Attività fisica e sostanze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attività fisica e sostanze"

Transcript

1 Attività fisica e sostanze G. Savino Medico specialista in Medicina dello Sport e Farmacologia Centro Regionale Antidoping Emilia Romagna Reggio Emilia 2/5/2012

2 Io per la mia salute farei qualunque cosa tranne la dieta e il moto. (O. Wilde)

3 Le sostanze e lo sport non dovrebbero avere nulla da condividere; lo sport e, più generalmente, l'attività fisica non hanno bisogno di farmaci o supplementi di natura sintetica.

4 Nello sport spesso sulla base di stereotipi più o meno condivisibili si tenta di escogitare l opportuna strategia per limitare e/o prevenire i danni indotti dalla pratica agonistica e per facilitare il recupero dell atleta Ciò a volte si fonda sulla confusione che nasce dall applicazione dei principi clinico/terapeutici al contesto sportivo agonistico ed induce ad un eccessiva ed a volte inutile od erronea medicalizzazione dell atleta Nel caso in questione il concetto di integrazione assume molteplici sfumature e significati e si espande anche in settori in cui non dovrebbe trovare applicazione L integratore alimentare viene proposto : A scopo ergogenico Per il recupero post-allenamento A scopo preventivo per contrastare un affaticamento prevedibile A scopo terapeutico dopo l infortunio Per il mantenimento della forma fisica Per contrastare gli effetti dello stress psicofisico

5 Per la prescrizione di una integrazione alimentare giustificabile sono (sarebbero) utili: Una valutazione medico-sportiva Una visita nutrizionale Una valutazione da parte di un esperto (laureato) in scienze motorie Qualsiasi programma dovrebbe essere personalizzato

6 La corretta alimentazione può sopperire a qualsiasi fabbisogno se adeguata allo stile di vita Casi di incompatibilità con una corretta alimentazione da considerare per la prescrizione di una supplementazione della dieta dell atleta : Stile di vita non consono al rispetto dei 5 pasti quotidiani (attività agonistica intensa, regime di allenamento e preparazione pre-campionato) Individuale avversione (per motivi di gusto personale) al consumo di particolari categorie di alimenti Allergie alimentari individuali ACCERTATE Patologie gastrointestinali (e non) Stomatite/Glossite Stato di convalescenza In generale Malassorbimento dipendente o meno da terapia farmacologica in atto

7 Attenzione, inoltre, alle fonti di informazione a cui lo sportivo disattento può attingere!

8 E un ormone, non è un AA o un integratore, È slealmente e scriteriatamente impiegato in pericolosissime pratiche dopanti SOMATOTROPINA - HGH 191 aminoacidi pm 22,000 daltons.

9 ? I N T E G R A Z I O N E

10 Ed alle inesattezze contraddittorie

11 QUOTA DEGLI INTEGRATORI NEL MERCATO COMMERCIALE DELLE FARMACIE INTEGRATORI 10,3% (Anno 2003) 721 MILIONI DI EURO TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI 89,7%

12 ALTRI CANALI ERBORISTERIA 310 MILIONI DI G D O 100 MILIONI DI ALTRI CANALI 100 MILIONI DI MERCATO TOTALE CIRCA MILIONI DI

13 Ma allora, gli integratori funzionano o no? Sono realmente efficaci? - L integratore non è un farmaco! - Non bisogna esagerare con le aspettative - Chiarirsi le idee su ciò che ci si aspetta dal prodotto - Quale prodotto? - Soprattutto quando assumerlo e come

14 Se potessimo agire con prodotti in formulazione orale senza interferenze (dannose) sui processi biomolecolari alla base del controllo dello stress ossidativo indotto dall allenamento, e responsabili del catabolismo ed anabolismo cellulare; se avessimo la certezza che dal punto di vista farmacocinetico nell organo bersaglio della molecola somministrata si ottenesse l adeguata concentrazione, per una durata di tempo sufficiente, senza rischio di effetti collaterali e con risultato positivo e dimostrabile statisticamente la medicina sarebbe una scienza esatta.

15 Tenendo in debito conto il potere dell effetto placebo Analizziamo alcuni casi

16 Vitamine Deficit = carenze nutrizionali; scorretta alimentazione; patologie metaboliche; aumentato fabbisogno (gravidanza); alterato assorbimento intestinale; alcolismo cronico. Uno dei tanti sintomi del deficit vitaminico è l astenia (dipende dal tipo di vitamina carente) La stanchezza non è sempre sintomo di carenza vitaminica e spesso si risolve con un adeguato riposo!!! N.B. si può manifestare anche la condizione contraria al deficit, quella di ipervitaminosi, derivante soprattutto da un eccesso di assunzione di integratori. Le vitamine non sono batterie di emergenza per la stanchezza in ogni caso. Se carenti a causa di una scorretta alimentazione meglio mangiare più frutta e verdura

17 Sali minerali? L integrazione o, meglio, il re-integro di Sali minerali dopo una abbondante sudorazione è molto importante ed essenziale per l organismo. Giusto l utilizzo di comuni prodotti isotonici, sarebbe meglio che l atleta preparasse la propria bibita a base di sali minerali con acqua, limone, zucchero e sale da cucina. O consumasse frutta di stagione dopo l allenamento Errori comuni: utilizzo di bibite isotoniche, per il reintegro, come bevande ai pasti ed a merenda (rischio di ipertensione); Impiego di prodotti in polvere da disciogliere in acqua, sbagliando diluizione si rischia di ottenere concentrazioni errate diarrea, crampi addominali; Impiego di bevande gassate dolcificate o ricche in coloranti.

18 CREATINA L osservazione che la carne di animali selvatici contiene una quantità di creatina anche 10 volte superiore a quella di animali in cattività (Lieberg, 1850), fece ipotizzare un ruolo importante della creatina per l attività muscolare. In seguito si osservò che l assunzione di supplementi dietetici di creatina poteva far aumentare fin del 70% la sua concentrazione nei muscoli.

19 1998 procurarsi, detenere e somministrare ai calciatori trattati, sia durante il ritiro precampionato, sia durante la stagione agonistica, prodotti contenenti creatina a dosaggi giornalieri superiori ai 6 grammi (inizialmemnte dosi comprese fra i dieci e trenta grammi/die), nonché negli intervalli delle partite a dosaggi pari a 2-3 grammi, in contrasto con le specifiche indicazioni fornite al riguardo dal Consulente in materia della Juventus F.C. s.p.a., in maniera continuativa e senza necessità clinica, con l'intento di potenziare le prestazioni di atleti per i quali non erano documentate condizioni cliniche che giustificassero l'impiego di siffatte dosi di creatina e pur nella consapevolezza di eventuali sovraccarichi epatici o renali o effetti collaterali tipo diarrea o incremento ponderale

20 Internet, supermarket della creatina (1998) Basta collegarsi, scrivere creatine ed ecco che su Internet si entra nel supermercato telematico della sostanza che sta mettendo a soqquadro il mondo del calcio italiano: la creatina. Sì, c'è quella in pasticche, quella in polvere e quella liquida; c'è quella per i pesisti e per gli appassionati di body building, c'è quella che è consigliata per chi vuole gonfiarsi i muscoli e per quelli che fanno sport, giocano a calcio, corrono, fanno la maratona, si divertono con il tennis o vanno in piscina, insomma ce n'è per tutti i gusti. Altro che medici e farmacisti compiacenti: volendo è facilissimo acquistarla, online. Si vende liberamente in Italia, ma si può comprarla anche in Rete. Tutto regolare, tutto lecito: si dà il numero di carta di credito e il pacco ti arriva a casa. I siti sono per la stragrande maggioranza statunitensi: su Yahoo, uno dei grandi motori di ricerca, ne appaiono una ventina. Volete mille grammi, fatto, per meno di quaranta dollari. Se ne prendete duemila ecco che vi fanno anche lo sconto e per dollari vi fate una scorta gigantesca e via con l'iperdosaggio. Nessuna sorpresa, è come al supermercato. I produttori si fanno addirittura concorrenza e sui siti ecco anche i consigli dell'esperto, le Faq, cioé gli spazi di discussione collettiva, i listini e i cataloghi che arrivano per posta elettronica e sono aggiornati con gli ultimi prodotti, gli ultimi preparati....uno, due grammi: su Internet si vende a chili, la creatina. Basta un clic, un numero di carta di credito e il pacco 'miracoloso' arriva per posta. Facile, no? Andrea Galdi (IL MATTINO 19 agosto 1998)

21 !!!

22 Creatina (gr.: Κρεας=carne) Acido N-metil-guanidinoacetico La forma fosforilata, fosfocreatina o creatina fosfato (CP), indispensabile al metabolismo muscolare, è un importante forma di deposito di fosfati ad alta energia. I gruppi fosfato della fosfocreatina vengono trasferiti durante l attività muscolare dalla creatin-chinasi (o creatinfosfochinasi = CPK) all ADP con produzione di ATP e creatina

23 Produzione endogena? CREATINA = composto azotato sintetizzato dal fegato, dai reni e dal pancreas a partire dagli aminoacidi Arginina, Metionina e Glicina. Produzione endogena quotidiana = circa 1 grammo Dieta completa normale (carne, pesce) = circa 1 grammo/die La produzione endogena di Creatina durante una supplementazione dietetica tende a diminuire e ritorna normale dopo un periodo variabile di sospensione dell integrazione alimentare (Persky AM & Brazeau GA: Clinical pharmacology of the dietary supplement creatine monohydrate. Pharmacol Rev 2001; 53(2): ) Livelli normali di creatina plasmatica = micromoli/litro (in soggetti vegetariani tali livelli raggiungono le 25 mcmol/l ma non necessariamente si hanno bassi livelli di fosfocreatina) Normal Creatine Body Pool = gr. (95% muscolare)

24 Durante l'attività motoria di intensità massimale e di breve durata, la disponbilità dinamica di ATP è ottenuta quasi esclusivamente a mezzo del processo anaerobico alattacido che si realizza mediante la defosforilazione della fosfocreatina, con il conseguente passaggio dell'adp allo stato di ATP, atto a liberare energia per la contrazione muscolare, mediante la seguente reazione reversibile ph-dipendente: creatina chinasi fosfocreatina + ADP <--> creatina + ATP secondo cui la creatina viene poi rifosforilata durante il periodo di riposo

25 I supplementi di creatina non alterano i livelli di ATP a riposo, ma l incrementata concentrazione di fosfocreatina conseguente alla assunzione di creatina permette di mantenere in evoluzione dinamica le concentrazioni di ATP durante uno sforzo di elevata intensità e di breve durata. La fosfocreatina rappresenta, infatti, un pool di riserva energetica rapidamente utilizzabile per il ripristino del contenuto muscolare di ATP.

26 CONTROINDICAZIONI Uso di diuretici Disidratazione Allergia o ipersensibilità individuale alla Creatina Deficit della funzione renale EFFETTI AVVERSI Disidratazione Disturbi gastrointestinali, diarrea Crampi muscolari Disfunzione renale Ritenzione idrica Aumento del rischio di strappo muscolare

27 INTERAZIONI Caffeina Cimetidina Diuretici FANS Probenecid Trimethoprim

28 Caffeina: la caffeina inibisce la risintesi di fosfocreatina durante il recupero muscolare (meccanismo ancora poco studiato) Cimetidina: compete con la creatinina per la secrezione tubulare, la sua presenza può aumentare i livelli di creatinina plasmatica Diuretici: modificano la funzione renale e inducono disidratazione, si sommano dunque gli effetti avversi FANS: riducono la perfusione renale prostaglandino-dipendente Probenecid: agente bloccante il trasporto tubulare renale, riduce e modifica la diuresi Trimethoprim: causa elevazione della creatinina sierica per riduzione della clearance renale della creatinina (Shouval et al, 1978)

29 Creatina, posologia e dati farmacocinetici (1) Sono raccomandati regimi differenti di creatina per differenti tipi di atleti: soggetti in buona salute, che seguano una dieta ricca in grassi e povera in proteine e carboidrati dediti ad attività sportiva saltuaria ricreazionale, 70 kg di peso = g/die per non più di 2 settimane. Atleti semi-professionisti o professionisti, attività sportiva intensa quotidiana, 70 kg di peso = fino a 6 g/die per 2 settimane L utilizzo di regimi prolungati di assunzione oltre i 6 g/die sono riservati a casi particolari di deficienza nutrizionale o congenita. (Benzi & Ceci, 2001)

30 Creatina, posologia e dati farmacocinetici (2) - I metaboliti della creatina sono: Creatinina, inattiva, eliminata a livello renale Metilammina deaminata enzimaticamente con formazione di formaldeide, perossido di idrogeno e ione ammonio (la formaldeide è in grado di legare DNA e proteine ed è ipotizzabile un suo ruolo principale nella disfunzione renale osservata dopo prolungata assunzione di creatina) -Escrezione renale = 40% nelle prime 10 ore La concentrazione di creatinina urinaria è correlata alla concentrazione cellulare di creatina, appena tale concentrazione massima cellulare è stata raggiunta e la creatina non viene più assorbita, la quota di creatinina escreta si stabilizza ( g/24h dopo assunzione di 20 g/die, fino a 4.5 g/24h dopo 21 gg. Di integrazione alla stessa dose) (Clark, 1998; Vandeberghe et al, 1997).

31 Controindicazioni ed effetti avversi Una funzione renale compromessa non è compatibile con l utilizzo di creatina, sconsigliata anche in condizioni di severa disidratazione e in concomitanza con l uso di farmaci che possano compromettere o soltanto impegnare seriamente la funzione renale (probenecid, FANS, cimetidina, trimethoprim). 2 gr/die per 7 settimane = disfunzione renale reversibile (Case report Greehaff,1998, Pritchard & Kalra,1998)

32 Assunzione di creatina = aumento del peso corporeo (prevalente aumento della ritenzione idrica intracellulare) Disidratazione (Juhn et al, 1999) Apporto esogeno di creatina riduce drasticamente e per lungo tempo la produzione endogena (Stricker, 1998) Diarrea osmotica (nei casi da carico di creatina in parte non assorbita) Crampi muscolari (non significativamente correlati all uso di creatina, esercizio prolungato o ritenzione idrica nel muscolo?) Contaminanti = (produzione di creatina da sarcosina e cianamide) dicianamide, diidrotriazina, creatinina. Uso prolungato = citotossicità da contaminanti (Benzi & Ceci, 2001)

33 La creatina può migliorare la performance atletica specialmente in occasione di sforzi intensi ma di breve durata (dai 2 ai 30 secondi) Scarsa è l informazione sulla corretta posologia, sui reali effetti della creatina e sui suoi effetti avversi Larga produzione di prodotti a base di creatina preparati con scarsa competenza e ricchi di contaminanti (creatinina, diidrotriazine)

34 La creatina ha scarsa solubilità! Dopo somministrazione orale di creatina il trasporto della stessa a livello intracellulare dipende dall effettivo bisogno dell organismo, il trasporto di creatina nei tessuti è influenzato positivamente dalla presenza di catecolamine, IGF 1, insulina.

35 La creatina è una polvere bianca inodore e virtualmente insapore che si scioglie facilmente nei liquidi. La creatina del commercio viene ottenuta da estratti di carne, ma attualmente soprattutto per sintesi (sarcosina + cianamide). Se la purificazione è inadeguata, i prodotti del commercio possono contenere quantità variabili di creatinina, di diidrotriazina, di cianodiamide. Table 1. DCD, DHTs and Cn Contents of Some Commercially Available Sources of Cr.H 2 O (from ref [17]) DCD* DHTs* Cn* Chinese producer (1) 18,000 No data 100 Chinese producer (2) 2,300 No data 1,500 German producer < 20 n.d. < 50 USA producer (1) ,500 USA producer (2) n.d. =not detected; * ppm

36

37

38

39 Combustione Movimento + + fosfocreatina ADP ATP ATP ADP Energia Contrazione

40 Per un periodo di tempo relativamente breve si verificherà un più rapido trasporto di P ed una più rapida formazione di ATP con maggiori capacità di contrazione muscolare

41 ? Stabilizzatasi la concentrazione intracellulare di creatina in rapporto alla capacità dell organismo di produrre ATP (derivante prevalentemente da fattori genetici)

42 La creatina può migliorare la performance atletica specialmente in occasione di sforzi intensi ma di breve durata (dai 2 ai 30 secondi) (a patto di mirare e centrare farmacologicamente il tempo e le modalità di assunzione del prodotto in occasione della performance)

43 AMINOACIDI

44 Prodotti dai residui che derivano dalla digestione delle proteine (pepsina, tripsina), alcuni di essi non possono essere però sintetizzati dall organismo umano e vengono definiti ESSENZIALI triptofano, fenilalanina, lisina, treonina, valina, leucina, isoleucina e metionina Il compito fondamentale degli aminoacidi è quello di costituire le proteine.

45 LAVORO MUSCOLARE INTENSO glicolisi glicogenolisi se protratto nel tempo Anche gli aminoacidi possono costituire una reale fonte di energia

46

47 Gli AA impegnati nella produzione di energia derivante dalle proteine sono principalmente gli AA ramificati: VALINA, LEUCINA, ISOLEUCINA

48 Aminoacidi ramificati utili nel favorire l aumento di massa muscolare? NO senza uno stimolo adeguato all anabolismo (ormoni) anche una maggiore disponibilità di mattoni per la costruzione delle proteine non ha un senso nella crescita muscolare. L attività anabolica, inoltre, è strettamente contenuta e controllata da segnali biochimici impostati geneticamente secondo la costituzione individuale Dunque l assunzione di BCAA non può migliorare la prestazione atletica come molti suppongono

49 La quota degli AA utilizzati per la sintesi proteica dipende essenzialmente dal livello di catabolismo proteico derivante dallo sforzo muscolare, esse è Il risultato di un bilancio. Più intenso e prolungato nel tempo è lo sforzo, più potrebbe aver senso una leggera integrazione con AA all alimentazione E possibile fare una stima del catabolismo proteico dopo sforzo muscolare misurando l azoto espulso con le feci, il sudore e le urine (Tarnopolsky 1998)

50 Una corretta alimentazione, varia e bilanciata corrisponde al fabbisogno di aminoacidi dell organismo dell atleta. 250 g. di carne di pollo contengono circa 10 g di AA AA utili nel recupero post-allenamento? Solo in casi particolari di sforzo intenso e prolungato: Maratona, podismo ed alcune gare ciclistiche (oltre i 50 km).

51 l'assunzione di aminoacidi (arginina, lisina, ornitina, glutammina, tirosina e altri) aumenta i livelli di ormone della crescita, la potenza aerobica e la prestazione in attività massimali? NO alcuni studi che hanno proposto simili risultati sono stati effettuati su gruppi di soggetti anziani, defedati ed in regime di ricovero, con problemi relativi ad una scarsa alimentazione o difficoltoso assorbimento di nutrienti, soggetti in cui una somministrazione esogena di AA ha prodotto uno stimolo alla produzione di HGH ed insulina. Tali risultati non sono applicabili a soggetti giovani in buona salute

52 Effetti collaterali Sovradosaggio o somministrazione: Epatopatie Nefropatia Dispepsia Encefalopatia

53 BCAA in COMPRESSE vs DIETA MEDITERRANEA 3 compresse contengono: micronutriente mg Vit B6 3 mg Gli stessi micronutrienti (o in maggiore quantità) contenuti in: Leucina Isoleucina Glutammina Alanina Glicina Valina Taurina 750 mg 375 mg 375 mg 750 mg 750 mg 375 mg 60 mg 1 Piatto di pasta e fagioli 150 gr di fesa di tacchino + insalata lattuga 30 gr di parmigiano + 50 gr di pane comune Macedonia di frutta + 25 gr di nocciole e 15 gr di mandorle

54 Ac. Glutammico (glutammato) Oltre al suo ruolo di costituente delle proteine, nel sistema nervoso è anche un neurotrasmettitore eccitatorio ed un precursore dell'acido gamma-amminobutirrico (GABA). L'acido glutammico non attraversa la barriera ematoencefalica; per giungere al cervello, dove viene usato per la sintesi proteica, viene convertito in glutammina. Si ipotizza che l'acido glutammico sia coinvolto nel cervello in funzioni cognitive quali l'apprendimento e la memoria, benché in quantità eccessive possa causare danni neuronali tipici di sclerosi progressive (come la sclerosi laterale amiotrofica) e del morbo di Alzheimer.

55 glutammato alfa-chetoglutarato Glutammato-deidrogenasi

56

57

58 Belli; Vanacore, 2005

59 Le Proteine

60 FUNZIONE PLASTICA FUNZIONE ENERGETICA

61 Proteine alimenti di origine animale (proteine nobili ): pesce, carne, uova, latte e derivati alimenti di origine vegetale: legumi, cereali

62 Fabbisogno proteico % Kcal/die (Razione Dietetica Raccomandata) 1g di proteine = 4 Kcal Adolescenti = 0.9 gr/kg di p.c./die Adulti = 0.8 gr/kg di p.c./die Es. adolescente di 67 Kg = 60 gr. di proteine/die Es. uomo adulto di 90 Kg = 72 gr. di proteine/die Es. donna di 60 Kg = 48 gr. di proteine/die

63 Premessa Fondamentale L integrazione a base di proteine può essere giustificata eventualmente per: Maratoneti Body Builders professionisti ( ) Vegetariani Soggetti che seguono un alimentazione povera di carne e pesce per scarsa appetibilità o a causa di patologie Soggetti che per motivi di lavoro o attività sportiva professionistica non riescono a sostenere pasti principali completi ed adeguati al fabbisogno proteico quotidiano

64 Quali proteine scegliere? valore biologico (VB) indica la quantità di azoto trattenuto per il mantenimento del bilancio. Il valore di riferimento è l'uovo il cui valore biologico è 100

65 Eccedere nell introito proteico può comportare: Aumento dell uremia* Affaticamento del Rene Compromissione della funzione del fegato Ritenzione idrica (paradosso dell aumento di massa) Dispepsia, rallentamento dello svuotamento gastrico Meteorismo Diarrea Nausea Vomito Non esiste un meccanismo biochimico di deposito delle proteine come tali nell organismo,*le proteine in eccesso vengono trasformate in grassi di deposito e le scorie eliminate come urea con sovraccarico del rene il cui compito è proprio quello di purificare il sangue dall'urea per la sua successiva eliminazione con le urine.

66 Le proteine vengono assorbite fino ad un massimo, di solito proporzionale al peso, ma dipendente anche dalla dieta individuale e da caratteristiche costituzionali. la quota massima di proteine che il nostro organismo usa a scopo plastico (per costruire i muscoli) è relativamente bassa e non è possibile forzarlo a usarne di più a questo scopo. Uno dei motivi per cui le diete iperproteiche non inducono un notevole incremento ponderale deriva dal fatto che le proteine in eccesso vengono eliminate. Non è però una buona strategia ricorrere a tali diete: i prodotti di rifiuto sovraccaricano inutilmente l'organismo. Inoltre un'alimentazione decisamente proteica è del tutto innaturale.

67 Numerosi studi hanno evidenziato che non occorrono supplementazioni proteiche, qualora il soggetto che pratica sport rispetti un introito calorico adeguato al mantenimento del peso corporeo

68 Glutammina

69 È un aminoacido che deriva dall'acido glutammico usata come coadiuvante nelle forme di stress psichico in quanto ha un ruolo importante nella biochimica del SNC. È indispensabile per la produzione di amminoacidi non essenziali. Attualmente viene proposta come la panacea per tutti gli atleti; la diffusione dell'integratore arriva dal body building.

70 La glutammina dovrebbe : a) prevenire il catabolismo muscolare (proprietà scoperta in campo chirurgico dove si è visto che alte dosi di glutammina aiutano il ripristino dei tessuti muscolari: in situazioni "normali" ciò non si verifica, impedire il catabolismo muscolare, inoltre, significa abolire una delle fonti energetiche alternative); b) favorire il recupero (sarebbe allora meglio utilizzare gli aminoacidi ramificati la cui funzione è diretta e molto più rapida); c) stimolare l'ormone della crescita (studi condotti su soggetti "normali e allenati" non hanno replicato i risultati su soggetti ospedalizzati e anziani"); d) rinforzare le difese immunitarie (se fosse vero in modo significativo perché non sostituire la glutamina ai vaccini?) e) aumentare il volume delle cellule muscolari, aumentando la quota idrica (se questo interessa un body builder, non è utile per uno sportivo in cui l aumento di peso è spesso un handicap); f) avere un'azione disintossicante, epatoprotettiva e antinfiammatoria (dati non confermati);

71 I Carboidrati

72 Gli zuccheri sono la fonte energetica principale dell atleta La Glicolisi produce 2 molecole di ATP Alimenti Energia chimica energia meccanica

73

74 Assumere carboidrati induce un aumento della Glicemia L elevazione della glicemia favorisce la produzione di insulina: Gli zuccheri vengono veicolati nei tessuti Aumenta la produzione di glicogeno epatico Il surplus di zuccheri segue la via della trasformazione in grassi Vengono bloccati l utilizzazione dei grassi e la glicogenolisi

75 CARBOIDRATI complessi (pane, pasta, polenta, riso, ecc.) semplici (zucchero, frutta, dolci, ecc.)

76 Fabbisogno glucidico = 55-60% Kcal/die 1g di carboidrati = 4Kcal Ha senso un assunzione di succheri semplici, ad alto valore glicemico prima della prestazione sportiva? NO ciò indurrebbe un picco glicemico che, stimolando la secrezione di insulina, avrebbe breve durata e sarebbe inefficace all economia dell organismo nello sforzo immediato. Il carico glucidico può aver senso se effettuato tra le 24 e le 3 ore prima della gara a base di carboidrati complessi a favore del ripristino delle scorte di glicogeno

77 Prima della gara o dell allenamento dunque Attenzione agli alimenti con elevato indice glicemico ipoglicemia secondaria diminuzione del catabolismo dei grassi rapida deplezione riserve di glicogeno

78 Ipotizzabile l assunzione controllata di maltodestrine Da non sottovalutare però che Una porzione di crostata alla marmellata associata ad un succo d arancia può costituire un valido spuntino pre-gara Dipende dal tipo di gara e Sport E dunque dai meccanismi energetici impiegati

79 Anaerobico Alattacido: sfrutta ATP disponibile e quello ottenibile dalla CP (max potenza, 6-8 sec) Anaerobico Lattacido: utilizza glucosio e glicogeno in modo rapido ma incompleto (glicolisi anaerobica, elevata potenza, max secondi) Aerobico: può utilizzare sia il glucosio sia i grassi sia aminoacidi, altamente redditizio ma scarsamente potente

80 Carnitina

81 La carnitina è una sostanza organica presente in alcuni batteri, lieviti, vegetali e in vari tessuti animali (principalmente nel cuore, nel muscolo scheletrico, nei reni, nel fegato, nei testicoli); a livello della membrana mitocondriale facilita l ingresso degli acidi grassi e la loro utilizzazione a fini energetici. È sintetizzata a partire da lisina e metionina in presenza di vitamina C e ferro. Nell organismo umano solo la L-Carnitina ha una funzione biologica

82 La L-carnitina facilita il passaggio dei lipidi a catena lunga all'interno dei mitocondri facilitandone l'ossidazione. Poiché l ossidazione degli acidi grassi produce energia si è ipotizzato che l'assunzione di carnitina potesse migliorare le prestazioni atletiche.

83 In realtà a)non c'è nessun miglioramento nelle prestazioni con la somministrazione di 2-3 g di carnitina al giorno b) anche dopo attività intensa non si registra deficit di L-carnitina e in situazione di carenza glicogenica l'assunzione di L-carnitina non modifica il pool energetico utilizzato dalle cellule. In realtà alcuni ricercatori affermano di aver ottenuto risultati con somministrazioni di 15 g per 20 giorni (una quantità usata in cardiologia per curare gli scompensi cardiaci)

84 Caffeina, Guaranà

85 La caffeina appartiene alla famiglia delle metilxantine, forse è la xantina più nota e diffusa al mondo strutturalmente correlata alla teofillina ed alla teobromina; alcaloidi presenti in vegetali ampiamente diffusi in natura. Oltre alla pianta del caffè, contengono metilxantine anche la pianta del tè (Thea Sinensis), quella della noce di Cola Acuminata e la pianta del cacao (Theobroma cacao)

86 la guaranina è un analogo della caffeina, essa è il principio attivo della pianta di Guaranà, tale principio è utilizzato come stimolante ed ingrediente nella preparazione di molti integratori alimentari

87 CAFFEINE CONTENT OF FOODS CARBONATED BEVERAGES PORTION SIZE CAFFEINE (mg) Coca-Cola (prepackaged) 12 oz 46.5 Coca-Cola (fountain drink) 12 oz 37.9 to 44.6 Diet Coke (prepackaged) 12 oz 46.5 Diet Coke (fountain drink) 12 oz 46.4 to 48.1 Diet Pepsi (prepackaged) 12 oz 30.3 Diet Pepsi (fountain drink) 12 oz 37.2 to 44.1 Pepsi (prepackaged) 12 oz 32.1 Pepsi (fountain drink) 12 oz 37.4 to Up, Sprite 12 oz 0 CHOCOLATE PRODUCTS PORTION SIZE CAFFEINE (mg) Baking chocolate 1 oz 35 Chocolate bar 1 bar 60 to 70 Cocoa 8 oz 10 to 17 Milk chocolate 1 oz 6 COFFEE PORTION SIZE CAFFEINE (mg) Brewed, ground 5 oz 85 to 200 Expresso 1.5 to 2 oz 100 Ground, decaffeinated 5 oz 2 to 4 Instant, decaffeinated 5 oz 0.5 to 3 Instant, freeze dried 5 oz 53 to 70 TEA PORTION SIZE CAFFEINE (mg) Bagged, green 5 oz 31 Bagged, herb or mint 5 oz Trace Bagged, regular, black 5 oz 40 to 50 Instant 5 oz 30

88 I principali effetti della caffeina sono attribuibili alla sua azione di antagonista competitivo nei confronti dei recettori dell adenosina. L adenosina agisce alterando la modulazione delle correnti ioniche che preludono al rilascio dei principali neurotrasmettitori eccitatori (catecolamine). La caffeina e le altre xantine antagonizzano l effetto dell adenosina procurando dunque un azione eccitatoria indiretta.

89 La caffeina è da considerare un blando stimolante, aumenta la secrezione di noradrenalina e si distribuisce molto rapidamente a tutti i tessuti dopo il suo assorbimento; è in grado di superare anche la barriera placentare

90 L assunzione di caffeina produce tolleranza, essa si instaura rapidamente e gli effetti delle dosi successive si manifestano con intensità e caratteristiche differenti nell uso continuato. E stata riportata anche una lieve sindrome di astinenza, in numerosi studi controllati (Phillips-Bute & Lane, 1998; Lane & Phillips-Bute, 1998; Lane, 1997), caratterizzata da sedazione, letargia, sensazione di fatica, nausea, cefalea (ufficialmente classificata nel gruppo 8 delle cefalee da assunzione di sostanze, nel sottogruppo delle cefalee da astinenza e sospensione di farmaci, dall International Headache Society).

91 L allattamento è considerato compatibile con l ingestione di bevande a base di caffeina (non superiore a 500 mg/die), assunzioni a dosaggi superiori possono indurre insonnia ed irrequietezza nel neonato (Briggs et al, 1998). La caffeina ed il suo metabolita teofillina vengono eliminati a livello renale, l 1% della caffeina assunta risulta immodificato nelle urine (fino all età di 9 mesi la percentuale di caffeina eliminata in forma immodificata nelle urine corrisponde all 86%) La clearance della caffeina risulta molto aumentata nei fumatori rispetto ai non fumatori (Kaplan et al, 1997).

92 Un impiego comune della caffeina è rilevabile nel contesto della pratica sportiva come integratore a scopo dimagrante o riducente la sensazione di fatica, il miglioramento del livello di attenzione e l incremento della funzione ventilatoria e cardiaca propongono la caffeina come ipotetico supporto al miglioramento della performance atletica. La caffeina, per valori superiori a 12 mcg/ml rilevati nelle urine costituiva positività per doping fino al 2005 ed era inserita nella classe delle sostanze vietate redatta dal Comitato Internazionale Olimpico (C.I.O.)

93 Esempio di un importante modifica: CAFFEINA La caffeina fu inserita nella lista delle sostanze dopanti dalla Commissione medica del CIO da quando è stato appurato che veniva assunta dagli atleti ad alti dosaggi per le sue proprietà eccitanti. Dal 2005 la caffeina è consentita senza restrizioni Per non vietare del tutto la possibilità di bere bevande contenenti caffeina fu fissato un valore minimo di 12 microgrammi di caffeina per ml di urina. La caffeina ha effetti rilassanti sulla muscolatura liscia, in particolare su quella bronchiale, ha anche un effetto stimolante a livello del sistema nervoso centrale, del muscolo cardiaco, della muscolatura scheletrica ed un effetto diuretico a livello renale. La presenza di un'elevata concentrazione di caffeina nell'urina può dipendere anche dalla relativa ingestione di un'elevata quantità sotto forma di bevande a media ed alta concentrazione della sostanza

94 Effetti avversi Cardiovascolari: palpitazioni, aritmie, tachicardia, ipertensione, aumento dell intervallo QRS. Neuropsichici: insonnia, eccitazione, agitazione psicomotoria, irritabilità, emorragia cerebrale, ansia, cefalea, allucinazioni. Endocrino-metabolici: acidosi, ipokaliemia. Gastrointestinali: gastrite, diarrea. Respiratori: dispnea, iperventilazione, tachipnea, fino all insorgenza di edema polmonare per dosi tossiche di caffeina. Teratogenicità: neonati di donne non fumatrici, consumatrici di bevande a base di caffeina ( mg/die nel corso del terzo trimestre di gravidanza) hanno mostrato ridotto peso alla nascita.

95 INTERAZIONI ADENOSINA: (antagonismo recettoriale competitivo): la caffeina può contrastare gli effetti della terapia antiaritmica con adenosina. Benzodiazepine: la caffeina a dosi di 500 mg (4 tazzine di caffè circa) può interferire con l effetto ansiolitico di alcune benzodiazepine CIMETIDINA: la cimetidina riduce la clearance della caffeina del 30-50% Ciprofloxacina: rallenta il metabolismo della caffeina riducendone la clearance CREATINA: la caffeina inibisce la sintesi di fosfocreatina e interferisce col trasporto plasmatico della creatina. DISULFIRAM: riduce la clearance di caffeina aumentandone l emivita, il trattamento con disulfiram può aumentare l irritabilità degli alcolisti consumatori di caffeina. ETINILESTRADIOLO: il concomitante uso di caffeina e contraccettivi orali aumenta l emivita della caffeina dal 45% al 90% e ne riduce la clearance del 50%.

96 LITIO: il tremore indotto dal litio (effetto collaterale che compare in una percentuale di pazienti in trattamento antidepressivo) aumenta per frequenza ed intensità in soggetti consumatori di caffeina dopo la sospensione dell assunzione della stessa. MA HUANG (ephedra): l utilizzo concomitante di caffeina ed efedrina o pseudoefedrina dovrebbe essere evitato, la sommazione degli effetti stimolanti sul sistema nervoso e cardiovascolare delle due molecole potrebbero produrre aritmie e disordini cerebrovascolari anche di notevole entità. FENILPROPANOLAMINA: tale molecola facilita l assorbimento o inibisce l eliminazione di caffeina la cui clearance risulta ridotta; è frequente il riscontro di ipertensione arteriosa in seguito a tale associazione (Brown et al, 1991; Lake et al, 1990). TEOFILLINA: la caffeina rallenta il metabolismo della teofillina

97 Efedrina, Ma Huang

98 L'efedrina riscuote un interesse maggiore rispetto alla caffeina per l utilizzo a scopo dopante sia per modalità di somministrazione più agevoli (inalazione), sia per effetto più immediato e prolungato a dosi minori rispetto alla caffeina stessa

99 L efedrina è facilmente reperibile a dosaggi consistenti anche in Italia, in quanto presente come principio attivo in molti prodotti da banco, venduti in farmacia per la terapia sintomatica delle riniti. L'efedrina è un simpaticomimetico con attività beta ed alfa adrenergica diretta ed indiretta tramite lo stimolo alla liberazione di adrenalina (Gilman et al, 1990; Reynolds, 1991; Olin, 1990).

100 Gli effetti si esplicano prevalentemente a livello respiratorio con broncodilatazione (effetto ricercato dagli atleti per ottenere una maggiore ossigenazione) Effetti cardiovascolari : tachicardia e ipertensione, Effetti sul Sistema Nervoso Centrale: agitazione psicomotoria ed euforia, fino alla possibile insorgenza di ansia, crisi di panico, allucinazioni, comportamento paranoide e psicosi Alterazioni urinarie: ritenzione vescicale da ipertono sfinteriale del detrusore (tipiche in soggetti utilizzatori di efedrina)

101 L efedrina è spesso presente in prodotti definiti ad azione dimagrante. Uno degli effetti dell efedrina è quello (come per la caffeina) di interferire indirettamente sulla regolazione del metabolismo tramite la stimolazione della produzione delle catecolamine. Questo è un effetto collaterale dell efedrina, non quantificabile e variabile da soggetto a soggetto, l assunzione di prodotti a base di efedrina a scopo dimagrante può risultare improprio e potenzialmente pericoloso.

102 Tribulus Terrestris

103 Il tribulus terrestris (TT) è una pianta molto diffusa nei paesi dell est asiatico con una lunga tradizione di utilizzo nella medicina indiana e cinese per il trattamento di una serie di patologie come disfunzioni renali, cardiovascolari, gastrointestinali ed epatiche presunta notevole efficacia nello stimolo alla produzione di ormoni androgeni

104 I prodotti a base di TT infatti, oltre ad essere utilizzati in forma di soluzione contenente il succo prodotto dalla spremitura dei semi della pianta originale, vengono impiegati anche nella formulazione in compresse contenenti un estratto liofilizzato di uno dei principali componenti della pianta stessa: la protodioscina

105 Protodioscina = saponina steroidea che agirebbe favorendo l aumento della produzione endogena di testosterone, diidrotestosterone, ormone luteinizzante (LH), deidroepiandrosterone (DHEA), deidroepiandrosterone solfato (DHEA-S), con conseguente aumento della spermatogenesi e della libido nell animale da esperimento e nell uomo (Gauthaman K. et al. 2002, 2003).

106

107 il Tribulus funziona soprattutto in condizioni di deficienza. Non hanno gran valore scientifico gli studi sull'aumento percentuale di testosterone (spesso i valori iniziali dei gruppi esaminati sono mediobassi, il livello di testosterone nell'uomo adulto varia da 3 a 10 ng/ml, dato estremamente variabile).

108 Preparazioni Multi-ingredienti Dyma - Bol DSS Price $46.32/Caps 60ct DSS Price $27.49/Spray Dyma-Bol è tra I più dannosi prodotti a base di SA attualmente sul mercato. 2 capsule contaengono: Nor Androstendiolo mg 19 Norandrostendione mg 4 Androstendiolo mg 5 Androstendiolo mg 4 Androstene 3, 17 Dione mg Tribulus Terrestis mg Fosfatidil Serina mg Zinco (Glicinato) mg

109 La trattazione potrebbe continuare a lungo

110 Come fare per indurre l atleta (e la Società) a riflettere?

111 Offrire spunti di ragionamento critico Argomentare scientificamente le alternative naturali al farmaco Proporre il controllo ragionato e periodico dello stato di salute Commentare e valutare con l atleta le eventuali alterazioni riscontrate Proporre test mirati di valutazione Proporre il controllo periodico delle analisi cliniche Personalizzare ogni programma di recupero Sottolineare la validità del riposo precauzionale e far riflettere l atleta sulla sua convalescenza valorizzando la possibilità di dedicare più tempo ad una sana alimentazione Proporre alle società delle convenzioni con aziende locali (frutta e verdura, caseifici, distr. Alimentari) al fine di offrire agli atleti dopo l allenamento e la partita prodotti naturali

112 Il doping è un fenomeno oggettivamente diffuso soprattutto a livello non professionistico Vi è, indubbiamente, anche una percentuale di soggetti che favorisce e sostiene, per lucro, lo sviluppo del fenomeno doping (alcuni medici, ricercatori, preparatori, etc.)

113 Ma cos è veramente il doping oggi? Costituiscono doping la somministrazione o l assunzione di farmaci o di sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e l adozione o la sottoposizione a pratiche mediche non giustificate da condizioni patologiche ed idonee a modificare le condizioni psicofisiche o biologiche dell organismo al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti. Legge 376/2000 Codice Internazionale anti-doping WADA

114 (sezione antidoping) Annualmente aggiornata e modificata da una commissione scientifica internazionale

115 Le definizioni e le disposizioni sono giuste, hanno carattere tecnico, sono utili a tutelare la lealtà e la legalità, il rispetto delle regole nella pratica dello sport agonistico Il doping è però qualcosa di più, è probabilmente un modo di pensare, un atteggiamento, uno stile di vita, applicabile ad ogni contesto, nella vita quotidiana, che rende alcuni soggetti dipendenti o comunque indissolubilmente legati all assunzione o all impiego di un sussidio per raggiungere uno scopo rapidamente e senza eccessivo sforzo. Il desiderio compulsivo di ricorrere ad un aiuto esterno rifiutando il ricorso alle proprie risorse.

116

117 Torniamo allo sport Uso di farmaci e sostanze, perché: Promessa di facili risultati Sostanze facilmente reperibili Messaggi e campagne contro l uso di sostanze sono poco efficaci I RISCHI DEL DOPING, ANCHE SE NOTI A MOLTI, SONO SPESSO SOTTOVALUTATI

118

119 Come combattere e contrastare il dilagarsi del fenomeno doping nello sport? Controllo antidoping Controllo sanitario dell atleta (visite periodiche di idoneità agonistica) Valido sistema di contrasto se adeguatamente applicato Di debole efficacia nei confronti dei soggetti maggiormente a rischio (Atleta non professionista, atleta non partecipante a competizioni ufficiali, sportivo della domenica )

120 Soggetti a rischio di tentazione di impiego di farmaci e/o prodotti per il miglioramento della prestazione: atleta non professionista, sportivo della domenica, atleta non agonista

121 Condizioni predisponenti all uso: Messaggi fuorvianti Desiderio di compiacere gli altri (appartenenza al gruppo) Pubblicità Stereotipi sociali Consigli erronei e passaparola Libera ed incontrollata consultazione di risorse inappropriate (alcune pubblicazioni di scarso valore scientifico, alcuni siti internet) Facile reperibilità di prodotti

122 Intento di emulazione anche se non sussistono le condizioni per allenarsi come un professionista (tempo, talento, disponibilità economiche, staff medico, etc ) Il ricorso al sussidio farmacologico o para-farmacologico spesso è percepito ed accettato dal soggetto come indispensabile intervento di perfezionamento di una tecnica di allenamento. L individuazione della molecola adatta allo scopo (potenziamento muscolare, recupero, etc.) considerata come manifestazione di competenza ed approfondita conoscenza della fisiologia muscolare. Ricorso a schemi dietetici spesso inappropriati L alimentazione è importante ma fino ad un certo punto

123 Aspettative ed obiettivi

124 Spasmodica ricerca del risultato col minimo sforzo, della prestazione/forma atletica migliore e perfetta, anche a costo di qualche imprevisto (comunque ritenuto possibile). A volte tale concitata ricerca del rimedio per il mantenimento della forma fisica pone per assurdo la pratica dell attività fisica in secondo piano Il soggetto si concentra prevalentemente sulla strategia dietetica e sulla assunzione di prodotti Pericoloso presupposto per una dipendenza psicologica da farmaci.

125 Ulteriori modalità di impiego del farmaco nello sport impiego off-label Eccessiva ed erronea precauzione cautelativa ed assunzione a scopo preventivo Rituale scaramantico/abitudine E sempre più frequente l osservazione nell atleta dell impiego di farmaci per un uso non propriamente corrispondente all indicazione terapeutica. E comune, purtroppo, la pratica di impiego di F.A.N.S. (assunti anche in quantità notevoli) a scopo preventivo per l eventuale trauma che potrebbe occorrere in corso di prestazione atletica.

126 Un esempio: Sindrome da affaticamento Soluzione corretta: dieta adeguata, eventuale integrazione, riposo e programmazione personalizzata dell allenamento Soluzione rapida e pericolosa: Ademetionina (Samyr) antidepressivo

127 Steroidi Androgeni-anabolizzanti

128 Gli Steroidi Androgeni Anabolizzanti Costituiscono la famiglia degli ormoni sessuali maschili, il cui prototipo è il testosterone. Il testosterone è un ormone prodotto dall organismo umano e, in condizioni normali favorisce l aumento della massa muscolare e la crescita del tessuto osseo (azione anabolizzante), parallelamente allo sviluppo dei caratteri sessuali maschili (azione androgena). Il testosterone si usa come farmaco in caso di malattie come il deficit di sviluppo e di crescita e, illegalmente, come agente dopante, per sfruttare la sua azione sullo sviluppo della massa muscolare.

129 Gli Steroidi Androgeni Anabolizzanti L azione androgena, con lo sviluppo dei caratteri sessuali maschili secondari (crescita dei peli, abbassamento del tono della voce, etc.), ha sui soggetti di sesso femminile un azione denominata effetto virilizzante. Molti steroidi sono stati prodotti in laboratorio. Tra i cosiddetti steroidi sintetici citiamo il NANDROLONE, noto esempio di positività al doping di calciatori in tempi recenti.

130 Ronald Coleman ANABOLIZZANTI Vietati in-out competizione Mr. Olympia Lenda Murray Ms. Olympia

131 Gli steroidi anabolizzanti Jennifer Capriati Possono in meno di due anni trasformare un atleta

132 sono cancerogeni PERO.. modificano i caratteri sessuali Gli uomini diventano sempre meno maschi

133 Gli steroidi provocano danni gravi alla salute! Nell atleta di sesso maschile: Riduzione del volume e della funzione dei testicoli fino all impotenza Cancro della prostata Cancro del fegato Aumento grave della pressione sanguigna Aumento dell aggressività Rischio di Infarto e malattie del cuore Disturbi psichiatrici

134 Ma anche nell atleta di sesso femminile non si scherza Le conseguenze possono essere: Effetti virilizzanti Scomparsa delle mestruazioni (amenorrea) e conseguente impossibilità a procreare Depressione psichica Disturbi del metabolismo Perdita dei capelli (alopecia)

135 Alcuni soggetti, pur di apparire muscolosi ad ogni costo, nelle forme più estreme, impiegano delle tecniche molto rischiose. Una di queste è l iniezione perimuscolare (intorno al muscolo) di un olio denso, non facilmente assorbibile dai tessuti, che non fa altro che gonfiare a dismisura l area di iniezione simulando una massa muscolare abnorme. Non vi è alcun effetto sull incremento della forza, il risultato di tali iniezioni è puramente estetico e gradito solo a chi come alcuni culturisti sviluppa una visione distorta della propria immagine corporea.

136 Il Synthol, solitamente impiegato per la lubrificazione cutanea viene erroneamente utilizzato per via iniettiva a rischio della salute. I cerchi gialli illustrano i punti preferiti di iniezione Deltoidi gonfiati con Synthol

137

138

139

140

141

142

143

144

145 Fibrosi, cisti, ascessi, calcificazione e rottura delle fibre muscolari Emorragie Trombosi Arresto cardiaco Ictus, emorragia cerebrale

146 Cos è? E una linea dedicata con numero verde (telefonata gratuita da tutta Italia) attraverso la quale si possono avere informazioni sulle sostanze dopanti o sospette tali, sui loro effetti sulla prestazione sportiva, sugli effetti collaterali, sui rischi relativi al loro uso, sulle interazioni con altri farmaci, sostanze, cibi e bevande. E possibile avere informazioni anche su integratori e prodotti di erboristeria, sui farmaci in generale relativamente al loro impiego, alle indicazioni d uso ed alla loro eventuale pericolosità nella pratica sportiva. Quando funziona? La linea è attiva dal 18 marzo 2002 ed è a disposizione degli utenti tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 14:00 alle ore 16:00, le risposte ai quesiti vengono fornite al momento della telefonata oppure via fax o via entro 24 ore dalla formulazione della domanda. Chi Risponde? In linea rispondono i MEDICI del Centro Regionale Antidoping.

147 c/o Struttura Complessa di Medicina dello Sport Laboratorio Ospedale Civile di Baggiovara (BLU) Direttore: Dott. Ferdinando Tripi, Coordinatore Tecnico del Centro Regionale Antidoping Farmacologo Clinico: Dott. Gustavo Savino Contatti: Dietista: dott.ssa Chiara Luppi Collaboratori: Dottori Tommaso Trenti, Manuela Licata, Daniela Rebecchi, Alessandra De Palma Viale dello Sport, 29/B MODENA Tel.: 059/ /

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare

Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare 21 MICHELANGELO GIAMPIETRO, DANILO GAMBARARA Abitudini alimentari corrette, ispirate ai semplici principi sin qui indicati, sono certamente sufficienti

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI,

IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI, Nuove tematiche IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI, CLASSI DI SOSTANZE VIETATE MARIA GRAZIA RUBENNI Specialista in Medicina dello Sport, FIGC, Firenze Il termine doping sta ad indicare nel sapere

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

In collaborazione con

In collaborazione con In collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS bere SIA WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA non

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Autore: Caner Açikada. Hacettepe University School of Sport Science and Technology, Ankara, Turkey Titolo Originale: Scientific Foundations of

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli