(1) Circolare dell'assessorato regionale per il territorio e l'ambiente, pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 21 marzo 1987, n. 12, S.O.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(1) Circolare dell'assessorato regionale per il territorio e l'ambiente, pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 21 marzo 1987, n. 12, S.O."

Transcript

1 Circolare Ass. 30 ottobre 1986, n. 4 (1). Il piano di risanamento delle acque (1) Circolare dell'assessorato regionale per il territorio e l'ambiente, pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 21 marzo 1987, n. 12, S.O. 1. Premessa La Regione siciliana, con l'emanazione del decreto presidenziale n. 93 del 1986 del 2 luglio 1986 e della legge regionale n. 27 del 15 maggio 1986, ha dato attuazione alle disposizioni contenute nella vigente normativa statale diretta a tutelare l'ambiente idrico. Infatti l'art. 4, 1 comma, lett. a) della legge 10 maggio 1976, n. 319 affida alle Regioni la "redazione dei piani regionali di risanamento delle acque", i cui contenuti sono stati precisati nell'art. 8 e nell'art. 14, 2 comma, della stessa legge (articoli modificati ed integrati rispettivamente dall'art. 11 e dall'art. 17, 1 comma della legge 24 dicembre 1979, n. 650.) I due provvedimenti normativi, in cui si articola il Piano regionale di risanamento delle acque della Sicilia, rappresentano un chiaro quadro di riferimento per tutti gli operatori pubblici e privati del settore Il Piano regionale di risanamento delle acque stabilisce obiettivi che sono prevalentemente di qualità della risorsa idrica per tutto il territorio regionale I contenuti del Piano hanno carattere strumentale rispetto alle finalità di tutela della qualità delle acque; ci si riferisce in particolare ai seguenti contenuti: il piano di opere attinenti ai servizi di acquedotto, fognatura e depurazione; l'organizzazione delle strutture tecnico-organizzative deputate alla gestione dei predetti servizi; la disciplina degli scarichi delle pubbliche fognature e degli insediamenti civili che non recapitano in pubblica fognatura La determinazione dei limiti di accettabilità degli scarichi industriali che recapitano in corpi idrici resta riservata allo Stato. La Regione può, comunque, imporre limiti più rigorosi in relazione alla natura delle alterazioni di un determinato corpo ricettore ed agli obiettivi del suo risanamento La presente circolare è diretta ad illustrare sinteticamente le procedure scaturenti dall'adozione del Piano regionale di risanamento delle acque adeguando le procedure tecnico-amministrative di settore alle nuove previsioni normative

2 Capo I Il piano regionale di risanamento delle acque 2. Gli obiettivi del piano regionale di risanamento L'art. 2 della legge regionale n. 27 del 1986 individua con chiarezza gli obiettivi del Piano di risanamento delle acque della Regione Siciliana. In particolare vengono individuati due obiettivi: Recupero e mantenimento delle caratteristiche qualitative di tutti i corpi idrici superficiali e sotterranei in rapporto agli usi degli stessi ed agli obiettivi di difesa del patrimonio naturale ed ambientale previsti dalla legge regionale 6 maggio 1981, n. 98; Tutela della salute pubblica Il problema della tutela quantitativa viene rinviato al piano regolatore generale degli acquedotti che il Provveditorato regionale delle Opere pubbliche ha in corso di aggiornamento. La connessione fra aspetti qualitativi e quantitativi verrà assicurata dal coordinamento fra i due strumenti di pianificazione delle risorse idriche regionali Gli strumenti per la definizione degli obiettivi di qualità del piano 3. Censimento dei corpi idrici L'art. 4, punto d), della legge n. 319 del 1976 per la tutela delle acque dall'inquinamento e l'art. 5 della legge 24 gennaio 1986, n. 7 (di conversione del D.L. 25 novembre 1985, n. 667), relativa al contenimento del fenomeno di eutrofizzazione, affidano alle Regioni il compito di effettuare le operazioni di rilevamento delle caratteristiche dei corpi idrici I dati da rilevare sono: a) le caratteristiche idrologiche, chimiche, biologiche ed il loro andamento nel tempo; b) la individuazione dell'entità di contributi dei nutrienti (fosforo, azoto e simili) generati dai settori civile, agricolo, zootecnico ed industriale, per i soli corpi idrici soggetti al rischio eutrofico; c) tutti gli usi diretti ed indiretti I criteri e le metodologie da seguire per il censimento sono stati riportati nell'allegato 1 della delibera del 4 febbraio 1977 del Comitato Interministeriale per la tutela delle acque dall'inquinamento.

3 3.4. Per lo svolgimento delle attività di censimento la Regione può avvalersi della collaborazione del Servizio idrografico italiano e degli Uffici del Genio civile mentre per gli aspetti qualitativi, può utilizzare gli Uffici delle Province L'art. 6, lett. d), della legge n. 319 del 1976, modificata dalla legge n. 650 del 1979, assegna ai Comuni e loro Consorzi il compito di effettuare "l'installazione e la manutenzione della rete dei dispositivi per il controllo qualitativo dei corpi idrici nell'ambito dell'attività regionale di censimento delle risorse idriche" La prima fase del censimento e stata effettuata raccogliendo i dati e le informazioni esistenti, riportate in schede e monografie relative a ciascun corpo idrico censito e individuando le stazioni e le modalità di prelievo. A tal fine si sono utilizzati un apposito studio del C.S.E.I. di Catania e gli studi annessi al Progetto Speciale n. 30 della Cassa per il Mezzogiorno. I risultati di tale prima fase sono contenuti nei volumi da 12 a 17 del Piano di risanamento delle acque La seconda fase del censimento si incentrerà sulle attività di completamento, aggiornamento costante ed utilizzazione dei dati raccolti Gli interventi relativi alla seconda fase saranno avviati attraverso incontri che l'assessorato scrivente organizzerà con i competenti organi delle Province regionali e dei Laboratori di Igiene e profilassi Catasto degli scarichi La legge n. 319 del 1976, art. 5 (testo modificato dall'art. 8 della legge n. 650 del 1979), affida alle Amministrazioni provinciali la formazione di un catasto di tutti gli scarichi pubblici e privati, nei corsi d'acqua superficiali I criteri metodologici per la formazione e l'aggiornamento del catasto sono contenuti nell'allegato 1, Capitolo III, della delibera del 4 febbraio 1977 del Comitato Interministeriale per la Tutela delle Acque dall'inquinamento Le Amministrazioni Provinciali, per le operazioni di individuazione e localizzazione di tutti gli scarichi, si avvalgono degli uffici e servizi dei Comuni Per fare fronte alle spese relative alla formazione del catasto l'assessorato regionale del Territorio e dell'ambiente ha già provveduto, con Dec.Ass. n. 476 del 1983 del 20 dicembre 1983, a ripartire alle nove Province siciliane la somma complessiva di L , assegnata dal Ministero dei Lavori Pubblici in applicazione dell'art. 4 della legge n. 650 del La somma è stata ripartita, tenendo conto della popolazione e delle aziende presenti nel territorio di ciascuna provincia, secondo il seguente prospetto: - Provincia di AG L " " CL L " " CT L " " EN L

4 - " " ME L " " PA L " " RG L " " SR L " " TP L I fondi assegnati dovranno essere utilizzati dalle Province per lo svolgimento delle attività descritte nel Capitolo III dell'allegato 1 della delibera del Comitato Interministeriale per la Tutela delle Acque dall'inquinamento del 4 febbraio Si sottolinea, in particolare, l'esistenza di una completa informatizzazione di tale servizio secondo i criteri indicati nei punti 4 e segg. del citato Capitolo III Inoltre, poiché i dati rilevati da ciascuna Provincia dovranno essere utilizzati a livello regionale per l'aggiornamento dei contenuti del Piano regionale di risanamento delle acque, è necessario che le procedure di memorizzazione ed elaborazione dei dati raccolti siano uniformi per tutto il territorio regionale A tal fine questo Assessorato procederà al coordinamento di tale attività attraverso incontri con gli amministratori ed i responsabili del servizio a livello provinciale Gli strumenti per il raggiungimento degli obiettivi del piano 5. Il piano di opere attinenti ai servizi di fognatura e depurazione Sulla base dei dati e delle informazioni relative allo stato di fatto delle opere di fognatura e depurazione, rilevate ai sensi dell'art. 8, lett. a), della legge n. 319 del 1976, il Piano di risanamento ha previsto, per ciascun Comune, la soluzione fognaria e depurativa ritenuta, in linea di massima, più valida per la tutela ed il disinquinamento dei corpi ricettori. Le soluzioni previste dal Piano, a seconda delle particolari situazioni orografiche o degli obiettivi di tutela, sono autonome, cioè circoscritte nell'ambito del territorio di un solo Comune, ovvero associate per i sistemi fognari e depurativi posti al servizio del territorio di più Enti Locali Si riportano di seguito, per ciascuna Provincia, i sistemi relativi ai Comuni per i quali è prevista una soluzione associata, restando inteso che per gli altri Comuni, non riportati nell'elenco, la soluzione prevista deve intendersi autonoma: Provincia di CALTANISSETTA Cons. n Caltanissetta; 2. S. Cataldo Gela; 2. ASI.

5 Provincia di CATANIA Cons. n Aci Castello; 2. Aci Catena (fraz. Vampolieri). 2 - (Impianto di Maria SS. delle Grazie di Acireale) 1. Acireale (centro e frazioni di Maria SS. delle Grazie e Aci Platani); 2. Viagrande; 3. Aci Sant'Antonio; 4. Aci Catena (centro e frazioni di Aci Sanfilippo e S. Nicolò); 5. S. Giovanni La Punta (centro); 6. Valverde; 7. Aci Bonaccorsi. 3 - (Impianto di Stazzo ad Acireale) 1. Acireale (frazioni di S. Maria Ammalati, S. Giovanni Bosco, Schillichenti, Pozzillo, Stazzo, S. Maria Le Stelle, Piano d'api, Balatelle, S. Cosmo, Santa Tecla, Guardia Mangano); 2. S. Venerina, 3. Zafferana Etnea Catania; 2. S. Agata Li Battiati; 3. Tremestieri Etneo (fraz. di Canalicchio); 4. S. Gregorio di Catania; 5. Misterbianco (zona industriale) Mascali; 2. Giarre; 3. Riposto; 4. S. Alfio; 5. Fiumefreddo di Sicilia Scordia; 2. Militello Val di Catania Misterbianco; 2. Belpasso; 3. Camporotondo Etneo; 4. S. Pietro Clarenza; 5. Mascalucia; 6. Nicolosi; 7. Tremestieri Etneo; 8. Pedara; 9. Trecastagni; 10. Gravina di Catania; 11. Catania (quartiere di S. G. Giovanni Galermo); 12. Misterbianco (zona industriale Piano Tavola); 13. S. Giovanni La Punta (fraz. di Trappeto). Provincia di ENNA Cons. n Assoro; 2. Leonforte. Provincia di MESSINA Cons. n Acquedolci; 2. S. Agata di Militello Alì Terme; 2. Fiumedinisi; 3. Nizza di Sicilia Barcellona Pozzo di Gotto; 2. Terme Vigliatore e fraz. di Marchesana Brolo; 2. Piraino (esclusa la fraz. di Zappardino); 3. S. Angelo di Brolo Castelmola; 2. Giardini Naxos; 3. Letojanni; 4. Taormina Casalvecchio (fraz. di S. Carlo Inferiore); 2. S. Teresa Riva (fraz. di Misserio) Furci Siculo; 2. Pagliara; 3. Roccalumera Itala; 2. Scaletta Zanclea.

6 9-1. Condrò; 2. Gualtieri Sicaminò; 3. S. Pier Niceto (frazioni di Serro e S. Pier Marina); 4. Pace del Mela; 5. ASI (Giammoro); 6. S. Filippo del Mela (lato Est del centro, parte bassa della fraz. di Olivarella, frazioni di Archi, Cattafi, Corriolo, Croce Caruso) Mongiuffi Melia; 2. Gallodoro Limina; 2. Roccafiorita Monforte S. Giorgio; 2. Roccavaldina (fraz. di SS. Salvatore); 3. Rometta (fraz. di Santa Domenica) Motta d'affermo (soltanto fraz. di Torremuzza); 2. Reitano (fraz. di Villa Margi) Gioiosa Marea; 2. Piraino (fraz. di Zappardino) Terme Vigliatore (fraz. di Vigliatore); 2. Furnari (fraz. di Tonnarella) Rometta; 2. Saponara (soltanto la fraz. di S. Pietro) S. Teresa Riva; 2. Savoca (frazioni di Contura, Morbilla, Massenza, S. Francesco di Paola, Rina) Torregrotta; 2. Venetico; 3. Roccavaldina (fraz. di Cardà); 4. Monforte S. Giorgio (fraz. di Monforte Marina). Provincia di PALERMO Cons. n Bompietro; 2. Petralia Soprana (fraz. di Cipampini) Blufi (fraz. di Ferrarello); 2. Bompietro (fraz. di Locati) Palermo; 2. Villabate; 3. Misilmeri (fraz. di Portella di Mare); 4. Ficarazzi; 5. Monreale (fraz. di Villa Ciambra) Balestrate; 2. Trappeto Partinico; 2. Borgetto (frazioni di Corsitti e Magna) Capaci; 2. Carini; 3. Torretta; 4. ASI (Palermo) S. Cipirello; 2. S. Giuseppe Jato. Provincia di TRAPANI Cons. n Poggioreale; 2. Salaparuta. Provincia di RAGUSA

7 Cons. n Pozzallo; 2. Marina di Modica; 3. ASI. Provincia di SIRACUSA Cons. n Floridia; 2. Siracusa; 3. Solarino Carlentini; 2. Lentini Melilli; 2. Priolo Gargallo; 3. ASI Siracusa Il Piano definisce, inoltre, le priorità di realizzazione delle opere necessarie per il completamento dei sistemi fognari e depurativi. Le priorità sono state individuate in due distinte fasi. Una prima fase consiste nella individuazione delle aree bacino o sub-bacino che si trovano in stato di particolare degrado ambientale con corpi idrici superficiali o sotterranei che richiedono urgenti interventi di salvaguardia anche in rapporto al loro uso. Le aree interessate, per le quali sono previsti interventi organici e globali, sono le seguenti: 1) Golfo di Castellammare; 2) Falda idrica dell'etna; 3) Fiume Platani; 4) Area di Gela e Comuni di Palma Montechiaro e Licata; 5) Golfo di Milazzo. Tali aree potranno essere meglio specificate o integrate con il provvedimento da adottare ai sensi dell'art. 51, 1 comma, della L.R. n. 27 del Una seconda fase è diretta ad individuare le priorità fra più interventi da effettuare nella medesima arca bacino o sub-bacino. Tra tali interventi parziali il Piano privilegia: - gli interventi in zone talmente degradate da arrecare gravi pericoli alla salute pubblica; - gli interventi tesi alla protezione ed al recupero della qualità delle acque superficiali o sotterranee destinate o destinabili agli usi idropotabili; - gli interventi in zone che gravitano su corpi idrici superficiali che si presentano in gravi condizioni di alterazione, dando precedenza agli interventi diretti: a) alla salvaguardia degli usi della balneazione e della mitilicoltura; b) alle zone che siano meta di importanti flussi turistici internazionali, nazionali e locali;

8 c) ai centri urbani che gravitano sulla fascia costiera dando la precedenza a quelli più popolosi e privi di un adeguato sistema fognario e depurativo; d) ai sistemi fognari e depurativi consortili o associati. Nella scelta degli interventi prioritari il Piano tiene conto, inoltre, della razionalità economica dell'opera, consistente nel conseguire con le risorse disponibili il massimo beneficio economico anche tenendo conto delle previsioni di riutilizzo dei reflui e dei fanghi derivati dal processo di depurazione. In ogni caso è previsto che il criterio di scelta debba essere sempre improntato alla immediata funzionalità delle opere eseguite anche per stralci. Per quello che riguarda gli impianti di depurazione il Piano sancisce la necessità di prevedere impianti di tipo modulare, in quanto realizzabili per stralci funzionali in relazione alla percentuale di fognatura realizzata da allacciare all'impianto. Esso prospetta, inoltre, l'esigenza di realizzare i sistemi consortili da valle verso monte, in modo da allacciare immediatamente all'impianto la rete fognante realizzata. Infine, nel definire le priorità, il Piano prescrive anche all'attenta verifica delle effettive capacità attuative degli Enti Locali cui è devoluta la realizzazione concreta delle opere, escludendo quegli Enti che non hanno predisposto gli strumenti amministrativi e tecnici necessari per attivare con immediatezza le procedure di realizzazione delle opere (art 16 della legge regionale 29 aprile 1985, n. 21.) Tale previsione è, fra l'altro, ribadita dall'art. 49 della legge regionale 15 maggio 1986, n La gestione dei servizi Aree di bacino e ambiti territoriali ottimali. L'art. 8, lett. d) della legge n. 319 del 1976, prevede fra i contenuti del Piano regionale di risanamento delle acque, l'indicazione degli ambiti territoriali ottimali per la gestione dei servizi pubblici di acquedotto, fognatura e depurazione e l'organizzazione delle relative strutture tecnicoamministrative. Ai fini della predisposizione dei progetti diretti al disinquinamento, il territorio siciliano è stato suddiviso in 11 aree di bacino. Nell'ambito delle 11 aree di bacino sono stati individuati 28 ambiti territoriali nel cui interno la gestione dei servizi dovrà essere organizzata in modo unitario al fine di ottenere la maggiore economia di costi e la migliore efficienza dei servizi. Si riporta di seguito l'elenco dei Comuni siciliani suddiviso per aree ed ambiti di gestione: AREA 1 - TRAPANI-MARSALA Ambito 1: Buseto Palizzolo (TP), Custonaci (TP), Erice (TP). Favignana (TP), Paceco (TP), S. Vito Lo Capo (TP), Trapani (TP), Valderice (TP)

9 Ambito 2: Marsala (TP), Mazara del Vallo (TP), Pantelleria (TP), Petrosino (TP), Salemi (TP), Vita (TP) AREA 2 - CASTELLAMMARE DEL GOLFO Ambito 3: Alcamo (TP), Balestrate (PA), Calatafimi (TP), Castellammare del Golfo (TP), Trappeto (PA) Ambito 4: Borgetto (PA), Cinisi (PA), Giardinello (PA), Montelepre (PA), Partinico (PA), S. Giuseppe Jato (PA), San Cipirello (PA), Terrasini (PA) AREA 3 - BELICE Ambito 5: Campobello di Mazara (TP), Castelvetrano (TP), Gibellina (TP), Partanna (TP), Poggioreale (TP), S. Ninfa (TP), Salaparuta (TP) Ambito 6: Bisacquino (PA), Campofiorito (PA), Camporeale (PA), Chiusa Sclafani (PA), Contessa Entellina (PA), Corleone (PA), Giuliana (PA), Palazzo Adriano (PA), Piana degli Albanesi (PA), Prizzi (PA), Roccamena (PA), S. Cristina Gela (PA) Ambito 7: Alessandria della Rocca (AG), Bivona (AG), Burgio (AG), Calamonaci (AG), Caltabellotta (AG), Lucca Sicula (AG), Menfi (AG), Montevago (AG), Ribera (AG), S. Stefano Quisquina (AG), Sambuca di Sicilia (AG), Santa Margherita Belice (AG), Sciacca (AG), Villafranca Sicula (AG), AREA 4 - PALERMO-TERMINI IMERESE-CEFALÙ Ambito 8: Altofonte (PA), Bagheria (PA), Belmonte Mezzagno (PA), Bolognetta (PA), Capaci (PA), Carini (PA), Ficarazzi (PA), Isola delle Femmine (PA), Marineo (PA), Misilmeri (PA), Monreale (PA), Palermo (PA), Santa Flavia (PA), Torretta (PA), Ustica (PA), Villabate (PA) Ambito 9: Altavilla Milicia (PA), Baucina (PA), Campofelice di Fitalia (PA), Casteldaccia (PA), Cefalà Diana (PA), Ciminna (PA), Godrano (PA), Mezzoiuso (PA), Trabia (PA), Ventimiglia di Sicilia (PA), Vicari (PA), Villafrati (PA) Ambito 10: Alia (PA), Aliminusa (PA), Caccamo (PA), Cerda (PA), Lercara Friddi (PA), Montemaggiore Belsito (PA), Roccapalumba (PA), Sciara (PA), Sclafani Bagni (PA), Termini Imerese (PA) Ambito 11: Caltavuturo (PA), Campofelice di Roccella (PA), Castelbuono (PA), Cefalù (PA), Collesano (PA), Geraci Siculo (PA), Gratteri (PA), Isnello (PA), Lascari (PA), Polizzi Generosa (PA), Pollina (PA), S. Mauro Castelverde (PA), Scillato (PA), AREA 5 - PLATANI Ambito 12: Aragona (AG), Cammarata (AG), Casteltermini (AG), Castronovo di Sicilia (PA), Cattolica Eraclea (AG), Cianciana (AG), Comitini (AG), Racalmuto (AG), S. Angelo Muxaro (AG), S. Biagio Platani (AG), S. Giovanni Gemini (AG)

10 Ambito 13: Acquaviva Platani (CL), Bompensiere (CL), Campofranco (CL), Marianopoli (CL), Milena (CL), Montedoro (CL), Mussomeli (CL), S. Caterina Villarmosa (CL), Serradifalco (CL), Sutera (CL), Valledolmo (PA), Vallelunga Pratameno (CL), Villalba (CL), AREA 6 - AGRIGENTO Ambito 14: Agrigento (AG), Camastra (AG), Canicattì (AG), Castrofilippo (AG), Favara (AG), Grotte (AG), Joppolo Giancaxio (AG), Lampedusa e Linosa (AG), Montallegro (AG), Naro (AG), Palma di Montechiaro (AG), Porto Empedocle (AG), Raffadali (AG), Realmonte (AG), Santa Elisabetta (AG), Siculiana (AG), AREA 7 - SALSO Ambito 15: Alimena (PA), Blufi (PA), Bompietro (PA), Castellana Sicula (PA), Ganci (PA), Petralia Soprana (PA), Petralia Sottana (PA), Resuttano (CL) Ambito 16: Barrafranca (EN), Calascibetta (EN), Enna (EN), Pietraperzia (EN), Villarosa (EN) Ambito 17: Caltanissetta (CL), Campobello di Licata (AG), Delia (CL), Licata (AG), Ravanusa (AG), Riesi (CL), S. Cataldo (CL), Sommatino (CL), AREA 8 - MESSINA Ambito 18: Acquedolci (ME), Alcara Li Fusi (ME), Capo d'orlando (ME), Caprileone (ME), Caronia (ME), Castel di Lucio (ME), Castell'Umberto (ME), Frazzanò (ME), Galati Mamertino (ME), Longi (ME), Militello Rosmarino (ME), Mirto (ME), Mistretta (ME), Motta d'affermo (ME), Naso (ME), Pettineo (ME), Reitano (Me), S. Agata di Militello (Me), S. Marco d'alunzio (Me), S. Salvatore di Fitalia (Me), S. Stefano di Camastra (ME), San Fratello (ME), Torrenova (ME), Tortorici (ME), Tusa (ME) Ambito 19: Basicò (ME), Brolo (ME), Castroreale (ME), Falcone (ME), Ficarra (ME), Fondachelli Fantina (ME), Furnari (ME), Gioiosa Marea (ME), Librizzi (ME), Mazzarrà S. Andrea (ME), Montagnareale (ME), Montalbano Elicona (ME), Novara di Sicilia (ME), Oliveri (ME), Patti (ME), Piraino (ME), Raccuja (ME), Rodi Milici (ME), S. Angelo di Brolo (ME), S. Piero Patti (ME), Sinagra (ME), Terme Vigliatore (ME), Tripi (ME), Ucria (ME) Ambito 20: Barcellona Pozzo di Gotto (ME) Condrò (ME), Gualtieri Sicaminò (ME), Leni (ME), Lipari (ME), Malfa (ME), Merì (ME), Milazzo (ME), Monforte S. Giorgio (ME), Pace del Mela (ME), Roccavaldina (ME), Rometta (ME), S. Filippo del Mela (ME), S. Lucia del Mela (ME), S. Marina Salina (ME), S. Pier Niceto (ME), Saponara (ME), Spadafora (ME), Torregrotta (ME), Valdina (ME), Venetico (ME), Villafranca Tirrena (ME) Ambito 21: Alì Superiore (ME), Alì Terme (ME), Antillo (ME), Casalvecchio (ME), Castelmola (ME), Fiumedinisi (ME), Forza d'agrò (ME), Furci Siculo (ME), Gallodoro (ME), Giardini Naxos (ME), Itala (ME), Letojanni (ME), Limina (ME), Mandanici (ME), Messina (ME), Mongiuffi Melia (ME), Nizza di Sicilia (ME), Pagliara (ME), Roccafiorita (ME), Roccalumera (ME), S. Alessio Siculo (ME), S. Teresa-Riva (ME), Savoca (ME), Scaletta Zanclea (ME), Taormina (ME) AREA 9 - ETNA-CATANIA-SIMETO

11 Ambito 22: Agira (EN), Aidone (EN), Assoro (EN), Capizzi (ME), Catenanuova (EN), Centuripe (EN), Cerami (EN), Cesarò (ME), Gagliano Castelferrato (EN), Leonforte (EN), Nicosia (EN), Nissoria (EN), Regalbuto (EN), S. Teodoro (ME), Sperlinga (EN), Troina (EN), Valguarnera Capopepe (EN) Ambito 23: Bronte (CT), Calatabiano (CT), Castiglione di Sicilia (CT), Fiumefreddo di Sicilia (CT), Floresta (ME), Francavilla di Sicilia (ME), Gaggi (ME), Giarre (CT), Graniti (ME), Linguaglossa (CT), Maletto (CT), Malvagna (ME), Maniace (CT), Mascali (CT), Milo (CT), Mojo Alcantara (ME), Motta-Camastra (ME), Piedimonte Etneo (CT), Randazzo (CT), Riposto (CT), Roccella Valdemone (ME), S. Alfio (CT), S. Domenica Vittoria (ME), S. Venerina (CT), Zafferana Etnea (CT) Ambito 24: Aci Bonaccorsi (CT), Aci Castello (CT), Aci Catena (CT), Aci S. Antonio (CT), Acireale (CT), Adrano (CT), Belpasso (CT), Biancavilla (CT), Camporotonto Etneo (CT), Catania (CT), Gravina di Catania (CT), Mascalucia (CT), Misterbianco (CT), Motta S. Anastasia (CT), Nicolosi (CT), Paternò (CT), Pedara (Ct), Ragalna (Ct), S. Agata Li Battiati (Ct), S. Giovanni La Punta (Ct), S. Gregorio di Catania (CT), S. Maria di Licodia (CT), S. Pietro Clarenza (CT), Trecastagni (CT), Tremestieri Etneo (CT), Valverde (CT), Viagrande (CT) Ambito 25: Caltagirone (CT), Castel di Judica (CT), Mineo (CT), Mirabella Imbaccari (CT), Palagonia (CT), Raddusa (CT), Ramacca (CT), S. Michele di Ganzaria (CT), AREA 10 - GELA-RAGUSA Ambito 26: Butera (CL), Gela (CL), Grammichele (CT), Licodia Eubea (CT), Mazzarino (CL), Mazzarrone (CT), Niscemi (CL), Piazza Armerina (EN), S. Cono (CT), Vizzini (CT), Ambito 27: Acate (RG), Chiaramonte Gulfi (RG), Comiso (RG), Giarratana (RG), Ispica (RG), Modica (RG), Monterosso Almo (RG), Pozzallo (RG), Ragusa (RG), S. Croce Camerina (RG), Scicli (RG), Vittoria (RG) AREA 11 - SIRACUSA- AUGUSTA Ambito 28: Augusta (SR), Avola (SR), Buccheri (SR), Buscemi (SR), Canicattini Bagni (SR), Carlentini (SR), Cassaro (SR), Ferla (SR), Floridia (SR), Francofonte (SR), Lentini (SR), Melilli (SR), Militello Val di Catania (CT), Noto (SR), Pachino (SR), Palazzolo Acreide (SR), Portopalo di Capopassero (SR), Priolo Gargallo (SR), Rosolini (SR), Scordia (CT), Siracusa (SR), Solarino (SR), Sortino (SR), 6.2. Strutture tecnico-organizzative per la gestione. Il Piano, sulle problematiche in questione, dà alcune indicazioni di massima. Esso prevede la costituzione di Consorzi fra Comuni che operino attraverso una sola Azienda speciale. I Consorzi, da costituire ai sensi dell'art. 21 e succ. del R.D. 15 ottobre 1925, n e degli artt. 169 e segg. del regolamento approvato con R.D. 10 marzo 1904, n. 108, avranno come scopo statutario l'assunzione diretta, mediante Azienda speciale, delle opere e della gestione dei servizi di acquedotto, fognatura e depurazione. Le Aziende dovrebbero, comunque, operare secondo una organizzazione improntata sui criteri industriali.

12 6.3. La gestione dei servizi pubblici nella vigente legislazione regionale - Le funzioni delle Province regionali e le Società per Azioni Le linee di tendenza previste nel Piano regionale di risanamento delle acque possono considerarsi coincidenti, in linea di massima, con le previsioni della legge regionale 6 marzo 1986, n. 9, istitutiva della Provincia regionale. Infatti, l'art. 15 della stessa legge prevede che "i Comuni appartenenti ad una medesima Provincia regionale possono stabilire fra loro, anche con l'intervento della provincia regionale, gestioni comuni al fine di realizzare l'esercizio congiunto di servizi, anche attraverso la costituzione di specifiche unità di gestione", che, appunto, potrebbero essere le Aziende cui si riferisce il piano regionale di risanamento delle acque La legge regionale n. 9 del 1986, in ogni caso, prevede una specifica competenza della Provincia regionale in materia di "organizzazione e gestione dei servizi relativi agli impianti di smaltimento dei rifiuti e depurazione delle acque". Tale competenza, tuttavia, può essere esercitata solo qualora "i Comuni singoli o associati non possano provvedervi" La legge regionale n. 9 del 1986 prospetta, inoltre, altre soluzioni sostanzialmente conformi a quelle indicate dal Piano di risanamento delle acque ma da attuare attraverso strutture più agili e moderne. Infatti, l'art. 18 della legge prevede che i comuni e le province possano "promuovere, per la gestione dei servizi pubblici, la costituzione di Società per Azioni a prevalente capitale pubblico qualora si renda opportuna, in relazione alla natura del servizio da erogare, la partecipazione di altri soggetti pubblici o privati". È chiaramente ipotizzata la costituzione di società miste in cui gli Enti pubblici garantiscano una gestione coerente con la normativa vigente e le società private specializzate forniscano capacità manageriale, professionalità ed assicurino una conduzione efficiente dei servizi La gestione degli impianti di depurazione - L'art. 53 della legge regionale n. 27 del In attesa della costituzione delle società previste dall'art. 18 della L.R. n. 9 del 1986 o, comunque, di una organica definizione delle strutture tecnico-amministrative per la gestione dei servizi pubblici di acquedotto, fognatura e depurazione, il legislatore regionale ha emanato una norma di immediata applicazione diretta ad assicurare, nella fase transitoria, la gestione efficiente degli impianti di depurazione realizzati o che si andranno man mano realizzando L'art. 53 della legge regionale 15 maggio 1986, n. 27, infatti prevede l'obbligo per i Comuni di affidare la gestione e la manutenzione degli impianti a imprese specializzate. In particolare, l'art. 53 prevede le seguenti tre ipotesi: a) progetti di impianti di depurazione non ancora approvati: il Comune deve prevedere, nel capitolato speciale di appalto, l'obbligo, per l'impresa assuntrice, della gestione e manutenzione dell'impianto per una durata non inferiore a tre anni; b) progetti di impianti di depurazione approvati e non appaltati alla data di entrata in vigore della legge (17 maggio 1986): l'obbligo previsto al precedente punto a) è inserito "ope legis" nel

13 capitolato speciale, senza ulteriori pareri ed approvazioni. La legge non prevede, in questa ipotesi, le modalità di determinazione degli oneri di gestione da rimborsare alle imprese assuntrici. Tali oneri potranno essere concordati tra Amministrazione comunale ed Impresa, sulla base di una analisi dei costi di gestione, e sottoposti alla valutazione di congruità da parte di un competente organo tecnico (U.T.E. ecc.); c) progetti di impianti di depurazione appaltati, in corso di realizzazione o già realizzati alla data di entrata in vigore della legge (17 maggio 1986): il Comune, se sprovvisto di personale idoneo, ha l'obbligo di assicurare il funzionamento e la manutenzione dell'impianto mediante la stipula di convenzioni con imprese in possesso di documentata specializzazione. A parità di condizioni dovrà essere data la preferenza alle cooperative aventi le caratteristiche previste dalla legge regionale 18 agosto 1978, n. 37 e successive modifiche ed integrazioni Personale da adibire alla gestione degli impianti Anche nel caso di affidamento della gestione e della manutenzione degli impianti di depurazione in convenzione ad imprese specializzate, i Comuni possono procedere all'ampliamento della pianta organica per le qualifiche di livello medio-basso Infatti è prassi che le Aziende che assumono la gestione degli impianti si limitino a fornire capacità manageriali e personale con alto livello di specializzazione lasciando alle Amministrazioni locali i compiti inerenti allo svolgimento di mansioni tecnico-manuali o di media specializzazione I Comuni, pertanto, potranno sempre prevedere nella propria pianta organica posti di operai custodi-manutentori in possesso della necessaria specializzazione e, per gli impianti di terzo livello, anche di personale diplomato in possesso di specifica professionalità documentata relativa alla conduzione di impianti di depurazione ed al controllo qualitativo degli scarichi Il numero dei posti dovrà essere stabilito in relazione alle esigenze del servizio da assicurare ed alle dimensioni dell'impianto Le deliberazioni relative alla istituzione di posti per il servizio di depurazione delle acque reflue comunali è opportuno vengano sottoposte ad un preventivo parere dell'assessorato scrivente prima dell'approvazione da parte della Commissione regionale per la Finanza Locale Spese di gestione a carico del bilancio comunale I Comuni che assicurano il servizio di depurazione dei reflui urbani sono tenuti ad applicare la tariffa relativa a tale servizio nella misura stabilita dalle leggi emanate dallo Stato per la finanza locale. Si fa riferimento da ultimo, all'art. 17 del D.L. 1 luglio 1986, n. 318 convertito nella legge 9 agosto 1986, n Relativamente all'assunzione del personale da destinare al servizio di depurazione e alla copertura dei corrispondenti oneri finanziari i Comuni dovranno fare riferimento alle disposizioni contenute nell'art. 6, 11 comma, lett. c) della legge finanziaria legge 28 febbraio 1986, n. 41. Tali disposizioni prevedono una deroga al divieto di assunzioni per il "personale tecnico strettamente necessario per l'attivazione di nuovi impianti di depurazione attuati in esecuzione della

ELENCO SPORTELLI BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO OPERANTI IN SICILIA

ELENCO SPORTELLI BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO OPERANTI IN SICILIA BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO PROVINCIA SPORTELLI TELEFONO BCC Don Rizzo Alcamo (TP) 9 0924 591111 1. Agenzia di Sede (Alcamo) Trapani 2. Agenzia di città (Alcamo) 3. Agenzia di Calatafimi 4. Castellammare

Dettagli

IL DIRIGENTE GENERALE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI

IL DIRIGENTE GENERALE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI (Il testo viene riportato solo a scopo informativo e non se ne garantisce la rispondenza al testo della stampa ufficiale) DECRETO 24 dicembre 2003. Zone agricole svantaggiate situate nel territorio della

Dettagli

POSTAZIONI POSTE IN TURNI UNICI DI H24

POSTAZIONI POSTE IN TURNI UNICI DI H24 POSTAZIONI POSTE IN TURNI UNICI DI H24 H 1 AG S. MARGHERITA BELICE - ALFA 10 /010 1,1 MSB 2 CT MALETTO - Alfa Bravo 6 /082 1,1 MSB 3 CT MIRABELLA IMBACCARI - Bravo 4 /079 0,8 MSB 4 CT MAZZARRONE - Bravo

Dettagli

Liquidità per Debiti della PA D.L. 35/2013 -FONTE CCDDPP TOTALE IMPORTO AMMESSO

Liquidità per Debiti della PA D.L. 35/2013 -FONTE CCDDPP TOTALE IMPORTO AMMESSO Liquidità per Debiti della PA D.L. 35/2013 -FONTE CCDDPP ENTE TOTALE IMPORTO PROVINCIA AMMESSO DATA SCADENZA ANTICIPAZIONE COMUNE DI AGRIGENTO AG 9.946.474,88 31/05/2042 COMUNE DI ALESSANDRIA DELLA ROCCA

Dettagli

LT1_SIC_02 L accessibilità territoriale dei servizi sanitari

LT1_SIC_02 L accessibilità territoriale dei servizi sanitari Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro per la Coesione Territoriale Ministero della Salute Dipartimento della programmazione e dell ordinamento del Servizio sanitario nazionale Direzione generale

Dettagli

La Tariffa del Servizio Idrico Integrato

La Tariffa del Servizio Idrico Integrato La Tariffa del Servizio Idrico Integrato LA TARIFFA: Convenzione di gestione ATO1 Palermo 14-06-2007 Ai sensi dell articolo n.18 della Convenzione di Gestione: a) La tariffa costituisce il corrispettivo

Dettagli

Rif. Prot. n. Oggetto: Progetto VALORE PAESE DIMORE. Invito a manifestare interesse per la partecipazione al progetto

Rif. Prot. n. Oggetto: Progetto VALORE PAESE DIMORE. Invito a manifestare interesse per la partecipazione al progetto Direzione Regionale Sicilia Trasmessa via e-mail Non segue originale Palermo, Prot. n. 2013/ /DRSI/POTS Agli Enti di cui all allegato elenco E p.c. All ANCI Sicilia ancisicilia@pec.it Rif. Prot. n. Oggetto:

Dettagli

PROV. DI AGRIGENTO COMUNE ABITANTI TOTALI 448.053 610.293,70 RIMBORSO PROPORZIONALE. Il Dirigente del Servizio (Dott.ssa M.Letizia Di Liberti)

PROV. DI AGRIGENTO COMUNE ABITANTI TOTALI 448.053 610.293,70 RIMBORSO PROPORZIONALE. Il Dirigente del Servizio (Dott.ssa M.Letizia Di Liberti) PROV. DI AGRIGENTO 1 AGRIGENTO 54.619 2.859,00 2 ALESSANDRIA D. ROCCA 3.787 12.140,25 3 ARAGONA 10.065 5.174,04 4 BIVONA 4.225 5.511,53 5 BURGIO 3.157 10.899,98 6 CALAMONACI 1.522 2.002,62 7 CALTABELLOTTA

Dettagli

FONDO AUTONOMIE - ANNO 2009 Allegato "B" al D.D.G. n.677 del 16/9/09

FONDO AUTONOMIE - ANNO 2009 Allegato B al D.D.G. n.677 del 16/9/09 PROV.AGRIGENTO SU BASE ( ASSEGN.) ( ASSEGN.) COMUNE ABITANTI ( 2007 + 1,7% ) ( + 1,5% ) ( A + B + C ) (Censim.2001) ( A ) (B) ( C ) 1 AGRIGENTO 54.619 - - 8.030.079,88 7.363.307,87 - - 7.363.307,87 2 ALESSANDRIA

Dettagli

LE MULTE NEI COMUNI DELLA SICILIA Comune per Comune le sanzioni per infrazioni stradali accertate

LE MULTE NEI COMUNI DELLA SICILIA Comune per Comune le sanzioni per infrazioni stradali accertate PROVINCIA: AGRIGENTO Agrigento 1.126.388 19,0 Alessandria della Rocca 3.625 1,2 Bivona 1.980 0,5 Burgio 164 0,1 Caltabellotta 4.193 1,0 Camastra 807 0,4 Campobello di Licata 15.000 1,5 Canicattì 303.285

Dettagli

DISTRETTO di PRESIDIO di ORE BUTERA 24 BUTERA 24 CAMPOFRANCO 24 CAMPOFRANCO 24 CAMPOFRANCO 24 CAMPOFRANCO 24 MARIANOPOLI 24 MARIANOPOLI 24

DISTRETTO di PRESIDIO di ORE BUTERA 24 BUTERA 24 CAMPOFRANCO 24 CAMPOFRANCO 24 CAMPOFRANCO 24 CAMPOFRANCO 24 MARIANOPOLI 24 MARIANOPOLI 24 AUSL N 2 CALTANISSETTA ZONE CARENTI AL 01 - SETTEMBRE 2008 DISTRETTO di PRESIDIO di ORE BUTERA 24 BUTERA 24 CAMPOFRANCO 24 CAMPOFRANCO 24 CAMPOFRANCO 24 CAMPOFRANCO 24 MARIANOPOLI 24 MARIANOPOLI 24 MAZZARINO

Dettagli

Banda Larga nelle aree rurali

Banda Larga nelle aree rurali Avanzamento Aggiornamento al 31 marzo 2015 1 Sicilia, la terra del tuo futuro. Aggiornamento cantieri di lavoro al 31 marzo 2015 Misura 321/B - Servizi essenziali per l'economia e la popolazione rurale

Dettagli

Comuni parzialmente delimitati (imprese ubicate nei fogli di mappa e particelle di cui al D.A )

Comuni parzialmente delimitati (imprese ubicate nei fogli di mappa e particelle di cui al D.A ) PROVINCIA DI AGRIGENTO 1. Burgio 2. Cammarata 3. Campobello di Licata 4. Casteltermini 5. Cianciana 6. Comitini 7. Grotte 8. Joppolo Giancaxio 9. Lampedusa e Linosa 10. Naro 11. Racalmuto 12. San Giovanni

Dettagli

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI Premessa Il progetto Adozioni Internazionali rientra tra quelli indicati quali prioritari nelle linee guida emanate ai fini della progettazione esecutiva dei progetti di

Dettagli

INTRODUZIONE PRINCIPALI RISULTATI

INTRODUZIONE PRINCIPALI RISULTATI COMUNE DI MESSINA AREA COORDINAMENTO SVILUPPO ECONOMICO 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA IN SICILIA A CURA DEL DIPARTIMENTO DI STATISTICA APRILE 2013 Redatto nell ambito dello Stage Formativo dallo

Dettagli

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura SOTTOMISURA 321/A Servizi essenziali e infrastrutture rurali Azione 1 Servizi commerciali rurali PSR SICILIA 2007/2013 SOTTOMISURA 321/A1

Dettagli

Zone Scout della Regione Sicilia

Zone Scout della Regione Sicilia Zone Scout della Regione Sicilia DIOCESI DELLA REGIONE SICILIA ZONE SICILIANE PROVINCE-LOCALITÀ DIOCESI CONCORDIA AGRIGENTO-SCIACCA AGRIGENTO EREA ENNA - CALTANISSETTA MERIDIONALE PIAZZA ARMERINA ETNEA

Dettagli

Le assenze dei dipendenti pubblici. Aprile Regione Sicilia

Le assenze dei dipendenti pubblici. Aprile Regione Sicilia Le assenze dei dipendenti pubblici Aprile 2012 Regione Sicilia (Aprile 2012/Aprile 2011) (1/7) COMUNE DI CAMPOBELLO DI LICATA -81,63 0,16 COMUNE DI LETOJANNI -79,85 0,44 COMUNE DI ZAFFERANA ETNEA -79,69

Dettagli

Distretto di TAORMINA

Distretto di TAORMINA = Continuità assistenziale ordinari e/o turistici (Guardie Mediche) - = Punto Territoriale di Emergenza (118) Distretto di TAORMINA Taormina Piazza S. Francesco 0942/625419 335.7662980 Antillo Via Roma,

Dettagli

I.R.I.P.A. Sicilia Palermo HACCP Trapani 78,00. I.R.I.P.A. Sicilia Palermo HACCP Petralia Sottana 78,00

I.R.I.P.A. Sicilia Palermo HACCP Trapani 78,00. I.R.I.P.A. Sicilia Palermo HACCP Petralia Sottana 78,00 Regione Siciliana Assessorato Agricoltura e Foreste Dipartimento per gli Interventi Strutturali in Agricoltura IX Servizio Regionale Assistenza Tecnica, Sperimentazione, Ricerca Applicata e Divulgazione

Dettagli

Elenco delle zone svantaggiate ai sensi della Direttiva (CEE) n. 268/75

Elenco delle zone svantaggiate ai sensi della Direttiva (CEE) n. 268/75 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE UNIONE EUROPEA DELLO SVILUPPO RURALE ALIMENTARI E FORESTALI FEASR E DELLA PESCA MEDITERRANEA

Dettagli

SEUS S.C.P.A ALLEGATO 1 ELENCO POSTAZIONI

SEUS S.C.P.A ALLEGATO 1 ELENCO POSTAZIONI PR COMUNE DENOMINAZIONE INDIRIZZO EQUIPAGGIO AG AGRIGENTO AGRIGENTO - ALFA 1 /001 C.Da Consolida MSA A/S + 1 INFERMIERE + 1 MEDICO H 24 1 per turno 8 ore AG AGRIGENTO AGRIGENTO - ALFA 3 /003 Viale Della

Dettagli

Regione Siciliana GIUNTA REGIONALE

Regione Siciliana GIUNTA REGIONALE ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana GIUNTA REGIONALE Deliberazione n. 408 del 19 dicembre 2003. Individuazione, formazione ed aggiornamento dell elenco delle zone sismiche

Dettagli

Vicolo della Torre,1 Montelepre (Palermo) Telefono 091/8983390 Uff. 0917074407 328/1414001 Fax 091/7074603 E-mail

Vicolo della Torre,1 Montelepre (Palermo) Telefono 091/8983390 Uff. 0917074407 328/1414001 Fax 091/7074603 E-mail C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M INFORMAZIONI PERSONALI Nome/Cognome Indirizzo Giuseppe Terranova Vicolo della Torre,1 Montelepre (Palermo) Telefono 091/8983390 Uff. 0917074407 328/1414001

Dettagli

ELENCO UFFICI POSTALI CON RITIRO APPARATO TELEPASS IMMEDIATO

ELENCO UFFICI POSTALI CON RITIRO APPARATO TELEPASS IMMEDIATO AG AGRIGENTO AGRIGENTO CENTRO PIAZZA VITTORIO EMANUELE, 7 92100 0922-551605 AG ARAGONA ARAGONA PIAZZA MELI, 3 92021 0922-690852 AG CAMPOBELLO DI LICATA CAMPOBELLO DI LICATA VIA GRAMSCI, SNC 92023 0922-883952

Dettagli

Elenco enti destinatari allegato alla nota prot. 2015/20189/DR-Sicilia del 17/12/2015

Elenco enti destinatari allegato alla nota prot. 2015/20189/DR-Sicilia del 17/12/2015 Elenco enti destinatari allegato alla nota prot. 2015/20189/DR-Sicilia del 17/12/2015 Abruzzo e Molise dre_abruzzomolise@pce.agenziademanio.it Calabria dre_calabria@pce.agenziademanio.it Campania dre_campania@pce.agenziademanio.it

Dettagli

Elaborazione flash. Peso delle MPI e dell artigianato della Sicilia L incidenza sociale dell artigianato nelle Province e nei principali Comuni

Elaborazione flash. Peso delle MPI e dell artigianato della Sicilia L incidenza sociale dell artigianato nelle Province e nei principali Comuni Osservatorio MPI Confartigianato Sicilia Elaborazione flash L incidenza sociale dell artigianato nelle Province e nei principali Comuni Le micro e piccole imprese. In Sicilia, secondo gli ultimi dati Istat

Dettagli

(Fig. 1) COMUNI ZONA JONICA COMUNI ZONA TIRRENICA COMUNI AREA AD ELEVATO RISCHIO DI CRISI AMBIENTALE COMUNI ZONA MONTANA COMUNE DI MESSINA

(Fig. 1) COMUNI ZONA JONICA COMUNI ZONA TIRRENICA COMUNI AREA AD ELEVATO RISCHIO DI CRISI AMBIENTALE COMUNI ZONA MONTANA COMUNE DI MESSINA (Fig. 1) COMUNI ZONA TIRRENICA COMUNI ZONA JONICA COMUNI AREA AD ELEVATO RISCHIO DI CRISI AMBIENTALE COMUNI ZONA MONTANA COMUNI ISOLE EOLIE COMUNE DI MESSINA Tab. 1 COMUNI RICADENTI NELL AREA AD ELEVATO

Dettagli

SICILIA. LEGENDA PR: provincia Z: zona climatica GR-G: gradi-giorno ALT: altitudine

SICILIA. LEGENDA PR: provincia Z: zona climatica GR-G: gradi-giorno ALT: altitudine SICILIA LEGENDA PR: provincia Z: zona climatica GR-G: gradi-giorno ALT: altitudine PR Z GR-G ALT COMUNE AG B 729 230 AGRIGENTO AG C 1311 533 ALESSANDRIA DELLA ROCCA AG C 1149 400 ARAGONA AG C 1268 503

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto.

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. SERVIZI DI TRASPORTO Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. 59 Un esempio: fino a 1.000 69 Per ulteriori informazioni rivolgiti a qualsiasi Banco Informazioni in ESPOSIZIONE MOBILI, al Servizio

Dettagli

DI CUI DIRIGENTI COMUNI SERVITI ARAGONA, COMITINI,GROTTE, S.ELISABETTA, RAFFADALI, IOPPOLO GIANCAXIO, RACALMUTO, FAVARA, SANT'ANGELO MUXARO

DI CUI DIRIGENTI COMUNI SERVITI ARAGONA, COMITINI,GROTTE, S.ELISABETTA, RAFFADALI, IOPPOLO GIANCAXIO, RACALMUTO, FAVARA, SANT'ANGELO MUXARO SITUAZIONE RELATIVA ALLE STRUTTURE PERIFERICHE DEL DIPARTIMENTO RICOLTURA( CONDOTTE RARIE-SOAT ed UOS) PREESISTENTI E LORO CONFLUENZA NEI NUOVI UFFICI (U.I.A.) PROVI UIA DA ISTITUIRE COMUNI SERVITI N.

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLEGATO 3. Elenco degli interventi realizzati nell ambito del

PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLEGATO 3. Elenco degli interventi realizzati nell ambito del REPUBBLICA ITALIANA UFFICIO DEL COMMISSARIO DELEGATO Ex O.P.C.M. 09 luglio 2010, n. 3887 presso il Dipartimento Regionale dell Acqua e dei Rifiuti Via Catania n. 2 - Palermo PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

http://www.lavinium.com/denom/sicilden.shtml

http://www.lavinium.com/denom/sicilden.shtml 1 di 7 19/08/2011 12.16 venerdì 19 Ago. 111 ore 12:16 Le Doc della Sicilia D.O.C.G.: 1 D.O.C.: 22 Denominazione Cerasuolo di Vittoria (D.M. 13/9/2005 - G.U. n.224 del 26/9/2005) Alcamo (D.M. 30/9/1999

Dettagli

CENSIMENTO DEI PIANI COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE

CENSIMENTO DEI PIANI COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Repubblica Italiana Impossibile v isualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'imm Regione

Dettagli

Provincia Località Zona climatica Altitudine

Provincia Località Zona climatica Altitudine Premi ctrl+f per cercare il tuo comune AGRIGENTO AGRIGENTO B 230 ALESSANDRIA DELLA ROCCA C 533 ARAGONA C 400 BIVONA C 503 BURGIO C 317 CALAMONACI C 307 CALTABELLOTTA D 949 CAMASTRA C 340 CAMMARATA D 682

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TURISMO, COMUNICAZIONI E TRASPORTI BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE PER OTTENERE IL CONTRIBUTO PUBBLICO

ASSESSORATO REGIONALE TURISMO, COMUNICAZIONI E TRASPORTI BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE PER OTTENERE IL CONTRIBUTO PUBBLICO REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO REGIONALE TURISMO, COMUNICAZIONI E TRASPORTI DIPARTIMENTO TURISMO, SPORT E SPETTACOLO Bando pubblico per ottenere il contributo di cui all art. 75 della L. R. n. 32/2000

Dettagli

ALLEGATO A AL DECRETO ASSESSORIALE n DEL 17 giugno 2013

ALLEGATO A AL DECRETO ASSESSORIALE n DEL 17 giugno 2013 ALLEGATO A AL DECRETO ASSESSORIALE n. 2894 DEL 17 giugno 2013 DEFINIZIONE ED ISTITUZIONE AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA STAGIONE VENATORIA 2013/2014 TABELLA 1 -DESTINAZIONE DIFFERENZIATA DEL TERRITORIO

Dettagli

REGIONE SICILIANA. Assessorato delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica L'ASSESSORE

REGIONE SICILIANA. Assessorato delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica L'ASSESSORE ;t'" '! D. A. n. ) )S Servizio 5 l Elettorale REGIONE SICILIANA Assessorato delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica L'ASSESSORE VISTO lo Statuto della Regione; VISTO il T.U. delle leggi per l'elezione

Dettagli

ECCO TUTTE LE STAZIONI DI SERVIZIO ENI CHE IN SICILIA ADERISCONO ALLA CAMPAGNA DI SCONTI (FONTE: ENI) Citta (Provincia) indirizzo CAP CodicePV

ECCO TUTTE LE STAZIONI DI SERVIZIO ENI CHE IN SICILIA ADERISCONO ALLA CAMPAGNA DI SCONTI (FONTE: ENI) Citta (Provincia) indirizzo CAP CodicePV ECCO TUTTE LE STAZIONI DI SERVIZIO ENI CHE IN SICILIA ADERISCONO ALLA CAMPAGNA DI SCONTI (FONTE: ENI) Citta (Provincia) indirizzo CAP CodicePV Agrigento (Ag) Via Imera 92100 9865 Agrigento (Ag) Viale Leonardo

Dettagli

Principali indicatori socioeconomici dei comuni della Sicilia REGIONE SICILIANA

Principali indicatori socioeconomici dei comuni della Sicilia REGIONE SICILIANA Principali indicatori socioeconomici dei comuni della Sicilia REGIONE SICILIANA PALERMO 2008 Principali indicatori socioeconomici dei comuni della Sicilia REGIONE SICILIANA PALERMO 2008 Il lavoro è stato

Dettagli

ORGANIZZAZIONE NAZIONALE VOLONTARI GIUBBE D'ITALIA ONVGI ARAGONA iscritta 28/07/2005

ORGANIZZAZIONE NAZIONALE VOLONTARI GIUBBE D'ITALIA ONVGI ARAGONA iscritta 28/07/2005 REGIONE provincia comune Denominazione localita stato data_iscr_env COMPAGNIA GIUBBE VERDI DELLA VALLE DEI SICILIA Agrigento Agrigento TEMPLI iscritta 01/07/2008 SICILIA Agrigento Agrigento DI PROTEZIONE

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2007

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2007 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTAGNE INTERNE NEBRODI NORD-OCCIDENTALI Comuni di: CAPIZZI, CASTEL DI LUCIO, CESARO`, MISTRETTA, SAN TEODORO NEBRODI NORD-OCCIDENTALI Comuni di: ALCARA LI

Dettagli

ALLEGATO 6 PSR SICILIA 2014/2020. Elenco Comuni Aree Rurali

ALLEGATO 6 PSR SICILIA 2014/2020. Elenco Comuni Aree Rurali ALLEGATO 6 PSR SICILIA 2014/2020 Elenco Comuni Aree Rurali, Luglio 2014 Elenco dei Comuni per tipologia di area A - Aree rurali Cataniia Aci Castello - Catania - Gravina di Catania - Misterbianco - Motta

Dettagli

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 17 NOVEMBRE 2006 - N. 53 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE: VIA CALTANISSETTA

Dettagli

IL SOLARE FOTOVOLTAICO NELLA PROVINCIA DI MESSINA Rapporto 2012

IL SOLARE FOTOVOLTAICO NELLA PROVINCIA DI MESSINA Rapporto 2012 UFFICIO DIRIGENZIALE Politiche energetiche e tutela dell ambiente Unità Operativa Politiche Energetiche PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Via Lucania, 2-98 Messina - 9 77925 IL SOLARE FOTOVOLTAICO NELLA PROVINCIA

Dettagli

Codice Dipendenza Denominazione Dipendenza

Codice Dipendenza Denominazione Dipendenza Deposito a Risparmio 480 CATANIA CORSO SICILIA 2261912 Deposito a Risparmio 576 MESSINA CRISPI 473612 Deposito a Risparmio 576 MESSINA CRISPI 477212 Deposito a Risparmio 679 PALERMO PACINOTTI 92114 Deposito

Dettagli

Misura Utilizzo dei servizi di consulenza in agricoltura e silvicoltura

Misura Utilizzo dei servizi di consulenza in agricoltura e silvicoltura Misura 114 - Utilizzo dei servizi di consulenza in agricoltura e silvicoltura Elenco dei Distretti e relative SOAT competenti per la Misura 114 del PSR Sicilia 2007-2013 ALLEGATO 4 DISTRETTO AGRIGENTO

Dettagli

WWF ITALIA - STRUTTURE TERRITORIALI LOCALI

WWF ITALIA - STRUTTURE TERRITORIALI LOCALI Regione Denominazione STL Comuni interessati Sicilia Caltanissetta Intera provincia di Caltanisseta Sede Legale caltanissetta@wwf.it Provincia Caltanissetta Responsabile Accordo WWF invio scheda SI NO

Dettagli

DAL 28 FEBBRAIO E DAL 1 MARZO 2010

DAL 28 FEBBRAIO E DAL 1 MARZO 2010 DAL 28 FEBBRAIO E DAL 1 MARZO 2010 BUS E TRENI REGIONALI SICILIA TRENI DI LUNGA PERCORRENZA: COLLEGAMENTI CON LA SICILIA VARIAZIONI ORARIO Da domenica 28 febbraio e da lunedì 1 marzo 2010 verranno modificati

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE DI RILEVAZIONE DEI DATI RELATIVI AI PROGRAMMI DI SCREENING, APPROVATI PER LA MEDICINA SCOLASTICA

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE DI RILEVAZIONE DEI DATI RELATIVI AI PROGRAMMI DI SCREENING, APPROVATI PER LA MEDICINA SCOLASTICA 9-5-2003 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 21 139 CIRCOLARE 9 aprile 2003, n. 1110. Programmi di screening in ambito scolastico. Direttive in merito all art. 4 del decreto n. 2306

Dettagli

FRUIZIONE BENI CULTURALI IN SICILIA 2012-2013

FRUIZIONE BENI CULTURALI IN SICILIA 2012-2013 Agrigento Museo archeologico 12.664 34.760 47.424 137.376,50 15.769 36.137 51.906 165.542,50 Agrigento Parco archeologico della Valle dei Templi 291.428 240.328 531.756 2.860.758,50 339.738 204.141 543.879

Dettagli

Immobili in comodato ai Comitati C.R.I. in Sicilia Ubicazione Proprietario Catasto Comodatario - Utilizzo

Immobili in comodato ai Comitati C.R.I. in Sicilia Ubicazione Proprietario Catasto Comodatario - Utilizzo Immobili in comodato ai Comitati C.R.I. in Sicilia Ubicazione Proprietario Catasto Comodatario - Utilizzo 1 LICATA (AG) Via Panepinto Licata Agrigento Sede C.R.I. di Licata 2 MENFI (AG) Corso Bilello,

Dettagli

VIA CAPRA, 7 VILLARMOSA

VIA CAPRA, 7 VILLARMOSA Regione Sicilia - Uffici postali abilitati Invio delle istanze di nulla osta per l'assunzione di lavoratori stranieri relativamente al lavoro subordinato, domestico, stagionale Provincia Comune Località

Dettagli

Aci Sant Antonio (Ct), lavori V. Nocilla e completamento P. Cantarella; Adrano (Ct), Adeguamento Scuola elementare «Plesso Stazione»;

Aci Sant Antonio (Ct), lavori V. Nocilla e completamento P. Cantarella; Adrano (Ct), Adeguamento Scuola elementare «Plesso Stazione»; Di seguito l elenco dei 223 lavori che saranno effettuati in tutta la Sicilia. Si tratta di 70 milioni di euro destinati dalla Finanziaria alle opere pubbliche. Aci Catena (Ct), realizzazione scuola materna;

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL ECONOMIA DIPARTIMENTO DELLE FINANZE E DEL CREDITO A V V I S O

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL ECONOMIA DIPARTIMENTO DELLE FINANZE E DEL CREDITO A V V I S O REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL ECONOMIA DIPARTIMENTO DELLE FINANZE E DEL CREDITO A V V I S O Le istanze di accesso al microcredito potranno essere presentate dal 2 gennaio 2012 rivolgendosi

Dettagli

MEMM022ZE7 DISTRETTO 022

MEMM022ZE7 DISTRETTO 022 MEMM000VC6 PROVINCIA DI MESSINA MEMM000XC4 DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE (NON ESPRIMIBILE DAL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO) MEMM022ZE7 DISTRETTO 022 MEMMC568F9 COMUNE DI CESARO' MEMM805018

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2012

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2012 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTAGNA INTERNA - MONTAGNA DI CORLEONE Comuni di: CORLEONE, GODRANO, PALAZZO ADRIANO, PRIZZI MONTAGNA INTERNA- MADONIE OCCIDENTALI Comuni di: ALIA, CASTRONUOVO

Dettagli

D.D.G. n. 1114/2012 - Allegato 1 Graduatoria di merito progetti a regia, linea d'intervento 3.1.3.3

D.D.G. n. 1114/2012 - Allegato 1 Graduatoria di merito progetti a regia, linea d'intervento 3.1.3.3 1 70967 22/11/10 Comune di Gravina di Catania Gravina di Catania Gravina 137.600,00 5.000,00 142.600,00 74 Letojanni, Giardini Naxos, Gallodoro, 2 70959 22/11/10 Comune di Letojanni Mongiuffi, Melia Itinerari

Dettagli

INFORMASALUTE PALERMO. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari

INFORMASALUTE PALERMO. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA ISTITUTO NAZIONALE SALUTE, MIGRAZIONI E POVERTÀ MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELL INTERNO Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi INFORMASALUTE

Dettagli

Luogo Fisico Comune Provincia Altro. Territori di Agrigento, Caltanissetta, Enna, Messina, Catania, Palermo. Allevamento della Capra Girgentana

Luogo Fisico Comune Provincia Altro. Territori di Agrigento, Caltanissetta, Enna, Messina, Catania, Palermo. Allevamento della Capra Girgentana Categoria Sottocategoria Valenza Lim Luogo Fisico Comune Provincia Altro I luoghi storici del gusto 1. I luoghi della produzione degli ingredienti Allevamento della Capra Girgentana Territori di Agrigento,

Dettagli

Informativa Banda Larga nelle aree rurali

Informativa Banda Larga nelle aree rurali Informativa Banda Larga nelle aree rurali COMITATO DI SORVEGLIANZA PSR SICILIA 2007/2013 PALERMO 14 NOVEMBRE 2014 1 Banda Larga nelle aree rurali Misura 321/B - Servizi essenziali per l'economia e la popolazione

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLEGATO 4. Rifiuti urbani della Sicilia

PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLEGATO 4. Rifiuti urbani della Sicilia REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA UFFICIO DEL COMMISSARIO DELEGATO Ex O.P.C.M. 09 luglio 2010, n. 3887 presso il Dipartimento Regionale dell Acqua e dei Rifiuti Via Catania n. 2 - Palermo PIANO DI

Dettagli

BACINO DEL FIUME ACATE

BACINO DEL FIUME ACATE CHIARAMONTE GULFI 2493592 4098064 672 26 32.6 0.26 37.9 0.27 43.7 0.28 51.1 0.29 58.2 0.29 62.3 0.29 65.2 0.30 67.4 0.30 74.3 0.30 81.1 0.30 MONTEROSSO ALMO 2498875 4104490 691 40 24.4 0.32 27.6 0.35 31.3

Dettagli

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 7

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 7 16 13-2-2004 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 7 cartografia di sismica del territorio regionale; elenchi delle tipologie degli edifici di interesse strategico e delle opere infrastrutturali

Dettagli

36 24-2-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8

36 24-2-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8 36 24-2-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8 ASSESSORATO DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE DECRETO 31 marzo 2011. Direttive per la concessione e l erogazione delle agevolazioni

Dettagli

Elenco enti aggiudicatori Sicilia

Elenco enti aggiudicatori Sicilia 1 " XI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BASE " Cod Fisc. 93039450890 Stazione Appaltante XI ISTITUTO COMPRENSIVO VIA MONTE TOSA 1 96100 SIRACUSA (SIRACUSA) 2 "ACQUE DI CALTANISSETTA S.P.A." IN SIGLA "CALTAQUA S.P.A."

Dettagli

Indicatori e analisi del contesto

Indicatori e analisi del contesto Programmazione Europea 2014-2020 SICILIA Primi elementi di riflessione per l identificazione delle Aree Interne della Regione Siciliana --------- Indicatori e analisi del contesto Versione 1 Primi elementi

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, 60-90146 Palermo - Tel. 091/6909111

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, 60-90146 Palermo - Tel. 091/6909111 WWW.orizzontescuola.IT MIUR.AOODRSI.REG.UFF. USC Palermo, 16 febbraio 2016 Ufficio di Supporto alle decisioni Alle OO.SS. della SCUOLA e dell area V Oggetto: Definizione degli ambiti Territoriali della

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 27 DEL 15-05-1986 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 27 DEL 15-05-1986 REGIONE SICILIA LEGGE REGIONALE N. 27 DEL 15-05-1986 REGIONE SICILIA Disciplina degli scarichi delle pubbliche fognature e degli scarichi degli insediamenti civili che non recapitano nelle pubbliche fognature e modifiche

Dettagli

Banda Larga nelle aree rurali

Banda Larga nelle aree rurali Banda Larga nelle aree rurali 1 Avanzamento lavori Aggiornamento del 30 novembre 2013 2 Banda Larga nelle aree rurali Misura 321/B - Servizi essenziali per l'economia e la popolazione rurale - Sottomisura

Dettagli

Soprintendenza BB.CC.AA. di Catania soprict@certmail.regione.sicilia.it. Comune di Aci Castello (CT) comune.acicastello@pec.it

Soprintendenza BB.CC.AA. di Catania soprict@certmail.regione.sicilia.it. Comune di Aci Castello (CT) comune.acicastello@pec.it REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato del Territorio e dell Ambiente Dipartimento dell Ambiente Servizio 3 Assetto del territorio e difesa del suolo U.O. 3.1: Pianificazione e Programmazione

Dettagli

Alleanza Fisco/Comuni: Le Azioni e i Risultati

Alleanza Fisco/Comuni: Le Azioni e i Risultati La collaborazionetra Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza e Comuni Siciliani nella lotta all evasione fiscale Alleanza Fisco/Comuni: Le Azioni e i Risultati Antonino GENTILE Direttore Regionale Agenzia

Dettagli

Codice Dipendenza Denominazione Dipendenza

Codice Dipendenza Denominazione Dipendenza Deposito a Risparmio 483 CATANIA CORSO ITALIA 75812 Deposito a Risparmio 483 CATANIA CORSO ITALIA 75912 Deposito a Risparmio 498 SIRACUSA APOLLONION 68912 Deposito a Risparmio 498 SIRACUSA APOLLONION 69012

Dettagli

MEEE022ZB1 DISTRETTO 022

MEEE022ZB1 DISTRETTO 022 MEEE000VZ8 PROVINCIA DI MESSINA MEEE022ZB1 DISTRETTO 022 MEEEC568C1 COMUNE DI CESARO' MEEE80503B CESARO' (ASSOC. I. C. MEIC805007) PIAZZA S. CALOGERO CENTRO MEEE805019 CESARO' II (ASSOC. I. C. MEIC805007)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA CONSORZIALE CON ATTO N. 34 DEL 12/07/1987) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

DELLA REGIONE SICILIANA

DELLA REGIONE SICILIANA GAZZETTA REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE SICILIANA Anno 68 - Numero 23 UFFICIALE PARTE PRIMA Palermo - Venerdì, 6 giugno 2014 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI Sped. in a.p., comma 20/c, art. 2, l. n.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L Assessore per le Autonomie Locali e la Funzione Pubblica. di concerto con. L Assessore per l Economia

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L Assessore per le Autonomie Locali e la Funzione Pubblica. di concerto con. L Assessore per l Economia D.A. n. 272/S4 F.L. REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L Assessore per le Autonomie Locali e la Funzione Pubblica di concerto con L Assessore per l Economia VISTO lo Statuto della Regione Siciliana;

Dettagli

RAPPORTO PRELIMINARE SUL RISCHIO IDRAULICO IN SICILIA E RICADUTE NEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE

RAPPORTO PRELIMINARE SUL RISCHIO IDRAULICO IN SICILIA E RICADUTE NEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE SERVIZIO RISCHI IDROGEOLOGICI E AMBIENTALI RAPPORTO PRELIMINARE SUL RISCHIO IDRAULICO IN SICILIA E RICADUTE NEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE (vers.

Dettagli

CAPITOLO 7 - LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI (R.S.U.)

CAPITOLO 7 - LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI (R.S.U.) CAPITOLO 7 - LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI (R.S.U.) In tema di recupero di materiali ed energia dai rifiuti in Italia si va facendo strada l idea che, a fronte di quattro fasi nella

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre 2013 Settore residenziale

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre 2013 Settore residenziale NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Provinciale di Fausto Gueli (referente OMI) data di pubblicazione: 20 giugno 2014 periodo di

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, 60-90146 Palermo - Tel. 091/6909111

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, 60-90146 Palermo - Tel. 091/6909111 MIUR.AOODRSI.REG.UFF. 4146 USC Palermo, 3 marzo 2016 Ufficio di Supporto alle decisioni Agli Uffici di Ambito Territoriale delle province della Sicilia Agli Uffici dirigenziali presso la sede della Direzione

Dettagli

Sindaci eletti nel 2012 nella provincia di AGRIGENTO Provincia Comune Sindaco Agrigento Aragona Salvatore Parello Agrigento Bivona Giovanni Panepinto

Sindaci eletti nel 2012 nella provincia di AGRIGENTO Provincia Comune Sindaco Agrigento Aragona Salvatore Parello Agrigento Bivona Giovanni Panepinto Sindaci eletti nel 2012 nella provincia di AGRIGENTO Agrigento Aragona Salvatore Parello Agrigento Bivona Giovanni Panepinto Agrigento Campobello di Licata Giovanni Gioacchino Picone Agrigento Casteltermini

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SICILIA (di cui all'art. 117 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SICILIA (di cui all'art. 117 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SICILIA (di cui all'art. 117 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) ALLEGATI AL PIANO DI GESTIONE DOCUMENTO DATA APPROVATO Allegato 02-a Caratterizzazione

Dettagli

ELENCO SIC E ZPS. Mazzara del Vallo, Campobello E SCIARE DI MAZARA SIC

ELENCO SIC E ZPS. Mazzara del Vallo, Campobello E SCIARE DI MAZARA SIC ELENCO E COD_SITO NO_SITO _ COMUNI PROV AREA (ha) ITA010001 ISOLE DELLO STNONE DI MARSALA Marsala TP 636,23 ITA010002 ISOLA DI MARETTIMO Favignana TP 1.110,07 ITA010003 ISOLA DI LEVANZO Favignana TP 533,48

Dettagli

ANDAF ONLUS. Assistenza Neoplastici a Domicilio Alessandra Fusco

ANDAF ONLUS. Assistenza Neoplastici a Domicilio Alessandra Fusco ANDAF ONLUS Assistenza Neoplastici a Domicilio Alessandra Fusco PAGINA 2 Non basta fare il bene, bisogna anche farlo bene. Denis Diderot ANDAF ONLUS PAGINA 3 Gentili cittadini, la nostra Carta dei Servizi

Dettagli

BONUS. BONUS CONCESSI AI SENSI DELLA CIRCOLARE 12609 DEL 23 MAGGIO 2013 PERIODO OTTOBRE DICEMBRE 2013 Soggetto richiedente Oggetto Bonus concesso

BONUS. BONUS CONCESSI AI SENSI DELLA CIRCOLARE 12609 DEL 23 MAGGIO 2013 PERIODO OTTOBRE DICEMBRE 2013 Soggetto richiedente Oggetto Bonus concesso BONUS CONCESSI AI SENSI DELLA CIRCOLARE 12609 DEL 23 MAGGIO 2013 PERIODO OTTOBRE DICEMBRE 2013 Soggetto richiedente Oggetto Bonus concesso ASSOCIAZIONE CORO POLIFONICO DELLE TERME DI SCIACCA COMITATO ORGANIZ.

Dettagli

Elenco sedi Caaf Cgil Sicilia Provincia MESSINA

Elenco sedi Caaf Cgil Sicilia Provincia MESSINA Elenco sedi Caaf Cgil Sicilia Provincia MESSINA COMUNE INDIRIZZO N. CIVICO C.A.P. TEL/FAX Barcellona Pozzo di Gotto Via Roma 99 98051 0909701583 Brolo Via Solferino 2 98061 0941561471 Capo D'orlando Via

Dettagli

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA DI PALERMO Settore III LLPP ed Assetto del Territorio Piazza Umberto I, n. 46-90030 Palazzo Adriano Tel. 091.8349911 Fax 091.8349085 Determinazione N. 70 del 12.05.2011

Dettagli

Altavilla Altofonte. AST da Bagheria

Altavilla Altofonte. AST da Bagheria DESTINAZIONE Alia Alimena Aliminusa Altavilla Altofonte Aspra Bagheria Balestrate Baucina Belmonte Mezzagno Bisaquino Blufi Bolognetta Bompietro Borgetto Caccamo Caltavuturo Campofelice Fitalia Campofelice

Dettagli

PROVINCIA COMUNE LOCALITA' LATITUDINE LONGITUDINE Data Vendibilita Velocità disponibile Note

PROVINCIA COMUNE LOCALITA' LATITUDINE LONGITUDINE Data Vendibilita Velocità disponibile Note PROVINCIA COMUNE LOCALITA' LATITUDINE LONGITUDINE Data Vendibilita Velocità disponibile Note Agrigento Canicattì Case sparse 37,37457 13,85314 dic-14 fino a 20 Mb/s Agrigento Canicattì Case sparse 37,40539

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA V DIPARTIMENTO AMBIENTE 1 UFFICIO: TUTELA ARIA-SUOLO - ENERGIA 1 UNITA OPERATIVA COMPLESSA Regolamento per l esercizio, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNICATO

REPUBBLICA ITALIANA COMUNICATO REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DEL BILANCIO E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO REGIONALE FINANZE E CREDITO SERVIZIO ENTRATE ERARIALI E PROPRIE COMUNICATO Il Dipartimento Regionale

Dettagli

Prescrizioni per Autorizzazione allo Scarico in Pubblica Fognatura Giugno 2014

Prescrizioni per Autorizzazione allo Scarico in Pubblica Fognatura Giugno 2014 Prescrizioni per Autorizzazione allo Giugno 2014 Sommario Riferimenti... 1 Documenti Allegati... 1 Premessa... 1 L autorizzazione potrà essere rilasciata alle seguenti condizioni... 2 D. Lgs 152/06 (Parte

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

Ore Attribuite. 161 CEFOP PA Formazione istruzione e lavoro Palermo 3.03 74 5400 686.653,31 162.000,00 848.653,31

Ore Attribuite. 161 CEFOP PA Formazione istruzione e lavoro Palermo 3.03 74 5400 686.653,31 162.000,00 848.653,31 161 CEFOP PA Formazione istruzione e lavoro Palermo 3.03 74 5400 686.653,31 162.000,00 848.653,31 1277 CIAPI SR SR meccanica delle costruzioni Siracusa 3.03 73 3000 252.782,00 90.000,00 342.782,00 1460

Dettagli

QUADERNO DI VIAGGIO GIRO IN SOLITARIA DELLA SICILIA CON LA BICICLETTA Di ANTONIO RIGGIO

QUADERNO DI VIAGGIO GIRO IN SOLITARIA DELLA SICILIA CON LA BICICLETTA Di ANTONIO RIGGIO QUADERNO DI VIAGGIO GIRO IN SOLITARIA DELLA SICILIA CON LA BICICLETTA Di ANTONIO RIGGIO Mi chiamo Antonio Riggio vivo a Bisacquino (PA) ho 52 anni e amo andare in bici soprattutto come cicloturista. In

Dettagli

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15

Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque. Bari 30.01.15 Normativa nazionale e regionale sulle gestione e trattamento delle acque Bari 30.01.15 Le acque nel Testo Unico Ambientale. Le definizioni (art. 74). ff) scarico: qualsiasi immissione effettuata esclusivamente

Dettagli

7-10-2005 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 42 25

7-10-2005 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 42 25 Allegato A SIC Codice Denominazione Ettari SIC e Comuni Prov. ITA010001 Isole dello Stagnone di Marsala 617,860 X Marsala TP Isole dello Stagnone di Provincia di Trapani Marsala ITA010002 Isola di Marettimo

Dettagli

ALL.1 al D.D.S. n.3355 del 10/06/2015 - ELENCO DEGLI ESPERTI QUALIFICATI ESTERNI

ALL.1 al D.D.S. n.3355 del 10/06/2015 - ELENCO DEGLI ESPERTI QUALIFICATI ESTERNI Repubblica Italiana REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL' AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA Dipartimento Regionale dell' Agricoltura SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE E LOTTA ALLA

Dettagli

REGIONE SICILIA - ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO

REGIONE SICILIA - ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO REGIONE SICILIA - ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO ****************************************************** PO FESR 2007/2013 Decreto 30 giugno 2010 Bando pubblico per la realizzazione

Dettagli