Prof. Dott. Carmelo Rizzo Presidente A.I.Nu.C. Università UNICUSANO Roma Roma 8 Marzo 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof. Dott. Carmelo Rizzo Presidente A.I.Nu.C. Università UNICUSANO Roma Roma 8 Marzo 2012"

Transcript

1 NUTRIZIONE & OBESITÀ Dimagrire rimanendo in salute Prof. Dott. Carmelo Rizzo Presidente A.I.Nu.C. Università UNICUSANO Roma Roma 8 Marzo 2012

2 L uomo mangia troppo e male: vive utilizzando ¼ di ciò che mangia; gli altri ¾ danno da vivere a noi medici. Medico del Faraone, 1500 a. C.

3 SALUTE BENESSERE ALIMENTAZIONE

4 Alimentazione e Ben-Essere Avendo oggi a disposizione tutto il cibo che desideriamo ed essendo sempre più consapevoli che esistono profonde correlazioni tra nutrizione e salute-benessere. ricerca di un regime alimentare sobrio, qualitativamente migliore e soprattutto PERSONALIZZATO, in modo che rispecchi, quanto più possibile, l unicità di ogni singola Persona.

5 ERRORI NEL MODO DI ALIMENTARSI IMPOSTI DALLA CIVILIZZAZIONE Troppo in fretta Troppo abbondante Troppo spesso Troppo e tardi alla sera

6 AUTOINTOSSICAZIONE INTESTINALE

7 AUTOINTOSSICAZIONE INTESTINALE

8 AUTOINTOSSICAZIONE INTESTINALE

9 AUTOINTOSSICAZIONE INTESTINALE

10 AUTOINTOSSICAZIONE INTESTINALE

11 DIETA = CORRETTA ALIMENTAZIONE

12 CREDO CHE CI SIA QUALCHE ALIMENTO CHE MI DA PROBLEMI PERCHE. spesso ho mal di testa, a volte macchie cutanee spesso ho gonfiore e crampi addominali spesso ho diarrea 12

13 CONFUSIONE TERMINOLOGICA ALLERGIE INTOLLERANZE ALIMENTARI

14 REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI TOSSICHE NON TOSSICHE

15 REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI TOSSICHE Intossicazione da funghi Tossine batteriche

16 REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI NON TOSSICHE

17 REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI ALLERGIE IgE mediate IMMUNOMEDIATE GLUTINE INTOLLERANZE DEFINITE Non IgE mediate IPERSENSIBILITA Alimenti che provocano il rilascio di istamina INTOLLERANZE NON DEFINITE Non IgE mediate Immunomediate NON-IMMUNOMEDIATE LATTOSIO,FAVISMO

18 ALIMENTO INTOLLERATO Ag SISTEMA INTESTINALE CONTENITORE CONTENUTO EPITELIO INTESTINALE MICROBIOTA INTESTINALE GALT T8s, Th3, Tr1 CITOCHINE PROINFIAMMATORIE TOLLERANZA ORALE RISPOSTA IMMUNE ABNORME

19 ALIMENTO INTOLLERATO Ag abnorme immunoflogosi intestinale diarrea stipsi S.I.I. meteorismo

20 APPARATO GASTROINTESTINALE FUNZIONE DIGESTIVA FUNZIONE IMMUNITARIA FUNZIONE NEUROENDOCRINA

21 L apparato gastrointestinale è un lungo tubo che dalla bocca giunge all ano con il compito essenziale di rifornire il nostro organismo di acqua, minerali, vitamine e nutrienti FUNZIONE DIGESTIVA

22 Al tempo stesso esso funziona da barriera fondamentale nei confronti di agenti esterni che, ingeriti con il cibo, potrebbero nuocere alla salute FUNZIONE IMMUNITARIA 22

23 Infine è dotato di un ricchissimo tessuto nervoso, del tutto simile a quello che abbiamo dentro la scatola cranica, e di un apparato ghiandolare, i quali producono ormoni e sostanze che tra l altro garantiscono la comunicazione tra due strutture cruciali per la nostra salute FUNZIONE NEUROENDOCRINA 23

24 INTESTINO Solo nell ultimo ventennio, le più avanzate ricerche di neuroanatomofisiologia hanno evidenziato come esso non sia meramente deputato alle funzioni di assimilazione dei nutrienti ed espulsione dei rifiuti,ma possegga interazioni con il cervello, con il sistema immunitario e con la produzione di importanti neuromediatori SISTEMA INTESTINALE

25 IL SISTEMA INTESTINALE Configura in modo esemplare il superamento del punto di vista tradizionale che considerava i sistemi biologici funzionalmente indipendenti Una grande quantità di dati è stata ormai acquisita a dimostrazione del fatto che i compartimenti intestinali nervoso, endocrino ed immunitario costituiscono un SISTEMA INTEGRATO

26 IL SISTEMA INTESTINALE Le molecole messaggere sono in comune ed attive nei tre compartimenti che possono pertanto essere considerati come i momenti finali estremi di un continuum NEURO-ENDOCRINO-IMMUNITARIO

27 SISTEMA INTESTINALE SISTEMA INTEGRATO COMPARTIMENTO NERVOSO Serotonina Melatonina COMPARTIMENTO ENDOCRINO COMPARTIMENTO IMMUNOLOGICO Citochine IgAs

28 SISTEMA INTESTINALE Assolve a funzioni proprie Interagisce con il cervello Modula e condiziona la risposta immunitaria Reagisce alle malattie Somatizza emozioni e stati d animo

29 COMPARTIMENTO NERVOSO Contiene circa 100 milioni di neuroni e svolge un ruolo in gran parte indipendente dal cervello centrale a cui è collegato dal sistema nervoso autonomo, ma dal quale non dipende per il suo funzionamento Se si interrompono le connessioni tra il sistema nervoso autonomo e la rete nervosa dell intestino, questa continua a svolgere indisturbata le sue funzioni

30 Circonvoluzioni cerebrali ed intestinali PRIMO CERVELLO CERVELLO SUPERIORE SECONDO CERVELLO CERVELLO ENTERICO

31 COMPARTIMENTO ENDOCRINO È costituito da cellule endocrine situate nella mucosa gastrointestinale Esse, avendo la membrana plasmatica apicale esposta al lume, possono agire come sensori e interagire con le sottostanti cellule della sottomucosa attraverso il rilascio di amine e/o neuropeptidi che agiscono in modo paracrino

32 NEUROPEPTIDI INTESTINALI PEPTIDE LUOGO DI PRODUZIONE AZIONE PRINCIPALE COLECISTOCHININA Mucosa tenue, pancreas e SNC Stimola la contrazione della cistifellea e la secrezione degli enzimi pancreatici. Nel cervello induce sensazione di sazietà SOMATOSTATINA Intestino e SNC Inibisce gli ormoni intestinali (insulina e glucagone) ed il GH ipotalamico SOSTANZA P Intestino, pelle e SNC Neurotrasmettitore del dolore ACETILCOLINA SEROTONINA SNC E SISTEMA NERVOSO ENTERICO CELLULE CROMAFFINI dell intestino (90% di tutta la serotonina dell organismo) e SNC Nel SNC ha varie funzioni; nell intestino è liberata dal nervo vago per controllare le contrazioni, la liberazione di succhi gastrici, pancreatici, etc Regolazione dell umore Regolazione dell assunzione degli alimenti Attivazione del sonno Regolazione liberazione ormoni adenoipofisari

33 COMPARTIMENTO IMMUNITARIO È costituito dal sistema immune mucosale afferente al tessuto linfoide organizzato o intestino associato o GALT (Gut Associated Lymphoid Tissue)

34 GALT È UNO DEI PIU IMPORTANTI SETTORI IMMUNITARI DELL ORGANISMO, IN PARTICOLARE IN VIRTU DELLA SUA ESTENSIONE 400 mq

35 SUPERFICIE DEL GALT 400 mq

36 SISTEMA GALT Gut Associated Lymphoid Tissue Metà circa SISTEMA MALT Mucosal Associated Lymphoid Tissue Costituisce l 85% dell intero tessuto linfatico

37 Funzioni del GALT Processazione e presentazione degli antigeni (batterici e/o alimentari) Immunosorveglianza Immunotolleranza Infezioni Strober, Bas Clin Imm 1991 Intolleranze Allergie

38 MICROBIOTA INTESTINALE GALT IMMUNOSORVEGLIANZA IMMUNOTOLLERANZA

39 MICROBIOTA INTESTINALE Rappresenta un organo funzionalmente attivo capace di svolgere importanti funzioni biologiche, alcune delle quali direttamente deputate alla difesa dell ospite Esso, infatti, in condizioni fisiologiche (equilibrio) costituisce una sostanziale sfida antigenica per l ospite, capace di generare un forte effetto stimolante sulla maturazione del tessuto linfoide associato alla mucosa intestinale (GALT).

40 Microbiota intestinale Se facciamo un raffronto dal punto di vista cellulare tra l Homo sapiens composto da organi e tessuti e gli organismi unicellulari che lo colonizzano, è evidente come questi ultimi sono nettamente in maggioranza Il corpo umano infatti possiede in totale circa miliardi di cellule, mentre nel solo intestino tenue e nel colon sono presenti circa miliardi di cellule microbiche. Le cellule umane sono in netta minoranza!

41 Microbiota intestinale La distribuzione e la composizione della microflora batterica è diversa nei diversi tratti del tubo gastroenterico. La carica microbica aumenta man mano che si avanza dallo stomaco verso il retto, parallelamente alla componente anaerobica, mentre diminuisce quella aerobica.

42 MICROBIOTA INTESTINALE

43 MICROBIOTA INTESTINALE Putrefazione intestinale Produzione di carcinogeni PATOGENI Diarrea, stipsi, infezioni, epatopatie, cancro, produzione di sostanze tossiche Proteus Stafilococchi Clostridi Pseudomonas POTENZIALMENTE PATOGENI Enterococchi E. coli Formazione di una barriera microbica Lattobacilli BENEFICI Inibizione della crescita di batteri esogeni e/o patogeni Digestione ed assorbimento di nutrienti e minerali Stimolazione e modulazione del sistema immune Batterioidi Bifidobatteri Sintesi di vitamine

44 MICROBIOTA INTESTINALE PATOGENI Proteus Stafilococchi Clostridi POTENZIALMENTE PATOGENI BENEFICI Rappresentano la componente funzionale più numerosa della flora fisiologica dell intestino tenue. Hanno un importante ruolo difensivo contro i germi patogeni. Pseudomonas Enterococchi Producono acido lattico ed altri acidi che, acidificando l ambiente intestinale, neutralizzano i cataboliti alcalini e determinano resistenza alla colonizzazione di batteri patogeni alcalogeni. E. coli Lattobacilli Attivano le cellule NK e i macrofagi, ma non i linfociti T e B (attività immunitaria aspecifica). Bifidobatteri Batterioidi 44

45 MICROBIOTA INTESTINALE PATOGENI Proteus Stafilococchi Clostridi Pseudomonas POTENZIALMENTE PATOGENI Enterococchi BENEFICI Insieme ai Lattobacilli sono tra le specie predominanti nelle microflore intestinali, e sono inoltre tra i principali responsabili dell equilibrio e della stabilizzazione dell ecosistema microbico intestinale. Come i Lattobacilli producono acido lattico, che contribuisce a regolare il ph dell intestino, e batteriocine che svolgono un azione antimicrobica contro i potenziali patogeni intestinali. E. coli Lattobacilli Bifidobatteri Come i Lattobacilli attivano le cellule NK e i macrofagi, ma non i linfociti T e B (attività immunitaria aspecifica). Batterioidi

46 MICROBIOTA INTESTINALE PATOGENI POTENZIALMENTE PATOGENI BENEFICI Proteus Stafilococchi Clostridi Pseudomonas Fanno parte della flora intestinale parietale dell intestino tenue Ostacolano la crescita di germi patogeni acidificando l ambiente e producendo sostanze batteriostatiche e battericide. Enterococchi E. coli Lattobacilli Hanno una importante attività immunitaria poiché sono in grado di stimolare l intera gamma di immunociti (NK, macrofagi, linfociti T, linfociti B). Bifidobatteri Batterioidi

47 MICROBIOTA INTESTINALE PATOGENI POTENZIALMENTE PATOGENI BENEFICI Proteus Stafilococchi Clostridi Pseudomonas Fa parte della flora intestinale fisiologica ed è un germe importante per mantenere la resistenza alla colonizzazione di germi patogeni. Ha un effetto immunomodulante sul sistema immunitario della mucosa intestinale, attiva la produzione di IgA secretorie e produce vitamina K. Enterococchi E. coli Batterioidi Lattobacilli Bifidobatteri Un aumento di questo germe può essere causato da un alimentazione troppo ricca di proteine e grassi e spesso può causare infezioni croniche recidivanti anche nel tratto urogenitale.

48 MICROBIOTA INTESTINALE Batterioidi PATOGENI POTENZIALMENTE PATOGENI BENEFICI Proteus Stafilococchi Rappresentano la componente più numerosa della flora batterica dell intestino crasso Clostridi Pseudomonas Insieme ai Bifidobatteri sono molto importanti per la resistenza alla colonizzazione. Enterococchi E. coli Lattobacilli Bifidobatteri Metabolizzano prevalentemente proteine, ma rispetto ad altri germi aerobici sono poco attivi

49 MICROBIOTA INTESTINALE FUNZIONI METABOLICHE FUNZIONE PROTETTIVA FUNZIONE IMMUNITARIA

50 FUNZIONI METABOLICHE Attivazione metabolismo dei glucidi e delle proteine Metabolismo degli zuccheri complessi con produzione di acidi grassi a catena corta benefici per l organismo (ac. propionico inibitore dei meccanismi di assorbimento del colesterolo; ac. butirrico principale substrato energetico delle cellule epiteliali) Decomposizione della cellulosa Decomposizione di alcune sostanze cancerogene (nitrosamine) Sintesi di vitamine (B1, B2, B6, B12, K ) Produzione di sostanze antibatteriche (ac. lattico, ac. solfidrico, H 2 O 2, batteriocine)

51 FUNZIONE PROTETTIVA FORMAZIONE DI UNA BARRIERA MICROBICA MECCANISMI DIRETTI Produzione di sostanze microbicide o microstatiche (batteriocine, acidi grassi a catena corta, acido solfidrico, perossido di idrogeno) Produzione di metaboliti tossici Deplezione di nutrienti essenziali Adesione ai recettori delle mucose ed ostacolo all insediamento degli invasori patogeni MECCANISMI INDIRETTI Aumento della produzione anticorpale Stimolazione fagocitaria Stimolazione produzione citochine (TNF, IFNs)

52 La Barriera Intestinale Commensal flora Commensal flora Enzymes Allergen IgA Mucin M cell Tight junctions TGF-b Th3 Tr1 IL-10 CD4 TLRs Tgd DC IL-10 IL-4 52

53 FUNZIONE IMMUNITARIA MICROBIOTA INTESTINALE GALT IMMUNOMODULAZIONE IMMUNOSTIMOLAZIONE IMMUNOSOPPRESSIONE - Maturazione funzionale del sistema immunitario intestinale - Stimolazione delle IgA secretorie - Mantenimento della tolleranza immunologica

54 ALTERAZIONE MICROBIOTA MICRORGANISMI BENEFICI O EUBIOTICI MICRORGANISMI POTENZIALMENTE PATOGENI 54

55 SINDROME dell INTESTINO IRRITABILE (SII) STIPSI GONFIORE ADDOMINALE DISMICROBISMO LIEVE Coinvolgimento degli organi dell apparato gastroenterico METEORISMO FLATULENZA DIARREA

56 MICOSI INTESTINALE CANDIDOSI VAGINALE DISMICROBISMO MEDIO Coinvolgimento dell apparato gastroenterico e urogenitale ALITOSI CISTITI CRONICHE PROSTATITI CRONICHE

57 ANSIA DEPRESSIONE ABBASSAMENTO DIFESE IMMUNITARIE STANCHEZZA CRONICA DISMICROBISMO GRAVE con disseminazione tossinica a carico di quasi tutti gli organi ed apparati CEFALEE FRONTALI DOLORI ARTICOLARI AFFEZIONI CUTANEE INVECCHIAMENTO PELLE

58 LE SENSAZIONI DELL INTESTINO

59 Quando il corpo fu creato, tutte le sue parti inoltrarono domanda onde poter essere poste a capo di esso. VISIONE UNITARIA DEL PAZIENTE 59

60 Disse il cervello Io trasmetto disposizioni e messaggi a tutte le parti del corpo, le controllo, le dirigo. E giusto che io venga eletto CAPO

61 Disse lo stomaco Io traduco in energia, insieme all intestino, tutti gli elementi di cui il corpo ha bisogno, lo nutro e lo preservo da morte causata da inedia. E quindi giusto che io venga eletto CAPO.

62 Noi trasmettiamo e trasformiamo in moto tutti gli impulsi del cervello e l energia che ci fornisce lo stomaco. E giusto che noi siamo elette CAPO. Dissero le gambe

63 Una dopo l altra tutte le varie parti del corpo umano proposero la Votatemi!!! Sono io il capo loro candidatura adducendo motivi più o meno validi Votatemi!!! Noooo!! Siamo noi zzzzz.zzzzzz

64 ed infine l INTESTINO propose la propria. Penso che il CAPO dovrei essere io Scoppiò una risata generale, tanto ridicola fu trovata l idea che l Intestino fosse il CAPO

65 Offeso, l Intestino si gonfiò, si occluse e da quel momento si rifiutò di fare il proprio dovere.ovvero lo STRONZO!!!!!

66 Il tempo passò e a causa dello sciopero indetto e attuato dall Intestino,, tutte le parti del corpo cominciarono a star male: il cervello divenne febbricitante, lo stomaco aveva i crampi, le mani e le gambe pendevano inerti lungo il corpo e tutto era in disordine.

67 Infine per non andare incontro a morte sicura, tutti gli organi si rivolsero al Creatore, pregandolo di eleggere l Intestino a CAPO del corpo umano. Ecco a voi il CAPO.. Avvenuto ciò e rabbonitosi, l Intestino riprese a lavorare regolarmente, e cioè a fare lo Stronzo.

68 Morale della favola per diventare CAPO non c è bisogno di essere un genio, ma basta essere qualcuno capace di fare lo STRONZO.. 68

69 DISMICROBISMO INTESTINALE Condizione di ridotta funzionalità intestinale con screzi immunologici, infiammatori ed infettivi INTESTINO MADRE DI MOLTE PATOLOGIE Il TRATTO GASTROINTESTINALE come starter ezio-patogenetico per un notevole numero di malattie Il suo RIEQUILIBRIO diviene condizione necessaria e sufficiente per rigenerare lo stato di BEN-ESSERE

70 LASCIA CHE IL CIBO SIA LA TUA MEDICINA E CHE LA TUA MEDICINA SIA IL CIBO Ippocrate, III sec. a.c.

71 Se il padre di un malanno spesso è sconosciuto, la madre è sempre l alimentazione Detto popolare

72 OBESITA BELLEZZA

73 MAGREZZA BELLEZZA

74 MAGREZZA = BELLEZZA

75 L obesità: un epidemia GLOBESITY Secondo l OMS oltre 1 miliardo di persone in tutto il mondo è in sovrappeso, di cui almeno 300 milioni obese. Il problema è globale con un aumento progressivo anche nei paesi in via di sviluppo

76 Patologia multifattoriale -stile di vita -predisposizione genetica e fattori ambientali -fattori psicologici

77 Conseguenze del sovrappeso L obesità è un fattore di rischio per numerose malattie:diabete, ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, malattie cardiovascolari, osteoartrite Compromissione della qualità di vita Riduzione dell aspettativa di vita

78 DIETA DIMAGRANTE Calcolo del BMI e quindi del peso ideale (costituzione e attività fisica)

79 CALCOLO DEL PESO TEORICO (IDEALE) IMC NORMALE UOMINI DONNE Costituzione esile Costituzione media Costituzione robusta

80 RIFLESSIONI CONCLUSIVE BENESSERE

81 Conviene far studi sui regimi (alimentari) più opportuni per gli uomini ancora in salute. Ippocrate Il secondo millennio ci ha consegnato un mondo di OBESI

82 L evoluzione della piramide alimentare Prima versione: La piramide alimentare venne ideata dal dipartimento dell Agricoltura USA nel Era strutturata con una classificazione orizzontale dei seguenti gruppi di alimenti (dal basso verso l alto) Cereali e derivati Verdura Latte e latticini Zuccheri e grassi Carne, pesce, uova, legumi Frutta fresca

83 La modifica: Nel 2005 la piramide è stata modificata, divenendo My Pyamid. La nuova versione mantiene sei gruppi di alimenti, ma le strisce orizzontali sono diventate verticali di colori differenti (da sinistra a destra) Olio e grassi cereali verdura frutta latticini proteine

84 L innovazione: Addio alla piramide, arrivano i piatti, con l obiettivo principale della crociata antiobesità: destinare almeno metà della dieta a frutta e verdura (gli alimenti dovrebbero essere distinti non più in 6, ma in 4 categorie) Verdura Frutta Cereali Proteine A lato un piattino più piccolo con latte e yogurt

85 ENTRATE CALORICHE USCITE CALORICHE = BILANCIO ENERGETICO POSITIVO

86 L obesità rappresenta uno dei più importanti problemi di salute in quanto riduce l aspettativa di vita, aumenta la disabilità, la mortalità.

87 Un individuo su tre è obeso (ha un peso superiore del 20% rispetto al peso corporeo ideale). Il soggetto obeso presenta un aumento del 20% del rischio di mortalità per complicanze, quali ipertensione, diabete ed iperlipidemia

88 L obesità ha un ruolo importante non solo nell età adulta, ma anche nell età scolare. Le complicanze legate all obesità gravano sulla spesa sanitaria per circa 10 miliardi di Euro l'anno. L'obesità è la seconda causa principale di morte prevenibile nelle popolazioni occidentali.

89 SOVRAPPESO E OBESITÀ: DATI PERCENTUALI ISTAT canada usa italia 10 0 sottopeso normopeso sovrappeso obeso

90

91 to obesità sovrappeso

92 Malattie respiratorie Steatosi epatica Calcolosi colecisti Iperuricemia e gotta Cancro mammario ed endometriale Malattie cardiovascolari Ictus Diabete II 85% obesi Dislipidemia Osteoartrite Alterazioni endocrine

93 93

94 ...CHIRURGIA BARIATRICA TECNICHE RESTRITTIVE TECNICHE DERIVATIVE TECNICHE IBRIDE V. Mazzuca Mari

95 Palloncino intragastrico BIB

96

97 MECCANISMO DELLA SAZIETA SENZA BENDAGGIO E CON BENDAGGIO

98 BY PASS GASTRICO Piccola tasca gastrica neopiloro stretto La deviazione del normale percorso alimentare esclude una parte del tratto intestinale dal passaggio del cibo. L arrivo del cibo appena masticato in un tratto di intestino che non è abituato a riceverlo provoca un calo dell appetito

99

100 Trattamento nutrizionale a scopo dimagrante, basato su un alimentazione essenzialmente proteica in forma liquida Questa, in assenza di zuccheri e grassi, determina la formazione dei corpi chetonici, la cui presenza annulla il senso di fame I corpi chetonici derivano dalla trasformazione del grasso di deposito negli zuccheri necessari all organismo per svolgere la normale attività fisica Il grasso in eccesso viene eliminato risparmiando la parte magra (muscoli)

101 CORPI CHETONICI L assunzione di un eccesso di proteine, in assenza o carenza di zuccheri, non assicura all organismo la quantità di energia necessaria al suo funzionamento. Di conseguenza, esso attinge alle riserve di grasso per produrre energia ma, mancando i carboidrati, la combustione dei grassi viene cortocircuitata, è incompleta, e si arresta alla produzione dei corpi chetonici che portano ad uno stato di chetosi, ossia di acidosi metabolica Per ridurne la concentrazione nel sangue, l organismo inizia allora a eliminare con le urine gli acidi aceto-acetico e 3-idrossi-butirrico e, attraverso i polmoni, l acetone il quale, a contatto dell aria, emana il caratteristico odore di frutta matura (alitosi acetonemica).

102 CORPI CHETONICI Ovviamente, l acidosi metabolica, se protratta a lungo nel tempo, è estremamente dannosa per l organismo e la perdita di peso che si ottiene è essenzialmente dovuta all eliminazione di acqua espulsa con le abbondanti urine per liberarsi dei corpi chetonici, nonché a perdita di massa muscolare a cui l organismo attinge nel disperato tentativo di rifornire il cervello di glucosio (AA glucogenetici)

103 CORPI CHETONICI Con questo metodo, la formazione dei corpi chetonici non assume alcun aspetto negativo per un duplice motivo: - è limitato nel tempo (8-10 gg) - è basato sull apporto prevalente o esclusivo di un integratore proteico, a base di AA, formulato in modo da stimolare l anabolismo proteico ( massa magra) ed il catabolismo lipidico la formazione dei corpi chetonici assume invece, un aspetto positivo in quanto, rappresentando l unica fonte di energia per il cervello, ne consentono il normale funzionamento. Hanno, inoltre, un naturale effetto anoressizzante ed euforizzante. Ecco perché non si ha fame e si è ottimisti

104 Questo tipo di trattamento costituisce sicuramente la scelta di elezione in caso di obesità laddove in genere l ultima spiaggia è costituita dalla chirurgia bariatrica (scelta irreversibile!), ma può essere utilizzata anche in presenza di sovrappeso medio-grave Essa, infatti, non presenta particolari controindicazioni ad esclusione dei soggetti che soffrono di grave insufficienza renale

105 Perdere massa grassa senza perdere massa magra in tempi brevi Agire selettivamente sulle adiposità localizzate Dimagrire senza soffrire la fame Mantenere i risultati ottenuti nel tempo

106 Tre modalità di trattamento: V. Mazzuca Mari

107 po sintossicazione trizionale roteica Valutazione clinica/psicologica generale Valutazione antropometrica Bioimpedenziometria iniziale (BMI, F.M., F.F.M., T.B.W.) Valutazione esami ematochimici

108 Emocromo completo Azotemia Creatininemia Glicemia Trigliceridi Colesterolo tot, LDL, HDL Uricemia QSP Potassiemia Calcemia GOT, GPT TSH, FT3, FT4 HCV HBSAg Urine complete

109 TRATTAMENTO ENTERALE La soluzione proteica in forma liquida, contenuta in una piccola sacca, viene introdotta direttamente nello stomaco del paziente attraverso un piccolo sondino naso-gastrico di 2/3 mm di spessore La somministrazione avviene in maniera lenta ( 80 ml /h) e continua mediante una piccola pompa computerizzata che spinge il contenuto della sacca attraverso il sondino Il paziente non mangia ma deve bere abbondantemente liquidi non zuccherati

110 TRATTAMENTO ENTERALE È costituito da cicli di trattamento enterale alternati a cicli di dieta alimentare, così distribuiti: 8-10 gg di sondino, con perdita max di circa l 1% di peso corporeo/giorno, ossia 6-8% 7 9% 20 gg di dieta alimentare controllata di mantenimento, utili soprattutto come fase di educazione alimentare

111 TRATTAMENTO ENTERALE Le statistiche raccolte su circa 300 casi di pazienti trattati con il sondino per 10 gg, hanno evidenziato che nei primi 8 gg il calo di peso è del 5,8-7% nelle donne e del 6,8-8% negli uomini Considerando perciò lo stress metabolico ed emotivo del paziente e la scarsa rilevanza della perdita di peso negli ultimi 2 gg di trattamento, il ciclo con il sondino può anche essere ridotto ad 1 settimana Ciò, oltre ad ottimizzare gli effetti terapeutici, permette anche di abbreviare l intervallo tra due trattamenti consecutivi

112 TRATTAMENTO ORALE 1 FASE Produce gli stessi risultati del sondino senza il fastidio di avere il sondino nel naso 1,2 gr proteine/kg di peso ideale (1 gr se sedentario) 1,4 gr proteine/kg di peso ideale (1,2 gr se sedentario) Cicli di 7-10 gg (riduzione del peso iniziale del 6-9%)

113 PROFAST Integratore proteico a base di proteine del latte arricchito di Isoleucina, Triptofano e Aspartato di Potassio IPERPROTEICO IPERSOLUBILE

114 Preparazione proteica amino-acidica collocabile nella realizzazione di programmi dietoterapici di dimagrimento Una dieta proteinata eseguita mediante alimenti naturali può presentare alcuni limiti per la praticità, l efficacia e il sovraccarico renale. La stessa dieta può essere facilmente eseguita grazie all aiuto di ProFast che con la sua formulazione di 18 aminoacidi e Potassio dà risultati eccezionali. Il ProFast permette una integrazione proteica qualitativamente completa.

115 I 18 aminoacidi del ProFast AMINOACIDI ESSENZIALI AMINOACIDI SEMIESSENZIALI AMINOACIDI NON ESSENZIALI

116 AMINOACIDI ESSENZIALI Fenilananina Isoleucina Istidina Leucina Lisina Metionina Tronina Triptofano Valina

117 AMINOACIDI SEMIESSENZIALI Tirosina Arginina Cistina

118 AMINOACIDI NON ESSENZIALI Alanina Ac. Aspartico Ac. Glutammico Glicina Prolina Serina

119 TRATTAMENTO ORALE 1 FASE SCHEMA NUTRIZIONALE CONSIGLIATO PER LA 1 SETTIMANA Colazione Tè, Caffè o Tisana (senza zucchero) + 1 bustina di PROFAST sciolta in una delle bevande Metà mattino Tè, Caffè o Tisana (senza zucchero) Pranzo Tè, Caffè o Tisana (senza zucchero) + 2 bustine di PROFAST sciolte in una delle bevande Pomeriggio Tè, Caffè o Tisana (senza zucchero) Cena Tè, Caffè o Tisana (senza zucchero) + 2 bustine di PROFAST sciolte in una delle bevande

120 TRATTAMENTO ORALE 1 FASE Il paziente può suddividere l assunzione a suo piacimento, cercando di distribuire l apporto in modo equilibrato Fondamentale l assunzione di almeno 2 lt di acqua al giorno È possibile bere thè al limone, caffè (max 2/giorno), tisane all equiseto 40% e liquirizia 20% dolcificate con aspartame, oppure spremute di limone senza zucchero

121 TRATTAMENTO ORALE 2 FASE Dopo il primo ciclo di assunzione del solo integratore proteico, si passa ad una dieta mista per 2/3 settimane Nella 1 settimana, l apporto proteico sarà fornito per metà da carne o pesce + verdura a basso carico glicemico e per metà da un integratore proteico solubile Nelle successive 2/3 settimane si seguirà una dieta ipocalorica (metabolica, etc) tarata sulla costituzione e sull attività svolta dal paziente

122 TRATTAMENTO MISTO Dieta proteica (1,2 1,4 gr proteine / Kg di peso ideale) costituita in pari misura (50%) da: un integratore proteico PROFAST alimenti proteici (carne e pesce) gr di verdure a basso carico glicemico

123 TRATTAMENTO MISTO SCHEMA NUTRIZIONALE CONSIGLIATO PER LE 2 SETTIMANE SEGUENTI: Colazione Tè, Caffè o Tisana (senza zucchero) + 1 bustina di PROFAST sciolta in una delle bevande Metà mattino Tè, Caffè o Tisana (senza zucchero) Pranzo Tè, Caffè o Tisana (senza zucchero) + 2 bustine di PROFAST sciolte in una delle bevande Pomeriggio Tè, Caffè o Tisana (senza zucchero) Cena Pasto di carne ( 200gr ca.) o pesce ( 250gr ca.) o legumi ( 100/150gr crudi) o 2 uova + verdure a scelta dalla lista Alternare i vari gruppi alimentari giornalmente. Bere almeno 2 litri di acqua ( anche gassata) al giorno

124 Bevande Consentite: Tè, Caffè o Tisana (senza zucchero). Verdure Concesse: Broccoli, Cavolfiore, Cavolo bianco o verde, Cetrioli, Finocchi, Insalata (tutte le verdure a foglie) Peperoni verdi, Ravanelli, Sedano, Germogli di soia, Spinaci, Zucchine, Asparagi, Verza, Funghi. Carni Permesse: Pollo, Tacchino, Coniglio, Manzo, Vitellone, Agnello, Maiale magro, Bresaola, Prosciutto, Uova. Pesce: Tonno al naturale, Salmone, Alici, Merluzzo, Luccio, Palombo, Rombo, Sarago, Spigola, Sogliola, Orata, Scampi, Seppie, Calamari, Polpo. Legumi: Ceci, Fagioli, Lenticchie, Piselli, Soia. Linea guida alimenti Condimenti: Sale, Limone, Aromi, Aceto di mela o balsamico, Olio (Oliva, Girasole, Sesamo, Vinacciolo, meglio se spremuti a freddo). Evitare: Carni Grasse: Oca, Maiale grasso, Gallina, Castrato, Frattaglie, Interiora. Carni Insaccate: Coppa, Cotechino, Mortadella, Salsiccia, Salame, Wurstel, Zampone. Pesci grassi: Anguilla, Capitone Tutti i Formaggi Salse grasse ed elaborate, Fritture in genere Frutta secca ed oleosa: Datteri, Fichi secchi, Nocciole Zucchero (anche integrale), Miele, Marmellata, Frutta candita e sciroppata Bevande zuccherate e gassate: Aperitivi, Digestivi, Amari, Liquori, Superalcolici, Aranciata, Sciroppi

125 Naturalflora Idroflora 1- idroflora 2 - Perossido di Magnesio Idropsillium Idrocolon con Idroflora 3 CanDiet Mini-Meal

126 Alimenti permessi Le proteine vegetali Il tofu e il seitan, hanno una percentuale di proteine che possono essere consumati a volontà Il tempeh (alimento derivato dalla soia) Bistecche di soia e burger vegetali Il latte di soia (privo di lattosio, ricco di proteine vegetali,poco calorico,povero di lipidi,calcio,vitamina D e privo di colesterolo Lo yogurt di soia

127 Pesatevi molto spesso,soprattutto nei primi giorni. Se la bilancia è la nemica di chi ingrassa,è anche l amica e la giusta ricompensa di chi dimagrisce:ogni perdita di peso,per quanto minima,sarà il vostro stimolo più grande

128 mangia come sei nel tuo Dna

129 La prevenzione alimentare passa per la Genetica

130 Individuare una dieta ad personam è sempre stato uno degli obiettivi più ambiziosi e ancora oggi disattesi, degli specialisti alimentari delle varie branche della medicina afferenti alla ricerca della salute e più in generale, del benessere inteso nel senso più completo della parola

131 Medici, biologi nutrizionisti, personal trainer e numerose altre professionalità coinvolte in prescrizioni e suggerimenti sulla corretta alimentazione, in chiave sia qualitativa che quantitativa, sono a tutt oggi privi di una metodica scientifica e rigorosa per l impostazione di schemi dietologici

132 Secondo i ricercatori americani, si tratterebbe di ritagliare la dieta su misura per ogni paziente, senza in alcun modo esasperare i risultati di perdita di peso. Ma attualmente resta irrisolta la questione riguardante quali parametri adottare per individuare la corretta tipologia alimentare per ogni specifico individuo così da soddisfare la crescente richiesta di diete personalizzate.

133 George Watson, ricercatore alla UCLA, notò per primo una fondamentale differenza di reazione metabolica tra soggetti sottoposti agli stessi tipi di alimenti. Analizzando i motivi di queste differenti reazioni, individuò due distinti gruppi di individui in cui il tasso di CO2 e l acidità ematica erano differenti.

134 Un gruppo, costituito dal 20% degli individui, bruciava gli alimenti ad un tasso più elevato del normale. L altro, costituito dall 80% degli individui, li bruciava ad un tasso più lento. Watson chiamò i primi ossidatori veloci, i secondi ossidatori lenti. L individuazione del tipo ossidativo di appartenenza, importante per la scelta dell alimentazione più idonea, veniva condotto rilevando il tasso di CO2 nel sangue venoso o capillare.

135 Recentemente, nella personalizzazione delle diete, parallelamente e in combinazione con gli appena ricordati schemi metabolici, si è imposto il concetto di esclusione dei cibi più frequentemente utilizzati o meglio, dei cibi a cui si fosse allergici o intolleranti.

136 Un concetto innovativo consiste nell utilizzare per la prima volta la tipizzazione genetica della varianti alleliche S, SL, L(G), L, L(A), del gene 5HTTLPR SLC6A4, in tutte le sue possibili interazioni epistatiche, come indicatore di adattamento lento, intermedio e rapido allo stress alimentare. Stress causato da un'alimentazione qualitativamente inadeguata o da un'alimentazione mal distribuita e sbilanciata.

137 Secondo questa innovativa tecnica gli individui vengono raggruppati in tre ben distinte tipologie: gli adattatori lenti al cibo (Food Slow Stress Adapter = FSSA), gli adattatori intermedi (Food Intermediate Stress Adapter = FISA) ed adattatori rapidi (Food Fast Stress Adapter = FFSA).

138 Dette tre tipologie di individui, selezionano ed evidenziano la differente capacità dei singoli soggetti a resistere allo stress di un'alimentazione inadeguata, senza beneficiare di una integrazione nutraceutica geneticamente orientata.

139 L utilizzo dei risultati ottenuti, indifferentemente dal genere sessuale del paziente genotipizzato, permette di determinare un corretto e personalizzato regime alimentare, prevedendo la completa equivalenza e consentendo la totale interscambiabilità di cibi appartenenti alla stessa categoria (lenti, intermedi o rapidi) definita in base al contenuto glucidico, proteico o lipidico di detti alimenti, così da determinarne precise caratteristiche e tempistiche del metabolismo ossidativo.

140 Il presente metodo di analisi alimentare, permette di unificare infine i controversi ruoli attribuiti alle allergie, incompatibilità o citotossicità alimentari nella determinazione dietetica, considerandoli comunque tutti indistintamente come fattori scatenanti nutrizionali (FSN) in chiave di stress ossidativo.

141 IL METABOLISMO Per comprendere meglio i principi di riferimento utilizzati nella presente indagine, torna utile ricordare le caratteristiche dei due metabolismi che caratterizzano l essere umano: il metabolismo basale ed il metabolismo intermedio.

142 METABOLISMO BASALE Si definisce metabolismo basale quello riferito alla quantità di energia necessaria al fisiologico funzionamento del corpo a riposo; esso serve a mantenere attive e costanti le funzioni vitali dell organismo come la respirazione, il battito cardiaco, la temperatura del corpo, la peristalsi intestinale e altre importanti funzioni autonome.

143 METABOLISMO INTERMEDIO Il metabolismo intermedio è invece quello correlato alla ossidazione dei costituenti fondamentali degli alimenti, ovvero, gli zuccheri, i grassi e le proteine. Tutti gli alimenti assunti dal nostro organismo, subiscono infatti una serie di trasformazioni chimiche per essere successivamente convertiti in energia, all'interno delle nostre cellule.

144 E' stato il biochimico George Watson a scoprire e studiare il metabolismo intermedio (dal 1952 al 1972); egli per primo classificò tre tipi diversi di ossidatori: Il primo tipo, ipo-ossidatore, con metabolismo intermedio lento caratterizzato da un ph venoso alto (>7.38).

145 A tale soggetto, in difficoltà nel ricavare energia da qualsiasi tipo di cibo, veniva consigliata un'alimentazione preferibilmente ricca di cibi di più facile ossidabilità come i carboidrati e le proteine glucogeniche e pressoché priva di grassi integrata da una formula di vitamine e minerali pro-ossidanti. Gli ipo-ossidatori tendono ad ingrassare facilmente e se riescono a perdere i chili in eccesso, li riprendono con estrema facilità.

146 Integratori vitaminici e mineralici per ipo-ossidatori. Vitamina B1 10 mg. Vitamina B2 10 mg. Vitamina B6 10 mg. Vitamina C 250 mg. Vitamina D 400 mg. Niacina 25 mg. PABA 100 mg. Potassio citrato 300 mg. Ossido di magnesio 100 mg. Gluconato di rame 0,2 mg. Gluconato di ferro 25 mg.

147 Il secondo tipo, iper-ossidatore, con metabolismo intermedio veloce caratterizzato da un ph venoso basso (<7.36). Per mantenere equilibrato tale soggetto, rapido ossidatore di carboidrati, veniva consigliata un'alimentazione prevalentemente a base di proteine chetogeniche e di grassi, integrata da una formula di vitamine e minerali antiossidanti.

148 Gli iper-ossidatori tendono ad ingrassare in modo accentuato arrivando all'obesità. La perdita di peso può però essere ugualmente veloce e duratura.

149 Integratori vitaminici e mineralici per iper-ossidatori. Vitamina A 10,000 U.I. Vitamina E (tocoferoli) 200 U.I. Vitamina B mcg. Vitamina C 200 mg. Niacinamide 200 mg. Ac. Pantotenico 100 mg. Colina 200 mg. Inositolo 160 mg. Calcio 220 mg. Fosforo 150 mg. Iodio 0,05 mg. Solfato di Zinco 7 mg.

150 Il terzo tipo, sotto-ossidatore, con metabolismo intermedio normalmente attivo, caratterizzato da un ph venoso A questo soggetto, dotato di processi metabolici efficienti, veniva consigliato un regime alimentare equilibrato con una leggera prevalenza proteica, supportato da una formula completa di vitamine e sali minerali per vivere in maniera ottimale. Il suo peso corporeo tende generalmente a rimanere costante.

151 Sfruttando la nuova identificazione genetica delle tipologie di adattatore lento, intermedio e rapido allo stress alimentare, possiamo derivare ora indicazioni innovative riguardo il regime dietetico più adatto a ciascun individuo per qualità dei cibi e loro distribuzione temporale nel corso della giornata.

152 Influenza del Gene NUTRIGENE Geni Adattamento allo stress Sensibilità al sale Sensibilità all'alcool Olio di oliva (utilizzo) Sensibilità caffeina Azione detossificante (secondo tipo di cottura) Azione detossificante (utilizzo crucifere ) GSTM1 Infiammazione generale Sensibilità ai grassi saturi Metabolismo vitamine B Sensibilità agli zuccheri e carboidrati raffinati Stress ossidativo Metabolismo vitamina D Sensibilità lattosio 5HTT(SLC6A4) ACE AOH1C APOC3 CYP1A2*1F VOR CYP1A2*1 F IL6 TNF APOC3 LPL MTHFR ACE PPARG S002 VOR LCT Sensibilità glutine (morbo celiaco) HLA DQ2/8

153 ADATTAMENTO ALLO STRESS LATTOSIO GLUTINE 5HTT(SLC6A4) LCT HLA DQ2/8 Adattamento allo stress Sensibilità lattosio Sensibilità glutine (morbo celiaco)

154 NUTRIGENE BAMBINO Permette di stabilire una alimentazione aderente alle necessità del bambino. Mediante lo studio dei polimorfismi dei geni per la sensibilità a glutine e lattosio, si può valutare la dieta prima ancora dello svezzamento del lattante. 5HTT(SLC6A4) MTHFR PPARG VOR LCT HLA DQ2/8 Adattamento allo stress Metabolismo vitamine B Sensibilità agli zuccheri e carboidrati raffinati Metabolismo vitamina D Sensibilità lattosio Sensibilità glutine (morbo celiaco)

155 NUTRIGENE DONNA Permette di stabilire uno schema nutrizionale che tiene conto anche delle problematiche tipicamente femminili come contraccezione, menopausa, osteoporosi ecc. 5HTT(SLC6A4) IL6 - TNF MTHFR PPARG VOR LCT Adattamento allo stress Infiammazione generale Metabolismo vitamine B Sensibilità agli zuccheri e carboidrati raffinati Metabolismo vitamina D Sensibilità lattosio

156 In particolare, per il soggetto caratterizzato come Food Slow Stress Adapter (FSSA),S/S il soggetto cioè che presenta un adattamento lento allo stress con accumulo degli stimoli strettanti e dei loro effetti, sono più indicati i cibi di più facile e rapido metabolismo come i carboidrati (cereali, farine e zuccheri raffinati, frutta fresca ed essiccata) oltre alle proteine ricche di aminoacidi glucogenici tipici di latte e formaggi magri, della carne bianca, del pesce bianco, dell albume d uovo e di alcuni legumi come piselli e ceci.

157 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO LENTO S/S CEREALI: pane, pasta, pizza, riso, polenta (farina non integrali), avena, mais, orzo, amaranto, camut, farro, quinoa, soia, tapioca. CARNI: vitello,vitellone,agnello, capretto, coniglio, galletto, pollo, tacchino, faraona, prosciutto (crudo-cotto) magro, uova

158 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO LENTO S/S PESCE: cefalo, cernia, coda di rospo, dentice, merluzzo, nasello, orata, platessa, pesce spada, rombo, sarago, sogliola, spigola. FORMAGGI: (freschi magri) mozzarella, stracchino,crescenza, robiola, caciotta,ricotta di mucca, yogurt magro, latte scremato

159 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO LENTO S/S LEGUMI: (meglio non secchi) ceci, fagioli, fagiolini, fave, piselli, soia VERDURE: bieta, broccoletti, carciofi, carote, cetrioli, cicoria, cipolle, funghi, finocchi, insalate a foglie, melanzane, patate, peperoni, pomodori, porri, ravanelli, zucca gialla, zucchine.

160 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO LENTO S/S FRUTTA: ogni tipo purchè fresca, (gelato di frutta, granita) CONDIMENTO: olio di oliva, girasole, sesamo, vinacciolo, sale, dadi e margarine vegetali, aromi, spezie, limone, aceto di mele, salsa di soia, dolcificante fruttosio.

161 CIBI DA EVITARE PER IL METABOLISMO LENTO S/S CARNI: cavallo, organi interni,selvaggina. VERDURE: asparagi, cavolfiori, cavoli di Bruxelles, cavolo, broccolo, rape rosse, ravanelli, sedano, spinaci, verza LEGUMI: lenticchie, FRUTTA: quella secca in genere PESCE: anguille, aringhe,crostacei, molluschi, pesce azzurro, (alici,sardine,) trota

162 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S per 30g MATTINO: frutta fresca da variare liberamente (anche due tipi diversi insieme,) + tisane (malva, ortica, finocchio, verbena) dolcificante fruttosio

163 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S per 30 g META MATTINO : spremute di agrumi,o succhi di frutta, o bevanda del mattino PRANZO: pollo, faraona, tacchino, (preferibilmente il petto) galletto, coniglio, vitello, agnello, alternare con pesce + verdure a scelta tra: insalata a foglie, bieta, cicoria, broccoletti.

164 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S per 30 g META POMERIGGIO: facoltativo come a metà mattino CENA: 1 sera: pasta o riso o patate + verdure 2 sera: verdure miste o minestra di verdure 3 sera: legumi o soia o funghi, + verdure

165 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S per 30 g CONDIMENTI: sale, limone,aromi,aceto di mele, oli di girasole, sesamo, soia, vinacciolo. AVVERTENZE :tenere separati tutti gli alimenti di almeno TRE giorni.

166 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S MATTINO: fette biscottate, pane tostato, cereali, frutta fresca, yogurt magro, alla frutta, (marmellata senza zucchero, miele, ) + tisane, caffè, thè, caffè d orzo, saltuariamente latte scremato

167 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S META MATTINO: spremute di agrumi, succhi di frutta, tisane, frutta fresca, PRANZO: minestre, passati di verdure + carne o pesce o uova o formaggio + verdure

168 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S POMERIGGIO : facoltativo, eventualmente ripetere come a metà mattino. CENA: pasta o pizza + verdure Legumi o funghi + verdure Riso o polenta o patate + verdure Pesce o prosciutto + verdure

169 ELENCO DEI CIBI DA EVITARE NEGLI IPOSSIDATORI VERDURE PESCE Asparagi Barbabietole rosse Cavolfiori Cavoli di Bruxelles Rape Ravanelli Sedano Spinaci Verza LEGUMI Lenticchie Anguille Aragoste Aringhe Crostacei Molluschi Pesce azzurro (alici e sardine) Trota CARNI Cavallo Manzo Organi interni Selvaggina LEGUMI PERMESSI: ceci, fagioli, fagiolini, fave, piselli, soia VERDURE PERMESSE: (della cena e/o del minestrone) bietole (coste), broccoletti, carciofi, cardi, carote, cetrioli, cicoria, cipolle, finocchi, fiori di zucca, peperoni, insalate, melanzane, pomodori, porri, zucca gialla, zucchine

170 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S AVVERTENZE Variare molto, non ripetere lo stesso alimento per più giorni consecutivi. Far coincidere i giorni delle fette biscottate o cereali al mattino con pasta o riso la sera, in questi giorni è possibile mangiare anche il pane. Se a pranzo si assume pasta o riso, evitare il secondo piatto abbinando solo verdure. Il vino si potrebbe bere a cena, con moderazione e non sempre. Ogni 10 giorni è consigliabile per un giorno assumere solo frutta, verdura e legumi. Alternare gli oli consigliati e sospenderli saltuariamente.

171 CONSIGLI UTILI per il paziente risultato L/L Per il soggetto Food Fast Stress Adapter (FFSA), capace di un rapido adattamento allo stress tanto da non subirne gli effetti cumulativi, saranno indicati invece cibi a lenta ossidazione, ricchi in grassi e proteine a contenuto prevalentemente purinico o di aminoacidi chetogenici (farine integrali, carni rosse, pesce azzurro, lenticchie ecc.), oltre alla frutta secca ed alcune verdure.

172 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO VELOCE L/L CEREALI: pane, pasta, crackers, riso, (farine integrali), cereali non raffinati come avena, grano saraceno, mais, orzo, segale, sesamo.

173 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO VELOCE L/L PESCI: sardine, aringhe, acciughe, tonno, salmone, trota, molluschi, polpi, crostacei, vongole, cozze, ostriche, anguille, alici FORMAGGI: (stagionati) Emmental, parmigiano, grana, groviera, pecorino, asiago, taleggio, gorgonzola, mozzarella di bufala.

174 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO VELOCE L/L LEGUMI: (meglio secchi) piselli, lenticchie, fagioli, fave. VERDURE: cavolfiori, spinaci, asparagi, zucchine, zucca gialla, barbabietole bianche e rosse, funghi, carote, sedani, carciofi, cavoli di Bruxelles

175 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO VELOCE L/L FRUTTA: ogni tipo di frutta secca: noci, nocciole, arachidi, mandorle, pistacchi, anacardi, BEVANDE: acqua minerale, orzo, caffè decaffeinato, thè deteinato, tisane, malto, camomilla. CONDIMENTI: burro, panna, margarine, oli d oliva, girasole, soia, mais, sale, salsa di soia, aromi, spezie, aceto di mele, dolcificante fruttosio.

176 CIBI DA EVITARE PER IL METABOLISMO VELOCE L/L VERDURE: pomodori, peperoni, patate, rape, cipolle, broccoli, insalate verdi di qualsiasi tipo. FORMAGGI: tutti quelli freschi e magri, latte scremato, yogurt, (uova)

177 CIBI DA EVITARE PER IL METABOLISMO VELOCE L/L BEVANDE: tutte le bevande alcoliche, (vino, birra) quelle zuccherate (cole, aranciata ecc.) thè, caffè, succhi di frutta. PESCE: tutti quelli considerati bianchi. CARBOIDRATI: tutta la pasta non integrale, gnocchi, polenta, riso bianco, pane bianco, grissini, tutti i dolci: torte, biscotti ecc.

178 DIETA PER IL METABOLISMO VELOCE L/L 30 g MATTINO Tisane (malva, ortica, finocchio, verbena) + dolcificante fruttosio, Caffè decaffeinato, thè deteinato, caffè di cereali, caffè d orzo. META MATTINO: frutta secca, arachidi, pistacchi, anacardi, noci,

179 DIETA PER IL METABOLISMO VELOCE L/L 30 g PRANZO: manzo, maiale, selvaggina, pollo, tacchino (solo cosce), cavallo, agnello, prosciutto crudo, alternare con pesce + verdure a scelta tra: spinaci, asparagi, carote, zucchine. META POMERIGGIO: facoltativo come metà mattino.

180 DIETA PER IL METABOLISMO VELOCE CENA: L/L 30 g 1 sera: pasta integrale, riso integrale + verdure 2 sera: verdure miste o minestra di verdure 3 sera : legumi o funghi + verdure. CONDIMENTI: sale, limone, aromi, aceto di mele, olio di oliva, mais, soia, girasole, margarina vegetale.

181 DIETA PER IL METABOLISMO VELOCE L/L MATTINO: fette biscottate o pane o crackers (tutti integrali, ) o yogurt ai cereali, (burro, miele) + tisane (malva, ortica, finocchio, verbena) caffè decaffeinato, thè deteinato, caffè di cereali, caffè d orzo, latte anche intero.

182 DIETA PER IL METABOLISMO VELOCE L/L META MATTINO: frutta secca, (arachidi, pistacchi, anacardi, noci,) + yogurt ai cereali, gelati alla crema. PRANZO : pasta o riso integrale + carne o pesce o salumi + verdure META POMERIGGIO: facoltativo come metà mattino.

183 DIETA PER IL METABOLISMO VELOCE L/L CENA:pasta o pizza + verdure legumi o funghi+verdure Riso o zuppa di farro o zuppa di orzo + verdure

184 Per i soggetti infine caratterizzati come Food Intermediate Stress Adapter (FISA),S/L valgono considerazioni meno drastiche e l uso più equilibrato di quasi tutti i cibi

185 DIETA PROTEICA MINIMEAL MINIMEAL è un sussidio dietetico brevettato (Patent N. RM 94A000806) basato sulla somministrazione della minima quantità di glucidi, protidi e lipidi capaci di indurre, dopo l assunzione per via orale, l inizio dei normali processi digestivi dell organismo.

186 MINIMEAL Razionale: Il prodotto si configura come un pasto fantasma, dal bassissimo valore energetico (<100 Kcal/per dose), capace di ottenere la secrezione e l attivazione degli enzimi digestivi bilio-pancreatici in un tempo inopportuno e pertanto inefficace, tale da indurre una condizione di blanda e sempre reversibile insufficienza pancreatica. La conseguente riduzione dell apporto calorico alimentare, basato sulla temporanea e reversibile maldigestione MINIMEAL indotta, diviene responsabile di un deficit calorico che nel tempo è capace di una progressiva e continua perdita di peso. Tale riduzione della capacità digestiva dell organismo, MINIMEAL indotta, produce cronicamente ma reversibilmente un conseguente deficit energetico assorbitivo utilizzabile a fini terapeutici portando al potenziamento di qualsiasi regime dietetico ipocalorico intrapreso. La temporanea e reversibile mal-digestione, MINIMEAL indotta, può essere inoltre efficacemente usata in tutti i trattamenti dietetici ipocalorici giunti al così detto blocco peso.

187 Modalità assunzione: MINIMEAL Assumere 2 compresse di MINIMEAL, con un bicchiere di acqua, prima di ogni pasto, quando lo stimolo della fame è più evidente. Dopo l assunzione di MINI MEAL, aspettare qualche minuto (da 1 a 3) prima di iniziare a mangiare. Dopo l assunzione di MINI MEAL assumere il pasto il più velocemente possibile. Assumere 2 capsule di MINIMEAL prima di ogni altro pasto, con le stesse modalità.

188 15 kcal a caramella 0,17 gr. Proteine 2,7 gr. Carboidrati 0,3 gr. Grassi 1 gr fibre alimentari 10 mg. Vit C 1,7 mg. Vit E 0,8 mg. Vit A CanDiet Ingredienti Zucchero/ sciroppo di glucosio Fibre alimentari(oligo fruttosio e inulina) Yogurt Grassi e oli vegetali(cocco) Burro Latte evaporato Gelatina Succo di.(fragola, pesca, ciliegia, thè verde e pompelmo) Acido citrico Vitamina A-C-E Sale da cucina Non contiene aromi conservanti o coloranti artificiali questo prodotto è privo di glutine

189 COME FUNZIONA L'INTEGRATORE CANDIET? 1) minuti prima di ogni pasto o al primo stimolo di fame, masticarere due tavolette CANDIET e successivamente bere un bel bicchiere di acqua ( 250ml). Non superare le 4 tavolette al dì.

190 2) Le fibre dietetiche della tavoletta CANDIET assorbono l acqua e aumentano di volume. L aumento di volume delle fibre dietetiche comprime i recettori bariatrici presenti sulle pareti dello stomaco.

191 3) I recettori bariatrici così stimolati inviano un segnale di sazietà al cervello che diminuirà temporaneamente la fame e quindi la richiesta di cibo.

192 Le fibre dietetiche lasciano lo stomaco in ore senza nessun effetto collaterale

193 Il saziagramma seguente illustra la sensazione di fame/sazietà durante la giornata di una alimentazione tipica normale. Come interpretare il saziagramma: L asse-x rappresenta le ore durante la giornata. L asse-y rappresenta il grado di fame/sazietà. La curva rappresenta la vostra tipica curva di appetito durante un giorno di normale alimentazione. Mal di stomaco Gonfiore di stomaco Forte sazietà Media sazietà Leggera sazietà inizio sazietà Cond. normale Inizio fame Leggera fame Media fame Forte fame Eccessiva fame Astenia e spossatezza

194 Applicare i principi della nutrizione intuitiva e l integratore CanDiet per ridurre gli stimoli della fame ed evitare situazioni di fame eccessiva. Riducendo gli eccessi di fame sarete in grado di ridurre la quantità di cibo introdotto e le calorie. Risultato: Consumo inferiore di quasi 1000Kcal al giorno! Mal di stomaco Gonfiore di stomaco Forte sazietà Media sazietà Leggera sazietà Inizio sazietà Condizione base Inizio di fame Fame leggera Fame media Fame forte Fame eccessiva Astenia spossatezza

195 LA DIETA A ROTAZIONE

196 Dieta a Rotazione La dieta a rotazione è uno dei metodi più semplici e più utilizzati, che permette di evidenziare le eventuali intolleranze alimentari con buona precisione. La dieta a rotazione fu ideata da uno dei padri dell ecologia clinica, Albert ROWE, agli inizi degli anni Trenta, e consiste nell assumere cibi specifici diversi ogni 4-5 giorni. Il ciclo si ripete per due o tre volte. Tramite la dieta a rotazione, si intende diluire nel tempo l eventuale assunzione dell alimento responsabile di una determinata patologia, o, meglio, eliminarlo attraverso l astinenza. Va eseguita in modo molto scrupoloso, e necessita della completa collaborazione del paziente, che deve attenersi strettamente allo schema consigliato. E utile allo scopo che il paziente stili, durante il periodo di dieta, un diario in cui annotare giornalmente gli eventuali sintomi.

197 Dieta a Rotazione Diario dei sintomi Giorno Aerofagia Astenia Bocca amara Cefalea Convulsioni Crampi arti inferiori Crisi di pianto Crisi di riso Diarrea Insonnia Meteorismo Nervosismo Pallore facciale Raffreddore Rigidità Rossore Singhiozzo Sonnolenza Tachicardia (palpitazioni) Torpore mentale Vertigini Vomito

198 Dieta a Rotazione Sintomi accessori Astenia persistente Torpore mentale Vertigini Afte Orali Alitosi Arsura Palpitazioni Ipersudorazione Edemi ricorrenti Alternanza di peso Crampi arti inferiori Prurito Nausea Pirosi gastrica Aerofagia Meteorismo Alvo alternato

199 Dieta a Rotazione Anamnesi Per formulare nel modo più corretto possibile la dieta a rotazione, è necessario svolgere preventivamente un accurata anamnesi alimentare del paziente: Quali sono gli alimenti o le bevande che normalmente assume all inizio della giornata? Quante volte assume le uova o gli alimenti che le contengono in una settimana? Che tipo di condimenti utilizza regolarmente?

200 Dieta a Rotazione Famiglie biologiche & Cross-reazioni Per realizzare nel modo più esatto lo schema bisogna conoscere le classi degli alimenti o gruppi di cibi. Se le intolleranze non vengono trattate tenendo presente il fenomeno della cross-reattività, si rischia di non disintossicare l organismo e, di conseguenza, di non ottenere risultati. Non è sufficiente astenersi da un singolo cibo specifico; possono infatti presentarsi delle reazioni anche verso alimenti appartenenti alla stessa famiglia biologica.

201 Dieta a Rotazione Schema dietetico Primo Giorno Secondo Giorno 8.00 pere + tisane 8.00 ananas + tisane tacchino + insalata a foglie pesce di mare + carote riso + indivia piselli+ carote Terzo Giorno Quarto giorno 8.00 melone + tisane 8.00 banane + tisane coniglio + bieta pesce di mare + zucchine barbabietole + cicoria zucca + porri

202 Dieta a Rotazione Avvertenze: Alle e alle è possibile inserire la stessa frutta del mattino; Alle è possibile ripetere il pasto delle 14.00; I cibi possono essere cotti o crudi in quantità libera; condimento consentito: olio di girasole, sesamo (spremuti a freddo), sale marino non raffinato; bevande permesse: acqua minerale, tisane; Ripetere lo schema 3 volte per complessivi 12 giorni; Dal primo al quarto giorno potrebbero presentarsi dei sintomi di astinenza, dovuti alla disintossicazione.

203 Famiglie biologiche e cross-reazioni 1/4 Graminacee Rosacee Avena Albicocche * Bambù Cachi * Camut Ciliegie * Canna da zucchero Cotogne * Farro Fragole Gramigna Lamponi Grano Mandorle Grano saraceno Mele * Mais More Miglio Nespole * Riso ** Pere Segale Prugne * Lontani da un punto di vista biologico rispetto al grano ** Basso potere allergenico

204 Famiglie biologiche e cross-reazioni 2/4 Solanacee Cayenna Melanzana Paprica Patata Peperoncino Peperone Pomodoro Tabacco Chenopodiace Barbabietola da zucchero Bieta Bietolone rosso Spinacio Rutacee Arancio Bergamotto Cedro Chinotto Lime Limone Mandarino Pompelmo Cucurbitacee Cetriolo Cocomero Melone Zucca / Zucchine

205 Famiglie biologiche e cross-reazioni 3/4 Crucifere Cavolo broccolo Cavolo cappuccio Cavolo di Bruxelles Cavolfiore Cavolo verza Crescione Mostarda Rapa Ravanello Rucola Senape bianca Ombrellifere Anice Carote Coriandolo Cumino Finocchio Pastinaca Leguminose Arachidi Ceci Carrube Fagioli Fave Lenticchie Liquirizia Lupini Piselli Soia Lecitina di Soia Tamarindo Composite Camomilla Carciofo Cicoria Girasole Lattuga Radicchio Prezzemolo Sedano

206 Famiglie biologiche e cross-reazioni 4/4 Labiate Basilico Maggiorana Origano Rosmarino Timo Liliacee Aglio Asparago Cipolla Porro Palme Cocco Datteri Sagù Vitacee Ribes Nero Ribes Rosso Uva spina Vite Lauracee Alloro Avocado Cannella Musacee Banane

207 Gruppi di cibi E necessario tenere presenti, oltre alle famiglie biologiche, anche i gruppi di cibi: Aceto, funghi, lievito di birra, lievito per il pane, muffe, alcuni formaggi stagionati. Maiale, lardo, strutto, salumi, prosciutto. Latte, latticini, bovini, agnello, salumi. Uova, pollo, galletto, faraona. Caffè, the, cacao, cola, karkadè, rosa canina-rosa di bosco, matè.

208 Dieta a Rotazione Conclusioni La dieta a rotazione rappresenta per l uomo un profondo passo avanti nella comprensione delle proprie abitudini alimentari. La nutrizione analitica non tiene in considerazione la natura individuale degli alimenti ed in particolare della natura individuale di ogni singolo essere umano L ecologia clinica ci insegna a restaurare l equilibrio tra l uomo e il suo ambiente rispettando le condizioni della civilizzazione moderna. Riconosce ed individua i singoli aspetti bilaterali di questa interazione, incluso il modo non del tutto esplorato in cui il corpo umano riesce a riconoscere un particolare alimento, anche nelle sue forme diversificate. La dieta a rotazione è il futuro di questa nuova prospettiva ed è il più efficace metodo di diagnosi, trattamento e prevenzione di reazioni avverse alimentari croniche.

209

210 Conviene far studi sui regimi (alimentari) più opportuni per gli uomini ancora in salute. Ippocrate Il secondo millennio ci ha consegnato un mondo di OBESI

211 la maggior arte degli obesi non rientra nei programmi di dimagrimento, tra quelli che vi rientrano molti non vi rimangono; quelli che vi rimangono non perdono molto peso ed infine tra questi ultimi molti riacquistano i chili perduti A. Stunkard

212 L oscillazione del peso corporeo è un indice di rischio cardiovascolare perché una progressiva modificazione della composizione corporea comporta una perdita non solo di massa adiposa ma anche di massa muscolare, soprattutto in diete con l uso di farmaci o con gravi restrizioni caloriche, per l interessamento delle fibre muscolari cardiache.

213 4 milioni di italiani pari al 9,2 per cento degli uomini e all 8,8 per cento delle donne. È alle prese con la pancetta il 13 % degli uomini tra i 45 e 74 anni, con un picco del 14,8% tra i 55 e i 64. Le donne prevalentemente dopo il 55 compleanno. Nel meridione e nell Italia insulare sono in sovrappeso il 37,9 ed in 34,5 % ed obesi l 11,3 ed il 9,6 %, nel settentrione il 31 % ha parecchi chili di troppo e l 8 per cento è affetto di obesità.

214 Poiché la SM è strettamente legata all obesità e l obesità è sempre più presente nei paesi industrializzati, è verosimile che la prevalenza sia anche superiore. I diversi criteri diagnostici dei vari studi rendono difficoltoso il confronto nelle varie popolazioni. Globalmente gli studi dimostrano che almeno nella fascia di età > 40 aa, cioè nella fascia in cui l incidenza di fenomeni aterotrombotici comincia ad essere significativa, la SM è presente in un paziente su tre. Nella fascia di età più avanzata la prevalenza arriva quasi ad un paziente su due.

215 È un aggregazione, in uno stesso soggetto, di più fattori di rischio cardiovascolare di tipo metabolico e non metabolico

216 Rischio arteriosclerotico Ipertensione Obesità Resistenza insulinica diabete Steatoepatite non alcolica NASH

217 Malattie respiratorie Steatosi epatica Calcolosi colecisti Iperuricemia e gotta Cancro mammario ed endometriale Malattie cardiovascolari Ictus Diabete II 85% obesi Dislipidemia Osteoartrite Alterazioni endocrine

218 Keplan 1989 DEADLY QUARTET (quartetto mortale) -Obesità -Intolleranza glicidica -Ipertrigliceridemia -Ipertensione National Cholesterol Educational Program SINDROME METABOLICA -Obesità centrale -Intolleranza glicidica -Dislipidemia -Ipertensione

219 Tale cluster di fattori di rischio è spesso presente in pazienti in sovrappeso o francamente obesi.

220 CHE COSA E L OBESITA ADDOMINALE? Accumulo di tessuto adiposo viscerale Grasso mesenterico e a livello dell omento Definita da circonferenza addominale > 102 cm negli uomini e > 88 e cm nelle donne Il grasso viscerale è più attivo da un punto di vista metabolico rispetto al grasso sottocutaneo Maggior attività endocrina Maggiori effetti sfavorevoli sul metabolismo e sul rischio cardiovascolare

221 - Cause acqusite 50% Sovrappeso Obesità viscerale Inattività fisica Errori alimentari qualitativi e quantitativi Stress Fumo - Cause genetiche 50% X INSULINO RESISTENZA SINDROME METABOLICA

222 OBESITA IPERTENSIONE DISLIPIDEMIA INSULINO RESISTENZA STATO PROINFIAMMATORIO IPERGLICEMIA STATO PRO TROMBOICO

223 Viene definita come una ridotta risposta biologica all insulina (1) È un difetto primario nella maggioranza dei pazienti con diabete di tipo 2 (2) Negli individui non-diabetici, l insulino resistenza, in concomitanza con l iperinsulinemia, ha un forte valore predittivo per lo sviluppo futuro del diabete di tipo 2 (3) 1 American Diabetes Association. Diabetes Care 1998; 21(2): Beck-Nielsen H, Groop LC. J Clin Invest 1994; 94: Bloomgarden ZT. Clin Ther 1998; 20(2):

224

225 L IPERINSULINISMO/INSULINORESISTENZA CAUSA UNA SINDROME: Nei muscoli e fegato si induce insulinoresistenza e alterata secrezione insulinica

226 come può un disturbo genetico così negativo sopravvivere con un così alto tasso di prevalenza? Se la SM, il diabete e il CVD sono più frequenti dopo i 50 anni com è possibile che il nostro genoma includa geni che esordiscono in età avanzata? Ed inoltre

227 L insulino resistenza sarebbe una delle espressioni del gene del risparmio in grado di contrapporsi all ipoglicemia da digiuno ed in grado di consentire un vantaggio nella sopravvivenza in popolazioni soggette a ricorrenti periodi di privazioni alimentari.

228 PRIMO OBIETTIVO: IL TRATTAMENTO DELL OBESITA Cercare di ridurre il peso corporeo del 10% in un anno Dieta ipocalorica (riduzione tra le 400 e le 1000 Kcal al giorno) Riduzione degli zuccheri (preferenza agli amidi) Riduzione dei grassi saturi (< 7% delle Kcal totali) Grassi totali < 30%

229 ENTRATE CALORICHE USCITE CALORICHE = BILANCIO ENERGETICO POSITIVO

230 Proteine % Lipidi % Carboidrati %

231 È UN ADATTAMENTO QUALITATIVO E QUANTITATIVO CHE VARIA UNA DIETA FISIOLOGICA CIOE CORRETTA ED EQUILIBRATA

232 PER PREVENIRE O CORREGGERE UNO SQUILIBRIO METABOLICO O ERRORI NUTRIZIONALI RAPPRESENTA UNA SPECIE DI ERRORE CALCOLATO

233 Variabilità di NUTRIENTI prestabiliti rispetto alla cultura scientifica acquisita - necessità fisiologiche, osservazioni epidemiologiche e prevenzione di patologie Altri Paesi U.S.A., U.K., Livelli di Assunzione giornalieri Raccomandati di Nutrienti Italia

234 Attività giornaliera sedentaria M.B % LARN = 1,07 g / kg peso / die + 15%

235 I LARN propongono una fascia di sicurezza superiore di 1,07 g / kg peso / die di proteine comprese quelle vegetali per evitare eccessi di grassi insaturi presenti nella carne

236 ovviamente il bisogno riguarda gli aminoacidi, non le proteine Il minimo livello di assunzione per l equilibrio dell azoto è 0,52 0,63 g / kg / die di proteine ad alto valore biologico => corretto a.. 0,80 g / kg / die 1,07 g / kg / die

237 U.S.A. U.K. italia 0,80 g / kg / die 1,07 g / kg / die La completezza aminoacida ed energetica (equilibrio azotato) si potrebbero calcolare in valori più bassi, il limite è per garanzia; nei L.A.R.N. apporti di proteine vegetali ( legumi, cereali)

238 + 30% della quota calorica (7-10% saturi, AGE 2-6%, il resto meglio monoinsaturi acido oleico + 55% mai meno del 51%,di cui max 10-12% di zuccheri semplici

239 accettato a bassa concentrazione o diluito fino al 10% delle calorie totali g /1000 kilocalorie (30/35 g) vitamine, minerali, oligominerali. Normale rotazione, da valutare in 7 gg., delle scelte alimentari, cibi freschi e stagionali

240 Bilancia cibo e attività fisica Limita grassi, grassi saturi e colesterolo Scegli dieta con cereali, frutta e verdura Varietà di alimenti Modera sale e sodio Modera gli zuccheri Modera gli alcolici (meglio vino rosso)

241 RIFERIMENTO E IL PESO IDEALE DEL SOGGETTO Se i L.A.R.N. = 1,07 g / kg peso / die 10/15% dell energia totale di un peso fisiologico: qualunque dieta ipocalorica risulta IPERPROTEICA dato che questa quota fisiologica sarà sempre mantenuta a discapito degli altri nutrienti!

242 Alimentazione Attività fisica Contesto familiare Contesto sociale Contesto lavorativo Ogni modificazione di questi fattori che nel loro insieme rappresentano lo stile di VITA porta ad una variazione delle funzioni omeostatiche e quindi del PESO CORPOREO

243 *Calcolo del dispendio energetico giornaliero * Calcolo del valore energetico da somministrare

244 PROTEINE 30% LIPIDI 20% GLUCIDI 50%

245 Il peso va ridotto eliminando l introito calorico giornaliero e/o incrementando l attività fisica: è fondamentale educare a scegliere qualitativamente gli alimenti in relazione al contenuto di grassi saturi nascosti, fibre e antiossidanti in base al reale fabbisogno calorico, a porzioni/quantità, in 3 pasti e 2 spuntini

246 SCA (Scheda dei Comportamenti Alimentari) La SCA (Focà et al Università di Roma La Sapienza) è uno strumento di autovalutazione, di facile somministrazione e lettura, che permette di valutare la presenza dei comportamenti sintomatici che caratterizzano i DCA.

247 1) Restrizione alimentare, ossia la tendenza a ridurre al minimo l introito calorico; 2) Condotta di compenso, ossia quei comportamenti con cui il soggetto cerca di compensare la temuta acquisizione di peso conseguente all aver mangiato; 3) Alimentazione incontrollata, ossia i momenti in cui la persona perde il controllo su cosa e quanto mangia.

248 La scheda si compone di 13 item relativi alle dimensioni sopra descritte. In fase di somministrazione si chiede al soggetto di rispondere a tutti gli item facendo riferimento agli ultimi tre mesi e tracciando una crocetta sulla casella corrispondente al suo comportamento. Le scale utilizzate prevedono 5 livelli di risposta, cui viene attribuito un punteggio che va da 0 a 4.

249 Scheda dei comportamenti alimentari Nome Cognome Età Sesso Data

250 Scheda dei comportamenti alimentari Valuti i suoi comportamenti alimentari degli ultimo tre mesi a) Mai= 0 b) Fino a tre volte al mese = 1 c) Una volta alla settimana = 2 d) Due volte a settimana = 3 e) Più di due volte a settimana = 4

251 Domande di valutazione 1. Mi capita di digiunare per un giorno intero _ 2. Mi capita di saltare i pasti _ 3. Mi capita di fare abbuffate (mangiare grandi quantità di cibo in poco tempo) _ 4. Mi procuro il vomito _ 5. Utilizzo lassativi e/o diuretici e/o enteroclismi allo scopo di controllare il mio peso _

252 Punteggio di risposta Mai = 0 Raramente = 1 Talvolta = 2 Spesso = 3 Sempre = 4

253 Domande di valutazione 6. Mangio considerevoli quantità di cibo anche se non ho fame _ 7. Le mie porzioni di cibo sono più piccole di quelle che le altre persone mediamente mangiano (ad es. meno di 80 gr. di pasta) _ 8. I miei pasti sono più leggeri e/o meno calorici di quelli delle altre persone _ 9. Utilizzo pillole dimagranti _ 10. La mia alimentazione è costituita da cibi poco calorici _

254 Domande di valutazione 11. Mi capita di volere smettere di riuscire a mangiare e di non riuscire a farlo _ 12. Pratico esercizio fisico/ faccio del moto per controllare il peso _ 13. Mi capita di non riuscire a controllare cosa o quanto mangio _

255 Valutazione dei risultati La SCA si Compone di 3 Scale di Valutazione relative a 3 diversi aspetti del Comportamento Alimentare Ogni ITEM si riferisce a una specifica scala

256 Scala Restrizione Alimentare RE Si riferiscono a questa scala gli ITEMS La media aritmetica dei risultati relativi a questi item (punteggio totale / 5) se > 1 indica un probabile disturbo

257 Scala Condotte di Compenso CC Si riferiscono a questa scala gli ITEMS La media aritmetica dei risultati relativi a questi item (punteggio totale / 4) se > 0.5 valutazione da approfondire

258 Scala Alimentazione Incontrollata AI Si riferiscono a questa scala gli ITEMS La media aritmetica dei risultati relativi a questi item (punteggio totale / 4) se > 1 Indica un problema di controllo del comportamento alimentare

259 COLAZIONE : latte p.s. 100gr. + fette biscottate 20 gr SPUNTINO : kiwi 170 gr PRANZO : spaghetti (45gr) al pomodoro (50gr), insalata con pomodori (140 gr), pane (60 gr) SPUNTINO : mele (180 gr) CENA : vitella ai ferri (150 gr), carote grattugiate (150 gr), pane (60 gr)

260

261

262 DIETA Del minestrone Dei 3 giorni, dei 7 giorni Del fantino, astronauta Punti Metabolica Del pompelmo, uva, frutta.. Macrobiotica Ecc. ecc

263 Durante una riduzione calorica l organismo attua un processo di ADATTAMENTO ADATTAMENTO o di ACCOMODAMENTO : abbassamento del M.B. per preservare le risorse ACCOMODAMENTO : utilizzo delle risorse per sostituire nutrienti non presenti GLICOGENESI : impiego di lipidi = accumulo di scorie chetoniche e proteiche = sovraccarico epatico per mantenere il glucosio nei valori glicemici, esaurite le scorte di glicogeno (24h)

264 ATTIVITA FISICA CONSIGLIATA: 30 minuti : per la prevenzione di malattie vascolari e cronicodegenerative 60 minuti: per aiutare il controllo del peso

265 Furono gli americani con Ancel Keys, quindi il senato degli Stati Uniti d America e poi l O.M.S. a stabilire che l alimentazione tradizionale dei paesi del Mediterraneo a base di pasta, aglio, legumi, verdure, frutta, molto pesce e poca carne rappresenta il modo di mangiare più sano con l aggiunta del vino che ricco di proantocianidine, ha attività antiossidanti, come il pomodoro, e vasoprotettrici

266 Sarebbe corretto parlare di indicazioni alimentari mediterranee e non di dieta. Una dieta dovrebbe fissare i fabbisogni calorici (se no che dieta è?) e la ripartizione dei macronutrienti, non genericamente spingere certi cibi (pane, pasta, olio ecc.). Il messaggio dei media banalizza: la dieta mediterranea è sinonimo di mangiar bene perché ricorre a cibi semplici, alimentarsi correttamente vuol dire assumere cibi ricchi di carboidrati e poveri di grassi

267 DIETA MEDITERRANEA, VUOL DIRE ANCHE MADE IN ITALY E L ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE HA RECEPITO LA BONTA DI CIO CHE SI STA PERDENDO, E LANCIO UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA, CHE DEFINI PER LA PRIMA VOLTA IL NOSTRO ANTICO MODELLO DI ALIMENTAZIONE, COME DIETA MEDITERRANEA. DA ALLORA SONO PASSATI 20 ANNI E SONO CAMBIATI I RITMI E LO STILE DI VITA, NON SI PUO PENSARE DI TORNARE TOTALMENTE ALLE ABITUDINI ALIMENTARI DEI NOSTRI AVI, OBERATI DAL LAVORO FISICO E DALLA FAME, ESCLUSION FATTA PER POCHI PRIVILEGIATI, MA SI PUO RISCOPRIRE IL MANGIAR SANO PROPRIO DELLE NOSTRE TRADIZIONI.

268 LA PIRAMIDE ALIMENTARE ELABORATA IN AMERICA, PREVEDE ALLA BASE CARBOIDRATI COMPLESSI, QUALI PASTA, PANE, AMIDI, PATATE, CHE POSSONO ESSERE CONSUMATI TUTTI I GIORNI, COME LA FRUTTA, LE VERDURE, IL LATTE, POI L OLIO D OLIVA, I FORMAGGI, TUTTI ALIMENTI CHE SI POSSONO CONSUMARE QUOTIDIANAMENTE. ANDANDO VERSO IL VERTICE DELLA PIRAMIDE, TROVIAMO IL PESCE, LA CARNE BIANCA, LE UOVA, I DOLCI CHE SI POSSONO PRENDERE 1 O 2 VOLTE LA SETTIMANA ED INFINE LA CARNE ROSSA NON PIU DI UNA VOLTA AL MESE.

269 LA GIORNATA TIPO DELLA DIETA MEDITERRANEA E BASATA SU UNA COLAZIONE CON CAFFE, DUE FETTE BISCOTTATE INTEGRALI CON MARMELLATA. A PRANZO PROTEINE SOTTO FORMA DI CARNE O PESCE, CON VERDURE E PANE INTEGRALE, LA SERA A CENA, CARBOIDRATI PIU VERDURE USANDO FRUTTA E YOGURT COME SNACK.

270 LUNEDI PRANZO: RISO INTEGRALE, 70 GR, CON VERDURE ORATA AI FERRI, 200 GR, CON INSALATA MISTA CENA: DUE UOVA SODE, 200 GR DI CICORIA LESSATA, PANE INTEGRALE 40 GR, UN FRUTTO MARTEDI PRANZO: PASTA INTEGRALE 70 GR CON POMODORI, FESA DI TACCHINO 150 GR AI FERRI CON SPINACI, UN FRUTTO CENA: CECI LESSATI 60 GR, VERDURE 200 GR PANE INTEGRALE 40 GR, UN FRUTTO

271 MERCOLEDI PRANZO: LENTICCHIE 70 GR, CON VERDURE, UN FRUTTO CENA: SOGLIOLA 200 GR, CON CAVOLFIORI 200 GR, PANE INTEGRALE40 GR GIOVEDI PRANZO: RISO INTEGRALE 70 GR, ZUCCHINE LESSE, UN FRUTTO CENA: PETTO DI POLLO 150 GR, INSALATA MISTA, PANE INTEGRALE 40 GR, UN FRUTTO

272 VENERDI PRANZO: UNA PORZIONE DI PASTA 60 GR, CON FAGIOLI 50 GR, 200 GR DI BIETOLE, UN FRUTTO CENA: MERLUZZO LESSO 200 GR, INSALATA MISTA, PANE INTEGRALE 40 GR, UN FRUTTO SABATO PRANZO: RISO INTEGRALE 70 GR, VITELLO 150 GR, CON CAROTE, UN FRUTTO CENA: CERTOSINO 100 GR, CON INSALATA DI RUCOLA, PANE INTEGRALE 40 GR, UN FRUTTO

273 DOMENICA PRANZO: UNA PORZIONE DI PASTA 70 GR, CON POMODORO AGNELLO O CARNE MAGRA 150 GR, VERDURE, UN FRUTTO CENA: MINESTRONE 300 GR, UNA PORZIONE DI GRANA 60 GR PANE INTEGRALE 40 GR, UN FRUTTO CONDIMENTI: DUE CUCCHIAI DI OLIO D OLIVA DURANTE LA GIORNATA, UN CUCCHIAIO DI SALE, SPEZIE, AROMI, ACETO A PIACERE, BERE 1,5/2 LITRI DI ACQUA AL GIORNO

274 E UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA E COMPLETA, SENZA CONTROINDICAZIONI, PER ETA O STILE DI VITA, IN ARMONIA CON LA NOSTRA TRADIZIONE ALIMENTARE, MA BASTA POCO PER NON RISPETTARE LE QUANTITA E NON AVERE I RISULTATI VOLUTI. DA RICORDARE CHE E APPROVATA DAL MINISTERO DELLA SALUTE.

275 5. È comunque difficile da seguire perché non controlla lo stimolo della fame. Problemi della Dieta Mediterranea 1. Il fabbisogno calorico è sovrastimato 2. La diminuzione dei grassi non fa dimagrire 3. fallimento del progetto del governo statunitense contro l obesità 4. Non migliora né la gestione dell obesità né i fattori di rischio (ipertensione, colesterolo, diabete)

276 Alimentazione come stile di vita.. DIETA Mediterranea - Moderna PRINCIPI FONDAMENTALI DELLA DIETA MEDITERRANEA RIVISITATI ALLA LUCE DELLA MODERNA CRONOENDOCRINOLOGIA DIETETICA

277 LA ATKINS NEW DIET REVOLUTION, IDEATA DAL CARDIOLOGO DI NEW YORK ATKINS PER CURARE PAZIENTI OBESI ALLO SCOPO DI DIMINUIRE LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI. DURATA: QUATTRO SETTIMANE CALORIE: NON INDICATE PERDITA DI PESO:POCHI CHILI (IN GENERE 5)

278

279 VANTAGGI: NON BISOGNA CALCOLARE CALORIE NON SI AVVERTE SENSO DI FAME SVANTAGGI: FA SALIRE IL COLESTEROLO PER LE QUANTITA DI GRASSI DA ASSUMERE. PUÒ CAUSARE MALATTIE RENALI, DISTURBI CARDIOVASCOLARI, IN QUANTO NON RISPETTA I CLASSICI PRINCIPI NUTRITIVI. PUÒ CAUSARE EFFETTO YO-YO

280 LA DIETA PREVEDE QUATTRO FASI: PRIMA FASE LA QUANTITA DI CARBOIDRATI AMMESSI E DI 20 GR. DA ASSUMERE DA VERDURE QUALI INSALATA, FINOCCHI CETRIOLO. PROIBITI PANE, PASTA RISO, LEGUMI, FRUTTA. AMMESSI CARNE, PESCE,L GRASSI, BURRO,FORMAGGI,UOVA. COME BEVANDE ACQUA, TE, CAFFE DECAFFEINATO, BRODO. SECONDA FASE SI MANGIANO GLI STESSI ALIMENTI, MA SONO CONCESSI CARBOIDRATI FORNITI DELLE VERDURE, FINO A 40 GR. TERZA FASE SI PUO AGGIUNGERE LA FRUTTA E LO YOGURT QUARTA FASE SONO AMMESSI FINO A 60 GR DI CARBOIDRATI

281 SCHEMA TIPO PRIMA FASE COLAZIONE DUE UOVA STRAPAZZATE CON PANCETTA, CAFFE DECAFFEINATO O TE SENZA ZUCCHERO PRANZO BISTECCA AI FERRI CON INSALATA, CONDITA CON OLIO ED ACETO CENA PESCE LESSO CON SPINACI

282 SCHEMA TIPO SECONDA FASE COLAZIONE DUE UOVA ALLA COQUE, UNA CENTRIFUGA DI CAROTE TE O CAFFE DECAFFEINATO PRANZO FORMAGGI, VERDURE (INSALATA, FAGIOLINI) CONDITI CON SPEZIE, OLIO, LIMONE, O INSALATA MISTA CON PROSCIUTTO, FORMAGGIO, UOVA O POLLO CENA BRODO, PESCE LESSO CON VERDURE, UN FRUTTO E UNA PORZIONE DI FORMAGGIO GRASSO (PERE E PARMIGIANO, FRAGOLE CON PANNA)

283 E UNA DIETA IDEATA DAL DR. TARNOWER, E SINCLAIR BAKER NEGLI ANNI 70, PER FAR DIMAGRIRE I PAZIENTI CARDIOPATICI OBESI, PRIMA DI INTERVENTI CHIRURGICI, ABBINANDO UNA DIETA IPERCALORICA DI CIRCA 1000 CALORIE AL CONCETTO DI DIETA IPERPROTEICA

284 LA RIPARTIZIONE DEI NUTRIENTI E : - PROTEINE 43% - GRASSI 22.5% - CARBOIDRATI 34.5% CI SONO SOLO TRE PASTI AL GIORNO. LA DIETA E DISTINTA IN DUE FASI: LA PRIMA DI DUE SETTIMANE, LA SECONDA DI DURATA VARIABILE IN BASE ALLE ESIGENZE DEL PAZIENTE, CARATTERIZZATA DALLO SCARSO APPORTO DI ZUCCHERI (VIETATI DOLCI, AMIDI, LEGUMI, LATTICINI, CARNI, CONDIMENTI GRASSI) CONSENTITI LA SOIA E IL PANE IPERPROTEICO

285 - MANGIARE ESATTAMENTE QUELLO CHE E PRESCRITTO. - CI SONO SOLO TRE PASTI AL GIORNO. - BEVANDE CONSENTITE SONO CAFFE, TE SENZA ZUCCHERO, ACQUA, ACQUA TONICA. - VIETATI ALCOLICI DI OGNI GENERE. - VIETATI OLIO, BURRO, MAIONESE, MARGARINA. - PERMESSI LIMONE, ACETO, SENAPE, VINAIGRETTE. - LA CARNE DEVE ESSERE MOLTO MAGRA, TOGLIERE GRASSO VISIBILE E PELLE DEL POLLO O TACCHINO. - ATTENERSI ALLE COMBINAZIONI ALIMENTARI DELLA DIETA. - NON SOVRACCARICARE LO STOMACO. SMETTERE DI MANGIARE QUANDO CI SI SENTE SAZI. - NON PROLUNGARE LA DIETA OLTRE I 14 GIORNI.

286 SI CONSIGLIA DI USARE UNA TABELLA PER CONTROLLARE IL PESO GIORNALIERO AL MATTINO. NELLE DUE SETTIMANE SCHEMA ALIMENTARE PRIMA COLAZIONE : POMPELMO O FRUTTA FRESCA DI STAGIONE. UNA FETTA DI PANE INTEGRALE O ALLA SOIA THE O CAFFE SENZA ZUCCHERO

287 LUNEDI PRANZO: CARNE MAGRA A SCELTA, (POLLO, TACCHINO, MANZO MAGRO) FREDDE E SENZA CONDIMENTI GRASSI CON VERDURE A VOLONTA O POMODORI. CENA: PESCE MAGRO O CROSTACEI SENZA CONDIMENTI GRASSI, VERDURE. UNA FETTA DI PANE INTEGRALE O DI SOIA. UN FRUTTO DI STAGIONE.

288 MARTEDI PRANZO: FRUTTA FRESCA DI STAGIONE CENA: HAMBURGER MAGRO ALLA GRIGLIA, CON VERDURE

289 MERCOLEDI PRANZO: INSALATA DI PESCE (TONNO O SALMONE) CONDITA CON LIMONE E ACETO CENA: AGNELLO ARROSTO SENZA GRASSO, VERDURE

290 GIOVEDI PRANZO: FORMAGGIO MAGRO TIPO JOCCA, DUE UOVA CUCINATE A PIACERE, VERDURA, UNA FETTA DI PANE INTEGRALE O ALLA SOIA. CENA: POLLO ARROSTO O ALLA GRIGLIA SENZA PELLE O GRASSI, VERDURE (SPINACI, POMODORI, PEPERONI, FAGIOLINI)

291 VENERDI PRANZO: FORMAGGI MAGRI ASSORTITI, VERDURE, UNA FETTA DI PANE INTEGRALE O ALLA SOIA. CENA: PESCE MAGRO O CROSTACEI, VERDURE O INSALATE, UNA FETTA DI PANE INTEGRALE.

292 SABATO PRANZO: FRUTTA FRESCA DI STAGIONE CENA: CARNE MAGRA (POLLO O TACCHINI ARROSTO) INSALATA DI POMODORI E LATTUGA

293 DOMENICA PRANZO: CARNE MAGRA (TACCHINO, POLLO, MANZO), VERDURE, FRUTTA FRESCA. CENA: VITELLO ARROSTO SENZA GRASSO, INSALATA DI LATTUGA, CETRIOLI, SEDANO, POMODORI.

294 NELLE DUE SETTIMANE SUCCESSIVE SI PASSA ALLA FASE DEL MANTENIMENTO CHE NON VARIA MOLTO DALLO SCHEMA BASE. SI POSSONO PRENDERE DUE FETTE DI PANE INTEGRALE O ALLA SOIA AL GIORNO. UNA DOSE DI ALCOOL GIORNALIERO PARI A 40 GR DI LIQUORE O 120 GR DI VISO SECCO O 200 GR DI BIRRA A BASSO CONTENUTO DI CALORIE. COME CARNI MAIALE E PROSCIUTTO CRUDO, COME FORMAGGI RICOTTA, FONTINA, MOZZARELLA, SVIZZERO. SUCCHI DI POMODORO, POMPELMO, MELA, ARANCIA, NOCI.

295 DOPO QUESTE 4 SETTIMANE SE SI DEVE PERDERE ANCORA PESO SI TORNA ALLE DUE DELLO SCHEMA INIZIALE CON UN SISTEMA 2 SETTIMANE SI 2 SETTIMANE NO PER MANTENERE IL PESO RAGGIUNTO. L APPORTO CALORICO FORNITO DALLA DIETA E MOLTO BASSO, MENO DI 1000 CALORIE AL GIORNO, TROPPE POCHE PER CHI SVOLGE UNA VITA ATTIVA ED E SQUILIBRATA DAL PUNTO DI VISTA NUTRIZIONALE. NON SODDISFA IL FABBISOGNO NATURALE DI CARBOIDRATI, SALI, VITAMINE, FIBRE. ALTRO PUNTO DEBOLE E LA SUA RIGIDITA PERCHE I MENU NON POSSONO VARIARE O ALTERNARSI. FUNZIONA SOLO L APPORTO CALORICO BASSO.

296 FU IDEATA DAL DOTTOR HAY NEL 1911 QUANDO AMMALATOSI DI MORBO DI BRIGHT, UNA FORMA DEGENERATIVA DEL TESSUTO RENALE, DECISE DI CURARSI DA SOLO, CON L ALIMENTAZIONE, OTTENENDO DEI MIGLIORAMENTI NOTEVOLI. A SEGUITO DI QUESTO EPISODIO SVILUPPO LA SUA DIETA BASATA SUL PRINCIPIO CHE NELL ORGANISMO SI POSSONO FORMARE DEGLI ACCUMULI NON BILANCIATI DI PRODOTTI DELLA DIGESTIONE E DEL METABOLISMO CHE IL CORPO NON E IN GRADO DI ELIMINARE E CHE POSSONO CAUSARE PROBLEMI DI SALUTE.

297 PER IL DOTTOR HAY CIO ERA DOVUTO A QUATTRO CAUSE PRINCIPALI: 1) CONSUMO ECCESSIVO DI CARBOIDRATI RAFFINATI 2) CONSUMO ECCESSIVO DI CARNI 3) NON CONOSCENZA DELLA CHIMICA DELLA DIGESTIONE 4) SOVRALIMENTAZIONE

298 REGOLE BASE DELLA DIETA DISSOCIATA 1) NON MANGIARE CARBOIDRATI CON PROTEINE E FRUTTI ACIDI DURANTE LO STESSO PASTO 2) MANGIARE VERDURE, INSALATA E FRUTTA A PARTE DAL PASTO PRINCIPALE DELLA DIETA 3) MANGIARE PROTEINE, AMIDO E GRASSI IN QUANTITA LIMITATA 4) MANGIARE PANE INTEGRALE, EVITANDO ALIMENTI RAFFINATI 5) FAR INTERCORRERE TRA I PASTI ALMENO QUATTRO ORE

299 LA DIETA DISSOCIATA SI BASA SULL ANALISI DEI MECCANISMI DI DIGESTIONE DEGLI ALIMENTI. 1) LE PROTEINE HANNO BISOGNO DI UN AMIBIENTE ACIDO PER ESSERE DIGERITE; QUANDO SONO INGERITE NELLO STOMACO SI SVILUPPA ACIDO CLORIDRICO CHE ATTIVA LA PEPSINA CHE DIVIDE E DIGERISCE LE PROTEINE. QUESTO PROCESSO AVVIENE IN AMBIENTE ACIDO IN PARTE NEUTRALIZZATO DALLA PRESENZA DI AMIDI E ZUCCHERI. IN TAL CASO LE PROTEINE NON SONO DIGERITE COMPLETAMENTE.

300 2) I CARBOIDRATI HANNO BISOGNO DI UN AMBIENTE ALCALINO PER ESSERE DIGERITI, PROCESSO CHE INIZIA CON LA PTIALINA, DURANTE LA MASTICAZIONE. LA PRESENZA DI PROTEINE O FRUTTI ACIDI, DIMINUISCE L ALCALINITA E RIDUCE L ASSORBIMENTO E LA DIGESTIONE INTESTINALE DEI CARBOIDRATI E DEI GRASSI. SE GRANDI QUANTITA DI CARBOIDRATI E PROTEINE SONO ASSUNTE NELLO STESSO PASTO SI FORMA UN AMBIENTE TROPPO ACIDO PER LA RIDUZIONE DEGLI AMIDI E TROPPO POCO ACIDO PER UNA BUONA DIGESTIONE DELLE PROTEINE.

301 TANTE DIETE DIMAGRANTI PROPOSTE COME NOVITA SI BASANO SU QUESTA TEORIA, MA LE BASI SCIENTIFICHE E QUINDI L EFFICACIA DI QUESTA SONO CONTROVERSE. IL PROFESSOR SHELDON MARGEN DELL UNIVERSITA DELLA CALIFORNIA SOSTIENE CHE TUTTI GLI ALIMENTI SONO DELLE COMBINAZIONI ALIMENTARI E CHE IL NOSTRO ORGANISMO E IN GRADO DI GESTIRE COMBINAZIONI DI NUTRIENTI.

302 UNA RICERCA SPECIFICA CONDOTTA DA ALAIN GOLAY ALL UNIVERSITA DI GINEVRA SU 57 PERSONE OBESE, DIVISE IN DUE GRUPPI, IN CUI UNO SEGUIVA UNA DIETA BILANCIATA ED UN GRUPPO UNA DIETA DISSOCIATA, CON QUANTITA ANALOGA DI CALORIE, CON UN APPORTO ENERGENTICO DI 45% DI CARBOIDRATI ED IL 30% DI GRASSI HA EVIDENZIATO CHE LA DIETA BILANCIATA E STATA PIU EFFICACE CON UNA PERDITA MEDIA DI 7,5 KG DI GRASSO CONTRO I 6,2 PERSI DA CHI SEGUIVA LA DIETA DELLE COMBINAZIONI.

303 CIO DIMOSTRA CHE IL PERDERE PESO NON HA ALCUNA RELAZIONE CON IL MODO IN CUI SONO DISTRIBUITI ALIMENTI E TIPI DI NUTRIENTI NEI PASTI. COME ALTRE DIETE AMERICANE LA DIETA ATKINS INVOCA IL CONSUMO LIBERO DI GRASSI QUALI BURRO, CARNE, UOVA, PESCE, LATTICINI E LA RIDUZIONE RIGOROSA DEI CARBOIDRATI CON UN APPORTO LIMITATO DI VERDURA E FRUTTA.

304 NASCE NEGLI ANNI 60 A NEW YORK QUANDO JEAN NIDETCH CON UN GRUPPO DI AMICHE IN SOVRAPPESO, DECISERO DI INCONTRARSI PERIODICAMENTE PER SCAMBIARSI OPINIONI, RIMEDI E DARSI UN SUPPORTO PSICOLOGICO NELLA LOTTA CONTRO IL PESO.

305 IL GRUPPO SI DETTE UN NOME :WEIGHT WATCHERS, CIOE I CONTROLLORI DEL PESO E SI INGRANDI NEGLI ANNI FINO AL FENOMENO ATTUALE CON CIRCA 200 SEDI SONO IN ITALIA E RIUNIONI ALL ANNO, NEL MONDO SI PARLA DI OLTRE DI UN MILIONE DI SOCI CHE PRENDONO PARTE A RIUNIONI IN 30 PAESI DEL MONDO.

306 LA DIETA IPOCALORICA DA CALORIE CHE VA SEGUITA PER ALMENO TRE SETTIMANE E STATA ELABORATA DA MEDICI AMERICANI CHE OLTRE ALL ASPETTO SCIENTIFICO, HANNO SEMPRE TENUTO IN GRANDE CONSIDERAZIONE, L ASPETTO PSICOLOGICO E IL CONCETTO DELL AUTO AIUTO. INFATTI UNA DELLE CARATTERISTICHE CHE GARANTISCE IL SUCCESSO DELLA DIETA E IL SENSO DI SOLIDARIETA E DI EMULAZIONE DEL GRUPPO.

307 DURANTE LE RIUNIONI, OLTRE A PESARSI, OGNUNO ESPONE LE PROPRIE DIFFICOLTA, LE SUE STRATEGIE, ASSISTITO DA ESPERTI IN PSICOLOGIA E ALIMENTAZIONE. VENGONO INSEGNATI UNA SERIE DI ACCORGIMENTI PER CONTROLLARE LE CALORIE, QUALE DOLCIFICANTE USARE, EVITARE IL BURRO, I GRASSI ANIMALI, TOGLIERE IL GRASSO ALLA CARNE PRIMA DELLA COTTURA, NON PRENDERE PIU DI 120 GRAMMI DI FORMAGGIO NELLA SETTIMANA O PIU DI DUE UOVA. USARE PENTOLE SPECIALI PER LA COTTURA.

308 LA VERSIONE MODERNA DELLA DIETA WEIGHT WATCHERS PREVEDE DI TRASFORMARE IL CIBO IN PUNTI. IN UNA GIORNATA PER DIMAGRIRE BISOGNA MANGIARE MAI MENO DI 19 PUNTI, NE PIU DI 26, DA NON CONFONDERE CON LA DIETA A PUNTI IDEATA NEGLI ANNI 70 DAL DOTTOR RAZZOLI. ESEMPIO: 1 PORZIONE DI FRUTTA O VERDURA = 0 PUNTI 150 GR DI PESCE SPADA = 2 PUNTI 1 CUCCHIAIO DI OLIO = 1 PUNTO 2 CUCCHIAI DI PURE = 2 PUNTI

309 LA DIETA WEIGHT WATCHERS IN TEORIA NON PRESENTA ASPETTI NEGATIVI; IL SUO FALLIMENTO E DOVUTO SIA AL FATTO CHE NON E PERSEGUIBILE PER LUNGHI PERIODI, SIA PERCHE NON A TUTTI PIACE FARE LA CONFESSIONE PUBBLICA DEI PROPRI PECCATI ALIMENTARI

310 LA FINALITA DELLA DIETA SONO CORRETTE (CONTROLLO DELLE CALORIE, PROPOSTA DI UNA CUCINA SALUTARE) MA IL MODELLO DI CUCINA E TROPPO LEGATO AI CANONI CLASSICI DELLA CUCINA LIGHT. NON SI INSEGNA A BRUCIARE PIU CALORIE CON LO SPORT MA AD ASSUMERNE DI MENO ED IL PAZIENTE E SEMPRE PIU VINCOLATO DA QUANTITA MASSIME DA ASSUMERE DI OGNI ALIMENTO. DA RICORDARE CHE E APPROVATA DAL NOSTRO MINISTERO DELLA SUALUTE

311 LA DIETA COSIDDETTA A ZONA FU PROPOSTA AGLI INIZI DEGLI ANNI 90 DA BARRY SEARS, BIOCHIMICO AMERICANO. NATA PER GLI SPORTIVI CHE VOLEVANO PERDERE PESO, MANTENENDO PERO UNA PERFOMANCE ATLETICA. PER ZONA SI INTENDE QUELLO STATO DI ARMONIA PSICOFISICA CHE PERMETTE DI ESSERE SEMPRE AL MASSIMO DELLA EFFICIENZA FISICA E MENTALE CHE SI OTTIENE GRAZIE AD UN ALIMENTAZIONE BASATA SULLA DISTRIBUZIONE BILANCIATA DI PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI.

312 LA FORMULA CHE RIASSUME TALE DIETA E CIOE AD OGNI PASTO OCCORRE MANGIARE CARBOIDRATI PER IL 40% ( FRUTTA, VERDURA, PANE, PASTA, LEGUMI) PROTEINE PER IL 30% (CARNE, PESCE, UOVA) GRASSI PER IL 30%. IL CIBO NELLA DIETA A ZONA NON VIENE CONSIDERATO UNA SEMPLICE FORMA DI CALORE MA UN MEZZO PER IL CONTROLLO DEL RILASCIO DEGLI ORMONI, MODULANDO L ATTIVITA DELL INSULINA.

313 CON L ASSUNZIONE IN PROPORZIONI OPPORTUNE E POSSIBILE: DETERMINARE LE RISPOSTE ORMONALI RAGGIUNGERE L EQUILIBRIO ORMONALE CONTROLLARE LE FUNZIONI VITALI DEL NOSTRO CORPO

314 SAPPIAMO CHE L INSULINA ENTRA IN CIRCOLO PER MANTENERE REGOLARI I LIVELLI DELLO ZUCCHERO NEL SANGUE E CHE ALIMENTI CON UN ALTO INDICE GLICEMICO STIMOLANO MOLTO L INSULINA MENTRE I CARBOIDRATI, QUALI FRUTTA E VERDURE, CON INDICE GLICEMICO BASSO, MANTENGONO COSTANTE E BASSI I LIVELLI INSULINEMICI, IMPEDENDO I PROCESSI DI IMMAGAZZINAMENTO SOTTO FORMA DI GRASSO CORPOREO.

315 LE PROTEINE CON UN INDICE BASSO DI GRASSO SATURO, VALE A DIRE POLLO, PESCE, ALBUME, TACCHINO, TOFU, POLVERI PROTEICHE, STIMOLANO IL GLUGAGONE CHE HA UN AZIONE OPPOSTA ALL INSULINA, E UN ORMONE GRASSO-MOBILIZZATORE, INDUCE IL FEGATO AD INIZIARE IL RILASCIO DEL GLICOGENO. QUINDI LA PRESENZA DI PROTEINE NEL PASTO RITARDA LA PRODUZIONE DI INSULINA E PERMETTERA DI INIZIARE UN AZIONE LIPOLITICA NEL TESSUTO ADIPOSO.

316 LE PROTEINE SFAVOREVOLI CON UN ALTA CONCENTRAZIONE DI GRASSI SATURI, QUALI CARNE ROSSA, TUORLO D UOVO, MAIALE, TENDONO A RENDERE LE MEMBRANE CELLULARI PIU RIGIDE, INDUCENDO LE CELLULE A NON RISPONDERE AI LIVELLI NORMALI DI INSULINA, CAUSANDO UNA RESISTENZA INSULINEMICA CON UN AUMENTO DEI LIVELLI DI INSULINA E DELLA PRODUZIONE DI GRASSI.

317 REGOLA FONDAMENTALE DELLA DIETA A ZONA E QUELLA DI PREVEDERE CHE OGNI PASTO O SPUNTINO SIA UN BLOCCO FORMATO DA TRE BLOCCHETTI: UNO DI PROTEINE, UNO DI CARBOIDRATI, UNO DI GRASSI. LA ZONA PREVEDE CHE PER OGNI CHILOGRAMMO DI MASSA MAGRA DEL CORPO VANNO CONSUMATE TRA 1-2 GRAMMI DI PROTEINE AL GIORNO IN BASE AL LIVELLO DI ATTIVITA ; PER OGNI 7 GRAMMI DI PROTEINE, 9 GRAMMI DI CARBOIDRATI E 3 GRAMMI DI GRASSO. PER RENDERE PIU SEMPLICE QUESTO CONTEGGIO E STATO SVILUPPATO IL SISTEMA DEI BLOCCHI: UN BLOCCO DI PROTEINE E DI 7 GRAMMI UN BLOCCO DI CARBOIDRATI E DI 9 GRAMMI UN BLOCCO DI GRASSO E DI 3 GRAMMI

318 VA INDIVIDUATO IL NUMERO DI BLOCCHI COMPLESSIVI E SUDDIVISI NEI VARI PASTI DELLA GIORNATA, MANTENENDO SEMPRE LA PROORZIONE 1: 1: 1 TRA I BLOCCHI. VANNO EVITATI I GRASSI SATURI ED ASSUMERE COME FONTE DI GRASSI GLI ARACHIDI, LE NOCI, L OLIO D OLIVA, CON UNA INTEGRAZIONE DI EICOSANOIDI (OMEGA-3) EVITARE I CIBI CON UN ALTO CONTENUTO DI ACIDO ARACHIDONICO, COME LE CARNI ROSSE E I TUORLI D UOVO.

319 Il sistema dei blocchi: Il blocco è, nella dieta EnerZona, l unità di misura del cibo. Ogni blocco è composto da 9 grammi di carboidrati, 7 grammi di proteine e 3 grammi di grasso. Il calcolo del numero dei blocchi da assumere quotidianamente deve tenere conto della massa magra e del tipo di attività fisica e lavorativa che si svolge, per esempio: - Una casalinga o un impiegata potrebbe assumere circa blocchi suddivisi in: 3 blocchi a colazione, 3 a pranzo e 3 a cena, più 2 spuntini da un blocco ciascuno; - Un impiegato di sesso maschile potrebbe invece assumere blocchi suddivisi in: 3 blocchi a colazione, 4 blocchi a pranzo e a cena, più 3 spuntini da un blocco ciascuno; - Uno sportivo maschio potrebbe assumere circa blocchi suddivisi in: 4 blocchi a colazione, 5 blocchi a pranzo e a cena, più 3 spuntini da due blocchi ciascuno.

320 Lista blocchetti proteici : 1 blocchetto = 7 grammi proteine circa - 8 g proteine di EnerZone soia 90% - 2 albumi - 46 g di pesce bianco - 35 g di tonno, salmone - 23 g bresaola di vitello - 30 g di coniglio - 32 g petto di pollo - 40 g coscia di pollo - 32 g petto di tacchino - 25 g prosciutto magro - 35 g agnello - 33 manzo magro - 35 g mozzarella light - 1 uovo intero - 33 g vitello magro - 35 g maiale magro - 46 g stracchino - 2 sottilette - 22 g mozzarella - 20 g parmigiano reggiano - 26 g pecorino fresco - 28 g bel paese - 36 g gorgonzola - 23 g caciocavallo - 24 g provolone dolce o piccante - 25 g emmenthal - 35 g cotechino

321 Lista blocchetti misti: ml di latte parzialmente scremato = 1 blocchetto proteine 1 blocchetto carboidrati + 1 blocchetto di grassi ml yogurt bianco = 1 blocchetto proteine 1 blocchetto carboidrati + 1 blocchetto grassi gr fagioli borlotti in scatola 25g tonno = 1 blocchetto proteine 1 blocchetto carboidrati gr ceci secchi gr carne o tonno o salmone o 140 gr pesce bianco = 3 blocchetti proteine 3 blocchetti carboidrati gr lenticchie + 87 gr cotechino o carne = 3.5 blocchetti proteine 3.5 blocchetti carboidrati gr tortellini + 40 gr parmigiano reggiano = 3 blocchetti proteine 3 blocchetti carboidrati - ½ pizza margherita con 40 gr mozzarella e 40 gr prosciutto magro = 3 blocchetti proteine 3 blocchetti carboidrati

322 IL SISTEMA DELLA MANO PROTEINE MAGRE PANE O PASTA O RISO 1 palmo = 1 porzione 1 pugno = 1 porzione La verdure deve essere condita con olio extravergine d oliva

323 Grammi proteine per un chilo di massa magra Sedentario puro (divano, sedia, televisione, pantofole) 1,1 Lavoro tranquillo senza alcuna attività fisica 1,3 Lavoro più attività fisica leggera; soggetti obesi (uomini con oltre il 30% di 1,5 massa grassa, donne con oltre il 40%) Lavori stressanti; soggetti che si allenano regolarmente tre volte alla 1,7 settimana o che praticano costantemente sport Lavoro più allenamento atletico quotidiano 1,9 Pesante allenamento quotidiano 2,1 Intenso allenamento a scopo agonistico, integrato da sedute giornaliere con i 2,3 pesi; doppio allenamento sportivo professionale quotidiano

324 La scelta dei nutrienti bisogna prestare molta attenzione al fatto che la scelta dei macronutrienti è fondamentale per produrre la più corretta e sana risposta insulinica. A questo proposito, si faccia riferimento alle seguenti tabelle : Proteine Tabella alimenti a cura di Enerzona Barry Sears miglior scelta discreta scelta pessima scelta Carni Petto di pollo e tacchino, coniglio, vitello, struzzo, bresaola Maiale magro, manzo magro, pollo, tacchino, prosciutto cotto e crudo magro Carni rosse grasse, insaccati, pancetta, hamburger, fegato, patè, salsiccia, zampone Pesci e crostacei baccalà., gamberi, branzino, calamari, dentice, merluzzo, palombo, persico, spada, polpo, rombo, salmone, sarde, sgombro, seppia, sogliola, spigola tonno, triglia, trota Acciughe sott olio, anguilla, aringa, capitone, bastoncini di pesce Albume d uovo, proteine in polvere Uova intere, uova di quaglia Uova Latticini Fiocchi di latte magro, fior di latte, formaggi freschi di capra, formaggi light, grana,ricotta vaccina e di pecora, feta Caciotta fresca, crescenza, mozzarella, ricotta di bufala Brie, caciocavallo, camembert, fontina, formaggini cremosi, gorgonzola, groviera, pecorino, provolone, scamorza, stracchino, taleggio A base di soia Hamburger, germogli, proteine in polvere, EnerZone soia 90%, tofu Fonti miste Farina e latte di soia, yogurt magro, latte parzialmente scremato, barrette (tipo snack EnerZone Nutrition Bar ) pasto pronto (tipo EnerZone Istant Meal )

325 GRASSI (ricchi in grassi saturi) Olio d oliva, olive, arachidi, avocado, mandorle, nocciole, noci, olio di sesamo OMEGA 3 RX in capsule e liquido Olio di semi, olio di soia Burro, margarina, lardo, mascarpone, panna, panna acida CARBOIDRATI FAVOREVOLI SFAVOREVOLI VERDURE E LEGUMI FRUTTA Asparagi, broccoli, carciofi, cavoli, cipolle, fagiolini, finocchi, insalata, melanzane, peperoni, pomodori, rape, ravanelli, spinaci, ceci, cicoria, fagioli, funghi, indivia, lenticchie, porri, sedano, zucchine Albicocche, arance, fragole, kiwi, lamponi, mirtilli, more, pompelmo, prugne, ribes, amarene, ananas, castagne, ciliegie, cocco, mandarini, mele, meloni, nespole, pere, pesche Barbabietola, carote, mais, patape, zucca Anguria, banana, cachi, datteri, fichi, mango, prugne secche, uva passa, succhi di frutta CEREALI Avena decorativa, orzo, cereali integrali Biscotti, cracker, fette biscottate, focacce, grissini, pasta, pane, riso ALCOLICI Vino rosso, birra ( con moderaziono) Aperitivi, superalcolici ZUCCHERI SEMPLICI Fruttosio Zucchero, saccarosio, glucosio, miele, marmellata DOLCI Sorbetto alla frutta Cioccolato, gelato, panettone, torrone

326 PREFERIRE COME FONTI PROTEICHE IL PESCE (SALMONE, SARDINE, TONNO, SGOMBRO) LE CARNI BIANCHE, ALBUME, LEGUMI. EVITARE CIBI AD ALTO INDICE GLICEMICO, PREFERENDO FRUTTA, VERDURE, FIOCCHI DI AVENA COME FONTI DI CARBOIDRATI.

327 GLI ALIMENTI CONSIGLIATI SONO RICCHI DI VITAMINE. VA INTEGRATA LA VITAMINA E, IN CASO DI ATTIVITA FISICA INTENSA. CON L EQUILIBRIO ORMONALE OTTENUTO CON LA ZONA SI DOVREBBE OTTENERE: 1) UNA RIDUZIONE DELL ECCESSO DI ADIPE 2) UN AUMENTO DELLA MASSA MUSCOLARE 3) UN MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI ATLETICHE 4) BENEFICI SU MALATTIE QUALI DIABETE, IPERTENSIONE, IPERCOLESTEROLEMIA, ATEROSCLEROSI 5) AUMENTO DIFESE IMMUNITARIE

328 GLI EFFETTI POSSONO ESSERE AMPLIFICATI ASSOCIANDO UNA CORRETTA ATTIVITA SPORTIVA. ESEMPIO DI UN PASTO SECONDO LA ZONA : UN BLOCCO DI PROTEINE = 45 GR DI PESCE AZZURRO + UN BLOCCO DI CARBOIDRATI = 120 GR DI SPINACI + UN BLOCCO DI GRASSI = 2 CUCCHIAI DI OLIO SE L IDEA DEI BLOCCHI E COMPLICATA IN ALTERNATIVA SI PUO RICORRERE ALLE BARRETTE E ALLE BUSTE COME SOSTITUTIVI DEI PASTI CHE HANNO DIFFUSIONE DA NOI COME ENERZONA

329 LA FORMULA SUGGERITA DA SEARS SI PRESTA A CONFUSIONE PERCHE E DIFFICILE CALCOLARE LA QUANTITA GIUSTA DEI BLOCCHI. IL RAPPORTO TRA PROTEINE E CARBOIDRATI DOVREBBERO ESSERE COMPRESO TRA 0,6 0,8, OTTIMALE 0,75, MENTRE I GRASSI DOVREBBERO ESSERE PARI AL 30% DELLE CALORIE TOTALI. LA DIETA COMPRENDE I MACRONUTRIENTI ED E FORTEMENTE IPOCALORICA

330 ESEMPIO : SOGGETTO CON ATTIVITA SEDENTARIA DEL PESO DI 70 KG, CON UNA PERCENTUALE DI GRASSI DEL 15%,SECONDO SEARS, LE PROTEINE NECESSARIE SONO DI 1,1 GR / KG MASSA MAGRA PARI A 65,5 GR = 262 KCAL. I CARBOIDRATI SONO IN RAPPORTO 40:30, QUINDI = 350 KCAL I GRASSI SONO NELLA STESSA QUANTITA DELLE PROTEINE E FORNISCONO 589,5 KCAL, PER UN TOTALE DI 1201,5 KCAL.

331 CONSIDERANDO IL FABBISOGNO CALORICO, CIOE LA QUANTITA DI CALORIE NECESSARIE PER MANTENERE LO STESSO PESO DEL NOSTRO PAZIENTE PARI A 1800 KCAL, INCOMINCERA A PERDERE PESO. ANCHE SE IL RAPPORTO OTTIMALE PROTEINE/CARBOIDRATI SI CORREGGE A 0,75 ED AUMENTANO I CARBOIDRATI MENTRE PROTEINE E GRASSI RESTANO INVARIATI, CON UN APPORTO DI 437 KCAL SI HA UN TOTALE DI 1288 KCAL. CORREGGENDO IL RAPPORTO A 0,6 TRA PROTEINE E CARBOIDRATI, MI TROVO AD AUMENTARE LA QUOTA DEI GRASSI PER ARRIVARE ALLE 1800 CALORIE NECESSARIE

332 LA GESTIONE DEGLI ACIDI GRASSI E UN PUNTO CONTROVERSO: BISOGNA EVITARE DI ADDUMERE TROPPO ACIDO ALFA-LINOLENICO CHE BLOCCA LA PRODUZIONE DI EICOSANOIDI COME GLI OMEGA-3 MA QUESTO E CONTENUTO NELLA FRUTTA SECCA INDISPENSABILE PER AVERE UNA QUANTITA DI GRASSI NELLA DIETA SENZA RICORRERE AI GRASSI ANIMALI. ALTRA COSA FONDAMENTALE E L ATTIVITA SPORTIVA SENZA LA QUALE LA DIETA A ZONA NON RAGGIUNGE RISULTATI NEL BREVE PERIODO

333 IN REALTA E DIFFICILE SEGUIRE UNA DIETA BASATA SU BLOCCHI PER LA VARIABILITA INDIVIDUALE ALLA RISPOSTA INSULINEMICA E ALLA RIPARTIZIONE ESATTA DEI MACRONUTRIENTI CHE NEI CIBI CAMBIANO SECONDO NAZIONI, QUALITA, CONSERVAZIONE, COTTURA.. INOLTRE SEARS NON CONSIDERA LE REALI NECESSITA DEL CORPO UMANO, DEI CARBOIDRATI E PROTEINE SECONDO LE QUANTITA MINIME GIORNALIERE

334 LA COMUNITA SCIENTIFICA METTE IN EVIDENZA CHE IL PILASTRO DELLA ZONA CIOE CHE L AUMENTO DELLA GLICEMIA E QUINDI IL RILASCIO DI INSULINA DIPENDA DAL RAPPORTO TRA CARBOIDRATI E PROTEINE E UN FALSO. L AUMENTO DELLA GLICEMIA DIPENDE DALL EQUAZIONE CARBOIDRATI x 0,9 + PROTEINE x0,5 + GRASSI x 0,1

335 CONSIDERIAMO DUE PASTI, IL 1 IN ZONA IL 2 NO. 50 GR DI PANE GR DI PROSCIUTTO COTTO SGRASSATO+ 8 GR DI OLIO = 350 KCAL = C39%P30%G31% 50 GR DI PANE + 23 GR DI OLIO = 350 KCAL = C58%P5%G37% SI E VISTO CONTROLLANDO LA GLICEMIA POST PRANDIALE CHE NON E IL SECONDO PASTO NON IN ZONA A CAUSARE UN AUMENTO DELLA GLICEMIA.

336 A LIVELLO SPORTIVO CHI PRATICA SPORT DI RESISTENZA CONSUMA LE SCORTE DI GLICOGENO MUSCOLARE E DEVE REINTEGRARLE IN BREVE TEMPO PER GARANTIRE UN RECUPERO OTTIMALE. NECESSITANO CARBOIDRATI AD ALTO INDICE GLICEMICO PERCHE E PROPRIO L INSULINA A DARE L ORDINE ALLE CELLULE DI RIPRISTINARE LE SCORTE DI GLICOGENO. SE CIO NON AVVIENE I MUSCOLI NON FUNZIONANO COME DOVREBBERO, CALANO LE PRESTAZIONI, C E IL RISCHIO DI INFORTUNI.

337 IN UNA DIETA IPOCALORICA, COME LA ZONA, E DIFFICILE GARANTIRE I LIVELLI DI ASSUNZIONE DI GRASSI ESSENZIALI, MANTENERE IL RAPPORTO TRA OMEGA6-OMEGA3 DI 4 : 1 CONSIDERANDO CHE E DIFFICILE PILOTARE LA PRODUZIONE DEI GRASSI IN UN SOL SENSO E CHE GLI STUDI AL RIGUARDO SONO ANCORA ALL INIZIO.

338 FACENDO QUESTE CONSIDERAZIONI LA DIETA ZONA SI LIMITA A CONSIGLI MOLTO POPOLARI RIPRESI SUI GIORNALI, SIA PER QUANTO RIGUARDA IL RAPPORTO TRA MACRONUTRIENTI, SIA PER I RAPPORTI DEI GRASSI ESSENZIALI. SECONDO IL MODELLO SOFISTICATO DEI BLOCCHI SI E IN REALTA LONTANO DAI FABBISOGNI DELL ORGANISMO E, SE SI SEGUE IN MODO RIGOROSO, BISOGNA LIMITARE INTERE CATEGORIE DI ALIMENTI ED AUMENTARE I GRASSI

339 CON IL SISTEMA AD OCCHIO, CONSIGLIATO NELLE PUBBLICAZIONI, SI E QUASI SEMPRE LONTANISSIMI DALLA ZONA MA DIVENTA PIU EQUILIBRATA, CON LA RIPARTIZIONE 50%C 30% GR 20% PR SE LO SCOPO DELLA DIETA E PERDERE PESO, LA ZONA FUNZIONA PERCHE : 1) LIMITA L APPORTO DI CALORIE 2) E COMPOSTA DA ALIMENTI SAZIANTI 3) E ABBASTANZA EQUILIBRATA NEI MACRONUTRIENTI ED HA RIABILITATO L USO DEI CARBOIDRATI NELLA DIETA 4) HA POSTO L ACCENTO SULL IMPORTANZA DEGLI OMEGA3

340 ANCHE I GRASSI NELLA DIETA HANNO LA LORO IMPORTANZA IN QUANTO A LIVELLO ORMONALE C E BISOGNO DEL GRASSO PER ELIMINARE IL GRASSO. SECONDO LA TEORIA DELLA ZONA IL GRASSO E UN COMBUSTIBILE A RILASCIO LENTO UTILIZZABILE A SCOPI ENERGETICI NELLE CONDIZIONI FISIOLOGICHE CAUSATE DALLA DIETA ZONA RALLENTANDO L ENTRATA DEI CARBOIDATI NEL CIRCOLO E DI CONSEGUENZA LA PRODUZIONE DI INSULINA. IL GRASSO STIMOLA LA PRODUZIONE DI CCK (COLECISTOCHININA) CHE CONTRIBUISCE AL SENSO DI SAZIETA

341 METODO MONTIGNAC IL METODO DI MONTIGNAC SI BASA SUL CONCETTO CHE LA CAUSA DELL AUMENTO DI PESO E DOVUTA ALL IPERINSULINEMIA DA PARTE DEL PANCREAS, LEGATA ALL ASSUNZIONE DI CIBI CON INDICE GLICEMICO ALTO. NON E QUINDI LA QUANTITA DEL CIBO CHE INGRASSA MA LA LORO QUALITA, SENZA UN LEGAME TRA OBESITA E CALORIE. NON BISOGNA MANGARE MENO MA MEGLIO.

342 SU QUESTA BASE HA AVUTO UN GRANDE SUCCESSO CON OLTRE 13. MILIONI DI SEGUACI. IL BRITISH JOURNAL OF NUTRITION HA RESO NOTO CHE QUESTO METODO E EFFICACE PER CHI SOFFRE DI PROBLEMI CARDIOVASCOLARI E PUO EVITARE IL RISCHIO DI DIABETE. VA CONSIDERATO CHE NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI I CASI DI OBESITA SONO QUADRUPLICATI NEGLI ULTIMI 40 ANNI BENCHE IL CONSUMO MEDIO DI CALORIE QUOTIDIANO SI SIA RIDOTTO

343 IL METODO PREVEDE DUE FASI : UNA DI DIMAGRAMENTO E UNA DI MANTENIMENTO. LA PRIMA FASE PUO DURARE ANCHE QUALCHE MESE FINO A QUANDO NON SI E RAGGIUNTO IL PESO IDEALE. SI ASSUMONO SOLO TRE PASTI GIORNALIERI AD ORE FISSE, CON CIBI CHE NON ABBIANO UN INDICE GLICEMICO SUPERIORE A 35, NON ASSOCIANDO GRASSI E CARBOIDRATI NELLO STESSO PASTO, CON QUANTITA LIBERE.

344 ESEMPIO GIORNATA TIPO COLAZIONE PANE INTEGRALE CON MARMELLATA SENZA ZUCCHERO O UNO YOGURT MAGRO. PRANZO PESCE AZZURRO, INSALATA DI CETRIOLI, YOGURT CENA ZUPPA DI VERDURE, FORMAGGIO MAGRO, SPINACI

345 NEL MANTENIMENTO, CHE PUO DURARE ANCHE TUTTA LA VITA, SI POSSONO MANGIARE TUTTI I CIBI CON INDICE GLICEMICO FINO A 50. IN CASO DI STRAPPI ALLA DIETA SI PUO RIPARARE CON L ASSUNZIONE DI CIBI A BASSISSIMO INDICE GLICEMICO

346 CIBI CONSENTITI LENTICCHIE, INSALATA, POMODORI, CAVOLI, BROCCOLI, SPINACI, MELANZANE, FAGIOLINI, FRUTTA, PESCE, FORMAGGI FRESCHI O STAGIONATI, UOVA, CIOCCOLATO AMARO, OLIO D OLIVA O DI GIRASOLE CIBI NON CONSENTITI ZUCCHERO, FARINE BIANCHE, PATATE, MAIS, BURRO, MARGARINA, RISO, PATATE FRITTE, CREPES, TOAST, DOLCI FATTI CON FARINA

347 Alimenti a basso indice glicemico: - Pari a zero: uova; pesce; formaggi freschi e stagionati; carni; insaccati; - Inferiore di 10: melanzane ed ortaggi verdi; - Da 10 a 15: albicocche; agrumi; noci; mandorle; arachidi; yogurt magro; - Da 15 a 20: marmellata senza zucchero; cioccolato amaro; lenticchie; - Da 20 a 30: latticini; - Da 30 a 40: pane integrale e mele; - Da 40 a 50:pasta Alimenti ad alto indice glicemico: - Pari a 60: gelato - Da 50 a 65: farine bianche e pizza margherita; - Da 65 a 70: riso bianco; peperoni; zucchero - Pari a 75: anguria; - Pari a 90: patatine fritte; - Da 90 a 100: birra; burro e margarine; glucosio

348 INDICE GLICEMICO L INDICE GLICEMICO DI UN ALIMENTO RAPPRESENTA LA VELOCITA CON CUI AUMENTA NEL SANGUE LA CONCENTRAZIONE DI GLUCOSIO, CIOE LA GLICEMIA, IN SEGUITA ALL ASSUNZIONE DI UN ALIMENTO, RISPETTO AD UN ALIMENTO DI RIFERIMENTO (GLUCOSIO) LA TABELLA AGGIORNATA DEGLI INDICI GLICEMICI PUBBLICATA SU AM.3 CLIN NUTR MOSTA COME L I.G. VARIA A SECONDA DELLA PRESTAZIONE E DEGLI INGREDIENTI NEGLI ALIMENTI CUCINATI, DEL GARDO DI MATURAZIONE, E CHE IL CONFRONTO TRA ALIMENTI HA SENSO SOLO SE LA DIFFERENZA E NETTA.

349 L INDICE GLICEMICO, TENDE A DIMINUIRE SE SI AGGIUNGONO GRASSI O PROTEINE AD UN ALIMENTO PERCHE LA DIGESTIONE DELL ALIMENTO E PIU LENTA E QUINDI I CARBOIDRATI VENGONO ASSORBITI PIU LENTAMENTE. UN ALIMENTO LIGHT NON SEMPRE SOTTO QUESTO PUNTO DI VISTA E MIGLIORE DEL SUO ALIMENTO NORMALE. IL RISCHIO TOTALE DI INSULINA, NON DIPENDE DALL INDICE GLICEMICO MA DAL CARICO GLICEMICO, CIOE DAL PRODOTTO TRA INDICE GLICEMICO E LA QUANTITA DI CARBOIDRATI INGERITI

350 VA QUINDI SEGUITA UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA IN CUI LA QUANTITA DI CARBOIDRATI NON E SUPERIORE AL 55%, CON PROTEINE E GRASSI DISTRIBUITE NELL ARCO DELLA GIORNATA ED ALIMENTI SAZIANTI COME VERDURA E FRUTTA CHE CONTRIBUISCONO AD ABBASSARE L INDICE GLICEMICO ANCHE DEGLI ALIMENTI A RISCHIO

351 E STATA MESSA A PUNTO AGLI INIZI DEGLI ANNI 90 DAL DR. PETER D ADAMO, UN NATUROPATA ITALO-AMERICANO, SULLA BASE DI STUDI GIAPPONESI SULLE INTOLLERANZE ALIMENTARI. SCEGLIENDO I CIBI IN BASE ALLA RELAZIONE CON IL PROPRIO GRUPPO SANGUIGNO SI PROPONE DI RISOLVERE I PROBLEMI DEL PESO, DI INTOLLERANZE E DI ALLERGIE RESPIRATORIE.

352 IL PRINCIPIO DI BASE E CHE CIASCUNO DEI QUATTRO GRUPPI SANGUIGNI, RISPONDE IN MODO DIVERSO AL CIBO, IN QUANTO SONO COMPARSI IN EPOCHE DIVERSE, ADATTANDOSI AL CIBO CHE IN QUEL MOMENTO RAPPRESENTAVA LA LORO DIETA PRINCIPALE E CHE SONO DIVENTATI QUELLI MEGLIO TOLLERATI

353 ALIMENTI INCOMPATIBILI CREANO PROBLEMI DI DIGESTIONE, CON LA FORMAZIONE DI TOSSINE CHE DANNO RITENZIONE IDRICA, RALLENTANO IL METABOLISMO E QUINDI PORTANO AD UN AUMENTO DI PESO

354 SECONDO D ADAMO, AD ESEMPIO, IL GRUPPO 0 MANIFESTA PROBLEMI DI GASTRITE ED IPERACIDITA, PERCHE ESSENDO CARNIVORO PRODUCE MOLTO ACIDO CLORIDRICO, DANNEGGIANDO LA MUCOSA DELLO STOMACO. IL GRUPPO A PUO SOFFRIRE DI DISTURBI CARDIACI O DIABETE.

355 CHI APPARTIENE A QUESTO GRUPPO SI SENTE BENE SEGUENDO UNA DIETA RICCA DI PROTEINE ANIMALI, DERIVATE DA CARNE O PESCE, DA ASSOCIARE A FRUTTA E VERDURA. DEVE EVITARE IL CONSUMO DI PASTA, PANE, LEGUMI, LATTE, LATTICINI, TRANNE YOGURT. CIBI DA PRIVILEGIARE: CARNE OVINA E BOVINA, PESCE DI MARE, YOGURT, ANANAS, FICHI, NOCI, BROCCOLI, AGLIO, CIPOLLA, PREZZEMOLO DA EVITARE: CARNE DI MAIALE, SALMONE AFFUMICATO, MELANZANE, PATATE, LATTE, LATTICINI, FORMAGGIO E RICOTTA, MAIS, FRUMENTO

356 PER CHI APPARTIENE A QUESTO GRUPPO, LA DIETA PIU ADATTA E VEGETARIANA PERCHE PRODUCE POCO ACIDO CLORIDRICO E QUINDI FATICA A DIGERIRE LE PROTEINE ED I GRASSI ANIMALI, CONSUMANDO PASTI PIU LEGGERI E FREQUENTI. ALIMENTI DA PRIVILIEGIARE: POLLO, MERLUZZO, SGOMBRO, YOGURT, FORMAGGIO DI PECORA E CAPRA, SOIA, PANE DI FARRO, BROCCOLI, VERZA, LATTUGA, CAROTE, SPINACI, FAGIOLINI, ANANAS, FICHI, POMPELMO ALIMENTI DA EVITARE CARNI DI TUTTI I TIPI, ANGUILLA, CROSTACEI, BURRO, FORMAGGIO, GELATO, MELANZANE, PATATE, POMODORI, CECI, FAGIOLI, FRUMENTO, ARANCE, BANANE

357 SONO PROVVISTI DI UN APPARATO DIGERENTE FLESSIBILE, IN GRADO DI METABOLIZZARE SIA LE PROTEINE CHE I CARBOIDRATI. SI PUO CONSUMARE QUASI TUTTO, COMPRESO I LATTICINI E LE UOVA, CIBO PREFERITO E IL PESCE TIPO MERLUZZO, SALMONE; VA EVITATO IL GRANO SARACENO E LA CARNE DI POLLO. ALIMENTI DA PRIVILEGIARE GNELLO, CONIGLIO, MERLUZZO, SALMONE, MELANZANE, BROCCOLI, CAROTE, PEPERONE, FAGIOLI, MANDORLE, ANANAS, UVA, LIMONE, RISO, PANE DI MIGLIO E FARRO, UOVA ALIMENTI DA EVITARE ANATRA, OCA, POLLO, MAIALE, OSTRICHE, CROSTACEI, CARCIOFI, POMODORI, SUGO, MAIS, ORZO, FRUMENTO, NOCI, NOCCIOLE

358 POSSONO CONSUMARE QUASI TUTTE LE CATEGORIE DI CIBO A CONDIZIONE CHE SIA FATTO A PICCOLE PORZIONI. ALIMENTI DA PRIVILEGIARE CONIGLIO, AGNELLO, TACCHINO, NASELLO, SALMONE, SOGLIOLA, MELANZANE, PISELLI, SEDANO, YOGURT, FORMAGGIO DI PECORA, ANANAS, FICHI, POMPELMO, UVA, RISO, PANE DI MIGLIO, SOIA ALIMENTI DA EVITARE ANATRA, OCA, POLLO, MANZO, SELVAGGINA, OSTRICHE, CROSTACEI, BURRO, LATTE INTERO, GELATO, CARCIOFI, SEMI DI ZUCCA, GIRASOLE, ARANCIA, MAIS, BIBITE ALLA COLA

359 QUESTA DIETA E ADATTA A CHI HA PROBLIEMI DIGESTIVI O METABOLICI CHE NON E RIUSCITO A RISOLVERE CON LA MEDICINA CONVENZIONALE, GLI ALIMENTI TOLLERATI SONO MOLTISSIMI E QUINDI LA DIETA E VARIA, SEMPLICE. NON SI TRATTA DI UNA DIETA A BREVE TERMINE MA A VITA. FA DIMAGRIRE MA MOLTO LENTAMENTE.

360

361 CURA DIMAGRANTE METODO SIMEONS MODIFICATO MATTINA: un bicchiere di latte magro 150 gr, caffè a piacere, due fette biscottate. Usare come dolcificante saccarina. Nell arco della giornata bere tè verde; si possono prendere fino a quattro caffè. PRANZO e CENA: carne magra di vitello gr... cotta ai ferri o bollita, senza grasso, oppure in alternativa pollo, senza pelle, ai ferri o bollito, gr., o petto di tacchino gr... Pesce, bollito o ai ferri o al forno, magro ( sogliola, rombo, spigola, trota, merluzzo, gamberi) gr.., fresco o surgelato. In alternativa alla carne o al pesce si possono mangiare due uova. CONTORNI: verdure, crude o cotte, nella quantità voluta, sono permesse: spinaci, zucchine, broccoletti, bieta, cicoria, finocchi, sedano, pomodori, insalata, radicchio, cetrioli, carciofi, cipolle, verza, ravanelli. FRUTTA: mela, arancia, mandarini, pompelmo, kiwi. CONDIMENTI PERMESSI: sale, pepe, spezie, basilico, aglio, cipolla, prezzemolo, pomodoro, aceto (preferire aceto di mele), limone. Usare il succo di un limone nell arco della giornata. BERE: almeno un litro e mezzo di acqua al giorno a basso residuo minerale, tipo VITASNELLA, LEVISSIMA, PANNA.

362 CURA DIMAGRANTE ---- METODO SIMEONS DIETA DOPO IL TRATTAMENTO. Nelle prime tre settimane sono permessi, senza limiti di quantità i seguenti alimenti: carni di qualsiasi tipo, pesci di qualsiasi tipo, uova. Nella prima settimana si può incominciare ad aggiungere nella dieta i formaggi, nella seconda gli insaccati. Come condimento è permesso l olio e il burro. Da evitare il fritto panato o con farina. Verdure di qualsiasi tipo. Frutta in quantità moderata. È consentito un bicchiere di vino o di birra a pasto. Si può continuare con il latte a colazione. ALIMENTI VIETATI sono i FARINACEI, di qualsiasi tipo, cioè zucchero, pane, pasta, dolci, grissini, biscotti, riso, patate, semolino, farina e tutti i legumi, cioè fagioli, ceci, lenticchie, piselli, fave. Nella quarta settimana si può aggiungere un grissino a pranzo e uno a cena. Nella quinta settimana sono permessi fino a due grissini a pranzo e a cena. Nella sesta settimana e in quelle successive occorre distinguere tra coloro che sono arrivati al peso ideale e quelli che non sono arrivati al peso normale. Per chi ha raggiunto il peso normale, è permesso una rosetta oppure una porzione di pasta o riso o legumi una volta alla settimana, controllando il peso il giorno dopo. In caso di aumento RIMANDARE di un mese la nuova assunzione di farinacei. In caso contrario, continuare due volte alla settimana. Per chi NON è arrivato al peso normale, in attesa dei quaranta giorni per ricominciare il ciclo, devono limitare l assunzione di farinacei a due grissini a pranzo e due a cena.

363

364 LA DIETA DEL MINESTRONE FU IDEATA DALL HOSPITAL DI ST. LUIS PER I PAZIENTI CARDIOPATICI IN ATTESA DI ESSERE OPERATI. DOVEVA ESSERE SEGUITA AL MASSIMO PER 10/14 GIORNI, CON L OBBIETTIVO DI FAR PERDERE IL MAGGIOR NUMERO DI CHILI IL PIU RAPIDAMENTE POSSIBILE. E UNA DIETA A TEMA, DOVE AD OGNI PASTO SI MANGIA UN SOLO ALIMENTO, SENZA CONSIDERARE L EQUILIBRIO DEI NUTRIENTI: LA PERDITA DI PESO E PRIORITARIA SU TUTTO.

365 LA DIETA PREVEDE SETTE GIORNI A BASE DI MINESTRONE DI VERDURA, TE, SUCCHI DI FRUTTA NON ZUCCHERATI E FRUTTA; AL QUARTO GIORNO SI AGGIUNGE LATTE SCREMATO O YOGURT, AL QUINTO CARNE DI MANZO, AL SETTIMO GIORNO RISO INTEGRALE

366 BISOGNA CONSIDERARE CHE A CAUSA DELLA FORTE RESTRIZIONE CALORICA E DELLO SCARSO APPORTO IN PROTEINE, SI PERDONO MUSCOLI ED ACQUA PIUTTOSTO CHE GRASSO. PERMETTE DI FAR PERDERE PESO NEL BREVE PERIODO, DI BRUCIARE I GRASSI, INSTAURANDO UN REGIME ESTREMAMENTE PUNITIVO, COMPLETAMENTE A FAVORE DEI CARBOIDRATI, MONOTONO, POCO SAZIANTE. ECCEZION FATTA PER LO YOGURT E PER DUE PORZIONI DI CARNE AL VAPORE NELL ARCO DELLA SETTIMANA C E UN APPORTO NULLO DI PROTEINE.

367 LA DIETA NON PREVEDE ALCUN TIPO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE, ANZI E DISEDUCATIVA PER IL CONCETTO CHE E CORRETTA PERCHE USATA IN OSPEDALE, PER MALATI GRAVI, E LA PROBABILITA DI RECUPERARE IL PESO PERDUTO E DEL 100%

368 DIETA MINESTRA BRUCIA GRASSI Ingredienti:porri o 6 cipolle, 1 o 2 barattoli di polpa di pomodori, i cavolo (verza) grande tritato, 2 peperoni verdi, 1 sedano intero, un dado a piacere. La minestra si può insaporire con sale, pepe, curry, prezzemolo peperoncino o tabasco. A piacere si possono aggiungere spinaci o rape. Tagliare le verdure in piccoli pezzi e coprire con acqua. Far bollire per 10 minuti, abbassare il fuoco per ultimare la cottura. La minestra si può mangiare ogni volta che si ha fame. Se ne può mangiare a volontà in qualsiasi momento. La minestra non aggiunge calorie. Più ne mangiate e più dimagrite. Riempire un thermos la mattina, se siete fuori casa. La minestra, se mangiata da sola per un lungo periodo, causa denutrizione. Prima giorno: mangiare la minestra e qualsiasi frutto a volontà (tranne le banane). Da bere:the non zuccherato, acqua o caffè nero non zuccherato o succhi di frutta non zuccherati. Secondo giorno: la minestra e qualsiasi verdura verde a volontà (tranne fagioli secchi, piselli, ceci e granoturco). A cena potete ricompensarvi con una grande patata al forno condita con burro. Non mangiate frutta oggi. Terzo giorno: la minestra più frutta e verdura a volontà (niente patate). Se hai rispettato la dieta, in questi tre giorni dovresti aver perso almeno 2 o 3 chili. Quarto giorno: minestra più tre banane e latte scremato ( il latte può essere sostituito con lo yogurt magro). Quinto giorno: minestra, manzo e pomodori. Il manzo (dai 250 ai 500 gr) e 6 pomodori freschi. È obbligatorio bere 6 / 8 bicchieri d acqua per eliminare l acido urico. Mangiare la minestra almeno una volta. Sesto giorno: manzo (anche 2 o 3 bistecche) e verdure a volontà. Non mangiare patate. Almeno una volta bisogna mangiare la minestra. Settimo giorno : riso integrale, succo di frutta non zuccherato e verdura a volontà. Mangiare la minestra almeno una volta.

369 LE PERSONE CHE DICONO DI SEGUIRE UNA DIETA VEGETARIANA SONO TANTE, ANCHE SE NON SONO MOLTE QUELLE CHE NON FANNO MAI ECCEZIONI E CHE IN SOSTANZA SEGUONO UNA DIETA ONNIVERA, E SOLO TENDENZIALMENE VEGETARIANA. SI DEVE DISTINGUERE TRA DIETA VEGETARIANA E VEGETALIANA O VEGANA

370 LA DIETA VEGETALIANA ELIMINA DALL ALIMENTAZIONE OGNI TIPO DI CARNE ANIMALE, COMPRESI PESCI E CROSTACEI, MA NON I PRODOTTI DI DERIVAZIONE ANIMALE COME LATTE, UOVA, FORMAGGI, MIELE.

371 LA DIETA VEGETARIANA O VEGANA ELIMINA TUTTI I PRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE, COMPRESI I DERIVATI, NELLA CONVINZIONE CHE IL CORPO UMANO SIA ADATTO AD ASSUMERE E DIGERIRE SOLO PRODOTTI VEGETALI, E CHE QUESTO SIA L UNICO MODO PER EVITARE DANNI.

372 MOLTI VEGETARIANI SI RITENGONO ANIMALISTI CONVINTI CONTRARI ALL UCCISIONE DI ANIMALI MA E DIFFICILE NELLA NOSTRA VITA NON VENIRE IN CONTATTO CON OGGETTI DI ORIGINE ANIMALE. I VEGANI INVECE HANNO LA CONVINZIONE CHE IL CORPO UMANO SIA ADATTO SOLO A PRODOTTI VEGETALI E CHE SIA L UNICO MODO PER EVITARE DANNI ALL ORGANISMO.

373 E VERO CHE ALCUNE PUBBLICAZIONI ATTESTANO LA MINORE INCIDENZA DI MALATTIE CARDIOVASCOLARI, TUMORI, DIABETE, IPERTENSIONE, OBESITA NEI VEGETARIANI GRAZIE ALL USO ABBONDANTE DI FIBRE, MA E ANCHE VERO CHE QUESTI SOGGETTI SONO MOLTO PIU ATTENTI ALLA LORO SALUTE DEL RESTO DELLA POPOLAZIONE.

374 QUELLO CHE E CERTO SONO I RISCHI DI POSSIBILI CARENZE DI FERRO, PROTEINE, VITAMINA B12, CALCIO E VITAMINA D, SOPRATTUTTO NELLE DONNE E NEGLI SPORTIVI.

375 PER IL FERRO LA DIETA VEGETARIANA DEVE ESSERE BEN BILANCIATA PERCHE I VEGETALI NE CONTENGONO POCO ED E SCARSAMENTE BIODISPONIBILE LE PROTEINE POSSONO ESSERE COMPENSATE CON LATTICINI, UOVA, LEGUMI, MA I VEGANI POSSONO CONTARE SOLO SU QUESTI ULTIMI. LA CARENZA DI VITAMINA B12 E SOPRATTUTTO NEI VEGANI, A RISCHIO DI ANEMIA PERNICIOSA, CON SINTOMI CHE COMPAIONO DOPO DUE-TRE ANNI DI DIETA DEL TUTTO PRIVATIVA.

376 ANCHE IL CALCIO E UN PROBLEMA SOPRATTUTTO NEI VEGANI CON RISCHIO DI OSTEOPOROSI NELLE DONNE DAL MOMENTO CHE I VEGANI ASSUMONO ANCHE POCA VITAMINA D, MENTRE I VEGETARIANI L ASSUMONO CON LE UOVA.

377 QUINDI E MOLTO DIFFICILE IMPROVVISARE UNA DIETA VEGETARIANA SENZA INCORRERE IN CARENZE NUTRIZIONALI, CHE NELLO SPORTIVO SI FANNO SENTIRE PRIMA DEL SEDENTARIO, A MENO DI NON PRENDERE INTEGRATORI, MA QUESTO VUOL DIRE ANDARE CONTRO AI PRINCIPI DELLA DIETA.

378 LO SCOPO DELLA DIETA DI MAURICE MESSEGUE, FAMOSO ERBORISTA FRANCESE, E QUELLO DI DIMAGRIRE MANTENENDO SEMPRE UNA SENSAZIONE DI BENESSERE ABBINANDO AL REGIME DIMAGRANTE UN TRATTAMENTO DEPURATIVO A BASE DI INFUSI E DECOTTI.

379 LA FILOSOFIA DI MESSEGUE E STATA SEMPRE DI SERVIRSI DELLE RISORSE DELLA NATURA, USANDO ERBE CURATIVE COLTIVATE SENZA FARE USO DI FERTILIZZANTI O DI INSETTICIDI COLTIVATI IN TERRENI SELEZIONATI. DURANTE LA PERMANENZA NEI CENTRI VENGONO USATE QUOTIDIANAMENTE, SOTTO FORMA DI TISANE, CHE SONO PERSONALIZZATE, IN BASE ALLE CARATTERISTICHE DEI PAZIENTI O DI BAGNI, IMPACCHI O MICRONIZZATE, SOTTO FORMA DI GELULES ERBE MICRONIZZATE E CONSERVATE IN CAPSULE PER MANTENERE LE LORO QUALITA

380 IL TRATTAMENTO DURA DI SOLITO UN MESE, BASATO SU UNA DIETA DI CIRCA 1200 KCAL, SI PERDONO IN MEDIA QUATTRO CHILI, ED E ADATTA PER CHI VUOL DIMAGRIRE IN MODO NATURALE, SENZA RINUNCIARE AI PASTI DELLO CHEF DEL CENTRO.

381 LA DIETA CHENOT

382 IL PRINCIPIO SU CUI SI BASA IL METODO DI CHENOT E CHE PER DIMAGRIRE BISOGNA DEPURARE PRIMA L ORGANISMO DALLE SCORIE ACCUMULATE DA UN ALIMENTAZIONE TROPPO RICCA DI GRASSI.

383 SECONDO LA MEDICINA NATURALE CI SONO DUE TIPI DI SCORIE, I CRISTALLI E LE COLLE. I CRISTALLI, DERIVANTI DALLE PROTEINE, SONO SCORIE SOLUBILI NEI LIQUIDI CHE DOVREBBERO ESSERE ELIMINATI CON LA TRASPIRAZIONE E CON LE URINE. QUANDO L ORGANISMO NON RIESCE AD ELIMINARLI SI GENERANO DELLE INFIAMMAZIONI.

384 GLI ALIMENTI DA ELIMINARE DALLA DIETA SONO LA CARNE, LE UOVA, IL PESCE, I DERIVATI DEL LATTE, CEREALI E ZUCCHERO RAFFINATO. BISOGNA AUMENTARE L INTRODUZIONE DEI LIQUIDI. LE COLLE SONO PRODOTTI DI SCARTO NON SOLUBILI NEI LIQUIDI. LA LORO PRESENZA SI RILEVA SOTTO FORMA DI MUCO. DERIVANO DA UN ALIMENTAZIONE TROPPO RICCA DI GLUCIDI (PANE, PASTA, CEREALI, AMIDI) VA LIMITATO QUINDI IL LORO CONSUMO.

385 PER HENRI CHENOT, L UOMO E UN ENTITA DI CORPO E MENTE CHE, PER RAGGIUNGERE UNO STATO DI BENESSERE, DEVE MANTENERE L EQUILIBRIO DI ENTRAMBI. IL CORPO UMANO ATTRAVERSA CICLI VITALI, CHE MUTANO OGNI SETTE ANNI, MODIFICANDO L ORGANISMO E CIOE IL MODO IN CUI SI ASSIMILANO E SI TRASFORMANO I NUTRIENTI.

386 PER FUNZIONARE CORRETTAMENTE E PER RALLENTARE IL PROCESSO DI INVECCHIAMENTO E IMPORTANTE CHE IL CORPO SI LIBERI DALLE SOSTANZE NOCIVE ACCUMULATE AL SUO INTERNO. L ORGANISMO DI OGNUNO E IN GRADO DI RINNOVARSI E DI LIBERARSI DALLE TOSSINE. TALVOLTA PERO QUESTO MECCANISMO NON E SUFFICIENTE E QUINDI BISOGNA INTERVENIRE CON UN REGIME ALIMENTARE MIRATO.

387 LA DIETA SI BASA SU UN REGIME ALIMENTARE DEPURATIVO CHE FA PERDERE DA 2.5 A 5 KG NELLA PRIMA SETTIMANA E CHE POI PERMETTE DI PERDERE PESO IN MODO PIU LENTO E GRADUALE. LA PERDITA DI PESO VARIA A SECONDA DEL SOVRAPPESO, DELL ETA E DEL TIPO DI ATTIVITA FISICA SVOLTA DAL SOGGETTO.

388 LO SCHEMA E SETTIMANALE E VA RIPETUTO PER UN MESE. IL PROGRAMMA NON SI BASA SULL APPORTO CALORICO DEGLI ALIMENTI MA SULLA LORO PROPRIETA DISINTOSSICANTE. LA DIETA VA INIZIATA IL SABATO, PER EVITARE CHE UN CAMBIO ALIMENTARE POSSA CREARE STANCHEZZA E QUINDI USUFRUIRE DEL RIPOSO DOMENICALE.

389 NEI PRIMI TRE GIORNI I MENU SONO PENSATI PER DEPURARE L ORGANISMO A FONDO CON L AIUTO DI VERDURE E CIBI INTEGRALI. DAL MERCOLEDI SI REINTRODUCONO LE PROTEINE, SOPRATTUTTO QUELLE DEL PESCE E DEI LEGUMI. VA ABOLITO IL SALE BIANCO PERCHE IL SUO USO CAUSA UNA RITENZIONE DI LIQUIDI NEI TESSUTI ED USARE AL SUO POSTO CONDIMENTI DELLA CUCINA ORIENTALE.

390 DOPO IL PRIMO MESE E VIETATO ASSUMERE FORMAGGI PERCHE RICCHI DI SALE E QUINDI DANNO RITENZIONE E SCORIE E MANGIARE CARBOIDRATI LA SERA PERCHE LA SCARSA ATTIVITA FISICA DELLLA SERA IMPEDISCE DI BRUCIARLI.

391 ampeloterapia La dieta dell uva

392

METABOLISMO E NUTRIZIONE. Dr Carmelo Rizzo

METABOLISMO E NUTRIZIONE. Dr Carmelo Rizzo METABOLISMO E NUTRIZIONE Dr Carmelo Rizzo Mangia come sei nel tuo Dna La prevenzione alimentare passa per la Genetica Individuare una dieta ad personam è sempre stato uno degli obiettivi più ambiziosi

Dettagli

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione!

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione! UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet La soluzione! Conviene far studi sui regimi (alimentari) più opportuni per gli uomini ancora in salute. Ippocrate Il secondo millennio

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab Elvira Khakimova Finder 184 Spirelab ELVIRA KHAKIMOVA 23-01-2012 F1954 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 9% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab Alessia Consolaro TIAMI 180 Spirelab ALESSIA CONSOLARO 23-10-2012 T2085 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 5% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

BI-FOOD TEST. Test pratico ed economico basato su prelievo di sangue venoso o capillare da dito.

BI-FOOD TEST. Test pratico ed economico basato su prelievo di sangue venoso o capillare da dito. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA MURICCHIO di Dott.sa Daniela Fasce &C. s.a.s. via Rattazzi, 36-19121 La Spezia tel./fax 0187 22953 CF - P.IVA 00762660116 - e mail: lab.muricchiodifasce@libero.it BI-FOOD

Dettagli

Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio)

Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio) Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio) INTRODUZIONE Questo articolo, frutto del personale lavoro di studio e ricerca di Mauro Tronti, volontario AMMI affetto da Malattia

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

Per poter rispondere alle ultima domande dell articolo precedente sarà sufficiente far riferimento allo schema sottostante:

Per poter rispondere alle ultima domande dell articolo precedente sarà sufficiente far riferimento allo schema sottostante: COME CALCOLARE IL PROPRIO NUMERO DI BLOCCHI Per poter rispondere alle ultima domande dell articolo precedente sarà sufficiente far riferimento allo schema sottostante: DETERMINAZIONE BLOCCHI ZONA SECONDO

Dettagli

LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA

LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA MACRO & GROCERY 1 PIANO PERSONALIZZATO Il fatto che stai leggendo questo ebook significa che conosci l'importanza della giusta nutrizione Quando cerchiamo

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

INTOLLERANZE ALIMENTARI E TEST CITOTOSSICI NELL ESPERIENZA DI H. SAN RAFFAELE RESNATI S.P.A.

INTOLLERANZE ALIMENTARI E TEST CITOTOSSICI NELL ESPERIENZA DI H. SAN RAFFAELE RESNATI S.P.A. INTOLLERANZE ALIMENTARI E TEST CITOTOSSICI NELL ESPERIENZA DI H. SAN RAFFAELE RESNATI S.P.A. Dott.ssa Stefania Ferrari Libera professione presso il Laboratorio Analisi dell Ospedale San Raffaele - Resnati

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA Cereali e derivati Avena 16,9 6,9 55,7 10,6 389 Farina di avena 12,6 7,1 72,9 7,6 388 Farina di castagne 5,8 3,7 71,6 10,9 323 Farina di ceci 21,8 4,9 54,3 13,8 334 Farina

Dettagli

grissini 100 8,5 12,3 13,9 68,4 3,5 431 1802 mais 100 12,5 9,2 3,8 75,1 2,0 353 1475 cetrioli 77 96,5 0,7 0,5 1,8 0,8 14 59

grissini 100 8,5 12,3 13,9 68,4 3,5 431 1802 mais 100 12,5 9,2 3,8 75,1 2,0 353 1475 cetrioli 77 96,5 0,7 0,5 1,8 0,8 14 59 media book T A 06 Composizione chimica e valore energetico degli alimenti (solo macronutrienti ed energia) I richiami di nota si riferiscono alla legenda di pag. 6. Le tabelle complete sono reperibili

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Avvertenze Le informazioni racchiuse in questo documento non sono da intendere come indicazioni mediche, ma sono a fini educativi e di intrattenimento.

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

La dieta della gravidanza

La dieta della gravidanza La dieta della gravidanza La gravidanza è un evento fondamentale nella vita degli individui e, grazie alle nuove acquisizioni nel campo della nutrizione, oggi possiamo con la corretta alimentazione evitare

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI Grammature dei generi alimentari al netto degli scarti (salvo diversa indicazione) per fasce scolari GENERI ALIMENTARI

Dettagli

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Docente: Dr. Luca La Fauci Biologo Nutrizionista & Tecnologo Alimentare Lezione 2 Principi nutritivi, tabelle nutrizionali e corretto regime

Dettagli

Le 4 fasi della dieta Dukan

Le 4 fasi della dieta Dukan Assistente Virtuale Le 4 fasi della dieta Dukan 1 L'introduzione alla Dieta Dukan: la Bibbia di chi vuole dimagrire Menu tipo della Dukan per la prima e la seconda settimana Fase 1 : Attacco La dieta Dukan

Dettagli

QUESTIONARIO ALIMENTARE

QUESTIONARIO ALIMENTARE 1 QUESTIONARIO ALIMENTARE Barbara Naldi 2015 2 DATI PERSONALI Nome e Cognome Data di nascita Via, Numero CAP / Paese Numero telefonico Indirizzo email Cassa Malati Nome del medico di famiglia Se donna:

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

http://www.paginainizio.com/service/calorie/tabella_calorie.htm

http://www.paginainizio.com/service/calorie/tabella_calorie.htm Pagina 1 di 5 Calorie Giornaliere Meglio mangiare o nutrirsi? Scoprilo con Nestlé! www.nestle.it Dieta Peso Calcola gratis il tuo peso forma e adatta il tuo peso al tuo corpo! www.perdipesosystem.it/peso

Dettagli

I GLICIDI (ZUCCHERI, CARBOIDRATI)

I GLICIDI (ZUCCHERI, CARBOIDRATI) I GLICIDI (ZUCCHERI, CARBOIDRATI) Hanno come compito principale la produzione di energia, indispensabile per i processi vitali dell'organismo. Inoltre partecipano alla costituzione di fattori vitaminici,

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE Il ph è l unità di misura dell acidità che va da 0 (acido) a 14 (basico o alcalino). 7 è il valore neutro. Il metodo più facile per avere un

Dettagli

Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II

Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II Alimentazione equilibrata èil primo trattamento della malattia diabetica èparte integrante della terapia per ottenere un compenso

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

ROSSI MARIO. Colazione

ROSSI MARIO. Colazione Colazione Latte di soia 200 g (64 Kcal) Caffè 40 g (2 Kcal) Caffe' all'americana 100 g (2 Kcal) Caffe' decaffeinato 40 g (2 Kcal) Caffè d'orzo 125 g (6 Kcal) Camomilla 125 g (0 Kcal) Thè 125 g (0 Kcal)

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO DETOX 7 7 GIORNI PER STARE MEGLIO Buongiorno!!! complimenti per aver scelto il nostro programma nutrizionale DETOX-7! Per dieta DETOX s intende un programma alimentare che ha lo scopo di eliminare le tossine

Dettagli

Subocclusione intestinale e Nutrizione

Subocclusione intestinale e Nutrizione Subocclusione intestinale e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE 1 TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE ASILI NIDO Le grammature sono indicate al crudo e al netto degli scarti, tranne quando diversamente indicato: CEREALI E DERIVATI 1-3 anni Adulti Pasta asciutta

Dettagli

TABELLA DEI CARBOIDRATI

TABELLA DEI CARBOIDRATI TABELLA DEI CARBOIDRATI Per una ottimale riuscita del programma dietetico-nutrizionale LineaMed è di fondamentale importanza assortire in modo corretto gli alimenti che compongono il pasto principale (pranzo).

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Mangiare sano, informazioni su alcuni alimenti

Mangiare sano, informazioni su alcuni alimenti Mangiare sano, informazioni su alcuni alimenti Aglio: ha effetto antibiotico, antivirale, antiossidante, abbassa il colesterolo nel sangue e previene i trombi AAA Agnello: anche nelle parti magre contiene

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Menù espresso per 14 giorni LC 1

Menù espresso per 14 giorni LC 1 Menù espresso per 14 giorni LC 1 Introduzione La tabella di pasti per 14 giorni è un ottimo punto di partenza che può aiutarti a capire rapidamente i cibi sani e gustosi che il programma dietetico ti propone

Dettagli

NUTRIZIONE CORRELATA ALLA FASE DELLA PATOLOGIA E AL TRATTAMENTO CHIRURGICO Valutazione dello stato nutrizionale MNA-SGA Misure antropometriche Anamnesi alimentare 1. abitudini 2. preferenze 3. cambiamenti

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A.

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. Nutraceutica Nome dato a quella branca della ricerca scientifica, svolta in numerosi laboratori, sugli alimenti

Dettagli

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI ALLEGATO D CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI 1 INDICE Presentazione del dietetico pag. 3 Vitto comune (esempio di giornata base) pag. 4 Calcolo

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

COLONSCOPIA VIRTUALE

COLONSCOPIA VIRTUALE COLONSCOPIA VIRTUALE La colonscopia virtuale è una simulazione al computer di una colonscopia vera. Consiste in una TAC dell addome eseguita sia in posizione supina che prona, dopo aver inserito aria dal

Dettagli

Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale

Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale Direttore dott. Fausto Aufiero Chef, Naturopata Michele Pentassuglia PROGRAMMA Prima giornata

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DIALISI

ALIMENTAZIONE E DIALISI Dipartimento Medicine Specialistiche Direttore: dr. Giovanni Q.Villani Ospedale Guglielmo da Saliceto Piacenza Nefrologia e Dialisi Direttore: dr. Roberto Scarpioni ALIMENTAZIONE E DIALISI L alimentazione

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO COMUNE DI RAPALLO Allegato n. 2 CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO 1 MENU CARATTERISTICHE DEL MENU 1. Alimenti sempre BIOLOGICI o a LOTTA INTEGRATA

Dettagli

Intolleranze alimentari? È ora di agire!

Intolleranze alimentari? È ora di agire! Intolleranze alimentari? È ora di agire! In Svizzera, ben oltre 1 milione di persone soffre di un intolleranza alimentare. L intolleranza al lattosio (zucchero del latte) e al glutine (proteine dei cereali)

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE VIA VINICIO CORTESE, 25 8810 CATANZARO PRONTUARIO DIETETICO DIETISTA ADRIANA GRANDINETTI DIREZIONE SANITARIA PRESIDIO OSPEDALIERO LAMEZIA TERME 0 ELENCO CODIFICATO

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

Ti senti appesantita?

Ti senti appesantita? Consigli Detox Ti senti appesantita? Non ti preoccupare, scopriremo insieme come liberarci dalle cattive abitudini e ripartire ogni giorno! Consigli Detox CERCA DI AVERE UNA DIETA VARIEGATA Suddividi la

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

dieta. cambiamento radicale e duraturo di abitudini alimentari sbagliate Calorie Metabolismo Basale

dieta. cambiamento radicale e duraturo di abitudini alimentari sbagliate Calorie Metabolismo Basale In genere, subito dopo le vacanze natalizie e subito prima delle ferie estive ci si preoccupa della dieta. Questo modo di pensare fa presumere la presenza di due errori fondamentali: considerare la dieta

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI ALLEGATO 2 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI Capitolato di gestione Allegato 2 Pagina 1 di 9 Disposizioni Generali I pasti che l'amministrazione

Dettagli

DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni

DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni Colazione Latte di vacca parzial. scremato Yogurt magro alla frutta Spremuta di arancia Fette biscottate Biscotti secchi Miele Una Tazza

Dettagli

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALIMENTAZIONE E ANEMIA

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALIMENTAZIONE E ANEMIA Anemia: cos è? Il termine anemia indica una condizione in cui il numero di globuli rossi o il contenuto di emoglobina diminuiscono a causa di perdite di sangue, scarsa produzione di globuli rossi, emolisi

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

DIMAGRITE COME LE STAR

DIMAGRITE COME LE STAR DIMAGRITE COME LE STAR APPETITE STOP FAT BURNER METABOLISM BOOST COME DEVE ESSERE LA MIA ALIMENTAZIONE? LISTA DEGLI ALIMENTI COSA POSSO MANGIARE? PERCHÉ NON POSSO CONSUMARE INDICAZIONI PER 30 GIORNI

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli