Misura e incertezza METODI DI MISURA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misura e incertezza METODI DI MISURA"

Transcript

1 ppunti di Misur lttrih Misur inrtzz Mtodi di misur...1 Inrtzz di misur... Il risultto di un misur...3 rrori...3 Propgzion dgli rrori nll misur indirtt...4 smpi...6 Propgzion dll inrtzz nll misur indirtt...8 Ossrvzion: inrtzz in un misur indirtt gnri MTODI DI MISUR Con il trmin misurzion si indi un sri di oprzioni vnti lo sopo di dtrminr il vlor di un quntità. Si trtt, quindi, dl prosso h port ll quntifizion di un grndzz. Il risultto dll misurzion è l misur. Pr smpliità, si prl solitmnt di misur nzihé di misurzion, m è n tnr prsnt l diffrnz tr i du trmini. L suzion di un misur rihid, torimnt, un onfronto tr l quntità inognit h si vuol misurr un quntità not, h è prs om mpion di rifrimnto. Pr mtodo di misur si intnd l squnz logi di oprzioni, dsritt in modo gnrio, impigt nll suzion dll misur. Un volt fissto, livllo dl tutto gnrl, un mtodo di misur, si prod ll ffttuzion di un spifi misur: pr produr di misur si intnd llor l insim di oprzioni, dsritt in modo spifio, utilizzt nll suzion di tl spifi misur, in ordo l mtodo di misur prfissto. Pr misurndo intndimo un quntità soggtt misur. Ci sono du possiilità di ffttur un misur: il mtodo dirtto di misur prmtt di ottnr il risultto dll misur dirttmnt dll lttur dllo strumnto utilizzto, snz l nssità di onosr spliitmnt vlori di ltri prmtri, tto ovvimnt qulli dll grndzz h influnzno l misur stss 1 ; un misur ottnut on il mtodo dirtto è ovvimnt dtt misur dirtt: si prl inv di mtodo indirtto di misur qundo il risultto dll misur è ottnuto dll ominzion di risultti di misur dirtt su prmtri funzionlmnt lgti l misurndo. Prlimo priò in qusto so di un misur indirtt. d smpio, un misur di rsistnz si può ottnr misurndo l tnsion i suoi pi l orrnt ttrvrso di ss fndo poi il rpporto. 1 Si trtt dll osiddtt grndzz di influnz, h srnno smint in sguito.

2 ppunti di Misur lttrih L mggior prt dll misur è ottnut pr vi indirtt, qusi smpr pr motivi di osto. d smpio, un misur di dnsità di un dt sostnz potr ssr ottnut dirttmnt trmit un pprhio h si him dnsimtro, m è dismnt più omodo misurr dirttmnt l mss d il volum dll sostnz frn poi il rpporto. INCRTZZ DI MISUR Tutti i risultti di un misur sono fftti d un inrtzz: l inrtzz di misur è il prmtro, ssoito l risultto di un misur, h rttrizz l disprsion di vlori h potrro ssr rgionvolmnt ttriuiti l misurndo. d smpio, il risultto dll misur di un tnsion V srà sritto nll form V 15 ± 0.5 mv L quntità 0.5 mv rpprsnt l inrtzz dll misur ffttut. Il prolm dll vlutzion di qust quntità è l oggtto dll tori dgli rrori dll inrtzz di misur. I motivi pr ui non potrmo mi liminr l inrtzz di un qulsisi misur sono moltplii: imprfzion strutturl ni omponnti dgli strumnti utilizzti (inrtzz strumntl: nonostnt l tnologi mtt disposizion strumnti smpr più rffinti, non si potrnno mi vr strumnti idli, pr ui qust us di inrtzz non potrà mi ssr null; indgutzz dl mpion di onfronto: gli Istituti Mtrologii mttono disposizion mpioni smpr più rffinti pr vnir inontro ll signz dll tni, m qusto non vl smpr; limittzz dll sl o dl sistm numrio di visulizzzion dllo strumnto; frttolosità d prt dll oprtor; imprfzioni dl mtodo di misur utilizzto /o indgutzz dl modllo mtmtio prslto (inrtzz intrins dl misurndo. Ogni modllo può ssr rso più o mno omplito, pr ui qusto fttor di inrtzz è gnrlmnt trsuril; il prolm è h un modllo omplito risult tlvolt poo prtio nll su pplizion, pr ui isogn smpr trovr un giusto ompromsso. qust us si ggiung il ftto h l insrzion di uno strumnto di misur in un sistm qusi smpr ltr l ondizioni inizili dl sistm stsso non onsnt priò l misur dl vlor h il misurndo vv prim dll insrzion. Quindi, il prosso di misur di pr sé distur il sistm ltr il vlor dll quntità d misurr. L ntità di tl disturo vri, vidntmnt, d strumnto strumnto; uno dgli sptti più importnti dll sinz dll misur è qullo di minimizzr qusto disturo. Nl sguito, frmo smpr rifrimnto qunto riportto nll Guid to th prssion of unrtinty in msurmnt, rdtt dll ISO (Intrntionl Orgniztion for Stndrdiztion: in qusto mnul (h nl sguito himrmo smplimnt GUID si ffrm h lo sopo di un misur è dtrminr il vlor (non il vlor vro dl misurndo. Un misur dv inizir on un pproprit spifizion dl misurndo, dl mtodo di misur dll produr di misur. In gnrl, l tori dgli rrori omprnd tutti i prodimnti di vlutzion minimizzzion dgli rrori ni prodimnti pprossimti (sprimntli /o mtmtii. Non sist un trttto sustivo dll tori dgli rrori. utor: Sndro Ptrizzlli

3 Misur d inrtzz IL RISULTTO DI UN MISUR Supponimo di volr misurr un rt grndzz, d smpio il vlor di un tnsion tr du punti di un iruito. Immginimo llor di ndr ompir un sri di misur riptut di qust tnsion, sforzndoi di mntnr smpr l stss ondizioni mintli. In gnrl, notrmo h i risultti dll misur non sono uguli tr di loro: in prtiolr, d gnrlmnt h l prim ifr signifitiv si mntngono uguli pr tutt l misur, mntr inv l ltr vrino d misur misur. Pr smpio, s l tnsion d misurr è rlmnt di 1V, i vlori h potrmo ottnr srnno 1.1, 11.9, 1, 1., 11.8 osì vi. L us di qust vriilità di risultti dll misur sono moltplii sono stt in prt nnt prim; itimo: l prturzioni mintli (vrizioni di tmprtur, di prssion, di umidità, di mpi mgntii d lttrii di ntur prssit osì vi; limitzion tnologih dll strumntzion (imprfzioni ostruttiv, instilità dll trtur; limitzioni nl potr risolutivo dll ohio dll ilità di lttur dll oprtor: in prtiolr, qust limitzioni rigurdno solo gli strumnti nlogii (d smpio un multimtro nlogio, in qunto gli strumnti digitli (d smpio un multimtro digitl fornisono indizioni numrih di vlori misurti. RRORI Prim di sguir un misur di un misurndo, è possiil vr disposizion un stim dl vlor di tl misurndo 3. Indihimo llor on V il vlor vro (h non è mi noto dl misurndo on l stim (h inv è not di V. l fin di oprr lun possiili orrzioni ll misur sguit, è trdizionlmnt risultto util introdurr il ontto di rror. Si dfinis rror ssoluto,, l diffrnz tr il vlor misurto l stim dl vlor dl misurndo: S noi onosssimo sttmnt il vlor dl misurndo, potrmmo nh vlutr sttmnt l rror ssoluto. l ontrrio, dl misurndo imo solo l stim, pr ui l rror ssoluto non potrà mi ssr onosiuto sttmnt quindi l orrzion non potrà mi ssr omplt. Qusto è il motivo pr ui un misur srà smpr fftt d inrtzz. Oorr prò distingur l prol rror d inrtzz, h non sono ssolutmnt di sinonimi non vnno priò onfus: possimo dir gnrimnt h l inrtzz (simolo: U di un misur è un qulunqu numro positivo di ui si sppi on rtzz (! h è mggiornt dl vlor ssoluto dll rror : U 3 Tl stim può drivr dll disponiilità di un mpion o dll onosnz dl suo vlor ( dll su inrtzz, oppur dll dfinizion onvnzionl priori dl vlor dl misurndo, o dl vlor mdio di misur prdntmnt sguit sullo stsso misurndo o d ltr informzioni nor. 3 utor: Sndro Ptrizzlli

4 ppunti di Misur lttrih ltr du fondmntli diffrnz tr rror d inrtzz sono l sgunti: in primo luogo, mntr gli rrori sono fftti d sgno, l inrtzz sono smpr quntità positiv; in sondo luogo, mntr l inrtzz può ssr vlutt sttmnt, lo stsso non è possiil pr l rror, in qunto sso dipnd dl vlor vro dll grndzz sotto misur tl vlor non è onosiil prfttmnt. In sintsi, ogni volt h ompimo un misur, noi ompimo nh un rror, h prò non possimo onosr; tutto iò h possimo fr è stimr tl rror trmit un suo mggiornt, qul è ppunto l inrtzz. Lsindo d prt, pr il momnto, il ontto di inrtzz, tornimo gli rrori. Si dfinis rror rltivo,, il rpporto tr l rror ssoluto l stim dl vlor dl misurndo: Considrndo h il vlor si ssum omunqu stnz prossimo l vlor, si può nh porr qust è l sprssion utilizzt qusi smpr nll pplizioni. L rror rltivo può nh ssr fornito in prntul, nl qul so di prl di rror rltivo prntul, % : % 100 Sgnlimo inoltr h, ssndo l rror di misur gnrlmnt piolo, è possiil trttr l rror ssoluto om diffrnzil, il h signifi sostnzilmnt srivr h d d PROPGZION DGLI RRORI NLL MISUR INDIRTT imo dtto in prdnz h un misur indirtt dl misurndo è un ominzion di vlori di misur dirtt di grndzz funzionlmnt lgt l misurndo stsso: f (,,,... L funzion f rpprsnt il lgm funzionl tr il misurndo (dtto nh grndzz di usit l quntità (dtt grndzz di ingrsso susttiili di un misur dirtt d ui dipnd. smpio nl di misur indirtt è qullo dl vlor di un rsistnz, h può ssr ottnuto om rpporto tr l tnsion misurt i pi dll rsistnz l orrnt h risult ttrvrsr l rsistnz (misurt nh ss i pi dll rsistnz stss. utor: Sndro Ptrizzlli 4

5 Misur d inrtzz Considrndo llor h isun misur dirtt prsnt un rror, i hidimo om un misur indirtt risnt dgli rrori dll singol misur dirtt d ui è ottnut 4. Qust nlisi è importnt in qunto onsnt, prim di ffttur l misur, di sglir il mtodo più orrtto pr l suzion dll misur stss. D ltr prt, l vlutzion dl modo in ui si propgno gli rrori non v onfus on l produr nssri ll indizion dl risultto finl di un misur indirtt, pr l qul è inv nssrio fr rifrimnto ll propgzion dll inrtzz, dll qul si prlrà in sguito. Considrimo un grndzz f (,,,... h si funzion di divrs grndzz misurili,,,.... L misur di isun di qust quntità,,,... sono fftt d rrori d è possiil studir, on smplii pssggi mtmtii, om qusti si propgno su. In prtiolr, fimo l ipotsi h gli rrori sino suffiintmnt pioli d potr onfondr l rror ssoluto on il diffrnzil totl dll funzion : quindi l rror ssoluto è d d d d... vidnt h, in qust formul, i trmini d, d, d,... sono gli rrori ssoluti sull grndzz,,,..., pr ui srivimo h In s qust rlzion, l rror ssoluto su è un prtiolr ominzion linr dgli rrori ssoluti sull grndzz,,,... : i offiinti dll ominzion linr sono l drivt przili dll funzion f risptto d,,,.... Ovvimnt, dll rror ssoluto possimo filmnt rislir ll rror rltivo, dividndo pr il vlor misurto pr l grndzz in sm:... d 1... Moltiplindo dividndo il trmin trmini, possimo srivr h pr, il trmin v pr osì vi gli ltri In tl modo, nh l rror rltivo su è un prtiolr ominzion linr dgli rrori rltivi sull grndzz,,,... : i offiinti dll ominzion linr sono in qusto so l drivt przili dll funzion f risptto d,,,...., moltiplit isun pr l grndzz orrispondnt divis tutt pr : 4 In modo nlogo, i porrmo in sguito il prolm di lolr l inrtzz dll misur indirtt not h sino l inrtzz ssoit ll singol misur dirtt. 5 utor: Sndro Ptrizzlli

6 ppunti di Misur lttrih Qust formul sprim il osiddtto prinipio di sovrpposizion dgli rrori. ss f rifrimnto ll rror rltivo dll misur di, m è vidnt h st moltiplir pr pr ottnr l rror ssoluto: smpi Fimo llor qulh smpio di pplizion dll formul ppn ottnut. Considrimo, d smpio, il so in ui l grndzz di intrss si il prodotto di du ltr grndzz d misurr dirttmnt, pr ui Pr lolr l rror rltivo su in funzion dgli rrori rltivi su su, i st pplir l formul rivt poo f: 1 1 ( ( imo dunqu rivto h l rror rltivo di un grndzz, ottnut dl prodotto di du grndzz misurili, è dto dll somm dgli rrori rltivi di di. qusto stsso risultto possimo rrivr nh pr ltr vi. Cominimo on l pplir l dfinizion di rror rltivo su : 1 D qui possimo rivr il vlor dl misurndo in funzion dl suo rror rltivo: 1 ( Stsso disorso possimo fr nh pr l grndzz di ui è funzion: imo dunqu h ( ( dto h ( ( 1 ( 1 ( 1 ( 1 Nl trmin ( 1, il prodotto è siurmnt trsuril risptto gli ltri: 1 ( Confrontndo qust rlzion on l rlzion ( 1 ottnut prim, dduimo h utor: Sndro Ptrizzlli 6

7 Misur d inrtzz dto h ( 1 ( Qusto è vidntmnt lo stsso risultto ottnuto prim. Possimo pplir qusto risultto d ltri si nloghi. Pr smpio, supponimo h si : pr ottnr l rror rltivo su, i st onsidrr l formul porr, in modo d ottnr : qust formul di h l rror rltivo di un grndzz, ottnut dl qudrto di un grndzz misuril, è pri du volt l rror rltivo su. In modo dl tutto nlogo, s, llor si vrifi filmnt h. Inoltr, s..., llor...: l rror rltivo di un grndzz, ottnut dl prodotto di un rto numro di grndzz misurili, è dto dll somm di singoli rrori rltivi. Considrimo dsso un grndzz h si dt dl rpporto tr du grndzz misurili: pplindo nor un volt il prinipio di sovrpposizion dgli rrori, imo h l rror rltivo su vl / / ( / ( / 1 imo in qusto so rivto h l rror rltivo di un grndzz, ottnut dl quozint di du grndzz misurili, è dto dll diffrnz dgli rrori rltivi di di : proposito di qust formul, è importnt ossrvr un os: spsso d, nll prti, h gli rrori rltivi non sino noti on sttzz in ntità sgno, pr ui s n fissno i limiti h dlimitno l fsi di inrtzz. In gnr, llor, si prfris fornir un stim dl vlor mssimo dll rror rltivo, in modo d onsidrr il so pggior (worst s: iò signifi, quindi, h, nh nl so di /, si prnd omunqu ( M in modo d indir il mssimo vlor (stimto dll rror rltivo. C è d ltr prt un ltr possiilità: nzihé onsidrr il so pggior, si onsidr il vlor più proil dll rror rltivo, h è vlutto om ( PRO Si ottin, on qust formul, un quntità h è siurmnt mggior di di, m è minor dll loro somm. 7 utor: Sndro Ptrizzlli

8 ppunti di Misur lttrih Considrimo dsso un grndzz h si dt dll somm di du grndzz misurili: pplindo il prinipio di sovrpposizion dgli rrori, l rror rltivo su risult ssr ( ( Qust formul, nl so prtiolr in ui, fornis vidntmnt : quindi, l rror rltivo di un grndzz, ottnut dll somm di du grndzz misurili l ui misur sono fftt dllo stsso rror rltivo, è pri su volt d. Considrimo infin L rror rltivo su vl ( ( nh in qust ultimo so, osì om nl so di /, s i si pon nll ipotsi dl so pggior, si prnd il vlor mssimo dll rror rltivo, h in qusto so vl ( M In tl modo, l rror rltivo ottnuto su un grndzz ottnut pr diffrnz è tnto mggior qunto più l grndzz misurili sono viin tr di loro. N risult, quindi, h un mtodo di misur sto sull diffrnz tr du grndzz misurili v pplito solo in si prtiolri. PROPGZION DLL INCRTZZ NLL MISUR INDIRTT imo dtto h l inrtzz ssoit d un misur può ssr vist om un mggiornt dll rror ssoluto - ssoito ll misur stss: U Possimo llor sguir disorsi simili qulli dl prdnt prgrfo pr studir nh l propgzion dll inrtzz di misur. In prtiolr, frmo qui rifrimnto non più ll rror rltivo, m ll rror ssoluto. Considrimo d smpio un misur indirtt ottnut om somm di du misur dirtt: utor: Sndro Ptrizzlli 8

9 Misur d inrtzz Sino d i risultti dll misur rispttivmnt di di ; i orrispondnti rrori ssoluti srnno - -. dsso onsidrimo il risultto dll misur di, ottnuto om Indito on V il vlor vro (inognito dl misurndo, l rror ssoluto ssoito ll misur srà dto d V ( ( dov ovvimnt sono i vlori vri dll grndzz. imo dunqu trovto h gli rrori ssoluti in qusto so si sommno. dsso ndimo lolr il modulo dll rror ssoluto ppn individuto: imo qui pplito l not disuguglinz tringolr, h è in qusto so un dirtt onsgunt dll rgol dl so pggior, ssumndo h i du rrori sull misur dirtt vdno omunqu sommrsi. D ltr prt, sppimo h isun rror ssoluto è mggiorto dll inrtzz di misur, pr ui possimo srivr h U U U Qust disuguglinz i onfrm h nh nll misur indirtt ottnut om somm di misur indirtt, l rror ssoluto è mggiorto dll inrtzz. Si not inoltr un fondmntl diffrnz tr l rror ssoluto di misur l inrtzz U di misur: inftti, mntr gli rrori ssoiti ll singol misur dirtt si sommndo lgrimnt (, l inrtzz si sommno ritmtimnt, non ssndo fftt d sgno (l ontrrio dgli rrori. Pssimo dsso d un misur indirtt ottnut om diffrnz tr du misur dirtt: Sino smpr d i risultti dll misur rispttivmnt di di - - i orrispondnti rrori ssoluti. In modo nlogo prim, l rror ssoluto ssoito ll misur srà dto d V ( ( dov ovvimnt sono i vlori vri dll grndzz. In qusto so, dunqu, gli rrori ssoluti si sottrggono. Clolndo il modulo dll rror ssoluto ppn individuto, ottnimo U U U Com si vd, pplindo nuovmnt l rgol dl so pggior, imo trovto lo stsso risultto visto nl so prdnt. 9 utor: Sndro Ptrizzlli

10 ppunti di Misur lttrih utor: Sndro Ptrizzlli 10 Pssimo or d un misur indirtt ottnut om prodotto di misur dirtt: L rror ssoluto ssoito ll misur srà dto d ( ( ( ( ( [ ] ( [ ] V Ritnndo h gli rrori sull singol misur dirtt sino omunqu pioli, possimo trsurr il trmin risptto gli ltri du, pr ui onludimo h Com ni si prdnti, lolimo il modulo dll rror ssoluto ppn individuto: U U Infin, onsidrimo un misur indirtt ottnut om rpporto di misur dirtt: / L rror ssoluto ssoito ll misur / è ( ( ( ( V Ritnndo nor un volt h gli rrori sull singol misur dirtt sino omunqu pioli, possimo trsurr il trmin dnomintor risptto, pr ui onludimo h Clolimo infin il modulo dll rror ssoluto ppn individuto: U U Possimo qusto punto ripilogr, usndo un tll, i risultti ottnuti in qusto nl prdnt prgrfo proposito dgli rrori dll inrtzz nll misur indirtt:

11 Misur d inrtzz Tipo di misur Misur rror rltivo indirtt (m somm: diffrnz: - - rror ssoluto Inrtzz ssolut U U U U prodotto: U U rpporto: / / U U D notr h, nll vlutzion quntittiv dll inrtzz ssolut di misur indirtt pr prodotto pr rpporto, l posto di, h sono inogniti, potrmo on uon pprossimzion sostituir i vlori misurti. Ossrvzion: inrtzz in un misur indirtt gnri Nl prgrfo sullo studio dll propgzion dgli rrori nll misur indirtt, imo trovto h l rror ssoluto sull misur indirtt di è sprimiil, in funzion dgli rrori ssoluti sull singol misur dirtt, trmit l formul sgunt: S lolimo il modulo di ntrmi i mmri d pplihimo l disuguglinz tringolr osì om ftto nl prdnt prgrfo, imo h Mggiorndo gli rrori ssoluti on l rispttiv inrtzz, ottnimo h U U U... Conludimo priò h l inrtzz dll gnri misur indirtt è ottniil om... U U U U... ossi om somm pst dll inrtzz dll singol misur dirtt, dov i offiinti di pso portno in onto l dipndnz dll funzion f dll singol grndzz di ingrsso. 11 utor: Sndro Ptrizzlli

12 ppunti di Misur lttrih Possimo qusto punto fr tr ossrvzioni importnti proposito dll inrtzz (h omunqu srnno riprs in sguito: un vlutzion dll inrtzz è smpr nssri; un misur on inrtzz ompltmnt sonosiut non è un misur, m piuttosto un numro so; dto h un inrtzz è un qulunqu numro mggior dll rror, non h snso hidrsi qul si l rror di un inrtzz oppur l inrtzz di un inrtzz; l ontrrio, h snso hidrsi s un inrtzz è orrtt (ioè s è ffttivmnt mggior dll rror s è miglioril (ossi s si può dtrminr un mggiorzion nor più strtt dll rror. utor: SNDRO PTRIZZLLI -mil: sito prsonl: suursl: utor: Sndro Ptrizzlli 1

Elettronica dei Sistemi Digitali Sintesi di porte logiche combinatorie fully CMOS

Elettronica dei Sistemi Digitali Sintesi di porte logiche combinatorie fully CMOS Elttroni di Sistmi Digitli Sintsi di port logih omintori full CMOS Vlntino Lirli Diprtimnto di Tnologi dll Informzion Univrsità di Milno, 26013 Crm -mil: lirli@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/ lirli

Dettagli

Macchine non completamente specificate. Sintesi Sequenziale Sincrona Sintesi Comportamentale di Reti Sequenziali Sincrone

Macchine non completamente specificate. Sintesi Sequenziale Sincrona Sintesi Comportamentale di Reti Sequenziali Sincrone Mhin non ompltmnt spifit Sintsi Squnzil Sinron Sintsi Comportmntl i Rti Squnzili Sinron Riuzion l numro gli stti pr Mhin Non Compltmnt Spifit Comptiilità Vrsion l 5/12/02 Sono mhin in ui pr lun onfigurzioni

Dettagli

Corso di Analisi: Algebra di Base 5^ Lezione Logaritmi. Proprietà dei logaritmi Equazioni logaritmiche. Disequazioni logaritmiche. Allegato Esercizi.

Corso di Analisi: Algebra di Base 5^ Lezione Logaritmi. Proprietà dei logaritmi Equazioni logaritmiche. Disequazioni logaritmiche. Allegato Esercizi. Corso di Anlisi: Algbr di Bs ^ Lzion Logritmi. Proprità di ritmi Equzioni ritmih. Disquzioni ritmih. Allgto Esrizi. LOGARITMI : Pr ritmo intndimo un sprssion lttrl indint un vlor numrio. Dfinizion : Si

Dettagli

INTEGRALI. 1. Integrali indefiniti

INTEGRALI. 1. Integrali indefiniti INTEGRALI. Intgrli indiniti Si un unzion ontinu in [, ]. Un unzion F dinit ontinu in [, ], drivil in ], [, disi primitiv di in [, ] s F, ], [. Tormi. S F è un primitiv di in [, ] llor nh G F, on R, è un

Dettagli

Circuiti Sequenziali Macchine Non Completamente Specificate

Circuiti Sequenziali Macchine Non Completamente Specificate CEFRIEL Consorzio pr l Formzion l Rir in Inggnri ll Informzion Politnio i Milno Ciruiti Squnzili Mhin Non Compltmnt Spifit Introuzion Comptiilità Riuzion l numro gli stti Mtoo gnrl FSM non ompltmnt spifit

Dettagli

Ellisse. L ellisse è il luogo geometrico dei punti del piano tali che la somma delle distanze da due punti fissi. definizione. P semidistanza focale

Ellisse. L ellisse è il luogo geometrico dei punti del piano tali che la somma delle distanze da due punti fissi. definizione. P semidistanza focale Elliss dfinizion L lliss è il luogo gomtrio di punti dl pino tli h l somm dll distnz d du punti fissi F1 F2 dtti fuohi è ostnt, ioè: smiss mggior smiss minor P smidistnz fol F 2 smidistnz fol F 1 F 2 smiss

Dettagli

e una funzione g ε S f tali che = sup g : g S f tale che h ε f < ε/2; analogamente, per

e una funzione g ε S f tali che = sup g : g S f tale che h ε f < ε/2; analogamente, per C.13 ntgrl di Rimnn Prmttimo il sgunt risultto. Lmm C.13.1 Si f un funzion limitt su = [, b]. Allor f è intgrbil s solo s pr ogni ε > 0 sistono un funzion h ε S + f un funzion g ε S f tli h h ε g ε < ε.

Dettagli

Matematica 15 settembre 2009

Matematica 15 settembre 2009 Nom: Mtriol: Mtmti 5 sttmbr 2009 Non sono mmss loltrii. Pr l domnd rispost multipl, rispondr brrndo o rhindo hirmnt un un sol lttr. Pr l ltr domnd srivr l soluzion on svolgimnto ngli spzi prdisposti..

Dettagli

IL MOTO NELLA ZONA INSATURA

IL MOTO NELLA ZONA INSATURA L ritnzion dll umidità L suprfii d 1 4 rpprsntno l sussiv fsi di drnggio gio dll qu d un mzzo poroso. Al rsr dl drnggio l qu l si ritir ngli spzi intrstizili on suprfii urvtur ur rsnt d umntndo il rio

Dettagli

Minimizzazione degli Stati in una Rete Sequenziale Sincrona

Minimizzazione degli Stati in una Rete Sequenziale Sincrona Minimizzzion gli Stti in un Rt Squnzil Sinron Murizio Plsi Murizio Plsi 1 Sintsi i Rti Squnzili Sinron Il proimnto gnrl i sintsi si svolg ni sgunti pssi: 1. Rlizzzion l igrmm gli stti prtir ll spifih l

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

RACCORDI PER APPLICAZIONI SPECIALI GIUNTI ECCENTRICI E CONICI

RACCORDI PER APPLICAZIONI SPECIALI GIUNTI ECCENTRICI E CONICI RACCORDI PER APPLICAZIONI SPECIALI GIUNTI ECCENTRICI E CONICI 2 L soluzion dimnsionl ottiml pr signz prtiolri Rordi on snz ihir Innsti on snz ihir Clssi sondo nssità Dimtro di usit vriil Collgmnto l fondo

Dettagli

Sistemi lineari COGNOME... NOME... Classe... Data...

Sistemi lineari COGNOME... NOME... Classe... Data... Cpitolo Sistmi linri Risoluzion grfi lgri rifi pr l lss prim COGNOME............................... NOME............................. Clss.................................... Dt...............................

Dettagli

a b }. L insieme Q è pertanto l insieme delle frazioni.

a b }. L insieme Q è pertanto l insieme delle frazioni. I1. Insimisti I1.1 Insimi Il ontto i insim è un ontto primitivo, prtnto non n vin t un finizion rigoros. Si può ir, intuitivmnt, h un insim è un ollzion i oggtti pr ui vlgono lun proprità: Un lmnto i un

Dettagli

ELABORAZIONE di DATI SPERIMENTALI

ELABORAZIONE di DATI SPERIMENTALI ELABORAZIONE DATI SPERIMENTALI Prof. Giovnn CATANIA Prof. Rit DONATI Dr. Tibrio T DI CORCIA L stribuzion norml o gusn com modlità borzion dti sprimntli qtittivmnt numro I N T R O D U Z I O N E Un Un dll

Dettagli

Caratterizzazione meccanica dei materiali

Caratterizzazione meccanica dei materiali Crttrizzzion mni di mtrili Esist notvol numro di prov mnih tt ll rttrizzzion dl omportmnto strutturl di mtrili /trzion, omprssion, fti, frttur, Lo sopo di isun è dfinir, in isun mito, i limiti di utilizzilità

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Minimizzazione degli Stati in una macchina a stati finiti

Minimizzazione degli Stati in una macchina a stati finiti Rti Loih Sintsi i rti squnzili sinron Minimizzzion li Stti in un mhin stti initi Proimnto: Spiih Dirmm li stti Tll li stti Minimizzzion li stti Coii li stti Tll ll trnsizioni Slt lmnti i mmori Tll ll itzioni

Dettagli

Aquadue Duplo. Guida all utilizzo. click! NEW! ON! c. Collegare il programmatore al rubinetto.

Aquadue Duplo. Guida all utilizzo. click! NEW! ON! c. Collegare il programmatore al rubinetto. Collgr il progrmmtor l ruintto. quu Duplo Pg. Gui ll utilizzo DY DY DY lik! DY Pr quu Duplo volution (o.): 80 prir il moulo i progrmmzion prmno sui u pulsnti ltrli insrir un ttri llin. ppn ollgt l ttri,

Dettagli

GEODESIA: PROPRIETA GEOMETRICHE DELL ELLISSOIDE

GEODESIA: PROPRIETA GEOMETRICHE DELL ELLISSOIDE GEODESIA: PROPRIETA GEOMETRICHE DELL ELLISSOIDE PROPRIETA GEOMETRICHE DELL ELLISSOIDE Al fin di stbilir un gomtri sull llissoid di rotzion è ncssrio non solo dfinir l quzioni dll curv idon d individur

Dettagli

Macchine non completamente specificate. Sintesi Sequenziale Sincrona Sintesi Comportamentale di Reti Sequenziali Sincrone

Macchine non completamente specificate. Sintesi Sequenziale Sincrona Sintesi Comportamentale di Reti Sequenziali Sincrone Sintsi Squnzil Sinron Sintsi Comportmntl i Rti Squnzili Sinron Riuzion l numro gli stti pr Mhin Non Compltmnt Spiit Comptiilità Vrsion l 13/01/05 (Frrni( Antol) Mhin non ompltmnt spiit Sono mhin in ui

Dettagli

Diagrammi di Influenza (Influence Diagrams: ID)

Diagrammi di Influenza (Influence Diagrams: ID) Digrmmi di Influnz (Influnc Digrms: ID) Linguggio pr l rpprsntzion grfic di prolmi dcisionli Crttristich vntggi prmttono un rpprsntzion dll struttur gnrl dl prolm, st su un pproccio visul prmttono di formlizzr

Dettagli

FISICA (dal greco physis = natura)

FISICA (dal greco physis = natura) ppunti di fisic 1 FISIC (dl grco physis = ntur) nticmnt tutti i fnomni nturli rno considrti oggtto di studio di un unic scinz dll ntur o fisic. L ntic fisic comprndv prciò l mdicin, l zoologi, l botnic,

Dettagli

Funzione esponenziale e logaritmo. Proprietà di esponenziale e logaritmo.

Funzione esponenziale e logaritmo. Proprietà di esponenziale e logaritmo. Funzion sponnzil ritmo. Proprità di sponnzil ritmo. 6. Funzion sponnzil ritmo. Proprità di sponnzil ritmo. Funzion sponnzil f ( ) fissto f : ( + ) è l bs dll funzion sponnzil d è fisst è l sponnt dll funzion

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ LE FRAZIONI Tst Tst i utolutzion 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 00 n Il mio puntggio, in ntsimi, è n Risponi ogni qusito sgnno un sol ll ltrnti. n Conront l tu rispost on l soluzioni. n Color, prtno sinistr,

Dettagli

Capitolo 7 - Predizione lineare

Capitolo 7 - Predizione lineare Appunti di lborzion numric di sgnli Cpitolo 7 - Prdizion linr Introduzion... rror mdio di prvision...3 Ossrvzion: prdizion linr com sbinctor dll squnz di ingrsso 5 Ortogonlità tr dti d rror...6 Vlor minimo

Dettagli

6) Nel 1991 Carl Lewis ha stabilito il record del mondo dei 100 m percorrendoli in 9,86 s. Qual è la velocità media in km/h?

6) Nel 1991 Carl Lewis ha stabilito il record del mondo dei 100 m percorrendoli in 9,86 s. Qual è la velocità media in km/h? 1) L unità l SI pr l tmprtur l mss sono, rispttivmnt gri grmmi klvin kilogrmmi Clsius milligrmmi Clsius kilogrmmi klvin grmmi 2) Qul mtril ffon nll olio ( = 0,94 g/m 3 )? ghiio ( = 0,92 g/m 3 ) sughro

Dettagli

CLIMATIZZAZIONE DI AMBIENTI CONFINATI: FUNZIONE COMPENSATRICE DEGLI IMPIANTI

CLIMATIZZAZIONE DI AMBIENTI CONFINATI: FUNZIONE COMPENSATRICE DEGLI IMPIANTI Corso di Impinti Tcnici.. 2009/2010 Docnt: Prof. C. Istti CAPITOLO 4 : FUNZIONE COMPENSATRICE DEGLI IMPIANTI 4.1 Gnrlità Col trmin impinto di climtizzzion si intnd un dispositivo cpc di compnsr i flussi

Dettagli

Unità Didattica N 11 Le equazioni di secondo grado ad una incognita Unità Didattica N 11 Le equazioni di secondo grado ad una incognita

Unità Didattica N 11 Le equazioni di secondo grado ad una incognita Unità Didattica N 11 Le equazioni di secondo grado ad una incognita 86 Unità Didtti N Le equzioni di seondo grdo d un inognit Unità Didtti N Le equzioni di seondo grdo d un inognit ) L definizione di equzione di seondo grdo d un inognit ) L risoluzione delle equzioni di

Dettagli

Franco Ferraris Marco Parvis Generalità sulle Misure di Grandezze Fisiche. Testi consigliati

Franco Ferraris Marco Parvis Generalità sulle Misure di Grandezze Fisiche. Testi consigliati Gnralità sull Misur di Grandzz Fisich - Misurazioni dirtt 1 Tsti consigliati Norma UNI 4546 - Misur Misurazioni; trmini dfinizioni fondamntali - Milano - 1984 Norma UNI-I 9 - Guida all sprssion dll incrtzza

Dettagli

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica Modlli di Sistmi di Produzion Modlli Algoritmi dll Logisti 000- Prolm dl ommsso viggitor: EURISTICHE CARLO MANNINO Spinz Univrsità di Rom Diprtimnto di Informti Sistmisti Euristih pr il TSP simmtrio Considrimo

Dettagli

( ) ESERCIZI PROPOSTI. y x. cos x y. x y. c cos. xlog. x y. ctg 2. sin 1. x + 1. ctgx. c sin = + ( ) 1 = + ( ) ( )

( ) ESERCIZI PROPOSTI. y x. cos x y. x y. c cos. xlog. x y. ctg 2. sin 1. x + 1. ctgx. c sin = + ( ) 1 = + ( ) ( ) ESERCIZI PROPOSTI I) Dtrminar l intgral gnral dll sgunti quazioni diffrnziali linari dl primo ordin (fr..): ) ' ) ' ) ) ' os ' 5) ' 6) 7) tg ' ' 8) ' ( + log ) 9) ' ) ) log sin os [ log ] ' + ' sin ( +

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

CORSO DI TOPOGRAFIA A - A.A. 2006-2007 ESERCITAZIONI - 09.05.07 ALLEGATO al file Esercizi di geodesia. r a. Z c. nella quale

CORSO DI TOPOGRAFIA A - A.A. 2006-2007 ESERCITAZIONI - 09.05.07 ALLEGATO al file Esercizi di geodesia. r a. Z c. nella quale CORSO DI TOPOGRAFIA A - A.A. 6-7 ESERCITAZIONI - 9.5.7 ALLEGATO l fil Esrcizi di godsi Ellissoid trrstr Fin dll scond mtà dl VII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di

Dettagli

j Verso la scuola superiore Geometria euclidea e analitica

j Verso la scuola superiore Geometria euclidea e analitica j rso l suol suprior Gomtri uli nliti Ossrv l spzzt stilisi quli ll sgunti rmzioni sono vr quli ls. B D G E B è onsutivo B. DE è onsutivo G. B è onsutivo D. B è int D. B è onsutivo D. E è onsutivo G. Il

Dettagli

Grandezze, funzioni empiriche e matematiche. 1 Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false.

Grandezze, funzioni empiriche e matematiche. 1 Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false. Grnzz unzioni Grnzz, unzioni mpirih mtmtih Grnzz irttmnt invrsmnt proporzionli Applizioni ll proporzionlità Grnzz, unzioni mpirih mtmtih Stilisi s l sunti rmzioni so vr o ls. SZ. I Un rnzz è vriil s ssum

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 25: Algoritmi sui grafi. Lezione 25 - Modulo 1. Problema. Notazioni per il percorso più breve

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 25: Algoritmi sui grafi. Lezione 25 - Modulo 1. Problema. Notazioni per il percorso più breve Informti Informti LZION : lgoritmi sui grfi Lzion - Moulo Moulo : Prolm l prorso più rv Moulo : Spnning tr osto minimo Prolm l prorso più rv Politnio i Milno - Prof. Sr omi Politnio i Milno - Prof. Sr

Dettagli

Corso di Fisica Tecnica (ING-IND/11). 1 anno laurea specialistica in architettura: indirizzo città Docente: Antonio Carbonari

Corso di Fisica Tecnica (ING-IND/11). 1 anno laurea specialistica in architettura: indirizzo città Docente: Antonio Carbonari Corso di Fisic cnic (ING-IND/). nno lur spcilistic in rchitttur: indirizzo città Docnt: Antonio Crbonri Cpitolo I Il sistm città l uso pproprito dll nrgi.. Introduzion Un insdimnto urbno è un sistm strmmnt

Dettagli

tx P ty P 1 + t(z P 1)

tx P ty P 1 + t(z P 1) Esrcizi dll dcim sttimn - Soluzioni Indichimo con S R 3 l sfr unitri nll mtric Euclid di R 3, oro S {x, y, z R 3 x + y + z 1}. Indichimo con N S il polo nord il polo sud di S, rispttimnt, oro N,, 1 S,,

Dettagli

+ poligoni e l equivalenza di figure piane + triangoli + quadrilateri

+ poligoni e l equivalenza di figure piane + triangoli + quadrilateri + poligoni + poligoni l quivlnz i figur pin + tringoli + quriltri + poligoni l quivlnz i figur pin 1 Stilisi s l sgunti ffrmzioni sono vr o fls. SEZ. E In un poligono i lti sono onsutivi u u. L somm gli

Dettagli

Guida d onda a piani metallici paralleli

Guida d onda a piani metallici paralleli Appunti di Cmpi lttromgntici Guid d ond pini mtllici prllli Introduzion: l propgzion pr ond... L ond lttromgntich... Guid d ond... Introduzion: propgzion libr propgzion guidt... Guid d ond pini mtllici

Dettagli

Matematica. Indice lezione. (Esercitazioni) dott. Francesco Giannino dott. Valeria Monetti. Funzione esponenziale

Matematica. Indice lezione. (Esercitazioni) dott. Francesco Giannino dott. Valeria Monetti. Funzione esponenziale Mtmtic (Esrcitzioni) Equzioni Disquzioni sponnzili - ritmich dott. Frncsco Ginnino dott. Vlri Montti Indic lzion Funzion sponnzil Equzioni disquzioni sponnzili Funzion ritmo Equzioni disquzioni ritmich

Dettagli

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6.

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6. Corso di laura: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta PRECORSI DI MATEMATICA PROPORZIONI Ossrvar l sgunti figur: Cosa possiamo dir di ss? Ch la suprfici dlla figura A sta alla suprfici dlla figura B com sta a 6.

Dettagli

Algebra + numeri relativi +l calcolo letterale Equazioni, disequazioni, problemi

Algebra + numeri relativi +l calcolo letterale Equazioni, disequazioni, problemi Algr + numri rltivi +l lolo lttrl Equzioni, isquzioni, prolmi + numri rltivi Rpprsnt on un numro rltivo l sgunti grnzz. SEZ. O g Altituin i 00 m sul livllo l mr. Trzo pino i un prhggio sottrrno. Prit i

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi

Svolgimento di alcuni esercizi Svolgimnto di alcuni srcizi Si ha ch dal momnto ch / tnd a pr ch tnd a (la frazion formata da un numro, in qusto caso il numro, fratto una quantità ch tnd a ±, in qusto caso, tnd smpr a ) S facciamo tndr

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Minimizzazione degli Stati in una Rete Sequenziale Sincrona

Minimizzazione degli Stati in una Rete Sequenziale Sincrona Minimizzzion gli Stti in un Rt Squnzil Sinron Murizio Plsi Murizio Plsi 1 Sintsi i Rti Squnzili Sinron Il proimnto gnrl i sintsi si svolg ni sgunti pssi: 1. Rlizzzion l igrmm gli stti prtir ll spifih l

Dettagli

MODELLI DEI SISTEMI ELETTROMECCANICI

MODELLI DEI SISTEMI ELETTROMECCANICI Ing Mrigrzi Dotoli Controlli Autotici NO (9 CFU) Modlli di Sisti Elttroccnici MODELLI DEI SISTEMI ELETTROMECCANICI Nl sguito ci occupio dll odllzion di sisti ibridi ch cobinno sisti lttrici con sisti ccnici,

Dettagli

Aquauno Video 2 Plus

Aquauno Video 2 Plus Collgr il progrmmtor l ruintto. Aquuno Vio 2 Plus Pg. 1 Gui ll utilizzo 3 START STOP RESET CANCEL 3 4 5 6 3 4 5 6 3 4 5 6 lik! Pr Aquuno Vio 2 (o.): 8454-8428 Pr Aquuno Vio 2 Plus (o.): 8412 Aprir il moulo

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

Totti, 37 anni da leggenda. Un monumento vivente. Scritto da Redazione Venerdì 27 Settembre 2013 08:39 - VALERIA META

Totti, 37 anni da leggenda. Un monumento vivente. Scritto da Redazione Venerdì 27 Settembre 2013 08:39 - VALERIA META 37 nni d lggnd Un monumnto vivnt Scritto d Rdzion VALERIA META Scrivrlo sull fccit Sn Pitro potv ffttivmnt smbrr irrivrnt pr qunto l omonimo inquino dl Vticno si si mostrto prson ll mno Così gli uguri

Dettagli

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6.

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6. Corso di laura: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta PRECORSI DI MATEMATICA PROPORZIONI Ossrvar l sgunti figur: Cosa possiamo dir di ss? Ch la suprfici dlla figura A sta alla suprfici dlla figura B com sta a 6.

Dettagli

Il campione. Il campionamento. Il campionamento. Il campionamento. Il campionamento

Il campione. Il campionamento. Il campionamento. Il campionamento. Il campionamento Il campion I mtodi di campionamnto d accnno all dimnsioni di uno studio Raramnt in uno studio pidmiologico è possibil saminar ogni singolo soggtto di una popolazion sia pr difficoltà oggttiv di indagin

Dettagli

Anno 2. Triangoli rettangoli e teorema delle corde

Anno 2. Triangoli rettangoli e teorema delle corde Anno Tringoli rettngoli e teorem delle orde 1 Introduzione In quest lezione impreri d pplire i teoremi di Eulide e di Pitgor e sopriri quli prtiolrità nsondono i tringoli rettngoli on ngoli prtiolri. Infine,

Dettagli

Informatica II. Capitolo 5. Alberi. E' una generalizzazione della struttura sequenza

Informatica II. Capitolo 5. Alberi. E' una generalizzazione della struttura sequenza Alri Informtic II Cpitolo 5 Alri E' un gnrlizzzion dll struttur squnz Si rilss il rquisito di linrità: ogni lmnto (nodo) h un solo prdcssor m può vr più succssori. Il numro di succssori (figli) può ssr

Dettagli

Successioni numeriche

Successioni numeriche 08//05 uccssioi umrich uccssioi umrich Dfiizio U succssio è u fuzio ch d ogi umro turl ssoci u umro rl 0 : 0 : Es. 08//05 uccssioi umrich Dfiizio Il it dll succssio ch ch covrg d ) si idic è il umro rl

Dettagli

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO EUROSCUOLA ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI BIANCHI SCUOLE PARITARIE PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO CLASSI MATERIA PROF. QUARTA TURISMO Matmatica Andra Brnsco Làvor ANNO SCOLASTICO

Dettagli

METODO DEGLI ELEMENTI FINITI

METODO DEGLI ELEMENTI FINITI Dal libro di tsto Zinkiwicz Taylor, Capitolo 14 pag. 398 Il mtodo dgli lmnti finiti fornisc una soluzion approssimata dl problma lastico; tal approssimazion driva non dall avr discrtizzato il dominio in

Dettagli

Distribuzione gaussiana

Distribuzione gaussiana Appunti di Misur Elttric Distribuion gaussiana Funion dnsità di probabilità di Gauss... Calcolo dlla distribuion cumulativa pr una variabil di Gauss... Funion dnsità di probabilità congiunta...6 Funion

Dettagli

CHIARA ZUCCHELLI. Florenzi, arriva il premio: contratto fino al 2016 e stipendio aumentato. Scritto da Redazione Giovedì 04 Ottobre 2012 07:31 -

CHIARA ZUCCHELLI. Florenzi, arriva il premio: contratto fino al 2016 e stipendio aumentato. Scritto da Redazione Giovedì 04 Ottobre 2012 07:31 - Flornzi rriv il prmio: contrtto fino l 2016 stipno umntto CHIARA ZUCCHELLI Il prmio più mritto rrivto Com nnuncito si d Sbtini si dl suo gnt Alssndro Lucci rrivto il rinnovo dl contrtto Alssndro Flornzi

Dettagli

Euristiche per il Problema del Commesso Viaggiatore

Euristiche per il Problema del Commesso Viaggiatore Spinz Univrsità di Rom - Diprtimnto di Inggnri Informti, Automti Gstionl Euristih pr il Problm dl Commsso Viggitor Rnto Bruni bruni@dis.unirom.it Il mtril prsntto è drivto d qullo di proff. A. Sssno C.

Dettagli

ANTON FILIPPO FERRARI

ANTON FILIPPO FERRARI ANTON FILIPPO FERRARI L Rom lo h prticmnt prso C è un ccordo mssim vnno dfiniti i dttgli in pr tic l controprtit tcnich Ngli ultimi du nni molti tifosi itlini in prticolr qulli dll Uns lo hnno conosciuto

Dettagli

Mutuo accoppiamento fra linee e accoppiatore direzionale Carlo Carobbi, Marzo 2015

Mutuo accoppiamento fra linee e accoppiatore direzionale Carlo Carobbi, Marzo 2015 Mutuo ccoppinto fr lin ccoppitor dirzionl Crlo Croi, Mrzo 05 i considr il cso di utuo ccoppinto fr lin prlll, irs in un dilttrico oogno priv di prdit. L vlocità di propgzion dll ond sull lin è v. L lin

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

Relazioni e funzioni. Relazioni

Relazioni e funzioni. Relazioni Relzioni e unzioni Relzioni Deinizione: dti due insiemi A e B, si deinise un relzione R tr A e B un orrispondenz stilit d un proposizione tr un elemento A e B, in tl so si die he è in relzione on e si

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare. Mappe Lineari. 10 maggio 2013

Appunti di Algebra Lineare. Mappe Lineari. 10 maggio 2013 Appunti di Algebr Linere Mppe Lineri 0 mggio 203 Indie Ripsso di Teori 2. Cos è un mpp linere.................................. 2.2 Aluni ftti importnti................................... 3 2 Eserizi 4

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ ELEMENTI DI CALCOLO ALGEBRICO Test di utovlutzione 0 0 0 0 0 0 60 0 80 90 00 n Il mio punteggio, in entesimi, è n Rispondi ogni quesito segnndo un sol delle lterntive. n Confront le tue risposte

Dettagli

= l. x 0. In realtà può aversi una casistica più amplia potendo sia x che f ( x) tendere ad un elemento dell insieme

= l. x 0. In realtà può aversi una casistica più amplia potendo sia x che f ( x) tendere ad un elemento dell insieme LIMITI DI FUNZINI. CNCETT DI LIMITE Esula dallo scopo di qusto libro la trattazion dlla toria sui iti. Tuttavia, pnsando di far cosa gradita allo studnt, ch dv possdr qusta nozion com background, ritniamo

Dettagli

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica Drivat dll funzioni di più variabili Indic Drivat parziali Rgol di drivazion 5 3 Drivabilità continuità 7 4 Diffrnziabilità 7 5 Drivat scond torma

Dettagli

POTENZE NECESSARIE E DISPONIBILI

POTENZE NECESSARIE E DISPONIBILI POTENZE NECESSARIE E DISPONIBILI In qusto capitolo ci proponiamo di dtrminar l curv dll potnz ncssari pr l vari condizioni di volo. Tali curv dipndranno da divrsi fattori com il pso dl vlivolo, la quota,

Dettagli

Appunti sulle disequazioni frazionarie

Appunti sulle disequazioni frazionarie ppunti sull disquazioni frazionari Sono utili l sgunti dfinizioni Una disquazion fratta o frazionaria è una disquazion nlla qual l incognita compar in qualch suo dnominator. Una disquazion razional è una

Dettagli

INCERTEZZA DELLE MISURE. Terminologia. Precisione: riproducibilità di una misura Accuratezza: vicinanza della misura con il valore vero

INCERTEZZA DELLE MISURE. Terminologia. Precisione: riproducibilità di una misura Accuratezza: vicinanza della misura con il valore vero INCERTEZZA DELLE MISURE Trminologi Prcision: riproduciilià di un misur Accurzz: vicinnz dll misur con il vlor vro Error sprimnl incrzz dll misur Tipologi di rrori sprimnli Error sismico: ls sismicmn l

Dettagli

Elenco ufficiale delle località con il numero postale d avviamento e il perimetro Informazioni sul prodotto

Elenco ufficiale delle località con il numero postale d avviamento e il perimetro Informazioni sul prodotto Dipartimnto fdral dlla difsa, dlla protzion dlla popolazion dllo sport DDPS Uffiio fdral di topografia swisstopo Elno uffiial dll loalità on il numro postal d avviamnto il primtro Informazioni sul prodotto

Dettagli

Unità Didattica N 11 Le equazioni di secondo grado ad una incognita

Unità Didattica N 11 Le equazioni di secondo grado ad una incognita Unità Didtti N Le equzioni di seondo grdo d un inognit Unità Didtti N Le equzioni di seondo grdo d un inognit 0) L definizione di equzione di seondo grdo d un inognit 0) L risoluzione delle equzioni di

Dettagli

Le equazioni di secondo grado. Appunti delle lezioni di Armando Pisani A.S Liceo Classico Dante Alighieri (GO)

Le equazioni di secondo grado. Appunti delle lezioni di Armando Pisani A.S Liceo Classico Dante Alighieri (GO) Le equzioni di seondo grdo Appunti delle lezioni di Armndo Pisni A.S. 3- Lieo Clssio Dnte Alighieri (GO) Not Questi ppunti sono d intendere ome guid llo studio e ome rissunto di qunto illustrto durnte

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli

Calore Specifico

Calore Specifico 6.08 - Calor Spcifico 6.08.a) Lgg Fondamntal dlla Trmologia Un modo pr far aumntar la Tmpratura di un Corpo è qullo di cdr ad sso dl Calor, pr smpio mttndolo in Contatto Trmico con un Corpo a Tmpratura

Dettagli

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito:

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito: OPE OPERAZIONI BINARIE Definizione di operzione inri Dto un insieme A non vuoto, si him operzione (inri) su A ogni pplizione di A in A In generle, un'operzione su A viene indit on il simolo Se (x, y) è

Dettagli

Comune di Siena SERVIZIO GESTIONE FINANZIARIA E INVESTIMENT

Comune di Siena SERVIZIO GESTIONE FINANZIARIA E INVESTIMENT Comun di Sin SERVIZIO GESTIONE FINANZIARIA E INVESTIMENT ATTO DIRIGENZIALE N 1337 DEL09/09/2015 OGGETTO: ESTINZIONE ANTICIPATA DEL DEBITO DEL COMUNE DI SIENA -DELIBERA C.C. N. 44 DEL 10.03.2015-MUTUI BANCA

Dettagli

CONOSCENZE. 1. La derivata di una funzione y = f (x)

CONOSCENZE. 1. La derivata di una funzione y = f (x) ESAME D STATO ESEMP D QUEST D MATEMATCA PER LA TERZA PROVA CONOSCENZE. La drivata di una funzion y f (), in un punto intrno al suo dominio, : il it, s sist d è finito, dl rapporto incrmntal pr h, f ( h)

Dettagli

È bene attribuire lo stesso verso (orario o antiorario) a tutte le correnti fittizie. E 1 = 6V ; E 4 = 4V ; I o = 2mA. R 1 = R 5 = 2kΩ ; R 4 = 1kΩ

È bene attribuire lo stesso verso (orario o antiorario) a tutte le correnti fittizie. E 1 = 6V ; E 4 = 4V ; I o = 2mA. R 1 = R 5 = 2kΩ ; R 4 = 1kΩ MTODO DLL CONT CCLCH O D MAXWLL TNSON TA DU PUNT D UNA T. LGG D OHM GNALZZATA MTODO DL POTNZAL A NOD TASFOMAZON STLLA-TANGOLO TANGOLO-STLLA prinipi di Kirhhoff onsentono di risolvere un qulunque rete linere,

Dettagli

8 Equazioni parametriche di II grado

8 Equazioni parametriche di II grado Equzioni prmetrihe di II grdo Un equzione he oltre ll inognit (o lle inognite) ontiene ltre lettere (un o più) si die letterri o prmetri e le lettere sono himte, nhe, prmetri; si suppong he l equzione

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

A.A.2009/10 Fisica 1 1

A.A.2009/10 Fisica 1 1 Mhine termihe e frigoriferi Un mhin termi è un mhin he, grzie un sequenz i trsformzioni termoinmihe i un t sostnz, proue lvoro he può essere utilizzto. Un mhin solitmente lvor su i un ilo i trsformzioni

Dettagli

SPERIMENTAZIONE PROGETTO TELELAVORO CUSTOMER SERVICES

SPERIMENTAZIONE PROGETTO TELELAVORO CUSTOMER SERVICES 1 SPERIMENTAZIONE PROGETTO TELELAVORO CUSTOMER SERVICES 21 Luglio 2008 2 SPERIMENTAZIONE TELELAVORO Contct Cntr coinvolti: Rom (2 prson) Npoli (8 prson) Srvizi gstiti in tllvoro: 186 Rom Off Lin Npoli

Dettagli

Scuole Italiane all'estero ESAMI DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO Sessione SECONDA PROVA SCRITTA Tema di Matematica

Scuole Italiane all'estero ESAMI DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO Sessione SECONDA PROVA SCRITTA Tema di Matematica Sssion ordinri Estro Scuol Itlin llestro ESAMI DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO Sssion SECONDA PROVA SCRITTA Tm di Mtmtic PROBLEMA E ssnto un cilindro quiltro Q il cui rio di bs misur. ) Si dtrmini il cono

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

The cost of the material maintenance is averaged over the last 3 years.

The cost of the material maintenance is averaged over the last 3 years. Anlisi i osti i un Diprtimnto 11 TABLE 4 Dprition n mintnn osts (unit: ITL) Ctgory Y Prio Inrs vlu Annul vlu 1 Furnitur 5 1.1.90{31.12.95 219 311 127 43 862 225 2 Lirry 5 1.1.90{31.12.95 542 832 793 108

Dettagli

Trasformazioni geometriche +sometrie Omotetia e similitudine Teoremi di Euclide e teorema di Talete

Trasformazioni geometriche +sometrie Omotetia e similitudine Teoremi di Euclide e teorema di Talete Trsormzioni gomtrih +somtri Omotti similituin Tormi i Euli torm i Tlt +somtri Stilisi s l sgunti rmzioni sono vr o ls. SEZ. N g h i l pplino un isomtri un igur, ss si orm. L simmtri ntrl è un prtiolr rotzion.

Dettagli

LE FRAZIONI LE FRAZIONI. La frazione è un operatore che opera su una qualsiasi grandezza e che da come risultato una grandezza omogenea a quella data.

LE FRAZIONI LE FRAZIONI. La frazione è un operatore che opera su una qualsiasi grandezza e che da come risultato una grandezza omogenea a quella data. LE FRAZIONI La frazion è un oprator ch opra su una qualsiasi grandzza ch da com risultato una grandzza omogna a qulla data. AB (Il sgmnto AB è stato diviso i tr parti sono stat prs du) Una frazion è scritta

Dettagli

Chichibìo e la gru Giacinto Civiletto -

Chichibìo e la gru Giacinto Civiletto - Chichibìo l gru Gicinto Civiltto - Sintsi L novll è l qurt dll Sst giornt d è nrrt d Nifil. Un nobil cittdino fiorntino, Currdo Ginfiglizzi, vv un cuoco vnzino di nom Chichibio. Ginfiglizzi, ch si dilttv

Dettagli

Verifica di Fisica 04/12/2014 Argomenti trattati durante il corso:

Verifica di Fisica 04/12/2014 Argomenti trattati durante il corso: Liceo Scientifico Augusto Righi, Cesen Corso di Fisic Generle, AS 2014/15, Clsse 1C Verific di Fisic 04/12/2014 Argomenti trttti durnte il corso: Grndezze fisiche: fondmentli e derivte Notzione scientific

Dettagli

operazioni con vettori

operazioni con vettori omposizione e somposizione + = operzioni on vettori = + = + Se un vettore può essere dto dll omposizione di due o più vettori, questi vettori omponenti possono essere selti lungo direzioni ortogonli fr

Dettagli

COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI

COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI (ppunti di Mrio Zfonte in fse di elorzione) Ai fini delle verifihe degli stti limite, seondo unto indito dll normtiv, in generle le ondizioni di rio d onsiderre, sono uelle

Dettagli

Misurazione del valore medio di una tensione tramite l uso di un voltmetro numerico

Misurazione del valore medio di una tensione tramite l uso di un voltmetro numerico Misurazion dl valor mdio di una tnsion tramit l uso di un voltmtro numrico La zion si conduc slzionando la funzion dc dllo strumnto collgando i trminali dllo strumnto al gnrator sotto zion: tnndo conto

Dettagli

Gli integrali indefiniti. Definizione Una funzione F(x) si dice primitiva di f(x) in un intervallo I se F (x) = f(x) per ogni x appartenente ad [a,b].

Gli integrali indefiniti. Definizione Una funzione F(x) si dice primitiva di f(x) in un intervallo I se F (x) = f(x) per ogni x appartenente ad [a,b]. Prmssa : La sgunt dispnsa non vuol ssr un trattamnto saurint dll'argomnto, ma soltanto un supporto agli studnti dl quinto anno di studio di un istituto tnio industrial. Gli intgrali indfiniti Dfinizion

Dettagli

REGRESSIONE LOGISTICA

REGRESSIONE LOGISTICA 0//04 METODI E TECNICHE DELLA RICERCA IN PSICOLOGIA CLINICA E LABORATORIO AA 04/05 PROF. V.P. SENESE Sconda Univrsità di Napoli (SUN) Facoltà di Psicologia Dipartimnto di Psicologia METODI E TECNICHE DELLA

Dettagli

test Di chimica per l accesso alle Facoltà UNiVersitarie

test Di chimica per l accesso alle Facoltà UNiVersitarie tst i himia pr l asso all Faoltà UNiVrsitari il sistma priodio dgli lmnti il sistma priodio dgli lmnti 1. indiar qual di sgunti lmnti NoN è di transizion: a F zn as Cu Cr (Mdiina Chirurgia 2005) 2. indiar

Dettagli

0.1. CIRCONFERENZA 1. La 0.1.1, espressa mediante la formula per la distanza tra due punti, diviene:

0.1. CIRCONFERENZA 1. La 0.1.1, espressa mediante la formula per la distanza tra due punti, diviene: 0.1. CIRCONFERENZA 1 0.1 Circonfrnza Considriamo una circonfrnza di cntro P 0 (x 0, y 0 ) raggio r, cioè il luogo di punti dl piano P (x, y) pr i quali si vrifica la rlazion: 0.1.1. P 0 P = r. La 0.1.1,

Dettagli