Capitolato tecnico per l affidamento del servizio di tesoreria e cassa per l azienda ULSS n. 8 di Asolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato tecnico per l affidamento del servizio di tesoreria e cassa per l azienda ULSS n. 8 di Asolo"

Transcript

1 Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO dipartimento strutturale risorse tecniche e informatiche unità operativa provveditorato, economato e gestione della logistica - direttore: dott.ssa Patrizia Favero Capitolato tecnico per l affidamento del servizio di tesoreria e cassa per l azienda ULSS n. 8 di Asolo Versione Autore Data V3 A. Cendron Pag. 1 di 13

2 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 Art. 17 Art. 18 Art. 19 Art. 20 Art. 21 Oggetto del servizio Attivazione e durata del servizio Modalità di esecuzione del servizio Compenso per il servizio ed altre informazioni Esercizio aziendale Riscossione delle entrate Pagamento delle spese Pagamento degli emolumenti al personale dipendente, convenzionato e alle farmacie Servizi di cassa interna e fondi operativi Comunicazione dei soggetti con poteri di firma Documenti informatici con Firma Digitale Sistema informativo del Servizio Bancario Anticipazione di cassa Rapporti di conto corrente Gestione Servizi Sociali e gestioni liquidatorie Acquisizione di servizi aggiuntivi Contributo di tesoreria Continuità del servizio Controlli qualitativi periodici Sistema di monitoraggio e controllo Contestazioni e penali Pag. 2 di 13

3 Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Capitolato ha per oggetto l affidamento del servizio di tesoreria e cassa per l Azienda ULSS n. 8 della Regione Veneto. Con la cessazione del servizio l aggiudicatario è tenuto a garantire tutte le operazioni contabili necessarie, la conciliazione contabile con le scritture dell ULSS8, il deposito presso la medesima di tutta la documentazione inerente la gestione del servizio medesimo, ivi compresi i titoli e i valori. L Azienda ULSS n. 8 di Asolo conferisce all Istituto Bancario/RTI aggiudicatario della procedura di gara il servizio di tesoreria e cassa, compreso quello relativo a contabilità speciali e gestioni autonome, come descritte dal presente capitolato e dal disciplinare di gara. Il presente servizio non comporta oneri economici per l Azienda ULSS. Nel prosieguo del presente documento, per brevità, con i termini Azienda ULSS, ULSS, Stazione Appaltante, Committente, Azienda Sanitaria si intende l Azienda ULSS n. 8 di Asolo, mentre con i termini Banca, Istituto bancario, Affidataria/o, Aggiudicataria/o, Ditta, Impresa, Appaltatore/trice si intende il concorrente cui viene affidato il servizio a seguito della procedura di gara. Art. 2 Attivazione e durata del servizio Il servizio avrà la durata massima di 5 anni, rinnovabile di ulteriori 4 alla naturale scadenza del contratto, a decorrere dal giorno indicato nella delibera di affidamento o successiva comunicazione da parte della Stazione Appaltante.. L aggiudicatario è comunque tenuto su richiesta dell ULSS8 a proseguire il servizio in questione oltre i termini di scadenza fino all espletamento di una nuova procedura si aggiudicazione e comunque non oltre 365 giorni dalla normale scadenza del contratto. L Azienda si riserva l'insindacabile diritto di rescindere anticipatamente il contratto in caso di fusione, di incorporazione o di modifica della sua composizione che comporti un significativo mutamento dell'attuale ambito territoriale. Art. 3 Modalità di esecuzione del servizio 1. Il servizio di Tesoreria e Cassa dovrà essere svolto secondo le disposizioni in materia vigenti nel tempo, presso la sede individuata dall aggiudicatario e tramite tutti gli sportelli del soggetto aggiudicatario. La Banca dovrà mantenere, per tutta la durata del servizio, almeno uno sportello attivo in uno dei seguenti Comuni: Castelfranco Veneto e/o Montebelluna. 2. La Banca dovrà produrre tutti i documenti ed i flussi informativi previsti dalla normativa in vigore nel tempo (rendicontazioni periodiche, conto della gestione contabile di cui all art. 93 del D. Lgs. n. 267/2000, ecc.), la trasmissione dei dati SIOPE di cui al DMEF del 5 marzo 2007 e s.m.i., nonché di eventuali successive disposizioni che dovessero intervenire in materia di flussi Pag. 3 di 13

4 informativi. L istituto di credito aggiudicatario del servizio di tesoreria ha l obbligo di curare anche i rapporti con le sezioni di tesoreria provinciale dello stato, per quanto di competenza, in base a quanto stabilito dall art. 77 del decreto legge 112/2008 convertito nella legge 133/ Il servizio di tesoreria e cassa riguarda la gestione dei servizi sanitari e la gestione dei servizi sociali. Per quest ultima gestione la legge regionale 55/1994, all art. 3, comma 2, stabilisce la separata evidenza, pertanto dovrà essere attivato un apposito conto di tesoreria. 4. Il tesoriere garantisce inoltre alle medesime condizioni il servizio di tesoreria e cassa alla gestione della disciolta gestione liquidatoria. 5. La Banca dovrà custodire ed amministrare gratuitamente sotto la propria responsabilità i titoli ed i valori che rientrano nella disponibilità dell Azienda, nonché quelli depositati da terzi per cauzioni a favore della stessa; questi ultimi dovranno essere restituiti alle Ditte con regolare ordine emesso dalla Banca entro 5 (cinque) giorni dalla richiesta di scarico da parte dell Azienda e dovranno avere gestione separata in un conto corrente specifico fruttifero e per questi è garantita la rendicontazione semestrale. 6. La Banca curerà gratuitamente le operazioni di conto corrente postale, provvedendo anche ai relativi prelevamenti su disposizione dell Azienda. 7. Il servizio di tesoreria comprende la gestione della riscossione dei tickets sanitari a carico dei cittadini utenti, la riscossione delle tariffe dell'attività ospedaliera, di quella specialistico ambulatoriale, delle tariffe dei diritti sanitari e veterinari e di ogni altra riscossione inerente l attività dell Azienda. II servizio comprende anche la raccolta del denaro e la gestione di tutte le emettitrici di ricevuta ticket presenti nelle sedi dei presidi ospedalieri di Castelfranco Veneto e Montebelluna oltre che presso le sedi distrettuali di Asolo, Castelfranco Veneto, Valdobbiadene, Crespano del Grappa, Riese Pio X, Vedelago, Giavera del Montello e Pederobba. Tale servizio si intende esteso anche alla raccolta del denaro presente nelle Casse Aziendali delle sedi appena menzionate. La Banca si impegna, tramite propri addetti o tramite personale di società di service all'uopo delegata, a ritirare i contenitori di denaro, ad effettuare il riscontro delle consistenze, le quadrature contabili di ogni emettitrice di ticket ed a mantenere sempre adeguatamente riforniti i cassetti rendi banconote e rendi monete incorporati nelle apparecchiature. Il fondo cassa del riscuotitore viene messo a disposizione dall Azienda. I dati identificativi, comprensivi di foto, del personale addetto alla raccolta del denaro, sia dipendente della Banca o della società in service delegata, dovranno essere preventivamente comunicati all Azienda e tempestivamente aggiornati in caso di sostituzioni. La raccolta del contante incassato dalle emettitrici e dalle casse aziendali deve avvenire presso le sedi ospedaliere ogni giorno dal lunedì al venerdì e mentre dovrà avere cadenza almeno di due volte a settimana per le altre strutture. Gli orari di ritiro devono essere concordati con i cassieri delle singole sedi. I valori verranno (contanti, assegni, vaglia) saranno immessi dall ULSS in apposito plico fornito dal tesorerie, sigillato e numerato, contenente una apposita distinta di versamento, datata e firmata, indicante il dettaglio dei contanti, il dettaglio degli assegni, il numero e l intestazione del conto di tesoreria Le somme così raccolte devono essere contabilizzate entro il giorno lavorativo successivo a quello del prelevamento. La Banca dovrà inoltre, dall inizio effettivo del servizio, provvedere all installazione di un dispositivo per il pagamento con POS e Carta di Credito in ciascuno degli sportelli cassa Pag. 4 di 13

5 dell Azienda oltre che in ciascuna emettitrice e di almeno due sportelli bancomat (ATM) nelle sedi da concordarsi con l Azienda; tutti gli oneri relativi alle operazioni effettuate tramite POS e Carta di Credito, all installazione dello sportello ATM sono a totale carico della Banca. 8. La Banca mette a disposizione gratuitamente dell Azienda, compresi eventuali oneri di gestione: n. 3 POS MOBILE per la riscossione dei proventi sanitari nel territorio; n. 1 Carta di credito aziendale 9. L Azienda e la Banca collaborano nel campo dell'informatica, onde consentire il razionale utilizzo e il potenziamento degli strumenti di elaborazione dati e di controllo elettronico dei servizi. In particolare la Banca assicura il collegamento "on-line" - con spese a proprio carico - con l Azienda per il trasferimento degli ordinativi di pagamento e di riscossione, per il trasferimento all Azienda dei movimenti di riscossione e pagamento privi di relativi ordinativi, per verifiche e interrogazioni sulla situazione dell'azienda e per eventuali altri servizi di "home - banking" a cui l ente fosse interessato. 10. La Banca deve prestare l'assistenza e la consulenza richiesta dall Azienda in merito all eventuale acquisizione di finanziamenti speciali, compresi eventuali ricorsi a project financing e leasing finanziari. 11. La Banca deve accettare le delegazioni di pagamento emesse dall Azienda in garanzia di eventuali mutui, da questa stipulati, con l'obbligo da parte della stessa Banca di accantonare dalle disponibilità di cassa le somme necessarie per il pagamento delle relative rate di ammortamento. 12. La Banca tesoriere adeguerà le proprie procedure in relazione alle variazioni che l Azienda dovesse apportare ai propri servizi per esigenze organizzative e gestionali. Art. 4 Compenso per il servizio ed altre informazioni II servizio oggetto del presente capitolato è gratuito; non è previsto nessun rimborso neppure per le spese vive di gestione ed imposte e tasse eventualmente gravanti dli estratti contabili (spese postali, imposta di bollo, oneri su ordinativi di pagamento sia tramite bonifico che assegno, oneri tenuta conti correnti, invio estratti conto, pagamenti e riscossioni da e verso l estero, ecc.). Considerato che, pur non essendo quantificabile il valore dell affidamento, la remunerazione complessiva del prestatore di servizio nel periodo previsto possa considerarsi al di sopra della soglia di rilievo comunitario, nel formulare la propria offerta, l Istituto dovrà tener conto inoltre delle seguenti dimensioni dell Azienda: Rif. Anno 2014: Numero dei provvisori di incasso (movimenti di incasso in banca): (SANITARIO) e 269 (SOCIALE); Numero dei mandati di pagamento: (SANITARIO) e (SOCIALE); Valore delle riscossioni effettuate: ,33 (SANITARIO) e ,83 (SOCIALE); Valore dei pagamenti effettuati: ,22 (SANITARIO) e ,47 (SOCIALE); Anticipazione massima utilizzabile, (pari ad 1/12 dell importo complessivo dei ricavi iscritti a bilancio di previsione per l anno di riferimento) per l anno 2015: ,06 (SANITARIO) e ,83 (SOCIALE). Pag. 5 di 13

6 Art. 5 Esercizio aziendale L'esercizio contabile dell Azienda ha durata annuale, con inizio il 1 gennaio e fine il 31 dicembre di ciascun anno. Gli ordinativi informatici a firma digitale non saranno restituiti dalla Banca in quanto già in possesso, fin dall invio, in originale dall Azienda. La Banca si impegna a consegnare nei termini previsti dalla vigente normativa unitamente al Rendiconto del Tesoriere, un supporto informatico ovvero un apposito pacchetto contenente i dati relativi all esecuzione dei mandati/reversali a firma digitale, ciò eventualmente anche in sostituzione del cartaceo. Il pacchetto inoltrato e sottoscritto con firma digitale, il supporto informatico ovvero la documentazione cartacea (tabulato meccanografico dei pagamenti, bollettario delle entrate ed altra documentazione inerente la gestione del Servizio) costituiscono discarico formale per l esercizio del quale è reso il Rendiconto del Tesoriere. Art. 6 Riscossione delle entrate Le entrate sono incassate dalla Banca in base ad ordinativi di riscossione, individuali o collettivi, emessi dall Azienda, numerati progressivamente per ciascun esercizio e per ciascuna gestione e contenenti: l'esercizio e la data; indicazione chiara delle causali dei versamenti; lo stato ai fini dell'imposta sul bollo; il cognome e il nome o la ragione sociale, l'indirizzo o la sede dei debitori; gli importi da introitare; ogni altra precisazione riguardante le modalità di riscossione dei titoli; le firme di sottoscrizione previste dal presente disciplinare tecnico. La Banca è tenuta ad accettare tutti i versamenti che i terzi intendono effettuare a favore dell Azienda e a rilasciare le relative quietanze, numerate progressivamente nell'ambito di ciascuna gestione, senza oneri sul titolo di versamento a carico dei terzi versanti, ad eccezione delle riscossioni per le quali la Banca ha rilasciato ricevuta/fattura dell Azienda. Copia delle quietanze o altro documento contenente gli stessi elementi devono essere tempestivamente trasmessi all Azienda (anche in formato elettronico) che provvederà all'emissione degli ordinativi entro il 30 del mese successivo. La Banca è tenuta ad effettuare il servizio di riscossione dei corrispettivi di cui al precedente art. 3, comma 7, con rilascio di quietanza madre e figlia, presso tutti i propri sportelli. Con cadenza periodica (da concordare) la Banca dovrà consegnare all Azienda un elenco dei versamenti eseguiti e non coperti da ordinativi di riscossione. Gli assegni emessi a favore dell Azienda sono presentati per l'incasso dal Dirigente del Servizio Economico-Finanziario o da altro dipendente autorizzato. Gli ordinativi di riscossione conseguenti sono emessi con le modalità di cui al precedente comma. L Azienda autorizza, fin d'ora, la banca ad addebitare sul conto corrente l'importo degli assegni che gli venissero restituiti insoluti dopo l'accreditamento. La riscossione degli assegni e l eventuale riaddebito non comportano oneri per l Azienda. Per l incasso di assegni in valuta estera il cambio è quello del giorno di presentazione. L accredito avviene direttamente sul conto di cassa nello stesso giorno di consegna senza aggravio di spese e commissioni. Pag. 6 di 13

7 Tutti gli incassi, anche a mezzo assegno, devono essere accreditati nello stesso giorno nei conti dell Azienda accesi presso la Banca. I conti correnti postali, aperti per l'esazione dei proventi delle attività socio-sanitarie, sono intestati all Azienda, la firma di traenza è riservata alla Banca. I prelevamenti sono disposti dall Azienda, mediante richiesta scritta alla Banca. La Banca esegue i prelevamenti emettendo appositi assegni postali entro tre giorni dalla data di ricevuta dell'ordinativo e accredita gli stessi sui conti correnti dell Azienda. Art. 7 Pagamento delle spese I pagamenti sono eseguiti dalla Banca in base agli ordinativi di pagamento, individuali o collettivi, emessi dall Azienda, numerati progressivamente per ciascun esercizio e contenenti: l'esercizio e la data; le causali delle spese e gli estremi dei documenti che le giustificano; lo stato ai fini dell'imposta sul bollo; il cognome e nome o la ragione sociale; l'indirizzo o la sede; le eventuali persone autorizzate a rilasciare quietanze; gli importi da pagare; ogni eventuale altra precisazione riguardante le modalità di estinzione dei titoli; la firma di sottoscrizione prevista dal successivo articolo 11. L eventuale comunicazione ai creditori dell'emissione degli ordinativi è fatta a cura e spese dell Azienda dopo l'avvenuta consegna alla Banca. Nell'effettuare i pagamenti la Banca accerta l'idoneità del percipiente e acquisisce le quietanze nelle forme previste dalla legge. L Azienda può disporre, con apposita indicazione, che gli ordinativi di pagamento siano estinti con una delle seguenti modalità agevolate: Pagamento diretto al creditore, in tutti gli sportelli bancari della Banca; Accredito in conto corrente bancario/postale (codice IBAN), intestato al creditore; Accreditamento in conto corrente postale intestato al creditore, tramite relativo bollettino; Commutazione in assegno circolare non trasferibile da spedire al creditore a mezzo raccomandata con spese postali a carico del beneficiario, Vincolo, totale o parziale, a ordinativi di riscossione. Le eventuali commissioni applicate dal Tesoriere a carico dei beneficiari per pagamenti saranno pari a quanto offerto in sede di gara ed in ogni caso non potranno essere superiori ai seguenti importi rapportati al valore dell accredito: Per pagamenti inferiori/uguali a 1.000,00: nessuna commissione; Per pagamenti maggiori di 1.000,00 ed inferiori o uguali a 5.000,00: commissioni non superiori ad 3; Per pagamenti maggiori di 5.000,00: commissioni non superiori ad 5; L Azienda assicura la consegna degli ordinativi di pagamento alla Banca periodicamente e, di norma, non oltre il 24 dicembre, salvo i titoli relativi a coperture o a pagamenti aventi scadenza perentoria successiva o ad altri urgenti ed inderogabili pagamenti. Gli ordinativi di pagamento cartacei o digitali, accreditati o commutati ai sensi del presente articolo, si considerano pagati a tutti gli effetti. Le dichiarazioni di accreditamento o di commutazione sostituiscono le quietanze dei creditori, devono essere apposte o allegate al relativo titolo, recare gli estremi dell'operazione ed essere Pag. 7 di 13

8 sottoscritte dalla Banca. Per i pagamenti effettuati tramite conto corrente o bollettino postale vengono allegate le relative ricevute e per gli assegni circolari i talloncini "matrice". La Banca dispone i pagamenti nei limiti delle disponibilità dei conti correnti e delle anticipazioni di cassa non ancora utilizzate, come segue: entro il giorno della scadenza, se indicato nell'ordinativo o altrimenti noto; entro il primo giorno lavorativo successivo al ricevimento del titolo in caso di estinzione dell'ordinativo mediante quietanza diretta; entro il secondo giorno lavorativo successivo al ricevimento con le modalità di cui al 2 paragrafo, del presente articolo. I mandati di pagamento rimasti interamente o parzialmente inestinti alla data del 31/12 vengono riversati da parte della Banca sul conto di tesoreria salvo diverse disposizioni dell Azienda. Le eventuali penalità del ritardo dei pagamenti rispetto ai termini sopra indicati sono a carico della Banca. Le spese obbligatorie per legge, per contratto, o convenzionalmente considerate tali, devono essere pagate dalla Banca anche in assenza dell'ordinativo su presentazione di appositi elenchi o comunicazioni, debitamente sottoscritte. Questi versamenti consistono, in particolare, nel pagamento di: a) imposte e tasse statali, regionali o locali a titolo di acconto o di imposta, dovute direttamente o quale sostituto; b) contributi previdenziali, assistenziali e sociali a carico dell'azienda o dei dipendenti; c) diritti, canoni o contributi obbligatori, ivi compresi i canoni di concessione su beni altrui; d) rate di ammortamento di mutui e di altri prestiti; e) utenze fascicolate ed altro. Per ogni singolo pagamento eseguito senza ordinativo la Banca provvederà a trasmettere apposito documento cartaceo oppure lo renderà disponibile per l acquisizione informatica da parte dell Azienda. L Azienda emetterà gli ordinativi di pagamento conseguenti alle operazioni di cui al precedente comma entro 30 giorni a quello dell'operazione e comunque, non oltre il termine dell esercizio. Con cadenza settimanale la Banca trasmetterà all Azienda un elenco dei pagamenti eseguiti e non coperti da ordinativi o lo renderà disponibile per l acquisizione informatica. Art. 8 Pagamento degli emolumenti al personale dipendente, convenzionato e alle farmacie Gli emolumenti relativi al personale dipendente e convenzionato (Medici Medicina Generale, Pediatri Libera Scelta, Medici Continuità Assistenziale, Specialisti Ambulatoriali Interni) vengono messi in pagamento dalla Banca ai singoli beneficiari come segue: 1. Stipendi mensili personale dipendente e convenzionato con valuta al giorno 27 di ogni mese; 2. Stipendio di dicembre ed eventuale 13.a mensilità, di regola, con valuta 22 dicembre. Gli emolumenti relativi alle farmacie con valuta ultimo giorno lavorativo del mese. Pag. 8 di 13

9 Il pagamento degli emolumenti a favore del personale dipendente, del personale convenzionato e delle farmacie avviene secondo le seguenti modalità: - accreditamento sui conti correnti indicati dai beneficiari, accesi sia presso la Banca/Tesoriere che presso altre banche, (valuta di accredito compensata con la valuta di addebito, corrispondente al giorno di pagamento fissato dall Azienda); - riscossione diretta presso qualsiasi sportello della Banca/Tesoriere dalla data di pagamento. Se i giorni stabiliti sono festivi, i versamenti devono essere effettuati il giorno lavorativo antecedente. La trasmissione dei ruoli stipendiali (elenchi nominativi dei beneficiari riportanti le informazioni necessarie per consentire al tesoriere di procedere con i pagamenti) dovrà essere garantita tramite invio delle informazioni in formato elettronico (file prodotto dai gestionali dell Azienda) secondo modalità, da definire prima dell avvio effettivo del servizio, che garantiscano l affidabilità e la sicurezza. Tali flussi potranno essere inviati direttamente alla Banca a cura dei servizi competenti, previa apposita comunicazione dei nominativi delle persone incaricate a tale attività formalizzata alla Banca dal rappresentante legale dell Azienda. L invio ai beneficiari di eventuali cedolini paga o documenti simili sarà a cura e spese dell Azienda. La Banca è tenuta ad eseguire i pagamenti degli stipendi/emolumenti di cui al presente articolo senza addebito di commissioni e spese per i beneficiari. Sarà facoltà dell Azienda trasmettere con le modalità e alle condizioni di cui ai precedenti commi emolumenti diversi da quelli indicati al comma 1; nei predetti casi le date di pagamento verranno stabilite di volta in volta. Art. 9 Servizi di cassa interna e fondi operativi Per la gestione dei fondi operativi, potranno essere aperti appositi conti correnti presso la Banca alle medesime condizioni previste del presente capitolato speciale d appalto. Art. 10 Comunicazione dei soggetti con poteri di firma L Azienda si impegna a comunicare preventivamente al tesoriere con nota firmata dal direttore generale le generalità delle persone autorizzate a firmare titoli e le comunicazioni di cui agli articoli precedenti e, tempestivamente, le eventuali variazioni, nonché le firme in originale. Il tesoriere è tenuto a non dare esecuzione a titoli non muniti della firma di cui al presente articolo. In sede di attivazione dei documenti con firma digitale l azienda notifica al tesoriere l elenco dei firmatari autorizzati a sottoscrivere le reversali ed i mandati informatici, ovvero i flussi che li contengono. Art. 11 Documenti Informatici con Firma Digitale Gli ordinativi di pagamento, e quelli di riscossione, devono essere firmati e trasmessi in forma digitale. Pag. 9 di 13

10 Il sistema di interscambio documentale informatico deve essere naturalmente compatibile con il sistema contabile in uso all Azienda. La Banca dovrà pertanto organizzare di conseguenza il sistema e senza alcuna spesa per l Azienda, né di implementazione e gestione, né di hardware e software. Per l organizzazione e gestione dei flussi dei documenti elettronici scambiati tra Azienda e Banca (formazione, trasmissione, ricezione, controlli, messaggi di ritorno, sicurezza, conservazione, riproduzione e validazione dei documenti informatici) si farà riferimento alla normativa vigente in materia e alle regole tecniche approvate dall A.B.I.. Le specifiche modalità di organizzazione e gestione dei suddetti flussi saranno, comunque, definite e disciplinate in accordo tra le parti, in modo da garantire una piena ed efficiente interoperabilità. Dovrà, altresì, essere assicurata la conservazione informatica di detti atti per un periodo non inferiore ai dieci anni, oltre la possibilità di consultazione on line, senza costi a carico della stessa Azienda, indicando in offerta le relative modalità organizzative e di gestione. Art. 12 Sistema Informativo Del Servizio Bancario Il servizio di Banca viene gestito con strumenti informatici, secondo le modalità di cui ai successivi commi, al fine di consentire l interscambio con procedure informatizzate dei dati necessari al miglior funzionamento della gestione finanziaria e di contabilità generale, e quindi di bilancio, dell Azienda, garantendo servizi di home-banking. A tal fine la Banca dovrà assumere le necessarie informazioni sui sistemi informatici in uso all Azienda, sulle modalità di connessione necessarie per l interscambio del giornale di cassa, degli ordinativi di pagamento e di riscossione, nonché degli ordini di prelievo dai conti correnti postali e di altri dati e/o documenti. La Banca deve, pertanto, attivare il collegamento informatico con l Azienda garantendo la totale compatibilità, presente e futura, dei propri strumenti informatici dedicati alla gestione del servizio di banca, con quelli che l Azienda utilizza o potrà utilizzare nello stesso settore. Tutte le spese inerenti e conseguenti l installazione, configurazione, modifiche e manutenzione del collegamento sono a carico della Banca. La Banca organizza, a totale suo carico e presso di sé, tutte quelle attività informatiche di recepimento, controllo, aggiornamento e restituzione dei dati inerenti la gestione del servizio ritenute necessarie, nonché per consentire verifiche e interrogazioni sulla situazione dell Azienda. La Banca fornisce, entro le ore 9,00 del giorno successivo lavorativo, in via informatica, secondo i tracciati e le caratteristiche tecniche attualmente in uso, le informazioni analitiche necessarie all aggiornamento della contabilità generale dell Azienda, con riferimento, in particolare, a quelle relative alle somme incassate, ivi compresa l evasione degli ordini di prelievo dal c/c postale, all estinzione dei titoli di spesa con indicazione delle valute applicate ai beneficiari, ai pagamenti anticipati e ad ogni altra operazione effettuata sui conti e sottoconti di tesoreria. Qualora fossero necessarie modifiche ai tracciati utilizzati e/o di altro tipo, i costi per l aggiornamento del software aziendale saranno a carico della Banca. Le informazioni di cui al capoverso precedente sono rese distintamente per ciascun sottoconto in cui è articolata la struttura organizzativa dell Azienda. La Banca assicura, inoltre, la disponibilità, in tempo reale ed in via informatica, dei dati relativi alla situazione contabile, al saldo di cassa e all ammontare dei pagamenti relativi ai titoli già presi in carico dall Istituto medesimo, da effettuarsi il giorno successivo o in altra data, con separata evidenziazione dei pagamenti anticipati rispetto all emissione dei titoli di spesa. Pag. 10 di 13

11 Qualora l Azienda richieda dati ed informazioni che non siano già previste nelle attività di cui ai precedenti commi, i tempi per la fornitura o la messa a disposizione degli stessi, da rendere, comunque, gratuitamente, sono di volta in volta concordati con la Banca. Art. 13 Anticipazione di cassa Ai sensi delle vigenti leggi, in mancanza di disponibilità di cassa, la Banca è tenuta ad effettuare anticipazioni straordinarie di cassa nella misura massima prevista dalle vigenti leggi. L'anticipazione viene gestita direttamente attraverso i conti correnti aperti per le varie gestioni. Per i pagamenti ordinati dall Azienda o relativi a spese obbligatorie, la Banca, in assenza di fondi disponibili, utilizza l'anticipazione nella misura giornalmente necessaria, accertata in sede di chiusura delle operazioni di riscossione e di pagamento, senza bisogno d'alcuna ulteriore formalità. Alle operazioni di addebito in sede di utilizzo dell anticipazione, e di accredito, in sede di rientro, viene attribuita la valuta corrispondente alla giornata in cui viene effettuata l operazione. Il Tesoriere è obbligato a procedere di propria iniziativa per l immediato rientro totale o parziale delle anticipazioni non appena si verifichino entrate libere da vincoli. Art. 14 Rapporti di conto corrente Sulle giacenze di cassa è concesso il tasso offerto in sede di gara da parte della Banca aggiudicataria. La liquidazione degli interessi, sia a credito che a debito, avverrà trimestralmente. Contemporaneamente la Banca trasmetterà all Azienda l'apposito conto scalare. Gli accrediti e gli addebiti nel conto di tesoreria dovranno essere effettuati con le seguenti valute: per gli incassi su piazza: stesso giorno; per i pagamenti su piazza: stesso giorno; per gli incassi fuori piazza: stesso giorno; per i pagamenti fuori piazza: stesso giorno. Nel caso di operazioni che non danno luogo a movimento di denaro la valuta è compensata. Art. 15 Gestione Servizi Sociali e Gestione liquidatoria I contenuti del servizio oggetto del presente Capitolato riguardano la Gestione Sanitaria per la quale, ai sensi della normativa regionale vigente (combinato disposto art. 8 comma 1 e art. 10 comma 4 della L.R n. 55/1994.), è necessario garantire specifici e distinti conti di tesoreria. Il servizio è, inoltre, esteso alle medesime condizioni alla gestione delle attività di cassa e tesoreria della Gestione Liquidatoria area sanitaria della disciolta U.S.L. n. 13, per la quale dovrà essere istituito conto separato, ai sensi della relativa normativa statale e regionale vigente. Pag. 11 di 13

12 Art. 16 Acquisizione di servizi aggiuntivi Nell ambito dello sviluppo della collaborazione tra la Banca e l Azienda 8, i seguenti servizi aggiuntivi senza oneri per l Azienda, saranno valutati positivamente in sede di attribuzione dei punteggi qualità come da art. 6 del Disciplinare di gara: 1. borse di studio, contributi per studi e ricerche di interesse aziendale; 2. sponsorizzazioni per convegni, attività formativa, iniziative di promozione e comunicazione di servizi ULSS; acquisizione di tecnologia clinica e ICT; 3. acquisizione dispositivi digitali e servizi digitali nell erogazione delle attività dell Azienda ULSS (smart card individuale, telemedicina, etc.) 4. fornitura in comodato d uso gratuito di sistemi automatici di pagamento punti gialli ; Art. 17 Contributo di tesoreria Viene richiesto altresì un contributo economico per ogni anno di durata del contratto di cui trattasi, non a pena di esclusione dalla gara, che dovrà essere quantificato per ogni residente abitante nella Azienda nel 2014 e che verrà utilizzato per lo svolgimento dei fini istituzionali. Si precisa che i residenti nell anno 2014 risultano essere n Art. 18 Continuità del servizio Il servizio oggetto del presente Capitolato dovrà essere espletato con assoluta continuità. La Banca, pertanto, per nessuna ragione potrà sospendere o non eseguire, in tutto od in parte, le attività oggetto del servizio, pena la risoluzione del contratto. In caso di sciopero del personale, o di altre cause di forza maggiore (non saranno da considerarsi tali le ferie, le aspettative o le malattie), la Banca dovrà darne comunicazione scritta all Azienda, con opportuno preavviso. In caso di malattia e/o infortunio degli addetti al servizio in questione, la Banca dovrà assicurare in ogni caso la continuità e l efficienza del servizio. Art. 19 Controlli qualitativi periodici L Azienda potrà individualmente predisporre, in qualsiasi momento tutti gli accertamenti ed i controlli sulle modalità operative del servizio che si riterranno necessari, onde verificare l esatta rispondenza delle stesse a quanto stabilito contrattualmente. Art. 20 Sistema di monitoraggio e controllo I controlli si riferiranno agli standard qualitativi e quantitativi stabiliti dal presente Capitolato oltre a quelli dichiarati dalla Banca in sede di presentazione dell offerta di gara. I predetti controlli consistono nella verifica degli elementi essenziali del servizio al fine di valutare la rispondenza a quanto dichiarato/previsto. L'Azienda, per mezzo dei suoi referenti ed in presenza di un funzionario designato dalla Banca, ha la facoltà di verificare: Il rispetto dei Contenuti e Modalità di esecuzione del Servizio (art. 3); Pag. 12 di 13

13 Il rispetto di quanto previsto per la Riscossione delle entrate (art. 6); Il rispetto di quanto previsto in tema di Pagamento delle spese (art. 7); La corretta gestione del conto corrente (art. 14); La continuità del servizio (art. 18); Il rispetto delle procedure di sicurezza secondo quanto previsto dal D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.; Ogni altro onere a carico della Banca, secondo quanto previsto dal Capitolato. I monitoraggi del livello del servizio consistono nella verifica del risultato del Servizio nel rispetto di quanto stabilito nel presente Capitolato e saranno effettuati con la periodicità che verrà determinata dall Azienda. Gli esiti dei controlli verranno annotati su appositi verbali sottoscritti dai responsabili delegati al controllo dall Azienda, i quali, a rilevazione avvenuta, porranno la propria firma congiuntamente avvalorandone il risultato. Eventuali anomalie che non fossero prontamente risolte verranno segnalate all ufficio amministrativo competente per la formale contestazione e l eventuale applicazione delle penali e/o delle azioni di miglioramento necessarie. L attività di controllo prevista nel presente articolo sarà effettuata nel rispetto dei vincoli stabiliti dalla normativa specifica per le banche italiane. Art. 21 Contestazioni e penali Poiché il servizio contemplato è da ritenersi di pubblica utilità, la Banca per nessuna ragione può sospenderlo, effettuarlo in maniera difforme da quanto stabilito, eseguirlo in ritardo. Quanto sopra fatte salve le cause di forza maggiore. L Azienda farà pervenire alla Banca per iscritto, a mezzo raccomandata A.R. le osservazioni e le eventuali contestazioni e i rilievi conseguenti ai controlli effettuati dal proprio personale incaricato; comunicherà altresì eventuali prescrizioni, alle quali la Banca dovrà uniformarsi nei tempi che l Azienda indicherà. In caso di rilievo durante i controlli di non conformità l Azienda si riserva di applicare le penali come di seguito specificato: Penalità per non conformità rilevate con il sistema di controllo di risultato per mancato/errato pagamento degli emolumenti per cause imputabili alla Ditta: 500,00 massimi per ogni evento verificatosi ed eventuale addebito a carico della Banca delle relative sanzioni; per mancata esecuzione delle manutenzioni ordinarie/preventive rispetto a quelle programmate per le macchine riscuotitrici: 200,00 massimi per ogni evento verificatosi; per mancata esecuzione degli interventi entro 24 ore dal momento della segnalazione del guasto: 250,00 massimi per ogni giorno lavorativo di ritardo. Penalità per altre non conformità. L Azienda si riserva, inoltre, di applicare una penale, a seguito di violazioni inerenti al monitoraggio dei requisiti del Servizio che va da un minimo di 100,00 Euro ad un massimo di 500 Euro a seconda della gravità riscontrata, sulla base di un protocollo operativo concordato tra le parti prima dell avvio del servizio. Tutte le contestazioni ufficiali operate nei confronti della Banca saranno precedute da un riscontro dei fatti effettuato in contradditorio con il responsabile referente della Banca stessa o generando elementi oggettivi di presenza delle contestazioni. Pag. 13 di 13

SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE

SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE COMUNE DI CASANDRINO ROVINCIA DI NAPOLI SETTORE PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA E SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE BILANCIO TRIBUTI E CONTROLLO DI GESTIONE SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE

Dettagli

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE 1 CONVENZIONE PER IL DISIMPEGNO DEL SERVIZIO DI CASSA A) Servizio di cassa per il triennio 2011, 2012, 2013. ART. 1 L A.M.T. affida il proprio servizio di cassa, all istituto di credito....operante su

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA. L'anno, addì del mese di con la presente scrittura privata, TRA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA. L'anno, addì del mese di con la presente scrittura privata, TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA L'anno, addì del mese di con la presente scrittura privata, TRA Casa Livorno e Provincia S. p. A. Partita Iva 01461610493 rappresentata da nata a il (C.F.

Dettagli

APPENDICE da allegare all offerta firmata dalla/e persona/e abilitata/e ad impegnare l offerente come stabilito dall art. 7 del capitolato.

APPENDICE da allegare all offerta firmata dalla/e persona/e abilitata/e ad impegnare l offerente come stabilito dall art. 7 del capitolato. APPENDICE da allegare all offerta firmata dalla/e persona/e abilitata/e ad impegnare l offerente come stabilito dall art. 7 del capitolato. Affidamento del servizio di tesoreria e di cassa dell Azienda

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE per la gestione del servizio di cassa della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Ragusa

SCHEMA DI CONVENZIONE per la gestione del servizio di cassa della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Ragusa 1 SCHEMA DI CONVENZIONE per la gestione del servizio di cassa della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Ragusa TRA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI RAGUSA,

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELLA FARMACAP TRIENNIO 2015-2017. Art.1 - SCOPO, MATERIA, LIMITI DELLA CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELLA FARMACAP TRIENNIO 2015-2017. Art.1 - SCOPO, MATERIA, LIMITI DELLA CONVENZIONE Allegato 1 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELLA FARMACAP TRIENNIO 2015-2017 Art.1 - SCOPO, MATERIA, LIMITI DELLA CONVENZIONE Premesso che con delibera del Commissario Straordinario,

Dettagli

SERVIZIO DI TESORERIA/CASSA PER L AZIENDA U.L.S.S. N. 13 DI MIRANO CAPITOLATO SPECIALE. (cod. doc. CS131033) Art. 1 Disciplina del Servizio

SERVIZIO DI TESORERIA/CASSA PER L AZIENDA U.L.S.S. N. 13 DI MIRANO CAPITOLATO SPECIALE. (cod. doc. CS131033) Art. 1 Disciplina del Servizio SERVIZIO DI TESORERIA/CASSA PER L AZIENDA U.L.S.S. N. 13 DI MIRANO CAPITOLATO SPECIALE (cod. doc. CS131033) Art. 1 Disciplina del Servizio Il servizio tesoreria/cassa dell Azienda U.L.S.S. n. 13 (di seguito

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA ALLEGATO 1 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA. (denominazione scuola), con sede in.., Via.. n.., C.F. n. più avanti denominata semplicemente

Dettagli

ASP Lazzarelli San Severino Marche

ASP Lazzarelli San Severino Marche CAPITOLATO SPECIALE APPALTO SERVIZIO TESORERIA ASP LAZZARELLI PERIODO 2015/2019 1. OGGETTO DELLA CONVENZIONE...2 2. ESERCIZIO FINANZIARIO...2 3. GRATUITÀ DEL SERVIZIO...2 4. INDICAZIONE DEI REGISTRI CHE

Dettagli

Consorzio di Bonifica del Nord Sardegna

Consorzio di Bonifica del Nord Sardegna C A P I T O L A T O S P E C I A L E P E R L A F F I D A M E N T O D E L S E R V I Z I O D I T E S O R E R I A CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA ART.1 DISCIPLINA Il Servizio

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE

CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE CONSORZIO DI BONIFICA VENETO ORIENTALE Portogruaro - San Donà di Piave CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI INCASSO DELLA CONTRIBUENZA CONSORZIALE PARTE 1^ : SERVIZIO DI

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI TRA L ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (in seguito chiamata Ente ) con sede in Palazzo Corsini - Via della

Dettagli

Sede legale: Via Magellano, 1 10128 TORINO Ordine Mauriziano Tel. +39 011.508.1111 di Torino

Sede legale: Via Magellano, 1 10128 TORINO Ordine Mauriziano Tel. +39 011.508.1111 di Torino DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO TECNICO LOGISTICO Direttore Dr.ssa Silvia TORRENGO Via Magellano n. 1 - Torino Telefono: 011 508 2241-2664 Spett.le Società e-mail sfinanziario@mauriziano.it Allegati: 1 Scheda

Dettagli

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Il GAL Ternano in esecuzione della deliberazione adottata dal Consiglio di Amministrazione n. 12/2014 all ordine del giorno in data 29/01/2014

Dettagli

ART. 1 - Affidamento del servizio

ART. 1 - Affidamento del servizio ART. 1 - Affidamento del servizio Il servizio tesoreria e di cassa del Comune è affidato in gestione per la durata di anni cinque a far tempo dal 1 gennaio 2016. ART. 2 - Oggetto della Convenzione Il servizio

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA Il Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI TERNI ********** CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ********** REPUBBLICA ITALIANA

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI TERNI ********** CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ********** REPUBBLICA ITALIANA ALLEGATO ALLA DEL. DI CC N. 200 DEL 13.07.2005 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI TERNI ********** CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ********** REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila il giorno.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI INCASSO E PAGAMENTO E PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI BANCARI Deliberazione n. 120 del 01.03.2007

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI INCASSO E PAGAMENTO E PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI BANCARI Deliberazione n. 120 del 01.03.2007 REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI INCASSO E PAGAMENTO E PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI BANCARI Deliberazione n. 120 del 01.03.2007 Articolo 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 TRA

Il giorno del mese di dell anno 2011 TRA CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI GROSSETO PER IL QUADRIENNIO 2012-2015 Il giorno del mese di dell anno 2011 TRA La Camera

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI L ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (in seguito chiamata Ente ) con sede in Palazzo Corsini - Via della Lungara, 10-00165

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AZIENDA SPECIALE REGIONALE MOLISE ACQUE. TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AZIENDA SPECIALE REGIONALE MOLISE ACQUE. TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AZIENDA SPECIALE REGIONALE MOLISE ACQUE. TRA AZIENDA SPECIALE REGIONALE MOLISE ACQUE (di seguito denominata "Azienda") con sede in Campobasso,

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL COMUNE DI BARLETTA PER IL PERIODO 1/1/2006 31/12/2010

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL COMUNE DI BARLETTA PER IL PERIODO 1/1/2006 31/12/2010 ALLEGATO N.01 CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL COMUNE DI BARLETTA PER IL PERIODO 1/1/2006 31/12/2010 Licitazione privata per l affidamento del servizio di tesoreria

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA Tra l AUTORITA GARANTE PER L INFANZIA E L ADOLOSCENZA C.F. 11784021005 con sede in Roma Via di Villa Ruffo, 6 che per brevità sarà in seguito chiamata

Dettagli

Allegato 2 all Avviso della Consultazione preliminare di mercato. Convenzione attualmente operante tra ASP Città di Bologna e Banca - Tesoriere

Allegato 2 all Avviso della Consultazione preliminare di mercato. Convenzione attualmente operante tra ASP Città di Bologna e Banca - Tesoriere Allegato 2 all Avviso della Consultazione preliminare di mercato Convenzione attualmente operante tra ASP Città di Bologna e Banca - Tesoriere I contenuti del presente documento hanno valore meramente

Dettagli

SERVIZIO DI CASSA PER L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA - CODICE C.I.G.: 143017059D CAPITOLATO - PARTE TECNICA

SERVIZIO DI CASSA PER L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA - CODICE C.I.G.: 143017059D CAPITOLATO - PARTE TECNICA SERVIZIO DI CASSA PER L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA - CODICE C.I.G.: 143017059D CAPITOLATO - PARTE TECNICA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA... CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE. Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 *****

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE. Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 ***** CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 ***** Capitolato Speciale Per l affidamento del Servizio di Tesoreria e Cassa CIG: 0226589B25 Art. 1 Il Servizio di Tesoreria

Dettagli

COMUNE DI CANNARA Provincia di Perugia

COMUNE DI CANNARA Provincia di Perugia COMUNE DI CANNARA Provincia di Perugia SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL COMUNE DI CANNARA PERIODO 01.01.2011-31.12.2015 Art.1 - Affidamento del servizio Il servizio tesoreria

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO PER IL TRIENNIO 2014-2016 TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO PER IL TRIENNIO 2014-2016 TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO PER IL TRIENNIO 2014-2016 TRA la Cassa Nazionale del Notariato, Associazione di diritto privato, in prosieguo

Dettagli

Il Direttore Emilio Grassi

Il Direttore Emilio Grassi Determinazione n 05/2016 AGENZIA per il TRASPORTO PUBBLICO LOCALE del Bacino di Bergamo Via Sora 4, 24121 Bergamo CF e PIVA 04083130163 PEC: agenziatplbergamo@pec.it Tel. 035/387706 Il Direttore Emilio

Dettagli

Art. 4 Gratuità del servizio Il servizio è affidato all Istituto cassiere senza alcun onere per l Agenzia.

Art. 4 Gratuità del servizio Il servizio è affidato all Istituto cassiere senza alcun onere per l Agenzia. Procedura concorrenziale, ai sensi dell art. 30 comma 3 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163, per l affidamento in concessione del servizio di cassa dell Agenzia per la Coesione Territoriale per un triennio

Dettagli

CONTRATTO PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA. Sig.ra Emanuela Dr.ssa Perin, nata a Padova il 01.05.1967, che agisce in

CONTRATTO PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA. Sig.ra Emanuela Dr.ssa Perin, nata a Padova il 01.05.1967, che agisce in CONTRATTO PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA il CENTRO RESIDENZIALE ANZIANI UMBERTO PRIMO di Piove di Sacco, codice fiscale n 80009810286, in seguito chiamato Ente, rappresento dalla Sig.ra

Dettagli

CONVENZIONE per il Servizio di Cassa tra Università di Pisa e la. Art. 1 Oggetto. Art. 2 Modalità di effettuazione del servizio

CONVENZIONE per il Servizio di Cassa tra Università di Pisa e la. Art. 1 Oggetto. Art. 2 Modalità di effettuazione del servizio CONVENZIONE per il Servizio di Cassa tra Università di Pisa e la Art. 1 Oggetto 1.Ai sensi dell'art.30 del Regolamento di Ateneo per l'amministrazione, la finanza e la contabilità ( di seguito Regolamento

Dettagli

Dipartimento delle Risorse Materiali e Tecnologiche Servizio per gli Approvvigionamenti CAPITOLATO SPECIALE

Dipartimento delle Risorse Materiali e Tecnologiche Servizio per gli Approvvigionamenti CAPITOLATO SPECIALE Dipartimento delle Risorse Materiali e Tecnologiche Servizio per gli Approvvigionamenti CAPITOLATO SPECIALE GARA INFORMALE PER AFFIDAMENTO CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA /CASSA GARA N. 35/2011 -

Dettagli

Regolamento per il servizio di cassa interna

Regolamento per il servizio di cassa interna Regolamento per il servizio di cassa interna Deliberazione del Direttore Generale n. 146 del 16.03.2006 Art. 1 L organigramma aziendale (deliberazione 09.12.2004 n. 544) prevede che gli uffici Cup Cassa

Dettagli

SOCIALE EUROPEO PREMESSO

SOCIALE EUROPEO PREMESSO REPUBBLICA ITALIANA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI CASSA RELATIVI AL FONDO DI ROTAZIONE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E L ACCESSO AL FONDO SOCIALE EUROPEO L anno 2009, il giorno del mese

Dettagli

SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI PER IL TRIENNIO 2012-2014 (CIG: 179591973C) Schema di Convenzione

SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI PER IL TRIENNIO 2012-2014 (CIG: 179591973C) Schema di Convenzione SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DEL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI PER IL TRIENNIO 2012-2014 (CIG: 179591973C) Schema di Convenzione L anno.. il giorno. del mese di. in Milano nella sede del

Dettagli

Consiglio Regionale della Campania

Consiglio Regionale della Campania Consiglio Regionale della Campania C.F. e P.I. 80051460634 Sede Legale: Via G. Porzio, Centro Direzionale di Napoli, Isola F13-80143 Napoli Sede Amministrativa: Via G. Porzio, Centro Direzionale di Napoli,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CONSIGLIO REGIONALE DELL ABRUZZO DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELL ABRUZZO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Consiglio

Dettagli

Ufficio Centrale Orientamento Formazione Professionale Lavoratori. relativo alla gara con procedura aperta per l affidamento del servizio di

Ufficio Centrale Orientamento Formazione Professionale Lavoratori. relativo alla gara con procedura aperta per l affidamento del servizio di MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Ufficio Centrale Orientamento Formazione Professionale Lavoratori CAPITOLATO D ONERI relativo alla gara con procedura aperta per l affidamento del servizio

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO BANCARIO. L anno, il giorno del mese di., in Paternò (CT), presso i locali della A.M.A.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO BANCARIO. L anno, il giorno del mese di., in Paternò (CT), presso i locali della A.M.A. SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO BANCARIO L anno, il giorno del mese di, in Paternò (CT), presso i locali della A.M.A. S.p.A., socio unico Comune di Paternò, siti in via Emanuele Bellia

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE

CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE CONSORZIO DI BONIFICA DELL ORISTANESE Con sede in Oristano (OR) C.F 9002260092 ***** Capitolato Speciale Per l affidamento del Servizio di Tesoreria e Cassa CIG 6395917DAA Art. 1 Servizio di tesoreria

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE AL CONTRATTO DI TESORERIA COMUNALE DI CALATAFIMI SEGESTA

CAPITOLATO SPECIALE AL CONTRATTO DI TESORERIA COMUNALE DI CALATAFIMI SEGESTA CITTA' DI CALATAFIMI SEGESTA Provincia di Trapani Piazza Cangemi, 1 Calatafìmì Segesta C.F. 80002650812 E P. IVA 00266100817 Tel. 0924954535 Fax. 0924952615 E mail:ragioneriaf^^comune.calatafìmisegesta.tp.it

Dettagli

COMUNE DI QUINTO VICENTINO

COMUNE DI QUINTO VICENTINO ALLEGATO 1) AL BANDO DI GARA DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE DAL 01.01.2015 AL 31.12.2019 Art. 1 Modalità di presentazione delle offerte. I concorrenti dovranno

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA. COMUNE DI SANT ANGELO A SCALA PROVINCIA DI AVELLINO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA. ART. 1 Il servizio di tesoreria del comune è affidato mediante procedura aperta,

Dettagli

CITTA DI MESSINA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE *************

CITTA DI MESSINA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE ************* CITTA DI MESSINA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE ************* L anno il giorno.. del mese di. nella sede del Comune di Messina dinanzi a me Dott.., Segretario Generale dell

Dettagli

Contratto ad esecuzione periodica e continuativa. Contratto di prestazione di servizi

Contratto ad esecuzione periodica e continuativa. Contratto di prestazione di servizi AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Via Potito Petrone 85100 Potenza Telefono 0971613007 Fax 0971613006 e-mail: provveditore@ospedalesancarlo.it Codice Fiscale e Partita IVA 01186830764 Contratto ad

Dettagli

CIG: Z3A137282B CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DI PROMOVARESE TRA

CIG: Z3A137282B CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DI PROMOVARESE TRA CIG: Z3A137282B CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DI PROMOVARESE TRA Promovarese Azienda per la promozione delle attività economiche, sede in Varese, Piazza Monte Grappa, 5, codice fiscale

Dettagli

CAPITOLATO D'ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELL'ENTE CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST

CAPITOLATO D'ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELL'ENTE CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST CAPITOLATO D'ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELL'ENTE CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST Art. 1 Ufficio del Tesoriere Il servizio disciplinato dal presente capitolato verrà espletato

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DEL SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DEL SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DEL SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Tra il Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica rappresentata dal

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Collecchio Provincia di Parma Atto Pubblico Amministrativo

REPUBBLICA ITALIANA Collecchio Provincia di Parma Atto Pubblico Amministrativo REPUBBLICA ITALIANA Collecchio Provincia di Parma Atto Pubblico Amministrativo CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA DELL AZIENDA CONSORTILE Pedemontana Sociale L anno duemila.

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO TRA l Istituto Regionale per le Ville Venete (IRVV) rappresentato dal Direttore

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA (A.Ra.N.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA (A.Ra.N. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELL AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA (A.Ra.N. SICILIA) L anno, il giorno.. del mese di., in Palermo, nella sede

Dettagli

BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE

BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE A. ASPETTI GENERALI Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA. Comune di Roio del Sangro, con sede in Roio del Sangro, in n., CF 81003010691 - in

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA. Comune di Roio del Sangro, con sede in Roio del Sangro, in n., CF 81003010691 - in CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA Comune di Roio del Sangro, con sede in Roio del Sangro, in n., CF 81003010691 - in seguito denominato Ente, rappresentato dal Sig. Ramondelli

Dettagli

COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA (Provincia di Lucca)

COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA (Provincia di Lucca) COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA (Provincia di Lucca) SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA Approvata con deliberazione del consiglio comunale n.. del.. Art. 1 Affidamento del

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.01.2012 31.12.2016 TRA

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.01.2012 31.12.2016 TRA SCHEMA CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.01.2012 31.12.2016 TRA Il Comune di Longone al Segrino, con sede in Via Diaz n.27, in seguito denominato Ente rappresentato da... nella

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA Tra la...ed il Comune di Follina è stipulata la seguente convenzione. ART. 1 - CONCESSIONE DEL SERVIZIO a. Il Comune di Follina

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA

COMUNE DI ALBIATE PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA COMUNE DI ALBIATE PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA Art.1 - AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO 1. Il Comune di Albiate affida il Servizio di Tesoreria a..che accetta

Dettagli

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli

REGOLAMENTO CASSE INTERNE

REGOLAMENTO CASSE INTERNE REGOLAMENTO CASSE INTERNE Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 21 Legnago (VR) Regione Del Veneto Art. 1 Oggetto del regolamento 1. II regolamento ha per oggetto le modalità e le procedure per il funzionamento

Dettagli

COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia

COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia Piazza Libertà, 1 C.A.P. 30020 Tel.0421/203682 Fax.0421/203685 - Codice Fiscale 83003010275 Partita IVA 00609690276 E-mail segreteria@comune.pramaggiore.ve.it

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO Il presente documento descrive le attività amministrativo-contabili inerenti la gestione dei pagamenti

Dettagli

ISMEA Istituto di Servizi per il MErcato Agricolo Alimentare

ISMEA Istituto di Servizi per il MErcato Agricolo Alimentare ISMEA Istituto di Servizi per il MErcato Agricolo Alimentare CAPITOLATO TECNICO SEZIONE TESORERIA ALLEGATO ALLA CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI RISCOSSIONE DELLE ENTRATE ED IL PAGAMENTO DELLE SPESE FACENTI

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4.

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO Anno Giacenze 2012 10.491.016,95 2011 20.050.240,29 2010 15.306.896,49

CAMERA DI COMMERCIO Anno Giacenze 2012 10.491.016,95 2011 20.050.240,29 2010 15.306.896,49 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI GENOVA E DELLE AZIENDE SPECIALI INHOUSE, GENOVA QUALITA E WTC GENOA.

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TESORERIA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TESORERIA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TESORERIA Art.1 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO Il servizio di tesoreria del Comune di Canosa di Puglia viene affidato la quale accetta di svolgerlo presso

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE, STAMPA, NOTIFICA E RISCOSSIONE IN OUTSOURCING DELLE VIOLAZIONI AMMINISTRATIVE INTESTATE A

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE, STAMPA, NOTIFICA E RISCOSSIONE IN OUTSOURCING DELLE VIOLAZIONI AMMINISTRATIVE INTESTATE A CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE, STAMPA, NOTIFICA E RISCOSSIONE IN OUTSOURCING DELLE VIOLAZIONI AMMINISTRATIVE INTESTATE A SOGGETTI RESIDENTI ALL ESTERO E RECUPERO CREDITI INTERNAZIONALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE BASE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE BASE 25.06.2015 FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE BASE Questo conto è adatto a chi, al momento dell apertura del conto, ha limitate esigenze di operatività; include, a fronte di un canone annuale onnicomprensivo,

Dettagli

ALLEGATO N. 3 SCHEMA DI CONTRATTO

ALLEGATO N. 3 SCHEMA DI CONTRATTO ALLEGATO N. 3 SCHEMA DI CONTRATTO L anno, il giorno del mese di in Palermo, nella sede dell Istituto Regionale per il Credito alla Cooperazione sita in questa Via Ausonia n, 83, con la presente scrittura

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA Allegato C schema di convezione SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA Periodo: 1 gennaio 2012 31 dicembre 2016 Approvato dal Consiglio di Amministrazione con propria deliberazione

Dettagli

A5 Schema di Convenzione CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA/TESORERIA DELL ATER DELLA PROVINCIA DI FROSINONE TRA

A5 Schema di Convenzione CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA/TESORERIA DELL ATER DELLA PROVINCIA DI FROSINONE TRA A5 Schema di Convenzione CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA/TESORERIA DELL ATER DELLA PROVINCIA DI FROSINONE TRA L A.T.E.R. della provincia di Frosinone (in seguito chiamata Ente ) con via

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE Oggetto: Affidamento in concessione del servizio di Tesoreria del Comune di Trieste a........, aggiudicatario a seguito dell esperimento di gara a procedura aperta. SCHEMA DI CONVENZIONE ARTICOLO 1 Affidamento

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI 1005

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO * * * CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO * * * CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO * * * CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA Con la presente CONVENZIONE posta in essere tra l Azienda Territoriale per l Edilizia

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ISERNIA CIG 337116013D CPV 66600000-6

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ISERNIA CIG 337116013D CPV 66600000-6 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ISERNIA CIG 337116013D CPV 66600000-6 TRA La Camera di Commercio di Isernia, con sede in Isernia, C.so Risorgimento,

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI 1005

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CIG 543712162F

CAPITOLATO SPECIALE CIG 543712162F CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA MEDIANTE BUONI PASTO ELETTRONICI IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLE SOCIETÀ DEL GRUPPO SALERNO ENERGIA CIG 543712162F Art. 1 Oggetto

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA E CASSA TRA L Ente Autonomo Regionale Teatro Massimo Vincenzo Bellini (in seguito denominato Ente), con sede in Catania - Via Perrotta 12,

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE COMUNE DI SESTINO PROVINCIA DI AREZZO Rep. n. CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 01.07.2014-30.06.2019 REPUBBLICA ITALIANA L anno (duemila ), il giorno (_)

Dettagli

Città di Bollate. Provincia di Milano. U.O. Ragioneria

Città di Bollate. Provincia di Milano. U.O. Ragioneria CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL COMUNE DI BOLLATE PER IL PERIODO 01/01/2015 31/12/2018. CIG 5988580C8A INDICE Articolo 1 - Oggetto e limiti della convenzione e compenso per

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA ALLEGATO 1 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA L Istituto scolastico... (di seguito denominato Istituto ) con sede in. via/piazza... C.F.

Dettagli

COMUNE DI CRAVEGGIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

COMUNE DI CRAVEGGIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 28 del 21.07.2014 COMUNE DI CRAVEGGIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina le funzioni specifiche

Dettagli

COMUNE DI SAN MINIATO PROVINCIA DI PISA

COMUNE DI SAN MINIATO PROVINCIA DI PISA COMUNE DI SAN MINIATO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO DEGLI AGENTI CONTABILI E DEGLI INCARICATI INTERNI ALLA RISCOSSIONE Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 60 del 26.09.2013.

Dettagli

Articolo 1 PROCEDURA DI GARA

Articolo 1 PROCEDURA DI GARA DISCIPLINARE DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILI SEDE DEGLI UFFICI DEL CONSIGLIO REGIONALE IN TRIESTE LOTTO UNICO PERIODO TRE ANNI Articolo 1 PROCEDURA DI GARA L aggiudicazione

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO SEZIONE SERVIZIO DI CASSA AI SENSI DELLA LEGGE N. 720/84 - TABELLA B ALLEGATO ALLA CONVENZIONE

CAPITOLATO TECNICO SEZIONE SERVIZIO DI CASSA AI SENSI DELLA LEGGE N. 720/84 - TABELLA B ALLEGATO ALLA CONVENZIONE AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO TECNICO SEZIONE SERVIZIO DI CASSA AI SENSI DELLA LEGGE N. 720/84 - TABELLA B ALLEGATO ALLA CONVENZIONE Pag. 1 di 10 Sommario 1. OGGETTO DEL SERVIZIO...

Dettagli

COMUNE DI SESTU PROCEDURA APERTA SOPRA SOGLIA PER L'AFFIDAMENTO QUINQUENNALE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

COMUNE DI SESTU PROCEDURA APERTA SOPRA SOGLIA PER L'AFFIDAMENTO QUINQUENNALE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI SESTU PROCEDURA APERTA SOPRA SOGLIA PER L'AFFIDAMENTO QUINQUENNALE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PREMESSE ART. 1 - Oggetto dell appalto ART. 2 Modalità di affidamento

Dettagli

COMUNE DI PEGLIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO P/ZA O. Petrangolini N. 6 Tel. 0722 310100 Fax 0722 310100

COMUNE DI PEGLIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO P/ZA O. Petrangolini N. 6 Tel. 0722 310100 Fax 0722 310100 COMUNE DI PEGLIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO P/ZA O. Petrangolini N. 6 Tel. 0722 310100 Fax 0722 310100 CAPITOLATO TECNICO PER LA CONCESSIONE AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA DEL COMUNE DI PEGLIO

Dettagli

DELL ENTE PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA PERIODO 01.01.2010-31.12.2014

DELL ENTE PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA PERIODO 01.01.2010-31.12.2014 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELL ENTE PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA PERIODO 01.01.2010-31.12.2014 PREMESSO - che l Ente Parco Regionale della Maremma è sottoposto

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA. Il Comune di, in seguito per brevità denominato Ente o Comune, rappresentato

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA. Il Comune di, in seguito per brevità denominato Ente o Comune, rappresentato COMUNE DI SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL PERIODO 1.01.20.. 31.12.20.. TRA Il Comune di, in seguito per brevità denominato Ente o Comune, rappresentato da nella sua

Dettagli

Comune di Falerone PROVINCIA DI FERMO

Comune di Falerone PROVINCIA DI FERMO Comune di Falerone PROVINCIA DI FERMO SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA (2014 2018) COMUNE DI FALERONE...1 PROVINCIA DI FERMO...1 ART. 1 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO...3 ART.

Dettagli

ASP CASA VALLONI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELL ASP CASA VALLONI. TRA

ASP CASA VALLONI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELL ASP CASA VALLONI. TRA ASP CASA VALLONI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELL ASP CASA VALLONI. TRA L ASP Casa Valloni, con sede legale in Rimini, Via di Mezzo 1, Codice Fiscale/Partita IVA 03732210400,

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE internet: www.pasian.it GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA BANDO DI GARA Bando di gara per l appalto del servizio di Tesoreria 1. Ente appaltante: Comune di

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra La CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO (di seguito CCSE o Ente), con sede in Roma, in Via Cesare

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA. ed il Comune di Alcamo è

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA. ed il Comune di Alcamo è CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA Tra la... stipulata la seguente convenzione. ed il Comune di Alcamo è ART. 1 - CONCESSIONE DEL SERVIZIO Il servizio di Tesoreria

Dettagli

$8725,7$ 32578$/(',75,(67(

$8725,7$ 32578$/(',75,(67( $8725,7$ 32578$/(',75,(67( 6&+(0$',&219(1=,21(3(5/ $)),'$0(172'(/6(59,=,2',&$66$ CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO l Autorità Portuale di Trieste, (in seguito denominata anche per brevità A.P.T.), rappresentata.nella

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MICHELE DI CALTANISSETTA E PIETRAPERZIA

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MICHELE DI CALTANISSETTA E PIETRAPERZIA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MICHELE DI CALTANISSETTA E PIETRAPERZIA FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL CONTO CORRENTE OFFERTO AI CONSUMATORI CONTO ZEROUNDICI (convenzione dipendenti e pensionati) INFORMAZIONI

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA TRA Il comune di Cadelbosco di Sopra, di seguito denominato Comune, codice fiscale n.00441540358, rappresentato da, Il quale interviene

Dettagli

Versione n. 3 Ottobre 2008

Versione n. 3 Ottobre 2008 Versione n. 3 Ottobre 2008 PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA Versione n. 3 Ottobre 2008 1 Descrizione

Dettagli