Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Temi Trasversali Coordinati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Temi Trasversali Coordinati"

Transcript

1 Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Temi Trasversali Coordinati Raccolta dei programmi (TTC n. 1-6, 9) e degli studi di fattibilità (TTC rimanenti) 10 dicembre 2004

2

3 TTC1 Monitoraggio sismico del territorio nazionale Responsabile: M. Cattaneo 1

4 2

5 1. Premessa Il monitoraggio sismico del territorio nazionale è affidato attualmente ad un sistema assai complesso, che se da un lato presenta vantaggi di ridondanza e sicurezza, dall altro è e diventerà sempre più difficile da gestire e mantenere. Al momento infatti coesistono reti tradizionali a trasmissione analogica (via cavo o via radio), reti a trasmissione digitale continua (cavo, radio o satellitare) e reti a trasmissione digitale a richiesta. Come sensori, si va da sensori monocomponente corto periodo, a sensori a banda allargata, a broad-band o very-broad-band. I segnali vengono centralizzati nelle sale di monitoraggio di Roma, Napoli, Catania e Milano, con interscambio di informazioni solo parzialmente in tempo reale. L obiettivo finale dovrebbe essere una rete sismica integrata completamente digitale, ad alta dinamica, per buona parte almeno 3 componenti, con sistemi di trasmissione sicuri ed affidabili. Una rete di questo tipo presenta il duplice vantaggio di garantire un monitoraggio più efficiente a fini di Protezione Civile, e di fornire dati di qualità per la ricerca sismologica. E noto infatti che registrazioni ad alta dinamica e banda larga consentono di espandere il campo di studi su terremoti e fenomeni vulcanici, potendo analizzare in modo più completo sia i meccanismi di generazione che di propagazione delle onde sismiche. La disponibilità di sistemi di trasmissione sicuri ed efficienti consente infine di effettuare questi studi anche in tempo reale o quasi reale, rappresentando quindi la base per la costruzione di scenari sempre più tempestivi, realistici ed affidabili. 2. Situazione attuale e sviluppi già programmati 2.1 Sezione CNT Il CNT gestisce la Rete Sismica Nazionale Centralizzata e la relativa Sala Sismica. La rete attualmente è costituita da un nucleo storico a trasmissione analogica, e una nuova parte digitale in fase di continuo sviluppo. Infatti il CNT sta procedendo a un rinnovamento della rete, basato su sensori a banda allargata o broad-band, da acquisitori digitali a alta dinamica e da vettori di trasmissione dati digitale (su cavo o via satellite). Situazione attuale della Rete Sismica Nazionale - rete analogica - circa 90 siti ancora funzionanti su CDA - rete Belice su ponte analogico - acquisizione a Gibilmanna - trasmissione via Internet a Roma (earthworm) - rete satellitare 26 stazioni installate (3 installate e gestite da Catania) 10 stazioni in preparazione scambio dati in tempo reale con ETH (6 stazioni BB sulle Alpi) hub centrale a Roma (acquisizione di tutti i canali non vulcanici ) hub secondario a Grottaminarda (tutti i canali meno Sicilia Orientale) - rete a trasmissione digitale terrestre 38 stazioni installate su linee CDN 15 stazioni installate su linee RUPA - rete a trasmissione digitale radio 13 stazioni installate a Stromboli (gestione della sezione di Napoli) - rete MedNet 3

6 13 stazioni in Italia o aree limitrofe, centralizzate o in via di centralizzazione in tempo reale - collegamento dati off-line le reti dell Italia Nord-Occidentale (Università di Genova) e Nord- Orientale (INOGS di Trieste) inviano pickings automatici tramite . Questi pickings contribuiscono alla localizzazione automatica degli eventi Situazione attuale della Rete Mobile - sistema di 10 stazioni Lennartz 5800 centralizzate via radio sul mezzo mobile di acquisizione e elaborazione - parco strumentale di circa 60 acquisitori digitali autonomi (Reftek 130, Reftek 72A, Lennartz 5800+D.U.) con sensori Lennartz 1s e 5s, Guralp CMG40, Nanometrics Trillium e accelerometri Kinemetrics Episensor Situazione attuale dei sistemi di acquisizione - sistema ridondato (3 digitalizzatori + 3 calcolatori) di acquisizione per la rete analogica (più parte della rete digitale) - nuovo sistema di acquisizione in cui confluiscono sia i dati della rete analogica che delle varie reti digitali; picking automatico, calcolo automatico della magnitudo in tempo reale, recupero automatico dati da stazioni dial-up MedNet; in fase di consolidazione e potenziamento 2.2 Sezione di Catania La sezione di Catania gestisce la Rete Sismica Unificata della Sicilia Orientale, al momento costituita da 65 stazioni, suddivise in 4 sottoreti: Iblei, Etna, area Calabro- Peloritana e Isole Eolie. La strumentazione è essenzialmente di tipo analogico, anche se dal 2002 è iniziato un processo di rinnovamento strumentale, che ha portato nel all installazione di 12 stazioni digitali 3 componenti sull Etna, di cui 9 equipaggiate con sensori a larga-banda (40s). In collaborazione con il CNT, la sezione di Catania ha inoltre installato 3 stazioni satellitari del progetto Cesis in area Peloritana ed Iblea. Altre 7 stazioni del progetto Cesis, e 9 già acquistate dalla sezione sono previste in installazione nei prossimi mesi. Situazione attuale della rete sismica permanente - rete analogica - circa 45 siti ancora funzionanti in trasmissione radio su ponti analogici - centro di acquisizione principale presso la Sala Operativa di Catania - centro di acquisizione Osservatorio di Lipari - segnali delle Eolie e dell area Calabro-Peloritana - 6 ponti radio + linea GARR per il trasferimento dei segnali dall Osservatorio di Lipari (earthworm) - vecchia rete digitale in trasmissione radio (Iblei) - 8 stazioni installate - 2 ponti radio - nuova rete digitale mista terrestre-satellitare - 15 stazioni installate (3 del progetto Cesis) - Hub a Catania (stazioni Etna + Sicilia Orientale) - 16 stazioni in previsione di installazione entro il primo semestre 2005 (7 del progetto Cesis) (programma di attività?) - analisi on-line e collegamento dati off-line 4

7 - elaborazioni on-line presso la Sala Operativa di Catania (localizzazioni automatiche, analisi automatiche sui segnali a larga-banda - spettrogrammi e polarizzazione) - invio localizzazione automatica e dei relativi pickings tramite al CNT. - trasmissione di alcuni segnali analogici via Internet a Roma (earthworm) - scambio dati stazioni digitali in tempo reale (satellitare) con CNT (3 stazioni) Situazione attuale della Rete Mobile - 4 stazioni digitali Lennartz M24 a 24 bit a 6 canali, dotate di trasmissione SpreadSpectrum - 4 stazioni stand-alone digitali Lennartz M24 a 24 bit a 6 canali - 1 stazione digitale Lennartz MarsLite - 4 stazioni Lennartz PCM sensori a larga-banda e 5 accelerometri - Furgone mobile con sistema di alimentazione autonomo a pannelli solari e gruppo elettrogeno Situazione attuale sistemi di acquisizione - sistema ridondato di acquisizione per la rete analogica a Catania e all Osservatorio di Lipari - nuovo sistema di acquisizione della nuova rete digitale (terrestre-satellitare) in fase di consolidamento e potenziamento 2.3 Sezione di Napoli La sezione di Napoli si occupa prevalentemente dello sviluppo e gestione della rete sismica centralizzata per il monitoraggio dei vulcani attivi della Campania, a cui, a partire dal gennaio 2003, si è unita la rete a larga banda per il monitoraggio dello Stromboli. La rete campana è costituita da 31 stazioni, di cui 28 analogiche corto periodo e 3 digitali a larga banda: 12 stazioni sul Vesuvio, 12 ai Campi Flegrei Ischia, 7 su scala regionale. A Stromboli sono installate 13 stazioni larga banda, centralizzate via GARR sia a Napoli che a Catania. I segnali di alcune stazioni vengono inviati a Roma, utilizzando il protocollo Earthworm. La sezione gestisce inoltre 5 stazioni dilatometriche in pozzo; altre due stazioni dilatometiche, e 6 broad-band da pozzo, sono previste in installazione per l anno prossimo. Trasmissione dati: trasmissione via radio analogica diretta con centralizzazione e digitalizzazione al centro di acquisizione a Posillipo. Trasmissione attraverso linea dedicata digitale alla sede di Via Diocleziano. Ponti radio a Nola (per rete Vesuvio) ed al Matese (per rete Ischia). Trasmissione via linee analogiche di 5 stazioni. Analisi in tempo reale: picking e localizzazione automatiche mediante Earthworm. Analisi in tempo reale delle forme d onda di Stromboli (detezione, localizzazione, analisi tremore, polarizzazione e inversione funzione sorgente). Database e web: database completo con dati stazioni ed eventi per rete permanente. Pubblicazione on-line del catalogo sismico del Vesuvio. Pubblicazione in tempo reale di forme d onda di 6 stazioni rete permanente e 6 rete Stromboli. Pubblicazione in tempo reale di risultati delle analisi automatiche dei dati di Stromboli (sistema EOLO). La Rete Sismica Mobile dell Osservatorio Vesuviano -INGV afferisce alla UF Sismologia. Essa attualmente è composta dalla seguente strumentazione: N 15 stazioni sismiche Lennartz Marslite; 5

8 N 16 sismometri a corto periodo Lennartz LE3Dlite; 2.4 Sezione di Milano La sezione di Milano partecipa al monitoraggio sismico del territorio nazionale attraverso l U.F. 4 Monitoraggio Sismologico. In particolare la sezione ha ereditato il parco strumentale dell Istituto per la Ricerca sul Rischio Sismico del CNR, costituito da 20 stazioni Mars88/FD, adatte per esperimenti di sismica attiva ma poco adatti per monitoraggio continuo. La sezione ha quindi provveduto all aggiornamento di tale strumentazione, e all acquisto di altri acquisitori e sensori (8 acquisitori Reftek 130, sensori Trillium o Lennartz 5s); la sezione dispone quindi oggi di un parco strumentale (acquisitori e sensori) adeguato all esecuzione di esperimenti mirati di monitoraggio. In particolare, l omogeneità della strumentazione con quella in dotazione al CNT (parco strumentale ex-ssn e strumentazione di pronto intervento) ha consentito in passato, e consentirà ancora più in futuro, una forte integrazione dell attività della sezione con le attività sviluppate su scala nazionale. La sezione sta inoltre collaborando con il CNT nella ricerca e preparazione di siti per la rete sismica nazionale. 2.5 Sezione Roma1 La sezione di Roma1 ha sviluppato e sviluppa attività di monitoraggio sismico soprattutto a seguito di progetti nazionali o internazionali (GNDT Cocco, CAT/SCAN), o su temi locali (analisi di effetti di sito, analisi di pattern di sismicità particolari, cfr. Guidonia). Sono inoltre attive alcune convenzioni con riflessi, attuali o auspicabili nel futuro, sul monitoraggio nazionale (Regione Toscana, Regione Marche, Agip,...). 3. Sviluppi già previsti per il monitoraggio sismico Tenuto conto delle recenti esperienze condotte sia dal CNT sia dalla Sezione di Catania in seno al processo di rinnovamento tecnologico delle reti avviato nel 2002 e a seguito delle varie prove effettuate e discussioni avutesi, alcune delle scelte tecniche già adottate vengono proposte alle altre sezioni come possibile riferimento: - si procede nell integrazione della geometria di rete, con copertura relativamente omogenea del territorio nazionale e raffittimento in aree di particolare interesse - si procede alla realizzazione delle nuove infrastrutture per le stazioni remote, conformandole ai più elevati standard qualitativi raggiunti a livello internazionale per la realizzazione di reti sismiche locali, in modo da ottenere la più elevata standardizzazione possibile a livello nazionale. La loro realizzazione dovrà consentire l ottimale condizionamento sia della sensoristica sia della parte elettronica. Pertanto i nuovi impianti di alimentazione dovranno essere realizzati e dimensionati in modo tale sia da consentire la maggiore continuità di funzionamento possibile anche in caso di avverse condizioni meterologiche, nonché di alloggiare, se necessario, altre tipologie strumentali (es. stazioni GPS). - una parte consistente della centralizzazione avviene per trasmissione satellitare; la tecnologia adottata è Nanometrics, ed il canale satellitare è Intelsat - il sensore di riferimento della nuova rete digitale è il Nanometrics Trillium 40s (broadband da campagna). I sensori Lennartz 5 e 20s rimangono comunque validi, in particolare per installazioni in cui la logistica del sito rende l utilizzo del Trillium critico. 6

9 - la realizzazione dei sistemi di teletrasmissione in alcuni casi dovrà prevedere la possibilità di trasmettere i dati secondo diverse modalità, potendo utilizzare vettori trasmissivi radio e/o telefonico dedicato di tipo numerico oltre a quello di tipo satellitare. Ciò al fine di rendere maggiormente sicuri alcuni siti particolarmente sensibili che fungono da nodi di raccolta di più stazioni remote. Questo è ad esempio il caso della nuova rete digitale dell Etna (12 stazioni) laddove si è preferito adottare un sistema di teletrasmissione misto terrestre+satellitare, con soli 4 nodi di rilancio dei segnali via satellite. Quanto realizzato costituisce garanzia di una maggiore affidabilità di funzionamento del sistema di monitoraggio sia nel caso di avverse condizione meteo sia nel caso di gravi crisi sismiche ed eruttive. - per il monitoraggio nazionale in tempo reale si adottano sistemi a trasmissione continua del canale velocimetrico, mentre eventuali canali accelerometrici vengono gestiti on demand - per la trasmissione terrestre, in luogo della tecnologia CDN finora utilizzata, si adottano collegamenti IP; la soluzione tecnica al momento preferita è la Rete Unificata per la Pubblica Amministrazione (RUPA), gestita da PathNet; non si esclude l utilizzo di trasmissioni radio (spread spectrum o radio-modem) per risolvere installazioni troppo critiche del collegamento di rete - la rete analogica rimane in funzione fino ad una verifica di funzionamento delle nuove reti digitali sufficientemente estesa nel tempo; non si esclude comunque di mantenere un sotto-insieme dell attuale rete analogica come sistema di back-up - la strumentazione ex-ssn viene gestita in stretta collaborazione con le realtà locali già coinvolte nel progetto (regioni Umbria, Marche e Abruzzo, Università di Genova), ma con un indirizzo più volto ad esperimenti scientifici mirati. La tecnologia di collegamento dovrebbe essere in maggiornaza attraverso modem GSM, in modo da garantire flessibilità di installazione - un impulso consistente allo sviluppo della Rete Sismica Nazionale è venuto dall avvio del progetto CESIS, che prevede l installazione di 60 stazioni sismiche broad-band e geodetiche permanenti in Italia Meridionale; ove possibile, i criteri adottati per il progetto CESIS vengono estesi a tutta la Rete Nazionale, in particolare per quanto riguarda l utilizzo di canali accelerometrici on demand e la condivisione di siti e canali trasmissivi con stazioni GPS permanenti 4. Punti qualificanti per lo sviluppo delle attività del TTC1 - interconnessione tra monitoraggio nazionale e monitoraggio regionale: oltre al monitoraggio sismico, su scala nazionale o su aree di particolare interesse, sviluppato dall INGV, esistono altri sistemi di monitoraggio su scala regionale ( per esempio Italia Nord-Occidentale: Dipteris, Genova; Italia Nord-Orientale: INOGS, Trieste; Regione Marche; Regione Umbria; reti di monitoraggio di ENI in Emilia e Val d Agri e dell ENEL nelle aree geotermiche tosco-laziali). Inoltre, la disponibilità della strumentazione ex-ssn dedicata al monitoraggio sismico regionale, data recentemente in comodato al CNT, consente di dare nuovo sviluppo e coordinamento a tali attività. Progetti di integrazione tra rete sismica nazionale e reti regionali, riguardanti in particolare l Italia Nord-Occidentale, la Toscana Settentrionale, le regioni Marche, Umbria e Abruzzo sono oggetto di convenzioni o protocolli di intesa in essere o in via di approvazione. Si prevede un coordinamento tra tali attività nell ambito di un progetto unificato, che utilizzi le esperienze sviluppate in particolare dalla sezione di Milano in questo ambito. - relativamente al monitoraggio sismico in aree tettoniche e vulcaniche si ritiene che, pur mantenendo il monitoraggio delle aree vulcaniche una sua specificità (si veda TTC4 per dettagli), soprattutto legata alla necessità di impiegare in alcuni 7

10 casi sensoristica particolare e/o disporre di un maggiore densità di stazioni sul vulcano oggetto di studio (ovviamente ciò vale anche nel caso si voglia monitorare in maggior dettaglio una struttura sismogenetica), la maggior parte delle scelte tecniche possono essere condivise con quelle adottate per il monitoraggio nazionale. Pertanto si propone anche per il monitoraggio vulcanico, a meno di sistemi specifici (es. antenne sismiche, reti di sensori infrasonici, etc..), normalmente impiegati ad integrazione della rete permanente, una condivisione delle tecnologie sia per le stazioni remote sia per i sistemi trasmissivi, che abbracci anche i criteri di gestione e archiviazione dati. - necessità di sistemi ridondanti di trasmissione dati e di acquisizione: alcune nuove tecnologie trasmissive adottate (satellitare e RUPA) consentono di prevedere una trasmissione su più centri di acquisizione; già ora il sistema satellitare non vulcanico è ridondato (Roma + Grottaminarda o Catania + Roma), mentre per RUPA test di doppia acquisizione (Roma + Napoli) sono in corso e sono già previsti in altri casi. Questa ridondanza dovrà consentire da una parte la creazione di canali alternativi di trasmissione dati, e quindi la continuazione del servizio di monitoraggio anche in caso di mancanza del canale trasmissivo primario, dall altra la gestione di eventuali emergenze, dovute sia a guasti gravi che a eventi disastrosi, che potrebbero non permettere l operatività di una sala di monitoraggio: occorre prevedere in casi di questo tipo l intervento immediato di un altra sala, che assuma il controllo del monitoraggio - necessità di una maggiore integrazione tra le sale di monitoraggio, con una maggior condivisione dell informazione sia in tempo reale che differito; questo comporta la creazione di una rete di collegamento tra le sale sismiche efficiente, affidabile e possibilmente protetta. Tramite questo collegamento si prevede di trasferire le informazioni elaborate da una sala di monitoraggio alle altre sale in tempo reale, in modo da evitare ritardi nella condivisione delle informazioni - gestione concordata dei data-base: pur ritenendo prematura la creazione di un data-base unificato del monitoraggio sismico, si ritiene necessario giungere ad un livello tale di correlazione tra i differenti data-bases da consentire la creazione di un portale unico di accesso a tutti i dati disponibili - maggior collegamento con la ricerca sismologica: lo sviluppo del sistema di monitoraggio sismico sta portando all acquisizione di segnali qualitativamente e quantitativamente molto differenti da quanto accadeva fino a pochi anni fa; questo sviluppo ha avuto finora poco impatto sui filoni di ricerca sismologica dell Istituto. Si ritiene indispensabile un azione in questo senso, anche per consentire un feedback immediato da parte dei fruitori dei dati, che consenta uno sviluppo del sistema di monitoraggio coerente con le esigenze della ricerca. In particolare si propone di formalizzare gruppi di lavoro trasversali sul calcolo in tempo reale di parametri di sorgente - collegamento tra monitoraggio sismico e rete geodetica permanente: per il progetto CESIS questo collegamento è specificato nel progetto; si propone di estendere per quanto possibile la condivisione di siti e supporti trasmissivi. I vantaggi di questa scelta sono evidenti in termini di efficienza sia nell installazione che nella gestione: ovviamente non tutti i siti risulteranno idonei alla doppia installazione, ma si propone di sviluppare tecnologie che consentano di risolvere in altra forma anche alcune situazioni non idonee (usando per esempio un primo tratto di trasmissione radio per il canale geodetico e/o sismico, fino ad un punto comune di immissione dei segnali nel vettore trasmissivo) 5. Programma di attività per il 2005 e sviluppi per il Aggiornamento e integrazione reti sismiche 8

11 Nel 2005 si prevede di proseguire nel rinnovamento tecnologico della rete nazionale, sia con la conversione di stazioni già esistenti (in particolare da collegamenti CDA o CDN a collegamenti RUPA) sia con nuove installazioni (con collegamenti di tipo IP, sia RUPA che satellitari). In complesso, si prevede entro il 2005 di collegare circa 50 nuovi siti RUPA e circa 40 nuovi siti satellitari. Nel 2006 si dovrebbe giungere al completamento della conversione della rete analogica in trasmissione digitale. Una parte del rinnovamento della Rete Nazionale prevede installazione di sensori in pozzo. Queste installazioni da un lato consentono di ridurre fortemente il rumore di fondo, inevitabile in aree fortemente antropizzate, e quindi di rendere le stazioni molto più sensibili; inoltre rappresentano strumenti molto interessanti per studi di effetti di amplificazione locale. Infatti alcune di queste installazioni sono previste anche nell ambito di convenzioni mirate a studi di questo tipo. i. Area Sicilia Calabria Meridionale Isole Eolie Le sezioni CNT e Catania hanno predisposto un piano di intervento per l integrazione delle reti sismiche del settore; in particolare si prevede di installare strumentazione di proprietà sia del progetto CESIS che della sezione di Catania, utilizzando sia siti già esistenti delle reti RSNC, Poseidon e IIV, sia nuovi siti. In ogni caso le nuove installazioni adotteranno i nuovi standards costruttivi definiti. Alcune delle nuove installazioni saranno dedicate al monitoraggio vulcanico (e quindi nella sfera di competenza del TTC4), ma si prevede comunque una forte integrazione di tecnologie. Un totale di circa 20 stazioni installate nel 2005 utilizzeranno strumentazione Nanometrics, o con trasmissione diretta satellitare o con un primo tratto di trasmissione radio. Inoltre, 10 stazioni attualmente centralizzate a Roma attraverso ponti radio analogici militari e linee CDA saranno convertiti in trasmissione numerica, utilizzando una nuova tecnologia in fase di installazione da parte del Ministero della Difesa. Per 4-5 siti in Sicilia da installare nel 2005 si prevede di utilizzare un collegamento con Roma tramite rete RUPA. ii. iii. iv. Campania Nel 2005 si prevede il passaggio delle stazioni regionali (6) della rete OV agli standard della rete sismica nazionale. Si prevede inoltre un infittimento della rete vulcanica, con particolare riferimento all isola di Ischia (TTC4). Colli Albani Di concerto con il TTC4, si prevede di installare un cluster di stazioni a trasmissione mista satellitare-radio nella zona dei Colli Albani (4 stazioni installate entro il 2005) Reti regionali Nel 2005 si prevede di avviare l installazione di reti regionali in Umbria, Abruzzo e Toscana Settentrionale che utilizzano parte della strumentazione Mars-88 ex- SSN, per un totale di circa 20 siti. Altra parte della strumentazione sarà utilizzata per l integrazione delle reti già esistenti (e già coordinate con la rete nazionale) nelle Marche e in Garfagnana-Lunigiana. Saranno inoltre avviati esperimenti di monitoraggio più denso in aree di particolare interesse. Tutte queste attività utilizzeranno le esperienze sviluppate negli ultimi anni nell utilizzo di questo tipo di strumentazione dalla sezione di Milano. In particolare le sezioni di Milano e CNT cureranno l integrazione di tali reti con il monitoraggio nazionale (geometrie di rete, meccanismi di scambio dati). Per quanto riguarda l Italia Nord- Occidentale, una convenzione stipulata a fine 2004 tra INGV e Dipteris Università di Genova prevede l integrazione tra la Rete Sismica Nazionale e la Rete Dell Italia Nord-Occidentale, con condivisione di siti e meccanismi di 9

12 scambio dati in tempo reale. Nel corso del 2005 si prevede di aggiornare la strumentazione in siti, e di installare 7-8 nuovi siti nell area, con la collaborazione anche della sezione di Milano. - Sistemi di ridondanza di acquisizione e archiviazione Sia la trasmissione satellitare con sistema Libra che in generale le acquisizioni tramite collegamento IP su cavo consentono una ridondanza di acquisizione (più centri ricevono i segnali della stessa stazione). Al momento per i sistemi Libra si ha acquisizione di tutte le stazioni dell Italia continentale a Roma e a Grottaminarda, e delle stazioni di monitoraggio tettonico della Sicilia Orientale a Roma e Catania. Si propone di proseguire con questa strategia, potenziando adeguatamente gli hubs di acquisizione. Si ritiene necessario organizzare meccanismi di interscambio dati tra i centri di acquisizione efficienti e stabili, in sinergia con il TTC 9. I centri da collegare prioritariamente già nel 2005 sono: Roma, Catania, Napoli, Milano, Grottaminarda, Gibilmanna, Ancona, Genova, con cui sono già attivi o attivabili a breve meccanismi di scambio dati. Si valuterà inoltre la fattibilità di collegamento privilegiato con altre sedi potenziali fornitrici di dati (Udine, Perugia, Prato, Arezzo). - Collegamento sale sismiche i. Supporti trasmissivi A dettaglio di quanto detto precedentemente, occorre organizzare un collegamento diretto tra le sale di monitoraggio di Roma, Napoli e Catania. Si propone di sviluppare in sinergia con il TTC 9 un progetto di rete virtuale protetta o comunque di una forma di collegamento che permetta di condividere almeno parte delle risorse tra le varie sale sismiche in modo trasparente ed efficiente ii. Sistemi di interscambio informazioni Una volta stabiliti collegamenti sufficientemente protetti ed efficienti, si organizzeranno meccanismi di interscambio di informazioni elaborate (per esempio esportazione di SisMap da Roma a Catania e Napoli). Nel 2005 si propone inoltre di effettuare uno studio di fattibilità per un collegamento diretto voce-video tra le sale. iii. Integrazione dei sistemi di acquisizione e visualizzazione Nel 2005 il CNT valuterà l opportunità della migrazione del sistema di acquisizione verso earthworm, standard già utilizzato dai centri di Napoli e Catania. In ogni caso questa o altre soluzioni adottate dovranno portare ad una condivisione più agevole di risorse e applicativi di acquisizione, gestione e visualizzazione. - Reti temporanee e di pronto intervento E in fase di progettazione da parte del CNT lo sviluppo di una nuova rete di pronto intervento, da utilizzare prevalentemente a seguito di crisi sismiche, basata su tecnologia Nanometrics. La rete si configurerà come una estensione temporanea della rete permanente, nel senso che i segnali delle stazioni via via installate raggiungeranno la sala sismica di Roma in modo assolutamente trasparente. In tal modo si garantisce una gestione tempestiva e integrata con la rete nazionale dei dati raccolti. Si prevede comunque una acquisizione ridondante in locale sull automezzo di appoggio dell installazione mobile, e un collegamento diretto di tale mezzo con la sala sismica tramite link satellitare commerciale, in modo da consentire una corretta gestione dell informazione da parte degli operatori attivi nell area di intervento. Inoltre il CNT gestisce un parco strumentale di circa 40 stazioni temporanee, di cui alcune espressamente dedicate al pronto intervento. 10

13 Le sezioni di Catania e Napoli si sono recentemente dotate di strumentazione idonea alla gestione di interventi temporanei principalmente in aree vulcaniche. Anche la sezione di Milano gestisce strumentazione temporanea omogenea con quella gestita dal CNT. Nel 2005 si propone di organizzare una struttura di coordinamento, e tra il 2005 e il 2006 di potenziare significativamente il parco strumentale dell Istituto. Si propone in particolare la creazione di una struttura, ispirata a PASSCAL o a SEIS- UK, per la gestione di questo parco strumentale, da mettere a disposizione alla comunità scientifica, nazionale o internazionale, per lo svolgimento di esperimenti programmati. Tutte tali attività dovranno essere comunque coordinate con il TTC 22 (Emergenze Sismiche). - Integrazione data bases i. Definizione di standards di archiviazione e gestione Come detto precedentemente, non si prevede di operare direttamente per una completa integrazione tra i vari data-bases, quanto per una omogeneizzazione dei criteri di archiviazione e gestione. Nel 2005 il CNT avvierà un gruppo di lavoro su questo tema: si propone l intervento di esperti delle altre sedi in questo gruppo di lavoro, in modo da concordare scelte e modalità, e da organizzare un portale unico di accesso a tutti i dati sismologici prodotti dall Istituto. Nel 2006 le procedure sviluppate dovrebbero divenire operative, e si dovrà puntare soprattutto sulla ottimizzazione delle risorse per la gestione e mantenimento dei sistemi (in concerto con i TTC 9 (GRID) e 17 (Banche Dati)). ii. Definizione di criteri di distribuzione Già dall inizio sarà opportuno chiarire i criteri di distribuzione dei dati: un gruppo di lavoro raccoglierà tutte le informazioni, in modo da poter sviluppare il portale in modo aderente alle esigenze. - Rinnovamento tecnologico i. Nuova strumentazione sismica Come detto precedentemente, CNT e Catania hanno già avviato un rinnovamento tecnologico considerevole, che dovrebbe portare entro 2-3 anni al completo rinnovamento del parco strumentale. La sezione di Napoli ha avviato una integrazione della rete analogica con stazioni broad-band (10 stazioni previste nel 2005) Le attività di monitoraggio strettamente vulcanico saranno ovviamente coordinate dal TTC 4. Considerato che nel corso del 2005 la sezione di Catania rinnoverà circa il 50% della vecchia rete, questo processo dovrebbe continuare con circa il 25% delle stazioni attuali nel 2006 e un altro 25% nel Per la sezione di Napoli inoltre è previsto un rinnovamento dei sistemi di trasmissione con realizzazione di nodi di acquisizione locale con trasmissione ridondante wireless/linee dedicate verso il centro di monitoraggio. ii. Sismologia in pozzo Come già detto, nel 2005 il CNT intende installare alcuni sensori sismici in pozzo per la rete nazionale (uno è già stato installato nel 2004). La sezione di Napoli prevede nel 2005 di installare 6 stazioni broad-band in pozzo, in congiunzione con le stazioni dilatometriche già realizzate. Nel 2005, la Sezione di Catania installerà nell alto versante settentrionale dell Etna una prima stazione multiparametrica (sismologia+deformazioni del suolo) in pozzo. Anche all interno di Roma1 un gruppo di lavoro sta sviluppando esperienze in questo ambito, finalizzandole principalmente a studi di effetti di sito. Si propone quindi di installare altri sensori in pozzo negli anni successivi, di cui almeno 3 in aree urbane in Sicilia Orientale (Messina, Catania, Siracusa). Si propone di sviluppare 11

14 tale attività in particolare nel 2006, a seguito delle sperimentazioni di CNT, Napoli, Catania e Roma1 nel 2005 e di concerto con gli sviluppi dell SF 13 (Metodologie e strumenti innovativi per la sismologia) 6. Tabella del personale previsto per il 2005 su attività attribuibili al TTC1 nelle varie Sezioni Ruolo CNT Roma1 CT OV MI Mesiperson a Mesiperson a Mesiperson a Mesiperson a Mesiperson a Ricercat ore Tecnolog o 12 Ruolo, 7 Contr. 8 Ruolo, 2 Contr. CTER 25 Ruolo, 5 Contr Ruolo, 1 Contr Ruolo 40 1 Ruolo, 3 Contr Contr Ruolo, 6 Contr Ruolo, 1 Contr Ruolo, 1 Contr Ruolo Ruolo Ruolo 15 1 Contr. Operator e Ruolo, 7 Contr. Ruolo, 1 Contr. Totali Esigenze di personale La quantità di attività previste per il prossimo biennio non potrà essere totalmente sviluppata con le risorse umane sopra riportate. In particolare, dato il forte sviluppo tecnologico delle reti di monitoraggio sismico, si ritiene prioritario potenziare in primo luogo il ruolo dei tecnologi e dei Collaboratori Tecnici. In dettaglio: - per la sezione CNT si può stimare un fabbisogno di circa 60 mesi-persona in aggiunta a quelli disponibili; le figure professionali strettamente necessarie potrebbero essere 3 tecnologi (1 informatico per Roma, 1 informatico e 1 elettronico per Grottaminarda); andrebbero comunque incrementate, sia pure in forma minore, le disponibilità sui ruoli di ricercatori, CTER e operatori, eventualmente anche con il ricorso a riassegnazioni di incarichi - per la sezione di Catania si può stimare un fabbisogno di circa 40 mesipersona in aggiunta a quelli disponibili; cumulando queste esigenze con quelle del TTC4, le figure professionali necessarie potrebbero essere 4 tecnologi, 3 CTER e 1 operatore 12

15 - per la sezione di Milano si può stimare un fabbisogno di circa 36 mesipersona in aggiunta a quelli disponibili; le figure professionali necessarie potrebbero essere 2 tecnologi e 1 CTER - per la sezione di Napoli si può stimare un fabbisogno di circa 30 mesipersona in aggiunta a quelli disponibili; cumulando queste esigenze con quelle del TTC4, le figure professionali necessarie potrebbero essere 2 ricercatori, 3 tecnologi e 1 CTER - per la sezione di Roma1 si auspica un maggior coinvolgimento di personale ricercatore nelle attività riguardanti il TTC1 13

16 14

17 TTC2 Sorveglianza geochimica delle aree vulcaniche attive Responsabile: S.Gurrieri 15

18 16

19 Contenuti del documento In relazione a quanto previsto dal decreto Presidenziale N 326 del 2004 dell INGV, il TTC Sorveglianza Geochimica dei Vulcani Attivi è chiamato a coordinare le attività di sorveglianza delle principali aree vulcaniche attive, promuovere lo sviluppo e la diffusione delle reti di monitoraggio continuo dei parametri geochimici e dei sistemi di trasmissione dati in tali aree. Nella tabella sono indicate le Sezioni coordinate da questo TTC ed i referenti relativi: Palermo Catania Napoli (OssVes) Roma 1 Dr. Sergio Gurrieri Dr.Mike Burton Dr. Giovanni Chiodini Ing. Gianfranco Galli Responsabile Collaboratore Collaboratore Collaboratore Di seguito verrà fornito un quadro delle attività svolte dalla nascita dell INGV ad oggi (con particolare riferimento al 2004) ed un preventivo delle attività per gli anni STATO DELL ARTE DELLE INIZIATIVE IN CORSO NELL ENTE NELL AMBITO DELL ARGOMENTO DEL TTC Generalità La sorveglianza geochimica di un area vulcanica si basa sull analisi delle variazioni temporali ed areali di parametri intensivi, quali la composizione chimica ed isotopica delle fasi fluide presenti nella parte più superficiale della crosta terrestre, ed estensivi, ad esempio i flussi di massa e di energia. Il campionamento dei fluidi e la misura in situ dei parametri geochimici avviene mediante strumentazioni spesso adattate e/o sviluppate nei laboratori INGV in modo da ottenere sistemi di osservazioni funzionali nel contesto in cui devono operare. Queste attività, negli anni, hanno determinato approfondimenti notevoli nella conoscenza di ciascuna area vulcanica il cui risultato più evidente è dato dallo sviluppo di sistemi osservativi e di modelli geochimici interpretativi. Attraverso questi, è oggi possibile formulare valutazioni più quantitative dei fenomeni vulcanici in atto. Stato dell arte Le attività di sorveglianza svolte dalle Sezioni afferenti a questo TTC sono consistite nel monitoraggio di numerosi parametri geochimici attraverso sistemi di acquisizione automatica (monitoraggio continuo) e campagne di campionamento e misura nelle principali aree vulcaniche attive italiane (monitoraggio discreto). Le indagini discrete sono consistite in misure dirette di vari parametri geochimici (quali temperature, flussi di massa e di energia...) e campionamenti di acque e gas dipersi in superficie (plume, sorgenti, acque di falda, fumarole, gas diffusi...). I campioni sono stati successivamente sottoposti a complesse analisi di laboratorio per la determinazione della composizione chimica ed isotopica. La frequenza con cui sono state programmate le campagne di misura e di campionamento è stata commensurata al livello di attività e di pericolosità per ciascuna area vulcanica. Le aree più attive e potenzialmente pericolose, quali l Etna, il Vesuvio, lo Stromboli, i 17

20 Campi Flegrei e Vulcano, sono state oggetto di misure e campionamenti mensili. Nelle rimanenti aree (Ischia, Pantelleria, Panarea...) gli interventi hanno avuto carattere trimestrale o inferiore. Durante i periodi di crisi (Etna, Panarea, Stromboli), gli interventi sono stati intensificati fino a quattro campagne al mese. Il monitoraggio continuo dei parametri geochimici è stato svolto attraverso stazioni di misura automatica che effettuano determinazioni quantitative in situ di alcuni parametri geochimici. Per il trasferimento dei dati verso le sale di monitoraggio sono stati usati link GSM ed in pochi casi link radio su frequenza dedicata. Come indicato successivamente, non tutte le aree vulcaniche attive italiane sono oggi monitorate attraverso sistemi continui. Ciò dipende essenzialmente da un gap tecnologico e di investimenti che ha interessato questo settore sopratutto in passato. Ciascuna delle due filosofie di indagine presenta dei vantaggi notevoli ed irrinunciabili sia nell ambito di attività di sorveglianza che di ricerca. Il monitoraggio continuo è caratterizzato da frequenze di acquisizione dei dati molto elevate (misure orarie ed anche più frequenti) e trasferimento degli stessi in tempo reale verso le sale di monitoraggio. Esso consente, pertanto, di risolvere anomalie temporali di breve durata e di individuare con elevata precisione l inizio e/o la fine di un periodo di anomalia. Il monitoraggio discreto non consente risoluzioni temporali paragonabili, permette però di acquisire informazioni su un grande numero di parametri geochimici (si pensi alle determinazioni della composizione chimica ed isotopica) e su scala areale molto più grande. Le due filosofie di indagine vanno considerate complementari e, pertanto, coesisteranno ancora a lungo. Di seguito viene riportato in forma schematica il quadro delle attività di sorveglianza svolte nel Per maggiore chiarezza viene anche allegata una breve descrizione delle tipologie di misura continue (allegato A). Monitoraggio Continuo ETNA - E il vulcano più attivo e pertanto viene utilizzato anche come laboratorio naturale per lo sviluppo di nuove metodologie di misura. Attualmente sono presenti tre reti di monitoraggio. La sezione di Palermo gestisce la rete gas (sei stazioni per il monitoraggio dei flussi diffusi di CO 2 e dei parametri ambientali installate nei siti Paternò (P39), S.Venerina (P78), Primoti, Maletto, S.Maria di Licodia e Naftia) e la rete acque (quattro stazioni Acque 4 parametri installate in gallerie drenanti nelle località Valcorrente, Difesa, Roccacampana e Ciapparazzo). Queste stazioni acquisiscono con frequenza oraria e trasferiscono i dati alla sala di monitoraggio di Palermo due volte al giorno attraverso rete GSM. La sezione di Catania si occupa della gestione della rete per il monitoraggio del flusso di SO 2 nel pennacchio attraverso stazioni basate su tecnologia UV scanner. VULCANO/LIPARI La rete consiste di tre stazioni per il monitoraggio delle fumarole (La Fossa, Spiaggia, Caolino), tre stazioni per il monitoraggio del flusso di CO 2 e dei parametri ambientali ed una stazione Acque 4 parametri installate nell area di Vulcano Porto. La rete è collegata alla sala di monitoraggio di Palermo attraverso ponti radio su frequenza dedicata e rete GSM. PANAREA La rete è costituita da tre stazioni 4 parametri per il monitoraggio delle acque. Le sonde sono state installate in corrispondenza di tre sorgenti termali sottomarine. I dati registrati localmente, vengono scaricati manualmente dalla sezione di Roma I per le successive elaborazioni ed interpretazioni. STROMBOLI Nell area sono presenti tre diversi sistemi di monitoraggio. La rete gas suoli è in funzione da circa tre anni. Essa consiste in due stazioni per la misura del flusso di CO 2 dai suoli e dei parametri ambientali installate a Pizzo sopra la fossa e Scari. Queste stazioni acquisiscono con frequenza oraria e sono collegate alla sala di monitoraggio attraverso rete GSM. In località Pizzo è presente un nuovo sistema di monitoraggio multiparametrico (vedi 10 in tab A) costituito da oltre 60 sensori, connesso via internet alla sala di monitoraggio. 18

MONITORAGGIO SISMOLOGICO DI STROMBOLI

MONITORAGGIO SISMOLOGICO DI STROMBOLI MONITORAGGIO SISMOLOGICO DI STROMBOLI Il vulcano Stromboli è considerato uno dei vulcani più attivi del mondo ed è caratterizzato da persistente attività esplosiva, chiamata appunto stromboliana, interrotta

Dettagli

Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1

Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1 Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1 V2.1 - Dinamica dei magmi, dei fluidi e delle rocce Studi sperimentali sulla reologia dei fusi silicatici. Studi sperimentali sui processi interazione tra rocce

Dettagli

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Unione Comunale Valdera 20 Aprile 201 IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Gilberto Saccorotti Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Pisa Fondazione Prato Ricerche Argomenti - I sistemi

Dettagli

ASPETTI TECNOLOGICI DI UN SISTEMA PER ALLERTA SISMICA: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA AMRA

ASPETTI TECNOLOGICI DI UN SISTEMA PER ALLERTA SISMICA: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA AMRA ASPETTI TECNOLOGICI DI UN SISTEMA PER ALLERTA SISMICA: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA AMRA Giovanni Iannaccone Osservatorio Vesuviano (Napoli) Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Requisiti tecnici

Dettagli

La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group

La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group + La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group + ATTIVITÀ DELLA RETE SISMICA MOBILE (RSM) La RSM nasce nei primi anni 70 come struttura finalizzata

Dettagli

Monitoraggio dei Flussi di CO 2 al Vesuvio Il monitoraggio del processo di degassamento nell area vesuviana è stato effettuato attraverso:

Monitoraggio dei Flussi di CO 2 al Vesuvio Il monitoraggio del processo di degassamento nell area vesuviana è stato effettuato attraverso: MONITORAGGIO GEOCHIMICO DELL AREA VESUVIANA 4 La sorveglianza geochimica dell area Vesuviana, effettuata dall Unità Funzionale di Geochimica dei Fluidi dell Osservatorio Vesuviano, nel corso del 2004 ha

Dettagli

Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 per le Regioni della Convergenza. Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività

Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 per le Regioni della Convergenza. Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 per le Regioni della Convergenza Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività Asse I: Sostegno ai mutamenti strutturali Obiettivo Operativo 4.1.1.4: Potenziamento

Dettagli

Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale

Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale Paolo Comelli OGS - Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale 6 MAGGIO 1976-2011 convegno per il 35 anniversario

Dettagli

A cura di: Capuano P., La Rocca A., Obrizzo F., Pingue F.,Pinto S., Russo A., Tammaro U.

A cura di: Capuano P., La Rocca A., Obrizzo F., Pingue F.,Pinto S., Russo A., Tammaro U. Rete Mareografica (area Vesuviana) 11 Il monitoraggio dei movimenti verticali del suolo è effettuato, oltre che con le tecniche geodetiche classiche e satellitari, anche tramite l uso dei mareografi che

Dettagli

- Telecamera all infrarosso termico (IR) fissa per il monitoraggio in continuo delle temperature superficiali dei suoli.

- Telecamera all infrarosso termico (IR) fissa per il monitoraggio in continuo delle temperature superficiali dei suoli. - Telecamera all infrarosso termico (IR) fissa per il monitoraggio in continuo delle temperature superficiali dei suoli. Per il monitoraggio del Vesuvio la Sezione di Napoli ha installato, o utilizzato

Dettagli

Vulcani e terremoti: osservare e prevedere

Vulcani e terremoti: osservare e prevedere Vulcani e terremoti: osservare e prevedere Enzo Boschi Venezia, 1 febbraio 2007 Crustal Plate Boundaries Sismicità crostale e profonda del Mediterraneo La Rete Sismica Nazionale Come si generano i terremoti

Dettagli

La Geotermia in Italia

La Geotermia in Italia La geotermia: una nuova ricchezza per l Italia L Italia rappresenta una zona straordinaria dal punto geologico e vulcanologico, per la presenza della crosta terrestre più sottile e perché al di sotto di

Dettagli

Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004

Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004 Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004 Paolo Augliera, Ezio D Alema,, Domenico Di Giacomo, Simone Marzorati,, Marco Massa Brescia 14 novembre 2006 L INGV http://www.ingv.it.

Dettagli

Figura 99. Figura 100.

Figura 99. Figura 100. Per quando riguarda invece la nuova stazione in foro TRC (Fig. 98), dal suo odogramma si calcola un vettore tilt di 4.9 μradianti verso ESE di cui è responsabile, come già detto, la forte deriva riscontrata

Dettagli

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Prot. int. n UFVG2009/46 Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Daniele Armando Randazzo, T. Caltabiano, G. G. Salerno, F.

Dettagli

Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 per le Regioni della Convergenza. Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività

Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 per le Regioni della Convergenza. Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 per le Regioni della Convergenza Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività Asse I: Sostegno ai mutamenti strutturali Obiettivo Operativo 4.1.1.4: Potenziamento

Dettagli

Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005

Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005 Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005 Presso la sede INGV si riuniscono i responsabili dei task del progetto S4. Sono presenti Luca Malagnini (INGV, coordinatore) Daniele Spallarossa (DIPTERIS,

Dettagli

Telecontrollo. Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto

Telecontrollo. Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto Telecontrollo Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto AUTORE: Andrea Borroni Weidmüller S.r.l. Tel. 0266068.1 Fax.026124945 aborroni@weidmuller.it www.weidmuller.it Ethernet nelle

Dettagli

Rilheva. La soluzione per il monitoraggio

Rilheva. La soluzione per il monitoraggio Rilheva. La soluzione per il monitoraggio non presidiato. Vemer-Siber Group S.p.A. - Sede Commerciale di Brugherio - Via Belvedere, 11-20047 Brugherio (MI) Tel. 039 20901 - Fax 039 2090222 - www.vemersiber.it

Dettagli

tecnici apporti Reingegnerizzazione ed ottimizzazione della rete di acquisizione sismica e geodetica della sede di Roma

tecnici apporti Reingegnerizzazione ed ottimizzazione della rete di acquisizione sismica e geodetica della sede di Roma t Anno 2009_Numero 116 apporti tecnici Reingegnerizzazione ed ottimizzazione della rete di acquisizione sismica e geodetica della sede di Roma Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo

Dettagli

Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico

Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico Lorenzo Amato Istituto di Metodologie per l Analisi Ambientale (IMAA)

Dettagli

4 a Riunione del Gruppo di Geologia informatica Cagli (PU), 15 17 giugno 2009. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

4 a Riunione del Gruppo di Geologia informatica Cagli (PU), 15 17 giugno 2009. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia 4 a Riunione del Gruppo di Geologia informatica Cagli (PU), 15 17 giugno 2009 Cagli Attività della sede Irpinia (PU), 15-17 giugno 2009 Costituito nel 1999, l'istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

P.O.R. SICILIA 2000/2006. Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR)

P.O.R. SICILIA 2000/2006. Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR) P.O.R. SICILIA 2000/2006 Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR) ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA ATTIVAZIONE DELLA MISURA ART. 1 FINALITA DELL ACCORDO Scopo dell accordo

Dettagli

1984 Reggio Calabria Il Rapido 904 6 morti 50 feriti

1984 Reggio Calabria Il Rapido 904 6 morti 50 feriti 22 23 Luglio dicembre 1970 1984 Reggio Calabria Il Rapido 904 6 morti 50 feriti 23 dicembre 1984 Il Rapido 904 15 morti 100 feriti 23 dicembre 1984 Il Rapido 904 15 morti 100 feriti 23 dicembre 1984 Il

Dettagli

SEA_LAB. Hi-Tech Marine Laboratory. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti. www.ambientemare.

SEA_LAB. Hi-Tech Marine Laboratory. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti. www.ambientemare. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti SEA_LAB Tel www.rotospeed.it Premessa SEA_LAB è un innovativo laboratorio marino galleggiante, trasportabile, e dotato di sonde

Dettagli

Rappresentazioni grafiche della Rete Sismica Permanente: Creazione di files kmz

Rappresentazioni grafiche della Rete Sismica Permanente: Creazione di files kmz Prot. int.n UFS 2005/008 Rappresentazioni grafiche della Rete Sismica Permanente: 1.Introduzione: Creazione di files kmz Graziano Larocca Come coordinatore del Gruppo RSP BB digitale satellitare, mi trovavo

Dettagli

Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011

Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011 30 convegno Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011 F. Sansivero, G. Vilardo, P. De Martino, G. Chiodini

Dettagli

Il rischio vulcanico

Il rischio vulcanico Il rischio vulcanico Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Sesta parte Prof. Rolando Neri 2 Alcuni eventi pericolosi nell attività di un vulcano. (Rielaborato da Press e Siever). Il loro verificarsi può provocare

Dettagli

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI Sage Sistemi Srl Treviglio (BG) 24047 Via Caravaggio, 47 Tel. 0363 302828 Fax. 0363 305763 e-mail sage@sagesistemi.it portale web LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

Giuseppe De Natale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano, Italy

Giuseppe De Natale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano, Italy Giuseppe De Natale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano, Italy Naples Vesuvius Campi Flegrei Ischia Le Eruzioni Vulcaniche Effusive Esplosive Flussi Piroclastici

Dettagli

Rapporto: Elaborazione e trasmissione dati di misura in modo automatico; sviluppo dei software: Conversione SO2 GML ed SFTP-DAR. Periodo 2008 2009.

Rapporto: Elaborazione e trasmissione dati di misura in modo automatico; sviluppo dei software: Conversione SO2 GML ed SFTP-DAR. Periodo 2008 2009. Prot. Int. n UFVG2009 / 61 Rapporto: Elaborazione e trasmissione dati di misura in modo automatico; sviluppo dei software: Conversione SO2 GML ed SFTP-DAR Periodo 2008 2009. Daniele Armando Randazzo La

Dettagli

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE - Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO - Art. 2 COMPITI DEL SERVIZIO - Art. 3 ORGANI COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE

Dettagli

PVCare: manutenzione per impianti fotovoltaici

PVCare: manutenzione per impianti fotovoltaici PVCare: manutenzione per impianti fotovoltaici VERDENERGIA Capitale sociale 10.000,00 i.v. - P.IVA 01069270070 - C.F. e N. Iscrizione Registro Imprese di Aosta 01069270070 - R.E.A. n. 65194 C.C.I.A.A.

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLO STROMBOLI

IL MONITORAGGIO DELLO STROMBOLI IL MONITORAGGIO DELLO STROMBOLI A cura di Jacopo Crimi Versione in italiano, francese e inglese su Stromboli online http://stromboli.net INDICE 1. LA NORMALE ATTIVITA STROMBOLIANA 2. L ATTIVITA DELLO STROMBOLI

Dettagli

(LEGGE 24.12.2007 N 244, G.U. 28.12.2007)

(LEGGE 24.12.2007 N 244, G.U. 28.12.2007) ALLEGATO 11 PIANO TRIENNALE 2013-2015 PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO, DEI BENI IMMOBILI AD USO DI SERVIZIO (LEGGE 24.12.2007 N 244, G.U.

Dettagli

Progettazione ed installazione di tre te- lecamere di sorveglianza per il monito- raggio del attività del Etna nel peri do Luglio-Agosto 2001

Progettazione ed installazione di tre te- lecamere di sorveglianza per il monito- raggio del attività del Etna nel peri do Luglio-Agosto 2001 Progettazione ed installazione di tre telecamere di sorveglianza per il monitoraggio dell attività dell Etna nel periodo Luglio-Agosto 2001 E. Pecora, G. Laudani, B. Saraceno Riassunto La sorveglianza

Dettagli

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO CONSORZIO COMUNI B.I.M. DI VALLE CAMONICA Procedura per l individuazione di un socio privato che partecipi alla costituzione di una società di capitali nella forma di società a responsabilità limitata

Dettagli

Anno 2009_Numero 112. apporti. tecnici. Il progetto per la rete dati della sede INGV di Ancona. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Anno 2009_Numero 112. apporti. tecnici. Il progetto per la rete dati della sede INGV di Ancona. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia t Anno 2009_Numero 112 apporti tecnici Il progetto per la rete dati della sede INGV di Ancona Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo Boschi Editorial Board Raffaele Azzaro (CT) Sara

Dettagli

Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani?

Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani? Il monitoraggio dei vulcani Osservatorio Vesuviano INGV 16 aprile 2011, Napoli Auditorium Porta del Parco Bagnoli HUB Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani? L obiettivo principale del monitoraggio

Dettagli

La Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell Istituto Nazionale di. Geofisica e Vulcanologia

La Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell Istituto Nazionale di. Geofisica e Vulcanologia La Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell Istituto Nazionale di Dal 2004, l Istituto Nazionale di (INGV) ha intrapreso la creazione di una infrastruttura tecnologica con il proposito di studiare alcuni

Dettagli

La stazione video di Nicolosi

La stazione video di Nicolosi Prot. int. n UFSO 2005 /002 La stazione video di Nicolosi E. Pecora, E. Biale, S. Mangiagli, M. Sassano, A. Amantia Per avere una visuale completa del versante sud dell Etna, con particolare riferimento

Dettagli

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone B. Boiardi eni e&p Seminario "Il Monitoraggio della CCS" Osservatorio CCS Roma, 3 febbraio 2012

Dettagli

Rete di Collalto: esperienza nel monitoraggio sismico di un deposito naturale utilizzato per lo stoccaggio di gas naturale

Rete di Collalto: esperienza nel monitoraggio sismico di un deposito naturale utilizzato per lo stoccaggio di gas naturale Rete di Collalto: esperienza nel monitoraggio sismico di un deposito naturale utilizzato per lo stoccaggio di gas naturale Enrico Priolo Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale Centro

Dettagli

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA Maurizio Pignone, Raffaele Moschillo, Rocco Cogliano Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sede Irpinia Abstract

Dettagli

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 SISTEMA DI ALLARME Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 i s o p l u s IPS-DIGITAL-CU IPS-DIGITAL-NiCr IPS-DIGITAL-Software IPS-DIGITAL-Mobil IPS-DIGITAL isoplus Support

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia 2) Codice di accreditamento: NZ05742

Dettagli

Presentazione del sistema Adcon Telemetry

Presentazione del sistema Adcon Telemetry Presentazione del sistema Adcon Telemetry 1. Premessa Lo scopo del monitoraggio è quello di automatizzare i processi, nei vari campi di applicazione, mediante sistemi di controllo, di trasmissione, raccolta

Dettagli

Emilio Pecora & Salvatore Mangiagli. 30 novembre 2001 prot. n 300/01 del 07/12/01. Prefazione a cura di E. Privitera

Emilio Pecora & Salvatore Mangiagli. 30 novembre 2001 prot. n 300/01 del 07/12/01. Prefazione a cura di E. Privitera SEZIONE DI CATANIA U. F. Monitoraggio RAPPORTO SULLO STATO DI FUNZIONAMENTO DELLE STAZIONI DI MONITORAGGIO VIDEO DEI VULCANI SICILIANI ED IPOTESI A BREVE TERMINE PER LA GESTIONE, MANUTENZIONE ED AGGIORNAMENTO

Dettagli

Controllo della temperatura di fermentazione del vino

Controllo della temperatura di fermentazione del vino Controllo della temperatura di fermentazione del vino Il futuro è di chi lo sa immaginare. Benefici e Sviluppi - E la giusta risposta a una richiesta di innovazione tecnologica, per qualsiasi tipo di impianto.

Dettagli

Qui DPC. M. Dolce 1. Progettazione Sismica. Figura 1 Distribuzione sul territorio delle strutture dell Osservatorio Sismico.

Qui DPC. M. Dolce 1. Progettazione Sismica. Figura 1 Distribuzione sul territorio delle strutture dell Osservatorio Sismico. Qui DPC M. Dolce 1 Il monitoraggio sismico del Dipartimento della Protezione Civile (2) - L Osservatorio Sismico delle Strutture Nel precedente numero di QuiDPC si è fornita una sintetica descrizione della

Dettagli

Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo.

Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo. Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo. Maddalena De Lucia, Osservatorio Vesuviano INGV, Napoli, Italia L Osservatorio Vesuviano,

Dettagli

Documento illustrativo di presentazione del sito web GeoHeritage-GIS (GH-GIS)

Documento illustrativo di presentazione del sito web GeoHeritage-GIS (GH-GIS) Documento illustrativo di presentazione del sito web GeoHeritage-GIS (GH-GIS) M.Stella Giammarinaro Dipartimento di Geologia e Geodesia-Università di Palermo Introduzione La crescente vulnerabilità delle

Dettagli

SISTEMA DI SUPERVISIONE, TELECONTROLLO E AUTOMAZIONE DELLE RETI DI ACQUEDOTTO GESTITE DA ACAOP S.p.A

SISTEMA DI SUPERVISIONE, TELECONTROLLO E AUTOMAZIONE DELLE RETI DI ACQUEDOTTO GESTITE DA ACAOP S.p.A S.p.A. SISTEMA DI SUPERVISIONE, TELECONTROLLO E AUTOMAZIONE DELLE RETI DI ACQUEDOTTO GESTITE DA ACAOP S.p.A Ing. Daniele Sturla Acaop S.p.A Stradella (PV) S.p.A. ACAOP S.p.A. (Azienda Consorziale Acquedotti

Dettagli

stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.

stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory. stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici 1 Schema di una stazione sismica D POWER Display keyboard S ADC CPU I/O DRIVE CLOCK S POWER ADC CPU I/O CLOCK D sensore alimentazione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI MODENA PIANO PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI E DEI BENI IMMOBILI TRIENNIO 2011 2013 Art.2

Dettagli

1. Premessa 2. Obiettivi Generali

1. Premessa 2. Obiettivi Generali 1. Premessa Il Progetto riguarda la creazione di un Laboratorio ambientale da realizzare sul territorio della Comunità Montana Versante Tirrenico Meridionale diffuso sul territorio montano, a partire dalle

Dettagli

12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1. STUDIO CASTAGNO Progettazione e consulenza

12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1. STUDIO CASTAGNO Progettazione e consulenza CRONOPROGRAMMA 12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1 COMUNE DI VALENZA (AL) FORNITURA E POSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NELLE FRAZIONI MONTE VALENZA E VILLABELLA

Dettagli

Prevenzione Formazione ed Informazione

Prevenzione Formazione ed Informazione Il Rischio Sismico Prevenzione Formazione ed Informazione Giuseppe Licata Esperto in Sistemi Informativi Territoriali e Telerilevamento. Laureando in Scienze Geologiche, curriculum rischi geologici Il

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO PROVINCIA DI AREZZO Piano Regionale Agricolo Forestale (PRAF 2012/2015) - Fondi 2015- Misura A.2.11 azione a Realizzazione di interventi finalizzati alla valorizzazione delle risorse superficiali ed al

Dettagli

Piano straordinario per la digitalizzazione della giustizia: a che punto siamo? Roma, 24 maggio 2011

Piano straordinario per la digitalizzazione della giustizia: a che punto siamo? Roma, 24 maggio 2011 Piano straordinario per la digitalizzazione della giustizia: a che punto siamo? Roma, 24 maggio 2011 1 Indice Executive summary 1. Il Piano straordinario per la digitalizzazione della giustizia 2. Focus

Dettagli

Progetto teleconduzione Edens Impianti di Produzione da fonti rinnovabili (Eolico/Fotovoltaico) Massimiliano Silva Sales Account Manager SELTA S.p.A.

Progetto teleconduzione Edens Impianti di Produzione da fonti rinnovabili (Eolico/Fotovoltaico) Massimiliano Silva Sales Account Manager SELTA S.p.A. Progetto teleconduzione Edens Impianti di Produzione da fonti rinnovabili (Eolico/Fotovoltaico) Massimiliano Silva Sales Account Manager SELTA S.p.A. Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Torino,

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE INDICE...1 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...2 2. CARATTERISTICHE TECNICHE...6 2.1 Apparati video...6 2.2 Apparati di videoregistrazione...6 2.3 Apparati di rete wireless...7 2.4 Sistema di centralizzazione

Dettagli

Luigi Falco. I Workshop Monitoraggio Sismico Nazionale Roma 20 21 dicembre 2010

Luigi Falco. I Workshop Monitoraggio Sismico Nazionale Roma 20 21 dicembre 2010 Luigi Falco I Workshop Monitoraggio Sismico Nazionale Roma 20 21 dicembre 2010 La sede Irpinia dell INGV acquisisce i dag di così suddivise : 337 stazioni sismiche 96 stazioni Nanometrics ( Libra VSAT)

Dettagli

Ing.Enzo DI CARLO La nuova rete in telemisura della Regione come strumento di monitoraggio degli eventi in tempo reale e di gestione delle piene

Ing.Enzo DI CARLO La nuova rete in telemisura della Regione come strumento di monitoraggio degli eventi in tempo reale e di gestione delle piene Ing.Enzo DI CARLO La nuova rete in telemisura della Regione come strumento di monitoraggio degli eventi in tempo reale e di gestione delle piene REGIONE TOSCANA IL QUADRO NORMATIVO Legge Programma di attuazione

Dettagli

STRUMENTAZIONE. Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. APPARATI SINGOLI MASTER RETE LOCALE SUPERVISIONE

STRUMENTAZIONE. Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. APPARATI SINGOLI MASTER RETE LOCALE SUPERVISIONE Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. Ing.Francesco M. Raimondi www.unipa.it/fmraimondi Lezioni del corso di Automazione Industriale Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei

Dettagli

INGV. Riassunti estesi del I Workshop Tecnico

INGV. Riassunti estesi del I Workshop Tecnico missn 2039-6651 Anno 2011_Numero 10 miscellanea INGV Riassunti estesi del I Workshop Tecnico Monitoraggio sismico del territorio nazionale: stato dell'arte e sviluppo delle reti di monitoraggio sismico

Dettagli

L infrastruttura di Knowledge Management della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell INGV

L infrastruttura di Knowledge Management della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell INGV L infrastruttura di Knowledge Management della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell INGV Gianpaolo Cecere Istituto sede di Grottaminarda (AV) Nasce verso la fine del 2004 da un progetto finanziato

Dettagli

Introduzione al telerilevamento

Introduzione al telerilevamento Introduzione al telerilevamento Telerilevamento = Remote Sensing Acquisizione di informazioni su un oggetto mediante un sensore non in contatto con esso, ossia mediante misure delle variazioni dei campi

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L.

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PROTOCOLLO D INTESA TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA E PROGETTI PER LO SVILUPPO

Dettagli

IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA

IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA INGV - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia L Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha usato il sistema a scansione laser (LiDAR Laser Imaging

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Sistema di monitoraggio remoto per impianti fotovoltaici

Sistema di monitoraggio remoto per impianti fotovoltaici Sistema di monitoraggio remoto per impianti fotovoltaici Powered by 1 INFORMAZIONI GENERALI AMPERYA EYES Amperya EYES è la nuova soluzione di telecontrollo creata da Amperya per la supervisione di tutti

Dettagli

Ministero della Salute. Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011

Ministero della Salute. Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011 Ministero della Salute Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011 Premessa Per ondata di calore si intende una condizione meteorologica che persiste

Dettagli

Franco Barberi 1, Guido Bertolaso 2, Enzo Boschi 3. 1. Le dimensioni del problema sismico in Italia

Franco Barberi 1, Guido Bertolaso 2, Enzo Boschi 3. 1. Le dimensioni del problema sismico in Italia Franco Barberi 1, Guido Bertolaso 2, Enzo Boschi 3 1. Dipartimento di Scienze Geologiche, Università di Roma Tre 2. Dipartimento della Protezione Civile, Presidenza del Consiglio dei Ministri 3. Istituto

Dettagli

Allegato alla D.C. n. 78/08 Piano triennale 2008-2010 di razionalizzazione e contenimento delle spese di funzionamento

Allegato alla D.C. n. 78/08 Piano triennale 2008-2010 di razionalizzazione e contenimento delle spese di funzionamento Allegato alla D.C. n. 78/08 Piano triennale 2008-2010 di razionalizzazione e contenimento delle spese di funzionamento Nel rispetto della normativa statale in oggetto e di quanto previsto dal Patto Interistituzionale

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE. slide di supporto per conferenza stampa. Roma, 24 maggio 2011 Versione 11

PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE. slide di supporto per conferenza stampa. Roma, 24 maggio 2011 Versione 11 PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE slide di supporto per conferenza stampa Roma, Versione 11 Il Piano straordinario Il Piano e-gov 2012 individua nella digitalizzazione della Giustizia un obiettivo

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Bollettino di Sorveglianza Vulcani Campani Gennaio 2015

Bollettino di Sorveglianza Vulcani Campani Gennaio 2015 Via Diocleziano, 328 80124 NAPOLI - Italia Tel.: (39) 081.6108111 Telefax: (39) 081.6100811 email: aoo.napoli@pec.ingv.it website: www.ov.ingv.it Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione

Dettagli

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR.

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. 1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. Il sistema satellitare D-STAR è una rete di terminali VSAT (Very Small Aperture Terminal) con topologia a stella, al centro della quale è presente un HUB satellitare

Dettagli

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE Andrea Cerniglia (1), Giovanni Brambilla (2), Patrizio Verardi (2) 1) 01 db Italia, Milano 2) Istituto di Acustica

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, di seguito denominato Dipartimento, c.f. n. 80188230587, con sede in Roma, Largo Chigi,

Dettagli

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA.

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA. 4.1.7. L ATTIVITÀ TURISTICA. Secondo le stime del World Travel and Tourism Council, l industria dei viaggi e del turismo diventerà, a breve termine, la prima industria mondiale sia in termini di fatturato

Dettagli

BREVE STORIA DEL PROGETTO VULCANOLOGIA

BREVE STORIA DEL PROGETTO VULCANOLOGIA BREVE STORIA DEL PROGETTO VULCANOLOGIA UNA STORIA LUNGA DODICI ANNI DIPARTIMENTO DI SCIENZE NATURALI DEL CANNIZZARO e ASSOCIAZIONE CULTURALE VULCANI E AMBIENTE DI PALERMO NATURA DELL INTERVENTO Nello specifico,

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

Direttore Responsabile: Enzo Boschi. Coordinamento Editoriale: Giuseppe Di Capua, Gianluca Valensise. Redazione Testi: Giuseppe Di Capua

Direttore Responsabile: Enzo Boschi. Coordinamento Editoriale: Giuseppe Di Capua, Gianluca Valensise. Redazione Testi: Giuseppe Di Capua Direttore Responsabile: Enzo Boschi Coordinamento Editoriale: Giuseppe Di Capua, Gianluca Valensise Redazione Testi: Giuseppe Di Capua Progetto Grafico: Laboratorio Grafica e Immagini - INGV Roma Progetto

Dettagli

Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion.

Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion. Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion. Elenco dei partecipanti Responsabile: Paolo Augliera - Primo Ricercatore INGV. Ezio

Dettagli

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de ACCESSNET -T IP NMS Network System Con il sistema di gestione della rete (NMS) è possibile controllare e gestire l infrastruttura e diversi servizi di una rete ACCESSNET -T IP. NMS è un sistema distribuito

Dettagli

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute, Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie ONDATE DI CALORE ED EFFETTI

Dettagli

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Presented by Paolo Bellofiore Telespazio Roma, 24 marzo 2011 CNR Piazzale A. Moro 7 Tecnologie satellitari Soluzione

Dettagli

SERVIZIO INFORMATICA E TELEMATICA. Nel seguito si descrivono le azioni adottate nel 2011 e per il triennio 2012-2014 si propongono quelli a valere.

SERVIZIO INFORMATICA E TELEMATICA. Nel seguito si descrivono le azioni adottate nel 2011 e per il triennio 2012-2014 si propongono quelli a valere. Allegato A SERVIZIO INFORMATICA E TELEMATICA Nel seguito si descrivono le azioni adottate nel 2011 e per il triennio 2012-2014 si propongono quelli a valere. Gestione Infrastruttura Sistema Informativo

Dettagli

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it Regione Campania Assessorato alle Politiche Ambientali Area Ecologia, Tutela dell Ambiente, Disinquinamento, Protezione Civile Settore Ecologia Servizio Programmi per la Promozione della Natura e delle

Dettagli

La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l APQ-SI della Regione Basilicata

La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l APQ-SI della Regione Basilicata Programmazione, attuazione e monitoraggio degli investimenti pubblici finanziati con le risorse del fondo per le aree sottoutilizzate La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l -SI della Regione

Dettagli

Manuale tecnico a cura di:

Manuale tecnico a cura di: Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Osservatorio Vesuviano Napoli PAS Progetto Antenne Sismiche Manuale tecnico a

Dettagli

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Piero G. Squizzato Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Nell automazione l elemento fondamentale è una precisa e affidabile misura delle variabili fisiche e chimiche, identificanti

Dettagli

I VULCANI CHE COSA E' UN VULCANO

I VULCANI CHE COSA E' UN VULCANO I VULCANI CHE COSA E' UN VULCANO COME E' FATTO COME NASCE UN VULCANO TIPI DI ERUZIONI LE IMMAGINI I VULCANI IN ITALIA I VULCANI IN ITALIA PARTE SECONDA IL VESUVIO IL VESUVIO NELLA STORIA 1 Che cos'è un

Dettagli

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche Coordinatore: Prof. Paolo GASPARINI Dipartimento di Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II LINEA 9 Monitoraggio

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli