25 MARZO 2011 CONVEGNO: DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "25 MARZO 2011 CONVEGNO: DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITÀ"

Transcript

1 25 MARZO 2011 CONVEGNO: DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITÀ LABORATORIO LA GESTIONE DELLA CLASSE: UNA DIDATTICA PER FAVORIRE L AUTOREGOLAZIONE Nicoletta Cibinel, Psicopedagogista IC di Volpago (TV)

2 AUTOREGOLAZIONE = incapacità di regolare autonomamente il proprio comportamento, inclusa l attenzione. Spesso si da per scontato che cose ripetute molte volte debbano essere assodate. Perciò il bambino che non rispetta la regola non la rispetta per scarso impegno. Spesso i bambino ADHD sa, teoricamente, cosa e come dovrebbe fare, ma NON UTILIZZA QUESTA INFORMAZIONE AL MOMENTO GIUSTO. Non si rende conto cioè che è proprio quella la situazione in cui dovrebbe, ad esempio, aspettare il proprio turno o alzare la mano prima di parlare. = scarsa abilità del bambino di regolare il proprio comportamento in relazione al contesto.

3 COSA PUO FARE LA SCUOLA? Fare delle OSSERVAZIONI e programmare le PRIME STRATEGIE DI INTERVENTO con la guida di insegnanti esperti, psicopedagogisti e/o figure di supporto (psicologi). Circolare MIUR prot. 4089, : Il Ministero ha predisposto un protocollo operativo utile a migliorare l apprendimento ed il comportamento degli alunni con ADHD. DISPENSE PER GLI INSEGNANTI DELL AIDAI

4 L INSEGNANTE collabora con FAMIGLIA e SERVIZI. Si accorda con tutti gli INSEGNANTI DEL TEAM rispetto alle modalità di intervento. Solo il DISPENDIO DI NOTEVOLI ENERGIE può portare a risultati concreti. SONO VANI GLI SFORZI ISOLATI

5 INIZIAMO AD OSSERVARE STRUMENTI GUIDA PER COGLIERE LE SOGLIE DI ATTENZIONE/CRITICITÀ (CHECKLIST, STRUMENTI DI OSSERVAZIONE, PROVE, ) SDQ-I (permette di mettere in evidenza segnali ed indicatori di difficoltà e disagio) SCALE SDA (G-I-B): 18 item (9 sulla disattenzione e 9 sull iperattività) SCOD (I-G): 18 item DDAI, 8 DOP, 16 DC (condotta) COM (I-G): per adolescenti. Strumento per la valutazione della compresenza di due o più sindromi nello stesso bambino, particolarmente indicato per valutare sindromi in comorbidità con il DDAI. Si può usare anche per bambini che presentano problematiche emozionali o comportamentali. E composto da 30 item e diviso in 6 aree (ansia, depressione, autismo, DOP, DC, ) che indagano le sindromi associate al DDAI. IPDDAI E IPDDDAG (I-G): sono scale di osservazione per l identificazione precoce di bambini a rischio DDAI. 18 item (7 per l iperattività, 7 disattenzione 4 per fattori di rischio).

6 SDQ-I permette di mettere in evidenza segnali ed indicatori di difficoltà e disagio

7 ALUNNO: X Rilevazione del 9 FEBBRAIO 2011 SINTOMI EMOZIONALI (= disturbo internalizzante ansia/depressione) INSEGNANTI NORMALE CASO LIMITE Italiano 5 ANOMALO Antropologia 5 PROBLEMI DI COMPORTAMENTO (DOP DC) INSEGNANTI NORMALE CASO ANOMALO LIMITE Italiano 6 Antropologia 6 IPERATTIVITÀ/DISATTENZIONE (ADHD) INSEGNANTI NORMALE CASO ANOMALO LIMITE Italiano 9 Antropologia 9

8 IMPATTO SUL FUNZIONAMENTO: RAPPORTI PROBLEMATICI (sociali) CON I PARI INSEGNANTI NORMALE CASO LIMITE ANOMALO Italiano 5 Antropologia 5 LE DIFFICOLTÀ: ita (severe) - antropologia (severe) 1) TURBANO O FANNO SOFFRIRE IL BAMBINO INSEGNANTI NORMALE CASO LIMITE ANOMALO Italiano 2 Antropologia 2 PUNTEGGIO PROSOCIALE (= comportamenti gentili e di aiuto) INSEGNANTI NORMALE CASO LIMITE ANOMALO Italiano 2 Antropologia 2 2) INTERFERISCONO CON LE AMICIZIE INSEGNANTI NORMALE CASO ANOMALO LIMITE Italiano 2 Antropologia 2 PUNTEGGIO TOTALE SULLE DIFFICOLTÀ INSEGNANTI NORMALE CASO LIMITE ANOMALO Italiano 25 Antropologia 25 3) INTERFERISCONO CON L APPRENDIMENTO A SCUOLA INSEGNANTI NORMALE CASO LIMITE ANOMALO Italiano 2 Antropologia 2 4) HANNO CREATO FORTE DISAGIO A LEI O AGLI ALTRI STUDENTI DELLA CL. INSEGNANTI NORMALE CASO ANOMALO LIMITE Italiano 2 Antropologia 2

9 SDA-I 18 item (9 sulla disattenzione e 9 sull iperattività)

10 Insegnante ITALIANO SDAI: rilevazioni di inizio novembre 2010 ALUNNI ATTENZIONE IMPULSIVITA E IPERATTIVITA XXX Insegnante MATEMATICA ALUNNI ATTENZIONE IMPULSIVITA E IPERATTIVITA NNN Insegnante ANTROPOLOGIA ALUNNI ATTENZIONE IMPULSIVITA E IPERATTIVITA VVV Insegnante INGLESE ALUNNI ATTENZIONE IMPULSIVITA E IPERATTIVITA OOO Insegnante RELIGIONE ALUNNI ATTENZIONE IMPULSIVITA E IPERATTIVITA PPP 12 17

11 PRENDENDO SPUNTO DALLA Circolare MIUR prot. 4089, A) PREDISPOSIZIONE DEL CONTESTO CREARE UN AMBIENTE PREVEDIBILE prevede ciò che potrà succedere è importante per evitare le azioni che ci possono danneggiare!) I bambini DDAI hanno spesso scarsa capacità di prevedere le conseguenze delle loro azioni. Gli insegnanti possono aiutare i bambini a prevedere le conseguenze di determinati eventi incrementando così i comportamenti adeguati alle situazioni.

12 ORGANIZZAZIONE DELLA CLASSE CONTROLLARE LE FONTI DI DISTRAZIONE ALL INTERNO DELLA CLASSE: non è indicato far sedere l alunno vicino alla finestra, al cestino, ad altri compagni rumorosi o ad altri oggetti molto interessanti. Non è produttiva neanche la collocazione in una zona completamente priva di stimolazioni in quanto il bambino diventa più iperattivo perché va alla ricerca di situazioni nuove o interessanti Disporre I BANCHI in modo da permettere all insegnante di passare di frequente così da controllare che i più distratti abbiano capito il compito, stiano seguendo la lezione e stiano eseguendo il lavoro assegnato Un GRANDE OROLOGIO per segnare i tempi di lavoro e facilitare il rispetto delle consegne. Per evitare che diventi fonte di distrazione metterlo, ad esempio, in fondo alla classe.

13 ANCHE L ORDINE PUÒ AIUTARE ORDINE NELLA SEQUENZA DELLE ATTIVITA PROPOSTE: è importante stabilire delle attività programmate e routinarie in modo che il ragazzo impari a prevedere quali comportamenti deve produrre in determinati momenti della giornata. ORDINE NEI TEMPI NECESSARI PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA : è importante definire con chiarezza i tempi necessari per svolgere le attività giornaliere (questo aiuta l alunno anche ad orientarsi meglio nel tempo). ORDINE NELL ORGANIZZAZIONE DEL MATERIALE: spesso il bambino non ha con sé tutto il materiale, o ne perde parte, disturba i compagni per reperire ciò che gli manca, non ha cura della propria attrezzatura.

14 SUGGERIMENTI E STRATEGIE per aiutare a gestire meglio il proprio materiale (utili non solo al bambino ADHD!): O l insegnante dovrebbe dimostrare che dà importanza all organizzazione lasciando 5 al giorno per ordinare il proprio materiale. o Strutturare un cartellone o una tabella da mettere nel diario del bambino in cui si fanno figurare i materiali necessari per ogni disciplina. o Applicazione di un sistema a punti per monitorare la buona gestione del materiale (sistema a punti da convertire in premi materiali o privilegi) o Premiare il banco meglio organizzato del giorno

15 B) PRIMA DI INIZIARE A LAVORARE Accertarsi del LIVELLO DI ATTENZIONE DEL BAMBINO: spesso i bambini iperattivi sono fisicamente e mentalmente occupati a fare qualcos altro (roteare penne, guardare o chiamare i compagni ). Una tecnica efficace solitamente è il contatto oculare. Farsi un idea, attraverso un breve periodo di osservazione, dei TEMPI ATTENTIVI DELL ALUNNO. Questo è importante per: o Valutare i tempi necessari per lo svolgimento di una determinata attività. o Dividere eventualmente il compito in parti più piccole. Spezzettare il compito con brevi pause in modo da permettere al bambino di ricaricarsi a livello attentivo e potersi quindi riconcentrare sul compito). Se possibile, variare al suo interno l attività (ad es: prima si legge un testo, poi lo si sottolinea, poi si risponde alle domande, ); dare due compiti, facendo svolgere prima quello che piace di meno e poi il suo preferito. CON L ESERCIZIO I TEMPI ATTENTIVI DIVENTERANNO VIA VIA PIÙ LUNGHI

16 C) ALCUNI SUGGERIMENTI PER LA GESTIONE DELLE LEZIONI Gli alunni ADHD NON SONO SOLO ALUNNI CON difficoltà a mantenere l ATTENZIONE controllare l IMPULSIVITÀ controllare il movimento (IPERATTIVITÀ). GLI ALUNNI ADHD HANNO ANCHE DELLE RISORSE La gestione di alunni ADHD, e non solo, sarà migliore se gli verranno attribuite delle risorse e riconosciute delle abilità: Stilare un elenco NON SOLO DEI PUNTI DI DEBOLEZZA, ma anche DEI PUNTI DI FORZA del bambino.

17 1) E OPPORTUNO evidenziare ed utilizzare LE RISORSE, I PUNTI FORTI Non focalizzarsi sul tempo di esecuzione ma sulla QUALITÀ DEL LAVORO SVOLTO (anche se può risultare inferiore a quello dei compagni) UTILIZZARE I PUNTI FORTI ed eludere il più possibile i lati deboli del bambino. Ad esempio, se dimostra difficoltà di motricità fine ma ha buone abilità linguistiche, può essere utile favorire l espressione orale, quando è possibile sostituirla a quella scritta. Cercare di enfatizzare i lati positivi del comportamento (la creatività, l affettuosità, l estroversione ).

18 2) Molti ERRORI di svolgimento sono dovuti a SCARSA ATTENZIONE alle consegne. E UTILE PERTANTO: Che le consegne siano semplici e brevi. Accertarsi che l alunno abbia compreso le istruzioni di un compito (si può chiedere cosa devi fare? ). Far rileggere la consegna chiedendogli di spiegare con parole proprie cosa deve fare.

19 3) FAVORIRE PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO: - DEL PROPRIO LIVELLO ATTENTIVO; - PER VERIFICARE L ESATTEZZA DEL LAVORO SVOLTO.

20 FAVORIRE STRATEGIE DI AUTOCONTROLLO DEL PROPRIO LIVELLO ATTENTIVO PROCEDURE POCO ADEGUATE a questo scopo: - richiamare ad alta voce il bambino - invitarlo in modo esplicito a stare attento - risultare per lui frustranti Sono procedure che possono: - stigmatizzare ancora di più la sua difficoltà

21 PROCEDURE ADEGUATE ALLO SCOPO: L USO DI SEGNALI CONCORDATI può essere molto utile per migliorare la consapevolezza rispetto ai propri meccanismi attentivi, ad esempio: - toccare il suo banco - avvicinarsi al suo banco e dare un colpetto di tosse - fare una pausa di silenzio più prolungata del solito durante la spiegazione delle consegne, Ciò consente di: non coinvolgere l intera classe nella sottolineatura di un comportamento inadeguato; fornirgli un mezzo efficace per sintonizzarsi con l attività senza essere richiamato; evitare che il richiamo diventi punitivo, rinforzante e, talvolta, favorire la comparsa di comportamenti di tipo oppositivo.

22 L uso di queste PROCEDURE DI AUTOMONITORAGGIO NON deve essere INTRUSIVO: si deve cioè evitare che interrompano l impegno attentivo del compito che l alunno sta svolgendo.

23 FAVORIRE STRATEGIE DI AUTOCONTROLLO PER VERIFICARE L ESATTEZZA DEL LAVORO SVOLTO E possibile intervenire anche sullo scarso o inefficace utilizzo dl bambino di procedure di controlli del lavoro svolto. ESEMPIO DI INTERVENTO: lanciare l attività della CACCIA ALL ERRORE. Al termine del lavoro i bambini sono invitati, al via della maestra, ad andare a scovare, in un tempo prestabilito, tutti gli errori presenti nel compito svolto. Per facilitare l apprendimento della procedura, si possono proporre alla classe delle schede che includano delle inesattezze che i bambini devono trovare, come nell esempio

24 La CACCIA ALL ERRORE è attività UTILE soprattutto per quei bambini (non solo ADHD) che compiono molti errori di distrazione. Infatti: Vengono motivati ad attivare le proprie procedure di controllo e a prolungare i tempi di attenzione. E attività INEFFICACE invece per i bambini che associano un DSA e che possono quindi non essere in grado di identificare gli errori. Inserire LA CLASSIFICA DEI BRAVI CACCIATORI! Da inserire SE E SOLO SE il bambino con difficoltà attentive diventa abile in questa attività! In questo caso è possibile rinforzarla inserendo un ulteriore elemento motivazionale: la classifica dei bravi cacciatori! (se così non fosse si otterrebbe l effetto contrario e si sottolineerebbe solo, ancora una volta, l incapacità del bambino che si vedrebbe agli ultimi posti della lista).

25 4) ATTIVITÀ ROUTINARIE: la difficoltà ad autoregolare il proprio comportamento porta il bambino ad agire in modo disorganizzato, casuale. Ciò perché il bambino ha difficoltà a cogliere chiari gli indicatori di ciò che ci si aspetta da lui nei vari momenti. Perciò: - più il bambino diventa capace di prevedere ciò che ci si aspetta da lui, e maggiore è la possibilità che cerchi di soddisfarne le richieste; - più routine ci sono in classe e più il bambino può prevedere tempi e richieste e può cercare di adattare ad essi il proprio comportamento. - ESEMPI DI ROUTINE: ingresso in classe insieme ad un ora stabilita, routine di inizio lezione (appello, controllo della presenza di tutto il materiale, ), presentazione delle attività previste per la giornata,

26 a) STABILIRE E PREVEDERE I TEMPI DI LAVORO I BAMBINI DDAI SONO POCO ABILI NEL FARE STIME RISPETTO AI TEMPI. Aiutarli a lavorare con tempi stabiliti significa aiutarli a valutare meglio e quindi diventare più efficaci nella pianificazione e nell organizzazione del lavoro identificando anche il quantitativo di impegno necessario per lo svolgimento della consegna. COME FARE? Accorciare i tempi di lavoro. Fare brevi e frequenti pause soprattutto durante i compiti ripetitivi e noiosi Inizialmente sarà l insegnante che darà indicazioni sul tempo Quando i bambini saranno abituati ad includere la variabile tempo nella pianificazione del loro agire, l insegnante può chiedere loro: Quanto tempo può servire per?

27 b) STABILIRE DELLE REGOLE IN CLASSE: Nei DDAI, è utile, per aumentare l abilità nel rispetto delle regole, evitare che le regole costituiscano divieti (NON ) CHIARE E perché siano più efficaci: CONDIVISE con i bambini. Se gli diamo la possibilità di modificarle e approvarle aumenta il grado di impegno nel rispettarle. Devono essere semplici, chiare, evitare formulazioni vaghe come Stare buoni, poche, meglio se rinforzate a livello iconico.

28 5) MODALITA PER ORGANIZZARE LA LEZIONE Rendere le lezioni stimolanti e ricche di novità: i bambini con DDAI hanno peggiori prestazioni quando i compiti sono noiosi e ripetitivi. Ad esempio, un testo viene compreso meglio se contiene delle figure. Anche il ritmo della voce dell insegnante quando spiega può incidere sulla capacità attentiva. Interagire frequentemente, verbalmente e fisicamente, con gli studenti (Fare in modo che debbano rispondere frequentemente durante la lezione). Creare situazioni di gioco per favorire la comprensione delle spiegazioni. Utilizzare il gioco di ruolo per spiegare concetti storici, sociali in cui siano coinvolti vari personaggi. Proporre Delle Gare : le competizioni rispetto ai compiti demotivano i bambini ADHD in quanto prevedono l ennesimo loro insuccesso. MA Proporre delle gare in ambiti in cui possano dimostrare le proprie abilità può esser motivante.

29 . 6) COINVOLGERE LA CLASSE COME? Attraverso proposte di modalità collaborative per l apprendimento. Strutturare interventi che modifichino parzialmente la didattica della classe basandosi su parametri altamente funzionali per il bambino ADHD. Prediligere il lavoro in coppia, a piccoli gruppi Rispetto alla classica lezione frontale ottengono migliori risultati: - ATTIVITA DI TUTORAGGIO - ATTIVITA SVOLTE IN APPRENDIMENTO COOPERATIVO - AFFIDARE LO SVOLGIMENTO DI PARTE DELLA LEZIONE ALL ALUNNO

30 Attività positiva: - per il tutor a) ATTIVITÀ DI TUTORAGGIO che per riuscire nel processo di insegnamento rivede e consolida le proprie acquisizioni - per il tutee che apprende in modo individualizzato in termini di percorsi e ritmi, ottenendo continui feedback sulla propria prestazione e indicazioni utili in caso di difficoltà. Altri vantaggi: Utilizzo dei compagni come risorsa Fornisce un percorso di apprendimento individualizzato Modalità di lavoro utilizzabile ad ampio raggio su argomenti diversi

31 ALTRO VANTAGGIO: E procedura applicabile all intera classe: in questo modo non si sottolinea la diversità degli alunni ADHD pur dando loro un supporto didattico specifico. POSSIBILITA PER L ALUNNO ADHD DI RIVESTIRE IL RUOLO DI TUTOR: La possibilità di essere tutor di altri studenti (nel caso di bambini ADHD senza problemi comportamentali particolarmente severi) - migliora le abilità sociali del bambino, - incoraggia collaborazioni, - incrementa l autostima.

32 b) L APPRENDIMENTO COOPERATIVO (APPROCCIO PIÙ EFFICACE RISPETTO A QUELLO COMPETITIVO E INDIVIDUALISTA) E metodo di insegnamento che prevede di unire gli alunni in piccoli gruppi allo scopo di massimizzare il loro apprendimento e le loro abilità sociali attraverso: un rapporto di impegno reciproco tra i membri del gruppo (= interdipendenza positiva) una responsabilità individuale (= ogni alunno è responsabile della propria parte di lavoro, senza la quale il lavoro dell intero gruppo risulta compromesso). la promozione delle abilità sociali (incoraggia la partecipazione, decisioni democratiche, si rispettano e valorizzano le differenze individuali). la valutazione del lavoro svolto da parte del gruppo stesso che è chiamato a riflettere su come migliorare le proprie strategie di azione, i modi di procedere, il clima collaborativo,

33 Questo consente di: Raggiungere gli obiettivi di apprendimento stabiliti Motivare maggiormente ogni singolo membro del gruppo Favorire una maggiore interazione all interno del gruppo dei pari Insegna, allena ed esercita adeguate abilità sociali. Valorizza le differenze individuali (l entusiasmo, la vivacità, l originalità, la fantasia di questi bambini) Non stigmatizza le competenze diverse, anzi il gruppo è stimolato a collaborare per colmare i vuoti di conoscenza. Assegna responsabilità al singolo valorizzandone il ruolo. Invita i compagni ad aiutare il bambino ADHD nell autoregolazione. Migliora le abilità di autovalutazione dei risultati. E un metodo applicabile ad ogni disciplina.

34 Basta definire chiaramente: obiettivo del lavoro di apprendimento, i ruoli all interno del gruppo, materiali, modalità per procedere. NON È UN RIMEDIO MAGICO PER I BAMBINI ADHD, MA È UN METODO CHE LO PUÒ AIUTARE!

35 c) FAR CONDURRE BREVI LEZIONI AL BAMBINO ADHD: L ottica è quella di realizzare interventi che valorizzino le differenze individuali per dare modo agli alunni ADHD (ma in genere a quelli con rendimento non ottimale o con problemi di comportamento) di ricoprire un ruolo di insegnamento alla classe. Gli si da l occasione di diventare non QUEL bambino, MA un bambino che possiede conoscenze nuove e le vuole condividere con i compagni.

36 Ciò può: - influire positivamente sul senso di efficacia del bambino; - migliorare la sua posizione sociale; - mettere in evidenza aspetti positivi del suo comportamento (entusiasmo, inventiva, abilità verbale, ) - cambiare la sua immagine ai propri occhi e a quelli degli altri. Perché sia un esperienza positiva verificare: - che sia in grado di affrontare il compito da un punto di vista emotivo (deve risultare per lui gratificante, non essere una esperienza paragonabile ad una interrogazione!). - il livello di autostima (per evitare che il bambino intraveda a priori in questa opportunità l ennesima esperienza di fallimento). L insegnante deve essere convinto delle possibilità dell alunno!

37 È necessario che l insegnante pianifichi con l alunno nei dettagli l intervento: - selezionare e concordare il tema della lezione (può trattarsi di un argomento curricolare ma anche ambiti extra scolastici). - pianificare il percorso di lavoro - stendere un canovaccio espositivo - preparare i materiali - definire tempi e modalità per verificare la preparazione dell attività - stabilire la data dell intervento In alternativa la lezione può essere anche preparata all interno di un gruppo cooperativo, all interno del quale si sceglie l alunno ADHD come portavoce per l intero gruppo.

38 7) MODALITÀ DI APPROCCIO DURANTE IL TEMPO SCOLASTICO: Seguire l ordine degli argomenti dato ad inizio mattina Usare tempi di lavoro non troppo lunghi Presentare l argomento in modo stimolate Ricordare che le domande rendono attivi e più motivati i bambini; Usare un tono di voce vivace e variato; Alternare compiti attivi ad altri passivi (ascolto di una spiegazione) Favorire la partecipazione attiva secondo le regole di comportamento condivise (alzare la mano, rispettare il proprio turno, ).

39 Dare frequenti feedback rispetto alla correttezza del proprio operato: - facilita il mantenimento di un sufficiente livello di controllo, - motiva il bambino - evita il protrarsi di errori (i bambini in genere sono più propensi a rivedere una piccola parte di lavoro piuttosto che dover rifare tutto perché avvertito dell errore solo al termine). Non essere aggressivi nel richiamo fatto al bambino: è possibile interrompere il comportamento indesiderato dando indicazioni su comportamento corretto, non dicendo ti ho già detto che non devi fare! I voti, le note, le comunicazioni, le punizioni: dovrebbero tutte essere viste in quest ottica, cioè delle forme di feedback sulla correttezza del comportamento del bambino.

40 8) ATTIVITÀ CON IL COMPUTER - Utile e motivante; - consente maggiore autogestione rispetto alla normale didattica; - Può essere forma di gratificazione rispetto al comportamento corretto di bambini ADHD; - Programmi specifici possono essere efficaci nel migliorare i tempi di attenzione sostenuta e la motivazione a portare a termine il lavoro ( Attenzione e concentrazione, Autoregolare l attenzione) - Può essere utilizzato comunque anche con qualsiasi altro software didattico (avviamento alla lettura, soluzione dei problemi matematici, ) purché il software dia spesso informazioni sulla correttezza delle informazioni, sia flessibile nella programmazione e preveda la possibilità di modificare il ritmo di presentazione degli stimoli (esempio di software: lettura di base 1, 2, 3, comprensione del testo 1, 2, 3, giocare con le parole, dislessia evolutiva, memocalcolo, ).

41 EFFETTI POSITIVI: - miglioramento/prolungamento del comportamento rispetto al compito; - riduzione dei comportamenti distruttivi; - consente di pensare a percorsi individualizzati, - offre frequenti ed immediati feedback circa la correttezza della prestazione. NB: Meglio se il bambino ADHd viene affiancato dall adulto! Con un basso livello di supervisione in bambino può non terminare il lavoro o trovare delle scorciatoie per completarlo. L interazione con l adulto da suggerimenti, gratifica, orienta il compito.

42 9) PIANIFICARE LE ATTIVITÀ ANCHE NEL TEMPO LIBERO - Inizio e fine della lezione - Intervallo - Mensa - Passaggio da un luogo all altro, Sono tutti luoghi e situazioni attraenti che consentono di sfogarsi in cui si può potenzialmente fare qualsiasi cosa! Possono però rivelarsi scatenanti rispetto ai comportamenti messi in atto dall alunno ADHD che può selezionare attività non adeguate. Qui il bambino ADHD può trovarsi in difficoltà nel gestire il proprio comportamento e può sperimentare maggiormente il rifiuto da parte dei compagni.

43 COME INTERVENIRE? Anche in questo caso cercando di rendere questi momenti più prevedibili: - Strutturando alcune semplici regole; - Defininendo i tempi;

44 - proponendo attività strutturate Tenere conto che, soprattutto durante l intervallo, è meglio se si tratta di attività di movimento perché comunque devono fungere da attività di sfogo. Per questo non è utile decidere di punire il bambino trascorrendo l intervallo seduto o facendo i compiti). Finita l attività prevedere alcuni minuti di DECOMPRESSIONE (mettere in ordine i banchi, per rientrare nei normali ritmi dell aula). - Organizzando con i bambini LA BANCA DEI GIOCHI che riporti tutti i giochi da loro conosciuti o inventati che si possono svolgere. Comunicheranno all insegnante che attività svolgeranno e l eventuale passaggio da una attività ad un altra. In questo modo l insegnante saprà sempre quali e quanti bambini stanno giocando e a che cosa. Verranno anche messi in evidenza gli eventuali bambini esclusi dal gioco.

45 10 ) ALCUNI ACCORGIMENTI a) PER CONTENERE l IPERATTIVITÀ b) PER GESTIRE IL COMPORTAMENTO c) PER CONTENERE L IMPULSIVITA d) PER MIGLIORARE LA SCARSA STIMA DI SE e) PER COMPLETARE IN TEMPO I COMPITI ASSEGNATI

46 a) ACCORGIMENTI PER CONTENERE l IPERATTIVITÀ (=eccesso di attività) Incanalare l attività verso alcune finalità specifiche: es. dare incarichi che permettano un movimento controllato Usare l attività come un premio. incarichi come portare un messaggio a qualcuno, pulire la lavagna, mettere a posto i libri della cattedra, sistemare le sedie, quale riconoscimento individuale di un suo successo. Usare le attività come risposta alle istruzioni Usare metodi di insegnamento che incoraggino la risposta attiva (es. parlare, muoversi, organizzarsi, lavorare alla lavagna)

47 b) ACCORGIMENTI PER GESTIRE IL COMPORTAMENTO REGOLE SEMPLICI E CHIARE: Definire e mantenere chiare e semplici regole all interno della classe (determinante è il consenso unanime). Rivedere e correggere le regole della classe, se necessario COMPORTAMENTI ADEGUATI/COMPORTAMENTI INAPPROPRIATI Spiegare chiaramente, più volte, agli alunni disattenti/iperattivi quali sono i comportamenti adeguati e quali sono quelli inappropriati. CONSEGUENZE DEI COMP. POSITIVI E DEI COMP. NEGATIVI Far capire a questi bambini quali sono le conseguenze dei loro comportamenti positivi e quali sono quelle che derivano da quelli negativi.

48 RINFORZO DEI COMPORTAMENTI POSITIVI Rinforzare e premiare i comportamenti positivi (stabiliti precedentemente), piuttosto che punire quelli negativi. Sottolineare i comportamenti adeguati del bambino attraverso ampie ed evidenti gratificazioni. Cambiare i rinforzi quando perdono di efficacia. EVITATARE DI PUNIRE I COMPORTAMENTI NEGATIVI Non punire il bambino togliendo l intervallo perché il bambino iperattivo necessita di scaricare la tensione e di socializzare con i compagni. Le punizioni severe, note scritte o sospensioni, non modificano il comportamento. OBIETTIVI SEMPLICI FEEDBACK FREQUENTI E importante stabilire giornalmente o settimanalmente semplici obiettivi da raggiungere. E utile informare frequentemente il bambino su come sta lavorando e come si sta comportando soprattutto rispetto agli obiettivi da raggiungere.

49 c) ACCORGIMENTI PER CONTENERE L INCAPACITÀ DI ATTENDERE (IMPULSIVITÀ) E DIFFICILE ATTENDERE PER UN BAMBINO ADHD NON CHIEDERE AL BAMBINO DI ASPETTARE: dargli un sostituto verbale o una risposta motoria da compiere durante l attesa: Istruire il bambino a continuare una parte più facile del suo compito nell attesa dell aiuto dell insegnante. Insegnargli ad affrontare per prime, in un test, le risposte a lui note Abituarlo a sottolineare o a riscrivere le domande prima di cominciare, oppure a colorarne le parti più rilevanti Incoraggiarlo a scarabocchiare o a giocare con la gomma, col segnalibro o con la matita mentre aspetta o sta ascoltandore delle istruzioni Incoraggiarlo a prendere appunti (anche poche parole, quelle che reputa più importanti) Stabilire una routine per cui è valido iniziare il lavoro solo quando è l insegnante a dare il VIA, non prima.

50 FAR EMERGERE LE SUE DOTI Incoraggiare il bambino a tirare fuori le sue capacità positive di leadership invece di far emergere la sua incapacità di attendere, l impazienza o la prepotenza. Suggerire o rinforzare altri ruoli ad es. fare il capofila, distribuire i fogli ). Per i bambini che spesso interrompono, insegnare loro come riconoscere le pause nella conversazione. Insegnare e rinforzare le convenzioni sociali (es. buongiorno, ciao, per favore, grazie).

51 d) ACCORGIMENTI PER MIGLIORARE LA SCARSA STIMA DI SÈ RICONOSCERE LE CAPACITÀ E GLI SFORZI DEL BAMBINO Richiamare l attenzione sulle sue capacità creando momenti in cui possa mostrare le proprie doti. Riconoscere che essere un capobanda è una qualità da leader. AUMENTARE LE OCCASIONI DI SODDISFAZIONE, DI SUCCESSO E AIUTARE IL BAMBINO A MIGLIORARE LE SUE QUALITÀ Riconoscere l entusiasmo del bambino ed usarlo per sviluppare le sue qualità Evidenziare i suoi successi e non i suoi errori

52 COINVOLGERE IL BAMBINO NELLA SOLUZIONE DELLE SUE DIFFICOLTÀ Fare, insieme al bambino, un elenco dei suoi comportamenti negativi, descrivendo i momenti più difficili e decidere le strategie che possono essere adoperate per evitare guai. Questo colloquio va tenuto privatamente, con calma e con l atteggiamento di chi cerca di risolvere dei problemi, non per colpevolizzare. Fare giochi di ruolo con il bambino in queste situazioni per praticare comportamenti alternativi. Iniziare con un solo comportamento da cambiare, tenendo una scheda apposita per registrare successi ed insuccessi. Tener conto alla fine di ogni giorno di quante volte il bambino è riuscito ad adoperare una strategia positiva. Dopo il primo miglioramento, aggiungere un altro comportamento da cambiare e decidere insieme al bambino la strategia (o le strategie) che devono essere adoperate.

53 e) ACCORGIMENTI PER COMPLETARE IN TEMPO I COMPITI ASSEGNATI Scrivere i compiti assegnati alla lavagna ed assicurarsi che li abbia copiati. Coinvolgere i genitori: stabilire in casa consuetudini giornaliere sul come riporre i libri ed usare il materiale scolastico. Insegnare al bambino l abitudine di porsi delle domande prima di iniziare qualcosa o di lasciare un luogo (es. Ho tutto quello che mi serve? ). Prevedere il tempo necessario per ogni singola attività. Insegnare strategie per studiare. Insegnare l uso di sistemi di scrittura col computer per riordinare le idee. Aumentare l organizzazione del lavoro con l uso di liste, diari, quaderni di appunti, cartelline.

54 I COMPITI PER CASA Dettare i compiti per casa in un momento stabilito, possibilmente non quando sta per suonare la campanella di fine lezione! Controllare che i compiti siano annotati correttamente. Non punire il bambino per eventuali carenze, ma esortarlo a fare attenzione e invitarlo a completare la compilazione.

55 TECNICHE DI INTERVENTO PSICOEDUCATIVO COMPORTAMENTALE Un comportamento, per essere compreso, va messo in relazione con le conseguenze che lo mantengono e con gli antecedenti che lo precedono. Fondamentale è allora l OSSERVAZIONE del bambino ADHD L osservazione diretta del bambino in classe è strumento estremamente utile perché consente: di osservare il comportamento così com è nel contesto scolastico; di rilevare intensità, frequenza e durata di tali comportamenti.

56 IL PROCESSO DI OSSERVAZIONE: 1) OSSERVAZIONE OCCASIONALE (NON STRUTTURATA) si pone come obiettivo quello di creare un inventario di comportamenti negativi: l insegnante registrerà tutti i comportamenti problematici che il bambino ADHD manifesterà. Le descrizioni devono essere specifiche rispetto al comportamento, oggettive e non interpretazioni psicologiche ( Stefano lancia le palline di carta, e non Stefano è dispettoso )

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole. INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi

Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole. INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole Classe 1ª 1 Scuola elementare di San Polo INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi LA SCELTA DELL OBIETTIVO Lavoriamo sulle

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Breve descrizione dell alunno

Breve descrizione dell alunno Breve descrizione dell alunno M.F. è un bambino di 11 anni che frequenta la classe prima della scuola secondaria di I grado G. Mompiani. È affetto da Encefalopatia mitocondriale, una grave patologia progressiva

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Associazione Italiana per i Disturbi dell'attenzione e Iperattività (A.I.D.A.I.)

Associazione Italiana per i Disturbi dell'attenzione e Iperattività (A.I.D.A.I.) MIO FIGLIO È COSÌ IRREQUIETO Ci siamo accorti che nostro figlio aveva dei problemi quando Un problema che si manifesta con una persistente difficoltà a stare attento viene riconosciuto soprattutto quando

Dettagli

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri Giovanna Mayer Nucleo: Numeri Introduzione Tematica: Si propongono attività e giochi per sviluppare in modo più consapevole la capacità di confrontare frazioni, confrontare numeri decimali e successivamente

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli