PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE DELLE COMMESSE IN EDILIZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE DELLE COMMESSE IN EDILIZIA"

Transcript

1 COLLEGIO DEI COSTRUTTORI EDILI ANCE Brescia, gennaio 2006 Giuseppe Rigamonti PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI DELLE COMMESSE IN EDILIZIA MODULO A LA PIANIFICAZIONE DEI LAVORI, LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI E LA COSTRUZIONE DEL BUDGET DI COMMESSA Giuseppe Rigamonti - 1 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI DELLE COMMESSE IN EDILIZIA MODULO A 13 GEN LA PIANIFICAZIONE DEI LAVORI, LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI E LA Previsione COSTRUZIONE DEL BUDGET DI COMMESSA COSTI MODULO C LA STRUTTURAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE PER CONSENTIRE UNA AVANZATA DELLE COMMESSE, LA CONTABILITA ANALITICA DI COMMESSA, IL COFRONTO CON IL BUDGET DI PREVISIONE E LA DETERMINAZIONE DEGLI SCOSTAMENTI 14 GEN MODULO A+C ESEMPI + CASI APPLICATIVI Controllo COSTI 20 GEN 21 GEN MODULO B LA PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI PER LA DETERMINAZIONE DELLA DURATA TEMPORALE DELLA COMMESSA E PER LA DETERMINAZIONE DELL USO DELLE RISORSE NEL TEMPO MODULO D L AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA LAVORI, LE PREVISIONI A FINIRE, L ANALISI DEI RITARDI / ANTICIPI MODULO E LA PIANIFICAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA Previsione TEMPI Controllo TEMPI Pianificazione FINANZIARIA Giuseppe Rigamonti - 2

2 IL MERCATO EDILIZIA luogo incontro DOMANDA E OFFERTA in cui avvengono RICHIESTE risposta PROGETTO / INVESTIMENTO Di TECNOLOGIE Di SERVIZI In QUALITA In SICUREZZA CONTINUA RICHIESTA INNOVAZIONI Definizione degli OBIETTIVI da raggiungere Pianificazione delle FASI Programmazione TEMPORALE ed ECONOMICA delle RISORSE LOGICA INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE CONTROLLO E NEL TEMPO del processo durante la sua attuazione MISURA PERFORMANCE Giuseppe Rigamonti - 3 I LIVELLI GESTIONALI DEL PROCESSO EDILIZIO l.3 Studio di Fattibilità DEL PROCESSO/PROGETTO Committente / Product Manager Gestione Attività l.2 DELL INTERVENTO Progettista / Project manager o Resp.. Procedimento [LLPP] Progett. Direzione e Coordinamento Fine Def.. e Esec. Lavori. Lavori l.1 DELLA COMMESSA Impresa di costruzioni / Construction manager Progett.. e Programm. Oper. Inizio Lavori Costruzione Giuseppe Rigamonti - 4

3 LA DELLA COMMESSA DALLE LOGICHE FUNZIONALI D ALLE LOGICHE PER PROGETTO D F1 F2 F3 F1 r1 r2 100 Ritardo T TB= P A EV Aumento C PROPOSTA DI METODOLOGIE E PROCEDURE GESTIONALI INTEGRATE Giuseppe Rigamonti - 5 LA LA PROCEDURA GESTIONALE DI DI COMMESSA definizione - origine Definizione PROJECT MANAGEMENT (PMI Project Management Institute) Una combinazione di RISORSE risorse umane e non riunite in un organizzazione temporanea per raggiungere un obiettivo definito di TEMPO tempo, COSTO costo, QUALITA qualità con risorse limitate. R T C Q OTTIMIZZAZIONE int est Giuseppe Rigamonti - 6

4 PROJECT MANAGER (LLPP : responsabile del procedimento) Giuseppe Rigamonti CITTA STUDIEDIZIONI UTET Giuseppe Rigamonti - 8

5 LA PROCEDURA GESTIONALE DI COMMESSA gli step logici 1.I canali funzionali RISORSE ESTERNE QUALITA RISORSE INTERNE OPERATIVI TEMPI ECONOMICO FINANZIARI Giuseppe Rigamonti - 9 LA PROCEDURA GESTIONALE DI COMMESSA gli step logici 2.I momenti gestionali RISORSE ESTERNE QUALITA RISORSE INTERNE OPERATIVI TEMPI ECONOMICO FINANZIARI A FASE PREVENTIVA DI DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI MERCATO B FASE ACQUISIZIONE DEI DATI CONSUNTIVI C FASE ANALISI E AGGIORNAMENTO D FASE DI PREVISIONE A FINIRE E AGGIORNAMENTO DEGLI OBIETTIVI E ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI CONSUNTIVA E AGGIORNAMENTO DATABASE Giuseppe Rigamonti - 10

6 RISORSE ESTERNE M E R C A T O INDIVUDAZIONE FORNITORI RICHIESTA OFFERTE ELABORAZIONE OFFERTE RICEZIONE OFFERTE VALUTAZIO NE TECNICO-ECONOMIC A O F F E R T E TRATTATIVA CON FERMA D'ORDINE ELABORAZIONE DISEGNI ESECUTIVI APPROVAZIONE DISEGNI ESECUTIVI PRODUZIONE S P E D IZ IO N E CONSEGNA Q U A L IT A ' FA SE DELL'O FFER TA F A S E A G G IU D IC A Z IO N E DEL C ONTR ATTO D O C U M E N T A Z IO N E C O N T R A T T U A L E i.1 ANA LISI TECNOLOGICA DEL INDIVIDUAZIONE SOLUZIONI P R O G E T T O TECNICHE ANALISI ALTER NATIVE COSTRUTTIVE VERIFICA CAPACITA' TECNICA P IA N I O P E R A T IV I E D I CO NTR OLLO INDIVIDUAZIONE VOCI DI LAVORO ANALISI ALTER NATIVE OPERATIVE PIANO CONTROLLO QUALITA' C OM MESSA PRELIM INARE (PCQc) PIANO CONTROLLO QUALITA' C OM MESSA DEFINITIVO (PCQc) VERIFICHE ISPETTIVE INTERNE RILEVAMENTO NON CONFORMITA' A ZIONI CORRETTIVE FASCICOLO INFORMATIVO DELL'OPERA RILEVAM ENTO NON CONFORMITA' ANALISI DELLE RISORSE W B S EL.TEC./SC.COSTR. RESOURCE C URVES R IS O R S E IN T E R N E ANALISI DELLE RISORSE DETERMINAZIONE RISORSA CRITICA RESOURCE CURVES ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE A LLE ATTIVITA' DIAGRAMM A DELLE R IS O R S E LIVELLAM ENTO DELLE R IS O R S E LIV.2 VERIFICA D IS P O N I B IL IT A ' RISORSE NECESSITA' RISORSE ESTERNE LIV.1 W B S ATTIVITA' (WP) COMPUTI METRICI CALCOLO FABBISOGNO RISORSE quantitą CALCOLO DETERM INISTIC O DELLE DURATE P R O G R A M M A MULTICO M MESSA AZIENDALE V E R IF IC H E P R IO R IT A ' i.1 b PROGRAMM A APPROVVIGIONAMENTI DEFINIZIONE PERIODI DI AGGIORNAMEN TO PROGRAMMA OPERATIVO PROGRAM MA UTILIZZO RISORSE INTERNE i.1c INDIVIDUAZIONE M ETODI DI M ISURA EARNED VALUE ATTIVITA' f.1 IN IZ IO L A V O R I P IA N I O P E R A T IV I E D I CO NTR OLLO RETICOLI LOGICI DI S V O L G IM E N T O D E L L E ATTIVITA' RETICOLO LOGICO DI SVOLGIMENTO DELLA C O M M E S S A CALCOLO PROBABILISTIC O DELLE DURATE PROGRAMMA LAVORI PA RTICOLA REGGIATO VERIFICA TEMPI ESECUZIONE ACC.2 ACC.1 PR OGRAM MA AVANZAMENTO COM MESSA i.2 i.3 RAPPORTINI M ANODOPERA P A R A M E T R I D I AGGIORNAMENTO RAPPOR TINI NOLI INTERNI DDT INTERNI CARICO/SCARICO DDT DI ACQUISTO FATTURA DI ACQUISTO ACCOM PAGNATORIA STATI AVANZAMENTO LAVO RI SUB PR OGRAM MA APPROVVIGIONAMENTI aggiornato INDIVIDUAZIONE M ETODI DI M ISURA EARNED VALUE ATTIVITA' PREVISIONI STATISTICHE A FINIRE FATTURA i.4 AGGIORNAMENTO CALCOLO INDICI DI P R O G R A M M A L A V O R I G E S T IO N E C P I / S P I ANALISI DEGLI SCO STAM ENTI PREVISIONI STATISTICHE A FINIRE PRE VISIO NI PROGRAMMA OPERATIVO A FINIRE i.4b PROGRAMM A UTILIZZO RISORSE INTERNE aggiornato r.3/4/5 RIPETIZIONE FASI 2 / 3 / 4 FINE LAV O RI i.5 A N A L IS I C O N S U N T IV A C O M M E S S A i.5 DEFINIZIONE PERIODI DI AGGIORNAMENTO PROGRAMM A OPERATIVO P R E V IS IO N I BUDGET A FINIRE O P E R A T IV A T E M P I DEFINIZION E LIVELLO COM PATTAZIO NE ATTIVITA' W BS DATA AGGIOR NAMENTO D A T E IN IZ IO /F IN E ATTIVITA' PROGRAM MA AVANZAM ENTO aggiorna to CALCOLO PROBABILISTIC O DELLE DURATE DEFINIZIONE PERIODI DI AGGIORNAMENTO INDICI DI G E S T IO N E RETICOLI LOGICI DI SVOLGIM ENTO DELLE ATTIVITA' E C O N O M IC O -F IN A N Z IA R IA D A T A B A S E A Z IE N D A L E COSTI UNITARI CALCOLO F A B B IS O G N O R IS O R S E cos ti COSTO DI TEMPO GUADAGNATO A SSEGNAZIONE D EI COSTI ALLE ATTIVITA' D IAGRA MMA COSTI MODELLAZIONE FINANZIARIA COSTI OPERATIVI COM MESSA ASSEGNAZIONE QUOTA COSTI GENERALI A C O M M E S S A MODELLAZIONE FINANZIARIA COSTI TO TALI CO MMESSA CALCOLO ONERI FINANZIARI V E R IF IC A IM P A T T O ECO -FIN ELABORAZIONE BUDGET ATTIVITA' COM PATTATE PROGRAMMA ECONOMICO FINANZIARIO CO M M ES SA % DI COM PLETAMENTO PROGRAM MA ECONOM ICO FINANZIARIO aggiornato DEFINIZIONE PERIODI DI AGGIORNAMENTO INDICI DI G E S T IO N E P R O G R A M M A E C O N O M IC O GENERALE AZIENDALE COSTI UNITARI M O D A L IT A ' PAG AM E NTO CONTRATTO LA PROCEDURA GESTIONALE DI COMMESSA gli step logici 3.Le fasi 4.Le operazioni RISORSE ESTERNE QUALITA' RISORSE INTERNE OPERATIVA TEMPI ECONOMICO-FINANZIARIA DContr i.a ACTec VCT WBS CUn IForn ICLav ARis CF e PL PCQc DRis VTmp PEF VDR VEF i.a' COrd RACCOLTA DOCUMENTI PER DEFINIZIONE OBIETTIVI COMMESSA DEFINIZIONE MOMENTI E METODI DI AGGIORNAMENTO COMMESSA f.a ILav i.b i.c DInt Cons DEst DAgg DI/FA %Compl i.d AggT AggIG AScos PrevT PrevFin PrevC RI-DEFINIZIONE OBIETTIVI COMMESSA RIP FLav i.e ACC AGGIORNAMENTO DATABASE AZIENDALE Giuseppe Rigamonti - 11 A.FASE PREVENTIVA DI DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI Definire obiettivi di Tempo Costo Qualità Obiettivi integrati dal punto di vista TECNOLOGICO ECONOMICO TEMPORALE LE FASI DI DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI P.1 Dal Pg Tecnologico la Pg Operativo P.2 Pianificazione dei lavori - WBS P.3 Strutturazione dei costi - CBS P.4 CM, Analisi Risorse e Calcolo Fabbisogni P.5 Definizione del Budget Giuseppe Rigamonti - 12

7 P.1-DAL PROGETTO TECNOLOGICO AL PROGETTO OPERATIVO PROGETTAZIONE TECNOLOGICA input del committente (dipende dalla tipologia di appalto) ANALISI TECNOLOGICA (COSA?) PROGETTAZIONE OPERATIVA Analisi preliminare alla pianificazione e programmazione MODALITA COSTRUTTIVE (COME?) SCELTA ORGANIZZATIVA (QUANDO?) SCELTA OPERATIVA (CHI?) Documento Adobe Acrobat Giuseppe Rigamonti - 13 P.2-LA PIANIFICAZIONE DI LAVORI PIANIFICAZIONE WBS = Work Breakdown Structure SCOPI DELLA PIANIFICAZIONE SUDDIVISIONE IN PACCHETTI DI LAVORO DEFINIZIONE CENTRI DI CONTROLLO STIME RISORSE E DEFINIZIONE DEI BUDGET Strutturazione gerarchica dei lavori (ad albero) per livelli sempre più dettagliati COMMESSA Dati di input per costruire WBS CAPITOLATO e TAVOLE DI PROGETTO + PROCEDURE OPERATIVE AZIENDALI Giuseppe Rigamonti - 14

8 WBS La definizione dei livelli di suddivisione FI I LIV: FASI DELL INTERVENTO Separare le fasi dell intervento di responsabilità di vari operatori (Acquisto area, Progettaz. ecc.) MFO MFO MFO II LIV: MACROFASI OPERATIVE Macro-fasi di lavoro che si susseguono nel tempo (Opere preliminari, Opere di completamento, Opere di finitura ecc.) FdL FdL FdL III LIV: FASI DI LAVORO Raggruppamento delle attività concorrenti alla realizzazione della stessa parte dell edificio (Fondazioni, Struttura, Impianti ecc.) A A A IV-V LIV: ATTIVITA o o o CM, AR, CF Operazioni eseguite da squadre operative con specifiche mansioni (Scavo, casseratura, posa armatura, getto ecc.) Giuseppe Rigamonti - 15 WBS La codifica CODIFICA NUMERICA CODIFICA ALFANUMERICA 1. I LIVELLO UF II LIVELLO UF.1 UF.2 UF III LIVELLO UF.2.I1 UF.2.S1 UF.2.P IV-V LIVELLO UF.2.S1.1 UF.2.S1.1 UF.2.S1.1 Giuseppe Rigamonti - 16

9 WBS esempio caso di studio AA (ACQUISTO AREA) OO (ONERI DI URBANIZZAZIONE) SP (SPESE PROFESSIONALI) E (COSTRUZIONE) E.UF (COSTRUZIONE UFFICI) E.MP (COSTRUZIONE MAGAZZINO-PRODUZIONE) E.OE (COSTRUZIONE OPERE ESTERNE) E.UF.01 (OPERE PRELIMINARI E DI FONDAZIONE) E.UF.02 (OPERE IN C.A. DI ELEVAZIONE E CHIUSURE ESTERNE) E.UF.03 (OPERE DI COMPLETAMENTO) E.UF.04 (OPERE DI FINITURA) E.UF.04 (IMPIANTI) E.UF.01.S1 (SCAVO GENERALE) E.UF.01.P1 (FONDAZ. A PLATEA) E.UF.01.P2 (MURI CONTROTERRA) E.UF (IMPERMEABILIZZAZ.) E.UF.01.S2 (RINTERRI) E.UF (PONTEGGI) SCV CAS FER CLS REIN Giuseppe Rigamonti - 17 WBS : Grado di dettaglio dei livelli di suddivisione A CHE LIVELLO FERMARSI? Momento del processo di intervento Complessità della fase di lavoro (Sub?) Voci Rapidità registrazioni Criticità Commessa e Obiettivi riutilizzo dati Voci Possibilità di errori WBS: I RISULTATI DA OTTENERE Interpretazione e Suddivisione del progetto Individuazione delle voci da Budgetizzare Individuazione delle attività per Program. lavori Assegnazione delle Risorse / Responsabilità Giuseppe Rigamonti - 18

10 DALLA PIANIFICAZIONE ALLA DETERMINAZIONE DEL COSTO/PREZZO Work Breakdown Structure COMMESSA Cost Breakdown Structure PREZZO MFO MFO MFO R M Ctot FdL FdL FdL qpcg Cd+i A A A Livello di dettaglio da avere nella pianificazione delle risorse Cop Cilf o o o risorse N RIS PREVISTE [46%] N RIS Non PREVISTE [54%] VALORE RIS Non PREVISTE [2%] VALORE RIS PREVISTE [98%] Cd Cio risorse Giuseppe Rigamonti - 19 LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI PREZZO COSTI DIRETTI Costi direttamente imputabili ad una singola lavorazione Ctot M R UNIVOCA associazione RISORSA ATTIVITA qpcg Cd+i Es.: Manodopera, Materiali, Mezzi d opera, Subappalti Cdir. Cop. Cilf Cind.op. COSTI INDIRETTI OPERATIVI Costi non imputabili su una singola lavorazione ma diretti sul cantiere (hanno origine da operazioni di cantiere) Es: Installazione cantiere, Gestione cantiere, Pulizie cantiere, Collaudi, ecc. COSTI DIR. + COSTI INDIR. OP. = COSTI OPERATIVI Giuseppe Rigamonti - 20

11 LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI PREZZO Ctot M R COSTI INDIRETTI LEGALI / FINANZIARI qpcg Cop. Cdir.+ Cind. Cind.lf. Costi non imputabili su una singola lavorazione ma direttamente legati agli accordi contrattuali Origine da richieste contrattuali, di legge e da utilizzo mezzi finanziari Cdir Cind.op. Es: Assicurazioni, Cauzioni, Fideiussioni, Oneri finanziari, Costi offerta, ecc. COSTI OP. + COSTI INDR. LEG.FIN.= BUDGET DI COMMESSA!!ATTENZIONE: E importante la scelta del metodo di allocazione della quota parte dei COSTI INDIRETTI sulle attività di cantiere Giuseppe Rigamonti - 21 Esempio ALLOCAZIONE DEI COSTI INDIRETTI COSTI INDIRETTI OP 1) SEGA CIRCOLARE (SC1) Hp: tale nolo viene utilizzato SOLO per l attività Esecuzione rivestimento esterno mattone faccia a vista (AT.01.01) Il Costo indiretto SC1 viene trasformato in COSTO DIRETTO e assegnato INTERAMENTE all attività AT ) BETONIERA (BET1) Hp: tale nolo viene utilizzato per il GRUPPO di attività della fase di lavoto Murature (AT.01) Il Costo indiretto BET1 viene DISTRIBUITO IN QUOTE alle attività dell fase di lavoro AT.01 ESEMPIO DI ALLOCAZIONE DEL COSTO INDIRETTO BET1 COSTO INDIRETTO QUANTITA MALTA TOTALE X QUANTITA MALTA DELLA SINGOLA ATTIVITA Giuseppe Rigamonti - 22

12 LA DEI NOLI E DELLE ATREZZATURE COSTO TOTALE DEL NOLO COSTO DI POSSESSO COSTO OPERATIVO Ammortamento, Man. Straordinaria, Tasse e Assicurazioni E un COSTO GENERALE e varia col TEMPO IMPIANTO/SPIANTO Trasporto, Montaggio/Smontaggio E un COSTO INDIRETTO UTILIZZO Energia, Operatore, Man. Ordinaria E un COSTO DIRETTO Giuseppe Rigamonti - 23 LA DEI NOLI E DELLE ATREZZATURE CAMPO DEL NOLEGGIO < 150 giorni/anno PRESENZA RICHIESTA (giorni/anno) 2 ore/giorno 4 ore/giorno 6 ore/giorno > 4 ore/giorno Criticità molto elevata delle operazioni VANTAGGI DEL NOLEGGIO Macchine aggiornate e attuali Costi di manutenzione a carico del fornitore Uso di macchinari ad hoc USATO NOLEGGIO SEMINUOVO NUOVO IMPOSSIBILE 8 ore/giorno 12 ore/giorno 20 ore/giorno Maggior resa e miglior qualità finale UTILIZZO (ore/anno) Giuseppe Rigamonti - 24

13 LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI PREZZO COSTI GENERALI (O ESTERNI) I Ctot M R Costi non imputabili ad un cantiere particolare ma diretti sull impresa Qp.Cgen. Cdir.+ Cind. Cop. Cind.lf. Cdir Cind.op. Riallocati sui vari cantieri in base ad opportuni criteri di ripartizione (dimensione cant.,strategie d impresa, ecc.). QUOTA PARTE di COSTI GENERALI per la Commessa X Es: Spese di gestione del personale, Spese di ufficio, Spese di gestione magazzino, ecc. COSTI DIR. + COSTI INDR. + % COSTI GEN. = COSTI TOTALI IMPREVISTI % del COSTO TOTALE messa a disposizione per prevenire costi derivanti dall incertezza di alcune analisi Dato di dominio esclusivo della DIREZIONE Giuseppe Rigamonti - 25 LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI PREZZO I Ctot M R RISCHI Qp.Cgen. Cop. Cdir.+ Cind. Cind.lf. % del PREZZO da tenere come riserva finanziaria di copertura Qualunque pericolo che possa apportare danni finanziari alla commessa Cdir Cind.op. MARGINE UTILE d impresa nell intervento COSTI TOTALI + MARGINE + RISCHI = PREZZO Giuseppe Rigamonti - 26

14 P.4- I 3 PASSI PER LA DETERMINAZIONE DEL BUDGET 1.COMPUTO METRICO CALCOLO DELLE QUANTITA Assegnare le quantità alle attività catalogate seconda la WBS Definire e mantenere metodi di misurazione delle lavorazioni Es: Scavo calcolato sul terreno sciolto o no Sfridi e sovrapposizioni nella lavorazione e posa armature 2.ANALISI RISORSE PER VOCI DI COSTO 3.CALCOLO FABBISOGNI Giuseppe Rigamonti ANALISI DELLE RISORSE PER VOCI DI COSTO Analisi delle Risorse necessarie per realizzare una UNITA DI QUANTITA RISULTATO: RISORSE necessarie alla produzione di un unità TEMPI necessari alla produzione di un unità COSTI DIRETTI necessari alla produzione di un unità BIBLIOGRAFIA ESPERIENZA D IMPRESA PREVISIONE ANALISI COSTI E TEMPI ESECUZIONE RACCOLTA DATI CONSUNTIVI CONTROLLO ANALISI SCOSTAMENTI PRODUTTORI BANCA DATI Giuseppe Rigamonti - 28

15 esempio ANALISI DI RISORSE PER VOCI DI COSTO VOCE DI COSTO: ANALISI RISORSE: GETTO CLS: (var)=modalità di confezionamento e messa in opera MANODOPERA: numero, qualifica, tempi MATERIALI: tipo cls, quantità MEZZI E NOLI: tipologia, tempi GETTO CLS CONFEZIONATO IN OPERA E GETTATO CON GRU 1 Operaio specializzato h 2 Operaio qualificato ed h 1m 3 di CLS SQUADRA MINIMA TIPO GETTO CLS PRECONFEZIONATO E GETTATO CON POMPA 1 Operaio specializzato h 1 Operaio qualificato ed h 2 Manovale h 1 Manovale h Centrale di betonaggio h Cls Rck 25 ordinario 1.01 m 3 Sabbia, Cemento, H2O, ecc 1.01 m 3 Noleggio orario pompa 0.17 h Nolo di gru a torre 0.22 h Vibratore 0.20 h Vibratore 0.20 h Giuseppe Rigamonti FABBISOGNI PER FASI DI LAVORO CM x AR = CF Calcolo Fabbisogni a diversi livelli di WBS Dalla singola avorazione all intero cantiere ES: ESECUZIONE DEI PLINTI Scavi Getto magrone Posa armatura Casseratura Getto CLS CALCOLO DEL FABBISOGNO = QUANTITA x ANALISI RISORSE RISULTATI: RISORSE TOTALI necessarie per eseguire la fase di lavoro COSTI DIRETTI per l esecuzione della fase di lavoro TEMPI per l esecuzione della fase di lavoro Giuseppe Rigamonti - 30

16 Dal CALCOLO FABBISOGNI alla determinazione dei TEMPI DI ESECUZIONE Fabbisogno per fasi di lavoro prevede: Squadre Operative minime e Mezzi singoli TEMPI MINIMI di ESECUZIONE ACCELERAZIONE Incremento le risorse utilizzate sulla base di esperienze e conoscenza RESE Sq. Op. RIDUCO I TEMPI AUMENTO I COSTI ES: ESECUZIONE TAVOLATO IN FORATO 8cm A parità di materiali e mezzi adoperati 1 SQUADRA OPERATIVA T= 1h C= 10 2 SQUADRE OPERATIVE T= 30min - 50% C= 10 3 SQUADRE OPERATIVE T= 25min - 58% C= 12 = + 20% CRITICITA DEI MEZZI D OPERA Es: In uno scavo è inutile aumentare n Sq. Op. se non posso aumentare il n di escavatori. Ma nuovi mezzi vuol dire incremento COSTI per INTERFERENZE o PER RICORSO A Noleggi / Subappalti Esterni Giuseppe Rigamonti - 31 ESEMPIO DI CF e DETERMINAZIONE DEI TEMPI Computo Metrico id descrizione um Q E.1 Esecuzione di rivestimento esterno con mattoni a faccia vista mq 2050 Analisi delle Risorse id descrizione um Q 1 Operaio specializzato h 0,6 Risorsa Critica 2 Operaio qualificato h 0,6 3 Operaio comune h 0,6 4 Mattone pieno tipo paramano 12x25x5,5 p 49 5 Mattone 12x25x5,5 (1/2 matt.) p 7 6 Listello 25x2,5x5,5 p 5 7 Angolare a L 25x12x5,5 p 5 8 Malta bastarda mc 0,03 9 Vernice idrorepellente l 0,3 10 Ponteggio metallico esterno mq 1 11 Sega circolare a disco h 0,15 Calcolo Fabbisogni id descrizione um Q 1 Operaio specializzato h Operaio qualificato h Operaio comune h Mattone pieno tipo paramano 12x25x5,5 p Mattone 12x25x5,5 (1/2 matt.) p Listello 25x2,5x5,5 p 5 7 Angolare a L 25x12x5,5 p 5 8 Malta bastarda mc 0,03 9 Vernice idrorepellente l 0,3 10 Ponteggio metallico esterno mq 1 11 Sega circolare a disco h 0,15 (Durata per squadra operativa) = Dattività (N squadre operative)x(fi) Giuseppe Rigamonti - 32

17 ESEMPIO DI CM, AR, CF VOCE DI COSTO ANALISI RISORSE Getto cls Rck 25 S3 preconfezionato, per pilastri (s>20cm) con pompa MANODOPERA: numero, qualifica, tempi MATERIALI: tipo cls, quantità MEZZI E NOLI: tipologia, tempi Giuseppe Rigamonti - 33 ESEMPIO DI CM, AR, CF GIUSTIFICATIVI DELLE RESE Giuseppe Rigamonti - 34

18 ESEMPIO DI CM, AR, CF CALCOLO DEL FABBISOGNO DI RISORSE COMPUTO METRICO id descrizione um Q E.1 Getto di cls per pilastri m ANALISI DELLE RISORSE id descrizione um Q 1 Operaio specializzato h 0,22 2 Operaio qualificato h 0,22 3 Operaio comune h 0,22 4 Operaio comune h 0,22 5 Cls preconfezionato Rck 25, S3 m 3 1,01 6 Noleggio orario pompa H 0,2 7 Vibratore per cls p 0,22 FABBISOGNO RISORSE id descrizione um Q.tot. 1 Operaio specializzato h 22 2 Operaio qualificato h 22 3 Operaio comune H 22 4 Operaio comune h 22 5 Cls preconfezionato Rck 25, S3 m Noleggio orario pompa H 20 7 Vibratore per cls p 22 SQUADRA OPERATIVA DURATA Giuseppe Rigamonti - 35 DIAGRAMMA FABBISOGNO GENERALE DI COMMESSA E il risultato dell integrazione del CALCOLO DEI FABBISOGNI con la PROGRAMMAZIONE LAVORI RISULTATO: Costruzione del programma delle forniture (dopo la programmazione) Confronto PREVENTIVI / CONSUNTIVI durante l esecuzione dei lavori Giuseppe Rigamonti - 36

19 IL BUDGET DI COMMESSA PER CENTRI DI COSTO E RESPONSABILITA DI CONTROLLO CENTRI DI COSTO OPERATIVI DIRETTI (attività) Definiti nella WBS a livelli variabili (possibilità raggruppare e scompattare) Budget di previsione = COSTI DIRETTI necessari per l esecuzione di ogni attività (di cui il CF dà le risorse previste da consumare) CENTRI DI COSTO OPERATIVI INDIRETTI Per i Costi indiretti è bene creare dei CENTRI DI COSTO AUTONOMI parallelli a quelli della WBS e poi ridistribuiti sulle attività della commessa CENTRI DI COSTO OPERATIVI DIRETTI + INDIRETTI = BUDGET DI COMMESSA CENTRI DI COSTO INDIRETTI LF + GENERALI RESPONSABILITA CONTROLLO DA PARTE DELLA DIREZIONE AMMINISTRATIVA E GEN RESPONSABILITA CONTROLLO DA PARTE DELLA DIREZIONE CANTIERE Giuseppe Rigamonti - 37

20 ITER PROGETTUALE DELL'ANALISI TECNICA dalla SOLUZIONE TECNICA alla VOCE DI COSTO risposta alla VOCE D'OPERA IMPRESA b APPALTO 9403 POLO UNIVERSITARIO DI COMO PROGETTAZIONE TECNOLOGICA SOLUZIONE TECNICA PPV.1/2 Parete multistrato con: -rivestimento interno in intonaco civile tinteggiato -tamponamento in blocchi cavi di calcestruzzo vibrocompresso -isolantetermico in polistirene espanso -intercapedine d'aria -rivestimento esterno in laterizio faccia a vista SCELTA delle MODALITA' ESECUTIVE ed OPERATIVE CL.41.g. esecuzione RIVESTIMENTO ESTERNO IN LATERIZIO FACCIA A VISTA DOCUMENTI CONTRATTUALI SISTEMA DI CONTROLLO DI PROGETTAZIONE OPERATIVA VOCE d'opera art.1 (PT) RIVESTIMENTO PARAMANO RISPOSTA ECONOMICA IMPRESA A RICHIESTE DI CONTRATTO VOCE DI COSTO g.2 ESECUZIONE RIVESTIMENTO LATERIZIO FACCIA A VISTA QUANTIFICAZIONI E VALORIZZAZIONI ECONOMICHE E PRODUTTIVE (da dati consuntivi di Cantiere) ALLE RISORSE ASSEGNATE NORMALIZZATE DALLA PROGETTAZIONE OPERATIVA LAVORAZIONI: MT TRACCIAMENTO DI PARETE IN MATTONI O BLOCCHI MT PREPARAZIONE DEL PIANO DI POSA PER MURATURE MT PREPARAZIONE DEI MATTONI O BLOCCHI PER LA POSA MA PREPARAZIONE DELLA MALTA CEMENTIZIA MT POSA MURATURA IN MATTONI FACCIA A VISTA INDIVIDUAZIONE E ASSEGNAZIONE ISTRUZIONI DI LAVORO ALLE RISORSE STANDARD di SICUREZZA d'impresa STANDARD di CONTROLLO (prod. e ricev.) d'impresa RISORSE MANODOPERA =... MATERIALI=... NOLI MACCHINARI=... ATTREZZATURE=...

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

2 imp. 3 imp. 1 imp. 1a ass.

2 imp. 3 imp. 1 imp. 1a ass. EDILE ARTIGIANO PMI Retribuzioni in vigore dall' 01/01/2014 per assolvere gratis alla formazione obbligatoria sulla sicurezza prevista da art.37 TU e Stato Regioni caricamento nominativo dipendente dal

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione PROJECT MANAGEMENT Change Formazione 1 INTRODUZIONE 3 Le fasi del Project Management 3 Fattori critici di insuccesso 4 Fattori critici di successo 4 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 5 LA PROGRAMMAZIONE DEL

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006

BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006 BENVENUTI Introduzione alla norma SIA 118/262 CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006 PROGRAMMA INTRODUZIONE NORMA SIA 118/262 Introduzione generale 10 Ing. Anastasia Confronto diretto SIA 220 SIA 118/262

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013 S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC)

SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) MODELLO UNIFICATO: 1) APPALTI DI LAVORI PUBBLICI Quadri da compilare : "A" + "B"

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE

ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE Roma, dicembre 1999 Analisi dei rischi in un progetto di sviluppo sw RISCHIO = potenziale difetto il cui verificarsi comporta dei danni Danno Non

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO di Rossana MANELLI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT IGEA, 5 a IP Economico - gestionale) La prova, indirizzata

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE

L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE IL MONDO CAMBIA IN FRETTA. MEGLIO ESSERE DINAMICO Siamo una società vicentina, fondata nel 1999, specializzata nella realizzazione di software gestionali

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info I contenuti ti minimi i i del PSC- PSS-POSPOS Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Titolo III - DISPOSIZIONI ULTERIORI PER I CONTRATTI RELATIVI AI LAVORI

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q Pag. 1/7 Indice 1.Scopo e campo di applicazione... 2 2.Responsabilità... 2 3. Modalità operative... 2 3.1 Pianificazione della progettazione e dello sviluppo... 2 3.2 Elementi in ingresso alla progettazione

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO A Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI Provincia Area Edilizia di Scolastica Na Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Supplemento n. 1 al B.U. n. 20/I-II del 15/05/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 15/05/2012 Nr. 20/I-II 200 ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Il progetto definitivo

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

ALLEGATO A) SCHEMA DI PARCELLA

ALLEGATO A) SCHEMA DI PARCELLA ALLEGATO A) SCHEMA DI PARCELLA OGGETTO: I.T.I.S. "E. MAJORANA" di Martina Franca (TA) Incarichi di: Progettazione definitiva ed esecutiva - Coord. Sicurezza in fase di pr Direzione lavori - assistenza

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

I SUBAFFIDAMENTI E LA NUOVA LEGGE ANTIMAFIA

I SUBAFFIDAMENTI E LA NUOVA LEGGE ANTIMAFIA I SUBAFFIDAMENTI E LA NUOVA LEGGE ANTIMAFIA Dr. Antonio Triolo Dirigente Ispettorato Lavoro Ragusa* Ispettore Giorgio Brafa Misicoro UOB 2^-Ispettorato Lavoro- Ragusa* * Le considerazioni esposte sono

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli