Trattamento omotossicologico dell artrosi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trattamento omotossicologico dell artrosi"

Transcript

1 Trattamento omotossicologico dell artrosi IAH AC - Trattamento omotossicologico dell artrosi IAH 2007 Nella società moderna, il processo di invecchiamento ha creato una piramide rovesciata della popolazione nella maggior parte dei Paesi occidentali. Di conseguenza, le malattie degenerative sono diventate una componente molto importante delle patologie osservate nell ambito della pratica generale. Una delle malattie principali riscontrabili nella popolazione dei soggetti anziani è l artrosi, una patologia degenerativa della cartilagine che negli stadi più avanzati colpisce anche le ossa, causando vari gradi di disfunzioni delle articolazioni interessate. 1

2 Malattie reumatiche: classificazione Reumatismo infiammatorio: artrite Reumatismo degenerativo: artrosi Reumatismo dei tessuti molli: es. tendinite Reumatismo delle ossa: osteoporosi Malattie parareumatiche: gotta IAH Il reumatismo è un termine generico che indica qualsiasi affezione dolorosa delle articolazioni, dei muscoli o dei tessuti connettivi. Tra i disturbi reumatologici si annovera anche qualsiasi condizione patologica che colpisce i tessuti connettivi di vari organi fra cui il cuore, i polmoni, le ossa, i reni e la cute. Un disturbo reumatico è caratterizzato da: Infiammazione e/o Degenerazione Squilibrio metabolico delle strutture dei tessuti connettivi dell organismo, specialmente le articolazioni e le strutture correlate, (fra cui i muscoli, le borse, i tendini e il tessuto fibroso). Pertanto, il reumatismo è un termine collettivo utilizzato per indicare un gruppo ampio di malattie che colpiscono specialmente l apparato locomotore. Si distinguono generalmente cinque classi: Reumatismo infiammatorio: patologie reumatiche in cui prevale l infiammazione, fra cui l artrite reumatoide (una malattia autoimmune). Reumatismo degenerativo: disturbi degenerativi dell apparato locomotore, fra cui l artrosi (argomento di questa lezione). L apoptosi cellulare e la perdita strutturale e tissutale colpiscono le articolazioni, più precisamente all inizio la cartilagine, per poi estendersi eventualmente alle strutture ossee. Reumatismo dei tessuti molli: le patologie - quali la sindrome del tunnel carpale, la periartrite della spalla, la polimialgia reumatica e la fibromialgia - sono alcuni esempi di reumatismo dei tessuti molli. Reumatismo delle ossa: patologie degenerative delle ossa. In questo caso, l esempio più importante è l osteoporosi. Malattie parareumatiche - sono un gruppo di patologie locomotorie che non rientrano nelle 4 classi precedenti (es. gotta). 2

3 Che cosa è l artrosi? IAH L artrosi è un processo prematuro ed eccessivo di degenerazione degli strati cartilaginei che rivestono le ossa, che comporta persino la perdita completa della cartilagine. Nei casi semplici, tale erosione della cartilagine può essere rilevata mediante un esame radiografico, che rivela il processo degenerativo della capsula articolare. La risonanza magnetica per immagini (RMI) è una tecnica diagnostica persino migliore e più precisa. Gli stadi finali di un disturbo artrosico sono associati ad una deformazione visibile dell articolazione, per questo motivo alcune forme patologiche vengono definite artrosi deformante. Inoltre, a causa del restringimento della cavità articolare e dell accumulo di tessuto osseo sui margini, la mobilità è sempre più limitata, il che può causare persino un immobilizzazione pressoché completa dell articolazione. L artrosi progredisce alternando esacerbazioni e remissioni. Durante la fase inattiva, l articolazione non è gonfia né particolarmente dolente, benché sia di gran lunga meno resistente. Poi, ulteriori lesioni oppure un sovrasforzo possono innescare rapidamente una condizione attiva o infiammata, in cui prevalgono il gonfiore e il dolore talvolta persino in condizioni di riposo. 3

4 L artrosi rappresenta il 70% di tutte le malattie reumatiche IAH All interno del gruppo delle malattie reumatiche, la prevalenza dell artrosi registrata nei Paesi occidentali si attesta intorno al 70%. Oltre ad una prevalenza elevata, questa malattia è causa di elevati costi sociali. Le terapie convenzionali previste per l artrosi sono principalmente sintomatiche e sono focalizzate sul trattamento del dolore e dell infiammazione. A parte alcuni agenti condroprotettivi (es. iniezioni di acido ialuronico) e gli interventi chirurgici (es. protesi), il trattamento generale dell artrosi non è efficace nel lungo termine. 4

5 Caratteristiche e sintomi Rigidità Comparsa di dolore all inizio del movimento Dolore durante il movimento, specialmente in presenza di carichi Infiammazione caratterizzata da periodi di latenza Degenerazione della cartilagine Deformazione ossea a livello dell articolazione IAH I sintomi dell artrosi includono una sensazione di rigidità articolare, che si avverte specialmente all inizio di un movimento (es. quando si comincia a camminare dopo essere stati sdraiati). Compare spesso anche il cosiddetto dolore all inizio di un movimento. Questo dolore diminuisce dopo un po di tempo, man mano che il movimento stesso sembra lubrificare l articolazione. Il movimento associato al trasporto di carichi è più doloroso rispetto ad un azione normale (es. trasportare una borsa pesante oppure salire le scale). In presenza di artrosi riattivata, i processi infiammatori sono evidenti. Accanto agli aspetti degenerativi dell artrosi, è presente spesso in concomitanza una forma artritica acuta di reazione. 5

6 L artrosi è uno squilibrio tra il processo di degenerazione della cartilagine e la rigenerazione ad opera delle cellule sinoviali e dei condrociti. Tale squilibrio è a vantaggio del processo degenerativo. IAH L artrosi può essere considerata una condizione di squilibrio tra la quantità di cartilagine nuova, formata grazie all azione sinergica delle cellule sinoviali (acido ialuronico) e dei condrociti (collagene e proteoglicani/glicosaminoglicani), e la degenerazione della cartilagine dovuta a logorio, nonché vari tipi di processi enzimatici. Quando una persona è giovane, questo equilibrio è a vantaggio della formazione di cartilagine, per questo motivo solitamente non si riscontrano casi di artrosi nei giovani. Nei soggetti adulti, tale equilibrio, a poco a poco, si altera a favore del processo di degenerazione della cartilagine, determinando lo sviluppo della condizione di artrosi. Negli stadi molto avanzati, quando la cartilagine è completamente distrutta e l osso subcondrale entra a contatto con altre porzioni di osso subcondrale, le deformazioni delle estremità ossee diventano evidenti. 6

7 Si distinguono 4 stadi clinico-radiologici dell artrosi (1): Stadio I: Comparsa di sintomi clinici di entità lieve. Una forma modesta di sclerosi è rilevabile all esame radiografico dell articolazione colpita, lo spazio articolare e il condilo sono ancora intatti. Stadio II: La mobilità dell articolazione diminuisce a causa del dolore avvertito all inizio di un movimento e della rigidità articolare. All esame radiografico, si può rilevare la presenza di cisti e di osteofiti di piccole dimensioni. IAH Dal punto di vista radiologico, l artrosi può essere classificata in 4 stadi consecutivi. Stadio 1. Inizia l artrosi. Oltre ad una forma modesta di sclerosi, non si rileva granché all esame radiografico. I sintomi clinici sono lievi, compaiono e scompaiono in base ai movimenti con carichi più o meno elevati e alle attività svolte. È importante sottolineare che i sintomi clinici variano notevolmente in funzione dell utilizzo dell articolazione e, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, in genere il movimento in assenza di carichi (camminare, nuotare, ) è curativo e migliora le condizioni dell articolazione. Stadio 2 Segni iniziali indicativi di una qualche forma di compromissione della mobilità. La rigidità che si avverte dopo il riposo, all inizio di un movimento, peggiora. Si riscontrano anche la presenza di dolore all inizio del movimento e la perdita della forza (salire le scale, alzarsi in piedi da una posizione inginocchiata, ecc. ). All esame radiografico, sono rilevabili i primi osteofiti di piccole dimensioni e potrebbero essere presenti persino piccole cisti subcondrali. 7

8 Si distinguono 4 stadi clinico-radiologici dell artrosi (2): Stadio III: La mobilità dell articolazione diventa significativamente limitata. Può insorgere un infiammazione acuta secondaria. Si può osservare la presenza di cisti subcondrali all esame radiografico. Lo spazio articolare si restringe in modo irregolare. Stadio IV: Grave deformazione dell articolazione: degenerazione cistica, presenza di osteofiti, spazio articolare estremamente ristretto. Contatto di osso con osso. IAH Stadio 3 Segni di forte blocco della mobilità, dovuto in parte alla rigidità e al dolore avvertito all inizio del movimento, e in parte ad alterazioni di componenti fisici, fra cui il restringimento dello spazio sinoviale e l esordio della deformazione articolare. La forza è limitata e può insorgere un infiammazione, che rende il quadro patologico persino più complesso. All esame radiografico, sono solitamente presenti osteofiti e cisti. Stadio 4 Stadio molto avanzato caratterizzato dalla perdita di flessibilità dell articolazione. Il paziente sopperisce in misura considerevole all articolazione rigida. Si riscontra la presenza di un infiammazione recidivante e di uno scompenso muscolare. All esame radiografico, sono visibili i segni di osteofiti, di cisti, e lo spazio sinoviale è estremamente ristretto o persino completamente distrutto (contatto con l osso subcondrale). 8

9 ARTROSI IAH L artrosi, dato che è una malattia degenerativa caratterizzata principalmente dalla perdita tissutale e dall apoptosi cellulare (condrociti), è riportata sul lato destro della divisione biologica, nella 5 fase della Tavola delle sequenze patologiche, la fase di Degenerazione. Dato che le ossa e le articolazioni si differenziano a partire dallo strato mesodermico embrionale, di conseguenza l artrosi può essere indicata a livello cavodermale mesodermico nella tavola. Pertanto, dal punto di vista omotossicologico, l artrosi è una malattia degenerativa cavodermale. Analogamente alle condizioni indicate nella fase infiammatoria, questa patologia è caratterizzata dalla presenza di infiammazione e da un processo iperattivo di riparazione (osteofiti). 9

10 Conseguenze In assenza di terapia, questa condizione patologica tende a peggiorare. Il quadro infiammatorio deve essere considerato come un tentativo di vicariazione regressiva. L organismo tenta di eliminare le omotossine endogene presenti durante un processo flogistico (artrite + artrosi) La terapia soppressiva promuove lo stato cronico. IAH ( in cronicità deve essere interpretato nella cronicità ) Il fatto che l artrosi sia indicata nella 5 fase nella Tavola delle sequenze patologiche (Disease Evolution Table - DET) comporta alcune implicazioni specifiche di carattere clinico e terapeutico. Il tempo gioca a sfavore dell artrosi, perché con il passare del tempo le condizioni del paziente peggiorano. Non esiste alcuna forma spontanea di rigenerazione dell articolazione e la progressione del processo degenerativo può accelerare a causa del carico del peso corporeo e delle sollecitazioni generali a cui è sottoposta l articolazione. Si possono osservare remissioni spontanee di entità passeggera e limitata, ma l evoluzione della malattia è progressiva. In presenza di artrosi riattivata, sono riscontrabili processi infiammatori che, a differenza dell approccio adottato nella medicina convenzionale, devono essere considerati come tentativi compiuti dall organismo per rimuovere una qualche forma di fattore irritante o tossina (omotossina) al di fuori dello spazio sinoviale, attraverso il processo flogistico. L infiammazione, benché danneggi ulteriormente la cartilagine in seguito a processi enzimatici, elimina a breve termine i fattori di disturbo, fra cui i frammenti di cartilagine e altre omotossine. Pertanto, la soppressione di questi processi infiammatori, contrariamente alla regolazione dell infiammazione (immunomodulazione), non rappresenta nel lungo termine la strategia migliore. La terapia soppressiva alla fine causa nel paziente un rebound e un processo degenerativo cronico accelerato. 10

11 Fisiopatologia IAH 2007 Qual è il processo fisiopatologico responsabile dell insorgenza dell artrosi? Si vedrà che l interpretazione di questo processo è diversa nella medicina convenzionale e nella medicina omotossicologica. 11

12 La cartilagine è una matrice compatta non contiene vasi sanguigni non contiene terminazioni nervose non contiene vasi linfatici IAH La cartilagine è molto simile ad una matrice compressa. I componenti principali della matrice sono i seguenti: il collagene, i glicosaminoglicani e l acido ialuronico. I condrociti formano la struttura della matrice, utilizzando le molecole di acido ialuronico che vengono fornite dalle cellule sinoviali. Mediante la tensione e il rilascio, dovuti alla pressione e al movimento dell articolazione, il cosiddetto effetto spugna consente l assorbimento delle sostanze nutritive e degli elementi di base da parte della struttura cartilaginea e durante la fase di rilascio (pressione) vengono eliminati i sottoprodotti del metabolismo e le omotossine. Per questo motivo, il movimento e l esercizio fisico sono importanti nel prevenire e/o ridurre l esordio dei processi degenerativi, specialmente per i soggetti che possono avere una predisposizione a sviluppare questa malattia e devono essere aiutati mediante programmi precoci di disintossicazione. La cartilagine non contiene vasi sanguigni né vasi linfatici. Non sono presenti terminazioni nervose all interno della struttura cartilaginea. Tutte le sostanze nutritive, le cellule immunitarie e qualsiasi altro composto necessario vengono forniti dalla membrana sinoviale, attraverso il liquido sinoviale. Le sostanze tossiche che possono penetrare nella matrice oppure fuoriuscire da essa devono seguire gli stessi percorsi compiuti dai farmaci. 12

13 Come il pesce rosso che nuota in un acquario, la qualità delle sostanze nutritive della cartilagine dipende direttamente dalla qualità del liquido sinoviale circostante. IAH La cartilagine può essere paragonata al pesce rosso che nuota nell acquario. La qualità di vita di questo pesce dipende totalmente dalla purezza dell acqua in cui nuota. La cartilagine dipende completamente dai componenti disponibili nel liquido sinoviale, in cui è immersa. 13

14 La cartilagine ricava le sostanze nutritive dai componenti presenti nel liquido sinoviale che, attraverso la compressione e la decompressione associate al movimento dell articolazione, spinge i liquidi all interno e all esterno della struttura. IAH Il movimento senza carichi è salutare per l articolazione artrosica, poiché i meccanismi di tensione e di rilascio attivano l effetto spugna, mantenendo l omeostasi locale. 14

15 Struttura del collagene presente nella cartilagine Zona basale: una zona sclerotizzata che si collega all osso subcondrale Zona verticale: le fibre di collagene partono (verticalmente) dall osso subcondrale Zona flessibile: la zona verticale termina in senso orizzontale e si passa alla Zona orizzontale: è disposta parallelamente alla superficie IAH Le fibre di collagene, presenti all interno della cartilagine, non sono distribuite in ordine caotico, ma sono organizzate molto bene in modo da creare uno strato di base, in cui sono incluse strutture più sottili di proteoglicani. Per creare da una parte una superficie cartilaginea liscia e dall altra parte una struttura centrale elastica e volta ad attutire eventuali traumi, e infine un collegamento ben definito all interno dell osso subcondrale, il collagene è strutturato in 4 fasi. 15

16 Struttura della cartilagine IAH Nella figura a sinistra, sono indicate le 4 zone della struttura del collagene. L assorbimento di eventuali traumi e della pressione è possibile per l impatto verticale e orizzontale. Una rete sottile di proteoglicani, situata tra le fibre di collagene, garantisce una struttura idrofila, necessaria per mantenere l umidità e la flessibilità della cartilagine. La cartilagine disidratata si rompe alla minima pressione. La cartilagine ben lubrificata è estremamente flessibile. 16

17 Artrite, degenerazione della cartilagine e dolore Strain > Strain limit Erosione della cartilagine: frammenti liberi Lo squilibrio di forze causa il dolore muscolare Infiammazione della membrana sinoviale interna Infiammazione dell articolazio ne; funzionalità compromessa Il dolore determina l applicazione non equilibrata dei carichi IAH Ad una determinata età, le eventuali sollecitazioni a cui è sottoposta l articolazione potrebbero causare erosioni della cartilagine, con conseguente distacco di frammenti dalla superficie cartilaginea, che finiscono con il fluttuare nel liquido sinoviale. Il movimento spinge tali frammenti verso l esterno dell articolazione, irritando la membrana sinoviale. Spesso tale irritazione innesca un processo infiammatorio, associato al rilascio di enzimi caratteristici, volti a sciogliere il frammento. Dato che la superficie della cartilagine è costituita dagli stessi componenti del frammento cartilagineo, gli enzimi che dovrebbero agire sul frammento danneggiano anche la superficie della cartilagine. In mancanza di un tempo sufficiente di recupero per potere rigenerare la cartilagine danneggiata, le sollecitazioni ricorrenti finiscono con il creare un circolo vizioso, che degrada sempre di più la struttura della cartilagine. Le sollecitazioni, l infiammazione e la comparsa di recidiva sono i 3 fattori principali che tendono a fare progredire il processo di artrosi. 17

18 I frammenti di cartilagine sparsi nell articolazione sono le omotossine endogene I processi fisiologici volti ad eliminare i frammenti erosi devono essere considerati come un meccanismo mirato di difesa IAH 2007 Dal punto di vista omotossicologico, i frammenti di cartilagine presenti nel liquido sinoviale sono considerati omotossine endogene. Benché si tratti di materiale creato dall organismo stesso, questi frammenti interferiscono con il normale funzionamento dell articolazione. L eliminazione dei frammenti, mediante processi enzimatici correlati all infiammazione, rappresenta un meccanismo biologico mirato di difesa che deve essere rispettato, persino favorito e/o controllato con tutti i mezzi possibili. Pertanto, la strategia terapeutica deve includere l immunomodulazione e il supporto organico, che migliorano la qualità di vita del paziente, senza arrestare il processo di eliminazione, e deve favorire per quanto sia possibile i meccanismi di rigenerazione disponibili (miglioramento della funzione delle cellule sinoviali e dei condrociti). 18

19 Distruzione enzimatica della cartilagine: metalloproteinasi Mucopolisaccaridasi: i mucopolisaccaridi (GAG) vengono separati dalle proteine trasportatrici Proteasi: le proteine trasportatrici e le proteine leganti sono unite Ialuronidasi: le molecole di acido ialuronico vengono sciolte. Dato che queste molecole rappresentano un fattore di legame per i vari proteoglicani, la struttura si indebolisce notevolmente. (I batteri possono danneggiare la matrice tramite la ialuronidasi. A tale scopo, questi microrganismi producono un enzima che scioglie l acido ialuronico). Collagenasi: danneggia i ponti che sono costituiti da fibre di collagene IAH I quattro componenti principali della cartilagine (elementi di base) possono innescare il rilascio di quattro enzimi corrispondenti. Questi enzimi sono le cosiddette metalloproteinasi della matrice. Uno dei fattori scatenanti per le MMP sono le citochine proinfiammatorie. Mucopolisaccaridasi catalizza l idrolisi dei glicosaminoglicani (chiamati anche mucopolisaccaridi). Proteasi catalizza la scissione di strutture proteiche in peptidi e aminoacidi di dimensioni più piccole. Collagenasi idrolizza le fibre di collagene. Ialuronidasi - degrada l acido ialuronico (un amminoglicano simile ad una sostanza gelatinosa). La cartilagine ialina, presente nelle articolazioni, contiene principalmente il collagene, mentre la cartilagine elastica è situata nell orecchio e nella glottide. 19

20 Cartilagine normale Cartilagine vecchia Cartilagine artrosica Condroitina solfato Proteina nucleare Cheratan solfato Regione legante ialuronato Lago della regione legante HA Size of PG monomer normal small normal (-) Size of Ch-S normal normal normal Ch-S content normal low normal (+) KS content normal high normal (+) Protein content Ability to aggregate normal high low Variazioni della percentuale dei componenti proteoglicani rilevate con l avanzare dell età e in seguito a processi degenerativi. IAH Esistono alcune differenze molto importanti tra la composizione della cartilagine vecchia (soggetti anziani) e quella della cartilagine artrosica. Le differenze principali possono riguardare il contenuto di proteine e di condroitina solfato. Componenti: Condroitina solfato Proteoglicani (grandezza) Contenuto proteico Cartilagine artrosica Contenuto basso Più piccoli Elevato Cartilagine vecchia Contenuto normale Dimensioni normali Basso La concentrazione di condroitina solfato (glicosaminoglicano o GAG) è bassa nella cartilagine dei soggetti anziani, mentre è normale nella cartilagine artrosica. Le dimensioni dei proteoglicani sono piuttosto esigue nella cartilagine dei soggetti anziani, mentre sono normali nella cartilagine artrosica. Il contenuto proteico rilevato nella cartilagine dei soggetti anziani è elevato, mentre è basso in quella artrosica. Tutte queste caratteristiche sono state confrontate con la cartilagine normale. Benché esistano alcune alterazioni tipiche della cartilagine artrosica, i danni a carico della cartilagine sono causati principalmente da enzimi associati a processi infiammatori in seguito a sforzo e a sollecitazioni ricorrenti dell articolazione. 20

21 Trattamento convenzionale dell artrosi IAH 2007 Prima di descrivere l approccio terapeutico omotossicologico, verranno illustrate alcune teorie convenzionali e il relativo approccio terapeutico nell ambito del trattamento dell artrosi. 21

22 Approccio convenzionale I FANS sono stati sviluppati per il trattamento dell infiammazione acuta. L obiettivo dell applicazione di questi farmaci era basato sull impiego a breve termine. L entità degli effetti collaterali è in funzione e in proporzione alla durata di applicazione IAH I medicinali principali impiegati nell ambito del trattamento dell artrosi in fase attiva sono i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). È una classe composta da diverse molecole (salicilati, ibuprofene, paracetamolo, derivati ossicamici, inibitori della cox-2, ecc.), che agiscono prevalentemente come inibitori non selettivi a livello dell enzima cicloossigenasi, bloccando la produzione delle prostaglandine proinfiammatorie. I FANS sono stati sviluppati per il trattamento dei quadri infiammatori acuti e non sicuramente per le patologie degenerative croniche, anche se sono associate ad un processo flogistico. I vari effetti collaterali, osservati spesso in associazione all impiego prolungato dei FANS, vengono generalmente accettati come normali. Analogamente a quanto riscontrato con la maggior parte dei farmaci convenzionali, la prevalenza degli effetti collaterali è associata direttamente alla dose impiegata e alla durata di somministrazione. L artrosi è una malattia degenerativa CRONICA e l impiego dei FANS comporta spesso un trattamento necessariamente a lungo termine, che causa la soppressione a lungo termine dei meccanismi di regolazione e un incremento del rischio di comparsa di effetti collaterali gravi. Queste critiche sono valide sia per i FANS di prima generazione (inibitori della sintesi di prostaglandine) sia per quelli di seconda generazione (inibitori della COX-II). 22

23 Approccio convenzionale L osservazione conferma l errore: Il farmaco previsto per il trattamento dell artrite viene impiegato per l artrosi IAH I FANS sono stati sviluppati per i trattamenti dell infiammazione acuta e, di conseguenza, vengono impiegati anche per il trattamento dell artrite acuta (che è una reazione infiammatoria acuta), ma si può facilmente confermare l errore per cui il farmaco previsto per l artrite viene utilizzato anche per il trattamento dell artrosi (che non è un processo infiammatorio acuto, ma una forma degenerativa cronica, anche se talvolta possono essere presenti alcuni segni di infiammazione acuta). Dal punto di vista omotossicologico, questo fatto è difficile da accettare, dato che l artrite rientra in una fase di infiammazione cavodermale (seconda fase nella DET), mentre l artrosi è una fase di degenerazione (quinta fase nella DET). Tale discrepanza di per sé dimostra l utilità e l importanza della DET. 23

24 Approccio convenzionale Dato che l artrosi insorge prevalentemente nei soggetti più anziani, il trattamento convenzionale di per sé comporta alcuni rischi a causa degli effetti collaterali dei farmaci. Diminuzione dell aggregazione delle piastrine ematiche Ritenzione idrica Disturbi gastrointestinali Problemi a livello epatico e renale IAH Gli effetti collaterali non sono trascurabili, come si pensa generalmente, in seguito all impiego cronico dei FANS. Specialmente nei soggetti anziani, i rischi maggiori di insorgenza di complicanze dovute a tali effetti collaterali sono reali, dato che spesso è già presente un problema sottostante a livello cardiaco, epatico o renale. I disturbi dell aggregazione delle piastrine ematiche (emorragie che compaiono più facilmente e durano più a lungo), la ritenzione idrica (insufficienza cardiaca), i disturbi gastrointestinali (gastrite bruciante, formazione di ulcera) e la disfunzione epatica e/o problemi a livello renale comportano un rischio estremamente elevato per questi pazienti geriatrici. È necessario esprimere commenti in relazione ai recenti problemi riscontrati in associazione all impiego degli inibitori della Cox 2 e all effetto prodotto dai FANS sulle condizioni della cartilagine? 24

25 FANS ed effetti collaterali Il 20% di tutte le presunte reazioni avverse ai farmaci, segnalate alla FDA, riguarda i FANS eventi avversi gravi e decessi dovuti all impiego di FANS in pazienti ricoverati in ospedale, registrati nel 1994 negli Stati Uniti IAH Ripetutamente, l ente statunitense Food and Drug Administration (FDA), conosciuto come uno degli organismi di controllo più severi e più critici del mercato dei prodotti farmaceutici quando è in gioco la protezione dei pazienti, ha messo in guardia in merito all uso/abuso dei FANS. È stato stimato che il 20% di tutte le presunte reazioni avverse ai farmaci riguardava i FANS. Nel 1994, sono stati segnalati eventi avversi gravi e si stima che, soltanto negli Stati Uniti, circa persone sono decedute nel corso dello stesso anno in seguito all impiego di FANS. All interno di questo gruppo, le emorragie gastrointestinali rappresentavano la causa principale di morte avvenuta in seguito all uso/abuso dei FANS. Anche in questo caso, ritengo che sia almeno necessario esprimere alcuni commenti in merito agli inibitori della Cox 2, dato che è stato un argomento molto dibattuto recentemente. 25

26 Trattamento omotossicologico dell artrosi IAH 2007 Per quanto concerne l omotossicologia, l approccio terapeutico all artrosi differisce notevolmente da quello convenzionale. Dato che si tratta di una malattia degenerativa cronica, si devono utilizzare tutte le strategie basate sui 3 pilastri della terapia omotossicologica. 26

27 Trattamento omotossicologico Drenare il terreno del paziente Regolare il processo flogistico all inizio della cascata infiammatoria (nessuna soppressione) Fornire supporto al tessuto colpito Rigenerare, laddove possibile Migliorare la qualità di vita del paziente IAH L approccio combinato, basato sulla strategia dei 3 pilastri del trattamento omotossicologico dell artrosi, prevede: Un processo di drenaggio del terreno. L ambiente extracellulare viene detossificato per migliorare il trasporto delle sostanze nutritive, dei mediatori, ecc., ma anche per favorire l eliminazione dei sottoprodotti metabolici e di altre eventuali tossine. Il processo infiammatorio viene regolato in modo che vengano mantenute le caratteristiche fisiologiche, ma gli aspetti negativi e distruttivi siano ridotti al minimo. Attraverso tale regolazione, si eliminano le omotossine responsabili dell insorgenza della malattia, inibendo nel contempo la sintomatologia. Si fornisce supporto al tessuto danneggiato. Vengono create le condizioni tali in cui le cellule sinoviali e i condrociti funzionanti meglio sono supportati nell espletamento delle relative funzioni fisiologiche. Una migliore funzione rigenerativa della cartilagine tende ad inibire gli effetti degenerativi del processo artrosico e tenta di rallentare o di ridurre i danni. 27

28 ZEEL IAH Benché in teoria non sia possibile una correlazione diretta tra le coordinate della DET e un farmaco, ciò è stato dimostrato con Zeel. Le patologie articolari degenerative sono indicate nella tavola soltanto nella fase di degenerazione cavodermale e Zeel viene impiegato appositamente per queste indicazioni terapeutiche. Tuttavia, la monoterapia con Zeel non è sufficiente a risolvere la condizione dell artrosi. 28

29 I 3 pilastri del trattamento omotossicologico dell artrosi 1. Drenaggio e disintossicazione: Detox-Kit 2. Immunomodulazione: Arnica comp.-heel* 3. Supporto organico e cellulare specifico: Zeel IAH 2007 È necessario iniziare con una purificazione generale dell ECM, non soltanto a livello dell articolazione colpita. A tale scopo, Detox-Kit rappresenta la terapia più appropriata (vedi IAH AC - Drenaggio e disintossicazione). In caso di artrosi attivata, l immunomodulazione viene ottenuta grazie all impiego di Arnica comp.-heel. Sono noti molti effetti correttivi di Arnica comp.-heel, fra cui l inibizione dei mediatori proinfiammatori IL-1, TNF-alfa e IL-8, solo per citarne alcuni. Arnica comp.-heel aumenta anche il rilascio di TGF-beta da parte delle cellule Treg (cellule TH-3), inibendo mediante questo mediatore le cellule proinfiammatorie TH-1 e TH-2. Zeel-T contiene anche diversi estratti vegetali che regolano l infiammazione, nonché organoterapici di suino che sono correlati all articolazione. Inoltre, i catalizzatori essenziali presenti in questo rimedio potenziano il processo di ossigenazione cellulare delle cellule sinoviali e dei condrociti. Nei Paesi in cui Zeel-T non è disponibile in commercio, Zeel compositum può essere integrato per il supporto organico e cellulare con l impiego di Coenzyme compositum, contenente i principali catalizzatori del ciclo di Krebs, per potenziare le funzioni metaboliche delle cellule sinoviali e dei condrociti. *Arnica comp.-heel è chiamato Traumeel in altri paesi 29

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

ANMAR ONLUS. Conoscere le malattie reumatiche

ANMAR ONLUS. Conoscere le malattie reumatiche ANMAR ONLUS Conoscere le malattie reumatiche ANMAR Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Conoscere le malattie reumatiche A cura di: ANMAR Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Realizzato

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Come, reumatismo infantile? Ma esiste?

Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Dr. med. Traudel Saurenmann, Ospedale pediatrico di Zurigo Quando racconto a qualcuno che mi occupo di reumatologia infantile, spesso la reazione si tratti di un

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte Unità Operativa Complessa di Reumatologia Ospedale S. Chiara, Trento Quaderni ATMAR 6 spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte In collaborazione con l Unità

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli