ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE"

Transcript

1 ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Introduzione al corso Cenni sulla gestione della commessa Pianificazione WBS delle attività

2 Chi siamo Note: - Orario; - Materiale didattico - Obbligo di frequenza - Domande ing. Giovanni Caratozzolo Giovanni Caratozzolo

3 Perché siamo qui? Ossia: cosa serve per passare dal progetto al costruito?

4 Partecipiamo al processo edilizio Sequenza organizzata di fasi che portano dal rilevamento delle esigenze della committenza - utenza di un bene edilizio al loro soddisfacimento attraverso la progettazione, la produzione, la costruzione e la gestione del bene stesso. Il processo edilizio si può riferire ad interventi di nuova costruzione o a interventi sul costruito. UNI Edilizia Terminologia riferita all utenza, alle prestazioni, al processo edilizio e alla qualità edilizia

5 Struttura del processo edilizio PROCESSO DECISIONALE Insieme strutturato delle fasi processuali che precedono la realizzazione dell'intervento e ne definiscono gli obiettivi, lo sviluppo metaprogettuale, lo sviluppo progettuale e la programmazione PROCESSO ESECUTIVO Insieme delle fasi operative che conducono alla realizzazione dell'intervento edilizio sulla base di quanto definito nelle fasi di progettazione e di programmazione PROCESSO GESTIONALE Insieme strutturato delle fasi operative che, a partire dall'entrata in servizio dell'organismo edilizio, si susseguono, allo scopo di assicurarne il funzionamento, fino all esaurimento del suo ciclo funzionale ed economico di vita PROCESSO DEL CONTROLLO

6 Ruoli e fasi del processo edilizio Progetto / processo Intervento Commessa Studio di fattibilità Prog. spaziale e tecnologica Prog. e programm. operativa Costruzione Gestione e manutenzione Impresa di costruzioni Progettista / project manager Committente / società di project management Da G. Rigamonti, La gestione dei processi di intervento edilizio, Utet 2001

7 Modelli di gestione: Approccio tradizionale puro Committente Impresa Progettista Produttori e sub appaltatori Progettisti specialisti / consulenti

8 Approccio tradizionale evoluto Stabilizzazione del rapporto tra committente e progettisiti Impresa Committente Progettista Produttori e sub appaltatori Progettisti specialisti / consulenti

9 Approccio per scorpori Impresa Committente Produttori e sub appaltatori Progettista Progettisti specialisti / consulenti

10 Approccio tradizionale integrato Progettisti specialisti / consulenti Progettista Progetto guida Committente Impresa Progettista Produttori e sub appaltatori

11 Approccio basato su construction managment Committente Progettista architettonico Construction manager Programmazione Esecutivo Doc. Appalto Direzione lavori Costruttore Produttore Produttore Produttore

12 Approccio basato su project managment Committente Progettazione Costruttore Project manager Programmazione Esecutivo Doc. Appalto Produttore Produttore Produttore Direzione lavori Produttore

13 Dall approccio tradizionale Fonte: Impresa Rigamonti - Erba

14 al coordinamento e gestione integrati Fonte: Impresa Rigamonti - Erba

15 BIM e ciclo di vita

16 Gestione della commessa Progetto: Una combinazione di risorse umane e non, riunite in un organizzazione temporanea per raggiungere un obbiettivo definito di tempo, costo e qualità con risorse limitate. Definizione del Project Management Institute (www.pmi.org) Temi da gestire: 1. Tempi; 2. Costi; 3. Qualità; 4. Risorse.

17 Fasi del procedimento di gestione della commessa Fase preventiva di verifica e definizione degli obbiettivi Analisi e verifica capacità tecnica; Individuazione cicli di lavorazione; Elaborazione WBS attività; calcolo fabbisogni e programma lavori; Fase di acquisizione dei dati consuntivi; Fase di analisi e aggiornamento; Fase di previsione a finire e aggiornamento degli obbiettivi; Analisi scostamenti e aggiornamento database. G. Rigamonti, La gestione dei processi di intervento edilizio, Utet 2001

18 Fase preventiva e di verifica degli obbiettivi La verifica tecnica Obbiettivi: 1. Individuare la tecnologia da realizzare; 2. Individuare le possibili modalità costruttive; 3. Verificare la capacità tecnica dell impresa.

19 Sistemi di classificazione e codificazione Classificazione -> ordinamento in classi dell insieme degli enti aventi le stesse proprietà problema generale a tutti gli ambiti del sapere. 1. Classificazione Decimale Universale 2. Piano di Classificazione Sfb 3. Masterformat americano 4. UNI Edilizia residenziale. Sistema tecnologico. Classificazione e terminologia 5. UNI "Codificazione dei prodotti e dei processi produttivi in edilizia 6.

20 UNI : A122:1983 Edilizia residenziale. Sistema tecnologico. Classificazione e terminologia la scomposizione presenta tre livelli e da' luogo a tre insiemi denominati, secondo UNI 7867 parte 4, come segue: classi di unita' "tecnologiche (primo livello) unita'" "tecnologiche (secondo livello) classi" di elementi tecnici (terzo livello) a fini operativi, la scomposizione potrà essere estesa ad ulteriori livelli (quarto livello e successivi) Le locuzioni che compongono i vari insiemi sono dette voci. Contiene prospetto termini e definizioni. In appendice: schema di classificazione del sistema tecnologico

21 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.1 STRUTTURA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici appartenenti al sistema edilizio aventi funzione di sostenere i carichi del sistema edilizio stesso e di collegare staticamente le sue parti STRUTTURA DI FONDAZIONE: insieme degli elementi tecnici del sistema edilizio aventi funzione di trasmettere i carichi del sistema edilizio stesso al terreno STRUTTURE DI FONDAZIONE DIRETTE STRUTTURE DI FONDAZIONE INDIRETTE

22 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.1 STRUTTURA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici appartenenti al sistema edilizio aventi funzione di sostenere i carichi del sistema edilizio stesso e di collegare staticamente le sue parti STRUTTURA DI ELEVAZIONE: insieme degli elementi tecnici del sistema edilizio aventi funzione di sostenere i carichi verticali e/o orizzontali, trasmettendoli alle strutture di fondazione STRUTTURE DI ELEVAZIONE VERTICALI STRUTTURE DI ELEVAZIONE ORIZZONTALI ED INCLINATE STRUTTURE DI ELEVAZIONE SPAZIALI

23 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.1 STRUTTURA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici appartenenti al sistema edilizio aventi funzione di sostenere i carichi del sistema edilizio stesso e di collegare staticamente le sue parti STRUTTURA DI CONTENIMENTO: insieme degli elementi tecnici funzionalmente connessi con il sistema edilizio aventi funzione di sostenere i carichi derivanti dal terreno STRUTTURA DI CONTENIMENTO VERTICALE STRUTTURA DI CONTENIMENTO ORIZZONTALE

24 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.2 CHIUSURA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici del sistema edilizio aventi funzione di separare e di conformare gli spazi interni del sistema edilizio stesso rispetto all esterno CHIUSURA VERTICALE: insieme degli elementi tecnici verticali del sistema edilizio aventi funzione di separare gli spazi interni del sistema edilizio stesso rispetto all esterno PARETI PERIMETRALI VERTICALI INFISSI ESTERNI VERTICALI

25 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.2 CHIUSURA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici del sistema edilizio aventi funzione di separare e di conformare gli spazi interni del sistema edilizio stesso rispetto all esterno CHIUSURA ORIZZONTALE INFERIORE: insieme degli elementi tecnici orizzontali del sistema edilizio aventi funzione di separare gli spazi interni del sistema edilizio stesso dal terreno sottostante o dalle strutture di fondazione SOLAI A TERRA INFISSI ORIZZONTALI

26 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.2 CHIUSURA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici del sistema edilizio aventi funzione di separare e di conformare gli spazi interni del sistema edilizio stesso rispetto all esterno CHIUSURA ORIZZONTALE SU SPAZI ESTERNI: insieme degli elementi tecnici orizzontali del sistema edilizio aventi funzione di separare gli spazi interni del sistema edilizio stesso dagli spazi esterni sottostanti SOLAI SU SPAZI APERTI

27 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.2 CHIUSURA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici del sistema edilizio aventi funzione di separare e di conformare gli spazi interni del sistema edilizio stesso rispetto all esterno CHIUSURA SUPERIORE: insieme degli elementi tecnici orizzontali o sub-orizzontali del sistema edilizio aventi funzione di separare gli spazi interni del sistema edilizio stesso dallo spazio esterno sovrastante COPERTURE INFISSI ESTERNI ORIZZONTALI

28 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.3 PARTIZIONE INTERNA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici del sistema edilizio aventi funzione di dividere e conformare gli spazi interni del sistema edilizio PARTIZIONE INTERNA VERTICALE: insieme degli elementi tecnici verticali del sistema edilizio aventi funzione di dividere e articolare gli spazi interni del sistema edilizio PARETI INTERNE VERTICALI INFISSI INTERNI VERTICALI ELEMENTI DI PROTEZIONE

29 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.3 PARTIZIONE INTERNA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici del sistema edilizio aventi funzione di dividere e conformare gli spazi interni del sistema edilizio PARTIZIONE INTERNA ORIZZONTALE: insieme degli elementi tecnici orizzontali del sistema edilizio aventi funzione di dividere e articolare gli spazi interni del sistema edilizio SOLAI SOPPALCHI INFISSI INTERNI ORIZZONTALI

30 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.3 PARTIZIONE INTERNA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici del sistema edilizio aventi funzione di dividere e conformare gli spazi interni del sistema edilizio PARTIZIONE INTERNA INCLINATA: insieme degli elementi tecnici del sistema edilizio con giacitura prossima all orizzontale aventi funzione di articolare gli spazi interni del sistema edilizio stesso, collegando spazi posti a quote differenti SCALE INTERNE RAMPE INTERNE

31 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.4 PARTIZIONE ESTERNA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici del sistema edilizio aventi funzione di dividere e conformare gli spazi esterni connessi con il sistema edilizio PARTIZIONE ESTERNA VERTICALE: insieme degli elementi tecnici verticali del sistema edilizio aventi funzione di dividere e articolare gli spazi esterni connessi con il sistema edilizio ELEMENTI DI PROTEZIONE ELEMENTI DI SEPARAZIONE

32 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.4 PARTIZIONE ESTERNA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici del sistema edilizio aventi funzione di dividere e conformare gli spazi esterni connessi con il sistema edilizio PARTIZIONE ESTERNA ORIZZONTALE: insieme degli elementi tecnici orizzontali del sistema edilizio aventi funzione di dividere e articolare gli spazi esterni connessi con il sistema edilizio BALCONI E LOGGE PASSERELLE

33 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.4 PARTIZIONE ESTERNA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici del sistema edilizio aventi funzione di dividere e conformare gli spazi esterni connessi con il sistema edilizio PARTIZIONE ESTERNA INCLINATA: insieme degli elementi tecnici del sistema edilizio con giacitura prossima all orizzontale aventi funzione di articolare gli spazi esterni connessi con il sistema edilizio, collegando spazi posti a quote differenti SCALE ESTERNE RAMPE ESTERNE

34 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.5 IMPIANTO DI FORNITURA SERVIZI: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici del sistema edilizio aventi funzione di consentire l utilizzazione di flussi energetici, informativi e materiali richiesti dagli utenti e di consentire il conseguente allontanamento degli eventuali prodotti di scarto IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE: IMPIANTO IDROSANITARIO: IMPIANTO DI SMALTIMENTO LIQUIDI: IMPIANTO DI SMALTIMENTO AEREIFORMI: IMPIANTO DI SMALTIMENTO SOLIDI: IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE GAS: IMPIANTO ELETTRICO: IMPIANTO DI TELECOMUNICAZIONI: IMPIANTO FISSO DI TRASPORTO:

35 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.6 IMPIANTO DI SICUREZZA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici del sistema edilizio aventi funzione di tutelare gli utenti e/o il sistema edilizio stesso a fronte di situazioni di pericolo IMPIANTO ANTINCENDIO: IMPIANTO DI MESSA A TERRA: IMPIANTO PARAFULMINE: IMPIANTO ANTIFURTO E ANTINTRUSIONE:

36 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.7 ATTREZZATURA INTERNA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici connessi con il sistema edilizio aventi funzione di consentire o facilitare l esercizio di attività degli utenti negli spazi interni del sistema edilizio ARREDO DOMESTICO: BLOCCO SERVIZI:

37 SISTEMA TECNOLOGICO CLASSIFICAZIONE UNI 3.8 ATTREZZATURA ESTERNA: insieme delle unità tecnologiche e degli elementi tecnici connessi con il sistema edilizio aventi funzione di consentire o facilitare l esercizio di attività degli utenti negli spazi esterni del sistema edilizio ARREDI ESTERNI COLLETTIVI: ALLESTIMENTI ESTERNI:

38 PC SfB promosso dal CIB (Conseil International du Batiment) e rielaborato nella sua veste attuale dal RIBA (Royal Institute of British Architets) Il metodo si avvale essenzialmente di più insiemi, o gruppi, o livelli di codifica denominati tavole, all'interno delle quali viene individuato un codice per tutti gli elementi fondamentali legati al processo edilizio. Le più importanti tra queste risultano essere le seguenti: tavola 1, degli Elementi; tavola 2, delle Forme / Materiali.

Il disegno di progetto, ha una funzione strettamente comunicativa e pertanto deve essere codificato con un proprio linguaggio,non può pertanto

Il disegno di progetto, ha una funzione strettamente comunicativa e pertanto deve essere codificato con un proprio linguaggio,non può pertanto Tirocinio Formativo Attivo 2014/2015 Disegno tecnico di elementi costruttivi Classi di concorso A016-A071 Prof. Angela g. Leuzzi Il disegno di progetto, ha una funzione strettamente comunicativa e pertanto

Dettagli

BANCA DATI PATRIMONIO. gestione integrata del patrimonio

BANCA DATI PATRIMONIO. gestione integrata del patrimonio BANCA DATI PATRIMONIO gestione integrata del patrimonio 1 OBIETTIVO STRATEGICO Patrimonio Organizzazione Strategia sviluppo di strumenti di conoscenza e metodologie operative Utenti Notevole mole da gestire:

Dettagli

Appropriatezza delle soluzioni tecnologiche

Appropriatezza delle soluzioni tecnologiche Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Laurea in Architettura (ciclo unico) giovedì 24 ottobre 2013 Classe LM 4 Progettazione di sistemi costruttivi Prof. Adriano Paolella ll Tutors:

Dettagli

IL PROCESSO EDILIZIO E L ORGANISMO EDILIZIO

IL PROCESSO EDILIZIO E L ORGANISMO EDILIZIO Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C IL PROCESSO EDILIZIO E L ORGANISMO EDILIZIO

Dettagli

Il programma è articolato su più livelli con approfondimento di tematiche relative a

Il programma è articolato su più livelli con approfondimento di tematiche relative a Programma 2015-2016 Il programma è articolato su più livelli con approfondimento di tematiche relative a Project Management e BIM Caratteri distintivi del progetto Modelli organizzati dello staff di progetto

Dettagli

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E01 Edilizia, urbanistica e ambiente Progettazione lavori Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

Materiali e Innovazione Tecnologica per il Paesaggio (4 cfu) Docente: Cherubina Modaffari

Materiali e Innovazione Tecnologica per il Paesaggio (4 cfu) Docente: Cherubina Modaffari UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA CdL A.G.P. Corso di Laurea in Architettura dei Giardini e Paesaggistica DASTEC Dipartimento "Arte Scienza e Tecnica del Costruire" Anno Accademico

Dettagli

La stima analitica del valore di costo: il computo metrico estimativo

La stima analitica del valore di costo: il computo metrico estimativo Laboratorio Integrato di Tecnologia Unità Didattica di Estimo a.a. 2010-11 Docente: Renato Da Re Collaboratrice: Valentina Antoniucci La stima analitica del valore di costo: il computo metrico estimativo

Dettagli

Università degli Studi di Napoli - Federico II. Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Napoli - Federico II. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Napoli - Federico II Facoltà di Ingegneria CORSO DI ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE + LABORATORIO A.A. 2009/2010 Prof. Ing Fabrizio Leccisi Tutor Ing. Paola Francesca Nisticò Il processo

Dettagli

Computo metrico e stima dei lavori

Computo metrico e stima dei lavori Software professionale in versione Windows Andrea Benvenuti Paolo Brotini Computo metrico e stima dei lavori GESTIONE DELLA PREVENTIVAZIONE DEI LAVORI CON IL SOFTWARE EOSIMPRESIT COMPUTO METRICO * Elenco

Dettagli

Progettazione Esecutiva dell Architettura 4 C.F.U. S.S.D. ICAR/12 prof. Andrea Ieropoli

Progettazione Esecutiva dell Architettura 4 C.F.U. S.S.D. ICAR/12 prof. Andrea Ieropoli Laboratorio di Progettazione esecutiva - CORSO B 3 anno del Corso di Laurea in Architettura Quinquennale LM-4 Corso di: Progettazione Esecutiva dell Architettura 4 C.F.U. S.S.D. ICAR/12 prof. Andrea Ieropoli

Dettagli

Il Computo Metrico Estimativo

Il Computo Metrico Estimativo Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi La stima analitica del valore di costo: il Computo Metrico

Dettagli

Corso di estimo D 2004/2005

Corso di estimo D 2004/2005 Corso di estimo D 2004/2005 Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente logiche per

Dettagli

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente

Dettagli

CONTROLLO DOCUMENTALE E CONTROLLO OPERATIVO DEI PROGETTI E DEI PROCESSI IN EDILIZIA. Ing. Davide Natuzzi

CONTROLLO DOCUMENTALE E CONTROLLO OPERATIVO DEI PROGETTI E DEI PROCESSI IN EDILIZIA. Ing. Davide Natuzzi CONTROLLO DOCUMENTALE E CONTROLLO OPERATIVO DEI PROGETTI E DEI PROCESSI IN EDILIZIA. Ing. Davide Natuzzi Gruppo Mercurio - Via Parini 3, 22020 Cavallasca (CO) 1 Tel. 031/539163 Fax. 031/539160 PERCORSO

Dettagli

La contabilità delle opere

La contabilità delle opere Software professionale in versione Windows Andrea Benvenuti Paolo Brotini La contabilità delle opere LIBRETTO MISURE, S.A.L. E CERTIFICATI DI PAGAMENTO CON IL SOFTWARE EOSIMPRESIT CONTABILITÀ LAVORI *

Dettagli

Project Management MANAGEMENT

Project Management MANAGEMENT Project Management IL PROCESSO EDILIZIO MANAGEMENT È la progressione di azioni connesse tra di loro, temporalmente e logicamente, per il conseguimento di uno o più obiettivi 1 MANAGEMENT AZIONE DIREZIONALE

Dettagli

IL PROCESSO EDILIZIO

IL PROCESSO EDILIZIO IL PROCESSO EDILIZIO RELATIVO A UNA OPERA DI ARCHITETTURA È INSIEME DI FASI E ATTIVITÀ IDEATIVE, OPERATIVE, ORGANIZZATIVE E GESTIONALI CONNESSE DA RELAZIONI LOGICHE E SUCCESSIONI TEMPORALI CHE FANNO CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ISPEZIONE SULL ESECUZIONE DELLE OPERE Mod. TEC-11

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ISPEZIONE SULL ESECUZIONE DELLE OPERE Mod. TEC-11 pag. 1 di 9 Pag.1 di 9 INDICE 1 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 2 PROCEDURE DI ISPEZIONE 2 2.1 CLASSIFICAZIONE DELLE CRITICITÀ... 3 2.2 IMPOSTAZIONE DELL ATTIVITÀ DI VERIFICA... 4 2.3 VERIFICA DOCUMENTALE... 4

Dettagli

La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori in quota

La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori in quota Seminario: Lavori su coperture: problematiche, approfondimenti, soluzioni ed indirizzi La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori in quota A cura di: ing. Giuseppe SEMERARO OBIETTIVI

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere 3.2.8 Parapetti Le finestre, i balconi e le terrazze devono avere parapetti di altezza non inferiore a cm. 100. In ogni caso i parapetti, fermo restando che devono garantire sufficiente resistenza agli

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA CRITERI DI AMMISSIBILITÀ 1 Criterio CA1 - Impianti integrati Sono considerati ammissibili esclusivamente gli impianti integrati nelle strutture e componenti edilizie (come definiti dall art. 2, comma 1,

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

Sistema di Gestione della Sicurezza e Internal Auditing in Cantiere Ing. Antonella Pireddu, Ing. Laura Tomassini

Sistema di Gestione della Sicurezza e Internal Auditing in Cantiere Ing. Antonella Pireddu, Ing. Laura Tomassini Sistema di Gestione della Sicurezza e Internal Auditing in Cantiere Ing. Antonella Pireddu, Ing. Laura Tomassini Sistema di Gestione della Sicurezza e Internal Auditing in Cantiere 1 Perché? MIGLIORARE

Dettagli

PIANO STUDIO DELLA DISCIPLINA-bis Modulo redatto da DS

PIANO STUDIO DELLA DISCIPLINA-bis Modulo redatto da DS PSD D62 -bis PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: DISEGNO E PROGETTAZIONE DOCENTE: UGO NIEDDU PIANO DELLE DELLA 5 GEO A.S. 2012-2013 della ABILITA n. 1 SISTEMI COSTRUTTIVI i tipi di strutture portanti

Dettagli

PROGETTAZIONE B.I.M.

PROGETTAZIONE B.I.M. PROGETTAZIONE B.I.M. Building Information Modeling INTRODUZIONE: Negli ultimi anni, in architettura, ingegneria e nel mondo delle costruzioni è avvenuto un radicale cambiamento negli strumenti e nei metodi

Dettagli

Manutenzione degli edifici

Manutenzione degli edifici Corsi di PRODUZIONE EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Manutenzione degli edifici Prof. Ing. Pietro Capone a.a. 2011-2012 PROCESSO EDILIZIO La sequenza organizzata di fasi operative che

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA a.s. 2014-2015 L.1 Prof. Vincenzo Ninni 1 FINALITA DEL CORSO IL CORSO DI GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO HA IL COMPITO DI FORNIRE TUTTE LE INDICAZIONI

Dettagli

Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS

Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS a cura di Francesco Botte Delta Consulting S.a.S. w w w. d e l t a c o n s u l t i n g f e l t r e. e u aprile 2010 Indice Il PiMUS 3 La persona

Dettagli

DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A MISURA A. STRUTTURA PORTANTE (SpCat 1) A.2 - STRUTTURE DI ELEVAZIONE (Cat 2) 1 / 30 Formazione di architravi in c.a. 21.02.08 compresi le opere provvi... a a perfetta regola

Dettagli

Tecnico per l edilizia. Figura professionale:

Tecnico per l edilizia. Figura professionale: Tecnico per l edilizia Disegnatore ed aiuto progettista CAD Tecnico di gestione commessa Tecnico di conduzione cantiere e di contabilità dei lavori Progettazione, conduzione tecnica e contabile dei cantieri

Dettagli

REQUISITI E PRESTAZIONI DEL SISTEMA AMBIENTALE

REQUISITI E PRESTAZIONI DEL SISTEMA AMBIENTALE REQUISITI E PRESTAZIONI DEL SISTEMA AMBIENTALE SCHEDA DI ANALISI PRESTAZIONALE DEL SISTEMA AMBIENTALE Unità immobiliare Planimetria edificio e contesto: orientamento e caratteri del sito SCHEDA DI ANALISI

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI a) Premessa L incentivo fiscale per il risparmio energetico introdotto con la Finanziaria 2007 è paragonabile per grandi linee

Dettagli

DIPARTIMENTO AREA TECNICA E APPROVVIGIONAMENTI PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

DIPARTIMENTO AREA TECNICA E APPROVVIGIONAMENTI PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA 36100 VICENZA - Viale F. Rodolfi 37 - Tel. 0444/993481 - Fax 0444/993283 COD. REGIONE 050 - COD. U.L.SS. 006 C. F.

Dettagli

COMUNE DI PALUZZA PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI PALUZZA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI PALUZZA PROVINCIA DI UDINE PROGETTO: INTERVENTO DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE NEL BACINO IDROGRAFICO DEL TORRENTE MOSCARDO IN COMUNE DI PALUZZA (UD). OGGETTO: PIANO DI MANUTENZIONE COMMITTENTE:

Dettagli

Edificio di classe: B

Edificio di classe: B TI PRESTAZIONI ENERGETICHE PARZIALI ALLEGATO 7 (Allegato A, paragrafo 8) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici non residenziali Codice Certificato 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Validità Riferimenti

Dettagli

La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori sulle coperture

La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori sulle coperture Confindustria Marche Cadute dall alto Ancona 27 febbraio 2014 La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori sulle coperture A cura di: ing. Giuseppe SEMERARO OBIETTIVI DEL PROGETTO 1

Dettagli

Accessibilità come investimento di comunità per il diritto alla partecipazione sociale

Accessibilità come investimento di comunità per il diritto alla partecipazione sociale Accessibilità come investimento di comunità per il diritto alla partecipazione sociale gli strumenti informatici per la valutazione automatica Udine, 26 maggio 2015 Matteo Ortis BIM come ICT Senza BIM

Dettagli

Ing. Antonio Giustino Presidente Giovani Costruttori ACEN

Ing. Antonio Giustino Presidente Giovani Costruttori ACEN Ing. Antonio Giustino Presidente Giovani Costruttori ACEN Antonio Salzano, Phd Università Federico II di Napoli Amministratore Future Environmental Design BIM: Sperimentazione e trasferimento tecnologico

Dettagli

COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO

COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO Direzione Pregettazioni, Manutenzioni, Viabilità, Frana, Protezione Civile e Sicurezza. (Edilizia Scolastica ed Asili Nido) Progetto per l'ampliamento

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO Sede Legale: Via Nissolina, 2-25043 - Breno (BS) - Tel. 0364/329.1 - Fax 0364/329310 www.aslvallecamonicasebino.it DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA D.P.R. 380/2001 e s.m.i., art. 6 comma 2

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA D.P.R. 380/2001 e s.m.i., art. 6 comma 2 Mod. A.E.L.2 pratica n. Al Comune di TICINETO Servizio Edilizia COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA D.P.R. 380/2001 e s.m.i., art. 6 comma 2 Il sottoscritto residente a via n. telefono in qualità

Dettagli

EASY HOME. Da tre esperienze consolidate, una realtà davvero innovativa.

EASY HOME. Da tre esperienze consolidate, una realtà davvero innovativa. EASY HOME BY Da tre esperienze consolidate, una realtà davvero innovativa. Innovazione qualità tecnologia Finalmente un nuovo concetto di edilizia: un metodo innovativo e tecnologicamente competitivo dagli

Dettagli

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio Programmazione operativa Programmazione operativa La programmazione operativa è la traduzione della progettazione dei sistemi edilizi, in termini di programma temporale della fase esecutiva dell opera

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO / ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO / ESECUTIVO LOGGIA DEL GRANO RIPRISTINO DANNI SISMA 2012 PROGETTO DEFINITIVO / ESECUTIVO Integrazioni e chiarimenti M _ PIANO DI MANUTENZIONE Carpi, maggio 2015 I Progettisti: Ing. Gherardo Trombetti Arch. Giulia

Dettagli

Energetiqa srl PRESENTAZIONE SOCIETARIA

Energetiqa srl PRESENTAZIONE SOCIETARIA L energia è quella risorsa di cui ogni organismo ha bisogno per vivere e per svolgere qualsiasi attività. Per muoverci, come per pensare, utilizziamo infatti l energia immagazzinata nel nostro corpo. Anche

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Processo Costruzione di edifici e di opere di ingegneria civile/industriale Sequenza

Dettagli

Comune di Giovinazzo Provincia Bari

Comune di Giovinazzo Provincia Bari Comune di Giovinazzo Provincia Bari PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE SICUREZZA PER LO SVILUPPO Obiettivo convergenza 2007-2013. Obiettivo Operativo 2.8.B iniziativa IO GIOCO LEALE. Realizzazione di un campo

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA (UNI 11367)

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA (UNI 11367) CLASSIFICAZIONE ACUSTICA (UNI 11367) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il responsabile del rapporto di prova Ancona, 01/04/2011 pag. 1

Dettagli

Il piano di manutenzione è costituito dai seguenti documenti operativi: il manuale di manutenzione comprensivo del programma di manutenzione.

Il piano di manutenzione è costituito dai seguenti documenti operativi: il manuale di manutenzione comprensivo del programma di manutenzione. PREMESSA: Il piano di manutenzione è il documento complementare al progetto esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi effettivamente realizzati,

Dettagli

Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012)

Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012) Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012) Il Project Management: approcci gestionali e processi (Prof. Ing. Guido Capaldo)

Dettagli

a r c h i t e t t o L U C I A B A R O N I

a r c h i t e t t o L U C I A B A R O N I VIA SETTALA, 82 20124 MILANO +393409092835 arch.lbaroni@gmail.com P.I.11892890150 CURRICULUM VITAE LUCIA BARONI Nata a Milano Il 13.10.1964 PROFILO PROFESSIONALE DIRETTORE TECNICO C/O SOCIETÀ DI ENGINEERING-

Dettagli

English for. Boston School of English. RCHitecture

English for. Boston School of English. RCHitecture Il Corso di Architecture proposto dalla BOSTON SCHOOL OF ENGLISH di Barletta, è rivolto a studenti di Architettura o Ingegneria o Neo-Laureati alla ricerca di nuovi stimoli formativi ai fini dello sviluppo

Dettagli

TECNICO DI IMPIANTI TERMICI

TECNICO DI IMPIANTI TERMICI PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DI IMPIANTI TERMICI 73 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

Edificio di classe: B

Edificio di classe: B TI PRESTAZIONI ENERGETICHE PARZIALI ALLEGATO 6 (Allegato A, paragrafo 8) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali Codice Certificato 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Validità Riferimenti

Dettagli

TIPOLOGIE DI CANTIERE

TIPOLOGIE DI CANTIERE Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà TIPOLOGIE DI CANTIERE

Dettagli

Verso una qualità energetica certificata: L esperienza di SACERT

Verso una qualità energetica certificata: L esperienza di SACERT Verso una qualità energetica certificata: L esperienza di SACERT Dott. Ing. Paolo Cocchi Coordinatore Regione Emilia Romagna per SACERT Ferrara, 27/09/2007 contatto: 349 / 18 68 488 PROBLEMATICHE ENERGETICHE

Dettagli

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E08 Edilizia, urbanistica e ambiente Coordinamento della sicurezza in fase di progettazione dell opera

Dettagli

Il contributo delle Associazioni di Categoria. Prof. Ing. Paolo Rigone

Il contributo delle Associazioni di Categoria. Prof. Ing. Paolo Rigone Il contributo delle Associazioni di Categoria Prof. Ing. Paolo Rigone Uncsaal, l Unione Nazionale Costruttori Serramenti Alluminio Acciaio e Leghe, è l Associazione confindustriale delle imprese italiane

Dettagli

Processi e metodi della produzione edilizia

Processi e metodi della produzione edilizia Processi e metodi della produzione edilizia APPUNTI DEL CORSO TENUTO DAL PROF: CARLO ARGIOLAS agg. 2008 MODULO 1 1 MODULO 1 IL PROCESSO EDILIZIO NEI SUOI ASPETTI TRADIZIONALI E INNOVATI DALLA NORMATIVA

Dettagli

Le politiche delle Regioni per la promozione della. salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03

Le politiche delle Regioni per la promozione della. salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Ing. Marco Masi Regione Toscana Settore Prevenzione e Sicurezza DPR 222/2003 :

Dettagli

N. 4.1. La WBS di un progetto di costruzione di un edificio, utilizzando il metodo di disaggregazione per fasi. WBE Code

N. 4.1. La WBS di un progetto di costruzione di un edificio, utilizzando il metodo di disaggregazione per fasi. WBE Code Le soluzioni proposte degli esercizi presenti nel testo hanno un carattere di mero esempio e non possono essere assunte come WBS da adottare in ogni contesto. Ricordiamo che ogni progetto e quindi ogni

Dettagli

CONSTRUCTION LEGAL MANAGEMENT. Studio Legale CUNIETTI

CONSTRUCTION LEGAL MANAGEMENT. Studio Legale CUNIETTI CONSTRUCTION LEGAL MANAGEMENT Studio Legale CUNIETTI avv. Tommaso CUNIETTI cunietti@studiocunietti.it cell +39 339 15 57 390 CONTATTI Studio Legale CUNIETTI studio@studiocunietti.it via Pompeo Litta 7,

Dettagli

Computo metrico estimativo

Computo metrico estimativo Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Computo metrico estimativo Prof. Coll. Renato Da Re Barbara Bolognesi Il Computo Metrico Estimativo Nel caso si disponga di

Dettagli

TECNICO DEL LEGNO. Descrizione sintetica della figura

TECNICO DEL LEGNO. Descrizione sintetica della figura TECNICO DEL LEGNO Descrizione sintetica della figura Il Tecnico del legno interviene con autonomia, nel quadro di azione stabilito e delle specifiche assegnate, contribuendo al presidio del processo di

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

SERVIZI DI PROGETTAZIONE

SERVIZI DI PROGETTAZIONE SERVIZI DI PROGETTAZIONE Anno 2013 www.servizidiprogettazione.it Oggi Soddisfare i propri Clienti, come partner sempre presente per raggiungere gli obiettivi desiderati. Servizi di Progettazione nasce

Dettagli

Ing. ALESSANDRO VENTURELLI Strada Saliceto Panaro, 5 41122 MODENA

Ing. ALESSANDRO VENTURELLI Strada Saliceto Panaro, 5 41122 MODENA PREMESSA: Il piano di manutenzione è il documento complementare al progetto esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi effettivamente realizzati,

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Validità 05/02/2014 Riferimenti catastali VICENZA Sez.: Foglio: Part.: Sub.: Indirizzo edificio

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE INDICE A. INDICAZIONE DELLE NECESSITÀ FUNZIONALI, DEI REQUISITI E DELLE SPECIFICHE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE PRESENTI NELL INTERVENTO IN MODO CHE RISPONDA

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 ADVISORING PER LO SVILUPPO DEGLI STUDI DI FATTIBILITA E SUPPORTO ALLA COMMITTENZA PUBBLICA PIANO DEGLI INTERVENTI ALLEGATO 1

Dettagli

Il Project Management Corso base PROGRAMMA DEL CORSO

Il Project Management Corso base PROGRAMMA DEL CORSO Corso di formazione: Il Project Management Corso base Durata 24 ore PROGRAMMA DEL CORSO Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Sede del corso: QMS srl Via Brembate, 2 Roma Periodo:

Dettagli

COMUNE DI ARNESANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI ARNESANO PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI ARNESANO PROVINCIA DI LECCE PROGETTO: COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO DI ERP COMPOSTO DA N 8 ALLOGGI SITO NEL COMUNE DI ARNESANO (LE) IN VIA ELMO ANGOLO CON VIA DA REALIZZARE (C.U.P. I77E09000050006

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA INERENTE LA VERIFICA DEI REQUISITI INCENTIVATI

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA INERENTE LA VERIFICA DEI REQUISITI INCENTIVATI INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA INERENTE LA VERIFICA DEI REQUISITI INCENTIVATI Lo schema di relazione tecnica proposto nel seguito contiene le informazioni minime necessarie

Dettagli

La Società. Leadership. Senior Partners : ing. Marcello Cerea. arch. M. Paola Pontarollo. arch. Mauro Angeletti. Partners : arch.

La Società. Leadership. Senior Partners : ing. Marcello Cerea. arch. M. Paola Pontarollo. arch. Mauro Angeletti. Partners : arch. PRESENTAZIONE La Società STARCHING Studio Architettura Ingegneria è una società specializzata nella pianificazione, progettazione e realizzazione di interventi di edilizia nei settori terziario, commerciale,

Dettagli

La norma CEI 79:3-2012 e le disposizioni dell Allegato K. Giorgio Belussi - IMQ

La norma CEI 79:3-2012 e le disposizioni dell Allegato K. Giorgio Belussi - IMQ La norma CEI 79:3-2012 e le disposizioni dell Allegato K Giorgio Belussi - IMQ SICUREZZA 2012 Convegno AIPS La nuova CEI 79-3: Chi sarà l installatore di domani? 8 Novembre 2012 GROUP Profilo del Gruppo

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. Edificio di classe: F

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. Edificio di classe: F ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Sostituisce l'attestato di certificazione energetica ai sensi della Legge 90/2013. Edifici residenziali 1. Informazioni generali Codice certificato 100210 Validità:

Dettagli

Progettazione Tecnologica e Impianti IMPIANTI TECNICI. corso di laurea specialistica in Scienze dell Architettura

Progettazione Tecnologica e Impianti IMPIANTI TECNICI. corso di laurea specialistica in Scienze dell Architettura Progettazione Tecnologica e Impianti IMPIANTI TECNICI corso di laurea specialistica in Scienze dell Architettura Firenze, A.A. 2005/2006 Ing.Gabriele Raffellini Pagina web http://web.taed.unifi.it/fisica_tecnica/gabriele/gabriele.htm

Dettagli

Consulenza per la qualificazione acustica degli edifici

Consulenza per la qualificazione acustica degli edifici Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E16 Edilizia, urbanistica e ambiente Consulenza per la qualificazione acustica degli edifici Sommario

Dettagli

APPUNTI DI CANTIERE. le guide pratiche del Master CasaClima. collana diretta da Cristina Benedetti

APPUNTI DI CANTIERE. le guide pratiche del Master CasaClima. collana diretta da Cristina Benedetti APPUNTI DI CANTIERE le guide pratiche del Master CasaClima 5 collana diretta da Cristina Benedetti collana diretta da: a cura degli studenti del Master CasaClima: foto di: progetto grafico a cura di: stampa:

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 01/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 000 Particella: 000 Subalterno: 000 edificio

Dettagli

CONTENUTI ESERCITAZIONE

CONTENUTI ESERCITAZIONE Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 a.a. 2013 2014 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere prof. Renato

Dettagli

Edificio di classe: E

Edificio di classe: E ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 03/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 6 Particella: 1430 Subalterno: 1 edificio

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

Comune di Fauglia Provincia di Pisa

Comune di Fauglia Provincia di Pisa Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= Oggetto: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.11.2005, n. 62/R (misure preventive e protettive per

Dettagli

Company profile. MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu

Company profile. MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu Company profile MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu Sede Legale Strada della Repubblica, 66 43121 Parma Sede amministrativa Via Rampognana,

Dettagli

ELENCO ELABORATI Rev. 1

ELENCO ELABORATI Rev. 1 ELENCO ELABORATI Rev. 1 FIRMA APPROVAZIONE RIPS/PM: ING. NICOLA FREDDI Codice 03.06 Argomento Codice Tipo elab. Codice e Descrizione Commessa Livello progettuale Argomento Descrizione Servizi Tecnologie

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO ! Caratteristiche del Master Titolo del Master universitario: Livello: CONSTRUCTION MANAGEMENT (Gestione dei Processi Costruttivi e dei Cantieri) I Anno di attivazione: 2003 Facoltà: VI Facoltà di Ingegneria

Dettagli

TITOLO DEL CORSO DESTINATARI ASPETTI METODOLOGICI ED ORGANIZZATIVI CONTENUTI

TITOLO DEL CORSO DESTINATARI ASPETTI METODOLOGICI ED ORGANIZZATIVI CONTENUTI REVIT: PROGETTARE CON IL BIM. Il corso è stato pensato per tutti coloro che si avvicinano per la prima volta a questo software e che vogliono imparare ad utilizzarlo per produrre tavole tecniche complete

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale TESI DI LAUREA IL BIM COME PIATTAFORMA

Dettagli

Tecnico Superiore per l'innovazione e la qualità delle abitazioni - sostenibilità edilizia

Tecnico Superiore per l'innovazione e la qualità delle abitazioni - sostenibilità edilizia Teoria Laboratori o Vis. guidate Seminari Casi di studio Tecnico Superiore per l'innovazione e la qualità delle abitazioni - sostenibilità edilizia Allegato 2 Tipologie di competenze (Vedi art. 4, comma

Dettagli

I piani di sicurezza e la stima dei costi

I piani di sicurezza e la stima dei costi I piani di sicurezza e la stima dei costi Corso sulla sicurezza nei cantieri temporanei o mobili di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PIANI Di SICUREZZA/1 Riferimenti normativi Art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006

Dettagli

Attività e insegnamenti dell indirizzo Produzioni industriali e artigianali. Articolazione Industria. Opzione Arredi e forniture d interni

Attività e insegnamenti dell indirizzo Produzioni industriali e artigianali. Articolazione Industria. Opzione Arredi e forniture d interni Attivitàeinsegnamentidell indirizzo Produzioniindustrialieartigianali Articolazione Industria Opzione Arrediefornitured interni Disciplina: LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI Il docente di Laboratori

Dettagli

Il Sistema Integrato per la gestione delle Commesse

Il Sistema Integrato per la gestione delle Commesse Il Sistema Integrato per la gestione delle Commesse Luigi Caligaris Direttore Grandi Clienti Italia Massimo Piacentini Funzionario Commerciale Grandi Clienti Convegno CCC, Bologna, 1 dicembre 2009 STR

Dettagli