NEWS Armband, aggiornato a Dicembre 2005 :

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWS Armband, aggiornato a Dicembre 2005 :"

Transcript

1 NEWS Armband, aggiornato a Dicembre 2005 : Nel mese di Ottobre 2005, e stata accettata su Obesity Research, una delle piu prestigiose ed importanti riviste al mondo, la Validazione della Armband (ottimo lavoro, 288 soggetti!) nell obesita morbigena, presentata allì ultimo congresso della NAASO (North America a Vancouver, Oct Siamo fieri di questo importante risultato per la SenseWear Pro2 Armband! TOTAL ENERGY EXPENDITURE IN MORBIDLY OBESE SUBJECTS: A NEW DEVICE VALIDATION. Paolo De Cristofaro 1, Angelo Pietrobelli 2,3, Beatrice Dragani 1, Guido Malatesta 1, Simona Arzeni 1, Maria Luciani 1, Marcella Malavolti 3, and Nino C. Battistini 3 Centro Regionale di Fisiopatologia della Nutrizione ASL Teramo (ITALY) 1, Pediatric Unit, Verona University Medical School, Verona (ITALY) 2, and Human Nutrition Chair, Modena and Reggio Emilia University (ITALY) 3. Introduction: Indirect calorimetry is the most frequently method used to estimate total energy expenditure (TEE) and together with Harris-Benedict equations are widely used in clinical setting to provide the basis for prescribing and individualized energy intake to attain a desired level of energy deficit. Because resting energy expenditure (REE) is an important TEE determinant, measurement or prediction of REE is generally the first steep to predict TEE. An advanced technique, the HealthWear Armband, designed to assess TEE in free-living adults represents a new frontier for evaluating energy expenditure and physical activity. Aim: To test the validity/accuracy of the Sensewear/Armband for estimating daily energy expenditure in morbidly obese subjects. Methods: Among 288 morbidly obese subjects (BMI range ) we randomly selected 37 subjects (29 females, and 9 males) (mean±sd, age 38.7±13.2 years; BMI 40.1±6.4 kg/m 2 ). Estimated energy expenditure from the Sensewear/Armband (The HealthWear Armband, Body Media, Roche Diagnostics, Indianapolis, IN, USA) was compared with energy expenditure determined using indirect open-circuit calorimetry (Sensor Medics Vmax 29N, Metabolic Cart, Yorbe Linda CA, USA) and Harris-Benedict equation which served as the criteria measurements. Waist circumference (WC, cm) was also measured. Results: No significant difference was found in mean TEE between Sensewear/Armband (2002±433 Kcal/day) and Harris-Benedict equation (1984±396) while significant differences were found between Sensor Medics Vmax (1742±403 Kcal/day) Vs. Sensewear/Armband (p=0.009) and Vs. Harris-Benedict equation (p=0.01). Higher correlation was found between Sensewear and BMI (r=0.7, p<0.0001) as well as with WC (r=0.8, p<0.0001) than between TEE measured by Sensor Medics Vmax and BMI (r= 0.6, p<0.0001) and WC (r=0.7, p<0.0001). Conclusion: Our results suggested that Sensewear/Armband could be an acceptable device to measure TEE in morbidly obese subjects during observational period. In conjunction with indirect calorimetry represents an useful method to estimate energy expenditure in order to personalize nutritional management. Sensewear/Armband could make the assessment of TEE accurate, portable and inexpensive, could define subjects life-style and could promote physical activity to prevent weight gain. Obesity Research 2005; 13:A175

2 Nuovi lavori/validazioni sulla Armband dal congresso SINU (Societa Italiana Di Nutrizione Umana) e dalla SIEDP (Societa Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica), vedi sotto : Campo scuola per l obesità: valutazione efficacia del protocollo di attività fisica e analisi cronobiologia degli indici dell attività fisica praticata N. Pantoni, G. Malatesta, M.C. Barnabei, P. De Cristofaro Centro Regionale di Fisiopatologia della Nutrizione, ASL Teramo Premesse: tra le componenti più importanti e decisive del protocollo del campo scuola per l obesità infantile vi è il programma di attività fisica che prevede circa 3 ore al giorno di attività fisica programmata. Obiettivi: in studi che verificano il ruolo dell attività fisica nel dimagramento, mancano metodi precisi per la verifica dell attività fisica effettivamente svolta e dell intensità della stessa. Metodi: 21 bambini tra 7 e 11 anni (14 femmine e 7 maschi) sono stati monitorizzati durante il campo con polisensore Sense Wear/Arm Band (SWA) (Body Media), allo scopo di verificare i tempi di attività fisica superiori alla soglia della sedentarietà (per tale ragione SWA è stato tarato a 2,5 METs), il numero dei passi (quale indice di movimento). Risultati: il tempo di attività è risultato di h 5,67 + 1,57; il numero di passi è risultato pari a Per quanto riguarda gli aspetti metodologici abbiamo analizzato il tempo di attività e il numero di passi nelle seguanti fasce orarie: FASCE ORARIE TEMPO DI ATTIVITÀ NUMERO PASSI 8-14 h 2.76± ± h 1.99± ± h 0.58± ± h 0.28± ±660 Conclusioni: i dati acquisiti dimostrano che il protocollo di attività fisica del campo scuola è stato efficacemente eseguito dall intero campione dei bambini monitorizzati che hanno manifestato indici di attività superiori a quelli attesi con maggiore concentrazione delle attività nella fascia oraria L importanza del dato è rafforzata dalla significatività del dimagramento, del miglioramento della forza (hand grip) e della riduzione della superficie delle oscillazioni del baricentro (stabilometria). Si conferma l utilità del SWA nella standardizzazione e nel monitoraggio dell attività fisica e dello stile di vita. Atti del XXXIII Congresso nazionale SINU (societa' Italiana Nutrizione Umana) 2005 Comunicazione Orale - Pag. 61

3 VALIDAZIONE DEL MULTISENSORE PER LA MISURAZIONE DELLA SPESA ENERGETICA A RIPOSO (REE). M. Malavolti 1, A. Pietrobelli 1,2, M. Dugoni 1, M. Poli 1, P. De Cristofaro 3 and N. C. Battistini 1. 1 Cattedra di Scienze Tecniche Dietetiche Applicate, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, 2 Clinica Pediatrica, Università degli Studi di Verona, 3 Centro Regionale di Fisiopatologia della Nutrizione, ASL Teramo. Introduzione: La spesa energetica a riposo (REE) rappresenta la quantità di calorie richieste dall organismo per mantenere le funzioni fisiologiche vitali. La metodica più frequentemente utilizzata per la stima della REE è la calorimetria indiretta. Recentemente è stato validato un nuovo strumento capace di valutare la spesa energetica totale chiamato Sensewear/Armband (SWA), (The HealthWear Armband, BodyMedia, Indianapolis, IN, USA) quindi, se utilizzato in condizioni di riposo, si può supporre che riesca a valutare anche la REE. Scopo: Lo scopo del seguente studio è di stabilire l accuratezza del SWA nella valutazione del REE in soggetti sani e valutarne la correlazione con la massa magra. Soggetti: Hanno partecipato allo studio 109 soggetti (60 donne e 49 maschi), di età 38 ± 14 anni (media ± SD) e un indice di massa corporea (BMI) di 23 ± 3 kg/m 2. Metodi: REE è stato misurato sia con il calorimetro Sensor Medics Vmax (SM-29N), (Sensor Medics Vmax 29N, Metabolic Cart, Yorbe Linda CA, USA) sia con SWA. L analisi della composizione corporea, massa grassa (FM) e massa magra (FFM), è stata ottenuta mediante antropo-plicometria, bioimpedenza (BIA, InBody 3.0, Biospace, Seoul, Korea) e pletismografia ad aria (BOD-POD, Life Measurement, Inc, Concord, CA). Risultati: Nessuna differenza statisticamente significativa è stata trovata tra REE misurata con SWA (1540±280) e con SM-29N (1700±330). Le due metodiche sono significativamente correlate tra loro (r=0.86, p<0.0001), così come BMI e SWA (r=0.42, p<0.0001) e BMI e SM-29N (r=0.40, p<0.0001). Anche la FFM, stimata con le diverse metodiche, e le misurazioni del REE fatte con SWA e SM-29N risultano correlate, in modo particolare FFM stimata con il BOD-POD e REE misurato con SWA (r=0.42, p<0.0001). Conclusioni: SWA presenta un elevato potenziale per la misurazione di REE in una popolazione di adulti sani. Ulteriori valutazioni andranno eseguite per validare questo strumento sia in ambito di patologie sia in ambito sportivo. Atti del XXXIII Congresso nazionale SINU (societa' Italiana Nutrizione Umana) 2005 Comunicazione Orale - Pag Valutazione della spesa energetica giornaliera (TEE) con polisensore Sense Wear (Body Media) in soggetti con obesità morbigena. B. Dragani, P. De Cristofaro, A. Pietrobelli*, G. Malatesta, M. Malavolti**, N.C. Battistini** Centro regionale di Fisiopatologia della Nutrizione, ASL Teramo *Clinica Pediatrica Università di Verona **Cattedra di Nutrizione Umana, Università di Modena e Reggio Emilia Premesse: Sense Wear /Arm Band (SWA)(Body Media) è un multisensore in grado di valutare sia la spesa energetica che l attività fisica in soggetti sani con incoraggianti applicazioni nella patologia nutrizionale. La calorimetria indiretta (CI) e la formula di Harris Benedict, infatti non sono in grado di valutare il soggetto in condizioni di vita libera. Obiettivi: valutazione dell accuratezza del SWA nella stima del TEE in soggetti con obesità morbigena. Metodi: per il nostro studio abbiamo selezionato 37 soggetti (29 femmine e 9 maschi) tra 288 pazienti affetti da obesità morbigena (media±ds, età 38.7±13.2; IMC 40.1±6.4 kg/m 2 ). Abbiamo confrontato la spesa energetica stimata con il SWA e la spesa energetica misurata con la calorimetria indiretta (Sensor Medics Vmax 29N, Metabolic Cart, Yorbe Linda CA, USA) usando come parametro di riferimento l equazione di Harris Benedict. Abbiamo valutato inoltre anche la circonferenza addominale (cm) Risultati: non sono state trovate differenze significative per il TEE tra i valori calcolati dal SWA (2002±433 Kcal/day) e quelli predetti con l equazione di Harris-Benedict (1984±396), mentre differenze significative sono state individuate tra i valori della calorimetria indiretta (1742±403 Kcal/day) vs SWA (p=0.009) e vs. valori ricavati con l equazione di Harris-Benedict (p=0.01). Una più alta correlazione statistica è stata trovata tra il SWA e l IMC (r=0.7, p<0.0001) così come con la circonferenza addominale (r=0.8, p<0.0001) piuttosto che tra il TEE misurato con la calorimetria indiretta e l IMC (r= 0.6, p<0.0001) e la circonferenza addominale(r=0.7, p<0.0001). Conclusioni: SWA insieme alla CI rappresenta una metodica utile per la stima della spesa energetica al fine di personalizzare la gestione nutrizionale dei pazienti. Inoltre SWA rappresenta nella grande obesità uno strumento importante per valutare lo stile di vita e per promuovere l attività fisica allo scopo di prevenire l incremento di peso. Atti del XXXIII Congresso nazionale SINU (societa' Italiana Nutrizione Umana) Poster - Pag. 80

4 VALUTAZIONE DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO IN UNA POPOLAZIONE DI BAMBINI OBESI E NORMOPESO: DATI PRELIMINARI Bellone S., Baldelli R., Petri A., Ferraris M., Lapidari A., Savastio S., Bona G. Clinica Pediatrica, Dipartimento di Scienze Mediche, Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro, Novara L obesità è diventata un fenomeno ingravescente che coinvolge anche l età pediatrica. E ormai dimostrato che l obesità rappresenta un fattore di rischio per la comparsa di insulino-resistenza, ipertensione e ipercolesterolemia, cioè della sindrome metabolica e nell età adulta di un aumentato rischio di malattie cardiovascolari e diabete. La definizione di obesità implica un aumento del peso corporeo determinato da un aumento della massa grassa. Il peso corporeo è regolato da un equilibrio tra spesa energetica e introito calorico. Nell obeso evidentemente questo equilibrio è interrotto. Ma poche sono le evidenze di una effettiva iperalimentazione ed ancora meno quelle che dimostrano un effettivo minor dispendio energetico. Scopo del nostro lavoro è quello di determinare in modo oggettivo il dispendio energetico di bambini obesi confrontandoli con bambini normopeso di pari età utilizzando per due giorni consecutivi un bracciale in grado di misurare la spesa energetica giornaliera durante la normale attività quotidiana del soggetto (Health Wear Armband, Roche Diagnostics, Indianapolis, USA). Lo studio è in corso: finora sono stati studiati 5 bambini obesi (OB) (mediana (25-75 centile); età: 8,6 (8,1-8,7) anni; BMI: 24 (23-29)) e 5 bambini normopeso: (NP) (età: 6,8 (6,7-6,9) anni; BMI: 15 (14-18) in fase prepuberale. Sono stati calcolati i seguenti parametri: dispendio energetico totale (TTE), dispendio energetico attivo (AEE), attività fisica effettuata (AF), numero di movimenti (MO), durata del sonno. I risultati sono espressi nella seguente tabella: TTE (cal) AEE (cal) AF (ore) MO (n ) Obesi 2409; ; ,3; 1,0-7, ; Normopeso 2371; ; ,2; 5,5-6, ; Ad una prima valutazione abbiamo osservato una forte dispersione dei risultati ottenuti tra i bambini obesi, mentre i bambini normopeso hanno invece evidenziato risultati omogenei. Questa analisi sembrerebbe suggerire che tra i bambini obesi esistano due categorie di soggetti, una che effettua movimento fisico, ed ha quindi un dispendio energetico pari ai coetanei normopeso, un altra caratterizzata da soggetti con un dispendio energetico scarso. Questi risultati sono preliminari e devono essere confermati su un più ampio numero di soggetti. La valutazione oggettiva dell effettivo dispendio energetico, insieme al trattamento dietoterapico, potrà meglio individualizzare l approccio al paziente ed il follow-up clinico dei soggetti obesi. S.I.E.D.P. News organo ufficiale della Societa Italiana Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica Atti del XY congresso nazionale - Supplemento N. 1, Vol 8, 2:

5 Nuovo Abstract di Validazione, presentato all international simposium of In-vivo composition studies" e pubblicato sul numero speciale della rivista "International Journal of Body Composition Research" September , Southampton, Inghilterra. I risultati e la conclusione dello studio sono ottimi (99 soggetti!) : "...I nostri risultati suggeriscono che la Sensewear Armband e uno strumento accettabile per misurare accuratamente la TEE. Questa informazione e utile nel consigliare i paziente circa la TEE appropriata durante programmi di perdita di peso e per per migliorare l attivita fisica giornaliera

6 La Armband e stata un successo assoluto al primo meeting internazionale Diabetes Mellitus and Physical Activity che si e svolto a Catania dal 30 Giugno al 2 Luglio scorso. La misura, quantificazione e identificazione della reale attivita fisica metabolica che la Armband puo eseguire e fondamentale per la valutazione e la seguente prescrizione di attivita fisica adeguata nel paziente con Diabete di tipo II. Molti tra i relatori del congresso erano soddisfatti ed entusiasti utilizzatori della Armband.

7 Allo stesso meeting di Catania, sulla interessante rivista Diabete e Movimento (Giugno 05, Anno 4, Numero 5) e stato pubblicato un interessante commento del Prof. Pierpaolo De Feo, Endocrinologo di Perugia che ha riletto, tradotto e aggiornato uno dei primi, piu' conosciuti articoli di validazione della Armband, del 2004 EVALUATION OF THE SENSEWEAR PRO ARMBAND TO ASSESS ENERGY EXPENDITURE DURING EXERCISE di John Jakicic et al Questo articolo, pubblicato sulla rivista ufficiale dell' American College of Sports Medicine nel 2004 descriveva e valutava molto bene la Armband ma avvertiva il lettore che erano necessari, per il funzionamento ottimale, algoritmi "specifici" per l' esercizio. Questo commento/articolo del Prof. De Feo conclude che "sembra pertanto che sia indispensabile applicare algoritmi esercizio-specifici al Sensewear Pro Armband per aumentarne l' accuratezza nella stima del dispendio energetico totale durante il periodo di attivita' fisica. Quando cio' si verifica, come nella versione attuale, lo strumento fornisce una valutazione esatta del dispendio energetico se confrontato ai valori ottenuti con la calorimetria indiretta. Questo strumento, validato di recente in soggetti con diabete mellito (Diabetes care, Gennaio 2005) appare molto promettente per l' approccio razionale al trattamento dell' obesita' nei soggetti obesi e/o diabetici,dato che consente di individualizzare il trattemento dietetico in base alla spesa energetica". In questo commento vi e una interessante descrizione della applicazione della Armband nel diabete cioe che "..nei trials di intervento che prevedono l' incremento dell' attivita' fisica e nella comune pratica ambulatoriale risulta sempre piu' indispensabile disporre di uno strumento in grado di stimare il dispendio energetico durante la vita quotidiana che consenta di personalizzare il programma di attivita' fisica in base alle caratteristiche, esigenze e abitudini del soggetto con lè obbiettivo finale di ridurre il peso corporeo. A questo riguardo esiste sul mercato un sensore portatile, il Sensewear Pro Armband in grado di calcolare il dispendio energetico quotidiano totale e di estrapolare da questo, quello dovuto all' attivita' fisica. Si tratta di un innovativo apparecchio non invasivo, maneggevole, da applicare al braccio destro, sopra il muscolo tricipite, che monitorizza svariati parametri..." La copia dell articolo, come di tutta la bibliografia scientifica, puo essere richiesta alla SensorMedics Italia o

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

MONITORAGGIO DELLO STILE DI VITA DEL MEDICO E DEI PROPRI PAZIENTI. Milano, II congresso nazionale Medico Cura te Stesso 4-5 Marzo 2010

MONITORAGGIO DELLO STILE DI VITA DEL MEDICO E DEI PROPRI PAZIENTI. Milano, II congresso nazionale Medico Cura te Stesso 4-5 Marzo 2010 MONITORAGGIO DELLO STILE DI VITA DEL MEDICO E DEI PROPRI PAZIENTI Milano, II congresso nazionale Medico Cura te Stesso 4-5 Marzo 2010 Roberto Perissin Amministratore Delegato Sensormedics Italia Srl, Terapista

Dettagli

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA L uso della bilancia impedenziometrica è consigliato ad adulti di età compresa tra 18 e 99 anni. Bambini tra 5 e 17 anni possono utilizzare la bilancia

Dettagli

Abano Terme, 28 Febbraio 2009 Sport E Salute

Abano Terme, 28 Febbraio 2009 Sport E Salute Monitoraggio dello stile di vita e dell attivita fisica con l Holter Metabolico nuove tecnologie Abano Terme, 28 Febbraio 2009 Sport E Salute Roberto Perissin Amministratore Delegato Sensormedics Italia

Dettagli

ASPETTI DIETETICO-NUTRIZIONALI NELLA CELIACHIA

ASPETTI DIETETICO-NUTRIZIONALI NELLA CELIACHIA Per un approfondimento, sugli aspetti nutrizionali inerenti la malattia celiaca, si riporta abstract della lezione Aspetti dietetico-nutrizionali nella celiachia, tenuta dal dr. V. De Siena nel Master

Dettagli

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Luca Busetto Dipartimento di Medicina - DIMED Università degli Studi di Padova Centro per lo Studio e il Trattamento Integrato

Dettagli

Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011

Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011 Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011 Dr.ssa C. Baggiore 20 dicembre 2006 DPP: prevenzione del diabete in soggetti ad alto rischio per la malattia N = 3234 IFG e IGT, senza diabete 40 Placebo

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO

MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO FABBISOGNO ENERGETICO Apporto di energia, di origine alimentare, necessario a compensare il dispendio energetico di individui

Dettagli

PROGRAMMA MINISAL-GIRCSI e MINISAL-SIIA La prima valutazione dei consumi alimentari di sodio e potassio in Italia

PROGRAMMA MINISAL-GIRCSI e MINISAL-SIIA La prima valutazione dei consumi alimentari di sodio e potassio in Italia PROGRAMMA MINISAL-GIRCSI e MINISAL-SIIA La prima valutazione dei consumi alimentari di sodio e potassio in Italia Background L eccesso di sodio alimentare e l insufficiente apporto di potassio attraverso

Dettagli

Crescita sana e nutrizione nei bambini Gabriele Riccardi Cattedra di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Università Federico II, Napoli

Crescita sana e nutrizione nei bambini Gabriele Riccardi Cattedra di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Università Federico II, Napoli Roma, Barilla 4 maggio Center 2010 for Food & Nutrition Presentazione del position paper Crescita sana e nutrizione nei bambini Gabriele Riccardi Cattedra di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo,

Dettagli

MultiMedica. Prevenire e curare con l Alimentazione. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura. MultiMedica

MultiMedica. Prevenire e curare con l Alimentazione. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura. MultiMedica COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE m IRCCS MultiMedica m Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) MultiMedica Castellanza Viale Piemonte, 70 - Castellanza

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA. SenseWear Armband P/N S

DESCRIZIONE TECNICA. SenseWear Armband P/N S DESCRIZIONE TECNICA SenseWear Armband P/N S Monitor portatile multi Sensore di consumo energetico in calorie (EE), movimento, attività fisica, qualità della vita, sonno. Il SenseWear Armband è un rivoluzionario

Dettagli

SCUOLA DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

SCUOLA DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAMERINO SCUOLA DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE Corso di Laurea in Biologia della Nutrizione (CLASSE 12) Elaborato scritto LA COMPOSIZIONE CORPOREA NELLO SPORT LAUREANDA Valeria

Dettagli

SLA I COMPITI DEL NUTRIZIONISTA

SLA I COMPITI DEL NUTRIZIONISTA Palace Hotel Como 19 ottobre 2012 Comobrain 2012 4 Edizione SLA I COMPITI DEL NUTRIZIONISTA Dr Anna Toldi Medico Nutrizionista Responsabile del Servizio di Dietetica e Nutrizione clinica Ospedale Valduce

Dettagli

Introduzione CENTRO DI FISIOPATOLOGIA DELLA NUTRIZIONE APPLICATA ALLO SPORT

Introduzione CENTRO DI FISIOPATOLOGIA DELLA NUTRIZIONE APPLICATA ALLO SPORT CENTRO DI FISIOPATOLOGIA DELLA NUTRIZIONE APPLICATA ALLO SPORT Progetto di istituzione di un Centro di Studio delle problematiche della nutrizione applicata allo sport che si propone di essere accreditato

Dettagli

METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI

METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI IAF-Istituto di Alta Formazione Roma Pescara in collaborazione con il Centro PsicA di Pescara e il Centro Regionale di Fisiopatologia della Nutrizione Regione Abruzzo Presidio Sanitario di Giulianova ASL

Dettagli

L'ESPERIENZA DEL PROGETTO EMILI: PREVENZIONE NELLE DONNE CON TUMORE MAMMARIO ATTRAVERSO L'EDUCAZIONE ALIMENTARE E AL MOVIMENTO

L'ESPERIENZA DEL PROGETTO EMILI: PREVENZIONE NELLE DONNE CON TUMORE MAMMARIO ATTRAVERSO L'EDUCAZIONE ALIMENTARE E AL MOVIMENTO L'ESPERIENZA DEL PROGETTO EMILI: PREVENZIONE NELLE DONNE CON TUMORE MAMMARIO ATTRAVERSO L'EDUCAZIONE ALIMENTARE E AL MOVIMENTO Latina, 26 Maggio 2012 Dott.ssa Federica Sebastiani Dipartimento di Oncologia.

Dettagli

OBESITA E STILE DI VITA Parma, 6 Maggio 2004

OBESITA E STILE DI VITA Parma, 6 Maggio 2004 OBESITA E STILE DI VITA Parma, 6 Maggio 2004 Prof. Eugenio Del Toma Presidente Onorario Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI) Obesità e.globesità epidemia del terzo millennio! L

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

Epidemiologia del diabete tipo 2. Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino

Epidemiologia del diabete tipo 2. Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino Epidemiologia del diabete tipo 2 Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino The Worldwide Epidemic: Diabetes Trends Millions with Diabetes 400 350 300 250 200 150 100 50 0 30

Dettagli

ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI

ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI CORSO DI AGGIORNAMENTO LA SINDROME METABOLICA: ASPETTI NUTRIZIONALI, CLINICI, DIAGNOSTICI e STILI DI VITA Riferimento evento RES n. 15425 Crediti formativi 43,5 dal 14 ottobre

Dettagli

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo La situazione nutrizionale e le abitudini alimentari hanno un impatto

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI

METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI III EDIZIONE Aggiornamento Tecnico-Professionale in Dietologia e Nutrizione Clinica CORSO/MASTER IN METODOLOGIE E RUOLI PROFESSIONALI NELL'APPROCCIO MULTIDIMENSIONALE ALLE PATOLOGIE ALIMENTARI Sala Convegni

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

19 gennaio 2008 Palazzo Ducale Lucca

19 gennaio 2008 Palazzo Ducale Lucca CONGRESSO 19 gennaio 2008 Palazzo Ducale Lucca RELATORI C O N G R E S S O Samantha Biale - Milano Nutrizionista e giornalista Ottavio Bosello - Verona Professore di Geriatria e Gerontologia nell Università

Dettagli

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 96 Servizio Epidemiologico e Prevenzione - Tel. 0824.308286-9 Fax 0824.308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Okkio alla salute Un indagine tra i bambini della

Dettagli

Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano

Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano Obesità infantile nel mondo 2010: PIÚ DI 42 MILIONI I BAMBINI IN SOVRAPPESO SOTTO I 5 ANNI Obesità

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

Metodologie per la Nutrizione

Metodologie per la Nutrizione Metodologie per la Nutrizione D IETOSYSTEM Il benessere come scienza Impedenziometria in multifrequenza La risposta innovativa nella valutazione dei compartimenti corporei Affidabilità, praticità e versatilità

Dettagli

ABILITÀ da acquisire con il tirocinio presso il Dipartimento di Medicina e di Scienze della Salute

ABILITÀ da acquisire con il tirocinio presso il Dipartimento di Medicina e di Scienze della Salute UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE DIPARTIMENTO DI MEDICINA E DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN DIETISTICA INVENTARIO DEGLI SKILLS 1) Osservare a) I Anno I Semestre 2) Collaborare b) I Anno II

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

BODYMEDIA SenseWear Armband

BODYMEDIA SenseWear Armband BODYMEDIA SenseWear Armband Validazioni, Pubblicazioni, Lavori Scientifici Aprile 2007 Anno 2007 FIELD VALIDATION OF THE MTI ACTIGRAPH AND BODYMEDIA ARMBAND MONITOR USING THE IDEEA MONITOR Gregory J. Welk,*

Dettagli

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 Bologna 22 febbraio 2014 Ida Blasi Diabetologia & Metabolismo U.O. C. di Medicina Interna Direttore: Stefano Bombarda Ospedale

Dettagli

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma DOTT.SSA CINZIA CIANFROCCA Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE: LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE?

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? http://digilander.libero.it/riminisportmedicina riminisportmedicina@libero.it MEDICINA dello SPORT e PROMOZIONE dell ATTIVITA FISICA PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? dr. Eugenio Albini Tutte le più

Dettagli

IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA

IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA IL DIABETE IN ITALIA ASPETTI EPIDEMIOLOGICI E MODELLI ASSISTENZIALI IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA DIABETE MELLITO CONTESTO ASSISTENZIALE

Dettagli

Informazioni generali: Il Centro Regionale di Riferimento di Fisiopatologia della Nutrizione (CRRFN), già da 6 anni, offre la possibilità di

Informazioni generali: Il Centro Regionale di Riferimento di Fisiopatologia della Nutrizione (CRRFN), già da 6 anni, offre la possibilità di Informazioni generali: Il Centro Regionale di Riferimento di Fisiopatologia della Nutrizione (CRRFN), già da 6 anni, offre la possibilità di partecipare, a domanda, a stage didattico-formativi della durata

Dettagli

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana matilde.razzanelli@ars.toscana.it Le indagini PASSI d Argento Obiettivo: sorveglianza sulla popolazione ultra 64enne, sostenibile con le risorse dei

Dettagli

Valutazione dello stato di nutrizione. M.L.E.Luisi

Valutazione dello stato di nutrizione. M.L.E.Luisi Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Anno Accademico 2013-2014 2014 Valutazione dello stato di nutrizione M.L.E.Luisi Valutazione dello stato di nutrizione Lo stato nutrizionale e lo stato

Dettagli

Appuntamento il 26 giugno presso il Teatro Comunale "G. Verdi" di San Severo

Appuntamento il 26 giugno presso il Teatro Comunale G. Verdi di San Severo Appuntamento il 26 giugno presso il Teatro Comunale "G. Verdi" di San Severo Regione Puglia Azienda Sanitaria Locale Foggia Distretto Sanitario n. 1 71016 San Severo PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE "Dal sovrappeso

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014

LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014 LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014 Il ruolo del Clinical Research Coordinator Data manager nella fase di conduzione dello studio clinico Maurizio

Dettagli

Stato nutrizionale dei bambini di prima media nelle scuole del distretto sanitario di Mistretta

Stato nutrizionale dei bambini di prima media nelle scuole del distretto sanitario di Mistretta Stato nutrizionale dei bambini di prima media nelle scuole del distretto sanitario di Mistretta Portera M., direttore del Distretto Sanitario di Mistretta AUSL N. 5 Messina Puglia M., dirigente Medico

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005 2007 (parte seconda) REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

Dettagli

SPORT E SALUTE Prevenire per contenere i costi Torino, 12 luglio 2014

SPORT E SALUTE Prevenire per contenere i costi Torino, 12 luglio 2014 CONVEGNO SPORT E SALUTE Prevenire per contenere i costi Torino, 12 luglio 2014 DANNI DELLA SEDENTARIETA E BENEFICI DELL ESERCIZIO FISICO dr. Giuseppe PARODI Responsabile S.S. Medicina dello Sport / Centro

Dettagli

Risk factors for deaths

Risk factors for deaths App per il consumatore: la nuova frontiera dell etichettatura Prof. Alessandro Casini Nutrizione Clinica, AOUCareggi Università di Firenze Risk factors for deaths Prevalence of overweight (BMI>25 kg/m

Dettagli

ATTIVITÀ FISICA E ALIMENTAZIONE NELLA PREVENZIONE E CURA DEL DIABETE Santa Maria di Sala, 3 novembre 2013

ATTIVITÀ FISICA E ALIMENTAZIONE NELLA PREVENZIONE E CURA DEL DIABETE Santa Maria di Sala, 3 novembre 2013 ATTIVITÀ FISICA E ALIMENTAZIONE NELLA PREVENZIONE E CURA DEL DIABETE Santa Maria di Sala, 3 novembre 2013 Ester Vitacolonna Università «G. d Annunzio» Chieti- Pescara Salute: "Uno stato di completo benessere

Dettagli

L ATTIVITA FISICA MISURATA

L ATTIVITA FISICA MISURATA L ATTIVITA FISICA MISURATA Patrizio Sarto U.O.C. Medicina dello Sport ULSS 9 - Treviso Perché preoccuparsi di misurare in modo accurato l attività fisica? Perché preoccuparsi di misurare in modo accurato

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE COMUNE DI SAN DONATO MILANESE Prevalenza passata e futura del sovrappeso nel mondo (adulti e bambini) Reproduced from the Organization for Economic Co-operation and Development. Lancet 2011;378:815-25

Dettagli

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali Six randomised controlled trials were included in the review. Because of the differences in patient characteristics, interventions and outcomes between the studies, it was not possible to perform a meta-analysis.

Dettagli

DIABETE SINDROME DI DOWN ED ENDOCRINOPATIE

DIABETE SINDROME DI DOWN ED ENDOCRINOPATIE SINDROME DI DOWN ED ENDOCRINOPATIE Dott.ssa Elisabetta Lovati Servizio Endocrinologia e CAD - Cl. Medica I Fond. IRCCS Policlinico San Matteo - PAVIA Il diabete ha una più alta prevalenza nei pazienti

Dettagli

Valutazione dello stato nutrizionale e del rischio di malnutrizione

Valutazione dello stato nutrizionale e del rischio di malnutrizione Simposio: NUTRIZIONE, MALNUTRIZIONE, DISFAGIA Torino, 28 Novembre 2013 Valutazione dello stato nutrizionale e del rischio di malnutrizione Dott. Giuseppe Sergi Clinica Geriatrica - Università di Padova

Dettagli

Fabbisogno energetico e sue componenti

Fabbisogno energetico e sue componenti Fabbisogno energetico e sue componenti WHO (1985) come: l apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica

Dettagli

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione In collaborazione con il 2 Circolo Didattico Anno scolastico 2008 \ 2009 A cura del Prof. Piero Verdecchia Relazione IMC e Sport praticati. Anno

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA PROCEDURA DI SCREENING DELLA MALNUTRIZIONE PER PAZIENTI ADULTI OSPEDALIZZATI Premessa All ammissione in ospedale

Dettagli

COMPOSIZIONE CORPOREA

COMPOSIZIONE CORPOREA COMPOSIZIONE CORPOREA MINIME QUANTITA DI VITAMINE GLUCIDI 1% La Composizione corporea è un'analisi quantitativa delle componenti del nostro corpo. 4 % MINERALI LIPIDI 17 % 19 % PROTIDI Si potrebbe pensare

Dettagli

Attivita' di aggiornamento professionale: 1) Corso breve di aggiornamento sull'ipotiroidismo Ancona 21/10/1982

Attivita' di aggiornamento professionale: 1) Corso breve di aggiornamento sull'ipotiroidismo Ancona 21/10/1982 Attivita' di aggiornamento professionale: 1) Corso breve di aggiornamento sull'ipotiroidismo Ancona 21/10/1982 2) Convegno "Nefropatia Diabetica" Piacenza 29/10/1983 3) III Workshop del Gruppo Italiano

Dettagli

Essere sportivi oggi. Migliora la tua performance. www.sportmonitoring.com

Essere sportivi oggi. Migliora la tua performance. www.sportmonitoring.com Essere sportivi oggi Migliora la tua performance www.sportmonitoring.com Valutazioni funzionali ed analisi delle prestazioni sportive SMS - Sport Monitoring Service s.r.l é un centro di preparazione atletica

Dettagli

Cenni sulla composizione corporea

Cenni sulla composizione corporea Cenni sulla composizione corporea La conoscenza della composizione chimica del corpo umano permette di: valutare le modificazioni che si realizzano nell organismo in relazione al sesso, all età e alle

Dettagli

FARE MOVIMENTO. Risultati PASSI 2007-2009 ASLCN1 STILI DI VITA E MALATTIA. Risultati PASSI 2007\2009 ASLCN1

FARE MOVIMENTO. Risultati PASSI 2007-2009 ASLCN1 STILI DI VITA E MALATTIA. Risultati PASSI 2007\2009 ASLCN1 STILI DI VITA E MALATTIA Dott.ssa Alessandra Ardizzone Medicina Interna Ospedale di Fossano Dipartimento di Medicina Antiinvalidante Risultati PASSI 2007-2009 ASLCN1 278.000 residenti di età 18-69 anni

Dettagli

Antonio Pio D Ingianna Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli S6li di Vita

Antonio Pio D Ingianna Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli S6li di Vita Gli indicatori di malnutrizione ed il protocollo Scales. L alimentazione orale Antonio Pio D Ingianna Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli S6li di Vita Gli anziani sono.. Gli over 65 : circa

Dettagli

Dir. Resp.: Roberto Napoletano

Dir. Resp.: Roberto Napoletano Lettori: n.d. Diffusione: n.d. 03-DIC-2013 Dir. Resp.: Roberto Napoletano da pag. 27 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Roberto Napoletano 03-DIC-2013 da pag. 27 Quotidiano 097156 www.ecostampa.it

Dettagli

Obesità. Il quadro epidemiologico-organizzativo regionale. Lorenzo Iughetti Viviana Patianna Università di Modena e Reggio Emilia

Obesità. Il quadro epidemiologico-organizzativo regionale. Lorenzo Iughetti Viviana Patianna Università di Modena e Reggio Emilia Tavola rotonda 27 ottobre 2012 Obesità Il quadro epidemiologico-organizzativo regionale Lorenzo Iughetti Viviana Patianna Università di Modena e Reggio Emilia Patterns Of Overweight & Obesity Globally

Dettagli

RECUPERO FUNZIONALE E SPORTIVO IN SOGGETTI TRAPIANTATI D ORGANO

RECUPERO FUNZIONALE E SPORTIVO IN SOGGETTI TRAPIANTATI D ORGANO RECUPERO FUNZIONALE E SPORTIVO IN SOGGETTI TRAPIANTATI D ORGANO Giulio Sergio Roi, Matteo Parigino, Davide Pisoni Education & Research Department Isokinetic Corvara, 3 luglio 2009 Recupero post intervento

Dettagli

ABITUDINI ALIMENTARI E STILI DI VITA DEGLI ITALIANI

ABITUDINI ALIMENTARI E STILI DI VITA DEGLI ITALIANI Pag. 10S-11S Atlante 01 OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO CARDIOVASCOLARE ITALIANO INDAGINE 008-01 ABITUDINI ALIMENTARI E STILI DI VITA DEGLI ITALIANI Le abitudini alimentari sono disponibili solo per l indagine

Dettagli

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 1. Effetti benefici di una

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

Argomenti IPERTROFIA IPERTROFIA SI O NO? 21/09/2009 MUSCOLI SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO

Argomenti IPERTROFIA IPERTROFIA SI O NO? 21/09/2009 MUSCOLI SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO ARTI MARZIALI: IPERTROFIA SI O NO? L AUMENTO DEL PESO CORPOREO E DELLE MASSE MUSCOLARI Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Master in Scienze dello Sport e del Fitness Prof. ac Sorv. Nutrizionale e Val.

Dettagli

Il problema dell idratazione Il principale problema del controllo dello stato di idratazione è che la velocità di assorbimento dei liquidi è molto inferiore alla velocità con cui i liquidi vengono persi

Dettagli

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, nè in difetto nè in eccesso, avremmo

Dettagli

Sostituzioni nell ambito della medicina di base, sostituzione presso USL n. 67 2 75/II nell ambito della medicina dei servizi.

Sostituzioni nell ambito della medicina di base, sostituzione presso USL n. 67 2 75/II nell ambito della medicina dei servizi. Curriculum Vitae Europass Laura Silvia Maria Menicatti Nata a Milano il 31/5/1962 Cittadinanza Italiana Esperienze professionali Sostituzioni nell ambito della medicina di base, sostituzione presso USL

Dettagli

DIETISTICA E VALUTAZIONE DELLO STATO NUTRIZIONALE,

DIETISTICA E VALUTAZIONE DELLO STATO NUTRIZIONALE, Sono molte le componenti di uno stile di vita corretto: essere attivi,nutrirsi correttamente,dormire sufficientemente,gestire lo stress,controllare il proprio peso ecc.. Programma Il Centro Di DIETISTICA

Dettagli

Obesità ed epigenetica: il ruolo del SIAN nella prevenzione. Antonio Romaniello Direttore U.O.C. SIAN ASL - Potenza

Obesità ed epigenetica: il ruolo del SIAN nella prevenzione. Antonio Romaniello Direttore U.O.C. SIAN ASL - Potenza Obesità ed epigenetica: il ruolo del SIAN nella prevenzione Antonio Romaniello Direttore U.O.C. SIAN ASL - Potenza IP E R N U T R IZ IO N EE N E R G E T IC A (O B E S IT A ') C R IT E R IC L IN IC I E

Dettagli

RICERCA E TECNOLOGIA PER LA NUTRIZIONE

RICERCA E TECNOLOGIA PER LA NUTRIZIONE RICERCA E TECNOLOGIA PER LA NUTRIZIONE CHI È PROGEO? La Progeo S.r.l. opera in Italia da 24 anni, facendo ricerca e creando innovazioni nel settore della salute, mettendo a disposizione dei nutrizionisti

Dettagli

Autocontrollo e tecnologie nell esercizio fisico stru1urato: Calcolo del consumo calorico. Vincenzo Paciotti

Autocontrollo e tecnologie nell esercizio fisico stru1urato: Calcolo del consumo calorico. Vincenzo Paciotti Autocontrollo e tecnologie nell esercizio fisico stru1urato: Calcolo del consumo calorico Vincenzo Paciotti L autocontrollo può perme1ere alla persona con DM2 di : a. affrontare modificazioni dell'alimentazione

Dettagli

Il Grande Salone della Pasta. The Great Pasta Exhibition. Shanghai, China, 11-14 September 2010 PASTATREND W WW. PAS TATREND.COM

Il Grande Salone della Pasta. The Great Pasta Exhibition. Shanghai, China, 11-14 September 2010 PASTATREND W WW. PAS TATREND.COM The Great Pasta Exhibition. Shanghai, China, 11-14 September 2010 PASTATREND Il Grande Salone della Pasta. W WW. PAS TATREND.COM Workshop Internazionale L ALIMENTAZIONE E LO STILE DI VITA ITALIANI INCONTRANO

Dettagli

Studio di Dietologia e Nutrizione Umana. Dr. Uliano. Servizi offerti dallo studio

Studio di Dietologia e Nutrizione Umana. Dr. Uliano. Servizi offerti dallo studio Studio di Dietologia e Nutrizione Umana Dr. Uliano Servizi offerti dallo studio --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------PREMESSA

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

Effetti dell esercizio fisico sui cambiamenti degli Stili di Vita

Effetti dell esercizio fisico sui cambiamenti degli Stili di Vita Parma 20 maggio 2006 Centro Congressi - Auditorium Paganini Convegno Nutrizione, stili di vita, ristorazione scolastica: istituzioni a confronto per promuovere benessere Effetti dell esercizio fisico sui

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla distanza ginocchio - tallone BAPEN MUST e BMI Step 1 Score Range BMI Categoria di peso Significato 2 < 18,5 Sottopeso

Dettagli

Valori di riferimento per la Bioimpedenza

Valori di riferimento per la Bioimpedenza Valori di riferimento per la Bioimpedenza L Acqua Corporea Totale (TBW = Total Body Water) L acqua totale è il maggior componente dell organismo, per questo la corretta determinazione, in percentuale e

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

PEG E PATOLOGIA CRONICA IN ETA PEDIATRICA

PEG E PATOLOGIA CRONICA IN ETA PEDIATRICA PEG E PATOLOGIA CRONICA IN ETA PEDIATRICA La Fibrosi Cistica come modello Marco Cipolli, Ciro D Orazio Centro Fibrosi Cistica Azienda Ospedaliera di Verona Verona, 27 ottobre 2000 FIBROSI CISTICA La piu

Dettagli

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Fisiologia della prestazione sportiva Università degli Studi di Verona Scienze Motorie aa 2012-1013 1 Le caratteristiche fisiologiche non sono le uniche

Dettagli

Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica

Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica Dr. Mauro Somaschi - MMG ASL Lecco Aula Magna Azienda Ospedaliera Ospedale "A. Manzoni" REGIONE LOMBARDIA ASL Lecco Relazione

Dettagli

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro. ANUPSA VERONA «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.» Circolo Ufficiali di Castelvecchio 13 febbraio 2014 1 Dott.ssa F. Dopo gli

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

Update sugli integratori alimentari e sui functional food Corso Teorico Pratico

Update sugli integratori alimentari e sui functional food Corso Teorico Pratico Corso di aggiornamento RES:128902 Provider n. 758 Update sugli integratori alimentari e sui functional food Corso Teorico Pratico Coordinamento scientifico Dott. Pietro Morini Crediti formativi 50 Partecipanti

Dettagli

John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49

John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49 John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49 Introduzione Nuove conoscenze fornite dalle biotecnologie Mappa del genoma

Dettagli

Esercizio Fisico e Prevenzione del Sovrappeso in Età Evolutiva

Esercizio Fisico e Prevenzione del Sovrappeso in Età Evolutiva Attività Motoria Evolutiva e Anziani Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@uniroma4.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Efficienza Fisica Esercizio Fisico

Dettagli

Presentazione del progetto

Presentazione del progetto Laboratorio di marketing sociale Presentazione del progetto Soggetto ideatore e organizzatore: Azienda Sanitaria Locale DEFINIZIONE DEL PROBLEMA Sovrappeso ed obesità in età infantile La nuova emergenza

Dettagli

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Dr. Marisa Conte MODIFICHE METABOLICHE DURANTE LA GRAVIDANZA Lattogeno placentare Compenso

Dettagli

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE GIACOMO FALDELLA Dip. Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Pediatriche - Università di Bologna Nutrizione infantile 1 EFFETTI IMMEDIATI 2 EFFETTI A LUNGO

Dettagli

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna La frutta secca, un alternativa alimentare ideale Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna Cos è la frutta secca Frutti oleosi (noci, nocciole, mandorle, ecc) (in

Dettagli