L anima e il suo destino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L anima e il suo destino"

Transcript

1 DAVID HABOBA L anima e il suo destino Vito Mancuso (italiano) 2006 [RIASSUNTO]

2 L anima e il suo destino Vito Mancuso 1 Teologia di fronte alla coscienza laica Teologia morale cattolica: L essere umano deve sempre obbedire al giudizio certo della propria coscienza. Le affermazioni specifiche della teologia non devono essere incompatibili con la scienza, perché il mondo è uno solo com è fatto lo sappiamo grazie alla scienza. Credente o non credente, se ciascuno è onesto con se stesso, deve riconoscere che di fronte alla domanda sulla vita dopo la morte gli compare solo un grande punto interrogativo. Ho detto mente, cioè pensiero guidato dalla ragione, non immaginazione, cioè pensiero in balìa degli appetiti, la quale invece è estremamente rapida nel produrre sentimenti rassicuranti per garantire che tutto, grosso modo, continuerà come prima, come una corsa che, una volta cambiati i cavalli prosegue con la stessa carrozza, sulla stressa strada, con gli stessi compagni. La realtà è un altra, e se come sarà la vita futura è molto difficile dirlo, una cosa è sicura: ammesso che ci sarà, sarà diversa, decisamente diversa: Per gli uomini che sono morti sono pronte cose che essi non sperano né immaginano, dice un frammento di Eraclito. A motivo di tale inevitabile diversità, quando la mente pensa con rigore la morte e il suo oltre, si ritrova davanti quasi solo domande. Non c è alcun dubbio che gli essere umani, per cercare di sopravvivere, si siano immaginati, e continuano a immaginarsi, mondi e paradisi nell aldilà. Se all origine della religione e della filosofia c è il desiderio (o la necessità) di vincere la morte, il fatto di non sapere nulla al riguardo attesta il fallimento della nostra religione e della nostra filosofia. Il pensiero occidentale si ritrova come allo sbando, perché è evidente che, se non si conosce il destino che ci attende, nulla si sa con sicurezza e tutto appare incerto, soggettivo, tutto sembra risolversi in una questione di gusti. L assenza della risposta sulla vita oltre la morte è il segno più evidente della crisi di occidente, perché quando non si conosce il mistero della morte non si sa neppure perché vivere e che direzione dare alla vita. La nostra civiltà cammina a tastoni. Chi non sa perché muore, non sa perché vive. Chi non sa che cosa è la morte, non sa che cosa è la vita. Chi ha paura della morte, ha paura della vita. Qualcuna tra i credenti ritiene che questa condizione di ignoranza sia un bene piuttosto che un male, perché mette a nudo la condizione umana in quanto tale, definita dal non sapere e quindi chiamata a risolversi nella fede e nell ascolto della rivelazione divina depositata nella Bibbia. Io invece ritengo che l ignoranza sia sempre e solo un male, che la luminosità del sapere sia sempre molto meglio dell oscurità della fede, che la sicurezza e la fiducia nella vita siano l atteggiamento sanno, maturo; mentre il senso permanente di timore, disperazione, angoscia e cose del genere siano solo segno di una coscienza acerba o malata. Per questo penso altresì che in teologia non vi possa essere nulla di stabile senza un fondamento metafisico, e che la filosofia con la sua luce sia quanto mai necessaria alla vita spirituale. Ogni individuo ospita in se stesso la voce che gli parla della razionalità del cosmo e della sensatezza della vita, e quella opposta che gli parla del nulla e dell assurdo verso cui, più o meno stupidamente, tutti camminiamo. Per natura intendo il fondo primordiale dell essere, ciò che fa nascere e apparire le cose, sia quelle inanime come le pietre, sia quelle animate come la gattina dei miei figli o gli stessi miei figli, perché anch essi sono natura. La natura è il luogo di nascita dell essere, come indica già lo stesso termine latino natura, che viene dal verbo nascere e che contiene un potente rimando a un azione inesausta, mai completata. E a questo mistero della nascita continua dell essere che io intento rimandare mediante il concetto di natura, del quale, per distinguerlo dall estrinseca accezione comune che pensa la natura come qualcosa al di fuori di noi, come ambiente, io parlerò come natura-physis. Il termine natura designa l energia in modo tale da portarci a concepirla come mai compiuta, e per questo sempre al lavoro. Energia, infatti è un termine greco che significa precisamente al lavoro, in azione, in atto. L universo è sempre al lavoro. Il lavoro è il respiro del cosmo, e di noi in quanto coscienza di esso.

3 L energia ha prodotto per prima cosa la materia, e la materia, il cui nome deriva proprio dal latino mater, ha prodotto noi mediante un lunghissimo processo evolutivo. La materia è la madre degli elementi primordiali alla base della vita, della nostra come di ogni cosa dotata di movimento proprio. L evoluzione è un fatto, l evoluzionismo è una teoria che interpreta questo fatto. L astrofisica contemporanea insegna che l universo da 13,7 miliardi di anni e dominato dalla spinta all espansione. Prima era un puntino dalle dimensioni così microscopiche da non poter essere pensato, poi ha iniziato la sua espansione giungendo a una grandezza così macroscopica da non poter essere a sua volta neppure pensata, per la quale non c è neppure un numero da scrivere se non il simbolo di infinito, visto che è costantemente in aumento. Tale espansione dell universo, dicono le scoperte dell astrofisica più recenti, non dovrebbe fermarsi mai: l ipotesi del Big Crunch sembra ormai tramontata. L espansione costituisce probabilmente la legge fondamentale della natura. Le mutazioni avvengono, sono singoli fenomeni che si danno, e si danno per caso. Ricerche nel campo della microbiologia avrebbero ormai rivelato che le dinamiche sottese all evoluzione sono tre, e che di queste le mutazioni casuali, cioè il motore del darwinismo, sono la meno importante. Fin dall antichità la mente umana ha visto questa legge superiore che opera nell organizzazione del mondo e l ha chiamata in diversi modi: i Greci LOGOS, gli Ebrei HOHMA, gli Egizi MAT, gli Indù DHAMMA, i Cinesi TAO, i Giapponesi SHINTO. Questa legge cosmica fondamentale è ciò che raccoglie i fenomeni disparati, facendoli vivere se sono conformi alla sua logica, morire (mediante la selezione naturale) se sono lo sono. Essa governa il mondo e anche la nostra mente, la quale, non essendo altro che un pezzo di mondo, riproduce la medesima logica tendente all ordine. La logica che muove la vita è la relazione ordinata. Secondo la prospettiva evoluzionistica la mia vita non avrebbe alcuna direzione e finalità se non quella che io le vorrò dare. Le parole che l umanità ha da sempre ritenuto più sacre, quali, ordine, legge, fedeltà, famiglia, onore, giustizia, patria, pudore, ragione appaiono logore e vilipese. Come uscirne? Purtroppo, la verità è che ogni popolo ha i politici, e le televisione, che si merita. Oggi è la scienza a farci conoscere che noi esseri umani veniamo dalla natura-physis che ci ha generati mediante un lungo e sempre più complesso processo evolutivo, a partire dall esplosione delle stelle di terza generazione da cui sono fuoriusciti gli elementi chimici, in primis il carbonio, alla base della vita. Noi siamo figli dell universo, il quale in noi ottiene il prodotto più raffinato del suo lavoro, giunge al pensiero, alla coscienza di se stesso. L amore è sempre forza, ma forza più intelligente, più ordinata e quindi più stabile, per così dire, più forte. L amore è la forza più intensa che c è. Il bene è prima della bontà. Da nostra madre alle madri degli animali appare la logica che presiede l organizzazione della materia vivente: l essere come ordine. Ed è questa definizione del bene: ordine, relazione ordinata, per far sì che tutto dentro e fuori di noi si muova di un movimento rotatorio, il movimento che dice l armonia e che produce la sfera, la figura perfetta. Siccome nella sua danza alla ricerca dell armonia la natura si muove secondo un movimento impersonale, talora in essa avvengono degli errori, alcuni con effetti devastanti. Ma attenzione: lo stesso movimento della natura alla ricerca di relazioni ordinate produce nella coscienza umana il desiderio, direi quasi il bisogno, di aiutare le vittime di queste casualità. Il bene, la volontà di fare il bene, non nasce dalla nostra buona volontà, ma molto più profondamente dal nostro essere natura-physis. Il fondamento dell etica è fisico. Il destino di vita immortale della persona viene strappato alla religione e consegnato all etica, la quale, però, a sua volta non si fonda su se stessa ma rimanda all ordine naturale, all essere del mondo, spiegandosi come traduzione libera e consapevole della medesima logica alla base del cammino dell essere, dagli informi gas primordiali alla nostra formazione nel corpo di nostra madre. Benedetto XXVI: solo se domandiamo o se con le nostre domande siamo radicali, così radicali come deve essere radicale la teologia, possiamo sperare di ottenere delle risposte. Fare davvero il teo-logo, cioè uno che pensa Dio in modo Logico, il theos nella luce del Logos. Credo nella parresia, nella franchezza della comunicazione.

4 Lo devo fare, perché voglio servire la verità, Simone Weil diceva: bisogna ripensare daccapo la nozione di fede. Espongo alcune idee che sono in disaccordo con la dottrina cattolica ma che a mio avviso esprimono più adeguatamente il senso ultimo del Cristianesimo: 1) La creazione dell anima umana da parte di Dio senza nessun concorso dei genitori. 2) Il peccato originale. 3) La resurrezione della carne. 4) La dannazione eterna nell inferno. Queste quattro questioni dottrinali distanziano il mio pensiero dall ortodossia cattolica. Insegna Platone che la confutazione è la più grande e la più potente delle purificazioni. Proprio l esercizio onesto e disinteressato del Logos porta a constatare che ciò che stabilisce la chiesa, anche ai più alti livelli, non è sempre la verità. E il movimento dello Spirito che conduce verso la verità tutta intera. L amore per la verità deve essere superiore a ogni cosa, anche al rispetto formale per la dottrina consolidata della chiesa. Con il termine latino novissimi si intendono in teologia le realtà ultime cui non seguirà più nulla, il compimento definitivo dell essere. I novissimi, infatti, non si sa di preciso neppure quanti siano. Il compendio del catechismo del 2005 dice che sono quattro: morte, giudizio, inferno, paradiso. No si capisce, però, perché dall elenco manchi il purgatorio, che pure è un dogma di fede. Io mi chiedo se non si debba aggiungere almeno in via ipotetica anche il limbo. Ne viene che, rispetto al catechismo, i novissimi potrebbero risultare il triplo, configurati più o meno così: morte, giudizio particolare, limbo, inferno, purgatorio, paradiso, comunità pellegrinante dei beati, parusia, risurrezione dei morti, giudizio universale, fine del mondo, palingenesi (cieli e terra nuovi). Tommaso d Aquino dice: gli angeli sono purissime sostanze spirituali, e le sostanze spirituali, com è ovvio, non mangiano e non devono. La nostra situazione è caratterizzata dal fatto che non sappiamo nulla sulla vita oltre la morte, semplicemente la crediamo o non la crediamo. Il cielo è sempre stato una delle metafore privilegiate per parlare del divino. Oggi, però, si sa che quel cielo composto di un quinto elemento speciale non esiste, si sa che non c è nessun etere, e quindi nessun firmamento, nessun luogo fermo dove poggiare con sicurezza i piedi del corpo umano risorto. Il cardinale Camillo Ruini ha dichiarato che l escatologia cristiana non può rimanere agganciata a schemi cosmologici ormai da gran tempo superati. Ci troviamo di fronte a una nebbia concettuale. Si legge nell edizione della Torah: non presente nella Bibbia in sé, ma di centrale importanza nella tradizione successiva, è la visione greca che gli essere umani sono un composto di due sostanze un corpo materiale e un anima spirituale e che l elemento che non muore è l anima. Essa lascia il corpo alla morte e gode di vita eterna con dio. Tra le due dottrine gemelle della risurrezione corporea e dell immortalità spirituale, la filosofia ebraica medievale (particolarmente nel pensiero di Maimonide) e la mistica ebraica, chiaramente preferiscono la seconda. La gran parte dei pensatori ebrei moderni concordano con questa predilezione. Che Gesù sia risorto, del resto, è un affermazione su cui c è ben poco da dire, solo prendere o lasciare. Io mi chiedo, però, come sia possibile allora parlare di Dio come Logos, visto questa sua impenetrabilità: non si può dire che una volta è Logos, e un altra non lo è. Se poi aggiungiamo il fatto che oggi, su sei miliardi di uomini, più di due terzi non sono cristiani e quindi non accettano la risurrezione di Gesù quale soluzione al problema della morte, la necessità di un altra via si impone. L obbiettivo di questo libro consiste nel mostrare che il legame di Dio con l umanità è basato su una realtà molto più solida che non singoli eventi storici, siano pure gli eventi della morte e della resurrezione di Gesù. Si tratta di un legame ontologico, concernente sia il corpo sia l anima, l intero della nostra realtà, e che per questo è qualcosa di semplicemente indistruttibile. Il cielo vive dentro di noi, sono gli spazi limpidi della nostra anima.

5 Il cielo traduce il desiderio dell anima umana di voler essere ordinata, pura, senza veli, così come i pitagorici pensavano fossero gli astri. E se l anima vuole essere così, è perché già, almeno in parte, lo è. Ma, come ognuno si rende conto da sé, tutta la partita si gioca sul concetto dell anima, in particolare di anima spirituale. La vita eterna è il tema principale della teologia. L eternità non è dopo, è ora ed è qui. Se non fosse ora e qui, l eternità non sarebbe tale, sarebbe solo tempo prolungato. La vita eterna è l argomento più decisivo tra quelli che portano gli uomini a credere in Dio. E per questo che avverto l esigenza di un impostazione nuova della teologia, che chiamo TEOLOGIA UNIVERSALE. Con teologia universale intendo un discorso su Dio e la nostra reale relazione con lui quindi vera e propria teologia, ma tale da essere condotta a partire dai dati della ragione. La ragione, ovviamente, non è da intendersi nel senso ristretto del razionalismo positivista secondo cui è vero solo ciò che può materialmente verificarsi, col risultato che appare vero solo ciò che afferma la scienza e la conseguente riduzione del concetto di verità a quello, indispensabile ma più ristretto, di esattezza. Ragione è da intendersi nel più ampio senso speculativo di intelletto + coscienza morale, ciò che Kant definiva ragione pratica, secondo cui è vero anche ciò che non si può direttamente verificare ma che per la sua intrinseca nobiltà, per la sua intrinseca bellezza morale, per la sua intrinseca capacità di produrre il bene, muove e riempie le nostre vite, e di cui Hegel parlava col nome di spirito. Verità come esattezza + sapienza. Verità alla quale si giunge con un lavoro con solo intellettuale, ma anche morale. E come saggio di teologia universale che intendo costruire il mio discorso sull anima e il suo destino. 2 Esistenza dell anima Io penso che dietro al termine anima, la cui etimologia deriva da anemos cioè vento, vi sia la percezione della particolare complessità del fenomeno umano, ciò che Plotino coglieva col dire che certamente l uomo non è un essere semplice. La categoria di anima esprime il pensiero della specifica differenza dell uomo rispetto al mondo, ovvero il pensiero della libertà, perché solo l uomo, in tutto il mondo conosciuto, può toccare la libertà. Affermare l anima significa sostenere che, per quanto legato al corpo, l uomo è in grado, se lo vuole, di trascendere le sue necessità e di vincerle. Noi siamo più del mondo, noi siamo liberi. Uomo Mondo = x. L anima è il termine che più spesso è stato e viene ancora utilizzato per esprimere questa x, l incognita che scaturisce sottraendo all uomo tutto quanto proviene dalla materia-mater. Il lavoro della natura-physis non è riducibile alla sola materia, in quanto può produrre un livello superiore di essere, lo spirito, definibile come la vita dell energia a prescindere della materia, e quindi in grado di sussistere anche dopo la dissoluzione della materia del nostro corpo. Io ritengo che guardare all anima come a una cosa, come a una sostanza separata dal resto del corpo, sia insostenibile alla luce di una corretta visione dell essere. Io ritengo, come già alcuni teologi del passato tra cui Antonio Rosmini, che i genitori abbiano molto a che fare con la generazione dell anima spirituale dei loro figli. L anima spirituale è da pensarsi non come una sostanza separata che proviene dall esterno ma come una peculiare configurazione dell unica energia che ci costituisce. Antichi Egizi conoscevano cinque termini per parlare della dimensione interiore dell uomo, il ba (anima), lo akh (lo spirito), il ka (la potenza vitale), il nome, l ombra. L essere è uno e unico per ogni fenomeno pensabile, per le stelle, il mare, gli alberi, le gazzelle, gli uomini, e questo essere uno e unico si chiama energia. A questo livello non vi è nessuna differenza dell uomo rispetto al mondo. La differenza sorge quando si comincia a considerare la concreta configurazione con cui l energia si presenta come materia. L anima, si spiega come il surplus di energia rispetto alla configurazione materiale del corpo. Se qui sulla Terra, e chissà in quale altra fucina cosmica nello spazio, è potuta scaturire la vita, lo si deve allo scarto tra calore prodotto dal movimento atomico e la configurazione materiale a cui tale movimento dà origine. Questo scarto, questo avanzo, questo surplus di energia, è il segreto della vita: è l anima. Di essa si sono distinti diversi livelli, di cui i primi due sono l anima vegetativa e l anima sensitiva. Le piante, in quanto esseri viventi, sono per ciò stesso dotate di un anima, l anima vegetativa.

6 Anche gli animali hanno un anima. Negare che abbiano un anima significa negare che siano vivi. In loro rispetto alle piante vi è un livello superiore dell anima, l anima sensitiva, che contiene in sé le proprietà dell anima vegetativa ma le supera. Le anime degli animali si dispongono gerarchicamente. Man mano che si sale nella scala evolutiva gli animali presentano un anima più raffinata, più ricca, più sensibile. Aumenta il grado di indipendenza della materia. La teoria oggi dominante tra i biologi sostiene che discendiamo tutti, tutti noi viventi, piante comprese, da un progenitore comune, un minuscolo microbio vissuto quattro miliardi di anni fa. L anima vegetativa negli uomini appare mediante il controllo del sistema respiratorio, di quello dirigente e di tutti gli altri meccanismi inconsapevoli che governano la nostra fisiologia. L anima sensitiva negli uomini si chiama carattere, temperamento, psiche. Ma in noi c è anche qualcosa di più, qualcosa di superiore rispetto a questi primi livelli dell essere. In noi vive la luce dell intelletto. Noi rappresentiamo il livello superiore della struttura, il livello superiore dell essere che diviene consapevolezza, viene espressa col termine mente, dentro cui sono racchiusi altri termini quali intelligenza, intelletto, coscienza, autoconoscenza, ragione. Livello espresso mediante il termine di anima razionale. L anima razionale viene formata e modellata per lo più dalla famiglia d origine, la quale, però a sua volta risente della particolare cultura nella quale è inserita, della città e della nazione da cui viene. All interno di una nazione esistono poi differenti caratteri regionali, e questi sono a loro volta diversi da città a città. Tutte le componenti constribuiscono a formare quel livello di energia consapevole che chiamiamo anima razionale. La mente produce a sua volta un grado superiore di ordine, caratterizzato da una sempre maggiore informazione e libertà, che si manifesta come creatività in forma di scienza, arte, musica, pensiero. Lo spirito è l emozione dell intelligenza che si trasferisce in suono e produce la musica immortale dei concerti di Mozart; lo spirito è l emozione dell intelligenza che si trasferisce in colore e produce i cieli stellati e i campi maturi di Van Gogh; lo spirito è l emozione dell intelligenza per l ordine e la simmetria del mondo che si trasferisce in ricerca scientifica e che fece parlare Einstein di ammirazione estasiata delle leggi della natura ; lo spirito è l emozione dell intelligenza per la nobiltà della legge morale che si trasferisce in filosofia e produce la perfetta giustizia dell imperativo categorico kantiano; lo spirito è l emozione dell intelligenza per il senso di fratellanza e di unità del genere umano che si trasferisce nella ragione e dà la formula universale della regola d oro; lo spirito è l emozione dell intelligenza di fronte alla bellezza e l armonia dell essere, l emozione di vederla, di esserne parte e di poterla riprodurre mediante il proprio lavoro. Questo lavoro, che costituisce la differenza tra composizione del mondo (mente razionale) e creazione di qualcosa che nel mondo prima non c era, è stato visto dagli uomini già molti secoli fa ed espresso mediante il termine spirito, la punta dell anima. Lo spirito richiede la salute fisica e il lavoro a pieno regime dell intelligenza e della volontà, è intelligenza che vuole ed è volontà che pensa, di questa totale consacrazione dell uomo a qualcosa di più grande di sé, la tradizione spirituale parla in termini di cuore. Cuore è il termine che esprime al meglio la totale dedicazione di sé da parte dell uomo alla dimensione dello spirito. E il cuore è l organo spirituale per eccellenza. Proprio perché l essere è relazione, è così importante l amore. Tutto infatti si gioca sull amore. L uomo legandosi a una donna, e la donna legandosi a un uomo, in dedizione totale e sfidando lo scorrere del tempo col voler sussistere per sempre nel loro legame, creano qualcosa di nuovo, una molecola spirituale, così come l idrogeno e l ossigeno creano qualcosa di nuovo, la molecola dell acqua. Le relazioni hanno prodotto legami, e i legami hanno prodotto sostanze. Il grande insegnamento del giovane Agostino rivive nei secoli medievali con Ugo di San Vittore: salire a Dio significa entrare in se stesso, non solo per penetrarvi, ma per trascenderlo nel proprio intimo. Chi intimamente penetra in se stesso e, attraversandosi, si eleva al di sopra di sé medesimo, costui veramente sale a Dio. Il precetto delfico, conosci te stesso, è decisivo. Esso riguarda la conoscenza della sapienza che ci ha creati e che abita dentro di noi come forma del nostro corpo e luce della nostra mente. Per il cristianesimo il nostro compito consiste nel modellare la nostra libertà su di essa, compiendo, ognuno nel suo piccolo, il senso dell essere.

7 3 Origine dell anima Dividendo le teorie secondo le quali l anima viene dall alto, cioè da Dio, da quelle secondo le quali viene dal basso, cioè dal mondo; io mi colloco tra coloro che appartengono al secondo campo, sostenendo che l anima, anche nella sua dimensione spirituale, viene dal mondo, cioè solo indirettamente da Dio, e che però conduce, se attuata in tutte le sue potenzialità, direttamente a Dio. L origine dell anima spirituale direttamente da Dio è stata pensata in molti modi lungo la storia. Le anime poi congiungono ai corpi ognuna nel tempo prefissato secondo un destino che a nessuno è dato conoscere, come paracadutisti su un aereo ai quali verrà detto di buttarsi ma senza che sappiano quando, dove e perché. E stata l opinione di grandi pensatori. Vi sono stati coloro che hanno pensato l origine delle anime come emanazione della stessa sostanza divina, ritenendo che Dio non crei le anime dal nulla come se fossero pietre, ma le tragga da se stesso, le modelli con la stessa pasta di cui è fatto lui, sicché l anima è un frammento di Dio. Vi sono stati infine coloro che hanno pensato che l anima venga creata direttamente da Dio a partire dal nulla, o nell istante stesso del concepimento del corpo (posizione odierna della chiesa cattolica) o poco tempo dopo (posizione di Tommaso d Aquino, dell ebraismo ortodosso e dell islam, che pongono la creazione e l infusione dell anima spirituale quaranta giorni dopo il concepimento, seguendo una tradizione che risale almeno a Pitagora, secondo cui l embrione prende forma in quaranta giorni ). Tale posizione, detta tecnicamente creazionismo, è la tesi ufficialmente assunta dalla Chiesa cattolica fin dall inizio del quinto secolo. Io condivido il punto di vista secondo cui l anima nasce insieme al corpo con l esclusione di ogni genere di preesistenza. Non ritengo invece razionalmente sostenibile l interpretazione della nascita dell anima come diretta creazione da parte di Dio senza alcun concorso dei genitori. Non ho dubbi che tutti i tentativi di provare che è possibile ricordare qualcosa delle vite precedenti, che basta concentrarsi per vedere affiorare la reminiscenza di quando eravamo qualcun altro, sono solo illusioni. La realtà è che la storia della coscienza, con tutte le esperienze fatte e le persone amate, se si rinasce nuovamente nel tempo, viene azzerata. Questa prospettiva pensa il tempo come una ruota, come una giostra che eternamente ritorna, senza costruire nulla di nuovo. La legge dell universo, però, indica un altra logica manifesta di essere indirizzata a una crescita continua dell informazione. Scrive Tommaso d Aquino bisogna senza dubbio confessare che le anime non sonno create prima dei corpi, ma vengono create nello stesso tempo in cui vengono infuse nei corpi. Ognuno si presenta nel mondo con la sua irrepetibile singolarità, non è funzionale a nulla, sta per se stesso, non recita una parte scritta da altri. Per esprimere questa singolarità assoluta la dottrina cattolica è giunta ad affermare che ogni anima che viene al mondo nasce nello stesso momento in cui nasce il corpo, aggiungendo che la sua nascita avviene tramite una diretta creazione da parte di Dio senza alcun concorso dei genitori. Come ho già scritto, penso che sia assolutamente da sostenere la prima parte dell affermazione. Io sostengo che l anima è creata da Dio, ma col concorso dei genitori, esattamente come il corpo, e questo per il semplice motivo che l anima e il corpo sono la medesima cosa, energia. Io ritengo, esattamente come la musica o la pittura o il Buddismo sono altamente spirituali senza per questo essere creati direttamente da Dio. Per avere una reale esperienza spirituale non è necessario superare la materia, uscire dal mondo, andare in chiesa, isolarsi in un monastero. Può avvenire davanti a un dipinto, o ascoltando la musica, o camminando la mattina presto sulla spiaggia del mare. Può avvenire leggendo la lettera di un amico, o sentendo sulla pelle il calore del sole, guardando una foto dei figli lontani, o stringendo la mano mentre dorme alla donna cui si è legata per sempre la vita. Può avvenire così, e in mille altri modi, questa commozione per lo Spirito santo della vita che si chiama esperienza spirituale. L unica cosa veramente indispensabile è il silenzio interiore, la vittoria sull immaginazione sempre confusamente al lavoro dentro di noi. Certo che l anima è creata da Dio, ma allo stesso modo del corpo e di ogni altro oggetto del mondo, cioè indirettamente, con la mediazione dell impersonale sapienza ordinatrice che nel suo caso si estrinseca attraverso i corpi dei genitori. La verità è che non c è nessuna azione divina che prescinda dal mondo e dalle sue regole. Nessuna.

8 Dico comunque fin d ora che ritengo razionalmente impossibile sostenere che l anima sia immortale perché viene direttamente da Dio, visto che nulla viene direttamente da Dio, ma tutto viene indirettamente da Dio tramite la mediazione del mondo. Io penso che è dal mondo e dalla sua sapienza che provengono sia la spiritualità dell anima sia la sua immortalità, senza alcun bisogno di chiamare in causa ulteriori e continui interventi diretti da parte di Dio, non perché Dio non debba o non voglia intervenire, ma perché lo fa già, oggi come il primo giorno della storia dell universo, mediante il sempre rinnovato atto creativo. Sarebbe meglio parlare di questa teoria come generazionismo, nel senso che l anima è generata insieme al corpo dal padre e dalla madre, dai genitori, che proprio per questo si chiamano così, perché generano. E la cosa è evidente, perché anima e corpo all inizio non si distinguono, sono la medesima energia primordiale, materia mater, natura naturans. Coloro che hanno sostenuto che l anima dei figli viene generata dai genitori si dividono a loro volta tra chi pensa la generazione dell anima in termini corporei e chi in termini spirituali. Il più insigne rappresentante della prima corrente è Tertulliano, il quale pensa l anima come corpo materiale concepito per mezzo del seme corporeo, come sua derivazione materiale:l origine dell anima è lo sperma paterno. L altra posizione è quella alla quale aderisco. Essa afferma che la sostanza spirituale dell anima deriva dall anima e dal corpo dei genitori nello stesso momento della generazione del corpo. In che modo l anima viene al mondo? Mediante la generazione umana, la stessa che dà origine al corpo. Come sono all origine del corpo, allo stesso modo i genitori sono all origine dell anima. La nostra dimensione psichica dipende radicalmente, così come la dimensione fisica, da chi ci ha dato la vita. Se l anima spirituale viene dall essere del mondo, il corpo e l anima sono la medesima sostanza: il corpo è energia sotto forma di materia, l anima è energia allo stato libero. Educata rettamente, essa da sensibile diviene razionale, poi spirituale, infine, attratta dalla grazia mediante il fascino dell Idea del bene, diviene spirituale in modo tale da volere sempre e solo il bene e la giustizia. Come Dio. Dio non infonde direttamente l anima. Chi pensa così, chi pensa che Dio infonda direttamente l anima spirituale e immortale al primo istante del concepimento umano, pensa l anima come una sostanza separata, e si fa sostenitore di una teoria concepibile solo al prezzo di ipotizzare un continuo via vai di anime che ogni secondo scendono dal cielo. Ma se non discende direttamente da Dio, non per questo l anima spirituale non esiste. Esiste, e se ne può pensare l origine a partire dal basso, cioè dall analisi dell esistenza naturale nella sua concretezza. Un essere umano nasce e nascendo, per il fatto stesso di essere vivo, ha l anima come principio di vita, l anima vegetativa come le piante che controlla le funzioni vitali come per esempio, il battito del cuore, il metabolismo, la respirazione. Dopo alcuni giorni si sviluppa in lui, in associazione alla nascita dei primi elementi del sistema nervoso, la base biologica per l anima sensitiva, la stessa degli animali che controlla altre funzioni come l appetito o a partire dell adolescenza, l impulso all accoppiamento. Quando si entra in contatto con la cultura mediante la famiglia, la scuola e la società, l energia attinge il livello superiore della razionalità e, solo a questo punto, si può parlare di anima razionale. Molti essere umani si trovano a questo livello, più su della vita vegetale e animale, ma senza essere giunti al superiore livello della vita spirituale. La loro ragione è al servizio delle passioni e degli istinti. Schiavi del proprio Io animale e dei suoi appetiti. C è anche una modalità di vivere la religione che si trova questo livello, senza alcun contatto con la dimensione spirituale. Ma esiste un livello superiore, quello dello spirito, della libertà creativa. Si attinge questo livello entrando nella vita della cultura non più esteriormente, ma partecipandone interiormente. La cultura non è più erudizione e prestigio, neppure estetismo, la cultura ora diviene bisogno intimo dell anima, vive della solitudine, del colloquio personale coi grandi. Si diventa contemporanei degli scrittori, dei filosofi, dei pittori, dei musicisti, si incontrano ogni giorno le loro anime. Si vive con loro e di loro. I loro pensieri, ora sotto forma di musica, ora di colore, ora di scrittura, sono anche i nostri, diventano la luce della nostra energia vitale. Danno forma, ordine, armonia alla nostra vita di ogni giorno. Si entra nella comunione eterna degli spiriti. Quando l anima giunge a questo livello, conosce la vita spirituale, diviene anima spirituale. La grande musica, la grande pittura, la grande letteratura, la grande filosofia non passano mai, perché sono una traccia reale dell eterno, che i migliori di noi hanno saputo restituirci, mentre la cultura legata alla

9 moda e alla tendenza, nel giro di poco tempo è dimenticata per sempre. E per questo stesso motivo la vera cultura è anche universale e parla a tutti, tocca il cuore di tutti. Diceva Mozart Tutto è già stato composto, ma non ancora trascritto. Così può avvenire, anzi avviene di frequente, che un uomo semplice sia più ricco di spirito e di sapienza rispetto a un dotto professore universitario. La sapienza spirituale è la coscienza acquistata e praticata della vita come equilibrio e come relazioni buone, durevoli, affidabili, proprio come un paio di scarpe di ottima qualità con quali puoi camminare per anni, sicuro che non ti tradiranno mai. Più sale il grado di ordine dell energia che si esprime come anima, più sale il livello raggiunto dell anima. L ultimo livello è lo spirito. Il vertice dello spirito è il livello della spiritualità volta al bene, è la santità. L anima perfettamente ordinata e disciplinata entra nello spirito santo, è spirito santo. L uomo divinizzato è l uomo perfettamente realizzato, che vive la pienezza del suo essere uomo. Il filosofo confuciano Meng-Tzu (Mencio), vissuto nel III secolo a.c. scrive Colui che va in fondo al proprio cuore, conosce la sua natura, e conoscendo la sua natura, conosce il cielo. Commento di Chu Hsi, un pensatore neoconfuciano morto nel 1200: Il cuore è l intelligenza spirituale, con la quale l uomo contiene tutti i principi ed è in corrispondenza con tutte le cose. E per natura che il cuore contiene i principi ed il Cielo la fonte dei principi. Metrodoro, discepolo e amico di Epicureo, contemporaneo di Mencio: Ricordati che, benché tu sia mortale e abbia una vita limitata, tuttavia ti sei elevato, con la contemplazione della natura, fino all infinità del tempo e dello spazio e hai visto tutto il passato e tutto il futuro. E una tale festa raggiungere la pienezza dell essere, della vita buona e bella (la vita, infatti, è bella solo se è anche buona), che per poterla esprimere gli uomini hanno sentito il bisogno di una categoria ontologica speciale e hanno parlato di divino. Pienezza della vita = divino. Il livello più alto, più informato, più complesso dell energia, si chiama spirito. In questa prospettiva l origine dell anima spirituale va posta in stretta unione con il corpo e quindi con i genitori, sia nella generazione fisica sia nella generazione spirituale di cui essi sono chiamati a prendersi ininterrottamente cura. L anima diventa spirituale solo a contatto con lo spirito, vale a dire solo a contatto con la piena umanità, perché è l uomo lo strumento dello spirito, anche dello spirito santo. Rapporto tra Dio e il mondo: io non ritengo diretto ma sempre mediato della Sapienza. Tutto ciò che vive è animato, ha un anima: le piante hanno il primo livello, gli animali il primo e il secondo, gli essere umani una varietà che soddisfa tutti i gusti. I molteplici livelli dipendono sia dalla quantità sia dall ordine dell energia. Un elefante ha una quantità maggiore di energia rispetto all uomo, ma l energia dell uomo è superiore, cioè produce più lavoro, grazie al suo essere più ordinata. La capacità di produrre lavoro, come è noto, è la definizione di energia. Ho affermato che Dio non infonde l anima, ciò che Dio crea, e crea da sempre, è l energia e le leggi che ne regolano il dinamismo. Dio vuole una vita cosciente e libera di fronte a sé. Il perfetto ordine che la sua energia ha assunto fa aderire l uomo alla pienezza dell essere, l essere della libertà compiuta come bene e come giustizia. Più c è ordine, più sale la qualità dell anima. La quantità e la qualità di energia ordinata produce diversi livelli ontologici dell anima. Ho mostrato che se ne possano dare cinque: anima vegetativa, anima sensitiva, anima razionale, anima spirituale, anima spirituale unificata dal volere sempre e solo il bene e la giustizia. Essendo un essere vivente, è evidente che l embrione ha l anima. Non esiste nulla di vivo che non abbia l anima, essendo l anima esattamente ciò che dice la presenza della vita, ma si tratta del primo elementare livello dell anima, l anima vegetativa: non si tratta ancora né dell anima sensitiva, che invece si deve supporre nel feto per l avvenuto sviluppo del sistema nervoso, né dell anima razionale, che matura come tale solo dopo la nascita e con l educazione. Occorre precisare che non ci sono diverse anime, ma diversi stadi della medesima anima, della medesima energia che trascende l espressione corporea. E per questo che sia l aborto sia la soppressione di embrioni umani precedentemente creati sono eticamente condannabili. 4 Immortalità dell anima

10 L immortalità di cui vado alla ricerca non è metaforica, concerne il mio Io e scaturisce dal mio stesso essere. Dal punto di vista teoretico, mi chiedo se il pensiero dell immortalità dell anima sia degno di un intelletto consapevole del mondo e delle leggi che in esso regolano la vita. Dal punto di vista morale, mi chiedo se sia degno di un uomo maturo o non sia un trucco dell immaginazione per superare in qualche maniera la paura del nulla e della morte. Dal punto di vista spirituale mi chiedo se sia degno di una coscienza che abbia un adeguata percezione della sua pochezza di fronte all immensità divina. Io penso che la legittimità di affermare una vita oltre la morte sia data dalle quattro discontinuità che definiscono il cammino compiuto dall essere-energia a partire dal momento dell inizio della sua espansione: - il passaggio dal minuscolo puntino cosmico all origine del big bang alla vastità dell essere; - il passaggio dalla materia inerte alla vita; - il passaggio dalla vita naturale all intelligenza; - il passaggio dall intelligenza autoreferenziale alla morale e alla spirituale. La mentalità del miracolo (e dello straordinario) fa molto male all autentica spiritualità. C è bisogno, al contrario, di guardare al mondo per quello che è, alla sua struttura stupefacente che la scienza contemporanea ci aiuta sempre meglio a conoscere. Tra le quattro discontinuità mi soffermo dapprima sul secondo passaggio, la comparsa della vita. La realtà è quella che onestamente riconosce Daniel Altschuler, che pure pone ancora il caso alla base dell evoluzione: con ogni probabilità, c è qualcosa che ancora ci sfugge e che quando lo scopriremo, ci mostrerà chela vita non è il prodotto di eventi casuali, ma il risultato di leggi naturali. Soffermiamoci sul terzo passaggio, la comparsa della vita intelligente. Io vedo solo tre possibili risposte: il caso, il miracolo, la necessità intrinseca. Io sostengo che vi è una finalità intrinseca nella natura. E questo telos intrinseco all essere del mondo che rende la natura orientata a un ordine e a un informazione sempre maggiori. Prendo atto che siamo su un pianeta che vaga in una zona periferica di una qualunque galassia tra i cento miliardi di altre galassie dell universo: prendo atto che all interno di questa galassia il nostro sistema solare è microscopico; che il nostro pianeta rispetto al sistema solare è a sua volta microscopico; che la nostra specie è l ultimo brevissimo episodio della lunga storia della vita sulla Terra. Se usciamo dalla logica quantitativa, ed entriamo in quella qualitativa, possiamo comprendere di valere molto di più, ontologicamente parlando, di centinaia di sterminate galassie là in alto. Consideriamo le meraviglie dell anatomia umana, la complessità incredibile della mano o dell orecchio, la forza degli organi sessuali, la potenza del cervello generatore della mente, e più ancora come questi organi e molti altri lavorino insieme a costituire l ordine stupefacente dell organismo. Ora pensiamo ai gas primordiali dell idrogeno e dell elio scaturiti inizialmente dal big bang, e consideriamo che il nostro corpo, la complessità che lo abita e lo fa vivere sono venuti da lì. Se invece si pensa che il mondo abbia una sua logica intrinseca di tipo impersonale (che io definisco Principio Ordinatore) la quale procede in avanti senza curarsi dei singoli, e che il motivo di ciò sta nel fatto che il Dio personale ha voluto così, quale unica condizione indispensabile per la nascita della libertà, allora la coscienza, per lo meno la mia, diviene in grado di accettare il mondo e la sua logica, una logica impersonale, cieca, ma comunque positiva e finalizzata alla vita, e alla vita personale. E grazie a essa che noi siamo qui. Se l anima sopravvivrà è solo così che va concepita, come puro pensiero. Ancora oggi l enigma dell origine della vita e quello dell intelligenza restano intatti. Forse un giorno li si svelerà, e sarà un giorno di festa per ogni uomo che ama la verità. Spinosa: la mente umana non può essere assolutamente distrutta insieme al corpo, ma di essa rimane qualcosa che è eterno. Io penso che non sia irragionevole ipotizzare che dalla logica ordinatrice alla base del processo cosmico si possa produrre (anzi, si sia già prodotto) un ulteriore livello di vita, una quinta discontinuità. Il logos che è all inizio di tutto è anche alla fine di tutto. Vedere Dio continuamente all opera è segno di immaturità, così come i primitivi, molti millenni fa, credevano che gli spiriti fossero sotto ogni sasso. Che Dio esiste, infatti, è del tutto evidente, ammesso che si comprenda che cosa è in gioco quando si parla di Dio. Dire Dio equivale a dire signore, sovrano, oggi si usa presidente.

11 La vita di ogni uomo dipende da una serie di cose a lui esterne, a partire dalla data e dal luogo di nascita, dal corpo e dal carattere che si è ritrovato. Da mille coincidenze e imprevisti che non si saprà mai se sono solo casi o destini fissati da sempre. Anche la fine della sua vita perlopiù non dipende da lui: come e quando morirà viene deciso altrove. C è una signoria sopra ogni uomo, che egli lo voglia o no, che ne sia consapevole oppure non. Il problema vero non è se esista o non esista, il problema vero è la sua identità, cioè quale sia il volto di questa realtà ultima da cui la mia vita comunque dipende e verso la quale cammina. Che quindi vi sia un principio alla cui logica il mondo risponde, la ragione lo può vedere da sé. E chiamo questo principio Dio, cioè signore, in quanto esso è la necessità che stabilisce la signoria alla quale siamo stati assoggettati nascendo. Io ritengo più ragionevole ammettere l esistenza di un unico principio ordinatore, immanente a questo cosmo e quindi distinto dal Dio personale trascendente, che coincide con l armonia di cui parlava Pitagora, col Logos di Eraclito, con l Hokmà della letteratura sapienziale biblica e le dieci sefirot della Qabbalah, con ciò che gli antichi Egizi chiamavano Maat, i saggi della Cina Tao, i saggi del Giappone Shinto, l Induismo e il Buddismo Dramma. C è un principio ordinatore immanente all essere, è il volto con cui l eterno si rende presente nel tempo. Secondo Einstein possiamo esprimere la situazione con un immagine: la scienza senza la religione è zoppa, la religione senza la fede è cieca. Ritengo sia ragionevole sostenere che la quinta discontinuità all interno del processo evolutivo dell energia cosmica possa condurre a una vita oltre la morte di tipo personale. Ho detto che l anima accede al livello della spiritualità e diviene anima spirituale se e quando entra in contatto con la dimensione spirituale, il che può avvenire sia tramite la dimensione sociologica del mondo naturale, sia tramite la dimensione culturale del mondo spirituale, si tramite entrambe. Ho aggiunto che è razionalmente sostenibile l ipotesi che l anima che ha raggiunto il livello dello spirito non muoia col venire meno del corpo ma prosegua la sua esistenza personale. Il caso esiste, e può fare male. Il mondo però, non è in balìa del caso. Il mondo non è governato da una provvidenza personale, ma è governato. Che ne sarà di tutti gli esseri umani che non hanno potuto raggiungere, a causa della cecità della naturaphysis, il livello di anima spirituale? Pretendo che anche per loro, sopratutto per loro, vi sia un futuro di vita personale. Ma esiste un argomento su cui basare la mia pretesa? Io ne ho trovate due. Si tratta di un tema talmente complesso. Ci sono genitori(ma anche nonni fratelli amici) che prendono la loro anima, la spezzano e nutrono i figli. Io penso che questo movimento spirituale possa generare lo spirito in chi lo riceve. Io mi chiedo se non sia possibile ipotizzare una simbiogenesi anche riguardo all anima spirituale. Si tratta della capacità umana di generare lo spirito. L amore degli uomini ha la capacità di generare lo spirito. Mente il primo argomento è di tipo dinamico, questo secondo è di tipo statico. Ogni uomo, per il fatto stesso di essere Uomo, è destinato all immortalità. Ognuno, a prescindere dalle sue qualità. Il lavoro dell anima, come ogni altro lavoro, attende di essere pagato. Se l anima spirituale compie il medesimo lavoro del Principio Ordinatore il cui prodotto è la vita, vivrà. E ciò che le religioni, ciascuna a suo modo, chiamano vita eterna o Paradiso. Se l anima spirituale volutamente non compie il medesimo lavoro del Principio Ordinatore, avrà un destino opposto all ordine che essa ha rifiutato. E ciò che le religioni, ciascuna a su o modo, chiamano Inferno e che si può pensare come punizione eterna (dannazione) o come punizione temporanea (apocatastasi) o come distruzione definitiva dell anima personale (annichilazione). Se l anima spirituale compie solo in maniera imperfetta e saltuaria il lavoro del Principio Ordinatore, necessiterà di un ulteriore purificazione. E il purgatorio, l esigenza concettuale del quale viene soddisfatta da molte religioni e sistemi filosofici mediante la dottrina della reincarnazione. Se voglio pensare l eterno correttamente, devo pensare che il tempo sia già ora contenuto nell eterno. L eterno non è una cosa che viene dopo, alla fine; ma è la realtà che è da sempre, anche adesso. Anzi, è solo adesso. L eternità è la radice del tempo, ciò da cui tutto proviene e a cui tutto ritorna. Noi diciamo che il tempo passa: in realtà, ciò che passa siamo noi, perché si consumano i legami che tengono insieme l energia di cui siamo fatti. Il tempo misura questo nostro passare, questo nostro divenire, e in questo senso non è una grandezza assoluta che esiste in sé da sempre, ma è una grandezza relativa, relativa alle

12 cose di cui misura lo scorrere, e infatti per la misurazione del tempo è sempre necessario un punto di riferimento che viene arbitrariamente posto come tempo zero, proprio come nella misurazione dello spazio abbiamo bisogno di un sistema di riferimento, solidale con un qualche corpo, per esempio la Terra, o il Sole, ecc. Per giungere alla vera gioia, alla permanente e indistruttibile gioia di vivere, si deve superare se stessi. Per questo gli autentici maestri dello spirito sono nella gioia e nella pace, e il loro volto esprime quiete e dà serenità. E questo è ciò di cui gli uomini hanno bisogno: gioia, pace, quiete, serenità. Lo scopo della vita è la nascita alla gioia dell essere, che è la porta dell eternità, perché chi la vive entra nell eternità, dove, una volta entrati, non si esce più. L anima è giunta a casa. 5 Salvezza dell anima Il discorso sull anima e il suo destino ha condotto al risultato che l energia costitutiva di ogni uomo può configurarsi fino a raggiungere lo stadio di anima spirituale. Dobbiamo essere salvati dal peccato. Le religioni per le quali la salvezza si dà come adesione alla logica che guida il mondo, l Induismo e il Confucianesimo, il Giainismo e il Taoismo, individuano il loro senso nel far conoscere il mondo nella sua verità; la religione è conoscenza. Le religioni per le quali la salvezza si dà come obbedienza alla legge divina, Ebraismo e Islam, pensano l uomo come capace di adempiere da sé quella legge; la religione è osservanza. Le religioni per le quali la salvezza si dà come redenzione operata da Dio e ricevuta dall uomo senza alcun merito, Cristianesimo, pensano il mondo come qualcosa da cui essere strappati e ritengono l uomo incapace di liberarsi da sé: la religione è grazia. Nel primo caso, la figura teologica decisiva sarà un maestro (Buddha, Confucio), nel secondo, un legislatore e un profeta (Mosè, Muhammad), nel terzo un redentore (Cristo). Più diminuisce il valore salvifico del mondo, più sale il carattere divino del mediatore della salvezza: Buddha e Confucio sono solo uomini e la loro sapienza è del tutto umana; Mosè e Muhammad sono solo uomini ma parlano in nome di Dio; Cristo è egli stesso Dio. Il fatto è che sulla questione fondamentale della vita umana, cioè il suo destino eterno, nella dottrina cristiana non c è la chiarezza auspicabile. Quando si pensa veramente la vita, appare necessariamente la contraddizione. Il peccato originale è un offesa alla creazione, un insulto alla vita, uno sfregio all innocenza e alla bontà della natura, alla sua origine divina. Ciò che la teologia chiama peccato originale è lo scacco dentro cui e racchiusa la condizione umana, è l amarezza della condizione umana, le sue sete inappagata di giustizia, il compimento che essa postula e la necessità di essere salvata, perché senza una forza più grande che l attrae come dall alto l uomo non esce da questo labirinto contraddittorio che è la vita. Questa forza che attrae verso l alto è il fascino che l Idea del bene genera dentro di noi, e se lo genera è perché noi veniamo da lì essendo il bene nient altro che ordine, ed essendo anche noi nient altro che ordine,un insieme ordinato di miliardi di relazioni, e per questo sentiamo che aderire al bene che è ordine significa tornare a casa, che aderire al Principio Ordinatore significa pienamente noi stessi. L errore della concezione teologica tradizionale sul peccato originale sta nel chiamarlo peccato. Non vi è nessun peccato, non abbiamo nessuna colpa che preesiste sulle nostre vite indipendentemente da noi. E la vita che è fatta così, la biologia ce lo mostra nel modo più chiaro. Non c è alcun peccato, c è la condizione umana, che vive di una libertà necessitata, imperfetta, corrotta, e che per questo ha bisogno di essere disciplinata, educata, salvata, perché se non viene disciplinata questa nostra libertà può avere un oscura forza distruttiva e farci precipitare nei vortici del nulla. Né il sabato né la domenica, né il Tempio di Gerusalemme, né la Basilica di San Pietro, né la circoncisione né il battesimo, né l appartenenza a Israele né quella alla Chiesa nuovo Israele, né il Talmud né il Messale salvano gli uomini. Ciò che li salva è l ingresso nella dimensione dello spirito e della verità. La Bibbia Ebraica dice lo spirito dell uomo è una fiaccola del Signore, nell attuale catechismo dice la salvezza si trova nella verità. Ciò che salva è il bene, la giustizia interiore, la purezza del cuore, che sono la realizzazione pratica ed esistenziale dello spirito e della verità. L uomo giusto è colui chi compie il bene per amore del bene, anzi

13 colui che, ancora prima di compierlo, vive nel bene. Il bene non è qualcosa da fare, ma è una modalità di essere. E ordine, in quanto adeguazione di sé alla verità. Ciò che salva è la coscienza pura e la vita buona che ne consegue, è l adesione incondizionata dell anima al bene, alla verità, alla giustizia. Il vero scontro fu, anzi è, tra due spiritualità: tra quella che lega la salvezza all osservanza religiosa e quella che invece la lega alla vita concreta. L equazione teologica fondamentale è la seguente: creazione = redenzione, nel senso che già la creazione dell uomo contiene la possibilità che la sua anima divenga immortale se aderisce all ordine fondamentale del mondo che è simmetria e giustizia. Il bene non viene creato dal nulla da chi lo pone; ma, trovandosi già iscritto nella logica dell essere, consiste nell adeguazione del soggetto alla logica oggettiva dell essere. Si compie un atto di bene nella misura in cui serve la logica oggettiva dell essere. Il bene per una pianta è la luce e l acqua, e se io voglio farle del bene devo esporla alla luce e versarle dell acqua esattamente nella misura da essa richiesta, né di più né di meno. Non devo inventare nulla, devo capire e obbedire. Lo stesso vale con gli animali. Lo stesso vale con gli esseri umani con cui vengo a contatto. Lo stesso vale con la mia famiglia. Lo stesso vale con Dio. C è una logica delle cose che a me compete solo capire e servire. Attenzione e umiltà: due concetti dal valore spirituale immenso. L amore è autentico solo se serve l essere, altrimenti è un illusione soggettiva, un capriccio, una forma di egoismo, come l amore di certi genitori che proiettano se stessi nella vita dei figli. Io penso che la resurrezione della carne del corpo umano di Gesù possa essere vista, in quanto perfezione del microcosmo, come simbolo reale di un destino di eternità che riguarda anche il mondo. E come una prefigurazione della salvezza del mondo materiale, non nella sua materia spaziale che nell eternità senza tempo e senza spazio non potrà sussistere, ma nelle sue idee. In che modo, Dio solo lo sa. Lo spirito è fuori del tempo e dello spazio. Per la mentalità comune le idee sono invenzioni della mente. Se però si riflette adeguatamente sul concetto di eternità, si comprende che l Idea è l unico vero essere. L Idea non è da nessuna parte nel nostro mondo materiale, ma senza di essa il mondo materiale non sarebbe mai sorto. L Idea è l ordine che ha portato all esistenza, e ancora mantiene all esistenza, il mondo materiale. Se il mondo materiale è energia, l Idea la si deve pensare come ciò che dà forma a tale energia, secondo una predisposizione sempre più ordinata. Tale forma è la logica (è il Logos) che lega insieme le onde particelle subnucleari e le fa diventare atomi: che lega insieme gli atomi e li fa diventare molecole, e così via, sempre più su, verso livelli sempre più ordinati di essere, fino allo splendore della mente e ancor più dello spirito, il quale, in quanto energia attualizzata come forma sussistente a prescindere dalla materia, costituisce il vertice del cammino dell essere. L Idea è l essere più concreto e reale che esiste, ciò che ci ha condotto all esistenza e che ci mantiene in essa. Ed è in questa dimensione ontologica fondamentale, origine e fine dell energia, che in questo momento, un momento che dura sempre, c è il Cristo risorto, cioè l Idea sussistente di Uomo in cui il Primo Principio ci ha pensati e ci penserà sempre. 6 Morte e Giudizio La fine della vita rimane un evento naturale, conforme alla logica dell essere del mondo che si esprime come divenire. Di questa logica la morte non è una corruzione o un tradimento, ma una normale espressione. Della fine della vita naturale non si può parlare come male. La morte terrena gioca un ruolo tanto essenziale nello sviluppo della vita che non può non provenire necessariamente dall ordine dell essere, cioè da Dio, e quindi risultare funzionale al bene. Oggi è noto che la vita nell Universo è arrivata ben prima della comparsa dell uomo, esiste da circa milioni mentre l inizio della specie Homo sapiens, alla quale presumibilmente Adamo apparteneva, risale a anni fa. Da milioni di anni c è la vita, ma non c è mai stata senza morte, essendo fin dall inizio la morte di alcuni la condizione per la vita di altri (la catena alimentare). La morte, quindi, c è ben prima di Adamo e del suo presunto peccato. La morte ha iniziato a esistere nel momento stesso in cui è esistita la vita. Accettare la vita significa, perciò, accettare che sia intrinsecamente mortale.

14 Di chi la morte è l ultimo nemico? Lo è dell uomo non educato spiritualmente. La morte è sentita come nemico dall uomo fermo allo stadio di anima sensitiva, per il quale è così connaturato questo sentimento di orrore verso la morte da essere quasi impossibile strapparlo. Quando un uomo vince la morte in sé, quando vive dentro di sé con riconoscenza e gratitudine verso la vita anche la sua morte e quella dei propri cari, allora è divino. La soluzione sta nell imparare a morire. La Katha Upanishad fa dire a Yama, il Dio della morte, che l uomo quando ha percepito ciò che è senza suono, senza tatto, senza forma, imperituro, senza sapore, eterno, senza odore, senza principio né fine, che sta l di là del grande Atman, che è duraturo, è liberato dalle fauci della morte : il timore della morte è vinto dalla coscienza del vero essere. Così si legge nel Tao Tè Ching, attribuito tradizionalmente a Lao-tzu: Gli esseri fioriscono e ognuno torna alla propria radice. Tornare alla propria radice si chiama la tranquillità; ciò vuol dire deporre il proprio compito. Colui che conosce questa legge costante si chiama illuminato. Per Platone lo scopo di tutta la filosofia è imparare a morire. Per Epicureo la morte è senza rischio Lo stoico Marco Aurelio raccomandava a se stesso di non disprezzare la morte, ma abbila cara perché anch essa è una delle cose volute dalla natura. Montagne scrive che la meditazione della morte è meditazione della libertà. Spinosa: L uomo libero a nessuna cosa pensa meno che alla morte: e la sua saggezza è una meditazione della vita, non della morte. Hegel: L immane potenza del negativo è l energia del pensare anzi lo spirito è questa forza solo perché sa guardare in faccia il negativo e soffermarsi presso di lui. Wittgenstein: Il timore della morte è il miglior segno di una vita falsa, cioè cattiva. Le più insigne dottrine spirituali dell umanità, sia religiose sia filosofiche, insegnano ad accettare la morte. Non si tratta di amare la morte più della vita, ma si tratta di comprenderla, e quindi di rispettarla, come parte fondamentale della vita, come matura accettazione della vita in tutte le sue dimensioni, fine compresa. Accettare la morte significa accettare la vita fino in fondo, dire di sì al mondo e alla sua logica, conciliarsi totalmente con la realtà. La realtà è unitaria, non c è la vita da una parte e la morte dall altra. Nella morte il tempo si spegne nell eterno e l eterno prende possesso del morente. Imparare a morire e l unico momento in cui si incontra veramente Dio, in cui lo si vede e lo si sente, è la morte. Imparare a morire non è una cosa riservata all ultimo giorno, è esercizio quotidiano. Imparare a morire significa spegnere l immaginazione che in noi sempre si muove, producendo rappresentazioni, desideri, false speranze, anche di tipo religioso. Questo equivale alla più alta purificazione del desiderio, ed è la più totale adesione all essere. L unica possibilità data all uomo di uscire dallo spazio e dal tempo è di scendere nella profondità di se stesso, attingendovi l autentica dimensione spirituale. Questa è la sede della vita felice. E se è vero, come è vero, che il pensiero fa la grandezza dell uomo, appare decisivo giungere ad avere saldi principi, veri e propri dogmi, in ordine al bene, e rimanervi fedeli. Questo è il criterio in base al quale la nostra anima verrà pesata e sottoposta a giudizio. Ci fa il bene genera il bene, anzitutto dentro di sé. La vita eterna spetta a chi la possiede già adesso. L eterno non è il futuro, ma è il presente, la dimensione più vera del tempo. Chi, nel tempo che gli è stato dato, ha raggiunto la forma sovra naturale dell essere, quando muore nel corpo vi permane con l anima. La sua anima spirituale continua a vivere nella dimensione beata della vita dell intelligenza del cuore già dove era entrata, in quella dimensione che Aristotele dice immortale ed eterno solitamente tradotto con intelletto attivo. 7 Paradiso Che cosa succede a un uomo giusto quando muore? Succede che la sua vita fisica termina, la sua avita spirituale no. Se in uomo che muore non c è nulla di autenticamente spirituale, nulla potrà rimanere di lui. Se in un uomo che muore esiste un autentica dimensione spirituale (e non c è nulla di più spirituale della giustizia, nel senso forte, morale e prima ancora ontologico, di ordine) questa dimensione proseguirà la sua esistenza. Esattamente nella medesima dimensione dell essere in cui già si trova, lo spirito. Occorre saper pensare l essere come spirito per pensare adeguatamente il Paradiso.

15 Noi viviamo in base alle idee che abbiamo, tutto ciò che un uomo fa nella vita dipende dalle idee che ha. Ogni uomo è la traduzione concreta di un idea.. Se penserà principalmente a viaggiare, la sua idea-guida sarà l avventura. Se penserà principalmente ad arricchirsi, la sua idea-guida sarà la ricchezza. E così per il sesso, il potere, la sapienza, la famiglia, il lavoro, l onore, tutte idee ognuna delle quali è un grado di dominare una vita. Se, come avviene spesso, un essere umano oggi vive per un idea, domani per un altra, siamo in presenza di un essere umano senza centro, senza intima consistenza, senza un sapore definito dell Io. Quando non c è più nessuna idea-guida per la quale vivere l essere umani diviene preda della depressione, la sua energia implode tristemente dentro di lui e la vita risulta una prigione, un buio labirinto. Feuerbach disse che l uomo è ciò che mangia, e disse qualcosa di vero. Più radicalmente ancora però, l uomo è ciò che pensa. La verità dell essere è l dea, ogni uomo è la sua idea. C è una sola idea sussistente in sé e per sé, eterna, assoluta; è l idea del bene. Il bene è essere ordinato. Concetti che appaiono distinti a un livello inferiore del pensiero risultano unificati: essere, bene, verità, unità, bellezza risultano la stessa cosa. La coscienza umana ha intuito questa unificazione superiore e non ha saputo fare di meglio per esprimerla che coniare il termine Dio. Chi crede in Dio sostiene che la dimensione ultima dell essere è questa dimensione profonda della realtà. Dio non ha una faccia, sì da poterlo vedere faccia a faccia, perché, come insegna San Tommaso d Aquino, Deus non est corpus. Riportando la citazione di San Paolo sul vedere Dio faccia a faccia, Tommaso dice che si tratta di parole che non è lecito intendere materialmente così da immaginare una faccia corporea della divinità, avendo noi dimostrato che Dio è incorporeo. Non c è nulla in Dio e nella sua dimensione da potersi vedere in senso fisico. Quando si tratta di Dio, occorre sempre pensare spiritualmente, perché Dio è spirito. E come di fronte alla musica, che si conosce veramente solo se la si ascolta con la pienezza dell intelligenza e della volontà, fino a che essa prenda possesso di noi. La Luce è la sostanza divina, la musica il linguaggio della sua personalità. Così le anime in Paradiso sono come delle luminose note musicali, coscienti e felici di sé. L inferno è solitudine, il paradiso è comunione, Dio stesso è comunione, è unione nella distinzione. Pavel Florenskij, sacerdote ortodosso, matematico e filosofo, ebbe modo di scrivere ripetutamente sul tema del rapporto tra il tempo e l eternità. Tutto passa, ma tutto rimane. Questa è la mia sensazione più profonda: che niente si perde completamente, niente svanisce, ma si conserva in qualche modo e da qualche parte. Al passato non abbiamo detto addio per sempre, ma solo per breve tempo. Se uno guarda a sé dall esterno, come a un elemento della vita del mondo, questa convinzione che niente si perde gli permette di lavorare tranquillamente. Il passato e il futuro, la creazione e il Paradiso, sono qui. Ciò che realmente guida la lettura della Bibbia è la teologia che sta nella testa dell interprete. Gesù ha insegnato a perdonare, fino a quando non si perdona, il male subito agisce in noi provocando malessere, desiderio di vendetta, collera, disarmonia. La nostra energia interiore ne viene risucchiata, sporcata. Occorre perdonare anzitutto per il bene di se stessi, un perdono primariamente come oblio, come cessazione del rapporto, per evitare che il ricordo del male perpetuamente alimenti altro male. La posizione dell eternità di qualcosa come l Inferno, cioè dell esatto contrario dell ordine, è semplicemente impossibile, è contraddittoria. Nella dimensione dell eternità, che è ordine e perfetta armonia, l inferno, che è il massimo del disordine e della disarmonia, non può sussistere. Non può. Si tratta di una contraddizione assoluta, come il ritenere che le tenebre esistano nella luce o il freddo nel caldo. Grazie a Von Balthasar ho scoperto con gioia che lo stesso Tommaso D Aquino, quando riflette sull eternità di Dio, esclude l eternità dal concetto di Inferno: Nell Inferno non c è vera eternità, ma piuttosto tempo. Tommaso è uno dei più profondi pensatori della storia dell umanità. Le sue pagine contengono molta Luce. C è una sola vera realtà ultima, un solo novissimo, ed è la vita eterna nella dimensione di Dio, la vita divinizzata. Florenskij segnala di essere entrati in stretto contatto con la verità, visto che la verità (che è l intero della vita) si manifesta agli esseri umani in modo necessariamente antinomico. Ci si prepara alla morte ogni giorno, nella misura in cui ci si prepara a ospitare l eterno, liberandosi dalle false suggestioni del tempo. Quando un uomo prega, compie l atto più alto per il quale è venuto al mondo, perché il suo pensiero si unisce al Logos che l ha pensato e formato mediante l evoluzione cosmica.

16 La letteratura sapienziale della Bibbia ebraica a mio avviso rappresenta il punto più alto di tutta la Bibbia in termini di maturità spirituale nel rapporto col mondo. Solo quando si comprende che Dio va pensato nella sua autentica dimensione, che è l eternità, l eterno presente, si avrà finalmente un rapporto maturo con il mondo e con la storia, e li si vedrà per quello che sono, non il regno di Dio realizzato, non il Paradiso in Terra, non l assenza del male, ma la creazione innocente, ordinata e bellissima, per quanto sempre imperfetta, dove la libertà umana è chiamata a maturare. E si ringrazierà la vita, e si loderà Dio, per questa terra, per questo mondo, per questa storia, dove c è un unica elezione divina, quella dell umanità nel suo insieme, senza distinzione alcuna di razza, sesso o religione. Conclusioni L energia informe a livello umano si chiama libertà, e il Principio Ordinatore si chiama sapienza: l intera vicenda umana consiste nell ordinamento della libertà informe secondo la forma disciplinata e stabile della sapienza. Questo vale tanto per l umanità nel suo insieme quanto per il singolo. In questo senso il Principio Ordinatore opera nella totalità della natura-physis, nell intero della realtà: ogni realtà, nella misura in cui è ordinata, lo è alla luce e nello spirito del Logos. L azione divina coincide con ciò che la Bibbia nei suoi libri spiritualmente più maturi chiama sapienza, la quale, ben prima di essere una proprietà della mente umana, è la proprietà de la natura-physis. Il Principio Ordinatore agisce in favore di tutte le cose. Esso è lo spirito che ordina il mondo. Se il quantum di energia supplementare che chiamiamo anima viene ordinato, genera gioia, quiete, serenità; se cade in balìa del disordine, genera nausea, rabbia, violenza, disperazione. Non penso che il senso della libertà si risolva nell essere a servizio della sola vita naturale, non penso che si viva solo per vivere e per generare a nostra volta altra vita. Io penso che il quantum di energia supplementare che si è stato dato, e in cui noi propriamente consistiamo, vada lavorato e ordinato secondo la medesima logica di incremento della complessità e dell informazione all opera nel cosmo. La differenza tra il totale dell energia e l energia che si dispone come corpo, questo surplus che viene indicato col termine anima, richiede di essere lavorato. Lavorandolo introducendovi sempre più ordine, diventa spirito. L uomo spirituale è l uomo giunto a padroneggiare veramente se stesso. L uomo che ha trasformato la sua informe energia interiore dandole forma ordinata e razionale è venuto a capo di se stesso, è giunto a compiere l antico comandamento delfico: Conosci te stesso. Un uomo così è l uomo perfetto; l uomo che il linguaggio religioso chiama santo, l antica filosofia greca sapiente, il pensiero indù guru. La legge fondamentale consegnatrice dal Principio Ordinatore espressa così: riproduci dentro e attorno a te la legge che ti ha condotto a che ti mantiene all esistenza. Questo è l imperativo categorico della vita spirituale, da sempre presente all umanità. Il mondo non è un disegno concluso, ma è un processo che si va ogni minuto costruendo. La condizionale stessa dell esserci del mondo è il suo ininterrotto lavorare, per il semplice motivo che il mondo non è altro che energia, capacità di produrre lavoro, lavoro ininterrotto, senza alcuna cessazione. Il nostro mondo è evoluzione. Il mondo si va costruendo, e lo fa secondo una logica che non si prende cura dei singoli e che giunge anche a modificare la natura. E la stessa natura che modifica se stessa. La logica naturale alla guida del mondo ha come fine la libertà, ma come strumento la necessità. Penso che l esercizio della ragione sia l unica condizione perché il discorso su Dio oggi possa sussistere legittimamente come discorso sulla verità. E la verità la luce: e se noi siamo qui, se ha un senso il nostro essere qui sulla Terra, è per consegnarci alla verità, per servirla, ospitarla in noi e permettere di purificare la nostra interiorità. Amore significa ordine, e ordine significa forza. L amore vero è forte, non teme, resiste. E forte come la morte: ancora più forte della morte. Amare la vita. Alla fine tutto sta qui. Occorre mantenere in vita lo spirito dell infanzia, la forza primigenia con cui la natura ci ha generato. Il messaggio da questo libro è che la vita non tradisce, e a chi, a sua volta, non la tradisce, essa dà in premio se stessa. Dice la sapienza di Israele: Chi pratica la giustizia si procura la vita. Basta solo essere giusti. Tutto qui, qualcosa di molto semplice, che ogni uomo vede da sé. Simplex sigillum veri.

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 INTERPRETARE L EVENTO Carissimi A., R. e C., carissimi parenti e amici di Pinuccio qui convenuti, la nostra fede cristiana mi assegna il compito di aiutare

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze.

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. La liturgia di oggi, con la commemorazione di tutti i

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTOa.s. 2014-2015

PROGRAMMA SVOLTOa.s. 2014-2015 Classe 1L PROGRAMMA SVOLTOa.s. 2014-2015 - Educare per far emergere le caratteristiche, la personalità e le doti di ciascuno. - Bisogni materiali e spirituali dell essere umano. - Scoprire le proprie doti

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICA FONDAMENTALE La Rivelazione cristiana di Dio: - L idea di rivelazione nel Concilio Vaticano I e nel Concilio

Dettagli

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella Cristianesimo, Ebraismo e Islam Sofia Tavella Che cos è una religione? Ritenendo che il termine RELIGIO derivi dal verbo latino RE-LIGARE che significa legare insieme, la religione indica il RAPPORTO tra

Dettagli

17 gennaio 2014. Dio disse: Sia la luce. Ma quale luce, se il sole viene creato il terzo giorno?

17 gennaio 2014. Dio disse: Sia la luce. Ma quale luce, se il sole viene creato il terzo giorno? 1 17 gennaio 2014 Introduzione al quarto incontro L introduzione è relativa a uno studio nuovo, che ho fatto, e ci introduce nella Scrittura per quanto riguarda il respiro: sono i primi cinque versetti

Dettagli

Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo

Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo www.aiutobiblico.org pagina 1 Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo filename:50-0308.a01 di Marco defelice, www.aiutobiblico.org la Cosa più Eccellente Fratelli, noi siamo stati creati a immagine di

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

Ciò è confermato anche dalla frequenza del termine relativo al credere, rispetto agli altri scritti del NT:

Ciò è confermato anche dalla frequenza del termine relativo al credere, rispetto agli altri scritti del NT: IL CREDERE (Pisteuw) NEL IV VANGELO Introduzione Il credere è strettamente legato, secondo quanto già visto, alla crescita nella verità e alla testimonianza. Rispetto alla verità è il mezzo attraverso

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

#Essere umani. Scuola Statale Primaria di Foglizzo Istituto Comprensivo di Montanaro (To)

#Essere umani. Scuola Statale Primaria di Foglizzo Istituto Comprensivo di Montanaro (To) #Essere umani Progetto realizzato dall insegnante di Religione Cattolica Elsa Feira con la collaborazione delle docenti Donatella Gravante, Dolores Chiantaretto, Daniela Milanaccio, Paola Racca. Scuola

Dettagli

IL SENSO DEL CAMMINO metodo, dinamica, caratteristiche

IL SENSO DEL CAMMINO metodo, dinamica, caratteristiche IL SENSO DEL CAMMINO metodo, dinamica, caratteristiche 1. Il metodo Numerose comunità di base pongono al centro delle loro riunioni la Bibbia e si propongono un triplice obiettivo: conoscere la Bibbia,

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI 1. LE QUATTRO COSTITUZIONI CONCILIARI La Costituzione dogmatica sulla Chiesa Questo documento, il più solenne di tutto il Concilio, comincia con le parole «Lumen gentium»

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA INTRODUZIONE ALLA BIOETICA Nel presentare il tema introduzione alla bioetica che ho tenuto il 18 maggio scorso presso la Comunità dei Padri Camilliani di Macchia-Monte Sant Angelo, ho iniziato parlando

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

Tutto ciò che manca al salmo in realismo, si realizza nel Figlio di Dio fatto uomo, l idealismo del salmo diviene realtà in Gesù. A.

Tutto ciò che manca al salmo in realismo, si realizza nel Figlio di Dio fatto uomo, l idealismo del salmo diviene realtà in Gesù. A. Il Figlio dell uomo Possiamo affermare legittimamente, realmente, che ogni uomo è signore della terra? Possiamo affermarlo pienamente di qualcuno? Dov è l uomo nel suo candore di bambino, nel suo stupore

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli