NUOVI ANTIDIABETICI ORALI PER IL TRATTAMENTO DEL DIABETE MELLITO : LE INCRETINE ITALO NOSARI USC DIABETOLOGIA OO.RR. BERGAMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVI ANTIDIABETICI ORALI PER IL TRATTAMENTO DEL DIABETE MELLITO : LE INCRETINE ITALO NOSARI USC DIABETOLOGIA OO.RR. BERGAMO"

Transcript

1 NUOVI ANTIDIABETICI ORALI PER IL TRATTAMENTO DEL DIABETE MELLITO : LE INCRETINE ITALO NOSARI USC DIABETOLOGIA OO.RR. BERGAMO

2 Le INCRETINE Sono peptidi di origine intestinale secreti in risposta all ingestione di un pasto che, a concentrazioni fisiologiche,stimolano la liberazione di insulina

3 Le incretine L effetto incretina determina il 60-70% della secrezione insulinica in risposta a un pasto

4 GIP E GLP-1 : FISIOLOGIA Due peptidi sono responsabili al l 80% dell effetto incretina : il Glucose-mediated Insulinotropic Peptide (GIP) e il Glucagon-Like Peptide 1 (GLP-1), riversati in circolo dopo un pasto rispettivamente dalle cellule K e L dell intestino

5 Incretine: aumento della secrezione di insulina GIP Tratto GI Ridotto Svuotamento gastrico GLP-1 Insulina Uptake glucosio Isole pancreatiche Glucagone CNS Assunzione di cibo HGP

6 The Multiple Actions of GLP-1 CNS: promotes satiety and reduction of appetite Liver: reduces hepatic glucose output by inhibiting alpha cell secretion of glucagon Alpha cell: inhibits glucagon secretion Stomach: slows gastric emptying Beta cell: stimulates glucose-dependent insulin secretion Flint A et al. J Clin Invest. 1998;101: Larsson H et al. Acta Physiol Scand. 1997;160: Nauck MA et al., Diabetologia 1996, Drucker DJ. Diabetes. 1998;47:

7 Il GLP-1 preserva la morfologia delle isole pancreatiche umane In Vitro Controllo Cellule trattate con GLP-1 Giorno 1 Giorno 3 Isole pancreatiche trattate con GLP-1 in coltura hanno conservato intatta la loro morfologia per un periodo di tempo più lungo Giorno 5 Adattato da Farilla L et al Endocrinology 2003;144:

8 GLP-1 increases b-cell mass in a genetic rat model of diabetes Increased pancreatic insulin stores and beta cell mass vs. control GLP-1 treatment led to a doubling of beta cell mass in 5 days. Tourrel C. et al. Diabetes. 2002; 51:

9 Le incretine: metabolismo Il GIP e il GLP-1 vengono quasi immediatamente degradati (quest ultimo ha una emivita di 1-2 min, il primo di 7 min ) dalle DiPeptidyl-Peptidasi IV (DPP IV) Queste proteasi determinano il clivaggio di due aminoacidi da piccoli peptidi contenenti alanina o prolina nella seconda posizione della porzione N- terminale

10 Native GLP-1 has a short circulating half-life (1-2 min) due to rapid degradation by dipeptidyl peptidase DPP-IV DPP-IV His Ala Glu Gly Thr Phe Thr Ser Asp 7 9 Val Ser Glu Phe Lys Ala Ala Gln Gly Glu Leu Tyr Ser 36 Ile Ala Trp Leu Val Lys Gly Arg -NH 2

11 Native GLP-1 is rapidly degraded by DPP-IV Human ileum, GLP-1 producing L-cells Capillaries, DPP-IV (Di-Peptidyl Peptidase-IV) Double immunohistochemical staining for DPP- IV (red) and GLP-1 (green) in the human ileum Hansen, Endocrinology 1999

12 Nel diabete di tipo 2 l effetto incretinico dopo carico orale di glucosio è ridotto Livelli ematici di glucosio (mmol/l) Iinsulina IR (mu/l) Livelli ematici di glucosio (mmol/l) Insulina IR (mu/l) 20 Soggetti sani (n=8) Glucosio orale (50 g/400 ml) 20 Diabetici di tipo 2 (n=14) Glucosio EV Effetto incretinico normale * * * * * * * Effetto incretinico ridotto * * * Tempo (minuti) *p 0.05 vs. corrispettivo valore dopo carico orale IR=(Insulina) ImmunoReattiva Adattato da Nauck M et al Diabetologia 1986;29: Tempo (minuti) Asse delle incretine: Infusione Orale vs. infusione Endovenosa di Glucosio

13 Livelli di GIP e GLP-1 nei pazienti con Diabete Tipo 2 Glucosio (mg/dl) Diabetici Normali GLP-1 intatto (pmol/l) Normali Diabetici Insulina (pmol/l) Diabetici GIP (pmol/l) 50 Normali Normali 0 Diabetici Tempo (min) Tempo (min) Vilsboll et al Diabetes 50:609, 2001

14 GLP-1 nel diabetico tipo 2 Con la progressione della malattia diabetica la produzione post-prandiale di GLP-1 tende a ridursi ulteriormente E quindi stato ipotizzato un ruolo terapeutico del ripristino dei livelli di GLP-1,con l obiettivo di favorire il ripristino dell omeostasi glucidica

15 Due strategie sono emerse: la prima si basa sull utilizzo di analoghi long-acting del GLP-1 (attivatori stabili del recettore del GLP-1), la seconda su inibitori dell enzima di degradazione. Si tratta di innovazioni terapeutiche potenziali ( CTS AIFA )

16 Le incretine modulano l omeostasi del glucosio attraverso il loro effetto sulla funzione delle insule-pancreatiche Ingestione di cibo ANALOGHI DEL GLP-1 * Secrezione insulinica in modo proporzionale alla concentrazione di glucosio Utilizzazione periferica del glucosio GLP-1 attivo MIGLIOR CONTROLLO GLICEMICO INIBITORI DI DPP-IV x Secrezione del glucagone in modo proporzionale alla concentrazione di glucosio GLP-1 inattivo Produzione epatica di glucosio *Resistono alle DPP-4 (exenatide) o sono un analogo acilato del GLP-1 legato ad ac. Palmitico, che consente legame e trasporto con albumina (liraglutide)

17 Exenatide Exenatide ( Exendin-4) è un peptide incretino-mimetico di 39 aminoacidi, originariamente isolato dalla lucertola Gila Monster ( Heloderma Suspectum) Mostra una considerevole sovrapposizione di aminoacidi con GLP-1 (circa 53%) ed è in grado di esercitare attività glicoregolatoria simile al GLP-1 nativo, in vitro e in vivo: incremento dell insulino-secrezione, soppressione dell iperglucagonemia inappropriata, rallentamento dello svuotamento gastrico Può determinare riduzione dell assunzione di cibo e perdita di peso E disponibile per somministrazione sottocutanea.

18

19 INIBITORI di DPP IV ( incretin enhancers ) Sono farmaci a basso peso molecolare, con elevata biodisponibilità per via orale Uno di essi (sitagliptin) è stato approvato per il trattamento del diabete tipo 2 in unica somministrazione giornaliera,in Messico e USA nel 2006, in Europa nel 2007 Un secondo (vildagliptin ) è stato approvato in Europa nel 2007

20 INIBITORI di DPP IV Il meccanismo d azione è dovuto all inibizione competitiva e reversibile del 90% dell attività enzimatica della DPP IV per un periodo di 24 h

21 Incretine in monoterapia Studi vs placebo

22 L efficacia degli inibitori del DPP-4 Anche come trattamento aggiuntivo ad altra terapia antidiabetica, sitagliptin e vildagliptin hanno dimostrato una significativa riduzione delle concentrazioni di HbA1C ( 0,75%)

23 Incretine in terapia add-on

24 L efficacia degli inibitori del DPP-4 L efficacia di sitagliptin e vildagliptin è risultata omogenea rispetto a sesso, età e peso corporeo, e più marcata nei casi con più elevati valori di HbA1C all inizio del trattamento, analogamente a quanto osservato con altri trattamenti ipoglicemizzanti

25 Glucosio (mg/dl) Studio di Add-On con Metformina Sitagliptin migliora il profilo glicemico nelle 24 ore Colazione Pranzo Cena Dose 1 7:30 Dose 2 18:30 Metformina 1500 mg/die (n=13) Sitagliptin 50 mg BID + metformina 1500 mg/die (n=15) Differenza tra trattamenti: 32.8 mg/dl (p<0.001)* :00 Giorno 1 13:00 19:00 0:00 Giorno 2 7:30

26 vs. basale (%) Sitagliptin associata a Metformina Sottogruppi per livelli basali della HbA 1c Media al basale di HbA 1c = 6.6% 6.7% 7.4% 7.4% 8.3% 8.3% 9.4% 9.2% 0.0 Variazione di HbA 1c n=117 n=112 n=179 n=167 n=82 n=82 n=33 n=117 n= Sulfonilurea a + metformina Sitagliptin b + metformina Nauck et al. Diabetes Obes Metab. 2007;9:

27 Vildagliptin

28 Studio di Add-on di Sitagliptin alla terapia basale con Pioglitazone Effetti sulla HbA1c a 24 settimane 8.2 Pioglitazone Sitagliptin 100 mg + Pioglitazone Emoglobina A 1c N=174 p< ,70% -0,85% N=163 Differenza vs placebo % Settimane

29 Vildagliptin

30 L efficacia degli inibitori del DPP-4 Gli studi di efficacia vs trattamenti attivi hanno dimostrato: Non-inferiorità di sitagliptin verso glipizide e TZD Non-inferiorità di vildagliptin verso rosiglitazone, pioglitazone e acarbosio Inferiorità di vildagliptina verso metformina in monoterapia

31 Incretine vs altri antiiperglicemizzanti

32 Studio di confronto attivo verso Glipizide effetti sulla HbA1c per valore al basale 0.0 Categorie di A1C al basale <7% 7 - <8% 8 - <9% 9% A1C (%) Criterio di inclusione: %. Sitagliptin 100 mg qd Per Protocol Population Glipizide

33 Effetti sulla funzione betacellulare Gli effetti di sitagliptin e vildagliptin sulla funzione betacellulare sono stati valutati negli studi clinici mediante HOMA, rapporto proinsulina: insulina, caratterizzazione dinamica della risposta insulinica ad un pasto fisso Gli studi mostrano un miglioramento della funzione betacellulare vs placebo

34 Effetti sul peso corporeo e sui lipidi Sia Sitagliptin che Vildagliptin, in studi superiori alle 52 settimane, si sono mostrati neutri dal punto di vista del peso corporeo. Ciò contrasta con il trattamento a base di GLP-1 analoghi, associato ad un significativo decremento ponderale (35) : probabilmente i GLP-1 analoghi determinano concentrazioni sovrafisiologiche del peptide, mentre i DPP IV inibitori supportano solo il ruolo fisiologico dell ormone, senza che se ne raggiungano le concentrazioni plasmatiche necessarie all induzione di un calo di peso D altra parte, durante il trattamento con inibitori del DPP IV non si nota l incremento ponderale che invece viene riscontrato in occasione del trattamento con sulfoniluree, insulina o tiazolidinedioni L effetto sul profilo lipidico risulta altrettanto neutro

35 Sitagliptin e peso corporeo

36 Sicurezza e Tollerabilità Sitagliptin e vildagliptin mosrano un attività inibitoria selettiva per il DDP-4 rispetto agli altri enzimi di questa classe e non interagiscono con gli altri DDP, come 8 e 9, minimizzando così il rischio di effetti collaterali e sulla funzione immunitaria ( T linfociti che esprimono CD36 ) Studi preliminari sembrano indicare una selettività ancora più spiccata per sitagliptin

37 Sicurezza e Tollerabilità Le esperienze con inibitori di DPP IV, sebbene ancora relativamente limitate nel tempo e nel numero, mostrano una buona tollerabilità e rari effetti collaterali Non vi sono state particolari evidenze di edema, o di problemi gastrointestinali, cardiaci, o dermatologici Vi è basso rischio di interazione tra farmaci Un giudizio più consistente dovrà però, in questo ambito, risultare da studi clinici addizionali a lungo termine

38 Sicurezza e Tollerabilità In particolare l ipoglicemia è evento raro durante terapia con queste incretine, anche a digiuno, o quando un pasto non sia stato assunto Un aumento del rischio di ipoglicemia si osserva solo in associazione con la SU : in questo caso è raccomandato l uso di una dose inferiore di farmaco DPP-4 inibitore ( vildagliptin 50 mg )

39 Incretine : Safety

40 Sicurezza e tollerabilità Modeste alterazioni della funzione epatica sono state osservate con vildagliptin 100 mg in monosoministrazione, ma non in dose refratta Raccomandabile la riduzione del dosaggio in soggetti con ridotta funzione renale Non effetto sui fattori di rischio cardiovascolare. Vildagliptin non è indicato in scompenso cardiaco NYHA III-IV; cautela in NYHA I-II ( ritenzione idrica? )

41 Inibitori DPP-IV Somm. orale Non peso No Ipoglicemia Effetto β-cellula (?) Costo Efficacia in casi gravi Effetto nel tempo? Sicurezza nel tempo? Scarsi effetti collaterali HbA1c %

42 Le indicazioni AIFA Riflettono il tipo di studio utilizzato ai fini registrativi

43 Per pazienti con diabete mellito tipo 2, sitagliptin è indicato: per migliorare il controllo glicemico in associazione con metformina,quando dieta ed esercizio fisico più metformina da sola non forniscono un controllo adeguato della glicemia per migliorare il controllo glicemico in associazione con una sulfonilurea quando dieta ed esercizio fisico più la dose massima tollerata di una sulfonilurea da sola non forniscono un controllo adeguato della glicemia e quando la metformina non è appropriata per controindicazioni o intolleranza per migliorare il controllo glicemico in associazione con una sulfonilurea e metformina quando dieta ed esercizio fisico più la duplice terapia con questi farmaci non forniscono un controllo adeguato della glicemia Per pazienti con diabete mellito tipo 2 nei quali è appropriato l uso di un agonista PPAR (cioè un tiazolidinedione), sitagliptin è indicato: in associazione con l agonista PPAR,quando dieta ed esercizio fisico più l agonista PPAR da solo non forniscono un controllo adeguato della glicemia

44 Vildagliptin è indicato nel trattamento del diabete mellito di tipo 2 in duplice terapia orale in associazione a : o metformina, in pazienti con insufficiente controllo glicemico nonostante la somministrazione della dose massima tollerata di metformina in monoterapia, o una sulfanilurea, in pazienti con insufficiente controllo glicemico nonostante la somministrazione della dose massima tollerata di una sulfanilurea e per i quali la terapia con metformina è inappropriata a causa di controindicazioni o intolleranza o un tiazolidinedione, in pazienti con insufficiente controllo glicemico e per i quali è appropriato l uso di un tiazolidinedione

45 Associazioni precostituite: Sitagliptin + Metformina Per i pazienti con diabete mellito tipo 2, Janumet /Velmetia sono indicati in aggiunta alla dieta ed all esercizio fisico per migliorare il controllo glicemico in pazienti che non hanno un adeguato controllo della glicemia con il loro dosaggio massimo tollerato di metformina da sola o in quei pazienti già in trattamento con l associazione di sitagliptin e metformina Janumet /Velmetia sono anche indicati in associazione con una sulfonilurea (es., triplice terapia di associazione) in aggiunta alla dieta ed all esercizio fisico in pazienti che non hanno un adeguato controllo della glicemia con il loro dosaggio massimo tollerato di metformina ed una sulfonilurea

46 Associazioni precostituite: Vildagliptin + Metformina Eucreas è indicato nel trattamento di pazienti con diabete mellito di tipo 2 che non sono in grado di ottenere un sufficiente controllo glicemico con la somministrazione delle dosi massime tollerate della sola metformina orale o che sono già in terapia con una associazione di vildagliptin e metformina somministrate in compresse separate.

47 Incretin mimetics or incretin enhancers? Gli inibitori della DPP IV mostrano il vantaggio, rispetto agli analoghi del GLP-1, di essere somministrabili per via orale e di provocare minori effetti gastrointestinali (nausea, vomito) Vi è comunque un limite ai livelli di incremento di GLP-1 ottenibili per questa via, determinato dal fatto che la secrezione del peptide intatto è diminuita nei pazienti diabetici tipo 2, e che il trattamento con DPP IV inibitori sembra inibire la secrezione delle cellule L intestinali, verosimilmente per un meccanismo di feeback negativo

48 Incretin mimetics or incretin enhancers? Gli inibitori del DPP IV possono trovare una collocazione, anche come trattamento di prima linea, nelle fasi precoci del diabete tipo 2, soprattutto in combinazione con metformina o tiazolidinedioni, ma potrebbero non essere sufficientemente attivi, in monoterapia, in pazienti con diabete poco controllato o di lunga durata. In questi pazienti potrebbero essere preferibili gli analoghi del GLP-1

49 Incretin mimetics or incretin enhancers? Le due categorie di composti sono accreditate di un potenziale benefico effetto sulla massa e sulla funzione beta-cellulare, peraltro dimostrato finora solo in sperimentazione animale e in vitro Sarà quindi significativo valutare in ulteriori trials clinici se questo recente approccio sia in grado, come già ipotizzato anche per i Tiazolidinedioni, di modificare la progressiva perdita della funzione betacellulare, che non viene, o viene poco significativamente, arrestata dai farmaci tradizionalmente disponibili (insulino-secretagoghi, metformina, insulina)

50 Sì, ma dove le collochiamo, le incretine orali?

51 ADA/EASD Consensus Algorithm for Type 2 Diabetes Diagnosis Lifestyle Intervention + Metformin No A1C 7% Yes* Add Basal Insulin (most effective) Add Sulfonylurea (least expensive) Add Glitazone (no hypoglycemia) No A1C 7% Yes* No A1C 7% Yes* No A1C 7% Yes* Intensify Insulin Add Glitazone Add Basal Insulin Add Sulfonylurea No A1C 7% Yes* No A1C 7% Yes* Add Basal or Intensify Insulin Intensive Insulin + Metformin ± Glitazone *Check A1C every 3 months until <7% and then at least every 6 months; 3 oral agents can be used, but initiation and intensification of insulin therapy is preferred based on effectiveness and expense. Nathan DM, et al. Diabetes Care. 2006;29: Incretin Gliptins

52 Canadian Guidelines 2008

53 Metformina Step 1 Iperglicemia a digiuno Iperglicemia post-prandiale Obesità Step 2 Prima scelta Met+TZD Met+aGI Met+DPP4i Met+GLP1RA Met+SU Met+Glinidi Seconda scelta Met+SU+aGI Met+ TZD+aGI Step 3 Met+ SU+GLP1RA Met+SU+TZD Met+ TZD+Glinidi Insulina+Met±SU/Glinidi Step 4

54 Diabetes therapy: A custom made job!

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. Sintesi con commento

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. Sintesi con commento Italian Health Policy Brief SPECIALE marzo 2012 Italian Health Policy Brief Due nuove classi di farmaci per il trattamento del diabete tipo 2: differenze farmacologiche e cliniche Sintesi con commento

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACOLOGIA (SIF) Position paper

SOCIETA ITALIANA DI FARMACOLOGIA (SIF) Position paper SOCIETA ITALIANA DI FARMACOLOGIA (SIF) Position paper Equivalenza terapeutica di classe nell ambito degli antidiabetici: focus sugli inibitori dell enzima dipeptidil peptidasi-4 (DPP-4) Francesco Rossi

Dettagli

INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA. Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010. Dott. A.

INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA. Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010. Dott. A. INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010 Dott. A. Burgio Responsabile Unità Operativa Malattie endocrine e metaboliche Divisione

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

Nuove strategie e nuove opportunità terapeutiche nel diabete tipo 2: gli incretinomimetici o analoghi del GLP-1

Nuove strategie e nuove opportunità terapeutiche nel diabete tipo 2: gli incretinomimetici o analoghi del GLP-1 Focus on Nuove strategie e nuove opportunità terapeutiche nel diabete tipo 2: gli incretinomimetici o analoghi del GLP-1 Trattare subito, trattare bene i pazienti diabetici: una sfida e un dovere anche

Dettagli

www.monitoraggio-farmaci.agenziafarmaco.it

www.monitoraggio-farmaci.agenziafarmaco.it Exenatide (Byetta ) Protocollo di lavoro sul monitoraggio d uso di exenatide per profilo di efficacia, tollerabilità e sicurezza nella normale pratica clinica. a) Background: Il documento della Commissione

Dettagli

Gli inibitori del DPPIV Gli analoghi del GLP1: la Liraglutide

Gli inibitori del DPPIV Gli analoghi del GLP1: la Liraglutide VIII Giornate Astigiane Asti 30 giugno 2 luglio 2011 Gli inibitori del DPPIV Gli analoghi del GLP1: la Liraglutide Giuseppe Marelli U.O.S. Diabetologia e Malattie Metaboliche Ospedale di Desio (MB) La

Dettagli

Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11 11 Il Diabete Mellito Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Diabete Mellito Il diabete mellito è caratterizzata

Dettagli

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA HOME DIABETE MELLITO Dr. Alessandro Bernardini DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA DIABETE MELLITO Il diabete di tipo 1 si può manifestare a qualsiasi età, ma c'è un netto aumento nel periodo della pubertà

Dettagli

La terapia del Diabete Mellito Tipo 2 basata sulle Incretine

La terapia del Diabete Mellito Tipo 2 basata sulle Incretine Attualità in Diabetologia e Malattie Metaboliche La posizione degli Esperti La terapia del Diabete Mellito Tipo 2 basata sulle Incretine Coordinamento Scientifico Stefano Del Prato Giorgio Sesti Comitato

Dettagli

medicinali per il diabete di tipo 2

medicinali per il diabete di tipo 2 Parliamo di diabete N. 25 Revisione agosto 2010 medicinali per il diabete di tipo 2 Medications for type 2 diabetes - Italian Spesso alle persone con diabete di tipo 2 vengono dati medicinali, compresa

Dettagli

Piano Terapeutico per la prescrizione di Incretine/inibitori DPP-4 nel trattamento del diabete tipo 2 (aggiornamento luglio 2014)

Piano Terapeutico per la prescrizione di Incretine/inibitori DPP-4 nel trattamento del diabete tipo 2 (aggiornamento luglio 2014) Piano Terapeutico per la prescrizione di Incretine/inibitori DPP-4 nel trattamento del diabete tipo 2 (aggiornamento luglio 2014) (Da compilarsi online ai fini della rimborsabilità a cura dei centri specializzati,

Dettagli

Nuovi standard di cura del diabete mellito di tipo 2

Nuovi standard di cura del diabete mellito di tipo 2 DIABETE E PRESSIONE ARTERIOSA: MANAGEMENT DEI PRICIPALI PROBLEMI CORRELATI TRANI, 27-28 GENNAIO 2012 Auditorium S. Luigi Nuovi standard di cura del diabete mellito di tipo 2 Salvatore A. De Cosmo Dipartimento

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Aspetti pratici per iniziare una terapia diabetica con gli agonisti del recettore di GLP-1 nell assistenza medica primaria

Aspetti pratici per iniziare una terapia diabetica con gli agonisti del recettore di GLP-1 nell assistenza medica primaria Aspetti pratici per iniziare una terapia diabetica con gli agonisti del recettore di GLP-1 nell assistenza medica primaria Tina Vilsbøll, MD, DMSc Mikkel Christensen, MD Supportato da un contributo educativo

Dettagli

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 Premessa Eterogeneità della popolazione anziana diabetica Scarsi gli studi focalizzati sugli anziani fragili

Dettagli

New therapies for type 2 diabetes: Glucagon-Like Peptide 1 (GLP-1) analogs and Dipeptidyl Peptidase-4 inhibitors. Introduzione

New therapies for type 2 diabetes: Glucagon-Like Peptide 1 (GLP-1) analogs and Dipeptidyl Peptidase-4 inhibitors. Introduzione G Gerontol 2007;55:725-732 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Articolo di aggiornamento Review Nuove prospettive terapeutiche nel diabete mellito di tipo 2: analoghi del Glucagon-Like Peptide

Dettagli

Nuovi farmaci incretino-mimetici per la cura del diabete

Nuovi farmaci incretino-mimetici per la cura del diabete Linee guida terapeutiche /5 Nuovi farmaci incretino-mimetici per la cura del diabete aggiornamento di aprile 2015 A cura del Gruppo multidisciplinare sui farmaci per il diabete Regione Emilia-Romagna Direzione

Dettagli

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro Formazione continua Medici Coordinatori RSA 2010 MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA Sandro Inchiostro Medicina II e Centro Diabetologico Dipartimento di Medicina

Dettagli

INTERVISTA A AGOSTINO CONSOLI PROFESSORE ORDINARIO DI ENDOCRINOLOGIA ALL UNIVERSITÀ DI CHIETI E PESCARA

INTERVISTA A AGOSTINO CONSOLI PROFESSORE ORDINARIO DI ENDOCRINOLOGIA ALL UNIVERSITÀ DI CHIETI E PESCARA INTERVISTA A AGOSTINO CONSOLI PROFESSORE ORDINARIO DI ENDOCRINOLOGIA ALL UNIVERSITÀ DI CHIETI E PESCARA La lotta al diabete è come una partita a sacchi. Mossa dopo mossa. Ci vuole grande attenzione e non

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi L esercitazione è stata volta ad evidenziare vantaggi e criticità collegati al trasferimento nella pratica di quanto raccomandato dalla linea guida,

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Il nuovo algoritmo terapeutico del diabete mellito tipo 2 step by step per una terapia sempre più semplice ed efficace

Il nuovo algoritmo terapeutico del diabete mellito tipo 2 step by step per una terapia sempre più semplice ed efficace Decision making Il nuovo algoritmo terapeutico del diabete mellito tipo 2 step by step per una terapia sempre più semplice ed efficace Gerardo Medea Area metabolica SIMG Brescia Diabete e iperglicemia

Dettagli

CASO CLINICO Alessandro Ciresi

CASO CLINICO Alessandro Ciresi Nuovi orientamenti terapeutici nel fallimento secondario agli ipoglicemizzanti orali: Analoghi dell insulina CASO CLINICO Alessandro Ciresi Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico

La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico IPERGLICEMIA IN OSPEDALE La gestione del diabete e in genere dell iperglicemia in ospedale è considerata spesso di secondaria importanza

Dettagli

APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE

APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE Dr. Gaiti Dario Reggio Emilia 08.05.2013 Sintomi+ PG >200 mg/dl oppure

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 Medicinale sottoposto a monitoraggio addizionale. Ciò permetterà la rapida identificazione di nuove informazioni sulla sicurezza. Agli operatori

Dettagli

Liraglutide, il primo analogo del GLP-1 umano: caratteristiche peculiari e nuovi dati clinici

Liraglutide, il primo analogo del GLP-1 umano: caratteristiche peculiari e nuovi dati clinici G Gerontol 2009;57:98-107 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Articolo di aggiornamento Review Liraglutide, il primo analogo del GLP-1 umano: caratteristiche peculiari e nuovi dati clinici Liraglutide,

Dettagli

Metabolismo GLUCIDICO

Metabolismo GLUCIDICO Metabolismo GLUCIDICO COMPOSIZIONE DI UN ORGANISMO ADULTO Altro 3% Acqua 60% Carboidrati 1% Proteine 16% Lipidi 20% CALORIE TEORICHE PRODOTTE DALL OSSIDAZIONE COMPLETA DEI VARI SUBSTRATI (uomo adulto 70

Dettagli

Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia. Dr.ssa P.Stefanoni

Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia. Dr.ssa P.Stefanoni Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia Dr.ssa P.Stefanoni Definizione Si parla di ipoglicemia quando la concentrazione ematica di glucosio è inferiore a 70 mg/dl AMD-SID, 2009-2010 L ipoglicemia è..

Dettagli

Applicazioni pratiche dell algoritmo terapeutico AMD: ruolo del pioglitazone

Applicazioni pratiche dell algoritmo terapeutico AMD: ruolo del pioglitazone NOTIZIE dal mondo del farmaco 51 MeDia 2014;14:51-57 Applicazioni pratiche dell algoritmo terapeutico AMD: ruolo del pioglitazone Marco Gallo 1 Alberto De Micheli 2 Gerardo Medea 3 1 SC Endocrinologia

Dettagli

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl.

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl. Caso clinico 1 Pz di 15 anni, di sesso femminile, lievemente sottopeso (IMC: 18Kg/mq). Manifesta nausea, vomito, dolori addominali, poliuria, polidipsia e dispnea. Nel giro di poche ore, manifesta obnubilamento

Dettagli

BD Medical - Diabetes Care. Ipoglicemia. 06_Ipoglicemia.indd 1 29-10-2009 17:11:51

BD Medical - Diabetes Care. Ipoglicemia. 06_Ipoglicemia.indd 1 29-10-2009 17:11:51 BD Medical - Diabetes Care Ipoglicemia 06_Ipoglicemia.indd 1 29-10-2009 17:11:51 Indice L ipoglicemia: cos è? L ipoglicemia: come riconoscerla? Ipoglicemia: cosa la provoca? E come si previene? Ipoglicemia:

Dettagli

Quali nuove opzioni terapeutiche dai Farmaci antiiperglicemizzanti

Quali nuove opzioni terapeutiche dai Farmaci antiiperglicemizzanti Quali nuove opzioni terapeutiche dai Farmaci antiiperglicemizzanti tradizionali? Valeria Manicardi Direttore Dipartimento Internistico Ospedale di Montecchio AUSL di Reggio Emilia Gli antidiabetici orali

Dettagli

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO CASO CLINICO P.M., uomo, 59 anni Anamnesi familiare Familiarità di primo grado per diabete mellito e

Dettagli

Cristina Della Rosa Dipartimento Cure Primarie ASL Como ASSISTENZA PROTESICA ED INTEGRATIVA Nell ambito dell assistenza al paziente cronico l assistenza protesica ed integrativa rappresentano un aspetto

Dettagli

Studio nazionale multicentrico di fase III, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli

Studio nazionale multicentrico di fase III, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli SINOSSI DELLO STUDIO DYDA 2 TRIAL Effects of the dipeptidyl peptidase-4 (DPP-4) inhibitor linagliptin on left ventricular myocardial DYsfunction in patients with type 2 DiAbetes mellitus and concentric

Dettagli

Rene e diabete: un interazione oltre la nefropatia

Rene e diabete: un interazione oltre la nefropatia Cuneo, 25 gennaio 2014 Rene e diabete: un interazione oltre la nefropatia Carlo B. Giorda S.C. M. Metaboliche e Diabetologia ASL Torino 5 Nefropatia diabetica In casistiche nordeuropee e statunitensi :

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE AVANDIA 2 mg compresse rivestite con film. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ciascuna compressa contiene

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

Terapia combinata alla diagnosi del diabete mellito tipo 2

Terapia combinata alla diagnosi del diabete mellito tipo 2 Opinioni a confronto A cura di Stefano Del Prato Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Sezione Diabetologia e Malattie del Metabolismo, Università di Pisa Terapia combinata alla diagnosi del diabete

Dettagli

Diabete e attività fisica

Diabete e attività fisica Diabete e attività fisica Dott. Francesco Costantino Clinica Pediatrica Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Tipologia del Diabete Diabete mellito tipo 1 E caratterizzato dalla

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

Attualità e prospettive dell assistenza diabetologica in Basilicata

Attualità e prospettive dell assistenza diabetologica in Basilicata Attualità e prospettive dell assistenza diabetologica in Basilicata Autore Giuseppe Citro Coautori Enzo Caruso, Antonio Pompeo Coviello, Gerardo Medea, Maria Giovanna Trotta, Maria Rosalia Puzo, Angelo

Dettagli

riscontro o insorgenza durante la gravidanza. La diagnosi deriva quindi dalla applicazione

riscontro o insorgenza durante la gravidanza. La diagnosi deriva quindi dalla applicazione DIABETE GESTAZIONALE 1 Il diabete gestazionale (GDM) viene definito come una alterata tolleranza glucidica con primo riscontro o insorgenza durante la gravidanza. La diagnosi deriva quindi dalla applicazione

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

TERAPIA del DIABETE MELLITO tipo 2

TERAPIA del DIABETE MELLITO tipo 2 TERAPIA del DIABETE MELLITO tipo 2 Giuseppe Bigiarini Sabato 22 Maggio 2010 CRITERI DIAGNOSTICI Glicemia a digiuno>= 126 mg/dl in almeno 2 occasioni O Glicemia a 2 ore dal carico orale di glucosio 75 gr

Dettagli

GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2

GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2 GUIDE AI PAZIENTI GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2 RIGUARDO QUESTA INFORMATIVA Questa informativa: è dedicata ai soggetti adulti con diabete di tipo 2, ai loro parenti e a

Dettagli

Diagnosi multimarker della patologia diabetica: nuove linee guida SID AMD 2014

Diagnosi multimarker della patologia diabetica: nuove linee guida SID AMD 2014 Diagnosi multimarker della patologia diabetica: nuove linee guida SID AMD 2014 Annunziata Lapolla, Nino Cristiano Chilelli Dipartimento di Medicina Università degli Studi di Padova FOCUS ISTAT: il diabete

Dettagli

Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine

Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine Agus S, Tonutti L, Pellegrini MA, Venturini G, Cannella S, Toffoletti V, Vidotti F, Sartori C, Boscariol C, Pellarini L, Rutigliano

Dettagli

IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI

IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI CORSO FAD IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI ID ECM: 113615 CREDITI DESTINATARI 12 CREDITI ECM Farmacisti Territoriali e Ospedalieri DURATA Data di inizio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA" FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA DOTTORATO DI RICERCA IN NUTRIZIONE CLINICA E PREVENTIVA XXIV CICLO Incretine e diabete di tipo di 2 : effetti di Exenatide

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati Aumentata degradazione del insulina Biosintesi di ormoni dotati di azione contro-insulinica Aumentata produzione di Leptina e

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV)

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) Il diabete mellito è formato da un gruppo eterogeneo di disturbi metabolici

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

Nuove terapie per il diabete mellito tipo 2 (analoghi del GLP-1): la soddisfazione del paziente e il miglioramento della qualità di vita

Nuove terapie per il diabete mellito tipo 2 (analoghi del GLP-1): la soddisfazione del paziente e il miglioramento della qualità di vita Focus on Nuove terapie per il diabete mellito tipo 2 (analoghi del GLP-1): la soddisfazione del paziente e il miglioramento della qualità di vita Gerardo Medea SIMG Brescia Introduzione È noto che il diabete

Dettagli

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA DI LABORATORIO GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E CODICE: IOP.CPOsan.09 REV 6 del 06/07/10 Pag. 1 di 5 1. SCOPO E APPLICABILITA Scopo di questa

Dettagli

Diabete, l epidemia del 21 secolo: Nuove opzioni terapeutiche all orizzonte, nuove opportunità per gli investitori nel

Diabete, l epidemia del 21 secolo: Nuove opzioni terapeutiche all orizzonte, nuove opportunità per gli investitori nel 7 settembre 2012 Diabete, l epidemia del 21 secolo: Nuove opzioni terapeutiche all orizzonte, nuove opportunità per gli investitori nel Il diabete è una patologia metabolica caratterizzata da una produzione

Dettagli

Il diabete di Tipo 1. Dott. Francesco Costantino. Clinica Pediatrica-Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma

Il diabete di Tipo 1. Dott. Francesco Costantino. Clinica Pediatrica-Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Il diabete di Tipo 1 Dott. Francesco Costantino Clinica Pediatrica-Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Classificazione eziologica DIABETE TIPO 1 immuno -mediato idiopatico DIABETE

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Pioglitazone Teva Pharma 15 mg compresse 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni compressa contiene 15

Dettagli

Il controllo glicemico globale nel paziente diabetico tipo 2: obiettivi, strategie, soluzioni

Il controllo glicemico globale nel paziente diabetico tipo 2: obiettivi, strategie, soluzioni Disease management Il controllo glicemico globale nel paziente diabetico tipo 2: obiettivi, strategie, soluzioni Gerardo Medea SIMG Brescia Perché è così importante il controllo glicemico globale nel paziente

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica La gestione dell iperglicemia nel DEU Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica Studio retrospettivo su 1886 pz. ricoverati in Medicina o Chirurgia (Umpierrez GE, J Clin Endocrinol

Dettagli

NOVITÀ PER IL MEDICO

NOVITÀ PER IL MEDICO DIABETE GESTAZIONALE Paolo Macca - Irene Carunchio 20 NOVITÀ PER IL MEDICO Spesso durante la gravidanza si tende ad assecondare la donna e in particolare i suoi desideri alimentari. La dieta restrittiva

Dettagli

Diabete Mellito (prevalentemente Diabete tipo II)

Diabete Mellito (prevalentemente Diabete tipo II) OSSERVATORIO PER IL BUON USO 4 DEL FARMACO Indicazioni per la appropriata condotta terapeutica del Diabete Mellito (prevalentemente Diabete tipo II) Evidenze e Raccomandazioni (tratto da: Standard Italiani

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE BYDUREON 2 mg polvere e solvente per sospensione iniettabile a rilascio prolungato 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA

Dettagli

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE Classificazione dell Iperglicemia in Ospedale 1) Diabete mellito noto diabete diagnosticato e trattato prima del ricovero 2) Diabete mellito

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

IL DIABETE MELLITO: CAUSE E RIMEDI

IL DIABETE MELLITO: CAUSE E RIMEDI Cosa è il Diabete Il Diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata - da una eccessiva concentrazione di glucosio nel sangue, - dalla insorgenza, nel suo decorso, di numerose complicanze e - da

Dettagli

controllo metabolico ottimale

controllo metabolico ottimale IL DIABETE MELLITO Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da iperglicemia E dovuto ad una carenza assoluta di insulina dovuta alla distruzione autoimmune delle cellule beta pancreatiche Il diabete

Dettagli

Ruolo dei glitazoni nella terapia del diabete mellito di tipo 2

Ruolo dei glitazoni nella terapia del diabete mellito di tipo 2 Nuove tematiche Ruolo dei glitazoni nella terapia del diabete mellito di tipo 2 Domenico Cucinotta Direttore Dipartimento di Medicina Interna, Università di Messina Inquadramento del problema Sono sempre

Dettagli

Sezione seconda DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE

Sezione seconda DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 58 del 12 luglio 2013 39 Sezione seconda DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 1067 del 28 giugno 2013 Erogazione

Dettagli

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C.

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C. PRELIMINARY EVALUATION OF GHRELIN (GH) GENE AND PROTEIN EXPRESSION IN THE SURGICAL SPECIMEN, AND GHRELIN SERUM CONCENTRATION AFTER PRIMARY OR REVISIONAL LAPAROSCOPIC SLEEVE GASTRECTOMY (LSG) N. Porta²,

Dettagli

DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE

DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE GLICOBASE 2.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA GLICOBASE 50 mg compresse Una compressa contiene: Principio attivo: acarbose 50 mg GLICOBASE 100 mg compresse Una compressa

Dettagli

Somministrazione di farmaci ai bambini con diabete nelle scuole

Somministrazione di farmaci ai bambini con diabete nelle scuole Clinica pediatrica dell Universita di Perugia SERVIZIO REGIONALE di DIABETOLOGIA PEDIATRICA dell UMBRIA Somministrazione di farmaci ai bambini con diabete nelle scuole Prof Giovanni De Giorgi Diabete Mellito:

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici Gruppo di studio regionale intersocietario ADI- AMD- SID Terapia medico nutrizionale per team diabetologici 25 marzo 2014 Villa Eur Parco dei Pini Roma Daniela Bracaglia UOC di Diabetologia PTV-ASL RMB

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON DIABETE MELLITO TIPO II Versione III Maggio 2013 1 FASE

Dettagli

DIABETE E AUTOCONTROLLO

DIABETE E AUTOCONTROLLO DIABETE E AUTOCONTROLLO Sì, gestire il diabete è possibile. Il monitoraggio della glicemia fa parte della terapia generale del diabete. Grazie all autocontrollo, potete misurare il livello di glicemia

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Il diabete mellito e la valutazione dell omeostasi glicemica

Il diabete mellito e la valutazione dell omeostasi glicemica Il diabete mellito e la valutazione dell omeostasi glicemica Glicolisi Glicolisi aerobica: Glucosio+6O2+35.5(ADP+Pi)- - > 6CO2+35.5 ATP Glicolidi anaerobica (Ambden- Meyerhof) Glucosio+3(ADP+Pi) - - >

Dettagli

ASSISTENZA AL PAZIENTE ANZIANO DIABETICO

ASSISTENZA AL PAZIENTE ANZIANO DIABETICO ASSISTENZA AL PAZIENTE ANZIANO DIABETICO COMO Centro Cardinal Ferrari 14 dicembre 2012 Dottor Cosimo PRETE IL DIABETE MELLITO CONOSCIAMO IL DIABETE DA MOLTISSIMO TEMPO. DA QUANDO NEL LONTANO 1.500 A.C.

Dettagli

I danni da errato trattamento antidiabetico

I danni da errato trattamento antidiabetico IV Mediterraneo - II Sessione DIABETE MELLITO: UNA REALTÀ CLINICA COMPLESSA E PLURIDISCIPLINARE (Prof.ssa Giordano, Prof. Sesti, Prof. Cucinotto, Prof. Cillino, Prof. Amato) I danni da errato trattamento

Dettagli

Circoli di Qualità medici farmacisti, per una responsabilità condivisa della libertà di prescrizione

Circoli di Qualità medici farmacisti, per una responsabilità condivisa della libertà di prescrizione Circoli di Qualità medici farmacisti, per una responsabilità condivisa della libertà di prescrizione Dr.Med. Michele Bonato Farmacista Rolf Dürig Monte Verità Ascona, 25 ottobre 2014 Circoli di Qualità

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

La modulazione della politerapia

La modulazione della politerapia Lo Scompenso Cardiaco Cronico: un modello di collaborazione ospedaleterritorio per la qualità dell assistenza e l economia delle risorse La modulazione della politerapia Laura Montagna Enrico Turbil 9

Dettagli

20 grandi chef - 60 ricette d autore LADOLCEVITA. prevenire e vivere il diabete senza rinunciare ai piaceri della tavola. a cura di.

20 grandi chef - 60 ricette d autore LADOLCEVITA. prevenire e vivere il diabete senza rinunciare ai piaceri della tavola. a cura di. 20 grandi chef - 60 ricette d autore LADOLCEVITA prevenire e vivere il diabete senza rinunciare ai piaceri della tavola a cura di Giuseppe Marelli Questa iniziativa è resa possibile grazie al contributo

Dettagli

20 grandi chef - 60 ricette d autore LA DOLCE VITA. prevenire e vivere il diabete senza rinunciare ai piaceri della tavola.

20 grandi chef - 60 ricette d autore LA DOLCE VITA. prevenire e vivere il diabete senza rinunciare ai piaceri della tavola. 20 grandi chef - 60 ricette d autore LA DOLCE VITA prevenire e vivere il diabete senza rinunciare ai piaceri della tavola a cura di Giuseppe Marelli GRIBAUDO Questa iniziativa è resa possibile grazie

Dettagli

PROFADIA ASL di MILANO

PROFADIA ASL di MILANO PROFADIA ASL di MILANO Background La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza. L accresciuta prevalenza nel

Dettagli

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE DIABETICO Il documento è finalizzato ad individuare modalità operative che consentano una più agevole integrazione tra assistenza

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Tresiba 100 unità/ml soluzione iniettabile in penna pre-riempita. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA 1

Dettagli

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG A cura di Marco Pietro Mazzi e Maria Chiara Cressoni (SIMG-FIMMG ASL 22) PREMESSA Nella gestione del paziente diabetico l obiettivo

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA SLEEVE GASTRECTOMY LAPAROSCOPICA VERSUS TERAPIA MEDICA CONVENZIONALE IN PAZIENTI CON RECENTE DIAGNOSI DI DIABETE MELLITO TIPO2 E BMI 30-42KG/M 2 : STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO CENTRI PARTECIPANTI: AZIENDA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

DIABETE MELLITO (DM) Classificazione eziologica

DIABETE MELLITO (DM) Classificazione eziologica DIABETE MELLITO (DM) un gruppo di disturbi metabolici che condividono il fenotipo dell'iperglicemia - principale causa di insufficienza renale terminale, amputazioni arti inferiori e cecità dell'adulto

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

Gruppo di studio Diabete e Tumori

Gruppo di studio Diabete e Tumori Gruppo di studio Diabete e Tumori Coordinatore: Gennaro Clemente Componenti: Luigi Gentile, Stefano Parini, Geremia Romano Consulenti esterni: Nadia Cerutti, Katherine Esposito, Marco Gallo, Giuseppina

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA DIABETE L IMPORTANZA DEL PROBLEMA DEL DIABETICO ALLA GUIDA Con il termine diabete mellito viene descritto un disordine metabolico ad eziologia multipla caratterizzato

Dettagli