PERCORSO 5 LAVORARE PER CONSEGUIRE RISULTATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCORSO 5 LAVORARE PER CONSEGUIRE RISULTATI"

Transcript

1 PERCORSO 5 LAVORARE PER CONSEGUIRE RISULTATI Il quinto e ultimo percorso di JobCompass intende proporre, attraverso un approccio pratico, metodologie e riferimenti utili per la progettazione, programmazione e realizzazione di un progetto o servizio di orientamento. Passo dopo passo, il lettore è accompagnato verso la pianificazione e l'attuazione delle azioni da realizzare, la scelta dei partner più adatti, la promozione del progetto e la valutazione dei risultati ottenuti. Progettare e programmare interventi Affrontare e risolvere problemi Lavorare in gruppo Comunicare e promuovere i servizi

2 Progettare e programmare interventi La gestione di un progetto (project management) include l'insieme di attività necessarie alla realizzazione degli obiettivi che il progetto stesso si prefigge. Un progetto è uno sforzo delimitato nel tempo (con una data di partenza e una di completamento) per la creazione di prodotti, servizi o determinati risultati portatori di benefici o valore aggiunto. Tutto ciò comporta l'applicazione di conoscenze, attitudini, tecniche e strumenti alle attività di un progetto al fine di conseguirne gli obiettivi. Intendere un progetto come uno sforzo in un arco temporale finito permette di distinguerlo dai normali processi operativi (le cosiddette attività di routine) che sono invece permanenti o semi-permanenti e diretti a produrre in modo ripetitivo lo stesso servizio. Proprio la diversa natura di queste attività richiede lo sviluppo di filosofie, attitudini e approcci diversi per la loro gestione. La sfida principale nella gestione di un progetto o di un evento è quella di rispettare il perimetro costituito dai vincoli del contesto, solitamente il costo, il tempo e la qualità. La sfida secondaria, ma non meno ambiziosa, è quella di ottimizzare l'utilizzo delle risorse e integrare gli input necessari a raggiungere gli obiettivi definiti. Queste sfide infine devono essere portate avanti risolvendo i problemi e mitigando i rischi che ciascun progetto, in misura diversa, troverà comunque lungo la sua strada. Con un po' di ironia si potrebbe considerare la gestione di un progetto come la risposta scientifica alla Legge di Murphy. È evidente che l'identificazione puntuale degli obiettivi da conseguire, delle attività da realizzare e dei tempi implica anche la definizione dei compiti e delle modalità di attuazione delle iniziative, nonché il corretto utilizzo delle risorse umane, informative, tecnologiche e finanziarie disponibili. A partire da queste considerazioni preliminari, è possibile individuare cinque fasi del project management: 1. Analisi della situazione di partenza. 2. Identificazione dei soggetti da coinvolgere. 3. Identificazione degli obiettivi generali e specifici. 4. Pianificazione e attuazione delle azioni da realizzare. 5. Valutazione dei risultati. Va ricordato infine che la gestione di un progetto, un tempo attività prevalentemente tecnica, oggi è diventata soprattutto di comunicazione. Ad esempio, comporta: L'organizzazione di riunioni formali e informali. La stesura di relazioni scritte. L'assegnazione di precisi compiti e responsabilità ai collaboratori. L'identificazione e la soluzione di eventi critici e problematiche contingenti. La promozione, lo sviluppo e il supporto ai gruppi di lavoro. La situazione di partenza I soggetti da coinvolgere Gli obiettivi generali e specifici Le azioni da realizzare I risultati

3 Come si procede a una corretta analisi della situazione di partenza di un progetto? La gestione di un progetto, di un'attività o di un evento parte dall'identificazione dei problemi che si intendono affrontare. Si tratta in sostanza di rispondere alla domanda: "Quali problemi si vogliono affrontare e risolvere attraverso un determinato programma?" I possibili ambiti di intervento dovrebbero naturalmente essere identificati tenendo conto delle priorità concordate a livello strategico, di eventuali vincoli e variabili di contesto e delle risorse (umane, informative, finanziarie ecc.) disponibili. La fase di analisi della situazione di partenza riveste un'importanza cruciale in quanto consente di identificare, sistematizzare e valutare tutte le informazioni significative disponibili per verificare la fattibilità di un programma e per fare un primo "inventario" dei vincoli e delle risorse che caratterizzano il contesto di riferimento. Contesto di riferimento e patrimonio informativo sono i presupposti da cui partire perché l'azione progettuale non si svolge mai nel "vuoto informativo"; idee, orientamenti e indicazioni più o meno strutturate devono essere preesistenti al lavoro di progettazione. Ulteriori approfondimenti della situazione di partenza possono essere condotti attraverso: Il reperimento, la sistematizzazione e l'analisi dei materiali informativi e di ricerca già esistenti. Brevi indagini realizzate sul campo tramite colloqui e interviste con interlocutori privilegiati. La realizzazione ex novo di un'attività strutturata di osservazione del contesto/bacino di riferimento. Il quadro informativo sulla situazione di partenza dovrebbe essere possibilmente discusso tra tutti coloro che, a vario titolo, partecipano al progetto. Un ciclo di incontri permette infatti di: Rendere disponibile e condivisibile tutta la documentazione significativa esistente. Integrare e confrontare le informazioni disponibili. Ricomporre e sistematizzare in via definitiva il quadro informativo condiviso. Come si individuano i soggetti da coinvolgere per la soluzione dei problemi, la gestione del progetto e la sua realizzazione? È fondamentale individuare con precisione quali siano i soggetti o i gruppi di lavoro da coinvolgere nell'attuazione dei programmi di lavoro. Si tratta in sostanza di rispondere alla domanda: "Chi è coinvolto nella soluzione dei problemi che si vogliono affrontare?" Si tratta di un punto molto delicato in quanto spesso è la causa dell'andamento negativo della gestione di un programma di lavoro. Tra le situazioni più frequenti: Incompatibilità tra obiettivi del programma e necessità/aspettative dei partecipanti. Presenza di problematiche non esplicitate, e quindi non prevedibili, legate

4 all'esercizio del ruolo dei diversi soggetti coinvolti. Conflitti e sovrapposizioni di ruolo e di competenza. Assenza di adeguati strumenti di pianificazione e controllo. Utilizzo disfunzionale o personalistico delle informazioni determinato da dinamiche di potere. Richiamare queste problematiche, insieme a una forte responsabilizzazione e consapevolezza dei soggetti coinvolti, può facilitare la coesione e garantire il raggiungimento dei risultati prefissati. Uno strumento particolarmente efficace per la definizione dei ruoli e delle responsabilità nell'ambito di un progetto è la Carta delle responsabilità. Si tratta di una semplice scheda informativa che può essere predisposta al momento iniziale di un programma/progetto (e poi aggiornata periodicamente) per definire in relazione alle diverse fasi di lavoro previste: Chi è il responsabile di un determinato intervento/azione. Chi sono gli eventuali altri soggetti coinvolti. Quali sono nel dettaglio le attività da realizzare. Entro quanto tempo devono essere realizzate tali attività. Con quali risorse disponibili. Nel definire i ruoli e le responsabilità è consigliabile, inoltre, tenere presente che: Ogni fase di attuazione di un programma deve avere possibilmente un solo responsabile (il quale avrà eventualmente il compito di coordinare altri soggetti/collaboratori). Le responsabilità devono essere attribuite facendo riferimento alla competenza e all'esperienza maturata dai soggetti coinvolti. Bisogna stabilire preventivamente a chi si deve rispondere del proprio operato. Va previsto un adeguato numero di ruoli di supporto (ad esempio, a livello di segreteria). Occorre concordare una modalità certa e affidabile di circolazione delle informazioni tra i diversi soggetti coinvolti. Quando e come bisogna identificare degli obiettivi generali e specifici? Gli obiettivi del progetto da realizzare devono essere descritti sia in termini generali che di risultati specifici che si vogliono conseguire. Si tratta in sostanza di rispondere alla domanda: "Quali sono i risultati concreti da conseguire realizzando un determinato programma?" In proposito è sempre utile ricordare che: Gli obiettivi generali rappresentano le categorie di sintesi che conferiscono unitarietà logica a un programma/progetto. Più che definire risultati operativi, indicano una meta, un traguardo finale. Gli obiettivi specifici rappresentano il vero punto di riferimento del programma, perché in relazione a essi possono essere definite sia le azioni da intraprendere sia gli indicatori di verifica dei risultati.

5 Ecco un esempio di obiettivo specifico: Intervenire in un determinato contesto locale per affrontare la crisi occupazionale di un determinato settore riconvertendo almeno il 50% dei lavoratori interessati tramite l'utilizzo dei servizi per il lavoro disponibili nel territorio. Nella operazione di "smontaggio" dell'obiettivo generale per descrivere gli obiettivi specifici, dovrebbero essere evitati due possibili errori: "Smontare troppo poco" definendo obiettivi specifici ancora troppo generici rispetto ai quali non risulta ben comprensibile il risultato da perseguire. "Smontare troppo" definendo obiettivi specifici che, per eccesso di dettaglio, possono risultare troppo parcellizzati rispetto all'obiettivo generale. È importante ricordare che la chiarezza degli obiettivi e la loro piena condivisione da parte dei soggetti coinvolti rappresenta una condizione fondamentale per il successo del progetto. Quali sono le cose concrete da fare per attuare delle azioni da realizzare? Entriamo dunque nella fase tipicamente organizzativa di attuazione del programma. Si tratta in sostanza di rispondere alla domanda: "Quali sono le cose concrete da fare e la loro modalità di esecuzione?" Le prime azioni da compiere sono: Raccogliere dati in relazione al problema identificato. Predisporre schede informative per la raccolta dei risultati. Descrivere dettagliatamente le azioni che si vogliono realizzare. Definire i tempi di realizzazione dell'azione e le risorse necessarie. In sostanza un'attività, per essere inclusa in un piano di lavoro, deve rispondere a tre caratteristiche essenziali: 1. Rappresentare un'unità di lavoro elementare definita e circoscritta (ad esempio, reperire specifiche informazioni, elaborare un documento scritto trasmetterlo a quel determinato soggetto ecc.). 2. Essere quantificabile in termini temporali e quindi avere una durata definita, ossia un inizio e una fine. 3. Risultare fattibile in relazione alle risorse disponibili per il suo svolgimento (persone, tecnologie, finanziamenti ecc.) Gli approcci più avanzati del project management prevedono la Work breakdown structure (Wbs), ovvero l'elenco di tutte le attività di un programma di lavoro tenendo conto del fatto che spesso i progetti sono composti da migliaia di attività. In altre parole il Wbs consiste nell'individuazione delle attività elementari (tasks) nelle quali suddividere i programmi (o progetti), le quali tasks vengono a loro volta raggruppate in macro attività (work packages).

6 A ciascuna attività sono poi assegnate le risorse umane, materiali e temporali necessarie per conseguire gli obiettivi identificati. Questo approccio consente di definire la catena di attività, la cui durata influisce direttamente sui tempi di completamento del progetto. Tra i vari strumenti del project management, quello più frequentemente usato è il diagramma di Gantt che consiste in una rappresentazione grafica a barre che mette in evidenza le interrelazioni tra le diversi elementi del progetto (macro attività, attività elementari e output) in una scala temporale. Come si svolge correttamente la valutazione dei risultati di un progetto? Siamo finalmente giunti alla fase in cui, utilizzando strumenti il più possibile oggettivi, si procede alla verifica dello stato di avanzamento delle attività e dell'efficacia/efficienza delle azioni realizzate. In primo luogo è importante definire i tempi della valutazione che può essere realizzata ex ante, in itinere ed ex post: La valutazione ex ante consiste nell'analisi preventiva dei programmi e dei progetti, per ottenere informazioni relative alla coerenza delle iniziative proposte, ai bisogni effettivi dei destinatari, al tipo di obiettivi che si vogliono conseguire ecc. La valutazione in itinere consiste nell'analisi periodica dell'andamento dei programmi e dei progetti, per ottenere "in tempo reale" lo stato di avanzamento dei lavori. La valutazione ex post consiste nell'analisi svolta al termine degli interventi realizzati, per ottenere informazioni relative alla soddisfazione dei destinatari coinvolti, all'efficacia degli interventi e alle possibili azioni correttive da approntare nella successiva fase di programmazione. In definitiva, un efficace "dispositivo" di valutazione delle iniziative realizzate deve affrontare alcune domande chiave: Chi sono i destinatari dell'attività di valutazione? Quali sono i principali referenti dell'attività di valutazione? In che termini è espressa la domanda di tali referenti? Quali sono gli eventuali altri utilizzatori dell'attività di valutazione? A quale tipo di esigenze deve rispondere l'attività di valutazione? Quali sono i bisogni informativi dei referenti identificati e di eventuali altri utilizzatori? A che tipo di problemi intendono dare risposta i referenti in questione attraverso la valutazione? Quali indicazioni strategiche e operative deve fornire la valutazione? Quali sono le principali aree di osservazione da indagare e in base a quali indicatori? Come deve configurarsi il prodotto dell'attività di valutazione per poter diventare un adeguato supporto informativo ai processi decisionali e di programmazione? Come deve essere realizzata l'attività di valutazione? Tenuto conto dei bisogni informativi e delle aree di osservazione identificate, come deve essere realizzata l'attività di valutazione? Con quale metodo, con

7 quali strumenti, utilizzando quali fonti informative? Quali sono le modalità di raccolta e di elaborazione delle informazioni relative alle varie "aree di osservazione"? Quali sono le risorse necessarie (umane, tecnologiche, temporali, finanziarie, ecc.) per realizzare in modo adeguato l'attività di valutazione? Le risposte a queste domande definiscono una proposta globale di valutazione che comprende: Criteri metodologici per l'attuazione dell'attività di valutazione. Finalità generali dell'attività di valutazione. Obiettivi, articolazione delle attività di valutazione e principali ambiti di indagine. Fonti informative e modalità di raccolta delle informazioni. Prodotti informativi destinati alla committenza e/o alla divulgazione esterna. Iniziative di promozione e diffusione dei risultati della valutazione.

8 Affrontare e risolvere problemi Affrontare e risolvere i problemi (problem solving) nell'ambito dell'orientamento è un'operazione che coinvolge elementi e processi cognitivi, affettivi, comportamentali e relazionali. Comporta innanzitutto l'attivazione di una serie complessa di processi che includono: Il riconoscimento di uno stato di indecisione. L'analisi delle cause. La formulazione e il chiarimento di azioni alternative. La scelta di una di queste per raggiungere una più definitiva fase di decisione e di sicurezza soggettiva. In questa prospettiva, si ritiene risolto un problema quando viene compiuta una scelta tra una rosa di opzioni possibili. L'efficacia di un'attività di orientamento potrebbe essere "misurata" considerando proprio in che misura essa è in grado di facilitare il processo decisionale. La continua attività di problem solving che dovrà caratterizzare il ruolo dei responsabili e degli operatori, richiede che questi riescano a mantenere atteggiamenti metodologicamente corretti, ma non rigidi, anzi aperti e flessibili. Ciò significa, in primo luogo, dotarsi di un'impostazione mentale duttile, sia nella scelta degli strumenti più adatti alla situazione da affrontare, sia nell'individuazione di modalità originali di analisi e soluzione dei problemi organizzativi. Le fasi principali Le tecniche Quali sono le fasi principali da seguire nella gestione e risoluzione di un problema durante un'azione di orientamento? Varie sono le tecniche e le modalità di problem solving, attualmente impiegate in ambito organizzativo, in linea generale è utile adottare una metodologia che rispetti le seguenti fasi: L'identificazione del problema - Elencare tutti possibili problemi. - Selezionare il problema considerato più rilevante. - Valutare e definire il problema. - Descrivere per iscritto il problema. L'analisi del problema - Decidere cosa è necessario sapere per risolvere il problema. - Raccogliere i dati qualitativi e quantitativi disponibili. - Determinare i fattori rilevanti/critici del problema.

9 L'identificazione delle possibili soluzioni - Ipotizzare più soluzioni alternative. - Selezionare la soluzione considerata ottimale in una logica di comparazione costi/benefici. La definizione di un piano d'azione per risolvere il problema - Attuare il piano. - Monitorarlo. - Assicurare impegno organizzativo per la sua attuazione. - Sperimentare le soluzioni. - Controllare i risultati e apportare eventuali correzioni. Quali sono le principali tecniche da adottare nel problem solving? Sono numerose le tecniche e gli strumenti, illustrati nella letteratura tecnica, che possono essere opportunamente utilizzati nel problem solving. Tra questi ricordiamo: Brainstorming Stimolare la produzione del massimo numero di idee lasciando libero corso all'immaginazione e senza imporsi vincoli. È uno strumento per la ricerca e la produzione delle idee che possono portare alla soluzione del problema. Diagramma di causa-effetto Detto anche Diagramma di Ishikawa o "a lisca di pesce", mette in evidenza tutte le cause di un effetto osservato e le ordina. È uno strumento di classificazione degli elementi che possono determinare un problema. Diagramma di Pareto Permette di rappresentare graficamente un fenomeno facendo apparire chiaramente la causa principale che è all'origine del problema identificato. Si tratta di uno strumento di analisi quantitativa. Tabelle Espongono in modo chiaro e ordinato i fatti analizzati. È uno strumento di raccolta e di presentazione dei dati relativi a uno specifico problema. Matrice di compatibilità Consente di facilitare la decisione in occasione di una scelta da intraprendere, attraverso la creazione di una tabella a doppia entrata: una linea per ogni criterio di scelta, una colonna per ogni problema, soluzione o azione. Si tratta di uno strumento di selezione. Istogramma (o grafico a barre) Consente di rappresentare graficamente la frequenza con cui si verifica un certo tipo di fenomeno/problema. Si utilizza in particolare quando si vogliono

10 rappresentare caratteri continui o semi continui di un determinato evento. Matrice degli errori È una tabella a doppia entrata attraverso cui è possibile mostrare contemporaneamente due o più variabili diverse. Viene utilizzata frequentemente per l'analisi degli errori che si verificano in un determinato ufficio/reparto. Diagramma ad albero Permette di identificare, attraverso tappe successive, il processo di soluzione di un problema partendo da un tema generale, per poi passare a una specificazione sempre più dettagliata. Albero delle decisioni Consente di individuare alternative d'azione prefigurandone le conseguenze. Diagramma a matrice Permette di evidenziare le relazioni esistenti tra due o più variabili, come i bisogni degli utenti e le caratteristiche dei servizi offerti, e di selezionare e adottare alternative d'azione. Diagramma delle affinità Consente di classificare e strutturare idee poco definite relative a un problema complesso, individuando le priorità logiche di intervento. È uno strumento equivalente al Diagramma di Pareto applicato a dati qualitativi.

11 Lavorare in gruppo Lavorare insieme condividendo un obiettivo comune è il modo migliore per costruire qualcosa, per realizzare un progetto, per presentare una proposta. Tuttavia non è sempre facile perché è un'attività molto complessa, che richiede di impegnarsi subito sull'obiettivo da raggiungere e sul compito che ci è stato assegnato. Se vogliamo dare una definizione di team working (lavorare in gruppo), potremmo dire che si tratta di un'attività in cui alcune persone lavorano insieme a un compito o a un mandato. Il gruppo di lavoro potrebbe quindi essere definito in sintesi come un insieme limitato di persone, che non appartengono o provengono necessariamente dalla stessa funzione ma che sono legate da un forte senso di appartenenza al gruppo e motivate al raggiungimento di un risultato. La richiesta di soddisfare un compito pone al gruppo alcune questioni che dovrebbero essere considerate attentamente prima di iniziare a lavorare insieme. Prima di tutto, è bene che il gruppo si chieda esattamente qual è l'obiettivo da raggiungere. Le attività di lavoro di gruppo sono tutt'altro che spontanee e il gruppo di lavoro deve: Capire e condividere un obiettivo comune. Capire insieme sia il "cosa bisogna fare", sia il "come dovrebbe essere fatto". È importante fare continua "manutenzione del gruppo": la crescita del gruppo potrebbe essere favorita per esempio da periodiche sessioni di valutazione dei punti di forza e di debolezza del gruppo. Possono aiutare anche momenti di verifica e condivisione dei risultati raggiunti e dei cambiamenti che sono stati apportati al lavoro. Una variabile da monitorare costantemente è la quantità e la qualità della comunicazione. Inoltre la capacità di ascoltare i bisogni dei membri del gruppo aiuta a risolvere alcuni problemi e criticità che si possono presentare durante il lavoro. Gli aspetti da considerare sono molteplici, e possono riguardare la creazione di un buon clima di lavoro, nonostante i problemi da affrontare, e la cura dell'ambiente in cui si andrà a lavorare. Infine: prestare attenzione fin dall'inizio alle osservazioni di tutti e ai segnali che possono aiutare a capire come sta funzionando il gruppo di lavoro. I requisiti preliminari Il buon conduttore Gli elementi fondamentali di un gruppo di lavoro

12 Quali sono i requisiti preliminari per la preparazione e conduzione dei gruppi di lavoro? L'organizzazione e la gestione dei gruppi di lavoro richiede specifici requisiti iniziali, quali: Identificare con precisione i soggetti da coinvolgere in base a criteri di opportunità, rappresentatività, competenza. Formulare correttamente la lettera di convocazione delle riunioni indicando i nomi dei soggetti convocati, il luogo, la data, l'ora di inizio e fine e l'ordine del giorno (allegando eventualmente documentazione utile per consentire ai partecipanti di prepararsi adeguatamente all'incontro). Scegliere il luogo più adeguato allo svolgimento delle riunioni curando il setting logistico-organizzativo: ampiezza della sala, disposizione dei tavoli di lavoro, numero di posti occorrenti, luminosità, eventuale rumorosità, disponibilità di adeguati strumenti di comunicazione, documenti di lavoro, microfoni, lavagne a fogli, lavagne luminose, pc, audiovisivi ecc. Garantire, se necessario, la presenza di un supporto segretariale per la verbalizzazione degli incontri e l'espletamento di eventuali procedure burocratico-amministrative. Individuare l'ordine del giorno in fase di apertura delle riunioni, il motivo e l'importanza dell'incontro, gli obiettivi da conseguire, la metodologia di lavoro, il tempo disponibile. Creare un clima costruttivo, invitando tutti alla partecipazione, lasciando la libertà di espressione, evitando giudizi di valore. Corretta gestione delle dinamiche del gruppo e del dibattito, evitando prevaricazioni o eventuali conflitti. Evitare dispersioni e deviazioni improprie rispetto al tema trattato. Sintetizzare gli interventi, facendo "il punto della situazione" e verificando costantemente il consenso e il livello di comprensione dei diversi argomenti. Saper gestire il processo decisionale, indicando le soluzioni più opportune o permettendo al gruppo di valutare diverse alternative. Gestire le cosiddette emozioni negative, tra queste, in particolare lo stress e la collera che possono rappresentare gravi elementi di disturbo nelle relazioni interpersonali e di gruppo nell'ambito della rete. Il processo decisionale, in sostanza, comporta la capacità di identificare e analizzare le principali variabili di scenario (vincoli, risorse, eventi significativi, informazioni rilevanti) per poi adottare le strategie mirate al raggiungimento degli obiettivi da perseguire nell'ambito dei gruppi di lavoro. I gruppi di lavoro dovrebbero essere costituiti da soggetti che interagiscono tra loro con una certa regolarità, nella consapevolezza di appartenere a un contesto organizzativo e professionale comune (i responsabili di sede operativa in particolare). Affinché il gruppi possano consolidarsi e strutturarsi progressivamente e per facilitare una partecipazione attiva, è necessario che i processi di interazione evolvano in direzione di una vera e propria integrazione.

13 La realizzazione concreta della coesione dei gruppi è poi facilitata da dispositivi condivisi di negoziazione, che permettono il confronto aperto e il passaggio da una visione dei singoli a una visione comune per realizzare al meglio gli obiettivi da conseguire. Quali sono le caratteristiche di un buon conduttore del gruppo di lavoro? Nel corso di incontri, dibatti e riunioni di un gruppo di lavoro, un buon conduttore deve: Stimolare i partecipanti a esprimersi liberamente, senza il timore delle critiche perché solo in questo modo potrà guadagnare la loro fiducia. Togliere la parola a chi parla, se necessario, ma impedire che gli altri possano farlo. Impedire che la discussione divaghi e prenda vie impreviste. Il conduttore in questo caso esercita la sua autorità richiamando l'attenzione sull'ordine del giorno e sui temi in discussione. Prendere le decisioni finali dopo essersi assicurato l'esplicito consenso di tutti i partecipanti. Essere autorevole, conservando però una posizione super partes, cosicché quando esprimerà il suo parere, dopo aver ascoltato tutti, questo avrà maggior peso. L'autoritarismo è un atteggiamento da cui il conduttore deve guardarsi. Comportandosi in modo autoritario, infatti, molti partecipanti agiranno probabilmente come subordinati intervenendo solo nel senso desiderato dal "capo". È utile ricordare, infine, che il "saper prendere decisioni" dovrebbe tradursi nella capacità di svolgere un'attenta analisi del quadro informativo disponibile e del contesto generale di riferimento per poi effettuare le scelte più adeguate. È possibile individuare gli elementi fondamentali alla base di efficaci gruppi di lavoro? A seguito di un'attenta ricognizione della letteratura scientifica disponibile sul lavoro di gruppo, gli elementi fondamentali che determinano la costruzione di efficaci gruppi di lavoro, sono così sintetizzabili: Obiettivo L'obiettivo di un gruppo di lavoro deve essere chiaro e ampiamente condiviso dai suoi membri. Definito in termini di risultati, l'obiettivo è costruito su dati osservabili e risorse disponibili, espresso in termini chiari, articolato in compiti, e infine valutabile. Un obiettivo chiaro e ben esplicitato contribuisce a consolidare la coesione e il senso di appartenenza al gruppo e contemporaneamente contribuisce a definire il rapporto del singolo con l'intera organizzazione, quindi il clima interno.

14 Metodo Il metodo da una parte stabilisce i principi, i criteri e le norme che orientano il lavoro, dall'altra richiama le modalità di organizzazione e strutturazione efficace del lavoro stesso. Un buon metodo di lavoro dà sicurezza al gruppo e permette un miglior utilizzo e gestione delle risorse disponibili. Ruolo Il ruolo rappresenta la parte assegnata a ciascun membro del gruppo in funzione del riconoscimento delle sue competenze e capacità. Rappresenta l'insieme dei comportamenti che ci si attende da chi occupa una certa posizione all'interno dell'organizzazione. Un corretto funzionamento della comunicazione interna al gruppo garantisce corrispondenza tra attese e richieste dei singoli e prestazioni/comportamenti del gruppo. Leadership Il leader è innanzitutto un "professionista delle relazioni". La funzione di leadership deve essere quanto più possibile circolare e diffusa a seconda degli obiettivi da conseguire e dei compiti da svolgere nelle diverse occasioni. Da qui la distinzione tra: - Leader istituzionale, individuato dall'organizzazione, ha la responsabilità e l'autorità del ruolo formalmente affidatogli. - Leader situazionali, di volta in volta identificati perché considerati più idonei allo svolgimento di determinati compiti o prestazioni. Il leader istituzionale, pertanto, ha il compito di individuare, sulla base della conoscenza e delle competenze degli altri membri dell'organizzazione, le persone che, di volta in volta, saranno considerate idonee ad affiancarlo e a cui potranno essere delegati compiti e funzioni necessari per il buon funzionamento della struttura. Comunicazione La comunicazione è il processo chiave che permette il funzionamento del lavoro di gruppo poiché consente lo scambio di informazioni finalizzato al raggiungimento dei risultati. Essa orienta, ed è a sua volta orientata, dal sistema di relazioni e ruoli presenti nel gruppo stesso. La comunicazione efficace presuppone tre livelli: - Interattivo, che va a impattare sulla struttura relazionale del gruppo. - Informativo, che è relativo allo scambio e all'elaborazione di materiali e conoscenze inerenti il lavoro. - Trasformativo, che concerne gli scambi che producono il cambiamento. Clima Il clima consiste nell'insieme degli elementi, delle opinioni, delle percezioni dei singoli membri dell'organizzazione rispetto alla qualità del gruppo di lavoro. Una buona percezione del clima si attua in presenza di un adeguato sostegno del gruppo, del riconoscimento e della valorizzazione dei ruoli dei singoli, di una

15 comunicazione aperta e chiara in grado di fornire feedback accettabili sui comportamenti delle persone e sui risultati conseguiti. Una leadership partecipativa influenza positivamente il clima in presenza di obiettivi opportunamente calibrati alle capacità dei gruppi di lavoro. Sviluppo Questa variabile identifica la costruzione del sistema di competenze del gruppo di lavoro e parallelamente la crescita del sistema delle competenze individuali. Questi due processi portano: - Allo sviluppo del singolo all'interno del gruppo. - Alla creazione all'interno del gruppo di un sapere condiviso e diffuso e alla capacità di lavorare in modo efficace.

16 Comunicare e promuovere i servizi La comunicazione non è soltanto un processo di trasmissione di informazioni. In italiano, comunicazione ha il significato semantico di far conoscere, render noto. In tedesco, il termine Mitteilung mantiene la radice latina "mettere in comune", "condividere". Si tratta di un'abilità trasversale in quanto tutti i ruoli organizzativi devono saper comunicare in contesti diversi e con interlocutori diversi quali, ad esempio, referenti politico istituzionali, rappresentanti delle parti sociali, utenti, esperti e consulenti esterni. Non va dimenticato che in molte circostanze chi rappresenta un prodotto, un servizio o un'organizzazione e si rapporta con interlocutori esterni rappresenta quel prodotto, servizio o organizzazione e ne legittima (o ne delegittima) la credibilità. Coloro che sono preposti alla gestione delle relazioni interpersonali dovrebbero anche saper redigere e trasmettere testi scritti, (lettere, documentazione a uso professionale, report destinati alla divulgazione esterna) e saper utilizzare adeguatamente telefono, internet e, se necessario, il mezzo radiofonico e televisivo. Per quanto riguarda la comunicazione scritta, è fondamentale saper strutturare in modo pertinente e comprensibile testi specifici di varia natura con particolare riferimento a: Comunicazioni destinate ai mass-media. Comunicazioni destinate ai partner/cooperatori. Report tecnici a carattere divulgativo e informativo. Report tecnici di monitoraggio relativi alle iniziative attuate. Progetti strutturati in base alla modulistica prevista dalle diverse fonti di finanziamento pubblico e dagli appositi bandi. Le principali attività La comunicazione pubblica e l'animazione territoriale Il piano di comunicazione Dal punto di vista operativo, quali sono le principali attività che dovrebbero essere utilizzate sistematicamente nell'ambito della comunicazione e promozione di servizi e attività? È possibile individuare sinteticamente alcune procedure che devono essere adottate sistematicamente al momento della promozione di un servizio: I contatti telefonici informali con i referenti politico istituzionali, socioeconomici e tecnici, programmati in base alla rilevanza e alla criticità degli eventi e delle problematiche da affrontare o segnalare. Il contatto telefonico giornaliero con i colleghi per lo scambio informale di informazioni e la socializzazione di eventuali problematiche. Le riunioni periodiche per la valutazione dello stato di avanzamento delle attività sulla base di un apposito resoconto periodico eventualmente elaborato in base a schede/modulistica standard.

17 La redazione e diffusione di un "resoconto periodico" sulle attività svolte, rivolto a tutti i soggetti interessati con informazioni di carattere strategico e di interesse collettivo. La gestione di un archivio cartaceo/informatizzato per la raccolta sistematica di documentazione di interesse strategico. La gestione di un sito web dedicato a tutti i referenti istituzionali e tecnici coinvolti. L'organizzazione di eventi programmati di comunicazione e animazione territoriale (almeno due o tre nell'arco di un anno) finalizzati alla promozione del servizio o dell'organizzazione (presentazione pubblica di libri, studi e ricerche, seminari informativi, conferenze stampa ecc.). Torna su Quali sono gli obiettivi da perseguire nella comunicazione pubblica e nell'animazione territoriale? La comunicazione pubblica e l'animazione territoriale possono assumere particolare valenza strategica in quanto consentono di: Aggregare il consenso a livello politico-istituzionale intorno all'ente o organizzazione promotrice in quanto soggetto di rilevanza strategica per lo sviluppo locale. Presentare il quadro delle opportunità offerte dall'ente od organizzazione promotrice alle comunità locali illustrandone le possibili ricadute e vantaggi in termini di sviluppo del territorio. Favorire la precisa assunzione di compiti e responsabilità da parte dei diversi attori locali, in termini di supporto politico-istituzionale, logistico, organizzativo, promozionale e finanziario. Stabilire contatti diretti con i destinatari/utenti dei servizi promossi attraverso specifici momenti di informazione e socializzazione (nelle scuole, presso luoghi di aggregazione culturale ecc. Acquisire adesione e consenso da parte di nuovi soggetti istituzionali e socio economici che operano nel territorio. Torna su Come predisporre un buon piano di comunicazione? La comunicazione fa riferimento all'insieme delle modalità e delle tecniche attraverso cui un soggetto indirizza i propri messaggi ai diversi destinatari del proprio contesto/mercato di riferimento. In quest'ottica la comunicazione è rappresentata, oltre che dalla pubblicità intesa in senso

18 tradizionale, anche dalle relazioni pubbliche e, più in generale, da interventi di varia natura finalizzati alla sensibilizzazione, aggregazione del consenso e promozione delle attività del soggetto in questione. In questo senso si può parlare di piano di comunicazione che prevede il dispiegarsi coordinato di una gamma diversificata e ampia di iniziative da svolgersi annualmente possibilmente in base a un calendario preordinato. Dal punto di vista metodologico, il piano di comunicazione deve essere predisposto a partire da alcune fondamentali domande chiave: Perché comunicare? Quali obiettivi/risultati si vogliono raggiungere attraverso la comunicazione? A chi comunicare? Quali sono i diversi attori/destinatari della comunicazione e attraverso quali criteri vanno identificati? Che cosa comunicare? Quali informazioni, messaggi, concetti chiave si vogliono trasmettere ai vari interlocutori identificati? Come comunicare? Attraverso quali testimoni, azioni, strumenti, e in quali luoghi si vogliono realizzare gli eventi di comunicazione? Quando comunicare? Con quali periodicità, cadenze, sequenze?

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA Requisiti Altri servizi alla persona Note per la compilazione delle schede dei requisiti Il legale rappresentante o l'operatore individuale compila una scheda dei requisiti

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Manuale a dispense sulla sicurezza urbana / dispensa n 4 / ottobre 2012 1 23 4 56 7 8910 Gestire un progetto Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Collana a cura di: Stefano

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

LA PROGETTAZIONE PARTECIPATA. Guida pratica all ideazione, la realizzazione e la valutazione dei progetti

LA PROGETTAZIONE PARTECIPATA. Guida pratica all ideazione, la realizzazione e la valutazione dei progetti LA PROGETTAZIONE PARTECIPATA Guida pratica all ideazione, la realizzazione e la valutazione dei progetti LA PROGETTAZIONE PARTECIPATA Guida pratica all ideazione, la realizzazione e la valutazione dei

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli