Antonio Marraffa PROJECT MANAGEMENT. - esperienze sul campo -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Antonio Marraffa PROJECT MANAGEMENT. - esperienze sul campo -"

Transcript

1 Antonio Marraffa PROJECT MANAGEMENT - esperienze sul campo

2 Il vero viaggio di scoperta, oggi, non consiste nel cercare nuove terre, ma nell avere nuovi occhi per osservarle. Marcel Proust 2

3 INDICE - INTRODUZIONE pag. 4 - IL PROJECT MANAGER 7 Coaching 8 Problem Solving 9 - IL PROGETTO 10 - LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 12 La Chiave di Successo del Progetto 13 - LA PIANIFICAZIONE 15 Definizione degli Obiettivi 15 Le Risorse 16 Scomposizione delle Attività 16 I Pacchetti di Lavoro 17 Il Programma di Riferimento 17 - CICLO DI VITA DEL PROGETTO 19 - TECNICHE OPERATIVE 20 WBS 20 Livelli di Programmazione 20 GANTT 21 Programmazione Reticolare 21 - MONITORAGGIO E CONTROLLO 22 - CONCLUSIONE 24 - DEFINIZIONI 25 - BIBLIOGRAFIA 32 3

4 INTRODUZIONE PROJECT MANAGEMENT Project [pro ject] s. progetto; piano; studio to project v.tr. 1 progettare 2 proiettare Management [man age ment] s. 1 direzione; gestione; amministrazione: business management, gestione, organizzazione aziendale; scienze commerciali 2 i dirigenti (pl.), la direzione. La traduzione italiana completa del termine crea difficoltà sintattiche, ma la composizione delle singole parole non lascia dubbi sul significato intrinseco di quello che gli addetti ai lavori hanno voluto intendere. L attuale organizzazione delle moderne Aziende, non presuppone più un mansionario statico in cui il personale aveva compiti standardizzati e inamovibili, ma necessita di un ampia discrezionalità e forte senso d adattamento all evoluzione delle condizioni poste dalle riorganizzazioni e dal mercato. Tale impostazione, comporta necessariamente l utilizzo di un insieme di tecniche e metodi diretti a centrare gli obiettivi nei tempi previsti, avendo rispetto dei costi preventivati e garantendo ai prodotti/servizi offerti la qualità desiderata. Nelle situazioni quotidiane di ognuno, vengono in genere, adottate tecniche e metodologie personali più o meno complesse, ogni volta che devono essere affrontate scelte o problematiche, quali ad esempio cambiare auto od abitazione, scegliere un percorso di studio o acquistare un prodotto. Analogamente, nelle attività lavorative, ci si trova spesso nella condizione di dover determinare e/o rispettare degli obiettivi, suddividendo il lavoro in parti, assegnando compiti, individuando responsabilità e richiedendo precisi impegni temporali, qualitativi e di costi. E' in queste circostanze che i comportamenti messi in atto non sono altro che gestione di un progetto, definito appunto dagli specialisti Project Management. Ottimizzare, migliorare e portare a termine questi comportamenti, a volte inconsci, permettono di avere più possibilità di successo nella definizione dei compiti, anche quando il Management è chiamato ad operare al buio, s impone, quindi, una capacità di gestione che poggia sulla cultura del rischio e sulla forza di tenuta psicologica anche di fronte all incertezza. L economia dei Servizi comporta, di conseguenza, la presenza e l accettazione del rischio, favorendo l utilizzo di modelli, in tutte quelle situazioni nelle quali l'obiettivo finale è di particolare importanza ed il suo raggiungimento coinvolge aspetti temporali, di costo e/o di qualità, dove l'impiego del concetto di Project Management diviene indispensabile. L applicazione di tali concezioni, in pratica significa: Lavorare per progetti, 4

5 Integrare tra loro processi di monitoraggio, verifica e controllo, Conformare il processo produttivo, per riprodurlo in altri ambiti, Adottare idonei e confacenti comportamenti di gestione, Gestire tutte le informazioni prodotte ed il loro flusso, Ultimamente le tecniche di gestione aziendale si sono molto evolute, gli strumenti utilizzati sono divenuti molto più sofisticati, ma anche se la teoria di base non è cambiata, cresce sempre più l esigenza di migliorare i processi produttivi, sia da un punto di vista qualitativo che da quello dei costi. Qualunque processo produttivo che porti alla realizzazione di progetti riferiti a prodotti/servizi, risponde necessariamente a bisogni e/o richieste già formulate, e subisce spinte e sollecitazioni che lo portano a modificarsi in modo continuo, per cui si è andata affermando la necessita di orientare il processo direttamente al Cliente, piuttosto che al Prodotto. In sostanza non è più sufficiente il solo continuo miglioramento di un prodotto/servizio esistente, nella certezza che ciò sia sufficiente a soddisfare le esigenze del Cliente finale (processo produttivo orientato al prodotto), ma è più utile determinare i bisogni dello stesso (come la qualità, il costo, la tipologia) adeguando in tal senso il prodotto/servizio offerto. Naturalmente possono intervenire influenze derivate da impulsi esterni, come la concorrenza e/o i prezzi di mercato, per cui diventa indispensabile fornire una migliore qualità utilizzando nuove tecnologie d avanguardia che mirino anche ad aumentare la produttività. Quest impostazione crea effetti sui processi lavorativi, attuando un circuito che mira ad un rinnovamento continuo, ma è comunque condizionato ad azioni d intervento che devono prevedere l aggiornamento delle risorse, un adeguata riorganizzazione dei processi, una capillare informazione dei metodi usati, ed un attento e scrupoloso controllo dei processi. In particolare l aggiornamento deve prevedere anche la possibilità di un sostanziale cambiamento del modo di lavorare, attraverso l'apprendimento e l'applicazione di nuove conoscenze e/o metodologie applicative, con l'utilizzo di nuovi strumenti e nuove tecnologie di lavoro. Di conseguenza, l intervento sulla struttura organizzativa deve avere lo scopo di migliorare efficienza ed efficacia dei processi, cercando un maggiore coinvolgimento delle risorse umane, ottimizzando ed armonizzando l'uso dei mezzi e delle strutture logistiche e di supporto. Adottare sistemi dinamici e tempestivi nell'allocare e ricollocare le risorse adatte, favorire la flessibilità per reagire ai cambiamenti e agli imprevisti che il mercato impone, significa avere forte capacità d innovazione per adeguarsi ai nuovi processi produttivi. Gli aspetti introdotti, dovranno in ogni caso comprendere la gestione della raccolta e dello scambio organico e strutturato delle informazioni, l assunzione delle responsabilità, l ampia visibilità d ogni singolo dato, con la sua registrazione formalizzata e verificata, con il coinvolgimento delle risorse interessate, talvolta anche distanti, seguendo la programmazione indicata:. - Archiviazione e storicizzazione dei documenti, - Informatizzazione tramite computer collegati in rete (locali e/o geografiche), - Banche dati fruibili rapidamente e facilmente (anche da postazioni remote), 5

6 - Hardware e software di gestione con capacità e potenza adeguate, - Controllo nella fase di pianificazione è definizione del piano di sviluppo, per le risorse necessarie e la disponibilità di budget - Evidenziare gli scostamenti durante la fase d avanzamento, per i tempi ed i costi rispetto al previsto - Essere sensibili alle sollecitazioni esterne provenienti dal mercato, dall'ambiente, concorrenza, prezzi, - Considerare gli effetti dei processi derivanti dal rinnovamento continuo, intesi come: migliore qualità, utilizzo di nuove tecnologie, maggiore produttività Queste azioni richiedono trasformazioni, talvolta anche profonde, nel modo di affrontare ed organizzare il lavoro, le tecniche e gli strumenti del Project Management, se applicate in questo senso, consentono di aumentare e potenziare in modo decisivo le possibilità di successo. 6

7 IL PROJECT MANAGER L innovazione dell offerta, fornita da un Azienda, richiede creatività per soddisfare le richieste imposte dal mercato, la competenza del Management è la risorsa distintiva per individuare soluzioni originali e competitive nelle fasi di progettazione dell attività di produzione, e nella definizione delle politiche della gestione operativa. Saper rileggere la propria organizzazione, adeguandola all evoluzione dei mercati, cercando di semplificarla e implementando soluzioni che favoriscano l alta rapidità di circolazione delle idee ed informazioni, equivale ad essere più facilmente orientati al mercato e ai risultati. Concepire un assetto variabile per la propria Azienda, richiede una tempestività di manovra e rapidità operativa da squadriglia acrobatica, ma per fare ciò è necessario riferirsi ad organizzazioni in cui i condizionamenti culturali interni non prevalgono sulle sollecitazioni provenienti dal mercato. Per cui lo stile del Management, mette in risalto come la qualità dei prodotti/servizi offerti, possa essere ottenuta a partire dalla valorizzazione e dalla responsabilizzazione dei Collaboratori, oltre che dall adozione di processi decisionali ispirati a criteri di equilibrio, razionalità e di efficienza. La tradizionale logica del ruolo standardizzato di Capo inscatolato in posizioni di rigido comando gerarchico, ha oggi poco significato in un epoca di continui cambiamenti ed evoluzioni, rappresenta una figura che non favorisce la creatività, l innovazione e non consente lo sviluppo delle capacità creative del Team o delle singole risorse. Le Aziende hanno la necessità di evolversi in termini d inventiva per rimanere sul mercato, per questo scopo diventa indispensabile considerare una nuova figura di coordinamento, che abbia tutte le caratteristiche d artefice e promulgatore di progetti. Naturalmente in un ottica di miglioramento continuo, attuabile attraverso i molti e piccoli progressi individuali, dai suggerimenti costruttivi, da proposte di soluzioni ed idee organizzative generate da tutto il personale, dove trovando un terreno fertile di coltura, sia favorita la creatività e l inventiva, naturalmente poi ricompensata. L utilizzo del Brainstorming, in certi casi può produrre il maggior numero di idee su un certo argomento, ma deve essere caratterizzato dall assenza di giudizi critici e svolto in un clima favorevole. Il Project Manager, quindi, deve saper coniugare, oltre alle indispensabili conoscenze tecniche, anche capacità di: Comunicazione Gestione dei conflitti Leadership Supervisione Decisionalità Coordinamento 7

8 In pratica dovrà avere un atteggiamento mentale ed un insieme di comportamenti di gruppo con politiche gestionali / organizzative, che mirano ad una gestione imprenditoriale del settore in cui opera. Sostenere i propri collaboratori fornendo l opportunità d acquisire e aggiornare continuamente le loro conoscenze, affinché possano stare al passo con le esigenze in evoluzione dell organizzazione, e divenire veri partners. A tale scopo possono essere utilizzati modelli nella gestione operativa, di cui, due, molto conosciuti, si propongono di seguito. COACHING Il Coaching rappresenta il metodo più brillante di coordinamento, articolato ed aperto, per esprimere al più alto grado qualitativo le potenzialità dei propri collaboratori, e nello stesso tempo guidarli con equilibrio e maestria verso condizioni d impegno responsabile. Il Coach è quindi il Nostromo di un ipotetica nave che segue la rotta, indicando e spiegando ai Suoi le azioni da compiere con partecipazione, individuando nei singoli le potenzialità e le caratteristiche personali più spiccate, al fine di ottenere maggiori prestazioni produttive, ed alti gradi di motivazione. Il concetto può essere facilmente associato al significato di Mèntore come considerato già dagli antichi greci, una guida ai più giovani che trasmette loro quello che conosce e sa fare. Tale metodologia impone un colloquio costante, ma è importante sempre programmare in anticipo gli incontri con i propri collaboratori, non è mai il caso di improvvisare o iniziare un colloquio in situazioni di provvisorietà, e nello stesso tempo non impostare mai una seduta come un aula di tribunale. Ricordarsi che le persone date in carico, sono risorse da valorizzare da cui ottenere il massimo delle loro possibilità, ma per realizzare tale obiettivo, il Coach deve dare tutto quello che è in grado di trasmettere. In caso di difficoltà, potranno essere utili le tecniche di comunicazione più usate, che facilitano i rapporti interpersonali come: l empatia, e l ascolto attivo. Altro aspetto, importante, riguarda la capacità di dare responsabilità ai collaboratori, delegando progressivamente fasi di processo, tale comportamento è chiamato dagli addetti, Empowerment. Questo atteggiamento deve iniziare con un cambiamento di mentalità del Coach, acquisire la consapevolezza che delegare non è perdere ma guadagnare controllo, inoltre in un clima ad alto responsabilizzazione, si crea un ambiente di fiducia reciproca, in quanto le persone sanno di fare affidamento vicendevolmente, anziché lavorare contando solo su sé stesse. Il cambiamento è, a volte, molto rapido ed avviene non appena si presentano nuove sfide, in questi casi può essere utile favorire atteggiamenti responsabili, dove le singole persone si comportano come manager di sé stesse, gestendo le questioni da veri imprenditori. 8

9 PROBLEM SOLVING La capacità di risoluzione delle problematiche non è un archetipo insito nell uomo, ma una capacità che può essere sviluppata con l esperienza e l applicazione di regole che aiutano il ragionamento razionale mirato alla definizione delle questioni. Il modello più usato è detto delle cinque W : Who, Where, What, When, Why, utile per affrontare qualunque piano d azione. Tradotto in italiano, corrisponde a: Chi, Dove, Come, Quando, Perché. In pratica è necessario impostare uno schema che risponda alle semplici domande intese come: - Chi è coinvolto nel processo, o deve essere interessato?. Dove è accaduto, o deve succedere, o realizzare? - Come è accaduto, o deve svolgersi? - Quando si è verificato, o deve accadere, o fare? - Perché è accaduto, o fare, o realizzare? Rispondere alle cinque domande può sembrare un ragionamento empirico, ma in realtà si tratta di un profondo processo mentale, strutturato in modo da consentire la possibilità di fare chiarezza delle situazioni e nello stesso tempo avere elementi per preparare ed elaborare piani di lavoro anche complessi. Questo aspetto riveste particolare importanza se legato ad una logica definita come Learning ability, in cui l apprendimento di metodologie applicate con successo, consente di adeguare ed accrescere la propria conoscenza, e poter riproporre analoghe modalità d approccio nelle varie situazioni, intervenendo direttamente nei metodi di produzione. 9

10 IL PROGETTO Un progetto può essere definito come un insieme d idee e risorse (umane e non), opportunamente organizzate, per raggiungere un obiettivo definito in determinati limiti di tempo e costo. Lavorare per progetti, quindi, consiste nell'individuare l'obiettivo da raggiungere ed affidare il compito ad un organizzazione di lavoro (Team), tenendo conto del rispetto d alcuni parametri, quali: TEMPI, pianificando e verificando il processo prefissato, secondo una temporizzazione delle attività COSTI, prevedendo e controllando le risorse impiegate con i relativi costi QUALITA', controllando la rispondenza delle varie fasi esecutive su specifici standard di riferimento Di conseguenza ad obiettivi stabiliti, sarà utile verificare il loro conseguimento, le difficoltà incontrate, i rimedi attuati per superarli, migliorando i risultati e il raggiungimento degli traguardi prefissati. Il sistema deve permettere scambi d informazioni sia verso l'esterno che verso l'interno, e' importante che questi rapporti avvengano con la consapevolezza e la trasparenza necessaria, affinché si abbia una visione chiara del programma d esecuzione, e nello stesso tempo sia possibile formulare, con convinzione di causa, varianti di progetto finalizzate al miglioramento della realizzazione. Un progetto, deve tenere conto nella fase della sua attuazione di un certo sviluppo da seguire, in particolare: - Partendo dall esistenza della problematica da risolvere, o del cambiamento auspicato, - Dalla costituzione di un Team, individuando le risorse adatte, - Definizione degli scopi generali della ricerca/intervento, espressi in modo chiaro e concreto, - La formulazione delle ipotesi, tenendo conto delle informazioni a disposizione, - Scelta degli strumenti di indagine, per la raccolta di dati, basati su documenti, interviste, - Raccolta dei dati, ed elaborazione delle informazioni secondo criteri condivisi, - Presentazione del rapporto, e coinvolgimento degli attori, - Ipotesi d intervento, per la risoluzione delle problematiche, - Pianificazione delle azioni da intraprendere, 10

11 - Organizzazione del Team, - Attuazione e realizzazione di validi sistemi di controllo, - Valutazione e verifica dei risultati. La fase progettuale è quella più delicata di tutti i processi organizzativi, è deve essere concepita tenendo conto di tutti gli aspetti che possano influire sulla buona riuscita dell iniziativa. 11

12 LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA Per operare con maggiori prospettive di successo è necessario adeguare la struttura organizzativa rendendola più dinamica, flessibile ed efficiente attraverso un corretto processo di perfezionamento. E' importante che tale assetto non sia fine a se stesso, portando magari allo stravolgimento della realtà aziendale (fatta d uomini, conoscenze, procedure, presenza sul mercato ed esperienze) con esiti finali più negativi che correttivi, ma che al contrario abbia come capisaldi aspetti concreti e migliorabili. Sono possibili diversi tipi d organizzazione che facilitano il coordinamento dei lavori, come: TIPO : Funzionale, Gerarchico. CARATTERISTICHE : Spiccatamente gerarchico, Compiti e ruoli rigidamente individuati, Ogni individuo risponde direttamente solo al suo diretto superiore, Specializzazione professionale definita. VANTAGGI : Centralizzazione delle risorse, Facilità di controllo. SVANTAGGI : I singoli tendono a dare un maggior impegno sul proprio ambito piuttosto che al progetto nel suo insieme I collaboratori si attengono solo ai loro compiti, Scarsa possibilità di esprimere autorevolezza da parte del Project Manager TIPO : Affiancata, Parallela. CARATTERISTICHE : Creata appositamente per un progetto, attingendo dall organizzazione principale, Gli individui sono allocati al Team fino alla fine del progetto. VANTAGGI : Autorità del Project Manager, Maggiore comunicazione tra il Project Manager ed il Team, 12

13 Collaboratori motivati per il raggiungimento dell obiettivo, SVANTAGGI : Risorse assegnate rigidamente solo a quel progetto. TIPO : A Matrice, Collaborativo. CARATTERISTICHE : Orientata al Cliente, Centralità del progetto, Partecipazione al progetto delle diverse funzioni aziendali, Risorse responsabili verso il Project Manager per gli obiettivi, VANTAGGI: Riduzione di ridondanze e duplicazione del lavoro, Gestione contemporanea di più progetti (multiprogetti), Obiettivi chiari, Integrazione dei dati tra diversi progetti, Informazioni diffuse e condivise. SVANTAGGI : Realizzazione complessa Naturalmente il tipo di struttura da attuare, deve essere valutato in fase progettuale, ma sarà possibile anche apporre variazioni in caso di deficienze organizzative, tenendo conto, comunque, dei costi e dei ritardi che ogni cambiamento in corso d opera comporta. Di conseguenza in questi casi, è preferibile creare a priori un organismo specifico, denominato UTE (unità tecnologica elementare), integrato perfettamente nell Azienda, ma che possiede al suo interno le risorse umane e tecniche per svolgere le mansioni assegnate, ma anche per cercare di ottimizzare il processo produttivo di specifiche procedure. La CHIAVE di SUCCESSO del PROGETTO Una struttura ideale è di difficile applicazione nella realtà e spesso è il compromesso che meglio si adatta all'organizzazione esistente, in funzione delle caratteristiche del progetto e della sua dimensione, tuttavia essa è peraltro un elemento chiave nel successo del progetto e non dovrebbero essere risparmiate energie per la sua composizione. 13

14 Pertanto il coinvolgimento delle risorse umane e la loro forte motivazione sono determinati per il successo del progetto, ma per ottenere questo è necessario specificare delle linee guida da seguire, come: - Definire il lavoro, - Assegnare i compiti ed i ruoli,. - Richiedere il rispetto dei tempi degli impegni assunti, - Definire le relazioni tra le entità organizzative coinvolte, - Definire i processi e gli strumenti di comunicazione e di gestione dell'informazione. - Assegnare obiettivi chiari ed espliciti a tutti, - Motivare adeguatamente, - Predisporre le Risorse al dialogo ed al confronto, - Adoperarsi per instaurare un clima collaborativo. 14

15 LA PIANIFICAZIONE L attività di pianificazione è propedeutica a tutte le fasi operative, ed ha l obiettivo di predisporre uno scenario di possibili esigenze progettuali, necessari all espletamento successivo delle attività. Per ogni progetto che s intende attuare, naturalmente bisogna tenere presente dei tempi di realizzazione, valutando le difficoltà e gli imprevisti che possano ostacolare lo svolgimento dei lavori, in ogni caso è indispensabile stabilire le fasi e le sequenze del processo, per la gestione di una pianificazione, tenendo conto di: Individuare le Risorse e le Responsabilità secondo le diverse strutture d appartenenza, Individuare il peso dei carichi di lavoro affidato, Valutare i vincoli temporali interni e/o esterni all attività, Programmazione delle attività e del preventivo di spesa (budget). Inoltre è importante tenere conto d alcuni aspetti, specificati di seguito, che saranno utili per attuare un programma aderente alla realtà in cui si opera. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI L'obiettivo è naturalmente la base di partenza per l avvio di ogni attività, ed è inizialmente individuabile direttamente con l'esigenza del Cliente (interno e/o esterno), ma per la sua definizione complessiva bisogna considerare anche altri elementi come: La rispondenza a norme specifiche, La conformità alle logiche di strategie aziendali, La sua effettiva realizzabilità, La sua misurabilità in termini di confronto. Definiti gli obiettivi come indicato, è necessario che questi siano condivisi ed accettati da tutte le strutture interessate. 15

16 LE RISORSE Il passaggio dall'astratta definizione degli obiettivi alla loro realizzazione pratica, si concretizza con la definizione delle risorse necessarie, individuando il Team che sarà necessario per raggiungerli. Dovranno confluire le risorse necessarie dal punto di vista quantitativo e qualitativo (professionalità, conoscenze specifiche, capacità relazionali), in questa fase è necessario che il Project Manager possa individuare, ed eventualmente scegliere, le unità ritenute necessarie. In questa fase, è indispensabile trasmettere una forte motivazione ai collaboratori, considerando che la comprensione del ruolo della soddisfazione dei bisogni, svolgerà un azione significativa nell esecuzione dei compiti. Infatti, al primo livello si classificano i cosiddetti bisogni fisiologici fondamentali, al livello successivo quelli di sicurezza. Superate le esigenze di base, l individuo tende ad avere l esigenza di soddisfare la propria sfera psicologica, quindi il bisogno d appartenenza, quello di status, ed infine l autorealizzazione. Naturalmente ogni qualvolta un bisogno è soddisfatto, l individuo è motivato a cercare la soddisfazione nei bisogni successivi, per cui sono quelli ai livelli più elevati che svolgono un ruolo importante nel motivare il personale ad operare efficacemente. Tuttavia, l orgoglio personale, il fare qualcosa d utile ed importante per sé, per il Team a cui si appartiene e per la propria Azienda, rappresenta la spinta propulsiva più forte per ottenere i migliori risultati da una Risorsa. Il segreto per motivare le Persone consiste nel rivedere gli atteggiamenti e convinzioni su quello che sia possibile avere per sé stessi, non illudendo di false speranze, e comunque creare un ambiente di lavoro positivo e trasparente. SCOMPOSIZIONE delle ATTIVITA Uno strumento utile per favorire la dinamica delle operazioni, consiste nella costruzione del Work Beakdown Structure (WBS), in pratica nello scomporre il lavoro esecutivo del progetto, in livelli sempre più dettagliati, fino ad individuare le parti elementari, sia in termini di quantità fisica che di responsabilità. In sostanza, si ottiene, organizzando il lavoro da fare in una struttura gerarchica ipotetica, che parte dal complessivo e passando per livelli intermedi e successivi di dettaglio, arrivi fino al particolare. Il livello di dettaglio della struttura, sarà tanto più spinto quanto maggiore è la visibilità che si vuole avere del progetto, in relazione alle necessità di controllo. 16

17 Questa composizione del lavoro è utile in fase di pianificazione, in quanto permette di avere un quadro completo, e nello stesso tempo dettagliato, dell attività riducendo al minimo eventuali deficienze o errori nell'attribuzione delle responsabilità. Inoltre rende più semplice e puntuale l'attività di controllo in fase d avanzamento del progetto. Per uno stesso progetto, oltre alla WBS che è la struttura standard di scomposizione delle attività, sono possibili anche altri tipi di strutture, che possono consentire un ulteriore pianificazione e/o controllo, che prendono in considerazione altri aspetti dell attività, come ad esempio: OBS - divide il lavoro in funzione dell'organizzazione; PBS - divide le attività in funzione del prodotto; CBS - divide le risorse in funzione dei costi; ABS - divide il personale in funzione delle attività; LBS - divide l attività in funzione delle aree geografiche, RBS - divide l esecuzione del lavoro in funzione delle risorse. I PACCHETTI di LAVORO (WP - work packages) Il livello più dettagliato della WBS è la parte elementare dell attività da svolgere, ed è detto pacchetto di lavoro (WP), ogni WP pur potendo consentire l'espletamento di più attività, dovrà individuare parti di lavoro chiaramente identificabili in termini di quantità e costi (ad esempio in un esecuzione di una pratica, un WP potrebbe essere rappresentato dall'espletamento dei singoli aspetti peculiari che riguardano la globalità di una richiesta, rimanendo tuttavia sotto un unica gestione operativa). L'attribuzione a livello di WP delle relative responsabilità (incrocio tra WBS ed OBS) consente di individuare le singole attività e competenze del programma. Il PROGRAMMA di RIFERIMENTO Potranno essere realizzati diversi programmi d esecuzione del progetto, tenendo conto delle diverse esigenze d attuazione, naturalmente nel rispetto degli obiettivi di riferimento. Potrà essere realizzato un progetto di massima, definito in genere, programma di massima di I livello, e successivamente in funzione della scomposizione del lavoro secondo WBS ed OBS, si definirà il programma generale, dove viene affrontata la seconda fase del progetto (II livello), questo dovrà rispettare le sequenze logiche del progetto globale, in relazione alle diverse attività, e tenere in considerazione i vincoli ed i condizionamenti interni ed esterni. 17

18 La stesura del programma generale, costituirà, poi, il piano di riferimento (baseline o target), sia in termini di tempo che di costi (budget), con il quale confrontare i successivi aggiornamenti in fase d avanzamento del progetto. Naturalmente ad ogni attività saranno assegnate le risorse necessarie, i cui costi orari e disponibilità saranno preventivamente definiti in un apposito archivio. 18

19 CICLO di VITA del PROGETTO Il ciclo di vita di un progetto è l'intervallo ideale che va dall ideazione dello stesso, fino al suo completamento, e comprende delle fasi propedeutiche, di seguito indicate: INIZIO : Creazione del Team (project manager, risorse umane, responsabilità; procedure operative), Individuazione degli obiettivi (finale e/o intermedi; interni ed esterni), Stesura del programma di primo livello (durata totale e macroattività), Definizione dei dati di base (budget), Definizione degli strumenti, dei canali e dei metodi di comunicazione (interni ed esterni) CRESCITA: Identificazione e descrizione dei pacchetti di lavoro, e strutture organizzative (WBS), Scelte operative (committenza, attività esterne/interne, logistica, supporti informatici), Stesura del programma di secondo livello (percorsi critici, dipendenze logiche e vincoli), Definizione dei contenuti dei programmi di secondo livello e metodologia di controllo, MATURITA : Raccolta dati dai programmi di secondo livello (avanzamento lavori), Aggiornamento del programma generale di secondo livello (avanzamento di tempi e costi), Scostamento del progetto rispetto al programma di riferimento, Monitoraggio delle performances, ULTIMAZIONE: Verifica ultimazione effettiva delle attività, Riallocazione risorse, Verifica finale (misura del successo del progetto rispetto agli obiettivi), Completamento della documentazione, Storicizzazione delle informazioni (apprendimento dall'esperienza). 19

20 TECNICHE OPERATIVE Come si è visto le finalità del Project Management sono quelle di permettere la pianificazione ed il successivo controllo di un processo, in pratica questo si rende concreto nell'applicazione di alcune tecniche operative che consentono di tenere sotto controllo tutte le fasi e gli avanzamenti delle attività, ed in particolare: Nella fase di pianificazione Nella disaggregazione del lavoro secondo idonee strutture WBS Nella programmazione temporale e reticolare dei livelli nelle fasi di controllo WBS Com è stato rilevato, la disaggregazione gerarchica del lavoro consente di giungere ad individuarne le parti elementari, queste saranno associate ad ogni WP in termini di quantità fisiche (ore, kg, ecc.), o valori economici (costi, ricavi); in questo modo con un opportuna e ben studiata strutturazione e codifica, saranno possibili aggregazioni che risalendo dai livelli più bassi fino a quelli superiori, consentono un attenta analisi di gestione. La WBS, infatti, essendo una struttura ad albero, consente di vedere ogni livello come padre di quello inferiore, e nello stesso tempo figlio di quello superiore. LIVELLI di PROGRAMMAZIONE Prima di procedere alla stesura di un qualsiasi programma è necessario individuare le attività con le relative durate, con legami logici e condizionamenti, partendo da livelli di sintesi che definiscano gli obiettivi generali, per giungere poi a livelli di maggior dettaglio, con programmi che si sviluppano dal generale al particolare, e che consentano, viceversa, un controllo che vada dal particolare al generale Programmi di I Livello È necessario predisporre dei documenti programmatici di sintesi che identificano gli obiettivi, le date e gli eventi principali, nonché, in forma generalizzata, le attività più importanti, si presenta in linea di massima privo di legami logici tra le attività, ed è destinato ai vertici aziendali. 20

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione PROJECT MANAGEMENT Change Formazione 1 INTRODUZIONE 3 Le fasi del Project Management 3 Fattori critici di insuccesso 4 Fattori critici di successo 4 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 5 LA PROGRAMMAZIONE DEL

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Manuale a dispense sulla sicurezza urbana / dispensa n 4 / ottobre 2012 1 23 4 56 7 8910 Gestire un progetto Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Collana a cura di: Stefano

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli