Utilità, potenzialità e uso improprio dell analisi di bioimpedenza in emodialisi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Utilità, potenzialità e uso improprio dell analisi di bioimpedenza in emodialisi"

Transcript

1 Giornale Italiano di Nefrologia / Anno 17 n. 1, 2000/pp Nuove Tecnologie Utilità, potenzialità e uso improprio dell analisi di bioimpedenza in emodialisi A. Piccoli Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Cattedra di Nefrologia, Università di Padova, Padova U t i l i t y, potential, and inappropriate use of bioelectrical impedance analysis in hemodialysis The use of bioelectrical impedance analysis (BIA) in patients receiving hemodialysis (HD) provides research with an experimental model of cyclical tissue hydration variation in which the performance of BIA itself can be tested. On the other hand, BIA may represent a useful tool in the routine prescription of fluid removal. The rationale for using principal BIA options in the clinical setting is reviewed, as well as the drawbacks of conventional BIA prediction equations of vol - umes in HD patients and the advantages of bioimpedance vector analysis (BIVA). It is concluded, from the current litera - ture, that BIVA, through the combined evaluation of both components of the impedance vector, resistance (R) and reac - tance (Xc) as RXc Graph, allows a reliable semiquantitative evaluation of cyclical tissue hydration without knowledge of the body weight. A simple algorithm is also provided for interpreting impedance vector position and migration on the RXc Graph at the patient s bedside. (Giorn It Nefrol 2000: 17; 82-93) KEY WORDS: Bioelectric impedance analysis, Dry weight, Hydration, Total body water, Fat-free mass, Hemodialysis PAROLE CHIAVE: Analisi di impedenza bioelettrica, Peso secco, Idratazione, Acqua corporea totale, Massa magra, Emodialisi Introduzione Con l analisi di impedenza bioelettrica o di bioimpedenza (BIA) si sono ottenuti risultati molto interessanti nell analisi della composizione corporea dell adulto sano o, comunque con idratazione normale e costante. Tu t t i questi risultati, senza eccezione, non sono applicabili al paziente uremico, che semplicemente non ha mai un idratazione normale e costante. Molti nefrologi, peraltro, nella pratica clinica e in letteratura, hanno utilizzato la BIA convenzionale anche nell uremico in dialisi, ottenendo risultati contrastanti (soprattutto in piccole casistiche), la cui accuratezza dipendeva dall idratazione dei gruppi di pazienti studiati. La seduta di emodialisi peraltro, rappresenta un eccezionale modello sperimentale di variazione ciclica dell idratazione, parafisiologica nella maggior parte dei pazienti, e pertanto un importante strumento di validazione clinica della BIA stessa. Nella rassegna, l ampio spazio riservato alle basi razionali e all aspetto metodologico della BIA, dovrebbe contribuire a recuperare l interesse dei nefrologi ancora scettici o già delusi da precedenti esperienze di BIA. In breve, l obiettivo è di dimostrare la consistenza metodologica e la potenziale utilità clinica di una tecnica finora spesso utilizzata impropriamente in sede clinica. Analisi della composizione corporea Semeiotica della composizione corporea La semeiotica fisica della composizione corporea è basata sul peso corporeo e sull esame obiettivo dei tessuti molli. La semeiotica di laboratorio è di aiuto nell interpretazione delle variazioni della composizione corporea associate ad alterazioni metaboliche rilevanti, come iper- o iponatremia e ipodisprotidemia nella valutazione dei compartimenti fluidi. La diluitometria con isotopi trova indicazioni solo a fini di ricerca, è costosa e non può entrare nella routine. La semeiotica strumentale è in grado di valutare accuratamente molti compartimenti sfruttando tecniche complesse come l idrodensitometria, la densito- 82 Società Italiana di Nefrologia

2 Piccoli metria (dual energy X-ray absorptiometry, DXA), la risonanza magnetica nucleare (RNM), la tomografia assiale computerizzata (TAC), e l attivazione neutronica che però non possono trovare impiego nella routine, per costo, invasività, o accessibilità. Queste tecniche non possono venire eseguite in tutti i soggetti a causa di vincoli tecnici per la massa corporea o per necessità di collaborazione da parte del paziente. Tecniche più semplici, come la plicometria, o almeno più accessibili, come l ecografia, sono molto dipendenti dall operatore e accurate solo in condizioni di stabilità e regolarità della composizione corporea. La BIA per la valutazione della composizione corporea, in seguito all evoluzione tecnologica degli anni 80, ha raggiunto l attuale caratterizzazione di metodo non invasivo, poco costoso, di semplice esecuzione in qualsiasi contesto clinico (dall ambulatorio alla terapia intensiva), riproducibile e adatto alla routine. Altre applicazioni basate sull impedenza bioelettrica ed eseguite con strumentazione specifica, nella semeiotica cardiovascolare (flussi e perfusioni distrettuali), nella semeiotica per immagini ad impedenza (tomografia), o nel laboratorio di citologia, seguono evoluzioni parallele ed indipendenti da quelle orientate alla composizione corporea. Classificazione dei metodi di analisi della compo - sizione corporea Tutti i metodi di analisi della composizione corporea, di laboratorio o strumentali, in grado di valutare una trentina di componenti fisico-chimiche del corpo umano, sono stati classificati esaustivamente in sei categorie, essendo basati su tre quantità misurabili (proprietà, componenti, o la combinazione delle due) e su due tipi di funzioni matematiche, funzioni di tipo I, ottenute da analisi statistica di misure quantitative, e funzioni di tipo II, basate su equazioni o formule con rapporti costanti di composizione dei compartimenti (1). La BIA è un metodo di analisi della composizione corporea basato su una proprietà misurabile (impedenza), che ha trovato applicazioni cliniche soprattutto come metodo di tipo II, basato su equazioni di regressione contro altri metodi di riferimento per la composizione corporea (1-4), e più recentemente come metodo di tipo I, basato su funzioni statistiche delle misure di impedenza (analisi vettoriale con grafo probabilistico delle misure dirette) (5). I metodi di tipo II possono produrre ogni sorta di stima a partire da una variabile correlata con altre (1), perché sono metodi basati su modelli e assunzioni di struttura del corpo e dei tessuti che, di fatto, forniscono le informazioni desiderate dall utente (valore aggiunto alla BIA). Ad esempio, la misura di impedenza fornita dall analizzatore può venire trattata direttamente utilizzando solo funzioni statistiche di distribuzione (metodo tipo I, BIA vettoriale), oppure sfruttando funzioni di regressione con altri metodi di composizione coporea (tipicamente, diluitometria di isotopi, pesata idrostatica, DXA, RNM), basati a loro volta su altre proprietà e assunzioni di modello di compartimenti (metodo tipo II, BIA convenzionale). Le equazioni di regressione multipla della BIA convenzionale, che generalmente includono statura, peso, età e sesso, trasformano la proprietà elettrica misurata (impedenza) in volumi (intracellulare, extracellulare), masse (grassa, magra, cellulare), metabolismo basale, e altre grandezze (Na/K cellulare, densità coporea) di composizione corporea, alcune stimabili in modo appropriato solo con l attivazione neutronica. In generale, più aumenta la complessità e la dipendenza da altri metodi, più un metodo è fragile di fronte a violazioni delle assunzioni (tipicamente l assunzione di idratazione tissutale) (1). Variazioni cliniche e subcliniche della composi - zione corporea Nella pratica clinica l espansione dei compartimenti fluidi, o iperidratazione, viene definita apparente quando è associata ad aumento di peso di 4-5 kg, corrispondente ad un espansione dei volumi fluidi del 30% (edema apparente) (6). Il laboratorio (natremia) consentirà di caratterizzare l espansione in isotonica (extracellulare) o ipotonica (intracellulare). Un espansione dei fluidi fino a 4-5 kg non è identificabile clinicamente a causa della pressione negativa nei tessuti molli (suzione dei fluidi da parte del gel interstiziale) (6). Nel nefrosico che entri in remissione completa o parziale, viene considerato il peso di qualche mese prima della sindrome nefrosica come riferimento ideale; ma il paziente può avere modificato i compartimenti della massa magra e grassa per ridotta attività fisica (edema, ricoveri, astenia, ecc) e terapia (steroidi, alchilanti, diuretici). La disidratazione più frequente, di grado lieve o moderato, non ha sicuri segni di riferimento, né clinici né bioumorali, soprattutto nel paziente con funzione renale ridotta o in terapia sostitutiva con emodialisi o dialisi peritoneale. La disidratazione estrema non è distinguibile dalla cachessia senza edemi. La perdita di massa grassa nell obeso in dieta ipocalorica viene interpretata attribuendo alle variazioni di peso ripartizioni teoriche e ideali della massa grassa e della massa magra. Infine, le variazioni di peso nel paziente con insufficienza multiorgano non sono interpretabili con nessuna combinazione di esami bioumorali o di segni clinici. Quando variazioni di peso possono essere causate da molti fattori con dinamiche temporali differenti e a carico di compartimenti differenti, è impossibile fondare una semeiotica consistente di composizione corporea basata sulle variazioni del peso stesso. Pertanto, in sede clinica l interpretazione delle variazioni di masse specifiche (compartimenti) può essere fornita solo da metodi capaci di misurare proprietà fisico-chimiche delle masse stesse, indipendentemente dal peso corporeo, e con sensibilità 83

3 Bioimpedenza ed emodialisi adeguata alle esigenze cliniche. Attualmente l unica tecnica non invasiva in grado di valutare specificamente variazioni di idratazione in qualsiasi condizione clinica e indipendentemente dal peso corporeo è l analisi delle variazioni di impedenza dei tessuti. Il successivo trattamento statistico-matematico di una stessa misura di impedenza può essere di tipo BIA convenzionale o BIA vettoriale (7). Impedenza bioelettrica e composizione corporea Basi razionali e metodi di misura BIA Una corrente alternata con tensione adeguata e intensità costante viene iniettata nel materiale da studiare (in vitro o in vivo). Si valuta la caduta di tensione e le caratteristiche della corrente (sfasamento fra tensione e intensità) dopo il transito nel materiale (2-4). Gli analizzatori a norma non interferiscono con pace-maker, defibrillatori, e altri strumenti biomedici (4). La BIA è basata sul principio che i tessuti biologici si comportano come conduttori, semiconduttori o dielettrici (isolanti). Le soluzioni elettrolitiche intra ed extracellulari dei tessuti molli, in particolare dei tessuti magri, sono ottimi conduttori, mentre l osso non viene attraversato dalle correnti utilizzate nei pletismografi di impiego clinico. Nel tessuto adiposo la corrente può attraversare le soluzioni elettrolitiche dell interstizio e degli adipociti, ad esclusione delle gocce lipidiche, idrofobiche, che non conducono corrente (1-4). Pertanto la BIA può analizzare solo il compartimento dei tessuti molli, riconducibili alla massa magra senza osso e alla massa grassa. Identificare la massa magra con la massa muscolare, come talora accade, è una semplificazione gratuita. In letteratura, i termini massa senza grasso (fat-free mass, FFM), massa magra (lean body mass, LBM), tessuti molli (soft tissue), tessuti molli magri (lean soft tissue), e talora massa cellulare (body cell mass, BCM) vengono frequentemente usati come sinonimi (1, 8). Nella BIA convenzionale si fa riferimento alla massa magra del modello bicompartimentale come sinonimo di massa senza grasso. L estensione della massa magra dipende dal compartimento di riferimento per la validazione delle equazioni di predizione: ad esempio, è la massa senza grasso per i metodi diluitometrici, ma sono i tessuti molli magri per la DXA (1, 8, 9). Una corrente alternata, alle frequenze di impego clinico diagnostico, da 5 khz a 1 MHz, attraversando materiali biologici conduttori, omogenei o eterogenei, incontra una opposizione, misurabile come impedenza (Z) e scomponibile in due componenti elettriche misurabili, resistenza (R), determinata dalla conduzione della corrente attraverso le soluzioni elettrolitiche intra ed extracellulari, e reattanza (Xc), determinata dalle proprietà dielettriche dei tessuti, ovvero all accumulo temporaneo di cariche sulle membrane cellulari o su altre interfacce immerse nella soluzione elettrolitica, strutture citotissutali che si comportano come condensatori al passaggio della corrente (1-4). Tutte le attuali tecniche di misura esterna (superficie cutanea) sono tetrapolari, ovvero utilizzano due elettrodi di ingresso (iniezione transcutanea di corrente) e due elettrodi di uscita (caduta di potenziale) (10,11). Gli elettrodi (adesivi sulla cute) sono gli stessi utilizzati per l elettrocardiografia. Impedenza tissutale misurabile in superficie può essere generata dal passaggio di corrente alternata a differente frequenza (frequenza singola o multipla) e posizionando gli elettrodi su differenti regioni cutanee (posizione distale, prossimale, segmentale). La tecnica standard è tetrapolare e distale (due elettrodi sulla mano e due sul piede omolaterale), con frequenza della corrente a 50 khz. L errore di misura (come coefficiente di variazione) della tecnica standard in monofrequenza è piccolo, dell ordine del 2% con lo stesso analizzatore sullo stesso soggetto in tempi differenti, dell ordine del 2% fra operatori (variabilità della posizione degli elettrodi) (2-4, 12). Purtroppo è ignota la variabilità fra analizzatori, in assenza di una regolamentazione fra costruttori. La maggior parte delle validazioni è stata condotta con analizzatori BIA Akern-RJL Systems (Clinton Twp, MI, USA; in Europa Akern-RJL Systems, Firenze) (12), ma le stesse formule vengono utilizzate con disinvoltura sulle misure ottenute da altri analizzatori. Impedenza dei conduttori di forma cilindrica Il corpo umano, o i suoi segmenti (arti e tronco), sono conduttori di forma cilindrica irregolare, con una lunghezza (L, in m) facilmente determinabile, e un area di sezione trasversale (A, in m 2 ) difficile da determinare e da rappresentare con un numero. Nella BIA standard viene utilizzata come surrogato della lunghezza del corpo la statura, più semplice da determinare e correlata alla distanza mano-piede (2-4). L impedenza (Z, in Ohm) nei conduttori cilindrici è proporzionale alla lunghezza e inversamente proporzionale alla sezione (legge di Ohm), Z = z L/A, ovvero Z (Ohm) = z (Ohm. m) x L (m) / A (m 2 ) = Ohm. La costante di proporzionalità z viene denominata impeden - za specifica o impedività, che viene rappresentata con un numero complesso. Viene anche denominata resistività complessa e indicata con ρ* (13,14). Sulla proporzionalità fra Z e dimensioni L e A del cilindro conduttore è basata la stima del volume elettrico del cilindro, ovvero del volume dei fluidi e dei compartimenti derivati della BIA convenzionale. L impedività o impedenza specifica z dei tessuti è invece valutata dall analisi vettoriale. 84

4 Piccoli Proprietà dielettriche dei tessuti Per frequenze inferiori a 10 GHz, sono stati identificati tre livelli di frequenza di corrente nei tessuti molli (inclusi i parenchimi), capaci di modificare sensibilmente il contributo relativo delle componenti dell impedenza tissutale (in particolare di Xc), producendo tre fenomeni di dispersione o di rilassamento dielettrico, denominati α, β, e γ. Alle frequenze di corrente utilizzate a scopo diagnostico (livello β), in frequenza fissa a 50 khz nell analisi standard, o in frequenza variabile fra 5 khz e 1 MHz nella spettroscopia ad impedenza, intervengono prevalentemente fenomeni di polarizzazione e rilassamento di interfaccia ( e ffetto Maxwell-Wagner), con contributo variabile degli altri fenomeni (15,16). Ogni tessuto contribuisce con le sue proprietà dielettriche, che possono variare con lo stato di salute dell organismo. Opzioni sull interpretazione della misura 1. BIA convenzionale. Si assume che il corpo sia un conduttore isotropo cilindrico a sezione costante, e con equazioni di regressione si stima il volume elettrico totale (acqua corporea totale, TBW, in L) dalla componente R, e da questo, assumendo un idratazione costante dei tessuti molli, la massa magra (in kg). Per differenza della massa magra dal peso corporeo viene stimata la massa grassa (2-4, 10-12, 17). Nella maggior parte delle equazioni di regressione (equazioni predittive) viene ignorata la componente Xc (12). 2. BIA vettoriale. Nella BIA vettoriale (BIVA, Bioelectrical Impedance Vector Analysis) le due misure R e Xc, ottenute dalla BIA standard, vengono considerate simultaneamente come componenti del vettore impedenza Z. Il vettore di un nuovo soggetto, standardizzato per la statura, viene confrontato per via grafica (Grafo RXc) con la distribuzione dei vettori della popolazione sana di riferimento (5, 7, 18-27). Nella BIVA non vengono richieste né assunzioni di isotropia, né modelli di tessuto o di corpo (dettagli sul metodo riportati in (7)). Opzioni per la posizione degli elettrodi 1. BIA distale. È la configurazione BIA standard a corpo intero (whole body) o mano-piede (2-4, 10-12). In questa configurazione, l impedenza totale di un soggetto ad idratazione normale è determinata per il 50% dall impedenza degli arti inferiori, per il 40% dall impedenza degli arti superiori, e per il 10% dall impedenza del tronco (2). Una coppia di elettrodi (un iniettore e un sensore) viene posizionata dorsalmente sulla mano (terza articolazione metacarpo-falangea e articolazione radio-ulnare), e una coppia sul piede omolaterale (terza articolazione metatarso-falangea e articolazione tibio-tarsica). Il riferimento standard è l emisoma destro; in emodialisi è l emisoma libero da accessi vascolari. È eseguibile, ma diff i c i l- mente interpretabile, nelle amputazioni prossimali alle dita. 2. BIA prossimale. Per migliorare le stime dei compartimenti della BIA convenzionale, in particolare dei fluidi e della massa magra, sono state proposte differenti modalità di posizionamento degli elettrodi cutanei (con le stesse assunzioni su conduttori cilindrici e isotropi). Posizionando gli elettrodi sensori sulla fossa antecubitale e nel cavo popliteo si ottiene una BIA prossimale, secondo Lukaski e Scheltinga (28). Non è stata confermata la superiorità della BIA prossimale rispetto alla distale nella stima dei compartimenti nell adulto sano, anche in multifrequenza (29, 30). 3. BIA segmentale. Posizionando gli elettrodi agli estremi dell arto superiore, inferiore e del tronco, secondo varie modalità, si ottiene una BIA segmentale (31-37). La tecnica, peraltro non ancora standardizzata, si scontra con d i fficoltà operative di identificare i punti di repere alla radice degli arti e sul tronco, soprattutto negli edematosi e negli obesi. La diffusione della corrente nei tessuti a cavallo dei segmenti corporei rende forse ragione dell insuccesso della tecnica nel discriminare diff e r e n t i gradi di espansione dei fluidi (38, 39), anche utilizzando le misure dirette di R e Xc con l analisi vettoriale (37). Opzioni per la frequenza della corrente 1. Monofrequenza. La frequenza standard è a 50 khz. Se la frequenza utilizzata è fissa, l impedenza misurata dipende solo dalle proprietà elettriche dei tessuti, in aggiunta all errore di misura, stabile. La frequenza standard a 50 khz presenta delle proprietà ottimali, attraversando la maggior parte delle cellule e generando un vettore di impedenza con angolo di fase massimo nello spettro di frequenze da 5 a 1000 khz (rapporto massimale segnale/rumore) (2-4, 7, 13-16). 2. BIA in multifrequenza (MFBIA) e spettroscopia ad impedenza bioelettrica (BIS). Oltre alle assunzioni di geometria corporea e isotropia della BIA convenzionale, si assume che la corrente a bassa frequenza segua un percorso extracellulare, e che la corrente a frequenza elevata transiti liberamente attraverso le cellule ignorando eff e t t i dielettrici dei tessuti (condizione di membrana cellulare muta). Nella MFBIA e nella BIS, la resistenza R viene interpretata come R extracellulare dopo iniezione di impulsi di corrente alternata a bassa frequenza (R o, 1-5 khz), e come R totale (intra ed extracellulare) dopo iniezione di corrente ad alta frequenza (R, khz). Il volume elettrico intracellulare (R intracellulare ) v i e n e ottenuto dalla differenza dei due volumi elettrici totale ed extracellulare. Con la BIS (Bioelectrical Impedance Spectroscopy), nelle stesse asunzioni della MFBIA, la stima della R extracellulare e della R totale, vengono ottenute per interpolazione con un cerchio (cerchio di Cole, 85

5 Bioimpedenza ed emodialisi modello di Cole, o modello di Cole-Cole) di uno spettro di vettori di impedenza, generalmente determinazioni, ottenute facendo variare la frequenza della corrente fra 5 khz e 1 MHz (4, 13-16, 40-42). Il modello di Cole è n a t o in vitro negli anni 30-40, per decrivere il percorso della corrente attraverso una sospensione di uova di riccio di mare (Arbacia punctulata) o di rana (40-42). Queste uova sferiche e isolate sono state accettate successivamente (incredibilmente) come buon modello delle cellule dei tessuti umani, nonostante siano stati dimostrati profili di distribuzione di corrente completamente differenti anche in fibre muscolari in sospensione (4,16). L inadeguatezza del modello di Cole per il percorso della corrente nei tessuti, a causa dell anisotropia degli stessi, e l elevata correlazione fra compartimenti fluidi rendono probabilmente ragione dell equivalenza fra valutazioni di composizione corporea nell uomo, ottenute a frequenza standard di 50 khz e in multifrequenza (43-47). L interpretazione della misura in multifrequenza è molto complessa e ancora oggetto di ricerca perché l impedenza totale e l impedenza cutanea variano con la frequenza della corrente oltre che con le proprietà elettriche dei tessuti anche normali. Infine, la misura dell impedenza alle frequenze elevate rappresenta un problema tecnico, che in qualche analizzatore si traduce in instabilità delle misure. Questo comporta una propagazione dell errore nelle formule di regressione, annullando eventuali vantaggi dell analisi dei compartimenti (dettagli riportati in (7)). In letteratura si alternano studi a favore della BIS e a favore della BIA convenzionale in molte condizioni cliniche, inclusa la dialisi. BIA e volumi dei compartimenti Le basi razionali della BIA indicano che l impedenza tissutale viene generata dalle soluzioni elettrolitiche intra ed extracellulari (componente R) e dalle strutture cito-tissutali che le contengono (componente Xc), e che la ripartizione dei fluidi intra ed extracellulari non può venire direttamente misurata dall impedenza tissutale, neanche in multifrequenza, a causa dell anisotropia dei tessuti (4,13,16). Pertanto il potenziale diagnostico specifico e peculiare della BIA è nella valutazione globale e combinata dei fluidi e delle loro strutture tissutali (7). L elevata accuratezza delle stime dei compartimenti fluidi intra ed extracellulari e della massa magra, a partire dalla misura di impedenza e a dispetto delle basi razionali, è sostenuta (e spiegata) dall elevata e stabile correlazione fra i compartimenti dei tessuti molli nell adulto con idratazione normale. Si può anche dimostrare che le stime dei compartimenti diventano inattendibili più rapidamente con l espansione rispetto alla contrazione dei fluidi (48). La BIA convenzionale, in frequenza singola o multipla, distale o segmentale, di fatto consente di ottenere stime accurate della TBW, della FFM e della FM nell adulto sano, con coefficienti di correlazione sempre prossimi a 1 (r > 0.95) e un errore di stima dell ordine di 3-4 kg (3, 4, 12, 17, 49, 50). La quantificazione della TBW in L o kg viene ottenuta a partire dal rapporto fra statura (H) al quadrato e R (indice di impedenza, H 2 /Z o di resistenza H 2 / R ) al quale vengono aggiunte altre variabili per aumentare l accuratezza della regressione (multipla). Spesso non si conoscono le formule utilizzate dai software del commercio, che spesso utilizzano equazioni validate con analizzatori diff e r e n t i. Nella Tabella I sono riportate equazioni di regressione raccomandate in letteratura (12) per stimare nell adulto la T B W, la FFM, e la FM per differenza della FFM dal peso corporeo (10, 11, 17, 51-55). Molti stimano la TBW e da questa calcolano la FFM= TBW/0.73. Comunque, l eccessiva variabilità delle stime fra le equazioni più accurate, ottenute con lo stesso modello di analizzatore (Akern-RJL Systems) anche nell adulto sano, pregiudicano l utilizzo clinico delle stime dei compartimenti (Tab. II-IV). Inoltre, qualsiasi condizione associata ad idratazione della FFM d i fferente dal 73% (TBW= 0.73 x FFM) introduce una TABELLA I - EQUAZIONI PER L ADULTO RACCOMANDATE IN LETTERATURA (12) PER LA LORO ACCURATEZZA E RIGOROSITÀ DI VALIDAZIONE CONTRO METODI DI RIFERIMENTO a Kushner TBW= H 2 /R Wt b Kushner TBW= H 2 /R Wt c Lukaski TBW= H 2 /R Wt Età Sesso d Lukaski FFM= H 2 /R Wt Xc e Gray FFM= H R Wt Età , femmina FFM= H R Wt Età , maschio f Heitman FFM= H 2 /R Wt H Sesso Wt Età g Deurenberg FFM= H 2 (m)/r H Wt Età Sesso h Stolarczyk FFM= H R Wt Xc Età TBW= acqua corporea totale, FFM= massa magra, FM= massa grassa, H= statura, Wt= peso corporeo, R= Resistenza, Xc= Reattanza a Kushner (51), b Kushner (17), c Lukaski (11), d Lukaski (10), e Gray (52), f Heitman (53), g Deurenberg(54), h Stolarczyk(55). 86

6 Piccoli TABELLA II - ACQUA CORPOREA TOTALE (TBW) E MASSA MAGRA (FFM) CALCOLATE CON LE EQUAZIONI DELLA TABELLA I SU SOGGETTI SANI, OBESI ED EDEMATOSI (20). LA MASSA GRASSA (FM) VIENE OTTENUTA PER DIFFERENZA DELLA FFM DAL PESO CORPOREO Gruppo Popolazione sana Obesi Edema Genere Maschi (354) Femmine (372) Maschi (169) Femmine (371) Maschi (25) Femmine (25) Media DS Media DS Media DS Media DS Media DS Media DS Peso, kg a TBW, L b TBW, L c TBW, L d FFM, kg FM, kg e FFM, kg FM, kg f FFM, kg FM, kg g FFM, kg FM, kg h FFM, kg FM, kg TBW= acqua corporea totale, FFM= massa magra, FM= massa grassa, H= statura, Wt= peso corporeo, R= Resistenza, Xc= Reattanza, DS= deviazione standard Formule di a Kushner (51), b Kushner (17), c Lukaski (11), d Lukaski (10), e Gray (52), f Heitman (53), g Deurenberg(54), h Stolarczyk(55) come in Tabella I. distorsione nelle stime di questi compartimenti, con imprevedibile propagazione dell errore non solo nella BIA convenzionale e nella plicometria, ma anche nei metodi di riferimento (1, 8, 9, 56, 57). Analisi vettoriale Fig. 1 - BIA vettoriale con Grafo RXc. Gli intervalli bivariati di riferimen - to per il soggetto sano adulto (età anni, BMI 17-31) sono disegnati come ellissi di tolleranza al 50%, 75% e 95%, specifiche per genere. Le ellissi di confidenza al 95% dei vettori medi all inizio e alla fine della seduta di emodialisi nei pazienti con stabilità e instabilità emodinamica durante la dialisi sono disegnate sopra le tre ellissi di tolleranza di riferi - mento normale. La rimozione di fluidi (2.5 kg) è associata ad allungamen - to del vettore lungo l asse maggiore delle ellissi di tolleranza in entrambi i gruppi. Il vettore medio dei pazienti instabili è traslato a destra, con ango - lo di fase ridotto rispetto ai pazienti stabili (21). Il vettore impedenza Z può essere rappresentato in coordinate polari con modulo e angolo di fase, oppure nelle usuali coordinate rettangolari Z= (R, Xc), ovvero Z= R + j Xc. La rappresentazione rettangolare (R, Xc) con R in ascisse e Xc in ordinate fornisce oltre al modulo Z = (R 2 + Xc 2 ) anche l angolo di fase come arcotangente di Xc/R (dettagli riportati in (7)). Il metodo di analisi vettoriale, denominato G r a f o R e s i s t e n z a - R e a t t a n z a (Grafo RXc) confronta il vettore misurato in un individuo con l intervallo di riferimento della popolazione normale, di forma ellissoidale, espresso in percentili della distribuzione normale (gaussiana) bivariata (grafo probabilistico) (Fig. 1) (5, 18-27). Una proprietà importante del metodo è di operare indipendentemente dalla conoscenza del peso corporeo. La correlazione fra R e Xc determina la forma ellissoidale delle distribuzioni di probabilità bivariate (intervalli di confidenza per i vettori medi e di tolleranza per i vettori singoli), correlazione che invalida molti risultati della letteratura, ottenuti da analisi univariate condotte separatamente su R o su Xc. La distribuzione normale bivariata del vettore impedenza nella popolazione sana, con tre percentili di riferimento (ellissi di tolleranza al 50%, 75% e 95%) e specifica per genere, è nota per la popolazione adulta italiana (726 soggetti, anni, BMI 17-31) (Tab. V, Fig. 1) (18). 87

7 Bioimpedenza ed emodialisi Fig. 2 - Le due direzioni principali del vettore impedenza sul Grafo RXc. Variazioni dell idratazione senza alterazioni della struttura tissutale sono associate a un accorciamento (iperidratazione) o un allungamento (disi - dratazione) del vettore lungo l asse maggiore delle ellissi di tolleranza. Variazioni della massa-struttura dei tessuti molli (magri e grassi) sono associate a migrazione del vettore nella direzione dell asse minore delle ellissi, con aumento dell angolo di fase (obesi, atleti) o con riduzione dell angolo di fase (malnutrizione-cachessia, anoressia). Variazioni com - binate di idratazione e nutrizione sono associate a migrazioni del vettore lungo la combinazione delle due direzioni principali (7). TABELLA III - CARATTERISTICHE DI SOGGETTI OBESI TRATTATI CON DIETA IPOCALORICA E DI UREMICI OBESI TRATTATI CON EMODIALISI. MEDIE BASALI E VARIA- ZIONI MEDIE DOPO TRATTAMENTO (VALORE POST - VALORE PRE) (20) Gruppo Dieta ipocalorica Seduta di emodialisi Genere Maschi Femmine Maschi Femmine Soggetti, N Peso, kg DS Variazione media, kg DS BMI, kg/m DS Variazione media, kg/m DS R/H, Ohm/m DS Variazione media, Ohm/m DS Xc/H, Ohm/m DS Variazione media, Ohm/m DS DS= deviazione standard R/H= Resistenza/Statura, Xc/H= Reattanza/Statura I valori in corsivo indicano variazioni significative (P < 0.05) di una variabile, con il test t di Student per dati appaiati, o del vettore (R/H e Xc/H), con il test T 2 di Hotelling per dati appaiati Il metodo del Grafo RXc potrebbe anche essere utilizzato come test statistico preliminare per un applicazione corretta delle formule di regressione della BIA convenzionale: più il vettore di un soggetto cade vicino al centro della distribuzione (dentro all ellisse di tolleranza al 50%), più dovrebbe essere elevata l accuratezza delle formule di regressione convenzionali (validate su soggetti normali) per la stima dei volumi (TBW, in L) e delle masse (FFM e FM, in kg). È verosimile che l accuratezza si mantenga soddisfacente entro l ellisse di tolleranza al 75% (48). Data l inclinazione dell asse maggiore delle ellissi di tolleranza, dovuta alla correlazione fra R e Xc, l accumulo di fluidi è associato a vettori più corti con angolo di fase minore. Finora è stato identificato il polo inferiore TABELLA IV - VARIAZIONI MEDIE (VALORI POST - VALORI PRE) DEI VALORI DI TBW, FFM E FM CALCOLATE CON LE FORMULE DELLA TABELLA I SUI DATI DELLA TABELLA III, NEI SOGGETTI OBESI DOPO DIETA IPOCALORICA O EMODIA- LISI (20) Gruppo Dieta ipocalorica Seduta di emodialisi Genere Maschi Femmine Maschi Femmine Peso, kg DS a TBW, L DS b TBW, L DS c TBW, L DS d FFM, kg DS FM, kg e FFM, kg DS FM, kg f FFM, kg DS FM, kg g FFM, kg DS FM, kg h FFM, kg DS FM, kg I valori in corsivo indicano variazioni significative (P < 0.05, test t di Student per dati appaiati) TBW= acqua corporea totale, FFM= massa magra, FM= massa grassa, DS= deviazione standard Formule di a Kushner (51), b Kushner (17), c Lukaski (11), d Lukaski (10), e Gray (52), f Heitman (53), g Deurenberg(54), h Stolarczyk(55) come in Tabella I. 88

8 Piccoli dell ellisse di tolleranza al 75% come soglia per l edema apparente nell adulto, con 100% di Sensibilità, 92% di Specificità (5, 20, 25). Pertanto l analisi vettoriale può identificare l iperidratazione subclinica (prima della comparsa dell edema) nel paziente che sta accumulando fluidi. Per la disidratazione, più difficile da stabilire clinicamente, non è stata ancora identificata una soglia precisa sulle ellissi di tolleranza. È probabile che il polo superiore dell ellisse al 75% rappresenti un confine importante (7), consistente anche con la distribuzione dei vettori nel colera (58) e al termine di una seduta di emodialisi (21). Le indicazioni della BIA vettoriale sono risultate complementari a quelle fornite dalla pressione venosa centrale, perché consentivano di identificare la differente idratazione tissutale nei pazienti con lo stesso livello di ipovolemia (pressione venosa 0-3 mmhg) (22). Dalla validazione clinica condotta finora (5,19-22, 47, 48) può essere formulata una regola di lettura molto semplice del Grafo RXc (7) (Fig. 2): a) Variazioni dell idratazione senza alterazioni della struttura tissutale (tipicamente variazioni in acuto come in HD) sono associate a un accorciamento (iperidratazione) o un allungamento (disidratazione) del vettore impedenza lungo l asse maggiore delle ellissi di tolleranza. Sfruttando i percentili delle ellissi di tolleranza di riferimento (50%, 75% e 95%) può essere assegnata una scala ordinale a 7 punti (da 0 a ± 3) per l idratazione. b) Variazioni della quantità dei tessuti molli (massa cellulare e proteine strutturali interstiziali idrofile, ovvero stato nutrizionale), senza alterazioni dell idratazione tissutale, sono associate a una migrazione del vettore nella direzione dell asse minore delle ellissi, con aumento progressivo dell angolo di fase (obesità per i vettori corti, massa muscolare per i vettori lunghi), o con riduzione progressiva dell angolo di fase (cachessia per i vettori corti, anoressia per i vettori lunghi). c) Variazioni combinate di idratazione e struttura dei tessuti sono associate a migrazioni del vettore lungo la combinazione delle due direzioni principali. BIA convenzionale e vettoriale in emodialisi Nell uremico in terapia dialitica, la variazione continua dell idratazione tissutale può essere considerata una proprietà caratteristica. È praticamente impossibile individuare nell arco della giornata dell uremico in dialisi un ora di stato stazionario dell idratazione, anche se l entità e i ritmi TABELLA V - CARATTERISTICHE DEI SOGGETTI SANI E UREMICI IN EMODIALISI (MEDIA E DS) PER GENERE Prima della seduta HD Dopo la seduta HD Gruppo Popolazione sana Stabili Instabili Stabili Instabili Genere M F M F M F M F M F Soggetti, N Età, anni DS Età dialitica, anni DS Statura, cm DS BMI, kg/m DS Peso, kg DS R, Ohm DS R/H, Ohm/m DS Xc, Ohm DS Xc/H, Ohm/m DS r HD= emodialisi, DS= deviazione standard, M= maschi, F= femmine R/H= Resistenza/Statura, Xc/H= Reattanza/Statura r = coefficiente di correlazione fra le componenti del vettore Il BMI dei pazienti in HD è il valore medio pre e post seduta 89

9 Bioimpedenza ed emodialisi di variazione sono differenti nelle due tecniche di depurazione, e soprattutto in emodialisi, si possono alternare stati di iperidratazione a disidratazione. In emodialisi, il peso raggiunto dal paziente alla fine di una seduta che abbia rimosso il massimo di fluidi senza indurre ipotensione viene considerato un obiettivo terapeutico e definito convenzionalmente peso secco. Il raggiungimento dello stesso peso nel paziente con un aumento di massa magra e grassa, conseguente ad una migliore nutrizione nelle settimane precedenti, indurrà la comparsa di progressiva intolleranza dialitica da eccessiva disidratazione. In dialisi peritoneale non c è neppure un riferimento a un peso secco. Nell uremico in terapia conservativa è praticamente impossibile stabilire il peso ideale di un paziente anche in assenza di edema. Un problema tecnico peculiare dell emodialisi è la scelta dei tempi di misura dell impedenza. Fortunatamente dopo una seduta di HD non c è nessun rimbalzo elettrico (del tipo dell urea), e pertanto le misure possono essere prese subito prima e subito dopo la seduta. Dopo 90 e 180 minuti dopo lo stacco, si potevano osservare rispettivamente riduzioni trascurabili solo di R (1.5%) (59) o incrementi trascurabili di Z (1.9%) (60). BIA convenzionale Le rassegne della letteratura riconoscono quattro settori di ricerca per la BIA convenzionale in emodialisi: identificazione del peso secco (dalla TBW), determinazione dei trasferimenti transcompartimentali durante l ultrafiltrazione (ripartizione intra-extracellulare), stima del volume di distribuzione dell urea (dalla TBW) per il calcolo accurato del Kt/V, e valutazione nutrizionale (stima di FFM e FM) (60). In letteratura si alternano articoli a sostegno e contro l utilità della BIA in emodialisi su ognuno dei quattro campi di ricerca. Recentemente è stata proposta un equazione con dieci variabili (incluso il diabete) per stimare meglio la TBW nell uremico in HD, senza peraltro riuscire a ridurre l errore di stima sotto 4 kg (61). Il monitoraggio in linea dell impedenza durante la seduta non compare fra gli argomenti di ricerca attuale. Purtroppo quando l idratazione dei tessuti è variabile, la BIA convenzionale, in frequenza singola o multipla, come gli altri metodi di analisi della composizione corporea di tipo II, inclusi alcuni cosiddetti di riferimento, produce stime inaccurate dei compartimenti (1, 8, 9, 56, 57). Più precisamente, la BIA convenzionale può produrre anche stime accurate se l idratazione è normale (anche in HD, come risulta da una parte della letteratura), ma l utente non ha la possibilità di valutare l accuratezza delle stime stesse. Questa circostanza, peraltro, è la ragione del lecito disappunto dei nefrologi di fronte a stime assurde di compartimenti in contrasto con valutazioni cliniche inconfutabili. Con l analisi vettoriale si può dimostrare che si tratta di uso improprio e non di una invalidazione clinica della tecnica BIA. Esempi di stime distorte in emodialisi: la BIA convenzionale forniva stime peggiori della FFM rispetto alla DXA, e le pliche cutanee (FM) venivano ridotte del 5% dopo la seduta HD; la DXA evidenziava una riduzione post-hd non solo della massa magra ma anche della densità ossea (0.6%) (56). Con la DXA in HD (6 mesi) si determinava un aumento di FM di 2.1 kg, un calo di massa magra di 1.2 kg, a fronte di un aumento di peso del paziente di 0.96 kg (e ipotensione) (57). In obesi uremici in HD (Tab. III), prima e dopo una seduta standard con rimozione di kg di fluidi si ottenevano risultati assurdi in HD, ove una seduta avrebbe aumentato la massa grassa dei pazienti (20) (Tab. IV). Il risultato assurdo è dovuto all assunzione di idratazione costante dei tessuti molli, sottintesa nelle formule di predizione, che quindi indicano una perdita di FFM dovuta alla rimozione di fluidi (la FM viene calcolata per differenza della FFM dal peso corporeo) prima della comparsa dell edema. Inoltre la distorsione delle stime era maggiore nei maschi, fenomeno osservabile anche negli obesi, e dovuto alla diff e- rente posizione del vettore dei due generi sul piano R-Xc: le migrazioni di un vettore più corto nei maschi vengono interpretate dalle formule di predizione come variazioni significative di fluidi e quindi di FFM (48). Per la valutazione della malnutrizione in emodialisi, che è associata a maggiore morbilità e mortalità, vengono ripetutamente proposte formule specifiche per la massa cellulare in HD (62), oppure criteri basati sull angolo di fase (in media < 4.5 ) (59, 63) o sulla sola componente Xc (< 43 Ohm) (64). Valori ridotti di angolo di fase (in coordinate polari) o di Xc (in coordinate rettangolari), sono e ffettivamente associati a malnutrizione e cachessia, non solo in HD, solo se i valori della componente R sono normali (per genere e razza) o aumentati (26, 65). Infatti angolo di fase e Xc, che sono correlati a R, aumentano dopo una seduta di dialisi (o per disidratazione) e diminuiscono nei soggetti con edema indipendentemente dallo stato nutrizionale (5, 7, 19-22, 25, 48, 58). Ignorare questa proprietà porta ad errori grossolani di valutazione e di prognosi, errori che possono essere evitati considerando simultaneamente le due componenti del vettore con la BIA vettoriale. Del resto, i pazienti nefrosici hanno vettori con angolo di fase spesso < 3 e certamente non hanno un rischio di morte maggiore degli uremici in HD con instabilità cardiocircolatoria, o dei pazienti con AIDS (21). BIA vettoriale ed equivalente bioelettrico del peso ottimale in emodialisi Un gruppo di studio nazionale (Italian HD-BIA study group, 39 Centri dialisi) ha determinato su 1116 pazienti (età anni, BMI 24 kg/m 2 ) che raggiungevano il peso secco senza sintomi (stabili), la distribuzione del vettore impedenza all inizio e alla fine della seduta HD (Tab. V) 90

10 Piccoli (21). Il vettore medio migrava dal polo inferiore (pre-hd) al polo superiore (post-hd) dell ellisse di tolleranza mediana della popolazione di riferimento (726 adulti sani con lo stesso BMI). I vettori singoli migravano, in circa il 50% dei pazienti stabili, entro l ellisse di tolleranza al 75%, dal polo inferiore (inizio seduta) al polo superiore (fine seduta), indicando che la terapia HD riusciva a mantenere le caratteristiche bioelettriche normali dei tessuti in almeno la metà degli uremici. Queste migrazioni cicliche del vettore di impedenza sul Grafo RXc (accorciamentoallungamento), accoppiate al ciclo delle variazioni di peso (ciclo del peso umido-secco), rappresentano una base razionale per modificare la prescrizione dialitica nei pazienti con migrazione del vettore all esterno dell ellisse di tolleranza al 75%; sia del peso secco da raggiungere allo stacco, che del peso umido da portare all inizio della seduta HD, fino ad ottenere un ciclo di peso ottimale ovvero accoppiato a un ciclo vettoriale entro l ellisse di riferimento (21). La distribuzione dei vettori di 251 pazienti instabili (ipotensioni sintomatiche in oltre il 30% delle sedute negli ultimi tre mesi), con lo stesso BMI degli stabili, era traslata a destra (Fig. 1) (20-25% dei vettori erano più lunghi e con un angolo di fase minore degli stabili). L analisi del follow-up di mortalità a due anni (in corso) stabilirà se i pazienti con vettore oscillante entro o fuori l ellisse di tolleranza al 75% siano sottoposti a un rischio di morte diff e- renziato. L angolo di fase del vettore medio del gruppo di instabili era prossimo a 4.5, valore al di sotto del quale in letteratura è stata riportata una mortalità più elevata in HD (59, 63). Negli instabili peraltro, concentrazioni minori di albumina e Hb rispetto ai pazienti stabili, hanno riproposto il ruolo della nutrizione sulla patogenesi dell instabilità emodinamica in HD. Nei pazienti uremici e obesi in HD (BMI 34 kg/m 2 ) le migrazioni pre- e post-hd del vettore medio, a fronte della stessa rimozione di fluidi, erano della stessa entità e lungo la stessa direzione (asse maggiore delle ellissi), ma con vettori medi pre-hd più corti e con traiettoria traslata a sinistra rispetto ai pazienti stabili (BMI 24 kg/m 2 ) (20). Pertanto anche nell uremico in HD, a parità di idratazione, la distribuzione dei vettori è risultata prevalente nella metà sinistra delle ellissi di riferimento a fronte di un aumento della massa dei tessuti molli, e prevalente nella metà destra a fronte di una riduzione dei tessuti molli. Ipotesi di lavoro La struttura bidirezionale del Grafo RXc (dovuta alla correlazione fra R e Xc), rappresentante i fluidi lungo l asse maggiore e la massa dei tessuti molli lungo l asse minore delle ellissi di tolleranza, indica che variazioni di ultrafiltrazione possono riportare entro l ellisse di riferimento solo vettori esterni caratterizzati da riduzione o aumento proporzionale (concorde) di R e Xc, ma non i vettori con R aumentata e Xc ridotta (malnutrizionecachessia), ove solo interventi combinati sulla nutrizione e sull ultrafiltrazione possono avere successo (7, 21). Solo studi longitudinali sulle due categorie di pazienti (vettori interni, vettori esterni) trattati con le due strategie (idratazione, idratazione e nutrizione) potranno dimostrare la consistenza clinica dell ipotesi. Altri metodi Un metodo grafico denominato Biagramma (Akern, Firenze), con angolo di fase (gradi) (ovvero arctan Xc/R) in ascissa e Xc (Ohm) in ordinata, è stato proposto per la valutazione dell idratazione e della ripartizione intraextracellulare (67). I punti nel diagramma non sono vettori, ma coordinate di due grandezze mutuamente dipendenti. A parte problemi statistici di dipendenza fra le due coordinate, ambedue funzioni di Xc, e con unità di misura non congruenti, il Biagramma, negli adulti risulta sensibile all espansione dei volumi fluidi, ma assolutamente insensibile alla disidratazione, anche estrema. Il peso secco di un paziente in HD può venire ridotto a piacere senza indicazioni di disidratazione da parte del Biagramma (68). La costruzione di intervalli di tolleranza univariati (media ± 2 DS), ovvero distribuzioni delle singole componenti R, Xc, e angolo di fase, più semplici da gestire statisticamente rispetto alle distribuzioni bivariate, è inutile e pericolosa. È inutile perché variazioni di R senza considerare Xc, e viceversa, hanno significato solo in conduttori d i fferenti dai tessuti umani. È pericolosa perché, ignorando la correlazione fra R e Xc, porta gli utenti a creare degli intervalli di tolleranza bivariati rettangolari e perpendicolari, anziché elissoidali ed inclinati, e pertanto validi solo per le regioni prossime alla media di R e Xc (dettagli riportati in (7)). Infine, tipicamente queste distribuzioni univariate non considerano la normalizzazione dell impedenza per la statura, anche se costruite su ampia casistica multirazziale (69). Conclusioni Sfruttando le misure dirette di impedenza con l analisi vettoriale è possibile ottenere una valutazione semiquantitativa (in percentili) dello stato di idratazione di un soggetto in qualsiasi condizione clinica, confrontando il vettore impedenza misurato con la variabilità della popolazione di riferimento, descritta da ellissi di tolleranza, specifiche per genere. Il metodo non richiede alcuna assunzione di modello, di composizione corporea, o di idratazione, ed essendo indipendente dal peso corporeo ne può spiegare le variazioni. L analisi vettoriale BIA, alla stregua dell ECG, non solo in HD potrebbe effettivamente diventare uno strumento di 91

11 Bioimpedenza ed emodialisi routine nella valutazione dell idratazione di tutti i pazienti. Un ulteriore e più ampia validazione clinica dovrà confermarne l utilità nell analisi della composizione corporea nelle situazioni più complesse con variazioni combinate di idratazione e nutrizione. La BIA convenzionale potrebbe avere impiego clinico in poche situazioni a composizione corporea normale e stabile. Viene sconsigliato l uso sistematico della BIA convenzionale, che producendo inevitabilmente stime assurde dei compartimenti nei pazienti con idratazione anomala, prima e dopo la seduta HD, aggiungerebbe scetticismo al disinteresse per una tecnica dalle grandi potenzialità, se utilizzata correttamente. Riassunto Eseguire l analisi di impedenza bioelettrica (BIA) nei pazienti in emodialisi (HD) costituisce un opportunità di ricerca su un modello sperimentale di variazione ciclica dell idratazione tissutale ove è possibile testare la performance della stessa BIA. D altra parte la BIA può rappresentare uno strumento utile nella prescrizione della rimozione di fluidi nella routine della HD. Vengono considerate le basi razionali delle principali opzioni BIA nella pratica clinica, le incongruenze delle equazioni di predizione dei compartimenti della BIA convenzionale in HD, e i vantaggi dell analisi vettoriale di bioimpedenza (BIVA). I dati della letteratura indicano che la BIVA, potendo valutare simultaneamente le due componenti del vettore impedenza, ovvero resistenza (R) e reattanza (Xc) con il Grafo RXc, consente una valutazione semiquantitativa appropriata dell idratazione ciclica dei tessuti indipendentemente dal peso corporeo. Viene presentato anche un semplice algoritmo, da utilizzare nella pratica clinica, per l interpretazione della posizione e della migrazione del vettore impedenza sul Grafo RXc. Indirizzo degli Autori: Prof. Antonio Piccoli Dipartimento Scienze mediche e chirurgiche Nefrologia, Policlinico IV piano Padova B i b l i o g r a f i a 1. Heymsfield SB, Wang ZM, Visser M, Gallagher D, Pierson RN Jr. Techniques used in the measurement of body composition: an overview with emphasis on bioelectrical impedance analysis. Am J Clin Nutr 1996; 64: 478S-84S. 2. Lukaski HC. Biological indexes considered in the derivation of the bioelectrical impedance analysis. Am J Clin Nutr 1996; 64: 397S-404S. 3. Kushner RF. Bioelectrical impedance analysis: a review of principles and applications. J Am Coll Nutr 1992; 11: Foster KF, Lukaski HC. Whole-body impedance - what does it measure? Am J Clin Nutr 1996; 64: S Piccoli A, Rossi B, Pillon L, Bucciante G. A new method for monitoring body fluid variation by bioimpedance analysis: The RXc graph. Kidney Int 1994; 46: Guyton AC. Human physiology and mechanisms of disease. Philadelphia, Saunders 1982; p Piccoli A. Bioimpedenza clinica. Analisi vettoriale e composizione corporea. Genova, Forum Service Ed Heymsfield SB, Wang ZM, Baumgartner RN, Ross R. Human body composition: advances in models and methods. Annu Rev Nutr 1997; 17: Roubenoff R, Kehayas JJ, Dawson-Hughes B, Heymsfield SB. Use of dual-energy X-ray absorptiometry in body composition studies: Not yet a gold standard. Am J Clin Nutr 1993; 58: Lukaski HC, Bolonchuck WW, Hall CB, Siders WA. Validation of tetrapolar bioelectrical impedance method to assess human body composition. J Appl Physiol 1986; 60: Lukaski HC, Bolonchuck WW. Estimation of body fluid volumes using tetrapolar bioelectrical impedance measurements. Aviat Space Environ Med 1988; 59: Houtkooper LB, Lohman TG, Going SB, Howell WH. Why bioelectrical impedance analysis should be used for estimating adiposity. Am J Clin Nutr 1996; 64: S Barber DC. Electrical impedance tomography. In: Bronzino JD ed. The biomedical engineering handbook. Boca Raton, CRC Press 1995 p Valentinuzzi ME. Bioelectrical impedance techniques in medicine. Part I: Bioimpedance measurement. First section: General concepts. Crit Rev Biomed Eng 1996; 24: Rigaud B, Morucci JP, Chauveau N. Bioelectrical impedance techniques in medicine. Part I: Bioimpedance measurement. Second section: Impedance spectrometry. Crit Rev Biomed Eng 1996; 24: Foster KR. Dielectric properties of tissues. In: Bronzino JD ed. The biomedical engineering handbook. CRC Press, Boca Raton, 1995, p Kushner RF, Schoeller DA, Fjeld CR, Danford L. Is the impedance index (ht2/r) significant in predicting total body water? Am J Clin Nutr 1992; 56: Piccoli A, Nigrelli S, Caberlotto A, et al. Bivariate normal values of the bioelectrical impedance vector in adult and elderly populations. Am J Clin Nutr 1995; 61: Piccoli A, Piazza P, Noventa D, Pillon L, Zaccaria M. A new method for monitoring hydration at high altitude by bioimpedance analysis. Med Sci Sports Exerc 1996; 28: Piccoli A, Brunani A, Savia G, et al. Discriminating between body fat and fluid changes in the obese adult using bioimpedance vector analysis. Int J Obesity 1998; 22: Piccoli A, for the Italian HD-BIA Study Group. Identification of operational clues to dry weight prescription in hemodialysis using bioimpedance vector analysis. Kidney Int 1998; 53: Piccoli A, Pittoni G, Facco E, Pillon L. Relationship between central venous pressure and bioimpedance vector analysis in critically ill patients. Crit Care Med, 2000; 28: Piccoli A, Rossi B, Pillon L. Operational equivalence between segmental and whole-body bioelectrical impedance in renal patients. Am J Clin Nutr 1994; 59: Piccoli A, Pillon L, Pisanello L, Zacchello G. Electrical maturation trajectory of human tissues identified by bioelectrical impedance vector analysis. Nutrition 1999; 15: Piccoli A, Rossi B, Pillon L, Bucciante G. Body fluid overload and bioelectrical impedance analysis in renal patients. Miner Electrolyte Metab 1996; 22: Toso S, Piccoli A, Gusella M, et al. Altered tissue electrical proper- 92

12 Piccoli ties in lung cancer patients detected by bioelectrical impedance vector analysis. Nutrition 2000 (in press). 27. Lukaski HC. A new approach to estimate changes in total body water by bioelectrical impedance analysis. Nutrition 1997; 13: Lukaski HC, Scheltinga RM. Improved sensitivity of the tetrapolar bioelectrical impedance method to assess fluid status and body composition: use of proximal electrode placement. Age Nutr 1994; 5: Van Marken Lichtenbelt WD, Westerterp KR, Wouters L, Luijendijk SCM. Validation of bioelectrical-impedance measurements as a method to estimate body-water campartments. Am J Clin Nutr 1994; 60: Deurenberg P, van Malkenhorst E, Schoen T. Distal vs proximal electrode placement in the prediction of total body water and extracellular water from multifrequency bioelectrical impedance. Am J Hum Biol 1995; 7: Chumlea WC, Baumgartner RN, Roche AF. Specific resistivity used to estimate fat-free mass from segmental body measures of bioelectric impedance. Am J Clin Nutr 1988; 48: Baumgartner RN, Chumlea WC, Roche AF. Bioelectrical impedance phase angle and body composition. Am J Clin Nutr 1988; 48: Baumgartner RN, Chumlea WC, Roche AF. Estimation of body composition from bioelectric impedance of body segments. Am J Clin Nutr 1989; 50: Fuller NJ, Elia M. Potential use of bioelectrical impedance of the whole body and of body segments for the assessment of body composition: comparison with densitometry and anthropometry. Eur J Clin Nutr 1989; 43: Organ LW, Bradham B, Gore DT, Lozier SL. Segmental bioelectric impedance analysis: theory and application of a new technique. J Appl Physiol 1994; 77: Patterson R. Body fluid determinations using multiple impedance measurements. IEEE Eng Med Biol Mag 1989; 3: Piccoli A, Rossi B, Pillon L. Operational equivalence between segmental and whole-body bioelectrical impedance in renal patients. Am J Clin Nutr 1994; 59: Thomas BJ, Cornish BH, Ward LC, Jacobs A. Bioimpedance: is it a predictor of true water volume? Ann N Y Acad Sci 1999; 20: Scalfi L, Marra M, Caldara A, Silvestri E, Contaldo F. Changes in bioimpedance analysis after stable refeeding of undernourished anorexic patients. Int J Obes 1999; 23: Cole KS. Electric impedance of suspensions of Arbacia eggs. J Gen Physiol 1928; 12: Cole KS, Cole RH. Dispersion and absorption in dielectrics. I. Alternating current characteristics. J Gen Physiol 1941; 9: Cole KS, Gutman RS: Electric impedance of the frog egg. J Gen Physiol 1942; 25: Segal KR, Burastero S, Chun A, Coronel P, Pierson RN Jr, Wang J. Estimation of extracellular and total body water by multiple-frequency bioelectrical impedance measurement. Am J Clin Nutr 1991; 54: Hannan WJ, Cowen SJ, Fearon KCH, Plester CE, Falconer JS, Richardson RA. Evaluation of multi-frequency bio-impedance analysis for the assessment of extracellular and total body water in surgical patients. Clin Sci 1994; 86: Patel RV, Peterson EL, Silverman N, Zarowitz BJ. Estimation of total body and extracellular water in post-coronary artery bypass graft surgical patients using single and multiple frequency bioimpedance. Crit Care Med 1996; 24: Piccoli A, Rossi B, Pillon L. Is 50 khz the optimal frequency in routine estimation of body water by bio-electrical impedance analysis? Am J Clin Nutr 1992; 56: Piccoli A, Tabbì MG, Malagoli A, Pastori G. Elementi in comune fra analisi vettoriale di bioimpedenza a frequenza singola e multipla. Giorn It Nefrol 1999; 16: S-11, Abstr Piccoli A, Pillon L, Favaro E. Asymmetry of the total body water prediction bias using the impedance index. Nutrition 1997; 13: Lukaski HC, Johnson PE, Bolonchuck WW, Lykken GI. Assessment of fat-free mass using bioelectric impedance measurements of the human body. Am J Clin Nutr 1985; 41: Fogelholm M, van Marken Lichtenbelt. Comparison of body composition methods: a literature analysis. Eur J Clin Nutr 1997; 51: Kushner RF, Schoeller DA. Estimation of total body water by bioelectrical impedance analysis. Am J Clin Nutr 1986; 44: Gray DS, Bray GA, Gemayel N, Kaplan K. Effect of obesity on bioelectrical impedance. Am J Clin Nutr 1989; 50: Heitman BL. Prediciton of body water and fat in adult Danes from measurements of electrical impedance. Int J Obes 1990; 14: Deurenberg P, van der Kooy K, Leenen R, Westrate JA, Seidell JC. Sex and age specific prediction formulas for estimating body composition from bioelectrical impedance: a cross-validation study. Int J Obes 1991; 15: Stolarczyk LM, Heyward VH, Hicks VL, Baumgartner RN. Predictive accuracy of bioelectrical impedance in estimating body composition of Native American women. Am J Clin Nutr 1994; 59: Abrahamsen B, Hansen TB, Hosberg IM, Pedersen FB, Beck- Nielsen H. Impact of hemodialysis on dual X-ray absorptiometry, bioelectrical impedance measurements, and anthropometry. Am J Clin Nutr 1996; 63: Stenver DI, Gotfresden A, Hilsted J, Nielsen B. Body composition in dialysis patients treated with erythropoietin, measured by dualenergy x-ray absorptiometry. Abstr XIIIth ICN, Madrid McDonald JJ, Chanduvi B, Velarde G, et al. Bioimpedance monitoring of rehydration in cholera. Lancet 1993; 341: Maggiore Q, Nigrelli S, Ciccarelli C, Grimaldi C, Rossi GA, Michelassi C. Nutritional and prognostic correlates of bioimpedance indexes in hemodialysis patients. Kidney Int 1996; 50: Kushner RF, de Vries PMJM, Gudivaka R. Use of bioelectrical impedance analysis measurements in the clinical management of patients undergoing dialysis. Am J Clin Nutr 1996; 64 (suppl): S Chertow G M, Lazarus JM, Lew NL, Ma L, Lowrie G. Development of a population-specific regression equation to estimate total body water in hemodialysis patients. Kidney Int 1997; 51: Chertow GM, Lowrie EG, Wilmore DW, et al. Nutritional assessment with bioelectrical impedance analysis in maintenance hemodialysis patients. J Am Soc Nephrol 1995; 6: Chertow GM, Lowrie EG, Lew NL, Lazarus JM. Bioelectrical impedance analysis predicts survival in hemodialysis patients. J Am Soc Nephrol 1996; 7: Ikizler TA, Wingard RL, Harvell J, Shyr Y, Hakim RM. Association of morbidity with markers of nutrition and inflammation in chronic hemodialysis patients: a prospective study. Kidney Int 1999; 55: Ott M, Fischer H, Polat H, et al. Bioelectrical impedance analysis as a predictor of survival in patients with human immunodeficiency virus infection. J Acquir Immune Defic Syndr 1995; 9: Piccoli A, Pillon L, Tabbì MG. Major confounders for reactance as a marker of malnutrition in hemodialysis patients. Kidney Int 1999; 56: Talluri A, Maggia G. Bioimpedance analysis (BIA) in hemodialysis: technical aspects. Int J Artif Organs 1995; 18: Piccoli A, Tabbì MG, Malagoli A: Analisi vettoriale di bioimpedenza e Biagramma. Giorn It Nefrol 1999; 16: S-11, Abstr Chertow G M, Lazarus JM, Lew NL, Ma L, Lowrie G. Bioimpedance norms for the hemodialysis population. Kidney Int 1997; 52: Giunto in Redazione il Accettato il Software gratuito per l analisi vettoriale all indirizzo 93

Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012. Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana

Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012. Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012 Valutazione funzionale e prescrizione dell esercizio fisico in soggetti portatori di patologie croniche LA BIOIMPEDENZIOMETRIA Dott. Stefano Bianchi

Dettagli

Stime quantitative di composizione corporea: chilogrammi e litri. Un nuovo approccio: le proprietà elettriche dei tessuti come dato clinico

Stime quantitative di composizione corporea: chilogrammi e litri. Un nuovo approccio: le proprietà elettriche dei tessuti come dato clinico Stime quantitative di composizione corporea: chilogrammi e litri Tutti i metodi convenzionali di composizione corporea delegano il compito della predizione di masse e volumi corporei ad equazioni predittive

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI DI CAPTAZIONE DEI NUCLEI DELLA BASE DA ESAME DATSCAN CON I 123 TRAMITE SOFTWARE BASAL GANGLIA MATCHING

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

TENS; CORRENTE DI KOTZ CORRENTE NEOFARADICA

TENS; CORRENTE DI KOTZ CORRENTE NEOFARADICA I - PARAMETRI DELLA CORRENTE ELETTRICA I parametri che caratterizzano la corrente elettrica sono: 1 Intensità E così definita la quantità di cariche elettriche che passano attraverso un conduttore nell'unità

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN:

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: 88-8453-208-6 (print) ISBN: 88-8453-207-8 (online), Firenze

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici:

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni Cenƒsthesis... dalla Ricerca Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni A. Luciano, G. Zoppi, F. Bressani I Cattedra di Pediatria Università di Verona 8 Più di 40.000 soggetti sono

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Titolo della lezione Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Introduzione Analisi univariata, bivariata, multivariata Analizzare le relazioni tra i caratteri, per cercare

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI Decreto Ministeriale n. 381 del 10/09/1998 Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana. (Gazzetta Ufficiale n. 257 del 3/11/1998) IL MINISTRO

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli