PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO"

Transcript

1 PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO TRE GIGLI Società Agricola di Gilioli Cristina, Luca e Simone s.s. Allevamento di Lesegno (CN) - Regione Castelletto n 1 STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE 1

2 INDICE Premessa LOCALIZZAZIONE DEL SITO ED ACCESSO 1. QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO 1.1. Il Piano Territoriale Regionale 1.2. Il Piano Territoriale Provinciale della Provincia di Cuneo Tutela e valorizzazione ambientale 1.3. Il Piano Regolatore Generale Comunale di Lesegno Norme del PRGC Tipologia di allevamento Titoli abilitativi 1.4. Codice di buona pratica agricola 1.5. Vincoli paesaggistici ed ambientali PTP PPR 1.6. Protezione dei suini (D.Lgs n. 122 del 07/07/2011) 1.7. DPGR 20 settembre 2011, n 7/R 1.8. Prevenzione e Riduzione integrate dell inquinamento IPPC (D.Lgs. 372/99) 1.9. Spandimento agronomico dei fanghi di depurazione 2. QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE 2.1. L azienda Localizzazione del sito ed accesso Titolo di possesso Scopi dell intervento Descrizione dell allevamento 2.2. Locali e strutture di allevamento oggetto di intervento Strutture oggetto d intervento Capacità dell allevamento 2.3. Descrizione del processo produttivo 2.4. Parametri ambientali e di benessere Verifica delle condizioni di benessere animale Fornitura idrica Fornitura alimento Climatizzazione Produzione, gestione ed utilizzo del refluo 2

3 Gestione della frazione solido separata Scarico della frazione depurata Recupero dei fanghi di depurazione Gestione delle carcasse 2.5. Cronoprogramma dei lavori 2.6. Motivazione delle scelte ed alternative prese in considerazione Opzione Zero Tecniche di stabulazione Tecnica di gestione dei reflui Ventilazione e condizionamento Consumo idrico Alimentazione Emissioni sonore 3. QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE 3.1. Inquadramento geologico e geomorfologico 3.2. Inquadramento Idrogeologico 3.3. Torrente Corsaglia 3.4. Clima ed Atmosfera Caratteri climatici Ventosità Analisi dei fattori climatici 3.5. Flora e Fauna Flora Fauna Impatti su flora e fauna 3.6. Ecosistemi Interventi di mitigazione dell impatto 3.7. Uso del suolo SINTESI DELLA QUALITÀ AMBIENTALE E DELLE INTERFERENZE Conclusioni 3

4 Premessa L allevamento oggetto di SIA è sito in Comune di Lesegno ed è un allevamento suinicolo a ciclo chiuso in cui l attività viene svolta da oltre 30 anni. In un ottica di ristrutturazione, adeguamento alle normative e di riorganizzazione aziendale, la TRE GIGLI Società Agricola s.s. intende intervenire su alcune delle porcilaie esistenti al fine di mutarne la destinazione d uso in modo da trasformare l allevamento in una scrofaia in cui vengono prodotti esclusivamente suinetti svezzati. Attualmente l impianto risulta essere autorizzato allo svolgimento dell attività IPPC 6.6 impianti per l allevamento di suini con più di: b) 2000 posti suini da produzione (di oltre 30 kg) e c) 750 posti scrofe da A.I.A. n. 153 del 06/03/2013 rilasciata dalla Provincia di Cuneo. Le motivazioni che hanno portato alla scelta di cambiare la tipologia di capi allevati sono essenzialmente legate a questioni sanitarie e a razionalizzazione del lavoro. Con la trasformazione dell allevamento in scrofaia, per la sola produzione di suinetti, il rischio di trasmissione delle malattie risulta essere notevolmente ridotto ed il personale potrà operare con un maggior grado di specializzazione. A seguito degli interventi in progetto le strutture verranno adeguate secondo la normativa vigente in materia di benessere animale e, in campo ambientale, le nuove stabulazioni adottate risponderanno alle Migliori Tecniche Disponibili. Il SIA è stato predisposto a corredo dell istanza autorizzativa ai sensi del D.Lgs 152/06 art. 6 e della L.R. 14 dicembre 1998 n 40 art. 4, in quanto l allevamento che si intende ammodernare rientra tra quelli previsti all allegato A 2 Impianto per l allevamento intensivo di suini con più di 900 posti scrofa. Di seguito viene descritto il progetto di ammodernamento/riconversione e vengono richiamati i criteri principali che regolano il ciclo di allevamento aziendali valutando le differenti problematiche dal punto di vista della razionalizzazione dell attività zootecnica e parallelamente in relazione ai potenziali effetti sull ambiente. Successivamente vengono prese in considerazione le caratteristiche climatiche, pedologiche, di uso del suolo, vegetazionali, faunistiche, eco-sistematiche e del paesaggio relativamente al territorio in cui ricade l intervento al fine di poter valutare le eventuali interferenze del progetto con le componenti ambientali coinvolte, ed eventualmente prevedere azioni di mitigazione e di compensazione. In sintesi, vengono presi in considerazione tutti gli aspetti che caratterizzano l ambiente ed il paesaggio agrario della zona di intervento e, parallelamente, tutti i fattori che condizionano il processo produttivo, al fine di valutare la sostenibilità del progetto in relazione al contesto ambientale in cui questo ricade. 4

5 LOCALIZZAZIONE DEL SITO ED ACCESSO L intervento in progetto è localizzato in Comune di Lesegno (CN) in Regione Castelletto 1 a circa 1,5 Km dal centro abitato ed è finalizzato all ammodernamento ed alla ristrutturazione interna di parte delle strutture dell allevamento suinicolo in capo alla ditta TRE GIGLI Società Agricola. Le strutture oggetto di intervento sono individuate catastalmente nel Comune di Lesegno al Foglio 1 Mappale 974 Sub. 3. L allevamento è visibile dall autostrada A6, dalla quale dista in line d aria di circa 70 m. Il sito è raggiungibile percorrendo la strada comunale che si dirama dalla Strada Provinciale 12 all altezza del viadotto autostradale. Allevamento in oggetto Allevamento in oggetto Strada di accesso 5

6 1. QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO 1.1. Il Piano Territoriale Regionale Il Piano Territoriale Regionale della Regione Piemonte, nato nel 97, per la pianificazione del territorio piemontese nelle sue linee programmatiche analizza tra l altro le caratteristiche territoriali e il loro governo. Le zone d interesse agricolo, particolarmente fertili e produttive, sono state raccomandate oggetto di specifica attenzione in sede di formazione dei piani territoriali di livello sub-regionale e degli strumenti urbanistici locali. In ogni caso in cima alla scala dei caratteri territoriali e paesistici viene posto il sistema dei suoli a produttività eccellente e il sistema dei suoli a produttività buona, poi via via il sistema del verde, le emergenze paesistiche, i corsi d acqua, le aree protette ecc Il Piano Territoriale Provinciale della Provincia di Cuneo Il Piano Territoriale e Provinciale (P.T.P.) orienta i processi di trasformazione territoriale della provincia ed organizza le manovre di conservazione e protezione attiva dei valori naturali e storico culturali presenti sul territorio provinciale, alla luce di obiettivi strategici selezionati nel Documento Programmatico al fine di assicurare lo sviluppo sostenibile della società e dell economia della provincia. Gli obiettivi individuati, sistematicamente illustrati nel Documento Programmatico, rispondono a sette priorità: a) rafforzare la competitività del sistema provinciale in ambito regionale, padano, alpino ed europeo; b) garantire l equità socio-spaziale nell accesso alle opportunità di sviluppo delle persone e delle imprese; ed altri obiettivi; e) conservare la biodiversità e migliorare la funzionalità ecologica dell ambiente; ed altri obiettivi. Il PTP trova inoltre riferimento negli studi tematici e negli approfondimenti conoscitivi condotti per la sua formazione e in particolare ne: Gli scenari economici e sociali Il sistema della mobilità L Atlante della Accessibilità 6

7 La Cooperazione Istituzionale Le Monografie sulle Città regionali Le Ricerche per il Piano Agricolo Provinciale La matrice ambientale rappresenta lo stato delle conoscenze sulle sensibilità ed i valori presenti nel territorio provinciale, contribuisce a promuovere la verifica dei risultati della ricerca disciplinare con la percezione e la memoria sociale ed esprime la consapevolezza del Piano Territoriale Provinciale sulle condizioni e i livelli di sostenibilità dell ambiente di trasformazione programmati Tutela e valorizzazione ambientale Le aree boscate, riportate nelle tavole della cartografia di piano della serie CTP in scala 1:50.000, rientrano nelle categorie dei beni ambientali sottoposte a vincolo ai sensi del D.Lgs 490/99. I Comuni in sede di adeguamento e/o revisione dei propri strumenti urbanistici perfezionavano la perimetrazione delle aree boscate tenendo conto anche della cartografia prodotta dalla Regione Piemonte per i Piani Forestali Territoriali di Comunità Montana o Consortili, comprovando e giustificando le possibili discrepanze con la cartografia di PTP. In assenza dei Piani Forestali Territoriali i PRGC delimitano, previo apposito studio, le aree boscate individuando: impianti di colture forestali; aree di imboschimento delle aree agricole (Reg. CEE 2080/92); aree boscate distinte per popolamento principale. Nelle aree di pianura, i PRGC provvedono al censimento delle siepi arboree ed arbustive di significativa importanza botanica e paesaggistica, nonché dei principali filari alberati. I corsi d acqua superficiali pubblici di cui all elenco dell allegato E sono riportati nelle tavole della cartografia di piano della serie CTP in scala 1: e comprendono quelli di rilievo regionale (corsi d acqua principali) e quelli di interesse locale. Per i corsi d acqua di rilievo regionale (riportati in allegato all articolo 20 del PTR) il rilascio delle autorizzazioni di cui al D.Lgs. 490/99, è di competenza regionale, per gli altri il rilascio delle autorizzazioni per l intera fascia dei 150 m di vincolo è di competenza dei Comuni. I comuni in sede di revisione e adeguamento degli strumenti urbanistici: a) Riconoscono le fascie A e B del Piano di Assetto Idrogeologico (PAI) ecc. La Provincia promuove la formazione consapevole e partecipata del sistema delle Aree Protette, articolato in a) Parchi Naturali Regionali, b) Riserve naturali, c) aree di individuazione dei Biotipi d) Siti di Importanza Comunitaria (SIC), e) Aree Naturali Protette d Interesse Locale (ANPIL). I Comuni e le Comunità Montane anche con il concorso della Provincia possono dar vita ad aree naturali protette di interesse locale (ANPIL) in ambiti territoriali che necessitano di azioni di 7

8 conservazione, di restauro o di ripristino ambientale e che possono essere oggetto di progetti di sviluppo rurale ecocompatibile. Il PTP anche ai sensi dell art. 11 del PTR individua tra i paesaggi agrari d interesse culturale le aree caratterizzate dalla presenza delle colture viticole che rappresentano elemento distintivo e caratterizzante del paesaggio e ne promuove la tutela e la conservazione. Il PTP individua la rete della viabilità primaria, qualificandone i ruoli, in relazione alle caratteristiche della mobilità servita ed alle condizioni ambientali del contesto, nelle seguenti categorie: Strade Blu : Viabilità di grande comunicazione lungo itinerari internazionali e interregionali sussidiari e complementari alle connessioni autostradali ecc Strade Rosse : Viabilità primaria d integrazione interurbana da riqualificare ecc Strade Verdi : Viabilità di connessione principale del territorio rurale e di servizio alla fruizione turistico ambientale da dotare di servizi turistici per l informazione e l orientamento della domanda di fruizione; Strade Parco : viabilità da specializzare e attrezzare per la distribuzione lenta del traffico veicolare verso i recapiti della fruizione escursionistica. I PRGC disciplinano le azioni di conservazione, recupero e trasformazione del patrimonio edilizio rurale anche in relazione alla determinazione degli usi ammessi, avendo prioritario riferimento alle seguenti esigenze: a. di favorire il consolidamento di assetti produttivi e fondiari improntati a condizioni di efficienza e funzionalità delle aziende agricole limitando l inserimento di funzioni extragricole nel recupero dei manufatti esistenti, nelle aree di particolare vocazione agraria (1 e 2 classe di fertilità); La centralità della pianificazione (ma più in generale dell istituzione) comunale è vissuta ed affermata con forza dal PTP che riconosce nei Piani Regolatori Generali dei comuni lo strumento cardine del governo del territorio ed il proprio principale interlocutore, cui sono affidati compiti decisivi nella attuazione così come nel perfezionamento e nella evoluzione del Piano Territoriale. Al rapporto con i Comuni (ed anche a favorire e sostenere la comunicazione e il confronto tra i Comuni nelle politiche territoriali) sono dedicati i principali strumenti attraverso i quali il PTP cerca di dare forza ed efficacia alle proprie politiche. Quindi il PTP è disegnato praticamente sulla mosaicatura dei Piani Regolatori Comunali per segnare il rapporto di collaborazione, che il P.T. vuole esaltare con la strumentazione urbanistica locale. Al punto saranno presi in considerazione il rispetto dei vincoli previsti dal p.t.p. 8

9 1.3. Il Piano Regolatore Generale Comunale di Lesegno Norme del PRGC Il PRGC identifica l area oggetto d intervento come Area produttiva agricola, pertanto regolamentata dal Capo IV delle NTA. Vista la natura degli interventi in oggetto si ritiene che questi rientrino fra quelli menzionati dall art interventi di manutenzione, di recupero e di ampliamento una tantum su volumi agricoli. In particolare il suddetto articolo stabilisce che per gli interventi di Manutenzione, restauro, e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia senza ampliamento o variazione di destinazione d uso di tutti i volumi agricoli esistenti è richiesta la presentazione del programma aziendale di sviluppo, la verifica degli indici indicati negli articoli successivi e l applicazione del vincolo a non edificandi. Si evidenzia che non è prevista l edificazione di alcuna nuova struttura ne l ampliamento delle strutture esistenti. Tutti gli interventi necessari riguardano l interno delle strutture. Alla luce di quanto sopra si ritiene che il PRGC non contempli limitazioni per l intervento in oggetto. Per maggiore chiarezza si riporta di seguito estratto del PRGC vigente dell area interessata. 9

10 Tipologia di allevamento L art delle N.T.A definisce le varie tipologie di allevamento in funzione della produzione di capi (U.B.A) nell arco dell anno. Considerata la potenzialità aziendale l allevamento in oggetto rientra fra quelli definiti di tipo industriale. Alla luce di quanto sopra si precisa che l allevamento è autorizzato all esercizio da A.I.A n. 153 del 06/03/2013, pertanto per l ottenimento di quest ultima sono stati presi in considerazione tutti i vincoli del PRGC vigente e non sono emerse limitazioni per la continuazione dello svolgimento dell attività di allevamento, per cui dato che gli interventi in oggetto porteranno ad una riduzione dei capi prodotti annualmente, in termini di U.B.A e di peso vivo allevato, si ritiene che gli interventi proposti non siano in contrasto con la normativa comunale Titoli abilitativi Si elencano di seguito i titoli abilitativi relativi alle strutture di allevamento esistenti: Capannoni a pratica 10/97 del 04/04/1997 Prot. 0012/97 Capannoni 5-parte del 5b pratica 11/73 del 27/07/1973 Prot. 732 Capannoni 5a-parte del 5b pratica 66/85 del 03/04/1986 Prot Capannoni 1-12 pratica 16/75 del 28/11/1975 Prot Capannoni 12a-12b pratica 24/76 del 20/07/1976 Prot. 840 Capannone 2c pratica 54/90 del 11/12/1990 Prot Capannoni 2-2a-2b pratica 27/77 del 21/07/1977 Prot. 844 Capannoni 3-4 pratica 6/74 licenza 2/74 Prot.780 Capannone 32 e fabbricati annessi pratica 35/94 del 13/06/1994 Prot. 0039/ Codice di buona pratica agricola Nel progetto Produzione Agricola nella Difesa dell Ambiente (PANDA) del Ministero delle Risorse Agricole, Alimentari e Forestali nasce il Codice di Buona Pratica Agricola dalle prime enunciazioni del 1993 si avvia un percorso che finalmente con D.M. 19 aprile 99 Approvazione del codice di Buona Pratica agricola è diventato operante con vari obiettivi da raggiungere in campo ambientale, produttivo, nei trattamenti alle colture, del mercato dei prodotti agricoli, ma anche nei miglioramenti dei trattamenti degli effluenti zootecnici, delle biomasse di diversa provenienza convenientemente utilizzati, e nelle nuove tecniche di allevamento e di nutrizione animale. Il CBPA. si cura di garantire un livello delle produzioni agricole, della nutrizione delle colture economicamente ed ambientalmente sostenibile, ottimizzando l uso e il consumo dell azoto. Gli obbiettivi dichiarati del CBPA sono infatti: 10

11 realizzazione di modelli di agricoltura economicamente ed ambientalmente sostenibili; protezione indiretta dell ambiente dalle fonti di azoto combinato anche di origine extraagricola; ed il percorso previsto per ottenerli tiene conto: della variabilità delle condizioni agro-pedologiche e climatiche italiane; delle nuove conoscenze del comparto ambientale; miglioramento del settore genetico; miglioramento delle tecniche colturali; nuovi prodotti per la difesa e la fertilizzazione delle piante; miglioramenti nel trattamento degli effluenti zootecnici e delle biomasse di diversa provenienza convenientemente utilizzabili; cambiamento di indirizzo del mercato dei prodotti agricoli; nuove tecniche di allevamento e di nutrizione animale. Il CBPA deve ottimizzare la gestione dell azoto nel sistema suolo-pianta in presenza di colture agricole che si succedono alle quali occorre assicurare un livello produttivo e nutrizionale economicamente ed ambientalmente sostenibile al fine di minimizzare le possibili perdite con le acque di ruscellamento e di drenaggio superficiale e profondo. In questo ambito molto interessanti diventano le applicazioni alle problematiche che pone l utilizzazione agricola degli effluenti zootecnici. La connessione di questi prodotti, e dell azoto in essi contenuto, con la presenza dell acqua superficiale e di falda è stretta e correlata ad una serie di variabili che interessano il clima, il terreno, i sistemi irrigui, il bilancio dell azoto, il suo ciclo, le varie tipologie dei fertilizzanti azotati, che possono caratterizzare perdite di nitrati per percolazione profonda e per colature terminali. Il CBPA individua pertanto le azioni da applicare per l uso della concimazione azotata in modo da massimizzare l efficienza e minimizzare i rischi di percolazione. A questo scopo consiglia trattamenti agli effluenti, gestione e distribuzione, tempi e luoghi d intervento, stoccaggi con caratteristiche costruttive e dimensionamento. Anche la gestione dell allevamento è intervenuta per ridurre la produzione di deiezioni. Si deve tendere a minimizzare la quantità di alimento per unità di produzione ottenibile (kg di carne, latte, uova, ecc.) con la corretta formulazione delle diete alimentari, il miglioramento, le scelte di allevamento di razze e capi che danno la massima resa. Per quel che riguarda i consigli relativamente alle strutture di allevamento il CBPA per quel che riguarda gli allevamenti di suini consiglia: e. Evitare soluzioni costruttive che richiedono le effettuazioni di lavaggi delle pavimentazioni e l'impiego di acqua per la veicolazione delle deiezioni. L'adozione della pavimentazione fessurata 11

12 su tutta, o parte, della superficie del box consente di evitare i lavaggi. Per ottenere la movimentazione delle deiezioni raccolte nelle fosse sottostanti è necessario che queste siano realizzate e gestite in modo particolarmente accurato. In particolare sono da privilegiare soluzioni che prevedono lo svuotamento discontinuo e frequente o che consentono l'allontanamento, per semplice gravità, dei solidi. f. Evitare la realizzazione delle fosse di stoccaggio dei liquami sotto al fessurato ed all'interno del ricovero. Tale situazione, oltre che di solito più costosa, presenta numerose controindicazioni, in particolare: - induce un aumento delle emissioni di gas nocivi (NH 3, H 2 S) in ambiente a causa della maggior permanenza dei liquami nel ricovero; - la maggior profondità delle fosse aumenta la probabilità di interessare, per impermeabilizzazione non perfetta, le falde più superficiali con pericoli di diluizione dei liquami per l'ingresso di acqua, o inquinamento delle falde per fuoriuscita di liquami; - in caso di presenza di fosse dovrà essere realizzato un adeguato stoccaggio esterno ove effettuare il trattamento di omogeneizzazione dei liquami, pratica indispensabile per un loro corretto utilizzo agronomico; - non è possibile conservare i liquami, per il periodo minimo di cautela sanitaria, evitando l immissione di materiale fresco nelle fosse; Le fosse interne al ricovero dovranno quindi essere progettate solo per la veicolazione dei liquami e non per il loro stoccaggio prolungato. In pratica non si dovrà superare un altezza complessiva di cm. g. Adottare accorgimenti per evitare ogni spreco d'acqua degli abbeveratoi. Questo è un problema ancora troppo spesso trascurato che deve invece rientrare nelle specifiche dei requisiti di ogni impianto idrico. Un ruolo importante, oltre al tipo ed al numero degli abbeveratoi, è svolto dalle modalità di installazione e dal livello della pressione di erogazione. h. Optare, nella progettazione di nuovi insediamenti, a favore di soluzioni che prevedano un maggior tempo di permanenza degli animali nello stesso ambiente. In questo modo se ne riducono gli spostamenti e, di conseguenza, anche le operazioni di lavaggio richieste ad ogni ristallo. 12

13 1.5. Vincoli paesaggistici ed ambientali PTP Si procede di seguito ad esaminare la cartografia allegata al PTP della Provincia di Cuneo al fine di evidenziare eventuali vincoli di natura paesaggistico-ambientale. Carta della natura Azienda in oggetto Dalla carta emerge che l insediamento produttivo insiste in un area priva di vincoli naturalistici, tutta via si evidenzia che: - il colore azzurrino a sud dell allevamento individua le fasce fluviali e lacustri sottoposte a vincolo paesistico; - le strisce diagonali azzurre a nord dell allevamento identificano le fasce A e B del Piano Stralcio delle Fasce Fluviali; - le macchie di colore verde indicano invece il grado di naturalità, che nel caso in esame corrisponde a 1, ovvero naturalità alta. 13

14 Carta litologica Azienda in oggetto L impianto in oggetto è sito in un area che sulla cartografia è contraddistinta da due colori aventi il seguente significato: - verde: marne sabbiose-siltose; - giallo: alluvioni ghiaiose recenti ed attuali degli alvei fluviali. Come si evince dal titolo stesso della mappa in oggetto, la stessa evidenzia le caratteristiche litologiche del territorio che nel caso in oggetto viene identificato come appena descritto. Si sottolinea che gli interventi in progetto non comportino alcun ampiamento strutturale, pertanto non risultano esser vincolati da nessuna restrizione di natura litologica. 14

15 Carta della naturalità della vegetazione Azienda in oggetto L allevamento in esame insiste in una zona caratterizzata dal colore giallo: grado 3 artificializzazione alta. Le macchie di colore verde identificano invece il grado 1: naturalità alta. I vari gradi di naturalità indicano l incidenza della mano dell uomo sulla vegetazione autoctona locale, pertanto minore sarà il grado di naturalità, minore è l incidenza dell uomo sulla vegetazione e viceversa. Nel caso in esame si è sul confine fra due gradi molto diversi, ossia artificializzazione alta e naturalità alta, perché l allevamento in questione insiste su un altopiano in prossimità del torrente Corsaglia, pertanto nella parte pianeggiante la mano dell uomo è più incisiva in quanto ha sfruttato le condizioni favorevoli per la coltivazione e l allevamento, mentre nella zona ripariale, a causa dell eccessiva pendenza, ma soprattutto a causa dell eccessiva vicinanza del torrente, la vegetazione spontanea ha potuto svilupparsi liberamente. 15

16 Considerando che gli interventi in progetto non comporteranno alcun incremento dell antropizzazione dell area si ritiene che anche in questo caso non insistano particolari vincoli che impediscano la realizzazione degli interventi proposti. Carta dei paesaggi insediativi Azienda in oggetto L areale in oggetto è contraddistinto dal colore giallo che individua gli ambienti rurali dei seminativi di pianura. L allevamento in esame risulta pertanto inserirsi perfettamente in un areale contraddistinto da un attività agricola come quella dei seminativi, infatti questi ultimi sono spesso destinati all alimentazione animale. La carta dei paesaggi insediativi sottolinea che l impianto in oggetto insiste in un areale caratterizzato dall attività agricola. 16

17 Carta degli elementi per la definizione del rischio ambientale Azienda in oggetto La colorazione beige chiaro, che contraddistingue l area in oggetto, identifica le zone sottoposte a vincolo idrogeologico (ex R.D. 3267/23). Si precisa che l intervento in esame non comporterà alcuna mutazione per quanto riguarda la stabilità delle strutture esistenti in quanto riguardanti esclusivamente la disposizione interna dei box e delle attrezzature di allevamento. Ogni intervento sarà effettuato in un ottica di miglioramento delle strutture aziendali, come ad esempio la sostituzione di grigliati logorati e/o la realizzazione di sistemi per la rimozione frequente dei reflui. Si ritiene pertanto che gli interventi proposti possano essere valutati positivamente in quanto migliorano le attuali condizioni delle strutture di allevamento. 17

18 Carta delle tutele paesistiche Azienda in oggetto Osservando al carta delle tutele paesistiche saltano all occhio le linee trasversali di colore rosso che definiscono le aree di elevata qualità paesistico ambientale interessate dal Piano di competenza regionale da definire. Si rimanda ai paragrafi successivi in cui tratterà nel dettaglio la cartografia del Piano Paesaggistico Regionale (PPR). 18

19 Carta dei valori culturali Azienda in oggetto L allevamento oggetto d interventi è sito in un area di colore giallo che contraddistingue gli ambienti rurali dei seminativi, pertanto anche questa carta ribadisce quanto già emerso dalla cartografia analizzata in precedenza. Saltano all occhio inoltre: - F12: rappresenta l identificativo della sovraunità dei paesaggio agrari e forestali; - Simbolo nero di forma triangolare su sfondo giallo: indica la presenza di beni civili, infatti è posto in corrispondenza del centro abitato di lesegno; - Simbolo rosso di forma rettangolare, parzialmente coperto dal precedente simbolo: identifica il centro storico di lesegno; - Simbolo nero di forma rettangolare su sfondo giallo: indica la presenza di beni militari. Come si evince dalla cartografia l allevamento in oggetto è molto distante dai centri abitati aventi particolari beni di natura civile o militare, pertanto si ritiene che gli interventi in progetto, anche in 19

20 considerazione del fatto che riguarderanno esclusivamente gli interni delle strutture, non compromettano il valore culturale dell areale PPR Si procede di seguito ad esaminare la cartografia allegata al PPR della Regione Piemonte al fine di evidenziare eventuali vincoli di natura paesaggistico-ambientale. Tavola p1 quadro strutturale Azienda in oggetto Nel quadro strutturale sono riconosciuti i fattori costitutivi della struttura paesaggistica articolati in relazione agli aspetti naturalistici-ambientali, idro-geomorfologici, storico-culturali e percettiviidentitari. Dal punto di vista naturalistico ambientale l impianto in oggetto confina con aree caratterizzate da boschi seminaturali e con variabile antropizzazione storicamente stabili e permanenti, connotanti il territorio nelle diverse fasce altimetriche. La presenza dei boschi è legata alla presenza del 20

21 Torrente Corsaglia, infatti l insediamento produttivo insiste su un altopiano antropizzato circondato da aree ripariali caratterizzate dalla presenza di boschi, in quanto, a causa dell eccesiva pendenza della superficie, l intervento dell uomo è stato molto limitato. Per quanto riguarda l idrogeomorfologia dell area, l allevamento è sito all interno delle fasce fluviali della rete principale in quanto, come già citato in precedenza è sito sull altopiano adiacente al Torrente Corsaglia. L area in esame rientra inoltre nella seconda classe di capacità d uso del suolo. I fattori storico-culturali che interessano l area sono rappresentati dalle direttrici romane e medievali (linea tratteggiata rosa e rosa intenso) e da una strada risalente al 1860 (linea continua di colore marrone). Tali fattori risultano essere ininfluenti per l areale in oggetto in quanto non tangibili dal punto di vista visivo. Di notevole importanza è l autostrada A6 che costituisce un percettore identificativo dell areale e dell allevamento in particolare, infatti la strada di accesso transita al di sotto del ponte costituente l autostrada stessa e le strutture aziendali distano a circa 100 m dalla carreggiata. Tavola p2 beni paesaggistici Azienda in oggetto La Tavola p2 evidenzia l assenza di particolari vincoli paesaggistici, infatti sull area in oggetto si ha il colore verde che indica semplicemente la presenza di aree boscate. Tale caratterizzazione è stata rimarcata più volte anche dalle carte considerate in precedenza. 21

22 Salta tuttavia all occhio la sigla A046, la quale indentifica l area sottoposta a vincoli individuati ex art del D.Lgs 22/01/2004 n. 42 e s.m.i. del Castello e Parco Pallavicini, la cui localizzazione risulta essere ininfluente ai fini della presente relazione. Tavola p3 ambiti ed unità di paesaggio Azienda in oggetto L unità di paesaggio in cui rientra l azienda in oggetto è la n. 62, ossia Alta Valle Tanaro e Cebano, in particolare nell unità n. 6205: Rilievi di Castelnuovo Calcea. Tale unità di paesaggio è caratterizzata dal colore rosa che individua le aree rurali/insediate non rilevanti. Anche in questo caso la cartografia conferma che l allevamento in questione è sito in un area rurale, pertanto considerando che gli interventi in progetto non altereranno la natura dell allevamento, ma ne cambieranno, parzialmente, la tipologia di capi allevati si ritiene che gli stessi possano essere approvati in quanto conformi alla destinazione d uso dell areale, che si ribadisce è di natura rurale. 22

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

La professione veterinaria e la Condizionalitàin regione Veneto

La professione veterinaria e la Condizionalitàin regione Veneto La professione veterinaria e la Condizionalitàin regione Veneto Ester Giolo 29/01/2014 1 INDICE Cos è la condizionalità? Impegni comuni e specifici Il campione Il controllo L esito La consulenza Appendice

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE - Figura 2 Scoping SIA e contenuti della documentazione per la valutazione di incidenza, quando necessaria deposito presso l Ufficio VIA e gli EELL

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

IL BENESSERE DEI SUINI E DELLE BOVINE DA LATTE: PUNTI CRITICI E VALUTAZIONE IN ALLEVAMENTO

IL BENESSERE DEI SUINI E DELLE BOVINE DA LATTE: PUNTI CRITICI E VALUTAZIONE IN ALLEVAMENTO IL BENESSERE DEI SUINI E DELLE BOVINE DA LATTE: PUNTI CRITICI E VALUTAZIONE IN ALLEVAMENTO Nella stessa collana sono stati pubblicati i seguenti volumi: l - 1979 Infezioni respiratorie del bovino 2-1980

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14 1 Indice Titolo I. Disposizioni generali....5 Art.1. Finalità ed obbiettivi del Piano del Parco...5 Art.2. Elaborati del Piano del Parco....6 Art.3. Efficacia del Piano e rapporti con gli altri piani e

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale alla LR 12/05 Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Giovedì 22 settembre 2011 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Giovedì 22 settembre 2011 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI Anno XLI N. 233 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia, 1

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

INDICAZIONI PRATICHE SU CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DIMENSIONALI

INDICAZIONI PRATICHE SU CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DIMENSIONALI INDICAZIONI PRATICHE SU CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DIMENSIONALI La cuccetta ideale per le bovine Il benessere delle vacche dipende anche dall appropriata dimensione delle cuccette e dei battifianchi.

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli