Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb."

Transcript

1

2 Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013 Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Valeria Polizzi CONTRIBUTI SPECIALISTICI Dott. Amb. Lucia Foltran Ing. Erika Grigoletto Ing. Elettra Lowenthal Dott. For. Marco Pianca Ing. Lino Pollastri Geol. Eros Tomio Urb. Fabio Vanin Mauro Dal Zilio Il Sindaco PAT 2013 COMUNE DI QUINTO DI TREVISO Giulio Sartor Il Vice Sindaco Arch. Andrea Sancassani Il Responsabile Servizio Urbanistica Dott. Giampietro Cescon Il Segretario Comunale

3 1 PREMESSA IL LIMITE DIMENSIONALE (SAU/STC) Il calcolo della SAU massima trasformabile LE TAVOLE DI PROGETTO Tavola 1 Vincoli e Pianificazione Territoriale Tavola 2 Invarianti Tavola 3 Fragilità Tavola 4.1 Trasformabilità LE ATO E IL DIMENSIONAMENTO ATO 1 Quinto di Treviso ATO 2 Santa Cristina ATO 3 Polo produttivo ATO 4 Ambito agricolo IL PROGETTO STRATEGICO DEL PAT La struttura delle Azioni Strategiche L attuazione delle Azioni Strategiche Riorganizzazione della viabilità di attraversamento del centro storico Linee preferenziali di sviluppo insediativo da concertare con il Parco del Sile Collegamento con il Fiume Sile... 38

4 1 PREMESSA Il progetto di PAT è il risultato di un processo complesso che, attraverso l acquisizione di conoscenze specifiche, permette suddividere il territorio secondo uno schema rappresentato da 5 tavole di progetto: la Carta dei Vincoli e della Pianificazione Territoriale nella quale sono evidenziate quelle parti di territorio che sono sottoposte a vincoli di diversa natura e che rappresentano quindi un limite anche normativo all utilizzo del territorio; la Carta delle Invarianti nella quale vengono evidenziate quelle parti di territorio che, in virtù delle loro caratteristiche, possono essere considerate parte fondante dell identità dei luoghi, sia dal punto di vista ambientale e paesaggistico, che storico e architettonico; la Carta delle Fragilità nella quale vengono evidenziate le criticità geologiche rilevate nel territorio comunale, con particolare riferimento alle aree a rischio idrogeologico; la Carta della Trasformabilità che rappresenta la traduzione cartografica degli obiettivi e delle strategie per lo sviluppo e la gestione del territorio comunale; la Carta degli Ambiti Territoriali Omogenei (A.T.O.), che rappresentano parti omogenee sia dal punto di vista territoriale, che funzionale e di obiettivi progettuali per le quali è definito il dimensionamento del PAT. L elemento principale che pone dei condizionamenti all interno del quadro delle trasformazioni possibili nel territorio comunale è dato dal rapporto tra Superficie Agricola Utilizzata (SAU) e Superficie Territoriale Comunale (STC). Nella relazione di progetto verranno trattati i limiti dimensionali calcolati ai sensi della LR 11/04 ed i contenuti specifici delle 5 tavole di piano Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

5 2 IL LIMITE DIMENSIONALE (SAU/STC) In coerenza con l obiettivo di salvaguardare il bene territorio la nuova legge urbanistica regionale, attraverso gli Atti di Indirizzo, ha stabilito che vi sia un limite massimo di sottrazione di territorio agricolo da destinare ad altre funzioni (art. 50, comma 1, lettera c.). In particolare in sede di PAT si deve determinare il quantitativo massimo della zona agricola trasformabile facendo riferimento al rapporto tra la Superficie Agricola Utilizzata (SAU) e la Superficie Territoriale Comunale (STC). L obiettivo esplicito di tale dimensionamento è quello di fissare una soglia massima di superficie trasformabile all interno della quale dovranno essere fatte le previsioni (di nuova edificazione, di standard e di infrastrutturazione) per la durata del PAT. Il dimensionamento volumetrico deve essere elaborato per un periodo decennale e realizzato attraverso i Piani degli Interventi quinquennali. La modalità di calcolo per individuare la superficie massima parte dai rapporti medi regionali determinati per tipo di territorio (pianura, collina, montagna). Questo, a sua volta, è messo in relazione con il trend che si è avuto nell ultimo decennio intercensuario ( ). Ciò ha consentito di trovare dei numeri indici di riferimento per tipologia geografica e per percentuale di SAU trasformata. 2.1 Il calcolo della SAU massima trasformabile Quinto di Treviso rientra nella categoria dei comuni di Pianura con un rapporto tra SAU e STC superiore all indice di riferimento fissato dalla Regione per i comuni di Pianura: 64,2% contro il limite di 61,3%. Applicando il numero indice di trasformabilità fissato dalla Regione (numero indice: 1,3) si ottiene il valore di 15,56 ettari ( mq), al quale, così come previsto dallo stesso Atto di indirizzo regionale, è possibile applicare un incremento pari al 10%, ottenendo mq, che rappresenta la massima superficie trasformabile per il periodo di validità del PAT. La scelta dell Amministrazione comunale è stata di prevedere nel PAT un limite quantitativo massimo di SAU trasformabile inferiore a quello calcolato secondo i parametri di legge ( mq): la soglia massima di superficie agricola trasformabile è stata fissata pari a mq. Questo risultato lo si ottiene con la seguente modalità. la superficie complessiva del comune è pari a 1864,03 ettari circa ( mq = ( mq superficie dei corsi d acqua e bacini d acqua pari a mq)); Relazione di progetto - 3 -

6 la superficie agricola utilizzata è pari a 1196,94 ettari, cioè al 64,2%. Siccome questa percentuale è superiore a quella dell indice pre-fissato dagli Indirizzi della Regione Veneto, 61,3%, si deve applicare l indice di trasformabilità pari a 1,3%. nel prossimo periodo la superficie agricola che si può sottrarre al territorio agricolo può essere al massimo pari all 1,3% della SAU esistente. Il valore che si ottiene applicando tale indice è di circa 17 ettari. Come specificato in precedenza, la scelta dell Amministrazione è stata di diminuire tale soglia nel PAT, prevedendo un limite massimo di SAU trasformabile pari a 15 ettari. Per il calcolo della SAU si è ricorsi all analisi dell ortofoto 2007 con dei sopralluoghi per ottenerne l aggiornamento al 2010; il valore della SAU che è stato considerato è il risultato del lavoro di fotointerpretazione dell ortofotocarta e del dott. forestale Marco Pianca Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

7 Elab. 14 Tav. 5.1 ANALISI AGRONOMICHE. Uso del Suolo Aggiornamento al 2010 Relazione di progetto - 5 -

8 Elab. 15 Tav. 5.2 ANALISI AGRONOMICHE. Superficie Agricola Utilizzata (SAU) Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

9 3 LE TAVOLE DI PROGETTO L idea di città posta alla base del PAT di Quinto di Treviso, prefigura su un orizzonte temporale di lungo periodo le grandi linee evolutive auspicabili per il futuro. Il progetto di Piano, per poter essere maggiormente condivisibile e sostenibile dal punto di vista sociale, ha preso avvio direttamente dai desiderata emersi durante gli incontri della partecipazione. Tra le tematiche che hanno trovato spazio all interno della tavola n. 4.1 Carta della Trasformabilità si elencano le più importanti: la risposta alle esigenze abitative della popolazione, in maniera coerente con i vincoli e i limiti imposti dal PAT e dalla VAS da un lato, i valori e le fragilità del territorio dall altro; la risoluzione di alcune criticità legate al sistema infrastrutturale, in particolare quelle legate alla viabilità di attraversamento del centro storico di Quinto di Treviso; il miglioramento della qualità della città mediante interventi volti a riqualificare/riconvertire il tessuto urbano esistente, in parte degradato e disorganizzato; la costruzione, il potenziamento e la messa in rete dei servizi, anche attraverso il finanziamento dei soggetti privati mediante l istituto dell accordo pubblico-privato Art. 6 L.R. 11/2004; l implementazione della rete ciclopedonale e la messa in rete delle risorse ambientali e paesaggistiche. A seguire si riporta una descrizione degli elaborati cartografici di progetto prodotti, gli unici ad avere cogenza normativa. Relazione di progetto - 7 -

10 3.1 Tavola 1 Vincoli e Pianificazione Territoriale La tavola 1 rappresenta i vincoli, articolati e classificati in diversi livelli: i vincoli di legge, detti anche vincoli ricognitivi: sono i vincoli stabiliti in forza di legge (D.Lgs 42/2004, O.P.C.M. 3274/2003, Direttive Habitat 92/43/CEE e Uccelli 79/409/CEE, etc.) per intere categorie di beni. Si definiscono vincoli ricognitivi perché la loro imposizione non è una decisione autonoma, ma è semplicemente il riconoscimento che un determinato bene appartiene alla categoria di beni che la legge ha voluto tutelare. i vincoli derivanti da strumenti di pianificazione sovraordinata (P.T.R.C., P.T.C.P. di Treviso, P.A. del Parco Naturale Regionale del Fiume Sile, P.A.I. el bacino idrografico del Sile e della pianura tra Piave e Livenza, Atlante Regionale dei Centri Storici); i vincoli tecnologici e infrastrutturali e i vincoli che gravano su un particolare oggetto territoriale allo scopo di non compromettere le funzioni di un altro oggetto che riveste interesse pubblico (fasce di rispetto stradali e ferroviarie, fasce di rispetto elettrodotti e metanodotti, fasce di rispetto dei cimiteri, etc.) I vincoli di legge individuati sono: vincolo paesaggistico ai sensi del D.Lgs 42/2004 (art. 136, lett. c, d) (ex L 1497/39), relativo al corso del Fiume Sile, dichiarato di notevole interesse pubblico con D.G.R. n del ; vincolo paesaggistico relativo ai corsi d acqua vincolati dal D.Lgs 42/2004 (art. 142 lett. c) (ex L 431/85 Galasso ), riguardante il Fiume Sile e la Roggia Piovega; vincolo paesaggistico relativo alle zone boscate vincolate dal D.Lgs 42/2004 (art. 142 lett. g): riguarda le aree boscate individuate mediante un lavoro di fotointerpretazione dell ortofotocarta e specifici sopralluoghi sul campo. La perimetrazione delle aree boscate è stata effettuata secondo parametri conformi ai limiti previsti dalla definizione di bosco di cui all art. 14 della LR 52/1978 con le modifiche introdotte dall art. 5 della LR 5/2005 (estensione non inferiore a mq e larghezza media non inferiore a 20 m). vincolo monumentale ai sensi del D.Lgs 42/2004, art. 10 (ex. L. 1089/1939), che comprende gli immobili sottoposti a tutela da parte della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio e le relative pertinenze: le Ville Venete Ciardi e Giordani Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

11 vincolo sismico O.P.C.M. 3274/2003 che inserisce il territorio comunale in zona sismica 3; Rete Natura 2000, caratterizzata dal Sito di Interesse Comunitario SIC IT Fiume Sile dalle sorgenti a Treviso Ovest e dalla Zona di Protezione Speciale ZPS IT Sile: sorgenti, paludi di Morgano e S.Cristina I vincoli derivanti da strumenti di pianificazione sovraordinata sono: il Parco Naturale Regionale del Fiume Sile e le Zone di Urbanizzazione Controllata; la Zona umida del Fiume Sile, sottoposta alle disposizioni dell Art. 21 delle Norme di Attuazione del P.T.R.C.; le aree a rischio idraulico, individuate da: - ll Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) del bacino idrografico del Fiume Sile e della Pianura tra Piave e Livenza: a) P3 Aree a elevata pericolosità idraulica (Artt. 9, 10, 11); b) P2 Aree a media pericolosità idraulica (Artt. 9, 10, 12); c) P1 Aree a moderata pericolosità idraulica (Artt. 9, 10, 13); - Il Piano Territoriale Provinciale di Coordinamento (P.T.C.P.) di Treviso: a) P1 Area a moderata pericolosità idraulica da piene storiche (Art. 60); b) P0 Area a ridotta pericolosità idraulica (Art. 60); L ex Mulino di Cervara, individuato dal P.T.C.P. di Treviso come Edificio di pregio architettonico di interesse culturale Contesto figurativo e sottoposto alle disposizioni dell Art. 51 Prescrizioni per la conservazione ed il recupero delle Ville Venete e dei complessi ed edifici di pregio architettonico di interesse provinciale e dell Art. 52 Prescrizioni per la tutela delle pertinenze e dei contesti figurativi delle Ville Venete, gli edifici di pregio architettonico di interesse provinciale (P.T.C.P.); Le Aree a rischio archeologico (Art. 53 del P.T.C.P.), nelle quali il P.T.C.P. ritiene probabili ritrovamenti archeologici. Esse sono articolate e classificate in: - Siti a rischio archeologico: a) Materiale sporadico (Quinto di Treviso); b) Elemento Strutturato (S. Cristina); c) Materiale sporadico, tomba ed elementi strutturati e relativo ambito di tutela (S. Cassiano) - Agro-centuriato, localizzato nella porzione meridionale del territorio comunale; il centro storico di Quinto di Treviso, il cui perimetro corrisponde a quello riportato nell Atlante Regionale dei Centri Storici. Relazione di progetto - 9 -

12 I vincoli tecnologici e infrasturtturali sono: il sedime dell ex discarica di II categoria tipo A, situata nella porzione settentrionale del comune, in Via San Cassiano, al confine con il comune di Paese. il sedime della cava Campagna (e la relativa fascia di rispetto di 200 metri dal perimetro dell area autorizzata) situata nella porzione nordoccidentale del comune, al confine con i comuni di Paese e Morgano. n. 13 pozzi di prelievo per uso idropotabile (e la relativa fascia di rispetto di 200 metri), di cui: - n. 10 pozzi ubicati nell area produttiva a Sud del territorio comunale; - n. 2 pozzi situati lungo Via Costamala; - n. 1 pozzo localizzato in via Giorgione, al confine con il comune di Treviso. il depuratore e la relativa fascia di rispetto; il sedime delle Infrastrutture per la viabilità, esistenti e di progetto, e le relative fasce di protezione e rispetto, esternamente al perimetro dei centri abitati, classificate secondo una gerarchia, in analogia a quanto previsto dal Nuovo Codice della Strada: - viabilità di collegamento (fascia rispetto 30 m): a) S.R. n. 515 Noalese ; b) S.R. n. 53 Postumia ; - viabilità comunale e locale (fascia rispetto 20 m); - viabilità interpoderale (fascia rispetto 10 m); il sedime della ferrovia Treviso-Vicenza e la relativa fascia di rispetto di 30 metri; gli elettrodotti ad alta tensione di seguito elencati: a) 132 Kv Scorzè-Trevignano, ENEL Distribuzione Spa; b) 132 Kv S. Lucia di Piave Cart. Di Villorba - Scorzè, ENEL Distribuzione Spa; c) 132 Kv Treviso Ovest Venezia Nord, ENEL Distribuzione Spa. la rete dei metanodotti Snam Rete Gas; i cimiteri di San Cassiano e di S. Cristina e le relative fasce di rispetto (variabili tra 50 metri e 200 metri); gli impianti di comunicazione ad uso pubblico (n. 8 impianti per la telefonia), così localizzati: a) n. 2 impianti H3G (Vicolo F. Baracca e Via Gramsci); b) n. 1 impanto WIND (Via dei Pradazzi); c) n. 3 impianti TELECOM (Via Mattei, Via Gramsci e V.lo F. Baracca) d) n. 2 impianti VODAFONE (Via Vittorio Emanuele e Via Legnago); gli allevamenti zootecnici; le zone di tutela dell aeroporto del Piano di Rischio Aeroportuale (P.R.A.); l idrografia e i canali consortili Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

13 Elab. 21 Tav. 1 Carta dei Vincoli e della Pianificazione territoriale Relazione di progetto

14 Elab. 21 Tav. 1 Carta dei Vincoli e della Pianificazione territoriale - Legenda Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

15 3.2 Tavola 2 Invarianti La tavola di progetto n. 2 (Carta delle invarianti) evidenzia quei valori paesaggistici, ambientali e storico-monumentali che il PAT ritiene prioritario tutelare al fine di garantire uno sviluppo compatibile con l identità dei luoghi. Le invarianti di natura paesaggistica comprendono: Il Contesto figurativo dell ex Mulino di Cervara, corrispondente al perimetro riportato nella Carta dei Vincoli e della Pianificazione territoriale; L asse verde dell ex ferrovia Treviso-Ostiglia; Costituiscono invarianti di natura ambientale, e quindi elementi areali e lineari da preservare in quanto fondamentali per il mantenimento della biodiversità faunistica e vegetazionale, ma strettamente legati anche agli equilibri propri dell assetto idrogeologico: L Idrografia principale, definita in particolare da: il Fiume Sile, la Roggia Piovega, lo Scolo Riello, il Fosso Dosson e lo Scolo Serva; i bacini d acqua, ossia: a) il bacino della cava Campagna ; b) i bacini delle ex cave Biasuzzi sul Fiume Sile; c) alcuni specchi lacustri situati nella porzione sud-orientale del territorio comunale; le Zone boscate, individuate riportate anche nella Carta dei Vincoli e della Pianificazione Territoriale; le siepi; gli ambiti ad integrità agricola e ambientale, che rappresentano un importante risorsa per il mantenimento della biodiversità (sono individuabili nei seguenti elementi della Rete ecologica: Area nucleo, Corridoio ecologico secondario, Area di completamento, Fascia tampone). Le invarianti di natura storico monumentale sono finalizzate alla tutela e valorizzazione degli ambiti di pregio storico-architettonico: il centro storico di Quinto di Treviso, il cui perimetro corrisponde a quello riportato nella Carta dei Vincoli e della Pianificazione Territoriale; i Parchi storici delle Ville Venete: Villa Ciardi e Villa Giordani; Le Ville Venete (Villa Ciardi e Villa Giordani), edifici vincolati anche dal PRG vigente; Gli altri edifici con grado di protezione del PRG vigente; i manufatti di archeologia industriale individuati dal P.T.C.P., ossia: gli ex mulini Bordignon, Grendene, La Rosta e Cervara, il mulino Rachello e un opificio idraulico. Relazione di progetto

16 Elab. 22 Tav. 2 Carta delle Invarianti Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

17 Elab. 22 Tav. 2 Carta delle Invarianti - Legenda Relazione di progetto

18 3.3 Tavola 3 Fragilità La tavola n. 3 (Carta delle fragilità) sintetizza l insieme dei fattori di condizionamento all uso del territorio che possono rappresentare un vero e proprio limite all utilizzo dello stesso o che comunque individuano criticità legate a disfunzioni, pressioni o rischi che, pur non impedendone l utilizzo a fini edificatori o urbanistici, rendono necessarie particolari misure preventive al fine della salvaguardia ambientale e della sicurezza e tutela della popolazione. In riferimento alla compatibilità geologica ai fini edificatori, il territorio comunale risulta suddiviso in area idonea (PEN-01), area idonea a condizione (PEN-02) e area non idonea (PEN-03). La aree idonee sono localizzate nella porzione settentrionale del territorio comunale Le aree idonee a condizione comprendono la maggior parte del comune e sono articolate in: PAI del bacino idrografico del Fiume Sile e della Pianura tra Piave e Livenza (approvato con D.C.R. n. 48 del 27 giugno 2007): - aree a elevata pericolosità idraulica (PAI P3); - aree a media pericolosità idraulica (PAI P2); - aree a moderata pericolosità idraulica (PAI P1). PTCP di Treviso (approvato con D.G.R. del 23 marzo 2010): - aree a moderata pericolosità idraulica da piene storiche (PTCP - P1); - aree a ridotta pericolosità idraulica (PTCP P0); PAT di Quinto di Treviso: - area con difficoltà di smaltimento e ridotta pericolosità idrualica (PAT P0); - ex cava (PAT); - area con profondità della falda freatica fino a 5 m dal p.c. (PAT); - ex discarica di inerti. Le aree non idonee sono costituite da: cava attiva Campagna. Sono perimetrate inoltre le aree soggette a dissesto idrogeologico e comprendono le aree esondabili o a ristagno idrico Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

19 Elab. 23 Tav. 3 Carta delle Fragilità Relazione di progetto

20 Elab. 23 Tav. 3 Carta delle Fragilità - Legenda Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

21 3.4 Tavola 4.1 Trasformabilità La carta delle trasformabilità rappresenta quella che contiene le strategie e le azioni specifiche previste dal Piano. In particolare le azioni strategiche definiscono gli interventi di trasformazione previsti dal progetto di PAT, ossia le parti di territorio nelle quali indirizzare il futuro sviluppo insediativo entro i limiti dimensionali definiti sia dal rapporto SAU/STC, che dalle previsioni demografiche. In questa tavola viene altresì specificata la suddivisione del territorio in Ambiti Territoriali Omogenei (ATO) che rappresentano aree omogenee dal punto di vista della morfologia del costruito, della tipologia edilizia e delle funzioni d uso. Azioni strategiche le aree di urbanizzazione consolidata a destinazione prevalentemente residenziale e produttiva, che comprendono la parte di costruito recente e la parte già prevista dalla strumentazione urbanistica vigente. Relativamente al consolidato produttivo è stata operata una distinzione (mediante tre diverse gradazioni di viola) tra: - l area ampliabile (Artt. 14, 15 del P.T.C.P.); - le aree non ampliabili (Artt. 13, 15 del P.T.C.P.); - le aree con destinazione terziaria prevalente (Artt. 13, 15 del P.T.C.P.); sulla base di quanto contenuto all interno del PTCP della Provincia di Treviso (Art. 12 delle NTA). Gli ambiti destinati ad attività produttive già riconosciuti dal PTCP quali ampliabili e che interessano il territorio comunale di Quinto di Treviso sono circoscritti al Polo Produttivo Sud. l edificazione diffusa, corrispondente ad ambiti extraurbani caratterizzati da forme di edificazione: a) a morfologia lineare lungo gli assi viari; b) eterogenea sotto il profilo delle funzioni ospitate e della consistenza edilizia; c) dotata delle opere di urbanizzazione essenziali, carente nei sottoservizi e sostanzialmente priva dei servizi collettivi propri delle zone residenziali. le aree di riqualificazione e riconversione: costituite da ambiti a carattere prevalentemente produttivo in via di dismissione (ex Vaserie Trevigiane) e/o che costituiscono elementi di criticità od obsolescenza in relazione all evoluzione del contesto urbano e territoriale di riferimento (zona B speciale del PRG vigente, prossima all aeroporto Canova di Treviso) e/o aree da riqualificare (zona artigianale di Via Relazione di progetto

22 Brondi), cui il PAT attribuisce un ruolo strategico ai fini sia del superamento delle situazioni di degrado sia del soddisfacimento futuro del fabbisogno collettivo di qualità urbana e territoriale. le opere incongrue, costituite dalle attività produttive in zona impropria del PRG, per le quali il PAT individua in particolare le modalità di riutilizzo dei siti dismessi in riferimento a: - riqualificazione ambientale del sito; - destinazioni d uso attigue all attività; - specificità urbanistiche e territoriali del contesto; - specificità ambientali e paesaggistiche del contesto. gli elementi di degrado, individuati come Attività produttive in zona impropria di Tipo 1 dal Piano Ambientale del Parco Naturale Regionale del Fiume Sile. Tali manufatti sono stati altresì schedati puntualmente dalla Variante al PRG di adeguamento al Piano Ambientale, approvata con D.C.C. n. 47 del 30 novebre Il PI dovrà definire in coerenza con il Piano Ambientale: - le modalità di riutilizzo dei siti eventualmente dismessi; - gli strumenti attuativi garantendo il coordinamento degli interventi urbanistici e valutando la possibilità di operare con programmi complessi nel rispetto degli strumenti della perequazione urbanistica, del credito edilizio e della compensazione urbanistica; - eventuali interventi di compensazione ambientale. i contesti territoriali destinati alla realizzazione di programmi complessi, che includono ambiti di espansione (residenziale o produttive) ovvero ambiti caratterizzati prevalentemente da insediamenti produttivi (ex Vaserie Trevigiane), industriali e/o commerciali, che possono includere anche la residenza, per i quali si renda necessario il riordino degli insediamenti esistenti, il cambio delle destinazioni d uso e il ripristino della qualità ambientale; le linee preferenziali di sviluppo insediativo: - a destinazione residenziale; - a destinazione residenziale (da concertare con il Parco del Sile); - a destinazione produttiva; definite dal PAT rispetto alle aree di urbanizzazione consolidata e alle trasformazioni previste dal PRGC Vigente alla data di adozione del PAT. Le linee preferenziali di sviluppo insediativo individuano la parte del territorio in cui inserire, nella redazione del PI, le principali nuove aree di espansione. L individuazione di tali azioni nel PAT non ha valore conformativo delle Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

23 destinazioni urbanistiche dei suoli, che sono demandate al PI, e non può pertanto rappresentare o comportare in alcun modo conseguimento di diritti edificatori. Le specifiche destinazioni d uso, che indicano destinazioni urbanistiche dei suoli diverse rispetto alle aree di urbanizzazione consolidata residenziale e in particolare quella definita C prevalente destinazione d uso commerciale, localizzata a Sud di Via Costamala e a Ovest di Via Monte Rosa. Tale destinazione non è compresa nel dimensionamento nuovo del PAT poiché rientra all interno del perimetro dell urbanizzazione consolidata (rappresentata dalle zone urbanizzabili del PRG). i limiti fisici alla nuova edificazione, che individuano quelle parti di territorio nelle quali, in ragione degli indirizzi dettati dalla VAS, non sono opportune ulteriori trasformazioni insediative. L identificazione di tale limite permette di fissare i margini incerti del tessuto sia urbanistico che edilizio in modo da poter intervenire sugli stessi con operazioni di ricucitura che chiudano e qualifichino gli ambiti urbani. i servizi di interesse comune di maggiore rilevanza: corrispondenti alle aree e/o ai complessi di servizi istituzionali pubblici (esistenti e di progetto) di rilevanza comunale e/o sovracomunale. Le infrastrutture di maggior rilevanza esistenti, corrispondenti alle strade di importanza sovracomunale che attraversano il territorio comunale e che mettono in comunicazione i centri: S.R. n. 515 Noalese, S.R. n. 53 Postumia, S.P. n. 5 Castellana, S.P. n. 17 del Sile, S.P. n. 79 delle Cave, Via Capitello e Via Giorgione, Ferrovia Treviso-Vicenza; Le infrastrutture di maggior rilevanza (e relative rotatorie) di progetto: a) Viabilità alternativa alla S.R. 53 Postumia tra i comuni di Quinto di Treviso, Paese e Istrana; b) Viabilità di superamento del centro storico di Quinto di Treviso (sul tema in oggetto è stata elaborata una specifica Azione strategica o Progetto Strategico); c) Viabilità di accesso all istituto scolastico di Via Donatori del Sangue; d) Viabilità di raccordo tra Via I Maggio e Via Sega; e) Viabilità di raccordo tra Via Mattei e Via Zecchina; percorsi ciclopedonali esistenti e di progetto. La carta della trasformabilità individua anche i valori e le tutele del territorio comunale di Quinto di Treviso: gli ambiti territoriali cui attribuire obiettivi di tutela, riqualificazione e valorizzazione, ossia il centro Relazione di progetto

24 storico di Quinto di Treviso, da riqualificare e valorizzare; il sistema delle Ville Venete individuate dall Istituto Regionale Ville Venete (IRVV): Villa Ciardi e Villa Giordani; i manufatti di archeologia industriale individuati dal P.T.C.P. di Treviso: gli ex mulini Bordignon, Grendene, La Rosta e Cervara, il mulino Rachello e un opificio idraulico. Il contesto figurativo dell ex Mulino di Cervara, individuato dal PTCP di Treviso; l ambito agricolo, che in particolare comprende le parti extraurbane, poste oltre il limite edificato destinate all esercizio dell attività agricola e zootecnica; le aree afferenti alla rete ecologica comunale, classificate secondo differenti livelli gerarchici: a) l area nucleo individuata dal PTCP, corrispondente con il SIC IT Fiume Sile dalle sorgenti a Treviso Ovest e la ZPS IT Sile: sorgenti, paludi di Morgano e S.Cristina ; b) le aree di connessione, corrispondenti a: - corridoio ecologico secondario individuato dal PTCP nella porzione orientale del territorio comunale; - le aree di completamento individuate dal PTCP, caratterizzanti gli ambiti a completamento delle aree nucleo; - le stepping zone, individuate da PTCP in corrispondenza dei parchi delle Ville Ciardi e Giordani. c) Le fasce tampone (buffer zone), disposte ai margini delle core area, delle aree di completamento delle core area, dei nuclei della rete secondaria e dei corridoi di connessione, nonché delle aree urbanizzate poste direttamente a contatto con gli ambiti suddetti e funzionali a garantire una maggiore salvaguardia degli elementi della rete ecologica di I (area nucleo) e II (aree di connessione) livello. d) I varchi ovvero i passaggi che sono stati posti dove la presenza di infrastrutture può portare alla chiusura dei corridoi e quindi all isolamento di parte della rete; le fasce di tutela (m. 100) dell idrografia princiale ai sensi dell Art. 41 LR 11/2004 per: a) Fiume Sile; b) Roggia Piovega; c) Fosso Dosson; d) Scolo Serva. L analisi del territorio ha confermato la rete ecologica proposta dal PTCP di Treviso pur apportando lievi modifiche alla perimetrazione dei suddetti elementi. La nuova perimetrazione è stata infatti ottenuta da un processo di fotointerpretazione del territorio ed è stata adeguata alla scala di progettazione Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

25 Elab. 24 Tav. 4.1 Carta delle Trasformabilità Relazione di progetto

26 Elab. 24 Tav. 4.1 Carta delle Trasformabilità - Legenda Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

27 4 LE ATO E IL DIMENSIONAMENTO Il PAT suddivide il territorio comunale in 4 ATO per ognuna dei quali viene descritto lo stato di fatto e lo stato di progetto comprensivo del dimensionamento specifico del singolo ATO. Il dimensionamento deve comunque essere considerato nel complesso dell intero territorio comunale in quanto il limite vincolante in assoluto è la superficie massima di SAU trasformabile ( mq). La suddivisione all interno delle località, individuate come ATO Ambiti Territoriali Omogenei, è stata proporzionata rispondendo alle direttive del Documento Preliminare. L individuazione del perimetro degli ATO è frutto di una lettura sia morfologica, che demografico-insediativa. Sono stati perciò calibrati degli ATO rispettivamente di natura residenziale, produttiva ed agricola. Relazione di progetto

28 Elab. 25 Tav. 4.2 Ambiti Territoriali Omogenei (ATO) Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

29 4.1 ATO 1 Quinto di Treviso Descrizione L'A.T.O. n. 1 comprende il nucleo urbano di Quinto di Treviso, caratterizzato dallo storico rapporto con le acque del Fiume Sile. Nel secondo dopoguerra il capoluogo si è espanso lungo la S.R. 515 "Noalese" sulle direttrici meridionale e occidentale, limitando la propria espansione a sud del tracciato della Treviso- Ostiglia. Le proposte progettuali L ATO ha una dimensione territoriale pari a circa 470 ettari e vi risiedono abitanti (dati ISTAT al ). Il volume residenziale esistente è pari a mc (zone B e C del PRG vigente). Le seguenti tabelle sintetizzano rispettivamente: la capacità residua del PRG e lo stato di attuazione delle aree a standard; le scelte effettuate con il PAT (scheda ATO). La capacità residua del PRG ATO 1 ATO 1 Quinto di Treviso Aree a standard ATO 1 Le scelte effettuate con il PAT ATO 1 Relazione di progetto

30 4.2 ATO 2 Santa Cristina Descrizione L'A.T.O. n. 2 comprende il nucleo urbano di Santa Cristina, sorto in prossimità dell'oasi naturalistica del mulino di Cervara ed espanso a nord della dismessa linea ferroviaria Treviso-Ostiglia. Le proposte progettuali L ATO ha una dimensione territoriale pari a circa 193 ettari e vi risiedono abitanti (dati ISTAT al ). Il volume residenziale esistente è pari a mc (zone B e C del PRG vigente). Le seguenti tabelle sintetizzano rispettivamente: la capacità residua del PRG e lo stato di attuazione delle aree a standard; le scelte effettuate con il PAT (scheda ATO). La capacità residua del PRG ATO 2 ATO 2 Santa Cristina Aree a standard ATO 2 Le scelte effettuate con il PAT ATO Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

31 4.3 ATO 3 Polo produttivo Descrizione L'A.T.O. n. 3 comprende il polo industriale e commerciale localizzato a sud del territorio comunale, lungo la SR 515 "Noalese". È l unica area produttiva ampliabile del comune di Quinto di Treviso (secondo il P.T.C.P. di Treviso). Le proposte progettuali L ATO ha una dimensione territoriale pari a circa 137 ettari e vi risiedono 145 abitanti (dati ISTAT al ). Il volume residenziale esistente è pari a mc 0 (zone B e C del PRG vigente). Le seguenti tabelle sintetizzano rispettivamente: la capacità residua del PRG e lo stato di attuazione delle aree a standard; le scelte effettuate con il PAT (scheda ATO). La capacità residua del PRG ATO 3 ATO 3 Polo produttivo Aree a standard ATO 3 Le scelte effettuate con il PAT ATO 3 Relazione di progetto

32 4.4 ATO 4 Ambito agricolo Descrizione L'A.T.O. n. 4 comprende il territorio agricolo, caratterizzato dalla presenza di molteplici elementi di discontinuità di tipo lineare (assi infrastrutturali) e areale (edifici isolati e case sparse), che determinano un elevato grado di frammentazione paesaggisticoambientale del territorio non antropizzato. Le proposte progettuali L ATO ha una dimensione territoriale pari a circa ettari e vi risiedono abitanti (dati ISTAT al ). Il volume residenziale esistente è pari a mc (zone B e C del PRG vigente). Le seguenti tabelle sintetizzano rispettivamente: la capacità residua del PRG e lo stato di attuazione delle aree a standard; le scelte effettuate con il PAT (scheda ATO). La capacità residua del PRG ATO 4 ATO 4 Ambito agricolo Aree a standard ATO 4 Le scelte effettuate con il PAT ATO Piano di assetto del territorio, Comune di Quinto di Treviso Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali

Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale alla LR 12/05 Repertorio delle misure di mitigazione e compensazione paesistico ambientali Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI...

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... 2 PARTE I... 3 PIANI URBANISTICI ATTUATIVI... 3 PARTE II... 7 PROGRAMMI DI RICONVERSIONE E/O

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20 #LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20#LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV)

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) Individuazione del sito di installazione Il sito individuato per la realizzazione dell Impianto Fotovoltaico si trova nel Comune

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14 1 Indice Titolo I. Disposizioni generali....5 Art.1. Finalità ed obbiettivi del Piano del Parco...5 Art.2. Elaborati del Piano del Parco....6 Art.3. Efficacia del Piano e rapporti con gli altri piani e

Dettagli

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale PSCComune di C a s a l g r a n d e Piano Strutturale Comunale VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO estratto dall analisi sull Ecologia del Paesaggio redatta nell ambito del PSC C

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 12 dicembre 2007 - n. 8/6148

MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 12 dicembre 2007 - n. 8/6148 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - MARTEDÌ, 8 GENNAIO 2008 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXVIII - N. 6 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell A.G.C. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

PARERE n. 91 del 28 Settembre 2012 (o.d.g. 2 del 28 Settembre 2012)

PARERE n. 91 del 28 Settembre 2012 (o.d.g. 2 del 28 Settembre 2012) PARERE n. 91 del 28 Settembre 2012 (o.d.g. 2 del 28 Settembre 2012) OGGETTO: Comune di Piazzola sul Brenta (PD). Rapporto Ambientale al Piano di Assetto del Territorio. PREMESSO CHE ai sensi dell art.

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Relazione Tecnica di Progetto

Relazione Tecnica di Progetto PROVINCIA DI PADOVA REGIONE VENETO COMUNE DI CAMPOSAMPIERO PIANO COMUNALE DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA ai sensi della Legge n. 447 del 26/10/1995 della L.R. Veneto n. 21 del 10/05/1999 e della D.G.R.V.

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli