Project Management 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Project Management 1"

Transcript

1 Project Management 1

2 SOMMARIO - Introduzione - Organizzazione - Pianificazione (Tempi/Costi) - Controllo del Progetto: Earned Value Analysis - Chiusura del Progetto pag. 3 pag. 29 pag. 35 pag. 55 pag Risk Management pag Quality Management pag.82 - Relationship Management pag.85 - Procurement Management pag.88 - Bibliografia pag.90 2

3 Introduzione 3

4 Versioni del Project Management Traditional: TPM Adaptive: APM (Agile) Extreme: XPM NON CHIARI OBIETTIVI CHIARI CHIARI REQUISITI & SOLUZIONI NON CHIARI 4

5 Caratteristiche di un Obiettivo Tutti gli obiettivi dovrebbero essere SMART(ER): Specific (ben definito) Measurable (misurabile, quantificabile) Agreed upon (concordato e condiviso) Realistic (ambizioso ma non irraggiungibile) Time-framed (punti di controllo) Enjoyable Recorded 5

6 Definizioni La definizione di progetto come PROCESSO UNICO nella ISO è poco chiara In realtà, più progetti possono utilizzare contemporaneamente stessi processi permanenti (progettazione, produzione) Vi sono poi dei processi, propri del progetto I processi del Project Management secondo la ISO 1006 sono 33 secondo il PMI sono 42 divisi in 9 gruppi (4 edizione del PMBOK) 6

7 Aree del PM (secondo il PMI) (1) a. Integration Management b. Scope Management c. Time Management d. Cost Management e. Human Resource Management f. Risk Management g. Quality Management h. Communication Management i. Procurement Management 7

8 Aree del PM (secondo il PMI) (2) a. Integration Management Sviluppo del piano di progetto (raccoglie in un documento coerente e coeso i risultati di tutti i processi di pianificazione) Esecuzione del piano di progetto Controllo dell integrazione delle varianti di Piano (varia in modo coerente tutta la pianificazione del progetto) 8

9 Aree del PM (secondo il PMI) (3) b. Scope Management Avvio (Impulso) Pianificazione dello Scopo (descrive l oggetto del progetto) Definizione dello Scopo (suddivide i risultati parziali del progetto in componenti più facilmente gestibili) Verifica dello Scopo Controllo delle variazioni dello Scopo 9

10 Aree del PM (secondo il PMI) (4) c. Time Management Definizione delle attività Definizione delle precedenze tra le attività Stima della durata delle attività e delle risorse necessarie Pianificazione temporale (Schedule) Controllo del piano temporale 10

11 Aree del PM (secondp il PMI) (5) d. Cost Management Pianificazione delle risorse (persone e mezzi) Stima dei costi Budget dei costi (attribuzione di budget per ogni attività) Controllo dei costi 11

12 Aree del PM (secondo il PMI) (6) e. Human Resource Management Pianificazione dell organizzazione di Progetto (identificazione, documentazione e assegnazione di respon-sabilità, ruoli, e reciproche figure di riferimento cui si riporta) Acquisizione delle risorse umane Sviluppo del team (sviluppo delle capacità individuali e dei gruppi di lavoro) 12

13 Aree del PM (secondo il PMI) (7) f. Risk Management Pianificazione delle azioni di Risk Management Identificazione dei rischi Valutazione dei rischi Analisi qualitativa (effetti) Analisi quantitativa (probabilistica) Sviluppo delle azioni di contrasto Controllo dei rischi (valutazione del rischio iniziale e residuale, nuovi rischi, esecuzione delle azioni di mitigazione e valutazione dei loro effetti) 13

14 Aree del PM (secondo il PMI) (8) g. Quality Management Pianificazione della qualità (determinazione degli standard di qualità rilevanti per il progetto e di come soddisfarli) Assicurazione della qualità (stima metodica delle prestazioni per assicurarsi che gli standard di qualità saranno rispettati) Controllo della qualità (misura di specifici risultati o parametri atti a verificare che gli standard di qualità siano rispettati ed eliminazione delle eventuali cause di andamenti non soddisfacenti) 14

15 Aree del PM (secondo il PMI) (9) h. Communications Management Obiettivo: assicurare periodiche ed accurate produzioni, raccolte, distribuzioni ( disseminazioni ), archiviazioni delle informazioni relative al Progetto Pianificazione delle comunicazioni (determinare cosa occorre comunicare a ciascun stakeholder e come) Distribuzione delle informazioni Reporting sui risultati e sulle prestazioni (stato, avanzamento, previsioni) Rapporto Finale e procedure di chiusura del Progetto 15

16 Aree del PM (secondo il PMI) (10) i. Procurement Management Procurement: Acquisizione dei beni e servizi necessari per realizzare il Progetto Pianificazione delle acquisizioni (Solicitation planning): piano degli acquisti (cosa, come, quando), identificazione dei potenziali fornitori Raccolta di offerte e proposte, indizione di gare (Solicitation) Scelta dei fornitori (chi, come) Gestione dei contratti Chiusura dei contratti 16

17 % completata sforzo Il Progetto 1. Progetti Esterni Richiesti dal mercato: produzione su commessa Proposti al mercato: New Product Development (modello di Porter e Matrice BCG 2. Progetti Appaltati 3. Progetti Interni (aumento F o riduzione C, Matrice BCG) 4. Company Wide Project Management Ciclo di vita del Progetto inizio chiusura 100 % tempo inizio chiusura tempo 17

18 Il Project Manager Quali sono i compiti del Project Manager? Guida e supervisiona il Progetto dall inizio alla fine. definire il Progetto ridurre il Progetto ad un insieme di attività (tasks) gestibili ottenere le risorse necessarie costruire il team di lavoro impostare l obiettivo finale di progetto e motivare il team per completare il progetto in tempo avere cultura e capacità tecniche (finanziarie, tecnologiche, di gestione contratti...) avere attitudine relazionale Ma soprattutto, deve avere capacità di adattarsi al cambiamento: Nessun Progetto procede al 100% come pianificato! MAI Cosa può andare male? Gestione inadeguata del progetto Cliente e PM in disaccordo Conflitti personali nel team Obiettivi di progetto mal definiti 18

19 Il Ciclo di Vita del Progetto Controllo Start-up Gestione delle varianti Accettazioni parziali Piano esecutivo Chiusura Autorizzazione lavori Necessità da soddisfare Piano preliminare Qualificazione iniziale Definizione degli obiettivi e requisiti Pianificazione delle attività Allocazione delle risorse Determinazione dei costi Analisi e gestione dei rischi 19

20 Gli Attori Coinvolti nel Progetto: Stakeholder (1) Il sistema di attori nel progetto STAKEHOLDER 20

21 Gli Attori Coinvolti nel Progetto: Stakeholder (2) Il successo del progetto dipende anche dall atteggiamento e le reciproche relazioni di una serie di attori interni ed esterni all organizzazione del progetto variamente e per diverse ragioni interessati alla riuscita o al fallimento del progetto. Tali attori, individui o gruppi, detti Stakeholder non sono sempre palesi; una tra le abilità richieste ad un buon Project Manager è quella di saper individuare tutti gli stakeholder e valutarne il grado di interesse ed il potere di influire sul progetto. IN PRATICA SONO: Individui o organizzazioni i cui interessi possono essere positivamente o negativamente condizionati dal progetto Chiunque possa influenzare positivamente o negativamente il progetto La loro identificazione risulta talvolta difficile ed è sempre un fattore cruciale per il successo del progetto Spesso hanno obiettivi, requisiti ed aspettative differenti, anche in conflitto tra loro 21

22 Gli Attori Coinvolti nel Progetto: Stakeholder (3) La società civile è a sua volta un insieme di stakeholder tra i più vari e a volte imprevedibili, per esempio si pensi alle associazioni ambientaliste nel caso del progetto di una autostrada o delle comunità di residenti nel caso del progetto di una tratta ferroviaria ad alta velocità o di una centrale nucleare. Nella guida ISO tra gli esempi di stakeholder venivano citate le rappresentanze dei lavoratori. Stakeholder esterni al progetto e certamente contrari sono costituiti dalla concorrenza. Nei grandi progetti realizzati in pool di aziende potenzialmente concorrenti, certi partner possono passare da favorevoli a contrari in funzione dell evoluzione del mercato e mettere in atto tattiche di boicottaggio per ottenere maggiori vantaggi su altri progetti. Stakeholder che vanno acquisendo importanza crescente, in particolare per progetti grandi e/o ad alto rischio, sono i finanziatori, sempre più presenti nella fase di studio di fattibilità e nell azione di controllo esterno. 22

23 Come nasce un progetto 23

24 Project Scope Scope of Work: cosa è o non è incluso nel progetto ovvero la somma dei servizi e prodotti ottenuti con il progetto Diversa natura dello Scope: Product vs Project Product Scope: funzionalità e caratteristiche di un prodotto/servizio Project Scope: lavoro da svolgere per realizzare un prodotto/servizio con le specifiche funzionalità e caratteristiche 24

25 Come nasce il progetto: COS, POS e Joint Project Planning Session (1) Definizione del Product Scope 1. Request 2. Clarification 3. Response 4. Agreement 25

26 Come nasce il progetto: COS, POS e Joint Project Planning Session (2) Stesura del Project Charter Normalmente il POS è un documento di una pagina, con le seguenti informazioni: Problema/Opportunità Obiettivo: cosa deve essere fatto Vantaggi: perché deve essere fatto Success Criteria: indicatori del raggiungimento dell obiettivo Caratteristiche generali: tempi, costi, guadagni, fattori di rischio etc. In termini sintetici e generali 26

27 Come nasce il progetto: COS, POS e Joint Project Planning Session (3) Tutte le attività che appartengono alla fase di Pianificazione, vengono o possono essere svolte durante la Joint Project Planning Session (da 1 a 3 gg a seconda del progetto) VANTAGGI E più facile raccogliere le informazioni Stima delle durate più accurata Commitment più forte sul progetto Il punto di partenza è il Project Overview Statement PARTECIPANTI Facilitator: colui che modera la riunione Project Manager Technographer: esperto di strumenti sw Core Project Team Customer Representative Resource Manager Project Champion: di solito coincide col customer Functional Managers E auspicabile un invito formale alla riunione, con R.S.V.P. 27

28 Come nasce il progetto: JPP Session Deliverable 1. WBS 2. Durata delle attività 3. Identificazione delle risorse richieste 4. Project Network Schedule: PDM 5. Activity Schedule: calendarizzazione 6. Resource assignement 7. Economics Tutti questi aspetti fanno parte della Project Proposal. 28

29 Organizzazione 29

30 Dalla Burocrazia alla AdHocrazia (dall economia di scala all economia della flessibilità) Struttura Funzionale Struttura Divisionale (crescita e diversificazione) Struttura a Matrice Debole (progetti interni) Struttura a Matrice Bilanciata Struttura a Matrice Forte (progetti esterni) TaskForce dedicata (a Progetto) Tipo di Organizzazione Importanza PM Risorse fisse sul progetto Funzionale pura Scarsa Nessuna o quasi Matrice bilanciata Buona 20% - 80% A Progetto Totale Tutte o quasi 30

31 I Ruoli del Project Management (1) 1. Stakeholders 2. Project Manager 3. Project Leader 4. Program Manager 5. Project Executive 6. Steering Committee 7. PMO 31

32 I Ruoli del Project Management (2) PSO: Project Support Office 1. Temporaneo (Program Office) o Permanente 2. Offre un insieme di servizi (proactive and reactive) Consulting and mentoring Metodi e standard Software Training 3. Serve uno specifico gruppo di progetti Per obiettivo (programma spaziale) Per dipartimento (IT, Marketing) Nascono dalla necessità di creare degli standard aziendali, quando il know-how da solo non basta. 32

33 I Ruoli del Project Management (3) 1. CPMO: Corporate Project/Program Management Office 2. PMcoe: Project Management center of excellence 3. PMO: Project Management Office 4. PSO: Project Support Office 5. PO: Project Office 33

34 I Ruoli del Project Management (4) Project Management Maturity Model (PMMM) LEVEL 1: utilizzo di alcuni strumenti di pm, su base informale. Nessun training. Supporto occasionale. LEVEL 2: processi di pm documentati, usati però su base discrezionale. Formazione occasionale, su richiesta. Part-Time support su alcuni progetti. LEVEL 3: i processi di pm sono tutti documentati, e il project management viene riconosciuto dal management come un fattore critico di successo. Il PSO è una struttura formale. La formazione è costante e pianificata. LEVEL 4: come il 3. Il PSO è visto come una business unit, e il portfolio management è parte integrante del business plan aziendale LEVEL 5: il PSO è parte integrante di un processo di continuous quality improvement nell ambito del PM. Il passaggio dal livello 2 al livello 3 è il più difficile. 34

35 Pianificazione (Tempi/Costi) 35

36 Il Processo di Pianificazione Il Processo di Pianificazione, consiste nel rispondere alle seguenti domande: COSA: individuazione WP CHI: responsabilità (Resource Mgm) COME: allocazione risorse e stima durate QUANDO: schedulazione (Time Mgm) QUANTO: cost budgeting (Cost Mgm) 36

37 WBS (1) PFS: Product Function Structure PdBS: Product Breakdown Structure PcBS: Process Breakdown Structure WBS: Work Breakdown Structure OBS: Organizational Breakdown Structure BBS: Budget Breakdown Structure 37

38 WBS (2) Una Work Breakdown Structure: è una struttura orientata al risultato rappresenta tutto il lavoro di un progetto in modo organizzato spesso ha una rappresentazione grafica ad albero gerarchico può anche essere una lista (tabella) di elementi, quali attività e categorie 38

39 WBS (3) Considerazioni : orientata al prodotto include tutto il lavoro ogni elemento aggrega quelli di livello inferiore riflette il modo in cui il lavoro deve essere svolto Due tipi di scomposizione nelle WBS: per componenti / funzioni per fasi 39

40 WBS (4) Alcune considerazioni relative alla WBS per Fasi La focalizzazione è su cosa fare Ai primi livelli della WBS vanno quindi riportati dei VERBI che descrivono le attività da svolgere per realizzare i deliverable del progetto e, scendendo di livello, i deliverable stessi Alcune considerazioni relative alla WBS per Componenti La focalizzazione è su cosa produrre Al primi livelli della WBS vanno quindi descritti tramite dei SOSTANTIVI i deliverable del progetto e, scendendo di livello, le attività da svolgere per realizzare tali deliverable Alcune considerazioni per tutte le WBS il livello n+1 descrive in maggior dettaglio ciò che è riportato a livello n: non ha senso un legame 1:1 tra elementi di livelli diversi in nessun modo viene indicata una sequenza per lo svolgimento delle attività 40

41 Atività & Milestone ATTIVITÀ Una Attività è un insieme di Task (compiti) che possono essere assegnati ad una persona Un Task è un insieme di passi (Step) intrapresi per ottenere un output misurabile Un passo (Step) è una azione singola MILESTONE Una MILESTONE è un punto chiave nel progetto, in corrispondenza di un evento di particolare importanza. Una Milestone è una sorta di segnale che un certo obiettivo è stato raggiunto. 41

42 Work Packages Un Work Package consiste in uno o più Task Può assomigliare ad un mini-progetto Ogni Work Package ha un owner Documenti relativi al WP: Work Package Assignement Sheet (Linear Responsability Chart) Work Package Description Report 42

43 Resource Planning La matrice RACI Responsable (responsabile) Accountable (addetto) Consulted (controllo) Informed (informato) 43

44 Pianificazione COSA: CHI: COME: Work Package: ABS vs PBS = WBS Work Package => OBS Work Package => Allocazione risorse Risorse a Impiego Risorse a Consumo QUANDO: Durata attività Relazioni di dipendenza Calendario di lavoro Milestones Elapsed Time vs Working Time 44

45 Pianificazione: Quando (1) Tecniche Reticolari (Time Analysis) Diagramma di Gantt Istogramma di carico Tecniche per: Il livellamento risorse: Overallocation La schedulazione a tempo limitato: si sfrutta il float positivo delle attività non critiche La schedulazione a risorse limitate: si supera il limite temporale Il De-Scoping 45

46 Pianificazione: Quando (2) Tecniche Reticolari Critical Path Method: CPM Forward Scheduling: Early Start Early Finish Backward Scheduling: Late Start Late Finish Floating Critical path 46

47 Pianificazione: Quando (3) Gantt Diagram 47

48 Legami Logici tre le Attività (1) FS: Finish to Start SS: Start to Start SF: Start to Finish FF: Finish to Finish Delay time o Slack Time PERT - Program Evaluation and Review Technique: introduce le probabilità nella durata METODO MONTECARLO METODO DISTRIBUZIONE BETA GERT Graphical Evaluation and Review Technique: introduce la probabilità anche nei cammini 48

49 Legami Logici tre le Attività (2) PERT Program Evaluation and Review Technique: introduce le probabilità nel calcolo della durata. Metodo Montecarlo: dalla distribuzione di probabilità di ogni attività si estrae un valore della durata in modo casuale. Ripetendo la procedura per un numero significativo di volte, si ottiene una distribuzione della durata del progetto, da cui si calcolano media e varianza. Metodo della Distribuzione Beta: D=(Ott + 4 * Probabilità + Pess)/6 49

50 Over-allocation A 3 3 A 3 3 A 3 3 B 5 5 B 5 5 B 5 5 C C C D 2 2 D 2 2 D 2 2 E 2 2 E 2 2 E 2 2 t t 1 2 t3 t t 4 t 5 6 t t 1 t 2 3 t4 t t 5 6 t t 1 t 2 t 3 t 4 t 5 t

51 Pianificazione: Quanto (1) Cost Budgeting Pianificazione fabbisogno economico Curva ad S dei costi cumulati BAC: budget at completion CashFlow e Conto Economico di progetto: Rendiconto finanziario/economico di commessa 51

52 Pianificazione: Quanto (2) RESOURCE LOADING PATTERNS 1. Uniform 2. Front 3. Back 4. Fixed 52

53 Tracciare l Avanzamento (1) Criteri di Rilevazione: On/Off Arco temporale ristretto Inutile o troppo costose un maggiore dettaglio 50/50 Come On/Off, ma il 50% indica che l attività è iniziata Numero di unità completate Ottimo quando l Output è facilmente misurabile Milestone intermedie a peso predefinito E poco oggettivo Output proporzionale all input Percentuale stimata E il meno oggettivo 53

54 Tracciare l Avanzamento (2) Definizione WBS Definizione Calendari Pianificazione Risoluzione overallocation Ridefinizione dei resource loading pattern Blocco dei task che non si vogliono/possono modificare Ridefinizione task priority Ri-Pianificazione 54

55 Controllo del Progetto: Earned Value Analysis 55

56 Controllo del Progetto Time Now: Analisi Scostamenti Individuazione delle cause Valutazione azioni correttive Ripianificazione a finire EVA ( Earned Value Analysis ) analisi finalizzata a: Misurare l avanzamento di un progetto Fornire indicatori di varianza sul budget e sui tempi Prevedere in modo oggettivo date e costi al completamento del progetto (stime a finire) 56

57 Controllo: Cosa è Stato Fatto Earned Value Analysis (EVA) BCWS: Budget Cost of Work Scheduled BCWP: Budget Cost of Work Performed ACWP: Actual Cost of Work Performed 57

58 Controllo: Analisi Varianze SV: Schedule Variance (BCWP-BCWS) Differenza fra la quantità di lavoro consuntivata e quella prevista valorizzate ai prezzi di budget Una varianza negativa indica che il progetto è behind schedule CV: Cost Variance (BCWP-ACWP) Differenza fra il costo a budget e il costo effettivo del lavoro svolto Una varianza negativa indica che il progetto è over budget 58

59 Indicatori per il Controllo Gli indicatori di performance e Trend delle Varianze SPI: Schedule Performance Index SPI=BCWP/BCWS SPI<1 indica che il progetto è behind schedule CPI: Cost Performance Index CPI= BCWP/ACWP CPI<1 indica che il progetto è over budget 59

60 Cosa Manca? Stima al completamento: Quantità di prodotto non ancora realizzato Tempo necessario Costo risorse necessarie Per ciascun WP: Remaning Duration: RDU Estimate to Complete: ETC 60

61 Stime a Finire Estimate to Complete ETC = (BAC - BCWP)/CPI Estimate at Completion (EAC) EAC = ACWP + ETC BAC: Budget at completion LRE: Latest Revised Estimate, si basa su delle stime EAC: Estimate to Completion, si basa su dei calcoli TEAC = Tnow + (TBAC-Tnow)/SPI 61

62 Evidenze Empiriche Quando il progetto arriva al 10% di completamento l overrun finale non sarà inferiore all attuale. Quando il progetto arriva al 20% di completamento l indice CPI finale non si discosterà dall attuale di più del 10%. CPI e SPI sono indicatori statisticamente validi dei risultati finali di progetto Source: Defense Acquisition University 62

63 Chiusura del Progetto 63

64 Chiusura del Progetto Close-out Meeting Documento di chiusura progetto: Sintesi Progetto Risultati conseguiti; Principali problemi riscontrati; Variazioni alla Baseline; Commenti conclusivi; Il Close Out Meeting è fondamentale per il miglioramento del processo di pianificazione. 64

65 Risk Management 65

66 Risk Management Risk Planning Risk Identification quali rischi/opportunità per il progetto e quali caratteristiche Risk Quantification valutazione dei rischi e delle loro interazioni spesso come unico processo: Risk Assessment Risk Response Development sviluppo di retroazioni al verificarsi del rischio Risk Response Control gestire le variazioni dei rischi durante il progetto spesso come unico processo: Risk Management 66

67 UNI EN ISO 10006: Guidelines for Quality in the Project Management Strategic Process Integration Management Scope Management Time Management Cost Management Resource Management Human Resource Management Communication Management Risk Management Procurement Management 67

68 1. Risk Identification Strumenti & Tecniche Brainstorming Metodologia Delphi Affinity Diagram Checklist di controllo solitamente organizzate per classificazione dell origine del rischio Flowcharting i diagrammi causa-effetto possono aiutare per i rischi Interviste ai vari stakeholders sul tema dei rischi, nelle fasi di pianificazione o studio di fattibilità Analisi di Sensitività Gestibile tramite un simulatore (Scenari di Excel) Molto utile nella definizione delle clausole contrattuali 68

69 2. Risk Identification Affinity Diagram Utilizzati tipicamente a valle dei brainstorming per categorizzare meglio i rischi individuati. 69

70 2. Risk Quantification Tipi di Approcci Quantitativo Expected Monetary Value e Matrice di PayOff Albero decisionale (Decision Tree) Qualitativo Matrice di esposizione al rischio (probabilità di accadimento vs impatto atteso) Giudizio degli esperti Analisi S.W.O.T. 70

71 2. Risk Quantification Strumenti & Tecniche (1) APPROACCI QUANTITATIVI (1) Valore economico atteso (EMV) o Matrice di PayOff è il prodotto di due numeri: la probabilità % dell evento di rischio la stima dell impatto economico dell evento attenzione: rende uguale una probabile piccola perdita con una improbabile grande perdita Criterio minimax Criterio ottimistico Criterio della via di mezzo 71

72 2. Risk Quantification Strumenti & Tecniche (2) APPROACCI QUANTITATIVI (2) Albero decisionale (Decision Tree) è un diagramma che mostra le interazioni tra le decisioni (quadrati ) e gli eventi di rischio associati (cerchi) Giudizio degli esperti Fatto tramite questionario. Sempre in termini di probabilità ed impatto, può essere complementare rispetto agli altri metodi 72

73 2. Risk Quantification Strumenti & Tecniche (3) APPROACCI QUALITATIVI (1) Matrice di Esposizione al Rischio Probability Very high High Medium Low Very low Catastrofic Critic Impact Consistent Marginal Trascurable Output opportunità da perseguire da ignorare minacce cui preparare una risposta da ignorare L importante è documentare quali fonti ed eventi sono stati accettati/ignorati e da chi 73

74 3. Risk Response Development ESISTONO TRE CATEGORIE DI RISPOSTA Elusione/prevenzione (agisco sull evento) eliminando la causa Protezione (agisco sul danno) riducendo il valore economico atteso diminuendo la probabilità (con le opportune tecnologie) diminuendo l impatto economico (con una assicurazione) Accettazione attivamente: preparare un piano di contingenza passivamente: accettando un eventuale profitto più basso Input gli output della fase di quantificazione 74

75 3. Risk Response Development Strumenti & Tecniche Procurement acquisire beni /servizi all esterno è un modo per rispondere ad alcuni tipi di rischio (es. utilizzo di tecnologie particolari) spesso in realtà si scambia un rischio per un altro (rischio tecnologico in cambio di rischio di consegna fuori tempo) Piano di contingenza definire a priori i passi da intraprendere se un certo rischio si verifica Strategie alternative cambiare l approccio: una fase di analisi e progettazione più intensa può diminuire i cambiamenti da gestire nella fase di realizzazione Assicurazione trasformare un rischio individuale in rischio collettivo 75

76 3. Risk Response Development Output piano di gestione del rischio (Risk Plan) documenta le procedure utilizzate per la gestione dei rischi elenca le responsabilità per le varie aree del rischio piani di contingenza (specifiche voci nel budget di progetto) input per gli altri processi strategie alternative, piani di contingenza riserve margini di manovra da tenere accordi contrattuali livelli di servizio da richiedere 76

77 4. Risk Response Control Quando ci sono dei cambiamenti, il ciclo di identificazione, quantificazione e risposta viene ripetuto Input Risk Plan eventi di rischio reali (actual) identificazione di rischi aggiuntivi: eventuali eventi di rischio identificabili solo in seguito alle misure delle performancesdi progetto 77

78 4. Risk Response Control Strumenti & Tecniche Workarounds: risposte non pianificate a eventi di rischio negativi risposta a rischi aggiuntivi nel caso in cui il rischio non sia previsto, o il suo effetto sia maggiore del previsto la risposta pianificata può non essere adeguata si dovrà ripetere il Risk Response Development o anche la Risk Quantification 78

79 4. Risk Response Control Risk Plan (1) Task OBS Period Risk Description Potential Seriousness Countermeasures Cod Descr Start End Damage Prob. EMV Descr OBS C.F. 79

80 4. Risk Response Control Risk Plan (2) RAL: Risk Acceptance Level CF: Contingency Fund EMV: Expected Monetary Value (of damage) RAL= CFtot/ΣEMVi RTL: Risk Tendency Level CF: Contingency Fund BAC: Budget at Completion RTL= CFtot/BAC 80

81 4. Risk Response Control Output azioni correttive implementare le risposte previste dal piano di gestione del rischio aggiornamenti al Risk Plan gli eventi di rischio si avverano o non lo fanno procedendo con il progetto, il piano va aggiornato di pari passo 81

82 Quality Management 82

83 Quality Management Caratteristiche di una fornitura di alto livello qualitativo: Buona: prestazioni elevate e durata nel tempo Conforme: specifiche contrattuali Rispondente: bisogni espressi e inespressi Controllo della Qualità e Garanzia della Qualità (Piano) 83

84 PROJECT MANAGEMENT EDUCATION Il Modello delle 6 S della Qualità 1. Sperata: caratteristiche contrattualizzate + quelle ritenute scontate (sottintese) 2. Stabilita (dal fornitore) 3. Schedulata: Quality Plan interfunzionale e condiviso 4. Somministrata: percezione del Fornitore sul prodotto 5. Sentita: percezione del Cliente sull oggetto ricevuto 6. Spiegata: riduce il divario tra Somministrata e Sentita NORMATIVA (International Standard Organisation) 1. UNI EN ISO 9000: criteri scelta 2. UNI EN ISO 9001: progettazione, sviluppo, realizzazione, installazione e assistenza 3. UNI EN ISO 9002: realizzazione e assistenza 4. UNI EN ISO 9003: controlli e collaudi finali 5. UNI EN ISO 9004: progettazione Sistema Qualità Aziendale 84

85 Relationship Management 85

86 Relationship Management (1) Aspetti principali: Gestire la Comunicazione Gestire le Riunioni: sognatore vs realista vs critico Gestire la Delega Gestire la Formazione Non limitatevi a delegare a persone che sono in grado di svolgere un attività meglio di voi o come voi Non delegate solo attività piacevoli Non delegate solo attività poco piacevoli Siate equi 86

87 Relationship Management (2) Accertatevi di fornire: istruzioni chiare sulla natura del lavoro istruzioni su quando è necessario consultarvi e quando non lo è occasioni per agire di propria iniziativa assicurazione che si potrà contare sul vostro aiuto assicurazione di non aver timore nell ammettere eventuali errori apprezzamenti se il lavoro è fatto bene 87

88 Procurement Management 88

89 Procurement Management Procurement Planning: come e quando Solicitation Planning: documentazione dei requisiti Solicitation: RFQ Source Selection: valutazione fornitori Contract Administration Contract CloseOut 89

90 Bibliografia Introduzione al Project Management Alberto Nepi Project Management Russell D. Archibald Project Management Kerzner Project Risk Management Alberto Nepi Effective Project Management Robert K. Wysocki Gestione dei progetti di impianto F. Caron Managing Agile Projects Sanjiv Augustine 90

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento Stefano Tonchia e Fabio Nonino

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si DEFINIZIONI 1 5W+1H Regola delle cinque domande che iniziano con W ed una che inizia con H (in inglese): What, When, Where, Why, Who and How. La regola fu introdotta seguendo una famosa novella di Rudyard

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Rischi, requisiti e stima di un progetto software

Rischi, requisiti e stima di un progetto software Rischi, requisiti e stima di un progetto software Roberto Meli Abstract Lo scopo di questo lavoro è quello di fornire un contributo pratico a coloro che sono interessati a perseguire il successo di un

Dettagli

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione PROJECT MANAGEMENT Change Formazione 1 INTRODUZIONE 3 Le fasi del Project Management 3 Fattori critici di insuccesso 4 Fattori critici di successo 4 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 5 LA PROGRAMMAZIONE DEL

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROFESSIONAL. Project Management 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015

PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROFESSIONAL. Project Management 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015 PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROJECT MANAGEMENT PROFESSIONAL CON LA SUPERVISIONE SCIENTIFICA DI XVIII Edizione / Formula weekend 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015 Z1099 2015 Project

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

PROCESSI E PIANO. Tel. +39 335

PROCESSI E PIANO. Tel. +39 335 RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI APPROCCIO E PIANO DI MASSIMA PREMESSA Il promemoria elenca le attività da eseguire nei progetti che hanno lo scopo di migliorare significativamente le performance di business

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop.

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sottotitolo : Soluzioni di Asset Management al servizio delle attività di Facility Management Avanzato Ing. Sandro

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli