Assemblea BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA"

Transcript

1 Assemblea BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

2 Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto che è rimasto poco favorevole, l esercizio 2014 ha segnato l effettivo avvio del percorso di risanamento della Società finalizzato a conseguire quegli equilibri tecnici ed economici venuti meno negli ultimi esercizi.

3 Il contesto Congiuntura economica debole Limitati investimenti, poca domanda di credito, alto rischio Crescita volumi dei non performing loans Insolvenze delle imprese, difficolta realizzo garanzie immobiliari, basso recupero dei crediti Evoluzione quadro normativo dell attività bancaria Unione Bancaria, nuova regolamentazione comunitaria, aumento vincoli tecnici Liquidity shock Elevata liquidità sui mercati, tassi ridotti, riduzione margini economici 3

4 I numeri Il credito erogato alle imprese è cresciuto del 12,6% La Banca ha concesso nuovi fidi a imprese localizzate sul territorio regionale per 360 milioni di Euro e perfezionato 949 nuove operazioni; le erogazioni di nuovo credito alle imprese sono state pari a 259 milioni di Euro con una crescita del 12,67% rispetto al La consistenza totale del portafoglio crediti è pari a 2,3 miliardi di Euro. Contoforte.it milioni di Euro oltre 7000 clienti L ammontare della raccolta diretta da clientela ammonta a complessivi 667 milioni di Euro con una crescita del 5,31% rispetto al dato di fine La raccolta da clientela corporate ammonta a 298 milioni di Euro; sono 283 i conti correnti accesi presso la Banca. La raccolta on-line, evidenzia depositi per 365 milioni di Euro ripartiti su oltre 7 mila clienti; il volume dei depositi è cresciuto di oltre il 16,78% nel 2014 Oltre imprese clienti e 4800 rapporti Il numero delle imprese clienti di Banca Mediocredito con crediti in essere è aumentato nel 2014 raggiungendo le unità (erano ne 2013) con oltre rapporti in essere a fine esercizio domande di finanziamento agevolato ricevute Con riferimento agli strumenti di agevolazione finanziaria affidati in gestione diretta a Banca Mediocredito, nel 2014 sono state ricevute complessivamente domande di finanziamento; sono stati 681 i fidi concessi e 537 le operazioni stipulate; le erogazioni sono assommate complessivamente a 53 milioni di Euro. 4

5 I numeri Le sofferenze sono cresciute del 14% nel 2014, in misura inferiore al dato di sistema. Le sofferenze relative ai crediti con fondi propri e leasing ammontano al a 327 miliondi Euro con una crescita del 14,1% rispetto al valore di fine 2013; i dati di sistema (1) evidenziano una crescita del 19,8%. Il totale dei crediti deteriorati, che comprendono oltre alle sofferenze, gli incagli, le posizioni ristrutturate e quelle scadute, ammonta a fine 2014, sempre con riferimento ai crediti con fondi propri e leasing, a complessivi 615 milioni di Euro (+17% sul 2013). Il 95% delle sofferenze è relativo a fidi concessi prima del Analizzando le sofferenze in base all anno di origine dei fidi, il 94,87% del loro valore si riferisce a fidi concessi prima del 2010; quelle riferite al perido presentano un incidenza del 72,47%. I flussi di nuove sofferenze sono calati di oltre il 40% rispetto al 2013 I flussi di nuove posizioni classificate a sofferenza nel 2014 si sono attestati a circa 62 milioni di Euro con un calo di oltre il 40% rispetto al dato del 2013 (103 milioni di Euro); l incidenza percentuale rispetto al valore lordo dei crediti verso clientela di inizio anno (al netto delle sofferenze) è stata del 4,1% (5,8% nel 2013). (1) Banca d Italia - Moneta e Banche Sofferenze società non finanziarie e famiglie produttrici 5

6 I numeri La copertura dei crediti deteriorati è aumentata Con riferimento al portafoglio dei crediti con fondi propri e leasing, l ammontare dei fondi rettificativi esistenti a copertura delle previsioni di perdita sui crediti deteriorati è cresciuto del 24,6% rispetto al dato di fine 2013, portando la copertura complessiva a circa il 35,6% (era il 33,4% fine 2013). Le sofferenze evidenziano una copertura del 53,2% in crescita rispetto al 2013 (48,0%). 60,0% Livelli di copertura fondi rettificativi su portafoglio fondi propri e leasing 50,0% % copertura 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 0,0% Sofferenze Totale deteriorati Banca 31/12/ ,0% 33,4% Banca 31/12/ ,2% 35,6% 6

7 I numeri Il Margine degli interessi è cresciuto. Il Margine degli interessi, che esprime la contribuzione dell attività di intermediazione del denaro dell esercizio, ha evidenziato una crescita dell 8,37% rispetto al Le spese amministrative sono diminuite. Tra gli oneri operativi, rispetto al 2013, si è rilevato un calo delle altre spese amministrative del 2,59%; il base al conto economico riclassificato per natura delle voci di costo e di ricavo, gli oneri operativi netti evidenziano un calo effettivo del 4,15% e le altre spese amministrative una diminuzione del 14,21%. Si riducono le rettifiche di valore su crediti e attività finanziarie L impatto sul economico 2014 delle valutazioni delle previsioni di perdita determinate sul portafoglio crediti e sulle attività finanziarie è stato pari a circa 53 milioni di Euro; nel 2013 era stato registrato un valore di circa 103 milioni di Euro. 7

8 I numeri Recupero della redditività operativa Il risultato della gestione operativa è cresciuto del 19,22% rispetto al 2013 per effetto sia della crescita del margine deglki interessi sia della riduzione degli oneri operativi Risultato gestione operativa 31/12/ /12/2014 / Perdita d'esercizio /12/ /12/2014 / Abbattimento della perdita del 54% Il risultato economico netto si è attestato ad una perdita di 28,5 milioni di Euro con un abbattimento di 54,42% rispetto al 2013, in linea con le previsioni di piano. 8

9 I numeri Rafforzamento del profilo patrimoniale Il Total capital ratio a fine 2014 si è attestato al 15,17% in forte crescita rispetto al 10,77% di fine 2013 e ben superiore al limite regolamentare del 10,50%. Il Tier 1 capital ratio si attesta all 11,76% (limite 7%). Nell esercizio ha trovato realizzazione il piano di rafforzamento patrimoniale approvato dal Consiglio di amministrazione nel mese di aprile e finalizzato da un lato al rispetto dei livelli di patrimonializzazione richiesti dalle nuove disposizioni di vigilanza, dall altro a supportare l implementazione del nuovo piano industriale. 16,00 14,00 12,00 10,00 8,00 6,00 4,00 2,00 - Total Capital Ratio 31/12/ /12/ /12/ /12/2014 Tier % 9,86 10,66 10,77 15,17 Il rafforzamento patrimoniale si è realizzato attraverso un aumento di capitale sociale a pagamento riservato ai Soci, perfezionato per circa 36 milioni di Euro e con l emissione di un prestito obbligazionario subordinato sottoscritto da un primario investitore istituzionale per 50 milioni di Euro. 9

10 Le azioni 2014 La revisione del Piano industriale Le principali sfide del piano industriale sono quelle di: valorizzare il portafoglio crediti deteriorati; ampliare l offerta a nuovi prodotti e servizi alle imprese in modo di aumentare la marginalità economica complessiva e sostenere, quindi, anche nei periodi meno favorevoli, la redditività del business; ridurre il costo della raccolta per sostenere la contribuzione economica dell attività creditizia. Non si tratta di un percorso semplice ne rapido perché deve realizzarsi in un contesto complesso e non favorevole, oltre a dover incidere su aspetti strutturali dell offerta e dell operatività della Banca. La definizione di una partnership industriale forte e qualificata, in grado di valorizzare la Banca nella sua mission a supporto dell economica regionale e supportarla nel conseguimento degli obiettivi di piano, rappresenta una necessità ineludibile da realizzarsi con determinazione nei prossimi mesi. 10

11 Le azioni 2014 Avvio operatività nel credito commerciale Nella seconda metà del 2014, sono state perfezionate le prime operazioni di anticipo fatture e aperture di credito in conto corrente; si tratta di un operatività finalizzata a fornire alle imprese già clienti di Banca Mediocredito nuove opportunità di copertura dei propri fabbisogni finanziari; per la Banca è anche un opportunità per meglio monitorare il merito creditizio delle controparti affidate. Attivazione servizi corporate banking interbancario per le imprese Nell esercizio è stata attivata la possibilità per le imprese clienti di operare attraverso il portale internet di home banking (banca virtuale) usufruendo dei servizi offerti dal corporate banking interbancario, standard operativo utilizzato da tutto il sistema bancario. Avvio offerta factoring Dopo la messa a punto dei processi e delle strutture informatiche, a fine 2014 sono state perfezionate le prime operazioni di factoring sui crediti delle imprese già clienti; la Banca nutre importanti aspettative dallo sviluppo della sua presenza nel mercato di questo prodotto creditizio. 11

12 Le azioni 2014 Organizzazione di importanti finanziamenti in pool Nel 2014, forte della sua esperienza nel credito corporate con durata a medio e lungo termine, la Banca è stata leader a livello regionale nell organizzare importanti operazioni di finanza straordinaria a beneficio di primarie imprese del Friuli Venezia Giulia; in tale azione ha saputo coordinare il sistema bancario locale e nazionale nella partecipazione agli interventi finanziari. Nuovi fondi dalla Banca Europea degli investimenti La BEI Banca Europea per gli investimenti - è ormai un canale consolidato di raccolta di fondi per la concessione di credito alle PMI regionali; il costo contenuto permette alla Banca di contenere i tassi applicati alle imprese; nel 2014 la Banca ha ottenuto un plafond di 50 milioni di Euro concesso dalla BEI per supportare il sistema economico del Friuli venezia Giulia ed in particolare le PMI del territorio. Acquisiti nuovi finanziamenti dalla BCE Nel 2014 la Banca ha partecipato alle nuove operazioni di rifinanziamento con durata a medio termine concesse dalla BCE acquisendo 87 milioni di Euro di nuovi fondi; nel corso del 2014 e nei primi mesi del 2015 Banca Mediocredito ha rimborsato completamente i 250 milioni di Euro acquisiti con l LTRO nel

13 Le azioni 2014 Attivazione dei finanziamenti Nuova Sabatini Nell esercizio la Banca ha perfezionato i rapporti con la Cassa Depositi e Prestiti per l offerta alle imprese del Friuli Venezia Giulia dell accesso alle agevolazioni previste dall art.2 DL 69/2013 cosiddetta Nuova Sabatini. Si tratta di misure di sostegno alle micro, piccole e medie imprese che prevede al concessione di finanziamenti agevolati per investimenti ad uso produttivo, in hardware e, sofwtware e tecnologie digitali. Accesso al Fondo Centrale di garanzia La Banca si è accreditatata sul Fondo Centrale di Garanzia, di cui alla Legge 662/96, per il rilascio delle garanzie sui crediti concessi alla clientela; si tratta di uno strumento di garanzia particolarmente vantaggioso per le imprese richiedenti i fidi e per la Banca che può conseguire, oltre a una tutela cauzionale di qualità, una riduzione sull assorbimento patrimoniale sul credito erogato. 13

14 Le azioni 2014 Convenzione con le Associazioni degli industriali del FVG Per la prima volta la Banca ha formalizzato una convenzione con tutte le associazioni degli industriali del Friuli Venezia Giulia mettendo a disposizione delle imprese associate linee di credito dedicate di durata superiore a 12 mesi per la copertura dei fabbisogni finanziari connessi a investimenti produttivi, internazionalizzazione e sostegno all export, innovazione, ricerca e sviluppo. Supporto finanziario all innovazione tecnologica e alle start-up Banca Mediocredito ha perfezionato un importante accordo con i parchi scientifici e tecnologici del Friuli Venezia Giulia (AREA Science Park, Friuli Innovazione, Consorzio Innova Fvg, Polo Tecnologico di Pordenone, BIC Incubatori FVG spa) per identificare forme di collaborazione finalizzate a supportare finanziariamente l attuazione di progetti di innovazione tecnologica, anche di start-up. Sviluppo collaborazione con le Assicurazioni Generali Sono cresciuti nel corso del 2014 i contatti e le relazioni con il gruppo delle Assicurazioni Generali al fine di sviluppare possibili forme di collaborazione sia dal lato dell offerta di prodotti assicurativi alla clientela della Banca, sia per quanto riguarda il supporto che il gruppo può fornire nella gestione e nel governo dei rischi della Banca. 14

15 Le azioni 2014 La revisione degli assetti organizzativi La funzione commerciale è stata potenziata con l inserimento di nuove Risorse qualificate con competenze specifiche negli ambiti di sviluppo dell offerta che la Banca intende perseguire dal lato creditizio; è stato potenziato il presidio operativo di front-office e back office al servizio del credito commerciale a breve termine. La gestione dei crediti deteriorati è stata oggetto di particolare attenzione anche nel corso del 2014; si è proceduto, infatti, ad un potenziamento dell organico della funzione e ad una revisione dei processi operativi finalizzati ad assicurare migliore presidio alle attività; è stato, inoltre, rafforzato il presidio sulle posizioni creditizie che presentano i primi segnali di deterioramento e un focus particolare continuo è stato dedicato alle posizioni incagliate di più elevato importo. Oggetto di importanti aggiornamenti sono stati anche gli assetti organizzativi finalizzati alla gestione del portafoglio della attività finanziarie della Banca. 15

16 Le azioni 2014 Implementazione degli assetti di corporate governance E stata aggiornata la principale regolamentazione interna di corporate governance (Progetto di governo societario e Regolamento del Consiglio di amministrazione) e i nuovi assetti e processi di autovalutazione ai sensi delle nuove disposizioni di vigilanza in materia di governo societario emanate nel corso del mese di maggio 2014 con il 1 aggiornamento della Circolare Banca d Italia 285/2013. Implementazione del sistema interno di controllo Nel 2014 intensa è stata l attività finalizzata ad adeguare gli assetti del sistema dei controlli interni alle disposizioni di vigilanza Banca d Italia in vigore dal 1 luglio 2014 e previste dal capitolo 7 della Circolare 263/2006; con riferimento al controllo di gestione è stata completata la messa a punto del sistema informativo direzionale che fornisce le evidenze consuntive economiche e finanziarie dell operatività Aggiornamento del Modello organizzativo D.lgs.231/2001 Nel corso del 2014 è stato rinnovato l Organismo di vigilanza e controllo istituito ai sensi del D.Lgs.231/2001 sulla responsabilità amministrativa degli Enti ed è stato aggiornato il modello di organizzazione e gestione (MOG).. 16

17 Le azioni 2014 Indagine sul capitale reputazionale della Banca I risultati di una ricerca, realizzata da Community research nel 2014, hanno confermato il rapporto privilegiato delle imprese del Friuli Venezia Giulia con la Banca; esse hanno espresso l aspettativa di un ulteriore sviluppo dell attività della Banca. Formazione estesa del Personale Nel 2014 è stato implementato un importante ed esteso piano di formazione per il Personale che si è articolato in oltre 22 iniziative realizzate in house e principalmente finalizzate a sviluppare le conoscenze sul nuovo sistema informativo aziendale. Rinnovo del sito internet La Banca ha rinnovato la sua presenza su internet reimpostando il portale in modo da renderlo più efficace strumento di relazione e informazione con la clientela. 17

18 Le attese per il 2015 L esercizio sarà particolarmente importante per creare le giuste premesse e le migliori condizioni al fine di conseguire l obiettivo del pareggio economico atteso per il Il 2015 si propone come un esercizio ancora complesso per effetto di un quadro congiunturale in ripresa ma che permane debole e in generale di un contesto tecnico che non agevola lo sviluppo dell attività bancaria. Prioritaria sarà per Banca Mediocredito la definizione della partnership industriale in grado di supportarla nell attuazione delle azioni di sviluppo al servizio del sistema economico regionale e consentirle di conseguire gli obiettivi di piano. Le azioni che la Banca ha avviato sono attese consentire un ulteriore recupero sia nei volumi operativi sia nella contribuzione economica della gestione. Anche nel 2015 il costo del rischio di credito, in termini di rettifiche nette portate a conto economico, è atteso confermare un incidenza importante, pur in calo rispetto al 2014, sulla redditività complessiva della Banca. 18

19 Le prime azioni 2015 La convenzione di reverse factoring con Fincantieri Nel mese di aprile la Banca ha perfezionato un importante accordo con Fincanteri SpA per la messa a disposizione dei fornitori della Società di servizi finanziari di factoring. L accordo siglato permetterà alle imprese fornitrici di Fincantieri, in particolare quelle del Friuli Venezia Giulia, molte delle quali già clienti di Banca Mediocredito, di poter ridurre i tempi di incasso dei propri crediti, meglio supportando così i propri fabbisogni finanziari. La Banca di RilancImpresa La legge regionale RILANCIMPRESA approvata dal Consiglio regionale del Friuli venezia Giulia prevede per Banca Mediocredito un ruolo di primo piano quale catena di trasmissione, dal punto di vista finanziario, delle politiche industriali della Regione.. L avvio del Fondo Sviluppo La Banca ha supportato l Amministrazione regionale nell avvio del Fndo per lo sviluppo delle piccole e medie imprese e dei servizi (Fondo sviluppo) di cui all articolo 2, comma 1, lettera b), della legge regionale , n. 2, attivando la Segreteria del Comitato di gestione che Le è stata assegnata. 19

20 Le prime azioni 2015 Partnership con Informest Consulting sui servizi per l internazionalizzazione È stato siglato un importante accordo tra Banca Mediocredito FVG e Informest Consulting, ramo operativo di Informest, specializzato nei servizi di assistenza e consulenza alle imprese in materia di internazionalizzazione, con l obiettivo di mettere a disposizione delle imprese del Friuli Venezia Giulia un qualificato centro di competenze per l accesso ai mercati esteri e per l utilizzo, a tal fine, di linee di credito anche agevolate. Lancio portale immobili E stata aperta un apposita sezione del sito internet della Banca nella quale vengono presentati i compendi immobiliari a destinazione economica disponibili sul territorio regionale perché di proprietà della Banca (da contratti leasing risolti) ovvero in fase di esitazione attraverso procedure esecutive o concorsuali nelle quali la Banca è parte creditrice. Il rafforzamento della funzione di gestione del portafoglio NPL La funzione di gestione dei crediti deteriorati è stata potenziata con la ripartizione delle competenze gestionali tra due unità organizzative e l entrata in servizio di un nuovo Responsabile. Tale azione permetterà di rendere più efficace la gestione del portafoglio in un ottica di aumentare i volumi dei rientri e ridurre i tempi di recupero. 20

21 Le azioni in corso Il lancio del conto corrente on-line. Nel mese di maggio Banca Mediocredito rinnoverà l offerta destinata alla clientela privata dal portale con l aggiunta, al conto di deposito già presente, del conto corrente; la clientela potrà accendere un rapporto di conto corrente da movimentare on-line con i servizi bancari tipici e prevederà la disponibilità di una carta bancomat. Il potenziamento dell offerta del conto di deposito Nel prossimo mese di giugno, il conto di deposito contoforte.it sarà potenziato con l aggiunta di nuovi vincoli di durata, fino a 60 mesi, e con la possibilità per la clientela di smobilizzare le somme vincolate, in caso di necessità, prima della scadenza. I offerta di prodotti assicurativi Nel mese di maggio la Banca avvierà anche l offerta di prodotti assicurativi per la clientela retail attraverso il portale contoforte.it.; si tratta di un iniziativa che mira ad arricchire l offerta di banca virtuale e che è destinata ad ampliarsi ulteriormente nel corso dell esercizio

22 Le azioni in corso La modifica dello Statuto La Banca ha avviato un processo per la modifica dello Statuto al fine di recepire i contenuti previsti dalla nuova normativa di vigilanza per le banche in materia di corporate governance e politiche di remunerazione (1 e 7 agg.to Circolre 285/2013) e di implementare l oggetto sociale al fine di renderlo coerente con il nuovo modello di business previsto dal piano industriale. La Banca è in attesa del rilascio del provvedimento ex art.56 del TUB da parte della Banca d Italia. Lo sviluppo dei rapporti con il sistema Regione E stato aperto un tavolo tecnico con l Amministrazione regionale per approfondire gli ambiti di ulteriore sviluppo dei rapporti tra la Banca e i Soggetti del cosiddetto Sistema Regione ; l iniziativa, prevista dal piano industriale, mira a valorizzare il ruolo della Banca controllata dalla Regione e realizzare efficaci sinergie operative e finanziarie utili a produrre benefici economici alla Banca e ad ottimizzare l impatto delle politiche economiche attuate dalla Regione. L avvio del factoring sui crediti verso la PA E prossimo l avvio dell operatività factoring su crediti vantati dalle imprese verso la Pubblica Amministrazione; la formula sarà sempre quella del reverse factoring e riguarderà operazioni con imprese creditrici già clienti della Banca 22

23 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA La Banca della Regione, per la regione.

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie L andamento del ciclo economico e le numerose norme che, a vario titolo, richiedono la presentazione di garanzie a supporto di obbligazioni assunte hanno

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli