GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 75 ALLEGATO 2 ACQUA PER PREPARAZIONI INIETTABILI PER IRRIGAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "29-3-2013. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 75 ALLEGATO 2 ACQUA PER PREPARAZIONI INIETTABILI PER IRRIGAZIONI"

Transcript

1 ALLEGATO 2 ACQUAPERPREPARAZIONIINIETTABILI PERIRRIGAZIONI RIASSUNTODELLECARATTERISTICHEDELPRODOTTO 1. DENOMINAZIONEDELMEDICINALE Acquaperpreparazioniiniettabili<nomeditta>perirrigazioni 2. COMPOSIZIONEQUALITATIVAEQUANTITATIVA Acquasterileedapirogenaperpreparazioniiniettabili. Esaminataincondizioniottimalidivisibilità,èlimpida,incoloreedesentedaparticelleinsospensione. Nondevecontenereagentiantimicrobicioaltriadditivi. 3. FORMAFARMACEUTICA Acquaperpreparazioniiniettabiliperirrigazioni. 4. INFORMAZIONICLINICHE 4.1 Indicazioniterapeutiche Irrigazionediorganicaviodicavitàcelomatiche. 4.2 Posologiaemododisomministrazione Ilvolumeutilizzatopotràvariareasecondadeltipodiinterventoedellasuadurata. 4.3 Controindicazioni Nonpertinente. 4.4 Avvertenzespecialieprecauzionidiimpiego Usaresubitodopol aperturadelcontenitore.lasoluzionedeveesserelimpida,incoloreeprivadiparticellevisibili. L eventualeresiduononpuòessereutilizzato. Lasomministrazionecontinuapuòcausaresovraccaricoidrico,statocongestizioeriduzionediconcentrazionedegli elettroliti. 4.5 Interazioniconaltrimedicinaliedaltreformediinterazione Nonpertinente. 4.6 Gravidanzaeallattamento Nonpertinente. 4.7 Effettisullacapacitàdiguidareveicoliesull usodimacchinari Nonpertinente. 4.8 Effettiindesiderati Nonpertinente. 4.9 Sovradosaggio Nonpertinente. 5. PROPRIETÀFARMACOLOGICHE 5.1 Proprietàfarmacodinamiche Categoriafarmacoterapeutica:solventiediluenti,compreselesoluzionidetergenti,codiceATC:V07AB L acquaperpreparazioniiniettabilièacquadistillatasterile,esentedapirogeni.siottieneperdistillazionediacqua potabile,purificataodistillatainundistillatoredivetroneutro,quarzoometallodotatodiundispositivocheevitilo sgocciolamento;laprimaporzionedeldistillatovienescartata,mentreilrimanentevieneraccoltoincontenitoriidonei chiusiesuccessivamentesterilizzatialcaloreperevitarequalsiasicontaminazione. 5.2 Proprietàfarmacocinetiche Nonpertinente. 5.3 Datipreclinicidisicurezza Nonpertinente. 67

2 6. INFORMAZIONIFARMACEUTICHE 6.1 Elencodeglieccipienti L acquaperpreparazioniiniettabiliperirrigazioninondevecontenereagentiantimicrobicioaltriadditivi. 6.2 Incompatibilità Nonpertinente. 6.3 Periododivalidità <dacompletareacuradeltitolarediaic> 6.4 Precauzioniparticolariperlaconservazione Nessunaparticolareprecauzione 6.5 Naturaecontenutodelcontenitore <dacompletareacuradeltitolarediaic> 6.6 Precauzioniparticolariperlosmaltimentoelamanipolazione Ilmedicinalenonutilizzatoedirifiutiderivatidatalemedicinaledevonoesseresmaltitiinconformitàallanormativa localevigente. 7. TITOLAREDELL AUTORIZZAZIONEALL IMMISSIONEINCOMMERCIO <dacompletareacuradeltitolarediaic> 8. NUMERO(I)DELL AUTORIZZAZIONEALL IMMISSIONEINCOMMERCIO <dacompletareacuradeltitolarediaic> 9. DATADELLAPRIMAAUTORIZZAZIONE/RINNOVODELL AUTORIZZAZIONE <dacompletareacuradeltitolarediaic> 10. DATADIREVISIONEDELTESTO DatadeterminazioneAIFA FOGLIOILLUSTRATIVO Acquaperpreparazioniiniettabili<nomeditta>perirrigazioni CATEGORIAFARMACOTERAPEUTICA Solventiediluenti,compreselesoluzionidetergenti INDICAZIONITERAPEUTICHE Irrigazionediorganicaviodicavitàcelomatiche. CONTROINDICAZIONI Nonpertinente. PRECAUZIONIPERL USO Lasomministrazionecontinuapuòcausaresovraccaricoidrico,statocongestizioeriduzionediconcentrazionedegli elettroliti. INTERAZIONI Nonpertinente. AVVERTENZESPECIALI Usaresubitodopol aperturadelcontenitore.lasoluzionedeveesserelimpida,incoloreeprivadiparticellevisibili. L eventualeresiduononpuòessereutilizzato. 68

3 Gravidanzaeallattamento Nonpertinente. Effettisullacapacitàdiguidareveicoliesull usodimacchinari Nonpertinente. DOSE,MODOETEMPODISOMMINISTRAZIONE Ilvolumeutilizzatopotràvariareasecondadeltipodiinterventoedellasuadurata. SOVRADOSAGGIO Nonpertinente. EFFETTIINDESIDERATI Nonpertinente. SCADENZAECONSERVAZIONE Scadenza:vedereladatadiscadenzariportatasullaconfezione. Ladatadiscadenzasiriferiscealprodottoinconfezionamentointegro,correttamenteconservato. Attenzione:nonutilizzareilmedicinaledopoladatadiscadenzariportatasullaconfezione. Imedicinalinondevonoesseregettatinell acquadiscaricoeneirifiutidomestici.chiederealfarmacistacome eliminareimedicinalichenonsiutilizzanopiù.questoaiuteràaproteggerel ambiente. Tenereilmedicinalefuoridallaportataedallavistadeibambini. COMPOSIZIONE Acquasterileedapirogenaperpreparazioniiniettabili. Esaminataincondizioniottimalidivisibilità,èlimpida,incoloreedesentedaparticelleinsospensione. Nondevecontenereagentiantimicrobicioaltriadditivi. FORMAFARMACEUTICAECONTENUTO Acquaperpreparazioniiniettabiliperirrigazioni. <dacompletareacuradeltitolarediaic> TITOLAREDELL AUTORIZZAZIONEALL IMMISSIONEINCOMMERCIO <dacompletareacuradeltitolarediaic> PRODUTTORE <dacompletareacuradeltitolarediaic> Revisionedelfoglioillustrativodapartedell AgenziaItalianadelFarmaco DeterminazioneAIFAdel SOLUZIONEPEREMODIALISICONCENTRATAACIDA RIASSUNTODELLECARATTERISTICHEDELPRODOTTO 1.DENOMINAZIONEDELMEDICINALE Soluzioneperemodialisiconcentrataacida<nomeditta> 2.COMPOSIZIONEQUALITATIVAEQUANTITATIVA: <Nellatabelleseguentesonoindicatigliintervallidiconcentrazionedeicomponentichepossonoesserepresenti nellasoluzionedopoladiluizioneeprimadellaeventualeneutralizzazioneconsodiobicarbonato.ognititolare riporteràlaconcentrazionedellaconfezionedicuitrattasi> 69

4 1000mldisoluzionediluita(primadellaneutralizzazioneconsodiobicarbonato)contengono: Sodio 80110mMol/l 80110mEq/l Potassio 03,0mMol/l 03,0mEq/l Calcio 02,0mMol/l 04,0mEq/l Magnesio 01,2mMol/l 02,4mEq/l Acidoacetico 2,510mMol/l 2,510mEq/l Cloruro 90120mMol/l 90120mEq/l Glucosio 012,0mMol/l <inalternativaall inserimentodellacomposizionedellaconfezionedicuitrattasi,iltitolarepuòinserirelaseguente frase:perlacomposizionedellaconfezionevederel etichettadellasacca> Perl elencocompletodeglieccipienti,vedereparagrafo6.1. <Quandolaformulazionefinalecomprendebicarbonato>Lasoluzionebasicadisodiobicarbonatodeveessere contenutainuncontenitoreseparatoemiscelataallasoluzionedielettrolitiimmediatamenteprimadell usofinoad unaconcentrazionefinaledibicarbonatononsuperiorea45mmol/l. 3.FORMAFARMACEUTICA Soluzioneconcentrataperemodialisisterile<apirogena><esentedaendotossinebatteriche>. 4.INFORMAZIONICLINICHE 4.1Indicazioniterapeutiche Trattamentodipazienticoninsufficienzarenaleacuta. Sovraccaricoidrico,turbedelbilancioelettrolitico. Trattamentodelleintossicazionidasostanzedializzabili. 4.2Posologiaemododisomministrazione Laposologiaelemodalitàdisomministrazionevengonostabilitedivoltainvoltadalmedicoinbaseallesingole necessità. Lasceltadellaconcentrazionedipotassioediglucosionellasoluzionedipendonodallapotassiemiaedallaglicemiadel paziente. <questa frase va adattata alla effettiva composizione della sacca se presenti uno o entrambi dei componenticitati,oeliminatasenessunodeiduesiapresente> Lesoluzionifinaliperemodialisisipreparanodiluendoconacquadiqualitàappropriata(acquaperdiluizionedelle soluzioniconcentrateperemodialisi)edeventualmenteneutralizzandolasoluzioneconcentrataacidaconsoluzione basicadisodiobicarbonato. Quandolaformulazionefinalecomprendebicarbonato,lasoluzionedisodiobicarbonatodeveesserecontenutainun contenitoreocompartimentoseparatoemiscelataallasoluzionedielettrolitialmomentodell uso. Nelcorsoditalioperazionidevonoesserepresetutteleprecauzioniperevitareognicontaminazionemicrobica. Primadell usooccorreriscaldarelasoluzioneallatemperaturacorporea(vedereparagrafo4.4). Agitarebeneilmedicinaleprimadell uso. 4.3Controindicazioni Ipersensibilitàaiprincipiattivioadunoqualsiasideglieccipienti. Nonesistonocontroindicazioniassoluteall emodialisi. Insufficienza respiratoria grave, gravi disordini nel metabolismo lipidico e malnutrizione costituiscono controindicazionirelative. 4.4Specialiavvertenzeeprecauzioniperl uso Lasoluzionenondeveessereutilizzataperinfusioneendovenosa. Ilbilancioidroelettroliticodelpazientedeveessereattentamentemonitorato. Iperidratazioneedisidratazionepossonodeterminaregraviconseguenzecomeladeplezionedeifluidicorporei,lo scompensocardiacocongestiziooloshock. Potrebbeesserenecessarioreintegrareeventualiperditediproteine,aminoacidievitamineidrosolubili. Deveesserepostacautelanell utilizzoincircostanzeassociateadunelevatorischioemorragico(es.traumacranico, recenteinterventochirurgicoetc.). 70

5 Perridurreidisagidellasomministrazione,primadell usolasoluzionepuòessereriscaldataallatemperaturadi37 C nellasaccadiprotezionesigillata.ilriscaldamentodeveessereeffettuatoconcaloresecco;l idealesarebbeutilizzare unapiastrariscaldanteappositamenterealizzata. Perevitarelacontaminazionedeiconnettorilasaccanondeveesserescaldatamedianteimmersioneinacqua. <Nelcasosiusiunasoluzionecontenentesodiobicarbonato>Lasoluzionefinaledeveessereottenutamediante miscelazionedellasoluzionecontenentesodiobicarbonatoconquellacontenenteglialtricomponenti(soluzione acida).lamiscelazionedeveavvenireimmediatamenteprimadell uso. Controllarel esattadiluizioneprimadell uso.misurareesattamenteilvolumedaprelevare. Usaresubitodopol aperturadelcontenitore.lasoluzionedeveesserelimpida,incoloreodicoloreleggermentegiallo paglierinoeprivadiparticellevisibili.serveperunsoloedininterrottoutilizzoel eventualeresiduononpuòessere utilizzato. <Istruzioniperladiluizioneeperlaeventualemiscelazioneconsoluzionibasiche> <dacompletareacuradeltitolareaic> Dopol eventualemiscelazioneconsodiobicarbonatoeladiluizionecontrollarecheilcontenutosiachiaroeprivodi precipitati. 4.5Interazioniconaltrimedicinaliealtreformediinterazione Laconcentrazioneematicadifarmacidializzabilipuòessereridottaduranteladialisi.Senecessariopotrannoessere opportunamentevariatiidosaggifarmacologici. I livelli plasmatici di potassio in pazienti in terapia digitalica dovranno essere frequentemente valutati onde scongiurareilrischiodiarrestocardiaco. L aggiunta di farmaci alla soluzione potrà essere effettuata soltanto su indicazione del medico ed andrà accuratamentevalutata. 4.6Gravidanzaeallattamento NonsonodisponibilidaticlinicirelativialtrattamentoconSoluzioneperemodialisiconcentrataacida<nomeditta>in gravidanzaeallattamento,cosìcomenonsonodisponibilistudisuglianimali.inquesticasideveesserevalutatoil rapportorischio/beneficiodalmedicoinbaseallecondizionidellesingolepazienti. 4.7Effettisullacapacitàdiguidareediusaremacchinari Ipazientisottopostiaemodialisipotrebberomanifestareeffettiindesideratichepossonocomprometterelacapacità diguidareousaremacchinari. 4.8Effettiindesiderati Diseguitosonoriportatiglieffettiindesideratipiùcomunidiunaemodialisi,specialmentequandotroppofluidoviene rimosso dal corpo, organizzati secondo la classificazione sistemica organica MedDRA. Non sono disponibili dati sufficientiperstabilirelafrequenzadeisingolieffettielencati. Disturbidelsistemaimmunitario Reazionidiipersensibilità,prurito Patologiegastrointestinali Nausea,vomito,crampiaddominali. Patologievascolari Ipotensione,emboliagassosa,emorragia(gastrointestinale,intracranica,retroperitoneale,intraoculare). Patologiedelsistemanervoso Crampimuscolari,convulsioni. Disturbipsichiatrici Insonnia,Demenza Patologiecardiache Aritmie. 71

6 Disordinidell equilibrioidricoedelettrolitico Ipoeipernatremia,ipoeiperkaliemia,ipercalcemia,ipermagnesiemia. Patologiesistemicheecondizionirelativeallasededisomministrazione Rispostefebbrili,stenosi,trombosioinfezionenelsitodiinfusione,formazionidiascessi. 4.9Sovradosaggio Nonpertinente. Leeventualiconseguenzediunsovradosaggioincludonoipervolemia,ipovolemia,disturbielettroliticio(inpazienti diabetici)iperglicemia. 5.PROPRIETA FARMACOLOGICHE 5.1 Proprietàfarmacodinamiche Categoriafarmacoterapeutica:emodialitici,concentrati,CodiceATC:B05ZA. Le soluzioni per emodialisi sono preparazioni contenenti elettroliti in concentrazione simile a quella della composizionedelplasma. 5.2Proprietàfarmacocinetiche Nonpertinente. 5.3Datipreclinicidisicurezza Idatipreclinicihannoscarsarilevanzaclinicaallalucedellavastaesperienzaacquisitaconl'usodelfarmaconell'uomo. 6.INFORMAZIONIFARMACEUTICHE 6.1Eccipienti <dacompletareacuradeltitolareaic> 6.2Incompatibilità <dacompletareacuradeltitolareaic> Inassenzadistudidicompatibilità,ilmedicinalenondeveesseremiscelatoconaltriprodotti. 6.3Validità <dacompletareacuradeltitolareaic> Usarelasoluzionesubitodopol aperturadelcontenitore;serveperunsoloedininterrottoutilizzoel eventuale residuononpuòessereutilizzato. 6.4Specialiprecauzioniperlaconservazione <dacompletareacuradeltitolareaic> Conservarenellaconfezioneoriginaleenelcontenitoreermeticamentechiusoadunatemperaturacheimpediscala formazionedicristalli(comunquenoninferiorea4 C)ealriparodallalucesolarediretta.Noncongelare. 6.5Naturaecapacitàdelcontenitore <dacompletareacuradeltitolareaic> 6.6Istruzioniperl uso <dacompletareacuradeltitolareaic> Nonusareilmedicinaleselaconfezionenonèintegraoselasoluzionenonsipresentalimpida,incoloreodicolore leggermentegiallopaglierinoosecontieneparticelle. Adottaretutteleusualiprecauzionialfinedimantenerelasterilitàprimaedurantel utilizzo. Ilmedicinalenonutilizzatoeirifiutiderivatidatalemedicinaledevonoesseresmaltitiinconformitàallanormativa localevigente. 7. TITOLAREDELL AUTORIZZAZIONEALL IMMISSIONEINCOMMERCIO <dacompletareacuradeltitolareaic> 8. NUMERODELL AUTORIZZAZIONEALL IMMISSIONEINCOMMERCIO <dacompletareacuradeltitolareaic> 72

7 9. DATADIPRIMAAUTORIZZAZIONE/RINNOVODELL AUTORIZZAZIONE <dacompletareacuradeltitolareaic> 10. DATADIREVISIONEDELTESTO datadeterminazioneaifa FOGLIOILLUSTRATIVO Soluzioneperemodialisiconcentrataacida<nomeditta> CATEGORIAFARMACOTERAPEUTICA Emodialitici,concentrati. INDICAZIONITERAPEUTICHE Trattamentodipazienticoninsufficienzarenaleacuta. Sovraccaricoidrico,turbedelbilancioelettrolitico. Trattamentodelleintossicazionidasostanzedializzabili. CONTROINDICAZIONI Ipersensibilitàaiprincipiattivioadunoqualsiasideglieccipienti. Nonesistonocontroindicazioniassoluteall emodialisi. Insufficienza respiratoria grave, gravi disordini nel metabolismo lipidico e malnutrizione costituiscono controindicazionirelative. PRECAUZIONIPERL'USO Lasoluzionenondeveessereutilizzataperinfusioneendovenosa. Ilbilancioidroelettroliticodelpazientedeveessereattentamentemonitorato. Iperidratazioneedisidratazionepossonodeterminaregraviconseguenzecomeladeplezionedeifluidicorporei,lo scompensocardiacocongestiziooloshock. Potrebbeesserenecessarioreintegrareeventualiperditediproteine,aminoacidievitamineidrosolubili. Deveesserepostacautelanell utilizzoincircostanzeassociateadunelevatorischioemorragico(es.traumacranico, recenteinterventochirurgicoetc.). Perridurreidisagidellasomministrazione,primadell usolasoluzionepuòessereriscaldataallatemperaturadi37 C nellasaccadiprotezionesigillata.ilriscaldamentodeveessereeffettuatoconcaloresecco;l idealesarebbeutilizzare unapiastrariscaldanteappositamenterealizzata. Perevitarelacontaminazionedeiconnettorilasaccanondeveesserescaldatamedianteimmersioneinacqua. <Nelcasosiusiunasoluzionecontenentesodiobicarbonato>Lasoluzionefinaledeveessereottenutamediante miscelazionedellasoluzionecontenentesodiobicarbonatoconquellacontenenteglialtricomponenti(soluzione acida).lamiscelazionedeveavvenireimmediatamenteprimadell uso. Controllarel esattadiluizioneprimadell uso.misurareesattamenteilvolumedaprelevare. INTERAZIONI Informareilmedicooilfarmacistasesièrecentementeassuntoqualsiasialtromedicinale,anchequellisenza prescrizionemedica. Laconcentrazioneematicadifarmacidializzabilipuòessereridottaduranteladialisi.Senecessariopotrannoessere opportunamentevariatiidosaggifarmacologici. Ilivelliplasmaticidipotassioinpazientiinterapiadigitalicadovrannoesserefrequentementevalutationde scongiurareilrischiodiarrestocardiaco. L aggiunta di farmaci alla soluzione potrà essere effettuata soltanto su indicazione del medico ed andrà accuratamentevalutata. AVVERTENZESPECIALI Usaresubitodopol aperturadelcontenitore.lasoluzionedeveesserelimpida,incoloreodicoloreleggermentegiallo paglierinoeprivadiparticellevisibili.serveperunsoloedininterrottoutilizzoel eventualeresiduononpuòessere utilizzato. Gravidanzaeallattamento Chiedereconsiglioalmedicooalfarmacistaprimadiprenderequalsiasimedicinale. NonsonodisponibilidaticlinicirelativialtrattamentoconSoluzioneperemodialisiconcentrataacida<nomeditta>in gravidanzaeallattamento,cosìcomenonsonodisponibilistudisuglianimali.inquesticasideveesserevalutatoil rapportorischio/beneficiodalmedicoinbaseallecondizionidellesingolepazienti. 73

8 Effettisullacapacitàdiguidareveicoliesull'usodimacchinari Ipazientisottopostiaemodialisipotrebberomanifestareeffettiindesideratichepossonocomprometterelacapacità diguidareousaremacchinari. DOSE,MODOETEMPODISOMMINISTRAZIONE Laposologiaelemodalitàdisomministrazionevengonostabilitedivoltainvoltadalmedicoinbaseallesingole necessità. Lasceltadellaconcentrazionedipotassioediglucosionellasoluzionedipendonodallapotassiemiaedallaglicemiadel paziente. <questa frase va adattata alla effettiva composizione della sacca se presenti uno o entrambi dei componenticitati,oeliminatasenessunodeiduesiapresente> Lesoluzionifinaliperemodialisisipreparanodiluendoconacquadiqualitàappropriata(acquaperdiluizionedelle soluzioniconcentrateperemodialisi)edeventualmenteneutralizzandolasoluzioneconcentrataacidaconsoluzione basicadisodiobicarbonato. Quandolaformulazionefinalecomprendebicarbonato,lasoluzionedisodiobicarbonatodeveesserecontenutainun contenitoreocompartimentoseparatoemiscelataallasoluzionedielettrolitialmomentodell uso. Nelcorsoditalioperazionidevonoesserepresetutteleprecauzioniperevitareognicontaminazionemicrobica. Primadell usooccorreriscaldarelasoluzioneallatemperaturacorporea(vedereprecauzioniperl uso). Agitarebeneilmedicinaleprimadell uso. Usarelasoluzionesubitodopol aperturadelcontenitore;serveperunsoloedininterrottoutilizzoel eventuale residuononpuòessereutilizzato. Nonusareilmedicinaleselaconfezionenonèintegraoselasoluzionenonsipresentalimpida,incoloreodicolore leggermentegiallopaglierinoosecontieneparticelle. Adottaretutteleusualiprecauzionialfinedimantenerelasterilitàprimaedurantel utilizzo. Inassenzadistudidicompatibilità,ilmedicinalenondeveesseremiscelatoconaltriprodotti. <Istruzioniperladiluizioneeperlaeventualemiscelazioneconsoluzionibasiche> <dacompletareacuradeltitolareaic> Dopol eventualemiscelazioneconsodiobicarbonatoeladiluizionecontrollarecheilcontenutosiachiaroeprivodi precipitati. SOVRADOSAGGIO Nonpertinente. Leeventualiconseguenzediunsovradosaggioincludonoipervolemia,ipovolemia,disturbielettroliticio(inpazienti diabetici)iperglicemia. IncasodiutilizzodiunaquantitàeccessivadiSoluzioneperemodialisiconcentrataacida<nomeditta>avvertire immediatamenteilmedicoorivolgersialpiùvicinoospedale. Sesihaqualsiasidubbiosull usodisoluzioneperemodialisiconcentrataacida<nomeditta>,rivolgersialmedicooal farmacista. EFFETTIINDESIDERATI Diseguitosonoriportatiglieffettiindesideratipiùcomunidiunaemodialisi,specialmentequandotroppofluidoviene rimossodalcorpo.nonsonodisponibilidatisufficientiperstabilirelafrequenzadeisingolieffettielencati. Disturbidelsistemaimmunitario Reazionidiipersensibilità,prurito Patologiegastrointestinali Nausea,vomito,crampiaddominali. Patologievascolari Ipotensione,emboliagassosa,emorragia(gastrointestinale,intracranica,retroperitoneale,intraoculare). Patologiedelsistemanervoso Crampimuscolari,convulsioni. 74

9 Disturbipsichiatrici Insonnia,Demenza Patologiecardiache Aritmie. Disordinidell equilibrioidricoedelettrolitico Ipoeipernatremia,ipoeiperkaliemia,ipercalcemia,ipermagnesiemia. Patologiesistemicheecondizionirelativeallasededisomministrazione Rispostefebbrili,stenosi,trombosioinfezionenelsitodiinfusione,formazionidiascessi. Ilrispettodelleistruzionicontenutenelfoglioillustrativoriduceilrischiodieffettiindesiderati. Seunoqualsiasideglieffettiindesideratisiaggrava,osesinotalacomparsadiunqualsiasieffettoindesideratonon elencatoinquestofoglioillustrativo,informareilmedicooilfarmacista. SCADENZAECONSERVAZIONE Scadenza:vedereladatadiscadenzariportatasullaconfezione. Ladatadiscadenzasiriferiscealprodottoinconfezionamentointegro,correttamenteconservato. Attenzione:nonutilizzareilmedicinaledopoladatadiscadenzariportatasullaconfezione. Condizionidiconservazione <dacompletareacuradeltitolarediaic> Conservarenellaconfezioneoriginaleenelcontenitoreermeticamentechiusoadunatemperaturacheimpediscala formazionedicristalli(comunquenoninferiorea4 C)ealriparodallalucesolarediretta.Noncongelare. Imedicinalinondevonoesseregettatinell acquadiscaricoeneirifiutidomestici.chiederealfarmacistacome eliminareimedicinalichenonsiutilizzanopiù.questoaiuteràaproteggerel ambiente. Tenereilmedicinalefuoridallaportataedallavistadeibambini. COMPOSIZIONE <Nellatabelleseguentesonoindicatigliintervallidiconcentrazionedeicomponentichepossonoesserepresenti nellasoluzionedopoladiluizioneeprimadellaeventualeneutralizzazioneconsodiobicarbonato.ognititolare riporteràlaconcentrazionedellaconfezionedicuitrattasi> 1000mldisoluzionediluita(primadellaneutralizzazioneconsodiobicarbonato)contengono: Sodio 80110mMol/l 80110mEq/l Potassio 03,0mMol/l 03,0mEq/l Calcio 02,0mMol/l 04,0mEq/l Magnesio 01,2mMol/l 02,4mEq/l Acidoacetico 2,510mMol/l 2,510mEq/l Cloruro 90120mMol/l 90120mEq/l Glucosio 012,0mMol/l <inalternativaall inserimentodellacomposizionedellaconfezionedicuitrattasi,iltitolarepuòinserirelaseguente frase:perlacomposizionedellaconfezionevederel etichettadellasacca> Eccipienti:<dacompletareacuradeltitolarediAIC> <Quandolaformulazionefinalecomprendebicarbonato>Lasoluzionebasicadisodiobicarbonatodeveessere contenutainuncontenitoreseparatoemiscelataallasoluzionedielettrolitiimmediatamenteprimadell usofinoad unaconcentrazionefinaledibicarbonatononsuperiorea45mmol/l. FORMAFARMACEUTICAECONTENUTO Soluzioneconcentrataperemodialisisterile<apirogena><esentedaendotossinebatteriche>. <dacompletareacuradeltitolarediaic> 75

10 TITOLAREDELL'AUTORIZZAZIONEALL'IMMISSIONEINCOMMERCIO <dacompletareacuradeltitolarediaic> PRODUTTORE <dacompletareacuradeltitolarediaic> Revisionedelfoglioillustrativodapartedell AgenziaItalianadelFarmaco: datadeterminazioneaifa SOLUZIONEPEREMODIALISICONCENTRATABASICA RIASSUNTODELLECARATTERISTICHEDELPRODOTTO 1.DENOMINAZIONEDELMEDICINALE Soluzioneperemodialisiconcentratabasica<nomeditta> 2.COMPOSIZIONEQUALITATIVAEQUANTITATIVA: <Nellatabellaseguentesonoindicatigliintervallidiconcentrazionedeicomponentichepossonoesserepresenti nellasoluzione.ognititolareriporteràlaconcentrazionedellaconfezionedicuitrattasi> 1000mldisoluzionediluitacontengono: Bicarbonato nonsuperiorea45mmol/l nonsuperiorea45meq/l Sodio mmol/l mEq/l Cloruro 0102mmol/l 0 102mEq/l <inalternativaall inserimentodellacomposizionedellaconfezionedicuitrattasi,iltitolarepuòinserirelaseguente frase:perlacomposizionedellaconfezionevederel etichettadellasacca> Perl elencocompletodeglieccipienti,vedereparagrafo FORMAFARMACEUTICA Soluzioneconcentrataperemodialisi. 4.INFORMAZIONICLINICHE 4.1Indicazioniterapeutiche Trattamentodipazienticoninsufficienzarenaleacuta. Sovraccaricoidrico,turbedelbilancioelettrolitico. Trattamentodelleintossicazionidasostanzedializzabili. 4.2Posologiaemododisomministrazione LaSoluzioneperemodialisiconcentratabasicaèutilizzataperneutralizzarelaSoluzioneperemodialisiconcentrata acidaprimadelleoperazionididialisi. Laposologiaelemodalitàdisomministrazionevengonostabilitedivoltainvoltadalmedicoinbaseallesingole necessità. Nelcorsodellamiscelazionedevonoesserepresetutteleprecauzioniperevitareognicontaminazionemicrobica. Primadell usooccorreriscaldarelasoluzioneallatemperaturacorporea(vedereparagrafo4.4). Agitarebeneilmedicinaleprimadell uso. 4.3Controindicazioni Ipersensibilitàaiprincipiattivioadunoqualsiasideglieccipienti. Nonesistonocontroindicazioniassoluteall emodialisi. Insufficienza respiratoria grave, gravi disordini nel metabolismo lipidico e malnutrizione costituiscono controindicazionirelative. 76

11 4.4Specialiavvertenzeeprecauzioniperl uso Lasoluzionenondeveessereutilizzataperinfusioneendovenosa. Nelcorsodelladialisi,Ilbilancioidroelettroliticodelpazientedeveessereattentamentemonitorato. Iperidratazioneedisidratazionepossonodeterminaregraviconseguenzecomeladeplezionedeifluidicorporei,lo scompensocardiacocongestiziooloshock. Potrebbeesserenecessarioreintegrareeventualiperditediproteine,aminoacidievitamineidrosolubili. Deveesserepostacautelanell utilizzoincircostanzeassociateadunelevatorischioemorragico(es.traumacranico, recenteinterventochirurgicoetc.). Perridurreidisagidellasomministrazione,primadell usolasoluzionepuòessereriscaldataallatemperaturadi37 C nellasaccadiprotezionesigillata.ilriscaldamentodeveessereeffettuatoconcaloresecco;l idealesarebbeutilizzare unapiastrariscaldanteappositamenterealizzata. Perevitarelacontaminazionedeiconnettorilasaccanondeveesserescaldatamedianteimmersioneinacqua. Controllarel esattadiluizioneprimadell uso.misurareesattamenteilvolumedaprelevare. Usaresubitodopol aperturadelcontenitore.lasoluzionedeveesserelimpida,incoloreeprivadiparticellevisibili. Serveperunsoloedininterrottoutilizzoel eventualeresiduononpuòessereutilizzato. <Istruzioniperladiluizioneelamiscelazioneconsoluzioniacide> <dacompletareacuradeltitolareaic> Dopolamiscelazioneconsoluzioniacideeladiluizionecontrollarecheilcontenutosiachiaroeprivodiprecipitati. 4.5Interazioniconaltrimedicinaliealtreformediinterazione Laconcentrazioneematicadifarmacidializzabilipuòessereridottaduranteladialisi.Senecessariopotrannoessere opportunamentevariatiidosaggifarmacologici. I livelli plasmatici di potassio in pazienti in terapia digitalica dovranno essere frequentemente valutati onde scongiurareilrischiodiarrestocardiaco. L aggiunta di farmaci alla soluzione potrà essere effettuata soltanto su indicazione del medico ed andrà accuratamentevalutata. 4.6Gravidanzaeallattamento NonsonodisponibilidaticlinicirelativialtrattamentoconSoluzioneperemodialisiconcentratabasica<nomeditta> ingravidanzaeallattamento,cosìcomenonsonodisponibilistudisuglianimali.inquesticasideveesserevalutatoil rapportorischio/beneficiodalmedicoinbaseallecondizionidellesingolepazienti. 4.7Effettisullacapacitàdiguidareediusaremacchinari Ipazientisottopostiaemodialisipotrebberomanifestareeffettiindesideratichepossonocomprometterelacapacità diguidareousaremacchinari. 4.8Effettiindesiderati Diseguitosonoriportatiglieffettiindesideratipiùcomunidiunaemodialisi,specialmentequandotroppofluidoviene rimosso dal corpo, organizzati secondo la classificazione sistemica organica MedDRA. Non sono disponibili dati sufficientiperstabilirelafrequenzadeisingolieffettielencati. Disturbidelsistemaimmunitario Reazionidiipersensibilità,prurito Patologiegastrointestinali Nausea,vomito,crampiaddominali. Patologievascolari Ipotensione,emboliagassosa,emorragia(gastrointestinale,intracranica,retroperitoneale,intraoculare). Patologiedelsistemanervoso Crampimuscolari,convulsioni. Disturbipsichiatrici Insonnia,Demenza Patologiecardiache Aritmie. 77

12 Disordinidell equilibrioidricoedelettrolitico Ipoeipernatremia,ipoeiperkaliemia,ipercalcemia,ipermagnesiemia. Patologiesistemicheecondizionirelativeallasededisomministrazione Rispostefebbrili,stenosi,trombosioinfezionenelsitodiinfusione,formazionidiascessi. 4.9Sovradosaggio Nonpertinente. Leeventualiconseguenzediunsovradosaggioincludonoipervolemia,ipovolemia,disturbielettroliticio(inpazienti diabetici)iperglicemia. 5.PROPRIETA FARMACOLOGICHE 5.1 Proprietàfarmacodinamiche Categoriafarmacoterapeutica:emodialitici,concentrati,CodiceATC:B05ZA. Lasoluzioneperemodialisiconcentratabasicacontienesodiobicarbonatoedèutilizzataperneutralizzarelesoluzioni peremodialisiconcentrateacideprimadelladialisi. 5.2Proprietàfarmacocinetiche Nonpertinente. 5.3Datipreclinicidisicurezza Idatipreclinicihannoscarsarilevanzaclinicaallalucedellavastaesperienzaacquisitaconl'usodelfarmaconell'uomo. 6.INFORMAZIONIFARMACEUTICHE 6.1Eccipienti <dacompletareacuradeltitolareaic> 6.2Incompatibilità <dacompletareacuradeltitolareaic> Inassenzadistudidicompatibilità,ilmedicinalenondeveesseremiscelatoconaltriprodotti. 6.3Validità <dacompletareacuradeltitolareaic> Usarelasoluzionesubitodopol aperturadelcontenitore;serveperunsoloedininterrottoutilizzoel eventuale residuononpuòessereutilizzato. 6.4Specialiprecauzioniperlaconservazione <dacompletareacuradeltitolareaic> Conservarenellaconfezioneoriginaleenelcontenitoreermeticamentechiuso.Noncongelare. 6.5Naturaecapacitàdelcontenitore <dacompletareacuradeltitolareaic> 6.6Istruzioniperl uso <dacompletareacuradeltitolareaic> Nonusareilmedicinaleselaconfezionenonèintegraoselasoluzionenonsipresentalimpida,incoloreosecontiene particelle. Adottaretutteleusualiprecauzionialfinedimantenerelasterilitàprimaedurantel utilizzo. Ilmedicinalenonutilizzatoeirifiutiderivatidatalemedicinaledevonoesseresmaltitiinconformitàallanormativa localevigente. 7. TITOLAREDELL AUTORIZZAZIONEALL IMMISSIONEINCOMMERCIO <dacompletareacuradeltitolareaic> 8. NUMERODELL AUTORIZZAZIONEALL IMMISSIONEINCOMMERCIO <dacompletareacuradeltitolareaic> 78

13 9. DATADIPRIMAAUTORIZZAZIONE/RINNOVODELL AUTORIZZAZIONE <dacompletareacuradeltitolareaic> 10. DATADIREVISIONEDELTESTO datadeterminazioneaifa FOGLIOILLUSTRATIVO Soluzioneperemodialisiconcentratabasica<nomeditta> CATEGORIAFARMACOTERAPEUTICA Emodialitici,concentrati. INDICAZIONITERAPEUTICHE Trattamentodipazienticoninsufficienzarenaleacuta. Sovraccaricoidrico,turbedelbilancioelettrolitico. Trattamentodelleintossicazionidasostanzedializzabili. CONTROINDICAZIONI Ipersensibilitàaiprincipiattivioadunoqualsiasideglieccipienti. Nonesistonocontroindicazioniassoluteall emodialisi. Insufficienza respiratoria grave, gravi disordini nel metabolismo lipidico e malnutrizione costituiscono controindicazionirelative. PRECAUZIONIPERL'USO Lasoluzionenondeveessereutilizzataperinfusioneendovenosa. Ilbilancioidroelettroliticodelpazientedeveessereattentamentemonitorato. Iperidratazioneedisidratazionepossonodeterminaregraviconseguenzecomeladeplezionedeifluidicorporei,lo scompensocardiacocongestiziooloshock. Potrebbeesserenecessarioreintegrareeventualiperditediproteine,aminoacidievitamineidrosolubili. Deveesserepostacautelanell utilizzoincircostanzeassociateadunelevatorischioemorragico(es.traumacranico, recenteinterventochirurgicoetc.). Perridurreidisagidellasomministrazione,primadell usolasoluzionepuòessereriscaldataallatemperaturadi37 C nellasaccadiprotezionesigillata.ilriscaldamentodeveessereeffettuatoconcaloresecco;l idealesarebbeutilizzare unapiastrariscaldanteappositamenterealizzata. Perevitarelacontaminazionedeiconnettorilasaccanondeveesserescaldatamedianteimmersioneinacqua. Controllarel esattadiluizioneprimadell uso.misurareesattamenteilvolumedaprelevare. INTERAZIONI Informareilmedicooilfarmacistasesièrecentementeassuntoqualsiasialtromedicinale,anchequellisenza prescrizionemedica. Laconcentrazioneematicadifarmacidializzabilipuòessereridottaduranteladialisi.Senecessariopotrannoessere opportunamentevariatiidosaggifarmacologici. Ilivelliplasmaticidipotassioinpazientiinterapiadigitalicadovrannoesserefrequentementevalutationde scongiurareilrischiodiarrestocardiaco. L aggiunta di farmaci alla soluzione potrà essere effettuata soltanto su indicazione del medico ed andrà accuratamentevalutata. AVVERTENZESPECIALI Usaresubitodopol aperturadelcontenitore.lasoluzionedeveesserelimpida,incoloreeprivadiparticellevisibili. Serveperunsoloedininterrottoutilizzoel eventualeresiduononpuòessereutilizzato. Gravidanzaeallattamento Chiedereconsiglioalmedicooalfarmacistaprimadiprenderequalsiasimedicinale. NonsonodisponibilidaticlinicirelativialtrattamentoconSoluzioneperemodialisiconcentratabasica<nomeditta> ingravidanzaeallattamento,cosìcomenonsonodisponibilistudisuglianimali.inquesticasideveesserevalutatoil rapportorischio/beneficiodalmedicoinbaseallecondizionidellesingolepazienti. Effettisullacapacitàdiguidareveicoliesull'usodimacchinari Ipazientisottopostiaemodialisipotrebberomanifestareeffettiindesideratichepossonocomprometterelacapacità diguidareousaremacchinari. 79

14 DOSE,MODOETEMPODISOMMINISTRAZIONE Laposologiaelemodalitàdisomministrazionevengonostabilitedivoltainvoltadalmedicoinbaseallesingole necessità. Lasceltadellaconcentrazionedipotassioediglucosionellasoluzionedipendonodallapotassiemiaedallaglicemiadel paziente. <questa frase va adattata alla effettiva composizione della sacca se presenti uno o entrambi dei componenticitati,oeliminatasenessunodeiduesiapresente> Lesoluzionifinaliperemodialisisipreparanodiluendoconacquadiqualitàappropriata(acquaperdiluizionedelle soluzioniconcentrateperemodialisi)edeventualmenteneutralizzandolasoluzioneconcentrataacidaconsoluzione basicadisodiobicarbonato. Quandolaformulazionefinalecomprendebicarbonato,lasoluzionedisodiobicarbonatodeveesserecontenutainun contenitoreocompartimentoseparatoemiscelataallasoluzionedielettrolitialmomentodell uso. Nelcorsoditalioperazionidevonoesserepresetutteleprecauzioniperevitareognicontaminazionemicrobica. Primadell usooccorreriscaldarelasoluzioneallatemperaturacorporea(vedereparagrafo4.4). Agitarebeneilmedicinaleprimadell uso. Usarelasoluzionesubitodopol aperturadelcontenitore;serveperunsoloedininterrottoutilizzoel eventuale residuononpuòessereutilizzato. Nonusareilmedicinaleselaconfezionenonèintegraoselasoluzionenonsipresentalimpida,incoloreosecontiene particelle. Adottaretutteleusualiprecauzionialfinedimantenerelasterilitàprimaedurantel utilizzo. Inassenzadistudidicompatibilità,ilmedicinalenondeveesseremiscelatoconaltriprodotti. <Istruzioniperladiluizioneelamiscelazioneconsoluzioniacide> <dacompletareacuradeltitolareaic> Dopolamiscelazioneconsoluzioniacideeladiluizionecontrollarecheilcontenutosiachiaroeprivodiprecipitati. SOVRADOSAGGIO Nonpertinente. Leeventualiconseguenzediunsovradosaggioincludonoipervolemia,ipovolemia,disturbielettroliticio(inpazienti diabetici)iperglicemia. IncasodiutilizzodiunaquantitàeccessivadiSoluzioneperemodialisiconcentratabasica<nomeditta>avvertire immediatamenteilmedicoorivolgersialpiùvicinoospedale. Sesihaqualsiasidubbiosull usodisoluzioneperemodialisiconcentratabasica<nomeditta>,rivolgersialmedicooal farmacista. EFFETTIINDESIDERATI Diseguitosonoriportatiglieffettiindesideratipiùcomunidiunaemodialisi,specialmentequandotroppofluidoviene rimossodalcorpo.nonsonodisponibilidatisufficientiperstabilirelafrequenzadeisingolieffettielencati. Disturbidelsistemaimmunitario Reazionidiipersensibilità,prurito Patologiegastrointestinali Nausea,vomito,crampiaddominali. Patologievascolari Ipotensione,emboliagassosa,emorragia(gastrointestinale,intracranica,retroperitoneale,intraoculare). Patologiedelsistemanervoso Crampimuscolari,convulsioni. Disturbipsichiatrici Insonnia,Demenza 80

15 Patologiecardiache Aritmie. Disordinidell equilibrioidricoedelettrolitico Ipoeipernatremia,ipoeiperkaliemia,ipercalcemia,ipermagnesiemia. Patologiesistemicheecondizionirelativeallasededisomministrazione Rispostefebbrili,stenosi,trombosioinfezionenelsitodiinfusione,formazionidiascessi. Ilrispettodelleistruzionicontenutenelfoglioillustrativoriduceilrischiodieffettiindesiderati. Seunoqualsiasideglieffettiindesideratisiaggrava,osesinotalacomparsadiunqualsiasieffettoindesideratonon elencatoinquestofoglioillustrativo,informareilmedicooilfarmacista. SCADENZAECONSERVAZIONE Scadenza:vedereladatadiscadenzariportatasullaconfezione. Ladatadiscadenzasiriferiscealprodottoinconfezionamentointegro,correttamenteconservato. Attenzione:nonutilizzareilmedicinaledopoladatadiscadenzariportatasullaconfezione. Condizionidiconservazione <dacompletareacuradeltitolarediaic> Conservarenellaconfezioneoriginaleenelcontenitoreermeticamentechiuso.Noncongelare. Imedicinalinondevonoesseregettatinell acquadiscaricoeneirifiutidomestici.chiederealfarmacistacome eliminareimedicinalichenonsiutilizzanopiù.questoaiuteràaproteggerel ambiente. Tenereilmedicinalefuoridallaportataedallavistadeibambini. COMPOSIZIONE <Nellatabellaseguentesonoindicatigliintervallidiconcentrazionedeicomponentichepossonoesserepresenti nellasoluzione.ognititolareriporteràlaconcentrazionedellaconfezionedicuitrattasi> 1000mldisoluzionediluitacontengono: Bicarbonato nonsuperiorea45mmol/l nonsuperiorea45meq/l Sodio mmol/l mEq/l Cloruro 0102mmol/l 0 102mEq/l <inalternativaall inserimentodellacomposizionedellaconfezionedicuitrattasi,iltitolarepuòinserirelaseguente frase:perlacomposizionedellaconfezionevederel etichettadellasacca> Eccipienti:<dacompletareacuradeltitolarediAIC> FORMAFARMACEUTICAECONTENUTO Soluzioneconcentrataperemodialisisterile<apirogena><esentedaendotossinebatteriche>. <dacompletareacuradeltitolarediaic> TITOLAREDELL'AUTORIZZAZIONEALL'IMMISSIONEINCOMMERCIO <dacompletareacuradeltitolarediaic> PRODUTTORE <dacompletareacuradeltitolarediaic> Revisionedelfoglioillustrativodapartedell AgenziaItalianadelFarmaco: datadeterminazioneaifa 81

16 SOLUZIONEPEREMODIALISICONCENTRATACONACETATO RIASSUNTODELLECARATTERISTICHEDELPRODOTTO 1.DENOMINAZIONEDELFARMACO Soluzioneperemodialisiconcentrataconacetato<nomeditta> 2.COMPOSIZIONEQUALITATIVAEQUANTITATIVA: <Nellatabelleseguentesonoindicatigliintervallidiconcentrazionedeicomponentichepossonoesserepresenti nellasoluzionedopoladiluizione.ognititolareriporteràlaconcentrazionedellaconfezionedicuitrattasi> 1000mldisoluzionediluitacontengono: Sodio mMol/l mEq/l Potassio 03,0mMol/l 0 3,0mEq/l Calcio 02,0mMol/l 0 4,0mEq/l Magnesio 01,2mMol/l 02,4mEq/l Acetato 3245mMol/l 3245mEq/l Cloruro 90120mMol/l 90120mEq/l Glucosio 012,0mMol/l <inalternativaall inserimentodellacomposizionedellaconfezionedicuitrattasi,iltitolarepuòinserirelaseguente frase:perlacomposizionedellaconfezionevederel etichettadellasacca> Perl elencocompletodeglieccipienti,vedereparagrafo FORMAFARMACEUTICA Soluzioneconcentrataperemodialisisterile<apirogena><esentedaendotossinebatteriche>. 4.INFORMAZIONICLINICHE 4.1Indicazioniterapeutiche Trattamentodipazienticoninsufficienzarenaleacuta. Sovraccaricoidrico,turbedelbilancioelettrolitico. Trattamentodelleintossicazionidasostanzedializzabili. 4.2Posologiaemododisomministrazione Laposologiaelemodalitàdisomministrazionevengonostabilitedivoltainvoltadalmedicoinbaseallesingole necessità. Lasceltadellaconcentrazionedipotassioediglucosionellasoluzionedipendonodallapotassiemiaedallaglicemiadel paziente. <questa frase va adattata alla effettiva composizione della sacca se presenti uno o entrambi dei componenticitati,oeliminatasenessunodeiduesiapresente> Lesoluzionifinaliperemodialisisipreparanodiluendoconacquadiqualitàappropriata(acquaperdiluizionedelle soluzioniconcentrateperemodialisi). Nelcorsoditalediluizionedevonoesserepresetutteleprecauzioniperevitareognicontaminazionemicrobica. Primadell usooccorreriscaldarelasoluzioneallatemperaturacorporea(vedereparagrafo4.4). Agitarebeneilmedicinaleprimadell uso. 4.3Controindicazioni Ipersensibilitàaiprincipiattivioadunoqualsiasideglieccipienti. Nonesistonocontroindicazioniassoluteall emodialisi. Insufficienza respiratoria grave, gravi disordini nel metabolismo lipidico e malnutrizione costituiscono controindicazionirelative. 4.4Specialiavvertenzeeprecauzioniperl uso Lasoluzionenondeveessereutilizzataperinfusioneendovenosa. Ilbilancioidroelettroliticodelpazientedeveessereattentamentemonitorato. Iperidratazioneedisidratazionepossonodeterminaregraviconseguenzecomeladeplezionedeifluidicorporei,lo scompensocardiacocongestiziooloshock. Potrebbeesserenecessarioreintegrareeventualiperditediproteine,aminoacidievitamineidrosolubili. 82

17 Deveesserepostacautelanell utilizzoincircostanzeassociateadunelevatorischioemorragico(es.traumacranico, recenteinterventochirurgicoetc.). Perridurreidisagidellasomministrazione,primadell usolasoluzionepuòessereriscaldataallatemperaturadi37 C nellasaccadiprotezionesigillata.ilriscaldamentodeveessereeffettuatoconcaloresecco:l idealesarebbeutilizzare unapiastrariscaldanteappositamenterealizzata. Perevitarelacontaminazionedeiconnettorilasaccanondeveesserescaldatamedianteimmersioneinacqua. Controllarel esattadiluizioneprimadell uso.misurareesattamenteilvolumedaprelevare. Usaresubitodopol aperturadelcontenitore.lasoluzionedeveesserelimpida,incoloreodicoloreleggermentegiallo paglierinoeprivadiparticellevisibili.serveperunsoloedininterrottoutilizzoel eventualeresiduononpuòessere utilizzato. <Eventualiistruzioniperladiluizione> <dacompletareacuradeltitolareaic> Dopoladiluizionecontrollarecheilcontenutosiachiaroeprivodiprecipitati. 4.5Interazioniconaltrimedicinaliealtreformediinterazione Laconcentrazioneematicadifarmacidializzabilipuòessereridottaduranteladialisi.Senecessariopotrannoessere opportunamentevariatiidosaggifarmacologici. Ilivelliplasmaticidipotassioinpazientiinterapiadigitalicadovrannoesserefrequentementevalutationde scongiurareilrischiodiarrestocardiaco. L aggiunta di farmaci alla soluzione potrà essere effettuata soltanto su indicazione del medico ed andrà accuratamentevalutata. 4.6Gravidanzaeallattamento NonsonodisponibilidaticlinicirelativialtrattamentoconSoluzioneperemodialisiconcentrataconacetato<nome ditta>ingravidanzaeallattamento,cosìcomenonsonodisponibilistudisuglianimali.inquesticasideveessere valutatoilrapportorischio/beneficiodalmedicoinbaseallecondizionidellesingolepazienti. 4.7Effettisullacapacitàdiguidareediusaremacchinari Ipazientisottopostiaemodialisipotrebberomanifestareeffettiindesideratichepossonocomprometterelacapacità diguidareousaremacchinari. 4.8Effettiindesiderati Diseguitosonoriportatiglieffettiindesideratipiùcomunidiunaemodialisi,specialmentequandotroppofluidoviene rimosso dal corpo, organizzati secondo la classificazione sistemica organica MedDRA. Non sono disponibili dati sufficientiperstabilirelafrequenzadeisingolieffettielencati. Disturbidelsistemaimmunitario Reazionidiipersensibilità,prurito Patologiegastrointestinali Nausea,vomito,crampiaddominali. Patologievascolari Ipotensione,emboliagassosa,emorragia(gastrointestinale,intracranica,retroperitoneale,intraoculare). Patologiedelsistemanervoso Crampimuscolari,convulsioni. Disturbipsichiatrici Insonnia,Demenza Patologiecardiache Aritmie. Disordinidell equilibrioidricoedelettrolitico Ipoeipernatremia,Ipoeiperkaliemia,Ipercalcemia,Ipermagnesiemia. 83

18 Patologiesistemicheecondizionirelativeallasededisomministrazione Rispostefebbrili,stenosi,trombosioinfezionenelsitodiinfusione,formazionidiascessi. 4.9Sovradosaggio Nonpertinente. Leeventualiconseguenzediunsovradosaggioincludonoipervolemia,ipovolemia,disturbielettroliticio(inpazienti diabetici)iperglicemia. 5.PROPRIETA FARMACOLOGICHE 5.1 Proprietàfarmacodinamiche Categoriafarmacoterapeutica:emodialitici,concentrati,CodiceATC:B05ZA. Le soluzioni per emodialisi sono preparazioni contenenti elettroliti in concentrazione simile a quella della composizionedelplasma. 5.2Proprietàfarmacocinetiche Nonpertinente. 5.3Datipreclinicidisicurezza Idatipreclinicihannoscarsarilevanzaclinicaallalucedellavastaesperienzaacquisitaconl'usodelfarmaconell'uomo. 6.INFORMAZIONIFARMACEUTICHE 6.1Eccipienti <dacompletareacuradeltitolareaic> 6.2Incompatibilità <dacompletareacuradeltitolareaic> Inassenzadistudidicompatibilità,ilmedicinalenondeveesseremiscelatoconaltriprodotti. 6.3Validità <dacompletareacuradeltitolareaic> Usarelasoluzionesubitodopol aperturadelcontenitore;serveperunsoloedininterrottoutilizzoel eventuale residuononpuòessereutilizzato. 6.4Specialiprecauzioniperlaconservazione <dacompletareacuradeltitolareaic> Conservarenellaconfezioneoriginaleenelcontenitoreermeticamentechiusoadunatemperaturacheimpediscala formazionedicristalli(comunquenoninferiorea4 C)ealriparodallalucesolarediretta.Noncongelare. 6.5Naturaecapacitàdelcontenitore <dacompletareacuradeltitolareaic> 6.6Istruzioniperl uso <dacompletareacuradeltitolareaic> Nonusareilmedicinaleselaconfezionenonèintegraoselasoluzionenonsipresentalimpida,incoloreodicolore leggermentegiallopaglierinoosecontieneparticelle. Adottaretutteleusualiprecauzionialfinedimantenerelasterilitàprimaedurantel utilizzo. Ilmedicinalenonutilizzatoeirifiutiderivatidatalemedicinaledevonoesseresmaltitiinconformitàallanormativa localevigente. 7. TITOLAREDELL AUTORIZZAZIONEALL IMMISSIONEINCOMMERCIO <dacompletareacuradeltitolareaic> 8. NUMERODELL AUTORIZZAZIONEALL IMMISSIONEINCOMMERCIO <dacompletareacuradeltitolareaic> 84

19 9. DATADIPRIMAAUTORIZZAZIONE/RINNOVODELL AUTORIZZAZIONE <dacompletareacuradeltitolareaic> 10. DATADIREVISIONEDELTESTO datadeterminazioneaifa FOGLIOILLUSTRATIVO Soluzioneperemodialisiconcentrataconacetato<nomeditta> CATEGORIAFARMACOTERAPEUTICA Emodialitici,concentrati. INDICAZIONITERAPEUTICHE Trattamentodipazienticoninsufficienzarenaleacuta. Sovraccaricoidrico,turbedelbilancioelettrolitico. Trattamentodelleintossicazionidasostanzedializzabili. CONTROINDICAZIONI Ipersensibilitàaiprincipiattivioadunoqualsiasideglieccipienti. Nonesistonocontroindicazioniassoluteall emodialisi. Insufficienza respiratoria grave, gravi disordini nel metabolismo lipidico e malnutrizione costituiscono controindicazionirelative. PRECAUZIONIPERL'USO Lasoluzionenondeveessereutilizzataperinfusioneendovenosa. Ilbilancioidroelettroliticodelpazientedeveessereattentamentemonitorato. Iperidratazioneedisidratazionepossonodeterminaregraviconseguenzecomeladeplezionedeifluidicorporei,lo scompensocardiacocongestiziooloshock. Potrebbeesserenecessarioreintegrareeventualiperditediproteine,aminoacidievitamineidrosolubili. Deveesserepostacautelanell utilizzoincircostanzeassociateadunelevatorischioemorragico(es.traumacranico, recenteinterventochirurgicoetc.). Perridurreidisagidellasomministrazione,primadell usolasoluzionepuòessereriscaldataallatemperaturadi37 C nellasaccadiprotezionesigillata.ilriscaldamentodeveessereeffettuatoconcaloresecco:l idealesarebbeutilizzare unapiastrariscaldanteappositamenterealizzata. Perevitarelacontaminazionedeiconnettorilasaccanondeveesserescaldatamedianteimmersioneinacqua. Controllarel esattadiluizioneprimadell uso.misurareesattamenteilvolumedaprelevare. INTERAZIONI Informareilmedicooilfarmacistasesièrecentementeassuntoqualsiasialtromedicinale,anchequellisenza prescrizionemedica. Laconcentrazioneematicadifarmacidializzabilipuòessereridottaduranteladialisi.Senecessariopotrannoessere opportunamentevariatiidosaggifarmacologici. Ilivelliplasmaticidipotassioinpazientiinterapiadigitalicadovrannoesserefrequentementevalutationde scongiurareilrischiodiarrestocardiaco. L aggiunta di farmaci alla soluzione potrà essere effettuata soltanto su indicazione del medico ed andrà accuratamentevalutata. AVVERTENZESPECIALI Usaresubitodopol aperturadelcontenitore.lasoluzionedeveesserelimpida,incoloreodicoloreleggermentegiallo paglierinoeprivadiparticellevisibili.serveperunsoloedininterrottoutilizzoel eventualeresiduononpuòessere utilizzato. Gravidanzaeallattamento Chiedereconsiglioalmedicooalfarmacistaprimadiprenderequalsiasimedicinale. NonsonodisponibilidaticlinicirelativialtrattamentoconSoluzioneperemodialisiconcentrataconacetato<nome ditta>ingravidanzaeallattamento,cosìcomenonsonodisponibilistudisuglianimali.inquesticasideveessere valutatoilrapportorischio/beneficiodalmedicoinbaseallecondizionidellesingolepazienti. Effettisullacapacitàdiguidareveicoliesull'usodimacchinari Ipazientisottopostiaemodialisipotrebberomanifestareeffettiindesideratichepossonocomprometterelacapacità diguidareousaremacchinari. 85

20 DOSE,MODOETEMPODISOMMINISTRAZIONE Laposologiaelemodalitàdisomministrazionevengonostabilitedivoltainvoltadalmedicoinbaseallesingole necessità. Lasceltadellaconcentrazionedipotassioediglucosionellasoluzionedipendonodallapotassiemiaedallaglicemiadel paziente. <questa frase va adattata alla effettiva composizione della sacca se presenti uno o entrambi dei componenticitati,oeliminatasenessunodeiduesiapresente> Lesoluzionifinaliperemodialisisipreparanodiluendoconacquadiqualitàappropriata(acquaperdiluizionedelle soluzioniconcentrateperemodialisi). Nelcorsoditalediluizionedevonoesserepresetutteleprecauzioniperevitareognicontaminazionemicrobica. Primadell usooccorreriscaldarelasoluzioneallatemperaturacorporea(vedereprecauzioniperl uso). Agitarebeneilmedicinaleprimadell uso. Usarelasoluzionesubitodopol aperturadelcontenitore;serveperunsoloedininterrottoutilizzoel eventuale residuononpuòessereutilizzato. Nonusareilmedicinaleselaconfezionenonèintegraoselasoluzionenonsipresentalimpida,incoloreodicolore leggermentegiallopaglierinoosecontieneparticelle. Adottaretutteleusualiprecauzionialfinedimantenerelasterilitàprimaedurantel utilizzo. Inassenzadistudidicompatibilità,ilmedicinalenondeveesseremiscelatoconaltriprodotti. <Eventualiistruzioniperladiluizione> <dacompletareacuradeltitolareaic> Dopoladiluizionecontrollarecheilcontenutosiachiaroeprivodiprecipitati. SOVRADOSAGGIO Nonpertinente. Leeventualiconseguenzediunsovradosaggioincludonoipervolemia,ipovolemia,disturbielettroliticio(inpazienti diabetici)iperglicemia. IncasodiutilizzodiunaquantitàeccessivadiSoluzioneperemodialisiconcentrataconacetato<nomeditta>avvertire immediatamenteilmedicoorivolgersialpiùvicinoospedale. Sesihaqualsiasidubbiosull usodisoluzioneperemodialisiconcentrataconacetato<nomeditta>,rivolgersial medicooalfarmacista. EFFETTIINDESIDERATI Diseguitosonoriportatiglieffettiindesideratipiùcomunidiunaemodialisi,specialmentequandotroppofluidoviene rimossodalcorpo.nonsonodisponibilidatisufficientiperstabilirelafrequenzadeisingolieffettielencati. Disturbidelsistemaimmunitario Reazionidiipersensibilità,prurito Patologiegastrointestinali Nausea,vomito,crampiaddominali. Patologievascolari Ipotensione,emboliagassosa,emorragia(gastrointestinale,intracranica,retroperitoneale,intraoculare). Patologiedelsistemanervoso Crampimuscolari,convulsioni. Disturbipsichiatrici Insonnia,Demenza Patologiecardiache Aritmie. 86

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Aferesi terapeutica Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Sommario: breve e dolce Parte 1: i dati 1 Parte 3: la lipidoaferesi 3 Colesterolo buono e colesterolo

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0

Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0 Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0 Riconoscimenti RICONOSCIMENTI Il marchio MedDRA è proprietà di IFPMA per conto di ICH. Dichiarazione di responsabilità e copyright Questo documento è protetto

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Qualità e sicurezza delle cure

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI 1 INDICE Premessa Art. 1 Inquadramento giuridico del Responsabile della Farmacia Art. 2 Compiti Art. 3 Smaltimento

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

"Come, quando e perché integrare la dieta delle bovine da latte con microelementi, vitamine, acidi grassi

Come, quando e perché integrare la dieta delle bovine da latte con microelementi, vitamine, acidi grassi Conferenze di zootecnia, assistenza tecnica 2010/2011 Provincia di Novara 14 gennaio 2011 "Come, quando e perché integrare la dieta delle bovine da latte con microelementi, vitamine, acidi grassi Prof.Giovanni

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Riscontro, diagnosi e trattamento di pazienti affetti da iperaldosteronismo primitivo: Linee Guida pratiche della Endocrine Society

Riscontro, diagnosi e trattamento di pazienti affetti da iperaldosteronismo primitivo: Linee Guida pratiche della Endocrine Society IPERTENSIONE prev. cardiovasc., marzo 2009 1 Riscontro, diagnosi e trattamento di pazienti affetti da iperaldosteronismo primitivo: Linee Guida pratiche della Endocrine Society John W. Funder 1, Robert

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS Proposta in risposta al bando del MATTM Finanziamento di progetti di ricerca finalizzati ad interventi di efficienza energetica e all utilizzo delle fonti di energia rinnovabile in aree urbane TECnologie

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Perchè una dieta nell insufficienza renale cronica?

Perchè una dieta nell insufficienza renale cronica? Giuliano Barsotti, Università di Pisa Perchè una dieta nell insufficienza renale cronica? Una corretta terapia nutrizionale costituisce, nelle patologie metaboliche come diabete e obesità, il trattamento

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Avviso per la Sicurezza

Avviso per la Sicurezza Avviso per la Sicurezza PRODOTTO: Nova StatStrip Sistema di Monitoraggio del Glucosio per uso ospedaliero Avviso per la Sicurezza: 01-11SS DATA: 2011-05-02 AVVISO URGENTE PER LA SICUREZZA Nova StatStrip

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) 1 Le equazioni di reazione 1 Che cosa si intende per reagente? Che cosa si intende per prodotto? 2 Disegna lo schema delle seguenti reazioni (che devono essere

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

DIDATTICA DELLA CHIMICA

DIDATTICA DELLA CHIMICA DIDATTICA DELLA CHIMICA LEZIONE INTRODUTTIVA: Concetto di modello LEZIONE N 1 Domanda problema : se consideriamo un pezzo di legno, un mucchietto di sabbia, che aspetto hanno questi 2 tipi di materia?

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

Farmacovigilanza: i corticosteroidi

Farmacovigilanza: i corticosteroidi Farmacovigilanza: i corticosteroidi Che cosa sono i corticosteroidi?...2 Quale è il meccanismo d azione dei farmaci corticosteroidi?...4 Come si somministrano i corticosteroidi?...6 Quali sono gli effetti

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

4 La concentrazione media della emoglobina nel globulo rosso è pari a A 20 24 % B* 32 36 % C 50 60 % D 90 100 %

4 La concentrazione media della emoglobina nel globulo rosso è pari a A 20 24 % B* 32 36 % C 50 60 % D 90 100 % 1 Nelle cellule eucariotiche la maggior parte degli enzimi del Ciclo di Krebs sono localizzati: A nel citosol B nella membrana mitocondriale interna C nei ribosomi D* nella matrice mitocondriale 2 In quale

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Beata vecchiaia. Nel nostro paese è in corso una grande sfida: trasformare la vecchiaia in un periodo della vita

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

ASPIRINA 500 mg granulato acido acetilsalicilico

ASPIRINA 500 mg granulato acido acetilsalicilico PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che potete usare per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012. Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana

Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012. Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012 Valutazione funzionale e prescrizione dell esercizio fisico in soggetti portatori di patologie croniche LA BIOIMPEDENZIOMETRIA Dott. Stefano Bianchi

Dettagli

TARIFFAZIONE RICETTE SSN CONTENENTI FARMACI SOP ed OTC CIRCOLARE RIEPILOGATIVA

TARIFFAZIONE RICETTE SSN CONTENENTI FARMACI SOP ed OTC CIRCOLARE RIEPILOGATIVA CIRCOLARE N. 25/08 ASSIPROFAR FEDERFARMA ROMA via dei Tizii, 10 Roma 00185 Tel. 064463140 Fax 064959325 e-mail: assiprof@tin.it sito internet: www.federfarmaroma.com AI TITOLARI DI FARMACIA DI ROMA E PROVINCIA

Dettagli

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH La Klamath è da preferire ad altre verdi-azzurre per la sua ricchezza di nutrienti completamente naturali e perfettamente bilanciati. Inoltre svolge un'azione stimolante

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Stat Profile CCX Critical Care Xpress

Stat Profile CCX Critical Care Xpress Stat Profile CCX Critical Care Xpress Semplicemente la miglior soluzione strumentale e gestionale dell emogasanalisi e dei parametri biochimici d urgenza Stat Profile CCX Critical Care Xpress PIU TEST...

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe Sito Internet Il presente documento è disponibile su www.idf.org. Referente e bibliografia correlata dell IDF Referente: Professor Stephen Colagiuri, Boden Institute

Dettagli