Gli Integratori Alimentari nella pratica clinica del MMG Orientamenti e criticità d uso PREMESSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli Integratori Alimentari nella pratica clinica del MMG Orientamenti e criticità d uso PREMESSA"

Transcript

1 Gli Integratori Alimentari nella pratica clinica del MMG Orientamenti e criticità d uso Lucarelli M, Polito A, Voza M. Board scientifico su Integratori e Fitoterapia - SNAMID Nazionale PREMESSA Oggi sempre di più le persone sono orientate a tutelare il loro stato di salute non solo con interventi orientati alla prevenzione delle malattie o alla gestione dei fattori di rischio, ma anche semplicemente per migliorare il loro stato di benessere. Le risposte a molte di queste esigenze difficilmente possono venire dalle specialità della farmacopea convenzionale, mentre è più agevole e diretto l accesso ai prodotti orientati all integrazione alimentare. I messaggi trasmessi dalla pubblicità sui maggiori mezzi di comunicazione e la possibilità di reperire informazioni da fonti più o meno certificate concorrono ad alimentare il desiderio delle persone all autogestione della propria salute. In questo scenario è quasi fisiologica la tendenza di molti a bypassare il proprio medico, per garantirsi un approccio diretto a strategie salutiste naturali senza ulteriori complicazioni. In Italia, oggi, si contano più di ottomila integratori: un italiano su tre fa uso regolare di integratori, probiotici e alimenti funzionali e la domanda è in continua crescita. La comunità medico- scientifica, dal canto suo, si relaziona al fenomeno con approcci eterogenei, in base soprattutto al rigore e alle competenze. Nella medicina di famiglia in particolare operano professionisti che, nella maggior parte dei casi, hanno sostanzialmente demandato la gestione di questo aspetto a soggetti terzi (per esempio farmacie, parafarmacie). Molti Medici di Medicina Generale (MMG), nel prendere atto del ruolo marginale che si sono trovati a ricoprire, non sono stimolati a dedicare tempo e interesse all argomento, nonostante la rilevanza che una corretta alimentazione trova sia negli scenari sanitari attuali sia nelle aspettative dei pazienti. Sebbene tale atteggiamento sia comprensibile, specie considerando il carico di lavoro a cui i medici di famiglia sono quotidianamente sottoposti, è tuttavia evidente che la delega ad altri del tema integrazione alimentare confligge con la funzione che sempre più si sta riconoscendo al MMG e cioè di medico della persona, di soggetto cioè il cui intervento grazie ad un rapporto fiduciario e prolungato nel tempo non si esaurisce nella gestione della malattia o nella erogazione di autorizzazioni per l accesso a prestazioni di secondo livello (gate keeper), ma include l orientamento e l educazione dell assistito in funzione della promozione della salute. Non a caso, l European Society of General Practice/Family sottolinea che tra le funzioni a cui il MMG è chiamato vi è proprio la responsabilizzazione del paziente nei confronti della gestione della propria salute e benessere (empowerment). Al fine di elaborare una riflessione in merito all integrazione alimentare intesa come ambito su cui e con cui promuovere l empowerment del paziente nei confronti del proprio benessere e di un coerente stile di vita, SNAMID ha attivato un percorso in due fasi: la prima di orientamento (survey), la seconda di proposizione (orientamenti e indicazioni per la pratica clinica), entrambe orientate a definire meglio il ruolo di un corretto impiego dell integrazione alimentare nella pratica clinica quotidiana e l importanza di conoscenze minime essenziali per il MMG, soprattutto per le decisioni mediche che ne possono conseguire. OPINIONI E COMPORTAMENTI D USO DEI MMG: I RISULTATI DELLA SURVEY La survey sull uso degli integratori alimentari (IA) in Medicina Generale è stata effettuata nel periodo Giugno/Settembre 2014 e ha coinvolto un gruppo di 179 Medici di Medicina Generale (MMG) di età compresa tra i 40 e 65 anni (mediana 56 anni) a cui è stato somministrato un questionario strutturato. Il primo elemento emerso è la limitata presenza degli IA nella pratica clinica dei MMG: la metà del campione (54,19% - n=97) ha infatti risposto al primo item del questionario ( Nella pratica clinica quotidiana tende a consigliare l uso di Integratori Alimentari? ) solo con un abbastanza mentre ben il 38,54% (n=69) ha affermato di consigliare poco o

2 mai questo tipo di prodotti. Si tratta di un dato interessante, specie se si considera la diffusione degli IA in Italia: nel 2013, il mercato dell integrazione ha infatti raggiunto i milioni di euro nel nostro Paese per un totale di 141 milioni di confezioni, con un trend in crescita del 3,1% in termini di fatturato rispetto all anno precedente (fonte: Nielsen Market Track Healthcare Scantrack). In sostanza, sebbene gli IA siano prodotti ampiamente utilizzati come si diceva 1 italiano su 3 ricorre regolarmente all integrazione alimentare e con un ruolo potenzialmente significativo rispetto alla salute e al benessere delle persone, sono di fatto prodotti che vengono collocati dai MMG ai margini del proprio ambito professionale e nicchiati su situazioni specifiche, tendenzialmente connesse alla patologia. Infatti, al quesito teso ad indagare quando è più frequente, da parte del medico, consigliare un IA, è emerso che la maggioranza dei MMG posiziona questi prodotti nella astenia (53,07% - n=95) e nello stress/affaticamento mentale (48,60% - n=87) che costituiscono pertanto gli ambiti di utilizzo privilegiati per l integrazione alimentare. Quote più contenute di MMG affermano invece di ricorrere agli IA anche negli anziani con regime alimentare inappropriato (34,64% - n=62) o nei pazienti che lamentano una lieve sintomatologia ansiosa (30,73% - n=55). Un ulteriore ambito di impiego più francamente associabile alla salute sono infine le persone che praticano attività sportive in cui il 32,40% (n=58) dei medici di famiglia intervistati dichiara di consigliare l integrazione alimentare. Il questionario ha esplorato le opinioni dei MMG anche in merito a due specifiche situazioni cliniche in cui gli IA, di fatto, sono ampiamente utilizzati: le patologie uro- ginecologiche e le condizioni dismetaboliche. Rispetto alle prime, il 52,51% (n=94) afferma di essere abbastanza (n=82) se non molto (n=12) d accordo con l idea che l uso degli IA consenta di ottenere buoni risultati clinici. Per quanto riguarda invece le condizioni dismetaboliche, il 32,96% (n=59) dei MMG ritiene che gli IA possano essere un alternativa alle statine nei pazienti in cui queste ultime non siano utilizzabili cosa che segnala l indiretto riconoscimento di una certa efficacia clinica a questo tipo di prodotti mentre il 31,84% ritiene che gli IA possano svolgere solo una funzione ausiliaria alla terapia farmacologica tradizionale. Una questione spesso dibattuta è quella della sicurezza degli IA rispetto alla possibile insorgenza di effetti collaterali: su questo, il questionario proponeva un item specifico ( Quanto condivide la seguente affermazione: i fitoterapici e gli IA in genere sono sicuri e non presentano effetti collaterali in quanto composti da sostanze naturali ). Le risposte segnalano la diffusa convinzione che non esista una diretta ed automatica connessione tra naturalità e sicurezza d impiego: il 54,75% (n=98) dei rispondenti si dichiara infatti poco o per nulla d accordo con l idea che fitoterapici e IA in genere non presentino effetti collaterali perché costituiti da sostanze naturali. A questo gruppo si contrappone solo il 27,93% (n=50) che esprime una posizione più cauta affermando di essere abbastanza d accordo con l affermazione. C è da notare che il 13,41% (n=24) non ha risposto al quesito, cosa che indica una discreta incertezza, da parte dei MMG, nei confronti di questo tema. In linea con il precedente item, il questionario ha sondato le opinioni dei MMG anche nei confronti delle possibili interazioni tra IA e terapie farmacologiche. Le risposte espresse indicano che si tratta di un eventualità ritenuta possibile, sia pure con alcuni distinguo, dalla quasi totalità degli intervistati: il 45,81% (n=82) afferma infatti che è possibile riscontrare interazioni, ma solo con alcuni farmaci/terapie ; il 27,93% (n=50) ritiene invece che le interazioni siano possibili, ma solo con i fitoterapici mentre il 10,06% (n=18) dichiara infine che fenomeni di interazione con le terapie farmacologiche possono avvenire nel caso in cui si assuma un elevato dosaggio di IA. Al di là delle precisazioni, ci sembra tuttavia evidente che l assunzione degli IA non è considerato un fattore ininfluente rispetto alle terapie eventualmente in atto. Ciononostante, solo il 28,49% (n=51%) dei MMG tende a chiedere sempre o molto spesso al proprio paziente se sta assumendo IA mentre il 34,08% (n=61) interroga il paziente su questo specifico aspetto solo nel caso in cui insorgano fenomeni che non si riescono a spiegare (ad esempio eventi avversi). In sostanza, emerge una interessante discrasia: da un lato, si esprime l opinione che gli IA in modo specifico i fitoterapici sono potenzialmente in grado di interagire con le terapie farmacologiche, dall altro, non si verifica in modo sistematico se il paziente li utilizza o meno.

3 Ma qual è il comportamento messo in atto dai MMG nel caso in cui ritengano opportuno consigliare un IA? Si limitano ad indicare al paziente la categoria da acquistare (ad es. multivitaminico) o segnalano il nome del prodotto? Le risposte mostrano che il medico di famiglia riacquista, in questi casi, la funzione di guida e di orientamento per il paziente: la grande maggioranza (70,95% - n=127) risponde infatti di fornire al paziente il nome del prodotto. Gli ultimi due item del questionario rinviavano alla percezione del MMG rispetto alle proprie conoscenze nei confronti degli IA e al giudizio di pertinenza di questi prodotti con l area di interesse della medicina generale. Su entrambe le questioni, il dato da sottolineare è l elevato numero di non rispondenti: circa la metà degli intervistati (49,16% - n=88) ha infatti evitato di autovalutare le proprie informazioni in merito agli IA mentre ben il 55,87% (n=100) non si è espresso sulla loro pertinenza con l ambito di intervento del medico di famiglia. Entrambi i dati evidenziano l incertezza percepita dal MMG nei confronti della integrazione alimentare, sia dal punto di vista informativo (solo 2 intervistati si ritengono molto informati sugli IA), sia da quello della congruità con il proprio lavoro: solo il 10,05% (n=18) ritiene infatti l integrazione alimentare molto pertinente all ambito di interesse del MMG mentre chi si limita ad un abbastanza rappresenta il 24,02% (n=43) del campione. In sostanza, gli IA appaiono un ambito ancora poco conosciuto dai MMG, rispetto ai quali molti non hanno ancora un idea chiara rispetto al loro diritto di cittadinanza con la medicina generale. DEFINIZIONE E CLASSIFICAZIONE DEGLI INTEGRATORI ALIMENTARI Gli IA sono classicamente definiti come prodotti destinati a rispondere a esigenze nutrizionali determinate da una carenza o da un aumentato fabbisogno di nutrienti. La definizione ufficiale di integratore, invece, è facilmente desumibile dalle varie leggi che in Europa, dal 2002, hanno messo ordine in questo complesso settore. L articolo 2 del Decreto legislativo n 169 del 21 Maggio 2004 dichiara:...si intendono per «integratori alimentari» i prodotti alimentari destinati ad integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive, quali le vitamine e i minerali, o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, in particolare ma non in via esclusiva aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale, sia monocomposti che pluricomposti, in forme predosate. Più complessa, invece, è la questione della classificazione. Allo stato attuale non esistono classificazioni sistematiche condivise. Certamente ne esistono svariate, ma sono realizzate in base a criteri differenti, come per esempio la composizione, le indicazioni, la tecnica di preparazione, e così via. Problematico, in particolare, è il fatto che, nelle varie classificazioni, spesso non è distinguibile il confine, peraltro sottile, tra integratore e prodotto medicinale. Ai fini di un corretto impiego, comunque, la classificazione che sembra più utile è quella che suddivide gli integratori in base ai componenti: 1) Integratori a base di piante officinali o derivati Contenenti principi vegetali che devono essere comunque idonee all uso alimentare., senza alcuna finalità terapeutica, hanno il solo scopo di coadiuvare o sostenere le funzioni fisiologiche dell organismo. 2) Integratori di vitamine Contengono varie combinazioni di vitamine, sostanze fondamentali per la salute e il buon funzionamento dell organismo che, come è noto, non sono sintetizzabili dall organismo e devono quindi essere introdotte con l alimentazione. Da sottolineare che le vitamine liposolubili (di cui fanno parte le vit. A, D, E e K) si accumulano in riserve dell organismo, mentre quelle idrosolubili (la vit. C, il complesso B, la vit. PP, l acido folico, la vit. H e l acido pantotenico) devono essere assunte ogni giorno con i cibi in quanto non si immagazzinano. 3) Integratori di minerali A base di minerali, elementi indispensabili per lo svolgimento dei diversi processi fisiologici e biochimici dell'organismo e che devono essere assunti mediante l alimentazione. Di solito vengono conservati in organi deposito (come il fegato, le ossa, ecc.) ma le scorte si possono esaurire facilmente attraverso la sudorazione, la diuresi o in situazioni patologiche

4 come la diarrea. Si possono distinguere due categorie di minerali: quelli ad alto fabbisogno (calcio, cloro, fosforo, magnesio, potassio, sodio, zolfo) e quelli a basso fabbisogno, noti anche come oligoelementi(cromo, ferro, fluoro, iodio, manganese, molibdeno, rame, selenio, zinco). 4) Integratori alimentari di aminoacidi Contengono aminoacidi, tra i quali di rilievo quelli essenziali, così denominati perché l organismo non è in grado di sintetizzarli e devono essere introdotti con l alimentazione. Gli otto aminoacidi essenziali (fenilalanina, valina, treonina, triptofano, isoleucina, metionina, lisina, leucina) fanno parte dei venti di cui l'organismo ha bisogno per la sintesi delle proteine. 5) Integratori alimentari energetici Sono a base di carboidrati che costituiscono una fonte primaria di energia. Sono molecole presenti in alta quantità in molti alimenti ma che in particolari situazioni richiedono un immediata disponibilità di assunzione 6) Integratori alimentari di acidi grassi A base di acidi grassi insaturi, detti anche omega- 3 e omega- 6, molecole indispensabili per il corretto svolgimento di varie funzioni dell organismo e, in particolare, per garantire la salute del sistema cardiovascolare. L organismo umano in effetti ha la capacità di produrre acidi grassi polinsaturi, ma solo in modeste quantità e comunque non sufficienti per le necessità metaboliche; per questo motivo è necessaria l'assunzione con la dieta. 7) Integratori alimentari a base di probiotici Contengono probiotici, presenti anche nello yogurt e nei formaggi: sono microrganismi che producono effetti positivi sulla salute degli organismi che li ospitano: aiutano il riequilibrio della flora intestinale, normalizzano le funzioni enteriche, favoriscono l assorbimento delle sostanze nutritive e regolano quello dei grassi e degli zuccheri. Sono inoltre fondamentali per il mantenimento dell efficienza del sistema immunitario. 8) Integratori alimentari di fibra Garantiscono un adeguato apporto di fibre, molecole contenute negli alimenti vegetali che hanno la caratteristica di non essere degradate dagli enzimi del tratto gastrointestinale, ma che proprio per questo esercitano importanti funzioni meccaniche e metaboliche in grado di influire anche sulla flora batterica intestinale. 9) Sostituti del pasto (alimentazione particolare) Non si tratta di veri e propri integratori alimentari: sono infatti prodotti regolamentati da una normativa precedente, ovvero il Decr. 519/98, che presenta però molteplici punti in comune con la normativa sugli integratori. Il suddetto regolamento stabilisce i requisiti di composizione e di etichettatura dei prodotti destinati a un'alimentazione particolare, da utilizzare nell'ambito di diete ipocaloriche volte alla riduzione o controllo del peso. Recenti categorie di integratori alimentari: Novelfood Secondo la definizione del Ministero Sanità sono alimenti con composizione quali- quantititativamente modificata con variazione del loro valore nutrizionale. I novelfood, cioè i nuovi alimenti o i nuovi ingredienti alimentari, che sono tutti quei prodotti e sostanze alimentari per i quali non è dimostrabile un consumo significativo al 15 maggio 1997 all interno dell Unione Europea (UE), sono disciplinati dalla legislazione alimentare comunitaria con il Regolamento (CE) 258/97. Che prevede che essi rientrino in una delle seguenti categorie: prodotti o ingredienti alimentari con una struttura molecolare primaria nuova o volutamente modificata prodotti o ingredienti alimentari costituiti o isolati a partire da microrganismi, funghi o alghe prodotti o ingredienti alimentari costituiti da vegetali o isolati a partire da vegetali e ingredienti alimentari isolati a partire da animali Sono stati esclusi dal Reg. novelfood gli alimenti OGM (Organismi Geneticamente Modificati), precedentemente contenuti, per essere disciplinati in modo specifico e autonomo con il regolamento (CE) 1829/2003. Healtclaims: sostanze alimentari o derivati erbali la cui indicazione riporti un effetto benefico specifico sullo stato di salute. ( registrazione UE 432/2012 approvata in Italia dal 4 /12/2012).

5 Nutraceutici: alimenti rivolti a prevenire o ridurre gli effetti della malattia IL CONTESTO NORMATIVO In Italia le direttive concernenti gli IA erano riportate nel Decreto legislativo del 1992, in applicazione delle direttive 89/ /CEE; a tale decreto sono state apportate negli anni successivi numerose modifiche, corredate da relative circolari. La situazione inizia però a cambiare nel 2002, quando il Parlamento europeo decide di armonizzare la situazione tra i vari Paesi. Da allora le norme che sono state emanate per regolare il settore in Europa e in Italia sono: Direttiva 2002/46/CE per il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli integratori alimentari, modificata da: Direttiva 2006/37/CE che modifica l allegato II della direttiva 2002/46/CE per quanto concerne l inclusione di alcune sostanze. Infine, il 20 maggio scorso è entrato in vigore il regolamento (UE) n.420/2011 della Commissione europea che modifica il regolamento (CE) n.1881/2006 che definisce i tenori massimi di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari, inclusi gli integratori alimentari. A livello nazionale le norme sono: Decreto legislativo 21 maggio 2004, n.169: Attuazione della direttiva 2002/46/CE relativa agli integratori alimentari. Integrato da: Decreto del Ministero della salute 17 febbraio 2005 (deroghe nazionali), come modificato da Decreto del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali 23 luglio 2008 (ritiro della deroga per il vanadio), modificato dal Decreto del Ministro della salute 31 luglio 2007: Norme per l attuazione della direttiva 2006/37/CE, che modifica l allegato II della direttiva 2002/46/CE per quanto concerne l inclusione di alcune sostanze. In seguito a queste norme, gli IA risultano molto più armonizzati nell Unione europea rispetto a prima. Ora sono prodotti preventivamente soggetti ad analisi per essere approvati dall Autorità europea per la sicurezza degli alimenti (EFSA). Inoltre la Commissione si incarica di fissare i criteri di purezza delle sostanze contenute. È importante sottolineare che l ESFA ha per la prima volta introdotto, in tutti i Paesi europei, il concetto che l integrazione alimentare non riguarda soltanto quella per carenze dietetiche ma anche quella delle esigenze dei consumatori: I consumatori, in ragione di un particolare stile di vita o per motivi diversi, possono decidere di integrare l apporto di determinati nutrienti della loro dieta mediante integratori alimentari. QUESTIONI DI ETICHETTA Le norme di etichettatura: Per garantire ai consumatori un elevato livello di tutela e una maggior facilità di scelta, è necessario che i prodotti commercializzati siano sicuri e rechino opportuna e corretta etichettatura. EFSA L etichetta è la Carta d identità dell IA: Gli IA possono contenere solamente le vitamine e i sali minerali determinati dall'allegato I della direttiva EFSA e le formule vitaminiche e minerali enumerate nell'allegato II, semplici o composte. Possono essere contenuti anche gli estratti vegetali ammessi dal Ministero della Salute: Decreto legislativo 27 gennaio 1992, n.111. Attuazione della Direttiva 89/398/CEE concernente i prodotti alimentari destinati ad un alimentazione particolare. Gazzetta Ufficiale n. 39, 17 febbraio Circolare n.11, 17 luglio Prodotti soggetti a notifica di etichette ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 gennaio 1992, n.111 concernente i prodotti alimentari destinati ad un alimentazione particolare. Gazzetta Ufficiale n. 202, 30 agosto Circolare n.3, 18 luglio Applicazione della procedura di notifica di etichetta di cui all'art.7 del Decreto legislativo n. 111/1992, ai prodotti a base di piante e derivati aventi finalità salutistiche. Gazzetta Ufficiale n.188, 12 agosto). La lista delle piante ammesse per l uso è pubblicata dal Ministero della Salute (disponibile sul sito) che si sta impegnando per il suo continuo aggiornamento, anche alla luce delle ultime evidenze della letteratura scientifica.

6 CONTENUTO DELLE ETICHETTE I prodotti interessati dalla direttiva hanno la denominazione di vendita Integratori alimentari. Inoltre, in armonia con la direttiva 2000/13/CE relativa all etichettatura e alla presentazione dei prodotti alimentari, l etichetta degli integratori alimentari deve contenere: il nome delle categorie di sostanze nutritive o altre sostanze che caratterizzano il prodotto o un indicazione relativa alla natura di tali sostanze; la dose di prodotto raccomandata per l assunzione giornaliera e un'avvertenza sui rischi per la salute in caso di dose eccessiva; una dichiarazione dalla quale risulti che l'integratore non si sostituisce a un'alimentazione variata; l indicazione: non è un medicinale, allorché la presentazione del prodotto sia simile a quella di un farmaco; un avvertimento indicante che i prodotti devono essere tenuti fuori dalla portata dei bambini. Inoltre, sull etichetta degli IA a base di estratti vegetali l ingrediente deve essere indicato con il nome botanico (purtroppo, nel prodotto spesso si usa la denominazione comune o addirittura di fantasia per indicare l ingrediente vegetale, creando non poca confusione). Nell etichetta non devono comparire: indicazioni che attribuiscono al prodotto proprietà di prevenzione, trattamento o guarigione di una malattia dell uomo; indicazioni che affermano o suggeriscono che un regime alimentare equilibrato e vario non costituisce una fonte sufficiente di elementi nutritivi in generale. Conclusioni La medicina generale è sempre più coinvolta nel difficile compito di trasferire gli insegnamenti dell evidenza scientifica nel lavoro quotidiano e, nella gestione della salute del paziente, tutti gli sforzi possono essere vanificati se non vengono rispettati criteri corretti di life style e integrazione. Come si è detto, il MMG è infatti chiamato ad orientare ed educare i pazienti non solo sui processi di cura da attuare nei confronti delle patologie acute e croniche ma anche sulla acquisizione di comportamenti e stili di vita utili a salvaguardare e promuovere la salute e il benessere, ambiti in cui gli IA possono indubbiamente fornire un utile contributo. In questa prospettiva, è importante creare le condizioni affinché il MMG possa connotarsi come un interlocutore informato e competente, in grado di personalizzare l intervento educazionale e motivare i pazienti in modo efficace, fornendo loro indicazioni e regole condivise per una corretta alimentazione e un appropriata integrazione. È dunque necessario che il MMG non sia solo consapevole della rilevanza del tema integrazione alimentare ma che si riappropri del ruolo di medico della persona non solo della persona malata anche in questo ambito. A tale scopo appare opportuno condividere con il mondo dell integrazione alimentare un modello culturale, facilmente implementabile nella pratica clinica e che faccia chiarezza su classificazione e tassonomia, criteri di qualità, razionale d impiego, utilità e interazioni. In tal senso l apertura di canali informativi, di confronto tra pari e formativi diretti ai MMG potrebbero rappresentare dei modelli di lavoro favorevoli per migliorare la relazione tra mondo degli integratori e MMG indirizzando il management dell integrazione alimentare in un ambito non antitetico e/o alternativo a quello della medicina generale. Per ora, elementi orientanti la prassi del MMG possono essere individuati nelle risposte ad alcune semplici domande. 1. Chi può utilizzare l integrazione alimentare? Tutta la popolazione senza distinzione di età e sesso.

7 2. Quando utilizzare l integrazione alimentare? In stati fisiologici in cui è utile una supplementazione (crescita, gravidanza, età anziana), una correzione di squilibri, un supporto all attività sportiva, un azione tesa alla prevenzione, un intervento non farmacologico in stati patologici acuti e cronici al fine del ristabilimento dello stato fisiologico. 3. Come utilizzare l integratore alimentare? Seguendo le RDA (raccomanded diet aryallowances) per età, sesso e stato fisiopatologico. 4. A cosa porre attenzione? Alle possibili interazioni farmacologiche e controindicazioni cliniche ma anche a comprovate intolleranze o allergie a uno o più componenti presenti nell IA, all uso contemporaneo di sostanze ad azione farmacologica tra loro interagenti oppure a comprovate patologie che ne controindichino l uso. In conclusione, l uso dell IA in tutte le sue forme può rappresentare un utile strumento da utilizzare in quell area sfumata in cui non si è concretizzata una patologia ma esiste un bisogno di salute che va intesa non solo come disequilibrio dello stato psico- fisico ma anche come richiesta, da parte dell individuo, di proteggere e promuovere il proprio stato di benessere

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Ministero della Salute Direzione generale igiene e sicurezza alimenti e nutrizione Ufficio IV ex DGSAN 1 ALIMENTO Come sono definiti sul piano

Dettagli

LINEE GUIDA BOTANICALS MAURO SERAFINI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA

LINEE GUIDA BOTANICALS MAURO SERAFINI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA LINEE GUIDA BOTANICALS MAURO SERAFINI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA Il DM 9 luglio 2012, come modificato nell allegato 1 dal decreto 27 marzo 2014, ha definito piante, altre sostanze vegetali e parti relative

Dettagli

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food E. Monica Russo Integratori alimentari e novel food enza.russo@lab-to.camcom.it Isernia, 2 aprile 2014 1 MINISTERO DELLA SALUTE www.salute.gov.it TEMI E PROFESSIONI ALIMENTI ALIMENTI PARTICOLARI integratori

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

FITOTERAPICI E NUTRACEUTICI: DEFINIZIONE E CLAIMS DI SALUTE.

FITOTERAPICI E NUTRACEUTICI: DEFINIZIONE E CLAIMS DI SALUTE. FITOTERAPICI E NUTRACEUTICI: DEFINIZIONE E CLAIMS DI SALUTE. I NUTRACEUTICI AL FEMMINILE. RAZIONALE PER UNA UTILE SUPPLEMENTAZIONE NELLA VITA DELLA DONNA FERRARA 20 MARZO 2015 DOTT.SSA CLAUDIA GUARALDI

Dettagli

PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO!

PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO! PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO! UNA LINEA DI INTEGRATORI A BASE PROTEICA PER NUTRIRSI MEGLIO E DIMAGRIRE BENE Solo i prodotti LineaMed, per la loro composizione dietetico-nutrizionale, sono compatibili con

Dettagli

I claim nutrizionali e salutistici

I claim nutrizionali e salutistici I claim nutrizionali e salutistici Dr.ssa Flavia Milan Dirigente medico Referente area Nutrizionale Servizio Igiene degli alimenti e Nutrizione ASL NO NOVARA 27 Febbraio 2014 1 C ERA UNA VOLTA l Art. 2/1

Dettagli

Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati

Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati Per poter esaminare in modo specifico questi alimenti, occorre effettuare alcune premesse di ordine legislativo. La Direttiva 398/1989/CE ha inizialmente

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana ATTIVITÀ SPORTIVA ENDURANCE ALIMENTAZIONE 2 1 ADEGUATO APPORTO DI TUTTI

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI

INTEGRATORI ALIMENTARI INTEGRATORI ALIMENTARI IL VOSTRO BENESSERE E IL NOSTRO OBIETTIVO! NASCE UNA NUOVA LINEA PRODOTTO In un mondo sempre più frenetico ed esigente... In un ambiente sempre più pericoloso per il nostro organismo

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI

INTEGRATORI ALIMENTARI MODENA 02-10-2011 CNA ERBE Giorgio Giorgini INTEGRATORI ALIMENTARI NORMATIVA E POSSIBILI SCENARI FUTURI sullo sfondo : Passiflora incarnata L. fiore 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO LEGISLATIVO n.169

Dettagli

VITAMINE E MINERALI, BURNERS, ESTRATTI NATURALI.

VITAMINE E MINERALI, BURNERS, ESTRATTI NATURALI. VITAMINE E MINERALI, BURNERS, ESTRATTI NATURALI. VITAMINE. Le vitamine sono composti organici necessari in piccole quantità per il funzionamento degli organismi viventi. Alcune vitamine sono assunte come

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

30.5/11.3 FIRST DAY S Alimento completo per cuccioli in fase di svezzamento. First Day s è un alimento completo e bilanciato di qualità superiore, integrato con principi fitoterapici ad attività immunostimolante

Dettagli

Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi

Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi 1 I GERMOGLI ( sprouts ) 2 Fa che il cibo sia la tua medicina Ippocrate 460-370

Dettagli

SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure

SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure (gusto cioccolato n lista M990) (gusto vaniglia n lista M 713) Integratore nutrizionale completo, in polvere, per bambini da 1 a 10 anni. INDICAZIONI PRINCIPALI Pediasure

Dettagli

MARCATURA CE DEI DISPOSITIVI BORDERLINE

MARCATURA CE DEI DISPOSITIVI BORDERLINE MARCATURA CE DEI DISPOSITIVI BORDERLINE Modena, 29 ottobre 2014 Nicoletta Palese PRODOTTI DELL AREA SALUTE medicinali alimenti speciali integratori alimentari cosmetici prodotti erboristici dispositivi

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI: LA NORMATIVA

INTEGRATORI ALIMENTARI: LA NORMATIVA SIENA 31 MAGGIO 2009 INTEGRATORI ALIMENTARI: LA NORMATIVA Roberto Copparoni Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali Direzione Generale Sicurezza degli Alimenti e Nutrizione INTEGRATORE ALIMENTARE

Dettagli

DIRETTIVA 2002/46/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2002/46/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DIRETTIVA 2002/46/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 10 giugno 2002 per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli integratori alimentari (Testo rilevante ai fini

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 29.6.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 181/35 REGOLAMENTO (UE) N. 609/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 giugno 2013 relativo agli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Circolare 5 novembre 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Premessa. Criteri di demarcazione.

Circolare 5 novembre 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Premessa. Criteri di demarcazione. Circolare 5 novembre 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Linee di demarcazione tra integratori alimentari, prodotti destinati ad una alimentazione particolare e alimenti addizionati

Dettagli

Curve di crescita di alcune razze di cani. Età di raggiungimento delle dimensioni. Crescita

Curve di crescita di alcune razze di cani. Età di raggiungimento delle dimensioni. Crescita I cuccioli hanno un fabbisogno nutrizionale più elevato: non devono solo preoccuparsi del buon funzionamento del loro organismo e di mantenere la giusta temperatura corporea, ma devono anche sviluppare

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

5 2009 - G.U. 277 27/11/2009 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

5 2009 - G.U. 277 27/11/2009 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Circolare 5 novembre 2009 - G.U. n. 277 del 27/11/2009 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Circolare 5 novembre 2009. Linee di demarcazione tra integratori alimentari, prodotti

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini

Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini Dal greco diaita Dieta: ieri - modo di vivere volto alla salute - stile

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Dr.ssa Simona De Stefano Direzione Generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio V Nutrizione - Ministero della Salute Roma,

Dettagli

L etichettatura nutrizionale

L etichettatura nutrizionale Laura Bersani L etichettatura nutrizionale Novara 30 gennaio 2013 ALIMENTAZIONE NUTRIZIONE Consumatore richiede indicazioni sulla salute INFORMAZIONI NUTRIZIONALI Etichettatura nutrizionale volontaria

Dettagli

Piante e derivati: tra novel food e integratori alimentari

Piante e derivati: tra novel food e integratori alimentari DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, SICUREZZA ALIMENTARE E ORGANI COLLEGIALI TUTELA SALUTE DIREZIONE GENERALE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Ufficio IV Piante e derivati: tra novel food

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI. Dott. Emanuele Feduzi

INTEGRATORI ALIMENTARI. Dott. Emanuele Feduzi Dott. Emanuele Feduzi NUTRACEUTICA NUTRIZIONE FARMACEUTICA Crescita benessere, salute, bellezza performance Aumento praticanti attività sportiva Art. 2 D.Lgs 21 maggio 2004, n. 169 "prodotti alimentari

Dettagli

Nutraceutici, Alimenti Funzionali e Integratori: risorsa e strumento del Medico per accrescere nel paziente la consapevolezza dei fattori di salute.

Nutraceutici, Alimenti Funzionali e Integratori: risorsa e strumento del Medico per accrescere nel paziente la consapevolezza dei fattori di salute. Nutraceutici, Alimenti Funzionali e Integratori: risorsa e strumento del Medico per accrescere nel paziente la consapevolezza dei fattori di salute. 21-22 NOVEMBRE 2015 Hotel Flora Frascati (RM) Razionale

Dettagli

3 prodotti in sinergia per un esclusivo Programma Nutrizionale e di Controllo Peso. dal risultato straordinario!

3 prodotti in sinergia per un esclusivo Programma Nutrizionale e di Controllo Peso. dal risultato straordinario! 3 prodotti in sinergia per un esclusivo Programma Nutrizionale e di Controllo Peso dal risultato straordinario! Pasto Sostitutivo Pasto Sostitutivo al delizioso sapore di cioccolato o vaniglia francese.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. A al bando di ammissione pubblicato in data 31/07/2012 Art. 1 Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Scienze MMFFN, Dipartimento di Biologia

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 Art. 1 Tipologia: Master universitario di II livello in Nutrizione Umana L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il master

Dettagli

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali Torino 27 marzo 2013 Laura Bersani L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali REQUISITI OBBLIGATORI PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

I colori della salute

I colori della salute I colori della salute Trainer Natural e l alimentazione funzionale Il concetto di alimento funzionale è nato in Giappone negli anni 80 dalla necessità delle autorità sanitarie di incrementare l aspettativa

Dettagli

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO Il periodo della gravidanza e dell allattamento sono particolarmente critici dal punto di vista alimentare-dietetico, in quanto la dieta incide in modo fondamentale sulla salute

Dettagli

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero Qualunque cibo introdotto nel corpo umano viene trasformato, tramite reazioni chimiche, nei suoi costituenti elementari che sono proteine, lipidi, carboidrati, vitamine, minerali e acqua, perché è solo

Dettagli

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso 1 Definizione trattamenti dietici Prof. Bruno Cianciaruso Insufficienza renale cronica TERAPIA CONSERVATIVA Farmacologica Nutrizionale Terapia nutrizionale, perché? Prevenire e trattare segni, sintomi,

Dettagli

Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma (I) C.F. 97023320589 Tel. +39 (06) 5903534 5903380 Fax +39 (06) 5903342 E-mail: segreteria@federalimentare.

Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma (I) C.F. 97023320589 Tel. +39 (06) 5903534 5903380 Fax +39 (06) 5903342 E-mail: segreteria@federalimentare. Indicazioni nutrizionali e sulla salute relative agli alimenti (reg. CE n. 1924/06), LINEE GUIDA DI FEDERALIMENTARE Revisione 4 giugno 2009 Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma (I) C.F. 97023320589 Tel.

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

817.022.32 Ordinanza del DFI sull aggiunta di sostanze essenziali o fisiologicamente utili a derrate alimentari

817.022.32 Ordinanza del DFI sull aggiunta di sostanze essenziali o fisiologicamente utili a derrate alimentari Ordinanza del DFI sull aggiunta di sostanze essenziali o fisiologicamente utili a derrate alimentari del 23 novembre 2005 (Stato 1 novembre 2010) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visto l articolo

Dettagli

Analisi dei tipi Alimento somministrabile via sonda Nutrison

Analisi dei tipi Alimento somministrabile via sonda Nutrison Analisi dei tipi Alimento somministrabile via sonda Nutrison NCH0117_Typanalysenheft_SN_I_print.indd 1 28.12.2010 12:46:56 Uhr 2 Analisi dei tipi Alimento somministrabile via sonda Nutrison Linea telefonica

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

SPORTELLO ETICHETTATURA E SICUREZZA ALIMENTARE

SPORTELLO ETICHETTATURA E SICUREZZA ALIMENTARE SPORTELLO ETICHETTATURA E SICUREZZA ALIMENTARE MODULO DI RISPOSTA RISPOSTA AL QUESITO: È possibile avere le indicazioni necessarie ad adattare una etichetta esistente al mercato europeo? In base ai dati

Dettagli

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione Gli alimenti sono indispensabili alla vita. Consentono all organismo di

Dettagli

Integratori alimentari a base vegetale

Integratori alimentari a base vegetale Ann Ist Super Sanità 2005;41(1):55-59 Integratori alimentari a base vegetale Valeria DI GIORGI GEREVINI, Roberto COPPARONI, Stefania DALFRÀ, Massimo LEONARDI e Lucia GUIDARELLI Dipartimento della Prevenzione

Dettagli

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto RIZA Sommario Capitolo 1 Le vitamine, sostanze indispensabili al corpo 7 Capitolo 2 La vitamina C: formula, storia

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il SERVIZIO DI DIETOLOGIA AIED offre: Visite mediche specialistiche Elaborazione diete computerizzate personalizzate

Dettagli

Herbalife24 è una soluzione completa per lo sportivo, ideata per soddisfare le esigenze dell'atleta 24 ore su 24. Il prodotto base della linea

Herbalife24 è una soluzione completa per lo sportivo, ideata per soddisfare le esigenze dell'atleta 24 ore su 24. Il prodotto base della linea Herbalife24 è una linea completa di nutrizione per lo sport rivolta a tutti: da chi pratica saltuariamente jogging, a chi si reca ogni giorno in palestra, all atleta professionista - Herbalife24 ti offre

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA COME

COMMISSIONE EUROPEA COME COMMISSIONE EUROPEA Come leggere Fiocchi di riso e di grano integrale, arricchiti di vitamine (B1, B2, B3, B6, acido folico, B12, C) e ferro Peso netto: DA CONSUMARSI PREFERIBILMENTE ENTRO Cereal Lite

Dettagli

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani Fattori: Impossibile competere sul prezzo Diversa scelta del target dei consumatori Conosciamo gli alimenti che consumiamo? Vincenzo

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion SUPER PREMIUM PREMIUM Flavor & Passion Flavor & Passion Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet Food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Riprendendo

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS LOTTO A ALLEGATO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS Lotto 1/A Dieta Polimerica Standard Dieta enterale pronta all'uso, per sonda, polimerica standard, liquida, completa,

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Gli Integratori domande e risposte. Do#. Antonio Verginelli MMG

Gli Integratori domande e risposte. Do#. Antonio Verginelli MMG Gli Integratori domande e risposte Do#. Antonio Verginelli MMG a) Cosa sono Gli Integratori Alimentari: b) Cosa non sono c) A cosa servono Cosa sono gli integratori alimentari? Gli integratori alimentari

Dettagli

ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENATRI

ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENATRI 1. Aminoacidi ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENATRI La tabella sottostante riporta la stima dell apporto giornaliero di riferimento per gli aminoacidi

Dettagli

False credenze e nuove certezze Reggio Emilia 22.11.2014

False credenze e nuove certezze Reggio Emilia 22.11.2014 I consumi di proteine 1861-2007 Come sono fatte le proteine? Le proteine sono uno dei tre macronutrienti (gli altri sono carboidrati e grassi), su cui si basa principalmente la nostra alimentazione.

Dettagli

Scienze Nutraceutiche

Scienze Nutraceutiche Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Farmacia Corso di Laurea in Scienze Nutraceutiche le ragioni di una scelta www.farmacia.unina.it Scienze Nutraceutiche : le ragioni di una scelta

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

nature s most complete plant protein

nature s most complete plant protein THE ORIGINAL nature s most complete plant protein senza soia idoneo per vegetariani e vegani senza colesterolo senza glutine senza derivati del latte senza edulcoranti di sintesi THE ORIGINAL nature s

Dettagli

DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO

DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO CALENZANO COMUNE S.R.L. Società unipersonale del Comune di Calenzano CARTA DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO 2015... Indice Cos è la Carta dei Servizi Gestore Presentazione del servizio Principi fondamentali

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 BANCA DEL LATTE UMANO DONATO di Cesena presso la Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale dell Ospedale M. Bufalini. Per maggiori informazioni contattare il numero: 0547/394362

Dettagli

COSA SONO LE PROTEINE IN POLVERE:

COSA SONO LE PROTEINE IN POLVERE: PROTEINE. Definizione di proteine: Le sono i mattoni della massa muscolare; costituiscono il 90% del peso del sangue a secco, l 80% dei muscoli ed il 70% della pelle. Provvedono alla costruzione connettiva

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

PROPOSTE DI SECONDE PROVE E DI GRIGLIE DI VALUTAZIONE

PROPOSTE DI SECONDE PROVE E DI GRIGLIE DI VALUTAZIONE GRUPPO IPSSEOA GIORNATA DI FORMAZIONE Istituto Avogadro - Torino 25 FEBBRAIO 2015 Dirigente Scolastico: prof. Franco Zanet PROPOSTE DI SECONDE PROVE E DI GRIGLIE DI VALUTAZIONE 1 ESAME DI STATO 2015 Istituti

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

PROFILO DEL PRODOTTO

PROFILO DEL PRODOTTO PROFILO DEL PRODOTTO Contenuti 1 2 3 4 5 8 10 Introduzione Contenuti Profilo Prodotto Prospetto Marketing Sommario Scientifico Storia Del Prodotto Glossario 2 abc Profilo Prodotto Chi Siamo l idea agel

Dettagli

Siamo quello che mangiamo

Siamo quello che mangiamo Siamo quello che mangiamo Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento di prevenzione a tutela della salute e dell armonia psico-fisica organismo è una macchina biochimica che consuma carburante

Dettagli

Linea Guida LO STUDIO PROFESSIONALE DEL BIOLOGO NUTRIZIONISTA

Linea Guida LO STUDIO PROFESSIONALE DEL BIOLOGO NUTRIZIONISTA Linea Guida LO STUDIO PROFESSIONALE DEL BIOLOGO NUTRIZIONISTA CARATTERISTICHE GENERALI, REQUISITI E CASI SPECIFICI A cura di: Pierluigi Pecoraro e Gianni Zocchi Consiglio dell Ordine Nazionale dei Biologi

Dettagli

ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto tra acidi grassi omega6 e omega3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto tra acidi grassi omega6 e omega3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 CCV: 574 Data: 01/01/2013 Paziente: Rossi Mario Referto a cura di: NatrixLab Via Cavallotti, 16 42122 Reggio Emilia Aut.n. 67 del 26.01.10 Direttore Sanitario Dott. Michele

Dettagli