(1) Circolare dell'assessorato regionale per il territorio e l'ambiente, pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 21 marzo 1987, n. 12, S.O.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(1) Circolare dell'assessorato regionale per il territorio e l'ambiente, pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 21 marzo 1987, n. 12, S.O."

Transcript

1 Circolare Ass. 30 ottobre 1986, n. 4 (1). Il piano di risanamento delle acque (1) Circolare dell'assessorato regionale per il territorio e l'ambiente, pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 21 marzo 1987, n. 12, S.O. 1. Premessa La Regione siciliana, con l'emanazione del decreto presidenziale n. 93 del 1986 del 2 luglio 1986 e della legge regionale n. 27 del 15 maggio 1986, ha dato attuazione alle disposizioni contenute nella vigente normativa statale diretta a tutelare l'ambiente idrico. Infatti l'art. 4, 1 comma, lett. a) della legge 10 maggio 1976, n. 319 affida alle Regioni la "redazione dei piani regionali di risanamento delle acque", i cui contenuti sono stati precisati nell'art. 8 e nell'art. 14, 2 comma, della stessa legge (articoli modificati ed integrati rispettivamente dall'art. 11 e dall'art. 17, 1 comma della legge 24 dicembre 1979, n. 650.) I due provvedimenti normativi, in cui si articola il Piano regionale di risanamento delle acque della Sicilia, rappresentano un chiaro quadro di riferimento per tutti gli operatori pubblici e privati del settore Il Piano regionale di risanamento delle acque stabilisce obiettivi che sono prevalentemente di qualità della risorsa idrica per tutto il territorio regionale I contenuti del Piano hanno carattere strumentale rispetto alle finalità di tutela della qualità delle acque; ci si riferisce in particolare ai seguenti contenuti: il piano di opere attinenti ai servizi di acquedotto, fognatura e depurazione; l'organizzazione delle strutture tecnico-organizzative deputate alla gestione dei predetti servizi; la disciplina degli scarichi delle pubbliche fognature e degli insediamenti civili che non recapitano in pubblica fognatura La determinazione dei limiti di accettabilità degli scarichi industriali che recapitano in corpi idrici resta riservata allo Stato. La Regione può, comunque, imporre limiti più rigorosi in relazione alla natura delle alterazioni di un determinato corpo ricettore ed agli obiettivi del suo risanamento La presente circolare è diretta ad illustrare sinteticamente le procedure scaturenti dall'adozione del Piano regionale di risanamento delle acque adeguando le procedure tecnico-amministrative di settore alle nuove previsioni normative

2 Capo I Il piano regionale di risanamento delle acque 2. Gli obiettivi del piano regionale di risanamento L'art. 2 della legge regionale n. 27 del 1986 individua con chiarezza gli obiettivi del Piano di risanamento delle acque della Regione Siciliana. In particolare vengono individuati due obiettivi: Recupero e mantenimento delle caratteristiche qualitative di tutti i corpi idrici superficiali e sotterranei in rapporto agli usi degli stessi ed agli obiettivi di difesa del patrimonio naturale ed ambientale previsti dalla legge regionale 6 maggio 1981, n. 98; Tutela della salute pubblica Il problema della tutela quantitativa viene rinviato al piano regolatore generale degli acquedotti che il Provveditorato regionale delle Opere pubbliche ha in corso di aggiornamento. La connessione fra aspetti qualitativi e quantitativi verrà assicurata dal coordinamento fra i due strumenti di pianificazione delle risorse idriche regionali Gli strumenti per la definizione degli obiettivi di qualità del piano 3. Censimento dei corpi idrici L'art. 4, punto d), della legge n. 319 del 1976 per la tutela delle acque dall'inquinamento e l'art. 5 della legge 24 gennaio 1986, n. 7 (di conversione del D.L. 25 novembre 1985, n. 667), relativa al contenimento del fenomeno di eutrofizzazione, affidano alle Regioni il compito di effettuare le operazioni di rilevamento delle caratteristiche dei corpi idrici I dati da rilevare sono: a) le caratteristiche idrologiche, chimiche, biologiche ed il loro andamento nel tempo; b) la individuazione dell'entità di contributi dei nutrienti (fosforo, azoto e simili) generati dai settori civile, agricolo, zootecnico ed industriale, per i soli corpi idrici soggetti al rischio eutrofico; c) tutti gli usi diretti ed indiretti I criteri e le metodologie da seguire per il censimento sono stati riportati nell'allegato 1 della delibera del 4 febbraio 1977 del Comitato Interministeriale per la tutela delle acque dall'inquinamento.

3 3.4. Per lo svolgimento delle attività di censimento la Regione può avvalersi della collaborazione del Servizio idrografico italiano e degli Uffici del Genio civile mentre per gli aspetti qualitativi, può utilizzare gli Uffici delle Province L'art. 6, lett. d), della legge n. 319 del 1976, modificata dalla legge n. 650 del 1979, assegna ai Comuni e loro Consorzi il compito di effettuare "l'installazione e la manutenzione della rete dei dispositivi per il controllo qualitativo dei corpi idrici nell'ambito dell'attività regionale di censimento delle risorse idriche" La prima fase del censimento e stata effettuata raccogliendo i dati e le informazioni esistenti, riportate in schede e monografie relative a ciascun corpo idrico censito e individuando le stazioni e le modalità di prelievo. A tal fine si sono utilizzati un apposito studio del C.S.E.I. di Catania e gli studi annessi al Progetto Speciale n. 30 della Cassa per il Mezzogiorno. I risultati di tale prima fase sono contenuti nei volumi da 12 a 17 del Piano di risanamento delle acque La seconda fase del censimento si incentrerà sulle attività di completamento, aggiornamento costante ed utilizzazione dei dati raccolti Gli interventi relativi alla seconda fase saranno avviati attraverso incontri che l'assessorato scrivente organizzerà con i competenti organi delle Province regionali e dei Laboratori di Igiene e profilassi Catasto degli scarichi La legge n. 319 del 1976, art. 5 (testo modificato dall'art. 8 della legge n. 650 del 1979), affida alle Amministrazioni provinciali la formazione di un catasto di tutti gli scarichi pubblici e privati, nei corsi d'acqua superficiali I criteri metodologici per la formazione e l'aggiornamento del catasto sono contenuti nell'allegato 1, Capitolo III, della delibera del 4 febbraio 1977 del Comitato Interministeriale per la Tutela delle Acque dall'inquinamento Le Amministrazioni Provinciali, per le operazioni di individuazione e localizzazione di tutti gli scarichi, si avvalgono degli uffici e servizi dei Comuni Per fare fronte alle spese relative alla formazione del catasto l'assessorato regionale del Territorio e dell'ambiente ha già provveduto, con Dec.Ass. n. 476 del 1983 del 20 dicembre 1983, a ripartire alle nove Province siciliane la somma complessiva di L , assegnata dal Ministero dei Lavori Pubblici in applicazione dell'art. 4 della legge n. 650 del La somma è stata ripartita, tenendo conto della popolazione e delle aziende presenti nel territorio di ciascuna provincia, secondo il seguente prospetto: - Provincia di AG L " " CL L " " CT L " " EN L

4 - " " ME L " " PA L " " RG L " " SR L " " TP L I fondi assegnati dovranno essere utilizzati dalle Province per lo svolgimento delle attività descritte nel Capitolo III dell'allegato 1 della delibera del Comitato Interministeriale per la Tutela delle Acque dall'inquinamento del 4 febbraio Si sottolinea, in particolare, l'esistenza di una completa informatizzazione di tale servizio secondo i criteri indicati nei punti 4 e segg. del citato Capitolo III Inoltre, poiché i dati rilevati da ciascuna Provincia dovranno essere utilizzati a livello regionale per l'aggiornamento dei contenuti del Piano regionale di risanamento delle acque, è necessario che le procedure di memorizzazione ed elaborazione dei dati raccolti siano uniformi per tutto il territorio regionale A tal fine questo Assessorato procederà al coordinamento di tale attività attraverso incontri con gli amministratori ed i responsabili del servizio a livello provinciale Gli strumenti per il raggiungimento degli obiettivi del piano 5. Il piano di opere attinenti ai servizi di fognatura e depurazione Sulla base dei dati e delle informazioni relative allo stato di fatto delle opere di fognatura e depurazione, rilevate ai sensi dell'art. 8, lett. a), della legge n. 319 del 1976, il Piano di risanamento ha previsto, per ciascun Comune, la soluzione fognaria e depurativa ritenuta, in linea di massima, più valida per la tutela ed il disinquinamento dei corpi ricettori. Le soluzioni previste dal Piano, a seconda delle particolari situazioni orografiche o degli obiettivi di tutela, sono autonome, cioè circoscritte nell'ambito del territorio di un solo Comune, ovvero associate per i sistemi fognari e depurativi posti al servizio del territorio di più Enti Locali Si riportano di seguito, per ciascuna Provincia, i sistemi relativi ai Comuni per i quali è prevista una soluzione associata, restando inteso che per gli altri Comuni, non riportati nell'elenco, la soluzione prevista deve intendersi autonoma: Provincia di CALTANISSETTA Cons. n Caltanissetta; 2. S. Cataldo Gela; 2. ASI.

5 Provincia di CATANIA Cons. n Aci Castello; 2. Aci Catena (fraz. Vampolieri). 2 - (Impianto di Maria SS. delle Grazie di Acireale) 1. Acireale (centro e frazioni di Maria SS. delle Grazie e Aci Platani); 2. Viagrande; 3. Aci Sant'Antonio; 4. Aci Catena (centro e frazioni di Aci Sanfilippo e S. Nicolò); 5. S. Giovanni La Punta (centro); 6. Valverde; 7. Aci Bonaccorsi. 3 - (Impianto di Stazzo ad Acireale) 1. Acireale (frazioni di S. Maria Ammalati, S. Giovanni Bosco, Schillichenti, Pozzillo, Stazzo, S. Maria Le Stelle, Piano d'api, Balatelle, S. Cosmo, Santa Tecla, Guardia Mangano); 2. S. Venerina, 3. Zafferana Etnea Catania; 2. S. Agata Li Battiati; 3. Tremestieri Etneo (fraz. di Canalicchio); 4. S. Gregorio di Catania; 5. Misterbianco (zona industriale) Mascali; 2. Giarre; 3. Riposto; 4. S. Alfio; 5. Fiumefreddo di Sicilia Scordia; 2. Militello Val di Catania Misterbianco; 2. Belpasso; 3. Camporotondo Etneo; 4. S. Pietro Clarenza; 5. Mascalucia; 6. Nicolosi; 7. Tremestieri Etneo; 8. Pedara; 9. Trecastagni; 10. Gravina di Catania; 11. Catania (quartiere di S. G. Giovanni Galermo); 12. Misterbianco (zona industriale Piano Tavola); 13. S. Giovanni La Punta (fraz. di Trappeto). Provincia di ENNA Cons. n Assoro; 2. Leonforte. Provincia di MESSINA Cons. n Acquedolci; 2. S. Agata di Militello Alì Terme; 2. Fiumedinisi; 3. Nizza di Sicilia Barcellona Pozzo di Gotto; 2. Terme Vigliatore e fraz. di Marchesana Brolo; 2. Piraino (esclusa la fraz. di Zappardino); 3. S. Angelo di Brolo Castelmola; 2. Giardini Naxos; 3. Letojanni; 4. Taormina Casalvecchio (fraz. di S. Carlo Inferiore); 2. S. Teresa Riva (fraz. di Misserio) Furci Siculo; 2. Pagliara; 3. Roccalumera Itala; 2. Scaletta Zanclea.

6 9-1. Condrò; 2. Gualtieri Sicaminò; 3. S. Pier Niceto (frazioni di Serro e S. Pier Marina); 4. Pace del Mela; 5. ASI (Giammoro); 6. S. Filippo del Mela (lato Est del centro, parte bassa della fraz. di Olivarella, frazioni di Archi, Cattafi, Corriolo, Croce Caruso) Mongiuffi Melia; 2. Gallodoro Limina; 2. Roccafiorita Monforte S. Giorgio; 2. Roccavaldina (fraz. di SS. Salvatore); 3. Rometta (fraz. di Santa Domenica) Motta d'affermo (soltanto fraz. di Torremuzza); 2. Reitano (fraz. di Villa Margi) Gioiosa Marea; 2. Piraino (fraz. di Zappardino) Terme Vigliatore (fraz. di Vigliatore); 2. Furnari (fraz. di Tonnarella) Rometta; 2. Saponara (soltanto la fraz. di S. Pietro) S. Teresa Riva; 2. Savoca (frazioni di Contura, Morbilla, Massenza, S. Francesco di Paola, Rina) Torregrotta; 2. Venetico; 3. Roccavaldina (fraz. di Cardà); 4. Monforte S. Giorgio (fraz. di Monforte Marina). Provincia di PALERMO Cons. n Bompietro; 2. Petralia Soprana (fraz. di Cipampini) Blufi (fraz. di Ferrarello); 2. Bompietro (fraz. di Locati) Palermo; 2. Villabate; 3. Misilmeri (fraz. di Portella di Mare); 4. Ficarazzi; 5. Monreale (fraz. di Villa Ciambra) Balestrate; 2. Trappeto Partinico; 2. Borgetto (frazioni di Corsitti e Magna) Capaci; 2. Carini; 3. Torretta; 4. ASI (Palermo) S. Cipirello; 2. S. Giuseppe Jato. Provincia di TRAPANI Cons. n Poggioreale; 2. Salaparuta. Provincia di RAGUSA

7 Cons. n Pozzallo; 2. Marina di Modica; 3. ASI. Provincia di SIRACUSA Cons. n Floridia; 2. Siracusa; 3. Solarino Carlentini; 2. Lentini Melilli; 2. Priolo Gargallo; 3. ASI Siracusa Il Piano definisce, inoltre, le priorità di realizzazione delle opere necessarie per il completamento dei sistemi fognari e depurativi. Le priorità sono state individuate in due distinte fasi. Una prima fase consiste nella individuazione delle aree bacino o sub-bacino che si trovano in stato di particolare degrado ambientale con corpi idrici superficiali o sotterranei che richiedono urgenti interventi di salvaguardia anche in rapporto al loro uso. Le aree interessate, per le quali sono previsti interventi organici e globali, sono le seguenti: 1) Golfo di Castellammare; 2) Falda idrica dell'etna; 3) Fiume Platani; 4) Area di Gela e Comuni di Palma Montechiaro e Licata; 5) Golfo di Milazzo. Tali aree potranno essere meglio specificate o integrate con il provvedimento da adottare ai sensi dell'art. 51, 1 comma, della L.R. n. 27 del Una seconda fase è diretta ad individuare le priorità fra più interventi da effettuare nella medesima arca bacino o sub-bacino. Tra tali interventi parziali il Piano privilegia: - gli interventi in zone talmente degradate da arrecare gravi pericoli alla salute pubblica; - gli interventi tesi alla protezione ed al recupero della qualità delle acque superficiali o sotterranee destinate o destinabili agli usi idropotabili; - gli interventi in zone che gravitano su corpi idrici superficiali che si presentano in gravi condizioni di alterazione, dando precedenza agli interventi diretti: a) alla salvaguardia degli usi della balneazione e della mitilicoltura; b) alle zone che siano meta di importanti flussi turistici internazionali, nazionali e locali;

8 c) ai centri urbani che gravitano sulla fascia costiera dando la precedenza a quelli più popolosi e privi di un adeguato sistema fognario e depurativo; d) ai sistemi fognari e depurativi consortili o associati. Nella scelta degli interventi prioritari il Piano tiene conto, inoltre, della razionalità economica dell'opera, consistente nel conseguire con le risorse disponibili il massimo beneficio economico anche tenendo conto delle previsioni di riutilizzo dei reflui e dei fanghi derivati dal processo di depurazione. In ogni caso è previsto che il criterio di scelta debba essere sempre improntato alla immediata funzionalità delle opere eseguite anche per stralci. Per quello che riguarda gli impianti di depurazione il Piano sancisce la necessità di prevedere impianti di tipo modulare, in quanto realizzabili per stralci funzionali in relazione alla percentuale di fognatura realizzata da allacciare all'impianto. Esso prospetta, inoltre, l'esigenza di realizzare i sistemi consortili da valle verso monte, in modo da allacciare immediatamente all'impianto la rete fognante realizzata. Infine, nel definire le priorità, il Piano prescrive anche all'attenta verifica delle effettive capacità attuative degli Enti Locali cui è devoluta la realizzazione concreta delle opere, escludendo quegli Enti che non hanno predisposto gli strumenti amministrativi e tecnici necessari per attivare con immediatezza le procedure di realizzazione delle opere (art 16 della legge regionale 29 aprile 1985, n. 21.) Tale previsione è, fra l'altro, ribadita dall'art. 49 della legge regionale 15 maggio 1986, n La gestione dei servizi Aree di bacino e ambiti territoriali ottimali. L'art. 8, lett. d) della legge n. 319 del 1976, prevede fra i contenuti del Piano regionale di risanamento delle acque, l'indicazione degli ambiti territoriali ottimali per la gestione dei servizi pubblici di acquedotto, fognatura e depurazione e l'organizzazione delle relative strutture tecnicoamministrative. Ai fini della predisposizione dei progetti diretti al disinquinamento, il territorio siciliano è stato suddiviso in 11 aree di bacino. Nell'ambito delle 11 aree di bacino sono stati individuati 28 ambiti territoriali nel cui interno la gestione dei servizi dovrà essere organizzata in modo unitario al fine di ottenere la maggiore economia di costi e la migliore efficienza dei servizi. Si riporta di seguito l'elenco dei Comuni siciliani suddiviso per aree ed ambiti di gestione: AREA 1 - TRAPANI-MARSALA Ambito 1: Buseto Palizzolo (TP), Custonaci (TP), Erice (TP). Favignana (TP), Paceco (TP), S. Vito Lo Capo (TP), Trapani (TP), Valderice (TP)

9 Ambito 2: Marsala (TP), Mazara del Vallo (TP), Pantelleria (TP), Petrosino (TP), Salemi (TP), Vita (TP) AREA 2 - CASTELLAMMARE DEL GOLFO Ambito 3: Alcamo (TP), Balestrate (PA), Calatafimi (TP), Castellammare del Golfo (TP), Trappeto (PA) Ambito 4: Borgetto (PA), Cinisi (PA), Giardinello (PA), Montelepre (PA), Partinico (PA), S. Giuseppe Jato (PA), San Cipirello (PA), Terrasini (PA) AREA 3 - BELICE Ambito 5: Campobello di Mazara (TP), Castelvetrano (TP), Gibellina (TP), Partanna (TP), Poggioreale (TP), S. Ninfa (TP), Salaparuta (TP) Ambito 6: Bisacquino (PA), Campofiorito (PA), Camporeale (PA), Chiusa Sclafani (PA), Contessa Entellina (PA), Corleone (PA), Giuliana (PA), Palazzo Adriano (PA), Piana degli Albanesi (PA), Prizzi (PA), Roccamena (PA), S. Cristina Gela (PA) Ambito 7: Alessandria della Rocca (AG), Bivona (AG), Burgio (AG), Calamonaci (AG), Caltabellotta (AG), Lucca Sicula (AG), Menfi (AG), Montevago (AG), Ribera (AG), S. Stefano Quisquina (AG), Sambuca di Sicilia (AG), Santa Margherita Belice (AG), Sciacca (AG), Villafranca Sicula (AG), AREA 4 - PALERMO-TERMINI IMERESE-CEFALÙ Ambito 8: Altofonte (PA), Bagheria (PA), Belmonte Mezzagno (PA), Bolognetta (PA), Capaci (PA), Carini (PA), Ficarazzi (PA), Isola delle Femmine (PA), Marineo (PA), Misilmeri (PA), Monreale (PA), Palermo (PA), Santa Flavia (PA), Torretta (PA), Ustica (PA), Villabate (PA) Ambito 9: Altavilla Milicia (PA), Baucina (PA), Campofelice di Fitalia (PA), Casteldaccia (PA), Cefalà Diana (PA), Ciminna (PA), Godrano (PA), Mezzoiuso (PA), Trabia (PA), Ventimiglia di Sicilia (PA), Vicari (PA), Villafrati (PA) Ambito 10: Alia (PA), Aliminusa (PA), Caccamo (PA), Cerda (PA), Lercara Friddi (PA), Montemaggiore Belsito (PA), Roccapalumba (PA), Sciara (PA), Sclafani Bagni (PA), Termini Imerese (PA) Ambito 11: Caltavuturo (PA), Campofelice di Roccella (PA), Castelbuono (PA), Cefalù (PA), Collesano (PA), Geraci Siculo (PA), Gratteri (PA), Isnello (PA), Lascari (PA), Polizzi Generosa (PA), Pollina (PA), S. Mauro Castelverde (PA), Scillato (PA), AREA 5 - PLATANI Ambito 12: Aragona (AG), Cammarata (AG), Casteltermini (AG), Castronovo di Sicilia (PA), Cattolica Eraclea (AG), Cianciana (AG), Comitini (AG), Racalmuto (AG), S. Angelo Muxaro (AG), S. Biagio Platani (AG), S. Giovanni Gemini (AG)

10 Ambito 13: Acquaviva Platani (CL), Bompensiere (CL), Campofranco (CL), Marianopoli (CL), Milena (CL), Montedoro (CL), Mussomeli (CL), S. Caterina Villarmosa (CL), Serradifalco (CL), Sutera (CL), Valledolmo (PA), Vallelunga Pratameno (CL), Villalba (CL), AREA 6 - AGRIGENTO Ambito 14: Agrigento (AG), Camastra (AG), Canicattì (AG), Castrofilippo (AG), Favara (AG), Grotte (AG), Joppolo Giancaxio (AG), Lampedusa e Linosa (AG), Montallegro (AG), Naro (AG), Palma di Montechiaro (AG), Porto Empedocle (AG), Raffadali (AG), Realmonte (AG), Santa Elisabetta (AG), Siculiana (AG), AREA 7 - SALSO Ambito 15: Alimena (PA), Blufi (PA), Bompietro (PA), Castellana Sicula (PA), Ganci (PA), Petralia Soprana (PA), Petralia Sottana (PA), Resuttano (CL) Ambito 16: Barrafranca (EN), Calascibetta (EN), Enna (EN), Pietraperzia (EN), Villarosa (EN) Ambito 17: Caltanissetta (CL), Campobello di Licata (AG), Delia (CL), Licata (AG), Ravanusa (AG), Riesi (CL), S. Cataldo (CL), Sommatino (CL), AREA 8 - MESSINA Ambito 18: Acquedolci (ME), Alcara Li Fusi (ME), Capo d'orlando (ME), Caprileone (ME), Caronia (ME), Castel di Lucio (ME), Castell'Umberto (ME), Frazzanò (ME), Galati Mamertino (ME), Longi (ME), Militello Rosmarino (ME), Mirto (ME), Mistretta (ME), Motta d'affermo (ME), Naso (ME), Pettineo (ME), Reitano (Me), S. Agata di Militello (Me), S. Marco d'alunzio (Me), S. Salvatore di Fitalia (Me), S. Stefano di Camastra (ME), San Fratello (ME), Torrenova (ME), Tortorici (ME), Tusa (ME) Ambito 19: Basicò (ME), Brolo (ME), Castroreale (ME), Falcone (ME), Ficarra (ME), Fondachelli Fantina (ME), Furnari (ME), Gioiosa Marea (ME), Librizzi (ME), Mazzarrà S. Andrea (ME), Montagnareale (ME), Montalbano Elicona (ME), Novara di Sicilia (ME), Oliveri (ME), Patti (ME), Piraino (ME), Raccuja (ME), Rodi Milici (ME), S. Angelo di Brolo (ME), S. Piero Patti (ME), Sinagra (ME), Terme Vigliatore (ME), Tripi (ME), Ucria (ME) Ambito 20: Barcellona Pozzo di Gotto (ME) Condrò (ME), Gualtieri Sicaminò (ME), Leni (ME), Lipari (ME), Malfa (ME), Merì (ME), Milazzo (ME), Monforte S. Giorgio (ME), Pace del Mela (ME), Roccavaldina (ME), Rometta (ME), S. Filippo del Mela (ME), S. Lucia del Mela (ME), S. Marina Salina (ME), S. Pier Niceto (ME), Saponara (ME), Spadafora (ME), Torregrotta (ME), Valdina (ME), Venetico (ME), Villafranca Tirrena (ME) Ambito 21: Alì Superiore (ME), Alì Terme (ME), Antillo (ME), Casalvecchio (ME), Castelmola (ME), Fiumedinisi (ME), Forza d'agrò (ME), Furci Siculo (ME), Gallodoro (ME), Giardini Naxos (ME), Itala (ME), Letojanni (ME), Limina (ME), Mandanici (ME), Messina (ME), Mongiuffi Melia (ME), Nizza di Sicilia (ME), Pagliara (ME), Roccafiorita (ME), Roccalumera (ME), S. Alessio Siculo (ME), S. Teresa-Riva (ME), Savoca (ME), Scaletta Zanclea (ME), Taormina (ME) AREA 9 - ETNA-CATANIA-SIMETO

11 Ambito 22: Agira (EN), Aidone (EN), Assoro (EN), Capizzi (ME), Catenanuova (EN), Centuripe (EN), Cerami (EN), Cesarò (ME), Gagliano Castelferrato (EN), Leonforte (EN), Nicosia (EN), Nissoria (EN), Regalbuto (EN), S. Teodoro (ME), Sperlinga (EN), Troina (EN), Valguarnera Capopepe (EN) Ambito 23: Bronte (CT), Calatabiano (CT), Castiglione di Sicilia (CT), Fiumefreddo di Sicilia (CT), Floresta (ME), Francavilla di Sicilia (ME), Gaggi (ME), Giarre (CT), Graniti (ME), Linguaglossa (CT), Maletto (CT), Malvagna (ME), Maniace (CT), Mascali (CT), Milo (CT), Mojo Alcantara (ME), Motta-Camastra (ME), Piedimonte Etneo (CT), Randazzo (CT), Riposto (CT), Roccella Valdemone (ME), S. Alfio (CT), S. Domenica Vittoria (ME), S. Venerina (CT), Zafferana Etnea (CT) Ambito 24: Aci Bonaccorsi (CT), Aci Castello (CT), Aci Catena (CT), Aci S. Antonio (CT), Acireale (CT), Adrano (CT), Belpasso (CT), Biancavilla (CT), Camporotonto Etneo (CT), Catania (CT), Gravina di Catania (CT), Mascalucia (CT), Misterbianco (CT), Motta S. Anastasia (CT), Nicolosi (CT), Paternò (CT), Pedara (Ct), Ragalna (Ct), S. Agata Li Battiati (Ct), S. Giovanni La Punta (Ct), S. Gregorio di Catania (CT), S. Maria di Licodia (CT), S. Pietro Clarenza (CT), Trecastagni (CT), Tremestieri Etneo (CT), Valverde (CT), Viagrande (CT) Ambito 25: Caltagirone (CT), Castel di Judica (CT), Mineo (CT), Mirabella Imbaccari (CT), Palagonia (CT), Raddusa (CT), Ramacca (CT), S. Michele di Ganzaria (CT), AREA 10 - GELA-RAGUSA Ambito 26: Butera (CL), Gela (CL), Grammichele (CT), Licodia Eubea (CT), Mazzarino (CL), Mazzarrone (CT), Niscemi (CL), Piazza Armerina (EN), S. Cono (CT), Vizzini (CT), Ambito 27: Acate (RG), Chiaramonte Gulfi (RG), Comiso (RG), Giarratana (RG), Ispica (RG), Modica (RG), Monterosso Almo (RG), Pozzallo (RG), Ragusa (RG), S. Croce Camerina (RG), Scicli (RG), Vittoria (RG) AREA 11 - SIRACUSA- AUGUSTA Ambito 28: Augusta (SR), Avola (SR), Buccheri (SR), Buscemi (SR), Canicattini Bagni (SR), Carlentini (SR), Cassaro (SR), Ferla (SR), Floridia (SR), Francofonte (SR), Lentini (SR), Melilli (SR), Militello Val di Catania (CT), Noto (SR), Pachino (SR), Palazzolo Acreide (SR), Portopalo di Capopassero (SR), Priolo Gargallo (SR), Rosolini (SR), Scordia (CT), Siracusa (SR), Solarino (SR), Sortino (SR), 6.2. Strutture tecnico-organizzative per la gestione. Il Piano, sulle problematiche in questione, dà alcune indicazioni di massima. Esso prevede la costituzione di Consorzi fra Comuni che operino attraverso una sola Azienda speciale. I Consorzi, da costituire ai sensi dell'art. 21 e succ. del R.D. 15 ottobre 1925, n e degli artt. 169 e segg. del regolamento approvato con R.D. 10 marzo 1904, n. 108, avranno come scopo statutario l'assunzione diretta, mediante Azienda speciale, delle opere e della gestione dei servizi di acquedotto, fognatura e depurazione. Le Aziende dovrebbero, comunque, operare secondo una organizzazione improntata sui criteri industriali.

12 6.3. La gestione dei servizi pubblici nella vigente legislazione regionale - Le funzioni delle Province regionali e le Società per Azioni Le linee di tendenza previste nel Piano regionale di risanamento delle acque possono considerarsi coincidenti, in linea di massima, con le previsioni della legge regionale 6 marzo 1986, n. 9, istitutiva della Provincia regionale. Infatti, l'art. 15 della stessa legge prevede che "i Comuni appartenenti ad una medesima Provincia regionale possono stabilire fra loro, anche con l'intervento della provincia regionale, gestioni comuni al fine di realizzare l'esercizio congiunto di servizi, anche attraverso la costituzione di specifiche unità di gestione", che, appunto, potrebbero essere le Aziende cui si riferisce il piano regionale di risanamento delle acque La legge regionale n. 9 del 1986, in ogni caso, prevede una specifica competenza della Provincia regionale in materia di "organizzazione e gestione dei servizi relativi agli impianti di smaltimento dei rifiuti e depurazione delle acque". Tale competenza, tuttavia, può essere esercitata solo qualora "i Comuni singoli o associati non possano provvedervi" La legge regionale n. 9 del 1986 prospetta, inoltre, altre soluzioni sostanzialmente conformi a quelle indicate dal Piano di risanamento delle acque ma da attuare attraverso strutture più agili e moderne. Infatti, l'art. 18 della legge prevede che i comuni e le province possano "promuovere, per la gestione dei servizi pubblici, la costituzione di Società per Azioni a prevalente capitale pubblico qualora si renda opportuna, in relazione alla natura del servizio da erogare, la partecipazione di altri soggetti pubblici o privati". È chiaramente ipotizzata la costituzione di società miste in cui gli Enti pubblici garantiscano una gestione coerente con la normativa vigente e le società private specializzate forniscano capacità manageriale, professionalità ed assicurino una conduzione efficiente dei servizi La gestione degli impianti di depurazione - L'art. 53 della legge regionale n. 27 del In attesa della costituzione delle società previste dall'art. 18 della L.R. n. 9 del 1986 o, comunque, di una organica definizione delle strutture tecnico-amministrative per la gestione dei servizi pubblici di acquedotto, fognatura e depurazione, il legislatore regionale ha emanato una norma di immediata applicazione diretta ad assicurare, nella fase transitoria, la gestione efficiente degli impianti di depurazione realizzati o che si andranno man mano realizzando L'art. 53 della legge regionale 15 maggio 1986, n. 27, infatti prevede l'obbligo per i Comuni di affidare la gestione e la manutenzione degli impianti a imprese specializzate. In particolare, l'art. 53 prevede le seguenti tre ipotesi: a) progetti di impianti di depurazione non ancora approvati: il Comune deve prevedere, nel capitolato speciale di appalto, l'obbligo, per l'impresa assuntrice, della gestione e manutenzione dell'impianto per una durata non inferiore a tre anni; b) progetti di impianti di depurazione approvati e non appaltati alla data di entrata in vigore della legge (17 maggio 1986): l'obbligo previsto al precedente punto a) è inserito "ope legis" nel

13 capitolato speciale, senza ulteriori pareri ed approvazioni. La legge non prevede, in questa ipotesi, le modalità di determinazione degli oneri di gestione da rimborsare alle imprese assuntrici. Tali oneri potranno essere concordati tra Amministrazione comunale ed Impresa, sulla base di una analisi dei costi di gestione, e sottoposti alla valutazione di congruità da parte di un competente organo tecnico (U.T.E. ecc.); c) progetti di impianti di depurazione appaltati, in corso di realizzazione o già realizzati alla data di entrata in vigore della legge (17 maggio 1986): il Comune, se sprovvisto di personale idoneo, ha l'obbligo di assicurare il funzionamento e la manutenzione dell'impianto mediante la stipula di convenzioni con imprese in possesso di documentata specializzazione. A parità di condizioni dovrà essere data la preferenza alle cooperative aventi le caratteristiche previste dalla legge regionale 18 agosto 1978, n. 37 e successive modifiche ed integrazioni Personale da adibire alla gestione degli impianti Anche nel caso di affidamento della gestione e della manutenzione degli impianti di depurazione in convenzione ad imprese specializzate, i Comuni possono procedere all'ampliamento della pianta organica per le qualifiche di livello medio-basso Infatti è prassi che le Aziende che assumono la gestione degli impianti si limitino a fornire capacità manageriali e personale con alto livello di specializzazione lasciando alle Amministrazioni locali i compiti inerenti allo svolgimento di mansioni tecnico-manuali o di media specializzazione I Comuni, pertanto, potranno sempre prevedere nella propria pianta organica posti di operai custodi-manutentori in possesso della necessaria specializzazione e, per gli impianti di terzo livello, anche di personale diplomato in possesso di specifica professionalità documentata relativa alla conduzione di impianti di depurazione ed al controllo qualitativo degli scarichi Il numero dei posti dovrà essere stabilito in relazione alle esigenze del servizio da assicurare ed alle dimensioni dell'impianto Le deliberazioni relative alla istituzione di posti per il servizio di depurazione delle acque reflue comunali è opportuno vengano sottoposte ad un preventivo parere dell'assessorato scrivente prima dell'approvazione da parte della Commissione regionale per la Finanza Locale Spese di gestione a carico del bilancio comunale I Comuni che assicurano il servizio di depurazione dei reflui urbani sono tenuti ad applicare la tariffa relativa a tale servizio nella misura stabilita dalle leggi emanate dallo Stato per la finanza locale. Si fa riferimento da ultimo, all'art. 17 del D.L. 1 luglio 1986, n. 318 convertito nella legge 9 agosto 1986, n Relativamente all'assunzione del personale da destinare al servizio di depurazione e alla copertura dei corrispondenti oneri finanziari i Comuni dovranno fare riferimento alle disposizioni contenute nell'art. 6, 11 comma, lett. c) della legge finanziaria legge 28 febbraio 1986, n. 41. Tali disposizioni prevedono una deroga al divieto di assunzioni per il "personale tecnico strettamente necessario per l'attivazione di nuovi impianti di depurazione attuati in esecuzione della

ALLEGATO F POR SICILIA 2000/2006 - MISURA 4.06 - ELENCO ISTANZE NON AMMISSIBILI AZIONE 4

ALLEGATO F POR SICILIA 2000/2006 - MISURA 4.06 - ELENCO ISTANZE NON AMMISSIBILI AZIONE 4 ALLEGATO F POR SICIA 2000/2006 - MISURA 4.06 - ELENCO ISTANZE NON AMMISSIBI AZIONE 4 ABATE ANTONINO 1 FABRIZIO CATANIA CT 02/08/1983 8 2 AMATO GABRIELLA WUPPERTAL D 17/03/1969 5 3 AMATORE PAOLO ACREIDE

Dettagli

MONITORAGGIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI IN SICILIA (ANNO 2008/2009)

MONITORAGGIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI IN SICILIA (ANNO 2008/2009) REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro Dipartimento della Famiglia e delle Politiche Sociali PROGRAMMA STRAORDINARIO DEI SERVIZI PER LA PRIMA

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE : SICILIA DIOCESI : NICOSIA ELENCO RISERVISTI GRADUATORIA DEFINITIVA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE : SICILIA DIOCESI : NICOSIA ELENCO RISERVISTI GRADUATORIA DEFINITIVA CONCORSO RISERVATO PERSONALE DOCENTE DI RELIGIONE - SCUOLA PRIMO E SECONDO GRADO PAG. 1 DIOCESI : NICOSIA 000001 NOVELLO MARIA YF/005712 38,60 12,00 13,00 4,00 09,60 M GQR 02 30/05/1965 LEONFORTE (EN)

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Palermo 14 gennaio 2015 Oggetto: Pubblicazione esito AVVISO PUBBLICO 6 Novembre 2014 MANIFESTAZIONE DI INTERESSE E PREQUALIFICAZIONE PER COLLABORARE ALLA REALIZZAZIONE DEL CLUSTER BIOMEDITERRANEO IN ATTUAZIONE

Dettagli

DELLA REGIONE SICILIANA

DELLA REGIONE SICILIANA GAZZETTA REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE SICILIANA Anno 69 - Numero 12 UFFICIALE PARTE PRIMA Palermo - Venerdì, 20 marzo 2015 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI Sped. in a.p., comma 20/c, art. 2, l. n.

Dettagli

M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E MOD. 1/F ORGANICO DI FATTO DEL PERSONALE DOCENTE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E MOD. 1/F ORGANICO DI FATTO DEL PERSONALE DOCENTE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANNO SCOLASTICO 2013/14 PAG. 1 -------------------------! CODICE: CTMM001006 DENOMIN.: GIOVANNI XXIII - CATANIA INDIRIZZO: VIA TORQUATO TASSO 2!! COMUNE: CATANIA DISTR: 012 CAP 95123 TEL. 095 /475037!

Dettagli

TIP. ENTE UTILIZZATORE PROV. COGNOME NOME GG MM ANNO

TIP. ENTE UTILIZZATORE PROV. COGNOME NOME GG MM ANNO TIP. ENTE UTILIZZATORE PROV. COGNOME NOME GG MM ANNO 280 SOC. COOP. IL QUADRIFOGLIO A R.L. ME ABATE BERNARDINO 28 2 1967 331 A.S.P. DI RAGUSA RG Abate Giancarlo 25 7 1963 280 SOC. COOP. L'ARCA A R.L. TP

Dettagli

LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (G.U. 29 maggio 1976, n. 141)

LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (G.U. 29 maggio 1976, n. 141) LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (1) (G.U. 29 maggio 1976, n. 141) Titolo I FINALITÀ DELLA LEGGE E COMPITI DELLO STATO Art. 1. La presente legge ha

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: UNPLI NAZIONALE 2) Codice di accreditamento: NZ01922 3) Albo e classe di iscrizione: NAZIONALE

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

Linfomi, guarire si può Invadono i nodi linfatici, ma anche

Linfomi, guarire si può Invadono i nodi linfatici, ma anche Periodico dell Associazione Italiana contro le Leucemie - Linfomi e Mieloma Palermo ANNO XII - NUMERO 3 - GIUGNO 2010 Linfomi, guarire si può Invadono i nodi linfatici, ma anche il midollo osseo, la milza,

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

L.R. 31-5-2006 n. 20 Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento. Pubblicata nel B.U. Toscana 7 giugno 2006, n. 17, parte prima.

L.R. 31-5-2006 n. 20 Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento. Pubblicata nel B.U. Toscana 7 giugno 2006, n. 17, parte prima. L.R. 31-5-2006 n. 20 Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento. Pubblicata nel B.U. Toscana 7 giugno 2006, n. 17, parte prima. Epigrafe Premessa Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE COMUNE di SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Il CAPO AREA TECNICA Geom. Maniscalco Giovanni PREMESSA In forza della sopravvenuta legge

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Comune di Adrano (Provincia di Catania) 1^ Area Funzionale 6 Servizio

Comune di Adrano (Provincia di Catania) 1^ Area Funzionale 6 Servizio Comune di Adrano (Provincia di Catania) 1^ Area Funzionale 6 Servizio OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO PULIZIA LOCALI COMUNALI. Importo complesvo dell appalto: 180.059,41 oltre IVA al 20% di

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

1 OCCASO MASSIMILIANO 178525 'CCSMSM74E23E573V VIA TRAPANI, 13 '92027 LICATA (AG)

1 OCCASO MASSIMILIANO 178525 'CCSMSM74E23E573V VIA TRAPANI, 13 '92027 LICATA (AG) 1 OCCASO MASSIMILIANO 178525 'CCSMSM74E23E573V VIA TRAPANI, 13 '92027 LICATA (AG) 2 OLIVERI PATRIZIA 188525 'LVRPRZ70D47E573B VIA MONFALCONE, 69 '92027 LICATA (AG) 3 OTTAVARIO GIOACHINO 161906 'TTVGHN73T28B602Z

Dettagli

DELLA REGIONE SICILIANA

DELLA REGIONE SICILIANA GAZZETTA REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE SICILIANA Anno 68 - Numero 46 UFFICIALE PARTE PRIMA Palermo - Venerdì, 31 ottobre 2014 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI Sped. in a.p., comma 20/c, art. 2, l.

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE

SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE Art. 73 Finalità 1. Le disposizioni di cui alla presente sezione definiscono la disciplina generale per la tutela

Dettagli

Viale Delle Alpi 30, 90144, Palermo 0922418032 3358098410 saldanna@alice.it direzione@europacostruzioni.com

Viale Delle Alpi 30, 90144, Palermo 0922418032 3358098410 saldanna@alice.it direzione@europacostruzioni.com INFORMAZIONI PERSONALI Salvatore D Anna Viale Delle Alpi 30, 90144, Palermo 0922418032 3358098410 saldanna@alice.it direzione@europacostruzioni.com Sesso Maschile Data di nascita 30/10/1956 Nazionalità

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

agevolazioni 2.09.2014

agevolazioni 2.09.2014 Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO ELETTRICO, LE RINNOVABILI E L'EFFICIENZA ENERGETICA, IL NUCLEARE EX DIVISIONE IX ATTUAZIONE E GESTIONE DI PROGRAMMI DI INCENTIVAZIONE

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

Ammessa / Esclusa istruttoria

Ammessa / Esclusa istruttoria Associazione Eduarea Via Demetra, 24 92100 Agrigento AG La Mantia Made in Agrigento Giuseppina Associazione Immigrati A.R.S.A. Via S. Francesco, 11 92100 Agrigento AG Diop Papa Una finestra per l'immigrazione

Dettagli

Verbale n. 1. Gara per raffidamento del servizio di pulizia dei locali dell'ufficio Legislativo e Legale siti in via Caltanissetta n. 2/e -Palermo.

Verbale n. 1. Gara per raffidamento del servizio di pulizia dei locali dell'ufficio Legislativo e Legale siti in via Caltanissetta n. 2/e -Palermo. Verbale n. 1 Gara per raffidamento del servizio di pulizia dei locali dell'ufficio Legislativo e Legale siti in via Caltanissetta n. 2/e -Palermo. L'anno 2012 il mese di gennaio il giorno 11 alle ore 11,00,

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

PUNT. TOT. DICHIARATO PREC.

PUNT. TOT. DICHIARATO PREC. 1 A016 NUCIFORA LAURA 24/06/1962 205,00 ITG JUVARA SIRACUSA 1 A018 LASAGNA GIORGIO 11/09/1956 DOP 200,00 LIC.ART. NOTO 2 A018 GULINO MARIA TERESA 06/08/1961 DOP 118,00 LIC.ART. LENTINI 3 A018 INTERLANDI

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 Page 1 of 10 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

ELENCO IMPRESE COTTIMO-APPALTO ART.20 L.R.N 7/02-1 SEMESTRE - 2014 SEDE INDIRIZZO TEL./FAX

ELENCO IMPRESE COTTIMO-APPALTO ART.20 L.R.N 7/02-1 SEMESTRE - 2014 SEDE INDIRIZZO TEL./FAX ELENCO COTTIMO-APPALTO ART.20 L.R.N 7/02-1 SEMESTRE - 2014 N 1 URO DIL DI GULLETTA SIMONE P.IVA 02063270835 Via Fornace,7 Vill. S. Filippo Inf. 090/612107 OG1-III, OG3-I, OG11-I. ALBO ARTIGIANI N 64292

Dettagli

LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447

LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 Legge 447/95 LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico. (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 30 ottobre 1995, n. 254) Art. 1. Finalità della legge. 1. La presente legge stabilisce

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE E N N A

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE E N N A Prot.n.3925/Usc ELENCO POSTI DISPONIBILI PER LE OPERAZIONI DI MOBILITA ANNUALE - DEL PERSONALE A.T.A. PROFILO DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI. - ANNO SCOLASTICO 2013/2014. I.C. VALGUARNERA

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421;

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421; Decreto Legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 (Gazz. Uff. 20 febbraio 1993, n. 42) Norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 2, comma 1, lettera

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI Art. 1. (trasformazione urbanistica del territorio e concessione di edificare) Ogni attività comportante

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E MOD. 2 DOTAZIONE ORGANICA DEL PERSONALE DOCENTE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E MOD. 2 DOTAZIONE ORGANICA DEL PERSONALE DOCENTE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANNO SCOLASTICO 2015/16 PAG. 1 -----------------------------------------------------! CODICE : CTMM001006 DENOMINAZIONE : GIOVANNI XXIII - CATANIA INDIRIZZO : VIA TORQUATO TASSO 2!! COMUNE : CATANIA DISTR:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) LE ASSUNZIONI CONGIUNTE IN AGRICOLTURA. Il settore agricolo, in particolar modo per quel che concerne la gestione degli operai

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE COAWYE PERC,1 (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. i Registro Delibere OGGETTO: Prosecuzione fino al 31/12/2014 n. 12 contratti di lavoro di diritto privato a tempo determinato

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

GRADUATORIA SCUOLE MEDIE SUPERIORI ANNO SCOLASTICO 2005/2006. Pagina 1 di 343

GRADUATORIA SCUOLE MEDIE SUPERIORI ANNO SCOLASTICO 2005/2006. Pagina 1 di 343 1 ABAI ALGANESH ABEBE 01/01/61 ETIOPIA BAALNS61A41Z315N VIA WRZI', 170 95126 CATANIA TZEGGAI HAGHER 125,00 2 ABATE ADRIANA 24/09/60 CATANIA BTADRN60P64C351N VIA POGGIO ROSSO, 25 95033 BIANCAVILLA DELL'ERBA

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

DELLA REGIONE SICILIANA

DELLA REGIONE SICILIANA GAZZETTA REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE SICILIANA Anno 69 - Numero 5 UFFICIALE PARTE PRIMA Palermo - Venerdì, 3 gennaio 215 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI Sped. in a.p., comma 2/c, art. 2, l. n. 662/96

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli