PROPOLI Dott. Danilo Carloni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOLI Dott. Danilo Carloni"

Transcript

1 PROPOLI Dott. Danilo Carloni Dal latino pro=davanti e polis=città, a significare il ruolo di protezione e difesa che la propoli ha per l alveare. La propoli è una sostanza resinosa-cerosa di colore variabile che oscilla dal giallo bruno, attraverso varie tonalità, fino al quasi nero.ha un odore aromatico, caratteristico, se masticata, il sapore sarà all inizio tenue, per poi diventare più acre e irritante per la mucosa provocando infine una leggera anestesia locale. A temperatura ambiente, la propoli si presenta come una massa piuttosto dura, che diventa friabile a basse temperature; oltre i 30 la massa della propoli diviene malleabile e se fusa ( ), si separa in due frazioni, una più leggera che galleggia, aromatica, malleabile, cerosa, e una, vischiosa, che rimane sul fondo del recipiente. La propoli è un prodotto apistico,realizzato dalle api raccoglitrici o bottinatrici, a partire da sostanze gommose e resinose delle gemme di alcune piante, in particolare di piante ricche di resine e balsami come : il pioppo, la quercia, il larice, il pino, la betulla, l olmo, l ontano, il ciliegio, il salice, l ippocastano, l abete e altre. Analogamente al miele, la propoli viene considerata un prodotto di origine vegetale, modificato e arricchito dalle api, che mediante le secrezioni salivari, ne operano la trasformazione ( la trasformazione sembra avvenga nell alveare, subito dopo la consegna del materiale resinoso da parte delle api raccoglitrici,le api cementatici lo elaborano con le loro secrezioni ipofaringee e successivamente lo utilizzano per l alveare ). Una volta trasformata, la propoli ha, all interno dell alveare, due principali funzioni : a) viene usata come materiale da costruzione, è un buon coibentante, e serve per ricoprire i telai dell alveare, sigillare eventuali fessure, restringere i fori di ingresso dall esterno. b) viene usata per le sue proprietà antisettiche, per sterilizzare le arnie, lucidare le cellette prima che l ape regina vi deponga le uova.sempre per le proprietà antisettiche, è utilizzata per mummificare i cadaveri di piccoli animali e grossi insetti penetrati nell alveare a scopo di saccheggio, questi una volta uccisi, vengono ricoperti da uno strato di propoli, che impedisce i processi putrefattivi che potrebbero compromettere la salute della colonia. La composizione della propoli è molto complessa, ed è legata strettamente alla sua origine vegetale; anche il colore dipende dalla provenienza della resina ; se è originaria da conifere il suo colore è giallastro, mentre sarà bruno se la propoli proviene da zone ricche di betulle. Da un punto di vista qualitativo, la sua composizione è all incirca costante : resine e balsami sono presenti al 50-55%, è in questa frazione di componenti che ritroviamo l olio essenziale ( l olio essenziale di propoli, assente nella propoli cinese, è fondamentale per completare l azione antimicrobica della propoli, la sua concentrazione varia dallo 0,5% al 10% ), polisaccaridi, aldeidi aromatiche ( vanillina e isovanillina, responsabili dell odore caratteristico della propoli ), acidi aromatici e organici ( caffeico, ferulico, cumarico, cinnamico, benzoico, gallico etc.). Le cere sono presenti per il 25-35% della composizione ; ritroviamo flavonoidi, circa il 10%, sostanze polifenoliche dotate di un alta reattività chimica,azione anti-radicali liberi, e inibitrici della camp-fosfodiesterasi, modulando così la cascata dell acido arachidonico ( azione antiinfiammatoira,antitrombotica,vaso e gastroprotettiva,modulatrice nelle reazioni allergiche) posseggono una tossicità molto bassa, e sono identificati in più sottoclassi : flavoni (galangina, apigenina,crisina,kaempferolo,acacetina e altri ), flavonoli ( quercetina, ramnetina, e altri), flavanoni ( pinocembrina, sakuranetina, isosakuranetina e altri) diidroflavonoli ( pinobanksina e altri simili ). Si ritrova del polline, fino al 5% ; minerali, fino al 5%, in particolare zinco,rame,ferro,silicio,manganese,cromo,cobalto. 1

2 Il sinergismo dell azione dei vari componenti della propoli, ci riporta alle proprietà dei fitocomplessi, ritroviamo qui, l importante azione batteriostatica e battericida della galangina e pinocembrina coadiuvate dalla presenza di acido caffeico e ferulico. La sakuranetina è un flavonoide dotato di attività antimicotica, ed è sinergizzato dalla presenza, nella propoli, degli esteri dell acido caffeico e dall olio essenziale e dagli altri flavonoidi. AZIONE ANTIBATTERICA. L attività antibatterica della propoli è stata ampiamente dimostrata : la propoli possiede attività batteriostatica e battericida sia in vitro che in vivo, su numerosi ceppi batterici, sia gram + che gram -. L azione battericida si osserva a concentrazioni elevate della propoli, quella batteriostatica a dosi più basse. I germi più sensibili sono : stafilococchi, streptococchi, salmonella, proteus vulgaris, bacillus subtilis, bacillus alvei, escherichia coli, shigella dissenteriae, corynebacterium difterite, klebsiella ozenae, e alcuni micobatteri. E certo che per poter apprezzare l azione antibatterica della propoli occorra utilizzare un preparato di qualità, standardizzato e completo nella sua interezza, nel rispetto cioè del miglior fitocomplesso ( si ricorda la completa assenza di olio essenziale, responsabile,in parte,dell attività antimicrobica, nelle propoli provenienti dalla Cina ).(Mearelli,la propoli p.91). Il meccanismo sulle cellule batteriche è complesso, scompagina il citoplasma batterico, la membrana citoplasmatica e la parete cellulare ( grazie a una proteasi? ), inibisce la RNA polimerasi DNA dipendente inibendo la sintesi proteica e la separazione delle cellule figlie. E stato dimostrato che la propoli inibisce l attività dell enzima DIIDROFOLATOREDUTTASI, che è essenziale per il metabolismo batterico ( Sannia fitoterapia moderna ), favorendo quindi l intervento delle difese dell organismo, già stimolate dall azione anche batteriostatica della propoli, che induce direttamente l intervento di fagocitosi dei macrofagi. Queste azioni sono dipendenti dalla presenza e concentrazione di olio essenziale e flavonoidi. Uno studio ha evidenziato che cellule della mucosa orale, in vitro, trattate con propoli titolata al 12% in galangina, vedevano ridurre del 43% il potere di infezione di Staphilococcus aureus, già al 50% della MIC per questi germi. La propoli condiziona fortemente lo stato bioenergetico della membrana cellulare di molti Gram+ e inibisce nettamente la loro motilità, favorendo le difese e l eventuale azione di molti antibiotici. La propoli inibisce lo sviluppo dello Streptococcus mutans e l attività del suo enzima glicosiltransferasi, principali responsabili della carie dentaria.molti enzimi glicosil-transferasici, appartenenti a batteri, sono responsabili della formazione della placca dentaria grazie alla sintesi di glucani che essi stessi determinano (i lucani aggrediscono l idrossiapatite dei denti), estratti di propoli sono in grado di inibire questi enzimi. In un test sono stati studiati campioni di saliva di soggetti senza patologie dentarie rilevanti, la saliva ha perso dopo 60 minuti di incubazione con una soluzione idroalcoolica di propoli, in maniera significativa, la concentrazione di streptococcus mutans. La tintura madre di propoli favorisce la rigenerazione della polpa dentaria affetta da lesioni, riduce i fenomeni infiammatori e migliora il microcircolo nelle zone interessate. La tintura madre così come tutti gli estratti idroalcoolici di propoli, se diluiti in acqua, danno origine a una soluzione lattescente per l insolubilità di alcuni componenti, senza pregiudicare, in alcun modo l efficacia. Pazienti che presentavano una ipersensibilità della dentina, sono stati sottoposti ad applicazioni orali con una soluzione idroalcolica di propoli, per quattro settimane; attraverso il Cervical dentinal sensivity test, è stata monitorata la sensibilità della dentina a stimoli esterni come il freddo : dei pazienti trattati solo due hanno lamentato la sintomatologia, gli altri hanno apprezzato una netta diminuzione della sensibilità della dentina. 2

3 La propoli sembra attiva anche contro alcuni Gram- (Klebsiella pneumoniae,escherichia coli e Pseudomonas aeruginosa ), con un azione di tipo batteriostatico, non sembra agire sulle vie urogenitali. AZIONE ANTIVIRALE La propoli svolgerebbe un azione antivirale nei confronti di alcuni virus quali quello dell influenza A e B, Herpes simplex, Zoster, Genitalis. Questa azione sarebbe riconducibile ad un aumento della sintesi di INTERFERONE ( che viene subito prodotto dalla cellula infettata dal virus, e producendo un enzima, endonucleasi, idrolizzerebbe l RNA virale esponendo il virus ai meccanismi di difesa ). A questa attività si affianca l azione sulla NEURAMINIDASI virale ( viene elaborata dalle spine virali adese alla cellula da infettare, è comune ai virus di tipo A e B, è una proteina di superficie con caratteristiche antigeniche, fattore chiave per la replicazione e propagazione dei virus influenzali,serve a promuovere il movimento del virus attraverso il muco delle vie respiratorie e ne caratterizza la virulenza ; gli aminoacidi che rivestono il sito attivo dell enzima neuroaminidasi, a differenza degli aminoacidi di superficie, suscettibili di variazione antigenica, sono invariati in tutti i ceppi virali A e B dell influenza ), che impedisce la penetrazione del virus all interno della cellula stessa, favorendo l azione delle frazioni corpuscolare di difesa dell organismo. Un test effettuato all università di Sarajevo nel 1976, sperimentò su un gruppo di 60 studenti, volontari, l attività di un estratto di propoli e miele nel trattamento dell influenza, contro un gruppo di controllo non sottoposto a terapia : alla fine dell epidemia solo il 9% degli studenti appartenenti al gruppo trattato con propoli era stato colpito dall influenza, nel gruppo di controllo la percentuale saliva al 38%. Studio sull attività antivirale della propoli (Erborista ott/05 p.17 ; pubbl. da Ethnopharmacol.2005 jul.18). Ricercatori USA hanno testato l attività anti HIV1 della propoli sui linfociti CD4+ e su cellule microgliali ; l azione della propoli ha inibito l espressione virale in termini dose-dipendente. La massima soppressione si è ottenuta con concentrazioni dell 85% e 98%. Il meccanismo d azione della propoli, su queste cellule, sembra coinvolgere l inibizione dell entrata del virus. La propoli ha dimostrato poi un attività antivirale cumulativa sull inibizione della transcrittasi Inversa da parte della ZIDOVUDINA (RETROVIR ), non ha tuttavia espresso tale sinergismo quando è associata all inibitore della proteasi INDINAVIR (CRIXIVAN ). Questi risultati autorizzano a continuare la ricerca sulla propoli come biocomplesso potenzialmente attivo nei confronti di varie affezioni virali. AZIONE ANTIMICOTICA La propoli è attiva su molti funghi, in particolare quelli che interessano gli strati più superficiali della cute, è un attività di tipo micostatica, dovuta essenzialmente all aumento delle difese immunitarie, indotto dalla propoli.e poco efficace nei confronti di micosi localizzate in profondità. Agisce su Candida torulopsis, trichosporum,epidermophiton e tricophiton. AZIONE SUI TRICHOMONAS ( La tricomoniasi è una malattia provocata dal parassita ( protozoo), a livello dei genitali femminili e maschili e dell intestino, curata con chemioterapici come metronidazolo ). La propoli è in grado di inibire la moltiplicazione del parassita sia in vitro che in vivo, raggiungendo la massima efficacia, già dopo 48 ore dalla somministrazione. AZIONE ANESTETICO LOCALE 3

4 Ha un attività paragonabile a quella della novocaina, probabilmente per la presenza dei principi attivi della frazione balsamica.da ciò l utilizzo in odontostomatologia nella cura di alitosi,afte, glossiti, ascessi, parodontosi, mughetto,otiti. Un test sulla cavia ha evidenziato la riduzione dell effetto algogeno, di sostanze iniettate nell animale, del 40% dopo somministrazione orale di propoli ; del 50% dopo iniezione intraperitoneale. AZIONE IMMUNO-STIMOLANTE L azione che induce un aumento della resistenza dell organismo, contro virus e batteri, pare sia dovuta allo stimolo della sintesi anticorpale e dell attività dei globuli bianchi.infatti è stato notato, dopo l assunzione della propoli, un aumento del numero dei granulociti neutrofili, dei macrofagi e della loro attività, sia in vitro che in vivo.influenzano quest azione sia i bioflavonoidi che la vitamina C, oltre all acido caffeico e ai suoi esteri, in particolare il CAPE ( la propoli non sembra manifestare azione antiflogistica, in assenza del CAPE, (FITOTERAPIA 2002 nov ; 73 supp.1:s7- s20) e di galangina ; il Cape riduce la formazione di tumori indotti da azossimetano evidenziando un azione anticarcinogenica(fitoterapia 2002 nov;73 supp1:s38-43) ; il CAPE contribuisce maggiormente all azione anticox della propoli ; il CAPE ha evidenziato un attività antiossidante di grande rilievo, anche superiore a quella della galangina, è indispensabile per l attività antiox della propoli.). Uno studio su 440 bambini, di età compresa fra gli 8 e i 10 anni, residenti in regioni con forte inquinamento industriale, con un elevatissima incidenza di malattie infettive delle prime vie aeree,con notevole aumento della ferritina e transferrina, ha evidenziato che la somministrazione di soluzione idroalcolica di propoli ha ridotto significativamente sia l incidenza che la gravità delle malattie infettive delle prime vie aeree, riducendo altresì i valori plasmatici delle proteine citate. AZIONE ANTIFLOGISTICA Si manifesta per l attività anticomplemento, inibendo la funzione della subunità C3 del complemento e l emolisi indotta dallo stesso.inibisce la lipo-ossigenasi in modo non competitivo e reversibile, con netto calo del rilascio dei mediatori infiammatori rilasciati dai macrofagi in particolare leucotrieni ( la reazione catalizzata dalle lipo-ossigenasi non viene inibita dai FANS). Sembra in grado di inibire anche la liberazione di istamina in risposta a stimoli flogogeni. Sperimentalmente inibisce l edema della zampa del ratto indotto dalla carragenina e la permeabilità vascolare provocata dall acido acetico.sono principalmente responsabili di questa azione gli acidi enolici, i loro esteri, CAPE, i flavonoidi. AZIONE ANTITUMORALE In vitro, la propoli ha una valida azione antineoplastica, inibisce le cellule del coloncarcinoma per un azione inibitoria sulle fosfolipasi e sul metabolismo dell acido arachidonico mediato dalle lipoossigenasi.riduce l incidenza dei tumori della pelle indotti dall antracene per l inibizione della sintesi di DNA che è elevata nelle cellule cancerose.sembra che il CAPE giuochi un ruolo predominante nel manifestare l azione antineoplastica della propoli.uno studio realizzato su cavie affette da carcinoma di EHRLICH, ha visto l uso di una soluzione idroalcolica di propoli paragonandolo alla bleomicina per 36 giorni.al termina dello studio gli animali che hanno ricevuto la propoli presentavano un tasso di sopravvivenza del55% contro il 40% di quelli trattati con bleomicina e il 20% del controllo. AZIONE PROTETTIVA SUI VASI SANGUIGNI La propoli esercita un attività di tipo vitamino P simile, grazie ai composti flavonoidici, con conseguente riduzione della permeabilità capillare,aumento del tono vascolare, miglioramento del microcircolo. 4

5 Quercetina, apigenina e rutina hanno dimostrato un azione cardiotonica sul cuore isolato, per inibizione della fosfodiesterasi (camp-fosfodiesterasi). AZIONE ANTIULCERA GASTRICA I flavonoidi della propoli hanno un attività antisecretoria ( blocco della sintesi di istamina), cicatrizzante, antispasmodica ( papaverino-simile ), antinfiammatoria, anestetico locale. Ricercatori giapponesi hanno evidenziato un attività antibiotica anti Helicobacter pilori legata alla presenza di pinocembrina, galangina, e crisina.l azione anestetico locale della propoli contribuisce ad attenuare la sintomatologia della malattia. AZIONE EPATOPROTETTIVA La propoli protegge il fegato del ratto da danni indotti dal paracetamolo ( che provoca aumento delle transaminasi e danni alla cellula epatica ) con un azione simile a quella dell acetilcisteina, che è il più conosciuto antidoto del paracetamolo. Diminuisce il valore delle transaminasi e le lesioni istologiche, protegge il fegato dai danni indotti dal CCL4 e dalla D-galattosamina, con netto calo dei perossidi lipidici e aumento di glutatione ridotto nell epatocita. Sono i flavonoidi, con la loro azione antiradicalica,antiossidante e radical scavenger, i responsabili di quest attività della propoli, che è caratterizzata anche da un calo dei trigliceridi.quercetina,rutina e citroflavonoidi sono anche dotati di azione, blanda, coleretica. EFFETTI COLLATERALI Precauzione di impiego deve essere fatta in pazienti affetti da allergie ai pollini, i sintomi regrediscono comunque con la sospensione della terapia ; la propoli è praticamente atossica nell animale anche a dosaggi molto elevati.non provoca assuefazione, non altera la flora batterica, non determina la formazione di ceppi resistenti. Non va utilizzata in gravidanza. 5

Nel corso di numerosi studi su propoli di varia origine sono stati identificati più di 150 diversi composti biochimici

Nel corso di numerosi studi su propoli di varia origine sono stati identificati più di 150 diversi composti biochimici CARATTERISTICHE La propoli può avere un colore che varia dal giallo, al rosso, marrone al bruno scuro nero con una consistenza che si modifica in rapporto alla temperatura: fino a 15 C è dura e friabile,

Dettagli

Propoli TESINA: Bruno Caprarelli A.S. 2010/2011 5^L. Breve introduzione ai fitoterapici.

Propoli TESINA: Bruno Caprarelli A.S. 2010/2011 5^L. Breve introduzione ai fitoterapici. Bruno Caprarelli A.S. 2010/2011 5^L TESINA: Propoli Breve introduzione ai fitoterapici. I farmaci fitoterapici, detti anche farmaci omeopatici, sono quei medicinali il cui principio attivo (cioè il componente

Dettagli

CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI

CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI Farmaci contro i virus erpetici (analoghi nucleosidici = ANTIMETABOLITI) ACICLOVIR (herpes simplex e herpes zoster) VALACICLOVIR (profarmaco dell aciclovir) PENCICLOVIR (herpes

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI

PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI Vezzani G., Caberti L., Cantadori L., Mordacci M., Nicolopoulou A., Pizzola A. U.O. di Anestesia Rianimazione

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

I colori della salute

I colori della salute I colori della salute Trainer Natural e l alimentazione funzionale Il concetto di alimento funzionale è nato in Giappone negli anni 80 dalla necessità delle autorità sanitarie di incrementare l aspettativa

Dettagli

La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo

La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo DISINFETTANTE PER SUPERFICI Il principio attivo di PURE è l argento diidrato citrato (SDC), ovvero ioni d argento stabilizzati in acido

Dettagli

3M ESPE. Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid

3M ESPE. Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid 3M ESPE Comfortable Oral Care Il concetto di sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid Profilassi sistematica con un programma di prodotti completo All avanguardia nel progresso scientifico Aroma gradevole

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACKLAB 5% Crema. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Un grammo di crema contiene: Principio attivo: Aciclovir 50 mg Eccipienti:

Dettagli

Modalità d uso : per via orale

Modalità d uso : per via orale Modalità d uso : per via orale - da 30 a 50 gocce sotto la lingua per 2 o 3 volte al giorno per 5 o 6 giorni dipende dalla gravita dell infezione, comunque un sovradosaggio del prodotto non porta alcun

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA?

CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA? MALATTIE INFETTIVE CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA? E IL RISULTATO DEL CONTATTO TRA UN SOGGETTO SANO E UN MICRORGANISMO I MICRORGANISMI POSSONO ESSERE DI DIVERSI TIPI: BATTERI VIRUS FUNGHI BATTERI Posseggono

Dettagli

Lipidi (ossidazione acidi grassi di membrana) Proteine (idrolisi) DNA (rottura, modificazione delle basi) Ossigeno atmosferico.

Lipidi (ossidazione acidi grassi di membrana) Proteine (idrolisi) DNA (rottura, modificazione delle basi) Ossigeno atmosferico. STRESS OSSIDATIVO I lipidi, così come del resto altre macromolecole quali proteine, carboidrati e acidi nucleici, possono andare incontro a reazioni di ossidazione (Figura 1). L ossidazione è un processo

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACICLOVIR ABC 800 mg COMPRESSE ACICLOVIR ABC 400 mg/5 ml SOSPENSIONE ORALE 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Aciclovir

Dettagli

G. PERRUOLO Dipartimento di Biologia e Patologia Cellulare e Molecolare Università Federico II Napoli

G. PERRUOLO Dipartimento di Biologia e Patologia Cellulare e Molecolare Università Federico II Napoli Congresso SiBioc-SIMEL Rimini, 29 ottobre 2008 Workshop Siemens G. PERRUOLO Dipartimento di Biologia e Patologia Cellulare e Molecolare Università Federico II Napoli Trasmissione sessuale: OMO ETERO Scambio

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE

MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE MALATTIE INFETTIVE 1) L organismo deve essere costantemente ritrovato nella lesione caratterizzante la malattia 2) Il microorganismo deve poter essere isolato da singole

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Cupron. Transforming Products. Transforming Lives.

Cupron. Transforming Products. Transforming Lives. Cupron Transforming Products. Transforming Lives. I Prodotti Cosmetici Cupron I Prodotti Cosmetici Cupron I prodotti brevettati e clinicamente testati Cupron: Attenuano l aspetto di rughe e linee di espressione

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

PRINCIPI DI DIAGNOSTICA VIROLOGICA

PRINCIPI DI DIAGNOSTICA VIROLOGICA PRINCIPI DI DIAGNOSTICA VIROLOGICA PRINCIPI DI DIAGNOSTICA VIROLOGICA Generalità I virus sono parassiti endocellulari obbligati, la particella virale completa (virione) presenta il genoma costituito da

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

Prontuario OVICAPRINI Semplificato

Prontuario OVICAPRINI Semplificato FITOTERAPIA VETERINARIA Prontuario OVICAPRINI Semplificato Edizione Gennaio 2015 MATERIALE INFORMATIVO AD USO ESCLUSIVAMENTE PROFESSIONALE INDICE E MANUALE SEMPLIFICATO Indice Malattia / Diagnosi PRODOTTI

Dettagli

Herpifix : un nuovo dispositivo elettronico per il trattamento di herpes labialis

Herpifix : un nuovo dispositivo elettronico per il trattamento di herpes labialis Herpifix : un nuovo dispositivo elettronico per il trattamento di herpes labialis B.Courage, F. Weber CK elettronica Colonia / Germania Ovest 1 1 Questo studio è stato condotto in Germania e tradotto in

Dettagli

ENJOY SANITY PREVENZIONE E DIFESA DALLE INFEZIONI

ENJOY SANITY PREVENZIONE E DIFESA DALLE INFEZIONI ENJOY SANITY PREVENZIONE E DIFESA DALLE INFEZIONI E' un sistema di DISINFEZIONE e SANIFICAZIONE degli ambienti a base di PEROSSIDO DI IDROGENO e IONI D'ARGENTO vaporizzati PROCEDIMENTO DI DISINFEZIONE

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli

ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili.

ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili. ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili. MED Utile nella protezione delle mucose nasali in caso di congestioni rino-faringee. Think Green. Live Green. Cos è l allergia. L allergia è un disturbo del sistema

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Si distinguono tre diversi livelli di prevenzione. PRIMARIA Obiettivo: impedire l insorgenza della malattia DIMINUISCE l INCIDENZA

Si distinguono tre diversi livelli di prevenzione. PRIMARIA Obiettivo: impedire l insorgenza della malattia DIMINUISCE l INCIDENZA Determinanti di malattia PROFILASSI GENERALE Soggetto sano Soggetto in fase preclinica di malattia Soggetto in fase clinica di malattia Prevenzione primaria Prevenzione secondaria Prevenzione terziaria

Dettagli

Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica

Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica Bologna 21 Marzo 2009 Dr.ssa G.Cenni Laboratorio Analisi Caravelli srl .e infine il laboratorio Quali sono i test di laboratorio che possono routinariamente

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Antibiotici: servono sempre? Relatore: Dr. Del Monte 05 febbraio 2014 sala Piccolotto ANTIBIOTICI: servono sempre? Dott.ssa Daniela Signori Dott. Vincenzo Catena

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE

EDUCAZIONE ALIMENTARE EDUCAZIONE ALIMENTARE E uno dei pilastri fondamentali per la prevenzione della carie, insieme alla: sigillatura dei solchi Fluoroprofilassi Igiene orale Controlli periodici CARIE E ALIMENTAZIONE PLACCA

Dettagli

QUESITI RIVOLTI AGLI ESPERTI DELL UNITÀ OPERATIVA TELEFONO VERDE AIDS

QUESITI RIVOLTI AGLI ESPERTI DELL UNITÀ OPERATIVA TELEFONO VERDE AIDS QUESITI RIVOLTI AGLI ESPERTI DELL UNITÀ OPERATIVA TELEFONO VERDE AIDS 800.861.061 Reparto Epidemiologia Dipartimento Malattie Infettive, Parassitarie e Immunomediate Istituto Superiore di Sanità QUESITI

Dettagli

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto RIZA Sommario Capitolo 1 Le vitamine, sostanze indispensabili al corpo 7 Capitolo 2 La vitamina C: formula, storia

Dettagli

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco.

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Svolgono funzioni biologiche di fondamentale importanza e possono

Dettagli

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio Via Volpare 104/B - 37069 Villafranca di Verona (VR) IT tel. / fax (+39) 045 6300192 - cell. (+39) 348 0069434 website: www.riccadona.it e-mail: info@riccadona.it

Dettagli

Profilassi immunitaria

Profilassi immunitaria Profilassi immunitaria Dott.ssa Pamela Di Giovanni Profilassi immunitaria passiva Sieroprofilassi Possono essere divisi in 3 categorie: antibatterici antivirali antitossici I primi sono stati completamente

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

La carcinosi peritoneale

La carcinosi peritoneale La carcinosi peritoneale cos è e come si cura Il peritoneo Il peritoneo è una membrana sottile e trasparente che ricopre la parete interna della cavità addominale e pelvica, e tutti i visceri che vi sono

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

Igiene e cura dei denti

Igiene e cura dei denti Igiene e cura dei denti Capitolo 3 La salute della bocca La nostra bocca (cavo orale) è un sito anatomico riccamente abitato da microrganismi, che insieme formano un complesso e delicato ecosistema in

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

(Auto)analisi microbiologiche in farmacia?

(Auto)analisi microbiologiche in farmacia? (Auto)analisi microbiologiche in farmacia? Prof. Giovanni Antonini Dipartimento di Biologia, Università Roma Tre PERCHE OCCORRE FARE ANALISI MICROBIOLOGICHE? Sta assumendo sempre maggiore importanza l

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE STORIA DELLA CARIE Numerose sono le teorie formulate a proposito della etiologia e patogenesi della carie dentaria. Le teorie ESOGENE considerano l agente eziologico responsabile della patologia cariogena

Dettagli

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA www.fisiokinesiterapia.biz sangue feci espirato mucosa succo duodenale DIAGNOSTICA H. PYLORI Dosaggio Abs di classe IgG 13 C-Urea Breath Test Dosaggio Ag fecali Gastropanel

Dettagli

CONTENUTO DEL GEL DI ALOE VERA FOREVER LIVING

CONTENUTO DEL GEL DI ALOE VERA FOREVER LIVING CONTENUTO DEL GEL DI ALOE VERA FOREVER LIVING Uno studio indipendente condotto dalla Food and Drug Research Laboratories, Inc. di New York mostra che il nostro GEL stabilizzato di Aloe vera brevettato

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli

Primarie: La malattia viene senza una causa Secondarie: La malattia viene come conseguenza a qualcosa (es. altra malattia)

Primarie: La malattia viene senza una causa Secondarie: La malattia viene come conseguenza a qualcosa (es. altra malattia) Intro. Ectoderma Epitelio: Mesoderma 3 strati (foglietti) Endoderma Ossa primarie: o di sostituzione. Sono quelle che si formano dalla cartilagine. Ossa secondarie: o di rivestimento. Si formano direttamente

Dettagli

I.1 L apparato digerente

I.1 L apparato digerente Capitolo I Introduzione 8 I.1 L apparato digerente L apparato digerente è costituito da un gruppo di organi addetti alla scissione degli alimenti in componenti chimici che l organismo può assorbire ed

Dettagli

Profilassi delle malattie infettive

Profilassi delle malattie infettive Profilassi delle malattie infettive SPECIFICA DIRETTA INDIRETTA Soggetto suscettibile IMMUNOPROFILASSI Sorgente/serbatoio di infezione Veicoli, Vettori NOTIFICA, INCHIESTA EPIDEMIOLOGICA ISOLAMENTO DISINFEZIONE

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

+ tono e resistenza per stare in equilibrio Eleutero+ rinnova la tua energia

+ tono e resistenza per stare in equilibrio Eleutero+ rinnova la tua energia + tono e resistenza per stare in equilibrio Eleutero+ rinnova la tua energia FITOMEDICAL Indice Vivere, che stress! - L organismo si confronta con l ambiente Equilibrio da acrobati - Bisogna essere flessibili

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

RADIESSE IMPIANTO INIETTABILE

RADIESSE IMPIANTO INIETTABILE RADIESSE IMPIANTO INIETTABILE Radiesse e un impianto iniettabile costituito da idrossiapatite, fornito dalla casa produttrice gia sterile e apirogeno, preconfezionato in siringa sterile adeguata per una

Dettagli

Prevenzione della carie dentaria

Prevenzione della carie dentaria Studio Medico Dentistico Prestigiacomo s.n.c. Via B. Mattarella, 30 90011 Bagheria (Pa) Tel. 091.903448 Cell. 320.7104860 E-mail: studioprestigiacomo@yahoo.it Campagna di: Prevenzione della carie dentaria

Dettagli

Le proprietà. Nutrizionali e terapeutiche del miele

Le proprietà. Nutrizionali e terapeutiche del miele Le proprietà Nutrizionali e terapeutiche del miele Le origini d usod L uso Risale alla preistoria, nell antichit antichità era considerato: un farmaco per uso interno ed esterno Un conservante per altri

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR Dott. Paolo Cascio Tecnica della reazione a catena della DNA polimerasi o PCR (Polymerase Chain Reaction) 1) Introdotta da Kary Mullis alla metà degli anni

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

Corretto uso di prodotti cosmetici e rischi correlati a prodotti non sicuri, scaduti o impropriamente utilizzati Evento formativo per operatori,

Corretto uso di prodotti cosmetici e rischi correlati a prodotti non sicuri, scaduti o impropriamente utilizzati Evento formativo per operatori, Corretto uso di prodotti cosmetici e rischi correlati a prodotti non sicuri, scaduti o impropriamente utilizzati Evento formativo per operatori, docenti per la sensibilizzazione degli studenti delle scuole

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione.

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. L ALIMENTAZIONE E L APPARATO DIGERENTE Una dieta equilibrata è fatta di tutti gli alimenti

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Cos è la Crioterapia La crioterapia, o terapia del freddo, è una metodologia terapeutica conosciuta da moltissimo tempo. Essa utilizza

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

E tutta colpa della Biochimica ovvero

E tutta colpa della Biochimica ovvero E tutta colpa della Biochimica ovvero Yin Yang degli alimenti Paola Palestini Grassi animali o grassi vegetali???? Glucosio o fruttosio???? Antiossidanti contro i radicali liberi ma cosa sono???? Allergie

Dettagli

Il Rondoflex Plus agisce con tutta la sua forza per aprire con precisione le cavità, nel rispetto della sostanza sana del dente.

Il Rondoflex Plus agisce con tutta la sua forza per aprire con precisione le cavità, nel rispetto della sostanza sana del dente. PREVENZIONE INFANTILE L'infanzia è sicuramente il terreno più fertile per una corretta educazione sanitaria odontoiatrica. In queste fasce di età la prevenzione primaria è di particolare interesse. Essa

Dettagli

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE LA DISINFEZIONE La lotta alle malattie infettive passa necessariamente dalle procedure di disinfezione Fulvio MARSILIO Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Teramo LA SCELTA Sul mercato

Dettagli

Listino 2014 MADE in italy

Listino 2014 MADE in italy Listino 2014 MADE IN ITALY LINEA INTIMO LINEA INTIMO LINEA INTIMO LINEA INTIMO LINEA INTIMO LINEA INTIMO LINEA INTIMO LINEA INTIMO INEA INTIMO LINEA INTIMO LINEA INTIMO LINEA INTIMO LINEA INTIMO LINEA

Dettagli

Una forte struttura ossea per denti splendidi. Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide

Una forte struttura ossea per denti splendidi. Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide Una forte struttura ossea per denti splendidi Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide Indice Il sorriso è il più bel modo di mostrare i tuoi denti 3

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

EFFICACIA E SICUREZZA

EFFICACIA E SICUREZZA Resana, 19 Ottobre 2007 TEST PRESTAZIONALI DI EFFICACIA E SICUREZZA Valentina Nardo Laboratorio prestazionale COSMETICI 1 TEST PRESTAZIONALI TEST DI EFFICACIA TEST DI SICUREZZA 2 TEST DI EFFICACIA Per

Dettagli

Nutraceutici per animali da reddito. Roberto Solimè

Nutraceutici per animali da reddito. Roberto Solimè Nutraceutici per animali da reddito Roberto Solimè 1 Nutraceutica : il termine è coniato nel 1989 dal medico Stephen De Felice con l unione di due parole «nutrimento» e «farmaceutica» ad indicare un nuovo

Dettagli

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=20640 Pagina 1 di 2 28/03/2014 quotidianosanità.it Venerdì 28 MARZO 2014

Dettagli

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4 Anemia e nefropatia Stadi 1 4 Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L iniziativa della National Kidney Foundation (NKF-KDOQI ) sviluppa linee

Dettagli

HERPES SIMPLEX Herpes zoster Mollusco contagioso Verruche giovanili Verruche volgari Verruche plantari Condilomi acuminati. Dermatosi da virus

HERPES SIMPLEX Herpes zoster Mollusco contagioso Verruche giovanili Verruche volgari Verruche plantari Condilomi acuminati. Dermatosi da virus HERPES SIMPLEX Un virus, per indurre uno stato di malattia, deve entrare in una cellula ed ivi moltiplicarsi. Questo avviene nell epidermide, strato più esterno della cute, dove la componente cellulare

Dettagli

SilkSkin GUANTI PROFESSIONALI CON SERICIN COMPLEX

SilkSkin GUANTI PROFESSIONALI CON SERICIN COMPLEX SilkSkin GUANTI PROFESSIONALI CON SERICIN COMPLEX Che cosa è la SERICINA? La SERICINA è una proteina creata dal Bombyx Mori (baco da seta) durante la produzione della seta. La Seta viene formata principalmente

Dettagli

TECAR E ONDE D URTO COME TERAPIE ALTERNATIVE NEL TRATTAMENTO DI UN CASO DI ARTROSINOVITE COMPLICATA DA FORMAZIONI OSTEOPERIOSTALI

TECAR E ONDE D URTO COME TERAPIE ALTERNATIVE NEL TRATTAMENTO DI UN CASO DI ARTROSINOVITE COMPLICATA DA FORMAZIONI OSTEOPERIOSTALI INTRODUZIONE ARTROSINOVITE SETTICA: processo infettivo delle articolazioni spesso determinante una rapida distruzione e proliferazione della capsula e delle cartilagini articolari. Le vie,attraverso le

Dettagli

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv Infezione da HIV e AIDS Capitolo 6 La sindrome da immunodeficienza acquisita (SIDA) o acquired immune deficiency syndrome (AIDS) è una malattia del sistema immunitario umano causata dal virus dell immunodeficienza

Dettagli

Controllo della crescita microbica

Controllo della crescita microbica Controllo della crescita microbica I microrganismi sono praticamente ubiquitari. In un laboratorio possono contaminare: - aria - superfici e strumenti - operatori Sia che si lavori con colture pure, sia

Dettagli

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito Colture Cellulari Introduzione Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. Medicinale equivalente

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. Medicinale equivalente RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Medicinale equivalente 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE KESOL 50 microgrammi Spray nasale, sospensione KESOL 100 microgrammi Spray nasale, sospensione 2. COMPOSIZIONE

Dettagli

Newsletter medico-legale

Newsletter medico-legale Newsletter medico-legale Via G. Paisiello, 43 00198 Roma Tel. 06/855631 a cura di Marco Bottazzi e Gabriele Norcia della Consulenza medico-legale Inca Cgil Numero 1 /2010 IARC: valutazione di cancerogenicità

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA RELAZIONE ALIMENTAZIONE-ALLERGIA

UNO SGUARDO ALLA RELAZIONE ALIMENTAZIONE-ALLERGIA UNO SGUARDO ALLA RELAZIONE ALIMENTAZIONE-ALLERGIA Non vi sono dubbi che negli ultimi anni le allergie in generale si siano diffuse come epidemie. Sempre più gente ne soffre. Purtroppo spesso accade che,

Dettagli

Analisi del trascrittoma della risposta delle api da miele a Nosema ceranae e insetticidi

Analisi del trascrittoma della risposta delle api da miele a Nosema ceranae e insetticidi Analisi del trascrittoma della risposta delle api da miele a Nosema ceranae e insetticidi Di J. Aufauvre, B. Misme-Aucouturier, B. Viguès, C. Texier, F. Delbac, N. Blot [tratto da Plos One pubblicato 19

Dettagli

Evidenze cliniche nella risposta iniziale al trattamento SAT nella S.M. Dott.ssa Rita Brandi via dei Villini, 10 Roma dott.brandi@gmail.

Evidenze cliniche nella risposta iniziale al trattamento SAT nella S.M. Dott.ssa Rita Brandi via dei Villini, 10 Roma dott.brandi@gmail. Evidenze cliniche nella risposta iniziale al trattamento SAT nella S.M. Dott.ssa Rita Brandi via dei Villini, 10 Roma dott.brandi@gmail.com SCLEROSI MULTIPLA: CARATTERISTICHE GENERALI La sclerosi multipla

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido Servizio Igiene e Sanità Pubblica INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell Azienda ULSS 9 di Treviso, ha ritenuto opportuno

Dettagli

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla LA CARIE La carie è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto dentina) e che origina dalla superficie e procede in profondità fino alla polpa dentale. CAUSE: Le cause della carie sono

Dettagli

L APPARATO GASTROENTERICO. Prof. A. Pulcini

L APPARATO GASTROENTERICO. Prof. A. Pulcini Corso di Laurea Infermieristica AA 2011/2012 Lezioni di Fisiologia L APPARATO GASTROENTERICO Prof. A. Pulcini Dipartimento di Scienze Chirurgiche Policlinico Umberto I Sapienza Roma L apparato digerente

Dettagli