Non è stato tutto facile.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Non è stato tutto facile."

Transcript

1

2 PEGASO GROUP è la casa che ospita chi ha condiviso una deontologia professionale, che ha radici nella tradizione e ha dato un significativo contributo affermandosi in modo così determinante in Italia e all estero. Una squadra che dal 2001 ad oggi è impegnata a sviluppare e ottimizzare le proprie competenze professionali, orgogliosa di aver conseguito due attestazioni che premiano l impegno e la qualificano fra le persone per bene : Rating di legalità, attribuito dall Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (**+); Certificazione ISO 9001:2008, relativamente a: o Direzione lavori; o Coordinamento sicurezza in fase di esecuzione e progettazione; o Servizi di controllo ambientale in fase di realizzazione; o Project & amp; construction management consulting; o Servizi di progettazione per il settore dei trasporti a guida vincolata ; o Erogazione di servizi informatici; o Servizio di prevenzione e protezione. Il modello organizzativo e di erogazione dei servizi, certificato, è la architettura del progetto e sviluppo della nostra Piattaforma Genesis, quale strumento utile per la gestione di tutte le informazioni dell opera, creando un legame trasparente e in tempo reale con gli organi di controllo. Non è stato tutto facile. l entusiasmo iniziale e, inutile negarlo, la consapevolezza delle complessità e correlazioni con i vari soggetti impegnati nella realizzazione di una grande opera sono stati messi a dura prova. Non è stato facile tener fede al nostro motto: tempi e costi del progetto sono i nostri obiettivi, ma riteniamo di esserci finora riusciti. È stato per noi un privilegio partecipare ai lavori: Nuova tratta AV Milano Bologna; Nuova tratta autostradale Catania Siracusa; Nuova tratta autostradale BreBeMi (Brescia Bergamo Milano); Nodo AV di sottoattraversamento di Firenze e nuova stazione; Maxi lotto 1 del quadrilatero Marche-Umbria. E così contiamo di continuare Con Competenza, Dignità, Serietà e Orgoglio Professionale.

3 PEGASO INGEGNERIA Consiglio d amministrazione CdA SISTEMA INGEGNERIA Consiglio d amministrazione CdA PRESIDENTE G. Giotto DIREZIONE TECNICA A. Pagano SISTEMA INGEGNERIA AMMINISTRATORE DELEGATO E. Pagnoni RAPPRESENTANTE DIREZIONE QUALITA E SICUREZZA B. Meucci AMMINISTRATORE DELEGATO E. Pagnoni PRESIDENTE M. Agnoletti DIREZIONE TECNICA G. Tomaiulo DIREZIONE TECNICA R. Baldini Team di Commessa UFFICIO GESTIONE SISTEMA QUALITÀ E SICUREZZA F. Gianola B. Meucci Team di Commessa Servizi DL / CSE Team di Commessa Servizi di progettazione DL SICUREZZA AMBIENTE RSPP A. Mencoboni DL SICUREZZA AMBIENTE INFORMATION TECHNOLOGY A. Lioi SERVIZIO PIATTAFORMA GENESIS OnTime Consiglio d amministrazione CdA DIREZIONE COMMERCIALE AMMINISTRATIVA E. Pagnoni PRESIDENTE E. Pagnoni RESPONSABILE SERVIZIO F. Tosi SERVIZI GENERALI SG C. Pagnoni B. Meucci HUMAN RESOURCES HR C. Pagnoni COMMERCIALE GARE CG R. M. Costantini

4 Dall esperienza maturata nell attività rivolta alla realizzazione di grandi infrastrutture dell ultimo ventennio: - linee metropolitane di Milano - linea 1 (prolungamenti), - linea 2, - linea 3, - Passante Ferroviario di Milano, - Sistema aeroportuale italiano, nasce nel 2000 la Società Pegaso Ingegneria s.r.l PEGASO INGEGNERIA

5 I SOCI FONDATORI Luciano Arosio: ingegnere della Metropolitana Milanese, ha maturato un importante esperienza sia nella progettazione sia nella Direzione dei Lavori. Giancarlo Giotto: ingegnere dell ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile), ha svolto numerosi incarichi in qualità di: Direttore dei Lavori, Ingegnere Capo, Alta Sorveglianza, Collaudatore, consulente specialistico nella Progettazione di Opere di Ingegneria Civile. Emidio Pagnoni: architetto che ha maturato l esperienza professionale, prima come libero professionista quindi come dirigente della Metropolitana Milanese, nell ambito sia della Direzione dei Lavori sia del Project Control. 8 9

6 Nell arco di questi anni, il nucleo societario è andato progressivamente arricchendosi fino a raggiungere l attuale corpo: un gruppo di tecnici che porta avanti l operato di PEGASO in un ottica condivisa. La consapevolezza dell importanza di una gestione comune degli aspetti di qualità, di sicurezza e di protezione ambientale, di etica e responsabilità sociale nel campo della progettazione e della Direzione Lavori, la volontà da parte della Direzione di sensibilizzare sull argomento il personale e la possibilità così concessa di una maggiore libertà organizzativa, portano alla creazione di un unica struttura che si occupi di tali aspetti. Dal febbraio 2001, il consorzio Cepav Uno, General Contractor della tratta ad Alta Velocità Milano-Bologna, ha affidato a PEGASO INGEGNERIA l incarico di Direzione dei Lavori e Coordinamento in materia di Sicurezza e di Salute in fase di esecuzione dei seguenti Lotti: Lotto Costruttivo 1.1: da pk a pk km (provincie di Milano e Lodi) Lotti Costruttivi 3.1 e 3.2: da pk a pk km (provincia di Reggio Emilia) Lotti Costruttivi 4.1, 4.2, 4.3: da pk a pk km (provincie di Modena e Bologna) Lotti costruttivi 6.1, 6.2 e 6.A: Impianti Tecnologici e di Segnalamento della nuova linea ferroviaria e della tratte della linea storica interessate. Lotto costruttivo 5 (2007): Armamento ferroviario di tutta la tratta MI-BO

7 Dal febbraio 2005, l Impresa Pizzarotti & C S.p.a C.G. dell opera di completamento del tratto stradale Catania - Siracusa con caratteristiche autostradali, compreso fra le località Passo Martino, lungo l asse dei servizi della città di Catania ed il Km della SS 114, ha affidato a PEGASO INGEGNERIA l incarico del Coordinamento in materia di Sicurezza e di Salute in fase di esecuzione. Dall ottobre 2006 la SOCIETA PEGASO Ingegneria svolge l incarico di Coordinamento in materia di Sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione per la realizzazione della nuova acciaieria del Gruppo Arvedi di Cremona. Il progetto di costruzione del nuovo impianto è consistito nella realizzazione di capannoni industriali e nell esecuzione di montaggi di macchine e impianti connessi alla realizzazione di linee di produzione quali forni, colata continua, laminatoio, torri di raffreddamento e recupero acque, impianti di trattamento fumi, sottostazione elettrica e impianti minori annessi. Dall Aprile 2008 PEGASO INGEGNERIA è impegnata nel Project Management (Ingegneria di dettaglio, gestione degli acquisti e supervisore della costruzione) del progetto di ristrutturazione ed ampliamento dei campi di Mboundi Ekouakouala per il personale di Eni Congo nella Repubblica del Congo (Brazville). Cliente: Eni Congo/Snamprogetti. Dal 14 luglio 2006 il Sistema di Gestione di PEGASO viene certificato dal Boureau Veritas Italia S.p.a.- Divisione BVQI e giudicato conforme alla norma ISO 9001:2000. Il 18 luglio 2008 è stata effettuata la visita di mantenimento da parte di Boureau Veritas Italia S.p.a.- Divisione BVQI con esito positivo

8 La PEGASO INGEGNERIA s.r.l. offre servizi di Architettura, Ingegneria Civile che, in sintesi, possono riassumersi nelle seguenti attività tecnico-professionali: Direzione lavori e collaudi tecnico-amministrativi per opere di architettura ed ingegneria civile; Coordinamento in fase di progettazione ed esecuzione della Sicurezza in ambito privato e pubblico; Verifica e sorveglianza diretta del cantiere, anche giornaliera, con impiego di personale specializzato a supporto della D.L. e delle imprese esecutrici; Project control management; Computi metrici estimativi, capitolati d appalto, elenco prezzi e contratti; Misurazioni topografiche per l architettura e l ingegneria civile; Assistenza ai collaudi tecnico-amministrativi, per opere Pubbliche e Private; Progettazione definitiva, esecutiva e costruttiva: per opere Pubbliche e Private, in ambito civile, industriale, commerciale e specialistica civile in ingegneria ed architettura; Misura e contabilità dei lavori, per opere Pubbliche e Private; Consulenze aeronautiche; Illustrazione digitale ad alto realismo, rendering, fotoinserimenti ed animazione 3D a supporto di progetti d architettura, d ingegneria civile e di urbanistica

9 Nel campo aeronautico la PEGASO INGEGNERIA è presente nei settori di pianificazione e progettazione. In particolare vengono svolte le seguenti attività: Pianificazione aeroportuale (master plan), progettazione e studi di fattibilità per piste di volo, eliporti, elisuperfici, aviosuperfici; Audit e verifiche conformità standard ICAO ENAC delle infrastrutture aeroportuali (piste, strip area, R.E.S.A., ecc.) Rilevamento, elaborazione e gestione dati, ricerca e sviluppo di modelli matematici e statistici con particolare riferimento all impatto ambientale degli aeroporti (INM, EDMS, SMS, Risk assesment, ecc.); Studi di mitigazione, risanamento e protezione ambientale (impatto acustico, atmosferico, smaltimento fluidi de ice-anti ice, pulizia pista e piazzali); Partecipazione ai lavori delle commissioni aeroportuali; Formazione tecnico-operativa per operatori aeroportuali e tecnici aeronautici; Partecipazione organismi delegati alla Security e alla Safety aeroportuale, consulenza ed assistenza per conformità Annesso 14 ICAO, Legge ex 58/63, nuovo Codice della Navigazione, normativa JAA e direttive UE; Audit e drills per Security aeroportuale, Safety con verifiche periodiche per sistemi ed impianti operativi di terra e di volo; Valutazione e pianificazione third part risk Piano Rischio Terzi (Public Safety Zone) nell intorno aeroportuale; Consulenze e analisi Allerta - Rischio Impatto volatili Pronto intervento,task force e Team di controllo periodico per fronteggiarlo; Consulenza peritale su aeromobili e loro parti; Consulenza tecnica post incidentale. Sia per la pianificazione aeroportuale che per l analisi dell impatto acustico degli aeroporti in esercizio la PEGASO INGEGNERIA provvede allo studio delle rotte, delle procedure di avvicinamento e decollo, ai rilevamenti fonometrici, a modellazioni nelle varie ipotesi di interventi per la loro ottimizzazione onde ottenere con il miglior rapporto costi-benefici il conseguimento degli obiettivi ambientali previsti dalle norme. Per la Safety aeroportuale la valutazione dei rischi avviene non solo attraverso una verifica del rispetto degli aspetti normativi legati alla sicurezza intrinseca di ogni singola infrastruttura (approccio storico, liste di controllo, indici di rischio), ma più in generale con studi di sicurezza per impianti industriali mediante l applicazione di metodologie consolidate per l analisi dei rischi, quali l analisi di operabilità (Hazard and Operability Studies), l FMEA (Failure Mode Effect Analysis), la What If, la Safety Review, l analisi probabilistica degli eventi (albero dei guasti o Fault Tree) e delle loro conseguenze (albero degli eventi o Event Tree)

10 C O N T C O N T R A D A R A G N O L A STRUTTURA ORGANIZZATIVA 42 Dipendenti 3 Collaboratori 6 Dirigenti 6 Quadri 30 Impiegati 31 Laureati 20 Ingegneri 6 Architetti 1 Biologo 1 Lettere Moderne 1 Sc. Beni Culturali 1 Economia 2 Geologi 1 Dott. Scienze Pol. 11 Diplomati 1 Ingegneri Senior 1 Ingegnere 1 Diplomato C O N T R A D A R A G N O L A 18 19

11 La competitività, la qualità delle Risorse Umane, nonché la soddisfazione del cliente e degli stekolder (parti interessate) in generale, sono i Valori che la Direzione della PEGASO INGEGNERIA coltiva, per garantirsi un miglioramento continuo della propria posizione nel mercato dei Servizi di Ingegneria ed Architettura. I principali fattori che concorrono al successo, cioè all aumento della competitività nei mercati, sono sostanzialmente riconducibili a due diversi focus: LA METODOLOGIA OPERATIVA Analisi del problema e PLAN pianificazione delle attività Riesame e correzione ACT DO Implementazione di quanto pianificato CHECK Controllo e verifica dei risultati 1) La maggior efficienza interna: intesa come capacità dell Organizzazione di dare risposte al Cliente e alle parti interessate, nei tempi e nei modi pattuiti, adattandosi con flessibilità ai diversi mutamenti organizzativi che il mercato richiede; 2) La capacità di offrire prodotti e servizi a valore aggiunto, capaci di distinguersi da quanto presente nel mercato. La volontà della Direzione di implementare un Sistema di gestione Qualità conforme alla norma ISO 9001:2000 è stato il primo passo che PEGASO ha effettuato nel 2006 per garantire una pianificazione e monitoraggio dei Processi, al fine di proporre al Cliente l immagine di una Società strutturata, capace di gestire i propri Servizi/prodotti con logiche manageriali. L intenzione di estendere tale sistema agli altri processi aziendali nasce dalla volontà di implementare nuovi Servizi da Certificare (Coordinamento per la Sicurezza in Fase di Progettazione, attività di Monitoraggio Ambientale, Project Control etc.), in linea con quanto richiesto dai nuovi Bandi di Gara per Opere di una certa complessità. Inoltre, la consapevolezza della responsabilità di proporre al mercato un prodotto sempre più completo, che coniughi Qualità, Sicurezza e Ambiente, in una visione integrata del processo di erogazione del Servizio stesso, si sviluppa attraverso una logica interna di maggior efficacia/efficenza della gestione delle risorse e in una logica esterna in termini di approccio all erogazione dei Servizi forniti, con una maggiore sensibilità alle problematiche di Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro e riduzione degli impatti ambientali

12 Un altra azione che la Direzione Aziendale ha fortemente voluto è la creazione di un Modello Organizzativo di Prevenzione Reati (MOPR), così come previsto dal D.Lgs. 231/2001 e s.m.i., in una logica integrata con il futuro Sistema di Gestione Integrato Qualità e Ambiente. La Volontà di arrivare alla gestione dei Servizi secondo le tipiche logiche delle Aziende manifatturiere, ed in particolare del Settore Costruzioni, attraverso l introduzione del ruolo di Responsabile Gestionale Commessa, disgiunto dai tradizionali ruoli professionali di Progettista e Direttore Lavori, fa si che l implementazione di un MOPR integrato in una logica sistemica dia maggiore valore all erogazione del Servizio, ed una maggiore tutela alla struttura Aziendale nel perseguire la propria Mission. Quanto fino ad ora enunciato non va letto come l insieme degli adempimenti legislativi che ogni Società deve soddisfare, ma come l implementazione attraverso l applicazione di Norme volontarie, riconosciute a livello internazionale (ISO 9001 e ISO 14001) di uno strumento di direzione volto ad assicurare una corretta gestione dei processi erogati. Ovviamente il tutto è legato al raggiungimento dei seguenti risultati: - margini di redditività (ROE, ROI, MOL); - pagamento di minori premi Assicurativi; - crescita delle risorse umane; - soluzioni di partnership con soggetti esterni; - attenzione alla Progettazione, Ricerca e Sviluppo di nuovi prodotti o tecnologie da proporre al Mercato e alla Parti interessate. La capacità di un Sistema/Organizzazione di raggiungere gli obiettivi pianificati deriva dall impegno e dal coinvolgimento di tutte le funzioni aziendali e soprattutto della Direzione. Si riportano di seguito due grafici sintetici sui fattori umani che influenzano i Sistemi e sul concetto di Rischio nell accezione più ampia del termine: economico, finanziario, ambientale, sicuristico. ELEMENTI CHE INFLUENZANO IL SISTEMA RAPPORTO TRA GLI ELEMENTI COSTITUTIVI 22 23

13 C O N T R A D A R A G N O L A C O N T C O N T R A D A R A G N O L A La Società ha iniziato la sua attività nel 2001, conseguendo i seguenti fatturati: Ufficio Servizi Generali SEG L. MOCCIA Milioni Migliaia formazione del personale - sviluppo software - dotazione hardware Migliaia 24 25

14 C O N T R A D A R A G N O L A C O N T Gli importi dei Lavori diretti dalla Società al nell ambito della tratta ad Alta Velocità Milano Bologna, calcolati in relazione alle classi e categorie di cui alla L. 143 del 1949, sono: Classi e categorie Ib Id If Ig IIIa IIIb IIIc IVb IVc VIa VIb VIIa VIII IXa IXb IXc totale C O N T R A D A Importi R A G N O L A , , , , , , , , , , , , , , , , , Ib Id If Ig IIIa IIIb IIIc IVb IVc VIa VIb VIIa VIII IXa IXb IXc Classi e Categorie Lavori in milioni di euro Gli importi dei Lavori diretti dalla Società al nell ambito dell opera di completamento del tratto stradale Catania - Siracusa con caratteristiche autostradali,, calcolati in relazione alle classi e categorie di cui alla L. 143 del 1949, sono: Classi e categorie 1d Ig IIIc VIa VIII IXc totale Importi 370, , , , , , , Id Ig IIIc VIa VIII IXc Classi e Categorie Lavori in milioni di euro 26 27

15 Sviluppo tracciato: Interconnessioni (n. 8): Interventi su rete esistente: Nuova viabilità: Provincie attraversate: Comuni attraversati: Superficie destinata a interventi a verde: Tempi di percorrenza (attuale 1h 42 min): Personale impiegato (medio annuo 04): Investimento: Avanzamento lavori (sett 05): Attivazione: 182 Km 28 Km 35 Km 90 Km ettari 60 min unità mln 75 %

16 SISTEMA DI PONTI STRADALI AD ARCO CALATRAVA VALS Linea Ferroviaria ad Alta Velocità Milano-Bologna Committente: CEPAV UNO (GC) Importo delle opere: ,00 DL e Coordinamento Sicurezza in fase di Esecuzione: PEGASO INGEGNERIA Periodo delle prestazioni: aprile 2004 oggi (finiture in corso) Il sistema di ponti stradali ad arco, progettati dallo studio Arch. S. Calatrava Vals e realizzati nell ambito del progetto Alta Capacità - Alta Velocità Ferroviaria, trova ubicazione nel nuovo progetto per l asse attrezzato del Comune di Reggio Emilia. Il ponte principale IV61B scavalca ortogonalmente l autostrada A1 e la costruenda linea ferroviaria A.V. e presenta una struttura ad arco in acciaio di lunghezza m, con luce unica tra gli appoggi di 218,40 m e peso totale di circa t. La struttura portante dell impalcato, tutta in acciaio, è composta da moduli tra loro saldati costituiti da piastra ortotropa, cassone centrale e travi a sbalzo (costole). Il ponte presenta due carreggiate con 4 corsie di marcia e due passaggi ciclo-pedonali di 2 m di larghezza posti all estremità trasversale. L impalcato è ancorato per mezzo di coppie di cavi all arco sovrastante. La sezione trasversale misura 25.6 m per tutto lo sviluppo longitudinale. I due ponti gemelli IV61A-C, posti a monte e valle dell IV61B, trovano ubicazione sulle rotatorie alle intersezioni dell'asse attrezzato e precisamente su Via Filangeri e all uscita del casello Autostradale A1 di Reggio Emilia. L impalcato misura 179 m da spalla a spalla, è a strallo con un pilone centrale ad arco posto perpendicolarmente alla direzione delle 2 carreggiate. Il pilone centrale, con altezza di 69 m, raggiunge il punto culminante più alto nel vertice a quota m s.l.m. Dall arco centrale si diramano 25 coppie di cavi che sorreggono il cassone centrale. La distribuzione dei cavi di collegamento tra cassone e arco-pilone hanno un andamento di iperbole per culminare centralmente nel pilone arcuato. La sezione trasversale del ponte misura m per tutta la sua lunghezza. L arco è a sezione chiusa, di forma eptagonale

17 VIADOTTO MANCASALE Linea Ferroviaria ad Alta Velocità Milano-Bologna Committente: CEPAV UNO (GC) Importo delle opere: ,00 DL e Coordinamento Sicurezza in fase di Esecuzione: PEGASO INGEGNERIA Periodo delle prestazioni: giugno 2002 ottobre 2006 Viadotto denominato Mancasale sulla linea Alta Capacità - Alta Velocità Milano-Napoli, tratta MI-BO tra il Km ed il Km ed identificato con codice WBS VI69. L opera, ubicata nel Comune di Reggio Emilia e realizzata per conto della TAV dal Consorzio CEPAV UNO, corre in affiancamento alla carreggiata nord dell autostrada A1 NA-MI, scavalcando la linea ferroviaria esistente Reggio- Guastalla, ed è costituita da tre impalcati posti in affiancamento, che sostengono rispettivamente la linea a doppio binario centrale e le due linee a singolo binario laterali. Longitudinalmente il viadotto si sviluppa in 20 campate di cui: - 17 hanno luce di 25.4 m con impalcato realizzato mediante 8 travi a cassoncino (4 centrali e 2+2 laterali), in c.a.p. a trefoli aderenti, tra loro accostate e appoggiate agli estremi sui pulvini delle pile. Successivamente le travi sono state solidarizzate trasversalmente tramite la precompressione dei trasversi, disposti due in testata e due ad un terzo della luce, e dal getto in opera della soletta superiore collaborante; - 2 hanno interasse m e 1 di luce m con Impalcati realizzati mediante solettone a travi laminate incorporate nel calcestruzzo e successiva precompressione trasversale. I pali di fondazione sono Ø 1500 con profondità variabile da 36,00 a 55,00 m; ogni fondazione della pila è fondata su 21 pali mentre le fondazioni delle due spalle laterali poggiano su 36 pali ciascuna. Le opere in elevazione sono composte da 57 pile e 2 spalle con sviluppo in altezza variabile da 4.75 m a 6.30 m

18 VIADOTTO BRENNERO Linea Ferroviaria ad Alta Velocità Milano-Bologna Committente: CEPAV UNO (GC) Importo delle opere: ,76 DL e Coordinamento Sicurezza in fase di Esecuzione: PEGASO INGEGNERIA Periodo delle prestazioni: marzo 2003 ottobre 2006 Viadotto ferroviario Alta Velocità tratta MI-BO, tra la progressiva e la progressiva ed identificato con codice WBS VI74. L opera ubicata nel Comune di Campogalliano (MO) è costituita da 3 tratti (VI74A, VI74B, VI74C) che si estendono su due vie separate. I tratti A e C sono composti rispettivamente da 15 e 53 campate, presentano le medesime caratteristiche costruttive e, in particolare, la soluzione adottata prevede l utilizzo di un impalcato tipo isostatico a via di corsa con sezione a guscio. L impalcato è a singola via e pertanto il viadotto viene costituito da due impalcati affiancati. L impalcato tipologico presenta una luce pari a m, anche se nel tratto C sono presenti impalcati di luce pari a 29,00 m, con sezione trasversale di dimensioni pari a 3.5 m per 9.0 m (altezza per larghezza) e forma ad Omega. L impalcato è precompresso attraverso un sistema di 20 cavi da 12 trefoli da 0.6 pollici, è stato prefabbricato in cantiere e successivamente posto in opera mediante un apposito carro di varo che transita sul piano precedentemente assemblato. Il Tratto B differisce dai precedenti in quanto costituito da due impalcati iperstatici a tre campate (affiancati per realizzare le due vie di corsa) posti a scavalco dell autostrada A22 Brennero-Modena. L originale metodo costruttivo, con l impiego di una centina metallica a struttura portante reticolare, ha consentito l esecuzione delle singole travate e del loro disarmo in modo indipendente, applicando in fasi indipendenti la precompressione

19 NUOVO SVINCOLO E NUOVO CASELLO AUTOSTRADALE DI LODI Linea Ferroviaria ad Alta Velocità Milano-Bologna Committente: CEPAV UNO (GC) Importo delle opere: ca DL e Coordinamento Sicurezza in fase di Esecuzione: PEGASO INGEGNERIA Periodo delle prestazioni: settembre 2002 oggi (finiture in corso) Il nuovo Svincolo e il nuovo Casello Autostradale di Lodi al km A1 si compongono di un insieme di opere realizzate per consentire il passaggio della costruenda a linea A.V. MI-BO. L intervento consiste nello spostamento dell esistente casello autostradale di Lodi di circa 150 m verso Nord e dei relativi rami di svincolo di circa 500 m verso Milano. Tale spostamento consente l inserimento della nuova Linea AV in costruzione tra il casello stesso e la sede autostradale esistente. L impianto del nuovo svincolo ricade nella tipologia a trombetta. L attraversamento della Linea AV avviene mediante una galleria artificiale (WBS GA03) sormontata dalle rampe in ingresso e in uscita dall Autostrada A1 direzione Milano e Bologna (WBS IR07), mediante un nuovo cavalcavia autostradale (WBS IV05) di collegamento alle rampe in ingresso e in uscita dall Autostrada A1 direzione Bologna (WBS IR06). Il nuovo piazzale di esazione (WBS IR08) prevede l inserimento di 10 isole per barriere di pedaggio (WBS FV04) e del relativo fabbricato di stazione (WBS FV03). Il cavalcavia autostradale di svincolo IV05 è un ponte di prima categoria di luce totale di 122,00 m (asse appoggi SP1-SP2) continuo sulle 3 campate di luce m, con curvatura costante R=1500 m. In particolare l impalcato poggia su due pile e due spalle d estremità adiacenti alle rampe A di IR06 (SP1) ed IR07 (SP2). Le pile, a fusto lamellare, sono fondate su plinti; il plinto di Pila 1 è sostenuto da 12 pali Ø 1000 di lunghezza m; il plinto di Pila 2 è invece sostenuto da 78 micropali Ø 220 mm di lunghezza 25,00 m. La fondazione della Spalla 1 è sostenuta da 15 pali Ø 1200, quella della Spalla 2 da 21 pali Ø L impalcato è realizzato in sistema misto acciaio-calcestruzzo con schema statico di trave continua di di luce su 3 campate

20 GALLERIA ARTIFICIALE INTERCONNESSIONE MODENA EST Linea Ferroviaria ad Alta Velocità Milano-Bologna Committente: CEPAV UNO (GC) Importo delle opere: ,53 DL e Coordinamento Sicurezza in fase di Esecuzione: PEGASO INGEGNERIA Periodo delle prestazioni: marzo 2002 gennaio 2005 La Galleria Artificiale identificata come WBS GA18, è stata realizzata per risolvere l intersezione fra la linea AV Milano-Bologna ed il ramo dispari dell interconnessione di Modena Est, fra le progressive ,798 e della linea AV Milano- Bologna. L opera, ubicata nel Comune di Castelfranco Emilia (MO), consta di una sezione a portale fondata su pali, la cui soletta di copertura sostiene la linea di interconnessione, mentre all interno della galleria corre la linea AV Milano-Bologna. La linea di interconnessione prosegue sia verso Milano che verso Bologna su due viadotti di analoghe caratteristiche, identificati rispettivamente come Viadotto VI86 e Viadotto VI87, i cui primi impalcati poggiano sugli sfiocchi della galleria in corrispondenza delle progressive pk 1+389,166 e pk 1+529,505 riferite alla linea di interconnessione, pertanto la galleria sull asse della linea di interconnessione ha una lunghezza di circa 140 m. Le opere di fondazione e le strutture in elevazione sono realizzate in c.a. normale gettato in opera. La soletta di copertura ha spessore variabile con valore minimo pari a 1.20 m ed una luce netta di m, mentre i piedritti hanno spessore 1.20 m e sono alti m dallo spiccato di fondazione all intradosso della soletta superiore. Inoltre su entrambe le facce presentano ampie finestrature (3.00x4.60 m) ad interasse di 7.20 m.la struttura è posta su una palificata composta da pali di tipo trivellato gettati in opera, di lunghezza rispettivamente m e m. Verso le estremità dell opera, dove la linea di interconnessione esce dal profilo della galleria, vengono realizzati gli sfiocchi prolungando il telaio per una luce sufficiente a sostenere il ramo d interconnessione

21 AUTOSTRADA CATANIA-SIRACUSA Committente: PIZZAROTTI (GC) Importo delle opere: Coordinamento Sicurezza in fase di Esecuzione: PEGASO INGEGNERIA Periodo delle prestazioni: marzo 2005 oggi (lavori in corso) Autostrada Catania - Siracusa Caratteristiche tecniche LE OPERE D ARTE MAGGIORI N 12 VIADOTTI Le principali opere sono: - Viadotto Simeto: L = 744 m - Viadotto Gomalunga: L = 640 m - Viadotto S. Leonardo: L = 620 m - Viadotto Agnone I: L = 780 m - Viadotto Porcaria: L = 640 m N 5 GALLERIE NATURALI Le principali opere sono: - Galleria naturale S. Demetrio: L = m - Galleria naturale Filippella: L = m - Galleria artificiale Serena: L = 1.026,26 m N 3 GALLERIE ARTIFICIALI A DOPPIO FORNICE Le principali opere sono: - Galleria artificiale C. Battaglia: L = m - Galleria artificiale Campana: L = 399 m - Galleria artificiale S. Fratello: L = 765 m N 1 GALLERIA ARTIFICIALE A SINGOLO FORNICE - Galleria artificiale Agnone III: L = 128 m N 3 SVINCOLI - Tangenziale Ovest di Catania - SS 194 Siracusa - Lentini - Villasmundo 40 41

22 applicazione dedicata al project control Pegaso Ingegneria, a supporto delle attività di Direzione Lavori e Coordinamento Sicurezza, ha progettato un proprio sistema informativo (PIATTAFORMA INFORMATICA GENESIS) per gestire i molteplici dati relativi ai lavori nei cantieri dislocati in diverse zone d Italia, sul quale ha basato anche il proprio sistema di Qualità Aziendale. GENESIS nasce inizialmente come software di gestione del Giornale dei Lavori; esso è stato implementato ed adottato nei cantieri dell Alta Velocità Milano Bologna dal General Contractor CEPAV UNO (Consorzio ENI per l Alta Velocità) con l obiettivo di fornire uno strumento comune alle Direzioni Lavori, alle imprese assegnatarie di ciascun lotto ed al General Contractor medesimo per l inserimento, la registrazione, il monitoraggio ed il controllo di tutte le attività svolte in cantiere. La Piattaforma adotta processi per l analisi dei sistemi di gestione economico finanziaria della commessa (produzione, SIL, SAL, Costing, Budgeting / Rilevazioni), strumenti per la verifica di programmazione/controllo progetto (Gestione/confronto tempi pianificati/effettivi, calcolo e stima ritardo e/o anticipo) e due ulteriori sezioni dedicate alla tracciabilità delle forniture di acciaio e calcestruzzo, con i relativi controlli di legge ed ai contratti (appalto, sub-appalto, fornitura e posa, servizi) tra le diverse imprese con strumenti idonei all individuazione dell intera catena contrattuale di uno specifico soggetto. Al sistema si accede da qualsiasi posizione, in special modo da postazioni temporanee nei propri cantieri e assolve alla necessità di un costante monitoraggio del servizio erogato

Sistemi informativi a supporto delle attività di ingegneria

Sistemi informativi a supporto delle attività di ingegneria Sistemi informativi a supporto delle attività di ingegneria 1 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA PEGASO INGEGNERIA nasce nel 2000, in essa confluiscono esperienze maturate nella realizzazione di grandi infrastrutture

Dettagli

PROGETTAZIONE ESECUTIVA Passante autostradale variante di Robegano

PROGETTAZIONE ESECUTIVA Passante autostradale variante di Robegano PROGETTAZIONE ESECUTIVA Passante autostradale variante di Robegano Committente: Passante di Mestre S.C.p.A./Gruppo Adige Bitumi Impresa Esecutrice Lavori: Gruppo Adige Bitumi Periodo Progettazione Esecutiva:

Dettagli

15 Stima dei lavori. 15.1 Premessa. 15.2 Determinazione dei costi parametrici

15 Stima dei lavori. 15.1 Premessa. 15.2 Determinazione dei costi parametrici 15 Stima dei lavori 15.1 Premessa Allo scopo di valutare con una maggiore approssimazione i costi di investimento relativi all ipotesi Passante Nord è stata condotta l analisi riportata nel presente capitolo,

Dettagli

Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA

Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA Nodo di Bologna: situazione attuale Traffico attuale 780 treni/g 80.000 passeggeri/g 2 Nodo di Bologna: situazione a fine lavori (dicembre 2013) Traffico

Dettagli

Via Giamaica, 6 00040 Pomezia (RM) Tel. e Fax +39 06 9100041 info@ingegneriagrossi.it

Via Giamaica, 6 00040 Pomezia (RM) Tel. e Fax +39 06 9100041 info@ingegneriagrossi.it INGEGNERIA GROSSI LO STUDIO DI INGEGNERIA GROSSI OPERA SIN DAL 1955 NEL SETTORE DELLA PROGETTAZIONE E CONSULENZA Via Giamaica, 6 00040 Pomezia (RM) Tel. e Fax +39 06 9100041 info@ingegneriagrossi.it CHI

Dettagli

La realizzazione della linea e della

La realizzazione della linea e della Le nuove porte d accesso a Reggio Emilia Cinque opere firmate Calatrava per dare un nuovo volto al territorio. Acciaio e cemento armato i grandi protagonisti una proposta integrale di risistemazione urbanistica

Dettagli

Opere ed interventi da realizzare:

Opere ed interventi da realizzare: ACCORDO PROCEDIMENTALE 23/07/1997 Sugli interventi di ambito locale per la sistemazione del nodo ferroviario di Modena in applicazione all art. 8 dell Accordo Quadro Regionale del 29/07/94 sul Quadruplicamento

Dettagli

METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO REALIZZAZIONE DELLE OPERE CIVILI DEL LOTTO 1 PORTA NUOVA-MARCONI LINEA 1 TRATTA PORTA NUOVA-LINGOTTO METODO PELIZZA

METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO REALIZZAZIONE DELLE OPERE CIVILI DEL LOTTO 1 PORTA NUOVA-MARCONI LINEA 1 TRATTA PORTA NUOVA-LINGOTTO METODO PELIZZA METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO REALIZZAZIONE DELLE OPERE CIVILI DEL LOTTO 1 PORTA NUOVA-MARCONI LINEA 1 TRATTA PORTA NUOVA-LINGOTTO METODO PELIZZA Prof. Ing. Sebastiano Pelizza Politecnico di Torino

Dettagli

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Principali obbiettivi: - creare nell area metropolitana un sistema di trasporto pubblico integrato; - migliorare la

Dettagli

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA 1 INTRODUZIONE La realizzazione delle opere della nuova linea ad alta velocità Torino-Lione (N.L.T.L.) interessa a cielo aperto la piana delle Chiuse tra la pk 83+003, imbocco Ovest del Tunnel dell Orsiera

Dettagli

In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato

In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato Il Collegamento Autostradale Brescia - Bergamo - Milano (in breve Brebemi) consentirà viaggi veloci e sicuri su un sistema viabile integrato nel

Dettagli

Nella notte tra il 18 e il 19 giugno. strade strade & costruzioni. & AV/AC Icona della modernità

Nella notte tra il 18 e il 19 giugno. strade strade & costruzioni. & AV/AC Icona della modernità strade strade & costruzioni & AV/AC Icona della modernità Federica Delucchi Al via il montaggio della grande onda bianca: la struttura in acciaio, che costituirà la copertura della stazione Mediopadana

Dettagli

SCHEDA TECNICA PROVINCIA DI GROSSETO E SIENA S.G.C. E 78 TRONCO GROSSETO-SIENA LAVORI DI ADEGUAMENTO A QUATTRO CORSIE

SCHEDA TECNICA PROVINCIA DI GROSSETO E SIENA S.G.C. E 78 TRONCO GROSSETO-SIENA LAVORI DI ADEGUAMENTO A QUATTRO CORSIE Anas SpA Società con Socio Unico Cap. Soc. 2.269.892.000,00 Iscr. R.E.A. 1024951 P.IVA 02133681003 C.F. 80208450587 Sede Compartimentale: V.le dei Mille,36-50131 Firenze - Tel. 055.56401 - Fax. 055.573497

Dettagli

Innoviamo l ingegneria, Ingegnerizziamo l innovazione.

Innoviamo l ingegneria, Ingegnerizziamo l innovazione. Innoviamo l ingegneria, Ingegnerizziamo l innovazione. BUILD.ING S.r.l Viale Sondrio, 2 20124 Milano Italy info@buildingegneria.it info@pec.buildingegneria.it T. +39 389 9230800 LA STORIA BUILD.ING S.r.l.

Dettagli

GLI INVESTIMENTI SULLA RETE AUTOSTRADALE

GLI INVESTIMENTI SULLA RETE AUTOSTRADALE WORKSHOP Metodologie di gestione e politiche di investimento per il patrimonio stradale nazionale esistente: attuale insostenibilità, ipotesi di nuovi scenari e linee di intervento GLI INVESTIMENTI SULLA

Dettagli

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO INDICE 1 NODO STRADALE ED AUTOSTRADALE DI GENOVA Adeguamento del Nodo di San Benigno... 3 1.1 Descrizione progetto... 3 1.2 Opere d arte... 9 1 NODO

Dettagli

CURRICULUM VITAE. La Sapienza. Gabriele d Annunzio. Lingua Letta Parlata Scritta. Italiano 5 5 5. Inglese 4 3 3. Francese 4 3 3

CURRICULUM VITAE. La Sapienza. Gabriele d Annunzio. Lingua Letta Parlata Scritta. Italiano 5 5 5. Inglese 4 3 3. Francese 4 3 3 CURRICULUM VITAE 1. Cognome: PERRONE CAPANO 2. Nome: Marco 3. Data di nascita: 18 Ottobre 1958 4. Nazionalità: Italiana 5. Stato Civile: Coniugato 6. Studi: Istituto: La Sapienza Data: 1995 Laurea(e) o

Dettagli

MISSION SERVIZI EROGATI

MISSION SERVIZI EROGATI Sommario MISSION... 4 SERVIZI EROGATI... 4 SAFETY ENGINEERING... 5 ENVIRONMENTAL ENGINEERING... 7 MODALITA DIEROGAZIONE DEL SERVIZIO... 9 PROCESSI... 10 CERTIFICAZIONE ISO 9001... 11 ORGANIGRAMMA AZIENDALE...

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE DI VARIANTE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE DI VARIANTE RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE DI VARIANTE INTRODUZIONE La presente relazione descrive gli interventi previsti nella Perizia di Variante n 2 nell ambito degli interventi del progetto ELIMINAZIONE DEI

Dettagli

Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015)

Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015) Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015) Grandi opere Le Autostrade. Proseguono i lavori di progettazione e realizzazione delle terze corsie dell Autostrada del

Dettagli

CITTÀ METROPOLITANA DI FIRENZE La gestione integrata in Global Service delle reti stradali: l esperienza della S.G.C. Firenze-Pisa-Livorno.

CITTÀ METROPOLITANA DI FIRENZE La gestione integrata in Global Service delle reti stradali: l esperienza della S.G.C. Firenze-Pisa-Livorno. CITTÀ METROPOLITANA DI FIRENZE La gestione integrata in Global Service delle reti stradali: l esperienza della S.G.C. Firenze-Pisa-Livorno 1 COME QUANTO COSA «PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2016»

Dettagli

Aspetti gestionali. Superfici di impalcato

Aspetti gestionali. Superfici di impalcato Aspetti gestionali Superfici di impalcato A) trincea ferroviaria tra corso Turati e corso Vittorio Emanuele II - circa mq 60.000 B) trincea ferroviaria di corso Lione tra via Bobbio e via Millio - circa

Dettagli

fra Roma e Venezia Fabrizio Bonomo, Luisa Casazza

fra Roma e Venezia Fabrizio Bonomo, Luisa Casazza strade strade & costruzioni & La bretella AV fra Roma e Venezia Fabrizio Bonomo, Luisa Casazza Bologna ha in cantiere l ultimo intervento necessario a completare l asse nord-sud dell alta velocità (escluso

Dettagli

Nell ambito delle procedure di Valutazione di Impatto. Monitoraggio

Nell ambito delle procedure di Valutazione di Impatto. Monitoraggio Ambiente & Territorio I Sistemi Informativi Territoriali per il monitoraggio ambientale Leggi i contenuti multimediali su www.stradeeautostrade.it Segui le istruzioni di pag. 6. L IMPIEGO DEI SIT È ESPRESSAMENTE

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA a.s. 2014-2015 L.1 Prof. Vincenzo Ninni 1 FINALITA DEL CORSO IL CORSO DI GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO HA IL COMPITO DI FORNIRE TUTTE LE INDICAZIONI

Dettagli

COMUNE. Piano di manutezione

COMUNE. Piano di manutezione COMUNE Piano di manutezione 1 Sommario 1 INTRODUZIONE pag. 2 2 ANAGRAFICA DELL OPERA pag. 3 3 SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMMOBILE pag. 4 4 IL PIANO DI MANUTENZIONE pag. 5 5 INDIVIDUAZIONE CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE

Dettagli

PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO

PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO ADEGUAMENTO A 4 CORSIE NEL TRATTO GROSSETO SIENA (S.S. 223 DI PAGANICO ) DAL KM 30+040 AL KM 41+600 LOTTI 5, 6, 7, 8 IL TRACCIATO DELLA

Dettagli

Differenza tra le due trame 2.40 25.40 456.74. This project is implemented through CENTRAL EUROPE Programme co-financed by the ERDF

Differenza tra le due trame 2.40 25.40 456.74. This project is implemented through CENTRAL EUROPE Programme co-financed by the ERDF S 6 7 8 9 10 25.40 25.40 25.40 25.40 23.00 2.40 456.74 Differenza tra le due trame 26.37 P6 P7 P8 P9 P10 This project is implemented through CENTRAL EUROPE Programme co-financed by the ERDF Reggio Emilia

Dettagli

tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com

tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com Sinergo Spa - via Ca Bembo 152-30030 - Maerne di Martellago - Venezia - Italy tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com oggetto PROGETTO ESECUTIVO AMMODERNAMENTO IMPIANTO

Dettagli

Linea Treviglio - Brescia

Linea Treviglio - Brescia Forza. Azione. Passione. Linea Treviglio - Brescia Linea AV/AC Holcim (Italia) Il Progetto Il nuovo tratto di linea AV/AC Treviglio Brescia rientra nel grande progetto del cosiddetto Corridoio 5 che, nelle

Dettagli

STATO DI AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ

STATO DI AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ Dott.Ing. Giorgio Mainardi Direzione Sviluppo Innovazione Infrastrutture e servizi ferroviari 14 Aprile 2015 Direzione Sviluppo e Innovazione STATO DI AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ INQUADRAMENTO GENERALE

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE Al Comune di Fiesole.. ISTANZA DI PARTECIPAZIONE Oggetto: Avviso preventivo per lo svolgimento di indagine di mercato finalizzata all affidamento mediante procedura negoziata di servizi attinenti all architettura

Dettagli

POTENZIAMENTO LINEA FERROVIENORD NOVARA - SEREGNO COLLEGAMENTO DIRETTO TORINO - MALPENSA RELAZIONE GENERALE

POTENZIAMENTO LINEA FERROVIENORD NOVARA - SEREGNO COLLEGAMENTO DIRETTO TORINO - MALPENSA RELAZIONE GENERALE CODICE COMMESSA N 2 LIVELLO PROGETTAZIONE D D.P.R. 554/99 a PROGRESSIVO ELABORATO 4 CATEGORIA OPERA I T NUMERO OPERA REVISIONE R SCALA //// POTENZIAMENTO LINEA FERROVIENORD NOVARA SEREGNO COLLEGAMENTO

Dettagli

TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO

TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO AUTORE: LUCA CRIVELLARO TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO 1. Introduzione e Dati di progetto 2. Complessità del progetto e criticità 3. Analisi

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Laurea in Ingegneria Edile orientamento costruttivo, conseguito presso il Politecnico

CURRICULUM VITAE. Laurea in Ingegneria Edile orientamento costruttivo, conseguito presso il Politecnico CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI Matteo Pio Tomaiuolo nato a S. Giovanni Rotondo (FG) il 20 giugno 1972 residente in Via Picasso, 23 - Rubiera (RE) Cittadinanza italiana Anzianità di Servizio 18 anni FORMAZIONE

Dettagli

TIPOLOGIE STRUTTURALI IN SISTEMA MISTO ACCIAIO CALCESTRUZZO PER LA REALIZZAZIONE DI VIADOTTI FERROVIARI DELLA NUOVA TRATTA MI BO ALTA VELOCITA

TIPOLOGIE STRUTTURALI IN SISTEMA MISTO ACCIAIO CALCESTRUZZO PER LA REALIZZAZIONE DI VIADOTTI FERROVIARI DELLA NUOVA TRATTA MI BO ALTA VELOCITA C.T.A. Collegio dei Tecnici dell Acciaio GIORNATE ITALIANE DELLA COSTRUZIONE IN ACCIAIO Genova: 28-30 Settembre 2003 TIPOLOGIE STRUTTURALI IN SISTEMA MISTO ACCIAIO CALCESTRUZZO PER LA REALIZZAZIONE DI

Dettagli

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Introduzione Il progetto del tratto autostradale in esame prevede interventi relativi alle seguenti opere strutturali maggiori. Raddoppio

Dettagli

in sicurezza Un tassello importante nel quadro Nuova mobilità lombarda Direttissima

in sicurezza Un tassello importante nel quadro Nuova mobilità lombarda Direttissima s u o s l u o o l & o s & o t s t o t s t u o s l u o o l o Nuova mobilità lombarda Direttissima Federica Delucchi in sicurezza Un tassello importante nel quadro del nuovo sistema infrastrutturale lombardo

Dettagli

Emergenze di oggi prospettive per il domani

Emergenze di oggi prospettive per il domani Assimpredil Ance Emergenze di oggi prospettive per il domani Avv. Marzio Agnoloni Presidente Milano Serravalle-Milano Tangenziali S.p.A. 12 maggio 2014 Profilo della Società Milano Serravalle Milano Tangenziali

Dettagli

MONITORAGGIO TRAMITE SISTEMA A FIBRE OTTICHE SU PONTI O VIADOTTI IN C.A. O IN C.A.P. DI NUOVA REALIZZAZIONE

MONITORAGGIO TRAMITE SISTEMA A FIBRE OTTICHE SU PONTI O VIADOTTI IN C.A. O IN C.A.P. DI NUOVA REALIZZAZIONE Solutions and Innovations for Structural Monitoring SISMLAB s.r.l. Spin-Off Università della Calabria Via Pietro Bucci - 87036 Rende (CS) ITALY Tel. : 0984 447093 --- Fax: 0984 447093 E-mail: info@sismlab.it---internet:

Dettagli

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture.

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. In particolare vengono progettati e realizzati interventi di ingegneria strutturale quali:

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... 7 6. COMPETENZE TECNICHE PROFESSIONALI... 7 1 1. PREMESSA

Dettagli

Perché questo corso? A chi è rivolto il corso

Perché questo corso? A chi è rivolto il corso Investi nella crescita della tua professionalità e competenza approcciando al Building Information Modeling con Autodesk Revit Dove la formazione può produrre occupazione Perché questo corso? Il Parlamento

Dettagli

Comunicato stampa. Anas, Viadotto Himera: aperta al traffico la bretella per superare il tratto interrotto sull autostrada A19 Palermo-Catania

Comunicato stampa. Anas, Viadotto Himera: aperta al traffico la bretella per superare il tratto interrotto sull autostrada A19 Palermo-Catania Anas SpA Società con Socio Unico Cap. Soc. 2.269.892.000,00 Iscr. R.E.A. 1024951 P.IVA 02133681003 C.F. 80208450587 Via Monzambano, 10 00185 Roma Tel. 06 44461 Fax 06 4456224 06 4454956 06 4454948 06 44700852

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

Studio di Progettazione, Direzione Lavori, Sicurezza e Consulenza Aziendale

Studio di Progettazione, Direzione Lavori, Sicurezza e Consulenza Aziendale C U R R I C U L U M V I T A E G E OM. M I C H E L E C R I S T A L L O INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cristallo Michele Luogo e data di nascita Parma, 09-05-1974 Stato civile Celibe Indirizzo via Paradigna,

Dettagli

TRASPORTI - PASSANTE DI MESTRE

TRASPORTI - PASSANTE DI MESTRE TRASPORTI - PASSANTE DI MESTRE DETTAGLI DEL PROGETTO: Lunghezza del percorso: 33 km Tipo di strada: 3 corsie da 3,75 m ciascuna e corsia di emergenza di 3 m Numero caselli e barriere: 6 Rilevati: 14 tratti

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

A22, terza corsia Verona - Modena Deliberato il progetto definitivo

A22, terza corsia Verona - Modena Deliberato il progetto definitivo 38100 Trento Via Berlino, 10 Tel. 0461.212611 www.autobrennero.it A22 Autostrada del Brennero S.p.A. Fax 0461.234976 a22@autobrennero.it A22, terza corsia Verona - Modena Deliberato il progetto definitivo

Dettagli

INTERVISTA A LELIO RUSSO

INTERVISTA A LELIO RUSSO INTERVISTA A LELIO RUSSO Capo Compartimento Anas Emilia Romagna LA VIABILITA NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CURRICULUM L ing. Lelio Russo e nato a Catania il 4 marzo 1961. Diploma di maturità classica

Dettagli

Diretta dal cantiere BrebemiFederica Delucchi

Diretta dal cantiere BrebemiFederica Delucchi strade strade & costruzioni & Mobilità lombarda Diretta dal cantiere BrebemiFederica Delucchi Il tracciato della nuova autostrada nel contesto della futura mobilità lombarda Cantieri a pieno regime per

Dettagli

Con il patrocinio del. D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Testo Unico della Sicurezza Allegato XIV

Con il patrocinio del. D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Testo Unico della Sicurezza Allegato XIV Aggiornamento Professionale Continuo Del. CNG n. 128/2007 del 12.12.2007, attuativa della Risoluzione del Consiglio Europeo 2002/C/163/01 del 27.6.2002. Con il patrocinio del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Testo

Dettagli

Il programma è articolato su più livelli con approfondimento di tematiche relative a

Il programma è articolato su più livelli con approfondimento di tematiche relative a Programma 2015-2016 Il programma è articolato su più livelli con approfondimento di tematiche relative a Project Management e BIM Caratteri distintivi del progetto Modelli organizzati dello staff di progetto

Dettagli

Ativa Engineering Ing. Vitantonio Palmisano. I primi Km nel «BIM»

Ativa Engineering Ing. Vitantonio Palmisano. I primi Km nel «BIM» Ativa Engineering Ing. Vitantonio Palmisano I primi Km nel «BIM» A5 TORINO - QUINCINETTO LA RETE ATIVA Autostrada Torino Ivrea Valle d Aosta S.p.A.ATIVA 305 DIPENDENTI A4/A5 IVREA - SANTHIA MILANO ATIVA

Dettagli

Top-down e Sistema REP

Top-down e Sistema REP Case History - La stazione metropolitana Garibaldi MM5 di Milano Innovazione e tecnologia al servizio della cantierizzazione Top-down e Sistema REP Tecnostrutture svolge un ruolo determinante nella realizzazione

Dettagli

Global service per la gestione del patrimonio stradale della provincia di Napoli

Global service per la gestione del patrimonio stradale della provincia di Napoli 1 Global service per la gestione del patrimonio stradale della provincia di Napoli (Giuseppe Montanino, Vincenzo Trevisone, Pasquale Zoppoli) 1. Premessa La Provincia di Napoli gestisce una rete stradale

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL ATTESTAZIONE SOA

GUIDA RAPIDA ALL ATTESTAZIONE SOA GUIDA RAPIDA ALL ATTESTAZIONE SOA OG 1 OG 2 OG 3 OG 4 OG 5 OG 6 OG 7 OG 8 OG 9 OG10 OG11 OG 12 OG 13 OS 1 OS 2 OS 3 OS 4 OS 5 OS 6 OS 7 OS 8 OS 9 OS 10 OS 11 OS 12 OS 13 OS 14 OS 15 OS 16 OS 17 OS 18 OS

Dettagli

VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015

VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015 VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015 SETTORE MOBILITA INDIVIDUAZIONE DELL OPERA SULLA RETE PROVINCIALE

Dettagli

L AZIENDA Sikuro Scarl Sikuro

L AZIENDA Sikuro Scarl Sikuro L AZIENDA Sikuro è una società di consulenza specializzata in materia di sicurezza sul lavoro e gestione di grandi opere. Le imprese possono così avvalersi di un unico referente capace di seguire con qualifica

Dettagli

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Decreto Ministeriale 4 aprile 2001 Aggiornamento degli onorari spettanti agli ingegneri e agli architetti. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 96 del 26 aprile 2001) IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

COMUNE DI LENO Provincia di Brescia

COMUNE DI LENO Provincia di Brescia COMUNE DI LENO Provincia di Brescia PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE CENTRO DI RACCOLTA E NUOVO POLO SERVIZI 1 STRALCIO FUNZIONALE Allegato A REAZIONE TECNICA QUADRO ECONOMICO Gennaio 2014 Aggiornato sett.2014

Dettagli

Progettazione Integrata Gestione Appalti Direzione Lavori Collaudi e consegne

Progettazione Integrata Gestione Appalti Direzione Lavori Collaudi e consegne Progettazione Integrata Gestione Appalti Direzione Lavori Collaudi e consegne 1 LA FORZA DI UN TEAM A VANTAGGIO DEL PROGETTO è un consorzio di professionisti singoli e società di ingegneria che offre servizi

Dettagli

La linea Firenze-Empoli-Pisa

La linea Firenze-Empoli-Pisa La linea Firenze-Empoli-Pisa La variante Signa-Montelupo La variante Signa-Montelupo La realizzazione della variante Signa-Montelupo sulla linea Firenze-Empoli-Pisa consentirà il potenziamento del servizio

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE

CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE CURRICULUM VITAE: nato a San Martino di Lupari (PD) il 14 gennaio 1968; residente a Castelfranco Veneto (TV), borgo Treviso n 45/A; diplomato nel 1987 con maturità scientifica

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE DEL VIADOTTO COLLE ISARCO DELL A22: MISURE ATTE A PREVENIRE O RIDURRE I RISCHI PER LA SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI

LAVORI DI MANUTENZIONE DEL VIADOTTO COLLE ISARCO DELL A22: MISURE ATTE A PREVENIRE O RIDURRE I RISCHI PER LA SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI La sicurezza nella realizzazione e gestione di grandi opere infrastrutturali LAVORI DI MANUTENZIONE DEL VIADOTTO COLLE ISARCO DELL A22: MISURE ATTE A PREVENIRE O RIDURRE I RISCHI PER LA SICUREZZA E SALUTE

Dettagli

alta velocità per il Ticino?

alta velocità per il Ticino? AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? 24 marzo 2011 SUPSI, Lugano-Trevano Alptransit e le infrastrutture italiane del Nordovest: stato di avanzamento, problemi e prospettive Vittorio

Dettagli

Viale Belforte, 273 info@scavideluis.it Tel. 0332 333078 21100 VARESE (VA) www.scavideluis.it Fax 0332 333616

Viale Belforte, 273 info@scavideluis.it Tel. 0332 333078 21100 VARESE (VA) www.scavideluis.it Fax 0332 333616 1951 2016 Viale Belforte, 273 info@scavideluis.it Tel. 0332 333078 21100 VARESE (VA) www.scavideluis.it Fax 0332 333616 1951 2016 L impresa Scavi De Luis Srl, realtà consolidata da sessantacinque anni,

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E

C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome LORENZO VERGNETTA Indirizzo VIA ENRICO CIALDINI 101, 60044 FABRIANO (AN) ITALIA Telefono 389 7912996 E-mail l.vergnetta@gmail.com Pec lorenzo.vergnetta@ingpec.eu

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION

I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION SAFETY SOLUTION I VANTAGGI GI Base dati unica ed integrata La base dati unica a tutti gli applicativi della suite HR Zucchetti è una caratteristica che nessun

Dettagli

Le poliolefine nell impermeabilizzazione di opere complesse IL PASSANTE FERROVIARIO DI TORINO

Le poliolefine nell impermeabilizzazione di opere complesse IL PASSANTE FERROVIARIO DI TORINO PERIODICO D INFORMAZIONE N. 4 - Agosto 2010 Le poliolefine nell impermeabilizzazione di opere complesse IL PASSANTE FERROVIARIO DI TORINO Si è inaugurata il 19 ottobre 2009 la prima galleria del passante

Dettagli

NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO Il Nodo di San Benigno è uno dei punti chiave della viabilità genovese, sia per la presenza del più importante casello autostradale della città, Genova Ovest,

Dettagli

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario ing. Vincenzo Conforti 1 Scelte economiche e tecniche nel Nodo di Bologna

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Comune di Pisa. Provincia di Pisa. Parcheggio di interscambio Pisa Sud Aurelia e viabilità di collegamento.

Comune di Pisa. Provincia di Pisa. Parcheggio di interscambio Pisa Sud Aurelia e viabilità di collegamento. Comune di Pisa Provincia di Pisa PROGETTO: Parcheggio di interscambio Pisa Sud Aurelia e viabilità di collegamento. COMMITTENTE: PROGETTISTA: Ing. Alessandro Fiorindi Ordine Ingegneri Pisa - 1066 PISAMO

Dettagli

Company Profile 2012

Company Profile 2012 2012 AGENDA 1 Struttura di gruppo 2 Toto S.p.a. Costruzioni Generali: Overview 3 Business di maggiore interesse 4 5 6 7 8 Il punto di forza di Toto : il Know How La tecnologia proprietaria Il Business

Dettagli

(ORGANISMO FINANZIATORE) (ENTE ATTUATORE) S.S.n 658 BRADANICA ELENCO ELABORATI GIUGNO 2012. n. 620 RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO:

(ORGANISMO FINANZIATORE) (ENTE ATTUATORE) S.S.n 658 BRADANICA ELENCO ELABORATI GIUGNO 2012. n. 620 RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: (ORGANISMO FINANZIATORE) (ENTE ATTUATORE) S.S.n 658 BRADANICA TITOLO: ELENCO ELABORATI scala: Data GIUGNO 2012 nome file: estensore: - 01 - commessa: n. 620 disegno n. PROGETTISTA E DIRETTORE DEI LAVORI:

Dettagli

11. Implicazioni economiche del Masterplan

11. Implicazioni economiche del Masterplan 11. Implicazioni economiche del Masterplan Il presente capitolo, a conclusione di quanto fin qui esposto si propone di esporre quali sono le implicazioni economiche che il Masterplan, con le indicazioni

Dettagli

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA'

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' Relazione tecnica relativa alle modifiche al progetto di fattibilita

Dettagli

INGEGNERIA DELLE INFRASTRUTTURE SECONDO SINERGO 01 INGEGNERIA DELLE INFRASTRUTTURE 2009

INGEGNERIA DELLE INFRASTRUTTURE SECONDO SINERGO 01 INGEGNERIA DELLE INFRASTRUTTURE 2009 numero 01 INGEGNERIA DELLE INFRASTRUTTURE 2009 tema DESCRIZIONE DI SERVIZI SPECIALISTICI Questa pubblicazione fa parte di una serie di pieghevoli che descrivono i servizi offerti da Sinergo. ITALIANO Per

Dettagli

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA Premessa In anticipazione rispetto al progetto complessivo, e analogamente

Dettagli

Nota interregionale Sicurezza della fase di scavo

Nota interregionale Sicurezza della fase di scavo 37 Nota interregionale Sicurezza della fase di scavo TIPO ANNO Reg. PG 2008 76500 del 20/03/2008 DS AI RESPONSABILI DEL DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE DELLE AZIENDE USL DELLA TOSCANA AI RESPONSABILI DEL

Dettagli

La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze di soluzioni applicate in Provincia e nel panorama europeo

La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze di soluzioni applicate in Provincia e nel panorama europeo Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli Convegno 10.000 ore della nostra vita perse nel traffico : gli Ingegneri avanzano proposte 17 novembre 2008 La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014 PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014 alla quale partecipano i Signori: GHERGHETTA Enrico Presidente P ČERNIC

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG69U ATTIVITÀ 45.25.0 ATTIVITÀ 45.21.2 DEMOLIZIONE DI EDIFICI E SISTEMAZIONE DEL TERRENO TRIVELLAZIONI E PERFORAZIONI

STUDIO DI SETTORE TG69U ATTIVITÀ 45.25.0 ATTIVITÀ 45.21.2 DEMOLIZIONE DI EDIFICI E SISTEMAZIONE DEL TERRENO TRIVELLAZIONI E PERFORAZIONI STUDIO DI SETTORE TG69U ATTIVITÀ 45.11.0 DEMOLIZIONE DI EDIFICI E SISTEMAZIONE DEL TERRENO ATTIVITÀ 45.12.0 TRIVELLAZIONI E PERFORAZIONI ATTIVITÀ 45.21.1 LAVORI GENERALI DI COSTRUZIONE DI EDIFICI ATTIVITÀ

Dettagli

RACCORDO FERROVIARIO FRA LA LINEA PARMA- BRESCIA E LE AREE INDUSTRIALI DI CASALMAGGIORE E VIADANA. Sistema di Valutazione delle Offerte

RACCORDO FERROVIARIO FRA LA LINEA PARMA- BRESCIA E LE AREE INDUSTRIALI DI CASALMAGGIORE E VIADANA. Sistema di Valutazione delle Offerte Provincia di Mantova Settore Pianificazione Territoriale, Programmazione, Assetto del Territorio RACCORDO FERROVIARIO FRA LA LINEA PARMA- BRESCIA E LE AREE INDUSTRIALI DI CASALMAGGIORE E VIADANA Sistema

Dettagli

curriculum vitae Professionalità in sintesi

curriculum vitae Professionalità in sintesi ingegnere civile Antonio N. Perdomini via A. M. Grancini, 4 20145 MILANO C.F. PRDNNN57M18F205Y - P. IVA 09071210968 mobile +39 329 2547210 email antonio.perdomini@libero.it - pec antonionatale.perdomini@ingpec.eu

Dettagli

Geom. Marco Trombetti Via Bottego 1 43039 Salsomaggiore T. (PR) Cell. 335/6025059 e-mail: marco.trombetti@lineadicontatto.it

Geom. Marco Trombetti Via Bottego 1 43039 Salsomaggiore T. (PR) Cell. 335/6025059 e-mail: marco.trombetti@lineadicontatto.it Geom. Marco Trombetti Via Bottego 1 43039 Salsomaggiore T. (PR) Cell. 335/6025059 e-mail: marco.trombetti@lineadicontatto.it Luogo e data di nascita: Parma, 05/06/1975 Titoli di studio e abilitazioni professionali

Dettagli

Strato 10 ad Alta Velocità

Strato 10 ad Alta Velocità General Contractor FIAT Esecutore opere civili Consorzio C.A.V.To.Mi. costituito da: Impregilo, Società Italiana Condotte d Acqua e Maire Enginnering 1) Tratta Funzionale Torino-Novara km. Da 00+000 a

Dettagli

Comune di Vado Ligure Progetto di sviluppo portuale e di riqualificazione della fascia costiera di Vado Ligure

Comune di Vado Ligure Progetto di sviluppo portuale e di riqualificazione della fascia costiera di Vado Ligure Comune di Vado Ligure Progetto di sviluppo portuale e di riqualificazione della fascia costiera di Vado Ligure Illustrazione ai cittadini Prospetto passeggiata a mare da Porto Vado La piattaforma e il

Dettagli

Sperimentazione sull impiego dei droni nell ispezione dei ponti ferroviari

Sperimentazione sull impiego dei droni nell ispezione dei ponti ferroviari DIREZIONE TECNICA STANDARD INFRASTRUTTURA CIVILE E SPERIMENTALI PONTI E STRUTTURE Sperimentazione sull impiego dei droni nell ispezione dei ponti ferroviari Sorrento 16-10-2015 Ing. Vecchi Andrea INDICE

Dettagli

Global Legal Advisor. www.strataspa.net agi@strataspa.net amministrazione@strataspa.net

Global Legal Advisor. www.strataspa.net agi@strataspa.net amministrazione@strataspa.net STRATA SpA Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma PI 04133671000 CF 10086440152 2 Direzione Tel +39 064468062 Fax +39 06/4467376 Area Gestione e Interventi Tel +39 06/4466656 Fax +39 06/064467292 www.strataspa.net

Dettagli

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Ponte strallato sul Po (tratta AV/AC Milano-Bologna) PRESENTAZIONE 29.11.2010 RETE ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Con treno ad Alta Velocità si intende un convoglio per il

Dettagli

Il Building Information Modelingin Italferr

Il Building Information Modelingin Italferr Il Building Information Modelingin Italferr Project Ing. Federico Sablone Responsabile UO Sistemi Informativi Catania, 23 Maggio 2014 Convegno ANCE «Il BIM: prospettive e scenari per imprese e professionisti»

Dettagli

IL CONSOLIDAMENTO SPONDALE IN VAPRIO TRA MARTESANA E ADDA. Ing. Mario Fossati Vicedirettore Consorzio ETV

IL CONSOLIDAMENTO SPONDALE IN VAPRIO TRA MARTESANA E ADDA. Ing. Mario Fossati Vicedirettore Consorzio ETV IL CONSOLIDAMENTO SPONDALE IN VAPRIO TRA MARTESANA E ADDA Ing. Mario Fossati Vicedirettore Consorzio ETV OGGETTO DI INTERVENTO: PREMESSA Tratto di strada alzaia del naviglio Martesana che collega la statale

Dettagli

WORKSHOP OICE LE BONIFICHE IN EMERGENZA NELLA REALIZZAZIONE DI GRANDI INFRASTRUTTURE

WORKSHOP OICE LE BONIFICHE IN EMERGENZA NELLA REALIZZAZIONE DI GRANDI INFRASTRUTTURE WORKSHOP OICE LE BONIFICHE IN EMERGENZA NELLA REALIZZAZIONE DI GRANDI INFRASTRUTTURE GESTIONE AMBIENTALE DEI CANTIERI: MONITORAGGIO INTEGRATO SU SITI POTENZIALMENTE INQUINATI Ing. Francesco Ventura Dott.

Dettagli