cgil coordinamento polizia municipale cgil coordinamento polizia municipale cgil coordinamento polizia municipale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "cgil coordinamento polizia municipale cgil coordinamento polizia municipale cgil coordinamento polizia municipale"

Transcript

1 info vigili urbani cgil coordinamento polizia municipale cgil coordinamento polizia municipale cgil coordinamento polizia municipale responsabile del coordinamento polizia municipale di roma Marco D Emilia agile prontuario di polizia amministrativa (si ringrazia il Dr. Rubeis e la Dott.ssa Cadoni per il lavoro svolto alla realizzazione di questo prontuario)

2 AGILE PRONTUARIO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA (ultimo aggiornamento: settembre 2008) elaborazione a cura del Dott. P.Paolo Rubeis Docente della Scuola PM di Roma grafica a cura della Dott.ssa Michela Cadoni

3 2 INDICE Commercio fisso (dettaglio, domicilio, ingrosso, alimentari). pag. 4 Commercio su aree pubbliche (alimenti, bilance)... 7 Affissioni e pubblicità. 10 Agenzie (d affari, automobilistiche, viaggio, imm.ri) Ambulatori medici Antichità Artigianato(laboratori, acconciatori, barbieri, parrucchieri, autoriparatori) Attività ricettive (case ed app.ti vacanze, agriturismo).. 15 Autorimesse e autonoleggi.. 18 Cani, animali in genere. 19 Carburanti...20 Centrali termiche e certificato di conformità 21 CPI Certificato Prevenzione incendi.. 21 Depositi. 22 Destinazione d uso.. 22 Estetica 22 Etichettatura prodotti alimentari 23 Etichettatura prodotti tessili 23 Facchinaggio.. 24 Farmacie. 24 Favismo 24 Fumo. 24 Giocattoli 24 Giochi, videogiochi. 25 Giornali e quotidiani.. 25 Guida e interprete 25 Igiene locali vendita alimentari 26 Igiene dei mezzi di trasporto prodotti alimentari 26 Lavavetri 26 Ludoteche. 26 Macellerie.27 Noleggio videocassette 27 Occupazioni di suolo pubblico. 28 Ordinanze sindacali 28 Pane produzione e vendita Parcheggiatore abusivo Pasticcerie e pizzerie al taglio Podologia (vedi estetica).. 29 Preziosi.. 29 Produttori agricoli Pubblicità prezzi (esercizi commerciali e aree pubbliche) 30 Pulizia e disinfezione.. 30 Regolamento di polizia urbana Rifiuti.. 32 Regolamento gestione rifiuti. 33 Somministrazione... 33

4 Spettacoli (cinematografi e teatri). 35 Spettacoli (sale da ballo, discoteche pubbliche, feste o intrattenimenti a fine di lucro) Servizi di telecomunicazione al pubblico. 35 Scuole private 36 Studi fotografici, fotocopie.. 36 Tabaccai. 37 Tintolavanderie. 37 Tipografie 37 3

5 ATTIVITA TITOLI RICHIESTI E/O INFRAZIONI NORMA VIOLATA IMPORTO EURO PROVENTI RICORSO COMMERCIO FISSO Vendita al dettaglio in esercizi di vicinato fino a 250 mq. (nel centro storico o nei comuni con meno di abitanti: fino a 150 mq.) Vendita di prodotti di diverso settore merceologico(alimentari e non) sprovvisto dei requisiti morali. Art. 5/2 comma D.Lgs. 114/ Vendita di prodotti del settore alimentare sprovvisto dei requisiti professionali. Art. 5/5 comma D.Lgs. 114/ Apertura, trasferimento senza preventiva comunicazione al Comune Apertura dell attività prima dei 30 gg dalla comunicazione Ampliava la superficie di vendita fino al limite previsto per gli esercizi di vicinato senza aver effettuato la comunicazione o prima che trascorressero i 30 gg dalla stessa. Vendita in un esercizio di vicinato di prodotti non compresi nel settore merceologico comunicato Art. 7 D.Lgs. 114/ Art. 7 D.Lgs. 114/ Art. 7 e 22 D.Lgs 114/ Vendita al dettaglio in medie strutture: superficie da 250 a mq Apertura, trasferimento e ampliamento di superficie senza prescritta autorizzazione Art. 8 D.Lgs. 114/98 (vedi artt L.R.33/99) Vendita al dettaglio in grandi strutture: superficie da mq. in poi Apertura, trasferimento e ampliamento senza autorizzazione Art. 9 D.Lgs. 114/98 (vedi artt L.R. 33/99) Inosservanza orari o giorni di chiusura artt. 11 e 22 D.Lgs 114/98 NOTA: nella fascia oraria 07:00/22:00 ciascun esercente sceglie liberamente l orario, non superiore alle 13 ore giornaliere con l obbligo d indicazione con cartello al pubblico Art. 11 D.Lgs. 114/ Obbligo di chiusura nei periodi e giorni stabiliti dall Ordinanza del. Art. 11 D.Lgs. 114/98 in rel. alla OS ,00 Prezzi; omessa o non chiara esposizione. Art 14 D.L. 114/ Mancata indicazione dei prezzi per unità di misura (kg, litro, metro, Art. 5 D.L. 84/2000 in rel metro quadrato, metro cubo) per le merci destinate ai consumatori Art. 14 D.L. 114/98 4

6 Affidamento di reparto : obbligo di comunicare alla e al Comune Art. 30 LR 33/ ,00 Subingresso senza comunicazione al Comune art 26 D.Lgs 114/98 Si applica quando esiste un contratto di gestione o subingresso tra le parti, o variazioni parti sociali senza averne dato comunicazione al Municipio o al Comune Esercizio di attività di vendita a seguito di autocertificazione non veritiera relativa ai requisiti dei locali (igienico sanitari- destinazione d uso- urbanistici) o dati personali Art.26/5 D.Lgs. 114/ Art. 21/1 comma L. 241/90 e L.445/2000 Mancanza esposizione dell autorizzazione o della comunicazione Art. 50 P.U. 100,00 Mancanza della targhetta fuori dell esercizio con recapito del titolare Art. 50 P.U. 100,00 I prodotti e le confezioni dei prodotti destinati al consumatore sul territorio nazionale devono riportare in lingua italiana indicazioni chiaramente visibili e leggibili (denominazione, nome marchio, ragione sociale,sede del produttore o importatore, materiali impiegati, istruzioni, ecc) E vietato vendere sul territorio nazionale prodotti alimentari che non riportino in forma visibile e leggibile indicazioni in lingua italiana. Vendita presso circoli o spacci interni senza comunicazione al Comune o prima dei 30 gg prescritti.- art. 16 D.Lgs 114/98. Necessita requisiti professionali per la vendita di prodotti alimentari. I locali non devono essere aperti al pubblico e non devono avere accesso dalla pubblica via (vendita di prodotti a favore di dipendente degli enti o imprese, nelle scuole, ospedali, ecc.) Vendita con apparecchi automatici senza comunicazione al Comune o prima dei 30 gg prescritti- art.17 D.Lgs 114/98. L autorizzazione può essere richiesta anche da chi installa l apparecchio. Necessita dei rquisiti professionali se la vendita è di prodotti alimentari. Vendita per corrispondenza (TV o altri sistemi di comunicazione) Art. 1 e 2 L. 126/91 e D. Lgs 206/05 artt Art. 2 comma II D.Lgs 109/ STATO 3200,00 REGIONE SINDACO Art. 16 D.Lgs. 114/ Art. 17 D.L. 114/ Inizio attività senza preventiva comunicazione al Comune (30 gg. prima). Mancata informazione del diritto di recesso o informazione incompleta o errata Vendita a domicilio Art. 18 D.L. 114/ Art. 5/11 D. Lgs. 50/ Inizio attività senza preventiva comunicazione al Comune (30 gg. prima). Art. 19 D.L. 114/ Mancata esposizione in modo visibile del tesserino di riconoscimento Art. 19 D.L. 114/ Mancato rilascio del tesserino da parte dell impresa Art. 19 D.L. 114/ Contratti negoziali fuori dai locali commerciali Mancata informazione del diritto di recesso o informazione incompleta o errata Art. 5/11 D. Lgs. 50/ Vendita on-line Obbligo di indicare il diritto del consumatore al recesso o inottemperanza ad esso E vietata la fornitura di beni e servizi al consumatore senza previa ordinazione. La mancata risposta non significa consenso. Nulla è dovuto da parte del consumatore Commercio ingrosso Art D.Lgs. 185/ NON ALIMENTARE: mancanza dei requisiti morali Art. 5 comma 2 D.Lgs. 114/

7 6 ALIMENTARE: mancanza dei requisiti morali Art. 5 comma 2 D.Lgs.114/ (INOLTRE) mancanza di un requisito professionale Art. 5 comma 5 D.Lgs. 114/ Sprovvisto di DIA alla ASL per registrazione requisiti sanitari in caso di vendita merci del settore alimentare Del. Giunta Reg. lazio n 275/06 in attuazione Reg, CE 852/2004 e art 6 D.Lgs 193/ ,00 REGIONE Vendite straordinarie LIQUIDAZIONI Per cessazione d attività, cessione e trasferimento azienda, scadenza affitto d azienda (CONSENTITA IN OGNI PERIODO DELL ANNO) Per rinnovo locale (almeno 15 gg. di chiusura al termine del periodo di vendita). SONO VIETATE NEL MESE DI DICEMBRE E NEI 30 GG. PRECEDENTI I SALDI. Max 6 settimane; comunicazione al Municipio almeno 20 gg prima. VENDITE DI FINE STAGIONE (SALDI) per prodotti di carattere stagionale o di moda Inizio dal primo sabato del mese di gennaio e dal primo sabato del mese di luglio. Max 6 settimane. PROMOZIONALI ( per tutti i prodotti merceologici) Possono essere effettuate in uno o più periodi dell anno. Per le merci del settore abbigliamento, calzature, tessile, pelletteria, pellicceria e biancheria. E vietata nei 30 giorni precedenti i periodi dei saldi e nei periodi coincidente con i saldi e liquidazioni Comunicazione al Municipio almeno 15 gg. prima. L esercente che intenda effettuare vendite promozionale di generi alimentari non è tenuto ad effettuare la comunicazione Per tutte le vendita straordinarie: TRIPLO PREZZO Indicazione del: prezzo base, percentuale di sconto, prezzo scontato. VENDITA SOTTOCOSTO senza averla comunicata al Comune (Municipio) almeno 10 giorni prima ovvero con durata superiore a 10 giorni ovvero per oltre 50 prodotti E' fatto divieto nei 30 giorni che precedono le vendite di fine stagione di effettuare inviti alla propria clientela o alla generalità dei consumatori, proporre condizioni favorevoli all'acquisto attraverso volantini, messaggi telefonici, fax, posta elettronica, lettere, annunci radiofonici o televisivi, manifesti, vetrofanie, ecc, Art.15 D.L. 114/98 ART.47 L.R. 33/99 mod. da Art 3 L.R. 19/07 Esercizio di vicinato (E.V.) Media struttura (M.S.) Grande struttura (G.S.) Art.15 D.L. 114/98 Art.48 L.R. 33/99 mod. da Art. 1 e 3 L.R. 19/97 Art. 15 D.L.114/98 ART.49 L.R. 39/99 mod. da Art 2 e 3 L.R. 19/07 Art.15 D.L. 114/98 Art.48 L.R. 33/99 mod. da Art 1 e 3 L.R. 19/07 Art. 15 c. 7 D. Lgs. 114/98 in rel. DPR 218/01 Art 29 L.R. 33/99 mod. da Art 2 e 3 L.R. 19 /07 Esercizio di vicinato Media struttura Grande struttura 1500, , ,00 (E.V.) 1500,00 (M.S.) 4500,00 (G.S.) 13500,00 (E.V.) 1500,00 (M.S.) 4500,00 (G.S.) 13500,00 art. 49 comma 2 bis L.R. 33/99 (E.V.) 1500,00 (M.S.) 4500,00 (G.S.) 13500,00 SINDACO 1032, , , ,00

8 7 VENDITA ALIMENTARI (vedi commercio fisso e igiene locali di vendita) Privo di Nulla Osta Sanitario per locali adibiti alla produzione, trasformazione, e distribuzione di alimenti non effettua la notifica alla ASL per registrazione requisiti sanitari Mancata comunicazione all'autorità competente con la richiesta di aggiornamento della registrazione dei requisiti sanitari Privo di requisiti professionali. Privo di requisiti morali Reg. CE n 852/04 e art 6 D.Lgs 193/07 Art 6/3 comma D.Lgs 193/07 Art. 5 comma 5 D.L.114/98 Art. 5 comma 2 D.L.. 114/98 COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE 3000,00 REGIONE 1000,00 " Camice sporco Art. 157 Reg. Igiene Alimenti scoperti Art. 154 Reg. Igiene Bagni sporchi Art. 34 Reg. Ig Prezzi non indicati o poco visibili Art. 14 D.L.114/ Obbligo di indicare il prezzo per unità di misura Art. 14 D.L. 114/98 (rif. D.L /2000) Pareti, pavimenti o soffitti sporchi Art. 153 Reg. Ig Secchio per rifiuti mancante o privo di coperchio Art. 3 Reg. Ig Vendita surgelati con temperatura superiore a 18 Art. 2 D.M. 15/6/71 Banco frigo per surgelati privo della linea massima di carico o prodotti posti oltre la linea Ingredienti non indicati Vendita di alimenti e bevande con consumo sul posto e somministrazione in locali non appositamente attrezzati Art. 4 D.M. 15/6/ REGIONE Art. 16 D.L. 109/92 in rel. D.L. 181/03 Art. 7 comma 3 D. Lgs. 114/ ,66 REGIONE Vendita su area pubblica sprovvisto di autorizzazione o fuori del territorio assegnato (SEQUESTRO OBBLIGATORIO DELLE MERCI E DELLE STRUTTURE DI VENDITA) Art. 28/29 D.Lgs. 114/98 Art. 20 C. d.s. se l OSP è sul marciapiede o sede stradale Art. 14 Reg. COSAP (indicare superficie per calcolare l importo che verrà comunicato dal Municipio) ,00 senza imp. Prefetto Municipio Municipio Mancanza dei requisiti morali per la vendita di qualsiasi merce Art. 5/2 comma D. Lgs. 114/98 Mancanza dei requisiti professionali per la vendita di merce alimentare Art. 5/5 comma D. Lgs. 114/ Prezzi non indicati o non chiari sulla merce esposta Art. 14 D. Lgs. 114/ Mancata comunicazione al pubblico degli orari Art. 11 (rel. Art. 22 c. 3 ) D.L.114/98 Violazione delle limitazioni o divieti stabiliti dal Comune ai fini della salvaguardia delle aree aventi valore archeologico, storico, artistico (o per motivi di viabilità o igienico sanitario o per pubblico interesse). Esercizio del commercio su aree pubbliche in forma itinerante senza autorizzazione del comune in cui il richiedente ha la residenza.. Gli itineranti possono vendere in tutto l ambito nazionale.. SOLO CON MEZZO MOBILE Commercio su aree demaniali marittime senza NULLA OSTA della competente autorità marittima Mancata esposizione del titolo ORIGINALE ( si persegue come privo di autorizzazione) Art. 28/16 D.Lgs. 114/98 (in rel. Art. 29/2 ) Se c è OSP: Art. 20 C.DS e Art. 14 Reg. COSAP (indicare superficie) come sopra ,00. senza imp. Prefetto Municipio Municipio Art. 28 c. 4 D.Lgs. 114/ Art. 28 c. 9 D.Lgs. 114/ Art. 28 D. Lgs. 114/98. (sequestro della merce)

9 Vendita ambulante di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione (se in possesso di autorizzazione per vendita su aree pubbliche) Vendita abusiva di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione su area pubblica Rotazione : mancata esposizione del titolo autorizzativo in originale + cartello indicante gruppo rotativo unitamente al turno di lavoro originale del Dipartimento VIII Rotazione :Appendere merci o altro ad ombrelloni di copertura del settore merci varie o a pensiline di automezzi del settore alimentare Rotazione : inizio dell attività di vendita prima delle ore 07,00 o dopo le ore 08,30 Rotazione :Apertura domenicale o festiva nel periodo non autorizzato Rotazione : occupazione dello stesso posteggio per due giorni consecutivi dallo stesso operatore (eccetto che il 2 giorno sia festivo ed autorizzato) Mancato rispetto delle dimensioni dei mezzi di vendita utilizzando una maggiore OSP privo di concessione Rotazione: uso di ombrelloni posti su banchi di vendita o automezzi adibiti alla vendita del settore alimentare di colori diversi da quelli prescritti In possesso di autorizzazione anomala, non presentava entro 60 gg. dal 25/02/2003 specifica domanda per rilascio nuovo titolo autorizzativo e di OSP Art. 87 TULPS (+ 28/29 DLgs 114/98 se abusivo) Art. 30 e 29 D.Lgs 114/ ,00+ seq. Amm.vo Art. 28/29 D.L. 114/98 in rel.del. G.M 114/03 826,00 STATO Prefetto 5164,00 DEL.G.M. 114/03 100,00 DEL.G.M. 114/03 100,00 Art. 11 D.L. 114/98 in rel. DEL.G.M. 114/ ,00 Art. 28 D.L. 114/ ,00 Art. 1 P.U. o Art. 20 CDS Art. 14 COSAP 100,00 148,00 DEL.G.M. 114/03 100,00 Art. 28/29 D.L. 114/98 in rel. DEL.G.M. 103/03 Art. 14 COSAP 5.164,00 Vendita funghi freschi spontanei Vendita funghi freschi spontanei senza autorizzazione comunale Vendita di funghi freschi spontanei sprovvisti di attestato di idoneità al riconoscimento della specie rilasciato dal S.I.T.A. Mancanza del certificato di commestibilità Art. 2 c. 1 DPR 376/95 e art. 23 L. 352/93 Art. 2 c. 2 DPR 376/95 e art. 23 L. 352/93 Art. 3 DPR 376/95 e art. 23 L. 352/93 E vietata la vendita di funghi freschi spontanei in forma itinerante Art. 263 c. 3 Reg. Ig. (SEQUESTRO in relazione L.283/62 e art. 20 c. 1 DPR 327/ REGIONE REGIONE REGIONE

10 Vendita alimenti su area pubblica (anche somm.ne in forma itinerante) Mancanza dei requisiti per la vendita di prodotti alimentari. Art. 5/5 comma D.L. 114/ Mancanza autorizzazione amministrativa Art. 28 D.L. 114/ Sprovvisto di AUTORIZZAZIONE SANITARIA o DIA per registrazione da parte della ASL competente (anche del mezzo utilizzato) se c è manipolazione e somministrazione di alimenti o bevande Somministrazione di prodotti alimentari senza che tale abilitazione sia annotata sul titolo Del. Giunta Reg. Lazio 275/06 in attuazione Reg. CE 852/2004 e art 6 D.Lgs 193/07 Art. 28 comma 7 D.L. 114/ ,00 REGIONE Somministrazione di bevande superalcoliche Art. 12 L.R. 21/ Comune Mancanza autorizzazione temporanea di somministrazione in occasione di fiere e feste Art. 12 L.R. 21/ Comune Alimenti di pasticceria o pizzicheria scoperti Art. 154 Reg. Ig. 50,00 Alimenti che si consumano senza cottura non possono essere toccati dal pubblico senza guanti In ogni esercizio o banco di alimentari debbono essere esposti cartelli ben visibili indicanti il divieto di toccare la merce sprovvisti di guanti Art. 159 Reg. Ig. 50,00 Art. 159 Reg. Ig. 50,00 Bilance (peso netto) Vendita non a peso netto della merce Art. 1 L. 441/ STATO E IN PIU SE SI RAVVEDE LA FRODE Art. 515 C.P. (frode in commercio) Bilancia non visibile all acquirente (parzialmente o totalmente) specificando perché la bilancia non è ben visibile Art. 2 L. 441/ STATO Vendita farmaci nei supermercati (vedi L. 248/06 e Circ. Min. Salute n 3/06) Obbligo di presenza del farmacista per tutto l orario di apertura dell esercizio commerciale per assistenza attiva al cliente. Art. 8 D.Lgs 114/98 in relaz. L. 248/ Comune Obbligo di effettuare la vendita e conservare i medicinali da banco o di automedicazione o non soggetti a prescrizione medica in appositi reparti (apposito corner o scaffale chiuso in caso di assenza del farmacista). Relazione al Comune 9

11 10 AFFISSIONI E PUBBLICITA Porre in essere impianti pubblicitari sulla sede stradale o in vista di essa senza autorizzazione del Dipartimento VIII (invito di rimozione entro gg. 3) Porre in essere insegne luminose e non sulla sede stradale o in vista di essa senza autorizzazione del Municipio (invito di rimozione entro gg. 7) Porre in essere impianti o insegne pubblicitarie non visibili dalla strada senza autorizzazione Pubblicità eseguita con cartelli o altri mezzi trasportati da persone Art. 23/13 quater CDS in rel. art 31 Del. CC 100/06 Art. 23/13 quater CDS in rel. art 31 Del. CC 100/06 Art. 24 D.Lgs 507/93 in relazione art. 31 Del. CC 100/96 Art. 24 D.Lgs 507/93 in relazione art. 31 Del. CC 100/96 370,00 PREFETTO 370,00 prefetto 412,00 Comune 412,00 Comune Inosservanza alla diffida di rimozione delle insegne e degli impianti Art. 23 comma 13 del CDS 4000,00 Comune Prefetto Pubblicità non autorizzata su veicoli Art 23 CDS 370,00 Comune Prefetto Pubblicità fonica non autorizzata Art 23 CDS 370,00 Comune Prefetto Gli automezzi sui quali è esposta la pubblicità con appositi impianti, anche se in possesso di omologazione, non possono effettuare l esposizione pubblicitaria durante le soste e le fermate non obbligatorie. Transito delle vele all interno della ZTL Art24/2 comma D.Lgs 507/93 inrel. Art 31 Del. CC. 100/06 Art.24 D.Lgs 507/93 in rel.art. 31 Del. CC 100/06 412,00 412,00 Comune Effettuare volantinaggio senza aver presentato dichiarazione e pagato Art. 8/28 D.C. 289/94 412,00 il tributo al Municipio (NB distribuzione consentita solo se eseguita con consegna diretta alle persone) Effettuare pubblicità con scritte sui vetri senza autorizzazione o DIA Art. 23 CDS se visibile 370,00 N.B. LE INSEGNE ADESIVE O PITTORICHE non sono soggette a dalla strada dichiarazione se la scritta non è superiore al 25% della superficie della vetrina o della porta. Se la scritta supera i 300 cm quadrati è soggetta al pagamento dell imposta di pubblicità. NON SI POSSONO AUTORIZZARE LE INSEGNE A RULLO. Art. 24 D.Lgs 507/93 se non visibile dalla strada 412,00 Comune Prefetto Comune Vetrinole non autorizzate Art. 82 Reg. Edilizio Faretti non autorizzati Art. 83 Reg. Edilizio Tende non autorizzate Art. 88 Reg. Edilizio (è proibito far scendere le tende o le frange al di sotto di mt. 2,20 dal suolo) Numero civico mancante Art. 54 Reg. Edil N.B. QUALORA LE INSEGNE, VETRINOLE, TENDE O FARETTI SIANO PRIVI DI AUTORIZZAZIONE E AGGETTINO SU AREA PUBBLICA OCCORRE CONTESTARE ANCHE L ART. 14 REG. COSAP (INDICANDO LA SUPERFICIE) E TRASCRIVERE SUL VAV il trasgressore può ottenere la riduzione dal 200% al 25% dell importo dovuto se regolarizza la posizione prima di ricever gli atti dell accertamento. IL VAV E SENZA IMPORTO e trasmesso al Municipio per conteggio canone e successiva notifica.

12 AGENZIE AGENZIA IN GENERE Priva di autorizzazione o DIA Art. 115 TULPS AGENZIE D AFFARI Prive di licenza di cui all art. 163/ 2 comma lettera b e d D. Lgs. 112/98 trasferito al Comune dall (Agenzie d affari nel settore delle esposizioni, mostre e fiere campionarie o intermediazioni a fini di lucro non disciplinati da norme speciali). Art. 115 TULPS Mancata esposizione della licenza Art.180 Reg.Es TULPS Mancata annotazione rappresentante Art 8 in rel 115 TULPS Agenzie d affari per recupero crediti, pubblici incanti, agenzie matrimoniali e di pubbliche relazioni di competenza della Questura. Art. 115 TULPS 1032,00 STATO AGENZIE PRATICHE AUTOMOBILISTICHE e AUTOSCUOLE Mancanza di Autorizzazione rilasciata dalla Provincia o DIA Mancanza di Autorizzazione rilasciata dalla provincia per esercizio dell attività di scuola guida Esercizio di Scuola Giuda in mancanza dell Attestato di Idoneità Professionale da parte del titolare autoscuola Vendita di auto usate con registrazione incompleta (mancanza dati clienti). N.B. La compravendita auto usate prive di autorizzazione configura anche l abusivismo commerciale (D.Lgs. 114/98). La proprietà e la gestione dell autoscuola deve essere diretta personalmente, esclusivamente, permanentemente dal titolare in possesso di idoneità professionale rilasciata dalla MCTC Nel caso di un impresa con più sedi, in ognuna di esse deve essere designato un responsabile tecnico in possesso di abilitazione (titolare, socio, dipendente, coadiuvante o similare) Art. 9 L. 264/91 mad. Art 10/5 comma L.40/ PROVINCIA pres. prov. Art. 123 CDS 716,00 Provincia Pres Provincia Art. 348 C.P. Art. 120 TULPS REGIONE Art. 348 CP Penale Art. 3 /5 comma L. 264/91 500,00 PROVINCIA Pres. Prov. 11

13 12 AGENZIE DI VIAGGIO Destinazione d uso locale Relazione all UOT del Municipio Mancata esposizione dell autorizzazione Art. 20 L.R. 10/ REGIONE Comune Mancanza di Licenza Provinciale (autorizzazione) Art. 26 L.R. 10/ Associazioni senza scopo di lucro che non stipulano la polizza Art. 26 L. R. 10/ assicurativa Associazioni senza scopo di lucro che non hanno inviato annualmente Art. 26 L. R. 10/ alla Regione il programma delle attività Associazioni senza scopo di lucro non iscritte nell elenco regionale Art. 26 L.R. 10/ Attività complementari (prenotazione autovetture da noleggio, rilascio passaporti., inosservanza prescrizioni modalità programma viaggio.) AGENZIE IMMOBILIARI Artt. 4 (punti 1,2,3,7) e 115 TULPS Uso di modelli di cui non è stata consegnata copia alla Camera di Commercio Mancata iscrizione a ruolo di Agenti Affari in mediazione (tutti coloro che esercitano l attività di mediazione per conto di imprese devono essere iscritti a Ruolo) Affidamento dell esercizio dell attività da parte della Società o del legale rappresentante a soggetto non in regola Art. 5 L. 39/89 rel. Art. 21 D.M. 452/90 Art. 2 e 3 L. 39/89 in rel art 8 mod dall art.14/7 comma L. 296/06 Art 8 L. 39/89 mod. dall art. 1 comma 47 L. 296/ STATO 5000,00 STATO 5000,00 STAO + Rapporto a carico del titolare Il legale rappresentante di più società di mediazione spesso distanti fra loro, non può essere in grado d svolgere contemporaneamente e in prima persona il proprio mandato ed è tenuto a nominare un preposto (dipendente o collaboratore) iscritto a Ruolo dandone apposita Comunicazione al Ruolo e al Registro delle Imprese AMBULATORI MEDICI Privo di Autorizzazione Amministrativa regionale Art. 193/194 T.U.LL.SS. ANTICHITA (o cose di pregio) Commercio di cose antiche ed usate non di valore esiguo o di pregio: obbligo di DIA al Comune Tale tipo di commercio necessita anche della autorizzazione amm.va O COMUNICAZIONE Commercio di cose antiche ed usate non di valore esiguo a clienti non identificati Commercio di cose antiche ed usate non di valore esiguo o di pregio omettendo l obbligo del registro Commercio di cose antiche ed usate non di valore esiguo omettendo di registrare sul registro alcune operazioni o lasciando spazi in bianco Art. 126 e 128 TULPS (vedi art. 2 c. 1 L. 311/2001) Art. 7 D.L. 114/ Art. 128, I comma TULPS 308,00 Stato Comune Art. 128, I comma TULPS 308,00 Stato Comune Art. 128, I comma TULPS 308,00 Stato Comune

14 13 ARTIGIANATO (laboratori) I laboratori di artigianato possono vendere nei locali di produzione o a questi adiacenti i beni di produzione propria e possono fornire al committente beni accessori alle esecuzioni delle opere e alla prestazione del servizio senza sottostare alla disciplina del commercio D. Lgs 114/98. Le imprese artigiane devono iscriversi all albo entro 30 gg dall inizio dell attività. Attività artigiane in locali privi di N.O.T.S. o autocertificazione relativa al possesso dei requisiti igienici Art. 46 Reg. Igiene 160,00 Se il laboratorio è di prodotti alimentari serve l Autorizzazione Sanitaria o DIA per registrazione da parte della ASL competente: se sprovvisto Privo di Attestato Idoneita Tecnico Sanitaria (per ditte individuali, S.r.l., S.a.s. o S.n.c.) o DIA Del. Giunta Reg.Lazio 275/06 in esecuzione Reg. CE 852/2004 e art 6 D.Lgs 193/ ,00 REGIONE Del. Cons. 2995/77 o DIA Come sopra ma per S.P.A. o S.o.c. in Accomandita per Azioni Art. 33 Pol. Urbana o DIA Omessa presentazione domanda d iscrizione all Albo Provinciale Imprese Artigiane (entro 30 gg. dall inizio attività) Art. 24 lett. A comma 1 L. R. 10/07 600,00 REGIONE Omessa presentazione domanda di modifica o di cancellazione Art. 24 lett. C L.R. 10/07 400,00 Presentazione domanda d iscrizione all Albo Provinciale Imprese OLTRE I TERMINI (entro 60 gg.) Dichiarazioni non veritiere utili ai fini dell iscrizione nell Albo Provinciale delle Imprese Artigiane Inosservanza giorno di chiusura o orario di chiusura laboratorio con annessa vendita Se il laboratorio è considerato insalubre (tintorie, carrozzerie con forno, ecc) Art. 24 comma 1 lettera D L.R. 10/07 83,33 Art. 24 comma 1 lett G 1032,00 L.R. 10/07 Art. 11 D.L.vo 114/ Relazione alla ASL competente Mancanza targhetta esterna con recapito del titolare Art. 50 P.U. 100,00 N.O. IMPATTO ACUSTICO per le attività potenzialmente rumorose dopo la verifica dell ARPALAZIO Art. 10 L. 447/95 Competenza ArpaLazio REGIONE Privo di Autorizzazione Comunale o DIA parrucchiere, acconciatore Privo del parere dell Ufficio d Igiene ACCONCIATORI, BARBIERI, PARRUCCHIERI per l attività di barbiere, L.174/05 in rel. Art. 10 L. 40/07 Relazione alla ASL Privo di qualifica professionale Mancato rispetto orario settimanale o feriale (09.00/19.00) Inosservanza orario barbiere e parrucchiere - giorni feriali dalle ore 09:00 alle ore 19:00, domenica chiusura completa. La chiusura infrasettimanale è facoltativa. L orario può essere anticipato o posticipato di un ora se viene osservato corrispondente intervallo tra orario antimeridiano e pomeridiano. Art. 2/5 L.R. 26/01 in rel. Artt 3 e 5 L.174/05 Ord. Sind. 57/99 in rel art 7 bis TUEL Art. 7 bis del TUEL D.L. 267/2000 in rif. O.S. 57 del 04/02/ REGIONE ,00 Obbligo di esposizione al pubblico del cartello dell orario prescelto ben visibile dall esterno Art. 7 bis del TUEL D.L. 267/2000 in rif. OS 57 del 04/02/ ,00

15 Mancata iscrizione all Albo Imprese Artigiane Art. 17 L.R. 10/ REGIONE Mancata esposizione avvisi obbligatori (tossicità tintura, listino prezzi..) NB nell attività di barbiere o parrucchiere è possibile vendere prodotti che trovano normale impiego nelle prestazioni professionali ART. 7/8 Del. Cons. 2641/ I barbieri e i parrucchieri possono avvalersi di familiari o dipendenti per prestazioni semplici, di manicure e pedicure estetico senza bisogno di qualificazione professionale e di autorizzazione per l attività di estetica ( art. 9 secondo comma L. 1/90) AUTORIPARATORI (MECCANICO, CARROZZIERE, ELETTRAUTO,GOMMISTA) Mancanza del N. O. T. S. o autorizzazione industrie insalubri Mancanza Attestato Idoneità Tecnico Sanitaria o DIA Inizio attività senza essere iscritti al Registro specifico dell albo artigiani in una, o più, delle quattro sezioni (meccanico, carrozziere, elettrauto, gommista).. N.B. le attrezzature vanno poste sotto SEQUESTRO CAUTELARE per la successiva confisca (art. 13 II comma L. 689/81) Impresa che esercita attività diversa da quella per cui è iscritta alla. Le attrezzature vanno poste sotto SEQUESTRO CAUTELARE per la successiva CONFISCA. Carrozzieri (con forno) privi di autorizzazione provinciale per emissioni in atmosfera Proprietario di veicolo a motore che per la riparazione si avvale di impresa non iscritta al registro speciale Del. Cons. 2995/77 (per ditte individuali e snc) oppure Art. 33 P. U. (per società di capitali, SRL, SPA, ecc) Relazione alla ASL Art. 10/2, L. 122/ STATO Art. 10/3, L. 122/ STATO DPR 203/88 Privo di N.O. IMPATTO ACUSTICO Art. 10 L. 447/95 (ARPALAZIO) Mancata o incompleta tenuta registro di carico e scarico di rifiuti non Art 190 D.Lgs 152/06 pericolosi da parte di imprese con meno di 15 unità Mancata o incompleta tenuta registro di carico e scarico di rifiuti non pericolosi da parte di imprese con più di 15 unità Transito sul marciapiede con auto e moto senza aver richiesto e ottenuto il passo carrabile (elettrauto, meccanici, ecc.) Art. 6 L. 122/ STATO REGIONE 2064,00 PROVINCIA Pres.Prov. Art 190 D.Lgs 152/ ,00 PROVINCIA Pres.Prov. Art. 84 Reg. Ed: 100,00 Lavori sul suolo pubblico (marciapiede o sede stradale) Art 9 Reg. PU 50,00 14

16 15 Passo carrabile non autorizzato privo di cartello Art. 22 CDS ,60 PREFETTO ATTIVITA RICETTIVE (ALBERGHI, PENSIONI, OSTELLI ) Senza licenza rilasciata dal Dipartimento XX- Ufficio Turismo Art. 86 TULPS in rel. art 9 D.Lgs 135/01 Senza Autorizzazione Sanitaria o requisiti sanitari Art. 231 TULLSS abrogato Senza autorizzazione alla somministrazione se l attività è completamente abusiva. (Se è autorizzata a norma dell art. 9 D.Lgs 135/01 tale autorizzazione è comprensiva anche per la somministrazione). Mancata registrazione alloggiativi da comunicare all autorità locale di P.S. entro 24 ore dall arrivo Senza Certificato Prevenzione Incendi (con capacità alloggiativi superiore ai 25 posti) Ampliamento abusivo della ricettività alloggiativa relazione alla ASL Art. 11 L.R. 21/ Comune Art. 109 TULPS in rel. Art. 8 Legge 135/01 Penale Art. 24 BIS P.U Art. 167 Reg. Esec. TULPS in rif. Art. 86 TULPS Ampliamento posti letto Art. 4 R.D. 24/05/25 N 1102 Modif. art. 1 DPR 1437/ Mancanza requisiti morali Art 11 TULPS 1032,00 STATO Obbligo di iscrizione nel Registro delle Imprese Art 8 L.580/ ,00 STATO Discriminazione persone portatrici di handicap (sanzione + Rapporto Amministrativo al Comune e chiusura esercizio da 1 a 6 mesi) Affittacamere, ostelli, case per ferie, bed and breakfast Art 23/5 comma L.104/ ,00+ rapp. Amm.vo STATO AFFITTACAMERE STRUTTURE DI NON Più DI SEI CAMERE CON UN MASSIMO DI DODICI POSTI LETTO OSTELLI STRUTTURE PER SOGGIORNO E PERNOTTAMENTO DEI GIOVANI ED EVENTUALI ACCOMPAGNATORI CASE PER FERIE STRUTTURE ATTREZZATE PER IL SOGGIORNO TEMPORANEO (NON SUPERIORE A 90 GIORN) GESTITE DA ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI, ENTI RELIGIOSI OPERANTI SENZA SCOPO DI LUCRO PER IL PERSEGUIMENTO DI FINALITA SOCIALI GLI AFFITTACAMERE, GLI OSTELLI E LE CASE PER FERIE NECESSITANO DI AUTORIZZAZIONE COMUNALE PREVIO ATTESTATO DI CLASSIFICAZIONE E PARERE RILASCIATI DA A.P.T. (Azienda Prov.le per il Turismo) BED AND ESERCIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE NELLA CASA DI ABITAZIONE A CARATTERE BREAKFAST SALTUARIO O STAGIONALE (COMUNICAZIONE A.P.T. NON SERVE AUT.NE COMUNALE) NON PIU DI TRE CAMERE CON MASSIMO DI SEI POSTI. Attività abusiva di affittacamere ovvero di dare alloggio in più di 6 camere e/o più di 12 posti letto Art. 7/8 L.R. 18/ REGIONE Applicazione tariffe non autorizzate Art. 12/14 L.R. 18/ REGIONE Superamento n posti attività ricettiva Art. 14 L.R. 18/ REGIONE Mancata esposizione delle tariffe praticate Art. 14 L.R. 18/ REGIONE Errata o incompleta pubblicità della categoria Art. 14 L.R. 18/ REGIONE Mancata comunicazione all autorità di PS degli alloggiati Art 109 TULPS Penale Case ed appartamenti per vacanze: l.r. 33/98

17 Sono case ed appartamenti per vacanze gli immobili arredati, gestiti in forma imprenditoriale per l affitto a turisti senza offerta di servizi centralizzati con contratti aventi validità non inferiore a sette giorni e non superiore a tre mesi consecutivi. Per le case ed appartamenti per vacanze locati o sublocati in forma non imprenditoriale per brevi periodi è fatto obbligo ai proprietari locatari di presentare al Comune un autocertificazione sul modulo predisposto dalla Regione. Una copia della dichiarazione viene trasmessa dal Comune all APT entro 30 gg dalla ricezione. Mancanza attestato di classificazione ottenuto dall APT e pertanto sprovvisto di autorizzazione Mancata esposizione della classificazione all interno delle case e degli appartamenti per vacanze in modo ben visibile per tutti gli alloggiati Mancanza autorizzazione rilasciata dal Comune (l autorizzazione viene rilasciata entro 30 gg dal ricevimento dell attestato di categoria trasmesso dall APT) Sospensione temporanea dell attività senza darne preventivo avviso al Comune Art 5 e 7 L.R. 33/98 516,00 Art. 5 L.R. 33/98 25,00 Art 7 L.R. 33/98 516,00 Art 9 L.R. 33/98 Relazione al Applicazione di prezzi e tariffe non vidimata dall APT art. 10 L.R. 33/98 25,00 Omessa esposizione all interno degli appartamenti della tabella sulla quale siano indicati i prezzi richiesti per le diverse ipotesi di utilizzo stagionale, il numero complessivo delle camere, dei letti, bagni, ecc. Art 10 L.R. 33/98 25,00 Omessa o non chiara indicazione dei prezzi e tariffe per i clienti Art 14 D.Lgs 114/ ,00 Applicazione di prezzi superiori a quelli indicati nella tabella Art 10/6 comma L.R. 33/98 Omessa comunicazione all autorità di PS degli alloggiati Art 109 TULPS Penale 75,00 Obbligo di iscrizione dell imprenditore al registro delle Imprese Art 8 L.R. 580/ ,00 STATO AGRITURISMO- L. 96 del 20/02/2006 e L.R. 14 del 02/11/2006 (legislazione concorrente) Per attività agrituristiche si intendono le attività di ricezione e ospitalità esercitate dagli imprenditori agricoli di cui all art CC. ed all art 1 e 2 D.Lgs 228/01 singoli o associati attraverso l utilizzo della propria azienda in rapporto di connessione e complementarietà rispetto all attività di coltivazione del fondo, silvicoltura allevamento di animali e attività connesse. L attività agricola è l attività principale. Per attività agrituristica si intende dare ospitalità in alloggi e spazi aperti destinati alla sosta dei campeggiatori, somministrare pasti e bevande anche alcoliche, organizzare attività ricreative, culturali, didattiche, sportive, escursionistiche, ippoturismo. In possesso di autorizzazione per l esercizio dell attività ricettiva e di somministrazione abusivamente utilizza tramite pubblicità e/o con passa parola la denominazione agriturismo Produttore agricolo che esercita l attività agrituristica con alloggio a n persone senza essere iscritto all elenco provinciale dei soggetti abilitati all esercizio dell attività di agriturismo Produttore agricolo esercita l attività agrituristica con somministrazione di pasti in locali appositamente attrezzati senza essere iscritto all elenco provinciale abilitati all esercizio dell attività agrituristica Produttore agricolo iscritto all elenco provinciale dei soggetti abilitati all esercizio dell attività agrituristica effettua tale attività in assenza della DIA da presentare al Comune o prima che siano trascorsi i 30 gg della presentazione della DIA ed avere Artt. 23 e 27 L.R. 14/06 e art 9 L.96/06 Art 86 TULPS in rel. art 17 L.R. 14/06 Art 11 L.R. 21/06 in rel. Art 17 L.R. 14/06 Art 86 TULPS in rel. art 18 L.R. 14/06 333,30 Provincia Pres. Prov. 1032,00 Provincia Pres. Prov. 1032,00.+ Rapp.amm.vo Al comune 1032,00+ Rapp.amm.vo al Municipio per chiusura Provincia Pres. Prov. Provincia Pres. Prov. 16

18 effettuato la relativa comunicazione Produttore agricolo iscritto all elenco provinciale dei soggetti abilitati all esercizio dell attività di agriturismo omette di registrare gli alloggiati e/o comunicarlo all autorità locale di PS entro 24 ore. Autorizzato all esercizio dell attività agrituristica ometteva di indicare in modo chiaro i prezzi praticati nell attività di somministrazione Esercita l attività di agriturismo in un fondo agricolo privo di edifici idonei e sprovvisto di autorizzazione amministrativa Autorizzato all esercizio dell attività agrituristica ometteva di esporre in luogo ben visibile le tariffe praticate Autorizzato all esercizio dell attività agrituristica praticava agli alloggiati tariffe non autorizzate e diverse di quelle comunicate al Comune Autorizzato all esercizio dell attività agrituristica con capacità ricettiva di n posti letto dà alloggio a n.. persone in più. NB: la massima capacità ricettiva consentita è di 50 posti letto Autorizzato all esercizio dell attività di agriturismo ammette nel campeggio più di 30 ospiti e/o mette a disposizione più di 12 piazzole Autorizzato all esercizio dell attività agrituristica somministrava pasti giornalieri n. superando di n quelli consentiti. NB: Il numero massimo di pasti giornalieri è 80 Autorizzato all esercizio dell attività di agriturismo effettua la preparazione e la somministrazione di alimenti e bevande sprovvisto di autorizzazione o Nulla Osta della ASL o DIA per Registrazione Autorizzato all esercizio dell attività di agriturismo utilizza per lo svolgimento di tale attività personale non addetto (familiari o dipendenti dell azienda agricola) Autorizzato all esercizio dell attività di agriturismo, nell offerta gastronomica e nella somministrazione di alimenti e bevande non rispetta i limiti di provenienza dei prodotti, stabiliti dalla legge. NB: Utilizza prodotti propri non inferiore al 35%; i prodotti non regionali non superiori al 15%; la restante parte di prodotti provenienti da aziende locali o ubicate nel territorio regionale Art 109 TULPS in rel art 8 L 135/01 e all art 21 L 14/06 Penale Art 16 L.R. 21/06 308,00 Art 86 TULPS in rel. art 19 L.R. 14/06 Art 21 e 22 L.R. 14/06 e art 8 L. 96/06 in rel art 14 L.R. 18/97 Artt 20 e 21 L.R. 14/06 in rel art 14 L.R. 18/97 Art 86 e 167 Reg.E. TULPS in rel art 14 L.R. 14/06 Art 86 e 167 Reg.E. TULPS in rel art 14 L.R. 14/06 Art 11 L. R. 21/06 in rel art 14 L.R 14/ ,00+ rapp amm.vo al comune 258,23+ rapp amm.vo al comune 860,76+ rapp amm.vo al comune e alla comm.ne Prov.le 1032,00+ rapp amm.vo al comune e alla comm.ne Prov.le 1032,00+ rapp amm.vo al comune e alla comm.ne Prov.le 1032,00+ rapp amm.vo al comune e alla comm.ne Prov.le Provincia Pres. Prov. Provincia Pres. Prov. Provincia Pres. Prov. Provincia Pres. Prov. Provincia Pres. Prov. Provincia Pres. Prov. Segnalazione alla ASL Del. Giunta Regione Lazio 275/06 in esecuzione Reg. CE 852/2001 Art 2 L.R. 14/06 Art 14/7 comma L.R. 14/06 rapp amm.vo al comune e alla comm.ne Prov.le rapp amm.vo al comune e alla comm.ne Prov.le 17

19 AUTORIMESSE E AUTONOLEGGI Mancanza della DIA relativa all attività (AUTORIMESSE) E OBBLIGO DELLA RICEVUTA con annotazione dei veicoli ricoverati con data di ingresso e uscita, marca, modello, colore e targa del veicolo anche autorimesse a cielo aperto purchè con servizio di custodia Mancanza della DIA relativa all attività AUTONOLEGGI SENZA CONDUCENTI Privo di N.O.T.S. o autocertificazione relativa ai requisiti igienici Privo di C.P.I. (cert. Prev.ne incendi) (non è necessario per autorimesse a cielo aperto) Orario autorimesse: il gestore determina liberamente l effettivo orario di apertura e chiusura dell esercizio per i giorni feriali e festivi. Obligo di comunicarlo con cartello ai clienti all interno dell autorimessa e di averlo comunicato al Municipio Sosta autovetture su rampe di entrata e uscita dalle autorimesse di larghezza inferiore a mt. 4,50 DPR 480/2001 R.A. Comune UOT DPR 481/2001 R.A. Relazione alla ASL Art. 24 BIS P.U Art. 7 bis TUEL D.L. 267/02 in rif. OS n 12 del 27/05/2003 Art. 24 bis in Rel D.M punti 3 e ,00 Con il D.M. 22/11/202 viene consentito il parcamento delle auto alimentate con GPL e dotate del sistema di sicurezza conforme al Reg. Europeo ECE/ONU anche al primo piano interrato delle autorimesse. Eventuali divieti possono essere imposti dai VVFF e devono essere segnalati all ingresso Passo carrabile sprovvisto di autorizzazione dell UOT Art. 22/4 e 11 CDS 148,00+ripri stino luoghi Prefetto 18

20 CANI e ANIMALI IN GENERE Abbandono di cani, gatti o altri animali di cui si è proprietario Art. 727 CP Penale Mancata iscrizione all anagrafe canina entro 90 giorni Art. 12 e 24 L.R. 34/ REGIONE Mancata comunicazione alla ASL competente entro 15 giorni di smarrimenti, decessi o mutamento di titolarità del cane Art. 14 e 24 L.R. 34/ REGIONE Mancato tatuaggio (o microchip) del cane Art. 13 e 24 L.R. 34/ REGIONE Commercio di cani o gatti per sperimentazioni Art. 24 comma IV L.R. 34/97 Vendita ambulante di piccoli animali Art. 28 e 29 D.L.vo 114/98 in rel. Art. 207 Reg. Servizio Veterinario (SEQUESTRO AMM.VO e affidamento al canile comunale di Via Portuense 139) Custodia di animali domestici in condizioni tali che recano nocumento all igiene, alla salute ed alla quiete delle persone nonché pregiudizio agli animali stessi Atti crudeli verso gli animali in luogo pubblico o privato (strazio, sevizie, fatiche..) Organizzazione e/o partecipazione di animali a spettacoli con violenze sugli stessi. Utilizzare cani e gatti domestici per la produzione o il confezionamento di pelli pellicce o abbigliamento. Detenere o commercializzare o introdurre nel territorio nazionale pelli e pellicce di cani e gatti. Se i fatti sopra descritti avvengono per l esercizio di scommesse clandestine Animali pericolosi lasciati liberi senza cautele o affidati in custodia a persone inesperte Animali (da soma, da tiro o da corsa) lasciati liberi in luoghi aperti senza custodia in modo da esporre a pericolo terzi E vietato l accesso dei cani negli spazi pubblici attrezzati per il gioco dei bambini, nei supermercati, nei negozi alimentari. Libertà di accesso di cani accompagnati in tutte le aree pubbliche e di uso pubblico nonché nelle aree verdi in cui è previsto l accesso. Libertà di accesso di cani accompagnati dai proprietari purchè muniti di guinzaglio e museruola in tutti i pubblici esercizi (bar, ristoranti). Gli esercenti hanno libertà di non ammetterli previo invio di comunicazione all Ufficio Tutela Animali ed apponendo idoneo cartello all ingresso del locale E vietato lasciar defecare gli animali sul marciapiede, sulla strada e nel raggio di 100 metri dalle aree attrezzate per i giochi dei bambini. OBBLIGO DI MUNIRSI DI BUSTE IMPERMEABILI PER LA RACCOLTA DELLE FECI E GETTARLE NEGLI APPOSITI CONTENITORI Obbligo della museruola o del collare per i cani condotti nelle vie e in altri luoghi aperti al pubblico Obbligo di guinzaglio e della museruola (per tutti i cani di indole aggressiva pit bull, bull mastiff, terrier, bulldog, mastino, mastino napoletano, doberman..-e per tutti i cani condotti nelle strade affollate, nei parchi, nei locali pubblici, sui mezzi pubblici, nei cortili e sulle scale condominiali) E vietato detenere animali domestici o da cortile quando la scarsa ampiezza e le inadeguate strutture degli ambienti e la trascurata igiene determina una stato di pericolo per la salute pubblica o molestia ai vicini REGIONE Art. 19 e 24 L.R. 34/ REGIONE Art. 19 L.R. 34/97 in rel. Art. 544/ter C.P. (ANNOTAZIONE GIUDIZIARIA) + confisca dell animale Art. 544 quater C.P (ANNOTAZIONE GIUDIZIARIA)+ confisca dell animale. ORD..MIN. SALUTE DEL 24/12/02 ART. 650 C.P. + SEQUESTRO (ANNOTAZIONE GIUDIZIARIA) Art. 544 quinquies C.P. (ANNOTAZIONE GIUDIZIARIA) Art. 672 C.P. (depenalizzato art. 33 L. 689/81) Art. 672 C.P. (depenalizzato art. 33 L. 689/81) Art. 30 Reg. Tutela Animali Del. CC 275 del 24/10/ STATO PREFETTO STATO PREFETTO Art. 30 Reg. Tutela Animali Del. CC 275 del 24/10/2005 Art. 30 Reg. Tutela Animali Del. CC 275 del 24/10/2005 Art. 34 Reg. Tutela Animali Del. CC 275 del 24/10/2005 Art. 29 Reg. Tutela Animali Del. CC 275 del 24/10/2005 Art. 29 Reg. Tutela Animali Del. CC 275 del 24/10/2005 Art. 145 comma 2 Reg. Serv. Veter. (vedi anche art. 19 L.R. 34/97 100,

Comune di Burcei. Settore Affari Generali Servizio Attività Produttive e promozione del territorio Responsabile del Servizio dott.

Comune di Burcei. Settore Affari Generali Servizio Attività Produttive e promozione del territorio Responsabile del Servizio dott. del Servizio dott. Adolf Cantafio N. amministrativo Fonte normativa (Suap) Tipo finale Unico Finale finale 1 Esercizi di vicinato, (L.R. n 5/2006 D.Lgs. n 59/2010) DUAAP ALLEGATO_B1 2 MSV (medie strutture

Dettagli

CRITERI PER LA PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DI CONTROLLO AMMINISTRATIVO, EFFETTUATA MEDIANTE ACCESSO ISPETTIVO NEI LOCALI E NEI LUOGHI DELLE IMPRESE.

CRITERI PER LA PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DI CONTROLLO AMMINISTRATIVO, EFFETTUATA MEDIANTE ACCESSO ISPETTIVO NEI LOCALI E NEI LUOGHI DELLE IMPRESE. (allegato al provvedimento) CRITERI PER LA PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DI CONTROLLO AMMINISTRATIVO, EFFETTUATA MEDIANTE ACCESSO ISPETTIVO NEI LOCALI E NEI LUOGHI DELLE IMPRESE. ELENCO DEI CONTROLLI Esercizi

Dettagli

COMUNE di FORMIA Provincia di Latina SUAP ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE di FORMIA Provincia di Latina SUAP ELENCO DEI PROCEDIMENTI COMUNE di FORMIA Provincia di Latina SUAP Procedimento Realizzazione grande struttura di vendita Subingresso per atto tra vivi ed a causa di morte nella grande struttura di vendita Trasferimento di sede

Dettagli

LOTTERIE 03 03 01 A SCIA manifestazione sorte locale Economia e Organizzazione

LOTTERIE 03 03 01 A SCIA manifestazione sorte locale Economia e Organizzazione Servizio / Prestazione Cod. Procedimento Pratica Settore LOTTERIE 03 03 01 A SCIA manifestazione sorte locale MANIFESTAZIONI PUBBLICHE 03 03 02 A domanda per trattenimenti pubblici temporanei presenza

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia

SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia Tipologia atto Dichiarazione di inizio attività produttiva, ai sensi della legge regionale n. 1/2007 e n. 8/2007

Dettagli

Città di Mondragone. Provincia di Caserta. Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere

Città di Mondragone. Provincia di Caserta. Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Città di Mondragone Provincia di Caserta Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 27 del 29.04.2005 INDICE pag. Art.

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO TABELLA A PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO NORMA VIOLATA SANZIONE COMPETENZE REGOLAMENTO COMUNALE TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Tenere animali all esterno

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA. Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere.

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA. Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere. LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 108 del 6 agosto 1993 Il Consiglio Regionale

Dettagli

Città di Agropoli. regolamento di esecuzione in materia di rilascio delle autorizzazioni per l esercizio di strutture ricettive extralberghiere

Città di Agropoli. regolamento di esecuzione in materia di rilascio delle autorizzazioni per l esercizio di strutture ricettive extralberghiere Provincia di Salerno regolamento di esecuzione in materia di rilascio delle autorizzazioni per l esercizio di strutture ricettive extralberghiere approvato con deliberazione consiliare n. 15 del 16/4/2004

Dettagli

Controlli sulle imprese

Controlli sulle imprese Controlli sulle imprese Art. 25 del d.lgs. 33/2013 Oggetto dei controlli è la verifica della conformità delle attività esercitate a quanto autorizzato, ovvero del contenuto delle dichiarazioni rilasciate

Dettagli

Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale

Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale DEFINIZIONE DI COMMERCIANTE E commerciante quel soggetto (persona fisica o società) che esercita un attività economica consistente nell acquisto

Dettagli

Allegato A. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI Approvato con delibera C.C. n 19 del 30/04/2010

Allegato A. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI Approvato con delibera C.C. n 19 del 30/04/2010 Allegato A REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI Approvato con delibera C.C. n 19 del 30/04/2010 Art. 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende per: - TULPS: il Testo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA

REGOLAMENTO COMUNALE DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA REGOLAMENTO COMUNALE DI TUTELA DEGLI ANIMALI E DI POLIZIA VETERINARIA (Testo approvato dal C.C. del 29 ottobre 2001) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Principi generali e finalità 1. Il Comune di...,

Dettagli

S C R I V E R E I N S T A M P A T E L L O

S C R I V E R E I N S T A M P A T E L L O ALL.2 All ufficio Dipartimento di Prevenzione della ASL di e p.c. Al Comune di NOTIFICA UNITA D IMPRESA DEL SETTORE ALIMENTARE CON PROCEDURA DI DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art.

Dettagli

Interventi pubblicati sulla piattaforma SuapER

Interventi pubblicati sulla piattaforma SuapER Interventi pubblicati sulla piattaforma SuapER Settore: Esercizio di vicinato Operazione: Attività artigianali e di servizio...3 Operazione: Commercio di vicinato...3 Operazione: Vendite straordinarie...3

Dettagli

COMUNE di PONZA Provincia di Latina

COMUNE di PONZA Provincia di Latina COMUNE di PONZA Provincia di Latina SUAP COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA Procedimento Normativa di riferimento Inizio del procedimento Data inizio Termine Atto conclusivo Competenza atto finale Apertura

Dettagli

DIRITTI DI ISTRUTTORIA PER LE PRATICHE DEL SERVIZIO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE - TABELLA ADOTTATA CON

DIRITTI DI ISTRUTTORIA PER LE PRATICHE DEL SERVIZIO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE - TABELLA ADOTTATA CON C I T T A' D I G A L A T I N A CITTA DI GALATINA Prov. di Lecce DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE-SUAP- PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A) DIRITTI DI ISTRUTTORIA PER LE PRATICHE DEL SERVIZIO S.U.A.P. - SPORTELLO

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. Il presente regolamento stabilisce gli indirizzi per assicurare livelli minimi di uniformità sul territorio

Dettagli

TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA PORTALE SUAP VIGENTI DAL 01/01/2016

TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA PORTALE SUAP VIGENTI DAL 01/01/2016 TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA PORTALE SUAP VIGENTI DAL 01/01/2016 * L insediamento di una NUOVA attività economica all interno del Centro Storico è ESENTE DAL PAGAMENTO DEI DIRITTI SUAP PER TRE ANNI dalla

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA ALLEGATO A) Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n. 95 del 24/07/2007 REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Finalità Art. 3 - Recepimento, funzione attuativa e integrativa

Dettagli

attività artigianale acconciatori e barbieri Comunicare la modifica degli orari di apertura nell'attività di Scia / comunicazione

attività artigianale acconciatori e barbieri Comunicare la modifica degli orari di apertura nell'attività di Scia / comunicazione Elenco interventi pubblicati sul portale "Su@p on line" per i quali è obbligatorio l'invio telematico macro settore settore attività Intervento Tipo procedimento acconciatori e barbieri Aprire l'attività

Dettagli

COMUNE DI FOLGARIA - UFFICIO TECNICO - Tel. 0464 / 729310 - Fax 0464 / 729366

COMUNE DI FOLGARIA - UFFICIO TECNICO - Tel. 0464 / 729310 - Fax 0464 / 729366 COMUNE DI FOLGARIA - UFFICIO TECNICO - Tel. 0464 / 729310 - Fax 0464 / 729366 C.A.P. 38064 - Via Roma, 60 codice fiscale e partita IVA 00323920223 e-mail: info@comune.folgaria.tn.it pec: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Comune di Cagliari CORPO POLIZIA MUNICIPALE

Comune di Cagliari CORPO POLIZIA MUNICIPALE CENTRO RADIO OPERATIVO TELECOMUNICAZIONI COMUNICAZIONI RADIO RICHIESTA INFORMAZIONI E COMUNICAZIONI VARIE 30112 31080 30345 RICHIESTE ACCERTAMENTI 15002 13050 11507 RICHIESTE INTERVENTO AUTOGRÙ 20201 18122

Dettagli

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia.

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. Indice delle normative Per le strutture ricettive: Regione siciliana - Legge regionale 6 aprile 1996, n. 27; Regione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Allegato B a Delibera C.C. n.36 del 27/9/2010 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con delibera di C.C. n. 36 del 27/09/2010 Pubblicato all albo Pretorio dal 5/10/2010

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ad efficacia immediata) 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome:

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ad efficacia immediata) 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome: AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

Vigilanza e attività economiche

Vigilanza e attività economiche Vigilanza e attività economiche Responsabile Procedimento: BUFFO Roberta segreteria@comune.prascorsano.to.it TEL. 0124.698141 Soggetto con potere sostitutivo in caso di inerzia - art. 2 c. 9 bis L. 241/90

Dettagli

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Alberghi, motels e villaggi albergo Gli alberghi sono esercizi ricettivi aperti al pubblico, a gestione unitaria, che forniscono alloggio, eventualmente vitto ed

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Comune di Pesaro Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 61 del 3.6.2010 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2-Ambito di applicazione

Dettagli

Vendita tolettatura allevamento pensione e trattamento animali da compagnia - SCIA

Vendita tolettatura allevamento pensione e trattamento animali da compagnia - SCIA Indice Agenzie d Affari Agenzie di Viaggi e Turismo Animali da compagnia Ascensori e montacarichi Attività artigianali Acconciatore Estetista e Mestieri Affini Commercio Aree Pubbliche Commercio cose antiche

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12. REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.2008 INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI pag. 1 Art. 1 DEFINIZIONI pag. 1

Dettagli

Comune di Montopoli in Val D'Arno (Provincia di Pisa). Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno - ( 0571/44.98.

Comune di Montopoli in Val D'Arno (Provincia di Pisa). Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno - ( 0571/44.98. UFFICIO TRIBUTI OGGETTO: DENUNCIA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Locali ad uso diverso da abitazione (da restituire compilata all Ufficio Tributi) MOTIVO DELLA DENUNCIA (barrare l ipotesi che ricorre) INIZIO

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana

COMUNE di TRIUGGIO. Regolamento Comunale di Polizia Urbana COMUNE di TRIUGGIO Regolamento Comunale di Polizia Urbana Approvato con Delibera di C.C. n 41 del 29/11/2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO V CUSTODIA E CIRCOLAZIONE DEGLI ANIMALI Art. 36 Diritti

Dettagli

COMUNE DI ROMA CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE PRONTUARIO DI

COMUNE DI ROMA CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE PRONTUARIO DI DI ROMA CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE PRONTUARIO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA ANNO DI STUDI 2007 SCUOLA PERMANENTE DI FORMAZIONE PREPARAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE F.P.M. CREMISINI LUIGI F.P.M. IANNICCARI

Dettagli

1. Operatore del settore alimentare

1. Operatore del settore alimentare Spazio per apporre il timbro di protocollo Allegato 2 alla D.G.R. 79-7605 del 26/11/2007 Data Prot. Al Comune di.. Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 (da presentare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLAPERTURA E DELLA GESTIONE DELLE SALE GIOCO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLAPERTURA E DELLA GESTIONE DELLE SALE GIOCO CITTA DI BISCEGLIE Provincia di Barletta Andria Trani CODICE POSTALE 70052 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLAPERTURA E DELLA GESTIONE DELLE SALE GIOCO (APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE 1) Cosa è un attività Turistica Ricettiva? DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE Si definisce attività Ricettiva Turistica quella diretta alla produzione ed all offerta al pubblico di

Dettagli

SUAP - SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE TABELLA

SUAP - SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE TABELLA COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO PROVINCIA DI VERONA SUAP - SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE TABELLA DEI DIRITTI DI ISTRUTTORIA DIFFERENZIATI PER TIPOLOGIA DI SETTORE DI ATTIVITA (ART. 4 C. 13 DEL D.P.R.

Dettagli

OGGETTO: Istanza per l apertura di una sala giochi ai sensi degli articoli 86 e 110 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza.

OGGETTO: Istanza per l apertura di una sala giochi ai sensi degli articoli 86 e 110 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza. Marca da bollo Euro 14,62 AL COMUNE DI PIETRA LIGURE SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE OGGETTO: Istanza per l apertura di una sala giochi ai sensi degli articoli 86 e 110 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) (ai sensi L.R. n. 31/2008 art. 154) E COMUNICAZIONI VARIE Al Comune di... Il /La sottoscritto/a Codice ISTAT Comune A cura degli Uffici Comunali Cognome........

Dettagli

Comune di Torre D Arese Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Allegato 2

Comune di Torre D Arese Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Allegato 2 Comune di Torre D Arese Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Allegato 2 1 Processi e procedimenti riconducibili alle Aree a rischio 1. AREA ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE

Dettagli

OGGETTO : SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività di laboratorio di. (Cognome), (Nome). SEGNALA

OGGETTO : SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività di laboratorio di. (Cognome), (Nome). SEGNALA SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO - MUNICIPIO.. Via. - 00.. R O M A OGGETTO : SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività di laboratorio di (art. 19 legge 241/90 s.m.i;, D.Lgs. n. 59/2010; Legge

Dettagli

SETTORE 6^ SVILUPPO ECONOMICO E MARKETING TERRITORIALE RESPONSABILE DR.SSA ELENA CHIESA ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

SETTORE 6^ SVILUPPO ECONOMICO E MARKETING TERRITORIALE RESPONSABILE DR.SSA ELENA CHIESA ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI SETTORE 6^ RESPONSABILE DR.SSA ELENA CHIESA ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI 1. 2. 3. 4. 5. 6. Denominazione COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SCIA APERTURA ESERCIZIO DI VICINATO SCIA TRASFERIMENTO

Dettagli

Commercio e artigianato

Commercio e artigianato Commercio e artigianato L ufficio: riceve le segnalazioni di inizio attività, variazione e trasformazione, cessazione di attività commerciali tratta il commercio su area privata, in particolare: - le comunicazioni

Dettagli

Spazio per apporre il timbro di protocollo

Spazio per apporre il timbro di protocollo Modello DIA semplice/differita Mod. 2 Spazio per apporre il timbro di protocollo Data Prot. [ ] Consegna a mano ufficio protocollo [ ] Posta raccomandata [ ] Consegna a mano altro ufficio preposto Al Comune

Dettagli

Progressioni orizzontali e verticali 2. Affidamento incarichi di collaborazione 2. Valutazione rischio 1. dell affidamento.

Progressioni orizzontali e verticali 2. Affidamento incarichi di collaborazione 2. Valutazione rischio 1. dell affidamento. Allegato B - Valutazione del rischio a) Area acquisizione e progressione del personale dipendente Codice Descrizione Processo 1 Reclutamento - Mobilità - Selezione pubblica - Avviamento dal collocamento

Dettagli

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga Parte I N. 24 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-6-2008 4401 Legge Regionale 4 giugno 2008, n. 8. DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI ASSO Prov. di Como REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 29.09.2010 IL PRESENTE REGOLAMENTO: è stato deliberato dal

Dettagli

La Giunta Comunale. Delibera

La Giunta Comunale. Delibera La Giunta Comunale Premesso che l articolo 149 del Testo Unico degli Enti locali al comma 8 prevede che a ciascun ente locale spettano le tasse, i diritti, le tariffe e i corrispettivi sui servizi di propria

Dettagli

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI DEI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE URP E TUTTE LE ALTRE UNITA ORGANIZZATIVE DEL COMUNE Visione atti e rilascio di copie atti e provvedimenti:

Dettagli

ISTRUZIONI ALL USO DELLA SCIA

ISTRUZIONI ALL USO DELLA SCIA ISTRUZIONI ALL USO DELLA SCIA 1) Che cos è la SCIA? La SCIA - Segnalazione di Inizio Attività (Produttiva) - è la dichiarazione che, correttamente compilata e consegnata, consente di iniziare, modificare

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. GR482652 Roma 10/09/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale

Dettagli

A1b) Comprende le costruzioni a residenza ordinaria e prime case di cui alla lettera A1a) con non più di tre unità abitative.

A1b) Comprende le costruzioni a residenza ordinaria e prime case di cui alla lettera A1a) con non più di tre unità abitative. COSTI DI COSTRUZIONE STABILITI CON DELIBERA DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 1132 DI DATA 27.05.2011 IN VIGORE DAL 08.06.2011, ED ADEGUATI ALLE DISPOSIZIONI DI CUI ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA PROVINCIALE N.

Dettagli

Comune di Castelverde Prov. di Cremona. Allegato 2

Comune di Castelverde Prov. di Cremona. Allegato 2 Comune di Castelverde Prov. di Cremona Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015 2017 Allegato 2 Processi e procedimenti riconducibili alle aree a rischio A. AREA ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE

Dettagli

COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA "BED AND BREAKFAST" Approvato con Deliberazione

Dettagli

Art. 1 - Definizioni Art. 2 Ambito di applicazione Art. 3 Principi generali

Art. 1 - Definizioni Art. 2 Ambito di applicazione Art. 3 Principi generali Regolamento Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 17 dell 11/06/2007) (Modificato con delibera del Consiglio Comunale n. 25

Dettagli

NOTIFICA UNITA D IMPRESA DEL SETTORE ALIMENTARE CON PROCEDURA DI DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (art. 6 del Reg.

NOTIFICA UNITA D IMPRESA DEL SETTORE ALIMENTARE CON PROCEDURA DI DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (art. 6 del Reg. MOD 2 1 l Dipartimento Prevenzione della S FOGGI Di SN SEVERO e p.c. l Comune di SN GIOVNNI ROTONDO NOTIFIC UNIT D IMPRES DE SETTORE IMENTRE CON PROCEDUR DI DENUNCI INIZIO TTIVIT I FINI DE REGISTRZIONE

Dettagli

Modello A. 1. Operatore del settore alimentare. Timbro protocollo ufficio ricevente. Data. Al SUAP del Comune di

Modello A. 1. Operatore del settore alimentare. Timbro protocollo ufficio ricevente. Data. Al SUAP del Comune di Modello A Timbro protocollo ufficio ricevente Data Al SUAP del Comune di Oggetto: Dichiarazione di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 reg. CE 852/2004 e della determina della Regione Emilia Romagna

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA. Il sottoscritto: Cognome: Nome: Data di nascita / / Cittadinanza Sesso M F

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA. Il sottoscritto: Cognome: Nome: Data di nascita / / Cittadinanza Sesso M F Allo Sportello Unico del Comune di POSITANO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome: Codice Fiscale: Data di nascita / / Cittadinanza

Dettagli

Alimenti e bevande - notifica ai sensi del reg CE 852/2004

Alimenti e bevande - notifica ai sensi del reg CE 852/2004 Alimenti e bevande - notifica ai sensi del reg CE 852/2004 Spett.le SPORTELLO UNICO ASSOCIATO Comuni di Monteriggioni e Castellina in Chianti Marca da bollo NON DOVUTA Il Sottoscritto: Cognome Nome Data

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA CAPO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Le attività di Acconciatore e di Estetista, siano esse esercitate

Dettagli

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di G.M. n. 122 dell 1/6/2012 INDICE GENERALE CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Definizioni Art. 2 Ambito

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma)

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DEI DIRITTI ISTRUTTORIA DOVUTI ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE PER IL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE NEI PROCEDIMENTI INERENTI ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA ED ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA ED ESTETISTA CITTÀ DI MERATE PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA ED ESTETISTA 1 CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento 1) Il

Dettagli

polizia amministrativa - agenzie di affari modello 6_01_01

polizia amministrativa - agenzie di affari modello 6_01_01 AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

La documentazione che deve essere presente nei nostri ambienti di aggregazone, se necessaria, è la seguente:

La documentazione che deve essere presente nei nostri ambienti di aggregazone, se necessaria, è la seguente: La documentazione che deve essere presente nei nostri ambienti di aggregazone, se necessaria, è la seguente: - planimetria - agibilità e/o collaudo statico - conformità impianto elettrico - messa a terra

Dettagli

COMUNE DI ANACAPRI. (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE

COMUNE DI ANACAPRI. (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE COMUNE DI ANACAPRI (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE Approvato con delibera di C.C. n. 23 del 21.04.2010 Art. 1 - Esercizio di noleggio

Dettagli

S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del Comune di SCANZOROSCIATE (BG)

S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del Comune di SCANZOROSCIATE (BG) S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del di SCANZOROSCIATE (BG) 1.Dati impresa SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE E DI ESTETICA

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE E DI ESTETICA CITTA DI VITERBO REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE E DI ESTETICA APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE n. 45 NELLA SEDUTA DEL 26/3/2013 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Art.

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 20 21 22 23 febbraio 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 - Milano 1 2 3 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

CASTELLO-MOLINA DI FIEMME (TN) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI PARRUCCHIERE ED ESTETISTA

CASTELLO-MOLINA DI FIEMME (TN) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI PARRUCCHIERE ED ESTETISTA CASTELLO-MOLINA DI FIEMME (TN) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI PARRUCCHIERE ED ESTETISTA Approvato con deliberazione consiliare n. 20 di data 19.04.2004 In vigore dal 21.05.2004 Art.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AVVIO / MODIFICA ATTIVITÀ (DIAP)

DICHIARAZIONE DI AVVIO / MODIFICA ATTIVITÀ (DIAP) MODULISTICA REGIONALE UNIFICATA MODELLO A Spazio per apposizione protocollo Inserire qui stemma Comune Al Comune di DICHIARAZIONE DI AVVIO / MODIFICA ATTIVITÀ (DIAP) Ai sensi le L.R. 1/2007 e 8/2007 e

Dettagli

COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI

COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI COMUNE DI BELGIOIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA TENUTA DEI CANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 92 del 20/12/2008 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI Approvato con deliberazione consiliare n. 41 del 28/07/2011 Pubblicato all albo pretorio dal 08 al 22 agosto 2011 Art. 1 AMBITO

Dettagli

VADEMECUM DEI PRINCIPALI OBBLIGHI per i PUBBLICI ESERCIZI. a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto

VADEMECUM DEI PRINCIPALI OBBLIGHI per i PUBBLICI ESERCIZI. a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto VADEMECUM DEI PRINCIPALI OBBLIGHI per i PUBBLICI ESERCIZI a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto Il presente Vademecum, realizzato a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto, rappresenta

Dettagli

TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA

TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA C I T T A D I C O R S A N O (Provincia di Lecce) 73033 via Della Libertà Tel. 0833/531170 531190 Fax: 0833/531122 C.F. 00392220752 www.comune.corsano.le.it pec: comune.corsano@pec.rupar.puglia.it utccorsano@pec.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

SETTORE SERVIZI TECNICI : SUAP SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE

SETTORE SERVIZI TECNICI : SUAP SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE SETTORE SERVIZI TECNICI : SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE Responsabile : geom. Claudio Sturaro Responsabile dei procedimenti relativi alle attività produttive: geom. Claudio Sturaro Orari apertura

Dettagli

Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE. Art. 1 Generalità

Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE. Art. 1 Generalità Disegno di legge concernente Disciplina dell attività ricettiva di bed and breakfast (B&B B&B). Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE Art. 1 Generalità 1. La Regione Sardegna al fine

Dettagli

DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) C I T T À BED AND BREAKFAST REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI

DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) C I T T À BED AND BREAKFAST REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI C I T T À DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI BED AND BREAKFAST Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 04.11.2003 1 INDICE

Dettagli

(barrare in caso di nuova attività o procedimento d ufficio- commi 1 e 6 art.10 r.r.16/2008)

(barrare in caso di nuova attività o procedimento d ufficio- commi 1 e 6 art.10 r.r.16/2008) Modello Richiesta di attestazione di classificazione extralberghiera. pag 1 di 11 DUPLICE COPIA Regione Lazio Dipartimento Istituzionale e Territorio Agenzia Regionale del Turismo Ufficio Territoriale

Dettagli

C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870

C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870 C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV - Polizia Municipale Attività Produttive Tel. 0884-550310 Fax 559870 AL SIGNOR SINDACO Attività Produttive DEL COMUNE DI MATTINATA SEGNALAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO

COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO CRITERI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE PER L INSEDIAMENTO DELLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E NORME PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI VENDITA AL DETTAGLIO

Dettagli

LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE

LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE commercio su aree pubbliche su posteggio Titolo abilitante (all esercizio di commercio su aree pubbliche al dettaglio su posteggio) art.

Dettagli

LICENZE DI PUBBLICA SICUREZZA SOGGETTE A DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ. l sottoscritt nat a il residente a in via n. codice fiscale e P.IVA.

LICENZE DI PUBBLICA SICUREZZA SOGGETTE A DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ. l sottoscritt nat a il residente a in via n. codice fiscale e P.IVA. COMUNE DI MANTOVA Sportello Unico per le Imprese e i Cittadini Via Gandolfo, 11-46100 Mantova Tel.: 0376338629 Fax: 0376338633 E-mail: su.attivita.produttive@domino.comune.mantova.it LICENZE DI PUBBLICA

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO/MODIFICA ATTIVITÀ PRODUTTIVA (DIAP) CASTELLEONE (CR) 0 1 9 0 2 5. Il/la sottoscritto/a

DICHIARAZIONE DI INIZIO/MODIFICA ATTIVITÀ PRODUTTIVA (DIAP) CASTELLEONE (CR) 0 1 9 0 2 5. Il/la sottoscritto/a MODULISTICA REGIONALE UNIFICATA MODELLO A DICHIARAZIONE DI INIZIO/MODIFICA ATTIVITÀ PRODUTTIVA (DIAP) CASTELLEONE (CR) 0 1 9 0 2 5 Al Comune di Cognome Ai sensi delle L.R. 1/2007 e 8/2007 e delle DGR 4502/2007,

Dettagli

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 28/11/2012 I N D I C

Dettagli

AGENZIA D AFFARI ex Art. 115 T.U.L.P.S. Segnalazione Certificata Inizio Attività

AGENZIA D AFFARI ex Art. 115 T.U.L.P.S. Segnalazione Certificata Inizio Attività AGENZIA D AFFARI ex Art. 115 T.U.L.P.S. Al COMUNE DI TORCHIAROLO Segnalazione Certificata Inizio Attività SERVIZIO S.U.A.P. NUOVA APERTURA TRASFERIMENTO DI SEDE (allegare vecchia Autorizzazione o D.I.A.)

Dettagli

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. 168 DEL 16/7/2008 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI PUBBLICI ESERCIZI, DEI CIRCOLI PRIVATI, DELLE ATTIVITA ARTIGIANALI DI TIPO ALIMENTARE, DEI CENTRI

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

Scheda informativa del modulo B5

Scheda informativa del modulo B5 IN QUALI CASI PUOI UTILIZZARE QUESTO MODULO? Per tutte le vicende che riguardano lo svolgimento della somministrazione di alimenti e bevande. Per questa s intende la vendita di alimenti e bevande per il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.2011) 1 INDICE TITOLO I - Norme generali Art. 1 - Oggetto ed ambito

Dettagli

Comune di Trevignano Romano

Comune di Trevignano Romano Comune di Trevignano Romano (Prov. di Roma) REGOLAMENTO IN MATERIA DI FUNZIONAMENTO E RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER SALE GIOCHI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 51 del 13.10.2009 INDICE

Dettagli

L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI

L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI Legge regionale n. 8/2013 esercizio abusivo dell attività di somministrazione di alimenti e bevande o aut.ne revocata/sopesa o senza requisiti morali: sanzione

Dettagli

Diritti di Istruttoria e di Segreteria Settore Attività Produttive Servizio S.U.A.P.

Diritti di Istruttoria e di Segreteria Settore Attività Produttive Servizio S.U.A.P. I DIRITTI di ISTRUTTORIA e di SEGRETERIA Servizio S.U.A.P. I costi relativi alla domanda ( e di segreteria necessari ad ottenere concessioni, autorizzazioni, pareri, nulla osta, etc.) variano a seconda

Dettagli