DETRAIBILITA E INDETRAIBILITA DELL IVA PERGLI AUTOVEICOLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DETRAIBILITA E INDETRAIBILITA DELL IVA PERGLI AUTOVEICOLI"

Transcript

1 ADEMPIMENTI & OBBLIGHI IVA a cura di Fabio Ledda, Dottore commercialista in Milano DETRAIBILITA E INDETRAIBILITA DELL IVA PERGLI AUTOVEICOLI La detrazione dell Iva sull acquisto e sulla gestione/impiego delle auto subisce particolari limitazioni in relazione alla tipologia di veicolo e all uso che ne viene fatto. Per stabilire la corretta disciplina tributaria delle spese connesse a tali beni è necessario un preliminare e corretto inquadramento del veicolo in base al vigente Codice della Strada. PREMESSA I casi di indetraibilità connessa all acquisto/importazione e all impiego/gestione di autoveicoli e autovetture creano notevoli problemi interpretativi agli operatori. Appare opportuno, quindi, delineare il quadro generale delle ipotesi di indetraibilità, chiarendo nel contempo gli aspetti che hanno maggiore rilevanza e che di frequente suscitano dubbi. La materia è regolamentata da specifiche norme fiscali, sia dal lato delle imposte dirette che da quello dell Iva; esse, a loro volta, compiono un espresso rimando a disposizioni di natura diversa, in particolare al nuovo Codice della Strada (D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modifiche e integrazioni). L intreccio delle norme di riferimento delinea un quadro complesso di ipotesi, estremamente difficili da decifrare, soprattutto per i non «addetti ai lavori». Il primo scoglio da superare, comunque, è dato dall individuazione delle tipologie di veicoli cui la normativa fa specifico riferimento per disporne l indetraibilità, da definirsi «oggettiva» in quanto è riferita alla particolare natura del bene o del servizio. Superato tale ostacolo, la possibilità di detrazione sarà comunque subordinata ai criteri generali, di cui agli artt. 19 e seguenti del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, vale a dire all impiego del bene per realizzare operazioni soggette al tributo o ad esse assimilate ai fini della detrazione. INDETRAIBILITA DI TIPO OGGETTIVO (ART. 19-BIS1, D.P.R. N. 633/1972) La norma contiene una serie di esplicite limitazioni «oggettive» alla detrazione dell Iva sulle spese relative a talune tipologie di beni e servizi. L art. 19-bis1 del D.P.R. n. 633/ 1972, rubricato «esclusione o riduzione della detrazione per alcuni beni e servizi», nel testo in vigore dal 1º gennaio 2001 (come modificato dalla Legge 23 dicembre 2000, n. 388, art. 31), in deroga alle disposizioni generali dell art. 19 prevede che: lett. a): l imposta relativa all acquisto o alla importazione di autoveicoli di cui alla lett. e della tabella B (allegata al D.P.R. citato), quale ne sia la cilindrata, e dei relativi componenti e ricambi, nonché alle prestazioni di servizi di cui al terzo comma dell art. 16 ed a quelle di impiego, custodia, manutenzione e riparazione relative ai beni stessi, è ammessa in detrazione se i beni formano oggetto dell attività propria dell impresa o sono destinati ad essere esclusivamente utilizzati come strumentali nell attività propria dell impresa ed in ogni caso esclusa per gli esercenti arti e professioni; lett. c): l imposta relativa all acquisto o alla importazione di ciclomotori, di motocicli e di autovetture ed autoveicoli indicati nell art. 54, lett. a e c, del D.Lgs. n. 285/1992, non compresi nell allegata tabella B e non adibiti ad uso pubblico, che non formano oggetto dell attività propria dell impresa, e dei relativi componenti e ricambi, nonché alle prestazioni di servizi di cui al terzo comma dell art. 16 ed a quelle di impiego, custodia, manutenzione e riparazione relative ai beni stessi, non è ammessa in detrazione salvo che per gli agenti o rappresentanti di commercio; lett. d): l imposta relativa all acquisto o all importazione di carburanti e lubrificanti destinati ad autovetture e veicoli, è ammessa in detrazione se è 62

2 ammessa in detrazione l imposta relativa all acquisto, all importazione o all acquisizione mediante contratti di locazione finanziaria, di noleggio e simili di tali autovetture e veicoli; lett. e): salvo che formino oggetto dell attività propria dell impresa, non è ammessa in detrazione l imposta relativa al transito stradale delle autovetture e autoveicoli di cui all art. 54, lett. a e c, del D.Lgs. n. 285/1992. Ne consegue, pertanto, che per verificare se un veicolo soffre di qualche limitazione oggettiva nella detraibilità dell Iva è indispensabile, innanzitutto, qualificarlo con molta accuratezza, in relazione alla classificazione contenuta nel nuovo Codice della Strada. Quanto indicato nella carta di circolazione, ovviamente, dovrà essere congruente con le caratteristiche del veicolo e la sua destinazione effettiva (e ciò sia ai fini del corretto trattamento Iva che delle imposte dirette). La nozione di veicolo cui fare riferimento è quella desumibile dal nuovo Codice della strada Il Titolo III del D.Lgs. n. 285/ 1992 contiene, all art. 46, la nozione di «veicolo», vale a dire «tutte le macchine di qualsiasi specie, che circolano sulle strade guidate dall uomo. Non rientrano nella definizione di veicolo quelle per uso di bambini o di invalidi, anche se asservite da motore, le cui caratteristiche non superano i limiti stabiliti dal regolamento». L art. 47 del predetto «Codice della strada» classifica i veicoli nel modo seguente (le lettere indicate corrispondono all elencazione contenuta nella norma): a) veicoli a braccia; b) veicoli a trazione animale; c) velocipedi; d) slitte; e) ciclomotori; f) motoveicoli; g) autoveicoli; h) filoveicoli; i) rimorchi; l) macchine agricole; m) macchine operatrici; n) veicoli con caratteristiche atipiche. Gli articoli successivi al 46 contengono le definizioni di tali veicoli. In particolare, l art. 52 contiene la definizione di ciclomotori, l art. 53 quella di motoveicoli e l art. 54 quella di autoveicoli (tra i quali rientrano le «autovetture»). In base all art. 54, gli autoveicoli sono veicoli a motore con almeno quattro ruote, esclusi i motoveicoli, e si distinguono in (le lettere del punto elenco corrispondono anche qui all elencazione contenuta nella norma): a) autovetture: veicoli destinati al trasporto di persone, aventi al massimo nove posti, compreso quello del conducente; b) autobus: veicoli destinati al trasporto di persone equipaggiati con più di nove posti compreso quello del conducente; c) autoveicoli per trasporto promiscuo: veicoli aventi una massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 t o 4,5 t se a trazione elettrica o a batteria, destinati al trasporto di persone e di cose e capaci di contenere al massimo nove posti compreso quello del conducente; d) autocarri: veicoli destinati al trasporto di cose e delle persone addette all uso o al trasporto delle cose stesse; e) trattori stradali: veicoli destinati esclusivamente al traino di rimorchi o semirimorchi; f) autoveicoli per trasporti specifici: veicoli destinati al trasporto di determinate cose o di persone in particolari condizioni, caratterizzati dall essere muniti permanentemente di speciali attrezzature relative a tale scopo; g) autoveicoli per uso speciale: veicoli caratterizzati dall essere muniti permanentemente di speciali attrezzature e destinati prevalentemente al trasporto proprio. Su tali veicoli è consentito il trasporto del personale e dei materiali connessi col ciclo operativo delle attrezzature e di persone e cose connesse alla destinazione d uso delle attrezzature stesse. Le limitazioni oggettive alla detraibilità dell Iva operano soltanto per alcune categorie di mezzi di trasporto. Concentriamoci, per fini espositivi, su autovetture e autoveicoli di cui alle predette lettere a e c. In base alla classificazione sopra riportata, alla luce del disposto dell art. 19-bis1 e della Tabella B del D.P.R. n. 633/1972, è possibile individuare le seguenti ipotesi di indetraibilità oggettiva dell Iva:. Art. 19-bis1, lett. a: l indetraibilità si riferisce agli autoveicoli con particolari allestimenti, indicati alla lett. e della tabella B (l ex tabella relativa ai beni di lusso), allegata al D.P.R. n. 633/1972. Si tratta quindi degli «autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e di cose carrozzati a pianale o a cassone con cabina profonda o a furgone anche finestrato con motore di cilindrata superiore a 2000 centimetri cubici o con motore diesel superiore a 2500 centimetri cubici» (tabella B, lett. e). Per tali veicoli la detrazione dell Iva sull acquisto o l importazio- 63

3 ne è riconosciuta solo se gli stessi costituiscono oggetto dell attività propria dell impresa o se sono destinati ad essere utilizzati come strumentali nell attività medesima; La detrazione è sempre esclusa per gli esercenti arti e professioni.. Art. 19-bis1, lett. c: l indetraibilità si riferisce alle autovetture e autoveicoli indicati nelle lettere a e c, del comma 1, dell art. 54 del nuovo Codice della strada, vale a dire: le autovetture: veicoli destinati al trasporto di persone capaci di contenere al massimo nove posti compreso quello del conducente; gli autoveicoli per trasporto promiscuo: veicoli destinali al trasporto di persone e cose, di peso complessivo a pieno carico fino a 35 quintali, capaci di contenere al massimo nove posti compreso quello del conducente. Non deve trattarsi di beni compresi nella lett. e della Tabella B, altrimenti opererebbe la previsione dell art. 19-bis1, lett. a. Per le categorie di veicoli in commento la detrazione dell Iva sull acquisto o sull importazione è ammessa solo se gli stessi sono (alternativamente): adibiti ad uso pubblico; oggetto dell attività propria dell impresa; acquisiti da agenti o rappresentanti di commercio. Ulteriori precisazioni in merito alle ipotesi di indetraibilità oggettiva di cui alla lett. c) dell art. 19-bis1, D.P.R. n. 633/1972 In relazione alla lett. c dell art. 19- bis1, D.P.R. n. 633/1972, la Finanziaria 2002 proroga al 31 dicembre 2002 sia la previsione generale di limitazione oggettiva alla detraibilità (art. 19-bis1) per i beni in argomento, sia la particolare novità apportata a tale regola dal comma 4 e 5, dell art. 30, legge n. 388/2000 (Finanziaria 2001). Tale norma ha stabilito che, limitatamente ai costi di acquisizione (acquisto, importazione e contratti di locazione finanziaria, noleggio e simili) di ciclomotori, motocicli, autovetture e autoveicoli di cui alla lett. c, del comma 1, dell art. 19-bis 1, del D.P.R. n. 633/1972, l indetraibilità è ridotta al 90% del relativo ammontare ed al 50% nel caso di veicoli con propulsori non a combustione interna (ad esempio motori elettrici). Si osservi che la parziale detraibilità di cui trattasi è circoscritta alle spese di acquisizione dei veicoli (acquisto, leasing, noleggio) e non a quelle di impiego, gestione, utilizzo (es. riparazione, manutenzione, carburanti, pedaggi). Di tale limitazione devono tenere conto anche le imprese di noleggio cd. «full service» o «a lungo termine» (o simili), dato che di solito nel canone globale sono compresi, oltre al compenso per il «noleggio», anche quello per servizi diversi sui quali l Iva non beneficia della detrazione ex art. 30, legge n. 388/2000. Le percentuali di detrazione (10 o 50%) devono essere assunte anche per determinare la base imponibile al momento della successiva cessione dei veicoli interessati alla deroga disposta dalla Finanziaria. La parziale indetraibilità non pregiudica la possibilità di applicare il regime del margine. Si rammenta che l art. 6, comma 7, della legge 13 maggio 1999, n. 133 (in vigore dal 18 maggio 1999), ha abrogato la lett. d della tabella B allegata al D.P.R. n. 633/1972, dove erano indicati gli autoveicoli e le autovetture (contemplati nell art. 54, lett. a e c del D.Lgs. n. 285/1992), con motore di cilindrata superiore a 2000 cc, esclusi quelli adibiti ad uso pubblico, e quelli con motore diesel fino a 2500 cc., diversi da quelli indicati nella lett. e della medesima Tabella B. I beni in argomento, in quanto compresi nella tabella B, rientravano tra quelli considerati di lusso (soggetti all aliquota, abrogata, del 38%). La soppressione della lett. d della tabella B, comporta l irrilevanza, anche ai fini dell Iva, della distinzione tra autovetture di lusso e non di lusso. Si precisa che, pur in assenza di un espressa modifica al D.Lgs. n. 285/1992, la categoria C) dell art. 54 del Codice della Strada (autoveicoli per trasporto promiscuo) è applicabile solo ai veicoli omologati anteriormente al 1º ottobre Infatti, a seguito del recepimento della Direttiva 6 febbraio 1998 n. 98/14/Ce, avvenuta con il decreto del Ministero dei Trasporti 4 agosto 1998, dalla data prima indicata gli autoveicoli devono essere immatricolati nelle seguenti categorie: M1, per i veicoli destinati al trasporto di persone, N, per i veicoli destinati al trasporto di merci. I CONCETTI DI USO PUBBLICO DI UN VEICOLO, DI BENE OGGETTO DELL ATTIVITA PROPRIA E DI STRUMENTALITA L indetraibilità dell Iva, quindi, viene determinata dalle caratteristiche dei soggetti acquirenti (imprenditori, lavoratori autonomi, 64

4 agenti e rappresentanti); dalla circostanza che i veicoli siano destinati ad uso pubblico o siano o meno oggetto dell attività propria; oppure dal fatto che siano esclusivamente strumentali nell attività dell impresa. Le considerazioni sopra espresse comportano la definizione dei seguenti concetti: adibiti ad uso pubblico; oggetto dell attivita propria dell impresa; destinati ad essere utilizzati come strumentali nell attivita medesima. Veicoli adibiti ad uso pubblico Il concetto può essere chiarito facendo riferimento all art. 82 del Codice della Strada, che contiene la definizione di «destinazione» e di «uso» del veicolo. Per destinazione del veicolo s intende la sua utilizzazione in base alle caratteristiche tecniche, mentre per uso la sua utilizzazione economica. I veicoli possono essere adibiti a uso proprio o a uso di terzi. L uso pubblico può essere assimilato al concetto di «uso di terzi», che, in base all art. 82, avviene quando un veicolo è utilizzato, dietro corrispettivo, nell interesse di persone diverse dall intestatario della carta di circolazione (negli altri casi il veicolo si intende adibito a uso proprio). L uso di terzi comprende: a) locazione senza conducente; b) servizio di noleggio con conducente e servizio di piazza (taxi) per trasporto di persone; c) servizio di linea per trasporto di persone; d) servizio di trasporto di cose per conto terzi; e) servizio di linea per trasporto di cose; f) servizio di piazza per trasporto di cose per conto terzi. La C.M. 10 febbraio 1998, n. 48/ E (in I Quattro Codici della Riforma Tributaria - BIG, cd-rom, Ipsoa), indica che un veicolo è adibito a uso pubblico quando si è in presenza di un riconoscimento di tale impiego attraverso un atto emanato dalla pubblica amministrazione. L uso pubblico, ad esempio, è verificato per i veicoli utilizzati in un attività di servizio taxi. Veicoli oggetto dell attività propria dell impresa Nella C.M. 3 agosto 1979, n. 25/ (in I Quattro Codici, cit.), il Ministero delle Finanze ha chiarito che per «beni oggetto dell attività propria dell impresa» devono intendersi quelli il cui impiego qualifica e realizza l attività normalmente esercitata. Per «attività propria dell impresa» si deve considerare quella che normalmente ed abitualmente viene esercitata dall imprenditore e non, quindi, quella svolta in maniera occasionale o, comunque, di scarsa rilevanza nell ambito dell impresa. Nel caso dei veicoli si tratta, quindi, delle attività di commercio, noleggio, locazione finanziaria di autoveicoli. Veicoli destinati ad essere utilizzati come strumentali nell attività medesima Nella medesima circolare viene chiarito che per «beni strumentali utilizzati nell esercizio dell attività propria si deve intendere quelli impiegati esclusivamente come mezzo per l esercizio di detta attività e, pertanto, diversamente da quelli oggetto dell attività, inidonei, come tali, a qualificare la natura dell attività svolta. Si tratta, ad esempio, dei veicoli utilizzati dalle imprese di trasporto. I VEICOLI CON DETRAZIONE TOTALE La limitazione «oggettiva» alla detrazione non opera se il veicolo non è contemplato nell art. 19-bis 1, D.P.R. n. 633/ Un ipotesi in cui è ammissibile la detrazione dell imposta è quella riferita ai veicoli definiti alla lett. g) dell art. 54 del Codice della Strada. Oltre ai veicoli di cui alle lett. a) e c), occorre rilevare che l art. 54 del D.Lgs. n. 285/1992 distingue altre categorie di «autoveicoli», classificati in base a specifiche caratteristiche. Fra di essi, ricordiamo la categoria degli autocarri (lett. e) e gli autoveicoli per uso speciale (lett. g). In merito a quest ultima ipotesi, è da evidenziare che a norma dell art. 203 del Regolamento del Nuovo Codice della Strada sono classificati per «uso speciale» 28 tipologie di autoveicoli (dalle gru alle autoambulanze, dai furgoni carrozzati per trasporto detenuti ai veicoli per soccorso stradale). Tra gli autoveicoli per uso speciale, sono comprese anche le cosiddette «businesscar» (autoveicoli per uso ufficio). Questa ipotesi ha costituito recentemente oggetto di interpello ai sensi dell art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 (c.d. interpello ordinario). Il Ministero delle Finanze, nella risoluzione 12 novembre 2001, n. 179, ha riconosciuto che per tali autoveicoli non operano limitazioni oggettive alla detraibilità dell Iva, a condizione, però, che 65

5 siano omologati come auto per uso ufficio, risultino muniti permanentemente di speciali attrezzature, siano utilizzati esclusivamente per il trasporto del personale e dei materiali connessi con il ciclo operativo delle attrezzature e delle persone o cose connesse alla destinazione d uso delle attrezzature stesse. La possibilità di detrazione dell Iva si riferisce sia alle spese di acquisizione che a quelle di gestione del veicolo (carburanti, riparazioni, pedaggi, ecc.). Come verrà meglio chiarito nel prosieguo, la limitazione alla detrazione potrebbe comunque derivare da ragioni di carattere «soggettivo», in relazione al regime Iva dell attività esercitata (es. operazioni esenti). CARBURANTI E LUBRIFICANTI In base alla lett. d), dell art. 19- bis1, D.P.R. n. 633/1972, l Iva sull acquisto/importazione di carburanti e lubrificanti segue il regime di detrazione previsto per il mezzo di trasporto: quindi, è detraibile nella stessa misura in cui è ammessa in detrazione l imposta relativa all acquisizione del mezzo. PEDAGGI AUTOSTRADALI In base alla lett. e), dell art. 19- bis1, D.P.R. n. 633/1972, l Iva sui pedaggi autostradali subisce una limitazione solo per le autovetture e gli autoveicoli di cui all art. 54, lett. a) e c), del D.Lgs. n. 285/1992, salvo che formino oggetto dell attività propria dell impresa (nel qual caso non opera la limitazione oggettiva alla detrazione di cui all art. 19-bis1, lett. e). INDETRAIBILITA SOGGETTIVA Nel caso in cui non vi sia alcuna ipotesi di indetraibilità di tipo oggettivo, non è ancora detto che l operatore possa detrarre l imposta, in quanto tale diritto risulta comunque vincolato a tutti i criteri disposti dall art. 19 e seguenti del D.P.R. n. 633/ Il diritto alla detrazione dell imposta relativa a un veicolo - che riguarda non solo la sua acquisizione (importazione, acquisto intracomunitario o nazionale, leasing, noleggio) ma anche le operazioni di impiego, custodia, manutenzione e riparazione - può subire due tipi di limitazioni. La prima è di tipo oggettivo ed è legata alla circostanza che il mezzo, così come immatricolato, rientri nella previsione di cui all art. 19-bis 1 del D.P.R. n. 633/1972. La seconda dipende dalla natura, ai fini dell Iva, delle operazioni nelle quali vengono impiegati i beni e i servizi. Oltre alla limitazione «oggettiva», quindi, sono possibili ulteriori ipotesi d indetraibilità in relazione all afferenza del mezzo di trasporto all attività dell operatore economico. La limitazione potrebbe infatti essere di tipo «soggettivo», perché i mezzi vengono destinati per effettuare operazioni esenti (ad esempio il servizio taxi), non soggette o comunque escluse dal campo di applicazione dell imposta (es. uso privato). Per tali motivi, la detrazione dell Iva può risultare del tutto preclusa oppure essere solo parziale. L indetraibilità sarebbe soltanto parziale qualora il veicolo venisse impiegato, oltre che per operazioni imponibili ad Iva, anche per operazioni esenti o non soggette o, comunque, estranee all esercizio dell attività. Pertanto, nel momento in cui esiste «potenzialmente» il diritto alla detrazione dell imposta pagata per l acquisizione del veicolo (assenza di limitazioni oggettive), il contribuente dovrà effettuare una «valutazione prospettica (...) al fine di determinare in quale misura l impiego stesso si collegherà a operazioni soggette al tributo (o a esse assimilate ai fini della detrazione) e in quale misura, invece, in operazioni escluse dal campo di applicazione dell imposta, in modo da calcolare in definitiva, la quota d imposta detraibile» (C.M. 24 dicembre 1997, n. 328/ E, in I Quattro Codici, cit.). In base all art. 19 bis-2, comma 2, del D.P.R. n. 633/1972, è prevista la rettifica della detrazione quando il cambio di destinazione si verifica al primo impiego, oppure quando esso ha luogo nei quattro anni successivi a quello di entrata in funzione del bene ammortizzabile. Il diritto alla detrazione, infatti, può essere esercitato prima che il contribuente riesca a quantificare il volume delle operazioni escluse effettuate nell anno, per cui si potrebbe verificare la necessità di apportare delle modifiche all Iva originariamente detratta. Per evitare laboriosi calcoli, comunque, è utile esercitare il diritto alla detrazione dell imposta soltanto a fine anno, quando si ha la certezza della percentuale di detraibilità di cui si può godere per il periodo d imposta in oggetto. 66

6 LA CESSIONE DEL VEICOLO All atto della successiva cessione del veicolo è necessario verificare il regime Iva applicabile all operazione e determinare correttamente la base imponibile, se l operazione è da assoggettare al tributo. Il regime ordinario Nel caso in cui l Iva sia stata detratta (per assenza di preclusioni oggettive e/o soggettive), la cessione del veicolo è soggetta ad imposta con aliquota del 20%. Invece, se l Iva è risultata totalmente indetraibile in base alle norme degli artt. 19, 19-bis1 e bis2, la cessione è un operazione esente ai sensi dell articolo 10, n. 27-quinquies, D.P.R. n. 633/ Per quanto concerne la parziale detrazione concessa dalla Finanziaria 2001 (e, in ultimo, anche da quella per il 2002), vale a dire nella misura del 10% o del 50%, ne consegue che la base imponibile su cui applicare l imposta all atto della cessione dei veicoli acquistati fruendo del predetto beneficio deve essere ridotta in misura corrispondente al beneficio medesimo (art. 30, comma 5, legge n. 388/2000). La fattura della vendita del veicolo, se trattasi di cessione imponibile, dovrà evidenziare l imposta limitatamente alla parte dell imponibile corrispondente a quella che all atto dell acquisto ha dato diritto alla detrazione dell Iva. In pratica, nel caso di vetture con propulsori a combustione interna (auto con motore a scoppio) l Iva, sarà dovuta solo sul 10% del corrispettivo della cessione, mentre sarà dovuta sul 50% del corrispettivo di vendita per le vetture con propulsore non a combustione interna (auto elettrica). Ad esempio, se all atto di acquisto la detrazione è stata del 10%, al momento della successiva cessione (imponibile), se il prezzo di vendita è pari a lire 30 milioni (E ,71) più Iva, la base imponibile è di lire 3 milioni (E 1.549,37) (v. C.M. 26 gennaio 2001, n. 7/E, par. 9.2., in I Quattro Codici, cit.), per un totale di 30 milioni e 600 mila lire (E ,58). Se il prezzo finale concordato comprende l Iva (com è più plausibile), il calcolo dell imposta dovrà tenere conto di tale circostanza; la base imponibile sarà perciò ottenuta tramite lo scorporo dell Iva, dividendo il prezzo pattuito per 1,02: nell esempio appena fatto, la base imponibile sarebbe (E ,86) e l Iva (E 303,84), per un totale, appunto, di 30 milioni di lire (E ,71). Per i veicoli acquistati presso cedenti che hanno beneficiato della riduzione della base imponibile per aver fruito della parziale detrazione dell imposta sopra commentata, in alternativa i cedenti possono anche applicare il regime del margine. Nelle altre situazioni in cui l Iva sia stata detratta solo parzialmente, diverse perciò da quelle previste dalla Finanziaria per il 2001 e da quella per il 2002, in teoria l azienda dovrebbe poter emettere fattura determinando la base imponibile su cui applicare l imposta in maniera proporzionale: individuando l Iva detratta tenendo conto delle eventuali variazioni apportate nel corso dei cinque anni di monitoraggio fiscale, dividendo tale importo per l imposta complessivamente pagata in fase d acquisto e applicando, infine, la percentuale ottenuta al prezzo di vendita. Sul punto si precisa, però, che sarebbe opportuno un chiarimento ufficiale, considerato che l art. 13, del D.P.R. n. 633/ 1972, non prevede i casi di parziale indetraibilità determinati dalla destinazione del bene per effettuare operazioni esenti o comunque non soggette (art. 19, comma 2, del D.P.R. n. 633/1972), ma quelli di parziale indetraibilità oggettiva, espressamente prevista, tra l altro, unicamente per le apparecchiature terminali per il servizio radiomobile pubblico terrestre di comunicazione (i «cellulari»). Il regime del margine Il principio su cui si basa il regime del margine, di cui all art. 36 del D.L. 23 febbraio 1995, n. 41 (convertito dalla Legge 22 marzo 1995, n. 85), prevede, nelle sue linee essenziali, che se i beni sono usciti dal circuito commerciale, o, più in generale, sono acquistati senza il distinto pagamento dell imposta (acquisizione da privati, da contribuenti che hanno applicato il regime del margine, da operatori che hanno ceduto in esenzione ex art. 10, n. 27-quinquies, D.P.R. n. 633/1972), se vengono ricommercializzati, dopo essere stati acquistati da un soggetto passivo Iva, non devono scontare l Iva sull intero prezzo di vendita, altrimenti si avrebbe una duplicazione del tributo. L Iva, pertanto, va applicata al solo utile lordo realizzato dal cedente (il «margine»), calcolato facendo la differenza tra il prezzo di vendita e quello d acquisto maggiorato delle spese di riparazione e di quelle accessorie che siano comunque inerenti all acquisto (comprensive di Iva). In altre parole, l Iva è applicata 67

7 unicamente sul margine della transazione, dato che, nelle ipotesi in cui vi siano i requisiti per applicare il regime del margine, il valore del bene all atto dell acquisto è comprensivo del tributo. Si consideri l esempio seguente: un privato rivende a un impresa la propria autovettura per 60 milioni di lire (E ,41). L azienda, oltre a questo importo, spende 7 milioni e 200 mila (E 3.718,49) (Iva compresa), per le spese notarili ed oneri vari. Trascorso qualche tempo l impresa riesce a rivendere l autovettura al prezzo di 69 milioni e 600 mila lire (E , 40). Applicando il regime del margine il prezzo deve considerarsi al lordo dell imposta, perciò l acquirente pagherà lire (E ,40), senza che l importo da pagare sia incrementato dall Iva; l azienda, da parte sua, sarà debitrice verso l Erario dell Iva, pari a 400mila lire (E 206,58), ottenuta scorporando, ai sensi dell art. 27, comma 4, D.P.R. n. 633/1972, l imposta con aliquota del 20% dal solo margine lordo di 2 milioni e 400 mila lire (E 1.239,50). Tramite opzione, è comunque possibile applicare il più familiare regime ordinario di determinazione della base imponibile. Adottando il regime ordinario, tuttavia, nell esempio precedente, la cessione sarebbe gravata da Iva al 20% sulla base imponibile di lire (E ,40), pari perciò a lire (E 7.189,08) per cui il prezzo finale di vendita, Iva inclusa, sarebbe stato di complessivi lire (E ,48). In alternativa, concordato con il cessionario il prezzo globale di lire (E ,40), Iva inclusa, lo scorporo dell imposta da tale prezzo avrebbe comportato un debito verso l Erario di lire (E 5.990,90) (che avrebbe diminuito il ricavo effettivo della vendita, portandolo a lire 58 milioni - E ,50). La differenza tra prezzo di vendita e prezzo di acquisto (aumentato delle spese accessorie) può essere positiva e, in questo caso, applicando il regime del margine è scorporata l Iva da versare (così come indicato nell esempio precedente); oppure tale differenza può essere negativa, nel qual caso l adozione del regime del margine comporta che l operazione non influenzi la liquidazione dell Iva, rendendo ancora più favorevole tale regime (in quanto il ricavo effettivo coincide con il prezzo di vendita). TRATTAMENTO DELL IVA INDETRAIBILE AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE L Iva indetraibile ha natura di costo deducibile ai fini dell imposizione diretta. Nel caso di indetraibilità soggettiva parziale per effetto del pro-rata, l Iva assume la natura di spesa generale (R.M. 19 gennaio 1980, n. 9/869, in I Quattro Codici, cit.). Tale impostazione può essere superata quando l indetraibilità soggettiva parziale possa essere riferita ad una specifica immobilizzazione (es. unico bene patrimoniale acquistato); in questo caso, per il Ministero delle Finanze (v. circolare 15 maggio 1997, n. 137/E, in I Quattro Codici, cit.) l Iva indetraibile può essere sommata al costo del bene come onere di diretta imputazione, a norma dell art. 76, comma 1, lett. b, del D.P.R. 22 dicembre 1986, n Invece, nei casi di indetraibilità oggettiva al diritto di detrazione, l Iva pagata per l acquisto del bene costituisce sempre un onere di diretta imputazione. Quindi, nei casi di acquisto di un auto strumentale con Iva indetraibile, l imposta dovrà essere portata in aumento del costo del bene, ai sensi già citato art. 76. Il costo complessivo così determinato costituirà la base per procedere al calcolo delle quote di ammortamento secondo le specifiche regole fissate dall art. 121-bis del D.P.R. n. 917/1986. Si osserva, infine, che l Iva non detratta per effetto del pro-rata di detrabilità pari a zero (è il caso dei tassisti) deve essere portata in aumento del costo dell auto alla stregua di quella indetraibile per limitazione oggettiva. 68

La disciplina della detrazione IVA su autovetture, dopo la Decisione del Consiglio europeo del 18 giugno 2007

La disciplina della detrazione IVA su autovetture, dopo la Decisione del Consiglio europeo del 18 giugno 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 22 17 DICEMBRE 2007 La disciplina della detrazione IVA su autovetture, dopo la Decisione

Dettagli

GLI AUTOVEICOLI NELL'ATTIVITA' DI IMPRESA E DI LAVORO AUTONOMO ALLA LUCE DEGLI ULTIMI CHIARIMENTI

GLI AUTOVEICOLI NELL'ATTIVITA' DI IMPRESA E DI LAVORO AUTONOMO ALLA LUCE DEGLI ULTIMI CHIARIMENTI GLI AUTOVEICOLI NELL'ATTIVITA' DI IMPRESA E DI LAVORO AUTONOMO ALLA LUCE DEGLI ULTIMI CHIARIMENTI a cura di Studio Tomasin Commercialisti 1 PREMESSA L utilizzo di autoveicoli come beni strumentali nell

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

Roma, 20 febbraio 2008

Roma, 20 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 6/DPF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI Roma, 20 febbraio 2008 UFFICIO STUDI E POLITICHE GIURIDICO TRIBUTARIE Prot. 1619/2008 OGGETTO: Imposta

Dettagli

Cessione veicoli, trattamento IVA

Cessione veicoli, trattamento IVA Cessione veicoli, trattamento IVA Al fine di individuare il corretto trattamento IVA della cessione di un veicolo usato, è necessario individuare il regime di detraibilità applicato all atto di acquisto

Dettagli

STUDIO DOTT. BONVICINI

STUDIO DOTT. BONVICINI STUDIO DOTT. BONVICINI n. 9 del 10 luglio 2003 L INDETRAIBILITÀ PARZIALE DELL IVA DELLE AUTOVETTURE Soltanto in poche circostanze il contribuente ha la possibilità della detrazione dell IVA relativa all

Dettagli

Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio

Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio analisi di convenienza fiscale Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 16/05/2015 1 Principali riferimenti normativi

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare n. 11 del 28 marzo 2008 Spese auto IVA (art. 19 bis 1 DPR 633/72) Il regime di detraibilità dell Iva afferente le autovetture è stato modificato dalla Legge n. 244/2007 (Finanziaria 2008), alla

Dettagli

Spett.le Ordine Degli Architetti della Provincia di Modena Loro Iscritti

Spett.le Ordine Degli Architetti della Provincia di Modena Loro Iscritti Spett.le Ordine Degli Architetti della Provincia di Modena Loro Iscritti Modena, lì 11/04/2008 Circolare n 3 Vogliamo sottoporre alla Vostra attenzione alcune novità fiscali in vigore dal 01/01/2008 sia

Dettagli

Il trattamento Iva applicabile alla rivendita dei veicoli usati a cura di Luca Caramaschi e Fabio Garrini

Il trattamento Iva applicabile alla rivendita dei veicoli usati a cura di Luca Caramaschi e Fabio Garrini Il Punto sull Iva Il trattamento Iva applicabile alla rivendita dei veicoli usati a cura di Luca Caramaschi e Fabio Garrini Con riferimento alla cessione dei veicoli stradali a motore 1 la Legge finanziaria

Dettagli

Auto aziendali Disciplina Fiscale

Auto aziendali Disciplina Fiscale Auto aziendali Disciplina Fiscale Milano, 1.4.2007 Novità in materia di veicoli RIFERIMENTI NORMATIVI CO. 5/6-TER ART. 36 DL 223/2006 CO. 71/72 ART. 2 DL 262/2006 MODIFICA ART. 102 DEL TUIR ESCLUSIONE

Dettagli

AUTOMEZZI E DISCIPLINA IVA. ( Detrazioni - Agevolazioni - Operazioni Intracomunitarie )

AUTOMEZZI E DISCIPLINA IVA. ( Detrazioni - Agevolazioni - Operazioni Intracomunitarie ) AUTOMEZZI E DISCIPLINA IVA ( Detrazioni - Agevolazioni - Operazioni Intracomunitarie ) di Milva Anna Elena Bevacqua DETRAZIONI Molte delle disposizioni normative, concernenti l applicazione dell imposta

Dettagli

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I MONOGRAFIA IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AZIENDALI INDICE 1.1 PREMESSE 3 1.2 VEICOLI CON COSTI INTEGRALMENTE

Dettagli

AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA

AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) 1. Premessa Nel corso del 2012, il Legislatore è intervenuto sulla deducibilità

Dettagli

AGENTI DI COMMERCIO: ADEMPIMENTI FISCALI

AGENTI DI COMMERCIO: ADEMPIMENTI FISCALI Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 20/2015 Del 18 giugno 2015 AGENTI DI COMMERCIO: ADEMPIMENTI FISCALI In

Dettagli

AUTOMOBILI AZIENDALI

AUTOMOBILI AZIENDALI AUTOMOBILI AZIENDALI Il concetto di auto aziendale non trova una sua unica collocazione all interno delle norme tributarie in quanto queste prevedono diversi trattamenti fiscali a seconda della tipologia

Dettagli

Auto in uso ai dipendenti

Auto in uso ai dipendenti Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 23 23.01.2014 Auto in uso ai dipendenti Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei

Dettagli

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Seminario LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DELLE SOCIETÀ Arezzo 20 maggio 2008 Firenze 22 maggio 2008 Pisa 28 maggio 2008 UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Dott. Fabio Giommoni Le novità della dichiarazione

Dettagli

Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013

Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013 Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013 La deducibilità dei costi nel lavoro autonomo Con la presente si fornisce un quadro generale della deducibilità dei costi, a seguito delle numerose

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI VEICOLI AI FINI FISCALI

CLASSIFICAZIONE DEI VEICOLI AI FINI FISCALI Classificazione dei veicoli ai fini fiscali CLASSIFICAZIONE DEI VEICOLI AI FINI FISCALI Tenendo presente la classificazione dei veicoli in base al Codice della strada, come analizzata nel precedente capitolo,

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DEI VEICOLI

TRATTAMENTO FISCALE DEI VEICOLI TRATTAMENTO FISCALE DEI VEICOLI A CURA DELL OSSERVATORIO FISCALE E DEL LAVORO DI UNIONCED ED UNIONLAVORO Gianfranco Costa Copyright 2003 UnionCed-UnionLavoro Materiale riservato ai soci Vietata la riproduzione

Dettagli

Fiscalità delle auto aziendali N 04/2016 DISPENSA. A cura del Settore. Fisco e Diritto d'impresa

Fiscalità delle auto aziendali N 04/2016 DISPENSA. A cura del Settore. Fisco e Diritto d'impresa Fiscalità delle auto aziendali DISPENSA N 04/2016 A cura del Settore Fisco e Diritto d'impresa 22/04/16 Indice Contenuti 1.1 Veicoli a deducibilità integrale 4 1.2 Veicoli a deducibilità limitata 5 1.3

Dettagli

GLI APPROFONDAMENTI WE DRIVE: FISCALITA 2013 PER LE AUTO IMPOSTE DIRETTE (IRPEF IRES IRAP)

GLI APPROFONDAMENTI WE DRIVE: FISCALITA 2013 PER LE AUTO IMPOSTE DIRETTE (IRPEF IRES IRAP) GLI APPROFONDAMENTI WE DRIVE: FISCALITA 2013 PER LE AUTO LA NORMATIVA DÌ BASE Le principali IMPOSTE che gravano sulle auto, sono: (IRPEF, IRES, IRAP) disciplinate dall art. 164 del TUIR (DPR 917/86, così

Dettagli

Imposta sul Valore Aggiunto

Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto Detrazione Art. 19 dpr 633/72 Rivalsa Art. 18 dpr 633/72 Neutralit à 1 Momento impositivo art. 6 d.p.r. n. 633/72 Momento di effettuazione dell operazione Esigibilità Obbligo

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE 1/5 OGGETTO DISCIPLINA FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE E DELLE IMPOSTE INDIRETTE CLASSIFICAZIONE DT ART. 164 TUIR RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 19 BIS1, COMMA 1, D.P.R. 26 OTTOBRE

Dettagli

LE NOVITA FISCALI DELLA FINANZIARIA 2007

LE NOVITA FISCALI DELLA FINANZIARIA 2007 Seminario LE NOVITA FISCALI DELLA FINANZIARIA 2007 Firenze 26 GENNAIO 2007 Le novità in materia di fringe benefit e stock option Auto Aziendali Stock Option Dott. Fabio Giommoni Studio Legale e Tributario

Dettagli

Guida alla fiscalità dell'auto

Guida alla fiscalità dell'auto Guida alla fiscalità dell'auto AGGIORNAMENTO 01/2013 LE IMPOSTE SULL'AUTO: DIRETTE E INDIRETTE COSA CAMBIA CON LA LEGGE DI STABILITÀ TABELLA RIASSUNTIVA SULLA FISCALITÀ DELL'AUTO Il presente documento

Dettagli

S TUDIO F ORTAREZZA & A SSOCIATI. Circolare Gennaio 2008 n 2. Milano, 10 gennaio 2008 FINANZIARIA 2008

S TUDIO F ORTAREZZA & A SSOCIATI. Circolare Gennaio 2008 n 2. Milano, 10 gennaio 2008 FINANZIARIA 2008 Servizio circolari per la clientela Circolari specialistiche sui temi giuridici. tributari e finanziari. Circolare Gennaio 2008 n 2 Milano, 10 gennaio 2008 FINANZIARIA 2008 Le nuove regole di detrazione

Dettagli

AUTO. 9.038,00 : costo storico = X : ammortamento civilistico residuo al 31.12.97.

AUTO. 9.038,00 : costo storico = X : ammortamento civilistico residuo al 31.12.97. AUTO TIPOLOGIA Vengono qui trattati i soli autoveicoli intestati ad aziende che non hanno come attività propria dell impresa il commercio degli stessi e che non appartengano alla categorie di autocarri,

Dettagli

Fisco ed auto aziendali

Fisco ed auto aziendali Fisco ed auto aziendali Fleet Manager Academy Verona, 21 ottobre 2014 (PalaExpo Veronafiere) Relatori: Carla Brighenti Dottore Commercialista Davide De Giorgi Avvocato Tributarista DEFINIZIONE DI AUTO

Dettagli

Oggetto di cosa si tratta. Ambito Soggettivo soggetti beneficiari. Beni Agevolabili ambito oggettivo

Oggetto di cosa si tratta. Ambito Soggettivo soggetti beneficiari. Beni Agevolabili ambito oggettivo Agevolazioni fiscali 2016 Oggetto di cosa si tratta Un importante beneficio fiscale è stato introdotto dalla legge di Stabilità 2016 per gli acquisti di beni strumentali NUOVI effettuati nel periodo compreso

Dettagli

Anno 2013 N.RF018. La Nuova Redazione Fiscale AUTO AZIENDALI - NUOVA DEDUCIBILITÀ DAL2013

Anno 2013 N.RF018. La Nuova Redazione Fiscale AUTO AZIENDALI - NUOVA DEDUCIBILITÀ DAL2013 Anno 2013 N.RF018 ODCEC VASTO OGGETTO La Nuova Redazione Fiscale AUTO AZIENDALI - NUOVA DEDUCIBILITÀ DAL2013 www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 10 RIFERIMENTI ART. 164 TUIR; ART. 4 C. 72 L. 92/2012; ART.

Dettagli

Fiscal News N. 38. Veicolo strumentale solo ai fini Iva. La circolare di aggiornamento professionale 03.02.2014

Fiscal News N. 38. Veicolo strumentale solo ai fini Iva. La circolare di aggiornamento professionale 03.02.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 38 03.02.2014 Veicolo strumentale solo ai fini Iva Categoria: Auto Sottocategoria: Iva Ai fini Iva, con la L. n. 244/2007 è stato regolamentato

Dettagli

DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE

DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE I soggetti passivi Iva anche se nel periodo di riferimento non hanno effettuato operazioni rilevanti ai fini del tributo, sono obbligati

Dettagli

RIMBORSO DELL'IVA AUTOVETTURE

RIMBORSO DELL'IVA AUTOVETTURE RIMBORSO DELL'IVA AUTOVETTURE Approvazione dei modelli per il rimborso dell'iva sulle auto in base alla sentenza della Corte di Giustizia europea C-228/05 evoluzione normativa (breve riepilogo) situazione

Dettagli

CIRCOLARE N.55/E. Roma, 12 ottobre 2007

CIRCOLARE N.55/E. Roma, 12 ottobre 2007 CIRCOLARE N.55/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 ottobre 2007 OGGETTO: Acquisto di autoveicoli e di beni e servizi connessi chiarimenti in relazione alle modalità di esercizio della

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 agosto 2006 OGGETTO:Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni di fabbricati

Dettagli

Rivenditori di auto usate: recente sentenza della Corte UE ribadisce l impossibilità di applicare il regime del margine a cura di Luca Caramaschi

Rivenditori di auto usate: recente sentenza della Corte UE ribadisce l impossibilità di applicare il regime del margine a cura di Luca Caramaschi Il Punto sull Iva Rivenditori di auto usate: recente sentenza della Corte UE ribadisce l impossibilità di applicare il regime del margine a cura di Luca Caramaschi Con la recente sentenza datata 19 luglio

Dettagli

Circolare N. 9/2006 LE NOVITA FISCALI IN MATERIA DI VEICOLI AZIENDALI

Circolare N. 9/2006 LE NOVITA FISCALI IN MATERIA DI VEICOLI AZIENDALI Via G. Bovini, 41-48100 Ravenna (RA) Tel. 0544-501881 Fax 0544-461503 www.consulentiassociati.ra.it Altra sede: Dott. Franco Foschini 48012 Bagnacavallo (RA) Dott. Paolo Mazza Via Brandolini, 11 Dott.

Dettagli

Circolare Informativa n. 2/2013

Circolare Informativa n. 2/2013 Dr. Carmelo Grillo Dottore commercialista Revisore contabile Dr. Santi Grillo Consulente del lavoro - Dottore commercialista Revisore contabile Circolare Informativa n. 2/2013 Olivarella, 14.01.2013 Ai

Dettagli

DETRAZIONE IVA SULLE AUTOVETTURE

DETRAZIONE IVA SULLE AUTOVETTURE Bassano del Grappa, 29 Gennaio 2008 CIRCOLARE AUTO AZIENDALI Presentazione L anno 2007 si caratterizza per la frequenza degli interventi che interessano il settore delle auto utilizzate nell esercizio

Dettagli

Mondo fiscale. ottobre 05. www.sidasrl.it

Mondo fiscale. ottobre 05. www.sidasrl.it CONCESSIONARI IMPORTI DOVUTI ALL AMMINISTRAZIONE MONOPOLI DI STATO D.M. 7 dicembre 2004 RECUPERO DI CREDITI TRIBUTARI ASSISTENZA RECIPROCA D.M. 22 luglio 2005, n. 179 VALUTE ESTERE ACCERTAMENTO CAMBIO

Dettagli

La gestione fiscale ed amministrativa del parco auto. Relatori: Carla Brighen0 Do3ore Commercialista Davide De Giorgi Avvocato Tributarista

La gestione fiscale ed amministrativa del parco auto. Relatori: Carla Brighen0 Do3ore Commercialista Davide De Giorgi Avvocato Tributarista La gestione fiscale ed amministrativa del parco auto Relatori: Carla Brighen0 Do3ore Commercialista Davide De Giorgi Avvocato Tributarista Le disposizioni caratterizzanti la gestione della flotta aziendale

Dettagli

Legge Finanziaria 2008: nuove disposizioni in materia di detrazione dell IVA.

Legge Finanziaria 2008: nuove disposizioni in materia di detrazione dell IVA. IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 11 DEL 14 FEBBRAIO 2008 Legge Finanziaria 2008: nuove disposizioni in materia di detrazione dell IVA. PROVVEDIMENTI COMMENTATI Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (art, 1,

Dettagli

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali La circolare di aggiornamento professionale N. 269 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la modifica dell art. 164, comma 1, TUIR da

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA

Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA Il rapporto fra il fisco italiano e le auto non è certo dei più semplici e tranquilli. Le modifiche normative alla deducibilità dei costi

Dettagli

IVA detraibile sugli immobili destinati ad attivita` turistico-alberghiere

IVA detraibile sugli immobili destinati ad attivita` turistico-alberghiere detraibile sugli immobili destinati ad attivita` turistico-alberghiere di Antonella Benedetto LA NOVITA` L Agenzia delle Entrate ha precisato che gli immobili abitativi utilizzati nell ambito di un attivita`

Dettagli

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF Sezione prima - Imposte dirette Struttura della nuova IRPEF STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF I commi da 6 a 9, Legge finanziaria 2007, intervenendo a modifica del TUIR, riscrivono ancora una volta la struttura

Dettagli

ntrate PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni

ntrate PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni MODELLO DEI DATI RILEVANTI AI FINI DELL APPLICAZIONE

Dettagli

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego*

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* SCHEDE OPERATIVE n.1/2006 non OdV Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* Come per l Ires, anche in materia di Iva, è l iscrizione o meno

Dettagli

Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013

Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013 Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013 La deducibilità dei costi per professionisti ed artisti Con la presente si fornisce un quadro generale della deducibilità dei costi, a seguito delle

Dettagli

Il Punto sull Iva. Le novità della dichiarazione Iva 2008 a cura di Francesco Facchini

Il Punto sull Iva. Le novità della dichiarazione Iva 2008 a cura di Francesco Facchini Il Punto sull Iva Le novità della dichiarazione Iva 2008 a cura di Francesco Facchini Premessa Nel presente intervento verranno esaminate le novità della dichiarazione Iva 2008 da inviare esclusivamente

Dettagli

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro G Il contribuente, per la compilazione di questo

Dettagli

4.2.5 QUADRO VF OPERAZIONI PASSIVE E IVA AMMESSA IN DETRAZIONE

4.2.5 QUADRO VF OPERAZIONI PASSIVE E IVA AMMESSA IN DETRAZIONE 4.2.5 QUADRO VF OPERAZIONI PASSIVE E IVA AMMESSA IN DETRAZIONE Il quadro si compone di quattro sezioni: 1) Ammontare degli acquisti effettuati nel territorio dello Stato, degli acquisti intracomunitari

Dettagli

PROFILI FISCALI DELLE ATTIVITA MEDICHE

PROFILI FISCALI DELLE ATTIVITA MEDICHE PROFILI FISCALI DELLE ATTIVITA MEDICHE a cura Antonino Pernice L attività medica può essere esercitata: alle dipendenze di un ente ospedaliero o di una casa di cura (Medico dipendente); in qualità di libero

Dettagli

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA LA TREMONTI-TER TER Dott. Giampiero GUARNERIO Diretta 17 maggio 2010 AGENDA Che cosa è la Tremonti-ter Principali differenze rispetto alle precedenti versioni Quali soggetti ne possono beneficiare Quali

Dettagli

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE CIRCOLARE Padova, 1^ ottobre 2007 SPETT.LI CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Locazione di immobili e altre problematiche fiscali. Con la presente Vi informiamo che è stata pubblicata la Legge 448/2006, che ha

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 11 DEL 14.09.15

COMUNICAZIONE N. 11 DEL 14.09.15 - A.I.P. C.F. : 95142960657 P.IVA: 05115830654 COMUNICAZIONE N. 11 DEL 14.09.15 Cari Colleghi, abbiamo ricevuto da diversi amici richiesta di delucidazioni in merito alla problematica relativa alla cessione

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Filippo Carraro filippocarraro@sarragioto.it Alberto Riondato albertoriondato@sarragioto.it Alessandra

Dettagli

Guida alla fiscalità dell auto.

Guida alla fiscalità dell auto. Guida alla fiscalità dell auto. Indice 1. Introduzione 2. 3. Imposte indirette 4. Tabelle fiscali di sintesi 4.1. Tabella fiscale Noleggio auto a Lungo Termine 4.2. Tabella fiscale acquisto 4.3. Tabella

Dettagli

DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA

DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA VIENE UTILIZZATA DALLA GENERALITA DEI SOGGETTI PASSIVI SIA QUANDO EFFETTUANO OPERAZIONI IMPONIBILI, NON

Dettagli

NOVITA TRIBUTARIE E SOCIETARIE 2012 (dal D.L. 1/2012 al D.L. 83/2012)

NOVITA TRIBUTARIE E SOCIETARIE 2012 (dal D.L. 1/2012 al D.L. 83/2012) NOVITA TRIBUTARIE E SOCIETARIE 2012 (dal D.L. 1/2012 al D.L. 83/2012) TORINO 30 ottobre 2012 DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSULENTI DEL LAVORO TORINO CORSO MATTEOTTI 44 TEL. 011 5623588 (3 LINEE R.A.) fax

Dettagli

INFORMAZIONI SUL LEASING

INFORMAZIONI SUL LEASING INFORMAZIONI SUL LEASING CHE COS'È IL LEASING Il leasing, o locazione finanziaria, è un contratto con il quale un soggetto (Utilizzatore) richiede ad una società finanziaria (Concedente) di acquistare

Dettagli

La tassazione ai fini delle imposte indirette delle cessioni di immobili

La tassazione ai fini delle imposte indirette delle cessioni di immobili La tassazione ai fini delle imposte indirette delle cessioni di immobili Dr. Nicola Forte Roma, 25 gennaio 2011 1 La tassazione ai fini delle imposte indirette delle cessioni di immobili Il regime Iva

Dettagli

AUTO. punto P.2 della carta di circolazione; (2) punto F.2 della carta di circolazione; (3)

AUTO. punto P.2 della carta di circolazione; (2) punto F.2 della carta di circolazione; (3) AUTO Definizione di autovetture ed autocarri - La Finanziaria 2008 ha ridefinito la tipologia degli autoveicoli eliminando ogni riferimento alle disposizioni del Codice della Strada ed introducendo la

Dettagli

Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali

Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali Circolare 02/06 Regime di detraibilità Iva e deducibilità dei costi relativi alle auto aziendali A. Detraibilità Iva La normativa sulla detraibilità dell Iva pagata al momento dell acquisto di veicoli

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

Area Contabilità EFFETTI CONTABILI DELLA DETRAIBILITA DELL IVA 1

Area Contabilità EFFETTI CONTABILI DELLA DETRAIBILITA DELL IVA 1 In questo intervento si intendono esaminare le conseguenze di natura contabile, civilistica e fiscale che si generano per effetto dell indetraibilità (sia essa totale o parziale) dell Iva assolta sugli

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

?SOMMARIO SOMMARIO FISCO IN PRATICA VII

?SOMMARIO SOMMARIO FISCO IN PRATICA VII ?SOMMARIO SOMMARIO Capitolo 1 REDDITO DI IMPRESA: AUTOVEICOLI DEDUCIBILI AL 100% - IMPOSTE DIRETTE 1.1 Premessa... 3 1.2 L acquisto di veicoli deducibili al 100%... 3 1.2.1 Beni strumentali... 5 1.2.2

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 8/2012. OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile.

NOTA OPERATIVA N. 8/2012. OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile. NOTA OPERATIVA N. 8/2012 OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile. - Introduzione L ormai sempre più rapido progresso tecnologico può rendere difficoltosa,

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre parti ognuna con un diverso interesse economico,

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 14/2013 GENNAIO/14/2013 (*)

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 14/2013 GENNAIO/14/2013 (*) Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 14/2013 GENNAIO/14/2013 (*) 31 Gennaio 2013 LA RIDUZIONE DELLA DEDUCIBILITÀ

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO IMPOSTE E TASSE DIVERSE FILMATO VideoFisco 5.03.2008 Info al n. 0376-775130 FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI

Dettagli

INDICE GUIDA OPERATIVA

INDICE GUIDA OPERATIVA GUIDA OPERATIVA MODELLI DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA 1 Premessa 1 Novità 1 Soggetti che presentano la dichiarazione IVA in via autonoma 3 Struttura dei modelli 3 Modalità e termini di presentazione della

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Spettabili Padova, 21 dicembre 2012 CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Vendita e locazione di immobili nuovi adempimenti fiscali. VENDITA Con la presente Vi informiamo che si applica il meccanismo dell

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Il rimborso dell iva sulle autovetture

Il rimborso dell iva sulle autovetture Il rimborso dell iva sulle autovetture 1 PREMESSA A seguito della pronuncia della Corte di Giustizia UE (sent. 14.9.2006 causa C-228/05, sollevata dall ordinanza della Commissione Tributaria di I grado

Dettagli

Imponibilità Iva per le immobiliari e gestione del pro rata

Imponibilità Iva per le immobiliari e gestione del pro rata Imponibilità Iva per le immobiliari e gestione del pro rata Qualora l attività di «tax planning» delle società immobiliari di gestione dovesse preferire l applicazione dell imposta di registro, si dovrà

Dettagli

L IVA NELLE OPERAZIONI IMMOBILIARI: a cura di Gian Paolo Tosoni

L IVA NELLE OPERAZIONI IMMOBILIARI: a cura di Gian Paolo Tosoni L IVA NELLE OPERAZIONI IMMOBILIARI: a cura di Gian Paolo Tosoni SOMMARIO: 1. LE OPERAZIONI DI ACQUISTO E LE PROBLEMATICHE DI DETRAZIONE DELL IMPOSTA 2. LA VENDITA DEGLI IMMOBILI, L APPLICAZIONE DELL IVA

Dettagli

CONTRATTO di LEASING NOVITÀ del DECRETO SEMPLIFICAZIONI

CONTRATTO di LEASING NOVITÀ del DECRETO SEMPLIFICAZIONI Circolare informativa per la clientela n. 19/2012 del 7 giugno 2012 CONTRATTO di LEASING NOVITÀ del DECRETO SEMPLIFICAZIONI In questa Circolare 1. Imposte sui redditi 2. Irap 3. Iva 4. Altre imposte indirette

Dettagli

SERVIZIO FISCALE CIRCOLARE 31.2012 25/07/2012. NOVITA IVA IN EDILIZIA (Art. 9 D.L. n. 83/12 - Decreto Sviluppo ) PREMESSA

SERVIZIO FISCALE CIRCOLARE 31.2012 25/07/2012. NOVITA IVA IN EDILIZIA (Art. 9 D.L. n. 83/12 - Decreto Sviluppo ) PREMESSA SERVIZIO FISCALE CIRCOLARE 31.2012 25/07/2012 NOVITA IVA IN EDILIZIA (Art. 9 D.L. n. 83/12 - Decreto Sviluppo ) PREMESSA L art. 9 del DL 22 giugno 2012, n. 83 (pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 129

Dettagli

Auto aziendali: la riduzione delle percentuali di deducibilità invita a valutare strade alternative

Auto aziendali: la riduzione delle percentuali di deducibilità invita a valutare strade alternative Focus di pratica professionale di Luca Caramaschi Auto aziendali: la riduzione delle percentuali di deducibilità invita a valutare strade alternative Con la Legge n.228/12 (la Legge di Stabilità 2013 )

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO

TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO TIPOLOGIA COSTO Acquisto autovetture DEDUCIBILITA PER DETERMINARE IL REDDITO D IMPRESA Ammortizzabile 80% su max. 25.822,84 DETRAIBILITÀ

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

CESSIONI di IMMOBILI NOVITÀ

CESSIONI di IMMOBILI NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 4/2011 del 03 marzo 2011 CESSIONI di IMMOBILI NOVITÀ In questa Circolare 1. Immobili abitativi 2. Immobili strumentali 1 A seguito delle disposizioni introdotte

Dettagli

INDICE GUIDA OPERATIVA

INDICE GUIDA OPERATIVA INDICE GUIDA OPERATIVA MODELLI DI DICHIARAZIONE IVA RELATIVI ALL ANNO 2012 1 Premessa 1 Novità 1 Soggetti che presentano la dichiarazione IVA in via autonoma 2 Struttura dei modelli 3 Modalità e termini

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto Acquisto e vendita di autovetture ad uso promiscuo (Aggiornata al 10.05.2009) Riferimenti normativi Relativamente alle imposte dirette, l art. 15-bis del D.L. 81/2007 intervenendo

Dettagli

Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali

Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali Moro & Partners Il Nuovo Trattamento Fiscale delle Autovetture Aziendali Quadro di sintesi utile per potersi orientare all interno delle recenti modifiche normative in tema di autoveicoli aziendali. Moro

Dettagli

AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO

AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO Come è noto, l articolo 4, commi 72 e 73, della Legge 28-6-2012 n. 92, in vigore dal 12 agosto 2012, ha abbassato la soglia di deducibilità delle spese e degli

Dettagli

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA APPROFONDIMENTI 12 febbraio 2008 Copyright 2000-2006 Wolters Kluwer Italia. Riproduzione Vietata. REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA di Annibale Dodero tratto da IPSOA, Corriere Tributario, n.

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Torino, 06 maggio 2014 I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Dott. Gustavo Desana DEFINIZIONE CIVILISTICA Il lavoro autonomo civilisticamente ricade nella categoria dei contratti d opera. L art. 2222 C.c. definisce

Dettagli

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi.

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi. AGEVOLAZIONI SETTORE AUTOTRASPORTO IMPOSTE SUI REDDITI Deduzione forfettarie (Art. 66 comma 5 TUIR) Alle imprese autorizzate all autotrasporto di merci per conto terzi spetta una deduzione forfettaria

Dettagli

professionisti X. Autovetture e professionisti

professionisti X. Autovetture e professionisti professionisti X. Autovetture e professionisti Spese detraibili - Limiti alla detrazione IVA - Limiti alla deduzione del lla detrazione IVA - Limiti alla deduzione del costo di acquisto - Confronto fra

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. Pagina1 CIRCOLARE Padova, 15 gennaio 2013 Spettabili CLIENTI LORO SEDI OGGETTO: Fiscalità degli autoveicoli a motore a decorrere dal 2013. Con la Legge di Stabilità si stabilisce che le autovetture aziendali,

Dettagli

Unico 2007 e novità fiscali

Unico 2007 e novità fiscali SCGT Studio di Consulenza Giuridico-Tributaria Unico 2007 e novità fiscali Alberto Trabucchi Latina, 15 maggio 2007 Indice 1 Regime fiscale dei beni d impresa: - terreni - beni immateriali - auto/motoveicoli

Dettagli

RISOLUZIONE N.1/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,02 gennaio 2003

RISOLUZIONE N.1/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,02 gennaio 2003 RISOLUZIONE N.1/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,02 gennaio 2003 Oggetto: Istanza d interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. INPDAP- IVA-Trattamento fiscale applicabile ai mutui

Dettagli