25 MARZO 2011 CONVEGNO: DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "25 MARZO 2011 CONVEGNO: DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITÀ"

Transcript

1 25 MARZO 2011 CONVEGNO: DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITÀ LABORATORIO LA GESTIONE DELLA CLASSE: UNA DIDATTICA PER FAVORIRE L AUTOREGOLAZIONE Nicoletta Cibinel, Psicopedagogista IC di Volpago (TV)

2 AUTOREGOLAZIONE = incapacità di regolare autonomamente il proprio comportamento, inclusa l attenzione. Spesso si da per scontato che cose ripetute molte volte debbano essere assodate. Perciò il bambino che non rispetta la regola non la rispetta per scarso impegno. Spesso i bambino ADHD sa, teoricamente, cosa e come dovrebbe fare, ma NON UTILIZZA QUESTA INFORMAZIONE AL MOMENTO GIUSTO. Non si rende conto cioè che è proprio quella la situazione in cui dovrebbe, ad esempio, aspettare il proprio turno o alzare la mano prima di parlare. = scarsa abilità del bambino di regolare il proprio comportamento in relazione al contesto.

3 COSA PUO FARE LA SCUOLA? Fare delle OSSERVAZIONI e programmare le PRIME STRATEGIE DI INTERVENTO con la guida di insegnanti esperti, psicopedagogisti e/o figure di supporto (psicologi). Circolare MIUR prot. 4089, : Il Ministero ha predisposto un protocollo operativo utile a migliorare l apprendimento ed il comportamento degli alunni con ADHD. DISPENSE PER GLI INSEGNANTI DELL AIDAI

4 L INSEGNANTE collabora con FAMIGLIA e SERVIZI. Si accorda con tutti gli INSEGNANTI DEL TEAM rispetto alle modalità di intervento. Solo il DISPENDIO DI NOTEVOLI ENERGIE può portare a risultati concreti. SONO VANI GLI SFORZI ISOLATI

5 INIZIAMO AD OSSERVARE STRUMENTI GUIDA PER COGLIERE LE SOGLIE DI ATTENZIONE/CRITICITÀ (CHECKLIST, STRUMENTI DI OSSERVAZIONE, PROVE, ) SDQ-I (permette di mettere in evidenza segnali ed indicatori di difficoltà e disagio) SCALE SDA (G-I-B): 18 item (9 sulla disattenzione e 9 sull iperattività) SCOD (I-G): 18 item DDAI, 8 DOP, 16 DC (condotta) COM (I-G): per adolescenti. Strumento per la valutazione della compresenza di due o più sindromi nello stesso bambino, particolarmente indicato per valutare sindromi in comorbidità con il DDAI. Si può usare anche per bambini che presentano problematiche emozionali o comportamentali. E composto da 30 item e diviso in 6 aree (ansia, depressione, autismo, DOP, DC, ) che indagano le sindromi associate al DDAI. IPDDAI E IPDDDAG (I-G): sono scale di osservazione per l identificazione precoce di bambini a rischio DDAI. 18 item (7 per l iperattività, 7 disattenzione 4 per fattori di rischio).

6 SDQ-I permette di mettere in evidenza segnali ed indicatori di difficoltà e disagio

7 ALUNNO: X Rilevazione del 9 FEBBRAIO 2011 SINTOMI EMOZIONALI (= disturbo internalizzante ansia/depressione) INSEGNANTI NORMALE CASO LIMITE Italiano 5 ANOMALO Antropologia 5 PROBLEMI DI COMPORTAMENTO (DOP DC) INSEGNANTI NORMALE CASO ANOMALO LIMITE Italiano 6 Antropologia 6 IPERATTIVITÀ/DISATTENZIONE (ADHD) INSEGNANTI NORMALE CASO ANOMALO LIMITE Italiano 9 Antropologia 9

8 IMPATTO SUL FUNZIONAMENTO: RAPPORTI PROBLEMATICI (sociali) CON I PARI INSEGNANTI NORMALE CASO LIMITE ANOMALO Italiano 5 Antropologia 5 LE DIFFICOLTÀ: ita (severe) - antropologia (severe) 1) TURBANO O FANNO SOFFRIRE IL BAMBINO INSEGNANTI NORMALE CASO LIMITE ANOMALO Italiano 2 Antropologia 2 PUNTEGGIO PROSOCIALE (= comportamenti gentili e di aiuto) INSEGNANTI NORMALE CASO LIMITE ANOMALO Italiano 2 Antropologia 2 2) INTERFERISCONO CON LE AMICIZIE INSEGNANTI NORMALE CASO ANOMALO LIMITE Italiano 2 Antropologia 2 PUNTEGGIO TOTALE SULLE DIFFICOLTÀ INSEGNANTI NORMALE CASO LIMITE ANOMALO Italiano 25 Antropologia 25 3) INTERFERISCONO CON L APPRENDIMENTO A SCUOLA INSEGNANTI NORMALE CASO LIMITE ANOMALO Italiano 2 Antropologia 2 4) HANNO CREATO FORTE DISAGIO A LEI O AGLI ALTRI STUDENTI DELLA CL. INSEGNANTI NORMALE CASO ANOMALO LIMITE Italiano 2 Antropologia 2

9 SDA-I 18 item (9 sulla disattenzione e 9 sull iperattività)

10 Insegnante ITALIANO SDAI: rilevazioni di inizio novembre 2010 ALUNNI ATTENZIONE IMPULSIVITA E IPERATTIVITA XXX Insegnante MATEMATICA ALUNNI ATTENZIONE IMPULSIVITA E IPERATTIVITA NNN Insegnante ANTROPOLOGIA ALUNNI ATTENZIONE IMPULSIVITA E IPERATTIVITA VVV Insegnante INGLESE ALUNNI ATTENZIONE IMPULSIVITA E IPERATTIVITA OOO Insegnante RELIGIONE ALUNNI ATTENZIONE IMPULSIVITA E IPERATTIVITA PPP 12 17

11 PRENDENDO SPUNTO DALLA Circolare MIUR prot. 4089, A) PREDISPOSIZIONE DEL CONTESTO CREARE UN AMBIENTE PREVEDIBILE prevede ciò che potrà succedere è importante per evitare le azioni che ci possono danneggiare!) I bambini DDAI hanno spesso scarsa capacità di prevedere le conseguenze delle loro azioni. Gli insegnanti possono aiutare i bambini a prevedere le conseguenze di determinati eventi incrementando così i comportamenti adeguati alle situazioni.

12 ORGANIZZAZIONE DELLA CLASSE CONTROLLARE LE FONTI DI DISTRAZIONE ALL INTERNO DELLA CLASSE: non è indicato far sedere l alunno vicino alla finestra, al cestino, ad altri compagni rumorosi o ad altri oggetti molto interessanti. Non è produttiva neanche la collocazione in una zona completamente priva di stimolazioni in quanto il bambino diventa più iperattivo perché va alla ricerca di situazioni nuove o interessanti Disporre I BANCHI in modo da permettere all insegnante di passare di frequente così da controllare che i più distratti abbiano capito il compito, stiano seguendo la lezione e stiano eseguendo il lavoro assegnato Un GRANDE OROLOGIO per segnare i tempi di lavoro e facilitare il rispetto delle consegne. Per evitare che diventi fonte di distrazione metterlo, ad esempio, in fondo alla classe.

13 ANCHE L ORDINE PUÒ AIUTARE ORDINE NELLA SEQUENZA DELLE ATTIVITA PROPOSTE: è importante stabilire delle attività programmate e routinarie in modo che il ragazzo impari a prevedere quali comportamenti deve produrre in determinati momenti della giornata. ORDINE NEI TEMPI NECESSARI PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA : è importante definire con chiarezza i tempi necessari per svolgere le attività giornaliere (questo aiuta l alunno anche ad orientarsi meglio nel tempo). ORDINE NELL ORGANIZZAZIONE DEL MATERIALE: spesso il bambino non ha con sé tutto il materiale, o ne perde parte, disturba i compagni per reperire ciò che gli manca, non ha cura della propria attrezzatura.

14 SUGGERIMENTI E STRATEGIE per aiutare a gestire meglio il proprio materiale (utili non solo al bambino ADHD!): O l insegnante dovrebbe dimostrare che dà importanza all organizzazione lasciando 5 al giorno per ordinare il proprio materiale. o Strutturare un cartellone o una tabella da mettere nel diario del bambino in cui si fanno figurare i materiali necessari per ogni disciplina. o Applicazione di un sistema a punti per monitorare la buona gestione del materiale (sistema a punti da convertire in premi materiali o privilegi) o Premiare il banco meglio organizzato del giorno

15 B) PRIMA DI INIZIARE A LAVORARE Accertarsi del LIVELLO DI ATTENZIONE DEL BAMBINO: spesso i bambini iperattivi sono fisicamente e mentalmente occupati a fare qualcos altro (roteare penne, guardare o chiamare i compagni ). Una tecnica efficace solitamente è il contatto oculare. Farsi un idea, attraverso un breve periodo di osservazione, dei TEMPI ATTENTIVI DELL ALUNNO. Questo è importante per: o Valutare i tempi necessari per lo svolgimento di una determinata attività. o Dividere eventualmente il compito in parti più piccole. Spezzettare il compito con brevi pause in modo da permettere al bambino di ricaricarsi a livello attentivo e potersi quindi riconcentrare sul compito). Se possibile, variare al suo interno l attività (ad es: prima si legge un testo, poi lo si sottolinea, poi si risponde alle domande, ); dare due compiti, facendo svolgere prima quello che piace di meno e poi il suo preferito. CON L ESERCIZIO I TEMPI ATTENTIVI DIVENTERANNO VIA VIA PIÙ LUNGHI

16 C) ALCUNI SUGGERIMENTI PER LA GESTIONE DELLE LEZIONI Gli alunni ADHD NON SONO SOLO ALUNNI CON difficoltà a mantenere l ATTENZIONE controllare l IMPULSIVITÀ controllare il movimento (IPERATTIVITÀ). GLI ALUNNI ADHD HANNO ANCHE DELLE RISORSE La gestione di alunni ADHD, e non solo, sarà migliore se gli verranno attribuite delle risorse e riconosciute delle abilità: Stilare un elenco NON SOLO DEI PUNTI DI DEBOLEZZA, ma anche DEI PUNTI DI FORZA del bambino.

17 1) E OPPORTUNO evidenziare ed utilizzare LE RISORSE, I PUNTI FORTI Non focalizzarsi sul tempo di esecuzione ma sulla QUALITÀ DEL LAVORO SVOLTO (anche se può risultare inferiore a quello dei compagni) UTILIZZARE I PUNTI FORTI ed eludere il più possibile i lati deboli del bambino. Ad esempio, se dimostra difficoltà di motricità fine ma ha buone abilità linguistiche, può essere utile favorire l espressione orale, quando è possibile sostituirla a quella scritta. Cercare di enfatizzare i lati positivi del comportamento (la creatività, l affettuosità, l estroversione ).

18 2) Molti ERRORI di svolgimento sono dovuti a SCARSA ATTENZIONE alle consegne. E UTILE PERTANTO: Che le consegne siano semplici e brevi. Accertarsi che l alunno abbia compreso le istruzioni di un compito (si può chiedere cosa devi fare? ). Far rileggere la consegna chiedendogli di spiegare con parole proprie cosa deve fare.

19 3) FAVORIRE PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO: - DEL PROPRIO LIVELLO ATTENTIVO; - PER VERIFICARE L ESATTEZZA DEL LAVORO SVOLTO.

20 FAVORIRE STRATEGIE DI AUTOCONTROLLO DEL PROPRIO LIVELLO ATTENTIVO PROCEDURE POCO ADEGUATE a questo scopo: - richiamare ad alta voce il bambino - invitarlo in modo esplicito a stare attento - risultare per lui frustranti Sono procedure che possono: - stigmatizzare ancora di più la sua difficoltà

21 PROCEDURE ADEGUATE ALLO SCOPO: L USO DI SEGNALI CONCORDATI può essere molto utile per migliorare la consapevolezza rispetto ai propri meccanismi attentivi, ad esempio: - toccare il suo banco - avvicinarsi al suo banco e dare un colpetto di tosse - fare una pausa di silenzio più prolungata del solito durante la spiegazione delle consegne, Ciò consente di: non coinvolgere l intera classe nella sottolineatura di un comportamento inadeguato; fornirgli un mezzo efficace per sintonizzarsi con l attività senza essere richiamato; evitare che il richiamo diventi punitivo, rinforzante e, talvolta, favorire la comparsa di comportamenti di tipo oppositivo.

22 L uso di queste PROCEDURE DI AUTOMONITORAGGIO NON deve essere INTRUSIVO: si deve cioè evitare che interrompano l impegno attentivo del compito che l alunno sta svolgendo.

23 FAVORIRE STRATEGIE DI AUTOCONTROLLO PER VERIFICARE L ESATTEZZA DEL LAVORO SVOLTO E possibile intervenire anche sullo scarso o inefficace utilizzo dl bambino di procedure di controlli del lavoro svolto. ESEMPIO DI INTERVENTO: lanciare l attività della CACCIA ALL ERRORE. Al termine del lavoro i bambini sono invitati, al via della maestra, ad andare a scovare, in un tempo prestabilito, tutti gli errori presenti nel compito svolto. Per facilitare l apprendimento della procedura, si possono proporre alla classe delle schede che includano delle inesattezze che i bambini devono trovare, come nell esempio

24 La CACCIA ALL ERRORE è attività UTILE soprattutto per quei bambini (non solo ADHD) che compiono molti errori di distrazione. Infatti: Vengono motivati ad attivare le proprie procedure di controllo e a prolungare i tempi di attenzione. E attività INEFFICACE invece per i bambini che associano un DSA e che possono quindi non essere in grado di identificare gli errori. Inserire LA CLASSIFICA DEI BRAVI CACCIATORI! Da inserire SE E SOLO SE il bambino con difficoltà attentive diventa abile in questa attività! In questo caso è possibile rinforzarla inserendo un ulteriore elemento motivazionale: la classifica dei bravi cacciatori! (se così non fosse si otterrebbe l effetto contrario e si sottolineerebbe solo, ancora una volta, l incapacità del bambino che si vedrebbe agli ultimi posti della lista).

25 4) ATTIVITÀ ROUTINARIE: la difficoltà ad autoregolare il proprio comportamento porta il bambino ad agire in modo disorganizzato, casuale. Ciò perché il bambino ha difficoltà a cogliere chiari gli indicatori di ciò che ci si aspetta da lui nei vari momenti. Perciò: - più il bambino diventa capace di prevedere ciò che ci si aspetta da lui, e maggiore è la possibilità che cerchi di soddisfarne le richieste; - più routine ci sono in classe e più il bambino può prevedere tempi e richieste e può cercare di adattare ad essi il proprio comportamento. - ESEMPI DI ROUTINE: ingresso in classe insieme ad un ora stabilita, routine di inizio lezione (appello, controllo della presenza di tutto il materiale, ), presentazione delle attività previste per la giornata,

26 a) STABILIRE E PREVEDERE I TEMPI DI LAVORO I BAMBINI DDAI SONO POCO ABILI NEL FARE STIME RISPETTO AI TEMPI. Aiutarli a lavorare con tempi stabiliti significa aiutarli a valutare meglio e quindi diventare più efficaci nella pianificazione e nell organizzazione del lavoro identificando anche il quantitativo di impegno necessario per lo svolgimento della consegna. COME FARE? Accorciare i tempi di lavoro. Fare brevi e frequenti pause soprattutto durante i compiti ripetitivi e noiosi Inizialmente sarà l insegnante che darà indicazioni sul tempo Quando i bambini saranno abituati ad includere la variabile tempo nella pianificazione del loro agire, l insegnante può chiedere loro: Quanto tempo può servire per?

27 b) STABILIRE DELLE REGOLE IN CLASSE: Nei DDAI, è utile, per aumentare l abilità nel rispetto delle regole, evitare che le regole costituiscano divieti (NON ) CHIARE E perché siano più efficaci: CONDIVISE con i bambini. Se gli diamo la possibilità di modificarle e approvarle aumenta il grado di impegno nel rispettarle. Devono essere semplici, chiare, evitare formulazioni vaghe come Stare buoni, poche, meglio se rinforzate a livello iconico.

28 5) MODALITA PER ORGANIZZARE LA LEZIONE Rendere le lezioni stimolanti e ricche di novità: i bambini con DDAI hanno peggiori prestazioni quando i compiti sono noiosi e ripetitivi. Ad esempio, un testo viene compreso meglio se contiene delle figure. Anche il ritmo della voce dell insegnante quando spiega può incidere sulla capacità attentiva. Interagire frequentemente, verbalmente e fisicamente, con gli studenti (Fare in modo che debbano rispondere frequentemente durante la lezione). Creare situazioni di gioco per favorire la comprensione delle spiegazioni. Utilizzare il gioco di ruolo per spiegare concetti storici, sociali in cui siano coinvolti vari personaggi. Proporre Delle Gare : le competizioni rispetto ai compiti demotivano i bambini ADHD in quanto prevedono l ennesimo loro insuccesso. MA Proporre delle gare in ambiti in cui possano dimostrare le proprie abilità può esser motivante.

29 . 6) COINVOLGERE LA CLASSE COME? Attraverso proposte di modalità collaborative per l apprendimento. Strutturare interventi che modifichino parzialmente la didattica della classe basandosi su parametri altamente funzionali per il bambino ADHD. Prediligere il lavoro in coppia, a piccoli gruppi Rispetto alla classica lezione frontale ottengono migliori risultati: - ATTIVITA DI TUTORAGGIO - ATTIVITA SVOLTE IN APPRENDIMENTO COOPERATIVO - AFFIDARE LO SVOLGIMENTO DI PARTE DELLA LEZIONE ALL ALUNNO

30 Attività positiva: - per il tutor a) ATTIVITÀ DI TUTORAGGIO che per riuscire nel processo di insegnamento rivede e consolida le proprie acquisizioni - per il tutee che apprende in modo individualizzato in termini di percorsi e ritmi, ottenendo continui feedback sulla propria prestazione e indicazioni utili in caso di difficoltà. Altri vantaggi: Utilizzo dei compagni come risorsa Fornisce un percorso di apprendimento individualizzato Modalità di lavoro utilizzabile ad ampio raggio su argomenti diversi

31 ALTRO VANTAGGIO: E procedura applicabile all intera classe: in questo modo non si sottolinea la diversità degli alunni ADHD pur dando loro un supporto didattico specifico. POSSIBILITA PER L ALUNNO ADHD DI RIVESTIRE IL RUOLO DI TUTOR: La possibilità di essere tutor di altri studenti (nel caso di bambini ADHD senza problemi comportamentali particolarmente severi) - migliora le abilità sociali del bambino, - incoraggia collaborazioni, - incrementa l autostima.

32 b) L APPRENDIMENTO COOPERATIVO (APPROCCIO PIÙ EFFICACE RISPETTO A QUELLO COMPETITIVO E INDIVIDUALISTA) E metodo di insegnamento che prevede di unire gli alunni in piccoli gruppi allo scopo di massimizzare il loro apprendimento e le loro abilità sociali attraverso: un rapporto di impegno reciproco tra i membri del gruppo (= interdipendenza positiva) una responsabilità individuale (= ogni alunno è responsabile della propria parte di lavoro, senza la quale il lavoro dell intero gruppo risulta compromesso). la promozione delle abilità sociali (incoraggia la partecipazione, decisioni democratiche, si rispettano e valorizzano le differenze individuali). la valutazione del lavoro svolto da parte del gruppo stesso che è chiamato a riflettere su come migliorare le proprie strategie di azione, i modi di procedere, il clima collaborativo,

33 Questo consente di: Raggiungere gli obiettivi di apprendimento stabiliti Motivare maggiormente ogni singolo membro del gruppo Favorire una maggiore interazione all interno del gruppo dei pari Insegna, allena ed esercita adeguate abilità sociali. Valorizza le differenze individuali (l entusiasmo, la vivacità, l originalità, la fantasia di questi bambini) Non stigmatizza le competenze diverse, anzi il gruppo è stimolato a collaborare per colmare i vuoti di conoscenza. Assegna responsabilità al singolo valorizzandone il ruolo. Invita i compagni ad aiutare il bambino ADHD nell autoregolazione. Migliora le abilità di autovalutazione dei risultati. E un metodo applicabile ad ogni disciplina.

34 Basta definire chiaramente: obiettivo del lavoro di apprendimento, i ruoli all interno del gruppo, materiali, modalità per procedere. NON È UN RIMEDIO MAGICO PER I BAMBINI ADHD, MA È UN METODO CHE LO PUÒ AIUTARE!

35 c) FAR CONDURRE BREVI LEZIONI AL BAMBINO ADHD: L ottica è quella di realizzare interventi che valorizzino le differenze individuali per dare modo agli alunni ADHD (ma in genere a quelli con rendimento non ottimale o con problemi di comportamento) di ricoprire un ruolo di insegnamento alla classe. Gli si da l occasione di diventare non QUEL bambino, MA un bambino che possiede conoscenze nuove e le vuole condividere con i compagni.

36 Ciò può: - influire positivamente sul senso di efficacia del bambino; - migliorare la sua posizione sociale; - mettere in evidenza aspetti positivi del suo comportamento (entusiasmo, inventiva, abilità verbale, ) - cambiare la sua immagine ai propri occhi e a quelli degli altri. Perché sia un esperienza positiva verificare: - che sia in grado di affrontare il compito da un punto di vista emotivo (deve risultare per lui gratificante, non essere una esperienza paragonabile ad una interrogazione!). - il livello di autostima (per evitare che il bambino intraveda a priori in questa opportunità l ennesima esperienza di fallimento). L insegnante deve essere convinto delle possibilità dell alunno!

37 È necessario che l insegnante pianifichi con l alunno nei dettagli l intervento: - selezionare e concordare il tema della lezione (può trattarsi di un argomento curricolare ma anche ambiti extra scolastici). - pianificare il percorso di lavoro - stendere un canovaccio espositivo - preparare i materiali - definire tempi e modalità per verificare la preparazione dell attività - stabilire la data dell intervento In alternativa la lezione può essere anche preparata all interno di un gruppo cooperativo, all interno del quale si sceglie l alunno ADHD come portavoce per l intero gruppo.

38 7) MODALITÀ DI APPROCCIO DURANTE IL TEMPO SCOLASTICO: Seguire l ordine degli argomenti dato ad inizio mattina Usare tempi di lavoro non troppo lunghi Presentare l argomento in modo stimolate Ricordare che le domande rendono attivi e più motivati i bambini; Usare un tono di voce vivace e variato; Alternare compiti attivi ad altri passivi (ascolto di una spiegazione) Favorire la partecipazione attiva secondo le regole di comportamento condivise (alzare la mano, rispettare il proprio turno, ).

39 Dare frequenti feedback rispetto alla correttezza del proprio operato: - facilita il mantenimento di un sufficiente livello di controllo, - motiva il bambino - evita il protrarsi di errori (i bambini in genere sono più propensi a rivedere una piccola parte di lavoro piuttosto che dover rifare tutto perché avvertito dell errore solo al termine). Non essere aggressivi nel richiamo fatto al bambino: è possibile interrompere il comportamento indesiderato dando indicazioni su comportamento corretto, non dicendo ti ho già detto che non devi fare! I voti, le note, le comunicazioni, le punizioni: dovrebbero tutte essere viste in quest ottica, cioè delle forme di feedback sulla correttezza del comportamento del bambino.

40 8) ATTIVITÀ CON IL COMPUTER - Utile e motivante; - consente maggiore autogestione rispetto alla normale didattica; - Può essere forma di gratificazione rispetto al comportamento corretto di bambini ADHD; - Programmi specifici possono essere efficaci nel migliorare i tempi di attenzione sostenuta e la motivazione a portare a termine il lavoro ( Attenzione e concentrazione, Autoregolare l attenzione) - Può essere utilizzato comunque anche con qualsiasi altro software didattico (avviamento alla lettura, soluzione dei problemi matematici, ) purché il software dia spesso informazioni sulla correttezza delle informazioni, sia flessibile nella programmazione e preveda la possibilità di modificare il ritmo di presentazione degli stimoli (esempio di software: lettura di base 1, 2, 3, comprensione del testo 1, 2, 3, giocare con le parole, dislessia evolutiva, memocalcolo, ).

41 EFFETTI POSITIVI: - miglioramento/prolungamento del comportamento rispetto al compito; - riduzione dei comportamenti distruttivi; - consente di pensare a percorsi individualizzati, - offre frequenti ed immediati feedback circa la correttezza della prestazione. NB: Meglio se il bambino ADHd viene affiancato dall adulto! Con un basso livello di supervisione in bambino può non terminare il lavoro o trovare delle scorciatoie per completarlo. L interazione con l adulto da suggerimenti, gratifica, orienta il compito.

42 9) PIANIFICARE LE ATTIVITÀ ANCHE NEL TEMPO LIBERO - Inizio e fine della lezione - Intervallo - Mensa - Passaggio da un luogo all altro, Sono tutti luoghi e situazioni attraenti che consentono di sfogarsi in cui si può potenzialmente fare qualsiasi cosa! Possono però rivelarsi scatenanti rispetto ai comportamenti messi in atto dall alunno ADHD che può selezionare attività non adeguate. Qui il bambino ADHD può trovarsi in difficoltà nel gestire il proprio comportamento e può sperimentare maggiormente il rifiuto da parte dei compagni.

43 COME INTERVENIRE? Anche in questo caso cercando di rendere questi momenti più prevedibili: - Strutturando alcune semplici regole; - Defininendo i tempi;

44 - proponendo attività strutturate Tenere conto che, soprattutto durante l intervallo, è meglio se si tratta di attività di movimento perché comunque devono fungere da attività di sfogo. Per questo non è utile decidere di punire il bambino trascorrendo l intervallo seduto o facendo i compiti). Finita l attività prevedere alcuni minuti di DECOMPRESSIONE (mettere in ordine i banchi, per rientrare nei normali ritmi dell aula). - Organizzando con i bambini LA BANCA DEI GIOCHI che riporti tutti i giochi da loro conosciuti o inventati che si possono svolgere. Comunicheranno all insegnante che attività svolgeranno e l eventuale passaggio da una attività ad un altra. In questo modo l insegnante saprà sempre quali e quanti bambini stanno giocando e a che cosa. Verranno anche messi in evidenza gli eventuali bambini esclusi dal gioco.

45 10 ) ALCUNI ACCORGIMENTI a) PER CONTENERE l IPERATTIVITÀ b) PER GESTIRE IL COMPORTAMENTO c) PER CONTENERE L IMPULSIVITA d) PER MIGLIORARE LA SCARSA STIMA DI SE e) PER COMPLETARE IN TEMPO I COMPITI ASSEGNATI

46 a) ACCORGIMENTI PER CONTENERE l IPERATTIVITÀ (=eccesso di attività) Incanalare l attività verso alcune finalità specifiche: es. dare incarichi che permettano un movimento controllato Usare l attività come un premio. incarichi come portare un messaggio a qualcuno, pulire la lavagna, mettere a posto i libri della cattedra, sistemare le sedie, quale riconoscimento individuale di un suo successo. Usare le attività come risposta alle istruzioni Usare metodi di insegnamento che incoraggino la risposta attiva (es. parlare, muoversi, organizzarsi, lavorare alla lavagna)

47 b) ACCORGIMENTI PER GESTIRE IL COMPORTAMENTO REGOLE SEMPLICI E CHIARE: Definire e mantenere chiare e semplici regole all interno della classe (determinante è il consenso unanime). Rivedere e correggere le regole della classe, se necessario COMPORTAMENTI ADEGUATI/COMPORTAMENTI INAPPROPRIATI Spiegare chiaramente, più volte, agli alunni disattenti/iperattivi quali sono i comportamenti adeguati e quali sono quelli inappropriati. CONSEGUENZE DEI COMP. POSITIVI E DEI COMP. NEGATIVI Far capire a questi bambini quali sono le conseguenze dei loro comportamenti positivi e quali sono quelle che derivano da quelli negativi.

48 RINFORZO DEI COMPORTAMENTI POSITIVI Rinforzare e premiare i comportamenti positivi (stabiliti precedentemente), piuttosto che punire quelli negativi. Sottolineare i comportamenti adeguati del bambino attraverso ampie ed evidenti gratificazioni. Cambiare i rinforzi quando perdono di efficacia. EVITATARE DI PUNIRE I COMPORTAMENTI NEGATIVI Non punire il bambino togliendo l intervallo perché il bambino iperattivo necessita di scaricare la tensione e di socializzare con i compagni. Le punizioni severe, note scritte o sospensioni, non modificano il comportamento. OBIETTIVI SEMPLICI FEEDBACK FREQUENTI E importante stabilire giornalmente o settimanalmente semplici obiettivi da raggiungere. E utile informare frequentemente il bambino su come sta lavorando e come si sta comportando soprattutto rispetto agli obiettivi da raggiungere.

49 c) ACCORGIMENTI PER CONTENERE L INCAPACITÀ DI ATTENDERE (IMPULSIVITÀ) E DIFFICILE ATTENDERE PER UN BAMBINO ADHD NON CHIEDERE AL BAMBINO DI ASPETTARE: dargli un sostituto verbale o una risposta motoria da compiere durante l attesa: Istruire il bambino a continuare una parte più facile del suo compito nell attesa dell aiuto dell insegnante. Insegnargli ad affrontare per prime, in un test, le risposte a lui note Abituarlo a sottolineare o a riscrivere le domande prima di cominciare, oppure a colorarne le parti più rilevanti Incoraggiarlo a scarabocchiare o a giocare con la gomma, col segnalibro o con la matita mentre aspetta o sta ascoltandore delle istruzioni Incoraggiarlo a prendere appunti (anche poche parole, quelle che reputa più importanti) Stabilire una routine per cui è valido iniziare il lavoro solo quando è l insegnante a dare il VIA, non prima.

50 FAR EMERGERE LE SUE DOTI Incoraggiare il bambino a tirare fuori le sue capacità positive di leadership invece di far emergere la sua incapacità di attendere, l impazienza o la prepotenza. Suggerire o rinforzare altri ruoli ad es. fare il capofila, distribuire i fogli ). Per i bambini che spesso interrompono, insegnare loro come riconoscere le pause nella conversazione. Insegnare e rinforzare le convenzioni sociali (es. buongiorno, ciao, per favore, grazie).

51 d) ACCORGIMENTI PER MIGLIORARE LA SCARSA STIMA DI SÈ RICONOSCERE LE CAPACITÀ E GLI SFORZI DEL BAMBINO Richiamare l attenzione sulle sue capacità creando momenti in cui possa mostrare le proprie doti. Riconoscere che essere un capobanda è una qualità da leader. AUMENTARE LE OCCASIONI DI SODDISFAZIONE, DI SUCCESSO E AIUTARE IL BAMBINO A MIGLIORARE LE SUE QUALITÀ Riconoscere l entusiasmo del bambino ed usarlo per sviluppare le sue qualità Evidenziare i suoi successi e non i suoi errori

52 COINVOLGERE IL BAMBINO NELLA SOLUZIONE DELLE SUE DIFFICOLTÀ Fare, insieme al bambino, un elenco dei suoi comportamenti negativi, descrivendo i momenti più difficili e decidere le strategie che possono essere adoperate per evitare guai. Questo colloquio va tenuto privatamente, con calma e con l atteggiamento di chi cerca di risolvere dei problemi, non per colpevolizzare. Fare giochi di ruolo con il bambino in queste situazioni per praticare comportamenti alternativi. Iniziare con un solo comportamento da cambiare, tenendo una scheda apposita per registrare successi ed insuccessi. Tener conto alla fine di ogni giorno di quante volte il bambino è riuscito ad adoperare una strategia positiva. Dopo il primo miglioramento, aggiungere un altro comportamento da cambiare e decidere insieme al bambino la strategia (o le strategie) che devono essere adoperate.

53 e) ACCORGIMENTI PER COMPLETARE IN TEMPO I COMPITI ASSEGNATI Scrivere i compiti assegnati alla lavagna ed assicurarsi che li abbia copiati. Coinvolgere i genitori: stabilire in casa consuetudini giornaliere sul come riporre i libri ed usare il materiale scolastico. Insegnare al bambino l abitudine di porsi delle domande prima di iniziare qualcosa o di lasciare un luogo (es. Ho tutto quello che mi serve? ). Prevedere il tempo necessario per ogni singola attività. Insegnare strategie per studiare. Insegnare l uso di sistemi di scrittura col computer per riordinare le idee. Aumentare l organizzazione del lavoro con l uso di liste, diari, quaderni di appunti, cartelline.

54 I COMPITI PER CASA Dettare i compiti per casa in un momento stabilito, possibilmente non quando sta per suonare la campanella di fine lezione! Controllare che i compiti siano annotati correttamente. Non punire il bambino per eventuali carenze, ma esortarlo a fare attenzione e invitarlo a completare la compilazione.

55 TECNICHE DI INTERVENTO PSICOEDUCATIVO COMPORTAMENTALE Un comportamento, per essere compreso, va messo in relazione con le conseguenze che lo mantengono e con gli antecedenti che lo precedono. Fondamentale è allora l OSSERVAZIONE del bambino ADHD L osservazione diretta del bambino in classe è strumento estremamente utile perché consente: di osservare il comportamento così com è nel contesto scolastico; di rilevare intensità, frequenza e durata di tali comportamenti.

56 IL PROCESSO DI OSSERVAZIONE: 1) OSSERVAZIONE OCCASIONALE (NON STRUTTURATA) si pone come obiettivo quello di creare un inventario di comportamenti negativi: l insegnante registrerà tutti i comportamenti problematici che il bambino ADHD manifesterà. Le descrizioni devono essere specifiche rispetto al comportamento, oggettive e non interpretazioni psicologiche ( Stefano lancia le palline di carta, e non Stefano è dispettoso )

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE/IPERATTIVITA (ADHD)

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE/IPERATTIVITA (ADHD) Settimo incontro di Teacher Training IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE/IPERATTIVITA (ADHD) Il coinvolgimento della classe: le regole e la token economy di gruppo Dott.ssa Laura Bedin psicologa presso

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli Il disagio in età evolutiva Il disagio in età evolutiva ha origine dall interazione tra diverse variabili

Dettagli

L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE

L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE IN CLASSE SONO COSI Interessato dalle cose nuove ma ho difficoltà a stare tranquillo ed attento. Mi alza di continuo; Mi distraggo sempre! E pare che io

Dettagli

Decalogo per l'insegnante per il controllo dello stress emotivo

Decalogo per l'insegnante per il controllo dello stress emotivo Decalogo per l'insegnante per il controllo dello stress emotivo Tratto da "Scuola disattenta" di Domenico Nardella Uno dei più importanti problemi per la scuola in ambito didattico ed educativo nella situazione

Dettagli

Piano didattico personalizzato

Piano didattico personalizzato Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Dante Alighieri Via Falck n 110 20099 Sesto S. Giovanni (MI) Telefono: 02 36 57 471 Fax: 02 36 57 47 36 E-mail: segreteria@comprensivodante.it

Dettagli

prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1

prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1 prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1 Definizione dell adhd (Attention Deficit Hyperactivity Disorder) L ADHD è un disordine dello sviluppo neuropsichico dello studente caratterizzato da incapacità a mantenere

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

L alunno ADHD in classe

L alunno ADHD in classe L alunno ADHD in classe Cosa può fare la scuola Osservazione e analisi funzionale dei comportamenti problema Il coinvolgimento della classe Tecniche specifiche di intervento psicoeducativo comportamenta

Dettagli

L alunno con ADHD: proposte operative

L alunno con ADHD: proposte operative L alunno con ADHD: proposte operative Laura Dentella Ilaria Rota Centro per l Età Evolutiva - Bergamo Il bambino con ADHD: Alla scuola dell infanzia Alla scuola primaria Alla scuola secondaria Sintesi

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

deficit d attenzione e iperattività. In realtà alcuni psicologi ritengono

deficit d attenzione e iperattività. In realtà alcuni psicologi ritengono L espressione bambino iperattivo è ultimamente diventata sempre più di uso comune. Ma quando possiamo dire che un bambino è veramente iperattivo e quando invece si tratta solo di un bambino molto vivace?

Dettagli

ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA

ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA Seconda lezione Le manifestazioni dell ADHD Non lancerò più le penne di Marco Laura Barbirato psicologa dell apprendimento

Dettagli

VADEMECUM PASSAGGIO SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA

VADEMECUM PASSAGGIO SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA VADEMECUM PASSAGGIO SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA Rispetto delle regole SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA FAMIGLIA Giochi di gruppo motori e/o in scatola con regole già conosciute e/o da inventare

Dettagli

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder 1 1. COS E ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder E Un disturbo evolutivo dell autoregolazione del comportamento che si manifesta soprattutto con difficoltà di mantenimento dell attenzione, gestione

Dettagli

Indicazioni della scuola per l'inclusione degli alunni con ADHD. Franco Castronovo

Indicazioni della scuola per l'inclusione degli alunni con ADHD. Franco Castronovo Indicazioni della scuola per l'inclusione degli alunni con ADHD Franco Castronovo Como 24 febbraio 2015 Documenti Gazzetta Ufficiale n. 106 del 24 aprile 2007 allegato PROTOCOLLO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO

Dettagli

è la sigla della sindrome da deficit di attenzione e iperattività. Si tratta di un disturbo tra i più diffusi dell età evolutiva.

è la sigla della sindrome da deficit di attenzione e iperattività. Si tratta di un disturbo tra i più diffusi dell età evolutiva. Il Miur ha emanato una nuova Circolare Prot. n. 4089 del 15 giugno 2010 che informa le scuole sulle caratteristiche dell ADHD e consiglia modalità per affrontare le possibili problematiche che si possono

Dettagli

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI.

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI. IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI. WWW.DIDATTICAPERSUASIVA.COM Per capire bene come si sente un bambino con DFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA immagina di trovarvi

Dettagli

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Dott.ssa Sara Bernardelli Psicologa-Psicoterapeuta SPC-Scuola di Psicoterapia Cognitiva Cos è il disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Alessandro

Dettagli

S.C. di NPI ASL CN 1- Savigliano Fossano Saluzzo

S.C. di NPI ASL CN 1- Savigliano Fossano Saluzzo S.C. di NPI ASL CN 1- Savigliano Fossano Saluzzo D.ssa Francesca Ragazzo Descrivere cosa si prova a vivere con un bambino ADHD è inspiegabile: è un rapporto fatto di odioamore, un sentimento nuovo tutto

Dettagli

TOKEN ECONOMY. Fabriano Istituto COmprensivo Marco Polo. La gestione della classe

TOKEN ECONOMY. Fabriano Istituto COmprensivo Marco Polo. La gestione della classe Fabriano Istituto COmprensivo Marco Polo ADHD La gestione della classe 2^ parte mercoledì 10-05 05-2006 16.30-19.30 19.30 Dr.ssa Psicologa Studio di Psicologia Amaltea chiara.dellabetta@studioamaltea.it

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

Stili cognitivi e difficoltà comportamentali

Stili cognitivi e difficoltà comportamentali + Stili cognitivi e difficoltà comportamentali Centro Psiky Dott.ssa Giorgia Concari Psicologa-Psicoterapeuta Dottore di Ricerca in Psicologia dell educazione e disabilità Università di Parma + Complessità

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

1 FF.SS. area 4 BES/DSA I.C. G.MAMELI a.s. 2014/15

1 FF.SS. area 4 BES/DSA I.C. G.MAMELI a.s. 2014/15 Bambini troppo vivaci, disattenti e. Spesso ci capita di osservare bambini estremamente vivaci, che faticano a mantenere a lungo l attenzione su uno stesso stimolo o sentono il bisogno di muoversi continuamente.

Dettagli

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE I Bambini con DSA nella scuola: dalla Legge 170 alle pratiche didattiche quotidiane IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO NELL OTTICA DI UN INTERVENTO MULTIDISCIPLINARE

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON ADHD

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON ADHD I S T I T U TO C O M P R E N S I V O S TATAL E D I S O S S AN O Via San Giovanni Bosco, 4 36040 SOSSANO (VI) Tel. 0444/885284 viic89000e@istruzione.it viic89000e@pec.istruzione.it www.icsossano.it C.F.

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra l importanza di una diagnosi precoce GLI INSEGNANTI DICONO CHE mio figlio.. è troppo frettoloso o lento; è intelligente ma svogliato, è distratto,

Dettagli

PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE

PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE Rientrano in questa categoria l'insieme di difficoltà comunicazionali e relazionali che spesso coinvolgono l'ansia e la scarsa autostima, ma anche

Dettagli

3 PASSI. Diamoci una regolata : insegnare le regole di comportamento con la token economy + - + - + - + - 01/01/2011

3 PASSI. Diamoci una regolata : insegnare le regole di comportamento con la token economy + - + - + - + - 01/01/2011 Convegno AIDAI- Veneto 26 novembre 2010 - Mira (VE) Diamoci una regolata : insegnare le regole di comportamento con la token economy Cristina Menazza 3 PASSI Osservare il comportamento Preparare il contesto

Dettagli

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA Possiamo descrivere le strategie di apprendimento di una lingua straniera come traguardi che uno studente si pone per misurare i progressi nell apprendimento

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON ADHD

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON ADHD ISTITUTO COMPRENSIVO n. 19 Santa Croce VERONA Via S.Felice Extra 15/a 37131 Verona Tel.045 526583 - Fax 045 8402228 vric89100p@istruzione.it www.comprensivo19.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

I DISTURBI ESTERNALIZZANTI A SCUOLA. Dr.ssa Susanna Acquistapace Dr. Giampaolo Ruffoni

I DISTURBI ESTERNALIZZANTI A SCUOLA. Dr.ssa Susanna Acquistapace Dr. Giampaolo Ruffoni I DISTURBI ESTERNALIZZANTI A SCUOLA Dr.ssa Susanna Acquistapace Dr. Giampaolo Ruffoni Sondrio, 28 Ottobre 2013 Programma del corso 1 Incontro I disturbi esternalizzanti: ADHD (Disturbo da deficit di attenzione

Dettagli

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Diagnosi : sindrome da alterazione globale dello sviluppo psicologico. Seguito dall insegnante di sostegno (già dallo scorso anno) per 16 ore settimanali. Inserito

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Il DIRIGENTE Dott.ssa Anna Cammalleri

Il DIRIGENTE Dott.ssa Anna Cammalleri Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO VI Politiche per gli studenti Il DIRIGENTE Dott.ssa Anna Cammalleri Prot.n.

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

12/10/2013. Di cosa parleremo oggi. Personalizzare. Le richieste di consulenza. Francesco, 7 anni. Valutazione di Francesco

12/10/2013. Di cosa parleremo oggi. Personalizzare. Le richieste di consulenza. Francesco, 7 anni. Valutazione di Francesco Di cosa parleremo oggi La presa in carico del bambino con ADHD: il lavoro con insegnanti e genitori Università di Milano-Bicocca Gian Marco Marzocchi Centro per l Età Evolutiva - Bergamo Presentazione

Dettagli

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione A cura di Chiara Dicorato Rita Cioffi 19/01/12 Le otto

Dettagli

BENVENUTE CLASSI PRIME!!!

BENVENUTE CLASSI PRIME!!! ACCOGLIENZA BENVENUTE CLASSI PRIME!!! Anno Scolastico 2005-2006 PROGETTO ACCOGLIENZA Passare da una scuola ad un altra è un momento critico nel percorso formativo della maggior parte degli studenti. Lasciare

Dettagli

I DISTURBI DA DEFICT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA (ADHD o DDAI) Corso di formazione per docenti della scuola di base.

I DISTURBI DA DEFICT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA (ADHD o DDAI) Corso di formazione per docenti della scuola di base. I DISTURBI DA DEFICT DI ATTENZIONE CON IPERATTIVITA (ADHD o DDAI) Corso di formazione per docenti della scuola di base Laura Barbirato Febbraio/marzo 2011 1 Esistono i Disturbi da Deficit di Attenzione

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Prot. N.3548 a/19 Atti Albo Pretorio Sito web PER I DOCENTI SCUOLA PRIMARIA (SECONDO BIENNIO) E SECONDARIA DI PRIMO GRADO Estratto da articolo di Cornoldi e al., 2010: Il primo strumento compensativo per

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO. Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi

LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO. Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi Il servizio Home Autismo basa il suo intervento sui principi e approcci educativi del programma

Dettagli

Il metodo comportamentale 1

Il metodo comportamentale 1 Il metodo comportamentale 1 Il comportamentismo pone come oggetto di studio l interazione tra il comportamento e gli eventi dell ambiente. Queste interazioni si basano sull associazione tra stimolo, risposta

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA METODO DI STUDIO

SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA METODO DI STUDIO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA METODO DI STUDIO Quotidianamente gli insegnanti operano per fornire ai propri studenti strumenti e strategie per acquisire un efficace metodo di studio al fine di aiutarli

Dettagli

Difficoltà scolastiche

Difficoltà scolastiche Difficoltà scolastiche DSA Difficoltà Scolastiche Così come ogni individuo è diverso da un altro, differente per ciascuno sarà lo stile di apprendimento delle conoscenze. Per questo motivo quando si parla

Dettagli

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

I DISTURBI COMPORTAMENTALI

I DISTURBI COMPORTAMENTALI IC1 PESCANTINA A.S. 2013-2014 I DISTURBI COMPORTAMENTALI Ins. Francesca Bonafini Ins. Gisella Di Marco Associazione Nuovi Talenti Speciali BES: BISOGNO EDUCATIVO SPECIALE MACROCATEGORIA CHE COMPRENDE MOLTE

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria 1^ Fase ad Aprile Continuità : visita alla Scuola Secondaria da parte dei ragazzi del nostro Istituto, con

Dettagli

CAPIRE E ATTENUARE LE DIFFICOLTA AUTOREGOLATIVE A SCUOLA

CAPIRE E ATTENUARE LE DIFFICOLTA AUTOREGOLATIVE A SCUOLA Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Via Cavour, 24 Rovigo Direttore: Prof. Cesare Cornoldi CAPIRE E ATTENUARE LE DIFFICOLTA AUTOREGOLATIVE A SCUOLA Dott.ssa

Dettagli

L ANALISI DEL COMPORTAMENTO

L ANALISI DEL COMPORTAMENTO L ANALISI DEL COMPORTAMENTO E LA GESTIONE DEI COMPORTAMENTI DEI PROPRI ALUNNI Andrea Guido Psicologo, Amministratore Batti Cinque Cooperativa Sociale - ONLUS coopbatticinque@gmail.com andreaguido79@hotmail.com

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ Casa dei Bambini Scuola Montessori Coop Sociale Onlus SCUOLA DELL INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA PARITARIE via Arosio 3-20148 Milano - tel/fax 02.4045694 arosiomontessori@tin.it PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

AUTISMO Cos e? E un disturbo che si presenta entro i primi 30 mesi di vita.

AUTISMO Cos e? E un disturbo che si presenta entro i primi 30 mesi di vita. AUTISMO Cos e? E un disturbo che si presenta entro i primi 30 mesi di vita.. E una compromissione qualitativa dell interazione sociale (= rende problematica la relazione con il bambino) un disturbo della

Dettagli

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011 GRIGLIA IPDA LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Art. 2 Finalità f) favorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi;

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO Corso Nordic Walking Torino 04-10-2014 METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO CANALI DELLA COMUNICAZIONE METODI DI INSEGNAMENTO STILI DI INSEGNAMENTO ORGANIZZARE UNA SEDUTA I CANALI DELLA COMUNICAZIONE VERBALE

Dettagli

Distretto di Scandiano. Formazione A.S. 2014/2015. Comunità in rete STORIE SOCIALI. a cura di Patrizia Scardilli! 14 Gennaio 2015

Distretto di Scandiano. Formazione A.S. 2014/2015. Comunità in rete STORIE SOCIALI. a cura di Patrizia Scardilli! 14 Gennaio 2015 Distretto di Scandiano Formazione A.S. 2014/2015 Comunità in rete STORIE SOCIALI a cura di Patrizia Scardilli! 14 Gennaio 2015 MAI VISTE? LE STORIE SOCIALI: cosa sono? Una storia sociale è un breve racconto

Dettagli

L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA?

L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA? L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA? ADHD: STRUTTURARE L AMBIENTE E MIGLIORARE IL COMPORTAMENTO CTI ADRIA ROVIGO E BADIA POLESINE INCONTRI LABORATORIALI

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

AUTISMO: STRATEGIE - RISORSE E ATTEGIAMENTO CULTURALE

AUTISMO: STRATEGIE - RISORSE E ATTEGIAMENTO CULTURALE AUTISMO: STRATEGIE - RISORSE E ATTEGIAMENTO CULTURALE Ass. Oltre l Autismo e Centro Servizi Autismo C.T.S. Centro Territoriale di Servizi per le disabilità U.S.P. - V Circolo - PIACENZA 1 Strategie Risorse

Dettagli

ALLEGATO B I DSA: DISLESSIA DISORTOGRAFIA DISCALCULIA;

ALLEGATO B I DSA: DISLESSIA DISORTOGRAFIA DISCALCULIA; ALLEGATO B Elenco di atteggiamenti, strategie (comprese le misure compensative e dispensative) e riflessioni risultato dalla combinazione delle indicazioni ministeriali con le risposte date da tutti i

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata

CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata Centro Regionale A.I.D.A.I. per le Marche 0733 239338 3381449353 - aidai.marche@libero.it Psicologa: Dott.ssa Federica Fini (n iscrizione Albo

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LEONIDA MONTANARI Via Cesare Battisti, 14-00040 Rocca di Papa (Roma)- Tel: 06/9499928 Fax:06/9495523

Dettagli

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI IL RUOLO DELLA SCUOLA Dr.sa Laura Pedrinelli Carrara Dalla percezione del disagio a scuola al modello di intervento Dott.sa Laura Pedrinelli Carrara

Dettagli

IL BAMBINO CON PROBLEMI ESTERNALIZZANTI:

IL BAMBINO CON PROBLEMI ESTERNALIZZANTI: IL BAMBINO CON PROBLEMI ESTERNALIZZANTI: riflessioni dopo un anno di lavoro Dr.ssa Acquistapace Susanna Dr. Ruffoni Giampaolo Sondrio, 19 maggio 2014 Programma del corso 1 Incontro I disturbi esternalizzanti:

Dettagli

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza.

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. Per definizione la Prosocialità è l insieme di quei comportamenti che, senza la ricerca di

Dettagli

Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)...

Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)... PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)... Indirizzo di studio.. Classe.. Sezione. Referente DSA Coordinatore di classe. Pag.1 di 16 1. DATI RELATIVI ALL

Dettagli

Quadro degli Interventi dell IC9 di Bologna per gli alunni con BES

Quadro degli Interventi dell IC9 di Bologna per gli alunni con BES Per ciascuna materia o ambito di studio sono state individuate le abilità e le conoscenze fondamentali che l allievo deve acquisire, affinché sia mantenuta la validità effettiva del corso di studi, ma

Dettagli

DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME. Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO

DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME. Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO COSA SONO I D.S.A.? In generale i dsa, sono disturbi specifici dell apprendimento che determinano difficoltà

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

AGGIORNAMENTO INSEGNANTI

AGGIORNAMENTO INSEGNANTI AGGIORNAMENTO INSEGNANTI Vengono proposti moduli di aggiornamento destinati a insegnanti, dalla scuola per l infanzia alla scuola secondaria. Questi corsi possono essere realizzati all interno di una singola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Lezione «Corri, lancia, misura»

Lezione «Corri, lancia, misura» Nel primo ciclo l educazione fisica promuove la conoscenza di sé e delle proprie potenzialità nella costante relazione con l ambiente, gli altri, gli oggetti. (Indicazioni per il curricolo, 2012) Il candidato

Dettagli

Impariamo a conoscerla

Impariamo a conoscerla Impariamo a conoscerla Centro AP - Psicologia e Psicosomatica Piazza Trasimeno, 2-00198 Roma - Tel: 06 841.41.42 - www.centroap.it 1 Che cosa è? La dislessia evolutiva è un disturbo specifico che riguarda

Dettagli

ADHD DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE / IPERATTIVITÀ. prof.ssa adriana Volpato 11 Aprile 2015

ADHD DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE / IPERATTIVITÀ. prof.ssa adriana Volpato 11 Aprile 2015 DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE / IPERATTIVITÀ prof.ssa adriana Volpato 11 Aprile 2015 DEFINIZIONE L ADHD è un disturbo evolutivo dell autocontrollo di origine neurobiologica le cui manifestazioni

Dettagli

Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Referente DSA o coordinatore di classe

Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Referente DSA o coordinatore di classe Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Classe.. Sezione. Referente DSA o coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Data

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO. FINALITA Favorire il piacere allo studio OBIETTIVI GENERALI

COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO. FINALITA Favorire il piacere allo studio OBIETTIVI GENERALI COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO FINALITA Favorire il piacere allo studio GENERALI Acquisire un efficace metodo di studio Acquisire una buona autonomia di lavoro a scuola e a casa.

Dettagli

IDEE E STRATEGIE OPERATIVE

IDEE E STRATEGIE OPERATIVE IDEE E STRATEGIE OPERATIVE CONSIDERARE IL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO DELLA PERSONA Valutazione approfondita e realistica delle competenze e delle abilitàdella persona: cosa sa fare in modo autonomo e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MADDALENA-BERTANI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1.DATI RELATIVI ALL ALUNNO

ISTITUTO COMPRENSIVO MADDALENA-BERTANI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1.DATI RELATIVI ALL ALUNNO ISTITUTO COMPRENSIVO MADDALENA-BERTANI SCUOLA PRIMARIA... CLASSE... Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1.DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Diagnosi specialistica 1 Tipologia del disturbo

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA primaria e secondaria Via G. Pascoli,10 42023 Cadelbosco Sopra (RE) PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA Adattamento indicazioni operative a cura della Commissione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

Questionario di autovalutazione dei docenti

Questionario di autovalutazione dei docenti Questionario di autovalutazione dei docenti INDAGINE CONOSCITIVA 1. AREA PERSONALE 1 2 3 4 5 (1=non so; 2=per nulla; 3=poco; 4=abbastanza; 4=molto) Sei soddisfatto del lavoro che svolgi Ti senti parte

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli

L autoregolazione. Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento. Azioni orientative in aula dell apprendimento

L autoregolazione. Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento. Azioni orientative in aula dell apprendimento MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA L autoregolazione Azioni orientative in aula dell apprendimento Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento IL QUADRO DI RIFERIMENTO La nostra

Dettagli

I.C. G. MAMAELI - a.s. 2014/2015. docenti

I.C. G. MAMAELI - a.s. 2014/2015. docenti docenti bbiamo scelto di dare un taglio più semplice e pratico ad una tematica così vasta e piena di variabili quale è quella degli alunni con D.S.A., evitando il più possibile termini tecnici o specialistici

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli