico. 7

8 I DISTURBI A CARICO DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE TRATTATI PIU DI FREQUENTE CON I RIMEDI FITOTERAPICI SONO: DEPRESSIONI MINORI O MEDIE ANSIA ATTACCHI DI PANICO INSONNIA VARIE MANIFESTAZIONI PSICOSOMATICHE SINDROMI DA SIDADATTAMENTO A SITUAZIONI DI STRESS 8

9 LA DEPRESSIONE Sintomi della depressione emozionali: sensazione generale di disagio bassa autostima indecisione, perdita di motivazioni biologici: ritardo del pensiero e dell azione perdita della libido disturbi del sonno e perdita dell appetito 9

10 Ruolo dei neurotrasmettitori da Medscape NORADRENALINA energia Ansietà Irritabilità Funzioni cognitive Emozioni Umore Sesso Appetito Motivazione Aggressività SEROTONINA impulsi grinta DOPAMINA 10

11 NA e 5-HT nella depressione (I) Le ipotesi classiche sulla patogenesi dei disturbi dell umore riconoscono una alterazione funzionale dei sistemi 5-HT e NA nel cervello Il trattamento efficace per i disturbi dell umore è basato sulla inibizione della ricaptazione di 5-HT e NA Le strategie di deplezione aminoacidica indicano che entrambe le amine sono importanti per ottenere un effetto clinicamente rilevante 11

12 NA e 5-HT nella depressione (II) L aumento dell attività serotonergica e noradrenergica centrale ha effetto antidepressivo Entrambi i neurotrasmettitori modulano l attività del circuito limbico coinvolta nella regolazione dell umore. Gli antidepressivi riducono i sintomi depressivi ed ansiosi in parallelo 5-HT e NA hanno un ruolo trofico nell ippocampo: gli SSRI, gli SNRI ed altri antidepressivi possono migliorare la funzione dei circuiti limbici incrementando la neurogenesi e migliorando il trofismo e la funzionalità cellulare 12

13 MECCANISMO D AZIONE DEI PRINCIPALI FARMACI ANTIDEPRESSIVI Le cause che sono alla base della depressione non sono ancora chiare. La maggioranza del mondo accademico ritiene che sia coinvolto uno squilibrio neurochimico che interessa le tre amine biologiche presenti nell encefalo: dopamina, serotonina, noradrenalina. Gli antidepressivi maggiormente in uso agiscono o bloccando la ricaptazione presinaptica delle amine o inibendo le MAO (monoaminoossidasi),enzimi che metabolizzano il neurotrasmettitore. 13

14 Meccanismi d azione degli antidepressivi Inibizione della ricaptazione Blocco degli autorecettori Blocco dei recettori postsinaptici Inibizione delle mono ammino ossidasi 14

15 1. Inibizione della ricaptazione Neurone presinaptico Spazio sinaptico Autorecettore Neurone postsinaptico Diffusione Impulso elettrico in arrivo Impulso elettrico in partenza Recettori postsinaptici Inibizione del reuptake 15

16 1. Inibizione della ricaptazione Neurone presinaptico Spazio sinaptico Autorecettore Neurone postsinaptico Diffusione Impulso elettrico in arrivo Impulso elettrico in partenza Recettori postsinaptici Blocco dei recettori postsinaptici 16

17 2. Blocco recettoriale Neurone presinaptico Spazio sinaptico Neurone postsinaptico Autorecettore Diffusione Impulso elettrico in arrivo Impulso elettrico in partenza Recettori postsinaptici Inibizione del reuptake 17

18 3. Inibizione enzimatica Neurone presinaptico Spazio sinaptico MAO Neurone postsinaptico Diffusione Impulso elettrico in arrivo Impulso elettrico in partenza Recettori postsinaptici IMAO 18

19 19

20 ESTRATTI ERBALI 20

21 Griffonia simplicifolia 21

22 5-HTP E il precursore immediato nella biosintesi del neurotrasmettitore 5-idrossitriptamina (serotonina) La principale fonte commerciale è una pianta africana: Griffonia simplicifolia In piccole quantità si ritrova anche nelle banane, pomodori, prugne, avocado melanzane, noci ed ananas 22

23 ATTIVITA AZIONE ANTIDEPRESSIVA Attività calmante (insonnia) Attività sul peso corporeo (obesita ) Fibromialgia Cefalea muscolo tensiva 23

24 MECCANISMO D AZIONE 5-HTP SEROTONINA Si lega ai recettori 5-HT Eleva i livelli plasmatici delle betaendorfine e i livelli piastrinici di met-encefaline le quali conribuiscono per via endogena all effetto analgesico La serotonina regola il comportamento alimentare diminuendo il consumo di cibo e tale effetto sembra essere mediato dalla leptina (proteina adipocitaria associata allo sviluppo dell obesità nell uomo). 24

25 METABOLISMO PERIFERICO 5-HTP carbidopa - decarbossilazione + Vitamina B6 5-HT SEROTONINA Intestino tenue 25

26 METABOLISMO Il 5-HTP e la serotonina vengono assorbiti per circa il 70% con un meccanismo di trasporto attivo Attraverso la circolazione portale il 5-HTP viene portato al fegato dove circa il 25% della dose somministrata viene decarbossilato a serotonina Il 5-HTP rimanente viene trasportato nel circolo ematico e raggiunge vari tessuti tra cui il cervello Attraversa facilmente la barriera emato-encefalica e viene convertito in serotonina dai neuroni 26

27 da serotonina a melatonina La serotonina può essere trasformata in melatonina, nella ghiandola pineale, attraverso 2 reazioni enzimatiche: 5-HT N-acetil-transferasi 5-idrossindol-O-metiltrasferasi La melatonina è un ormone che interviene sul ritmo sonno-veglia. La melatonina viene prodotta di notte o al buio e tende a diminuire dopo la quarta decade di vita. 27

28 SOMMARIO DELLE RICERCHE Studio multicentrico in doppio cieco: 5-HTP mostra effetti antidepressivi lievemente superiori a quelli della fluvoxamina (SSRI) Due studi con placebo su soggetti femminili obesi per 5 settimane e per 2 periodi di 6 sett rispettivamente: significativa perdita di peso (Ceci t al., 1998; Cangiano et al., 1992). Doppio cieco su soggetti con diabete di tipo II per 2 settimane (750 mg/die): significativa riduzione del peso corporeo (Cangiano et al., 1998). Doppio cieco con 300mg/die: riduzione significativa nell uso di analgesici per cefalea cronica muscolo tensiva e diminuzione del n di giorni con cefalea alla fine dello studio (Ribeiro, 2000) 28

29 SOMMARIO DELLE RICERCHE Studio controllato con placebo: 200 mg di 5HTP in soggetti sani e successiva assunzione di una droga inducente ansia. Ne risulta una minore intensità dei sintomi con maggior effetto nelle donne rispetto agli uomini (Maron et al.,2004) Altro studio simile ma in riferimento al panico (Schruers et al., 2002) Efficace trattamento per gli incubi notturni nei bambini, (usando 2mg/Kg peso corporeo di 5-HTP). Dopo 1 mese il 94% mostrò risposta positiva e dopo 6 mesi l 84% dei soggetti era libero da incubi (Bruni et al., 2004). Studio clinico doppio cieco in soggetti con fibromialgia che hanno riportato un miglioramento dei sintomi (1990) 29

30 RHODIOLA ROSEA DESCRIZIONE Pianta perenne H media di 40 cm DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA Aree inospitali e fredde Tibet, Siberia, Cina e Scandinavia PARTI DELLA PIANTA USATE radici 30

31 MECCANISMI D AZIONE PROPOSTI influenza delle concentrazioni e attività delle monoammine e dei peptidi oppioidi come le β-endorfine Inibizione dell attività degli enzimi responsabili della degradazione delle monoammine, la monoammino-ossidasi e la catecol-ometiltransferasi. trasporto di neurotrasmettitori nel cervello (13) prevenzione del rilascio di catecolamine e del successivo aumento di camp nel miocardio, e diminuzione di catecolamine adrenergiche indotte da stress acuto (14) 31

32 Applicazioni Stress programmato o recente: La rodiola risulta di beneficio se assunta prima di uno stress acuto. Adattogeno di scelta in caso di rischio cardiovascolare. Astenia (diminuzione della performance al lavoro, disturbi del sonno, poco appetito, irritabilità, ipertensione, mal di testa e affaticamento) indotta da sovraccarico di lavoro o studio. Depressione lieve Fame nervosa 32

33 L IMPORTANZA DELL EMPIRIA Come scriveva Rudolf Weiss, padre della moderna fitoterapia : l empiria, l insegnamento dell esperienza derivante dall osservazione sui pazienti, attualmente ha scarso corso scientifico;eppure è senza dubbio una parte importante della ricerca scientifica. Sono entrambi i poli, da un lato l esperimento e dall altro l empiria correttamente intesa, che insieme costituiscono la fitoterapia scientifica. E questo il caso dalla Maca Grazie alla sua totale assenza di tossicità, si è potuto verificare il suo successo clinico come tonico, adattogeno ed antidepressivo su un vastissimo numero di pazienti, pur essendo quasi completamente sconosciuto il meccanismo d azione grazie che le regala tale attività farmacologia. 33

34 MACA 34

35 LA MACA Diverso è invece il meccanismo d azione della maca (lepidum meyeni), che si discosta dai tradizionali antidepressivi e che forse è attribuibile all azione di alcuni alcaloidi in sinergia con i più noti steroidi naturali di cui è ricca la pianta. Questo tubero andino, è stato sempre utilizzato dagli Indios come alimento prezioso per affrontare le fatiche, in seguito è stato utilizzato come pianta adattogena, utilissima anche nella cura dell impotenza e dell infertilità e solo successivamente se ne è scoperta, quasi per caso, la sua potente azione antidepressiva. 35

36 Proprietà Maca Nell'uso dei popoli andini il Maca è usato per curare l'anemia, la tubercolosi, i problemi legati alle mestruazioni, il cancro dello stomaco, la sterilità, l'impotenza nell'uomo e la libido in generale e per aumentare la memoria. Gli effetti benefici del Maca possano essere spiegati in quanto ha una concentrazione di proteine ed amminoacidi liberi (fenilalanina, tirosina, l'istidina ed arginina) essenziali, minerali, carboidrati, fibre e vitamine (B1, B2, C) molto alta, insomma, è una straordinaria fonte di sostanze nutritive essenziali per l'organismo e non si conoscono effetti collaterali anche se può sempre sussitere una intolleranza individuale per cui è sempre opportuno consigliarsi con il proprio medico di famiglia. 36

37 Composizione chimica della Maca (da Universidad Nacional Agraria La Molina - Perù Umidità 15 Proteine 11,9 Ceneri 4,8 Grassi 1,7 Fibra 8,3 Vitamine mg % Tiamina "B1" 0,20 Riboflavina "B2" 0,35 Vitamina "C" 2,50 Minerali mg/100 gr Calcio 220 Fosforo 180 Ferro 15,5 Manganese 0,8 Cobalto 5,9 Zinco 3,8 Sodio 18,7 Potassio 2050 Iodio 520 Amminoacidi mg/g Proteina Acido Aspartico 91,7 Acido Glutammico 156,5 Serina 50,4 Istidina 21,9 Glicina 68,3 Treonina33,1 Alanina 63,1 Arginina 99,4 Tirosina 30,6 Fenilalanina 55,3 Valina 79,3 Metionina 28 Isoleucina 47,4 Leucina 91 HO-Prolina 26 Prolina 0,5 Sarcosina 0,7 37

38 Depressione ed ansia Spesso i disturbi dell umore si manifestano come depressione accompagnata da ansia. In questi casi è utile associare rimedi fitoterapici ad azione ansiolitica ad un trattamento i base con rimedi ad azione antidepressiva o adattogena. 38

39 ANSIA E un emozione molto simile alla paura, ma priva di un fattore scatenante : il respiro si fa affannoso, la mente perde di lucidità, il cuore comincia a battere come un martello. L ansia è una sensazione rivolta al futuro, è una condizione di attesa di un pericolo non ben definito; si vive in uno stato di tensione continua che può sfociare in un vero e proprio stato d angoscia.tristezza, disagio, insonnia, modificazioni del carattere, disturbi a carico del sistema sessuale, sono questi, in genere, i sintomi che ci allarmano e che ci fanno ricorrere agli ansiolitici pur di scacciare via il disagio appena si manifesta. 39

40 Effetti collaterali degli ansiolitici di sintesi Come nel caso degli antidepressivi,anche per gli ansiolitici di sintesi bisogna sempre considerare gli effetti collaterali di tali farmaci : la dipendenza che si instaura anche dopo breve tempo di assunzione, l assuefazione che porta ad aumentare le dosi e quindi la tossicità con i problemi relativi al sovradosaggio. 40

41 Piante ad azione ansiolitica Proprio per evitare tali meccanismi pericolosi di dipendenza, assuefazione e tossicità, è preferibile ricorrere a rimedi naturali quali la Valeriana, Biancospino, l Escolzia, la Passiflora e la Withania Somnifera. Le piante ci aiutano a rilassarci senza bastonare il nostro cervello, sono il compendio di una Tradizione, di una Saggezza antica,che ci insegna ad avere pazienza, ad aspettare che il nostro seme fruttifichi. L ansia ci viene perché il nostro cervello non condivide i nostri ritmi, il nostro modo di vivere la vita. 41

42 Farmacologia della valeriana 42

43 AMMINOACIDI E SNC Molte piante attive sul Sistema Nervoso Centrale presentano un fitocomplesso particolarmente ricco di aminoacidi. È il caso della Griffonia, della Maca e del Tè Il tè ( Camelia Sinensis ) presenta nel suo fitocomplesso, oltre alle più conosciute basi xantiniche (Caffeina, teofillina, teobromina ) e agli EGCG (sostanze antiossidanti) un raro aminoacido: la Teanina 43

44 Partiamo con una domanda Il contenuto in caffeina nel caffè è circa del 1.5% mentre nel te verde ne raggiunge un massimo del 5% [Yamamoto, T. (ed.) Chemistry and Applications of Green Tea. Boca Raton: CRC Press, 1997]. Perché allora si è convinti che il tè abbia una concentrazione di caffeina inferiore, avendo un minor effetto eccitante sul sistema nervoso centrale? Perché si ritiene addirittura il tè una bevanda rilassante. O? 44

45 LA TEANINA La teanina che si trova in cospicua quantità nelle foglie di Camelia sinensis meglio conosciuta come pianta del tè, è un composto non consueto ed estremamente raro in natura. Si ritrova, infatti, soltanto in altre 2 specie del genere Camelia (C. japonica, C. sasanqua) e nel fungo Xerocomus badius. 45

46 Descrizione chimica La L-teanina è una molecola caratterizzata da una struttura aminoacidica. Il carbonio che reca i gruppi aminico e carbossilico è un centro chirale in configurazione levogira (L). La catena laterale è quella dell acido L- glutamico con un gruppo etilaminico legato al carbonio carbonilico. Nonostante l estrema somiglianza con il più noto aminoacido la teanina non rientra nella composizione di alcuna proteina. 46

47 Descrizione chimica La L-teanina è una molecola caratterizzata da una struttura aminoacidica. Il carbonio che reca i gruppi aminico e carbossilico è un centro chirale in configurazione levogira (L). La catena laterale è quella dell acido L- glutamico con un gruppo etilaminico legato al carbonio carbonilico. Nonostante l estrema somiglianza con il più noto aminoacido la teanina non rientra nella composizione di alcuna proteina. 47

48 Ritmo alfa o ritmo di Berger (Veglia in stato di relax) L aspetto dell EEG in questo stato di coscienza è caratterizzato da una successione di oscillazioni lente (onde α) con frequenza di 8-13 Hz (cicli al secondo) e intensità media di 50 microvolts. Le onde nascono principalmente nelle regioni del cervello in cui si trova la corteccia visiva. E questo il ritmo basale dell adulto sveglio, in uno stato di coscienza vigile, ma rilassata e priva di pensieri. Soggetti che all EEG manifestano ritmo alfa riferiscono, di solito, di sentirsi rilassati e sereni. Una predominanza di ritmo alfa caratterizza, inoltre, gli stati di meditazione. Il ritmo alfa viene annullato quando l'individuo riceve stimoli visivi o dopo sforzi mentali. 48

49 Onde cerebrali Frequenza Stato mentale Onde Delta Sonno profondo Onde Theta Sonno leggero Onde Alpha Onde Beta Veglia, relax Veglia, eccitazione Fonte: Adattamento da Juneja L.R., Chu D.C., Okubo T., Nagato Y., Yokogoshi H. (1999) L-theanine: a unique amino acid of green tea and its relaxation effect in humans. Trends in Food Science & Technology 10, pagg

50 INDICAZIONI CLINICHE STRESS/ANSIETA IPERTENSIONE TUMORI 50

51 Uno studio clinico è stato intrapreso per valutare la relazione tra attività cerebrale e assunzione di teanina. L esperimento consisteva nel somministrare teanina a soggetti volontari con problemi di ansia di diverso grado allo scopo di valutarne gli effetti tramite l analisi dei tracciati EEG. 50 volontari di sesso femminile, con età compresa tra 18 e 22 anni sono stati suddivisi in due gruppi sulla base della gravità della componente ansiosa, misurata tramite la MAS di Taylor (Manifest Anxiety Scale). Una volta alla settimana ai soggetti prescelti veniva somministrata una soluzione contenente 50 mg di teanina oppure una soluzione contenente 200 mg di teanina secondo il raggruppamento. Al gruppo di controllo veniva somministrata acqua. Le onde cerebrali sono state studiate tramite tracciati EEG nei 60 minuti seguenti l assunzione della sostanza in esame. Tutti i test sono stati ripetuti due volte durante il periodo di studio che ha avuto una durata di 2 mesi. I risultati degli EEG hanno mostrato come le onde cerebrali alfa abbiano fatto registrare un incremento sensibile a circa 40 minuti dall assunzione della soluzione a base di teanina. Una dose orale di teanina pari a 200 mg dissolta in 100 ml di acqua generava onde alfa nelle regioni occipitale e parietale del cervello, mentre si registrava un esigua quota di onde alfa sulla superficie cerebrale dei soggetti cui era stata somministrata solo acqua Ito K., Nagato Y., Aoi N., Juneja L.R., Kim M., Yamamoto T., 51

52 In partecipanti giovani e sani è stato effettuato un EEG (elettroencefalogramma) all inizio dello studio e 45, 60, 75, 90 e 105 minuti dopo aver assunto 50 mg di L- teanina (16 persone) o il placebo (19 persone). Durante l EEG i partecipanti sono rimasti con gli occhi chiusi. Col passare del tempo si è registrato un aumento considerevole dell attività delle onde cerebrali alfa nel gruppo che aveva assunto la L-teanina rispetto al gruppo placebo (p<0.05). Un secondo studio ha dato gli stessi effetti su soggetti arruolati in una condizione di inattività (passive activity). Questi risultati indicano che l assunzione di L-teanina a dosaggi adeguati, esercita un effetto significativo sulla condizione generale di attenzione o risveglio mentale. Inoltre, è risaputo che l attivtà delle onde alfa svolge un ruolo importante per quanto riguarda l attenzione e comunque studi futuri sono orientati a comprendere l effetto della L-teanina sui processi di attenzione. Asia Pac J Clin Nutr 2008;17 (S1): L-theanine, a natural constituent in tea, and its effect on mental state Anna C Nobre, Anling Rao and Gail N Owen. 52

53 Altri studi In uno studio il gruppo di partecipanti (13 persone) è stato sottoposto a un difficile test visualespaziale dopo aver somministarato 250 milligrams di L-theanine o un placebo. La L-teanina ha migliorato il processo responsabile dell attenzione con effetti sulle onde alfa. John J. Foxe-Journal Brain Topography, Nathan Kline Institute for Psychiatric Research in New York Unilever, Lipton tea. 60 SOGGETTI CON SCHIZOFRENIA. QUELLI CHE HANNO ASSUNTO LA TEANINA INSIEME AI FARMACI ANTIPSICOTICI MOSTRARONO MENO SINTOMI EMOZIONALI E COGNITIVI RISPETTO AL GRUPPO PLACEBO+FARMACI. Dr. Michael S. Ritsner of Technion-Israel Institute of Technology, is undergoing review for publication. 9 studi che correlano il consumo di te e l incidenza di infarto hanno mostrato che più te viene consumato maggiore è la riduzione del rischio di infarto. Si ritiene che poichè la teanina ha struttura simile al glutammato (una sostanza rilasciata durante l infarto che ha azione dannosa per le cellule) la sua presenza potrebbe bloccare I recettori del glutammato limitando I danni cerebrali. UCLA's Arab, February, Stroke: Journal of the American Heart Assn. 53

54 Il caso iperico L iperico,la pianta più utilizzata in tutto il mondo, tranne che in Italia, per trattare la depressione e i disturbi somatici che spesso l accompagnano, sembra avere un meccanismo d azione simile a quello descritto in precedenza, agendo cioè a livello del metabolismo delle monoamine. Numerosi studi farmacologi ce ne avvallano tale modalità d azione, come diversi studi clinici condotti su volontari in doppio cieco ne convalidano l uso terapeutico come antidepressivo. 54

55 Iperico L iperico è anche chiamata erba di san Giovanni, o scaccia diavoli, è conosciuta già dall antichità per le sue proprietà antidepressive e antivirali, il suo nome botanico è Hypericum perforatum. 55

56 Meccanismo d azione dell Iperico L ipotesi più accreditata è che alcuni componenti della pianta, tra cui L IPERICINA ED I FLAVONOIDI, siano in grado di inibire le monoaminoossidasi (MAO), enzimi presenti nel sistema nervoso centrale,il cui compito il cui compito è quello di disattivare alcuni neurotrasmettitori, quali la serotonina, la dopamina e la noradrenalina, una volta che essi hanno esplicato la loro funzione. Nel caso della depressione, sembra che la serotonina sia strettamente coinvolta nei meccanismi di regolazione dell umore. 56

57 Iperico e Serotonina Riducendo la quantità di MAO,l ipericina provocherebbe un aumento dei livelli cerebrali di serotonina e quindi un miglioramento del tono dell umore. Studi condotti successivamente, suggeriscono che l iperico potrebbe agire con un meccanismo di inibizione della ricaptazione della serotonina. 57

58 Il suo impiego in fitoterapia è ampio e anche abbastanza riconosciuto, è usata quasi al pari di psicofarmaci sintetici, per curare lievi forme di depressione, o in associazione ad altri rimedi naturali per curare l ansia. Il principio che viene sfruttato di questa pianta è l ipericina, alla quale poi, grazie ai numerosi studi condotti, si sono aggiunti anche altre sostanze con azione sinergica. Il Ministero della Salute ha fissato in Italia il limite a 21 microgrammi al giorno d ipericina. (quantità nettamente inferiore al range terapeutico di 0,1 3 mg di ipericina al giorno, cui fanno riferimento gli studi scientifici) Vista la possibile interazione con altri farmaci, è sempre consigliabile il suo uso sotto controllo medico e mai in maniera autonoma, perché potrebbe in taluni casi avere delle controindicazioni. E' sconsigliato per esempio il suo uso in caso di allattamento al seno, o nei casi in cui ci si sottoponga a solarium o UV, bisogna inoltre riporre attenzione anche in caso si faccia uso di contraccettivi orali, perché potrebbe ridurne l effetto. 58

59 Gli effetti collaterali sono realmente molto scarsi. Tra questi anche la fotosensibilizzazione (ma per dosaggi di molto superiori a quelli terapeutici). L'Iperico invece potenzia gli effetti farmacologici dei farmaci antidepressivi di sintesi e determina la comparsa della sindrome serotoninergica (agitazione, confusione mentale, ipomania, turbe della pressione arteriosa, tachicardia, brividi, ipertermia, tremori, rigidità, diarrea). Inoltre agisce come induttore enzimatico sul sistema microsomiale epatico (Citocromo P450) interferendo sulla farmacocinetica di numerosi farmaci: in particolare riduce l'efficacia di: teofillina, digossina, anticoagulanti orali, ciclosporina, indinavir, estroprogestinici. Con lo stesso meccanismo d'azione l'iperico potrebbe interferire sul metabolismo di altri farmaci, in particolare: carbamazepina, chinidina, diltiazem, eritromicina, flutamide, losartan, nifedipina, steroidi, tamoxifene, tassolo, warfarin, fenitoina, tolbutamide e torasemide. La cessazione improvvisa della terapia con Iperico può portare a un rapido incremento dei farmaci suddetti se somministrati insieme all'iperico stesso. Oltre ai farmaci già citati, l'iperico può interagire con i contraccettivi orali, gli anticolesterolo e gli immunosoppressori usati nei pazienti trapiantati, riducendone l'efficacia. In determinate situazioni è sufficiente un'unica somministrazione a causare problemi. Per questo l'uso dell'iperico deve essere sempre valutato rispetto ad altre terapie in corso e comunicato al medico. 59

60 Livelli di tossicità: considerata relativamente pericolosa, soprattutto per i bambini, per le persone oltre i 55 anni e per coloro che ne assumono quantità superiori a quelle consigliate, per lunghi periodi di tempo. Gravidanza ed allattamento: usare con prudenza. Non si riscontrano effetti collaterali nella gravidanza per assunzioni di piccole dosi. Per il momento non sono stati riscontrati neanche effetti nei bambini nutriti con latte materno qualora la madre abbia fatto uso di questa pianta medicinale in quantità moderate. In entrambi i casi, esiste tuttavia il rischio che sorgano problemi. E' consigliabile l'uso sotto prescrizione medica. Neonati e bambini: è rischioso somministrare qualsiasi preparato a base di piante medicinali a bambini sotto i due anni d'età 60

61 Altri meccanismi d azione dell Iperico Tra gli altri meccanismi d azione prospettati per spiegare l efficacia antidepressiva dell iperico, c è anche quello che coinvolge molecole biologiche di recente individuazione: le citochine. Sembra che l iperico riesca a inibire il rilascio di una particolare citochina, l interleukina-6, che tra le sue funzioni ha anche quella di agire come messaggero tra i centri cerebrali coinvolti nella regolazione dell umore e l ipotalamo, l ipofisi e le ghiandole surrenali. 61

62 Sistema immunitario e iperico Si suppone che l interleukina-6 causi un iperstimolazione delle strutture suddette con conseguente modificazione dei livelli ormonali che riducono la tolleranza allo stress e favorisce lo sviluppo della depressione. Stando a questo meccanismo d azione quindi, la riduzione dei livelli dell interleukina potrebbe quindi avere effetti positivi sull umore. 62

63 STUDI DI METANALISI SULL IPERICO La documentazione scientifica attualmente disponibile non lascia spazio ai dubbi: nelle forme depressive di intensità lieve moderata, l iperico ha un efficacia del tutto sovrapponibile a quella degli antidepressivi di sintesi, con il vantaggio di comportare un minor numero di effetti indesiderati. Alcuni medici sono tuttora restii a prescriverlo, ma nei paesi in cui la fitoterapia è una pratica terapeutica consolidata, l iperico viene prescritto senza alcuna remora. E questo il caso della Germania, dove nel 1994 i medici hanno stilato 66 milioni di ricette a base di iperico, e tutte finalizzate ad alleviare i sintomi della depressione. 63

64 POSOLOGIA E MODALITA D ASSUNZIONE Nella cura dei sintomi della depressione è bene utilizzare estratti titolati e standardizzati in ipericina (0,3 %). La qualità del prodotto dovrebbe essere garantito anche dalla titolazione dei flavonoidi (50 %) e dell iperforina (5 %). Lo schema terapeutico normalmente utilizzato prevede l assunzione di capsule da 300 mg ognuna da una a tre volte al giorno. 64

65 I NUMERI NON MENTONO Nel 1996 l autorevole rivista British Medical Journal, ha pubblicato i risultati di un analisi che ha coinvolto1757 pazienti depressi, divisi in 23 gruppi di studi clinici, cui veniva somministrato iperico contro placebo o contro antidepressivi di sintesi. In tutti i casi, l efficacia della terapia è stata valutata attraverso uno strumento diagnostico chiamato scala di Hamilton, normalmente impiegata per stabilire la gravità di una sindrome depressiva : a ogni sintomo (es. tristezza, insonnia, demotivazione, etc.) viene assegnato un valore numerico. La somma dei valori determina infine il punteggio della depressione. 65

66 Risultati di studi di osservazione clinica Ebbene, nel gruppo -iperico si è registrata una riduzione media di 4,4 punti rispetto al gruppo-placebo, cioè una differenza che in linguaggio scientifico viene definita statisticamente significativa. In altre parole, l iperico funziona! Interessanti sono stati anche gli esiti degli studi condotti mettendo in confronto l efficacia dell iperico rispetto ai farmaci comunemente prescritti a soggetti depressi (es.imipramina, maprotilina, fluoxetina). L estratto dell erba di iperico, somministrato alla dose di mg al giorno si è dimostrato solo leggermente più efficace (63,9 % di risposte favorevoli)dei comuni antidepressivi (58,5 di risposte favorevoli), ma il dato più importante è che solo il 19,8% dei pazienti trattati con il rimedio fitoterapico ha accusato effetti collaterali, mentre nel gruppoantidepressivi convenzionali, le reazioni indesiderate hanno interessato il 52,9 % dei pazienti. 66

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Effetti principali: stimola il metabolismo / termogenesi, incrementando il consumo calorico mobilita i grassi di deposito effetto energetico

Effetti principali: stimola il metabolismo / termogenesi, incrementando il consumo calorico mobilita i grassi di deposito effetto energetico W NEU LA FORM V I TA M I N S T O R E P R O D U C T S F O R B E AU T I F U L P E O P L E A Z I O N E T E R M O G E N I CA O S S I DA I G R A S S I NUOVO THERMO STRONG Stessa veste, ma prodotto totalmente

Dettagli

Crisi convulsive Sostanze psicoattive

Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI CONVULSIVE Susseguirsi di movimenti

Dettagli

Sindrome premestruale (spm)

Sindrome premestruale (spm) Sindrome premestruale (spm) Gli sbalzi ormonali degli estrogeni e del progesterone nel cervello di una giovane adolescente determinano delle variazioni settimanali nella sensibilità e reattività allo stress

Dettagli

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello PARTE 1 Parte 1 978-88-08-19583-8 1 Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello La farmacologia è la scienza che studia come i farmaci influenzano il

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Droga In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana

Droga In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana Droga In In In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana Può aumentare l effetto ipoglicemico può aggravare gli effetti gastrolesivi dei FANS Zenzero può determinare emorragie con salicilati Piantaggine

Dettagli

ANSIA E DEPRESSIONE (episodica e cronica)

ANSIA E DEPRESSIONE (episodica e cronica) ANSIA E DEPRESSIONE (episodica e cronica) Definizioni L ansia è un sentimento sgradevole e penoso di minaccia imminente, di inquetudine, disagio psichico che deriva dall attesa dolorosa di un pericolo,

Dettagli

Farmacologia delle emozioni

Farmacologia delle emozioni Farmacologia delle emozioni 17 passioni in mostra INIZIO LE EMOZIONI MALATE ANSIA E DISTURBI D ANSIA IL CERVELLO E I DISTURBI D ANSIA Le emozioni malate Le emozioni sono funzioni complesse, espressione

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

A cura del Servizio Consulenza Scientifica Aboca: Dott.ssa Elisabetta Boncompagni

A cura del Servizio Consulenza Scientifica Aboca: Dott.ssa Elisabetta Boncompagni Le sostanze naturali: un valido aiuto contro Ansia, Insonnia e Depressione Supplemento a "Aboca informa" registrato presso il Tribunale di Arezzo Direttore responsabile Michele Casini A cura del Servizio

Dettagli

HOME INSONNIA E ANSIA. Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA

HOME INSONNIA E ANSIA. Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA HOME INSONNIA E ANSIA Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA 1 L'insonnia si riferisce alla difficoltà di prendere sonno o di mantenerlo o alla perdita di benessere derivato dal sonno. L'insonnia si riferisce

Dettagli

GUIDA ORTOMOLECOLARE ALLA INTERPRETAZIONE DEL TEST DEGLI AMINOACIDI

GUIDA ORTOMOLECOLARE ALLA INTERPRETAZIONE DEL TEST DEGLI AMINOACIDI GUIDA ORTOMOLECOLARE ALLA INTERPRETAZIONE DEL TEST DEGLI AMINOACIDI AMINOACIDI ESSENZIALI Gli aminoacidi indispensabili, noti anche come aminoacidi essenziali, devono essere forniti al corpo con gli alimenti

Dettagli

GIUSEPPINA BOIDI. Che cosa sono e come funzionano?

GIUSEPPINA BOIDI. Che cosa sono e come funzionano? GIUSEPPINA BOIDI CAPITOLO 3 PSICOFARMACI: È SEMPRE NECESSARIO PRENDERLI? 99 Che cosa sono e come funzionano? Gli psicofarmaci sono medicine che agiscono su specifiche sostanze chimiche presenti nel nostro

Dettagli

FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE

FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE Come erogatore di assistenza di primo livello, il MMG è direttamente implicato nella scelta appropriata e nell utilizzo efficiente

Dettagli

Disturbi d ansia. Vanessa De Leonardis

Disturbi d ansia. Vanessa De Leonardis Disturbi d ansia Vanessa De Leonardis L ANSIA è una reazione istintiva di difesa, un allarme proprio dell istinto di conservazione, che anticipa un potenziale pericolo. STIMOLI ESTERNI processi COGNITIVI

Dettagli

CONTENUTO DEL GEL DI ALOE VERA FOREVER LIVING

CONTENUTO DEL GEL DI ALOE VERA FOREVER LIVING CONTENUTO DEL GEL DI ALOE VERA FOREVER LIVING Uno studio indipendente condotto dalla Food and Drug Research Laboratories, Inc. di New York mostra che il nostro GEL stabilizzato di Aloe vera brevettato

Dettagli

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI DIPENDENZA DA CANNABINOIDI La cannabis è forse la prima pianta ad essere stata coltivata dall uomo a scopo non commestibile Da sempre è utilizzata per le sue proprietà psicoattive e per produrre fibre

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Numa Pedrazzetti Farmacista F.P.H. Spec. F.P.H. Istituti di cura Contesto generale Invecchiamento della popolazione over 65 il 6% nel 1900 16% nel 2000

Dettagli

CANNABIS. Generazione In- Dipendente

CANNABIS. Generazione In- Dipendente CANNABIS Generazione In- Dipendente CANNABIS Introduzione CANAPA (CANNABIS SATIVA) Principi attivi: tetraidrocannabinolo (Δ 9 -THC) Altri Principi non attivi: cannabinolo, cannabidiolo Con i termini hashis

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10)

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Clordiazepossido / LIBRIUM 50 mg p.os ogni 6 ore il 1 giorno, poi 25 mg ogni 6 ore il 2 e 3 giorno Diazepam / VALIUM 10 mg p.os o i.v. ogni 6 ore

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche Ridotte funzionalità

Dettagli

SINDROME D ASTINENZA

SINDROME D ASTINENZA SINDROME D ASTINENZA Dipende dalla quantità di sostanza assunta e dalla velocità di eliminazione dall organismo. Nel caso del metadone i sintomi sono gli stessi, ma l insorgenza della sindrome è più lenta,

Dettagli

Convegno. Depressione: femminile, plurale. Cartella stampa

Convegno. Depressione: femminile, plurale. Cartella stampa Convegno Depressione: femminile, plurale Cartella stampa Mercoledì 26 gennaio 2010 - Ore 16,00 Sala Polifunzionale Ministero per le Pari Opportunità Via di Santa Maria in Via, 37 - Roma Depressione: femminile,

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

Giunzione neuromuscolare

Giunzione neuromuscolare Il calcio provoca un rimaneggiamento di membrana e la sua conseguente fusione. Questo compito è svolto dalle proteine SNARE che si agganciano tra la membrana interna pre-sinaprica e quella della vescicola.

Dettagli

PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO

PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO Il respiro e la mente sono collegati così come il corpo e la mente. Il respiro riequilibra corpo e mente. Questo è il segreto della vita che abbiamo dimenticato Sri Sri Ravi

Dettagli

Tipi di neurotrasmettitori

Tipi di neurotrasmettitori Tipi di neurotrasmettitori Neurotrasmettitori classici: molecole a basso peso molecolare, di varia natura: acetilcolina amine biogene (dopamina, adrenalina, noradrenalina) istamina aminoacidi (GABA, glicina,

Dettagli

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche

Dettagli

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

I FORMAGGI. Utili o dannosi? 18/06/12 1

I FORMAGGI. Utili o dannosi? 18/06/12 1 I FORMAGGI Utili o dannosi? 18/06/12 1 Dal latte al formaggio Bisogna tener presente che il formaggio è un alimento totalmente diverso dal latte, sia per le caratteristiche nutrizionali, sia per l azione

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

Riassunto delle caratteristiche del prodotto

Riassunto delle caratteristiche del prodotto Riassunto delle caratteristiche del prodotto 1 DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITÀ MEDICINALE Calcio Carbonato + vitamina D3 ABC 1000 mg/880 U.I. granulato effervescente 2 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia Docente: Paolo Barelli Disturbi d ansia Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia

Dettagli

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171)

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171) Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171) Modifica degli stampati di specialità medicinali contenenti buprenorfina cloridrato indicata nella terapia

Dettagli

CICLO SONNO-VEGLIA. psicobiologia A.A. 2007-2008. Docente: M.Stella Valle

CICLO SONNO-VEGLIA. psicobiologia A.A. 2007-2008. Docente: M.Stella Valle CICLO SONNO-VEGLIA psicobiologia A.A. 2007-2008 Docente: M.Stella Valle Ritmi Biologici Circannuali - Migrazione degli uccelli Infradiani - Ciclo mestruale ( circamensile ) Circadiani - Ciclo sonno-veglia

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO

IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO EFFETTI DELLA STIMOLAZIONE DEL SIMPATICO Organo effettore Simpatico Parasimpatico Occhio: m. radiale dell iride m. sfintere dell iride contrazione,midriasi Manca innervazione

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM 2 INTRODUZIONE Scopo di queste pagine è di fornire alcune informazioni di carattere generale, ma scientificamente corrette, circa il trattamento ormonale che viene somministrato alle persone affette da

Dettagli

DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO (DOC) (OCD Obsessive Compulsive Disorder)

DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO (DOC) (OCD Obsessive Compulsive Disorder) DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO (DOC) (OCD Obsessive Compulsive Disorder) Una donna va dal dermatologo, lamentandosi di avere la pelle estremamente secca e di sentirsi sempre sporca. Sta sotto la doccia

Dettagli

Indice generale. 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram

Indice generale. 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram Indice generale 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram 1.1 Definizione di farmaco 1 1.2 Classificazione e nomenclatura dei farmaci 1 1.3 Sviluppo di nuovi farmaci 3 1.4

Dettagli

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale)

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 53480 CCV: 1ad Data: 07/11/2012

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI

INTEGRATORI ALIMENTARI INTEGRATORI ALIMENTARI IL VOSTRO BENESSERE E IL NOSTRO OBIETTIVO! NASCE UNA NUOVA LINEA PRODOTTO In un mondo sempre più frenetico ed esigente... In un ambiente sempre più pericoloso per il nostro organismo

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 3 Indice n IntroduzIone...5 n LA.dIGeStIone...7 n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 n L APPArAto.dIGerente...15 Stomaco... 18 Intestino... 23 Ghiandole salivari... 29 Fegato... 30 Cistifellea... 32 n Le.CoMPLICAnze.deLLA.dIGeStIone...

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente Foglio illustrativo: informazioni per il paziente ACICLOVIR EG 200 mg compresse ACICLOVIR EG 400 mg compresse ACICLOVIR EG 800 mg compresse ACICLOVIR EG 400 mg/5 ml sospensione orale Medicinale equivalente

Dettagli

Farmacodipendenza. Addiction

Farmacodipendenza. Addiction Farmacodipendenza Ricerca compulsiva di una sostanza per ottenere uno stato di piacere /euforia o per alleviare uno stato di sofferenza, nonostante vi siano gravi conseguenze sociali o per la salute Addiction

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi

Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Dr. Giovanni Luca Galimberti NOA Seregno ASL Prov.MILANO3 Dr. Giovanni Luca Galimberti 1 Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Il trattamento

Dettagli

DIPARTIMENTO ASSISTENZA FARMACEUTICA. Dott.ssa Alessandra Ferretti Dott.ssa Bettina Marconi Dott.ssa Paola Denti

DIPARTIMENTO ASSISTENZA FARMACEUTICA. Dott.ssa Alessandra Ferretti Dott.ssa Bettina Marconi Dott.ssa Paola Denti SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia DIPARTIMENTO ASSISTENZA FARMACEUTICA Dott.ssa Alessandra Ferretti Dott.ssa Bettina Marconi Dott.ssa Paola Denti

Dettagli

Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo

Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo Emanuele Bartolozzi Una guida per affrontare il disturbo L attacco di panico sembra essere per il malato una duplice condanna: da un lato i sintomi che imperversano, dall altro quasi la ferma certezza

Dettagli

Terapia SKY nella cura di DAP, GAD e DISTIMIA. Introduzione ansia, depressione, attacchi di panico

Terapia SKY nella cura di DAP, GAD e DISTIMIA. Introduzione ansia, depressione, attacchi di panico Terapia SKY nella cura di DAP, GAD e DISTIMIA. Stefania Doria MD, Ursula Catenazzi Psicologa, Roberto Sanlorenzo Biologo, Claudio Mencacci MD. Dipartimento Neuroscienze-Azienda Ospedaliera fatebenfratelli-milano

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TerapiE PER L OSTEOPOROSI Reggio Emilia, MARZO 2015 L artrite reumatoide CALCIO E VITAMINA D Nessun dato

Dettagli

LE PATOLOGIE DEGLI ANZIANI

LE PATOLOGIE DEGLI ANZIANI LE PATOLOGIE DEGLI ANZIANI Depressione Cardiopatie Osteoporosi Disturbi respiratori Demenze Tumori Diabete Ictus 1 L ALZHEIMER La più frequente delle demenze e una delle malattie a maggior impatto sociale

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENTARI

ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENTARI 1. Aminoacidi ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENTARI La tabella sottostante riporta la stima dell apporto giornaliero di riferimento per gli aminoacidi

Dettagli

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto RIZA Sommario Capitolo 1 Le vitamine, sostanze indispensabili al corpo 7 Capitolo 2 La vitamina C: formula, storia

Dettagli

ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENATRI

ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENATRI 1. Aminoacidi ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENATRI La tabella sottostante riporta la stima dell apporto giornaliero di riferimento per gli aminoacidi

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

AMMINOACIDI E PROTEINE

AMMINOACIDI E PROTEINE AMMINOACIDI E PROTEINE Vengono chiamate amminoacidi quelle molecole organiche in cui sono contemporaneamente presenti sia un gruppo acido carbossilico -COO che un gruppo amminico -N2. Una molecola appartenente

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. Medicinale equivalente

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. Medicinale equivalente RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Medicinale equivalente 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE KESOL 50 microgrammi Spray nasale, sospensione KESOL 100 microgrammi Spray nasale, sospensione 2. COMPOSIZIONE

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

ALCOOL. Burattin - Loreti

ALCOOL. Burattin - Loreti ALCOOL Burattin - Loreti INDICE -COS è L ALCOOL; -EFFETTI DELL ALCOOL; -EFFETTI SULLE DONNE; -EFFETTI SUI MINORI; -COME SI SVILUPPA LA DIPENDENZA DALL ALCOOL. COS è L ALCOOL L'alcol etilico, o etanolo,

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

LA DEPRESSIONE: COME RICONASCERLA. Dott.ssa Angela Montesano

LA DEPRESSIONE: COME RICONASCERLA. Dott.ssa Angela Montesano LA DEPRESSIONE: COME RICONASCERLA Dott.ssa Angela Montesano La depressione è una patologia dell' umore caratterizzata da un insieme di sintomi cognitivi, comportamentali, somatici ed affettivi che, nel

Dettagli

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo degli aminoacidi I composti azotati L azoto contenuto nella cellula è presente soprattutto negli AMINOACIDI delle proteine e nelle

Dettagli

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze.

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. Le malattie autoimmuni e gli ormoni femminili. La maggior parte delle malattie autoimmuni (artrite reumatoide, sindrome di Sjogren, sclerodermia,

Dettagli

Foglio illustrativo. AIRCORT 100 microgrammi Spray nasale, sospensione AIRCORT 50 microgrammi Spray nasale, sospensione Budesonide

Foglio illustrativo. AIRCORT 100 microgrammi Spray nasale, sospensione AIRCORT 50 microgrammi Spray nasale, sospensione Budesonide AIRCORT 100 microgrammi Spray nasale, sospensione AIRCORT 50 microgrammi Spray nasale, sospensione Budesonide Foglio illustrativo CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Preparato rinologico corticosteroideo. INDICAZIONI

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

LINEA DI INTEGRATORI PER LA PERDITA DI PESO

LINEA DI INTEGRATORI PER LA PERDITA DI PESO LINEA DI INTEGRATORI PER LA PERDITA DI PESO - KALOS DREN-CELL : Tappo eliminazione liquidi / anticellulite - KALOS ACTIVE-MET : Tappo attivatore del metabolismo - KALOS CONTROL-SLIM : Tappo linea / dimagrante

Dettagli

LO SPECIALISTA RISPONDE. che stress, che stanchezza

LO SPECIALISTA RISPONDE. che stress, che stanchezza LO SPECIALISTA RISPONDE che stress, che stanchezza Colite, gastrite, mal di testa, dolori muscolari, abbassamento delle difese immunitarie, manifestazioni allergiche, ma anche frequente stanchezza generale,

Dettagli

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento L ansia, è ciò che permette all uomo di sopravvivere: parleremo in questo caso di ansia reale che viene utilizzata per segnalare un pericolo interno (proveniente dal mondo inconscio), o esterno (proveniente

Dettagli

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Epidemiologia Disturbi dell Umore Prevalenza Maschi/ femmine Età di esordio Depressione

Dettagli

mix di frutta & verdura

mix di frutta & verdura mix di frutta & verdura Uno dei modi migliori di concentrare il vostro fabbisogno giornaliero di frutta e verdura in un solo bicchiere. In effetti, assicurarvi di assumere tutta la frutta e la verdura

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI SSD Terapia del Dolore e Cure Palliative USO DEGLI ANALGESICI Scegliere e e via somministrazione s o più semplice Seguire la scala degli analgesici dell OMS Somministrare

Dettagli

SOTTO LA LENTE Compleanno UnipolSai: in palio 450 polizze auto!

SOTTO LA LENTE Compleanno UnipolSai: in palio 450 polizze auto! SOTTO LA LENTE Compleanno UnipolSai: in palio 450 polizze auto! In questi mesi non abbiamo mai voluto parlare di noi, cioè della nostra e vostra Compagnia. Abbiamo sempre cercato di dare informazioni che

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI

della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI A. Messineo P. Abetti T. Antoniozzi S. Villarini A. Imperatore A B C della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI Manuale ad uso dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PUBBLICA _04! 04_2012

DOCUMENTAZIONE PUBBLICA _04! 04_2012 Tabacco, Tabagismo e Sindromi d Astinenza SMETTERE. INFORMAZIONI PRELIMINARI INDICE PAG 1 INTRODUZIONE Danni e rischi relativi del fumo PAG 1-2 Caratteristiche generali e farmacologia PAG 3 La nicotina

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

La marijuana è un medicinale?

La marijuana è un medicinale? La marijuana è un medicinale? Da oltre 20 anni negli Stati Uniti la marijuana viene somministrata per alleviare una vasta gamma di disturbi. Si ritiene che la marijuana aiuti in presenza di stati dolorosi

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACICLOVIR ABC 800 mg COMPRESSE ACICLOVIR ABC 400 mg/5 ml SOSPENSIONE ORALE 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Aciclovir

Dettagli

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Este, sala Fumanelli, sabato 14 settembre 2013 PRINCIPI DI TERAPIA PSICHIATRICA NELL ANZIANO Dott. Lino Pasqui

Dettagli

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE Luca Luciani TOLLERANZA Fenomeno a causa del quale un consumatore di sostanze stupefacenti deve assumere dosi sempre maggiori per ottenere l effetto desiderato

Dettagli

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Affrontare il Dolore cronico in ambito clinico. Licia Serra Centro Sociale Oncologico ASS1 4 marzo 2010 Definizione di DOLORE Un esperienza

Dettagli

27-08-2014 12+1 1 / 2

27-08-2014 12+1 1 / 2 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 12+1 1 / 2 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 12+1 2 / 2 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 22

Dettagli