Vetture a deducibilità limitata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vetture a deducibilità limitata"

Transcript

1 Vetture a deducibilità limitata

2 Autovetture: art. 51 c. 1 lett a) D.Lgs. N.285/1992 Autocaravan: art. 51 c. 1 lett m) D.Lgs. N.285/1992 Ciclomotori: art. 52 D.Lgs. N.285/1992 Motocicli: art. 53 c.1 D.Lgs. N.285/1992 Aereomobili da turismo, navi e imbarcazioni da diporto uso esclusivamente strumentale o uso pubblico Art. 164 lett. a) piena deducibilità NON uso esclusivamente strumentale o pubblico Art. 164 lett. b) deducibilità limitata

3 Le novità del 2006 D.L. 223/06 NO ammortamento anticipato Leasing: durata minima = periodo di ammortamento con aliquote ordinarie Aggiunto in conversione (decorrenza 12/08/2006) Solo per le imprese D.L. 262/06 Riduzioni alla deducibilità dei costi in uso al dipendente Imprese: indeducibili Professionisti: 25% deduz. nel limite benefit Benefit 50%

4 Autoveicoli: il nuovo quadro deducibilità Impresa 0%? Agenti 80% limite ,85 Ammort. 4 anni Leasing 4 anni Professionisti 25% limite ,99 Ammort. 4 anni Leasing 2 anni

5 Professionisti deducibilità 25% Costo veicolo Limite: ,99 per le autovetture 4.131,66 per i motocicli 2.065,83 per i ciclomotori X 0,25 X quota ammortamento Autovettura Ammortamento Ammortamento deducibile = 1.129,75

6 Un solo veicolo per ogni professionista o associato solo per i veicoli di cui alla lettera b) dell art. 164 TUIR No limitazioni di numero Uso al dipendente Autocarro

7 Beni acquistati precedentemente Auto acquistata nel 2004 Costo Ammortamenti dedotti (2004 e 2005) = 2.259, ,50 = Nessun ulteriore ammortamento??? 2006??? 0,25 x ,99 = nessun ammortamento Nuovo costo rilevante Computo ammortamenti con la nuova percentuale??? 0,25 x ,99 x = 1.129,75 calcolo la quota dell anno

8 Leasing Calcolo del canone di competenza Con IVA indetraibile Costo del contratto X gg durata dell esercizio gg durata del contratto Costo per il concedente = IVA Iva detr. 50% 18/1/06 17/1/09 Maxicanone = IVA 36 canoni = IVA Costo contratto = IVA ( 9.200) 50% X = ,

9 Calcolo del limite di deducibilità Con IVA indetraibile MAX fiscalmente riconosciuto Costo per il concedente , ,42 Canone deducibile ,10 X 0,42 X 0,25 = 1.688,52

10 IRAP calcolo interessi impliciti Costo concedente al netto del prezzo di riscatto Canoni e costo concedente al netto dell IVA indetraibile Canone di competenza - gg durata dell esercizio gg durata del contratto X Costo per il concedente Quota interessi indeducibile rapportata al costo fiscalmente rilevante

11 Costo del contratto X = ,18 Canone di competenza Senza IVA indetraibile , X = 1.906,85 Quota interessi Senza IVA indetraibile 1.906,85 X 0,42 X 0,25 = 200,22 Variazione in aumento ai fini IRAP

12 Noleggio deducibilità 25% Limite: 3.615,20 per le autovetture 774,69 per i motocicli 413,17 per i ciclomotori Indipendentemente dalla durata Limite riproporzionato Contratto ,20 X X 0,25 = 277,81 365

13 Noleggio full - service deducibilità 25% Quote noleggio limiti Quote spese gestione no limiti CM n.48/e/98 Separata indicazione in fattura Canone di cui quota auto deducibile 903,80 (25% di 3.615,20) quota auto deducibile 750 (25% di 3.615,20) Scorporo in base alle tariffe ordinarie di noleggio

14 Impresa deducibilità 0% Ammortamenti Leasing Noleggi Costi di esercizio

15 Agenti e rappresentanti deducibilità 80% ,84 Costo veicolo Limite: ,84 per le autovetture 4.131,66 per i motocicli 2.065,83 per i ciclomotori X 0,80 X quota ammortamento Autovettura Ammortamento Ammortamento deducibile = 5.165

16 Le disposizioni previste per gli agenti si applicano anche a: promotori finanziari agenti di assicurazione CM n.48/e/98 Anche esercizio in forma associata CM n.188/e/98

17 Limitazioni solo per il veicolo ad uso promiscuo? Art. 164 c.1 lett. b) nella misura dell 80 per cento relativamente alle autovetture ed autocaravan, di cui alla predette lettere dell articolo 54 del citato decreto legislativo n.285 del 1992, ai ciclomotori e motocicli utilizzati da soggetti esercenti attività di agenzia o di rappresentanza di commercio in modo diverso da quello indicato alla lettera a), numero 1. Uso esclusivamente strumentale: piena deducibilità??? Uso promiscuo: 80% su ,84

18 Leasing DL. 223/06: dal 12/8/06 - durata minima 4 anni Calcolo del canone di competenza Con IVA indetraibile Costo del contratto X gg durata dell esercizio gg durata del contratto Costo per il concedente = IVA 18/1/06 17/1/09 Maxicanone = IVA 36 canoni = IVA Costo contratto = IVA Ipotesi di IVA detraibile X = ,

19 Calcolo del limite di deducibilità MAX fiscalmente riconosciuto Costo per il concedente , ,65 Canone deducibile ,18 X 0,65 X 0,80 = 7.601,98

20 IRAP calcolo interessi impliciti Costo concedente al netto del prezzo di riscatto Canoni e costo concedente al netto dell IVA indetraibile Canone di competenza - gg durata dell esercizio gg durata del contratto X Costo per il concedente Quota interessi indeducibile rapportata al costo fiscalmente rilevante

21 X = ,18 Canone di competenza Senza IVA indetraibile , X = 1.906,85 Quota interessi Senza IVA indetraibile 1.906,85 X 0,65 X 0,80 = 991,57 Variazione in aumento ai fini IRAP

22 Noleggio deducibilità 80% Limite: 3.615,20 per le autovetture 774,69 per i motocicli 413,17 per i motocicli Uguali a quelli dei professionisti Noleggio full - service deducibilità 80% Quote noleggio limiti Quote spese gestione no limiti

23 Cessione veicolo (acquistato in proprietà) Art. 164 c.2 TUIR Ai fini della determinazione del reddito d'impresa, le plusvalenze e le minusvalenze patrimoniali rilevano nella stessa proporzione esistente tra l'ammontare dell'ammortamento fiscalmente dedotto e quello complessivamente effettuato PLUS / MINUS X Ammortamenti dedotti Ammortamenti totali

24 Agente cessione auto interamente ammortizzata Corrispettivo X , = 8.606,37 Vale anche per le altre imprese Vale anche per i professionisti CM n.28/e/06 par. 38 Se vi è autoconsumo, la minus è comunque deducibile

25 Cessione veicolo (acquistato in leasing) Art. 88 c.5 TUIR In caso di cessione del contratto di locazione finanziaria il valore normale del bene costituisce sopravvenienza attiva. CM 108/E/1996 Al netto dei canoni residui attualizzati 1/1/06 sottoscrivo il contratto valore auto /10/07 cessione contratto valore auto canoni a scadere attual Sopravvenienza in UNICO

26 Cessione contratto leasing Rilevanza sopravvenienza? Soggetto IVA soluzione Riscatto leasing e successiva cessione Rilevo quota ammortamento ante cessione CM 41/E/2002 Limitata imponibilità IVA

27 imponibilità maggiorata Agente leasing auto di valore MAX fiscalmente riconosciuto ,84 Costo per il concedente % = = 0,44 0,36 Dedotto = ,28 Riscatto auto ad ammortamento X 0,8 = 200 Cessione ( ) X ,8 =

28 Criteri di deducibilità dei veicoli

29 Uso al dipendente lett. b-bis) art. 164 TUIR Deduzione costi nel limite del fringe benefit Fringe benefit 50% importo riferito percorrenza convenzionale di su tabelle ACI

30 DIPENDENTE AMMINISTRATORE imponibile deducibile imponibile deducibile Uso personal e Uso promiscu o Uso aziendale Fringe benefit a valore normale (ecced. 258,23) Fringe benefit a valore convenzional e (ecced. 258,23) -- Spesa di lavoro (limite costo sostenuto) (CM 48/E/98) Nei limiti del fringe benefit (ecc. inded) Indeducibile Fringe benefit a valore normale (ecced. (dal 2001) 258,23) Fringe benefit a valore convenzional e (ecced. 258,23) -- Deduzione nei limiti del fringe benefit (CM 48/E/98) Nei limiti del fringe benefit (ecc. ded. lim) Indeducibile

31 Uso promiscuo amministratore CM 5/E/2001 Dal 2001 Assimilazione reddito lavoro dipendente FB a valore convenzionale Eccedenza rispetto a FB Fino al 2005 Dal 2006 dipendenti amministratori Tutto deducibile Deduc. limitata CM 5/E/01?

32 .. eccedenza rispetto a FB dal 2006 CM 5/E/01 No equiparazione Interpretazione restrittiva deducibilità costi auto solo se rientrano nell articolo 164 dipendenti Ded. limiti del FB, eccedenza indeducibile Secondo alcuni Eccedenza = deduc. limitata amministratori indeducibile Nessuna delle lettere art. 164

33 .. eccedenza rispetto a FB dal 2006 CM 5/E/01 No equiparazione Interpretazione estensiva Per la parte non uso al dipendente si considera veicolo aziendale dipendenti Ded. limiti del FB, eccedenza indeducibile Secondo alcuni Eccedenza = deduc. limitata amministratori Ded. Limiti FB, eccedenza deduc. limitata Cfr. CM 48/E/98

34 Idonea documentazione Contratto di comodato e menzione nel contratto di lavoro (accordo integrativo se la concessione è successiva all assunzione) Fringe benefit rileva TFR (Cass. 8496/2000 e 7431/1990) NO fringe benefit l auto data a noleggio (Cass. 4666/1987) Rileva per la contribuzione Messaggio INPS del 22/10/04 circolare INPS n.21 e 166 del 2004 Costo pagato dall impresa per un auto di proprietà del dipendente è fringe benefit (Cass /2004)

35 Fringe benefit decurtato degli addebiti Il provento per l azienda è tassato??? Il riaddebito è in IVA RM n.25/e/2000 Anche l IVA rileva per il calcolo del fringe benefit effettivo FB convenzionale riaddebito IVA FB effettivo D.L. 262/06 Nuovo fringe benefit influisce sulle ritenute da OTT Conguaglio annuale con decorrenza 1/1/06

36 Utilizzo mezzo privato Art. 95 c.3 TUIR Rimborso per le trasferte autorizzate Tabelle ACI Nel limite del costo di percorrenza per veicoli: Benzina: 17 cavalli fiscali Diesel: 20 cavalli fiscali

37 acquisto Rimborso Km Nessuna deduzione di costi Detrazione IVA Deduzione costi No detrazione IVA Attenzione: maggior rilevanza studi di settore!!!

38 acquisto Rimborso Km

39 Acquisto auto Costo carburante e manutenzione Cessione auto Totale acquisto Detrazione 50% Acquisto IVA cessione IVA IVA IRES Credito IVA di ( * 50% * 20%) Credito IVA di (5.000 * 50% * 20% * 4 anni) Debito IVA di ( * 50% * 20%) ZERO ZERO Totale acquisto Detrazione 100% Acquisto auto Costo carburante e manutenzione Cessione auto Acquisto IVA cessione IVA IVA Credito IVA di ( * 20%) Credito IVA di (5.000 * 20% * 4 anni) Debito IVA di ( * 20%) IRES ZERO ZERO

40 Acquisto auto Costo carburante e manutenzione Cessione auto Totale acquisto Detrazione 50% Acquisto IVA cessione IVA IVA IRES Credito IVA di ( * 50% * 20%) Credito IVA di (5.000 * 50% * 20% * 4 anni) Debito IVA di ( * 50% * 20%) ZERO ZERO Totale acquisto Detrazione 100% Acquisto auto Costo carburante e manutenzione Cessione auto Acquisto IVA cessione IVA IVA Credito IVA di ( * 20%) Credito IVA di (5.000 * 20% * 4 anni) Debito IVA di ( * 20%) IRES ZERO ZERO

41 La classificazione dei veicoli

42 LE NORME FISCALI INTERNE IMPOSTE DIRETTE ai ai fini fini delle delle imposte dirette l articolo del del TUIR TUIR fa fa riferimento alle alle autovetture ed ed agli agli autocaravan contemplati, rispettivamente alle alle lettere a) a) ed ed m) m) dell articolo del del codice codice della della strada strada IVA IVA ai ai fini fini IVA, IVA, l articolo 19-bis1 19-bis1 del del DPR. DPR. n. n del del fa fa riferimento alle alle autovetture ed ed agli agli autoveicoli per per il il trasporto promiscuo contemplati, rispettivamente, alle alle lettere a) a) ed ed c) c) dell articolo del del codice codice della della strada, strada, ancorché tale tale ultima ultima categoria (quella (quella della della lettera lettera c) c) sia sia stata stata soppressa per per effetto effetto della della direttiva comunitaria richiamata al al paragrafo precedente direttiva comunitaria n. n. 98/14/CE del del 6 febbraio

43 CODICE DELLA STRADA E NORME COMUNITARIE ART.47 D.LGS. 285/1992 Veicoli A B C D E F G H I L M N Veicoli a Braccia Veicoli a trazione animale Velocipedi Slitte Ciclomotori Motoveicoli Autoveicoli Filoveicoli Rimorchi Macchine agricole Macchine operatrici Veicoli con caratteristiche atipiche

44 CODICE DELLA STRADA E NORME COMUNITARIE ART.54 D.LGS. 285/1992 Autoveicoli A B C D E F G H I L M N Autovetture Autobus Autoveicoli per il trasporto promiscuo Autocarri Trattori stradali Autoveicoli per trasporti specifici Autoveicoli per uso speciale Autotreni Autoarticolati Autosnodati Autocaravan Mezzi d opera

45 CODICE DELLA STRADA E NORME COMUNITARIE Autoveicoli per per il il trasporto promiscuo (lett. c) c) CATEGORIA SOPPRESSA DAL NUOVA CLASSIFICAZIONE DEGLI AUTOVEICOLI direttiva direttiva comunitaria comunitaria n. n. 98/14/CE 98/14/CE del del 6 febbraio febbraio Categoria M per i i veicoli destinati al al trasporto delle persone Categoria N per i i veicoli destinati al al trasporto delle merci

46 I veicoli a deducibilità integrale

47 VEICOLI A DEDUCIBILITA INTEGRALE Uso Uso esclusivamente strumentale Senza il il veicolo l attivitànon si si può può neppure configurare Nozione restrittiva Uso Uso pubblico Provvedimento amministrativo

48 IMMATRICOLAZIONI AD USO SPECIALE Autoveicoli diversi da da lett. lett. a) a) e m) m) art. art CdS CdS Deducibilità integrale AUTOCARRI: art art lett. lett. d) d) CdS CdS In ogni caso occorre verificare l inerenza (RM n. 244/E/2002) USO USO SPECIALE: art art lett. lett. g) g) CdS CdS Classif. In categoria N (nota2826 min. trasp.) e adattamento (DM 10/12/02) USO USO DIMOSTRATIVO: RM RM /1990 Sono rimanenze - Cass. n del 23/10/06 NO auto ad USO PUBBLICITARIO CM n.50/e/2002

49 LE IMMATRICOLAZIONI DI COMODO DISPOSIZIONE ANTIELUSIVA (c. (c art. art DL DL 223/06) 223/06) Vanno assoggettati al al regime fiscale proprio degli autoveicoli destinati al al trasporto privato di di persone i veicoli, che, a prescindere dalla categoria di di omologazione, risultano da adattamenti che non ne impediscono l utilizzo anche ai ai fini del trasporto privato di di persone. Provvedimento del del Direttore dell Agenzia delle delle Entrate iindividuerà quei quei veicoli veicoli che, che, prescindendo dalla dalla immatricolazione, risultano idonei idonei al al trasporto di di persone e per per tale tale ragione assimilabili, ai ai fini fini fiscali, fiscali, alle alle autovetture.

50 Provvedimento 06/12/2006 Black List veicoli Sono assimilati ai veicoli a deducibilità/detraibilità limitata i veicoli che, a prescindere dalla categoria di omologazione, risultano da adattamenti che non ne impediscono l utilizzo per il trasporto privato di persone pur essendo immatricolati o reimmatricolati come N1, abbiano carrozzeria F0, quattro o più posti, rapporto potenza motore / portata = o > di 180 Attenzione! alcuni libretti riportano direttamente la portata N.B. Con successivi provvedimenti verranno individuati i veicoli per i quali si disapplica il Provvedimento e altri ai quali (essendo esclusi) si estende l applicazione.

51 Esempio 1 Black List veicoli (esempi)

52 Esempio 2 Black List veicoli (esempi)

53 LA CONDANNA COMUNITARIA *** rimborso IVA pregressa e disciplina futura

54 IVA AUTO LE NORME INTERNE La La regola generale è contenuta nell art. 19, 19, bis bis 1 del del Dpr Dpr 633/72 che che prevede un indetraibilità totale Norma divenuta transitoria e poi poi limitata (DAL ) Da Da notare L indetraibilità èin vigore dal dal 1979 La La sesta direttiva èin vigore in in Italia dal dal 1 gennaio 1978 Trattamento differenziato in in base agli agli acquisti Detraibilità concessa in in casi casi limitati (uso pubblico, attività dell impresa, agenti)

55 IVA AUTO LE NORME INTERNE Provvedimento Durata sino al Art.30, comma 4, legge 388/ Art. 9, comma 4, legge 449/ Art.2, comma 13, legge 289/ Art.1, comma 572, legge 350/ Art.1, comma 503, legge 311/ Art.1, comma 125, legge 266/

56 RIVENDITA INTERNA DI AUTO USATE ACQUISTO DI DI AUTOVETTURA A DETRAZIONE IVA IVA PARZIALE Articolo 30 comma 4 Legge 388/2000 (Finanziaria per l anno 2001) ESEMPIO ESEMPIO Tizio Tizio acquista acquista presso presso una una concessionaria concessionaria una una autovettura autovettura nuova nuova al al prezzo prezzo di di , ,00. L imposta L imposta relativa relativa all acquisto all acquisto viene viene detratta detratta nella nella misura misura del del 10%. 10%. Imponibile ,00 Iva Iva acquisti (20%) 2.000,00 200,00 (10%) IVA detraibile 1.800,00 (90%) IVA non detraibile TOTALE FATTURA ,00

57 RIVENDITA INTERNA DI AUTO USATE PRIMA VENDITA DELL AUTOVETTURA Articolo 30 comma 5 Legge 388/2000 (Finanziaria per l anno 2001) ESEMPIO ESEMPIO Tizio Tizio cede cede a a Caio Caio l autovettura l autovettura usata usata al al prezzo prezzo di di ,00, ,00, per per la la quale quale all atto all atto dell acquisto dell acquisto l imposta l imposta era era stata stata detratta detratta nella nella misura misura del del 10%. 10%. Imponibile 1.000,00 Iva Iva dovuta (20%) 200,00 Importo escluso da da base base imponibile art. art c. c ,00 TOTALE FATTURA ,00

58 RIVENDITA INTERNA DI AUTO USATE LA LA RIVENDITA DELL AUTOVETTURA Articolo 30 comma 6 Legge 388/2000 (Finanziaria per l anno 2001) ESEMPIO ESEMPIO Caio Caio rivende rivende a a Sempronio Sempronio l autovettura l autovettura al al prezzo prezzo di di , ,00. Poiché Poichéil il costo costo di di acquisto acquisto èè pari pari a a , ,00 (in (in quanto quanto l Iva l Iva di di 200,00 200,00 èèper per lui lui indetraibile), indetraibile), Caio Caio realizza realizza un un margine margine di di 800, ,00. Da Da tale tale importo importo Caio Caio dovrà dovràscorporare l imposta l imposta ( ( 133,33) 133,33) e e versarla versarla nei nei termini termini di di legge. legge. Prezzo di di vendita autovettura usata ,00 TOTALE FATTURA ,00 Operazione Operazione assoggettata assoggettata al al regime regime del del margine margine di di cui cui all articolo all articolo del del D.L. D.L. 41/ /1995 conv. conv. L. L. 85/ /1995 e e successive successive modificazioni modificazioni e e integrazioni integrazioni

59 IVA AUTO LA DIRETTIVA Il Il contenzioso UE UE si si è basato sulla conformità delle regole interne con alcune regole dettate dalla sesta direttiva IV Direttiva Nr. Nr. 2: 2: principio inerenza Nr. Nr. 6: 6: clausola di di stand still ART. 17 Nr. Nr. 7: 7: possibilitàdi di introdurre nuove ipotesi di di indetraibilitàin in casi ben delineati

60 I CONTENZIOSI NAZIONALI I motivi Prevalenza delle norme comunitarie Divieto di introduzione di nuove indetraibilità Mancato rispetto della procedura Ue Due Due soluzioni: - Via Via libera la la rimborso (Ctp Milano) - Rimando alla alla corte Ue Ue (Ctp Trento)

61 SENTENZA UE - DECRETO 258/2006 Terza sezione della Corte di giustizia del 14 settembre 2006 (procedimento C-228/05) CONTRASTO NORMA INTERNA DIRETTIVA COMUNITARIA Non si sono ravvisati i motivi congiunturali: la misura era strutturale Non c è stato il preventivo assenso del comitato Iva Nessuna limitazione temporale agli effetti della sentenza

62 DECRETO 258/2006 (convertito in legge con modifiche) EFFETTI D.L. D.L. 258/2006 convertito Accesso al rimborso per il passato Detraibilità per il futuro Due modalità per la richiesta di rimborso dell IVA assolta in passato Valutazione impatto ai fini delle IIDD Detrazione a forfait per il futuro

63 DECRETO 258/2006 (convertito in legge con modifiche) Approvazione modello (dati (dati e documenti a supporto istanza) OTTOBRE 2006 (già (già scaduto) Acquisti effettuati fino fino al al settembre MODALITA PROCEDURA ORDINARIA PROCEDURA ALTERNATIVA INERENZA INERENZA a forfait forfait per per settori settori di di attività attività ISTANZA ISTANZA ENTRO ENTRO TERMINE TERMINE NON NON PERENTORIO PERENTORIO INERENZA INERENZA maggiore maggiore debitamente debitamente provata provata ISTANZA ISTANZA EX EX ART.21 ART.21 D.LGS.546/92 D.LGS.546/92

64 DETRAZIONE PASSATA E FUTURA 1 FINO AL AL SETTEMBRE 2006 SOLO SOLO RIMBORSO NO NO COMPENSAZIONE INERENZA A FORFAIT PER PER SETTORI REGOLA GENERALE DI DI INERENZA 2 3 DAL DAL SETTEMBRE 2006 FINO A AUTORIZZAZIONE UE UE DETRAZIONE DETRAZIONE REGOLA GENERALE DI DI INERENZA DA DA AUTORIZZAZIONE UE UE MISURA A FORFAIT (50% (50%??)

65 LE MODALITA L istanza èda presentare per via via telematica entro il il aprile 2007 Si Si introducono deroghe alle regole ordinarie per il il recupero dell imposta Problemi di di coerenza di di tale impostazione con la la sentenza 1 maggio 2006, causa C-197/03

66 LE OPERAZIONI Il Il decreto si si riferisce a tutti coloro che alla data del del settembre hanno effettuato acquisti, importazioni o acquisizione di di servizio. LE ANNUALITA I DUBBI Acquisti detratti Acquisti non registrati Vedi circolare Assonime

67 L INERENZA IL IL PRINCIPIO BENI E SERVIZI RELATIVI ALL IMPRESA O PROFESSIONE REGOLA GENERALE APPLICABILE ANCHE AL AL CASO IVA AUTO CONSEGUENZE: - ONERE DELLA PROVA DEL DEL CONTRIBUENTE - PREVISIONE DI DI MISURE A FORFAIT - IMPORTANZA SITUAZIONI DI DI FATTO (PROCEDURE INTERNE??)

68 RIFLESSI IMPOSTE DIRETTE 1.Ricalcolo imposte pregresse 2. Rilevanza sopravvenienza attiva

69 RIFLESSI IMPOSTE DIRETTE 1. Ricalcolo delle imposte pregresse 1. Qualificazione ai fini delle IIDD del rimborso (sopravvenienza attiva) 2. Problematiche concernenti i soggetti in perdita fiscale 3. Problematiche concernenti i soggetti a credito (con credito già compensato) 4. Dubbio: ritardo nel pagamento delle imposte? DIFFICOLTA

70 RIFLESSI IMPOSTE DIRETTE 2.Rilevanza della sopravvenienza attiva 1. La sopravvenienza rileva come componente positivo di reddito (regola generale) 2. Verifica della quota di Iva non detratta e dedotta 3. Verifica della quota di Iva non detratta e non ancora dedotta 4. Verifica della quota di Iva non detratta e non dedotta e che non sarà dedotta nemmeno nel futuro

71 BOZZA

72 ELEMENTI DOCUMENTALI Un quadro per ciascun anno Percentuali forfetarie??

73 EFFETTO AI FINI DI ALTRI TRIBUTI Effetto perdite fiscali Cessione dell auto

74 DETERMINAZIONE DEL RIMBORSO IMPORTO DEL RIMBORSO

75 Acquisto e Cessione di autovetture usate (IVA -- regime del del margine)

76 REGIME DEL MARGINE Riferimenti normativi Artt. 26-bis-32 VI VI Direttiva 77/388/CE VII VII Direttiva 94/5/CE del Articolo 4 Direttiva n. n. 115 del D.L. 23/02/1995 n.41 art /bis (convertito in in L. L. 95/1985)

77 REGIME DEL MARGINE Caratteristiche del regime Tutto il il regime speciale viene considerato NATURALE E E possibile per una o più cessioni applicare il il regime di di normale determinazione dell Iva (non possibile per il il metodo globale)

78 REGIME DEL MARGINE Modalitàdi di applicazione METODO ORDINARIO O ANALITICO METODO FORFETARIO METODO GLOBALE

79 REGIME DEL MARGINE Profilo soggettivo Tutti i i contribuenti che esercitano abitualmente il il commercio, all ingrosso o al al minuto o in in forma ambulante, di di beni usati Coloro che occasionalmente effettuano cessione di di beni usati Agenzie di di vendita all asta (dal 2001) (art.45 L.342/2000)

80 REGIME DEL MARGINE Rivenditori occasionali Devono applicare il il regime analitico Possono applicare il il regime IVA normale Possono optare per il il regime forfetario se se ricorrono le le condizioni Sono esclusi dal regime globale del margine

81 REGIME DEL MARGINE Profilo territoriale Deve trattarsi di di beni acquistati nel nel :: TERRITORIO DELLO STATO oppure IN IN ALTRO STATO COMUNITARIO eccezione per per gli gli oggetti d arte, d antiquariato e da da collezione importatida da rivenditori che applicano il il regime del del margine

82 REGIME DEL MARGINE Profilo oggettivo Beni mobili usati Oggetti d arte, d antiquariato e da da collezione acquistati da da privati residente in in Italia o altro Stato UE da da soggetti equiparati

83 REGIME DEL MARGINE I I SOGGETTI EQUIPARATI Soggetto IVA che al al momento di di acquisto non ha ha potuto operare detrazione ai ai sensi art. 19/633 (CM 177/95) Operatore residente in in altro Stato UE che beneficia nel suo Paese della franchigia accordata alle piccole imprese Soggetto IVA che applica anch esso il il regime del margine

84 REGIME DEL MARGINE CARATTERISTICHE DEI DEI BENI I I beni possono essere acquistati anche dopo essere stati riparati, purché non perdano loro caratteristiche o non vengano impiegati quale materia prima o semilavorato per produrre beni

85 REGIME DEL MARGINE Determinazione dell IVA Deduzione con metodo base da da base PREZZO DI DI VENDITA meno PREZZO DI DI ACQUISTO MAGGIORATO DEI COSTI DI DI RIPARAZIONE E ACCESSORI uguale MARGINE LORDO

86 REGIME DEL MARGINE segue Determinazione dell IVA Se Se margine lordo < 0 nulla è dovuto Se Se margine lordo > 0 SI SI SCORPORA L IMPOSTA SI SI CALCOLA L IVA RELATIVA

87 REGIME DEL MARGINE ESEMPIO A) A) PREZZO DI DI VENDITA IVA IVA COMPRESA B) B) COSTO DEL DEL BENE C) C) COSTO RIPARAZIONE (IVA (IVA compresa) MARGINE LORDO (A-B-C) MARGINE POSITIVO DETERMINO IVA IVA DOVUTA // 1,2 1,2 = 416,67 base imponibile per per il il calcolo dell Iva 416,67 ** 20% 20% = 83,33IVA A DEBITO DA DA VERSARE

88 Concetto INTRA-UE di di veicolo usato (articolo c. c. 4 DL 331/1993) PERCORRENZA OLTRE KM DATA DI DI PRIMA IMMATRICOLAZIONE OLTRE 6 MESI TALI REQUISITI DEVONO VERIFICARSI CONTEMPORANEAMENTE

89 ACQUISTO AUTO USATE NELLA UE IL IL CEDENTE APPLICA IL IL REGIME DEL MARGINE IL IL CEDENTE NON APPLICA IL IL REGIME DEL MARGINE IL IL CEDENTE NON CEDE UN UN AUTO USATA (nell accezione UE) L ACQUISTO NON RIENTRA TRA TRA QUELLI COMUNITARI SI SI APPLICA LA LA DISCIPLINA IVA IVA DEGLI ACQUISTI INTRA-COMUNITARI IVA IVA DOVUTA NEL NEL PAESE DI DI REIMMATRICOLAZIONE (art.38c.4 c.4dl 331/1993)

90 ACQUISTO INTRA-UE DI DI VEICOLI USATI REGIME DEL MARGINE il il corrispettivo ègià comprensivo di di IVA IVA successiva cessione con con applicazione del del regime regime del del margine indicazione in in fattura fattura che che si si applica applica il il regime regime del del margine (CM (CM 40/2003 DIR. DIR. UE UE 115/2001 ART.21 C.6 C.6 DPR DPR 633/72) ACQUISTO INTRA-UE l imposta non non risulta risulta applicata in in quanto quanto assolta assolta dall acquirente nel nel paese paese di di destinazione cessionario italiano italiano attua attua la la procedura art.46 art.46 DL DL 331/1993 successiva cessione con con applicazione dell Iva dell Iva ordinaria

91 ACQUISTO INTRA-UE DI DI VEICOLI USATI C.M. 40/E del Verifica preliminare che il il cedente comunitario abbia o meno effettuato una cessione con applicazione del regime del margine Esimente da da responsabilitàse se IN IN BASE AD ELEMENTI OGGETTIVIsi si poteva desumere l impossibilitàad utilizzare il il regime del margine RESPONSABILITA SOLIDALE DELL ACQUIRENTE

92 Indicazione obbligatoria in in fattura (comma 6 art. art DPR DPR 633/1972) AUTOHAUS BERLIN GRUPPE Bildenstrasse, 123 BERLIN - AUTOVETTURA USATA BMW X5 3.0 D

93 ACQUISTO INTRA-UE DI DI VEICOLI USATI ESEMPIO Acquisto autovettura da da privato :: euro euro Spese notarili e messa a punto :: euro euro (IVA (IVA compresa) Prezzo di di rivendita (listini eurotax) :: euro euro Regime del del margine ( ) = margine lordo :: 1,2 1,2 = 4.166,66 margine netto ,66 = 833,34 IVA dovuta sul sul margine Regime ordinario :: 1,2 1,2 = base imponibile = IVA dovuta su su operaz.imponibile ( ,66) = 4.166,66 perdita subita

94 Disciplina della scheda carburante

95 SCHEDA CARBURANTE AMBITO DI DI APPLICAZIONE Acquisti di di carburante per autotrazione (benzina normale, benzina super, benzina verde, miscela di di carburante e lubrificante, gasolio, gas metano, GPL) effettuati presso gli gli impianti stradali di di distribuzione dai soggetti Iva nell esercizio di di impresa, arte o professione

96 SCHEDA CARBURANTE ESCLUSIONI (fattura a richiesta del cliente) Acquisti di di carburante per per autotrazione NON effettuati presso gli gli impianti stradali di di distribuzione Acquisti di di carburante NON per per autotrazione effettuati presso gli gli impianti stradali di di distribuzione (ad (ad esempio motori fissi) fissi) Acquisti di di carburante per per autotrazione effettuati presso gli gli impianti stradali di di distribuzione per per i i quali non non può può essere verificata la la destinazione Rifornimenti durante l orario di di chiusura (self-service) Procedura di di netting in in uso uso nel nel settore petrolifero Cessioni nei nei confronti dello Stato, degli enti enti pubblici territoriali, degli istituti universitari e degli enti enti ospedalieri, di di assistenza e beneficenza (articolo 6 DPR 444/1997) Carrelli elevatori, macchine operatrici come trattori, escavatori, mezzi di di spurgo pozzi, che che non non possono circolare su su strada

97 SCHEDA CARBURANTE OBBLIGO DI DI EMISSIONE DELLA FATTURA Cessioni di di gasolio effettuate nei nei confronti di di autotrasportatori di di cose per per conto terzi iscritti all albo di di cui cui alla alla legge n. n. 298/1974 Cessioni di di gasolio effettuate nei nei confronti di di autotrasportatori domiciliati e residenti negli Stati membri della UE UE Cessioni di di gasolio effettuate nei nei confronti di di autotrasportatori di di cose per per conto proprio muniti di di licenza di di cui cui all articolo della legge n.298/1974 (DPR 277 del del ) Fattura richiesta all atto di effettuazione, pena decadenza

98 SCHEDA CARBURANTE CARATTERISTICHE Scheda conforme al al modello allegato al al DPR 444/1997 Periodicità mensile o trimestrale (slegata alla alla periodicità delle liquidazioni Iva) Iva) Divieto di di fatturazione (salvo alcune eccezioni) Documento sostitutivo della fattura (in (in quanto tale tale ricorre anche per per essa l esonero dall obbligo di di registrazione quando l iva l ivanon sia sia detraibile ed ed il il soggetto non non èin in contabilità semplificata) Le Le cessioni di di carburante e lubrificanti per per autotrazione NON sono soggette all obbligo di di certificazione dei dei corrispettivi tramite scontrino o ricevuta fiscale (articolo 1 DPR 696/1996)

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE Analisi di alcune fattispecie di variazione in aumento ed in diminuzione maggiormente significative per la determinazione del reddito d'impresa nel Modello Unico SC/2010 Il quadro RF contenuto nel Modello

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto

Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto Ufficio delle Dogane di Ferrara Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto Relatore: Simona Palazzi Ferrara, 16 settembre 2014 INDICE 1. L agevolazione fiscale - Genesi ed evoluzione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE PROINCIA DI TARANTO Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE A0001 A0002 A0003 A0004 A0005 A0006 Sono classificati veicoli secondo il CDS 1 le macchine uso bambini 2 i ciclomotori 3 le macchine uso disabili

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000.

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. Domanda per l esercizio del servizio passeggeri effettuato mediante NCC-bus nella provincia di Bologna. Alla

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma MARZO 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Relazioni illustrative. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Relazioni illustrative. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Relazioni illustrative Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 Risultati differenziali del bilancio dello Stato La disposizione rinvia all allegato

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli