1. DATI IDENTIFICATIVI. pagina 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. DATI IDENTIFICATIVI. pagina 1"

Transcript

1 PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE CAMPANIA 1. DATI IDENTIFICATIVI Denominazione dell'ambito Territoriale C03 Comune Capofila Teano Dati contabili e fiscali CF P.IVA Sede P.zza Municipio Indirizzo di PEC del Comune Capofila Contatto Comune Capofila Carlo Telefono ASL/Distretto sanitario di riferimento DS14 pagina 1

2 2. REQUISITI GENERALI 2.1 FORMA ASSOCIATIVA E APPROVAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO Forma Associativa [X] Convenzione in vigore tra i Comuni dell'ambito (ai sensi dell'art. 30 d.lgs. 267/2000) OPPURE [] Convenzione tra i Comuni di approvazione dello statuto del Consorzio (ai sensi dell'art.31 d.lgs. 267/2000) Approvazione del Piano di Intervento Delibera del Coordinamento Istituzionale dell'ambito Convenzione tra i Comuni dell'ambito C03 (ai sensi dell'art.30 d.lgs.267/2000) siglata il 16/09/2013. Delibera del Coordinamento Istituzionale n.10 del. 2.2 CONDIVISIONE DEL PIANO DI INTERVENTO CON IL PARTENARIATO LOCALE (max 10 righe) Il Comune di Teano, in qualità di capofila dell'ambito C03, in linea con la normativa vigente e con le linee guida per la formulazione del Piano di Intervento dei Servizi di cura ad anziani non autosufficienti e all'infanzia, ha promosso tavoli di concertazione con il partenariato locale finalizzato ad una più incisiva e calibrata programmazione delle risorse disponibili sul territorio dell'ambito. Di seguito, si elencano in ordine temporale: - 12 dicembre 2013: OO.SS REQUISITI SPECIFICI PER ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA/CURE DOMICILIARI INTEGRATE Integrazione socio-sanitaria per gestione ADI/CDI Regolamenti/Protocolli di intesa/accordi tra Ambito e Distretto sanitario in vigore (se esistenti) coerentemente a Linee di indirizzo in materia di servizi domiciliari (DGR 41/2011) Vigente (SI/NO) Atto per l'accesso alle risorse del PAC Accordo di programma tra Ambito e Distretto sanitario per l'accesso alle risorse del PAC Accordo di Programma per la gestione associata dei servizi sociosanitari, siglato in data 26/09/2013 presso il Comune Teano. SI Accordo di Programma tra Ambito e ASL per l'accesso alle risorse PAC siglato in data 13/12/ INFORMAZIONI E DATI SUI SERVIZI PER GLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI EROGATI NELL'AMBITO TERRITORIALE E/O NEI COMUNI CHE LO COMPONGONO: 3.1 CONTESTO TERRITORIALE E SOCIALE DELL'AMBITO TERRITORIALE (max 1 cartella) La popolazione minorile residente nei Comuni dell'ambito C03, riferita alla fascia 0-36 mesi, è pari a n unità e alla fascia over 64 a nr unità, di cui over 75 nr.8171 unità su un totale di abitanti. (Dati ISTAT - Censimento della popolazione anno 2011). In ogni Comune dell'ambito sono presenti istituti di istruzione primaria (scuole materne, elementari e medie). pagina 2

3 Invece gli istituti di istruzione secondaria sono ubicati solo nei Comuni di Sessa Aurunca, Vairano Patenora e Teano. Il territorio non è adeguatamente fornito di strutture sanitarie: è infatti presente un solo ospedale attivo, il San Rocco di Sessa Aurunca. Mentre, l'ospedale Civile di Teano è stato chiuso nell'anno 2010 e attualmente è attivo soltanto il servizio di Pronto Soccorso. L'intera struttura è stata adibita dal 2011 ad Ospedale di Comunità. In alcuni Comuni dell'ambito (Mignano Montelungo, Roccamonfina, Sessa Aurunca, Teano, Vairano Patenora) è attivo il servizio di continuità assistenziale (Guardia Medica). L'Ambito si presenta connotato da un tessuto economico basato essenzialmente sul commercio, sull'agricoltura e sull'artigianato. Nella zona di Sessa Aurunca c è da rilevare la presenza di impianti industriali. Il Turismo è sviluppato soprattutto nella zona costiera, tra Levagnole e Baia Domizia. A livello d Ambito si registra un fabbisogno socioeconomico in linea con quello nazionale: Diminuzione sensibile delle famiglie tradizionali con genitori e figli ed aumento, in pari misura, delle famiglie con un solo componente, il più delle volte anziani soli. Oltre alle famiglie unipersonali, costituite dall anziano solo, sono in crescente aumento sia le famiglie monoreddito con minori a carico, sia le famiglie monoparentali, in genere con capo famiglia donna. Questo trend è conseguenza diretta di più fattori: perdita del lavoro, instabilità/ precarietà occupazionale, difficoltà nella formazione di nuove famiglie da parte delle giovani coppie e fragilità dei matrimoni. I Servizi di cura, ad anziani, disabili, non autosufficienti, sono quasi esclusivamente a carico delle donne: il lavoro di cura rimane nella sfera privata ed è sostanzialmente svolto dalle donne nella famiglia e, frequentemente, costituisce un ostacolo al pieno dispiegarsi dell offerta di lavoro femminile. Gli anziani fragili, che si concentrano prevalentemente nella fascia anni, ed i cittadini non autosufficienti esprimono bisogni di un assistenza più continuativa e strutturata, che si traduce in domande di assistenza domiciliare, di inserimento in strutture socioassistenziali e nei casi più gravi in inserimenti in RSA. 3.2 SISTEMA DI OFFERTA DI SERVIZI PER GLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI NEL 2012 (max 1 cartella) L'offerta di servizi residenziali e semiresidenziali per anziani sull'ambito C03 è piuttosto scarsa: vi insiste la struttura residenziale per anziani non autosufficienti "Villa Anna" di Sessa Aurunca e la struttura di ricovero - Terapia del dolore ed Hospice "Casa di cura Villa Giovanna" con sede a Tora e Piccilli. In riferimento ai servizi di cura domiciliari negli anni scorsi l anziano è stato assistito nelle varie forme di assistenza domiciliare nell anno 2012, in continuità con le annualità precedenti, l anziano è stato assistito nelle varie forme di assistenza domiciliare (ADI, SAD). Nell'ambito dell assistenza domiciliare è stato offerto un pacchetto di prestazioni, indirizzate al sostegno di carattere organizzativo per lo svolgimento tanto delle attività di base della vita quotidiana dell anziano, quanto per lo svolgimento di attività strumentali. Le prestazioni maggiormente erogate afferiscono anche al sostegno alla mobilità personale e al sostegno psicologico al care giver. I servizi offerti sono oggetto di Regolamenti per l'accesso e per la compartecipazione al costo. Tali Regolamenti sono stati approvati nella seduta del C.I. del 16/09/2013. IN PARTICOLARE PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER GLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI 3.3 FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI ALL'INTERNO DELL'AMBITO Modello organizzativo (max 15 righe) pagina 3

4 La programmazione dei servizi per anziani non autosufficienti avviene attraverso tavoli di concertazione tra i diversi attori interessati istituzionali e non, e sulla base dei monitoraggi dei servizi resi nelle precedenti annualità dei piani di zona e/o attraveso programmazioni su base comunale. Tali monitoraggi sono utili a quantizzare i bisogni sul territorio e a previsionarne i risultati. La gestione è effettuata attraverso l'appalto di servizi. I servizi domiciliari sono erogati in applicazione della DGRC n.41/2011, della DGRC N.50/2012, oltre che di idonea regolamentazione per l'accesso ai servizi socio-sanitari e alle prestazioni sociali e per la relativa compartecipazione dell'utente al costo dei servizi (i citati regolamenti sono stati approvati nella seduta del C.I. dell'ambito C03 del 16/09/2013) Procedure di accesso per la presa in carico e l'erogazione dei servizi agli utenti (max 10 righe) I canali di accesso sono sia sociali (SSP, Segretariato Sociale, Volontariato) che sanitari (UOD, MMG, Medicina specialistica) Per l'adi l'unità distrettuale competente DS n.14 o il SSP inviano la Proposta di ammissione alle Cure Domiciliari al Direttore del Distretto e al Coordinatore dell Ufficio di Piano, ai quali è affidata la responsabilità di attivare l UVI. In sede di UVI, dove lo strumento multidimensionale adoperato è la scheda SVAMA (adottata con DGRC n. 323/12), avviene la presa in carico che si concretizza con la stesura di un Piano Personalizzato basato sui bisogni complessi sanitari e sociali dell'anziano non autosufficinete. Il P.P. è monitorato dalla figura del case manager, nominato allo scopo in sede UVI. Il percorso relativo all'erogazione del Sad, non prevede l'attivazione dell'uvi, ma è competente sola la sfera sociale che attiva il servizio utilizzando idonea modulistica e in applicazione di specifici regolamenti Requisiti obbligatori per la fornitura dei servizi da parte di soggetti privati (max 7 righe) I fornitori di servizi dovranno rispondere ai requisiti obbligatori richiamati nel DPGRC n.16/09 recante "Regolamento per l'autorizzazione al funzionamento e accreditamento delle strutture e dei soggetti che provvedono alla gestione e all'offerta dei servizi sociali", a norma del comma 2 dell'articolo 44, titolo VII. Il richiamato Regolamento è stato approvato dall'ex Ambito C4 con delibera del C.I. n.74 del 24/02/2011, ed approvato, in applicazione del DGRC n. 320/12 dall'ambito C03, con deliberazione del C.I. n.10 del, allegata al presente piano. 3.4 DIMENSIONE DELL'OFFERTA DEI SERVIZI E LIVELLI DI SPESA Tavola 1 - Annualità 2010 pagina 4

5 Servizio Assistenza domiciliare socio-assistenziale integrata all'assistenza socio-sanitaria n. ore erogate n. utenti Spesa pubblica ( ) Assistenza domiciliare socio-assistenziale Specificare fonte: monitoraggio regionale Ambito ex C4 e ex C9 (Sessa e Cellole) Tavola 2 - Annualità 2011 Servizio Assistenza domiciliare socio-assistenziale integrata all'assistenza socio-sanitaria n. ore erogate n. utenti Spesa pubblica ( ) Assistenza domiciliare socio-assistenziale Specificare fonte: Monitoraggio regionale Ambito ex C4 e Ambitoex C9 per i Comuni di Sessa e Cellole) Tavola 3 - Annualità 2012 Servizio Assistenza domiciliare socio-assistenziale integrata all'assistenza socio-sanitaria n. ore erogate n. utenti Spesa pubblica ( ) Assistenza domiciliare socio-assistenziale Specificare fonte: Monitoraggio regionale Ambito ex C4 e Ambitoex C9 per i Comuni di Sessa e Cellole) Note e commenti (max 5 righe) Il Servizio SAD nell'anno 2012 è stato erogato con fondi Comunali, mentre i fondi relativi al progetto de quo programmato sulla III Annualità del I PSR è stato erogato nell'anno Va sottolineato che non è dato quantizzare la risorsa ADI 2013 afferente al FNA considerato che detto fondo, in riferimento alla I Annualità del II PSR non è stato ancora assegnato agli Ambiti con decreto della Regione Campania. 4. INTERVENTO PROPOSTO 4.1 OBIETTIVI DEL PIANO DI INTERVENTO (max 1 cartella) pagina 5

6 Il Piano in oggetto prevede: Intervento 2: Potenziamento del Servizio SAD. Negli anni è stata erogata assistenza domiciliare sociale a livello di ambito che ha consentito di assistere rispettivamente e 47 utenti per un numero di 3 ore settimanali circa: insufficienti, dunque, a coprirne il fabbisogno (va indicato che si tratta di anziani non necessariamente "non autosufficienti"). Le risorse oggetto di questo piano di intervento sono programmate a potenziamento delle ore di servizio riferite al pdz I Annualità - II PSR che consentiranno, nell'anno 2014, la presa in carico di 30 anziani non autosufficienti per 6 ore settimanali di intervento OSA; coi fondi PAC si garantiranno, invece, 10 ore settimanali di intervento OSA per ulteriori 100 utenti. Intervento 3: a) acquisto veicolo adibito al trasporto degli anziani, comprensivo di spese di revisione, di assicurazione e manutenzione. Il servizio è rivolto agli anziani non autosufficienti in carico ai servizi socio-sanitari, privi di rete familiare, ai quali si vuole assicurare la mobilità assistita, al fine di facilitare il raggiungimento dei presidi ospedalieri, poliambulatori distrettuali, per esami e/o terapie ecc. Si prevedono c.ca 40 utenti. b)acquisto di ausili non sanitari agli utenti assistiti Tale servizio è finalizzato alla permanenza dell anziano non autosufficiente nel proprio ambiente di vita, nonché al miglioramento della qualità della vita dell anziano medesimo, attraverso l abbattimento delle barriere architettoniche (montascale, piani docce, con maniglioni di sicurezza, poltrone con telecomando per alzata assistita, comandi a distanza per porte /cancelli, videocitofoni..), come da preventivi allegati. 4.2 RISULTATI ATTESI E RISORSE DA IMPIEGARE PER IL LORO RAGGIUNGIMENTO Tavola 4 - Risultati attesi e risorse per annualità e confronto con consuntivo 2012 Servizio n. ore erogate n. utenti Assistenza domiciliare socio-assistenziale integrata all'assistenza socio-sanitaria Spesa pubblica ( ) 2012 Totale Interventi (consuntivo) Interventi da realizzare con risorse PAC Interventi da realizzare con altre risorse Totale interventi (previsioni) Interventi da realizzare con risorse PAC Interventi da realizzare con altre risorse Totale interventi (previsioni) Assistenza domiciliare socio-assistenziale 2012 Totale Interventi (consuntivo) Interventi da realizzare con risorse PAC Interventi da realizzare con altre risorse Totale interventi (previsioni) pagina 6

7 2014 Interventi da realizzare con risorse PAC Interventi da realizzare con altre risorse Totale interventi (previsioni) QUANTIFICAZIONE DELL'EVENTUALE APPORTO DI RISORSE PAC PER IL MANTENIMENTO DEI LIVELLI DI SERVIZIO DEGLI ANNI PRECEDENTI E MOTIVAZIONI (max 15 righe) Per il mantenimento è utilizzata esclusivamente una risorsa pari a ,80 Tavola 5 - Livelli di mantenimento dei servizi in termini di ore erogate e risorse, Servizio n. ore erogate con altre fonti (non PAC) (differenza 2013 rispetto al 2012) n. ore erogate con altre fonti (non PAC) (differenza 2014 rispetto al 2012) Risorse PAC per il mantenimento del livello di servizi (2013)(1) Risorse PAC per il mantenimento del livello di servizi (2014)(2) Assistenza domiciliare socio-assistenziale integrata all'assistenza socio-sanitaria Assistenza domiciliare socio-assistenziale Totale Totale Risorse PAC assegnate all'ambito (3) % delle risorse disponibili usate per il mantenimento dei servizi (4) = 2.38 (TOT1+TOT2)/(3) 4.4 SINTESI DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI INTERVENTO A VALERE SULLE RISORSE DEL PAC Tavola 6 - Sintesi delle azioni/operazioni previste a valere sulle risorse PAC pagina 7

8 n. Azione/operazione n. ore erogate previste utenti previsti Importo richiesto a valere sul PAC ( ) n. ore erogate previste utenti previsti Importo richiesto a valere sul PAC ( ) Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale (per anziani non autosufficienti non in ADI/ CDI) 2.1 SAD Anziani non autosufficienti TOTALE Investimento in allestimenti, forniture e adozioni di soluzioni innovative per la gestione Acquisto veicolo per anziani Acquisto ausili non sanitari , ,45 TOTALE TOTALE COMPLESSIVO DESCRIZIONE DELLE AZIONI FINANZIATE NELL'AMBITO TERRITORIALE CON ALTRE FONTI FINANZIARIE NEL MEDESIMO PERIODO (max 1 cartella) L'assistenza domiciliare sociale è stata programmata nel piano di zona I Annualità del II PSR approvato con D.D. n.34 del 02/12/2013 per una somma pari ad ,00, come indicato nella tavola 4. L'assistenza domiciliare integrata è stata programmata, invece, attraverso una relazione sul fabbisogno che questo Ambito ha inviato alla Regione Campania, così come definito nelle linee guida del Piano di Zona (D.D.308/12), per l'accesso alle risorse del FNA che l'ente regionale, ad oggi, non ha ancora attribuito con Decreto Dirigenziale. Va aggiunto che il piano in oggetto non prevede "Potenziamento ADI", per mancanza di risorse ASL utili alla compartecipazione socio-sanitaria. ALLEGATI n. scheda Titolo atto Soggetto riferimento e data SAD Anziani non autosufficienti Comune di Teano capofila Acquisto veicolo per anziani Comune di Teano capofila Acquisto ausili non sanitari Comune di Teano capofila 4 Accordo di programma per PAC Ambito03 - ASL Accordo di programma per PAC Ambito03 - ASL Comune di Teano capofila pagina 8

9 n. scheda Titolo atto Soggetto riferimento e data Delibera Coordinamento Istituzionale n.10 Verbale di concertazione Protocollo PUA Preventivo Beghelli Preventivo Orthomax Preventivo Veicolo Delibera Coordinamento Istituzionale n.10 del Verbale di concertazione con il partenariato locale Protocollo PUA Preventivo Salvalavita Beghelli Preventivo Orthomax Preventivo Veicolo Comune di Teano capofila Comune di Teano capofila Comune di Teano capofila Beghelli Point di Elena Gambardella C.so Campano,544 Giugliano in Campania (NA) Orthomax srl Via Appia,1176 Minturno (LT) D.E. TRUCK SPA pagina 9

10 2. Erogazione di servizi in assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti non in ADI Scheda n.: 1 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto SAD Anziani non autosufficienti b. Localizzazione Ambito Territoriale C03 c. Soggetto attuatore Comune di Teano - capofila Ambito C03 d. Responsabile Unico di Procedimento Carlo e. Contatti del RUP indirizzo:p.zza Municipio, 1 -Teano telefono:0823/ f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) B. Dettagli dell'intervento e risultati attesi a. Descrizione (modalità di gestione del servizio e rispetto delle condizioni) b. Modalità di valutazione del fabbisogno degli utenti Il servizio sarà gestito attraverso la modalità dell appalto servizi, con procedura aperta (ogni soggetto, interessato al bando, può presentare un'offerta); I fornitori di servizi dovranno rispondere ai requisiti obbligatori richiamati nel DPGRC n.16/09 recante "Regolamento per l'autorizzazione al funzionamento e accreditamento delle strutture e dei soggetti che provvedono alla gestione e all'offerta dei servizi sociali", a norma del comma 2 dell'articolo 44, titolo VII. Il richiamato Regolamento è stato approvato dall'ex Ambito C4 con delibera del C.I. n.74 del 24/02/2011, ed approvato, in applicazione del DGRC n. 320/12 dall'ambito C03, con deliberazione del C.I. n.10 del, allegata al presente piano. Come da Accordo di Programma integrativo con l ASL, gli anziani non autosufficienti avranno il rilascio di certificazione di non autosufficienza che attesta la possibilità di rispondere ai suoi bisogni sanitari attraverso servizi alternativi all ADI/CDI, tramite una valutazione strutturata dei bisogni socioassistenziali (attraverso l utilizzo della scheda SVAMA sociale), che attesta una condizione di non autosufficienza di particolare gravità, tale da richiedere un percorso socio-assistenziale domiciliare per il miglioramento del benessere dell individuo. c. N. ore erogate - PAC pagina 10

11 - PAC d. N. utenti - PAC PAC C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo eventuale compartecipazione degli utenti personale OSA Assistente Sociale Totale = Importo al netto della compartecipazione Totale = Importo al lordo della compartecipazione D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (mese e anno) a. Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni 04/2014 b. Esecuzione fornitura/attività 04/2014 c. Verifiche e controlli (se fornitore privato) 05/2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre pagina 11

12 3. Investimento in allestimenti, forniture e adozioni di soluzioni innovative per la gestione Scheda n.: 1 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Acquisto veicolo per anziani b. Localizzazione Ambito Territoriale C03 c. Soggetto attuatore Teano Comune capofila d. Responsabile Unico di Procedimento e. Contatti del RUP indirizzo:p.zza Municipio - Teano telefono:0823/ f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,55 B. Dettagli dell'intervento e risultati attesi a. Descrizione acquisto veicolo adibito al trasporto degli anziani, comprensivo di spese di revisione, di assicurazione e manutenzione. Il servizio è rivolto agli anziani non autosufficienti in carico ai servizi socio-sanitari, privi di rete familiare, ai quali si vuole assicurare la mobilità assistita, al fine di facilitare il raggiungimento dei presidi ospedalieri, poliambulatori distrettuali, per esami e/o terapie ecc. Si prevedono c.ca 40 utenti. b. Rispetto delle condizioni Il veicolo, come da preventivo allegato al Piano, e enel rispetto dei parametri tecnici è: Modello Sprinter - 316CDI K 37/32 Euro 6 (2013) dotato di: - fornitura e installazione sollevatore elettroidraulico interno doppio braccio, elettroidraulico CAROIL; - fornitura ed installazione ancoraggio al pavimento binari per ancoraggi; n.1 Kit di ancoraggio per carrozzella; - omologazione e collaudo. c. Modalità di acquisizione di beni e servizi L'acquisizione del veicolo avverrà attraverso la procedura negoziata senza bando (la stazione appaltante consulta i soggetti da essa individuati e negozia con uno o più di essi le condizioni dell'appalto). C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo Acquisto veicolo (come descritto) ,55 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,55 pagina 12

13 D. Iter procedurale e tempistica n. Procedura Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Esecuzione fornitura/attività Verifiche e controlli (se fornitore privato) 1 Acquisto veicolo 03/ / /2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre ,55 0 pagina 13

14 3. Investimento in allestimenti, forniture e adozioni di soluzioni innovative per la gestione Scheda n.: 2 A. Dati identificativi a. Titolo del progetto Acquisto ausili non sanitari b. Localizzazione Ambito Territoriale C03 c. Soggetto attuatore Comune di Teano d. Responsabile Unico di Procedimento Dott. Cralo e. Contatti del RUP indirizzo:p.zza Municipio telefono:0823/ f. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,45 B. Dettagli dell'intervento e risultati attesi a. Descrizione Tale servizio è finalizzato alla permanenza dell anziano non autosufficiente nel proprio ambiente di vita, nonché al miglioramento della qualità della vita dell anziano medesimo, attraverso l abbattimento delle barriere architettoniche (montascale, piani docce, con maniglioni di sicurezza, poltrone con telecomando per alzata assistita, comandi a distanza per porte /cancelli, videocitofoni..), come da preventivi allegati b. Rispetto delle condizioni Gli ausili saranno erogati nel rispetto della normativa e della regolamentazione vigente: - Regolamento per l'accesso prioritario (approvato nel C.I. del 16/09/2013 Gli ausili saranno a norma e ai sensi della Direttiva 9342 CEE. c. Modalità di acquisizione di beni e servizi Gli ausili saranno acquistati attraverso la procedura negoziata senza bando (la stazione appaltante consulta i soggetti da essa individuati e negozia con uno o più di essi le condizioni dell'appalto). Al paino sono allegati idonei preventivi. C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo Telesalvalavita Beghelli ,45 Sollevatore da vasca Montascale modello LG 2004 ANTANO Aerosol Misuratore di pressione pagina 14

15 C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo Inalatori termali Coperte antidecubito Pulsissometro Misuratore ossigeno Misurtaore diabete Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,45 D. Iter procedurale e tempistica n. Procedura Definizione e stipula del contratto (se fornitore privato) o avvio delle prestazioni Esecuzione fornitura/attività Verifiche e controlli (se fornitore privato) 1 Acquisto ausili 03/ / /2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre , IL RAPPRESENTANTE LEGALE Ing. Nicola Di Benedetto pagina 15

IT90W100003245420300063329 PIAZZA DEL POPOLO AVELLINO

IT90W100003245420300063329 PIAZZA DEL POPOLO AVELLINO PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE CAMPANIA 1. DATI

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DEL FORMULARIO PER LA DEFINIZIONE DELLA PROPOSTA DEL

Dettagli

1. DATI IDENTIFICATIVI. pagina 1. Denominazione dell'ambito Territoriale FISCALE 00223940651?????????? Sede Via M. Alfani, 52?????

1. DATI IDENTIFICATIVI. pagina 1. Denominazione dell'ambito Territoriale FISCALE 00223940651?????????? Sede Via M. Alfani, 52????? PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L'INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE CAMPANIA 1. DATI

Dettagli

1. DATI IDENTIFICATIVI. pagina 1

1. DATI IDENTIFICATIVI. pagina 1 PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L'INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE CAMPANIA 1. DATI

Dettagli

assistenza domiciliare per anziani ultrasessantacinquenni (ADA). L Assistenza domiciliare integrata con i servizi sanitari (ADI/CDI) consiste nell

assistenza domiciliare per anziani ultrasessantacinquenni (ADA). L Assistenza domiciliare integrata con i servizi sanitari (ADI/CDI) consiste nell Regolamento per il servizio di assistenza domiciliare socioassistenziale e per il servizio di assistenza domiciliare integrata con i servizi sanitari attraverso procedura di erogazione dei Voucher Sociali

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: "ADOZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE SICILIANA 1. DATI

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 466 DEL 22/04/2015

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 466 DEL 22/04/2015 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 466 DEL 22/04/2015 OGGETTO: Approvazione "Progetto di Sviluppo delle cure domiciliari

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE SICILIA 1. DATI IDENTIFICATIVI

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

Dati contabili e fiscali C.F. 82000010726 P.I. 02411370725 IT58Q0100003245430300063812 Sede P.zza Margherita di Savoia 10

Dati contabili e fiscali C.F. 82000010726 P.I. 02411370725 IT58Q0100003245430300063812 Sede P.zza Margherita di Savoia 10 PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L'INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE PUGLIA 1. DATI IDENTIFICATIVI

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA UFFICIO DI DIREZIONE - la funzione di gestione del servizio sociale di comuni direzione del Servizio

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER LE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Esercizio finanziario 2009

SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER LE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Esercizio finanziario 2009 PIANO DISTRETTUALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO VT 4 Comune Capofila VETRALLA Esercizio Finanziario 2009 SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER

Dettagli

PIANO DI AZIONE E COESIONE. Piano di Intervento Servizi di Cura per gli Anziani DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI DI AGRIGENTO

PIANO DI AZIONE E COESIONE. Piano di Intervento Servizi di Cura per gli Anziani DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI DI AGRIGENTO PIANO DI AZIONE E COESIONE Piano di Intervento Servizi di Cura per gli Anziani DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI DI AGRIGENTO Nota esplicativa al Punto 3. "Investimento in allestimenti, forniture e adozioni

Dettagli

RESIDENZIALITA E ANZIANI

RESIDENZIALITA E ANZIANI Residenzialità Solidale e Amministrazioni di Sostegno RESIDENZIALITA E ANZIANI Dott. Lorenzo Sampietro Demografia in pillole La Liguria è la Regione che ha la più alta percentuale di anziani 26,8% con

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE CALABRIA 1. DATI

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N

AMBITO TERRITORIALE N AMBITO TERRITORIALE N 23 Comuni di Nola (capofila), Camposano, Carbonara di Nola, Casamarciano, Cicciano, Cimitile, Comiziano, Liveri, Roccarainola, San Paolo Belsito,Saviano, Scisciano, Tufino, Visciano.

Dettagli

P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione Assistenza Domiciliare

P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione Assistenza Domiciliare Allegato A) P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione 1 Acronimi INDICE pag.3 1. Introduzione pag.4 2. Quadro Attuale pag.4 3. Definizione ed obiettivi delle cure domiciliari pag.4 3.1 Cure Domiciliari Prestazionali

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

A M B I T O T E R R I T O R I A L E N. 5

A M B I T O T E R R I T O R I A L E N. 5 Comune di Adelfia Comune di Capurso Comune di Triggiano Comune di Cellamare Comune di Valenzano Comune Capofila A M B I T O T E R R I T O R I A L E N. 5 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEI SERVIZI DI ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Premessa L'Amministrazione Comunale di Pianoro, nell'ambito della rete dei servizi socioassistenziali (a favore della popolazione residente : non

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Giunta Regionale della Campania DECRETO DIRIGENZIALE DIPARTIMENTO Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. CAPO DIPARTIMENTO DIRETTORE GENERALE / DIRIGENTE STAFF DIPARTIMENTO DIRIGENTE UNITA

Dettagli

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Allegato A MODALITÀ DI UTILIZZO DEL FONDO PER LE NON AUTOSUFFICIENZE E DEL FONDO FINALIZZATO ALLA PERMANENZA O RITORNO IN FAMIGLIA DI PERSONE PARZIALMENTE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

CITTÀ DI BISIGNANO MEDIA VALLE DEL CRATI AVVISO PUBBLICO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CITTÀ DI BISIGNANO MEDIA VALLE DEL CRATI AVVISO PUBBLICO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE CITTÀ DI BISIGNANO (PROVINCIA DI COSENZA) Cap. 87043 Tel. (0984) 951071 Fax (0984) 951178 C.F. e P.I. 00275260784 PEC: comune.bisignano.servsociali.istruzione@pec.it DISTRETTO SOCIO-ASSISTENZIALE MEDIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI AMBITO TERRITORIALE C07 REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA DISTRETTI SANITARI N. 19 E 20 REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI Approvato dal Coordinamento Istituzionale

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC L esperienza della ASL RMC Mariella Masselli Responsabile U.O.S.D Tutela Salute Riabilitazione Disabili Adulti d. 12 - ASL RMC Roma, 11 settembre 2013 Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione

Dettagli

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Le cure a casa in uno scenario di sicurezza: dal censimento al libro bianco Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Masselli Mariella - Mete Rosario Roma 7 Luglio 2010 Il ruolo strategico

Dettagli

Comune Capofila : VETRALLA

Comune Capofila : VETRALLA PROGETTI DI INTERVENTI E SERVIZI PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI APPARTENENTI AL DISTRETTO SOCIALE VT 4 -Anno 2010- Comune Capofila : VETRALLA Comuni di : Barbarano Romano Villa San Giovanni in Tuscia

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE SICILIA 1. DATI IDENTIFICATIVI

Dettagli

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2014/15 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2014/15 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE DISTRETTO SOCIO - SANITARIO D54 Comuni di Castelvetrano - Campobello di Mazara- Partanna- Poggioreale-Salaparuta-Santa Ninfa Partanna Poggioreale Salaparuta - Santa Ninfa Piazza G. Cascino, n. 8 91022

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI GAGLIANO DEL CAPO

AMBITO TERRITORIALE DI GAGLIANO DEL CAPO AMBITO TERRITORIALE DI GAGLIANO DEL CAPO 73034 Via P.tta del Gesù - Cod. Fisc. 81001150754 Tel./Fax 0833 548575 e-mail: ambitosociale.gaglianodelcapo@pec.rupar.puglia.it COMUNI DI: GAGLIANO DEL CAPO (Capofila)

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.)

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE N. 26 DEL 06.10.2010 Art. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI La Legge

Dettagli

COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA

COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO DISTRETTUALE PER SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

Dettagli

Griglia per: raccolta della documentazione, tematizzazione dei contenuti, socializzazione delle conoscenze

Griglia per: raccolta della documentazione, tematizzazione dei contenuti, socializzazione delle conoscenze Agenzia Sanitaria Regionale (ARS) - P.F. Integrazione socio sanitaria Gruppo di miglioramento per l integrazione socio sanitaria Report 17 - Piano formativo 2013 Coordinatore: Dott. Stefano Ricci Estensori:

Dettagli

(Il Governo con delibera C.d.M. del 14 febbraio 2012, ha deciso di impugnare l articolo 2, comma 3 e l articolo 11) Art. 1 (Oggetto e finalità)

(Il Governo con delibera C.d.M. del 14 febbraio 2012, ha deciso di impugnare l articolo 2, comma 3 e l articolo 11) Art. 1 (Oggetto e finalità) Legge regionale 20 dicembre 2011, n. 44 Norme per il sostegno di persone non autosufficienti Fondo per la non autosufficienza (BUR n. 23 del 16 dicembre 2011, supplemento straordinario n. 3 del 22 dicembre

Dettagli

Percorso di concertazione Piano di Azione Coesione, secondo riparto, per i servizi alla prima infanzia ed alle persone non autosufficienti

Percorso di concertazione Piano di Azione Coesione, secondo riparto, per i servizi alla prima infanzia ed alle persone non autosufficienti Percorso di concertazione Piano di Azione Coesione, secondo riparto, per i servizi alla prima infanzia ed alle persone non autosufficienti Tavolo di concertazione Piano Sociale di Zona/Sindacati Il giorno

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di MANDURIA

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di MANDURIA ASL TA/1 - AVETRANA - FRAGAGNANO - LIZZANO - MARUGGIO - SAVA - TORRICELLA - MANDURIA AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di MANDURIA IL RESPONSABILE dell UFFICIO di PIANO Visto l art. 22 comma 2 lett.g della Legge

Dettagli

Riflessione per i Piani di Zona Valle Brembana e Valle Imagna-Villa d'almè. CeAD - Centri per l'assistenza Domiciliare -

Riflessione per i Piani di Zona Valle Brembana e Valle Imagna-Villa d'almè. CeAD - Centri per l'assistenza Domiciliare - Allegato B al P.d.Z. Riflessione per i Piani di Zona Valle Brembana e Valle Imagna-Villa d'almè CeAD - Centri per l'assistenza Domiciliare - A partire dall'istituzione dei CeAD (Centri per l'assistenza

Dettagli

Fondi Pensione e Casse di Previdenza:

Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Cattolica Previdenza: un veicolo per gestire il rischio finanziario e demografico. Massimo Montecchio Responsabile Sistema di Offerta Vita e Previdenza Gruppo Cattolica

Dettagli

IL SISTEMA DEI SERVIZI DOMICILIARI IN CAMPANIA LINEE GUIDA REGIONALI

IL SISTEMA DEI SERVIZI DOMICILIARI IN CAMPANIA LINEE GUIDA REGIONALI IL SISTEMA DEI SERVIZI DOMICILIARI IN CAMPANIA LINEE GUIDA REGIONALI 1 INDICE INTRODUZIONE 1 - IL SISTEMA REGIONALE DEI SERVIZI DOMICILIARI INTEGRATI 1.1 La nuova caratterizzazione delle Cure Domiciliari

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PALOMA 2000 Cooperativa sociale di assistenza a.r.l. Viale Tunisia, 10 20124 Milano tel. 02/29536073-4 fax. 02/29536075 www.paloma200.it - e-mail: info@paloma2000.it DOCUMENTO 04 CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA

Dettagli

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO La sperimentazione delle cure domiciliari promossa dai Comuni dell area grossetana d intesa con la ASL 9, trova l avvio in un analisi approfondita dei bisogni del territorio,

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

ACCORDO CON REGIONE LOMBARDIA DEL 26 SETT. A FAVORE DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI GRAVI E GRAVISSIME

ACCORDO CON REGIONE LOMBARDIA DEL 26 SETT. A FAVORE DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI GRAVI E GRAVISSIME ACCORDO CON REGIONE LOMBARDIA DEL 26 SETT. A FAVORE DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI GRAVI E GRAVISSIME IL TESTO DELL ACCORDO Giudizio poli;co Innanzitutto va detto che il metodo di coinvolgimento delle

Dettagli

DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO ASSISTENZIALE IN FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI NON IN ADI/CDI

DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO ASSISTENZIALE IN FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI NON IN ADI/CDI PIANO SOCIALE DI ZONA ARACNE - AMBITO B3 DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO ASSISTENZIALE IN FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI NON IN ADI/CDI (a valere sulle

Dettagli

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente Le cure domiciliari nella rete dei servizi Rosella Petrali Direzione Generale Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale Regione Lombardia

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI ADI / ADA

REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI ADI / ADA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 49 Carlentini Lentini Francofonte A.S.P. Siracusa Capofila REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI ADI / ADA Approvato con verbale n.8 del 04/12/2013 del Comitato

Dettagli

PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO

PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO (Approvato con deliberazione C.C. n.64 del 26.11.1999) Art. 1 Rete integrata di Servizi per Anziani Il presente regolamento disciplina l'organizzazione e l'attività di una

Dettagli

Regolamento Misura a favore delle persone con disabilità grave o comunque in condizione di non autosufficienza (Misura B2 - DGR 2883 del 12.12.

Regolamento Misura a favore delle persone con disabilità grave o comunque in condizione di non autosufficienza (Misura B2 - DGR 2883 del 12.12. Regolamento Misura a favore delle persone con disabilità grave o comunque in condizione di non autosufficienza (Misura B2 - DGR 2883 del 12.12.2014) 1. FINALITA Il presente regolamento è lo strumento di

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

Il contributo della Professione amministrativa

Il contributo della Professione amministrativa Regione FVG - ASS N. 5 Bassa Friulana Il contributo della Professione amministrativa dott.ssa Paola Menazzi Convegno interregionale CARD Tra corsi e ricorsi regionali, i migliori percorsi di governance

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

Avviso. Prestazioni Socio Assistenziali. Accreditamento Fornitori. Prot. n. 10994 Del 28.05.2015

Avviso. Prestazioni Socio Assistenziali. Accreditamento Fornitori. Prot. n. 10994 Del 28.05.2015 In domo mia DISTRETTO DI OZIERI Prot. n. 10994 Del 28.05.2015 Avviso Accreditamento Fornitori Prestazioni Socio Assistenziali Procedura di accreditamento prestazioni socio assistenziali 1 Comune di Ozieri

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Politiche di sostegno alla non autosufficienza

Politiche di sostegno alla non autosufficienza Politiche di sostegno alla non autosufficienza Sergio Pasquinelli Istituto per la Ricerca Sociale Milano 26 Settembre 2013 I problemi di partenza La proposta in sintesi Domande e risposte Più in dettaglio

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO

ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO 1. Continuità dell intervento X Nuovo ( Centro diurno) X In continuità con servizio già attivato ( Assistenza Domiciliare)

Dettagli

MISURA B1 - PERSONE CON DISABILITA GRAVISSIMA

MISURA B1 - PERSONE CON DISABILITA GRAVISSIMA Piano operativo per l attuazione degli interventi in materia di gravi e gravissime disabilità o anziani non autosufficienti previsti dalla DGR n. 740/2013 Regione Lombardia con DGR n. 740 del 27/09/2013

Dettagli

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 1. La Fondazione Ospedale Marchesi nella rete dei servizi.

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D22 BANDO

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D22 BANDO DISTRETTO SOCIO SANITARIO D22 Comune Calascibetta Comune Catenanuova Comune Centuripe Comune Erma Comune Valguaniera Comune Vitlarosa BANDO per l'assegnazione di buoni di servizio (voucher) assistenza

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Le prestazioni erogate in hospice sono un complesso integrato di prestazioni sanitarie assistenziali ed alberghiere, fornite in maniera continuativa per 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana, rivolte

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI 2. Continuità dell intervento Nuovo X In continuità con servizio già attivato 3. Tipologia di servizio X LEPS Altri Servizi _ (specificare) 4. Se

Dettagli

Le sfide di un utenza in continua evoluzione

Le sfide di un utenza in continua evoluzione SENIORnet Le sfide di un utenza in continua evoluzione Venezia Mestre 8/4/2014 Dott.sa Emma Nardin Coordinatore tecnico Servizio Adulti Anziani GLI SCENARI DEMOGRAFICI LE FAMIGLIE DEGLI ANZIANI LE DOMANDE

Dettagli

ASP COSENZA CONTRATTAZIONE DECENTRATA AZIENDALE MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI

ASP COSENZA CONTRATTAZIONE DECENTRATA AZIENDALE MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI ASP COSENZA CONTRATTAZIONE DECENTRATA AZIENDALE MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI SPECIALISTICA AMBULATORIALE (Art. 1 AIR 31-05-08 ) 1. L attività specialistica degli ambulatori territoriali viene

Dettagli

Adeguamento continuo dei sistemi aziendali al LEASOCIOSAN e alle caratteristiche funzionali dei flussi ministeriali, nel corso del triennio.

Adeguamento continuo dei sistemi aziendali al LEASOCIOSAN e alle caratteristiche funzionali dei flussi ministeriali, nel corso del triennio. PIANO DELLA PERFORMANCE Monitoraggio Leasociosan Gestisce il Flusso FAR (prestazioni residenziali per i soggetti adulti non autosufficienti) e Flusso SIAD (Banca dati per l'assistenza domiciliare). Report

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art 1 - Oggetto TITOLO I Disposizioni Generali Lo scopo del presente regolamento è l'individuazione di criteri equi e trasparenti per: a) l'erogazione

Dettagli

Comune di Valtopina. (provincia di Perugia) REGOLAMENTO

Comune di Valtopina. (provincia di Perugia) REGOLAMENTO Comune di Valtopina (provincia di Perugia) REGOLAMENTO AMBITO TERRITORIALE N.8 ASL N.3 DISTRETTO N.3 Disciplinante il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) e di Assistenza Domiciliare Integrata (A.D.I.)

Dettagli

PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI

PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI Provincia Regionale di Enna DISTRETTO SOCIO SANITARIO N.24 COMUNI DI PIAZZA ARMERINA BARRAFRANCA PIETRAPERZIA AIDONE PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI

DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI COMUNE DI BARANZATE Provincia di Milano Area Servizi alla Persona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione del Commissario Straordianrio con i poteri

Dettagli

SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI

SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI 2. Continuità dell intervento Nuovo X In continuità con servizio già attivato 3. Tipologia di servizio X LEPS Altri Servizi _ (specificare) 4. Se il servizio dà continuità

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA 1. FINALITA E OBIETTIVI Il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata(ADI) si colloca nella rete dei servizi sociosanitari volti a garantire alle persone

Dettagli

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione Dott. Gianni Vicario - Laziosanità ASP Contesto ELEVATA COMPLESSITA ASSISTENZIALE

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N.28 Comuni San Giorgio a Cremano e San Sebastiano al Vesuvio

AMBITO TERRITORIALE N.28 Comuni San Giorgio a Cremano e San Sebastiano al Vesuvio Allegato alla Determina n. 18 del 20.05.2015 AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DEGLI ASSEGNI DI CURA A VALERE SUL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2013 A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI PIANO

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Unità Complessa di Oncologia Critica Territoriale e Cure Palliative - ADI Gianvito Corona Firenze, 2 dicembre 2010 Palazzo dei

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SCHEDE INTERVENTO DA ALLEGARE AL FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di LECCE

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di LECCE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di LECCE LECCE (capofila) ARNESANO CAVALLINO LEQUILE LIZZANELLO MONTERONI SAN CESARIO SAN DONATO SAN PIETRO IN LAMA SURBO IL DIRIGENTE RESPONSABILE dell UFFICIO di PIANO Visto

Dettagli