Unione europea. Il nuovo Protocollo di pesca tra Unione europea e Marocco e i diritti del popolo sahrawi sulle risorse naturali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unione europea. Il nuovo Protocollo di pesca tra Unione europea e Marocco e i diritti del popolo sahrawi sulle risorse naturali"

Transcript

1 Unione europea Il nuovo Protocollo di pesca tra Unione europea e Marocco e i diritti del popolo sahrawi sulle risorse naturali Sommario: 1. Il nuovo Protocollo di pesca tra Unione europea e Marocco. 2. La controversia relativa all ambito di applicazione territoriale dell Accordo di partenariato sulla pesca del La compatibilità del Protocollo con i diritti del popolo sahrawi sulle risorse naturali. 4. L interpretazione autentica del parere dell Ufficio legale delle Nazioni Unite. 5. Obblighi di non riconoscimento in capo all Unione europea. 6. Conclusioni. 1. Il 10 dicembre 2013 il Parlamento europeo con 310 voti a favore, 204 contrari e 49 astensioni ha approvato il Protocollo tra l Unione europea (UE) e il Regno del Marocco che fissa le possibilità di pesca e la contropartita finanziaria ( Protocollo, in GU L 328 del 12 luglio 2013) previste dall Accordo di partenariato nel settore della pesca fra l Unione europea e il Regno del Marocco (in GU L 144 del 29 maggio 2006). Il Protocollo è entrato in vigore nel Parlamento europeo, Accordo di partenariato UE-Marocco nel settore della pesca: protocollo che fissa le possibilità di pesca e la contropartita finanziaria, in GU L 328 del 12 luglio 2013 (www.eur-lex.europa.eu) febbraio scorso con la notifica dell avvenuta ratifica da parte del parlamento di Rabat. Esso prevede una estensione di quattro anni dell accordo quadriennale di partenariato nel settore della pesca tra UE e Marocco entrato in vigore nel febbraio del 2007, provvisoriamente applicato da febbraio 2011 a dicembre 2011 attraverso un protocollo, poi rigettato dal Parlamento europeo. L attuale Protocollo, al fine di ottenere l accesso dei pescherecci europei alle zone di pesca marocchine e al fine di contribuire allo sviluppo del settore ittico in Marocco, prevede un contributo netto dell Unione europea di 30 milioni di euro annui, appunto per un periodo di quattro anni; e 10 milioni annui per il rilascio delle licenze di pesca da parte delle autorità marocchine. Come già accennato, il protocollo di estensione dell Accordo di partenariato era stato rigettato dal Parlamento europeo nel dicembre 2011, in quanto ritenuto troppo oneroso, poco rispettoso dell esigenza di assicurare una pesca sostenibile nelle acque marocchine e, soprattutto, non garante dell esigenza di rispetto dei diritti della popolazione del Sahara occidentale. Per quanto concerne quest ultimo profilo, rilevante ai fini della presente analisi, il Parlamento, nella sua risoluzione di rigetto del precedente protocollo, aveva chiesto alla Commissione «di garantire che il futuro protocollo rispett[asse] appieno il diritto internazionale e [fosse] vantaggioso per tutte le fasce della popolazione locale interessate» (Parlamento europeo, Risoluzione sul futuro protocollo che fissa le possibilità di pesca e la contropartita finanziaria previste dall accordo di partenariato nel settore della pesca tra la Comunità europea e il Regno del Marocco, 2011/2949(RSP) del 14 dicembre 2011, par. 9). 2. La bocciatura del suddetto protocollo originava dalla controversia relativa all ambito di applicazione territoriale dell Accordo di partenariato del 2007, in particolare se esso si estendesse alla acque prospicienti la costa del Sahara occidentale (come noto, ex colonia DIRITTI UMANI e DIRITTO INTERNAZIONALE Società editrice il Mulino vol. 8, 2014, n. 2, pp ISSN:

2 Osservatorio Unione europea spagnola da decenni amministrata e annessa dal Marocco, la cui popolazione non ha mai potuto esercitare il proprio diritto all autodeterminazione), e alla compatibilità di quest ultimo con il diritto internazionale: già nel maggio del 2006, al momento del voto in Consiglio, la Svezia aveva votato in senso contrario all approvazione, ritenendo che esso non tenesse «into full consideration that Western Sahara is not a part of the territory of Morocco under international law [ ]» ; e che «all concerned [were] not ensured to benefit from the implementation of this agreement in accordance with the will of the people of Western Sahara, as provided by international law». Simili preoccupazioni, in particolare rivolte all attuazione dell accordo stesso, erano state manifestate nella propria dichiarazione di voto di astensione da Finlandia e Paesi Bassi (per il testo completo delle suddette dichiarazioni ci si permette di rimandare al nostro scritto E. Milano, The New Fisheries Partnership Agreement between the European Community and Morocco, in Anuario español de derecho internacional 2006, p. 413 ss., a p. 428, nota 61). Fattori decisivi nella scelta del Consiglio di approvare l accordo e del Parlamento europeo di esprimere parere favorevole nel 2006 furono i pareri dei rispettivi uffici del Servizio giuridico: secondo il parere del Servizio giuridico del Parlamento, l accordo non escludeva, né includeva le acque del Sahara occidentale, sarebbe spettato al Marocco dare attuazione all accordo stesso in conformità ai propri obblighi internazionali nei confronti della popolazione del Sahara occidentale e, in ogni caso, la Comunità europea avrebbe potuto, attraverso un processo di consultazione, richiedere la sospensione dell accordo stesso, se il Marocco non avesse tenuto in dovuto riguardo gli interessi del popolo sahrawi (Parlamento europeo, Legal Opinion of the Legal Service of the European Parliament, SJ- 0085/06 del 20 Febbraio 2006, par. 45). Nel 2009, in seguito a numerose interrogazioni parlamentari, la Commissione svelava i primi dati che mostravano come le licenze di pesca concesse dalle autorità marocchine ai pescherecci comunitari, tramite la delegazione della Commissione a Rabat, riguardassero anche le zone di pesca al largo della costa del Sahara occidentale. A questa rivelazione, su sollecitazione della Commissione per lo sviluppo del Parlamento europeo, seguiva un nuovo parere del Servizio giuridico del Parlamento: nel documento prodotto il 13 luglio 2009, il Servizio giuridico prendeva atto dell estensione dell ambito di applicazione dell Accordo di partenariato alle acque del Sahara occidentale; negava che la dichiarazione della Repubblica democratica araba sahrawi (SADR), con cui veniva stabilità una zona economica esclusiva, potesse produrre effetti giuridici in assenza di effettività di quest ultima e stante lo status del territorio come territorio non-autonomo ai sensi dell Art. 73 della Carta ONU; inoltre, determinava che non vi fosse evidenza del fatto che il contributo finanziario della Comunità fosse utilizzato a beneficio della popolazione sahrawi e che, essendo il principio di sovranità permanente sulle risorse naturali vincolante anche la Comunità europea, questa avrebbe dovuto utilizzare i meccanismi applicativi previsti dal comitato congiunto CE-Marocco per fare in modo che effettivamente del proprio contributo beneficiassero le popolazioni locali; in caso di riscontro negativo della controparte, la Comunità europea avrebbe dovuto cessare le richieste di licenza di pesca nella zona di mare del Sahara occidentale ovvero richiedere la sospensione dell accordo (Parlamento europeo, Legal Opinion of the Legal Service of the European Parliament, SJ 0269/09 del 13 luglio 2009). Il parere del 2009 fu certamente decisivo nell indurre il Parlamento europeo a rigettare il nuovo protocollo nel dicembre 2011; all interno dello stesso Consiglio, Svezia, Danimarca e Paesi Bassi votarono contro il protocollo, mentre Regno Unito, Cipro, Austria e Finlandia si astennero, proprio in considerazione dei potenziali profili di violazione del diritto internazionale. 2

3 DIRITITI UMANI e DIRITTO INTERNAZIONALE vol. 8, 2014, n. 2, pp Con riferimento al Protocollo del 2013, le richieste del Parlamento alla Commissione di un nuovo protocollo che assicurasse la piena compatibilità con il diritto internazionale sono state prese in considerazione attraverso il rafforzamento dei meccanismi di controllo sui benefici che l utilizzo del contributo finanziario europeo dovrebbe produrre sullo sviluppo del settore della pesca e delle popolazioni costiere e l inserimento di una clausola all Art. 1 del Protocollo stesso, che prevede che esso sarà attuato in conformità alla clausola sulla condizionalità democratica e sul rispetto dei diritti umani di cui all Art. 2 dell Accordo di associazione UE-Marocco (Parere della commissione per lo sviluppo destinato alla commissione per la pesca sulla proposta di decisione del Consiglio relativa alla conclusione del protocollo tra l Unione europea e il Regno del Marocco che fissa le possibilità di pesca e la contropartita finanziaria previste dall accordo di partenariato nel settore della pesca in vigore tra le due Parti, COM (2013)0648-C7-2013/0315(NLE)). Tali modifiche, ancora una volta, non sono state trovate convincenti da alcuni Stati in Consiglio: Svezia e Danimarca hanno votato contro; Finlandia, Regno Unito e Paesi Bassi si sono astenuti. Particolarmente illustrativa è la dichiarazione di questi ultimi secondo cui «[i]l protocollo non fa esplicito riferimento al Sahara occidentale, ma consente la sua applicazione alle zone marittime adiacenti al Sahara occidentale che non sono soggette alla sovranità o alla giurisdizione del Marocco. Il Marocco, quale potenza amministratrice del Sahara occidentale, non può ignorare gli interessi e i desideri della popolazione del Sahara occidentale nell applicare il protocollo a tali zone marittime. I Paesi Bassi prendono atto che il protocollo non contiene alcuna disposizione che garantisca che le autorità marocchine utilizzeranno l importo erogato per l accesso alla risorsa conformemente agli obblighi loro derivanti a titolo del diritto internazionale nei confronti della popolazione del Sahara occidentale. I Paesi Bassi ritengono che, in virtù del diritto internazionale, la popolazione del Sahara occidentale debba beneficiare di una quota proporzionale di tale importo. Il rispetto del diritto internazionale dipenderà pertanto dall attuazione del protocollo da parte delle autorità marocchine»; mentre la Svezia ha motivato il suo voto contrario ricordando che «[d]a qualche tempo la Svezia si chiede se l accordo di partenariato nel settore della pesca con il Marocco sia compatibile con il diritto internazionale. Poiché il Sahara occidentale non fa parte del territorio marocchino, il diritto internazionale richiede che le sue risorse di pesca siano utilizzate a beneficio del popolo sahrawi del Sahara occidentale e conformemente ai suoi interessi e desideri. La Svezia prende atto degli sforzi compiuti dalla Commissione e dal Marocco per garantire una migliore assegnazione delle entrate derivanti dall accordo in seno alla regione. Nonostante alcuni progressi nella giusta direzione, la Svezia ritiene che le modifiche apportate siano insufficienti a garantire l adempimento degli obblighi del diritto internazionale in relazione al popolo sahrawi nel Sahara occidentale» (Consiglio dell Unione europea, n /13, Add.1LimitePeche 590 del 10 dicembre 2013). 3. Vogliamo, a questo punto, stabilire se effettivamente l opposizione e le riserve all Accordo di partenariato e ai relativi protocolli siano fondati dal punto di vista del diritto internazionale, con particolare riferimento all ultimo accordo entrato in vigore recentemente. Il punto di partenza nonché oggetto del contendere nelle argomentazioni giuridiche utilizzate dalla Commissione, dagli Stati e dai parlamentari contrari alla conclusione di tali accordi e dai servizi giuridici di Consiglio e Parlamento è un parere reso nel 2002 dall Ufficio legale delle Nazioni Unite, proprio in merito allo sfruttamento delle risorse naturali nei c.d. non self-governing territories, con particolare riguardo al Sahara occidentale. In quel parere, richiesto dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite riguardo alla legit- 3

4 Osservatorio Unione europea timità di concessioni date dalle autorità marocchine per l esplorazione di risorse petroliferi nel sottosuolo marino prospiciente la costa del Sahara occidentale, l Ufficio legale notava una significativa evoluzione nella disciplina del diritto internazionale generale precisata da una serie di risoluzioni dell Assemblea generale, proprio in merito allo sfruttamento delle risorse naturali nei territori non autonomi, nelle quali si evidenziava il passaggio da una interdizione generale a un regime in cui sarebbero state vietate dal diritto internazionale «only those economic activities which are not undertaken in accordance with the interests and wishes of the people of the territory and deprive them of their legitimate rights over their natural resources» (corsivo aggiunto, Consiglio di sicurezza, Letter dated 29 January 2002 from the Under-Secretary-General for Legal Affairs, the Legal Counsel, addressed to the President of the Security Council, UN Doc. S/2002/161 del 12 febbraio 2002, par. 19). Dal 2002 a oggi, l Assemblea generale ha continuato serialmente ad adottare risoluzioni sul regime relativo alle attività economiche nei territori non autonomi che confermano le conclusioni del parere giuridico dell Ufficio legale delle Nazioni Unite: anche nell ultima risoluzione adottata l 11 dicembre 2013, essa ha riaffermato «the value of foreign economic investment undertaken in collaboration with the peoples of the Non-Self-Governing Territories and in accordance with their wishes in order to make a valid contribution to the socioeconomic development of the Territories, especially during times of economic and financial crisis» e «its concern about any activities aimed at the exploitation of the natural resources that are the heritage of the peoples of the Non-Self-Governing Territories [ ] to the detriment of their interests, and in such a way as to deprive them of their right to dispose of those resources» (corsivo aggiunto, Assemblea generale, Economic and other activities which affect the interests of the peoples of the Non-Self-Governing Territories, UN Doc. A/Res. 68/88 del 17 dicembre 2013, par. 2 e 4). Il primo elemento che balza all occhio nella lettura dell Accordo di partenariato e del Protocollo del 2013 è l assenza totale di qualsiasi riferimento al Sahara occidentale e alla popolazione del territorio. Se questo fosse indicativo della volontà delle parti, e in particolare dell Unione europea, di escludere le acque del Sahara occidentale dall ambito territoriale di applicazione dei due accordi potremmo esserne rassicurati; ma si è appreso, dalle rivelazioni della Commissione sulla prassi applicativa del primo quadriennio, che così non è. L inclusione è stata resa possibile dalla disposizione dell art. 2, lett. a) dell Accordo di partenariato secondo la quale la zona di pesca marocchina è definita da «le acque soggette alla sovranità o alla giurisdizione del Marocco» (corsivo aggiunto). Il Protocollo del 2013, così come i precedenti protocolli, identifica la zona di pesca più meridionale, in quella a sud del 29 parallelo, parallelo che taglia la costa marocchina, ma a una distanza ravvicinata dal confine tra Marocco e Sahara occidentale. In ogni caso, quel che rileva ai fini dell interpretazione di una disposizione generica e ambigua come quella del suddetto art. 2, lett. a), è la prassi applicativa delle parti ai sensi dell art. 31, par. 3, lett. b) della Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati, che ha esteso la concessione delle licenze a tutto la zona di mare sotto la giurisdizione de facto delle autorità marocchine. Non è peraltro peregrina l osservazione che l Unione europea abbia corrisposto, e continui a corrispondere, un contributo finanziario per pescare in acque internazionali, considerato che il Marocco non ha mai stabilito una zona economica esclusiva sulle zone di mare prospicienti la costa del Sahara occidentale. Senza entrare nel merito dell applicabilità del diritto di occupazione allo sfruttamento delle risorse naturali del Sahara occidentale da parte del Marocco e della qualificazione del Marocco come de facto administering power effettuata dal Servizio giuridico del Parlamento nel 2013 (su quest ultimo problema rimandiamo a C. Ruiz Miguel, El acuerdo 4

5 DIRITITI UMANI e DIRITTO INTERNAZIONALE vol. 8, 2014, n. 2, pp de pesca UE-Marruecos o el intento español de considerar a Marruecos como Potencia administradora del Sahara occidental, in Anuario español de derecho internacional 2006, p. 395 ss.), possiamo senz altro affermare che, de minimis, al Marocco si applichino gli obblighi relativi all amministrazione di un territorio non autonomo vincolanti le potenze amministratrici ai sensi dell art. 73 della Carta ONU. Questa affermazione è avallata dal parere dell Ufficio Legale delle Nazioni Unite. Se così è, dobbiamo rilevare una prima piroetta linguistico-argomentativa da parte delle istituzioni europee e degli Stati membri nell interpretazione del diritto internazionale generale, iniziata già nel 2006, tesa a valorizzare l elemento dei benefici alla popolazione della Sahara occidentale, a scapito dell esigenza di consultazione con i legittimi rappresentanti del popolo sahrawi che deriva dall obbligo di assicurare che le attività economica siano «in accordance with their wishes». Lo stesso Servizio giuridico del Parlamento europeo, in ultimo nel parere reso alla Commissione pesca nel novembre 2013, continua a sottolineare che l Accordo di partenariato e i relativi protocolli devono essere attuati in modo da apportare un beneficio alle popolazioni della costa della Sahara occidentale, affinché rispettino il diritto internazionale (Parlamento europeo, Legal Opinion of the Legal Service of the European Parliament, SJ del novembre 2013). Nella dichiarazione di voto congiunta effettuata da Austria, Germania e Irlanda, i tre Paesi hanno chiesto «alla Commissione di informare il Consiglio esaustivamente e periodicamente sui proventi ricevuti dalla popolazione del Sahara occidentale quale risultato dell accordo. Occorre assicurare che anche la popolazione sahrawi del Sahara occidentale riceva una quota appropriata, che sia in linea con i suoi interessi, delle risorse finanziarie derivanti dall accordo» (corsivo aggiunto, Consiglio dell Unione europea, n /13, cit.). Nel dibattito parlamentare contestuale al voto sul Protocollo, il Commissario per la pesca, Maria Damanaki, ha affermato: «[i] would like to make one point very clear: no legal authority until now including the United Nations, the European Court of Justice or the Legal Services of any of the EU institutions (Commission, Council and Parliament) has ever said that an agreement with Morocco covering Western Sahara is illegal. Nobody. What they do say and rightly so is that such an agreement must fulfill certain conditions; in particular, referring to the fisheries agreement, that fishing activities must benefit the local population» (corsivo aggiunto, Parlamento europeo, EU-Morocco Fisheries Partnership Agreement: protocol setting out fishing opportunities and financial contributions (debate), P7_TA(2013)0522 del 9 dicembre 2013). Irrilevante, perlomeno per le istituzioni europee, è diventata la reiterata opposizione all accordo e ai relativi protocolli proveniente dai legittimi rappresentanti della SADR e del Fronte Polisario. Il dato è evidente anche dall ultimo rapporto del Segretario-Generale delle Nazioni Unite al Consiglio di sicurezza, datato 10 aprile 2014, riguardante la situazione nel Sahara occidentale in cui si indica che «Moroccan and international investments in the part of the Territory under Moroccan control, as well as in the territorial waters adjacent to Western Sahara, were the subject of contention between Morocco and the Frente Polisario, given the longstanding status of Western Sahara as a Non-Self-Governing Territory. A new Protocol of the Fisheries Partnership Agreement between the European Union and the Kingdom of Morocco was signed in the final quarter of 2013 and came into effect in February 2014, following ratification by Morocco. The Secretary-General of the Frente Polisario wrote to me repeatedly to condemn Morocco s exploitation of the Territory s resources and publicly announced his intention to consider a possible judicial appeal against the Agreement» (corsivo aggiunto, Consiglio di sicurezza, Report of the Secretary-General on the situation concerning Western Sahara, UN Doc. S/2014/258 del 10 aprile 2014, par. 11). Il Segretario-Generale evoca poi informazioni 5

6 Osservatorio Unione europea ricevute dal Fronte Polisario relativamente al rinnovo di concessioni a compagnie petrolifere straniere per attività esplorative sui fondali marini del Sahara occidentale, richiamando infine il parere dell Ufficio legale del 2002 e citando il noto passaggio relativo all esigenza del rispetto degli interessi e dei desideri della popolazione (Id., par. 12). 4. La lettura selettiva del parere del 2002 fornita dalle istituzioni europee trova conferma in una sorta di interpretazione autentica fornita dall allora vice Segretario generale per gli affari giuridici, Hans Corell. In un intervento pubblico del 2008, Corell ha rivendicato la paternità del parere del 2002 e ha criticato il ricorso fatto dalla Commissione europea al parere stesso per giustificare l accordo dal punto di vista del diritto internazionale. Corell ha dichiarato infatti: «[i] find it incomprehensible that the Commission could find any such support in the legal opinion, unless, of course, it had established that the people of Western Sahara had been consulted, had accepted the agreement, and the manner in which the profits from the activity were to benefit them. However, an examination of the agreement leads to a different conclusion» (corsivo aggiunto, H. Corell, The Legality of Exploring and Exploiting Natural Resources in Western Sahara, Conference on Multilateralism and International Law with Western Sahara as a Case Study, Pretoria, 5 December 2008, disponibile su p. 242). Nell analisi effettuata del proprio parere Corell ha sottolineato in diversi passaggi l esigenza di consultazione e accordo dei rappresentanti della popolazione. Ci pare, quindi, che il Protocollo attuale, pur con il riferimento alla clausola sulla condizionalità umanitaria e pur con il rafforzamento dei meccanismi di monitoraggio sull impiego da parte del Marocco delle risorse messe a disposizione dall Unione europea, non sia rispettoso del diritto della popolazione sahrawi a disporre e beneficiare delle proprie risorse naturali, nella misura in cui i legittimi rappresentanti sahrawi sono stati esclusi dalla negoziazione dell accordo e dai meccanismi applicativi; questo indipendentemente dall effettivo ed eventuale beneficio che la residua popolazione sahrawi residente sulla costa potrà ricevere dall applicazione dell accordo stesso (beneficio peraltro mai provato per quanto ha riguardato il quadriennio ). Infine, va notato come i diritti sulle risorse naturali siano di natura erga omnes e vincolino l Unione europea in quanto soggetto di diritto internazionale, beneficiario dell accordo stesso e soggetto attivo nelle procedura di rilascio delle licenze di pesca attraverso la delegazione della Commissione di Rabat (si veda l Allegato al Protocollo, Condizioni per l esercizio della pesca nella zona di pesca marocchina da parte delle navi dell Unione europea, punto A, par. 4): va in questo senso ridimensionata e criticata l enfasi accordata sia dai Servizi giuridici, sia dalle istituzioni europee, all esigenza che siano le autorità marocchine a dovere fare in modo che i diritti della popolazione sahrawi siano rispettati attraverso una proporzionata distribuzione delle risorse finanziarie dell Unione europea; spetta anche all Unione fare in modo che le risorse naturali vengano sfruttate dai propri pescherecci, sulla base dell accordo e del Protocollo, garantendo gli interessi della popolazione sahrawi, per esempio, consultando i rappresentanti sahrawi nella procedura di richiesta di licenze relative alle acque del Sahara occidentale e promuovendo l impiego di residenti sahrawi nelle attività di pesca 5. Va poi segnalato un secondo profilo problematico riguardo alla compatibilità del Protocollo con il diritto internazionale, cioè, la possibile violazione di un obbligo di non riconoscimento in capo all Unione europea. In altre parole, la conclusione del Protocollo ed il rinnovo dell Accordo del 2007 costituirebbero una forma implicita di riconoscimento della legalità dell annessione e amministrazione marocchina del Sahara occidentale. Lo 6

7 DIRITITI UMANI e DIRITTO INTERNAZIONALE vol. 8, 2014, n. 2, pp stesso Corell, nel commentare la conclusione dell Accordo di partenariato, aveva concluso: «[a]s a European, I feel embarrassed. Surely, one would expect Europe and the European Commission most of all to set an example by applying the highest possible international legal standards in matters of this nature. Under all circumstances, I would have thought that it was obvious that an agreement of this kind that does not make a distinction between the waters adjacent to Western Sahara, and the waters adjacent to the territory of Morocco, would violate international law» (corsivo aggiunto, H. Corell, The Legality, cit., p. 243). Il caustico commento conclusivo di Corell implicitamente evidenzia come la conclusione di un accordo internazionale relativo a un territorio la cui decolonizzazione non è ancora avvenuta debba precisare il regime differenziato relativo a quel territorio; pena il possibile incorrere in una forma di riconoscimento implicito dell autorità marocchina. L alternativa dovrebbe essere quella dell esclusione esplicita attraverso una clausola apposita ovvero una dichiarazione interpretativa (quanto fatto dagli Stati Uniti e dalla Norvegia rispetto all applicazione dei rispettivi accordi di libero scambio con il Marocco); o di una esclusione implicita attraverso la prassi applicativa. Che si possa ricadere nella stessa ipotesi prevista dagli art. 40 e 41 del progetto di articoli della Commissione di diritto internazionale sulla responsabilità internazionale degli Stati e dagli art. 41 e 42 del progetto di articoli sulla responsabilità delle organizzazioni internazionali, è confermato dal fatto che il commentario stesso all art. 41 del primo progetto precisa che l obbligo di non riconoscimento della legalità di situazioni prodotte da gravi violazioni di norme imperative «applies to situations [ ] such as, for example, attempted acquisition of sovereignty over territory through denial of self-determination. It not only refers to the formal recognition of these situations, but also prohibits acts which would imply such recognition» (corsivo aggiunto, Commissione di diritto internazionale, UN Doc. A/56/10). Peraltro anche il parere della Corte internazionale di giustizia sulla Namibia riguardava il riconoscimento esplicito e implicito dell autorità sudafricana su un territorio non ancora decolonizzato, appunto la Namibia; come noto, la Corte precisò la portata degli obblighi di non riconoscimento, stabilendo che i terzi non devono concludere accordi internazionali in tutti i casi in cui lo Stato autore dell illecito pretenda di agire in nome e per conto del territorio annesso o occupato (Corte internazionale di giustizia, Legal Consequences for States of the Continued Presence of South-Africa in Namibia (South-West Africa) notwithstanding Security Council Resolution 276 (1970), parere consultivo del 21 giugno 1971). Nel commentario all art. 42 del progetto sulla responsabilità delle organizzazioni internazionali, la Commissione di diritto internazionale precisa che «[ ] these obligations were considered to apply to international organizations when a breach was allegedly committed by a State» (Commissione di diritto internazionale, UN Doc. A/66/10). 6. Se possono essere sollevati dei dubbi sulla corrispondenza della suddetta regola di condotta alle prassi consuetudinarie degli Stati e delle organizzazioni internazionali relative ai territori non ancora decolonizzati e se è del tutto evidente la difficoltà di configurare dei rimedi giurisdizionali a disposizione della popolazione sahrawi, è altrettanto evidente che, se il diritto internazionale generale è sempre meno diritto consuetudinario e sempre più uno spazio argomentativo, l Unione europea si sta muovendo in spazi particolarmente angusti. Tali spazi angusti non dovrebbero essere frequentati da una organizzazione che si prefigge di «[c]ontribui[re] alla pace, alla sicurezza, allo sviluppo sostenibile della Terra, alla solidarietà e al rispetto reciproco tra i popoli, al commercio libero ed equo, all eliminazione della povertà e alla tutela dei diritti umani, in particolare dei diritti del minore, e alla rigorosa osservanza e allo sviluppo del diritto internazionale, in particolare al rispetto dei principi della 7

8 Osservatorio Unione europea Carta delle Nazioni Unite» (Trattato sull Unione europea, art. 2, par. 5). L auspicio è che, in conformità ai suoi scopi statutari e ai suoi principi fondanti, l Unione europea dia attuazione al Protocollo evitando di richiedere licenze per pescare nelle acque del Sahara occidentale; auspicio che formulammo già qualche anno fa, purtroppo invano, contestualmente alla conclusione dell Accordo di partenariato (E. Milano, op. cit., p. 457). ABSTRACT. The New Fisheries Protocol Between the EU and Morocco and the Rights of the Sahrawi People Over Natural Resources The New Fisheries Protocol between the European Union and Morocco was approved by the European Parliament on 10 December 2013 and it has recently entered into force with the ratification by the Moroccan Parliament. As the significant opposition and reservations expressed in the Council and in the European Parliament show, the agreement, which extends the 2007 Fisheries Partnership Agreement for another four-year term, remains controversial from the point of view of its compliance with the right of self-determination of the Sahrawi people and of the latter s permanent sovereignty over their natural resources. The present analysis endeavors to examine two important issues from the perspective of international law; and namely, a) whether indeed the agreement is in compliance with the rights of the Sahrawi population, as claimed by the European Commissioner for Fisheries, Maria Danaki, during the debate in the Parliament; and b) whether it can be considered a form of implied recognition of Morocco s legal authority over Western Sahara, hence implying a breach of the duty of non-recognition possibly incumbent upon the European Union. Keywords: fisheries agreements; European Union; Morocco; Western Sahara; self-determination; permanent sovereignty over natural resources. Notizie sull Autore: professore associato di Diritto internazionale nell Università degli Studi di Verona 8

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Aspetti critici e rimedi Avv. Giovanni Indirli Senior attorney +32 2 5515961 gindirli@mayerbrown.com 21 Maggio 2010 Mayer Brown is a

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO

I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO SCHEDA INFORMATIVA I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO 01

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ LE ALTE PARTI CONTRAENTI, DESIDEROSE di garantire che le decisioni siano prese il più possibile vicino ai cittadini

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014)

Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014) Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014) 1. Il sindacato di legittimità costituzionale di una legge dello Stato che dà esecuzione a norme internazionali pone sempre

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli