INTEGRATORI ALIMENTARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTEGRATORI ALIMENTARI"

Transcript

1 Le guide di Corporis Carlo M. Strati INTEGRATORI ALIMENTARI MANUALE PRATICO w w w.corporis.it

2 PREFAZIONE INTEGRATORI ALIMENTARI Manuale Pratico di Carlo M. Strati Un libro della collana: Le guide di Corporis w w w. c o r p o r i s. i t Prodotto in collaborazione con: Nutrisystem w w w. n u t r i s y s t e m. i t Progetto grafico e impaginazione: Edishot Targetmedia w w w. e d i s h o t. n e t Troppo spesso si trascura l importanza di un regime alimentare equilibrato, fondamentale non solo per chi deve dimagrire, ma per tutti quelli che vogliono restare in forma. Da un corretto apporto di principi nutritivi assunti ai pasti dipendono la nostra salute, il benessere psicofisico e l efficienza del corpo. Gli integratori alimentari sono nutrienti concentrati estratti da fonti naturali, utili nei regimi dietetici bilanciati e in tutti i casi d aumentato fabbisogno di particolari principi nutritivi. Questo libro intende portare informazioni di carattere generale sull alimentazione e sugli integratori. I prodotti dietetici possono essere utilizzati da tutti coloro che necessitano di aumentare il loro fabbisogno di tali nutrienti. Prima di cominciare qualsiasi programma di allenamento, alimentazione o integrazione alimentare, si consiglia di consultare il proprio medico. Sull utilizzo degli integratori dietetici bisogna attenersi alle indicazioni riportate in etichetta. Copyright 2006 Carlo M. Strati - Tutti i diritti sono riservati, nessuna parte di questo libro può essere riprodotta, trasmessa o pubblicata senza espressa autorizzazione del titolare. I marchi citati sono proprietà dei rispettivi titolari.

3 4 INDICE INDICE 5 PARTE 1...pag. 7 NUTRIENTI E ALIMENTI Protidi o proteine...pag Gli amminoacidi...pag Glucidi o carboidrati...pag L indice glicemico...pag Lipidi o grassi...pag Vitamine e sali minerali...pag. 21 PARTE 2...pag. 27 METABOLISMO E FORMA Bioenergetica dei nutrienti...pag Calcolo calorico...pag Metabolismo basale...pag Composizione corporea...pag Body Mass Index...pag Calcolo del peso ideale...pag. 46 PARTE 3...pag. 51 DIETA E ALLENAMENTO La costruzione della dieta...pag Strategie per dimagrire...pag Come bruciare i grassi...pag Strategie per potenziare...pag. 65 PARTE 4...pag. 71 USO DEGLI INTEGRATORI A base di amminoacidi...pag A base di carboidrati...pag Proteine del siero di latte...pag Miscela di proteine a rilascio prolungato...pag Proteine con creatina e glutammina...pag Barrette con proteine e carboidrati...pag Pool di amminoacidi in forma polipeptidica...pag Amminoacidi ramificati...pag Amminoacidi glucogenici...pag Glutammina in polvere...pag Carnitina in capsule...pag Creatina monoidrato...pag Creatina con sistema di trasporto...pag Stimolante del nitrossido...pag Miscela energetica...pag Acidi grassi Omega 3...pag Dimagrante termogenico...pag Formula per le articolazioni...pag Compresse di vitamine con sali minerali...pag Bevanda isotonica con vitamine e minerali...pag. 95 BIBLIOGRAFIA...pag. 96

4 6 7 NUTRIENTI E ALIMENTI In questa sezione si fa una panoramica sui pricipi nutritivi contenuti negli alimenti: proteine, carboidrati, grassi, vitamine e sali minerali. Si impara il ruolo degli amminoacidi, si conosce la funzione energetica degli zuccheri e dei grassi. Conoscere queste informazioni significa imparare il ruolo dei nutrienti nell alimentazione umana e saper scegliere i cibi più adatti in funzione della dieta, dell indice glicemico, dei gusti e dell obiettivo di forma fisica prefissato.

5 8 PARTE 1 NUTRIENTI E ALIMENTI 9 Come una macchina, anche il nostro corpo per funzionare bene ha bisogno di carburante, di ricambi e di manutenzione. Funzionare bene significa non solo muoversi, lavorare, giocare, ma anche pensare e svolgere tutte quelle attività invisibili che ci permettono di stare in vita. A differenza di una macchina, infatti, anche quando stiamo fermi consumiamo energia per mantenere attive le nostre funzioni vitali. La macchina corpo umano, quindi ha bisogno di essere alimentata per svolgere normalmente le proprie attività. E la corretta alimentazione è alla base del suo giusto funzionamento, quindi del nostro stato di salute e di efficienza fisica. Dagli alimenti, infatti, attraverso uno specifico processo di digestione, l organismo è in grado di ricavare tutti gli elementi necessari alla propria sopravvivenza. Per esempio dal pane e dalla pasta si ottiene il carburante che dà l energia per muoversi e per pensare, mentre dalla carne e dal latte si ricavano i mattoni essenziali per costruire o riparare i muscoli. Ogni alimento, dunque, ha caratteristiche specifiche che lo rendono più adatto per certi scopi, per questo motivo è importante seguire un alimentazione varia ed equilibrata, per dare al nostro organismo tutti gli elementi di cui ha bisogno. Ciò che caratterizza ogni alimento, e ne determina il suo ruolo ai fini della corretta alimentazione, è il suo contenuto in specifici nutrienti. Questi sono classificati in due famiglie, macro-nutrienti e micro-nutrienti: del primo gruppo fanno parte sostanze

6 10 PARTE 1 NUTRIENTI E ALIMENTI 11 complesse come i protidi (proteine), i glucidi (carboidrati) e i lipidi (grassi), mentre nel secondo ci sono le vitamine e i sali minerali. Ogni nutriente svolge un preciso ruolo nel nostro organismo: le proteine hanno funzione plastica, forniscono il materiale per costruire e riparare tutte le strutture del corpo; i carboidrati e i grassi hanno funzione energetica, da questi arriva il carburante che ci fa muovere e pensare. Le vitamine e sali minerali hanno funzione di supporto e di protezione, determinano molte reazioni biochimiche fondamentali per la nostra salute. Contenuti di principi nutritivi negli alimenti Glucidi Protidi Lipidi Cereali ò ò ò ò ò ò ò ò ò Legumi ò ò ò ò ò ò ò ò ò Soia ò ò ò ò ò ò ò Ortaggi ò ò ò ò ò ò Frutta ò ò ò ò ò ò ò Carne ò ò ò ò ò ò ò Pesce ò ò ò ò ò ò ò ò ò Latte ò ò ò ò ò ò ò Formaggio ò ò ò ò ò ò ò ò Uova ò ò ò ò ò ò ò ò Il numero di stelle indica la quantità da 1 (scarso) a 5 (abbondante) Protidi o proteine Sono composti organici complessi, elementi fondamentali di tutte le cellule animali e vegetali. Sono costituiti da amminoacidi, legati tra loro dai cosiddetti legami peptidici, per formare catene la cui lunghezza può essere molto variabile, da un centinaio a molte migliaia di unità. Una catena di più amminoacidi prende il nome di polipeptide, uno o più polipeptidi costituiscono una proteina. In base alla loro struttura, estesa o globulare, le proteine hanno una specifica funzione biologica: biomeccanica (per esempio i muscoli e la pelle) oppure biologica (per esempio gli ormoni e gli anticorpi). La composizione di una proteina dipende dal numero e dal tipo di amminoacidi da cui è formata. In natura sono stati finora scoperti oltre 500 amminoacidi diversi, ma solo 20 di essi sono contenuti nelle proteine. Il numero delle combinazioni possibili di questi venti amminoacidi è enorme, considerando che ciascuno di essi può comparire più volte nella stessa catena polipeptidica. Si comprende così quanto grande possa Mattoni per i muscoli Le proteine hanno funzione plastica, forniscono il materiale per costruire e riparare tutte le strutture del corpo.

7 12 PARTE 1 NUTRIENTI E ALIMENTI 13 Fonti di proteine Le proteine sono presenti in molti alimenti, soprattutto nelle carni, ma anche nel latte e nelle uova, nei legumi, nella soia e in minima parte nel grano e nei cereali. essere il numero delle diverse possibili proteine che sono state generate dai processi evolutivi che coinvolgono tutte le specie viventi esistenti in natura. Oltre a quelli coinvolti nella sintesi delle proteine, vi sono altri amminoacidi biologicamente importanti quali la glicina, l acido gamma-amminobutirrico (GABA) e l acido glutammico (tre neurotrasmettitori), la carnitina (coinvolta nel trasporto dei lipidi all interno della cellula), l ornitina e altri ancora. Alcuni dei venti amminoacidi ordinari sono detti essenziali, in quanto non possono essere sintetizzati dall organismo a partire da altri composti, ma devono essere assunti col cibo. Questi sono la lisina, la leucina, l isoleucina, la metionina, la fenilalanina, la treonina, il triptofano, la valina e, nei bambini, l istidina e l arginina. Le proteine sono presenti in molti alimenti, nelle carni, nel latte e nelle uova, ma anche nei legumi, nella soia e in minima parte nel grano e nei cereali. Le proteine assunte col cibo non vengono utilizzate dal nostro organismo nella loro forma originale, in quanto hanno una struttura non compatibile con quella delle proteine umane. Attraverso la digestione le proteine contenute negli 1. acido aspartico 2. acido glutammico 3. alanina 4. arginina 5. asparagina 6. cisteina 7. fenilalanina 8. glicina 9. glutammina 10. isoleucina Gli amminoacidi Tra i numerosissimi amminoacidi presenti in natura solo venti sono coinvolti nella sintesi delle proteine: 11. istidina 12. leucina 13. lisina 14. metionina 15. prolina 16. serina 17. tirosina 18. treonina 19. triptofano 20. valina

8 14 PARTE 1 NUTRIENTI E ALIMENTI 15 Fonti di carboidrati L amido è contenuto in gran quantità nei semi, nei cereali, nel grano (quindi nel riso, nel pane e nella pasta) nei legumi e nelle patate. Le fibre si trovano nelle foglie, nei fusti, nelle radici e nella buccia dei frutti. alimenti vengono prima divise in catene di polipeptidi, poi in composti più semplici fino ad arrivare ai mattoni fondamentali che sono gli amminoacidi. Questi vengono assorbiti a livello intestinale e immessi nella circolazione sanguigna, dove sono a disposizione dell organismo che li utilizza ricombinandoli in proteine umane, ad esempio per costruire i muscoli. Attraverso complesse reazioni biochimiche il nostro organismo è in grado di sintetizzare molti amminoacidi a partire da altri amminoacidi. Però questo non è possibile per gli amminoacidi essenziali, che possono essere ricavati solo dal cibo, in particolare dagli alimenti di origine animale che contengono proteine nobili, così definite proprio perché contengono tutti gli amminoacidi essenziali Glucidi o carboidrati Rappresentano il principale carburante della macchina corpo umano. Attraverso la loro assimilazione, infatti, l organismo ricava l energia immediata necessaria per svolgere tutte le sue funzioni. Sono classificati in quattro gruppi in base alla complessità della loro struttura molecolare: monosaccaridi, disaccaridi, oligosaccaridi e polisaccaridi. I primi rappresentano l unità base di tutti i carboidrati e in natura ce ne sono più di 200. Insieme ai disaccaridi vengono chiamati anche zuccheri semplici e includono quelli che sono considerati i più importanti carboidrati dal punto di vista nutrizionale: il glucosio e il fruttosio (monosaccaridi), il saccarosio, il lattosio e il maltosio (disaccaridi). Amminoacidi essenziali Non possono essere sintetizzati e devono essere assunti con alimenti di origine animale: lisina leucina isoleucina metionina fenilalanina treonina triptofano valina istidina (1) arginina (1) Nota 1: solo nei bambini

9 16 PARTE 1 NUTRIENTI E ALIMENTI 17 Energia per muoversi I carboidrati e i grassi hanno funzione energetica, da questi arriva il carburante che ci fa muovere e pensare. I polisaccaridi, invece, sono costituiti da lunghe catene di monosaccaridi e svolgono in natura il ruolo di riserva glucidica. Nel mondo animale si trovano sotto forma di glicogeno, un carboidrato che viene immagazzinato in gran quantità nei muscoli e nel fegato. Nei vegetali, invece, i più comuni sono l amido e le fibre: il primo è contenuto in gran quantità nei semi, nei cereali, nel grano (quindi nel riso, nel pane e nella pasta) nei legumi e nelle patate. Il termine zuccheri complessi viene comunemente riferito proprio alle diverse forme di amido presenti nella dieta di tutti i giorni. Le fibre, invece, sono polisaccaridi vegetali che hanno funzione di struttura: foglie, fusti, radici e buccia dei frutti. Resistono ai processi digestivi umani quindi non vengono assimilate dal nostro corpo, però ricoprono un importante ruolo nell alimentazione per diversi motivi: per esempio sono in grado di rallentare la velocità di assorbimento dei carboidrati, da cui può dipendere l obesità o l insorgenza del diabete; favoriscono le funzioni intestinali e possono ridurre il colesterolo cattivo nel sangue. L indice glicemico Lipidi o grassi Per capire meglio il concetto di indice glicemico rappresenta in pratica il rapporto tra la risposta è bene ricordare il meccanismo con cui il nostro indotta dai carboidrati ingeriti e quella di un carboidrato standard (glucosio o pane bianco) e organismo Sono metabolizza composti ed assimila dagli i carboidrati, stessi elementi fornisce in parole povere gli zuccheri. Esistono tre tipi di un idea della velocità con cui aumenta la glicemia in chimici dei carboidrati, ma con un diverso carboidrati: i polisaccaridi (zuccheri complessi), i seguito all assunzione di 50 grammi del carboidrato rapporto disaccaridi e i monosaccaridi tra essi. (zuccheri Come semplici). i carboidrati ingerito. forni-tale indice viene comunemente espresso Essi si differenziano per il numero di molecole in termini percentuali. In parole povere un indice scono energia, ma in tempi molto più lunghi. che li compongono: i monosaccaridi (glucosio e glicemico pari a 50 significa che l alimento ingerito Perciò fruttosio) contengono rappresentano una sola molecola la di scorta zucchero; energetica innalza la glicemia con una velocità che è la metà di i disaccaridi (saccarosio, lattosio e maltosio) sono quella del glucosio (assunta pari a 100). del nostro organismo, un serbatoio di riserva i polisaccaridi a cui la (amido, macchina glicogeno e cellulosa) corpo sono attinge quando (proteine, carboidrati e grassi) è diversa da costituiti da due molecole di zucchero legate tra loro; La risposta glicemica indotta da un pasto misto quella lunghe catene di diversi monosaccaridi. che si può avere mangiando solo carboidrati. Infatti ha finito l energia di immediata disponibilità Il nostro intestino trasforma e scinde i carboidrati contenuti dagli nei zuccheri. cibi in monosaccaridi. In tale permanenza di questo pasto nello stomaco ha un pasto misto è digerito più lentamente e la maggior fornita come forma possono essere assorbiti attraverso la parete conseguenza il fatto che i carboidrati arriveranno nel Sono costituiti da miscele di circa 40 aci- intestinale e circolare nel flusso ematico. Sono sangue più lentamente. quindi grassi, trasportati la verso cui il combinazione fegato che li trasforma in ne determina Il buon senso indurrebbe quindi a consumare glucosio. Il fegato può inviare il glucosio nel flusso un pasto ricco di carboidrati prima della prestazione qualità e caratteristiche fisiche. A loro volta ematico per fornire energia, ma se nell organismo vi fisica (almeno un ora). Tuttavia se il metabolismo non è ottimale, consumare un pasto ricco gli è una acidi quantità grassi di glucosio posso superiore essere a quella di cui definiti si saturi di ha bisogno, può trasformare il glucosio in glicogeno carboidrati può portare ad un rilascio di glucosio o insaturi in base alla loro struttura chimica; glucosio i primi nel sangue sono è convertito prevalentemente in grassi. di origine possibilità di utilizzarlo in modo ottimale. In tal che costituisce una riserva di energia. Il rimanente nel sangue in tempi troppo brevi, senza quindi la caso Il livello di glucosio nel sangue è mantenuto la soluzione ideale è la scelta di carboidrati a basso animale, i secondi di origine vegetale. sotto controllo dall insulina: il suo livello è tanto indice glicemico in modo da favorire la conversione maggiore I lipidi quanto formati più alto è da l indice acidi glicemico grassi dei saturi si di pre- glucosio in glicogeno, limitandone la trasforma- carboidrati assunti con gli alimenti. L indice glicemico zione in grassi. sentano allo stato solido e vengono gene- Indice glicemico di alcuni alimenti Ananas da 51 a 67 Glucosio 100 Arancia da 39 a 45 Maltodestrine 100 Banana da 48 a 56 Pane bianco da 30 a 110 Carota da 31 a 63 Pizza 80 Crackers da 52 a 98 Succo pompelmo 48 Fruttosio da 17 a 21 Yogurt magro 45

10 18 PARTE 1 NUTRIENTI E ALIMENTI 19 ricamente chiamati grassi, mentre quelli formati da acidi grassi insaturi sono liquidi e si chiamano oli. Come si è detto in precedenza per gli amminoacidi, anche relativamente agli acidi grassi ce ne sono alcuni che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare autonomamente e che, quindi, devono essere assunti con gli alimenti. Questi sono detti acidi grassi essenziali, come l acido linoleico (Omega 3) e linolenico (Omega 6), e sono contenuti nei vegetali e in alcuni pesci. La particolare combinazione di acidi grassi permette di classificarli in tre famiglie: lipidi semplici, lipidi composti e lipidi derivati. I primi sono costituiti essenzialmente da trigliceridi, i grassi più abbondanti nel nostro organismo che sono contenuti nelle cellule adipose. I lipidi composti, invece, contengono altre sostanze chimiche: per esempio il fosforo nei fosoflipidi o i carboidrati nei glicolipidi. Quelli derivati, infine, si formano dai lipidi semplici e da quelli composti e hanno particolari strutture molecolari: tra questi il più noto è il colesterolo. Dal punto di vista nutrizionale i grassi rappresentano una componente importante nella dieta, in quanto rivestono molti ruoli per la salute dell organismo: oltre alla funzione di scorta energetica, infatti, i grassi sono un indispensabile componente plastica, proteggono gli organi interni, fungono da isolante termico, da trasportatori delle vitamine e sono essenziali per il corretto funzionamento della membrana cellulare e di molte reazioni biochimiche. I nutrizioni- Fonti di omega 3 I grassi saturi provengono dagli alimenti di origine animale, mentre quelli insaturi sono di origine vegetale. Nel pesce sono contenuti gli acidi grassi omega-3 molto apprezzati per le loro caratteristiche salutari.

11 20 PARTE 1 NUTRIENTI E ALIMENTI 21 Fonti di vitamine Le vitamine idrosolubili sono largamente disponibili nella frutta, nelle verdure e nei legumi. Quelle liposolubili sono contenute nelle carni, nel latte e nelle uova. sti, però, sono ormai concordi nel preferire l assunzione di grassi vegetali (per esempio l olio di oliva al posto del burro), che sono ricchi di acidi grassi insaturi e scongiurano i rischi di malattie cardiovascolari associate all elevato consumo di grassi animali Vitamine e sali minerali Le vitamine sono molecole essenziali per tutti gli organismi superiori, il loro nome deriva dal fatto che lo scienziato che le scoprì (Funk) ne riconobbe l essenzialità per la vita e, ritenendo che appartenessero alla famiglia chimica delle amine, coniò il termine rimasto fino ad oggi. Tra i nutrienti sono state le ultime molecole individuate; ciò perché i fattori vitaminici sono necessari per il corretto funzionamento del metabolismo in quantità molto limitate e sono presenti negli alimenti in misura altrettanto ridotta. È significativo il fatto che le vitamine sono state scoperte non tanto per la loro presenza ma piuttosto a causa della loro assenza: infatti 13 di esse sono ritenute essenziali per gli esseri umani e la loro carenza causa specifiche manifestazioni patologiche. Sono fondamentali per lo svolgimento di importanti funzioni metaboliche, come la sintesi dei tessuti, il metabolismo energetico, la funzione antiossidante e protettiva. Sono classificate in due famiglie: liposolubili e idrosolubili. Le prime (vitamina A, D, E, K) sono solubili nel grasso e non in acqua; vengono accumulate nel tessuto adiposo per eventuali necessità successive e la loro carenza è estremamente rara. Idro e lipo-solubili Le vitamine liposolubili possono essere conservate nel grasso corporeo, quelle idrosolubili che non sono immediatamente utilizzate vengono presto espulse attraverso le urine.

12 22 PARTE 1 NUTRIENTI E ALIMENTI 23 Dato che queste rimangono nell organismo molto a lungo, assumerne dosi molto elevate può portare ad accumularne livelli tossici. Non è del tutto chiaro il ruolo svolto da tali molecole, tuttavia la loro mancanza causa il blocco di importanti funzioni metaboliche. Le vitamine idrosolubili (gruppo B e C) sono solubili in acqua e consentono la trasformazione delle sostanze all interno dell organismo. Non essendo solubili nel grasso, non possono essere accumulate, Vitamina Fonti alimentari Funzioni per l organismo Liposolubili Vitamina A Vitamina D Vitamina E Vitamina K Idrosolubili Vitamina B1 Verdure verdi (provitamina A). Latte, uova, burro, formaggi, margarina arricchita (retinolo). Uova, derivati del latte, burro, olio di fegato di merluzzo. Semi, verdura a foglia verde, cereali, oli vegetali e animali. Tuorlo d uovo, patate, fegato, verdure a foglia verde, frutta, carni. Semi e cereali, piselli e fagioli, frattaglie, maiale. Necessaria per crescita, formazione dei capelli e della pelle, visione notturna, mantenimento dei tessuti. Promuove l assorbimento del calcio, formazione delle ossa e dei denti. Antiossidante, evita il danno cellulare, formazione dei muscoli e dei globuli rossi. Coagulazione del sangue, implicata nella formazione di protrombina attiva. Coinvolta nelle reazioni del metabolismo glicidico. Implicata nei processi neurofisiologici. così quelle non utilizzate vengono presto eliminate attraverso le urine. Vitamina B2 Semi e cereali, latte, uova e carne, prodotti vegetali verdi. In generale molto diffusa negli alimenti. Implicata nel metabolismo energetico. Il sovradosaggio non migliora le prestazioni Vitamina B3 Semi, legumi, carne rossa e bianca, uova, noci. Implicata nei processi di rilascio dell energia; sintesi degli amminoacidi, degli acidi grassi. Rispetto a una persona adulta che svolge vita sedentaria, gli atleti necessitano generalmente di un quantitativo più elevato di vitamine e sali minerali. Non va scordato, però, che il maggior consumo di cibo da parte dell atleta contribuisce normalmente ad assicurare il giusto apporto di tali elementi, pertanto l integrazione dovrà essere bilanciata. Per quanto, infatti, vitamine e sali minerali svolgano un ruolo importante nella dieta dello sportivo e nelle sue prestazioni atletiche, non è mai stato dimostrato da alcuno studio che l atleta ottenga particolari benefici dal loro sovradosaggio, piuttosto è sufficiente che ne venga scongiurata la carenza. Al contrario, quantità eccessive sono eliminate con l urina o possono diventare dannose per l organismo, causando effetti collaterali o addirittura patologie. L uso degli integratori può costituire una sorta di assicurazione nutrizionale, in modo che l atleta non debba preoccuparsi troppo di ingerire con il cibo tutti questi principi nutritivi. Qualora si decida di ricorrere all assunzione di tali prodotti è consigliabile far ricorso ad un multivitaminico multiminerale. Le capsule di queste combinazioni forniscono infatti dosaggi bilanciati di tutte le vitamine e i minerali necessari anche al loro corretto assorbimento e utilizzo. In tal modo, se ci fossero carenze temporanee a causa di una dieta particolare o di un eccessivo stress fisico, si sarà coperti dall apporto fornito dall integratore. È bene evitare gli integratori che forniscono molte volte la dose giornaliera consigliata: l unico risultato di dosi eccessive è quello di sprecare soldi (il surplus di vitamine idrosolubili viene eliminato con le urine) o di avere effetti collaterali per eccesso di accumulo nel caso delle vitamine liposolubili. Vitamina B6 Vitamina B12 Acido pantotenico Acido folico Biotina Vitamina C Carni, noci, cereali, verdura a foglia verde. Latte, uova, carne, fegato e reni. Assente nei vegetali. Si trova in quasi tutti i cibi Spinaci, bietole, fegato, grano, legumi, prodotti integrali del frumento. Tuorlo d uovo, legumi, spinaci, bietole, carne. Agrumi, pomodori, peperoni verdi, spinaci e bietole. Scinde le proteine e il glicogeno, costruisce componenti del sangue. Sistema nervoso, aiuta a formare i globuli rossi. Svolge un ruolo nella produzione di energia da glicidi, lipidi, proteine. Formazione degli amminoacidi, emoglobina del sangue Metabolismo degli amminoacidi, sintesi degli acidi grassi, formazione del glicogeno. Rafforza sistema immunitario, forma ossa e collagene, risparmia altre vitamine, previene arterosclerosi.

13 24 PARTE 1 Come le vitamine, anche i sali minerali sono utili all organismo in minime quantità e quelli in eccesso possono anche essere tossici. Costituiscono circa il 4% della massa corporea e servono come costituenti di enzimi, ormoni e vitamine. Sono divisi in 7 minerali maggiori e 14 minori (detti anche minerali in traccia ) in base alla quantità di cui ne ha bisogno il nostro corpo. La maggior parte di essi è reperibile in natura principalmente nelle acque, sulla superficie e nelle profondità della terra, da dove vengono assorbiti dai vegetali che, per questo motivo, sono la principale fonte alimentare di sali minerali.

14 NUTRIENTI E ALIMENTI 25 DA RICORDARE 4 Le proteine hanno funzione plastica, forniscono il materiale per costruire e riparare tutte le strutture del corpo. 4 I carboidrati e i grassi hanno funzione energetica, da questi arriva il carburante che ci fa muovere e pensare. 4 Le vitamine liposolubili vengono conservate nel grasso corporeo, quelle idrosolubili sono espulse con le urine.

15 26 27 METABOLISMO E FORMA In questa sezione si spiegano le nozioni fondamentali del metabolismo umano, con particolare riferimento al ruolo bioenergetico dei nutrienti e alla fisiologia dell allenamento. Si imparano quali sono i principali sistemi energetici sfruttati in base all attività svolta e si studiano le formule per calcolare facilmente il proprio dispendio calorico, il metabolismo basale, l indice di massa corporea e il proprio peso ideale.

16 28 PARTE 2 METABOLISMO E FORMA 29 Nel linguaggio comune, quando si parla di dieta, si pensa generalmente a un regime alimentare temporaneo, magari finalizzato alla perdita di peso oppure imposto dal medico per curare malattie o disturbi fisici. In realtà, questa parola tanto temuta deriva dal greco diaita (che significa decisione) e assume più correttamente il significato di scelta degli alimenti ; quindi indica un regime alimentare studiato in modo consapevole ma non necessariamente restrittivo. Sui giornali si trovano decine di diete, generalmente proposte con lo scopo di far perdere velocemente i chili di troppo e, in questo senso, non mancano libri e manuali di approfondimento. Per esempio la dieta Beverly Hills è diventata famosa perché sarebbe utilizzata dalle star di Hollywood per mantenersi in forma mangiando sola frutta per dieci giorni. Un altra dieta alla moda è quella del minestrone, che consiste nel mangiare per alcuni giorni solo pasti molto brodosi a base di cavoli e verdure varie. È facile comprendere che si tratta di regimi alimentari estremi, molto sbilanciati e che, alla lunga, possono nuocere alla salute. In altri casi le diete proposte sono fondate su un approccio più moderato e non promettono miracoli attraverso strane alchimie di alimenti ma forniscono semplicemente un metodo per abbinare i cibi in modo equilibrato, anche se sul concetto di equilibro gli esperti hanno spesso punti di vista diversi. La dieta a Zona, per esempio, si basa su un determinato schema numerico a blocchi per determinare gli abbinamenti dei nutrienti introdotti ad ogni pasto.

17 30 PARTE 2 METABOLISMO E FORMA 31 La dieta punti assegna un certo punteggio ad ogni alimento e suggerisce di non superare i 60 punti a pasto per dimagrire. La dieta Weight Watchers è fondata sul consumo di alimenti e integratori a basso contenuto calorico prodotti dall omonima società. La verità è che una dieta, per essere fondata su corrette basi medico-scientifiche, deve essere personalizzata in base a specifici parametri clinici e allo stato di salute della persona, tutti fattori che possono essere trattati correttamente solo da un nutrizionista. Per queste ragioni è sconsigliabile seguire le diete fai-da-te, soprattutto quando si devono perdere molti chili o quando si ha qualche disturbo fisico. Non bisogna scordare, infatti, che dalla corretta alimentazione non dipende solo il nostro aspetto fisico, quindi la possibilità di dimagrire o di aumentare la massa muscolare, ma anche il nostro stato di salute. Basti pensare alle malattie cardiovascolari, il cui rischio è strettamente legato al consumo eccessivo di grassi animali, oppure al diabete causato dai troppi zuccheri; e ancora ai rischi per il fegato legati al consumo di alcolici o all affaticamento dei reni in caso di diete iperproteiche. E poi ci sono le allergie e le intolleranze verso certi alimenti, che possono causare lievi stati di malessere fino a disturbi molto seri. Per tutti i motivi fin qui espressi è sempre consigliabile consultare un medico o uno specialista quando si intende intraprendere un determinato regime alimentare. Ma è anche importante imparare a conoscere gli alimenti e il loro ruolo nel metabolismo energetico del nostro organismo, in modo da poter adottare i giusti accorgimenti nella dieta di ogni giorno per ottimizzare l interazione tra quello che mangiamo e l attività fisica che svolgiamo. Scelta degli alimenti La parola dieta va interpretata come scelta degli alimenti e indica un regime alimentare studiato in modo consapevole ma non necessariamente restrittivo.

18 32 PARTE 2 METABOLISMO E FORMA 33 Il carbutante ATP L ATP (adenosin-trifosfato) è il carburante del nostro corpo. In esso viene immagazzinata l energia che si ricava attraverso la digestione dei cibi e l assimilazione dei nutrienti in essi contenuti Bioenergetica dei nutrienti Dagli alimenti ricaviamo l energia necessaria per svolgere ogni nostra attività, attraverso la digestione dei cibi, l assimilazione dei nutrienti e le successive reazioni chimiche che rendono possibile il trasferimento di energia verso gli elementi contrattili del muscolo scheletrico e verso gli organi vitali. Questa energia non si trasferisce direttamente dagli alimenti alle cellule, ma viene raccolta e convogliata per formare un composto chiamato ATP (adenosin-trifosfato) che rappresenta il vero carburante del nostro corpo. Quando l ATP viene per così dire bruciato nel motore del nostro organismo, trasferisce energia alle molecole che la richiedono, per esempio alle unità contrattili del muscolo. Questa reazione è di tipo anaerobico (non necessita di ossigeno) e di pronto utilizzo: grazie a questo tipo di metabolismo qualunque tipo di attività fisica può iniziare immediatamente senza consumo istantaneo di ossigeno. Per esempio si può correre uno sprint o sollevare un bilanciere praticamente senza respirare, in quanto il primo metabolismo energetico coinvolto in questa attività è di tipo anaerobico e sfrutta unicamente le riserve di ATP presenti nel muscolo. Ma le cellule sono in grado di immagazzinare solo una piccola quantità di carburante (circa grammi in tutto il corpo), sufficiente per uno sforzo massimale di pochi secondi, quindi devono continuamente risintetizzare l ATP consumato. Energia istantanea Il metabolismo dell ATP dura pochi secondi e permette sforzi intensi ma brevi, come correre uno sprint o sollevare un bilanciere praticamente senza dover mai respirare.

19 34 PARTE 2 METABOLISMO E FORMA 35 Sistema anaerobico Il primo metabolismo energetico utilizzato per svolgere attività fisica è di tipo anaerobico alattacido e sfrutta unicamente le riserve di ATP presenti nel muscolo. Per farlo si innesca una reazione chimica, sempre anaerobica, che ricava energia da un composto chiamato CP (creatin-fosfato); anche questo viene immagazzinato nelle cellule, ma in quantità da 4 a 6 volte maggiore rispetto all ATP e rappresenta in pratica un serbatoio di scorta per generare energia di pronto utilizzo. Questo metabolismo energetico viene detto sistema anaerobico alattacido o del creatin-fosfato; come si può intuire dal nome, esso dipende dalla creatina e dal fosfato, il che lascia prevedere l utilità degli integratori a base di creatina per il ripristino delle scorte energetiche muscolari. Così è possibile generare energia per ulteriori dieci secondi, dopodichè l organismo deve ricorrere al metabolismo dei macronutrienti di deposito. Dai carboidrati derivano il glucosio circolante nel sangue e il glicogeno immagazzinato nei muscoli. La degradazione del glucosio si realizza in due fasi: la prima prende il nome di glicolisi anaerobica (in quanto non richiede ossigeno), porta alla formazione rapida di ATP e acido lattico e consente di ottenere energia fino a tre minuti, con un livello ottimale intorno ai 90 secondi. Questo metabolismo energetico si chiama sistema anaerobico lattacido e viene sfruttato negli sforzi brevi ad alta intensità, per esempio nel nuoto sui 100 metri, negli sprint in corse fino a 200 metri e nelle routine di allenamento con gli attrezzi. Quando l attività fisica rimane intensa e non sono più sufficienti le scorte di carboidrati, vengono utilizzate le proteine come Sistema lattacido Il secondo metabolismo energetico è di tipo anaerobico lattacido e sfrutta la degradazione del glucosio per formare nuovo ATP e acido lattico.

20 36 PARTE 2 METABOLISMO E FORMA 37 Gluconeogenesi fonte energetica di riserva: alcuni amminoa- In caso di attività fisica intensa in assenza di carboidrati vengono usati gli amminoacidi ramificati per produrre glucosio nel processo di gluconeogenesi. cidi (in particolare quelli ramificati ) vengono metabolizzati e utilizzati per la successiva sintesi del glucosio nel processo chiamato gluconeogenesi. Questa ulteriore fonte può essere considerata come una scorta di emergenza, possibilmente da non utilizzare durante l allenamento in quanto si instaura un meccanismo in cui il muscolo consuma se stesso; questa considerazione lascia intuire l utilità degli integratori di amminoacidi ramificati. In tali condizioni si attiva la glicolisi anaerobica con accumulo di acido lattico, fino al momento in cui prevale l affaticamen- Attenzione ai muscoli La gluconeogenesi è una fonte energetica di emergenza che andrebbe sempre evitata per non consumare i muscoli, da cui vengono ricavati gli amminoacidi ramificati. to e ci si deve per forza fermare. Quando invece lo sforzo è di media intensità, e la richiesta energetica non supera la disponibilità di ossigeno, si attiva il secondo stadio della degradazione del glucosio, chiamato glicolisi aerobica (richiede ossigeno). Questa viene innescata durante l esercizio leggero o moderato, quando sono assicurati livelli sufficienti di ossigeno. Questo metabolismo viene chiamato sistema aerobico e fornisce energia costante per un periodo prolungato, raggiungendo un livello ottimale oltre i venti minuti, quando vengono consumati i grassi di deposito come fonte energetica. Questi sono i trigliceridi immagazzinati direttamente nelle cellule muscolari, quelli circolanti nei complessi lipoproteici e gli acidi grassi mobilizzati dai trigliceridi del tessuto adiposo. Tutti insieme possono coprire fino all 80% del fabbisogno energetico nel corso del lavoro muscolare prolungato di media intensità, ma per essere correttamente me- Energia rapida La glicolisi anaerobica fornisce energia fino a tre minuti, con un livello ottimale intorno ai 90 secondi, e viene sfruttata per esempio nelle routine di allenamento con i pesi.

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport ALIMENTAZIONE E SPORT Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport Argomenti: 1) Il fabbisogno energetico 2) Gli alimenti 3) L acqua 4) Vitamine, sali minerali, integratori 5) La dieta dello sportivo

Dettagli

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010 Lezione di alimentazione Claudio Caldini i Una corretta alimentazione non è sufficiente per vincere una gara ma un alimentazione insufficiente può sicuramente farla perdere Prof. Giuseppe Masera Responsabile

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

GLICIDI, GRASSI, PROTEINE

GLICIDI, GRASSI, PROTEINE SPECIALE: "ALIMENTAZIONE E SPORT" GLICIDI, GRASSI, PROTEINE Testo e disegni di Stelvio Beraldo I GLICIDI (ZUCCHERI, CARBOIDRATI) Hanno come compito principale la produzione di energia, indispensabile per

Dettagli

Nutrizione. Protidi. Lipidi. Glucidi. Vitamine. Minerali. Acqua Alcool

Nutrizione. Protidi. Lipidi. Glucidi. Vitamine. Minerali. Acqua Alcool Nutrizione E il processo attraverso il quale l organismo utilizza i nutrienti ingeriti con il cibo. La nutrizione valuta: - le interazioni tra organismi viventi e cibo - le azioni ed interazioni dei nutrienti,

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it I macronutrienti 1 Ogni alimento può essere composto da: Carboidrati Proteine Grassi Questi sono conosciuti come macronutrienti 2 Il cibo va forse valutato solo in funzione del suo apporto calorico? ASSOLUTAMENTE

Dettagli

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO Dr.ssa SABRINA BUGOSSI DIETISTA L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione Gli alimenti sono indispensabili alla vita. Consentono all organismo di

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta. Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA

Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta. Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA L'alimentazione dello sportivo non è molto diversa dall'alimentazione indicata per la popolazione in generale. Non

Dettagli

Come Eseguire la dieta Zona

Come Eseguire la dieta Zona Come Eseguire la dieta Zona 1 blocco è dato da 7g di proteine + circa 3 g di grassi + circa 9 g di carboidrati. La pasta, come tutti i derivati delle farine, viene generalmente evitata è consigliato dunque

Dettagli

INTEGRATORI LIFECODE A SUPPORTO DEGLI SPORT DI ENDURANCE (Ciclismo, Nuoto e Corsa sulle medie/lunghe distanze, Triathlon, Escursionismo)

INTEGRATORI LIFECODE A SUPPORTO DEGLI SPORT DI ENDURANCE (Ciclismo, Nuoto e Corsa sulle medie/lunghe distanze, Triathlon, Escursionismo) INTEGRATORI LIFECODE A SUPPORTO DEGLI SPORT DI ENDURANCE (Ciclismo, Nuoto e Corsa sulle medie/lunghe distanze, Triathlon, Escursionismo) Lifecode è un azienda italiana che produce integratori di qualità,

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali.

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Prima di affrontare un'attività sportiva, viene da chiedersi cosa e quanto è meglio mangiare. Ma quello che si può consumare

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Livello di organizzazione degli esseri viventi

Livello di organizzazione degli esseri viventi Livello di organizzazione degli esseri viventi _Organismo; _Apparato; _Organo; _Tessuti; _Cellule; _Organelli cellulari; _Molecole. Atomo, elemento, molecola, composto, formula, legame, elettronegativita.

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero Qualunque cibo introdotto nel corpo umano viene trasformato, tramite reazioni chimiche, nei suoi costituenti elementari che sono proteine, lipidi, carboidrati, vitamine, minerali e acqua, perché è solo

Dettagli

INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI.

INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. Prof. Roberto Calcagno Ho già trattato in un precedente articolo dell indice glicemico degli alimenti ( G.I. Glicemic Index), ora vorrei integrare questo concetto

Dettagli

ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI

ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI EDUCAZIONE ALIMENTARE PER TUTTA LA FAMIGLIA PRIMA PARTE ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI PRIMA PARTE IL PERCORSO DEGLI ALIMENTI Gli alimenti, dopo essere stati ingeriti, arrivano al tubo

Dettagli

Siamo quello che mangiamo

Siamo quello che mangiamo Siamo quello che mangiamo Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento di prevenzione a tutela della salute e dell armonia psico-fisica organismo è una macchina biochimica che consuma carburante

Dettagli

Alimentazione e Podismo

Alimentazione e Podismo Alimentazione e Podismo 1.La corsa La corsa è l attività atletica più antica, e pertanto la più spontanea per l essere umano. Milioni di anni di evoluzione hanno fatto sì che la macchina uomo abbia un

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA LEZIONE 16 IGIENE ALIMENTARE PER LO SPORTIVO

IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA LEZIONE 16 IGIENE ALIMENTARE PER LO SPORTIVO IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA LEZIONE 16 IGIENE ALIMENTARE PER LO SPORTIVO Nozioni generali Fin dai tempi dei primi giochi olimpici (776 a.c.) l alimentazione degli atleti era controllata al fine di ottimizzare

Dettagli

GUIDA ORTOMOLECOLARE ALLA INTERPRETAZIONE DEL TEST DEGLI AMINOACIDI

GUIDA ORTOMOLECOLARE ALLA INTERPRETAZIONE DEL TEST DEGLI AMINOACIDI GUIDA ORTOMOLECOLARE ALLA INTERPRETAZIONE DEL TEST DEGLI AMINOACIDI AMINOACIDI ESSENZIALI Gli aminoacidi indispensabili, noti anche come aminoacidi essenziali, devono essere forniti al corpo con gli alimenti

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Principi nutritivi calorici

Principi nutritivi calorici Principi nutritivi calorici funzione energetica costruttiva regolatrice principi nutritivi glucidi lipidi protidi 1 PROTEINE Cosa sono? Fonte principale di azoto dell organismo Catene formate dall unione

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi

Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi 1 I GERMOGLI ( sprouts ) 2 Fa che il cibo sia la tua medicina Ippocrate 460-370

Dettagli

1. VARIARE L ALIMENTAZIONE E IDRATARSI MOLTO

1. VARIARE L ALIMENTAZIONE E IDRATARSI MOLTO 1. VARIARE L ALIMENTAZIONE E IDRATARSI MOLTO L alimentazione consiste nell assunzione da parte di un organismo delle sostanze indispensabili per il suo sostentamento e per lo svolgimento delle attività

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Curve di crescita di alcune razze di cani. Età di raggiungimento delle dimensioni. Crescita

Curve di crescita di alcune razze di cani. Età di raggiungimento delle dimensioni. Crescita I cuccioli hanno un fabbisogno nutrizionale più elevato: non devono solo preoccuparsi del buon funzionamento del loro organismo e di mantenere la giusta temperatura corporea, ma devono anche sviluppare

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori alimentari, nella vita quotidiana, sono prodotti specifici che favoriscono l'assunzione di sostanze quali macronutrienti (carboidrati e proteine)

Dettagli

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA Speciale FARINE di Maurizio De Pasquale www.orlandipasticceria.com LA RICERCA DELLE PROTEINE N utrirsi bene è fondamentale

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente).

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). Alimentazione e Competizione 1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). 2) Alimentazione pre-gara Nelle discipline di lunga durata (> 60-90 minuti),

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115 Sommario Introduzione Conosci l indice glicemico e perdi peso senza sacrifici 7 Capitolo 1 La glicemia dei cibi e i meccanismi che fanno ingrassare 13 Capitolo 2 L importanza dell indice glicemico 33 Capitolo

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI I NUOVI PIANI ALIMENTARI PER LA MASSA E LE SCHEDE AGGIORNATE DEI SUPPLEMENTI

INTEGRATORI ALIMENTARI I NUOVI PIANI ALIMENTARI PER LA MASSA E LE SCHEDE AGGIORNATE DEI SUPPLEMENTI SPECIALE INTEGRATORI ALIMENTARI obiettivo Carlo M. Strati MUSCOLI I NUOVI PIANI ALIMENTARI PER LA MASSA E LE SCHEDE AGGIORNATE DEI SUPPLEMENTI PROTEINE I mattoni essenziali per costruire i tuoi muscoli.

Dettagli

ALIMENTAZIONE : PRIMA E DURANTE LA GARA

ALIMENTAZIONE : PRIMA E DURANTE LA GARA ALIMENTAZIONE : PRIMA E DURANTE LA GARA Per poter affrontare la competizione al massimo delle nostre facoltà mentali e fisiche, occorre tener conto anche dell alimentazione, specialmente di quanto ingerito

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

ALIMENTAZIONE per lo SPORTIVO. Dr. Franco Aliboni Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. 2012 Golfo dei Poeti La Spezia Asd

ALIMENTAZIONE per lo SPORTIVO. Dr. Franco Aliboni Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. 2012 Golfo dei Poeti La Spezia Asd ALIMENTAZIONE per lo SPORTIVO Dr. Franco Aliboni Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione 2012 Golfo dei Poeti La Spezia Asd Indice Obiettivi della presentazione..pag 3 Definizioni...

Dettagli

PROTEINA GREGGIA (P.G.)

PROTEINA GREGGIA (P.G.) PROTEINA GREGGIA (P.G.) Il contenuto proteico di un alimento è valutato dal suo tenore in azoto, determinato con il metodo Kjeldahl modificato. Il metodo Kjeldahl valuta la maggior parte dell azoto presente

Dettagli

Sostituisci 1 o 2 dei tre pasti principali giornalieri con altrattanti shake FORMULA 1 PRO

Sostituisci 1 o 2 dei tre pasti principali giornalieri con altrattanti shake FORMULA 1 PRO SOSTITUTO DEL PASTO PER SPORTIVI Prima dell allenamento, scegli una nutrizione che ti dà sicurezza. Nutrizione bilanciata ricca di carboidrati, proteine, vitamine e minerali, Formula 1 Pro è un sostituto

Dettagli

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE 15 L aspettativa di vita.........................................17 La grande illusione.........................................17

Dettagli

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione)

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Comune di Bologna Settore Istruzione (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Anno 2012 a cura di: Alves Carpigiani Nutrizionista Responsabile della U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti nidi

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma

ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma I. Bonchi Dietista specializ. in nutrizione nello sport, gravidanza e allattamento I.bonchi@libero.it Con la collaborazione di Francesca Pascazio Nutrizione

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante

Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante AIAC Associazione Italiana Allenatori Calciatori Grosseto Aspetti pratici dell alimentazione del calciatore dilettante Dott. Marco Buccianti Dietista consulente settore giovanile FC Grosseto calcio 2006/2007

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DIABETE

ALIMENTAZIONE E DIABETE ALIMENTAZIONE E DIABETE Dott.ssa Elena Cimino Scuola di Specializzazione in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Università dell Insubria Sede Milano Bicocca UOS Diabetologia Clinica Medica Ospedale

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

ALIMENTAZIONE E FORZA

ALIMENTAZIONE E FORZA Savigliano, 16 aprile 2011 ALIMENTAZIONE E FORZA Enrico Arcelli Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Milano Alimentazione e forza Si pensa che più proteine assunte portino a più forza.

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

Valore energetico e calorie

Valore energetico e calorie Valore energetico e calorie Il valore energetico dei cibi viene comunemente espresso in Calorie. In realtà, la cosiddetta Caloria è una Chilocaloria ( = 1.000 calorie) ed indica tecnicamente la quantità

Dettagli

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Progetto Pilota Oikos e Téchne 2011/2012 Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Considerazioni sui risultati del sondaggio Abitudini alimentari e convivialità (campione di 662 studenti tra 14 e 19 anni)

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

L alimentazione e l allenamento del calciatore

L alimentazione e l allenamento del calciatore L alimentazione e l allenamento del calciatore 1. Come alimentarsi nel precampionato 2. Come alimentarsi durante il campionato 3. L alimentazione del giovane calciatore 4. Differenze tra calciatore professionista

Dettagli

Dr. MASSIMILIANO DI MONTIGNY Responsabile Vendite ES Italia Srl

Dr. MASSIMILIANO DI MONTIGNY Responsabile Vendite ES Italia Srl Dr. MASSIMILIANO DI MONTIGNY Responsabile Vendite ES Italia Srl 1 Le basi di una sana alimentazione e una corretta integrazione per il ciclista moderno Dr. MASSIMILIANO DI MONTIGNY Responsabile Vendite

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

False credenze e nuove certezze Reggio Emilia 22.11.2014

False credenze e nuove certezze Reggio Emilia 22.11.2014 I consumi di proteine 1861-2007 Come sono fatte le proteine? Le proteine sono uno dei tre macronutrienti (gli altri sono carboidrati e grassi), su cui si basa principalmente la nostra alimentazione.

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli