PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE DELLE COMMESSE IN EDILIZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE DELLE COMMESSE IN EDILIZIA"

Transcript

1 COLLEGIO DEI COSTRUTTORI EDILI ANCE Brescia, gennaio 2006 Giuseppe Rigamonti PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI DELLE COMMESSE IN EDILIZIA MODULO A LA PIANIFICAZIONE DEI LAVORI, LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI E LA COSTRUZIONE DEL BUDGET DI COMMESSA Giuseppe Rigamonti - 1 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI DELLE COMMESSE IN EDILIZIA MODULO A 13 GEN LA PIANIFICAZIONE DEI LAVORI, LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI E LA Previsione COSTRUZIONE DEL BUDGET DI COMMESSA COSTI MODULO C LA STRUTTURAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE PER CONSENTIRE UNA AVANZATA DELLE COMMESSE, LA CONTABILITA ANALITICA DI COMMESSA, IL COFRONTO CON IL BUDGET DI PREVISIONE E LA DETERMINAZIONE DEGLI SCOSTAMENTI 14 GEN MODULO A+C ESEMPI + CASI APPLICATIVI Controllo COSTI 20 GEN 21 GEN MODULO B LA PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI PER LA DETERMINAZIONE DELLA DURATA TEMPORALE DELLA COMMESSA E PER LA DETERMINAZIONE DELL USO DELLE RISORSE NEL TEMPO MODULO D L AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA LAVORI, LE PREVISIONI A FINIRE, L ANALISI DEI RITARDI / ANTICIPI MODULO E LA PIANIFICAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA Previsione TEMPI Controllo TEMPI Pianificazione FINANZIARIA Giuseppe Rigamonti - 2

2 IL MERCATO EDILIZIA luogo incontro DOMANDA E OFFERTA in cui avvengono RICHIESTE risposta PROGETTO / INVESTIMENTO Di TECNOLOGIE Di SERVIZI In QUALITA In SICUREZZA CONTINUA RICHIESTA INNOVAZIONI Definizione degli OBIETTIVI da raggiungere Pianificazione delle FASI Programmazione TEMPORALE ed ECONOMICA delle RISORSE LOGICA INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE CONTROLLO E NEL TEMPO del processo durante la sua attuazione MISURA PERFORMANCE Giuseppe Rigamonti - 3 I LIVELLI GESTIONALI DEL PROCESSO EDILIZIO l.3 Studio di Fattibilità DEL PROCESSO/PROGETTO Committente / Product Manager Gestione Attività l.2 DELL INTERVENTO Progettista / Project manager o Resp.. Procedimento [LLPP] Progett. Direzione e Coordinamento Fine Def.. e Esec. Lavori. Lavori l.1 DELLA COMMESSA Impresa di costruzioni / Construction manager Progett.. e Programm. Oper. Inizio Lavori Costruzione Giuseppe Rigamonti - 4

3 LA DELLA COMMESSA DALLE LOGICHE FUNZIONALI D ALLE LOGICHE PER PROGETTO D F1 F2 F3 F1 r1 r2 100 Ritardo T TB= P A EV Aumento C PROPOSTA DI METODOLOGIE E PROCEDURE GESTIONALI INTEGRATE Giuseppe Rigamonti - 5 LA LA PROCEDURA GESTIONALE DI DI COMMESSA definizione - origine Definizione PROJECT MANAGEMENT (PMI Project Management Institute) Una combinazione di RISORSE risorse umane e non riunite in un organizzazione temporanea per raggiungere un obiettivo definito di TEMPO tempo, COSTO costo, QUALITA qualità con risorse limitate. R T C Q OTTIMIZZAZIONE int est Giuseppe Rigamonti - 6

4 PROJECT MANAGER (LLPP : responsabile del procedimento) Giuseppe Rigamonti CITTA STUDIEDIZIONI UTET Giuseppe Rigamonti - 8

5 LA PROCEDURA GESTIONALE DI COMMESSA gli step logici 1.I canali funzionali RISORSE ESTERNE QUALITA RISORSE INTERNE OPERATIVI TEMPI ECONOMICO FINANZIARI Giuseppe Rigamonti - 9 LA PROCEDURA GESTIONALE DI COMMESSA gli step logici 2.I momenti gestionali RISORSE ESTERNE QUALITA RISORSE INTERNE OPERATIVI TEMPI ECONOMICO FINANZIARI A FASE PREVENTIVA DI DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI MERCATO B FASE ACQUISIZIONE DEI DATI CONSUNTIVI C FASE ANALISI E AGGIORNAMENTO D FASE DI PREVISIONE A FINIRE E AGGIORNAMENTO DEGLI OBIETTIVI E ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI CONSUNTIVA E AGGIORNAMENTO DATABASE Giuseppe Rigamonti - 10

6 RISORSE ESTERNE M E R C A T O INDIVUDAZIONE FORNITORI RICHIESTA OFFERTE ELABORAZIONE OFFERTE RICEZIONE OFFERTE VALUTAZIO NE TECNICO-ECONOMIC A O F F E R T E TRATTATIVA CON FERMA D'ORDINE ELABORAZIONE DISEGNI ESECUTIVI APPROVAZIONE DISEGNI ESECUTIVI PRODUZIONE S P E D IZ IO N E CONSEGNA Q U A L IT A ' FA SE DELL'O FFER TA F A S E A G G IU D IC A Z IO N E DEL C ONTR ATTO D O C U M E N T A Z IO N E C O N T R A T T U A L E i.1 ANA LISI TECNOLOGICA DEL INDIVIDUAZIONE SOLUZIONI P R O G E T T O TECNICHE ANALISI ALTER NATIVE COSTRUTTIVE VERIFICA CAPACITA' TECNICA P IA N I O P E R A T IV I E D I CO NTR OLLO INDIVIDUAZIONE VOCI DI LAVORO ANALISI ALTER NATIVE OPERATIVE PIANO CONTROLLO QUALITA' C OM MESSA PRELIM INARE (PCQc) PIANO CONTROLLO QUALITA' C OM MESSA DEFINITIVO (PCQc) VERIFICHE ISPETTIVE INTERNE RILEVAMENTO NON CONFORMITA' A ZIONI CORRETTIVE FASCICOLO INFORMATIVO DELL'OPERA RILEVAM ENTO NON CONFORMITA' ANALISI DELLE RISORSE W B S EL.TEC./SC.COSTR. RESOURCE C URVES R IS O R S E IN T E R N E ANALISI DELLE RISORSE DETERMINAZIONE RISORSA CRITICA RESOURCE CURVES ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE A LLE ATTIVITA' DIAGRAMM A DELLE R IS O R S E LIVELLAM ENTO DELLE R IS O R S E LIV.2 VERIFICA D IS P O N I B IL IT A ' RISORSE NECESSITA' RISORSE ESTERNE LIV.1 W B S ATTIVITA' (WP) COMPUTI METRICI CALCOLO FABBISOGNO RISORSE quantitą CALCOLO DETERM INISTIC O DELLE DURATE P R O G R A M M A MULTICO M MESSA AZIENDALE V E R IF IC H E P R IO R IT A ' i.1 b PROGRAMM A APPROVVIGIONAMENTI DEFINIZIONE PERIODI DI AGGIORNAMEN TO PROGRAMMA OPERATIVO PROGRAM MA UTILIZZO RISORSE INTERNE i.1c INDIVIDUAZIONE M ETODI DI M ISURA EARNED VALUE ATTIVITA' f.1 IN IZ IO L A V O R I P IA N I O P E R A T IV I E D I CO NTR OLLO RETICOLI LOGICI DI S V O L G IM E N T O D E L L E ATTIVITA' RETICOLO LOGICO DI SVOLGIMENTO DELLA C O M M E S S A CALCOLO PROBABILISTIC O DELLE DURATE PROGRAMMA LAVORI PA RTICOLA REGGIATO VERIFICA TEMPI ESECUZIONE ACC.2 ACC.1 PR OGRAM MA AVANZAMENTO COM MESSA i.2 i.3 RAPPORTINI M ANODOPERA P A R A M E T R I D I AGGIORNAMENTO RAPPOR TINI NOLI INTERNI DDT INTERNI CARICO/SCARICO DDT DI ACQUISTO FATTURA DI ACQUISTO ACCOM PAGNATORIA STATI AVANZAMENTO LAVO RI SUB PR OGRAM MA APPROVVIGIONAMENTI aggiornato INDIVIDUAZIONE M ETODI DI M ISURA EARNED VALUE ATTIVITA' PREVISIONI STATISTICHE A FINIRE FATTURA i.4 AGGIORNAMENTO CALCOLO INDICI DI P R O G R A M M A L A V O R I G E S T IO N E C P I / S P I ANALISI DEGLI SCO STAM ENTI PREVISIONI STATISTICHE A FINIRE PRE VISIO NI PROGRAMMA OPERATIVO A FINIRE i.4b PROGRAMM A UTILIZZO RISORSE INTERNE aggiornato r.3/4/5 RIPETIZIONE FASI 2 / 3 / 4 FINE LAV O RI i.5 A N A L IS I C O N S U N T IV A C O M M E S S A i.5 DEFINIZIONE PERIODI DI AGGIORNAMENTO PROGRAMM A OPERATIVO P R E V IS IO N I BUDGET A FINIRE O P E R A T IV A T E M P I DEFINIZION E LIVELLO COM PATTAZIO NE ATTIVITA' W BS DATA AGGIOR NAMENTO D A T E IN IZ IO /F IN E ATTIVITA' PROGRAM MA AVANZAM ENTO aggiorna to CALCOLO PROBABILISTIC O DELLE DURATE DEFINIZIONE PERIODI DI AGGIORNAMENTO INDICI DI G E S T IO N E RETICOLI LOGICI DI SVOLGIM ENTO DELLE ATTIVITA' E C O N O M IC O -F IN A N Z IA R IA D A T A B A S E A Z IE N D A L E COSTI UNITARI CALCOLO F A B B IS O G N O R IS O R S E cos ti COSTO DI TEMPO GUADAGNATO A SSEGNAZIONE D EI COSTI ALLE ATTIVITA' D IAGRA MMA COSTI MODELLAZIONE FINANZIARIA COSTI OPERATIVI COM MESSA ASSEGNAZIONE QUOTA COSTI GENERALI A C O M M E S S A MODELLAZIONE FINANZIARIA COSTI TO TALI CO MMESSA CALCOLO ONERI FINANZIARI V E R IF IC A IM P A T T O ECO -FIN ELABORAZIONE BUDGET ATTIVITA' COM PATTATE PROGRAMMA ECONOMICO FINANZIARIO CO M M ES SA % DI COM PLETAMENTO PROGRAM MA ECONOM ICO FINANZIARIO aggiornato DEFINIZIONE PERIODI DI AGGIORNAMENTO INDICI DI G E S T IO N E P R O G R A M M A E C O N O M IC O GENERALE AZIENDALE COSTI UNITARI M O D A L IT A ' PAG AM E NTO CONTRATTO LA PROCEDURA GESTIONALE DI COMMESSA gli step logici 3.Le fasi 4.Le operazioni RISORSE ESTERNE QUALITA' RISORSE INTERNE OPERATIVA TEMPI ECONOMICO-FINANZIARIA DContr i.a ACTec VCT WBS CUn IForn ICLav ARis CF e PL PCQc DRis VTmp PEF VDR VEF i.a' COrd RACCOLTA DOCUMENTI PER DEFINIZIONE OBIETTIVI COMMESSA DEFINIZIONE MOMENTI E METODI DI AGGIORNAMENTO COMMESSA f.a ILav i.b i.c DInt Cons DEst DAgg DI/FA %Compl i.d AggT AggIG AScos PrevT PrevFin PrevC RI-DEFINIZIONE OBIETTIVI COMMESSA RIP FLav i.e ACC AGGIORNAMENTO DATABASE AZIENDALE Giuseppe Rigamonti - 11 A.FASE PREVENTIVA DI DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI Definire obiettivi di Tempo Costo Qualità Obiettivi integrati dal punto di vista TECNOLOGICO ECONOMICO TEMPORALE LE FASI DI DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI P.1 Dal Pg Tecnologico la Pg Operativo P.2 Pianificazione dei lavori - WBS P.3 Strutturazione dei costi - CBS P.4 CM, Analisi Risorse e Calcolo Fabbisogni P.5 Definizione del Budget Giuseppe Rigamonti - 12

7 P.1-DAL PROGETTO TECNOLOGICO AL PROGETTO OPERATIVO PROGETTAZIONE TECNOLOGICA input del committente (dipende dalla tipologia di appalto) ANALISI TECNOLOGICA (COSA?) PROGETTAZIONE OPERATIVA Analisi preliminare alla pianificazione e programmazione MODALITA COSTRUTTIVE (COME?) SCELTA ORGANIZZATIVA (QUANDO?) SCELTA OPERATIVA (CHI?) Documento Adobe Acrobat Giuseppe Rigamonti - 13 P.2-LA PIANIFICAZIONE DI LAVORI PIANIFICAZIONE WBS = Work Breakdown Structure SCOPI DELLA PIANIFICAZIONE SUDDIVISIONE IN PACCHETTI DI LAVORO DEFINIZIONE CENTRI DI CONTROLLO STIME RISORSE E DEFINIZIONE DEI BUDGET Strutturazione gerarchica dei lavori (ad albero) per livelli sempre più dettagliati COMMESSA Dati di input per costruire WBS CAPITOLATO e TAVOLE DI PROGETTO + PROCEDURE OPERATIVE AZIENDALI Giuseppe Rigamonti - 14

8 WBS La definizione dei livelli di suddivisione FI I LIV: FASI DELL INTERVENTO Separare le fasi dell intervento di responsabilità di vari operatori (Acquisto area, Progettaz. ecc.) MFO MFO MFO II LIV: MACROFASI OPERATIVE Macro-fasi di lavoro che si susseguono nel tempo (Opere preliminari, Opere di completamento, Opere di finitura ecc.) FdL FdL FdL III LIV: FASI DI LAVORO Raggruppamento delle attività concorrenti alla realizzazione della stessa parte dell edificio (Fondazioni, Struttura, Impianti ecc.) A A A IV-V LIV: ATTIVITA o o o CM, AR, CF Operazioni eseguite da squadre operative con specifiche mansioni (Scavo, casseratura, posa armatura, getto ecc.) Giuseppe Rigamonti - 15 WBS La codifica CODIFICA NUMERICA CODIFICA ALFANUMERICA 1. I LIVELLO UF II LIVELLO UF.1 UF.2 UF III LIVELLO UF.2.I1 UF.2.S1 UF.2.P IV-V LIVELLO UF.2.S1.1 UF.2.S1.1 UF.2.S1.1 Giuseppe Rigamonti - 16

9 WBS esempio caso di studio AA (ACQUISTO AREA) OO (ONERI DI URBANIZZAZIONE) SP (SPESE PROFESSIONALI) E (COSTRUZIONE) E.UF (COSTRUZIONE UFFICI) E.MP (COSTRUZIONE MAGAZZINO-PRODUZIONE) E.OE (COSTRUZIONE OPERE ESTERNE) E.UF.01 (OPERE PRELIMINARI E DI FONDAZIONE) E.UF.02 (OPERE IN C.A. DI ELEVAZIONE E CHIUSURE ESTERNE) E.UF.03 (OPERE DI COMPLETAMENTO) E.UF.04 (OPERE DI FINITURA) E.UF.04 (IMPIANTI) E.UF.01.S1 (SCAVO GENERALE) E.UF.01.P1 (FONDAZ. A PLATEA) E.UF.01.P2 (MURI CONTROTERRA) E.UF (IMPERMEABILIZZAZ.) E.UF.01.S2 (RINTERRI) E.UF (PONTEGGI) SCV CAS FER CLS REIN Giuseppe Rigamonti - 17 WBS : Grado di dettaglio dei livelli di suddivisione A CHE LIVELLO FERMARSI? Momento del processo di intervento Complessità della fase di lavoro (Sub?) Voci Rapidità registrazioni Criticità Commessa e Obiettivi riutilizzo dati Voci Possibilità di errori WBS: I RISULTATI DA OTTENERE Interpretazione e Suddivisione del progetto Individuazione delle voci da Budgetizzare Individuazione delle attività per Program. lavori Assegnazione delle Risorse / Responsabilità Giuseppe Rigamonti - 18

10 DALLA PIANIFICAZIONE ALLA DETERMINAZIONE DEL COSTO/PREZZO Work Breakdown Structure COMMESSA Cost Breakdown Structure PREZZO MFO MFO MFO R M Ctot FdL FdL FdL qpcg Cd+i A A A Livello di dettaglio da avere nella pianificazione delle risorse Cop Cilf o o o risorse N RIS PREVISTE [46%] N RIS Non PREVISTE [54%] VALORE RIS Non PREVISTE [2%] VALORE RIS PREVISTE [98%] Cd Cio risorse Giuseppe Rigamonti - 19 LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI PREZZO COSTI DIRETTI Costi direttamente imputabili ad una singola lavorazione Ctot M R UNIVOCA associazione RISORSA ATTIVITA qpcg Cd+i Es.: Manodopera, Materiali, Mezzi d opera, Subappalti Cdir. Cop. Cilf Cind.op. COSTI INDIRETTI OPERATIVI Costi non imputabili su una singola lavorazione ma diretti sul cantiere (hanno origine da operazioni di cantiere) Es: Installazione cantiere, Gestione cantiere, Pulizie cantiere, Collaudi, ecc. COSTI DIR. + COSTI INDIR. OP. = COSTI OPERATIVI Giuseppe Rigamonti - 20

11 LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI PREZZO Ctot M R COSTI INDIRETTI LEGALI / FINANZIARI qpcg Cop. Cdir.+ Cind. Cind.lf. Costi non imputabili su una singola lavorazione ma direttamente legati agli accordi contrattuali Origine da richieste contrattuali, di legge e da utilizzo mezzi finanziari Cdir Cind.op. Es: Assicurazioni, Cauzioni, Fideiussioni, Oneri finanziari, Costi offerta, ecc. COSTI OP. + COSTI INDR. LEG.FIN.= BUDGET DI COMMESSA!!ATTENZIONE: E importante la scelta del metodo di allocazione della quota parte dei COSTI INDIRETTI sulle attività di cantiere Giuseppe Rigamonti - 21 Esempio ALLOCAZIONE DEI COSTI INDIRETTI COSTI INDIRETTI OP 1) SEGA CIRCOLARE (SC1) Hp: tale nolo viene utilizzato SOLO per l attività Esecuzione rivestimento esterno mattone faccia a vista (AT.01.01) Il Costo indiretto SC1 viene trasformato in COSTO DIRETTO e assegnato INTERAMENTE all attività AT ) BETONIERA (BET1) Hp: tale nolo viene utilizzato per il GRUPPO di attività della fase di lavoto Murature (AT.01) Il Costo indiretto BET1 viene DISTRIBUITO IN QUOTE alle attività dell fase di lavoro AT.01 ESEMPIO DI ALLOCAZIONE DEL COSTO INDIRETTO BET1 COSTO INDIRETTO QUANTITA MALTA TOTALE X QUANTITA MALTA DELLA SINGOLA ATTIVITA Giuseppe Rigamonti - 22

12 LA DEI NOLI E DELLE ATREZZATURE COSTO TOTALE DEL NOLO COSTO DI POSSESSO COSTO OPERATIVO Ammortamento, Man. Straordinaria, Tasse e Assicurazioni E un COSTO GENERALE e varia col TEMPO IMPIANTO/SPIANTO Trasporto, Montaggio/Smontaggio E un COSTO INDIRETTO UTILIZZO Energia, Operatore, Man. Ordinaria E un COSTO DIRETTO Giuseppe Rigamonti - 23 LA DEI NOLI E DELLE ATREZZATURE CAMPO DEL NOLEGGIO < 150 giorni/anno PRESENZA RICHIESTA (giorni/anno) 2 ore/giorno 4 ore/giorno 6 ore/giorno > 4 ore/giorno Criticità molto elevata delle operazioni VANTAGGI DEL NOLEGGIO Macchine aggiornate e attuali Costi di manutenzione a carico del fornitore Uso di macchinari ad hoc USATO NOLEGGIO SEMINUOVO NUOVO IMPOSSIBILE 8 ore/giorno 12 ore/giorno 20 ore/giorno Maggior resa e miglior qualità finale UTILIZZO (ore/anno) Giuseppe Rigamonti - 24

13 LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI PREZZO COSTI GENERALI (O ESTERNI) I Ctot M R Costi non imputabili ad un cantiere particolare ma diretti sull impresa Qp.Cgen. Cdir.+ Cind. Cop. Cind.lf. Cdir Cind.op. Riallocati sui vari cantieri in base ad opportuni criteri di ripartizione (dimensione cant.,strategie d impresa, ecc.). QUOTA PARTE di COSTI GENERALI per la Commessa X Es: Spese di gestione del personale, Spese di ufficio, Spese di gestione magazzino, ecc. COSTI DIR. + COSTI INDR. + % COSTI GEN. = COSTI TOTALI IMPREVISTI % del COSTO TOTALE messa a disposizione per prevenire costi derivanti dall incertezza di alcune analisi Dato di dominio esclusivo della DIREZIONE Giuseppe Rigamonti - 25 LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI PREZZO I Ctot M R RISCHI Qp.Cgen. Cop. Cdir.+ Cind. Cind.lf. % del PREZZO da tenere come riserva finanziaria di copertura Qualunque pericolo che possa apportare danni finanziari alla commessa Cdir Cind.op. MARGINE UTILE d impresa nell intervento COSTI TOTALI + MARGINE + RISCHI = PREZZO Giuseppe Rigamonti - 26

14 P.4- I 3 PASSI PER LA DETERMINAZIONE DEL BUDGET 1.COMPUTO METRICO CALCOLO DELLE QUANTITA Assegnare le quantità alle attività catalogate seconda la WBS Definire e mantenere metodi di misurazione delle lavorazioni Es: Scavo calcolato sul terreno sciolto o no Sfridi e sovrapposizioni nella lavorazione e posa armature 2.ANALISI RISORSE PER VOCI DI COSTO 3.CALCOLO FABBISOGNI Giuseppe Rigamonti ANALISI DELLE RISORSE PER VOCI DI COSTO Analisi delle Risorse necessarie per realizzare una UNITA DI QUANTITA RISULTATO: RISORSE necessarie alla produzione di un unità TEMPI necessari alla produzione di un unità COSTI DIRETTI necessari alla produzione di un unità BIBLIOGRAFIA ESPERIENZA D IMPRESA PREVISIONE ANALISI COSTI E TEMPI ESECUZIONE RACCOLTA DATI CONSUNTIVI CONTROLLO ANALISI SCOSTAMENTI PRODUTTORI BANCA DATI Giuseppe Rigamonti - 28

15 esempio ANALISI DI RISORSE PER VOCI DI COSTO VOCE DI COSTO: ANALISI RISORSE: GETTO CLS: (var)=modalità di confezionamento e messa in opera MANODOPERA: numero, qualifica, tempi MATERIALI: tipo cls, quantità MEZZI E NOLI: tipologia, tempi GETTO CLS CONFEZIONATO IN OPERA E GETTATO CON GRU 1 Operaio specializzato h 2 Operaio qualificato ed h 1m 3 di CLS SQUADRA MINIMA TIPO GETTO CLS PRECONFEZIONATO E GETTATO CON POMPA 1 Operaio specializzato h 1 Operaio qualificato ed h 2 Manovale h 1 Manovale h Centrale di betonaggio h Cls Rck 25 ordinario 1.01 m 3 Sabbia, Cemento, H2O, ecc 1.01 m 3 Noleggio orario pompa 0.17 h Nolo di gru a torre 0.22 h Vibratore 0.20 h Vibratore 0.20 h Giuseppe Rigamonti FABBISOGNI PER FASI DI LAVORO CM x AR = CF Calcolo Fabbisogni a diversi livelli di WBS Dalla singola avorazione all intero cantiere ES: ESECUZIONE DEI PLINTI Scavi Getto magrone Posa armatura Casseratura Getto CLS CALCOLO DEL FABBISOGNO = QUANTITA x ANALISI RISORSE RISULTATI: RISORSE TOTALI necessarie per eseguire la fase di lavoro COSTI DIRETTI per l esecuzione della fase di lavoro TEMPI per l esecuzione della fase di lavoro Giuseppe Rigamonti - 30

16 Dal CALCOLO FABBISOGNI alla determinazione dei TEMPI DI ESECUZIONE Fabbisogno per fasi di lavoro prevede: Squadre Operative minime e Mezzi singoli TEMPI MINIMI di ESECUZIONE ACCELERAZIONE Incremento le risorse utilizzate sulla base di esperienze e conoscenza RESE Sq. Op. RIDUCO I TEMPI AUMENTO I COSTI ES: ESECUZIONE TAVOLATO IN FORATO 8cm A parità di materiali e mezzi adoperati 1 SQUADRA OPERATIVA T= 1h C= 10 2 SQUADRE OPERATIVE T= 30min - 50% C= 10 3 SQUADRE OPERATIVE T= 25min - 58% C= 12 = + 20% CRITICITA DEI MEZZI D OPERA Es: In uno scavo è inutile aumentare n Sq. Op. se non posso aumentare il n di escavatori. Ma nuovi mezzi vuol dire incremento COSTI per INTERFERENZE o PER RICORSO A Noleggi / Subappalti Esterni Giuseppe Rigamonti - 31 ESEMPIO DI CF e DETERMINAZIONE DEI TEMPI Computo Metrico id descrizione um Q E.1 Esecuzione di rivestimento esterno con mattoni a faccia vista mq 2050 Analisi delle Risorse id descrizione um Q 1 Operaio specializzato h 0,6 Risorsa Critica 2 Operaio qualificato h 0,6 3 Operaio comune h 0,6 4 Mattone pieno tipo paramano 12x25x5,5 p 49 5 Mattone 12x25x5,5 (1/2 matt.) p 7 6 Listello 25x2,5x5,5 p 5 7 Angolare a L 25x12x5,5 p 5 8 Malta bastarda mc 0,03 9 Vernice idrorepellente l 0,3 10 Ponteggio metallico esterno mq 1 11 Sega circolare a disco h 0,15 Calcolo Fabbisogni id descrizione um Q 1 Operaio specializzato h Operaio qualificato h Operaio comune h Mattone pieno tipo paramano 12x25x5,5 p Mattone 12x25x5,5 (1/2 matt.) p Listello 25x2,5x5,5 p 5 7 Angolare a L 25x12x5,5 p 5 8 Malta bastarda mc 0,03 9 Vernice idrorepellente l 0,3 10 Ponteggio metallico esterno mq 1 11 Sega circolare a disco h 0,15 (Durata per squadra operativa) = Dattività (N squadre operative)x(fi) Giuseppe Rigamonti - 32

17 ESEMPIO DI CM, AR, CF VOCE DI COSTO ANALISI RISORSE Getto cls Rck 25 S3 preconfezionato, per pilastri (s>20cm) con pompa MANODOPERA: numero, qualifica, tempi MATERIALI: tipo cls, quantità MEZZI E NOLI: tipologia, tempi Giuseppe Rigamonti - 33 ESEMPIO DI CM, AR, CF GIUSTIFICATIVI DELLE RESE Giuseppe Rigamonti - 34

18 ESEMPIO DI CM, AR, CF CALCOLO DEL FABBISOGNO DI RISORSE COMPUTO METRICO id descrizione um Q E.1 Getto di cls per pilastri m ANALISI DELLE RISORSE id descrizione um Q 1 Operaio specializzato h 0,22 2 Operaio qualificato h 0,22 3 Operaio comune h 0,22 4 Operaio comune h 0,22 5 Cls preconfezionato Rck 25, S3 m 3 1,01 6 Noleggio orario pompa H 0,2 7 Vibratore per cls p 0,22 FABBISOGNO RISORSE id descrizione um Q.tot. 1 Operaio specializzato h 22 2 Operaio qualificato h 22 3 Operaio comune H 22 4 Operaio comune h 22 5 Cls preconfezionato Rck 25, S3 m Noleggio orario pompa H 20 7 Vibratore per cls p 22 SQUADRA OPERATIVA DURATA Giuseppe Rigamonti - 35 DIAGRAMMA FABBISOGNO GENERALE DI COMMESSA E il risultato dell integrazione del CALCOLO DEI FABBISOGNI con la PROGRAMMAZIONE LAVORI RISULTATO: Costruzione del programma delle forniture (dopo la programmazione) Confronto PREVENTIVI / CONSUNTIVI durante l esecuzione dei lavori Giuseppe Rigamonti - 36

19 IL BUDGET DI COMMESSA PER CENTRI DI COSTO E RESPONSABILITA DI CONTROLLO CENTRI DI COSTO OPERATIVI DIRETTI (attività) Definiti nella WBS a livelli variabili (possibilità raggruppare e scompattare) Budget di previsione = COSTI DIRETTI necessari per l esecuzione di ogni attività (di cui il CF dà le risorse previste da consumare) CENTRI DI COSTO OPERATIVI INDIRETTI Per i Costi indiretti è bene creare dei CENTRI DI COSTO AUTONOMI parallelli a quelli della WBS e poi ridistribuiti sulle attività della commessa CENTRI DI COSTO OPERATIVI DIRETTI + INDIRETTI = BUDGET DI COMMESSA CENTRI DI COSTO INDIRETTI LF + GENERALI RESPONSABILITA CONTROLLO DA PARTE DELLA DIREZIONE AMMINISTRATIVA E GEN RESPONSABILITA CONTROLLO DA PARTE DELLA DIREZIONE CANTIERE Giuseppe Rigamonti - 37

20 ITER PROGETTUALE DELL'ANALISI TECNICA dalla SOLUZIONE TECNICA alla VOCE DI COSTO risposta alla VOCE D'OPERA IMPRESA b APPALTO 9403 POLO UNIVERSITARIO DI COMO PROGETTAZIONE TECNOLOGICA SOLUZIONE TECNICA PPV.1/2 Parete multistrato con: -rivestimento interno in intonaco civile tinteggiato -tamponamento in blocchi cavi di calcestruzzo vibrocompresso -isolantetermico in polistirene espanso -intercapedine d'aria -rivestimento esterno in laterizio faccia a vista SCELTA delle MODALITA' ESECUTIVE ed OPERATIVE CL.41.g. esecuzione RIVESTIMENTO ESTERNO IN LATERIZIO FACCIA A VISTA DOCUMENTI CONTRATTUALI SISTEMA DI CONTROLLO DI PROGETTAZIONE OPERATIVA VOCE d'opera art.1 (PT) RIVESTIMENTO PARAMANO RISPOSTA ECONOMICA IMPRESA A RICHIESTE DI CONTRATTO VOCE DI COSTO g.2 ESECUZIONE RIVESTIMENTO LATERIZIO FACCIA A VISTA QUANTIFICAZIONI E VALORIZZAZIONI ECONOMICHE E PRODUTTIVE (da dati consuntivi di Cantiere) ALLE RISORSE ASSEGNATE NORMALIZZATE DALLA PROGETTAZIONE OPERATIVA LAVORAZIONI: MT TRACCIAMENTO DI PARETE IN MATTONI O BLOCCHI MT PREPARAZIONE DEL PIANO DI POSA PER MURATURE MT PREPARAZIONE DEI MATTONI O BLOCCHI PER LA POSA MA PREPARAZIONE DELLA MALTA CEMENTIZIA MT POSA MURATURA IN MATTONI FACCIA A VISTA INDIVIDUAZIONE E ASSEGNAZIONE ISTRUZIONI DI LAVORO ALLE RISORSE STANDARD di SICUREZZA d'impresa STANDARD di CONTROLLO (prod. e ricev.) d'impresa RISORSE MANODOPERA =... MATERIALI=... NOLI MACCHINARI=... ATTREZZATURE=...

LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI DELLA COMMESSA: DAI COSTI DI IMPRESA AL PREZZO DI APPALTO

LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI DELLA COMMESSA: DAI COSTI DI IMPRESA AL PREZZO DI APPALTO LA STRUTTURAZIONE DEI COSTI DELLA COMMESSA: DAI COSTI DI IMPRESA AL PREZZO DI APPALTO Quando si parla di e analisi dei prezzi in edilizia, occorre definire un linguaggio e dare una struttura di riferimento:

Dettagli

La stima analitica del valore di costo: il computo metrico estimativo

La stima analitica del valore di costo: il computo metrico estimativo Laboratorio Integrato di Tecnologia Unità Didattica di Estimo a.a. 2010-11 Docente: Renato Da Re Collaboratrice: Valentina Antoniucci La stima analitica del valore di costo: il computo metrico estimativo

Dettagli

Processo edilizio e computo metrico estimativo

Processo edilizio e computo metrico estimativo Processo edilizio e computo metrico estimativo Seminario 11.V.06 A cura di arch. Federica Mottinelli Il Computo metrico estimativo Il Cme è il procedimento analitico per la stima del costo di costruzione

Dettagli

Project Management MANAGEMENT

Project Management MANAGEMENT Project Management IL PROCESSO EDILIZIO MANAGEMENT È la progressione di azioni connesse tra di loro, temporalmente e logicamente, per il conseguimento di uno o più obiettivi 1 MANAGEMENT AZIONE DIREZIONALE

Dettagli

Il Computo Metrico Estimativo

Il Computo Metrico Estimativo Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi La stima analitica del valore di costo: il Computo Metrico

Dettagli

Comune di POTENZA Provincia di Potenza COMPUTO METRICO

Comune di POTENZA Provincia di Potenza COMPUTO METRICO Comune di POTENZA Provincia di Potenza pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Biblioteca interfacoltà, aule polifunzionali e servizi nel campus universitario di Macchia Romana - Potenza COMMITTENTE: Università

Dettagli

Il tempo. Il tempo è denaro. la storia (1943) tecniche reticolari per la programmazione dei tempi -PERT - Benjamin Franklin

Il tempo. Il tempo è denaro. la storia (1943) tecniche reticolari per la programmazione dei tempi -PERT - Benjamin Franklin Università degli Studi di Pavia Facoltà di Ingegneria Corso di Tecnologie degli Elementi Costruttivi + Organizzazione del cantiere prof. Maurizio Costantini - a.a. 2003-2004 2004 tecniche reticolari per

Dettagli

Studio Contrino Rag. Gaspare - Seregno via Santuario n. 70 - Tel. (0362) 220979 Fax 328187

Studio Contrino Rag. Gaspare - Seregno via Santuario n. 70 - Tel. (0362) 220979 Fax 328187 OGGETTO: Circolare approfondimento Seregno, li 28 aprile 2010 IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA - ART. 17 c. 6 lett. a) Dpr 633/72 Il reverse charge (o inversione contabile) interessa per ora il solo settore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione Corso di (Edile) Prof.ssa Maria Sole Brioschi Il (non) controllo dei costi di una commessa

Dettagli

PARZ. Q.TA' PREZZO ( ) IMPORTO ( ) N Codice DESCRIZIONE U.M FATTORI

PARZ. Q.TA' PREZZO ( ) IMPORTO ( ) N Codice DESCRIZIONE U.M FATTORI 1 NP 01 Oneri per lo spostamento e l'accatastamento all'interno della chiesa di arredi in legno e suppellettili varie presenti sulla pavimentazione, compreso lo smontaggio degli elementi lignei del coro

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Introduzione al corso Cenni sulla gestione della commessa Pianificazione WBS delle attività Chi siamo fulvio.rececconi@polimi.it Note: - Orario; - Materiale didattico - Obbligo

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti A - Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti 1 01.A18.A25 Carpenteria varia per piccoli

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE Al termine della fase di classificazione (o suddivisione in capitoli), è possibile redigere l elenco delle voci (o articoli) che rappresentano la lavorazione da

Dettagli

UNIVERSITÀ DI FERRARA -- FACOLTÀ DI INGEGNERIA PROGETTAZIONE OPERATIVA. Codice OC1-010 ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE A.A. 2013/2014

UNIVERSITÀ DI FERRARA -- FACOLTÀ DI INGEGNERIA PROGETTAZIONE OPERATIVA. Codice OC1-010 ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE A.A. 2013/2014 L CANTIERE L CANTIERE A.A. 2013/2014 Docente: I PARTE L CANTIERE I La produzione edilizia e l organizzazione d impresa Pagina 1 di 6 I FATTORI DELLA PRODUZIONE Produzione: Creazione di nuova utilità trasformando

Dettagli

2. Stima sintetico-comparativa del costo di costruzione con individuazione delle incidenze percentuali e

2. Stima sintetico-comparativa del costo di costruzione con individuazione delle incidenze percentuali e Università IUAV di Venezia - Corso di Valutazione estimativa del progetto Prof. Stefano Stanghellini Esercitazione Stima del costo di costruzione di un opera (secondo le modalità del Decreto legislativo

Dettagli

Corso di estimo D 2004/2005

Corso di estimo D 2004/2005 Corso di estimo D 2004/2005 Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente logiche per

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ENAV S.p.A. ROMA ACC CIAMPINO pag. 1 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OGGETTO: Ristrutturazione Uffici, Piastra, Hall, Centro servizi, Foresteria e Sala Convegni - PROGETTO DEFINITIVO OPERE STRUTTURALI - STECCA

Dettagli

Corso di Estimo. Diagramma di Gantt. Prof. Stefano Stanghellini

Corso di Estimo. Diagramma di Gantt. Prof. Stefano Stanghellini Corso di Estimo Diagramma di Gantt Docente: Collaboratore: Prof. Stefano Stanghellini Arch. Alessandro Mascarello Perché si si calcola la durata del cantiere? La durata del cantiere si calcola per stabilire:

Dettagli

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente

Dettagli

. Pagina 20. P R E Z Z O Euro D E S C R I Z I O N E D E L L ' A N A L I S I

. Pagina 20. P R E Z Z O Euro D E S C R I Z I O N E D E L L ' A N A L I S I . Pagina 20 B.03.004 Pali trivellati di grande diametro eseguiti con fusto in calcestruzzo armato Rck 30, compresa la formazione del foro, l'onere della posa della gabbia metallica e gli eventuali sovraspessori

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management Che cos è il project management Gestione di un impresa complessa, unica e di durata determinata rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE I ICAR 11

ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE I ICAR 11 ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE I ICAR 11 Programma del corso da svolgere in quaranta ore di lezione e sedici ore di esercitazione Anno accademico 2008 / 2009 1 ) 15/09/08 Lunedì Ore 10,30 12,30 2 ) 19/09/08

Dettagli

Murature In blocchi a Faccia Vista Listino Prezzi

Murature In blocchi a Faccia Vista Listino Prezzi Murature In blocchi a Faccia Vista Listino Prezzi 2013 Offerta per l esecuzione in opera di Blocchi FV Di seguito siamo lieti di sottoporvi ns. miglior offerta per l esecuzione in opera di Blocchi FV alle

Dettagli

La procedura di programmazione e gestione del progetto

La procedura di programmazione e gestione del progetto Università degli Studi di Trento Programmazione Costi e Contabilità lavori a.a. 2003-4 La procedura di programmazione e gestione del progetto Marco Masera, dott. arch., d.d.r. ing. marco.masera@ing.unitn

Dettagli

Contratto di Servizio con il Comune di Venezia in data 06/10/97 n. rep. 16301.

Contratto di Servizio con il Comune di Venezia in data 06/10/97 n. rep. 16301. ALLEGATO I Contratto di Servizio con il Comune di Venezia in data 06/10/97 n. rep. 16301. Legge 139/92 Art. 5 Interventi per la salvaguardia di Venezia e la sua Laguna Interventi di risanamento statico

Dettagli

Unita di misura. 20.518,72 diametro 63mm. ml 2564,84 8,00 Fornitura e posa cavo ottico multifibra con armatura in

Unita di misura. 20.518,72 diametro 63mm. ml 2564,84 8,00 Fornitura e posa cavo ottico multifibra con armatura in VOCI DI SPESA Apparecchiature ed impianti :aerogeneratori e reti di connessione Opere civili: o fondazione degli aerogeneratori costituiti da plinto o strade di accesso alle singole turbine o piazzole

Dettagli

Tecnico per l edilizia. Figura professionale:

Tecnico per l edilizia. Figura professionale: Tecnico per l edilizia Disegnatore ed aiuto progettista CAD Tecnico di gestione commessa Tecnico di conduzione cantiere e di contabilità dei lavori Progettazione, conduzione tecnica e contabile dei cantieri

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

Il Sistema Integrato per la gestione delle Commesse

Il Sistema Integrato per la gestione delle Commesse Il Sistema Integrato per la gestione delle Commesse Luigi Caligaris Direttore Grandi Clienti Italia Massimo Piacentini Funzionario Commerciale Grandi Clienti Convegno CCC, Bologna, 1 dicembre 2009 STR

Dettagli

Cap. E.02 Fondazioni profonde:

Cap. E.02 Fondazioni profonde: Cap. E.02 Fondazioni profonde: Accolte le indicazioni su tempistiche diversificate, aggiunta del costo al metro cubo del piazzamento della pompa per il getto del calcestruzzo ed è stato aumentato il costo

Dettagli

ANALISI DEI COSTI. Comune di Ancona. Ristrutturazione e manutenzione di edificio in zona centrale. Lavori di: Impresa Bianchi Costruzioni.

ANALISI DEI COSTI. Comune di Ancona. Ristrutturazione e manutenzione di edificio in zona centrale. Lavori di: Impresa Bianchi Costruzioni. Esempio Comune di Ancona Lavori di: Ristrutturazione e manutenzione di edificio in zona centrale Esecutore: Impresa Bianchi Costruzioni ANALISI DEI COSTI Ancona, 04/11/2011 Codice voce: 01.20.001/001 U.M.:

Dettagli

PREZZO DI APPLICAZIONE mc 3,00

PREZZO DI APPLICAZIONE mc 3,00 01 Oneri di discarica per materiali da demolizione, esclusi i tossico-nocivi. - Prezzo di mercato per scarico a discarica di materiali da demolizione edile: si considera che 1 mc equivale a circa 1,6 t

Dettagli

Impianti ERP è il migliore investimento

Impianti ERP è il migliore investimento Impianti ERP è il migliore investimento ITALSOFT, azienda fondata nel 1986, ha distribuito i suoi prodotti con il marchio IBM fino al 1999, anno in cui ha certificato il suo sistema di qualità ISO 9001

Dettagli

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Università degli Studi di Cagliari D.I.M.C.M. Introduzione Il Proect Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Gestione dei Progetti Prof.

Dettagli

La Work Breakdown Structure

La Work Breakdown Structure La Work Breakdown Structure (WBS) Alessandro De Nisco Università del Sannio La WBS COSA E UNA WORK BREAKDOWN STRUCTURE La WBS (Work Breakdown Structure), talora denominata PBS (Project Breakdown Structure)

Dettagli

INCIDENZA PERCENTUALE DELLA MANODOPERA

INCIDENZA PERCENTUALE DELLA MANODOPERA Comune di Noto Provincia di Siracusa PROGETTO ESECUTIVO DEI LOCULI ZONA AREA LIBERA CIMITERO INCIDENZA PERCENTUALE DELLA ODOPERA Art. 39 D.P.R. 207/10 INCIDENZA PERCENTUALE DELLA ODOPERA N.R. ARTICOLO

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

INDICE. PARTE I I BILANCI NELL ECONOMIA PUBBLICA (Francesco Forte)

INDICE. PARTE I I BILANCI NELL ECONOMIA PUBBLICA (Francesco Forte) INDICE PARTE I I BILANCI NELL ECONOMIA PUBBLICA (Francesco Forte) Capitolo I BILANCIO PER OBBIETTIVI E PROJECT MANAGEMENT NELL ECONOMIA PUBBLICA IL BILANCIO PER OBBIETTIVI E IL PROJECT MANAGEMENT NELLE

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Classificazione attività economiche (ATECO 2007/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Classificazione attività economiche (ATECO 2007/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 4 OPERATORE EDILE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori.

Dettagli

LAVORAZIONI. Codici da utilizzarsi per la compilazione: Della Sezione B riquadro Lavorazioni

LAVORAZIONI. Codici da utilizzarsi per la compilazione: Della Sezione B riquadro Lavorazioni Cassa Edile LAVORAZIONI Codici da utilizzarsi per la compilazione: Della Sezione B riquadro Lavorazioni NATURA Altro Altro Altro 00 000 000 Costruzioni edili in nuove costruzioni Installazione cantiere

Dettagli

ANALISI DELLE INTERFERENZE: IL CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI PRESCRIZIONI PROCEDURALI ED ORGANIZZATIVE ESEMPI DI PROGETTI SPECIFICI

ANALISI DELLE INTERFERENZE: IL CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI PRESCRIZIONI PROCEDURALI ED ORGANIZZATIVE ESEMPI DI PROGETTI SPECIFICI ANALISI DELLE INTERFERENZE: IL CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI PRESCRIZIONI PROCEDURALI ED ORGANIZZATIVE ESEMPI DI PROGETTI SPECIFICI Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della

Dettagli

Articolazione temporale del processo produttivo e stima dell entità dei lavori. Lezione di approfondimento individuale Lezione 8 Costi in edilizia

Articolazione temporale del processo produttivo e stima dell entità dei lavori. Lezione di approfondimento individuale Lezione 8 Costi in edilizia Approfondimento # 4 Articolazione temporale del processo produttivo e stima dell entità dei lavori Lezione di approfondimento individuale Lezione 8 Costi in edilizia A cura dott.ssa Annalisa Michielan

Dettagli

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma 2 ISIPM

Dettagli

TERRITORI DEL MINCIO Via Principe Amedeo, 29-46100 MANTOVA Tel. 0376321312-0376329212 Fax 0376222852

TERRITORI DEL MINCIO Via Principe Amedeo, 29-46100 MANTOVA Tel. 0376321312-0376329212 Fax 0376222852 Allegato N.... CONSORZIO DI BONIFICA TERRITORI DEL MINCIO Via Principe Amedeo, 29-46100 MANTOVA Tel. 0376321312-0376329212 Fax 0376222852 www.territoridelmincio.it e-mail: info@territoridelmincio.it PROGETTO

Dettagli

ARCHIVIO DI BASE. by Sanmarco Informatica

ARCHIVIO DI BASE. by Sanmarco Informatica ARCHIVIO DI BASE MODULO BASE L'Area degli Archivi di Base permette la gestione di quelle informazioni che attivano le varie personalizzazioni sia a livello di singoli archivi che di moduli operativi. Vengono

Dettagli

RIF. POS. DESCRIZIONE U.M. Q.TÀ P.U. TOTALE CAPITOLO 1.

RIF. POS. DESCRIZIONE U.M. Q.TÀ P.U. TOTALE CAPITOLO 1. 1. CONSOLIDAMENTO VOLTE 1.01 SE.01 Svuotamento di volte mq. 187,49 1.02 SE.02 Consolidamento di volte mq. 187,49 1.03 SD.06 Soletta in cls armata per solai mq. 187,49 CAPITOLO 1. 124/09 3.S.CM (ADS) PAGINA

Dettagli

Impresa ERP è il migliore investimento

Impresa ERP è il migliore investimento Impresa ERP è il migliore investimento ITALSOFT, azienda fondata nel 1986, ha distribuito i suoi prodotti con il marchio IBM fino al 1999, anno in cui ha certificato il suo sistema di qualità ISO 9001

Dettagli

I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte II

I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte II I Fondamentali di Controllo di Gestione Parte II LA STRUTTURA DEL SISTEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE definizione di una struttura organizzativa costruzione della struttura tecnico contabile attivazione del

Dettagli

QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile

QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile La Società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante: - RISPONDERE a tutte le domande contenute nelle

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio Programmazione operativa Programmazione operativa La programmazione operativa è la traduzione della progettazione dei sistemi edilizi, in termini di programma temporale della fase esecutiva dell opera

Dettagli

FERRACIN. www.ferracinsrl.it SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA

FERRACIN. www.ferracinsrl.it SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA FERRACIN SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA VESPAIO SVELTO è un cassero a perdere in polipropilene riciclato adatto per realizzare vespai, intercapedini e pavimenti aerati in ogni tipo di costruzione nuova

Dettagli

LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI

LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI Computo metrico estimativo pag. 1 di 5 LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI 1 47 Sfalcio meccanico di vegetazione spontanea eterogenea costituita in prevalenza da canne e cespugli pulizia

Dettagli

Fax 0363.938688 issrl.it6 c 3 va 07 rl@ 3 s.93 is 63 c a l. 0 v et y t l i. a l ti r ) s g B s ( i o c v a o C v. 0 5 0 4 2

Fax 0363.938688 issrl.it6 c 3 va 07 rl@ 3 s.93 is 63 c a l. 0 v et y t l i. a l ti r ) s g B s ( i o c v a o C v. 0 5 0 4 2 BLOCCHI I NOSTRI SERVIZI SRL LA SOLUZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PARETI IN BLOCCHI Nel 2005 nasce Art Service Srl, società del gruppo Vacis specializzata nella posa di masselli autobloccanti e blocchi

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO ! Caratteristiche del Master Titolo del Master universitario: Livello: CONSTRUCTION MANAGEMENT (Gestione dei Processi Costruttivi e dei Cantieri) I Anno di attivazione: 2003 Facoltà: VI Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto Il Ciclo di e il Piano di Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Ciclo di IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO RISORSE TEMPO IDEAZIONE VALUTAZIONE PIANIFICAZIONE REALIZZAZIONE MANUTENZIONE FASE INIZIALE

Dettagli

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE Questionario per l assicurazione tutti i rischi della costruzione di opere civili (C.A.R.) E per l'assicurazione DECENNALE POSTUMA danni diretti all

Dettagli

STIMA INCIDENZA MANODOPERA

STIMA INCIDENZA MANODOPERA Comune di ROCCABRUNA Provincia di CUNEO pag. 1 STIMA INCIDENZA MANODOPERA OGGETTO: COMMITTENTE: DECRETO 6000 CAMPANILI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE TRAMITE PAVIMENTAZIONE ARE BORGATE COMUNALI

Dettagli

GOVERNANCE E COMUNICAZIONE DI IMPRESA

GOVERNANCE E COMUNICAZIONE DI IMPRESA Corso di laurea Magistrale Management e comunicazione d impresa Insegnamento di: GOVERNANCE E COMUNICAZIONE DI IMPRESA a.a. 2009/2010 MATERIALE DIDATTICO DOCENTE Christian Corsi ARGOMENTO RISCHI NEL PROJECT

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Milano 1/2 ottobre 2014

Milano 1/2 ottobre 2014 Milano 1/2 ottobre 2014 Protezione passiva dal fuoco di elementi strutturali quali: murature, cemento armato, solai in laterocemento e solai misti in lamiera grecata e calcestruzzo, mediante l applicazione

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. 100 LAVORI DI RECUPERO ALLOGGI DI E.R.P. IN S.PANCRAZIO SAL. (BR)

Dettagli

REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE

REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Circolare N. 62 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2007 REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Come noto (si veda la circolare 070119 CF ), dal 2007, alle prestazioni

Dettagli

Procedimento sintetico di costo

Procedimento sintetico di costo Procedimento sintetico di costo La stima sintetica del valore di costo La stima sintetica fornisce una previsione del più probabile costo di costruzione di un opera fondata sul confronto dell opera da

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Construction Contracts IAS 11. UNIVERSITA BERGAMO 2012 1 International Financial Reporting

Construction Contracts IAS 11. UNIVERSITA BERGAMO 2012 1 International Financial Reporting Construction Contracts IAS 11 1 International Financial Reporting Introduzione Obiettivi ü Identificare le parti coinvolte nel progetto ü Elencare e descrivere le tipologie di contraenti coinvolte ü Definire

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Individuazione dei criteri seguiti per la valutazione Per ogni lavoratore vengono individuati i relativi pericoli connessi con le lavorazioni stesse, le attrezzature impiegate

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Città di Spinea CASA DELL ACQUA Predisposizione area impianti Progetto preliminare Elaborato UNICO Spinea, 11.10.2013 Piazza del Municipio 1 30038 Spinea (VE) Tel.

Dettagli

SIGIC - Sistema Informativo Gestione Imprese di Costruzioni Un software gestionale integrato: la mossa giusta per la tua impresa

SIGIC - Sistema Informativo Gestione Imprese di Costruzioni Un software gestionale integrato: la mossa giusta per la tua impresa SIGIC - Sistema Informativo Gestione Imprese di Costruzioni Un software gestionale integrato: la mossa giusta per la tua impresa In 30 di esperienza sul campo maturata grazie alla stretta collaborazione

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

Strutture murarie. Lezione 2 L02

Strutture murarie. Lezione 2 L02 Strutture murarie Lezione 2 1 Cenni preliminari Nel passato veniva usata praticamente sempre la cosiddetta muratura continua. Dai tempi dei Romani, ad anche prima, si è sempre utilizzata, quindi è stata

Dettagli

Procedimento misto per la stima di costo

Procedimento misto per la stima di costo Procedimento misto per la stima di costo Venezia, 12 maggio 2005 Obiettivo e struttura della lezione L obiettivo della lezione è illustrare una metodologia di analisi del valore che consenta di pervenire

Dettagli

QUESTIONARIO C.A.R DECENNALE POSTUMA PER LEGGE 210

QUESTIONARIO C.A.R DECENNALE POSTUMA PER LEGGE 210 QUESTIONARIO C.A.R DECENNALE POSTUMA PER LEGGE 210 La Società si impegna a fare uso riservato delle notizie e delle informazioni riportate in questo questionario. 1) Nominativi Contraente Domiciliato in

Dettagli

LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA Ordine degli Architetti di Savona 13 maggio 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Art. 100. (Piano di sicurezza e di coordinamento) Comma 1. Il piano è costituito

Dettagli

PONTEGGI CASSEFORME ACCESSORI PER L EDILIZIA. Un Azienda che fa della qualità e il servizio il suo punto di forza NOLEGGIO E VENDITA

PONTEGGI CASSEFORME ACCESSORI PER L EDILIZIA. Un Azienda che fa della qualità e il servizio il suo punto di forza NOLEGGIO E VENDITA PONTEGGI CASSEFORME ACCESSORI PER L EDILIZIA Un Azienda che fa della qualità e il servizio il suo punto di forza NOLEGGIO E VENDITA PONTEGGIO MULTIDIREZIONALE UNICO MULTIDIREZIONALE SOVRAPPONIBILE CON

Dettagli

TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE

TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Como / Collegio dei Geometri della Provincia di Como / Ordine degli Architetti della Provincia di Como / Ordine

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO DOCUMENTRO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.LGS. N. 81/2008) STAZIONE APPALTANTE: Comune di

Dettagli

La stima del valore di costo

La stima del valore di costo La stima del valore di costo 14.XI.2005 I costi del progetto Due sono i casi con produzioni di beni per progetto: un primo caso riguarda la produzione di beni intesa come promozione immobiliare un secondo

Dettagli

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione dei Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Metodologie operative Pianificazione e dimensionamento di un progetto Controllo e gestione operativa del progetto.

Dettagli

Gli strumenti del project management

Gli strumenti del project management Gli strumenti del project management Il ciclo di pianificazione e controllo dei progetti Pianificazione e controllo è il processo mediante il quale si governa lo svolgimento di un attività. In sostanza

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Controllo di Gestione e Gestione Commesse TARGET DEL MODULO Il modulo Controllo di Gestione e Gestione Commesse di Passepartout Mexal è stato progettato

Dettagli

L unico sul mercato ad essere

L unico sul mercato ad essere ERP Web 2.0 per Imprese di Costruzioni e Impiantistiche Aumenta da oggi la Redditività (Mol) della tua impresa fino al 5-7% del tuo fatturato con il nuovo ERP Gestionale A.MER.I.C.A Web Edition nato per

Dettagli

La WBS. Lo scopo del progetto

La WBS. Lo scopo del progetto La WBS Lo scopo del progetto La WBS è lo strumento di pianificazione e controllo applicabile a qualsiasi tipo di progetto al fine di fornire una completa descrizione dello scopo del progetto. Col nome

Dettagli

La pianificazione dei tempi di costruzione

La pianificazione dei tempi di costruzione I tempi di costruzione- Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 1/30 La pianificazione dei tempi di costruzione 1. LA RAPPRESENTAZIONE INTEGRATA DEL PIANO La tecnica di programmazione

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Tramonti Provincia di SA DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: REALIZZAZIONE

Dettagli

Unical I prelievi di calcestruzzo

Unical I prelievi di calcestruzzo Unical I prelievi di calcestruzzo Argomenti trattati I prelievi di calcestruzzo Il controllo di accettazione Il prelievo di conformità eseguito in contraddittorio Domande frequenti I p re l i e v i d i

Dettagli

Coerentemente agli altri prezzi di elenco Regione Piemonte, adattando la riduzione del 15%, si applica: 0,93 /mc

Coerentemente agli altri prezzi di elenco Regione Piemonte, adattando la riduzione del 15%, si applica: 0,93 /mc Bonifica da ordigni bellici N.P.1S Note: la bonifica si svolge per successivi passaggi di cercamine selettivo; tenuto conto che l efficacia del cercamine è di 30 cm, necessitano 3,33 passaggi a mc di scavo

Dettagli

MioERP. Immobiliari. Business Unit Consulenza e software per le aziende edili. www.italsoft.net

MioERP. Immobiliari. Business Unit Consulenza e software per le aziende edili. www.italsoft.net MioERP Immobiliari Business Unit Consulenza e software per le aziende edili MioERP Immobiliari La soluzione gestionale per l attività immobiliare Grazie all'esperienza ventennale maturata nella consulenza

Dettagli

Modulo 1. Nozioni di base

Modulo 1. Nozioni di base Modulo 1. Nozioni di base Obiettivi Il percorso formativo proposto dal corso di Ingegneria Economica non può prescindere dalla conoscenza di alcuni linguaggi fondamentali. Il modulo persegue quindi lo

Dettagli

Figure di Presidio Richieste dall All.II.2: Responsabile Unità Operativa Sede Principale del Sistema di gestione della Qualità Aziendale

Figure di Presidio Richieste dall All.II.2: Responsabile Unità Operativa Sede Principale del Sistema di gestione della Qualità Aziendale Allocazione delle Attività dei responsabili posti a presidio dei processi Aziendali e delle sedi operative di Roma e Cassino, secondo quanto richiesto dalla DGR 968/07 e dall All.II.2, all interno del

Dettagli

INTRODUZIONE LA FORMAZIONE PROFESSIONALE? e il TUO LAVORO che TE LA CHIEDE. CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE finanziabili con Voucher Formativo

INTRODUZIONE LA FORMAZIONE PROFESSIONALE? e il TUO LAVORO che TE LA CHIEDE. CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE finanziabili con Voucher Formativo INTRODUZIONE LA FORMAZIONE PROFESSIONALE? e il TUO LAVORO che TE LA CHIEDE CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE finanziabili con Voucher Formativo FORMAZIONE MANAGERIALE per il TURISMO FORMAZIONE MANAGERIALE per

Dettagli

OGGETTO: OPERE DI SALVAGUARDIA IDRAULICA NELL'AREA URBANA DEL TERRITORIO DI TRIGGIANO - DEVIATORE COMMITTENTE: Comune di Triggiano

OGGETTO: OPERE DI SALVAGUARDIA IDRAULICA NELL'AREA URBANA DEL TERRITORIO DI TRIGGIANO - DEVIATORE COMMITTENTE: Comune di Triggiano ALLEGATO B Comune di Triggiano Provincia di Ba ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Probabilità ed entità del danno, valutazione dell' al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs aprile n., Art. e Allegato XV) - (D.Lgs

Dettagli

Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione. Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing.

Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione. Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing. Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing. Sara Domini Venezia, 29 Aprile 2010 Norme di misurazione Definizione Sono delle convenzioni

Dettagli

IL GIUSTO PARTNER. www.licon.it

IL GIUSTO PARTNER. www.licon.it IL GIUSTO PARTNER www.licon.it Affidatevi ad un consulente globale LICON si propone alle aziende come un consulente globale per lo sviluppo di soluzioni gestionali personalizzate ad alto valore aggiunto,

Dettagli

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Il Project management Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Progetto. La nozione Un progetto costituisce un insieme di attività, complesse e interrelate, aventi come fine un obiettivo

Dettagli