L insostenibilità della polizza dei primi 30 gg. di malattia e l idea del. Fondo Integrativo di Mutualità Pediatrica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L insostenibilità della polizza dei primi 30 gg. di malattia e l idea del. Fondo Integrativo di Mutualità Pediatrica"

Transcript

1 L insostenibilità della polizza dei primi 30 gg. di malattia e l idea del Fondo Integrativo di Mutualità Pediatrica

2 L attuale sistema di copertura dei primi 30 gg. scaturisce da una norma contrattuale a fronte della quale si è realizzato il seguente sistema: Le Asl versano all ENPAM i premi individuali pari allo 0,30% delle voci A1 e A9 dello stipendio (valore medio del prelievo 260,00 annui) per un premio totale annuo su pediatri pari a ,00. A fronte di tale premio (art. 59, c. 4/5) l ACN prevede solo la copertura dei primi 30 gg. di malattia (no infortuni) del medico.

3 l attuale polizza prevede l estensione della copertura anche agli eventi da infortunio, sia professionale che extraprofessionale. Inoltre la copertura per i primi 30 gg. è ripetibile più volte nel corso dell anno solare. Essendo la polizza di tipo cumulativo, e non per adesione, non è previsto il questionario anamnestico individuale e, indipendentemente dalla situazione quo ante, in presenza di patologie oncologiche, anche se ripetute più volte nell anno, si considera un solo evento con franchigia di 1 giorno.

4 La polizza prevede una serie di franchigie: I primi due giorni non sono liquidati per malattie e infortuni senza ricovero (ma dal 25 giorno di malattia si riassorbe un giorno di franchigia), inoltre non sono liquidate le domeniche, e i sabati sono liquidati nella misura di 1 ogni due. I trenta giorni, così come i sabati e le domeniche sono calcolati per periodo solare dall inizio della malattia. Per le malattie/infortuni con ricovero non è liquidato il primo giorno (ma dal 25 giorno di malattia si riassorbe un giorno di franchigia)

5 Gli infortuni professionali sono trattati come la malattia, mentre quelli extraprofessionali subiscono comunque 2 gg. di franchigia frontale Nel caso di Day surgery, Day hospital e ambulatorio surgery le franchigie non vengono applicate.

6 L andamento tecnico rappresenta il rapporto tra costo globale dei sinistri e premi incassati. Questo dato non è esaustivo dei costi complessivi giacché ad essi si aggiungono i costi di gestione della copertura assicurativa.

7 Il 19 dicembre 2008, vedi raccomandata ufficiale inviata alle OO. SS. in pari data, i dati più aggiornati, relativi al mese di ottobre 2008, ci davano la seguente risultante: A fronte di un incasso premio globale annuo di ,00 l andamento tecnico evidenziava: Per il primo periodo (polizza Willis) su soli 8 mesi, un numero di sinistri pari a 545 per un costo totale di ,15 e un costo medio per sinistro pari a 3.317,07 Dal mese di settembre 2008, anche a seguito della sentenza del TAR, veniva ripristinata la polizza precedente, ex DPR 272/2000.

8 Tra settembre e ottobre 2008, venivano denunciati ulteriori 100 sinistri, per un totale di ,64 e un costo medio per sinistro di 2.220,68. Tra da ottobre a dicembre del 2008 l andamento tecnico subiva un altro appesantimento visti gli ulteriori 210 sinistri per un costo di ,80 con un costo medio per sinistro immutato. L andamento tecnico complessivo, per il 2008, nonostante si fosse tornati alla vecchia polizza, si chiudeva con il seguente rapporto entrate/uscite:

9 ENTRATE ,00 USCITE ,59 PERDITE ,59

10 A seguito di un tale andamento tecnico, è del tutto evidente il perché AIG sia uscita dalla copertura assicurativa e, altrettanto evidente risulta il motivo delle nuove franchigie per tentare di equilibrare l andamento tecnico perché, altrimenti, nessuna Compagnia avrebbe assunto il rischio. Per poter capire da quali motivazioni scaturisce un tale rapporto tecnico negativo, oltre che dall aumento del numero di sinistri, si deve analizzare l evoluzione della copertura.

11 Nel 1996, in forza del disposto dell art. 44 del DPR 613, per far fronte al pregiudizio economico derivante dagli eventi di malattia per i primi 30 gg. era posto a carico del servizio pubblico un onere pari allo 0,50% dei compensi relativi ai punti A e C dell art. 43. Le cifre corrispondenti in lire erano: A1: (single ) (gruppo ) la media del prelievo, riportata in x assistito, era pari a 50,00

12 C: (single ) (gruppo ) la media del prelievo, riportata in x assistito, era pari a 18,00 che, aggiunto ai 50,00 della quota A portava il totale sul quale calcolare il prelievo a 68,00. Lo 0,50%, tradotto in, era pari a 0,34 euro per assistito. Con il DPR 272 del 2000, si passò dallo 0,50% allo 0,25% e poi, con l accordo integrativo allo 0,30%, anche le voci stipendiali vennero modificate, accorpando le vecchie e la quota per assistito scese a 0,24.

13 Infine, con l ACN del dicembre 2005, il prelievo è stato effettuato sulle quote A1 e A9 che hanno un valore di 85,17 e che danno, con lo 0,30% un contributo di 0,26 per assistito. In 12 anni, quindi, si è avuta una perdita sul premio globale di oltre ,00 all anno.

14 In circa tredici anni, la polizza malattia, che fino al 1996 non aveva dato problemi, è divenuta insostenibile. PERCHÉ: Un pediatra, nel 1996, pagava il corrispondente di 340,00 annui a fronte dei quali i primi 8 gg di malattia erano in franchigia e non venivano rimborsati; nel 2005 eravamo arrivati a pagare un premio di 260,00 annui e le franchigie si erano ridotte ad un giorno. Nel 2009, siamo tornati a due giorni di franchigia escludendo dal pagamento le domeniche e metà dei sabati, con un premio di 270.

15 premio annuo individuale giorni di franchigia durata media in giorni numero eventi di malattia

16 La polizza in vigore dal 1 gennaio 2009 è stata stipulata sulla base del DPR 272/2000 essendo stato annullato l articolo 59 dell ACN La nuova polizza, nonostante le franchigie applicate non va bene e, alla fine dell anno si evidenzieranno ulteriori problemi di andamento tecnico. Quindi, in ogni caso, non avremmo più avuto l attuale copertura ma, ammesso di trovare compagnie disponibili, una ancora peggiorativa. Vediamo perché:

17 Tabella 1 AL 31 DICEMBRE 2009 Proiezione totale sinistri 1000 Importo medio della fattura 2.300,00 Media giorni assenza 20 Importo medio liquidato 1.975,00 Diaria media giornaliera 98,75 (con fattura e Ritenuta Acconto)

18 Costo totale sinistri = ,00 A questa cifra si debbono aggiungere i costi di gestione che ammontano ad alcune centinaia di migliaia di euro. Quindi, esclusi i costi di gestione che sono variabili in funzione dell andamento tecnico e della complessità di polizza, abbiamo ANDAMENTO TECNICO 2009 ENTRATE = ,00 USCITE = ,00 PERDITE = ,00 (*) (*)N. B.: alle perdite andranno poi sommati i costi di gestione (dell ente gestorio GPA)

19 LE POSSIBILI SCELTE DAL 2010 Dal 31 dicembre 2009 l attuale sistema cesserà di esistere. A fronte di ciò, si possono effettuare varie scelte:

20 1. Non prevedere più la copertura assicurativa per malattia (i pediatri potranno assicurarsi da soli). PRO: nessun problema interno al Sindacato, nessun danno diretto alla categoria giacché tutti hanno riavuto circa 300,00 euro sulla quota fissa. PROBLEMI: un danno economico indiretto (il costo del premio individuale di un prodotto assicurativo simile, uguale non esiste, è almeno 4 volte superiore all attuale. Inoltre, le franchigie, per i pochi prodotti simili presenti sul mercato prevedono i primi 15/30 gg. di malattia senza copertura e, inoltre, non prevedono la copertura da infortuni).

21 2. Lasciare alla libera iniziativa delle Province o delle Regioni la stipula delle polizze assicurative per gli iscritti. PROBLEMI: numero minimo di aderenti alla polizza. Richiesta di questionario anamnestico per ogni singolo assicurato. Questo perché non essendo iscritta l intera categoria e non avendo uno storico provinciale la compagnia tende a fare selezione in ingresso. Struttura delle garanzie e modello delle prestazioni. Qui entra in gioco la frequenza (n sinistri/n aderenti) che, nella polizza attuale, su una popolazione di pediatri è del 12,5%. Il premio è inversamente proporzionale al numero degli aderenti. A parità di prestazioni maggiore è il numero degli aderenti minore è il premio individuale. Di conseguenza tante polizze locali costerebbero di più di una sola nazionale.

22 2. Lasciare alla libera iniziativa delle Province o delle Regioni la stipula delle polizze assicurative per gli iscritti. In ogni caso, ammesso che si possa fare, siccome, di norma, i Segretari Regionali non hanno rappresentanza legale, che risiede in capo ai Segretari Provinciali, ogni singola provincia dovrebbe stipulare in proprio la copertura per gli iscritti. Le polizze, quindi, sarebbero stipulate dalle province con evidenti effetti sperequativi. Basterà immaginare quelle realtà con circa 100 iscritti. Difficilmente potrebbero stipulare una polizza e anche se vi riuscissero sarebbe a costi altissimi. La stipula di una polizza da parte del sindacato, che è associazione non riconosciuta, significa ex lege che chi stipula risponde con il patrimonio personale.

23 3. Il Sindacato stipula una polizza per adesione per gli iscritti. PROBLEMI: 1. Se non si prevede alcuna garanzia sul numero minimo di aderenti: significa che il premio costa di più; 2. Se si stabilisce un numero minimo di aderenti e poi non si rispetta ne risponde in solido il sindacato e chi stipula, con il proprio patrimonio; 3. In ogni caso, le polizze per adesione hanno meccanismi più penalizzanti e costi molto più alti; 4. Le franchigie partono da un minimo di 15 gg.

24 Uno sguardo al mercato assicurativo VEDIAMO QUALI SONO LE COPERTURE E I COSTI DELLE POLIZZE MALATTIA ATTUALMENTE ESISTENTI SUL MERCATO.

25 Uno sguardo al mercato assicurativo VEDIAMO QUALI SONO LE COPERTURE E I COSTI DELLE POLIZZE INFORTUNI ATTUALMENTE ESISTENTI SUL MERCATO.

26 Uno sguardo al mercato assicurativo RICAPITOLANDO AD OGGI, UNA POLIZZA PER ADESIONE PER UNA COPERTURA MALATTIA e INFORTUNIO con diaria di 100,00 PER I PRIMI 30 GG, CON ALMENO 15 GG DI FRANCHIGIA, SI DOVREBBE PAGARE UN PREMIO DI: 1. MALATTIA 900,00 2. INFORTUNIO 400,00 TOTALE 1.300,00 TALE CIFRA POTRÀ SUBIRE SCONTI PROPORZIONALI AL NUMERO DI ADESIONI, DIFFICILMENTE QUANTIZZABILI IN ANTICIPO (VEDI POLIZZA ENPAM GRANDI RISCHI NEL CORSO DEGLI ANNI)

27 4. Ritornare ad una gestione ENPAM 1) Possibilità attualmente non prevista dall ACN (per decisione unanime del Consiglio Nazionale). Riaprire le trattative vuol dire che almeno per il 2010 ci sarà mancanza di copertura. 2) L ENPAM deve effettuare una gara ad evidenza pubblica (tempi lunghi e in un fondo comune con la Medicina Generale) 3) Al massimo potrebbe essere mantenuta l attuale copertura, ma sicuramente con aumento del prelievo e con ulteriori franchigie per ristabilire l andamento tecnico positivo; inoltre. - il sindacato non avrebbe alcun potere ufficiale di controllo sulle garanzie - esistono questioni di legittimità giuridica circa la possibilità dell ENPAM di introitare finanziamenti pubblici oltre a quelli previsti dall art 7 del proprio Statuto

28 5. Costituire un Fondo per l assistenza integrativa. PRO: la costituzione di un Fondo per l assistenza integrativa della categoria apre una nuova strada nel settore dei servizi erogabili dall Organizzazione Sindacale. La FIMP sarebbe la prima organizzazione medica ad aver realizzato una Fondazione che abbatte i costi e razionalizza il sistema delle coperture assistenziali.

29 5. Costituire un Fondo per l assistenza integrativa. PROBLEMI: 1) fase di start up e i tempi di realizzazione 2) Il maggiore dei problemi è il numero minimo di aderenti necessario affinché tutto il progetto funzioni. I nostri esperti lo hanno valutato in unità. Significa che, se vogliamo che non ci sia soluzione di continuità con la vecchia polizza, in 45 gg dovremo iscrivere alla Fondazione almeno pediatri che abbiano sottoscritto il RID permanente sul loro conto corrente per il prelievo del premio a favore della Fondazione FIMP.

30 5 Costituire un Fondo per l assistenza integrativa. GARANZIE : PROFILO GIURIDICO È importante sottolineare che la Fondazione per poter operare abbisogna del riconoscimento giuridico da parte del Ministero dell Interno che lo rilascia, attraverso la Prefettura competente, dopo aver visionato tutti gli atti e gli scopi e dato il relativo nulla osta. L atto costitutivo, quindi, è un atto pubblico e il Ministero esplica la vigilanza sui bilanci, che vengono certificati, e sul rispetto degli scopi sociali.

31 COPERTURA GLOBALE BENE-ESSERE PEDIATRA PIATTAFORMA-PROGETTO PROGETTO DELLA FIMP

32 La nuova polizza conterrà un meccanismo tipo BONUS/MALUS individuale che servirà ad avere ristorni economici (bonus) o applicazione di franchigie (malus). La polizza BASIC prevede che a fronte di un prelievo mensile di 50,00 sia erogata una copertura a diaria fissa giornaliera di 100,00 per 30 gg solari annui, comprese le giornate del sabato e della domenica, con uno scoperto minimo percentuale. Nessuna dichiarazione del sostituto, nessuna fattura.

33 POLIZZA BASE PER EVENTI DERIVANTI DA MALATTIA E INFORTUNIO Fondazione F.I.M.P. Fondo Integrativo di Mutualità Pediatrica Pediatri di famiglia iscritti alla Fondazione F.I.M.P. garanzia diaria giornaliera per eventi derivanti da malattia, infortunio professionale ed extraprofessionale PREMIO: 600 /anno DIARIA: 100 /giorno Malattia/infortunio professionale Infortunio extraprofessionale Sui primi trenta giorni (compresi sabato e domenica) è applicato uno scoperto percentuale della diaria Stesse Garanzie: Decorrenza dal 3 giorno (come l attuale) Oltre i 30 gg solari annui anche non consecutivi, saranno applicate franchigie progressive individuali per non compromettere l andamento tecnico della polizza, prevedendo controlli fiscali per eventi ripetuti e garanzie della fondazione per eventi gravi Gratis: carta di credito revolving

34 SVILUPPI NEGLI ANNI SUCCESSIVI IN BASE AD ANDAMENTO TECNICO i pediatri che per un biennio non avranno eventi di malattia o infortunio entrano nella CLASSE PREMIUM che da diritto, a titolo gratuito ad alcuni benefici (1. accantonamento di un importo percentuale su un fondo individuale integrativo previdenziale; 2. garanzia gratuita del II rischio professionale) gli appartenenti alla classe PREMIUM, possono accedere a costi minimi rispetto al mercato alla POLIZZA GOLD che prevede quanto previsto dalla polizza base, più: 1. Aumento della diaria giornaliera 150,00 per i primi trenta giorni di malattia, 2. una copertura ulteriore di 15 gg di malattia al 32% della diaria (ad integrare la copertura ENPAM dal 31 giorno), 3. Copertura Studio NO PROBLEM (365 gg l anno 24/24 ore).

35 RIEPILOGO i Pediatri che per 2 anni non avranno eventi CLASSE PREMIUM Accantonamenti Sul fondo Pensione individuale Acquisto a costi minimi POLIZZA GOLD* Estensione gratuita II Rischio RC professionale Polizza studio no problem 365gg/anno 24/24 ore diaria di 150 per i primi 30 gg Copertura aggiuntiva di 15 gg di malattia al 32% della diaria Ad integrazione della copertura ENPAM dal 31 giorno * Acquistabile anche a prezzo di mercato dai fuori classe

36 RIEPILOGO i Pediatri che per 2 anni non avranno eventi CLASSE PREMIUM Accantonamenti Sul fondo Pensione individuale In caso di adesione di almeno 4200 unità l estensione gratuita del II rischio professionale verrà estesa a tutti gli iscritti in fase di prima adesione alla copertura Estensione gratuita II Rischio RC professionale

37 SVILUPPI NEGLI ANNI SUCCESSIVI IN BASE AD ANDAMENTO TECNICO Tutti i pediatri che permangono per un biennio nella classe PREMIUM hanno diritto di entrare nella classe ELITE che, oltre a quanto già previsto per la classe PREMIUM, prevede l acquisto, a costi minimi rispetto al mercato, alla POLIZZA PLATINUM che prevede: 1. una diaria, per i primi trenta giorni di malattia, di 200,00 2. una copertura ulteriore di 30 gg di malattia al 32% della diaria, (ad integrare la copertura ENPAM dal 31 giorno), 3. un rimborso spese in caso di infortunio.

38 RIEPILOGO Accesso dopo 2 anni di permanenza nella Classe Premium CLASSE ELITE Che comprende i Benefit della GOLD più: Possibilità di acquisto a costi minimi della POLIZZA PLATINUM* Rimborso spese in caso di infortunio Diaria di 200 per i primi 30 gg * Acquistabile anche a prezzo di mercato dai fuori classe Copertura aggiuntiva di 30 gg di malattia al 32% della diaria Ad integrazione della copertura ENPAM dal 31 giorno

39 ALGORITMO RIASSUNTIVO: Costo individuale: 600 euro /anno in unica soluzione 1 ANNO SENZA MALATTIA 2 ANNO SENZA MALATTIA 3 ANNO SENZA MALATTIA 4 ANNO SENZA MALATTIA CLASSE PREMIUM CLASSE ELITE DIARIA : 100 /die per 30gg solari con scoperto percentuale + Carta di Credito revolving gratuita PdF in VIRTUOLIST GARANZIA GRATUITA II RISCHIO ASSOLUTO R.C.PROFESSIONALE PdF in VIRTUOLIST GARANZIA GRATUITA II RISCHIO ASSOLUTO R.C.PROFESSIONALE Versamenti volontari POLIZZA GOLD: Attraverso integrazione volontaria: 150 /die per max 30gg solari 48 /die per ulteriori 15gg Polizza Studio No Problem POLIZZA PLATINUM: Attraverso integrazione volontaria 200 /die per max 30gg solari 64 /die per ulteriori 30gg Rimborso spese in caso di infortunio Polizza Studio No Problem Oltre i 30 gg solari annui, anche non consecutivi, di malattia o infortunio previste franchigie individuali, con salvaguardia di eventi di particolare importanza a carico del fondo

40 L insostenibilità della polizza dei primi 30 gg. di malattia e l idea del Fondo Integrativo di Mutualità Pediatrica

41

42 L ENPAM per proprio Statuto può effettuare ai propri iscritti una copertura previdenziale e assicurazione malattia/infortuni Infatti tramite prelievo obbligatorio (DLgs.509/94) introita contributi individuali finalizzati alla copertura previdenziale e assicurazione malattia, elargendo ai singoli il trattamento pensionistico e l assicurazione malattia e infortuni con franchigia di 30 gg. Può elargire ulteriori prestazioni assistenziali per adesione (vedi polizza grandi rischi ) non obbligatorie La copertura assicurativa dei primi 30 gg, non può configurarsi come assicurazione di malattia, ma come riconoscimento per far fronte al pregiudizio economico derivante dall onere della sostituzione (Comma 4 art 59 ACN), de jure incompatibile con la legge 509 e lo Statuto dell ENPAM

Dalla Polizza Malattia alla nuova mutualità: genesi di una proposta

Dalla Polizza Malattia alla nuova mutualità: genesi di una proposta Dalla Polizza Malattia alla nuova mutualità: genesi di una proposta L insostenibilità della polizza dei primi 30 gg. di malattia e l idea del Fondo Integrativo di Mutualità Pediatrica L attuale sistema

Dettagli

ASSICURAZIONE MALATTIA (primi 30 giorni) I Regali di Natale

ASSICURAZIONE MALATTIA (primi 30 giorni) I Regali di Natale ASSICURAZIONE MALATTIA (primi 30 giorni) I Regali di Natale Cari colleghi, in queste settimane sono state diffuse notizie,sulla Assicurazione Malattia per i primi trenta giorni,che hanno creato dapprima

Dettagli

POLIZZA MEDICI DI MEDICINA GENERALE

POLIZZA MEDICI DI MEDICINA GENERALE POLIZZA MEDICI DI MEDICINA GENERALE POLIZZA N. 81301025 Copertura rischi economici dei Medici di Medicina Generale Il Medico di Famiglia, quando si assenta per malattia ed infortunio dal servizio per più

Dettagli

Assicurazioni Generali S.p.A. - Area Vita ed Employee Benefit. Forme di assistenza a tutela dell attività professionale. Milano, 17 maggio 2013

Assicurazioni Generali S.p.A. - Area Vita ed Employee Benefit. Forme di assistenza a tutela dell attività professionale. Milano, 17 maggio 2013 1 Assicurazioni Generali S.p.A. Area Vita ed Employee Benefits Collettive Infortuni, Malattie e Fondi Sanitari Forme di assistenza a tutela dell attività professionale Milano, 17 maggio 2013 Agenda 2 Forma

Dettagli

In relazione alle singole richieste pervenute, si dà completa conferma del contenuto dei documenti tecnici allegati agli atti di gara.

In relazione alle singole richieste pervenute, si dà completa conferma del contenuto dei documenti tecnici allegati agli atti di gara. RISPOSTE AI QUESITI PREMESSA Sono pervenuti numerosi quesiti in ordine agli aspetti contrattuali, in particolare per ciò che attiene alle condizioni generali e speciali di assicurazione, di cui agli allegati

Dettagli

3. Polizza R.C.: Il soggetto assicurato deve intendersi, oltre al personale della scuola l Amministrazione Scolastica M.I.U.R.

3. Polizza R.C.: Il soggetto assicurato deve intendersi, oltre al personale della scuola l Amministrazione Scolastica M.I.U.R. Via Boccaccio n. 2/e - 2002 Cerro Maggiore - Milano Tel: 01 519055 01 5176 - Fax: 01 517879 L offerta dovrà prevedere prodotti che soddisfino le condizioni sottoindate,dal punto 1 al punto 11, allo scopo

Dettagli

Assicurazione Anp sui rischi professionali degli iscritti Le nuove polizze in vigore dal 1 gennaio 2008

Assicurazione Anp sui rischi professionali degli iscritti Le nuove polizze in vigore dal 1 gennaio 2008 Anp - Consiglio nazionale Chianciano Terme (SI), 15-16 dicembre 2007 Assicurazione Anp sui rischi professionali degli iscritti Le nuove polizze in vigore dal 1 gennaio 2008 L ANP, Associazione Nazionale

Dettagli

CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE

CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE Via O. Zanchini n. 7 FORLI REGOLAMENTO approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 16 luglio 2003 Pagina 1 di 7 TITOLO I ISCRIZIONE ALLA CASSA E ANAGRAFE DELLE AZIENDE

Dettagli

Piani di assistenza 2009-2011 INFORMATIVA

Piani di assistenza 2009-2011 INFORMATIVA Piani di assistenza 2009-2011 INFORMATIVA Premessa. Il CdA di Uni.C.A.-UniCredit Cassa Assistenza, in adunanza 12.12.2008, ha approvato il programma di assistenza sanitaria integrativa 2009-2011 per il

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica

COMUNICATO STAMPA. Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica COMUNICATO STAMPA Nel 2006: 2,9 miliardi di euro in prestazioni creditizie a tassi tra il 3,2 e il 4% oltre a 1,2 miliardi di euro attraverso istituto convenzionati Anche i pensionati pubblici potranno

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA E PREVIDENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA E PREVIDENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA E PREVIDENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE Art. 1 Istituzione E istituito il fondo di assistenza e previdenza per

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI. Sussidi Sanitari Integrativi

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI. Sussidi Sanitari Integrativi ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI Sussidi Sanitari Integrativi Roma 1 Giugno 2015 "La salute è il primo Dovere della Vita" Oscar Wilde La Presidenza Nazionale dell ANAE, per tu3 i suoi iscri3 e familiari

Dettagli

Prot.n.1708 Roma, 26 Novembre 2010. OGGETTO: Rinnovo assicurazione 2011 decorrenza 01 gennaio 2011

Prot.n.1708 Roma, 26 Novembre 2010. OGGETTO: Rinnovo assicurazione 2011 decorrenza 01 gennaio 2011 IL PRESIDENTE Prot.n.1708 Roma, 26 Novembre 2010 Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal Coni e dal Ministero dell Interno - Iscritto al Registro delle Associazioni di Promozione Sociale del Ministero

Dettagli

LA CONVENZIONE AVVOCATI

LA CONVENZIONE AVVOCATI LA CONVENZIONE AVVOCATI La convenzione Avvocati nasce nel 2003 e da subito è estesa su tutto il territorio Italiano. Anno dopo anno si è migliorata sia nei contenuti che nei premi. Le aree professionali

Dettagli

E se si ammala il MMG?

E se si ammala il MMG? Federazione Italiana Medici Medicina Generale Provincia di Treviso Via Montebelluna 2-31100 Treviso - 0422 405095 - www.fimmgtv.org Anno XXII N 1 Gennaio - Marzo 2013 - Aut. Trib. TV n 878 del 29/5/92

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2492 Roma 31 dicembre 2014 ALLE ALLE ALLE ASSOCIAZIONI E SINDACATI TERRITORIALI UNIONI REGIONALI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE COMPONENTI

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE. Prestito Personale AVVERA MAXI

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE. Prestito Personale AVVERA MAXI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE Prestito Personale AVVERA MAXI Finanziatore Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi e/o registri Iscritta all Albo delle Banche (n.5350)

Dettagli

Foglio Informativo Mutuo Chirografario a Imprese

Foglio Informativo Mutuo Chirografario a Imprese Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20 80121 NAPOLI Recapiti ( telefono e fax) 0817976411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

ENPAM. Offerta salute

ENPAM. Offerta salute ENPAM Offerta salute Offerta salute Per Te Salute Reale Garanzia Gravi patologie Garanzia Assistenza Preventivo Salute Facile Reale Garanzia Indennità Interventi Chirurgici Preventivo Focus I servizi offerti

Dettagli

LA CONVENZIONE AVVOCATI RC PROFESSIONALE

LA CONVENZIONE AVVOCATI RC PROFESSIONALE Lavoriamo insieme a voi, per proteggere quello che Vi sta a cuore LA CONVENZIONE AVVOCATI RC PROFESSIONALE La Convenzione Avvocati è un prodotto creato da Z&M Insurance Brokers Su sito dedicato troverà

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

La assicurazione obbligatoria per gli avvocati

La assicurazione obbligatoria per gli avvocati La assicurazione obbligatoria per gli avvocati 1. Le premesse. 1.1. L art. 12 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, stabilisce che 1. L avvocato, l associazione o la società fra professionisti devono stipulare,

Dettagli

Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE. Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE

Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE. Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE Punto 1 : COPERTURE ASSICURATIVE ASSITECA per Cassa Edile V.C.O. La Cassa Edile

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE. Prestito Personale AVVERA

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE. Prestito Personale AVVERA IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE Prestito Personale AVVERA Finanziatore Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi e/o registri Iscritta all Albo delle Banche (n.5350) e all

Dettagli

FEDERAGENTI. Scheda prodotto - Ovunque Sicuri

FEDERAGENTI. Scheda prodotto - Ovunque Sicuri FEDERAGENTI Scheda prodotto - Ovunque Sicuri LA COPERTURA Cos è Programma Ovunque Sicuri? E una Polizza assicurativa Infortuni e Assistenza che prevede un indennizzo in caso di infortunio comportante il

Dettagli

SPECIALE FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

SPECIALE FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE Notiziario interno della Fisac/Cgil per gli esattoriali della Concessione di Roma supplemento ad Informazioni-Fisac OTTOBRE 2000 Non sono le idee che mi spaventano, ma le facce che rappresentano queste

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

Convenzione Guggenheim

Convenzione Guggenheim Convenzione Guggenheim Ordine Architetti Milano e provincia ASSICURAZIONI GENERALI S.P.A. AGENZIA DI CITTÀ 567 Via Carbonera, 19 20137, Milano Tel. 02.70.00.17.11 Fax 02.71.73.23 E-mail : milano567@agenzie.generali.it

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

ISTITUTO POSTELEGRAFONICI STATUTO DELLA NUOVA GESTIONE MUTUALITA (Nuovo Fondo di Mutualità)

ISTITUTO POSTELEGRAFONICI STATUTO DELLA NUOVA GESTIONE MUTUALITA (Nuovo Fondo di Mutualità) ISTITUTO POSTELEGRAFONICI STATUTO DELLA NUOVA GESTIONE MUTUALITA (Nuovo Fondo di Mutualità) Deliberazione del Commissario Straordinario dell Ipost n. 37 del 12 giugno 2009 Parte I Nuovo Fondo di Mutualità

Dettagli

COMUNE DI PREDAIA PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI PREDAIA PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI PREDAIA PROVINCIA DI TRENTO Via Simone Barbacovi, 4-38012 Frazione Taio Tel. 0463-468114 Fax 0463-468521 e-mail comune@comune.predaia.tn.it pec: comune@pec.comune.predaia.tn.it Decreto n. 58

Dettagli

Le risposte alla Vostra esigenza di chiarezza. www.alliancebroker.it. Alliance Broker Spa - Brokeraggio Assicurativo INTRODUZIONE

Le risposte alla Vostra esigenza di chiarezza. www.alliancebroker.it. Alliance Broker Spa - Brokeraggio Assicurativo INTRODUZIONE INTRODUZIONE Le risposte alla Vostra esigenza di chiarezza RISULTATI DELL INDAGINE Interesse manifestato a favore delle coperture 426 306 250 74 19 Primi 30 gg di malattia Rc professionale Tutela legale

Dettagli

Legenda. BCC Retail A000012622. Commentatore

Legenda. BCC Retail A000012622. Commentatore Legenda Documento di consultazione n. 2/2013 Provvedimento su Gestione dei rapporti assicurativi via web Attuativo dell art. 22, comma 8, del decreto legge 18 ottobre 2012 n. 179, convertito in legge 17

Dettagli

COMUNE DI TELVE PROVINCIA DI TRENTO. Verbale di Deliberazione della GIUNTA COMUNALE N. 163

COMUNE DI TELVE PROVINCIA DI TRENTO. Verbale di Deliberazione della GIUNTA COMUNALE N. 163 COPIA COMUNE DI TELVE PROVINCIA DI TRENTO Verbale di Deliberazione della GIUNTA COMUNALE N. 163 OGGETTO: Adesione alle polizze assicurative stipulate dal Consorzio dei Comuni Trentini con il broker RTI

Dettagli

Convenzione per l adesione al FONDO PENSIONE APERTO INA A CONTRIBUTI DEFINITI degli iscritti all IPASVI PAVIA

Convenzione per l adesione al FONDO PENSIONE APERTO INA A CONTRIBUTI DEFINITI degli iscritti all IPASVI PAVIA Convenzione per l adesione al FONDO PENSIONE APERTO INA A CONTRIBUTI DEFINITI degli iscritti all IPASVI PAVIA Pagina 2 di 7 Premesso che: Il Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

1. L Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di pediatria

1. L Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di pediatria POLIZZA a copertura del pregiudizio economico delle spese di sostituzione per i primi 30 giorni di MALATTIA / INFORTUNI per i medici pediatri di libera scelta. CONTRAENTE: FIMP (Federazione Italiana Medici

Dettagli

Requisito contributivo minimo di almeno 35 anni. Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi. Età anagrafica minima

Requisito contributivo minimo di almeno 35 anni. Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi. Età anagrafica minima Sistema retributivo = anzianità pari o superiore a 18 anni al 31/12/1995 Sistema misto = anzianità inferiore a 18 anni al 31/12/1995 Sistema contributivo = chi inizia per la prima volta a lavorare dal

Dettagli

COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona

COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI SPOTORNO APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL

Dettagli

Assicurazione professionale

Assicurazione professionale Assicurazione professionale dei medici-chirurghi e odontoiatri Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Nell analisi delle

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

LA CONVENZIONE AVVOCATI RC PROFESSIONALE

LA CONVENZIONE AVVOCATI RC PROFESSIONALE LA CONVENZIONE AVVOCATI RC PROFESSIONALE La Convenzione Avvocati è un prodotto creato da Z&M Insurance Brokers Su sito dedicato troverà tutte le nostre tariffe e condizioni: www.convenzioneavvocati.it

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro Spa, tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web

Dettagli

L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA

L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA Contributi L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA di Gianni Ferrante ** Premessa Come già facemmo nel n.7 (ottobre 2002) di questa pubblicazione

Dettagli

oggetto destinatari unità organizzative riassunto (massimo cinque righe)

oggetto destinatari unità organizzative riassunto (massimo cinque righe) Protocollo [riservato a Normativa e Governo di Gruppo] Circolare n. 003/2014 Data 17/01/2014 oggetto Titolo: Polizza sanitaria personale dipendente anno 2014 Macrosettore: RISORSE UMANE Settore: Normativa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Previdenza complementare: correggere lo svantaggio competitivo per i Fondi pensione del pubblico impiego rispetto al mercato

COMUNICATO STAMPA. Previdenza complementare: correggere lo svantaggio competitivo per i Fondi pensione del pubblico impiego rispetto al mercato Il FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE Roma, 18 dicembre 2014 Al Servizio economico- sindacale COMUNICATO STAMPA Previdenza complementare: correggere lo svantaggio competitivo per i Fondi pensione del pubblico

Dettagli

MODULO LAVORO (obbligatorio) ISTITUTI CONTRATTUALI Rimborsi alle aziende delle integrazioni di loro competenza degli istituti contrattuali di

MODULO LAVORO (obbligatorio) ISTITUTI CONTRATTUALI Rimborsi alle aziende delle integrazioni di loro competenza degli istituti contrattuali di REGOLAMENT art. 1 ISCRIZIONE AL FONDO art. 2 PRESTAZIONI art. 3 FUNZIONAMENTO DEL FONDO art. 4 EROGAZIONE PRESTAZIONI art. 5 DIRITTO ALLE PRESTAZIONI art. 6 DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI art. 7 QUOTE DI

Dettagli

PIANI SANITARI A FAVORE DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO

PIANI SANITARI A FAVORE DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO PIANI SANITARI A FAVORE DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO I PARTNER PER LA SANITÀ INTEGRATIVA RBM Salute S.p.A. è la Compagnia Assicurativa specializzata nel settore salute, autorizzata all esercizio

Dettagli

Cassa Mutua dipendenti della Camera di Commercio di Perugia Contributo anno 2013.

Cassa Mutua dipendenti della Camera di Commercio di Perugia Contributo anno 2013. 269 L'anno duemilatredici il giorno tre del mese di dicembre presso la propria sede si è riunita la Giunta della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Perugia, convocata con nota

Dettagli

Quanto costa il mio fondo pensione?

Quanto costa il mio fondo pensione? Quanto costa il mio fondo pensione? Le differenze con il mercato e i nostri punti di forza Uno dei temi principali su cui il mercato della previdenza complementare si confronta è quello relativo ai costi

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PENSIONI: DAL 1 GENNAIO 2012 è CAMBIAto TUTTO Una nuova riforma pensionistica L evoluzione demografica ha determinato un aumento esponenziale del numero dei pensionati rispetto

Dettagli

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti.

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti. Fondo Pensione CAIMOP Via C.Pavese 360 00144 Roma Tel.065022185 Fax 065022190 www.caimop.it A seguito dell entrata in vigore del Dlgs. 5 dicembre 2005 n.252, dal 1 gennaio 2007 ciascun lavoratore dipendente

Dettagli

CHIROGRAFARIO Professionisti BPSA a tasso variabile.

CHIROGRAFARIO Professionisti BPSA a tasso variabile. Data 15/11/2011 CHIROGRAFARIO Professionisti BPSA a tasso variabile. INFORMAZIONI SULLA BANCA NFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Sant Angelo Corso Vittorio Emanuele n. 10-92027 - Licata (AG) Tel.:

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Regolamento Sanimpresa

Regolamento Sanimpresa Regolamento Sanimpresa Art.1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina il funzionamento della Cassa di Assistenza Sanitaria Integrativa (SANIMPRESA) costituita in favore dei dipendenti

Dettagli

OGGETTO: Modifica della polizza assicurativa per responsabilità patrimoniale degli Amministratori e Dipendenti comunali. LA GIUNTA COMUNALE

OGGETTO: Modifica della polizza assicurativa per responsabilità patrimoniale degli Amministratori e Dipendenti comunali. LA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Modifica della polizza assicurativa per responsabilità patrimoniale degli Amministratori e Dipendenti comunali. LA GIUNTA COMUNALE Premesso che con deliberazione n. 292 dd. 03.12.2003 è stata

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO MUTUO IPOTECARIO FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA Piazza S. M. Soprarno 1, 50125 Firenze Tel.: 055 24631 Fax: 055 2463231 E-mail: info@bancaifigest.it Sito internet: http://www.bancaifigest.com

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità Premessa Il bonus Irpef, contenuto nell art. 1 del D.L. n. 66/2014 (entrato in vigore il 24 aprile 2014), vale esclusivamente per il 2014, anche se il Governo ha fatto sapere

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI GESTIONE DEL COMUNE DI CERVIA Approvato con

Dettagli

COMETA - FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELL'INDUSTRIA METALMECCANICA, DELLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E DEI SETTORI AFFINI

COMETA - FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELL'INDUSTRIA METALMECCANICA, DELLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E DEI SETTORI AFFINI 11 ddi i 66 SSCHEDA SSIINTETIICA COMETA - FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELL'INDUSTRIA METALMECCANICA, DELLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E DEI SETTORI AFFINI SCHEDA SINTETICA (dati

Dettagli

Comune di Villa di Tirano

Comune di Villa di Tirano Comune di Villa di Tirano! "" #$% &' ( CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO 1. OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio

Dettagli

Pensioni: gli aumenti per il 2014

Pensioni: gli aumenti per il 2014 Pensioni: gli aumenti per il 2014 Per il 2014 i pensionati debbono accontentarsi di un aumento di appena l 1,3%. Da tempo l adeguamento delle pensioni al costo della vita (la cosiddetta perequazione automatica)

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero)

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) le nuove pensioni dal 1 gennaio 2012 nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) D.L. 6 dicembre 2011, n.201, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n.214, art.24 «3. Il

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA ART. 1- l Associazione di volontariato AMICI DI LOLA più avanti chiamata per brevità associazione, con sede in _Cava dei Tirreni Via O. di Giordano

Dettagli

AVVISO DI RICHIESTA DI MANIFESTAZIONI D INTERESSE

AVVISO DI RICHIESTA DI MANIFESTAZIONI D INTERESSE SISTEMA SOSTA E MOBILITÀ S.P.A. VIA GEN. C. CANEVA, 1/2-33100 UDINE (UD) Codice Fiscale e Partita Iva 01924950304 - PEC ssm@legalmail.it Tel. 0432512820 Fax 0432229493 e-mail ssm@ssm.it Udine, 4 settembre

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 1 Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 DISDETTA SERVIZIO ADSL: ANALISI DEI COSTI DI DISATTIVAZIONE SERVIZIO ADSL INDICE p. 1 1. Introduzione p.2 2. Le motivazioni che portano alla disdetta

Dettagli

Polizza di Assicurazione per la RESPONSABILITÀ CIVILE DEI COMPONENTI DI ORGANISMO DI VIGILANZA EX D.LGS. 231/2001 N. BLUE020003.

Polizza di Assicurazione per la RESPONSABILITÀ CIVILE DEI COMPONENTI DI ORGANISMO DI VIGILANZA EX D.LGS. 231/2001 N. BLUE020003. Polizza di Assicurazione per la RESPONSABILITÀ CIVILE DEI COMPONENTI DI ORGANISMO DI VIGILANZA EX D.LGS. 231/2001 N. BLUE020003 AON / mod. 91/1 Guida Operativa Sommario Informazioni sulla Polizza... 3

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 Assessorato al Bilancio Comune di Ostra (AN) 1 - Premessa Con queste diapositive si vuol tentare di illustrare come funziona il bilancio di un comune

Dettagli

GLI ASPETTI PRINCIPALI DELLA CONVENZIONE

GLI ASPETTI PRINCIPALI DELLA CONVENZIONE CONVENZIONE ASSICURATIVA PER LE ODV Attraverso un accordo con l importante broker assicurativo AON il Centro di Servizi Vol. To, in continuità con la precedente esperienza di Idea Solidale, consente alle

Dettagli

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE PREMESSA Questo scritto non ha la velleità di ripercorrere la storia del servizio postale italiano, esso cerca, più modestamente, di delineare la sua attuale struttura,

Dettagli

COPERTURA INFORTUNI INTEGRATIVA A FAVORE DEI TESSERATI LEGA NAZIONALE DILETTANTI

COPERTURA INFORTUNI INTEGRATIVA A FAVORE DEI TESSERATI LEGA NAZIONALE DILETTANTI COPERTURA INFORTUNI INTEGRATIVA A FAVORE DEI TESSERATI LEGA NAZIONALE DILETTANTI La Polizza Infortuni Integrativa prevede due opzioni di copertura A e B per consentire alle Società Sportive di ampliare

Dettagli

Foglio Informativo Mutui Fondiari Tasso BCE

Foglio Informativo Mutui Fondiari Tasso BCE Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20 80121 NAPOLI Recapiti ( telefono e fax) 0819776411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO TELEMATICO

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO TELEMATICO Istruzioni per la compilazione della comunicazione telematica del reddito professionale e per il pagamento dei contributi a saldo REDDITI ANNO 2014 INDICE INTRODUZIONE 1. Chi deve compilare e inviare la

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02012/019 Area Servizi Sociali Servizio Minori FE CITTÀ DI TORINO

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02012/019 Area Servizi Sociali Servizio Minori FE CITTÀ DI TORINO Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02012/019 Area Servizi Sociali Servizio Minori FE 0 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 29 aprile 2014 Convocata la

Dettagli

COMUNE DI BOSENTINO Provincia di Trento

COMUNE DI BOSENTINO Provincia di Trento 116/2014 - Delibera di Giunta COMUNE DI BOSENTINO Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 116 OGGETTO: Adesione alle convenzioni sottoscritte dal Consorzio dei Comuni Trentini

Dettagli

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT Ultimo aggiornamento Febbario 2011 17 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Inquadramento... 3 3 Durata...4 4 Tipologia... 4 5

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 2014 1 Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota A Quota B 2 QUOTA

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Copia originale per UNICREDIT INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO 1. identità e contatti del finanziatore/intermediario DEL CREDITO Finanziatore UniCredit S.p.A.

Dettagli

LE COPERTURE NECESSARIE PER Quota96

LE COPERTURE NECESSARIE PER Quota96 LE COPERTURE NECESSARIE PER Quota96 Vorremmo impostare un ipotetico calcolo sui costi aggiuntivi per mettere i puntini sulle i. Risarcire i Q96, oltre che un diritto ormai consolidato darebbe una possibilità

Dettagli

Trattamento di Fine Rapporto

Trattamento di Fine Rapporto (aggiornamento dicembre 09) Trattamento di Fine Rapporto Edizione novembre 2010 Pagina 1 (aggiornamento novembre 2010) INDICE 1 NOZIONI GENERALI pag. 3 2 TFR E FONDI PENSIONE pag. 3 3 TRATTAMENTO FISCALE

Dettagli

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE?

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. SPECIALE LAVORATORI DIPENDENTI LA PREVIDENZA? È CAMBIATA Le modifiche introdotte dalla Riforma Dini

Dettagli

Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85)

Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85) Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze)

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Soggetta all'attività di direzione e coordinamento della Sella Holding Banca SpA (timbro dell intermediario) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli